Fondo di sviluppo e coesione Accordo di Programma Quadro. Completamento e rafforzamento Pacchetti Turistici Integrati (PIOT)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondo di sviluppo e coesione 2007-2013. Accordo di Programma Quadro. Completamento e rafforzamento Pacchetti Turistici Integrati (PIOT)"

Transcript

1 Ministero dello Sviluppo Economico Regione Basilicata Fondo di sviluppo e coesione Accordo di Programma Quadro Completamento e rafforzamento Pacchetti Turistici Integrati (PIOT) Allegato 2.a Relazioni tecniche interventi non immediatamente cantierabili R o m a,

2 1 - PIOT MONTI DELLA BASILICATA PREMESSA A seguito dell Avviso approvato con D.G.R. n del 13 Ottobre 2009 e pubblicato sul BUR n.48 del 23 Ottobre 2009, sono state presentare le candidature per il finanziamento di P.I.O.T., Pacchetti Integrati di Offerta Turistica, con i quali si è avviata la concreta attuazione della strategia delineata dal Piano Turistico Regionale. Con D.G.R. n.1094/2010 sono stati approvati n.11 Pacchetti Integrati di Offerta Turistica. In data 10 agosto 2010 e 13 settembre 2010, sono stati sottoscritti n.11 Accordi di Programma con i partenariati proponenti i PIOT, relativi a Piani stralcio e funzionali per un importo pari al 54% dell importo riconosciuto a ciascun PIOT. Per la sola azione di realizzazione di infrastrutture turistiche e culturali erano stati assegnati complessivamente agli 11 PIOT ,00 a valere sull Asse IV Valorizzazione dei Beni culturali e naturali del P.O. FESR Per il completamento dei programmi infrastrutturali PIOT approvati, riguardanti la rimanente quota del 46%, si prevedeva un impegno programmatico di una ulteriore dotazione di ,97, da assegnarsi al verificarsi di ulteriore disponibilità finanziaria. Attraverso i P.I.O.T., nell ambito dei quali un forte ruolo è riconosciuto alla imprenditoria locale attraverso le associazioni di categoria, è stata attivata una procedura fortemente innovativa e competitiva su base locale, forse unica nel panorama della progettazione integrata, perché ha ribaltato le logiche poste alla base delle precedenti esperienze, che hanno visto la componente pubblica di un progetto territoriale svolgere il ruolo di propulsore principale ed avanzare proposte di sviluppo fondate su interventi infrastrutturali scollegati rispetto agli investimenti privati, in tempi a volte non sincroni con le esigenze dell imprenditoria privata. Gli interventi oggetto di finanziamento nell ambito delle proposte PIOT approvate hanno riguardato: aiuti agli investimenti; interventi pubblici infrastrutturali; azioni di comunicazione e di marketing turistico. 1

3 Il PIOT Monti della Basilicata, con la presente misura, prevede il completamento di programmi di infrastrutture pubbliche turistiche e culturali già individuate nell ambito del PIOT a suo tempo approvato. FINALITA DELL AZIONE Il PIOT Monti della Basilicata ha come obiettivo finale quello di fornire una rete di offerte turistiche fortemente connotate rispetto alle potenzialità del patrimonio naturalistico ed ambientale della cosiddetta montagna potentina. La caratterizzazione montana del territorio è prospettata rispetto ai tematismi: ambiente, natura, cultura, sport, individuando per ciascuna caratteristica le emergenze locali e le strutture presenti, le infrastrutture da realizzare per renderle più fruibili, i progetti portanti e di completamento da implementare per potenziare il sistema turistico locale, i mercati di riferimento, le azioni strategiche di marketing da implementare. Il PIOT MONTI DELLA BASILICATA mira a rendere unica e riconoscibile l offerta turistica dell area attraverso la messa in rete dell esistente, con l innesto delle nuove iniziative proposte (infrastrutture, impianti, promo-commercializzazione) tutte caratterizzate da precise connotazioni tematiche, tali da identificare uno specifico brand territoriale. Una strategia tesa a rilanciare quanto già esistente (infrastrutture di montagna, alberghi, agriturismi e alle altre forme di ospitalità presenti nelle aree interne, impianti sportivi, rete museale e patrimonio artistico presenti sul territorio) con l impulso di nuove idee e di nuove iniziative mirate a creare un offerta di prodotti e servizi turistici rivolta a specifici target, con un marcato orientamento al mercato. DESCRIZIONE DELLA MISURA Il progetto interessa il territorio dei Comuni che costituiscono il comprensorio: Sellata - Volturino Viggiano Monti della Maddalena dell Appennino Meridionale; ed in particolare sulle località: Sellata Arioso Pierfaone Maddalena - Rifreddo. L area in cui si sviluppa l idea progettuale del Piot Monti della Basilicata è caratterizzata, dal punto di vista dell evoluzione e della dimensione turistica, da tre stadi diversi di sviluppo, che vanno da uno stato embrionale, riscontrabile nella parte più interna dell area rappresentata dal territorio dei comuni di Laurenzana e Anzi, a uno stato più sviluppato, rappresentato dalle città di Potenza, Pignola e Tito. Al centro di questa area insiste la zona più difficile da collocare in quanto, pur dotata da tempo di adeguate strutture turistiche e ricettive, per vari motivi non è ancora decollata 2

4 rispetto alle sue potenzialità; tale area è rappresentata dai Comuni di Abriola, Calvello e Sasso di Castalda. Dal punto di vista della tipologia dei turismi si evidenziano: il Turismo invernale; il Turismo enogastronomico; il Turismo di rientro. Tutte le tipologie di turismo sopra elencate sono caratterizzate da una marcata stagionalità e da piccoli numeri. Il Turismo d affari, attivato dalle aziende di produzione, di servizi, commerciali, dagli uffici e strutture Pubbliche regionali presenti nelle aree industriali e nella città è proprio della città di Potenza e di Tito. L area è caratterizzata da un elevato patrimonio ambientale, naturale, proprio dell Appennino Meridionale e sono presenti, in un buon numero, strutture ed impianti sportivi ludico ricreativi. La città di Potenza ha un ricco patrimonio culturale fruibile nei numerosi ed attrezzati contenitori culturali; le strutture ricettive sono presenti in tutta l area, ad eccezione dei comuni di Laurenzana e Anzi, con un offerta diversificata, che va dalla ricettività alberghiera a quella extra alberghiera. Le componenti del pacchetto integrato dell offerta turistica sono caratterizzate da cinque fattori complementari tra di loro: 1) risorse: riconoscere come attrattori le risorse del luogo (montagna, enogastronomia, patrimonio architettonico, culturale ecc.); 2) accessibilità e fruibilità: creare vari servizi ed infrastrutture di supporto alla visita (collegamenti, orari apertura, infrastrutture, segnaletica, ecc.); 3) creazione di prodotti turistici: creazione di percorsi, occasioni di fruizione, pacchetti turistici etc.; 4) promo e commercializzazione: azioni di comunicazione, promozione e distribuzione (internet, campagna stampa, partecipazione a fiere, attivazione dell ufficio I.A.T., etc, ); 5) mercati: tutti i fruitori residenti, limitrofi e lontani. In quest area verrà realizzato un intervento infrastrutturale e di urbanizzazione in località Pietra del Tasso area di espansione e sviluppo prevista dal Comune di Abriola. DOTAZIONE FINANZIARIA La dotazione finanziaria assegnata per la realizzazione dell intervento previsto per il completamento del progetto di rilancio dell Area è di ,00. L Amministrazione Regionale ha previsto, in caso di riprogrammazione degli interventi, di avvalersi della stessa procedura adottata per l approvazione dei PIOT e riportata negli Accordi di Programma. Si potrà eventualmente procedere ad aggiornare ed 3

