Il trasporto dei liquidi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il trasporto dei liquidi"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. MARCONI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI CLASSE 3ACH Il trasporto dei liquidi (PAG 159 DEL LIBRO DI TESTO) Prof. Roberto Riguzzi 1

2 INTRODUZIONE Il trasporto dei liquidi e dei fluidi è una della operazioni più comuni sia nell industria, che nelle attività civili (pensiamo all acqua corrente, alle fognature, al gas di città). Le competenze scientifiche richieste per affrontare l argomento sono quelle dell idrostatica e dell idrodinamica. Dal punto di vista pratico il trasporto dei fluidi richiede una macchina operatrice che trasferisca al liquido (o al gas) da trasportare l energia necessaria a superare differenze di quota o di pressione tra la sezione finale e quella iniziale, oltre ovviamente alle perdite di carico. Le apparecchiature che trasferiscono energia meccanica ai fluidi (la cosiddetta PREVALENZA) sono le pompe. 2

3 PREVALENZA L energia meccanica trasferita per unità di peso del liquido si chiama PREVALENZA e si indica con la lettera H. Consideriamo di applicare l equazione di Bernoulli fra due sezioni di un impianto con una pompa presente fra loro. La prevalenza è l energia necessaria trasferire al liquido della sezione 2 affinchè raggiunga l energia da esso posseduta nella seconda sezione. h 1 + P 1 / + v 12 /2g + H = h 2 + P 2 / + v 22 /2g + y Da cui si ricava H= (h 2 - h 1 ) + (P 2 - P 1 )/ + (v 22 - v 12 )/2g + y (h 2 - h 1 )= prevalenza geometrica (P 2 - P 1 )/ = prevalenza piezometrica (v 22 - v 12 )/2g= prevalenza cinetica 3

4 POTENZA UTILE La potenza utile (N u ) è l'energia effettivamente trasferita al liquido per unità di tempo. È funzione della prevalenza,alla portata e al peso specifico del liquido trasportato. Nel S.I. è misurata in watt. N u = *F v *H Se consideriamo la portata in massa l'equazione diventa: N u = g*f m *H 4

5 RENDIMENTO La pompa per poter funzionare, azionata da un motore, solitamente elettrico. L'energia elettrica deve, quindi, prima essere trasformata in lavoro meccanico, che ha sua volta deve essere trasformata in energia del liquido (la prevalenza). Questi passaggi inevitabilmente comportano la dissipazione di energia. La potenza effettivamente usata dalla pompa per movimentare il liquido sarà sempre maggiore della potenza utile. Il rapporto fra potenza utile e potenza assorbita è il rendimento della pompa. = N u /N ass Il rendimento sarà sempre minore di 1. Da questa N ass = N u / 5

6 ESEMPIO Determinare la prevalenza e la potenza assorbita di una pompa che deve trasportare 300l/min di un liquido con g= 8624 N/m3 da un serbatoio ad un altro posto ad un altezza superiore di 50m e con una pressione di 500kPa maggiore rispetto al serbatoio iniziale. Le perdite di carico, fra continue e localizzate, sono complessivamente 1,6m. Il rendimento della pompa è il 93%. Applichiamo la formula che definisce la prevalenza alle superfici dei due liquidi nel serbatoio. H= (h 2 - h 1 ) + (P 2 - P 1 )/ + (v 22 - v 12 )/2g + y La prevalenza cinetica è nulla (le velocità nelle grandi sezione come le superfici dei serbatoi sono considerate nulle). La differenza di pressione (P 2 - P 1 ) fra le due superfici è pari a 500 kpa. La prevalenza geometrica è pari a 50m. La prevalenza totale sarà pari a: H= (h 2 - h 1 ) + (P 2 - P 1 )/ + y= 50m + (500000/8624) m + 1,6m = 109,6 m N u = *F v *H = 8624 N/m 3 * 0,005m 3 /s * 109,6m = 4729W Da questa N ass = N u / =4729/0,93=5085 W 6

7 CLASSIFICAZIONE DELLE POMPE POMPE VOLUMETRICHE: spostano quantità di liquido costanti per ogni ciclo di funzionamento. La portata erogata non dipende dalla prevalenza, ma dal numero di cicli per unità di tempo. Possono essere: Alternative: il ciclo è rappresentato dalla corsa completa del pistone. Rotative: il ciclo è rappresentato da un giro completo dell'elemento propulsore. POMPE CINETICHE: l'applicazione di forza centrifughe sul liquido incrementano dapprima la sua energia cinetica, che è trasformata in energia di pressione attraverso la riduzione della velocità del liquido. Appartengono a questa categorie le pompe di maggior impiego negli impianti industriali, le cosiddette pompe centrifughe. Nelle pompe cinetiche la portata erogata dipende dalla prevalenza. POMPE SPECIALI: tutte quelle pompe che non rientrano direttamente nelle categorie precedenti, o per requisiti specifici o principi di funzionamento particolari. 7

8 SCELTA DELLA POMPA La scelta della pompa da installare dipenderà da: 1) la prevalenza da fornire in funzione della portata di liquido da spostare. Da questo dipendono, oltre che il tipo di pompa, anche le sue dimensioni e la potenza assorbita. 2) il tipo di liquido da pompare (se è corrosivo, presenta solidi sospesi, requisiti igienico sanitari, viscosità, ecc). 3) tipologia dell'organo motore (elettrico, turbina a vapore o gas). 4) tenuta idraulica, nel caso la fuoriuscita di liquido fosse pericolosa per l'ambiente o la salute. 8

