INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO"

Transcript

1 INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO ART. 1) DEFINIZIONE Agli effetti e all applicazione del presente Regolamento sono definite armi: a) quelle da sparo e tutte le altre la cui destinazione è l offesa alla persona o all animale; b) tutti gli strumenti atti ad offendere, di cui la legge vieta il porto in modo assoluto ovvero senza giustificato motivo; c) le materie esplodenti ed i gas asfissianti o accecanti. ART.2) RESIDENTI I residenti nel territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga che, per qualsiasi motivo ammesso dalla legge, oppure in periodi in cui è consentita l attività venatoria, intendono trasportare armi, esplosivi o qualsiasi mezzo di distruzione e cattura permesso dalla legge, per recarsi in una qualsiasi località, oppure presso ambiti di caccia, ovvero in zone ove è consentita l attività venatoria, devono comunicare per iscritto all Ente Parco (come da modello indicato nell allegato 1) il percorso che intendono effettuare. La comunicazione va inoltrata al Comando Stazione Forestale operante nel Parco, nella cui circoscrizione è compresa la residenza dell interessato. Le disposizioni di cui ai commi precedenti si applicano anche ai residenti nel territorio del Parco che intendono trasportare armi per uso sportivo. La comunicazione è personale e deve contenere, oltre alle generalità dell interessato, gli estremi del porto d armi, l elenco delle armi da trasportare, con l indicazione della matricola e del tipo di materiale destinato al trasporto, nonché del percorso che si intende compiere e delle motivazioni per le quali si effettua il trasporto. Il tragitto comunicato all Ente deve essere scelto tenendo conto del percorso più idoneo e più breve per il raggiungimento della zona prefissata. Coloro che praticano l attività venatoria sono tenuti ad inoltrare la domanda entro e non oltre il 31 maggio di ogni anno e ad allegare alla stessa una dichiarazione che attesti l iscrizione all Ambito di Caccia da raggiungere. Le comunicazioni pervenute saranno valutate dall Ente Parco, il quale, entro trenta giorni dalla ricezione, potrà non approvare il percorso indicato dall interessato; in tal caso l Ente ne comunicherà per iscritto i motivi al richiedente. L Ente Parco, inoltre, si riserva la facoltà di indicare un tragitto diverso, in tutto o in parte, da quello comunicato, motivandone le ragioni. Trascorso il termine di 30 giorni, qualora non sia comunicato all interessato il provvedimento di diniego, la comunicazione s intende formalmente approvata (silenzio-assenso). L autorizzazione, al permanere di tutte le condizioni precisate nella comunicazione (residenza, estremi del porto d armi, tipo di arma, tragitto da effettuare e motivazione del trasporto), ha durata indeterminata. Il mancato rispetto delle prescrizioni fornite dall Ente o di tutti i dati identificativi, compresi quelli dell arma, contenuti nella comunicazione comporterà la decadenza dall autorizzazione. 1

2 ART. 3) NON RESIDENTI Tutti coloro non residenti nel territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga che, per qualsiasi motivo ammesso dalla legge, oppure in periodi in cui è consentita l attività venatoria, intendono attraversare il territorio del Parco trasportando armi, esplosivi o qualsiasi mezzo di distruzione e cattura permesso dalla legge, oppure per raggiungere ambiti di caccia, ovvero zone ove è consentita l attività venatoria, devono essere autorizzati dall Ente Parco, previa richiesta presentata per iscritto dall interessato (come da modello indicato nell allegato 2). La domanda va inoltrata ad uno dei Comandi Stazione Forestali operanti nel Parco, nella cui circoscrizione è compreso il tragitto da compiere. Alle disposizioni di cui ai commi precedenti sono tenuti anche coloro che intendono trasportare armi per uso sportivo. La richiesta è personale e dovrà contenere, oltre alle generalità dell interessato, gli estremi del porto d armi, l elenco delle armi che si intendono trasportare, con l indicazione della matricola e del tipo di materiale destinato al trasporto, nonché del percorso che si intende compiere e delle motivazioni per le quali si chiede il trasporto. Il tragitto comunicato all Ente deve essere scelto tenendo conto del percorso più idoneo e più breve per il raggiungimento della zona prefissata Coloro che praticano l attività venatoria sono tenuti ad inoltrare la domanda entro e non oltre il 31 maggio di ogni anno e ad allegare alla stessa una dichiarazione che attesti l iscrizione all Ambito di Caccia da raggiungere. Le richieste saranno valutate dall Ente Parco, che potrà rilasciare l autorizzazione nel termine di trenta giorni dalla ricezione delle domande. Tale termine potrà essere prorogato di ulteriori trenta giorni per esigenze istruttorie, senza necessità di comunicazione all interessato. L Ente Parco si riserva la facoltà di rilasciare l autorizzazione indicando un tragitto diverso, in tutto o in parte, da quello segnalato dal richiedente, motivandone le ragioni. L autorizzazione si intende rilasciata qualora non sia comunicato all interessato il provvedimento di diniego nel termine di sessanta giorni dalla ricezione delle domande (silenzio-assenso). L autorizzazione avrà durata annuale e potrà essere concessa la proroga solo su espressa e motivata richiesta dell interessato. Il mancato rispetto delle prescrizioni e di tutti i dati identificativi, compresi quelli dell arma, contenuti nell autorizzazione, comporterà la decadenza dall autorizzazione medesima. ART. 4) ESPLOSIVO Chiunque nel territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, per qualsiasi motivo ammesso dalla legge, debba trasportare e/o utilizzare materiale esplosivo destinato ad attività edile pubblica e privata o ad attività estrattiva, oltre ad ottenere le necessarie autorizzazioni previste dalla legge, dovrà inoltrare richiesta all Ente Parco, che potrà rilasciare l autorizzazione nel termine di trenta giorni dalla ricezione. Tale termine potrà essere prorogato di ulteriori trenta giorni per esigenze istruttorie, senza necessità di comunicazione all interessato. L autorizzazione si intende rilasciata qualora non sia comunicato all interessato il provvedimento di diniego nel termine di sessanta giorni dalla ricezione (silenzio-assenso). La domanda va inoltrata ad uno dei Comandi Stazione Forestali operanti nel Parco, nella cui circoscrizione è compreso il tragitto da compiere. 2

