La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale"

Transcript

1 La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale La valutazione dei ruoli mira all identificazione delle caratteristiche e del peso di ciascun ruolo all interno dell azienda. Misura quanto valgono i compiti, le responsabilità, le competenze e i risultati richiesti al ruolo e si valuta analizzandone la complessità. È uno strumento che interpreta le richieste organizzative e riconosce/valorizza le professionalità delle persone in azienda, rappresentando la base sulla quale costruire in maniera coerente i diversi sistemi di gestione delle persone. L utilizzo di strumenti di valutazione dei ruoli in azienda risale a diversi decenni orsono; decenni nei quali le aziende hanno subito notevoli evoluzioni (nuove tecnologie, globalizzazione dei mercati, struttura del lavoro più flessibile, accrescimento della complessità dei ruoli, appiattimento organizzativo, aumento della rapidità dei cambiamenti, ecc.). Recentemente OD&M ha svolto una survey tesa a indagare l attualità della valutazione dei ruoli e la sua capacità di essere un efficace supporto nella gestione delle persone, flessibile e coerente con le mutate necessità dell organizzazione. L autore Paola Cannarile, Senior Consultant OD&M Consulting Il contesto e la premessa della ricerca Le organizzazioni si trovano a fronteggiare cambiamenti di contesto sempre più rapidi e discontinui: globalizzazione dei mercati, multiculturalità, nuovi business, sviluppi delle tecnologie, evoluzione delle logiche di comunicazione, ecc. Hanno conseguentemente la necessità di trovare nuove forme organizzative e nuovi sistemi di gestione delle persone e della loro professionalità, in grado di sostenere la capacità aziendale di competere agilmente in contesti in continua evoluzione. OD&M si è chiesta, attraverso un indagine rivolta alle direzioni del personale, come possa dare risposta a tale esigenza uno dei più classici strumenti di gestione del personale: la Job Evaluation. La scelta di sondare questo strumento HR, che indubbiamente non è né recente né originale nel suo fine primario ossia interpretare le richieste organizzative e misurare, riconoscere e valorizzare la professionalità, l importanza, la complessità e il contributo richiesti ai ruoli in azienda, è dettata dalla convinzione che un sistema di analisi e valutazione dei ruoli, non solo continui a mantenere la sua validità per l azienda, ma diviene per essa ancora più vitale a condizione che sappia interpretare le mutate esigenze organizzative divenendo la base per una gestione flessibile e organica di più processi di gestione del personale. La metodologia di valutazione dei ruoli Come è noto, quando in azienda si parla di valutazione HR nella sua accezione più ampia si fa riferimento essenzialmente alla valutazione dei ruoli organizzativi (misura dei risultati attesi da un ruolo), alla valutazione delle prestazioni (misura dei risultati effettivamente conseguiti dalla persona in un periodo passato determinato) o alla valutazione del potenziale (stima dei risultati che una persona potrebbe conseguire in futuro). La capacità di un organizzazione di valutare, misurare 45

2 Paola Cannarile e monitorare il proprio operato è il presupposto fondamentale di governo manageriale. La valutazione, quindi, è uno strumento di diagnosi per il miglioramento complessivo dell efficacia dell organizzazione, in quanto rende esplicito e qualifica il valore di ciò che si richiede alle persone (caratteristiche personali, comportamenti, responsabilità di ruolo, compiti della posizione organizzativa o risultati auspicati). Tuttavia quando i manager in azienda non professionisti della funzione del personale pensano il processo di valutazione spesso si riferiscono a un concetto che si focalizza molto sulla prestazione, su come ha lavorato la persona, sottintendendo le richieste che hanno generato quella prestazione ( attese di ruolo) e, in alcuni casi, facendo assunzioni su come la persona potrebbe lavorare in futuro o in un altro ruolo (potenzialità della persona). Circoscrivendo l ambito di analisi, l oggetto di studio è la valutazione dei ruoli (o Job Evaluation), ossia quel processo di gestione manageriale che, dando una lettura dell organizzazione, definisce il peso o il valore relativo di una posizione in termini di contenuti (competenze, responsabilità, attività e relazioni) e di complessità organizzativa. Da ciò si desume che oggetto della valutazione è il ruolo, indipendentemente dal merito individuale, dalle caratteristiche personali, dalle potenzialità o dal livello di prestazione espressi dalla persona che lo ricopre. La valutazione dei ruoli, quindi, costituisce il tentativo più compiuto (e più discusso) di elaborare un metodo di classificazione oggettivo e sistematico che descrive la struttura organizzativa e gli obiettivi aziendali attuali e previsti. Questa sua funzione la rende il prerequisito conoscitivo per le altre due altrettanto importanti valutazioni organizzative: delle prestazioni e del potenziale. Come è stata condotta l indagine Lo studio ha sondato le prassi aziendali (in atto, passate o previste per il futuro) attraverso una web survey sul tema condotta nel mese di febbraio e che ha coinvolto oltre 80 aziende. L indagine ha permesso di rilevare cosa pensano le aziende che stanno valutando l implementazione di un sistema di valutazione dei ruoli e quelle che hanno già sperimentato il suo utilizzo identificandone le diverse modalità di approccio e di gestione. L analisi si è posta l obiettivo di effettuare una rilettura delle finalità teoriche di questo strumento ed esprimere i risultati emersi al fine di identificare le principali tendenze per il futuro. Quanto è sentito il tema nelle aziende Per quanto annunciato nelle sue finalità teoriche, la valutazione dei ruoli costituisce un prerequisito conosciti- Settore Di appartenenza dimensione aziendale nazionalità Composizione del campione di aziende rispondenti vo chiave per la costruzione di altri strumenti di gestione delle risorse umane. Il primo elemento di analisi è stato quindi comprendere quanto il tema è sentito nelle aziende. Dotarsi di un sistema di valutazione dei ruoli sembra essere un tema abbastanza caldo tra i rispondenti all indagine: il 38% ha attualmente in uso un sistema di valutazione dei ruoli e il 39% ha intenzione di implementarne uno. Soltanto il 6% non ha, e non ha in previsione di implementare, tale strumento; tuttavia non emergono motivazioni univoche su tale scelta (alcuni motivi indicati sono: costi di implementazione, gestione onerosa, strumento non adatto/obsoleto, resistenza della dirigenza alla sua introduzione). Infine il 17% delle aziende rispondenti ha utilizzato in passato la valutazione dei ruoli ma l ha abbandonata per via di una gestione onerosa (57%) e dell obsolescenza dello strumento (43%). Per correttezza metodologica, si può inoltre supporre che anche la non adesione all indagine possa essere indicatore dello scarso interesse verso il tema. 46