5 integrare le schede delle operazioni oggetto dell Accordo, previa intesa sottoscritta dai singoli capofila pubblici e privati e dalla Direzione Generale del Dipartimento competente, nel rispetto delle condizioni di attuazione delle linee di intervento interessate e dei relativi criteri di selezione delle operazioni. Di seguito si riporta la tabella riepilogativa degli interventi: PIOT MONTI DELLA BASILICATA SCHEDA ENTE LOCALE DESCRIZIONE INTERVENTO IMP. DA FIN. (46%) 1 ABRIOLA Infrastrutturazione e urbanizzazione della località "Pietra del Tasso" ,00 TOTALE ,00 DESTINATARI / BENEFICIARI Il PIOT MONTI DELLA BASILICATA è rivolto a partenariati costituiti da operatori economici privati operanti nella filiera turistica (consorzi turistici, Associazioni e fondazioni ambientalistiche e culturali, pmi e società di servizi) e da soggetti pubblici (Enti Locali, Enti Parco, GAL, organismi gestori di emergenze naturali e culturali). Nell ambito territoriale del partenariato sono compresi i Comuni di: Abriola, Anzi, Calvello, Laurenzana, Pignola, Potenza, Sasso di Castalda, Tito. Il Capofila Pubblico è il Comune di Abriola, mentre quello Privato è l Associazione Montagna Attiva. Target dell operazione è la popolazione turistica interessata al turismo naturalistico, culturale ed enogastronomico. I beneficiari degli interventi previsti nel proposta PIOT a suo tempo approvata sono: Amministrazione Regionale; Enti Locali; Enti Parco; Soprintendenza del MIBAC; Organismi gestori di emergenze neturali e culturali. Beneficiario dell intervento previsto nella presente misura è il Comune di Abriola. 4

6 RISULTATI ATTESI Il PIOT MONTI DELLA BASILICATA, si propone di creare un partenariato stabile in grado di favorire lo sviluppo di forme imprenditoriali innovative e la commercializzazione di prodotti turistici mirati in linea con il Piano Turistico Regionale. Si svilupperanno in tal modo occasioni di lavoro, sia autonomo sia di impiego anche ad alto contenuto professionale (manager della destinazione, addetti commerciali, esperti della comunicazione digitale, gestori di beni culturali ecc) con indubbi vantaggi di incremento dei redditi individuali e di contrasto alla emigrazione giovanile. Considerando le unità lavorative direttamente coinvolte nella realizzazione degli interventi infrastrutturali, nella gestione a fini produttivi dei contenitori recuperati e valorizzati, sia nella crescita delle attività indotte, si ipotizza l impiego di numerose unità lavorative. CRONOPROGRAMMA Di seguito viene riportata la tempistica attuativa del PIOT per l intero periodo di programmazione: CRONOPROGRAMMA Annualità Trimestri (su tre annualità) I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII Avvio interventi infrastrutturali Realizzazione interventi infrastrutturali Collaudo interventi infrastrutturali e chiusura progetto Attività di monitoraggio: Verifica stato di avanzamento Attività di monitoraggio: Implementazione azioni correttive

7 2 - PIOT AREA NORD PREMESSA A seguito dell Avviso pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata n. 48 del 23 ottobre 2009, approvato dal Consiglio Regionale nella seduta del 3 agosto 2009, sono state presentare le candidature per il finanziamento di P.I.O.T., Pacchetti Integrati di Offerta Turistica, con i quali si è avviata la concreta attuazione della strategia delineata dal Piano Turistico Regionale. Con D.G.R. n.1094/2010 sono stati approvati n.11 Pacchetti Integrati Turistici. In data 10 agosto 2010 e 13 settembre 2010, sono stati sottoscritti n.11 Accordi di Programma con i partenariati proponenti i PIOT, relativi a Piani stralcio e funzionali per un importo pari al 54% dell importo riconosciuto a ciascun PIOT. Per la sola azione di realizzazione di infrastrutture turistiche e culturali erano stati assegnati complessivamente agli 11 PIOT ,00 a valere sull Asse IV Valorizzazione dei Beni culturali e naturali del P.O. FESR Per il completamento dei programmi infrastrutturali PIOT approvati, riguardanti la rimanente quota del 46%, si prevedeva un impegno programmatico di una ulteriore dotazione di ,97 da assegnarsi al verificarsi di ulteriore disponibilità finanziaria. Attraverso i PIOT, nell ambito dei quali un forte ruolo è riconosciuto alla imprenditoria locale attraverso le associazioni di categoria, è stata attivata una procedura fortemente innovativa e competitiva su base locale, forse unica nel panorama della progettazione integrata, perché ha ribaltato le logiche poste alla base delle precedenti esperienze, che hanno visto la componente pubblica di un progetto territoriale svolgere il ruolo di propulsore principale ed avanzare proposte di sviluppo fondate su interventi infrastrutturali scollegati rispetto agli investimenti privati, in tempi a volte non sincroni con le esigenze dell imprenditoria privata. Gli interventi oggetto di finanziamento nell ambito delle proposte PIOT approvate hanno riguardato: aiuti agli investimenti; interventi pubblici infrastrutturali; azioni di comunicazione e di marketing turistico. Il PIOT Area Nord, con la presente misura, prevede il completamento di programmi di infrastrutture pubbliche turistiche e culturali già individuate nell ambito del PIOT a suo tempo approvato. 1

8 FINALITA DELL AZIONE Il PIOT Area Nord ha l obiettivo finale di: potenziare l identità e l attrattività turistica del territorio del Vulture. Tale obiettivo è sottoposto ad alcuni obiettivi intermedi: potenziare il segmento di prodotto Sapori & Cultura ; potenziare il segmento di prodotto Storia & Cultura ; potenziare il segmento di prodotto Ambiente, Benessere & Salute. Il PIOT mira alla valorizzazione della mission turistica territoriale costruita intorno al concept Saper star bene, concetto risultante dalla ricerca di un carattere comune a tre tematismi specifici che caratterizzano il territorio e intorno ai quali s intende costruire un sistema di prodotto turistico. I tre tematismi che con il PIOT si intendono valorizzare sono i seguenti: 1. enograstronomia (segmento Sapori & Cultura ), costituiti dalle eccellenze del Pecorino di Filiano, dal Marroncino di Melfi e dal vino Aglianico del Vulture; 2. storia (segmento Storia & Cultura ), con l antica capitale normanna di Melfi e il suo Castello, i centri Arberesche di Barile, Ginestra e Maschito, l Abbazia di San Michele di Monticchio e Venosa, la città di Orazio; 3. Ambiente (segmento Salute, Ambiente & Benessere ), con le aree protette del Vulture, dei laghi di Monticchio e del suo sistema di acque termali. DESCRIZIONE DELLA MISURA Il PIOT Area Nord si articola intorno ad un polo attrattivo territoriale, identificato sinteticamente nel Piano Turistico Regionale come una delle quattro M (Melfi), ma in realtà declinato secondo il seguente triangolo di polarità: MELFI-MONTICCHIO- VENOSA. In sintesi, il principale Obiettivo operativo del PIOT Area nord è: Strutturazione di pacchetti integrati di offerta turistica volti alla valorizzazione delle risorse culturali e naturali attraverso la qualificazione del tessuto imprenditoriale operante lungo tutta la filiera turistica. Per l Area Nord verranno realizzati n.4 interventi di completamento del progetto di rilancio di Monticchio. Nello specifico, per l area ristretta della Conca dei Laghi, già inserita in Rete Natura 2000, è prevista la sistemazione di: percorsi pedonali; illuminazione strategica; parcheggi; sistemazione dell area per delocalizzazione strutture insistenti sull istmo di Sant Ippolito. 2

9 E previsto, inoltre, il potenziamento della segnaletica e la realizzazione di uno IAT (Informazioni e Accoglienza Turistica). Altri interventi riguardano la valorizzazione di Beni culturali e ambientali e siti per la fruizione della risorsa enogastronomica. DOTAZIONE FINANZIARIA La dotazione finanziaria assegnata per la realizzazione dei 7 interventi previsti per il completamento del progetto di rilancio dell Area è di ,00. L Amministrazione Regionale ha previsto, in caso di riprogrammazione degli interventi, di avvalersi della stessa procedura adottata per l approvazione dei PIOT, e riportata negli Accordi di Programma. Si potrà procedere ad aggiornare ed integrare le schede delle operazioni oggetto dell Accordo, previa intesa sottoscritta dai singoli capofila pubblici e privati e dalla Direzione Generale del Dipartimento competente, nel rispetto delle condizioni di attuazione delle linee di intervento interessate e dei relativi criteri di selezione delle operazioni. Di seguito si riporta la tabella riepilogativa degli interventi: PIOT AREA NORD N. ENTE LOCALE DESCRIZIONE INTERVENTO IMP. DA FINANZIARE Completamento progetto 1 ATELLA interventi infrastrutturali ,00 riqualificazione Monticchio. 3 BARILE Intervento di riqualificazione del Parco Urbano delle Cantine di Barile-Istituito con la L.R ,00 febbraio 2010 n. 2 Intervento di valorizzazione mura 4 MELFI storiche e integrazione scheda ,00 A3 Istituzione dello IAT 5 MONTEMILONE Intervento di sistemazione Area Chiesa Madre ,00 6 RIPACANDIDA Intervento di riqualificazione Santuario di S. Donato ,00 7 GINESTRA Riqualificazione Orto Botanico ,00 TOTALE ,00 3