3 La durata dell autorizzazione è limitata al periodo indicato nella domanda e potrà essere concessa eventuale proroga solo su espressa e motivata richiesta dell interessato. Le autorizzazioni rilasciate dall Ente Parco non sono comunque valide per armi e/o esplosivi e/o altri mezzi di distruzione e cattura o parti di essi non consentiti ovvero non previsti o ammessi dalle vigenti leggi in materia. ART. 5) NORMATIVA Chiunque viola le disposizioni del presente regolamento incorre nelle sanzioni di cui al D.P.R e relativi regolamenti e alla legge n. 394 del ART. 6) ESENTI Sono esenti dall obbligo di richiedere l autorizzazione: a) i Corpi Armati limitatamente alle armi in dotazione previste dai rispettivi regolamenti militari; b) le Forze di Polizia, limitatamente alle armi in dotazione previste dai rispettivi ordinamenti dei Corpi di appartenenza; c) gli agenti dipendenti degli Enti Locali con qualifiche di agenti di polizia giudiziaria (art. 57, 3 comma, Codice di Procedura Penale) e agenti di pubblica sicurezza, limitatamente alle armi in dotazione, allo svolgimento dell attività di vigilanza venatoria, negli orari e nei luoghi comandati di servizio e nell ambito territoriale dell Ente di appartenenza; gli addetti alla polizia municipale muniti della qualità di agente di pubblica sicurezza riconosciuta dal Prefetto, limitatamente alle armi in dotazione e nell ambito territoriale dell Ente di appartenenza; d) i possessori di raccolte autorizzate di armi artistiche, rare o antiche, limitatamente al trasporto di tali armi; e) le persone che per la loro qualità permanente hanno diritto di andare armate, limitatamente al numero e alla specie delle armi loro consentite, purché esentati dall obbligo della denuncia delle armi (art. 10, Legge 110/75). Non rientrano nei casi di esenzione di cui sopra i guardiacaccia volontari, i soggetti incaricati dalle associazioni venatorie per attività di vigilanza, le guardie particolari giurate nominate per la vigilanza volontaria venatoria o per qualsivoglia attività di vigilanza non espressamente sopramenzionata. ART. 7) NORMA TRANSITORIA Le limitazioni temporali di cui agli articoli 2) e 3) del presente regolamento non trovano applicazione per l anno

4 ALLEGATO 1 (COMUNICAZIONE TRASPORTO ARMI NEL PARCO DA PARTE DI RESIDENTI NELL AREA PROTETTA) ALL ENTE PARCO NAZIONALE DEL GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA tramite il Comando Stazione Forestale di Il sottoscritto. nato a..il residente.via Tel (ricadente all interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga) comunica di voler trasportare armi all interno del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, relativamente all anno... Si forniscono di seguito i seguenti dati: - Estremi del porto d armi: n. rilasciato da Scadenza:. - Tipo di arma:.. Matricola:. tipo di munizioni: - Tipo di arma:.. Matricola: tipo di munizioni: - Altri mezzi di cattura e distruzione:... - Motivi del trasporto e percorso da effettuare:. Il sottoscritto, consapevole delle conseguenze cui si espone colui che fa mendaci dichiarazioni in un atto pubblico, circa la propria identità e stato, ovvero attesta dati falsi o sostituisce illegittimamente la sua persona all altrui, dichiara che quanto sopra dichiarato corrisponde a verità. Si allega la seguente documentazione:., lì IN FEDE 4