3 La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale DIFFUSIONE DEI SISTEMI DI VALUTAZIONE TRA LE AZIENDE RISPONDENTI Quando è caldo il tema Le finalità Le finalità teoriche che la valutazione dei ruoli si prefigge possono essere molteplici in funzione di quali aspetti della gestione delle persone in azienda vogliono governare. Tuttavia è possibile raggrupparle in tre tipologie. Finalità retributiva Una corretta valutazione dei ruoli fornisce un fondamento solido alle scelte di politica retributiva dell azienda. Questa è, infatti, la finalità che storicamente si attribuisce allo strumento, cioè garantire un livello retributivo equiparabile per ruoli che hanno la stessa importanza all interno dell organizzazione e che, pur svolgendo mansioni diverse, concorrono in egual misura al successo dell azienda. L assunto è che a parità di valore del ruolo dovrebbe corrispondere una retribuzione non eccessivamente dissimile. La gestione di sistemi di compensation in azienda attraverso la valutazione dei ruoli garantisce: equità esterna o competitività sul mercato, ossia la determinazione della giusta retribuzione rispetto ai ruoli analoghi fuori dal contesto aziendale; equità interna, ossia, la determinazione della giusta differenza di retribuzione tra ruoli differenti per responsabilità e importanza in azienda. Ponendo la struttura delle retribuzioni sotto il governo della gerarchia organizzativa è possibile attuare un processo di internalizzazione del mercato del lavoro attraverso la classificazione dei ruoli come base della costruzione di una struttura retributiva aziendale, nella quale i livelli retributivi di mercato diventano non più un riferimento assoluto ma un punto di controllo della competitività delle retribuzioni, che seguono tuttavia una loro coerenza interna basata su fattori che hanno valore per l azienda. Finalità sviluppo professionale Il sistema di valutazione dei ruoli, assunto come identificazione delle professionalità richieste, può essere la base per delineare le opportunità di carriera disponibili in azienda attraverso la definizione di competenze o requisiti richiesti ai ruoli e per determinare le aree di sviluppo o formative individuali, attraverso la rilevazione del gap tra competenze e capacità richieste al ruolo ricoperto o un nuovo ruolo e quelle espresse dalla persona. È possibile ipotizzare dei percorsi di carriera, legati allo sviluppo di competenze o di requisiti, evidenziati dalla valutazione dei ruoli, assunti come livelli minimi (o d ingresso) che segnano il passaggio da un ruolo all altro. Inoltre la struttura di classificazione dei ruoli consente di esplicitare i percorsi di carriera possibili in azienda (verticali e orizzontali). Finalità organizzativa La valutazione dei ruoli costringe a individuare e a dichiarare quali siano le componenti organizzative (attività, responsabilità, risultati, ecc.) e quelle professionali (capacità, competenze, relazioni, ecc.) attese per ciascun ruolo, portando quindi a una maggiore chiarezza organizzativa. Inoltre, l esplicitazione delle caratteristiche di ruolo, che la valutazione comporta, può essere anche il fondamento per individuare gli indicatori di misura in un sistema di valutazione della prestazione (KPI). Non a caso valutare la prestazione significa misurare l azione svolta dalle persone rispetto alle attese legate al ruolo ricoperto; attese che si possono ricondurre a un cosa (risultati, attività e responsabilità) e a un come (comportamenti, conoscenze e competenze necessarie per raggiungere tali risultati). Analizzando le principali finalità indicate dalle aziende in una logica di confronto tra le prassi legate al passato e le tendenze per il futuro, si ha una sostanziale tenuta 47

