Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista."

Transcript

1 In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui non è richiesta alcuna forma di pagamento sono meno del 5% del totale. Negli ultimi anni, per effetto del progressivo invecchiamento della popolazione e delle modificazioni intervenute nella struttura e nel comportamento delle famiglie, i presidi assistenziali a favore degli anziani hanno registrato una significativa espansione, passando dalle unità dei primi anni 90 alle attuali unità. Tuttavia, nonostante tale incremento, appena il 35% degli attuali presidi accettano persone anziane non autosufficienti; incidenza, quest ultima, che registra un valore minimo nel Lazio, dove solo 10 presidi su 249 accettano non autosufficienti (il 4% del totale). I posti letto disponibili nelle strutture residenziali per anziani ammontano ad oltre 234 mila unità (22,2 posti letto ogni anziani). La distribuzione dei posti letto presenta comunque notevoli differenze a livello territoriale: nel Nord si contano infatti 34 posti letto disponibili ogni anziani, contro i 13 del Centro ed i 10 del Mezzogiorno. Le regioni con la più elevata incidenza di posti letto sono il Piemonte (43,1 per mille) e il Friuli Venezia Giulia (38,1); quelle con la minore incidenza sono invece la Calabria (5,8) e la Campania (6,9). 1 The Ageing Society - Ageing and Health Study Group Onlus Via Vespasiano, Roma Tel./Fax:

2 Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. Parallelamente alla crescita dell offerta si è verificato un massiccio afflusso di anziani nelle strutture disponibili. Mentre infatti all inizio degli anni 90 gli anziani ospiti dei presidi socio-assistenziali sfioravano le 176 mila unità, nel 2000 gli stessi hanno superato le 222 mila unità. Gli anziani assistiti risiedono prevalentemente nei presidi del Nord (72,3%) ed in misura minore in quelli del Centro (14,8%) e del Mezzogiorno (12,8%). Tali differenze territoriali sono spiegabili solo in parte con la diversa struttura per età che contraddistingue le aree geografiche del nostro Paese. Il numero di anziani assistiti ogni 10 mila abitanti della stessa fascia di età passa, infatti, da 88 nel Meridione a 152 nel Centro, fino a 325 nel Nord. Un altro aspetto rilevante riguarda l assoluta prevalenza di donne fra gli ospiti anziani dei presidi (76,1% del totale). Anche in questo caso la struttura della popolazione residente, che vede prevalere le donne fra gli anziani, non appare sufficiente a spiegare le differenze di genere nel ricorso ai servizi. Per gli uomini anziani e bisognosi di assistenza infatti la permanenza in famiglia risulta spesso possibile per la presenza di mogli più giovani in grado di fornire loro le cure necessarie. Nel caso delle donne anziane invece è più frequente la condizione di vedove che rende loro difficile la permanenza nelle abitazioni. 2

3 Le tipologie di presidio più diffuse per gli anziani sono le residenze socio-sanitarie e le residenze assistenziali. Le prime presentano un alta valenza sanitaria e accolgono la maggior parte degli ospiti in diverse regioni del Nord e in Toscana; nelle altre regioni ed in particolare in quelle del Mezzogiorno l offerta assistenziale agli anziani è basata principalmente sulle residenze assistenziali, orientate ad accogliere persone autosufficienti. Gli anziani che beneficiano gratuitamente dei servizi offerti dai presidi assistenziali sono meno del 5% del totale, con limitate variazioni fra le ripartizioni geografiche: 4,5% al Nord, 3,8% al Centro e 6,3% al Sud. Per il 62,1% degli assistiti il soggiorno risulta interamente a carico delle famiglie, mentre nel 33% dei casi è prevista una copertura parziale delle spese di carattere sanitario a carico del SSN. Le percentuali di ospiti che ricevono integrazioni alle rette, infatti, sono tendenzialmente più alte all interno delle residenze socio-sanitarie, piuttosto che nelle residenze socio-assistenziali, dove di norma il soggiorno è integralmente a carico degli assistiti. Tenuto conto del reddito medio di una persona anziana e della retta media di un presidio assistenziale, è verosimile ritenere che per almeno il 35-40% degli ospiti le famiglie provvedono a farsi carico di una quota della retta mensile oscillante attorno ai 250 euro. 3