5 ALLEGATO 2 (RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INTRODUZIONE ARMI NEL PARCO DA PARTE DI NON RESIDENTI NEL TERRITORIO DELL AREA PROTETTA) ALL ENTE PARCO NAZIONALE DEL GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA tramite il Comando Stazione Forestale di Il sottoscritto. nato a..il residente.via Tel chiede l autorizzazione per poter trasportare armi all interno del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, relativamente all anno... Si forniscono di seguito i seguenti dati: - Estremi del porto d armi: n. rilasciato da Scadenza:. - Altri mezzi di cattura e distruzione:... - Motivi del trasporto e percorso da effettuare:.. Il sottoscritto, consapevole delle conseguenze cui si espone colui che fa mendaci dichiarazioni in un atto pubblico, circa la propria identità e stato, ovvero attesta dati falsi o sostituisce illegittimamente la sua persona all altrui, dichiara che quanto sopra dichiarato corrisponde a verità. Si allega la seguente documentazione:., lì IN FEDE 5

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regionale delle Serre 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1 REGOLAMENTO PER L'INTRODUZIONE E IL TRASPORTO DI ARMI E DI QUALSIASI MEZZO DISTRUTTIVO E/O DI CATTURA DELLA FAUNA NEL TERRITORIO DEL PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO Approvato con Delibera di Consiglio Direttivo

Dettagli

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA VISTO l art. 163 del D. Lgs. 31.03.1998 n 112 sul trasferimento di funzioni e compiti di Polizia Amministrativa

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 58/2010 INDICE ART. 1 - ART. 2 - ART. 3 - ART. 4 - ART. 5- ART. 6 - ART.

Dettagli

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 23.12.2010 Pubblicato all Albo Pretorio dal

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO. AVVISO PUBBLICO per la selezione di aspiranti alla nomina di Guardia Ambientale Volontaria

PROVINCIA DI BENEVENTO. AVVISO PUBBLICO per la selezione di aspiranti alla nomina di Guardia Ambientale Volontaria PROVINCIA DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE AVVISO PUBBLICO per la selezione di aspiranti alla nomina di Guardia Ambientale Volontaria IL DIRIGENTE Vista la Legge Regionale n.10 del 23/02/2005

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

RINNOVO DEI PROVVEDIMENTI DI AUTORIZZAZIONE A SVOLGERE ATTIVITÀ DI GUARDIA ITTICA E/O VENATORIA VOLONTARIA

RINNOVO DEI PROVVEDIMENTI DI AUTORIZZAZIONE A SVOLGERE ATTIVITÀ DI GUARDIA ITTICA E/O VENATORIA VOLONTARIA RINNOVO DEI PROVVEDIMENTI DI AUTORIZZAZIONE A SVOLGERE ATTIVITÀ DI GUARDIA ITTICA E/O VENATORIA VOLONTARIA A. CRITERI Possono essere rinnovati i provvedimenti che scadono nell arco del biennio solare di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

RILASCIO DEL PROVVEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE A SVOLGERE ATTIVITÀ DI GUARDIA ITTICA E/O VENATORIA VOLONTARIA

RILASCIO DEL PROVVEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE A SVOLGERE ATTIVITÀ DI GUARDIA ITTICA E/O VENATORIA VOLONTARIA RILASCIO DEL PROVVEDIMENTO DI AUTORIZZAZIONE A SVOLGERE ATTIVITÀ DI GUARDIA ITTICA E/O VENATORIA VOLONTARIA A. REQUISITI Il provvedimento di nomina a guardia particolare giurata per l espletamento dell

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE Marzo 2012 INDICE Art. 1 Disposizioni generali Art. 2 Tipo delle armi in dotazione Art. 3 Numero delel

Dettagli

COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale e dell'assetto ambientale)

COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale e dell'assetto ambientale) Direzione Ambiente Settore Sostenibilità, Salvaguardia ed Educazione Ambientale COMPETENZE DELLE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE ex art. 37 l.r. 32/1982 (Norme per la conservazione del patrimonio naturale

Dettagli

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI ARMI ED ARMERIA Titolo I - ARMI ART. 1 - TIPO DELLE ARMI IN DOTAZIONE 1 - In conformità a quanto previsto dall art. 4 del D.M. 01.03.1987 N 145 l arma da difesa personale, in dotazione agli addetti con

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO CACCIA E PESCA. N. 1000 /28 Reg. Deter. Data: 02/04/2007

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO CACCIA E PESCA. N. 1000 /28 Reg. Deter. Data: 02/04/2007 Provincia di Foggia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO CACCIA E PESCA N. 1000 /28 Reg. Deter. Data: 02/04/2007 Oggetto: Riconoscimento nomina delle guardie venatorie volontarie (L. 157/92 art.