4 Paola Cannarile Equità interna 71% PRASSI LEGATE AL PASSATO Equità esterna 58% Sviluppo/percorsi di carriera 58% Le principali finalità Chiarezza organizzativa 52% dell equità interna (da 71% a 69%), una diminuzione di interesse per l equità esterna (da 58% a 44%) e ciò può essere spiegato dalle diminuite tensioni sul mercato del lavoro, mentre le finalità legate allo sviluppo professionale e alla chiarezza organizzativa registrano un aumento di importanza (rispettivamente passano da 58% a 66% e da 52% a 72%). Le metodologie di analisi dei ruoli utilizzate Non esiste probabilmente un metodo che permetta di valutare in modo perfetto il contenuto di un ruolo (tutti i sistemi disponibili necessariamente sacrificano qualcosa delle specificità della singola organizzazione e, in qualche modo, rimangono in parte legati alla soggettività dei valutatori); ma ai metodi di valutazione dei ruoli va sicuramente riconosciuto il merito di essere sistematici e di dare ordine in termini di maggiore o minore importanza. Seppur con differenze di approccio, tutti i metodi di valutazione dei ruoli si fondano sui seguenti principi per la comparazione: principio della rarità, per cui un ruolo è tanto più rilevante quanto più esso richiede investimenti formativi, competenze e conoscenze complesse e attitudini particolari (si tratta di ruoli critici per la difficoltà di reperimento sul mercato del lavoro); principio delle attività, per cui un ruolo è tanto più rilevante quanto più la sua complessità è elevata e richiede quindi iniziativa personale, capacità di giudizio, versatilità, abilità di analisi e sintesi; principio dell importanza, per cui un ruolo è tanto più importante quanto più, in funzione del grado di responsabilità per il raggiungimento degli obiettivi, sono rilevanti i risultati dei compiti svolti per l andamento dell organizzazione. Equità interna 69% TENDENZE PER IL FUTURO Equità esterna 44% Sviluppo/percorsi di carriera 66% Chiarezza organizzativa 72% I metodi di valutazione dei ruoli in letteratura sono suddivisi in: approcci quantitativi (che prevedono una metrica mediante la quale è possibile ottenere un risultato che misura numericamente le differenze d importanza relativa tra i ruoli) e approcci non quantitativi (che, per contro, non forniscono indicazioni circa il quantum di differenza tra i vari ruoli); approcci globali (in cui la determinazione del valore di un ruolo è realizzata considerando il ruolo nel suo complesso) e metodi più analitici (che scompongono il ruolo nei singoli elementi che lo caratterizzano; spesso si tratta di analisi legate a tecnicismi e meccanismi di calcolo sofisticati la cui condivisione risulta più difficile effetto black box). Secondo queste due logiche di suddivisione si possono individuare cinque tipologie di metodi per la valutazione dei ruoli come illustrato nello schema seguente. Whole Job Ranking!on %&an(ta(*i Paired Comparison Le metodologie di valutazione dei ruoli Role 0la11i2ca(on %&an(ta(*i Factor Comparison Point Factor Nella tabella a pagina seguente, inoltre, per ciascun metodo sono brevemente indicate le principali caratteristiche. Per quanto riguarda le metodologie di analisi utilizzate il campione mostra che vi è una tendenza a ricorrere a metodi di role classification (da 29% a 50%) rispetto a metodi point factor (da 64% a 32%). Meno utilizzati sono i metodi di job ranking che, per loro natura, possono essere applicati solo a organizzazioni poco complesse (da 7% a 18%). Le aziende, inoltre, preferiscono affidarsi a metodologie riconosciute dal mercato (68%), che garantiscono la possibilità di fare confronti di benchmark esterno, offrono una maggiore affidabilità/solidità del metodo e danno maggior senso di oggettività dello stesso. Alcune aziende preferiscono costruire un proprio sistema di valutazione dei ruoli (32%) e ciò probabilmente per consentire una estrema personalizzazione del metodo che può essere progettato sulla base delle esigenze della specifica azienda, oltre a un possibile minore costo economico laddove vi siano delle risorse da impegnare nello studio, nella progettazione e nell implementazione del sistema. La maggior parte delle aziende (64%) che avevano un siste- 48