9 SCELTA DELLA POMPA Le pompe centrifughe sono adatte per portate elevate per ampi campi di prevalenza (diagramma portata/prevalenza). Le pompe volumetriche sono adatte per liquidi viscosi oppure è necessario raggiungere pressioni elevate (diagramma portata/pressione). 9

10 POMPE CENTRIFUGHE VANTAGGI: Sono di semplice costruzione e impiegati vari materiali. Erogano una portata costante. Possono lavorare ad alte velocità di rotazione (minori dimensioni a parità di portata). Possono trasportare liquidi contenenti solidi sospesi. Per prevalenze elevate servono pompe multigiranti. Presentano la massima efficienza in un campo limitato della curva caratteristica. Possono lavorare con la valvola di mandata chiusa. Non sono adatte a trasportare liquidi molto viscosi. 10

11 ASPETTI COSTRUTTIVI: POMPE CENTRIFUGHE Sistema motore: produce il lavoro meccanico trasformando l'energia primaria. Organi di collegamento: trasferisce il lavoro meccanico del motore alla parte idraulica attraverso l'albero motore. La supportazione può essere su piedini o a sedia, la prima più semplice, la seconda più robusta. In ogni caso, la quasi totalità delle pompe centrifughe è progettata per non dover disconnettere la pompa dalle tubazioni durante gli interventi di manutenzione. Parte idraulica: la girante è contenuta nella voluta. La rotazione della girante impartisce la forza centrifuga al liquido che l'acquisisce come energia cinetica. Dalla girante il liquido passa alla voluta e alla mandata, dove l'allargamento della sezione determina la trasformazione dell'energia cinetica in energia di pressione. Gli organi di tenuta impediscono il trasferimento di liquido dalla parte idraulica al motore attraverso l'albero motore. Il più impiegato è la cosiddetta tenuta meccanica in cui un disco statico e un disco solidale con l'albero sono spinti a contatto fra loro separati da olio lubrificante. Il tutto è completato da anelli di tenuta. 11

12 17 8 Pompa centrifuga 8 7 Pompa centrifuga multigirante Sezione di una pompa centrifuga (con supportazione su piedini): 1 - corpo 1a - bocchello di aspirazione 1b - diffusore 2 - girante 3 - scudo di chiusura della parte idraulica 4 - cassa stoppa (contiene il sistema di isolamento della parte idraulica dall'esterno) 5 - supporto dell'albero (contenente i cuscinetti ed il lubrificante) 6 - albero (collegato ad un motore, generalmente elettrico) trasmette il moto dal motore alla girante. 7 - aspirazione 8 - mandata

13 GIRANTE: è l'elemento principale della pompa. La tipologia dipende anche dalla tipologia/ aggressività del liquido. La curvature delle palette nelle giranti moderne è quasi sempre rivolto nella direzione opposta del flusso. Questo consente pressioni maggiori e perdite di carico minori.

14 Quando il liquido abbandona la girante ed entra nella voluta a sezione di passaggio crescente. Questo determina il rallentamento del liquido, che per l'equazione di Bernoulli determina la trasformazione dell'energia cinetica in energia di pressione. Per avere prevalenze più alte si può inserire tra la girante e la voluta un diffusore, palette statiche che consentono un miglior recupero dell'energia di pressione.

15 Mentre l'ingresso del liquido avviene sempre in direzione assiale, l'uscita può essere in direzione radiale o assiale. La maggior parte delle le pompe centrifughe hanno aspirazione assiale e mandata radiale o tangenziale verso l'alto, ovvero in una direzione radiale (ortogonale) rispetto alla direzione di aspirazione. Nella pompa a flusso assiale il movimento del fluido è assicurato da un'elica intubata, che spinge il fluido stesso come un'elica marina nella stessa direzione dell'ingresso. Di concezione piuttosto recente, sono state utilizzate originariamente nei grandi lavori di bonifica, come idrovore, e in seguito hanno avuto impiego industriale in tutti quei casi in cui veniva richiesta una grande portata (normalmente superiore a 1000 m³/h) a bassa prevalenza (normalmente inferiore a 4 metri). Pompe sommerse: il motore è posto all'interno di un contenitore ermetico per poter installare la pompa sotto il livello del liquido.

16 CAVITAZIONE E NPSH La cavitazione consiste nella formazione di vapore all'interno della pompa. Può portare a gravi danneggiamenti delle apparecchiature meccaniche. È uno degli aspetti più importanti da considerare in una pompa. In una pompa centrifuga, nell'occhio della girante (la sezione di ingresso del liquido) a causa della elevata velocità del liquido c'è un repentino abbassamento della pressione per l'equazione di Bernoulli. Se la pressione scende al di sotto della tensione di vapore del liquido, questo vaporizza. In presenza di vapore la pressione e la portata diventano instabili. Se la pompa è installata in battente negativo (sopra il livello del liquido) non riesce più ad autoadescarsi. Il progettista deve garantire una pressione di alimentazione sufficientemente elevata da garantire che non scenda sotto la tensione di vapore alla temperatura di esercizio, durante il passaggio nella pompa.