Dettagli

OGGETTO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE EVENTUALI TITOLI PREFERENZIALI

OGGETTO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE EVENTUALI TITOLI PREFERENZIALI AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Per la collaborazione con la Polizia Municipale (giusta delibera di Giunta Comunale n 131 del 29/07/2014), nell ambito

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 36/ 20 DEL 26.7.2005 Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 Art. 1 Ai fini dell applicazione delle presenti direttive e criteri di

Dettagli

Amministrazione Provinciale dell Aquila

Amministrazione Provinciale dell Aquila Amministrazione Provinciale dell Aquila Settore Politiche Ambientali Risorse Naturali ed Energetiche PROGRAMMA CORSO DI ABILITAZIONE PER SELECONTROLLORI PRINCIPI DI CONOSCENZA DELLA FAUNA SELVATICA a)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI RIETI SETTORE V Viabilità Uff. Albo Autotrasportatori via Salaria per L Aquila n.3 R I E T I

ALLA PROVINCIA DI RIETI SETTORE V Viabilità Uff. Albo Autotrasportatori via Salaria per L Aquila n.3 R I E T I marca da bollo Euro 14,62 (Timbro dello studio di consulenza) ALLA PROVINCIA DI RIETI SETTORE V Viabilità Uff. Albo Autotrasportatori via Salaria per L Aquila n.3 R I E T I ALBO AUTOTRASPORTATORI DI COSE

Dettagli

Comune di Campo San Martino PROVINCIA DI PADOVA

Comune di Campo San Martino PROVINCIA DI PADOVA Prot. n. 8041 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE TECNICO, CATEGORIA GIURIDICA C A TEMPO PIENO E INDETERMINATO PRESSO L AREA SERVIZI TECNICI URBANISTICA,

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA

PROVINCIA DELL AQUILA PROVINCIA DELL AQUILA Settore Politiche Ambientali - Risorse Naturali ed Energetiche AVVISO PUBBLICO AUTORIZZAZIONE AD ISTITUIRE E GESTIRE AREE CINOFILE PERMANENTI 1 PROVINCIA DELL AQUILA Settore Politiche

Dettagli

approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 59 del 29/10/2015

approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 59 del 29/10/2015 Regolamento Comunale delle Sagre e delle attività di somministrazione di alimenti e bevande in forma temporanea (ai sensi dell art. 10 della Legge Regionale 14/2003 come modificato dalla L.R. 27/6/2014

Dettagli

Assessorato Agricoltura, Tutela della Fauna e della Flora Direzione 12 Sviluppo dell Agricoltura

Assessorato Agricoltura, Tutela della Fauna e della Flora Direzione 12 Sviluppo dell Agricoltura MODELLO n. 1-DOM Assessorato Agricoltura, Tutela della Fauna e della Flora Direzione 12 Sviluppo dell Agricoltura (Prima di compilare la domanda, leggere le istruzioni riportate in fondo alla domanda stessa).

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Via Gioeni 55, 92014 Porto Empedocle (AG) - Centralino: 0922 531811-531812 - Sala Operativa: 0922

Dettagli

Con sede legale in (Via/Corso/Piazza )...n. Comune di..prov.. CAP.. Tel... Fax.

Con sede legale in (Via/Corso/Piazza )...n. Comune di..prov.. CAP.. Tel... Fax. Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Associato Piazza G.Marconi n.5 12020 FRASSINO (CN) e-mail: suap.monviso@legalmail.it Spett.le COMUNE DI VERZUOLO Polizia Locale Area di Vigilanza Ufficio

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 24 novembre 1978 (1). Modalità per assicurare l'effettiva uscita dal territorio dello Stato delle armi destinate all'esportazione nonché per disciplinare l'esportazione temporanea, da parte di persone

Dettagli

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE DELLA ZONA A SOSTA CONTROLLATA APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 54 DEL 08.09.2010 Sommario PREMESSA AMBITO TERRITORIALE DI APPLICAZIONE

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AD UN CORSO DI FORMAZIONE PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE NELL'AMBITO DEL PARCO DEL MONTE CUCCO

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AD UN CORSO DI FORMAZIONE PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE NELL'AMBITO DEL PARCO DEL MONTE CUCCO COMUNITA MONTANA ALTA UMBRIA BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AD UN CORSO DI FORMAZIONE PER GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE NELL'AMBITO DEL PARCO DEL MONTE CUCCO (Legge Regionale 22 febbraio 1994, n. 4 Istituzione

Dettagli

SELEZIONE, PER TITOLI, PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DI ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DI ATENEO

SELEZIONE, PER TITOLI, PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DI ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DI ATENEO Allegato A) 2/C/15 SELEZIONE, PER TITOLI, PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DI ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DI ATENEO, AI SENSI DELL ARTICOLO 32 DEL DECRETO LEGISLATIVO DEL 9 APRILE

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

ALL ON.LE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PALERMO. Il/La sottoscritto/a

ALL ON.LE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PALERMO. Il/La sottoscritto/a ALL ON.LE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PALERMO Il/La sottoscritto/a curatore del minore nominato con decreto del TRIBUNALE PER I MINORI DEL nato a il, C.F. e con recapito in via _, tel. CHIEDE