10 DESTINATARI / BENEFICIARI Il PIOT AREA NORD è rivolto a partenariati costituiti da operatori economici privati operanti nella filiera turistica (consorzi turistici, Associazioni e fondazioni ambientalistiche e culturali, pmi e società di servizi) e da soggetti pubblici (Enti Locali, Enti Parco, GAL, organismi gestori di emergenze naturali e culturali). Nell ambito territoriale del partenariato sono compresi i Comuni di: Melfi, Barile, Rionero in Vulture, Atella, Ginestra, Lavello, Montemilone, Venosa, Maschito e Ripacandida. Il Capofila Pubblico è il Comune di Melfi, mentre quello Privato è l Associazione di categoria Confesercenti che rappresenta le piccole e medie imprese del commercio, del turismo e dei servizi. Target dell operazione è la popolazione turistica interessata al turismo naturalistico, culturale ed enogastronomico. I beneficiari degli interventi previsti nella proposta PIOT a suo tempo approvata sono: Amministrazione Regionale; Enti Locali; Enti Parco; Soprintendenza del MIBAC; Organismi gestori di emergenze neturali e culturali. Beneficiari degli interventi previsti nella presente misura sono i Comuni di Atella, Barile e Melfi. RISULTATI ATTESI Il PIOT Area Nord, si propone di creare un partenariato stabile in grado di favorire lo sviluppo di forme imprenditoriali innovative e la commercializzazione di prodotti turistici mirati, in linea con il Piano Turistico Regionale. Si svilupperanno in tal modo occasioni di lavoro, sia autonomo sia di impiego ad alto contenuto professionale (manager della destinazione, addetti commerciali, esperti della comunicazione digitale, gestori di beni culturali ecc.) con indubbi vantaggi di incremento dei redditi individuali e di contrasto all emigrazione giovanile. Considerando le unità lavorative direttamente coinvolte nella realizzazione degli interventi infrastrutturali, nella gestione a fini produttivi dei contenitori recuperati e valorizzati, sia nella crescita delle attività indotte, si ipotizza l impiego di numerose unità lavorative. 4

11 CRONOPROGRAMMA Di seguito viene riportata la tempistica attuativa del PIOT per l intero periodo di programmazione: CRONOPROGRAMMA Annualità Trimestri (su tre annualità) I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII Avvio interventi infrastrutturali Realizzazione interventi infrastrutturali Collaudo interventi infrastrutturali e chiusura progetto Attività di monitoraggio: Verifica stato di avanzamento Attività di monitoraggio: Implementazione azioni correttive

12 3 - PIOT ANTICA LUCANIA GUSTO, NATURA & CULTURA PREMESSA A seguito dell Avviso pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata n. 48 del 23 ottobre 2009, approvato dal Consiglio Regionale nella seduta del 3 agosto 2009, sono state presentare le candidature per il finanziamento di P.I.O.T., Pacchetti Integrati di Offerta Turistica, con i quali si è avviata la concreta attuazione della strategia delineata dal Piano Turistico Regionale. Con D.G.R. n.1094/2010 sono stati approvati n.11 Pacchetti Integrati Turistici. In data 10 agosto 2010 e 13 settembre 2010, sono stati sottoscritti n.11 Accordi di Programma con i partenariati proponenti i PIOT, relativi a Piani stralcio e funzionali per un importo pari al 54% dell importo riconosciuto a ciascun PIOT. Per la sola azione di realizzazione di infrastrutture turistiche e culturali erano stati assegnati complessivamente agli 11 PIOT ,00 a valere sull Asse IV Valorizzazione dei Beni culturali e naturali del P.O. FESR Per il completamento dei programmi infrastrutturali PIOT approvati, riguardanti la rimanente quota del 46%, si prevedeva un impegno programmatico di una ulteriore dotazione di ,97 da assegnarsi al verificarsi di ulteriore disponibilità finanziaria. Attraverso i PIOT, nell ambito di quali un forte ruolo è riconosciuto all imprenditoria locale attraverso le associazioni di categoria, è stata attivata una procedura fortemente innovativa e competitiva su base locale, forse unica nel panorama della progettazione integrata, perché ha ribaltato le logiche poste alla base delle precedenti esperienze, che hanno visto la componente pubblica di un progetto territoriale svolgere un ruolo di propulsore principale ed avanzare proposte di sviluppo fondate su interventi infrastrutturali scollegati rispetto agli investimenti privati, in tempi a volte non sincroni con le esigenze dell imprenditoria privata. Gli interventi oggetto di finanziamento nell ambito delle proposte PIOT approvate hanno riguardato: aiuti agli investimenti; interventi pubblici infrastrutturali; azioni di comunicazione e di marketing turistico. Il PIOT Antica Lucania Gusti, Natura & Cultura, con la presente misura, prevede il sostegno alla formazione e al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione, per fini turistici, delle risorse naturali e dei beni culturali che insistono sull area di riferimento. 1

13 FINALITA DELL AZIONE Il Piot Antica Lucania Gusto, Natura & Cultura, prevede di implementare la piena valorizzazione di borghi e di paesaggi montani che costituiscono il tratto forte e identitario dell area. Il tema della montagna, delle aree interne e dell offerta turistica che può determinarsi, costituisce la sfida più impegnativa, in linea con quanto previsto dal Piano Turistico Regionale. Ciò avverrà attraverso la realizzazione di un polo turistico, reti e circuiti turistici, dove, infrastrutture per il tempo libero e lo svago e nuove forme di fruizione del patrimonio naturalistico e storico culturale, vanno componendo un mosaico tale da determinare una caratterizzazione turistica dell area. Il primo passo è creare sulla base degli elementi di attrattività che il territorio naturalmente possiede (risorse ambientali e culturali, beni e valori), un immagine capace di proporre una spiccata connotazione evocativa dei luoghi, dei saperi e delle antiche tradizioni. Gli interventi infrastrutturali hanno, dunque, lo scopo di valorizzare, coerentemente con le nuove modalità di messa in valore, fruizione e comunicazione dei beni culturali e ambientali, le risorse del territorio, nei loro aspetti materiali e immateriali, utilizzando linguaggi più aderenti alla sensibilità contemporanea e che assecondino i nuovi trend di consumo turistico. Glin interventi prevedono: - la valorizzazione dei BBCCAA; - il ripristino, il recupero e il completamento funzionale del patrimonio immobiliare già parzialmente recuperato con altri fondi pubblici; - la realizzazione di infrastrutture innovative per la fruizione turistica finalizzati alla costruzione di itinerari e percorsi tematici; - la qualificazione delle strutture esistenti finalizzate al miglioramento della qualità e delle dimensioni della rete tematica territoriale. I caratteri connotativi della proposta P.I.O.T. sono: tipicità/innovatività del prodotto turistico veicolato; sostenibilità ed eco-compatibilità degli interventi; orientamento al mercato in termini di target turistici intercettabili; destagionalizzazione dei flussi ed allungamento della stagione turistica; diversificazione delle mete turistiche. DESCRIZIONE DELLA MISURA Il PIOT Antica Lucania Gusti, Natura & Cultura si articola intorno ad un polo attrattivo territoriale, identificato sinteticamente nel territorio del Marmo Melandro che si 2