17 CAVITAZIONE

18 CAVITAZIONE: DANNEGGIAMENTI Danneggiamento di una girante a causa della cavitazione. La continua formazione e rottura delle bolle di vapore causa erosione della girante e potenziali danni del motore elettrico. Nelle figure sottostanti: vortici di ricircolazione.

19 PRESSIONE DI ASPIRAZIONE La pompa opera in battente negativo. Nel tratto di aspirazione la pressione diminuisca. Calcoliamola con l'equazione di Bernoulli Da cui si ricava ed infine

20 NPSH L'altezza di aspirazione netta positiva disponibile (NPSH d ) è la differenza tra la pressione di un punto generico dell'impianto e la tensione di vapore alla temperatura di esercizio, diviso il peso specifico. Se il punto è l'aspirazione della pompa diventa NPSH d = (P asp -P v )/ per il corretto funzionamento NPSH d > 0 L'altezza di aspirazione netta positiva richiesta (NPSH r ) la caduta di pressione all'interno della pompa, espressa in metri di colonna di liquido. È fornito dai costruttori calcolato con prove sperimentali. NPSH d > NPSH r da cui (P asp -P v )/ NPSH r da cui (P asp / - NPSH d > P v / Esempio 6.2 PAG 172

21 La pompa centrifuga della figura aspira 0,002mc/sec di acqua alla profondità di 4 m. La tubazione del diametro di 4 cm termina sotto al livello del pozzo con una valvola di ritegno. La somma delle perdite di carico (localizzate e continue) è pari a 0,86 m. Alla temperatura di esercizio la tensione di vapore dell'acqua è 2340 Pa. Determinare la pressione di aspirazione e se la pompa possa funzionare, nell'ipotesi che l'npsh r sia di 3m, h 1 + P 1 / + v 2 1 /2g = h asp + P asp / + v 2 asp /2g + y P asp / =h 1 - h asp + P 1 / v 2 asp /2g + y = -4 m + 10,33m -0,13m 0,86m = 5,34 m NPSH d = (P asp P v )/ = 5,34 - (2240 /9800)= 5,10 m> di 3m per cui è dimostrato NPSH d >NPSH r

22 CURVE CARATTERISTICHE DELLA POMPA Sono utilizzate per prevedere il comportamento di una pompa ai diversi regimi. In ascissa si riporta la portata volumetrica. In ordinate le diverse variabili dipendenti dalla portata: prevalenza, rendimento, potenza assorbita e NPSH r. Per ogni portata, queste altre variabili assumeranno valori vincolanti che sono determinati dal grafico.

23 CURVE CARATTERISTICHE DELL'IMPIANTO Il punto di funzionamento ottimale della pompa, ovvero la coppia prevalenza portata possibile, possiamo individuarlo nel punto di intersezione della curva della pompa con la curva caratteristica dell'impianto. Calcoliamola: Definiamo la Prevalenza statica H s = (h 2 -h 1 )+(P 2 -P 1 )/ è una quota fissa dipendente esclusivamente dalle caratteristiche dell'impianto; invece la Prevalenza dinamica H d = (v 22 -v 12 )2g + y è una funzione variabile dipendente dalla portata.

24 PUNTO DI FUNZIONAMENTO DELLA POMPA Se poniamo sullo stesso grafico la curva caratteristica della pompa della prevalenza con la funzione che descrive la prevalenza statica dell'impianto, il punto di incontro ci fornisce il Punto di funzionamento della pompa, la coppia di valori prevalenza portata che consente di svolgere i lavoro richiesto dall'impianto. ESEMPIO 6.3. PAG 175

25 CURVE ISORENDIMENTO Per garantire risparmio energetico e ridurre i rischi di ricircolazione e cavitazione, è importante far lavorare le pompe nelle condizioni di maggior rendimento. Le curve caratteristiche delle pompe sono calcolate su numeri di giri differenti o su diametri differenti. Le diverse curve sono riportate nello stesso grafico.

26 INSTALLAZIONE DELLA POMPA CENTRIFUGA 1) Fissare al suolo la pompa con una piattaforma piana e ancoraggi adeguati alle sollecitazioni meccaniche. 2) Allineamento pompa e motore, periodicamente controllata per evitare distorsioni determinate dall'uso della pompa. 3) Adescare la pompa, ovvero riempirla di liquido e liberata dell'aria. 4) Ridurre al minimo le perdite di carico nella tubazione di aspirazione (diametri troppo piccoli, curve, valvole, apparecchiature di misure, ecc). Questo per avere un NPSH d sufficientemente alto all'aspirazione. 5) Per evitare lo svuotamento, introdurre le valvole di ritegno nelle pompe a battente negativo (sopra il livello del liquido da movimentare) che chiuda la tubazione della aspirazione. 6) Valvole di intercettazione prima e dopo la pompa per sezionare l'impianto in caso di sostituzione della pompa.

27 REGOLAZIONE POMPA CENTRIFUGA 1) La regolazione della portata di una pompa centrifuga si effettua introducendo una valvola di regolazione nella tubazione di mandata. 2) Il regime del motore della pompa è mantenuto costante. 3) L'apertura o la chiusura della pompa cambia la L eq /d della valvola e conseguentemente la curva caratteristica dell'impianto. 4) La regolazione può essere fatta variando il regime del motore elettrico, anche se è una tecnica poco utilizzata (fig. b).