4 Tab.1 Anziani ospiti nei centri socio-assistenziali per sesso e circoscrizione territoriale Circoscrizione territoriale Maschi Femmine v. a. % v. a. % v. a. % Nord , , ,3 Centro , , ,8 Mezzogiorno , , ,8 Italia , , ,0 Tab.2 Anziani ospiti nei centri socio-assistenziali per tipologia di presidio e circoscrizione territoriale Circoscrizione territoriale Nord Centro Mezzogiorno Italia Centro di pronta accoglienza Centro di accoglienza notturna Comunità familiare Comunità socioriabilitativa Comunità alloggio Residenza assistenz. per anziani Residenza sociosanitaria Centro di accoglienza immigrati v.a % 0,1 0,0 0,1 1,2 2,7 36,7 55,8 0,0 3,3 100,0 v.a % 0,2 0,0 0,1 2,5 2,3 58,7 35,6 0,0 0,5 100,0 v.a % 0,3 0,0 0,2 3,6 4,5 68,9 19,2 0,0 3,4 100,0 v.a % 0,1 0,0 0,2 1,7 2,9 44,1 48,1 0,0 2,9 100,0 Altro 4

5 Tab.3 Anziani ospiti nei centri socio-assistenziali per modalità di pagamento e circoscrizione territoriale Circoscrizioni territoriali Nord Centro Mezzogiorno Italia Con retta integrale Con retta parziale A titolo gratuito v.a % 63,9 31,6 4,5 100,0 v.a % 54,8 41,4 3,8 100,0 v.a % 60,7 33,0 6,3 100,0 v.a % 62,1 33,3 4,6 100,0 5

6 Tav.1 - Anziani ospiti nei presidi residenziali socio-assistenziali per genere e regione REGIONI Valori assoluti Valori percentuali Maschi Femmine Maschi Femmine Piemonte ,4 14,5 14,5 Valle D'Aosta ,4 0,4 0,4 Lombardia ,8 21,6 21,0 Trentino-Alto Adige ,4 3,3 3,4 Bolzano-Bozen ,5 1,5 1,5 Trento ,9 1,8 1,8 Veneto ,0 13,7 13,5 Friuli-Venezia Giulia ,1 4,4 4,3 Liguria ,9 4,2 4,1 Emilia-Romagna ,4 10,8 11,2 Toscana ,9 7,4 7,3 Umbria ,0 0,9 1,0 Marche ,1 2,3 2,3 Lazio ,7 4,5 4,4 Abruzzo ,1 1,7 1,8 Molise ,4 0,3 0,4 Campania ,5 1,7 1,9 Puglia ,2 2,5 2,7 Basilicata ,7 0,4 0,5 Calabria ,1 0,8 0,9 Sicilia ,8 3,0 3,2 Sardegna ,9 1,4 1,5 Nord ,4 73,0 72,3 Centro ,8 15,2 14,8 Sud e Isole ,8 11,9 12,8 TOTALE

7 Tav.2 - Anziani ospiti nei presidi residenziali socio-assistenziali per abitanti di 65 anni e oltre, per genere e regione geografica REGIONI Maschi Femmine Piemonte 217,0 472,9 369,6 Valle D'Aosta 218,2 523,4 401,0 Lombardia 163,2 378,5 295,1 Trentino-Alto Adige 294,5 602,2 480,8 Bolzano-Bozen 288,0 604,8 477,8 Trento 300,0 600,0 483,3 Veneto 220,8 476,7 376,2 Friuli-Venezia Giulia 232,2 479,0 385,2 Liguria 130,0 291,7 227,8 Emilia-Romagna 182,9 354,0 283,6 Toscana 115,7 274,3 209,0 Umbria 71,2 149,5 116,6 Marche 85,1 217,8 162,0 Lazio 54,1 145,5 108,0 Abruzzo 107,2 199,2 160,5 Molise 80,4 146,3 118,3 Campania 41,4 63,7 54,6 Puglia 65,5 120,4 97,3 Basilicata 76,8 105,7 93,0 Calabria 40,8 73,6 59,5 Sicilia 58,4 106,3 86,0 Sardegna 95,6 157,9 131,3 Nord 190,7 412,5 324,7 Centro 82,0 202,2 152,5 Sud e Isole 61,8 107,2 88,1 TOTALE 126,0 275,7 214,7