14 configura come la porta d ingresso della ruralità, cioè di un area che conserva intatto il patrimonio delle tradizioni, qualificandosi come zona di eccellenza naturalistica e produttiva. Una strategia questa, già adottata ed avviata dal Pit Marmo Meandro e dal Gal CSR Marmo Melandro nel quadro delle politiche indirizzate a configurare la ruralità come un decisivo fattore di identità e di competitività. Una ruralità che è Gusto grazie alla presenza di prodotti tipici di particolare rilevanza, una cultura enogastronomica che si lega a quella dell alimentazione con l obiettivo di far conoscere le aziende locali di produzione e trasformazione, promuovere i prodotti locali e conservare intatto tutto il know how legato alle tecniche tradizionali di allevamento, trasformazione e conservazione. Una ruralità che è Natura, in quanto l agricoltura, mantenendo un suo importante ruolo, ha consentito sistemi di tutela, presidio e conservazione del territorio e del paesaggio agrario. La persistenza di questo settore di attività consente, infatti, di prevenire o arginare tutti quei fenomeni di abbandono e marginalizzazione, causa primaria di degrado e di fenomeni erosivi. Una ruralità che è Cultura, in quanto l area appare particolarmente ricca di beni archeologici, architettonici, (soprattutto a carattere religioso), di risorse ambientali di notevole valenza ecologica. Tra quelli di maggiore rilevanza si annoverano: testimonianze archeologiche di epoca arcaica, lucana e romana; centri storici dei Comuni ricompresi nell area; avvenimenti e personaggi suggestivi legati a diverse epoche storiche; presenza di zone protette e centri di educazione ambientale; presenza di monasteri, chiese, arte sacra; qualificata presenza di prodotti tipici; numerose ed interessanti tradizioni, feste, sagre popolari; presenza di piccole imprese di artigianato artistico. Questa significativa presenza di beni culturali, ambientali ed antropologici non ha ancora espresso tutte le sue potenzialità e capacità di incidere sulle dinamiche di sviluppo autopropulsivo e complessivo dell area, determinando, in senso più generale, una sottoutilizzazione del potenziale turistico. Il patrimonio culturale è strettamente intrecciato con il territorio e il paesaggio; il turismo culturale è il migliore veicolo per valorizzare entrambi. In tale ottica bisogna lavorare sullo sviluppo di itinerari e circuiti anche per i luoghi minori. La strategia pone al centro la gestione dei siti culturali e degli attrattori naturali con particolare riguardo all utilizzo degli immobili storici abbandonati o sottoutilizzati (centri storici, percorsi naturalistici, ecc.). Per l Area individuata dal PIOT Antica Lucania Gusti, Natura & Cultura verranno realizzati n.12 interventi infrastrutturali. Le operazioni candidate prevedono: riqualificazione strutturale finalizzata all incremento della capacità ricettiva; 3

15 realizzazione e riqualificazione di spazi e strutture per il tempo libero, centri servizi per l accoglienza al turista, per la fruizione del bene natura; realizzazione impianti complementari per il turismo salutistico collegato alla fruizione del bene natura e delle emergenze culturali del territorio; riqualificazione strutturale finalizzata all incremento della capacità ricettiva in strutture extralberghiere; realizzazione e riqualificazione strutture di ristorazione; realizzazione strutture di produzione e commercializzazione prodotti tipici dell area; realizzazione servizi di organizzazione dell offerta turistica dell area; servizi di promozione e commercializzazione del turismo enogastronomico, naturale e culturale del territorio; riqualificazione, adeguamento standard di tipo igienico sanitario, di sicurezza. DOTAZIONE FINANZIARIA La dotazione finanziaria assegnata per la realizzazione degli 12 interventi previsti per il completamento del progetto di rilancio dell Area è di ,97. L Amministrazione Regionale ha previsto, in caso di riprogrammazione degli interventi, di avvalersi della stessa procedura adottata per l approvazione dei PIOT e riportata negli Accordi di Programma. Si potrà procedere ad aggiornare ed integrare le schede delle operazioni oggetto dell Accordo, previa intesa sottoscritta dai singoli capofila pubblici e privati e dalla Direzione Generale del Dipartimento competente, nel rispetto delle condizioni di attuazione delle linee di intervento interessate e dei relativi criteri di selezione delle operazioni. Di seguito si riporta la tabella riepilogativa degli interventi: PIOT ANTICA LUCANIA GUSTI, NATURA & CULTURA N. ENTE LOCALE DESCRIZIONE INTERVENTO IMP. DA FIN. (46%) 1 BELLA Castello di Bella II Lotto ,52 2 SAVOIA DI LUCANIA 3 CASTELGRANDE 4 PESCOPAGANO Recupero e valorizzazione area Bosco Luceto e Vallone del Tuorno Alla scoperta del sistema solare nel centro storico di castelgrande Azioni integrate di qualificazione territoriali , , ,28 4

16 5 S.ANGELO LE FRATTE Intervento di valorizzazione ed adeguamento pavimentazione strade centro storico ,28 6 SATRIANO DI LUCANIA L immagine sacra sulle strade del Pietrafesa ,04 7 BRIENZA Completamento Palazzo Paternoster ,35 8 BRIENZA Valorizzazione Castello Caracciolo ,00 9 VIETRI DI POTENZA Luci e scenografie lungo il percorso delle Taverne di Vietri ,24 10 BALVANO Recupero e sistemazione aree circostanti chiesa, convento di Sant Antonio ,25 11 MURO LUCANO 12 PICERNO La Città della Luce-Stralcio funzionale «Valorizzazione scenografica del Percorso Gerardino» ,52 Monte li Foy Recupero della sentieristica esistente ,74 e realizzazione di una struttura ecocompatibile TOTALE ,97 DESTINATARI / BENEFICIARI Il PIOT Antica Lucania Gusti, Natura & Cultura è rivolto a partenariati costituiti da operatori economici privati operanti nella filiera turistica (associazioni di imprese ed operatori della filiera turistica, consorzi turistici, organizzazioni ambientaliste, associazioni culturali, ecc.) e da soggetti pubblici (Enti Locali, Soprintendenze MIBAC, Enti Parco, organismi pubblici gestori di emergenze ambientali e culturali, Gal ecc.). L area geografica di riferimento è la macro area denominata Marmo Melandro. 5

17 Dal punto di vista geografico l area è situata nella parte nord occidentale della regione ove costituisce una cerniera fra i territori lucani del Vulture, dell Alto Basento e della Val d Agri, e la Regione Campania. In particolare, a nord, i comuni dell area Marmo Platano Melandro confinano con i comuni di S. Fele e Ruvo del Monte; ad ovest con i comuni della provincia di Avellino e Salerno; ad est con la città di Potenza e con i comuni di Avigliano, Pignola ed Abriola ed a sud con il comune di Marsico Nuovo. Il territorio presenta una superficie di 871,89 kmq, con tutti i Comuni classificati nella zona altimetrica montagna. In esso sono ricompresi 15 Comuni appartenenti a 2 Comunità Montane: - Comunità Montana del Marmo Platano : Balvano, Baragiano, Bella, Castelgrande, Muro Lucano, Pescopagano e Ruoti; - Comunità Montana del Melandro : Brienza, Picerno, S. Angelo le Fratte, Sasso di Castalda, Satriano di Lucania, Savoia di Lucania, Tito, Vietri. Il Capofila Pubblico è la Conferenza dei Sindaci dell'area Programma Marmo Platano Melandro (Sindaco Comune di Tito), mentre quello Privato è l UNCI Basilicata. Target dell operazione è la popolazione turistica incentrata all escursionismo naturalistico, culturale ed enogastronomico. I beneficiari degli interventi previsti nella proposta PIOT a suo tempo approvata sono: Amministrazione Regionale; Enti Locali; Enti Parco; Soprintendenza del MIBAC; Organismi gestori di emergenze neturali e culturali. Beneficiari degli interventi previsti nella presente misura sono i comuni di Bella, Savoia di Lucania, Castelgrande, Pescopagano, S. Angelo le Fratte, Satriano di Lucania, Brienza, Vietri di Potenza, Balvano, Muro Lucano e Picerno. RISULTATI ATTESI Il PIOT Antica Lucania Gusti, Natura & Cultura, si propone di creare un partenariato stabile in grado di favorire lo sviluppo di forme imprenditoriali innovative e la commercializzazione di prodotti turistici mirati, in linea con il Piano Turistico Regionale. Si svilupperanno in tal modo occasioni di lavoro, sia autonomo sia di impiego ad alto contenuto professionale (manager della destinazione, addetti commerciali, esperti della comunicazione digitale, gestori di beni culturali ecc) con indubbi vantaggi di incremento dei redditi individuali e di contrasto alla emigrazione giovanile. Considerando le unità lavorative direttamente coinvolte nella realizzazione degli interventi infrastrutturali, nella gestione a fini produttivi dei contenitori recuperati e 6