28 REGOLAZIONE POMPE CENTRIFUGHE Misuratore di portata Linea di trasmissione del segnale (pneumatico) Attuatore pneumatico BYPASS di sicurezza

29 POMPE VOLUMETRICHE La portata erogata è teoricamente indipendente dalla prevalenza. In realtà l'aumento di pressione man mano che aumentano i regimi determina modifiche alla portata trasportata. Le pompe volumetriche sono adatte a trasportare liquidi viscosi. Nelle pompe centrifughe, l'aumento di viscosità porta ad un incremento delle perdite di carico e un abbassamento dell'npsh d. Al contrario nelle pompe volumetriche consente un completo riempimento della pompa e migliora l'efficienza. Sono ideali per il dosaggio dei reagenti (pompe dosatrici), per maggior accuratezza nella portata. Sono ideali anche in condizioni di regime variabile (viscosità, temperatura, pressione, composizione, ecc). La pompa centrifuga ha una zona di efficienza ottimale ristretta.

30 POMPE VOLUMETRICHE ALTERNATIVE (O A STANTUFFO) La parte meccanica è un pistone collegato ad un sistema biella manovella, che trasforma il moto rotatorio del motore in alternativo. Il movimento del pistone avviene all'interno di un pistone. Il limite di funzionamento è dato dalla resistenza alla pressione e di tenuta delle parti meccaniche della pompa. Per questo è necessario una valvola di sicurezza sulla mandata. Nel ciclo di funzionamento della pompa possiamo individuare una fase di aspirazione (riempimento della camera) e una di scarico o mandata (svuotamento).

31 POMPE VOLUMETRICHE ALTERNATIVE Pompa simplex a singolo effetto Le tubazioni di mandata e aspirazione sono collegate al pistone attraverso valvole di ritegno. Il grafico mostra la portata erogata di una pompa simplex a semplice effetto.

32 POMPE VOLUMETRICHE ALTERNATIVE Pompa simplex a duplice effetto La camera è divisa in due dal pistone in modo che per ogni movimento alternativo avvenga sia una fase di aspirazione che di mandata. Per avere una portata più costante, è necessario mettere un polmone sulla mandata. La velocità del pistone non deve essere tale da determinare il distacco del liquido dal pistone. Per questo le portate erogate non possono essere elevate. Infatti, non potendo agire sulla velocità del pistone, per elevate portate servono apparecchiature di dimensioni rilevanti, difficilmente gestibili.

33 REGOLAZIONE POMPE ALTERNATIVE In tutte le pompe volumetriche la portata non può essere regolata con valvole sulla mandata, perchè determinerebbero sovrappressioni pericolose per le apparecchiature. La portata erogata dipende solo dal numero di cicli dello stantuffo. La regolazione agendo sulla velocità del pistone è però poco precisa, lenta e complessa. Inoltre non avendo un regime costante, l'efficienza della pompa diminuisce. Si preferisce perciò fare un bypass con valvola di regolazione. La portata in mandata è regolata deviando parte del flusso nel riciclo aprendo la valvola di regolazione. L'eccesso di liquido in mandata torna nella linea di aspirazione. FC: controllo di portata.

34 POMPE ALTERNATIVE A STANTUFFO TUFFANTE

35 POMPE ALTERNATIVE A DIAFRAMMA (MEMBRANA)

36 POMPE VOLUMETRICHE ROTATIVE POMPA AD INGRANAGGI POMPA A LOBI Adatta per liquidi molto viscosi, inadatte per sospensioni abrasive. Fondamentale la precisione della meccanica per evitare il ritorno di liquido dalla parte centrale.

37 POMPE VOLUMETRICHE ROTATIVE La pompa peristaltica trova largo impiego in biotecnologie e come pompa dosatrice.

38 POMPE PER APPLICAZIONI SPECIALI AIR LIFT: il gorgogliamento dell'aria in H t fa diminuire la densità del liquido al suo interno che è spinto verso l'alto dalla pressione idrostatica (Legge di Stevin) del liquido esterno. Oltre a questa possiamo citare anche la vite di Archimede.

39

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE Pompe cinetiche centrifughe ed assiali Prof.ssa Silvia Recchia Classificazione delle pompe In base al diverso modo di operare la trasmissione di energia al liquido le pompe si suddividono in: POMPE CINETICHE

Dettagli

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE)

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) PERDITE DI CARICO NEI TUBI Le tubature comunemente utilizzate in impiantistica sono a sezione circolare e costante, con conseguente velocità del liquido uniforme e

Dettagli

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione)

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) Si utilizzano le pompe, per il sollevamento dell acqua dai pozzi e per inviarla ai serbatoi o inviarla ad una rete di distribuzione e comunque per trasferire l acqua

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Generalità sulle elettropompe

Generalità sulle elettropompe Generalità sulle elettropompe 1) Introduzione Ne esistono diverse tipologie ma si possono inizialmente suddividere in turbopompe e pompe volumetriche. Le prime sono caratterizzate da un flusso continuo

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Macchine Operatrici Nel presente modulo si vogliono fornire cenni circa le principali macchine operatrici impiegate negli impianti

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Macchine operatrici idrauliche

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Macchine operatrici idrauliche UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Macchine operatrici idrauliche Prevalenza Si definisce prevalenza manometrica (H m ) di una pompa l'energia di pressione per unità di peso che

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento.