5 La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale METODO CRITERIO CLASSIFICATORIO SVANTAGGI VANTAGGI JOB RANKING PAIRED COMPARISON ROLE CLASSIFICATION FACTOR COMPARISON POINT FACTOR METODI NON QUANTIATIVI METODI QUANTITIATIVI Comporta una valutazione complessiva del ruolo e, a4raverso un confronto, ruolo per ruolo, dà come risultato un ordinamento, una graduatoria che colloca i ruoli in ordine di valore dal più alto al più basso. Definisce un rango in graduatoria per ciascun ruolo. Si basa su confron? a coppie di ruoli, sulla base di tali confron? viene assegnato un punteggio. I ruoli sono quindi messi in graduatoria rispe4o a tali punteggi. Consiste nella creazione di una serie di classi descri4e secondo cara4eris?che standard predefinite. I ruoli sono quindi assegna? alla classe che meglio li descrive. EKe4ua una graduatoria per ciascuno dei diversi fa4ori iden?fica?. Per ogni fa4ore è assegnato quindi un valore numerico in funzione della graduatoria e la combinazione di tali valori determina il punteggio totale del ruolo. Scompone il ruolo in fa4ori e a4ribuisce un punteggio a ciascuno di essi, la somma dei punteggi o4enu? per ciascun fa4ore dà il punteggio totale del ruolo. Non fornisce elemen? sulla distanza rela?va dei ruoli. Difficile da gius?ficare. Difficile da u?lizzare ai fini retribu?vi. Difficoltà nell ordinare posizioni di diverse famiglie professionali. Assenza di un principio/criterio guida. Applicazione limitata a piccole organizzazioni. Difficile da gius?ficare. Assenza di un principio/criterio guida. Alcune posizioni con profilo anomalo devono essere forzate per rientrare in una delle classi predefinite. Può dare luogo a contestazioni. Processo potenzialmente lungo dipendente dal numero di ruoli e fa4ori. Necessità di verifica della coerenza di valutazione tra le diverse famiglie professionali. Richiede definizioni chiare dei livelli per fa4ore. Ha tempi di implementazione lunghi. Necessità di un processo lungo per la definizione di fa4ori, indicatori, scale, pesi, ecc. Richiede un supporto specialis?co anche esterno. Semplice e veloce. Di facile comunicazione. Facile da modificare. Poco costoso. Semplice e veloce. Di facile comunicazione. Consente un confronto anche tra ruoli appartenen? a diverse funzioni. D immediata comprensione. Facile da modificare. Anali?cità. Possono essere u?lizzate le competenze come fa4ori. Esplicita ciò per cui l azienda è disposta a pagare. Facilita il confronto per famiglia professionale. Oaran?sce maggiore obiepvità. Oius?ficabile in termini di equità interna. Le metodologie di valutazione dei ruoli ma di valutazione dei ruoli in passato e lo hanno abbandonato avevano fatto ricorso a una metodologia home made. Come è normale attendersi, la percentuale di quanti utilizzano una metodologia riconosciuta sul mercato, rivolgendosi a una società esterna per la progettazione e implementazione del sistema di valutazione, cresce fra le grandi aziende e quelle multinazionali. Quali le metodologie di analisi dei ruoli utilizzate Il perimetro di ruoli oggetto di valutazione La definizione del perimetro di ruoli oggetto di analisi incide significativamente sui tempi di realizzazione dell attività e sul numero di persone coinvolte nel processo. Spesso definire il perimetro di ruoli significa anche far chiarezza sui ruoli aziendali (attuali o desiderati), definendone i confini. La scelta dei ruoli da valutare di- PRASSI LEGATE AL PASSATO Point factor 64% TENDENZE PER IL FUTURO Point factor 32% Role classification; 50% Metodologia Home made 32% Utilizzo di un metodo riconosciuto sul mercato 68% Aziende che scelgono un metodo riconosciuto sul mercato In previsione 88% Utilizza attualmente 61% Utilizzato in passato 36% Role classification; 29% Job Ranking; 18% Job Ranking; 7% 1 Le metodologie di analisi dei ruoli utilizzate Metodologie Home made versus metodi riconosciuti sul mercato 2 49