8 per tipologia di presidio e regione geografica Centro di pronta accoglienza Tav.3 - Anziani ospiti nei presidi residenziali socio-assistenziali Centro di Comunità Comunità accoglienza sociofamiliare notturna riabilitativa Residenza Comunità assistenziale alloggio per anziani Residenza socio- Centro di sanitaria accoglienza per immigrati anziani Altro VALORI ASSOLUTI Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Bolzano-Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Sud e Isole TOTALE

9 VALORI PERCENTUALI Piemonte 0,0 0,0 0,1 0,7 4,6 86,1 7,9 0,0 0,6 100 Valle D'Aosta 0,0 0,0 0,0 2,3 0,0 84,7 13,0 0,0 0,0 100 Lombardia 0,2 0,0 0,0 3,5 0,8 14,4 79,8 0,0 1,4 100 Trentino-Alto Adige 0,1 0,2 0,0 0,4 2,5 17,4 76,3 0,0 3,0 100 Bolzano-Bozen 0,1 0,2 0,0 0,4 2,5 17,4 76,3 0,0 3,0 100 Trento 0,1 0,2 0,0 0,4 2,5 17,4 76,3 0,0 3,0 100 Veneto 0,2 0,0 0,3 0,0 0,9 26,3 63,0 0,0 9,3 100 Friuli-Venezia Giulia 0,0 0,0 0,7 0,4 4,1 37,6 52,5 0,2 4,4 100 Liguria 0,0 0,0 0,0 0,1 8,1 39,6 41,2 0,0 11,1 100 Emilia-Romagna 0,0 0,0 0,2 0,0 3,7 29,7 66,4 0,1 0,0 100 Toscana 0,1 0,1 0,2 2,2 0,4 38,8 57,6 0,0 0,7 100 Umbria 0,0 0,0 0,0 3,0 6,9 62,7 27,0 0,0 0,4 100 Marche 0,1 0,0 0,0 0,7 0,6 76,3 22,4 0,0 0,0 100 Lazio 0,4 0,0 0,0 3,9 5,4 81,9 7,9 0,0 0,4 100 Abruzzo 0,0 0,0 0,0 3,4 0,0 53,1 40,3 0,0 3,2 100 Molise 0,0 0,0 0,0 4,1 0,5 83,4 7,4 0,0 4,6 100 Campania 0,0 0,0 0,0 4,9 0,0 75,4 15,1 0,0 4,5 100 Puglia 0,3 0,0 0,2 7,2 3,1 67,9 21,0 0,0 0,2 100 Basilicata 0,0 0,0 0,0 8,3 0,0 76,0 15,4 0,0 0,3 100 Calabria 0,0 0,0 0,0 3,4 5,0 41,6 47,1 0,0 3,1 100 Sicilia 0,3 0,0 0,2 0,7 4,9 80,3 10,5 0,0 3,0 100 Sardegna 1,7 0,0 1,2 0,0 19,2 67,5 0,8 0,0 9,5 100 Nord 0,1 0,0 0,1 1,2 2,7 36,7 55,8 0,0 3,3 100 Centro 0,2 0,0 0,1 2,5 2,3 58,7 35,6 0,0 0,5 100 Sud e Isole 0,3 0,0 0,2 3,6 4,5 68,9 19,2 0,0 3,4 100 TOTALE 0,1 0,0 0,2 1,7 2,9 44,1 48,1 0,0 2,9 100