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento. La scelta della pompa da inserire in un generico impianto di sollevamento (Figura 9-) che debba sollevare un assegnata portata non è univoca se a priori non sono assegnati anche il tipo e il diametro delle

Dettagli

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto Generalità e classificazione Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto MACCHINE PNEUMOFORE BASSE P applicano energia cinetica Elicoidali In base al moto dell aria Centrifughi

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

LA PREVALENZA DI UNA POMPA

LA PREVALENZA DI UNA POMPA LE POMPE Le pompe sono macchine idrauliche operatrici che, ricevendo energia meccanica da un qualsiasi motore, la trasmettono, nella misura consentita dal rendimento del gruppo pompa-motore, motore, al

Dettagli

MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio

MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio Dr. Paradiso Berardo Laboratorio Fluidodinamicadelle delle Macchine Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Generalità Un impianto di pompaggio ha la funzione

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA Stefano Stoppa Definizione Le pompe sono componenti idrauliche che, ricevendo energia meccanica da un qualsiasi motore, la trasmettono al liquido che le attraversa.

Dettagli

PROBLEMA 1. Soluzione

PROBLEMA 1. Soluzione PROBLEMA 1 Prendendo come riferimento la pressione atmosferica di 1013 mbar agente sulla superficie libera di un corso d acqua, risulta che la pressione idrostatica sott acqua raddoppia a una profondità

Dettagli

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile 1 Pompe Le pompe, più propriamente chiamate macchine idrauliche operatrici, sono quei macchinari che, opportunamente azionati da motrici di diverso tipo, comunicano energia ad un fluido per sollevarlo

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

Regolazione delle Pompe Centrifughe. Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali

Regolazione delle Pompe Centrifughe. Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali Regolazione delle Pompe Centrifughe Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali Corso di Laurea in Scienze ed Ingegneria dei Materiali Aggiornamento al 19/09/2006 Ing Amoresano Amedeo

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza Classificazione Portata d acqua Salto lordo Potenza netta Piccola taglia < 10 m 3 /s < 50 m < 5 kw (pico centrali) < 100 kw

Dettagli

La portata teorica corrisponde esattamente al volume fluido spostato dal pistone per il numero delle pistonate nell unità di tempo.

La portata teorica corrisponde esattamente al volume fluido spostato dal pistone per il numero delle pistonate nell unità di tempo. ISTRUZIONI CARATTERISTICHE GENERALI DELLE POMPE DOSATRICI Le pompe dosatrici sono pompe a movimento alternativo. La portata viene determinata dal movimento alternativo del pistone, azionato da un eccentrico

Dettagli

Pompe di circolazione

Pompe di circolazione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe di circolazione

Dettagli

Fisica Tecnica Ambientale

Fisica Tecnica Ambientale Università degli Studi di Perugia Sezione di Fisica Tecnica Fisica Tecnica Ambientale Lezione del aprile 05 Ing. Francesco D Alessandro dalessandro.unipg@ciriaf.it Corso di Laurea in Ingegneria Edile e

Dettagli

Pompe. Testi di Riferimento. Versione: 2.0. Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2014

Pompe. Testi di Riferimento. Versione: 2.0. Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2014 Versione: 2.0 Pompe Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2014 Testi di Riferimento Japikse, D. Centrifugal Pump Design and Performance, ISBN 0-933283-09-1 Pag. 1 Argomenti: Pompe centrifughe pompe assiali Potenza

Dettagli

Valvole di regolazione

Valvole di regolazione Valvole di Regolazione Valvole di regolazione Sono attuatori che servono a modulare la portata di fluido (liquido o gassoso) nei circuiti idraulici Diffusissime nel controllo di processo industriale (es:

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

Le centrali idroelettriche

Le centrali idroelettriche Le centrali idroelettriche 1 Una centrale idroelettrica può definirsi una macchina in grado di trasformare l'energia potenziale dell'acqua, legata al fatto che l'acqua si trova ad un livello superiore

Dettagli

Impianti di sollevamento

Impianti di sollevamento Idraulica Agraria. a.a. 2008-2009 Impianti di sollevamento Idraulica Agraria-prof. A. Capra 1 Impianto di sollevamento Nel campo gravitazionale, per effetto del dislivello piezometrico esistente tra due

Dettagli

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar.

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar. HQ3 Descrizione generale Pompa a palette a cilindrata fissa, idraulicamente bilanciata, con portata determinata dal tipo di cartuccia utilizzato e dalla velocità di rotazione. La pompa è disponibile in

Dettagli

Lezioni di meccanica enologica Prof. Massimo Giubilei

Lezioni di meccanica enologica Prof. Massimo Giubilei Lezioni di meccanica enologica Prof. Massimo Giubilei LE POMPE Le pompe sono macchine idrauliche che trasformano l energia meccanica in energia cinetica o in pressione. Le pompe conferiscono al liquido

Dettagli

Pompa elettrica di alimentazione carburante

Pompa elettrica di alimentazione carburante Pagina 1/8 Pompe elettriche di alimentazione carburante Panoramica del prodotto per l utilizzo universale PRODuCT INFORMATION Veicolo/utilizzo Prodotto PIeRbuRg n. vedere catalogo/cd TecDoc Pompa elettrica

Dettagli

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate Impianti Materie Plastiche Modulo 2 Alimentazione Contenuti 1. Premessa

Dettagli

SILEA SpA - Via Collegio di Spagna 34-40064 Ozzano Emilia (BO) - Italy Tel +39 051 799229 Fax +39 051 799268 e-mail: info@silea.it web: www.silea.