6 Paola Cannarile In merito agli strumenti di comunicazione utilizzati sono sempre più spesso previste iniziative di comunicazione dedicate (brochure, video, ecc.), possibili grazie all allargamento e alla maggior trasparenza dei risultati. Aumenta l utilizzo di incontri individuali a cascata, dove i manager sono responsabilizzati nel processo, mentre rimane invariato il ricorso a meeting dedicati. La condivisione dei risultati della valutazione dei ruoli Il perimetro di ruoli oggetto di valutazione PRASSI LEGATE AL PASSATO TENDENZE PER IL FUTURO pende dalle finalità e può coinvolgere l intera popolazione aziendale o essere mirata a una specifica area o famiglia professionale. Le prassi delle aziende campione mostrano una tendenza ad allargare il perimetro dei ruoli oggetto di valutazione e la maggior parte delle aziende prevede di applicare il sistema a tutti i ruoli aziendali (da 21% a 59%). Coloro che effettuano la valutazione solo per una parte dei ruoli aziendali tra le aree di maggior interesse quelle del middle management (35%), seguite dai ruoli chiave (29%) e da quelli apicali (29%), mentre solo il 7% utilizza il metodo verticalmente una BU o una funzione aziendale. La condivisione dei risultati della valutazione dei ruoli La scelta di introdurre un sistema di valutazione dei ruoli non può essere vissuta come una scelta esclusiva del vertice aziendale, ma deve essere condivisa dalla funzione HR e dagli attori coinvolti nel processo come sistema di gestione. Come spesso accade nei progetti legati alla gestione delle persone, il successo di un nuovo sistema dipende molto da una corretta comunicazione e condivisione in azienda. Naturalmente, maggiore è il grado di coinvolgimento maggiore sarà la complessità di gestione della comunicazione, ma anche il successo dell iniziativa. Dallo studio emerge che sempre più spesso lo strumento di valutazione dei ruoli passa dall essere un tema della sola funzione HR (da 43% a 13%) a una più ampia condivisione con il management (da 36% a 43% per la prima linea e da 21% a 24% per tutti i manager); presupposto questo che ne facilita il suo utilizzo come vera leva manageriale. Si registrano infine alcune aziende (14%) che condividono ampiamente le logiche di classificazione dei ruoli con tutta la popolazione aziendale interessata, aprendo la strada a una comunicazione trasparente e condivisa. La condivisione dei risultati della valutazione dei ruoli 9 Tutti i manager 21% Anche con la prima linea 36% Solo all'interno della funzione HR 43% In definizione; 6% Tutta la popolazione interessata 14% Tutti i manager 24% Anche con la prima linea 43% Solo all'interno della funzione HR 13% Cosa ci dicono le aziende che hanno, o hanno avuto, un esperienza nella valutazione dei ruoli Infine nella ricerca è stato chiesto alle aziende che hanno utilizzato o stanno utilizzando un sistema di valutazione dei ruoli di esprimere un giudizio sulla loro esperienza. I risultati sono stati elaborati individuando gli elementi di forza, quelli neutri e quelli di criticità. Le metodologie utilizzate sembrano saper cogliere la struttura aziendale, sia per chi ha abbandonato sia per chi ha attualmente in atto il sistema. I costi di gestione in termini di risorse dedicate e la resistenza alla sua implementazione in azienda sono un elemento di criticità per il passato e presumibilmente un male necessario per chi lo sta utilizzando. L impatto organizzativo è un punto di forza per chi ha attualmente un sistema, mentre è un elemento neutro per chi lo ha utilizzato in passato. Infine, la facilità di comprensione del modello e il rapporto costi-benefici che costituivano una criticità per chi ha abbandonato il sistema sono invece, per chi continua ad averlo, dei punti di forza. I suggerimenti che le aziende offrono per rendere più efficace l implementazione in azienda di un sistema di valutazione dei ruoli sono: 50

7 La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale PUNTO DI FORZA NEUTRO CRITICITA GRADO DI CORRISPONDENZA DELLA VALUTAZIONE CON LA STRUTTURA AZIENDALE Di chi lo ha utilizzato in PASSATO Di chi lo sta utilizzando ATTUALMENTE COSTI DI GESTIONE IN TERMINI DI TEMPO/ PERSONE DEDICATE IMPATTO ORGANIZZATIVO IN TERMINI DI RISULTATI OTTENUTI FACILITÀ DI COMPRENSIONE DEL MODELLO RESISTENZA ALLA SUA IMPLEMENTAZIONE IN AZIENDA RAPPORTO COSTI/BENEFICI Il livello di soddisfazione del sistema maggiore sponsorship del top management; la scelta di un sistema semplice, agile e flessibile, accompagnato da uno strumento informatico che aiuti la gestione operativa delle informazioni; un maggiore coinvolgimento e condivisione con la popolazione coinvolta. In conclusione ha ancora senso parlare di Job Evaluation? La Job Evaluation non è un tema nuovo, tuttavia dall analisi emerge che riveste ancora una notevole importanza nei processi di gestione delle persone in azienda. Alcune delle finalità che ne hanno spinto l introduzione continuano a essere valide, quali la necessità di chiarire le attese organizzative dei ruoli e di garantire equità nella gestione retributiva. Tuttavia a esse si affiancano nuove esigenze, quali la necessità di avere uno strumento flessibile e integrato in grado di facilitare la gestione delle persone in azienda. A Job Analysis e Reward Management si affiancano, di conseguenza, finalità di sviluppo professionale, percorsi di carriera e chiarezza organizzativa. Il modello di gestione delle organizzazioni basato sulla ricerca dell efficienza della produzione, sulla gerarchia organizzativa e sulle strutture burocratiche che realizzano il controllo centralizzato sulle attività, è passato alla ricerca di nuovi modelli che rispondano alla necessità di organizzazioni flessibili, capaci quindi di cambiare continuamente e di auto-organizzarsi (alcuni principi che caratterizzano i modelli di trasformazione delle organizzazioni sono: la gestione per processi, e quella per progetti, l acquisizione e il governo della conoscenza e la fluidità di ruoli e conseguentemente delle richieste alle persone). Si assiste inoltre alla trasformazione di metodi tipicamente caratterizzati da tecnicismi HR a metodi condivisi con e per il management, per la gestione e la presa di decisioni in ambito risorse umane. Diventando più complessi finalità, attori e contesto, anche la rapidità di risposta degli strumenti di amministrazione e controllo dei nuovi sistemi di valutazione deve adeguarsi. Poiché le finalità si sono diversificate e ampliate, gli attori sono cambiati, il contesto organizzativo si muove in modo liquido e sempre più globale, allora i sistemi di valutazione dei ruoli hanno ragione di essere solo se sono in grado di cogliere e rispondere a tali nuove esigenze. Bibliografia Indagine OD&M Consulting, Febbraio AA.VV. (2013), Guida operativa alla valutazione dei ruoli, OD&M Consulting, Milano. Broglio, A (1992), Il sistema di valutazione delle prestazioni, in Costa, G., Manuale di gestione del personale, Torino, UTET. Prien, E.P., Goodstein, L.D., Goodstein, J. (2009), A Practical Guide to Job Analysis, Pfeiffer & Company. 51

