La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale"

Transcript

1 La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale La valutazione dei ruoli mira all identificazione delle caratteristiche e del peso di ciascun ruolo all interno dell azienda. Misura quanto valgono i compiti, le responsabilità, le competenze e i risultati richiesti al ruolo e si valuta analizzandone la complessità. È uno strumento che interpreta le richieste organizzative e riconosce/valorizza le professionalità delle persone in azienda, rappresentando la base sulla quale costruire in maniera coerente i diversi sistemi di gestione delle persone. L utilizzo di strumenti di valutazione dei ruoli in azienda risale a diversi decenni orsono; decenni nei quali le aziende hanno subito notevoli evoluzioni (nuove tecnologie, globalizzazione dei mercati, struttura del lavoro più flessibile, accrescimento della complessità dei ruoli, appiattimento organizzativo, aumento della rapidità dei cambiamenti, ecc.). Recentemente OD&M ha svolto una survey tesa a indagare l attualità della valutazione dei ruoli e la sua capacità di essere un efficace supporto nella gestione delle persone, flessibile e coerente con le mutate necessità dell organizzazione. L autore Paola Cannarile, Senior Consultant OD&M Consulting Il contesto e la premessa della ricerca Le organizzazioni si trovano a fronteggiare cambiamenti di contesto sempre più rapidi e discontinui: globalizzazione dei mercati, multiculturalità, nuovi business, sviluppi delle tecnologie, evoluzione delle logiche di comunicazione, ecc. Hanno conseguentemente la necessità di trovare nuove forme organizzative e nuovi sistemi di gestione delle persone e della loro professionalità, in grado di sostenere la capacità aziendale di competere agilmente in contesti in continua evoluzione. OD&M si è chiesta, attraverso un indagine rivolta alle direzioni del personale, come possa dare risposta a tale esigenza uno dei più classici strumenti di gestione del personale: la Job Evaluation. La scelta di sondare questo strumento HR, che indubbiamente non è né recente né originale nel suo fine primario ossia interpretare le richieste organizzative e misurare, riconoscere e valorizzare la professionalità, l importanza, la complessità e il contributo richiesti ai ruoli in azienda, è dettata dalla convinzione che un sistema di analisi e valutazione dei ruoli, non solo continui a mantenere la sua validità per l azienda, ma diviene per essa ancora più vitale a condizione che sappia interpretare le mutate esigenze organizzative divenendo la base per una gestione flessibile e organica di più processi di gestione del personale. La metodologia di valutazione dei ruoli Come è noto, quando in azienda si parla di valutazione HR nella sua accezione più ampia si fa riferimento essenzialmente alla valutazione dei ruoli organizzativi (misura dei risultati attesi da un ruolo), alla valutazione delle prestazioni (misura dei risultati effettivamente conseguiti dalla persona in un periodo passato determinato) o alla valutazione del potenziale (stima dei risultati che una persona potrebbe conseguire in futuro). La capacità di un organizzazione di valutare, misurare 45