10 Tav.4 - Anziani ospiti nei presidi residenziali socio-assistenziali per tipologia di presidio, settore del titolare e regione REGIONI Residenza assistenziale per anziani Residenza socio-sanitaria per anziani presidi residenziali per anziani Pubblico Non profit Profit Pubblico Non profit Profit Pubblico Non profit Profit (1) Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Bolzano-Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Sud e Isole TOTALE (1) Il numero complessivo di anziani riportato in questa tavola è inferiore al valore indicato nelle tavole 1 e 3, poiché non sono compresi gli anziani ospiti nelle altre tipologie di presidio. Tav.4 (segue) - Anziani ospiti nei presidi residenziali socio-assistenziali per tipologia di presidio, settore del titolare e regione (valori percentuali)

11 REGIONI Residenza assistenziale per anziani Residenza socio-sanitaria per anziani presidi residenziali per anziani Pubblico Non profit Profit Pubblico Non profit Profit Pubblico Non profit Profit Piemonte 42,7 37,7 19, ,8 15,2 20, ,5 35,8 19,7 100 Valle D'Aosta 49,8 50,2 0, ,0 0,0 0, ,5 43,5 0,0 100 Lombardia 65,8 29,6 4, ,6 31,5 6, ,2 31,2 6,6 100 Trentino-Alto Adige 79,9 20,1 0, ,5 7,9 0, ,4 10,2 0,5 100 Bolzano-Bozen 79,9 20,1 0, ,5 7,9 0, ,4 10,2 0,5 100 Trento 79,9 20,1 0, ,5 7,9 0, ,4 10,2 0,5 100 Veneto 51,3 41,8 6, ,4 28,6 3, ,4 32,5 4,1 100 Friuli-Venezia Giulia 54,1 16,2 29, ,1 13,2 3, ,0 14,4 14,6 100 Liguria 43,5 38,9 17, ,2 42,9 15, ,3 40,9 16,8 100 Emilia-Romagna 23,4 33,3 43, ,8 12,7 21, ,7 19,0 28,3 100 Toscana 25,5 61,3 13, ,7 24,8 22, ,7 39,5 18,8 100 Umbria 49,3 40,7 10, ,5 46,1 8, ,1 42,4 9,5 100 Marche 72,6 21,4 6, ,4 0,6 0, ,6 16,7 4,7 100 Lazio 28,4 63,5 8, ,3 67,1 15, ,4 63,8 8,8 100 Abruzzo 50,5 44,7 4, ,1 21,6 16, ,5 34,7 9,8 100 Molise 27,6 41,8 30, ,0 100,0 0, ,3 46,6 28,1 100 Campania 27,5 46,8 25, ,6 0,0 88, ,8 39,0 36,2 100 Puglia 28,0 60,6 11, ,9 43,3 34, ,5 56,5 17,0 100 Basilicata 27,0 68,5 4, ,9 22,1 0, ,6 60,7 3,7 100 Calabria 22,3 58,0 19, ,0 72,2 23, ,6 65,5 21,9 100 Sicilia 33,7 54,5 11, ,1 65,9 0, ,8 55,8 10,4 100 Sardegna 28,7 66,9 4, ,0 100,0 0, ,3 67,3 4,3 100 Nord 45,7 35,3 19, ,2 24,9 9, ,0 29,0 12,9 100 Centro 37,6 52,9 9, ,5 26,2 19, ,0 42,8 13,2 100 Sud e Isole 31,8 55,1 13, ,5 40,0 27, ,0 51,8 16,2 100 TOTALE 41,3 42,7 15, ,2 25,8 11, ,7 33,9 13,4 100 Tav.5 - Anziani ospiti nei presidi residenziali socio-assistenziali per tipologia di presidio, modalità di pagamento e regione