SILEA SpA - Via Collegio di Spagna 34-40064 Ozzano Emilia (BO) - Italy Tel +39 051 799229 Fax +39 051 799268 e-mail: info@silea.it web: www.silea. GRUPPO ELETTRO SERIE 1056 Il Gruppo Elettropompa Silea, serie 1056, è composto da una pompa, da un motore e da una trasmissione meccanica, tutto su di un basamento. L impianto funziona tramite motore elettrico

Dettagli

POMPE DI PROSCIUGAMENTO. Pompe Pneumatiche

POMPE DI PROSCIUGAMENTO. Pompe Pneumatiche POMPE DI PROSCIUGAMENTO Pompe Pneumatiche POMPATE IL VOSTRO BUSINESS Una pompa pneumatica è la scelta ideale quando non si può fallire. È facile da usare, sicura ed è in grado di affrontare praticamente

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

Attuatori pneumatici lineari

Attuatori pneumatici lineari Attuatori pneumatici lineari a semplice effetto a doppio effetto astelo passante tandem a più posizioni ad aste gemellate a corsa breve e compatti Senza stelo rotanti moto generato Attuatori pneumatici

Dettagli

Attuatori oleodinamici

Attuatori oleodinamici Un sistema oleodinamico con regolazione di potenza utilizza come vettore di energia olio minerale, o sintetico, che in prima approssimazione può essere considerato incomprimibile. Un tale sistema comprende

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio

ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio È dato un pozzo con piano campagna H posto a 90 m s.l.m., dal quale l acqua è sollevata verso un serbatoio il cui pelo libero H

Dettagli

CILINDRI OLEODINAMICI

CILINDRI OLEODINAMICI CILINDRI OLEODINMICI I cilindri oleodinamici sono degli attuatori lineari che realizzando la conversione dell energia idraulica in energia meccanica producono una forza e lo spostamento lineare del carico.

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 09 Motori diesel lenti a due tempi A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo Nel motore a due tempi l intero

Dettagli

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh 1 IDRAULICA Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO F S S PsxSxh h F p = pressione p = p = Ps S h/s = Ps h Ps = peso specifico S h = profondità P=0 P=Psxh h Andamento della pressione

Dettagli

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2):

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2): www.barigelli.com www.corimacentrifughe.com ESPOSIZIONE ANALITICA DEI VANTAGGI DELLA TRASMISSIONE IDRAULICA NEI DECANTER CORIMA GROUP 1. REGOLAZIONE EFFICIENTE E UTILIZZO DI BASSI REGIMI DIFFERENZIALI

Dettagli

DISPENSA DI PNEUMATICA

DISPENSA DI PNEUMATICA DISENS DI NEUMTIC 1 RESSIONE La pressione è una grandezza fisica derivata dal rapporto tra forza e superficie. L unità di misura internazionale della pressione è il ascal, anche se è più comodo utilizzare

Dettagli

FreFlow Pompa centrifuga autoadescante

FreFlow Pompa centrifuga autoadescante FreFlow Pompa centrifuga autoadescante FreFlow La pompa centrifuga autoadescante per varie applicazioni SPX Process Equipment ha molti anni di esperienza nella progettazione, produzione e manutenzione

Dettagli

TESTO. Art. 2. Sono abrogati i decreti ministeriali 10 gennaio 1950 e 2 agosto 1956. ALLEGATO

TESTO. Art. 2. Sono abrogati i decreti ministeriali 10 gennaio 1950 e 2 agosto 1956. ALLEGATO Decreto del Presidente della Repubblica n 1208 del 05/09/1966 Modifiche alla vigente disciplina normativa in materia di apparecchi di alimentazione per generatori di vapore aventi potenzialità specifica

Dettagli

SMORZATORI TORSIONALI TREVI

SMORZATORI TORSIONALI TREVI SMORZATORI TORSIONALI TREVI CONSIDERAZIONI GENERALI Per meglio comprendere l utilità e la funzionalità degli smorzatori torsionali, sempre più utilizzati e perfezionati (soprattutto con la diffusione dei

Dettagli

I Applicazione. I Principio di funzionamento. I Disegno e caratteristiche. I Materiali

I Applicazione. I Principio di funzionamento. I Disegno e caratteristiche. I Materiali I Applicazione La gamma dei Dissolutori Triblender si utilizza per la dissoluzione di solidi nei liquidi. Offrono una soluzione ideale nell'industria alimentare per la ricostituzione di latte in polvere,

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO TEMA NR.1 TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI ANNO 2015

SOLUZIONE ESAME DI STATO TEMA NR.1 TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI ANNO 2015 SOLUZIONE ESAME DI STATO TEMA NR.1 TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI ANNO 2015 PREFAZIONE AL TEMA Nella parte sottostante è rappresentato lo schema circuitale dell impianto idraulico, dove, vengono raffigurate:

Dettagli

Uso: USO DELLE POMPE. di Segna Simone. CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_

Uso: USO DELLE POMPE. di Segna Simone. CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_ CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_ di Segna Simone Corso di formazione USO DELLE POMPE Relatore: Simone Segna OBIETTIVI 1. Fornire agli operatori indicazioni teoriche sul