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Global Professional System La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Il contesto di riferimento Le organizzazioni si trovano a fronteggiare

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management Incentive & Performance Management La soluzione per informatizzare e gestire il processo di Performance Management Il contesto di riferimento La performance, e di conseguenza la sua gestione, sono elementi

Dettagli

S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i

S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i P r o d o t t o d a A l b e r t o P a o l i n i G r o s s e t o P a r c h e g g i s r l V e n g o n o p

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO LA PIANIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO: 1. La gestione delle risorse umane. - 2. La programmazione del personale. - 3. La Human Resource Scorecard. 1. LA GESTIONE DELLE RISORSE

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* Indice UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 1. Le caratteristiche generali e strutturali 2 2. L analisi del processo di lavoro e le figure

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE Manuale applicativo Firenze, 23 luglio 2009 INDICE 1. PREMESSA 2. I PRINCIPI DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 3. COSA SI VALUTA 4. LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Aggiornato il 10 novembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Che cosa deve

Dettagli

La valutazione delle Persone: Posizioni & Potenziali. 2013 10 Maggio Genova Luca Ciccotelli, HR Senior Consultant

La valutazione delle Persone: Posizioni & Potenziali. 2013 10 Maggio Genova Luca Ciccotelli, HR Senior Consultant La valutazione delle Persone: Posizioni & Potenziali LA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI 2013 10 Maggio Genova Luca Ciccotelli, HR Senior Consultant Indice 1. Presupposti, Obiettivi, Scopi pag. 2 1. Metodologia:

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

La valutazione del personale nella P.A.: il sistema di valutazione applicato in un Pronto Soccorso

La valutazione del personale nella P.A.: il sistema di valutazione applicato in un Pronto Soccorso La valutazione del personale nella P.A.: il sistema di valutazione applicato in un Pronto Soccorso di Antonio Busacca infermiere, AO San Carlo Borromeo, U.O.S. di Pronto Soccorso-DEA, Milano Introduzione

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Presentazione della metodologia volta a graduare le particolari posizioni organizzative ai fini della corresponsione della retribuzione di posizione

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

I SISTEMI DI COMPENSATION:

I SISTEMI DI COMPENSATION: I SISTEMI DI COMPENSATION: STATO DELL ARTE E TENDENZE - 29 GENNAIO 2015 - www.odmconsulting.com REWARD & PERFORMANCE I SISTEMI DI COMPENSATION I TREND www.odmconsulting.com L approccio al Total Reward

Dettagli

Settimo Rapporto - Settembre 2012 FARE IL MANAGER OGGI

Settimo Rapporto - Settembre 2012 FARE IL MANAGER OGGI Settimo Rapporto - Settembre 2012 FARE IL MANAGER OGGI QUARTO RAPPORTO GIUGNO 2012_ FARE IL MANAGER OGGI I Indice LA NASCITA DELL OSSERVATORIO MANAGERIALE Cos è l Osservatorio Manageriale...... Pag. 6

Dettagli

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo Professor Federica Bandini TRACCIA RILEVANZA DELLE RISORSE UMANE NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLE IMPRESE COOPERATIVE E

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1

SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1 SDA Bocconi School of Management Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1 Agenda Il disegno di ricerca Il campione di analisi Alcuni risultati della ricerca Le riflessioni 2 3 DISEGNO DI RICERCA:

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello Dott. Michele Milano 1 29 novembre

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE E MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIRIGENZIALE ATTUALMENTE IN USO