12 REGIONI Residenza assistenziale per anziani Residenza socio-sanitaria per anziani presidi residenziali per anziani integrale parziale A titolo gratuito integrale parziale A titolo gratuito integrale parziale A titolo gratuito Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Bolzano-Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Sud e Isole TOTALE (1) Il numero complessivo di anziani riportato in questa tavola è inferiore al valore indicato nelle tavole 1 e 3, poiché non sono compresi gli anziani ospiti nelle altre tipologie di presidio. (1) Tav.5 (segue) - Anziani ospiti nei presidi residenziali socio-assistenziali per tipologia di presidio, modalità di pagamento e regione (valori percentuali)

13 REGIONI Residenza assistenziale per anziani Residenza socio-sanitaria per anziani presidi residenziali per anziani integrale parziale A titolo gratuito integrale parziale A titolo gratuito integrale parziale A titolo gratuito Piemonte 71,2 21,2 7, ,6 45,3 6, ,3 23,3 7,4 100 Valle D'Aosta 48,6 51,1 0, ,0 53,0 1, ,2 51,3 0,5 100 Lombardia 73,9 24,1 2, ,1 23,6 3, ,2 23,7 3,1 100 Trentino-Alto Adige 28,6 71,0 0, ,0 62,1 7, ,8 63,7 6,5 100 Bolzano-Bozen 28,6 71,1 0, ,0 62,1 7, ,8 63,7 6,5 100 Trento 28,6 71,0 0, ,0 62,1 7, ,8 63,7 6,5 100 Veneto 55,6 35,8 8, ,7 35,2 3, ,9 35,4 4,7 100 Friuli-Venezia Giulia 70,7 24,8 4, ,8 52,5 0, ,8 40,9 2,3 100 Liguria 70,3 25,2 4, ,0 45,8 12, ,8 35,7 8,5 100 Emilia-Romagna 79,6 19,0 1, ,6 46,1 2, ,3 37,7 2,0 100 Toscana 61,9 35,7 2, ,6 61,8 2, ,2 51,3 2,5 100 Umbria 45,3 54,6 0, ,8 65,6 0, ,8 57,9 0,3 100 Marche 69,3 22,9 7, ,0 30,3 0, ,3 24,6 6,2 100 Lazio 67,5 29,8 2, ,3 27,7 36, ,8 29,6 5,6 100 Abruzzo 76,5 21,2 2, ,3 38,6 9, ,0 28,7 5,2 100 Molise 84,3 14,5 1, ,9 11,1 0, ,6 14,2 1,2 100 Campania 71,9 21,2 6, ,9 11,8 21, ,0 19,6 9,3 100 Puglia 69,4 24,9 5, ,7 35,0 20, ,6 27,3 9,1 100 Basilicata 53,9 45,9 0, ,6 91,4 0, ,3 53,5 0,2 100 Calabria 31,6 65,4 2, ,2 82,8 0, ,4 74,7 1,9 100 Sicilia 55,3 36,9 7, ,5 44,8 0, ,3 37,8 6,9 100 Sardegna 70,0 28,2 1, ,4 51,6 0, ,8 28,5 1,7 100 Nord 69,1 25,2 5, ,5 35,8 3, ,9 31,6 4,5 100 Centro 64,5 32,1 3, ,8 56,8 4, ,8 41,4 3,8 100 Sud e Isole 64,9 29,9 5, ,5 44,3 10, ,7 33,0 6,3 100 TOTALE 67,4 27,5 5, ,3 38,6 4, ,1 33,3 4,6 100

14 Tav.6 - Ospiti accolti nel 1999 nei presidi residenziali socio-assistenziali per anziani, per genere, tipologia di presidio e regione REGIONI Residenza assistenziale per anziani Residenza sociosanitaria per anziani Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Bolzano-Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Sud e Isole TOTALE

15 Tav.7 - Ospiti dimessi nel 1999 dai presidi residenziali socio-assistenziali per anziani, per genere, tipologia di presidio e regione REGIONI Residenza assistenziale per anziani Residenza sociosanitaria per anziani Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Bolzano-Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Sud e Isole TOTALE

16 Tav.8 - Ospiti deceduti nel 1999 presso i presidi residenziali socio-assistenziali per anziani, per genere, tipologia di presidio e regione REGIONI Residenza assistenziale per anziani Residenza sociosanitaria per anziani Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Bolzano-Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Sud e Isole TOTALE