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO

DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO DOCUMENTAZIONE TIPO DA ALLEGARE ALL ISTANZA NECESSARIA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO L appaltatore all atto dell offerta, e, nel caso di varianti in corso d opera, all atto dell affidamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO CITTA DI TERMINI IMERESE Provincia di Palermo 2 Settore - Servizio Ambiente - Ville e Giardini AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PREMESSA In esecuzione dell'atto

Dettagli

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di Su carta intestata della Pro Loco Al sig. Prefetto della Provincia di Al sig. Sindaco del Comune di Via Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione dei Monopoli di Stato Ufficio Regionale

Dettagli

Il/La sottoscritto/a C.F. ( ) residente a in Via/P.zza n.. Tel/Cel

Il/La sottoscritto/a C.F. ( ) residente a in Via/P.zza n.. Tel/Cel Spazio riservato all ufficio protocollo Bollo 14,62 Spett.le COMUNE DI CADREZZATE Via Vittorio Veneto, n. 29 21020 CADREZZATE (VA) Alla c.a. del Responsabile Area Tecnica OGGETTO: Richiesta di Certificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 14/31.01.2002 Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO Comune di Caramanico Terme (PE) Corso Gaetano Bernardi, 30 - CAP 65023 - tel. (085) 92.90.131 - fax (085) 92.90.202 COMUNE DI CARAMANICO TERME (Provincia di Pescara) --------------------------------------------------------------

Dettagli

del Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DI AGENZIA D AFFARI (artt. 115 del T.U.L.P.S. e 163 del Decreto Legislativo del 31 marzo 1998, n 112)

del Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DI AGENZIA D AFFARI (artt. 115 del T.U.L.P.S. e 163 del Decreto Legislativo del 31 marzo 1998, n 112) AL SIG. SINDACO del Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DI AGENZIA D AFFARI (artt. 115 del T.U.L.P.S. e 163 del Decreto Legislativo del 31 marzo 1998, n 112) Il sottoscritto nato il a (Prov. di ) C.F. n.

Dettagli

Documentazione relativa alle prestazioni energetiche degli edifici. ASSEVERAZIONE (ai sensi dell art. 8 comma 2, D.Lgs. 192/2005 e s.m.i.

Documentazione relativa alle prestazioni energetiche degli edifici. ASSEVERAZIONE (ai sensi dell art. 8 comma 2, D.Lgs. 192/2005 e s.m.i. Comune di Livorno DIP. n 4 - Politiche Territorio S.C.I.A. / D.I.A. Permesso a costruire che ha determinato una Variante essenziale (secondo quanto dettato agli artt. 135 e 143 - la LRT 65/2014) ONEROSA

Dettagli

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SERVIZIO NAZIONALE VIGILANZA AMBIENTALE ITTICO VENATORIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLE GUARDIE PARTICOLARI GIURATE VOLONTARIE DELLA L.I.P.U. Art. 1 L attività delle guardie

Dettagli

con sede legale in via/piazza n., partita i.v.a., c h i e d e

con sede legale in via/piazza n., partita i.v.a., c h i e d e Domanda di subingresso nell autorizzazione per l esercizio di noleggio con conducente (Regolamento comunale per il servizio di noleggio con conducente e ai sensi dell art.9 comma 1 della L.15 gennaio 1992

Dettagli

DENUNCIA L INIZIO DELL ATTITA Ai sensi dell art.19 della Legge n 241/90

DENUNCIA L INIZIO DELL ATTITA Ai sensi dell art.19 della Legge n 241/90 AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI Oggetto: Denuncia di Manifestazione occasionale di pubblico spettacolo / somministrazione temporanea di alimenti e bevande in occasione di festa, fiera, sagra, altra manifestazione

Dettagli

Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM) in via n. recapito telefonico

Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM) in via n. recapito telefonico Protocollo Al Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Oggetto: Richiesta/o Rinnovo contrassegno di parcheggio per disabili. Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM)

Dettagli

Nei locali posti in Taranto, Via/P.za n, per complessivi mq per un totale di nr vetture Con la rappresentanza di: ...nato a...il... ...nato a...il...

Nei locali posti in Taranto, Via/P.za n, per complessivi mq per un totale di nr vetture Con la rappresentanza di: ...nato a...il... ...nato a...il... AUTORIMESSE COMMERCIALI (DPR. N.480 DEL 19.12.2001) I I Comunicazione esente da bollo Da presentare in duplice copia NOLEGGIO SENZA CONDUCENTE (DPR. N. 481 del 19.12.2001) I SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE La domanda di ammissione, in carta semplice, deve essere redatta secondo il seguente schema: D I C H I A R A :