SISTEMA DI VALUTAZIONE E MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIRIGENZIALE ATTUALMENTE IN USO SISTEMA DI VALUTAZIONE E MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIRIGENZIALE ATTUALMENTE IN USO 1 INDICE INDICE... 2 1. PREMESSA... 3 2. CENNI SUI SISTEMI

Dettagli

Lo sviluppo continuo del Talento: la soluzione Talentia HCM

Lo sviluppo continuo del Talento: la soluzione Talentia HCM Lo sviluppo continuo del Talento: la soluzione Talentia HCM Enzo De Palma Business Development Director Fabio Cardilli European Product Leader May 2013 Il Talento, cultura e opportunità Perché il Talento

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

Management Consulting Boutiques e mercati globali

Management Consulting Boutiques e mercati globali Management Consulting Boutiques e mercati globali Antonella Negri Clementi * 1. Un modello distintivo Affiancare l azienda nel momento in cui si trova ad affrontare cambiamenti sostanziali di una o più

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI COMUNE DI CUPRAMONTANA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI COMUNE DI CUPRAMONTANA Provincia di Ancona 60034 Via Nazario Sauro n. 1 P.I.

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Creare un vantaggio competitivo nella relazione IT e business Gianluca Quarto Sintesi 2 E un dato di fatto che i sistemi informatici rappresentano uno strumento

Dettagli

Il contributo dei giovani all evoluzione dell impresa:

Il contributo dei giovani all evoluzione dell impresa: Il contributo dei giovani all evoluzione dell impresa: risultati di una ricerca su di un campione di 350 giovani Manager (settori: bancario, telecomunicazioni, assicurativo) Pietro Rutelli :Straordinario

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

Dirigenza scolastica e leadership

Dirigenza scolastica e leadership Dirigenza scolastica e leadership Modelli e stili Da direttivo a dirigente Nell ultimo decennio sono intervenute molte innovazioni: Autonomia funzionale riconosciuta alle scuole Modifiche sostanziali nella

Dettagli

La formazione del personale nel sistema universitario

La formazione del personale nel sistema universitario La formazione del personale nel sistema universitario Premessa Il sistema universitario italiano è interessato, ormai da alcuni anni, da profondi cambiamenti che riguardano in particolare la tipologia

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CSR Manager e Direttore del Personale Un alleanza per la gestione sostenibile delle Risorse Umane

CSR Manager e Direttore del Personale Un alleanza per la gestione sostenibile delle Risorse Umane CSR Manager e Direttore del Personale Un alleanza per la gestione sostenibile delle Risorse Umane a cura di MATTEO PEDRINI, MARCO GUERCI, MARIO MOLTENI E STEFANIA BERTOLINI Milano, Gennaio 2011 Si ringrazia

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) 1 INDICE Introduzione pag 3 1. Caratteristiche del Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013

Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013 SDA Bocconi School of Management Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013 cristina.filannino@sdabocconi.it 1 Cosa motiva le

Dettagli

Oggetto: Criteri da utilizzare negli scrutini per merito comparativo - Osservazioni

Oggetto: Criteri da utilizzare negli scrutini per merito comparativo - Osservazioni Al Sig. Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Pref. Francesco Paolo Tronca Prot. 47/13 del 22.06.2013 Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE Sono fermamente convinto che nel nostro nuovo Gruppo Monier la performance del nostro staff sarà più importante che mai. I nostri ambiziosi obiettivi aziendali

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato

CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato ai Responsabili di P.O. e Alte Professionalità ART. 1

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

HR Primo Business Partner Aziendale

HR Primo Business Partner Aziendale HR Primo Business Partner Aziendale di Luca Battistini Direttore HR Phone & Go Spa; Presidente della web community Fior di Risorse Le persone al centro. H1 Hrms sistema integrato di gestione del personale

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

- Getting better all the time -

- Getting better all the time - Aviva Italy Direzione Risorse Umane Roma, 10 dicembre 2008 PROGETTO ALBA PROGETTO ALBA - Getting better all the time - Scopi e finalità Il progetto Alba condiviso con l Alta Direzione e lanciato il 4 dicembre

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Si sente spesso parlare di Performance per identificare

Si sente spesso parlare di Performance per identificare Il Performance Management a supporto del miglioramento organizzativo di Roberto Bugatti e Marco Tottoli 1 Si sente spesso parlare di Performance per identificare concetti simili ma di fatto diversi tra

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CREAZIONE E GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE AZIENDE di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CONOSCENZA ESPLICITA ED IMPLICITA La conoscenza rappresenta quello che in management

Dettagli

Job Analysis, Job Description e Job Posting

Job Analysis, Job Description e Job Posting Job Analysis, Job Description e Job Posting http://www.ebcconsulting.com Job Analysis, Job Description e Job Posting Software H1 Hrms Pag. 1 INDICE Premessa... 3 La job analysis... 4 La Job description...