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche Appendice Dati statistici Segnalazioni bibliografiche I programmi delle sette giornate ATTI DEL CICLO DI INCONTRI DI SENSIBILIZZAZIONE manco Dati statistici Le elaborazioni proposte attingono le informazioni

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Capitolo 4. Assistenza e previdenza sociale

Capitolo 4. Assistenza e previdenza sociale Capitolo 4 Assistenza e previdenza sociale 4. Assistenza e previdenza sociale Per saperne di più... Istat I.stat il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Il sistema

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con il nuovo sistema elettorale INIZIO / I seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO: DAI VOTI ESPRESSI SUL TERRITORIO NAZIONALE:

Dettagli

Sondaggio CIMO ASMD 2013

Sondaggio CIMO ASMD 2013 Sondaggio CIMO ASMD 2013 Dati invio: target (Welfarelink) Tipologia Numeriche Medico Ospedaliero 97.065 Continuità Assistenziale 2.542 Medicina Territoriale 3.929 Medico in Casa di Cura 7.280 Totale 110.816

Dettagli

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora?

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Salute e Sud Regioni italiane: offerta sanitaria e condizioni di salute Report n. 7/2010 REGIONI ITALIANE: OFFERTA SANITARIA E CONDIZIONI DI D SALUTE Per il

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Italia divisa: le disomogeneità territoriali nella gestione dell anziano fragile sul territorio

Italia divisa: le disomogeneità territoriali nella gestione dell anziano fragile sul territorio Simposio SIGG-AGE La fragilità della Geriatria Italia divisa: le disomogeneità territoriali nella gestione dell anziano fragile sul territorio Dott. Gianluca Isaia Nel 2011 gli ultrasessantacinquenni in

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Caratteristiche generali dell'indagine L indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali e socio-sanitari, prevista dal Programma

Dettagli

Contesto e risorse - Popolazione scolastica

Contesto e risorse - Popolazione scolastica Contesto e risorse - Popolazione scolastica Provenienza socio-economica e culturale degli studenti e caratteristiche della popolazione che insiste sulla scuola (es. occupati, disoccupati, tassi di immigrazione).

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Padova, 19 marzo 2014 Pierluigi Sodini Definizione L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO

QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO IL PROGETTO Premessa' Il#Progetto#COOPSTARTUP#Marche#è#promosso#da#Legacoop(Marche((www.legacoopmarche.coop# =#Associazione#che#rappresenta#oltre#300#cooperative#marchigiane#e#che#ha#lo#scopo#di#tutelare#e#

Dettagli

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 PIEMONTE 603 1.127 87.148.771 13,0 144.525 VALLE D'AOSTA 80 88 1.490.121 0,2 18.627 LOMBARDIA 1.503 2.985 280.666.835 41,8 186.738 PROV. AUT. BOLZANO 1 1 31.970

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H02 102 4.663 6.145 159.302,40 51.697,76 Basilicata H03 102 9.222 12.473 252.025,98 136.892,31 Basilicata H04 102 3.373 3.373 230.650,00

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 31 DICEMBRE Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 3 Settore Famiglie e società Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini Indagine Multiscopo sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA

IL MATRIMONIO IN ITALIA IL MATRIMONIO IN ITALIA Anno 2012 Fonte: rapporto ISTAT del 13 novembre 2013 (htttp://www.istat.it) Nel 2012 sono stati celebrati in Italia 207.138 matrimoni (3,5 ogni 1.000 abitanti), 2.308 in più rispetto

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Statistica e Osservatori LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA. In Generale. Coordinamento editoriale:

Statistica e Osservatori LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA. In Generale. Coordinamento editoriale: Statistica e Osservatori NOTIZIESTATISTICHE Numero 7 - Novembre 2007 (Estratto dal Comunicato Stampa di Istat sulle Agrituristiche del 16 novembre 07) LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA L Istat