DOMANDA DI AMMISSIONE La domanda di ammissione, in carta semplice, deve essere redatta secondo il seguente schema: D I C H I A R A : DOMANDA DI AMMISSIONE La domanda di ammissione, in carta semplice, deve essere redatta secondo il seguente schema: All Ufficio Unico del Servizio Associato di Polizia Municipale dei Comuni di Candida,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA VOLONTARIA NELL AMBITO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA VOLONTARIA NELL AMBITO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA VOLONTARIA NELL AMBITO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE per la copertura di un posto a tempo indeterminato e ad orario parziale di 20 ore settimanali di Operatore di Servizi Generali,

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI CITTADINI DI CONRIBUTI PER L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA PRESSO ABITAZIONI PRIVATE Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNICAZIONE RELATIVA ALLO SVOLGIMENTO DI UNA MANIFESTAZIONE DI SORTE LOCALE (Artt. 13 e 14 D.P.R. n. 430/01)

COMUNICAZIONE RELATIVA ALLO SVOLGIMENTO DI UNA MANIFESTAZIONE DI SORTE LOCALE (Artt. 13 e 14 D.P.R. n. 430/01) Modello PA 633 Versione 01/2005 Alla cortese attenzione Signor Sindaco del Comune di Alla cortese attenzione Signor Prefetto di COMUNICAZIONE RELATIVA ALLO SVOLGIMENTO DI UNA MANIFESTAZIONE DI SORTE LOCALE

Dettagli

Attenzione: prima di compilare il modulo di richiesta di partecipazione, leggere attentamente il bando di concorso

Attenzione: prima di compilare il modulo di richiesta di partecipazione, leggere attentamente il bando di concorso Attenzione: prima di compilare il modulo di richiesta di partecipazione, leggere attentamente il bando di concorso Spettabile APSP OPERA ROMANI Via Roma 21 38060 NOMI (TN) DOMANDA DI AMMISSIONE AL CONCORSO

Dettagli

Al Dirigente del Dipartimento V Sviluppo economico e promozione del territorio Serv. IV Caccia e pesca della CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE

Al Dirigente del Dipartimento V Sviluppo economico e promozione del territorio Serv. IV Caccia e pesca della CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Marca da Bollo Al Dirigente del Dipartimento V Sviluppo economico e promozione del territorio Serv. IV Caccia e pesca della CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE - domanda guardia venatoria volontaria -

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ATTESTATO D ISCRIZIONE ALL ESAME DI SCORTA TECNICA COMMISSIONE NAZIONALE DIRETTORI DI CORSA E SICUREZZA

CORSO DI FORMAZIONE PER ATTESTATO D ISCRIZIONE ALL ESAME DI SCORTA TECNICA COMMISSIONE NAZIONALE DIRETTORI DI CORSA E SICUREZZA SETTORE STUDI CORSO DI FORMAZIONE PER ATTESTATO D ISCRIZIONE ALL ESAME DI SCORTA TECNICA COMMISSIONE NAZIONALE DIRETTORI DI CORSA E SICUREZZA Nuova Normativa di riferimento approvata dal C.F. del 27-Aprile-2015

Dettagli

DOMANDA DI FINANZIAMENTO. A) Ente proponente singolo

DOMANDA DI FINANZIAMENTO. A) Ente proponente singolo PROVINCIA DI VITERBO Assessorato Formazione Professionale, Via Saffi n.47/49 01100 Viterbo Oggetto: (INDICARE TITOLO AVVISO) DOMANDA DI FINANZIAMENTO A) Ente proponente singolo Il sottoscritto nato a Il

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI ARTENA U Sportello Unico per le Attività Produttive Via Municipio, 7 00031 Artena (Rm) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome:

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA REGIONALE ED INTERREGIONALE PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO N. 25 POSTI DI OPERATORE SOCIO SANITARIO CAT. B LIV.

Dettagli

RICHIESTA DI CONTRIBUTO

RICHIESTA DI CONTRIBUTO Spett.le Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia (luogo e data di sottoscrizione) RICHIESTA DI CONTRIBUTO Il sottoscritto (nome e cognome) nato a residente a il Via/Piazza in qualità di legale rappresentante

Dettagli

MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO)

MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO) MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO) AL COMUNE DI BORGO A MOZZANO UFFICIO COMMERCIO AREE PUBBLICHE OGGETTO: Domanda per sub ingresso in autorizzazione/concessione decennale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA COMUNALE AMBIENTALE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 09 settembre

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA COMUNALE AMBIENTALE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 09 settembre REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO DI DIFESA COMUNALE AMBIENTALE (Approvato con deliberazione ) 1 1. FINALITÀ Il Comune di Giffoni Valle Piana, istituisce e coordina il Servizio di Volontariato

Dettagli

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA COPIA COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA DELIBERAZIONE N. 5 Adunanza del 30.01.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE PER LO SVOLIMENTO DI ATTIVITA' DI VOLONTARIATO.