18 valorizzati, sia nella crescita delle attività indotte, si ipotizza l impiego di numerose unità lavorative. CRONOPROGRAMMA Per la realizzazione del PIOT, a causa delle caratteristiche degli interventi infrastrutturali individuati e dell intensa attività di informazione e di raccolta delle iniziative private, nonché dei micro-eventi da parte delle associazioni e delle Proloco, si propone il seguente cronoprogramma: 2014: Avvio interventi infrastrutturali; 2015: Collaudi interventi infrastrutturali; 2016: Gestione delle infrastrutture. Tale tempistica potrà essere garantita nel caso in cui la partnership di progetto potrà avvalersi di un valido supporto tecnico e gestionale che la accompagni al futuro STL. Affinchè gli interventi previsti dal PIOT possano esplicare compiutamente l intero potenziale, dovranno essere proposti e percepiti come fattori permanenti e non limitati alla solo temporaneità di vigenza del PIOT. In tal modo, sarà possibile attivare tutti i processi funzionali allo sviluppo turistico, dalla qualità dell offerta alla fidelizzazione delle presenze. Di seguito viene riportata la tempistica attuativa del PIOT per l intero periodo di programmazione: CRONOPROGRAMMA Annualità Trimestri (su tre annualità) I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII Avvio interventi infrastrutturali Realizzazione interventi infrastrutturali Collaudo interventi infrastrutturali e chiusura progetto Attività di monitoraggio: Verifica stato di avanzamento Attività di monitoraggio: Implementazione azioni correttive

19 4 - PIOT POLLINO BENESSERE TRA NATURA E CULTURA PREMESSA A seguito dell Avviso pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata n. 48 del 23 ottobre 2009, approvato dal Consiglio Regionale nella seduta del 3 agosto 2009, sono state presentare le candidature per il finanziamento di P.I.O.T., Pacchetti Integrati di Offerta Turistica, con i quali si è avviata la concreta attuazione della strategia delineata dal Piano Turistico Regionale. Con D.G.R. n.1094/2010 sono stati approvati n.11 Pacchetti Integrati Turistici. In data 10 agosto 2010 e 13 settembre 2010, sono stati sottoscritti n.11 Accordi di Programma con i partenariati proponenti i PIOT, relativi a Piani stralcio e funzionali per un importo pari al 54% dell importo riconosciuto a ciascun PIOT. Per la sola azione di realizzazione di infrastrutture turistiche e culturali erano stati assegnati complessivamente agli 11 PIOT ,00 a valere sull Asse IV Valorizzazione dei Beni culturali e naturali del P.O. FESR Per il completamento dei programmi infrastrutturali PIOT approvati, riguardanti la rimanente quota del 46%, si prevedeva un impegno programmatico di una ulteriore dotazione di ,97 da assegnarsi al verificarsi di ulteriore disponibilità finanziaria. Attraverso i PIOT, nell ambito di quali un forte ruolo è riconosciuto all imprenditoria locale attraverso le associazioni di categoria, è stata attivata una procedura fortemente innovativa e competitiva su base locale, forse unica nel panorama della progettazione integrata, perché ha ribaltato le logiche poste alla base delle precedenti esperienze, che hanno visto la componente pubblica di un progetto territoriale svolgere un ruolo di propulsore principale ed avanzare proposte di sviluppo fondate su interventi infrastrutturali scollegati rispetto agli investimenti privati, in tempi a volte non sincroni con le esigenze dell imprenditoria privata. Gli interventi oggetto di finanziamento nell ambito delle proposte PIOT approvate hanno riguardato: aiuti agli investimenti; interventi pubblici infrastrutturali; azioni di comunicazione e di marketing turistico. Il PIOT Pollino, con la presente misura, prevede il completamento di programmi di infrastrutture pubbliche turistiche e culturali già individuate nell ambito del P.I.O.T. a suo tempo approvato. 1

20 FINALITA DELL AZIONE Il PIOT mira alla valorizzazione del territorio e delle sue innumerevoli risorse naturalistiche, artistiche, archeologiche, museali ed enogastronomiche di qualità, a partire dal meraviglioso paesaggio del Parco Nazionale del Pollino. L obiettivo che si intende conseguire, quindi, è quello di tipizzare il territorio delineando per esso un immagine strettamente connessa alla valorizzazione innovativa dei beni e dei valori del territorio. Il progetto propone un vero e proprio sistema per la valorizzazione e fruizione delle emergenze naturali, ambientali e culturali di un area che intende dare vita a idee innovative volte all implementazione di azioni innovative di sviluppo del turismo ambientale/rurale/locale, facendo, della proposta, un esperienza originale. Gli obiettivi che si intendono conseguire con questa azione si orientano verso: la valorizzazione dei beni e dei valori territoriali con particolare riferimento ai beni naturali, ambientali e culturali; il miglioramento della fruibilità del patrimonio ambientale accrescendone l attrattività in un ottica di sviluppo compatibile e finalizzato alla destagionalizzazione dei flussi turistici; l offerta di un prodotto turistico innovativo; il miglioramento della qualità delle strutture ricettive, di ospitalità e servizi connessi, così da favorire lo sviluppo di attività imprenditoriali finalizzate alla gestione del patrimonio naturale, nonché di quelle relative alle attività di animazione, quale strumento di sviluppo economico sostenibile; il recupero, la promozione e l organizzazione di un offerta di tempo libero, di svago e di cultura che assecondi una strategia integrata di sviluppo territoriale che vada ad integrarsi con le aree confinanti in modo da avere un vantaggio reciproco. DESCRIZIONE DELLA MISURA Nel PIOT Pollino benessere tra natura e cultura sono stati proposti interventi infrastrutturali quali: a. interventi di valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali (BBCCAA); b. recupero e completamento funzionale del patrimonio immobiliare già parzialmente recuperato con altri fondi pubblici; 2

21 c. realizzazione di infrastrutture innovative per la fruizione turistica finalizzati alla costruzione di itinerari e percorsi tematici; d. Interventi di qualificazione delle strutture esistenti finalizzate al miglioramento della qualità e delle dimensioni del polo attrattivo considerato. Per l Area individuata dal PIOT Pollino benessere tra natura e cultura verranno realizzati n.18 interventi infrastrutturali. Tali interventi andranno a completare l offerta turistica già presente sul territorio con un ricco patrimonio di risorse culturali: patrimonio museale; patrimonio archeologico paleontologico; palazzi storici e castelli; arte contemporanea; testimonianze archeoindustriali; risorse religiose e letterarie. DOTAZIONE FINANZIARIA La dotazione finanziaria assegnata per la realizzazione dei 18 interventi previsti per il completamento del progetto di rilancio dell Area è di ,05. L Amministrazione Regionale ha previsto, in caso di riprogrammazione degli interventi, di avvalersi della stessa procedura adottata per l approvazione dei PIOT e riportata negli Accordi di Programma. Si potrà procedere ad aggiornare ed integrare le schede delle operazioni oggetto dell Accordo, previa intesa sottoscritta dai singoli capofila pubblici e privati e dalla Direzione Generale del Dipartimento competente, nel rispetto delle condizioni di attuazione delle linee di intervento interessate e dei relativi criteri di selezione delle operazioni. Di seguito si riporta la tabella riepilogativa degli interventi: N. ENTE LOCALE DESCRIZIONE INTERVENTO IMP. DA FIN. (46%) 1 CALVERA I percorsi della memoria ,00 2 CARBONE 3 CASTELLUCCIO SUP. E INF Parco Monastico - Chiesa dei Fratelli Lavori di completamento e valorizzazione area Bosco Difesa con realizzazione di un villaggio sugli alberi , ,00 3