Dettagli

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015 INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 197-15 Giulia Zigon, Roberta Ciampichini, Gemma Gatta, Enrico Grande, Silvia Francisci, Roberta De Angelis,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani : sono 147.130 i giovani che si sono registrati, 25.653 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 12.728 hanno già

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

L'interesse e la tutela del minore tra processo ed evoluzione sociale. PROF. DANIELE PETROSINO Bari 06/04/2009

L'interesse e la tutela del minore tra processo ed evoluzione sociale. PROF. DANIELE PETROSINO Bari 06/04/2009 L'interesse e la tutela del minore tra processo ed evoluzione sociale PROF. DANIELE PETROSINO Bari 06/04/2009 I Principi Art. 1. 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 30 SETTEMBRE 2013 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione

Dettagli

SCHEDA Fondo Pensione Perseo

SCHEDA Fondo Pensione Perseo SCHEDA, costituito con atto notarile il 21 dicembre 2010, iscritto all albo tenuto dalla COVIP con il n. 164, è il Fondo nazionale di pensione complementare per i lavoratori delle Regioni, Autonomie Locali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 22 dicembre #economia Rassegna stampa TG3 RAI FVG 20dic2015 Messaggero Veneto 20dic2015 Il Piccolo 20dic2015 Gazzettino 20dic2015 La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 Nell ultimo decennio

Dettagli

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative Pierluigi Sodini L impegno del sistema camerale per le start up innovative DEFINIZIONE L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre 2012 n.179, convertito con modificazioni nella legge 17 dicembre

Dettagli

MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010 STATISTICHE AL 31 DICEMBRE 2012 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale di Statistica

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici Walter Ricciardi Direttore Istituto di Igiene UCSC e Osservatorio Nazionale sulla salute nelle Regioni Italiane Il diagramma di Ishikawa

Dettagli

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva Un panorama del mercato del leasing in Italia realizzato in collaborazione con LOCAT Leasing e redatto dall Ufficio Studi FIMAA Milano su elaborazioni Nomisma su dati Assilea. Il leasing immobiliare: nel

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani, i nuovi dati: sono 169.076 i giovani che si sono registrati, 36.566 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 23.469 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

I NUMERI DELLE DONNE

I NUMERI DELLE DONNE 1. Laureati anno solare 2009 per genere e area di studi Atenei provincia di Milano 2. Scuole, classi e studenti delle scuole secondarie di secondo grado per regione. Anno scolastico 2009/2010 3. Iscritti

Dettagli

ANALFABETISMO Italia - Censimento 2001 Cinque Grandi Ripartizioni Geografiche e Venti Regioni Indagine statistica di VINCENZO D APRILE

ANALFABETISMO Italia - Censimento 2001 Cinque Grandi Ripartizioni Geografiche e Venti Regioni Indagine statistica di VINCENZO D APRILE 1 ANALFABETISMO Cinque Grandi Ripartizioni Geografiche e Venti Regioni Indagine statistica di VINCENZO D APRILE ********************* In un recente lavoro per la Rivista Telematica Educazione&Scuola, analizzando

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione H02 102 3.244 4.234 prestazioni 106.541,38 39.721,59 Basilicata H03 102 6.820 9.139 183.359,67 103.341,43 Basilicata H04 102 2.243 2.243 150.815,00

Dettagli

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento 12 febbraio 2007 Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento Anni 2004-2005 All indirizzo web demo.istat.it l Istat rende disponibili i principali risultati delle rilevazioni sui Matrimoni celebrati

Dettagli

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei Giuliano Noci Roma, 18 Giugno 2014 L offerta dei servizi di egovernment: i pagamenti multicanale Toscana 30% 7% 10% 53% Emilia-Romagna

Dettagli

Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI: UN ANALISI TERRITORIALE

Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI: UN ANALISI TERRITORIALE 12 novembre 2013 Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI: UN ANALISI TERRITORIALE Nel 2011 la spesa per prestazioni pensionistiche è stata di 265.976 milioni di euro. A livello regionale l incidenza

Dettagli