Dettagli

DOMANDA PER RILASCIO DI LICENZA TEMPORANEA PERMANENTE ESERCIZIO:

DOMANDA PER RILASCIO DI LICENZA TEMPORANEA PERMANENTE ESERCIZIO: Bollo 14,62 AL SINDACO DEL COMUNE DI FOLLONICA Comando Polizia Municipale Ufficio Polizia Amministrativa Via Roma, 81 58022 FOLLONICA Grosseto DOMANDA PER RILASCIO DI LICENZA TEMPORANEA PERMANENTE ESERCIZIO:

Dettagli

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres.

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. Regolamento recante i criteri e le modalità per la concessione dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Rosate ( Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 17 del 05/07/2012 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive via San Marino n. 2 poliziamunicipalemattinata@virgilio Tel/ 0884\550310-552435 Fax 559870 AL SINDACO

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna

COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna tel. 051 2194082-2194013 - Fax 051 2194870 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ PER AGENZIE

Dettagli

Comune di Pozzuolo del Friuli

Comune di Pozzuolo del Friuli Comune di Pozzuolo del Friuli INTERNET sito web: www.comune.pozzuolo.udine.it e-mail: protocollo@com-pozzuolo-del-friuli.regione.fvg.it Via XX Settembre, 31 33050 POZZUOLO DEL FRIULI (UD) C.F.: 80010530303

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI

COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.35 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DA FAUNA SELVATICA NELLA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA

REGOLAMENTO PER L'INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DA FAUNA SELVATICA NELLA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA REGOLAMENTO PER L'INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DA FAUNA SELVATICA NELLA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA Premesse: l'art. 15 comma comma 3 della L. 394/1991 attribuisce alle aree protette il compito

Dettagli

Data di emissione del bando

Data di emissione del bando ESEMPIO DI BANDO DI CONCORSO COMUNE DI X Divisione Personale Comune di X Figura 14 febbraio 2003 n. prot. 35.284 cat.10 n. pratica 1.184/03 classe 4 professionale Data di emissione del bando Livello di

Dettagli

AGENZIE DI AFFARI (Art.115 TULPS)

AGENZIE DI AFFARI (Art.115 TULPS) AGENZIE DI AFFARI (Art.115 TULPS) COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA Al Settore Sviluppo Economico Servizio Attività Economiche 15057 TORTONA (AL) Il/La sottoscritto/a......... DICHIARA di iniziare la seguente

Dettagli

Allegato A MODELLO DI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L AMMISSIONE AL PRIMO ANNO DELL ACCADEMIA MILITARE (ARMI E CORPI)

Allegato A MODELLO DI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L AMMISSIONE AL PRIMO ANNO DELL ACCADEMIA MILITARE (ARMI E CORPI) Allegato A MODELLO DI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L AMMISSIONE AL PRIMO ANNO DELL ACCADEMIA MILITARE (ARMI E CORPI) A CENTRO DI SELEZIONE E RECLUTAMENTO A cura della Segreteria

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

timbro protocollo Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) Spettacolo/intrattenimento temporaneo

timbro protocollo Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) Spettacolo/intrattenimento temporaneo CITTA di PESCARA Dipartimento Attività Tecniche, Energetiche ed Ambientali Settore Attività Produttive Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive + timbro protocollo responsabile del

Dettagli

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO ****

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO **** Regolamento comunale **** **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 105 del 23-12-2014 C O M U N E D I SAN CATALDO (Provincia di Caltanissetta)

Dettagli

(Provincia di Potenza) Settore Finanziario Contabile IL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO CONTABILE

(Provincia di Potenza) Settore Finanziario Contabile IL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO CONTABILE () Settore Finanziario Contabile IL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO CONTABILE Vista La delibera di Giunta Comunale n. 58 del 23.09.2011, con la quale l Amministrazione Comunale ha approvato la nuova

Dettagli

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA VOLONTARIA VENATORIA E ITTICA

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA VOLONTARIA VENATORIA E ITTICA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA VOLONTARIA VENATORIA E ITTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 42 del 14.04.2009 Art. 1 Finalità ed ambito

Dettagli

ZONA VALDERA Provincia di Pisa

ZONA VALDERA Provincia di Pisa AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA ESTERNA PER LA COPERTURA DI N 1 POSTO A TEMPO INDETERMINATO E A TEMPO PIENO DI CAT.B3 PROFILO PROFESSIONALE MANUTENTORE ADDETTO AI SERVIZI SPECIALISTICI PER IL COMUNE DI PECCIOLI.

Dettagli

Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile. Avvisa. che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato il REGOLAMENTO

Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile. Avvisa. che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato il REGOLAMENTO COMUNE DI S. STEFANO IN ASPROMONTE 89057 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile Avvisa che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Oggetto del Regolamento. Art. 3 - Definizioni e principi generali.