22 4 CERSOSIMO 5 CHIAROMONTE Completamento dell'area museale e parco archeologico Completamento e valorizzazione "Torre della spiga e Parco delle cantine 2 lotto" , ,00 6 EPISCOPIA Il Pollino in Camper ,00 7 FARDELLA Area verde attrezzata - Camper ,00 FRANCAVILLA IN Recupero ex rifugio forestale ,00 SINNI "Monte Caramola" 9 LATRONICO 10 NOEPOLI 11 ROTONDA 12 SAN COSTANTINO ALBANESE Interventi per la realizzazione della città del benessere Potenziamento attività turistica, completamento laghetto collinare Allestimento museo storia naturale del Pollino di Rotonda Realizzazione di interventi infrastrutturali a servizio dell'attrattore turistico , , , ,00 13 SAN SEVERINO Completamento e adeguamento campeggio montano ,00 14 SAN PAOLO ALBANESE Realizzazione area roolotte nel campeggio montano ,00 15 SENISE Valorizzazione del Centro storico ,00 16 TERRANOVA DEL POLLINO 17 TEANA Interventi di riqualificazione energetica ed adeguamenti strutturali e di completamento dell'edificio ex scuola elementare in Terranova del Pollino a funzione di accoglienza e fruizione turisticoculturale Valorizzazione del percorso delle sculture di Marino di Teana inserite nel tessuto urbano del Comune , ,00 18 VIGGIANELLO Realizzazione zona Camper ,00 TOTALE ,05 4

23 DESTINATARI / BENEFICIARI Il PIOT Pollino è rivolto a partenariati costituiti da operatori economici privati operanti nella filiera turistica (consorzi turistici, associazioni e fondazioni ambientalistiche e culturali, pmi e società di servizi) e da soggetti pubblici (Enti locali, enti Parco, GAL, organismi gestori di emergenze naturali e culturali). Nell ambito territoriale del parternariato sono compresi i Comuni di: Latronico, Episcopia, Francavilla sul Sinni, Senise, Rotonda, Castelluccio Superiore, Castelluccio Inferiore, San Severino Lucano, Chiaromonte, Calvera, Fardella, Carbone, Teana, Noepoli, San Costantino A., Cersosimo, San Paolo A. Terranova di Pollino, Viggianello, Lauria. Il Capofila Pubblico è il Comune di Latronico, mentre quello Privato è la Confartigianato. Target dell operazione è la popolazione turistica interessata al turismo naturalistico, sportivo, del wellness, culturale ed enogastronomico. I beneficiari degli interventi previsti nella proposta PIOT a suo tempo approvata sono: Amministrazione Regionale; Enti Locali; Enti Parco; Soprintendenza del MIBAC; Organismi gestori di emergenze neturali e culturali. Beneficiari degli interventi previsti nella presente misura sono i Comuni di Calvera, Carbone, Castelluccio Superiore, Castelluccio Inferiore, Cersosimo, Chiaromonte, Episcopia, Fardella, Francavilla sul Sinni, Latronico, Noepoli, Rotonda, San Paolo Albanese, San Severino Lucano, San Paolo Albanese, Senise, Terranova di Pollino, Viggianello e la Provincia di Potenza. RISULTATI ATTESI Il PIOT Pollino, si propone di creare un partenariato stabile in grado di favorire lo sviluppo di forme imprenditoriali innovative e la commercializzazione di prodotti turistici mirati in linea con il Piano Turistico Regionale. Si svilupperanno in tal modo occasioni di lavoro, sia autonomo che di impiego anche ad alto contenuto professionale (manager della destinazione, addetti commerciali, esperti della comunicazione digitale, gestori di beni culturali ecc) con indubbi vantaggi di incremento dei redditi individuali e di contrasto alla emigrazione giovanile. Considerando le unità lavorative direttamente coinvolte nella realizzazione degli interventi infrastrutturali, nella gestione a fini produttivi dei contenitori recuperati e 5

24 valorizzati, sia nella crescita delle attività indotte, si ipotizza l impiego di numerose unità lavorative. CRONOPROGRAMMA Nel triennio di programmazione del PIOT, per le caratteristiche degli interventi infrastrutturali individuati e l intensa attività di informazione e di raccolta delle iniziative private, nonché dei micro-eventi da parte delle associazioni e delle Proloco, si propone il seguente cronoprogramma: 2014: Avvio interventi infrastrutturali; 2015: Collaudi interventi infrastrutturale; 2016: Gestione delle infrastrutture. Tale tempistica potrà essere garantita nel caso in cui la partnership di progetto potrà avvalersi di un valido supporto tecnico e gestionale che la accompagni al futuro STL. CRONOPROGRAMMA Annualità Trimestri (su tre annualità) I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII Avvio interventi infrastrutturali Realizzazione interventi infrastrutturali Collaudo interventi infrastrutturali e chiusura progetto Attività di monitoraggio: Verifica stato di avanzamento Attività di monitoraggio: Implementazione azioni correttive

25 5 - PIOT MATERA E COLLINA PREMESSA A seguito dell Avviso pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata n. 48 del 23 ottobre 2009, approvato dal Consiglio Regionale nella seduta del 3 agosto 2009, sono state presentare le candidature per il finanziamento di P.I.O.T., Pacchetti Integrati di Offerta Turistica, con i quali si è avviata la concreta attuazione della strategia delineata dal Piano Turistico Regionale. Con D.G.R. n.1094/2010 sono stati approvati n.11 Pacchetti Integrati Turistici. In data 10 agosto 2010 e 13 settembre 2010, sono stati sottoscritti n.11 Accordi di Programma con i partenariati proponenti i PIOT, relativi a Piani stralcio e funzionali per un importo pari al 54% dell importo riconosciuto a ciascun PIOT. Per la sola azione di realizzazione di infrastrutture turistiche e culturali erano stati assegnati complessivamente agli 11 PIOT ,00 a valere sull Asse IV Valorizzazione dei Beni culturali e naturali del P.O. FESR Per il completamento dei programmi infrastrutturali PIOT approvati, riguardanti la rimanente quota del 46%, si prevedeva un impegno programmatico di una ulteriore dotazione di ,97 da assegnarsi al verificarsi di ulteriore disponibilità finanziaria. Attraverso i PIOT, nell ambito di quali un forte ruolo è riconosciuto all imprenditoria locale attraverso le associazioni di categoria, è stata attivata una procedura fortemente innovativa e competitiva su base locale, forse unica nel panorama della progettazione integrata, perché ha ribaltato le logiche poste alla base delle precedenti esperienze, che hanno visto la componente pubblica di un progetto territoriale svolgere un ruolo di propulsore principale ed avanzare proposte di sviluppo fondate su interventi infrastrutturali scollegati rispetto agli investimenti privati, in tempi a volte non sincroni con le esigenze dell imprenditoria privata. Gli interventi oggetto di finanziamento nell ambito delle proposte PIOT approvate hanno riguardato: aiuti agli investimenti; interventi pubblici infrastrutturali; azioni di comunicazione e di marketing turistico. Il PIOT Matera e Collina con la presente misura, prevede il completamento di programmi di infrastrutture pubbliche turistiche e culturali già individuate nell ambito del PIOT a suo tempo approvato. 1