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Idraulica - Impianti.odt

Idraulica - Impianti.odt IDRAULICA Introduzione...3 Proprietà dei fluidi...3 Volume massico o specifico (densità)...3 Massa volumica...3 Densità relativa...3 Peso specifico...3 Viscosità...3 Comprimibilità...3 Idrostatica...4

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Il parametro fondamentale per la valutazione di un compressore alternativo è l efficienza volumetrica: η v = (Portata volumetrica effettiva) / (Volume

Dettagli

Indice. XI Prefazione

Indice. XI Prefazione Indice XI Prefazione 3 Capitolo 1 Introduzione alle macchine a fluido e ai sistemi energetici 3 1.1 Introduzione storica 9 1.2 Fonti di energia 19 1.3 Macchine a fluido e sistemi energetici 25 Capitolo

Dettagli

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014 Termodinamica TD1 In un sistema pistone-cilindro, 1 kg di gas ( = 1,29 ed R * = 190 J/(kg K)) si espande da 5 bar e 90 C ad 1 bar. Nell'ipotesi che la trasformazione

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996

SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996 SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996 PREFAZIONE AL TEMA Nella parte sottostante è rappresentato lo schema circuitale dell impianto idraulico, dove, vengono raffigurate:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI ENERGETICA E MACCHINE Impianti di accumulo mediante pompaggio: caratteristiche generali e peculiarità funzionali Piero Pinamonti 1 Potenza efficiente degli

Dettagli

Sadi Carnot e le macchine termiche. Primi progetti : Giovanni Branca 1629. Un motore perpetuo. Prime macchine a vapore. Evoluzione

Sadi Carnot e le macchine termiche. Primi progetti : Giovanni Branca 1629. Un motore perpetuo. Prime macchine a vapore. Evoluzione Fin dall'antichità i fenomeni termici erano stati utilizzati per produrre movimenti, in particolare utilizzando il vapore: famosi sono i congegni inventati da Erone di Alessandria Sadi Carnot e le macchine

Dettagli

Impianti per il trasferimento di energia

Impianti per il trasferimento di energia Capitolo 2 Impianti per il trasferimento di energia 2.1 2.1 Introduzione In molte zone di un velivolo è necessario disporre di energia, in modo controllato; questo è necessario per molte attività, ad esempio

Dettagli

MOVIMENTO DI GAS (ARIA)

MOVIMENTO DI GAS (ARIA) BONIFICA ACUSTICA: MOVIMENTO DI GAS (ARIA) Affrontiamo questo problema inizialmente esaminando un impianto RCV (raffreddamento, condizionamento, ventilazione) La generazione del rumore Le cause della rumorosità

Dettagli

Introduzione alla oleodinamica

Introduzione alla oleodinamica Introduzione alla oleodinamica CIRCUITI OLEOIDRAULICI Gli impianti oleoidraulici sono sistemi di trasmissione di energia nei quali il vettore è un fluido a limitata comprimibilità. Le funzioni principali

Dettagli

FreFlow. Pompa centrifuga autoadescante

FreFlow. Pompa centrifuga autoadescante FreFlow Pompa centrifuga autoadescante SPX ha molti anni di esperienza nella progettazione, produzione e manutenzione di pompe centrifughe autoadescanti per liquidi contaminati. Sulla base di tale esperienza,

Dettagli

Impianti di produzione e distribuzione di aria compressa

Impianti di produzione e distribuzione di aria compressa Impianti di distribuzione di aria compressa 1 Applicazioni dell aria compressa L impiego dell aria compressa negli stabilimenti è ormai generalizzato per il comando, la regolazione di utenze e come forza

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Aspetti energetici. Capitolo 2

Aspetti energetici. Capitolo 2 Capitolo 2 Aspetti energetici 2.1 2.1 Introduzione Un impianto è costituito da componenti uniti fra di loro tramite collegamenti nei quali avviene un trasferimento di potenza esprimibile attraverso il

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

SUPPORTO INFERIORE. lubrificazione. I principali vantaggi di questo supporto sono i bassi costi di investimento e di manutenzione.

SUPPORTO INFERIORE. lubrificazione. I principali vantaggi di questo supporto sono i bassi costi di investimento e di manutenzione. SUPPORTO INFERIORE Il supporto inferiore Landy Eco è concepito per impedire perdite di lubrificante nell acqua. Si tratta di un supporto autolubrificato e completamente chiuso. Non è necessaria alcuna

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

Prima di analizzare i sistemi di compressione

Prima di analizzare i sistemi di compressione AO automazioneoggi appunti Un aria produttiva appunti L aria compressa è utilizzata in svariate applicazioni ma deve avere caratteristiche operative differenti a seconda della tipologia di impiego: ecco

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Ingegneria Esame di Stato per l Abilitazione all Esercizio della Professione di

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Ingegneria Esame di Stato per l Abilitazione all Esercizio della Professione di Esame di Stato per l Abilitazione all Esercizio della Professione di Ingegnere Traccia di Meccanica Vecchio Ordinamento Sessione: Novembre 2005, 2 a Sessione Descrivere sinteticamente i manovellismi con

Dettagli

CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI

CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI 4.1. Introduzione In questo paragrafo verranno trattate le problematiche relative agli impianti idraulici, limitatamente al caso degli impianti di sollevamento acqua. Si parlerà

Dettagli

Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA. Ing. Antonino Bonanno IMAMOTER-C.N.R.

Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA. Ing. Antonino Bonanno IMAMOTER-C.N.R. Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA in collaborazione con ASCOMAC / CANTIERMACCHINE FEDERUNACOMA / COMAMOTER Milano 10 Luglio 2012 Ing.

Dettagli

Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo. Redazionale tecnico

Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo. Redazionale tecnico Convenienza e sicurezza allo stesso tempo Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo Al lavoro o a casa, la nostra vita è o diventerà sempre più digitale. Ciò nonostante,

Dettagli

Proponente: GIOSUE FEOLA TEL. 3401014152 E-Mail: giosuefeola@libero.it

Proponente: GIOSUE FEOLA TEL. 3401014152 E-Mail: giosuefeola@libero.it Titolo del progetto: STERILIZZATORE ULTRA-FLASH Proponente: GIOSUE FEOLA TEL. 3401014152 E-Mail: giosuefeola@libero.it GENERALITA L idea è quella di realizzare uno sterilizzatore per latte, di nuova concezione,

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45 Schiuma firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 45 Impianti schiuma Una soluzione definitiva in applicazioni dove l acqua non basta. Per la progettazione degli

Dettagli

MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche

MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche Dr. Paradiso Berardo Laboratorio Fluidodinamicadelle delle Macchine Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Generalità Impianti idroelettrici

Dettagli

Dimensionamento di massima di una compressore volumetrico alternativo

Dimensionamento di massima di una compressore volumetrico alternativo Dimensionamento di massima di una compressore volumetrico alternativo Giulio Cazzoli Giugno 2013 v1.0 Si chiede di eettuare il dimensionamento di massima di un compressore volumetrico alternativo che aspiri

Dettagli

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 -

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 - Capitolo 6 Impianto Pneumatico - 6.1 - 6.1 Introduzione In diversi casi è conveniente sfruttare energia proveniente da aria compressa; questo è soprattutto vero quando il velivolo possiede dei motori a

Dettagli

pompe monoblocco con tenuta meccanica

pompe monoblocco con tenuta meccanica pompe monoblocco con tenuta meccanica centrifughe auto adescanti 1 - PRINCIPALI CARATTERISTICHE e sono, rispettivamente, una serie di pompe centrifughe e auto-adescanti, ad asse orizzontale, che offrono

Dettagli

Istruzioni per l uso ed il montaggio. Montaggio ADS

Istruzioni per l uso ed il montaggio. Montaggio ADS ADS La serie ADS è stata progettata sulla base della comprovata serie di ammortizzatori per carichi pesanti LDS da utilizzare su ascensori per persone e carichi. La prova di omologazione garantisce che

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO I GIUNTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO I GIUNTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO I GIUNTI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 I giunti Si definisce giunto un dispositivo capace di rendere solidali tra loro due estremità d'albero in modo tale che l'uno possa trasmettere

Dettagli

Prese d aria supersoniche [1-14]

Prese d aria supersoniche [1-14] Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale Insegnamento di Propulsione Aerospaziale Anno accademico 2011/12 Capitolo 4 sezione a2 Prese d aria supersoniche

Dettagli

Attuatori Idraulici Rotanti

Attuatori Idraulici Rotanti Attuatori Idraulici Rotanti Più di 35 anni d esperienza! Grazie a più di 35 anni d esperienza sul campo abbiamo fornito attuatori idraulici per una vastissima serie di applicazioni. Questo ci permette

Dettagli

Indice. 8 novembre 2015. 1 La similitudine idraulica per le pompe 2. 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3

Indice. 8 novembre 2015. 1 La similitudine idraulica per le pompe 2. 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3 8 novembre 2015 Indice 1 La similitudine idraulica per le pompe 2 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3 3 Pompe inserite in un impianto Esercizi 5 1 1 La similitudine idraulica per le pompe L applicazione

Dettagli

CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE

CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE 1 CICLO RANKINE IL CICLO TERM ODINAM ICO RANKINE E COMPO STO DA Q UATTRO TRASFO RM AZIO NI PRINCIPALI (COMPRESSIO NE, RISCALDAM ENTO, ESPANSIO

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA Sede di Forlì IMPIANTO DI POMPAGGIO PER IL TRAVASO DI LIQUIDI CARBURANTI PER AUTOCARRI DOTATI DI CISTERNA ELABORATO

Dettagli

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE asdf I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA : UN PRIMO SGUARDO 31 March 2012 Introduzione Il seguente articolo vuole essere una prima introduzione a quelli che sono i motori alternativi a combustione

Dettagli

LA SCELTA PIU AFFIDABILE PER MOTORI CON PIU DI 1900 Kw

LA SCELTA PIU AFFIDABILE PER MOTORI CON PIU DI 1900 Kw LA SCELTA PIU AFFIDABILE PER MOTORI CON PIU DI 1900 Kw Anglo Belgian Corporation (ABC) è uno dei principali costruttori di motori diesel a media velocità d'europa. L'azienda ha quasi un secolo di esperienza

Dettagli

POMPE PERISTALTICHE PER OGNI ESIGENZA DI PROCESSO

POMPE PERISTALTICHE PER OGNI ESIGENZA DI PROCESSO POMPE PERISTALTICHE PER OGNI ESIGENZA DI PROCESSO altezza di aspirazione: fino a 9 metri capacità di funzionamento a secco autoadescante senso di rotazione reversibile senza dispositivi di tenuta monitoraggio

Dettagli