Dettagli

Mercato del lavoro ed employer brand positioning

Mercato del lavoro ed employer brand positioning Mercato del lavoro ed employer brand positioning a cura di Eugenio Amendola Mercato del lavoro ed employer brand positioning a cura di Eugenio Amendola, Anthea Consulting Introduzione I dati riportati

Dettagli

Le effettive esigenze della Direzione del Personale nella gestione delle risorse umane in azienda. Andamento dal 2005 ad oggi

Le effettive esigenze della Direzione del Personale nella gestione delle risorse umane in azienda. Andamento dal 2005 ad oggi Le effettive esigenze della Direzione del Personale nella gestione delle risorse umane in azienda. Andamento dal 2005 ad oggi Indagine ottenuta grazie alla somministrazione di questionario ad oltre 260

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

La valutazione delle prestazioni

La valutazione delle prestazioni di Maria Soldati Che cosa è? La valutazione delle prestazioni E un sistema orientato allo sviluppo e alla valorizzazione delle persone e non una drammatica resa dei conti. Ha come campo di definizione,

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma Smart*Health [Skill Evaluation Management] SkEMa Il software per la valutazione del personale continuità dell assistenza, collaborazione e controllo in una rete sanitaria integrata Analisi dei fabbisogni

Dettagli

Corporate Governance - Oltre la compliance

Corporate Governance - Oltre la compliance Corporate Governance - Oltre la compliance Prof. Angelo Riccaboni Corso di Economia e Governo Aziendale Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici riccaboni@unisi.it www.disag.unisi.it Agenda L interesse

Dettagli

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Istituzioni scolastiche, famiglie e territorio uniti in un esperienza finalizzata a incoraggiare e orientare i ragazzi nell avventura

Dettagli

LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA

LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA indagine AstraRicerche per Manageritalia e Edwi HR - 19 maggio 2014-1 LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Aggiornato il 6 marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

capitolo 3 LE LINEE GUIDA

capitolo 3 LE LINEE GUIDA capitolo 3 LE LINEE GUIDA Il presente capitolo illustra i principali elementi metodologici ed operativi che caratterizzano le Linee guida proposte per la valutazione dei prodotti didattici per l e-learning.

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

Rilevazione gradimento servizio di Management Didattico Aprile 2014

Rilevazione gradimento servizio di Management Didattico Aprile 2014 Rilevazione gradimento servizio di Management Didattico Aprile 2014 Nel 2014 il servizio di Management Didattico è stato valutato da complessivamente 3540 studenti (rispetto a 3.999 nel 2012) che hanno

Dettagli

Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana

Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana Formarsi è lavorare su se stessi crescere motivandosi spingere i desideri fino a realizzare se stessi La ricerca che viene qui proposta si inquadra

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI MARIANNA CARBONARI Presidente e Amministratore Delegato di Value for Talent. Ha maturato più di dieci anni di esperienza nella gestione di progetti di Executive Search articolati e complessi. Ha condotto

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI Per il quinto anno consecutivo OD&M - società di consulenza appartenente a Gi Group, specializzata nella realizzazione di indagini retributive

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione delle prestazioni del Personale Dipendente

Sistema di misurazione e valutazione delle prestazioni del Personale Dipendente COMUNE DI NOVARA Sistema di misurazione e valutazione delle prestazioni del Personale Dipendente - metodologia e procedure - PROPOSTA DELL ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE 1/16 INDICE Art. 1 Art.

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO SUL TEMA PARITA SALARIALE

PROGETTO ESECUTIVO SUL TEMA PARITA SALARIALE PROGETTO ESECUTIVO SUL TEMA PARITA SALARIALE INDICE DEL DOCUMENTO Il contesto di riferimento Pagina 3 La Provincia di Bologna e l ipotesi di un progetto Pagina 4 allargato alle altre Amministrazioni Pubbliche

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Virgilio Ritzu. Michele Fanello. Andrea Vettori

Virgilio Ritzu. Michele Fanello. Andrea Vettori 1 SANITANOVA nasce dalla sinergia imprenditoriale e manageriale di professionisti operanti da decenni nel settore sanitario, realizza progetti e fornisce soluzioni innovative di consulenza e formazione

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE PERMANENTE DEL PERSONALE DI CATEGORIA NON DIRIGENZIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

SISTEMA DI VALUTAZIONE PERMANENTE DEL PERSONALE DI CATEGORIA NON DIRIGENZIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA SISTEMA DI VALUTAZIONE PERMANENTE DEL PERSONALE DI CATEGORIA NON DIRIGENZIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA 1. Le finalità della valutazione In un ottica di valorizzazione delle professionalità,

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Pianificazione Economica Finanziaria (PEF) Controllo di Gestione (CG)

Pianificazione Economica Finanziaria (PEF) Controllo di Gestione (CG) PROGETTO DI CONSULENZA DIREZIONALE Obiettivo principale: Pianificazione Economica Finanziaria (PEF) Controllo di Gestione (CG) Data // Nome azienda Sede Legale Premessa: In relazione agli obiettivi emersi

Dettagli