26 FINALITA DELL AZIONE Il PIOT Matera e Collina, prevede di stimolare e di avviare un percorso di sviluppo dell area attraverso il coinvolgimento dal basso di tutte le forze istituzionali, sociali e produttive della comunità materana, con lo scopo di raggiungere così un elevato grado di condivisione che porterà alla messa in opera di un progetto mirante al rilancio dell area della collina Materana. Allo stesso tempo, la realizzazione del PIOT vuole anche essere e rappresentare un elemento di aggregazione assolutamente trasversale dei temi della cultura e della promozione sociale nel contesto lucano. Il PIOT Matera e Collina mira a valorizzare e potenziare l identità e l attrattività turistica del territorio. La mission turistica la si può sintezzare in alcuni punti: migliorare l immagine complessiva della città di Matera e della Collina Materana; favorire il turismo ed animare la vita culturale; rafforza le infrastrutture culturali già presenti; inserire la cultura in un processo di rigenerazione del territorio; catalizzare e valorizzare le energie vive presenti (opportunità sopratutto per i giovani); inserire il territorio in un ampia rete di relazioni europee. DESCRIZIONE DELLA MISURA Il PIOT Matera e Collina si articola intorno ad un polo attrattivo territoriale, identificato nella città di Matera e nell area della Collina Materana, comprendente il Parco della Murgia e delle Chiese Rupestri, l Oasi naturalistica del WWF di San Giuliano, Montescaglioso, Miglionico, Grottole, Pomarico, Irsina, Il Parco Levi di Grassano e Ferrandina. Per il completamento del progetto di rilancio sono stati previsti n. 10 interventi per un importo complessivo di di ,00. L obiettivo generale del PIOT è di migliorare l attrattività del polo turistico di Matera e della Collina materana, contribuendo alla candidatura della città a Capitale Europea della Cultura 2019 e migliorandone la visibilità a livello nazionale e internazionale come sistema turistico sostenibile e di qualità. Il PIOT propone una serie di interventi atti ad integrare e mettere a sistema il prodotto turistico di Matera, del Parco delle Chiese Rupestri del Materano e della Collina materana, attraverso la narrazione e la fruizione del territorio e delle sue straordinarie caratteristiche storiche, antropologiche, paesaggistiche. Il progetto parte dalla consapevolezza della presenza, in un area geografica relativamente poco estesa, di testimonianze che documentano i diversi periodi della storia e della civiltà dell uomo, dal Paleolitico ai giorni nostri. Il progetto, pertanto, 2

L adozione internazionale in Basilicata

L adozione internazionale in Basilicata 4 Basilicata Regione Notizie Viaggio tra le norme L adozione internazionale in Basilicata 995000 I dati del Gruppo del Volontariato Solidarietà 000 8 9 4 Basilicata Regione Notizie Viaggio tra le norme

Dettagli

900.000,00 7 342.000,00 313.600,00 base ai limiti stabiliti dal D.Lgs. 192/2005 e ss.mm.ii

900.000,00 7 342.000,00 313.600,00 base ai limiti stabiliti dal D.Lgs. 192/2005 e ss.mm.ii Avviso Pubblico Bando per la concessione di agevolazioni per la progettazione e realizzazione di interventi per il contenimento dei consumi energetici degli edifici pubblici e degli impianti di illuminazione

Dettagli

Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi

Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi Oggetto: servizio di raccolta e smaltimento delle carcasse animali. Le APA di Potenza e di Matera comunicano di aver stipulato un

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione

Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione Con la legge sulla Rete regionale integrata dei servizi di cittadinanza sociale si punta ad un maggiore coordinamento degli interventi di

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

APPROVAZIONE IPOTESI DI ACCORDO NUOVO CCNL

APPROVAZIONE IPOTESI DI ACCORDO NUOVO CCNL SALA DEL PRINCIPE DI PIEMONTE POTENZA GIOVEDI 28 MAGGIO 2015 ore 15.00 BANCA APULIA SPA: ACERENZA AVIGLIANO MURO LUCANO PIGNOLA LE FILIALI DI POTENZA CITTA VIETRI DI POTENZA BANCA CARIME SPA: GENZANO DI

Dettagli

DATI DI PRODUZIONE R.S.U. E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN BASILICATA NELL'ANNO 2013- RAPPORTO SINTETICO

DATI DI PRODUZIONE R.S.U. E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN BASILICATA NELL'ANNO 2013- RAPPORTO SINTETICO UFFICIO COMMISSARIO GESTIONE INTEGRATA RIFIUTI REGIONE BASILICATA DATI DI PRODUZIONE R.S.U. E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN BASILICATA NELL'ANNO 2013- RAPPORTO SINTETICO EX AATO Premessa La presente analisi

Dettagli

[WEB] in tutto il mondo, www.radiotour.fm [DTT] CH 777 del digitale terrestre in Basilicata

[WEB] in tutto il mondo, www.radiotour.fm [DTT] CH 777 del digitale terrestre in Basilicata COPERTURA (aggiornata al 01/08/2012) in digitale [WEB] in tutto il mondo, www.radiotour.fm [DTT] CH 777 del digitale terrestre in Basilicata in analogico [FM] nei seguenti comuni Provincia di AVELLINO

Dettagli

Mese di Settembre 2015. Area C** veterinario reperibile Potenza Venosa Lagonegro Villa d Agri

Mese di Settembre 2015. Area C** veterinario reperibile Potenza Venosa Lagonegro Villa d Agri Dipartimento di Prevenzione Sanità e Benessere Animale DIREZIONE telefax 0972. 39382 Prot. n. 20150111680 Data, 31.08.2015 SERVIZIO VETERINARIO CALENDARIO DI PRONTA DISPONIBILITA Mese di 2015 giorno 01

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

PARCHI DI MARE E D APPENNINO

PARCHI DI MARE E D APPENNINO PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO APE APPENNINO PARCO D EUROPA APPENNINO SETTENTRIONALE (REGIONI LIGURIA, EMILIA ROMAGNA, TOSCANA) PARCHI DI MARE E D APPENNINO AGENDE TERRITORIALI COORDINATE PER LA RETE DEI

Dettagli

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE - dal Complemento di Programmazione alla definizione dell idea forza e articolazione della strategia in linee di azione: uno schema metodologico 0. Premessa La

Dettagli

Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata

Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata Arrivo Nome istanza Società Kmq Comuni Fase 1 01/09/2005 ANZI Eni 117,4 Abriola, Anzi, Brindisi Montagna, Calvello, Pignola, Potenza,

Dettagli

ALLEGATO A DEFINIZIONI

ALLEGATO A DEFINIZIONI ALLEGATO A DEFINIZIONI a) Start up: l operazione ed il periodo durante il quale si avvia un iniziativa imprenditoriale, caratterizzata da processi organizzativi ancora in corso e investimenti fissi da

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

CANTINANDO WINE & ART BARILE 35000 20.000,00 20.000,00 VINANDUM BARILE 32000 10.000,00

CANTINANDO WINE & ART BARILE 35000 20.000,00 20.000,00 VINANDUM BARILE 32000 10.000,00 ALLEGATO 2 - Iniziative che, pur non rappresentando uno specifico bene culturale intangibile e unanimemente riconoscibile, si configurano comunque come provviste di una dimensione almeno latamente culturale,

Dettagli

IL SISTEMA TURISTICO

IL SISTEMA TURISTICO IL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA Sviluppo, valorizzazione e promozione del turismo integrato come modello di responsabilizzazione sociale dei territori a vocazione turistica INDICE IL SISTEMA

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2008

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2008 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNA DI AVIGLIANO E MURO LUCANO Comuni di: AVIGLIANO, BARAGIANO, BELLA, CASTELGRANDE, FILIANO, MURO LUCANO, PESCOPAGANO, RAPONE, RUOTI, SAN FELE MONTAGNA

Dettagli

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Dott.ssa Letizia Donati donati@eurosportello.eu Eurosportello Confesercenti 9 ottobre 2015 I Fondi Strutturali per la Cultura e Turismo

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO del SISTEMA TURISTICO delle OROBIE BERGAMASCHE DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE (legge regionale 14 aprile 2004, n. 8, Norme per il turismo in Lombardia ) Albino 20 settembre

Dettagli

Nell ambito di. Borghi&CentriStorici: PRESENTAZIONE EVENTO. MADEexpo Fiera Milano-Rho Pero

Nell ambito di. Borghi&CentriStorici: PRESENTAZIONE EVENTO. MADEexpo Fiera Milano-Rho Pero Borghi&CentriStorici: PRESENTAZIONE EVENTO MADEexpo Fiera Milano-Rho Pero 17 20 Ottobre 2012 IL PROGETTO L Italia si distingue per la ricchezza del proprio patrimonio insediativo e per la varietà e l ampia

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 BANDO MISURA 311 Diversificazione in attività non agricole La misura 413. 311 viene attivata per favorire la permanenza delle attività agricole laddove

Dettagli

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO Settore Assetto del Territorio ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale 1 - SCUOLA POLO LICEO SCIENTIFICO GENZANO DI LUCANIA DISTRETTO SCOLASTICO N.1 LAVELLO 1. I.C. - Tolve 2. I.C. - Acerenza 3. I.C. Palazzo 4. D.D.1 Venosa 5. D.D.2 Venosa 6. S.M.S. De Luca - Venosa 7. I.C.