Dettagli

CITTA di CANOSA di PUGLIA

CITTA di CANOSA di PUGLIA CITTA di CANOSA di PUGLIA Provincia BAT ******* COMANDO DI POLIZIA MUNICIPALE Spett.le COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Viale 1 Maggio n. 17 Canosa di Puglia Oggetto: Richiesta autorizzazione accesso nell Area

Dettagli

Dichiarazione per la partecipazione in merito al possesso dei requisiti e delle capacità (da completare e restituire firmato)

Dichiarazione per la partecipazione in merito al possesso dei requisiti e delle capacità (da completare e restituire firmato) Oggetto: Gara a procedura aperta, da esperire ai sensi dell art.124 del D.L.vo 163/06 e s.m.i., per l Affidamento triennale del servizio di dosimetria personale ed ambientale, controllo dosimetrico con

Dettagli

Alla Provincia di Treviso Settore Promozione del Territorio U.O. Organizzazione Turistica Via Cal di Breda n. 116 31100 - TREVISO

Alla Provincia di Treviso Settore Promozione del Territorio U.O. Organizzazione Turistica Via Cal di Breda n. 116 31100 - TREVISO Marca da bollo da Euro 14,62 Alla Provincia di Treviso Settore Promozione del Territorio U.O. Organizzazione Turistica Via Cal di Breda n. 116 31100 - TREVISO OGGETTO : Richiesta autorizzazione alla sostituzione

Dettagli

DI R I T T O A L L O S T U DI O

DI R I T T O A L L O S T U DI O AVVISO AL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO DEL COMPARTO SANITA DI R I T T O A L L O S T U DI O ANNO SOLARE 2014 In conformità a quanto previsto dall art. 22 del C.C.N.L. Comparto Sanità integrativo del

Dettagli

COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO PER LA DISCLIPLINA DELL UTILIZZO DELLA SALA CIVICA E DELLA SALA POLIVALENTE

COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO PER LA DISCLIPLINA DELL UTILIZZO DELLA SALA CIVICA E DELLA SALA POLIVALENTE COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO PER LA DISCLIPLINA DELL UTILIZZO DELLA SALA CIVICA E DELLA SALA POLIVALENTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 10 DEL 19/02/2004 PARTE PRIMA:

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI QUADRO GENERALE e CAPO I DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 D.Lgs. 81/08

Dettagli

LA VIGILANZA VOLONTARIA VENATORIA. Federica Paolozzi Bologna, 27 aprile 2010

LA VIGILANZA VOLONTARIA VENATORIA. Federica Paolozzi Bologna, 27 aprile 2010 LA VIGILANZA VOLONTARIA VENATORIA Federica Paolozzi Bologna, 27 aprile 2010 LA DIRETTIVA REGIONALE PER LA DISCIPLINA DEL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VOLONTARIE CHE SVOLGONO ATTIVITA' DI VIGILANZA FAUNISTICO-VENATORIA

Dettagli

QUADRO 1 SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA. Il sottoscritto segnala

QUADRO 1 SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA. Il sottoscritto segnala AL COMUNE DI PORTOGRUARO UFFICIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE e SUAP P.zza della Repubblica n. 1 30026 PORTOGRUARO (VE) SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' NOLEGGIO VEICOLI SENZA CONDUCENTE (DPR 19 dicembre

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 418321 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 418321 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso. ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO TREVISO Palazzo di Giustizia Viale Verdi TEL. 0422 418321 FAX 0422 559618 www.ordineavvocatitreviso.it PATROCINIO A SPESE DELLO STATO NEI GIUDIZI CIVILI E AFFARI DI VOLONTARIA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PUBBLICA SELEZIONE

AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PUBBLICA SELEZIONE AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PUBBLICA SELEZIONE Con deliberazione 3 novembre 2011 n. 487 é stata indetta nuova selezione per titoli e colloquio per il conferimento di n.1 incarico di Collaborazione Coordinata

Dettagli

ISTRUZIONI. Denuncia di inizio attività circoli privati

ISTRUZIONI. Denuncia di inizio attività circoli privati ISTRUZIONI Denuncia di inizio attività circoli privati Si utilizza questo stampato come D.I.A. per l apertura/trasferimento/subingresso di circolo privato aderente ad Ente od organizzazione nazionale,

Dettagli

AVVISO AL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO DEL COMPARTO SANITA

AVVISO AL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO DEL COMPARTO SANITA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AVVISO AL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO DEL COMPARTO SANITA D I R I T T O A L L O S T U D I O 150 ORE ANNO SCOLASTICO/ACCADEMICO 2014/2015 In conformità a quanto previsto

Dettagli

AVVISO DI CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI TOMBE DI FAMIGLIA NEL CIMITERO COMUNALE DI URGNANO

AVVISO DI CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI TOMBE DI FAMIGLIA NEL CIMITERO COMUNALE DI URGNANO AVVISO DI CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI TOMBE DI FAMIGLIA NEL CIMITERO COMUNALE DI URGNANO (Allegato alla Determinazione del Responsabile dell Area Lavori Pubblici n. 21 del 01.03.2012) Il

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo

COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo RICHIESTA DI AGIBILITA (Ai sensi del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380) Il sottoscritto.., nato a..., il... Codice fiscale, tel......, residente in..., località...,

Dettagli