Dettagli

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale QUESTIONARIO Allo scopo di fotografare la Destinazione Turistica di Fiesole ed elaborare una analisi Swot che consenta di focalizzare i punti di forza, di debolezza, le opportunità e le minacce Le chiediamo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE (PSL) DELL ALTO JONIO COSENTINO FEDERICO II : Un percorso tra storia, profumi e sapori Presentazione risultati di fine programmazione

Dettagli

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE MADEEXPO - MILANO 5-8 OTTOBRE 2011 PRESENTAZIONE EVENTO BORGHI&CENTRISTORICI OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BORGHI E CENTRI STORICI ITALIANI Intervento dell Ing. Francesco

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012)

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012) Teatro Pubblico Pugliese Programma Operativo Regione Puglia Unione Europea Fondo per lo sviluppo e coesione 2007/2013. Accordo di programma quadro rafforzato Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

GIUNTA REGIONE MARCHE

GIUNTA REGIONE MARCHE Come noto, Recanati è il paese natale di Giacomo Leopardi. Il suo centro caratteristico, gli itinerari culturali e artistici e la vicinanza con alcune delle più note località balneari della riviera Marchigiana,

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 1 COMUNE DI OTRICOLI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 Presso il centro storico di Otricoli dal 07 al 09 settembre 2012 si terrà OTRICOLI MUSIC FESTIVAL Eventi e Antiche Tradizioni, in Terra di Otricoli,

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità Task Force P.O. Sicilia PON ATAS Mis. I.2 Ob. 1 e APQ Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità PO FSE e PO FESR - ricognizione su obiettivi, linee di

Dettagli

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO Il Piano e i partner coinvolti L'amministrazione comunale di Siracusa sta promuovendo il Piano Strategico INNOVA Siracusa 2020, la cui redazione si è avviata nel marzo del 2009 (con risorse disposte dalla

Dettagli

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1 Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori www.isnart.it 1 Le aree protette in Italia 23 parchi nazionali (oltre 500 comuni) 152 parchi regionali (quasi

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI PROGETTO DISTRETTI CULTURALI Il progetto Distretti culturali nasce da un idea di Fondazione Cariplo per integrare la valorizzazione del patrimonio culturale con una più generale strategia di sviluppo del

Dettagli

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA La consapevolezza dell importanza del turismo per lo sviluppo economico e la creazione di nuova occupazione richiede l elaborazione di nuove

Dettagli

ALLEGATO A DEFINIZIONI

ALLEGATO A DEFINIZIONI 1 ALLEGATO A DEFINIZIONI Si intendono per: a) microimpresa, piccola impresa e media impresa : le PMI rispondenti alle definizioni di cui al Decreto del Ministro delle Attività Produttive del 18/04/2005,

Dettagli

RELAZIONE DI VERIFICA FINALE AZIONE

RELAZIONE DI VERIFICA FINALE AZIONE pagina 1 di 9 Corso Lucca Ospitale 2009LU0083-89 Il Progetto denominato LUC.OS. - Lucca Ospitale è stato realizzato e gestito dal soggetto capofila SO.GE.SE.TER. Srl, che ha sede a Lucca in via Fillungo

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

Località Codice UI Foglio Particella Sub. Cat. Classe Rendita Catastale Canone annuo Abriola 16838 3 700 3 A/3 1 82,63 Abriola 16839 3 700 4 A/3 1

Località Codice UI Foglio Particella Sub. Cat. Classe Rendita Catastale Canone annuo Abriola 16838 3 700 3 A/3 1 82,63 Abriola 16839 3 700 4 A/3 1 Località Codice UI Foglio Particella Sub. Cat. Classe Rendita Catastale Canone annuo Abriola 16838 3 700 3 A/3 1 82,63 Abriola 16839 3 700 4 A/3 1 82,63 Abriola 16840 3 700 5 A/3 1 82,63 812,95 Abriola

Dettagli

La filiera del Teatro e della Danza/Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi

La filiera del Teatro e della Danza/Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi Regione Puglia Unione Europea Accordo Quadro Rafforzato Beni ed Attività Culturali PROGETTO ESECUTIVO La filiera del Teatro e della Danza/ Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi Fondo per lo sviluppo

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione:

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: GAL Riviera dei fiori. Asse 4 Leader del Programma regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013. Misura 421 Cooperazione. Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: 1) Valorizzazione

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

ELENCO "A" PROGETTI PERVENUTI PROGETTI PRESENTATI 1 R17NZ0369008112934NR17 FORCOPIM 2 R17NZ0213508108208NR17

ELENCO A PROGETTI PERVENUTI PROGETTI PRESENTATI 1 R17NZ0369008112934NR17 FORCOPIM 2 R17NZ0213508108208NR17 ELENCO "A" PROGETTI PERVENUTI PROGETTI PRESENTATI Codice Progetto Denominazione Titolo Bando Settore/Area Intervento Competenza 1 R17NZ0369008112934NR17 FORCOPIM 2 R17NZ0213508108208NR17 PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

PROSPETTO POSTI DISPONIBILI A.S. 2014/2015 - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVINCIA DI POTENZA

PROSPETTO POSTI DISPONIBILI A.S. 2014/2015 - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVINCIA DI POTENZA A028 - EDUCAZIONE ARTISTICA Tipologia Istituzione Scolastica Denominazione Comune Prov. Indirizzo PZMM814016 Istituto Comprensivo BELLA PZ Scuola Media "Mario Pagano" via Sottotenente Matone - BELLA 0

Dettagli

ASSE 4. TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO NATURALE E CULTURALE Dott.ssa Ambrosini

ASSE 4. TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO NATURALE E CULTURALE Dott.ssa Ambrosini ASSE 4 TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO NATURALE E CULTURALE Dott.ssa Ambrosini ASSE 4: OBIETTIVI E FINALITÀ Obiettivi: L attuazione dell Asse 4 Tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

Prot. n. 1415 B/32 A Potenza, 10.03.2006. Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole di ogni ordine e grado della Regione LORO SEDI

Prot. n. 1415 B/32 A Potenza, 10.03.2006. Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole di ogni ordine e grado della Regione LORO SEDI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 - Potenza - Tel. 0971/ 449911 Fax 0971/445103 e-mail:

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

Relazione Tecnica - Illustrativa

Relazione Tecnica - Illustrativa Relazione Tecnica - Illustrativa Premessa La Regione Campania, in attuazione della Delibera di Giunta Regionale. n. 404 del 31 luglio 2012, con D.D. n. 178 del 30 novembre 2012 ha pubblicato un Avviso

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi Misura 19 LEADER Bianca Maria Eula Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Torino,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE Dopo la positiva esperienza della prima fase di vita (2008 luglio 2014, portati

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis.

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis. ALLEGATO 1 Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis Relazione 1 PREMESSA Il settore turistico rappresenta per il

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 SINTESI 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle Attività

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Comunicato stampa PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Presentato a Darfo Boario Terme il programma che apre nuove opportunità turistiche Da cento

Dettagli

Prima di fare una breve presentazione della pubblicazione desidero fornire alcuni elementi di contesto e di prospettiva:

Prima di fare una breve presentazione della pubblicazione desidero fornire alcuni elementi di contesto e di prospettiva: 1 La pubblicazione I Fondi europei e il turismo raccoglie alcune schede delle Regioni del Sud con le quali viene rappresentato il ruolo dei Fondi comunitari nell innescare processi di sviluppo turistico

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

Parco Locale di Interesse Sovracomunale SERIO NORD

Parco Locale di Interesse Sovracomunale SERIO NORD Parco Locale di Interesse Sovracomunale SERIO NORD PIANO TRIENNALE DEGLI INTERVENTI 2009-2011 Seriate, 29 Gennaio 2009 (modificato nell Assemblea dei Sindaci del 12/11/2009 verbale n. 51) Parco Locale

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO PAESI D IRPINIA PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI AVELLINO Regione Campania GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO Il progetto di valorizzazione

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

RICCIA: IL BORGO DEL BENESSERE

RICCIA: IL BORGO DEL BENESSERE RICCIA: IL BORGO DEL BENESSERE 1 OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO RICCIA: IL BORGO DEL BENESSERE Un innovativa formula di ospitalità turistica per la Terza Età e di valorizzazione immobiliare del patrimonio

Dettagli