2 Paola Cannarile e monitorare il proprio operato è il presupposto fondamentale di governo manageriale. La valutazione, quindi, è uno strumento di diagnosi per il miglioramento complessivo dell efficacia dell organizzazione, in quanto rende esplicito e qualifica il valore di ciò che si richiede alle persone (caratteristiche personali, comportamenti, responsabilità di ruolo, compiti della posizione organizzativa o risultati auspicati). Tuttavia quando i manager in azienda non professionisti della funzione del personale pensano il processo di valutazione spesso si riferiscono a un concetto che si focalizza molto sulla prestazione, su come ha lavorato la persona, sottintendendo le richieste che hanno generato quella prestazione ( attese di ruolo) e, in alcuni casi, facendo assunzioni su come la persona potrebbe lavorare in futuro o in un altro ruolo (potenzialità della persona). Circoscrivendo l ambito di analisi, l oggetto di studio è la valutazione dei ruoli (o Job Evaluation), ossia quel processo di gestione manageriale che, dando una lettura dell organizzazione, definisce il peso o il valore relativo di una posizione in termini di contenuti (competenze, responsabilità, attività e relazioni) e di complessità organizzativa. Da ciò si desume che oggetto della valutazione è il ruolo, indipendentemente dal merito individuale, dalle caratteristiche personali, dalle potenzialità o dal livello di prestazione espressi dalla persona che lo ricopre. La valutazione dei ruoli, quindi, costituisce il tentativo più compiuto (e più discusso) di elaborare un metodo di classificazione oggettivo e sistematico che descrive la struttura organizzativa e gli obiettivi aziendali attuali e previsti. Questa sua funzione la rende il prerequisito conoscitivo per le altre due altrettanto importanti valutazioni organizzative: delle prestazioni e del potenziale. Come è stata condotta l indagine Lo studio ha sondato le prassi aziendali (in atto, passate o previste per il futuro) attraverso una web survey sul tema condotta nel mese di febbraio e che ha coinvolto oltre 80 aziende. L indagine ha permesso di rilevare cosa pensano le aziende che stanno valutando l implementazione di un sistema di valutazione dei ruoli e quelle che hanno già sperimentato il suo utilizzo identificandone le diverse modalità di approccio e di gestione. L analisi si è posta l obiettivo di effettuare una rilettura delle finalità teoriche di questo strumento ed esprimere i risultati emersi al fine di identificare le principali tendenze per il futuro. Quanto è sentito il tema nelle aziende Per quanto annunciato nelle sue finalità teoriche, la valutazione dei ruoli costituisce un prerequisito conosciti- Settore Di appartenenza dimensione aziendale nazionalità Composizione del campione di aziende rispondenti vo chiave per la costruzione di altri strumenti di gestione delle risorse umane. Il primo elemento di analisi è stato quindi comprendere quanto il tema è sentito nelle aziende. Dotarsi di un sistema di valutazione dei ruoli sembra essere un tema abbastanza caldo tra i rispondenti all indagine: il 38% ha attualmente in uso un sistema di valutazione dei ruoli e il 39% ha intenzione di implementarne uno. Soltanto il 6% non ha, e non ha in previsione di implementare, tale strumento; tuttavia non emergono motivazioni univoche su tale scelta (alcuni motivi indicati sono: costi di implementazione, gestione onerosa, strumento non adatto/obsoleto, resistenza della dirigenza alla sua introduzione). Infine il 17% delle aziende rispondenti ha utilizzato in passato la valutazione dei ruoli ma l ha abbandonata per via di una gestione onerosa (57%) e dell obsolescenza dello strumento (43%). Per correttezza metodologica, si può inoltre supporre che anche la non adesione all indagine possa essere indicatore dello scarso interesse verso il tema. 46

3 La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale DIFFUSIONE DEI SISTEMI DI VALUTAZIONE TRA LE AZIENDE RISPONDENTI Quando è caldo il tema Le finalità Le finalità teoriche che la valutazione dei ruoli si prefigge possono essere molteplici in funzione di quali aspetti della gestione delle persone in azienda vogliono governare. Tuttavia è possibile raggrupparle in tre tipologie. Finalità retributiva Una corretta valutazione dei ruoli fornisce un fondamento solido alle scelte di politica retributiva dell azienda. Questa è, infatti, la finalità che storicamente si attribuisce allo strumento, cioè garantire un livello retributivo equiparabile per ruoli che hanno la stessa importanza all interno dell organizzazione e che, pur svolgendo mansioni diverse, concorrono in egual misura al successo dell azienda. L assunto è che a parità di valore del ruolo dovrebbe corrispondere una retribuzione non eccessivamente dissimile. La gestione di sistemi di compensation in azienda attraverso la valutazione dei ruoli garantisce: equità esterna o competitività sul mercato, ossia la determinazione della giusta retribuzione rispetto ai ruoli analoghi fuori dal contesto aziendale; equità interna, ossia, la determinazione della giusta differenza di retribuzione tra ruoli differenti per responsabilità e importanza in azienda. Ponendo la struttura delle retribuzioni sotto il governo della gerarchia organizzativa è possibile attuare un processo di internalizzazione del mercato del lavoro attraverso la classificazione dei ruoli come base della costruzione di una struttura retributiva aziendale, nella quale i livelli retributivi di mercato diventano non più un riferimento assoluto ma un punto di controllo della competitività delle retribuzioni, che seguono tuttavia una loro coerenza interna basata su fattori che hanno valore per l azienda. Finalità sviluppo professionale Il sistema di valutazione dei ruoli, assunto come identificazione delle professionalità richieste, può essere la base per delineare le opportunità di carriera disponibili in azienda attraverso la definizione di competenze o requisiti richiesti ai ruoli e per determinare le aree di sviluppo o formative individuali, attraverso la rilevazione del gap tra competenze e capacità richieste al ruolo ricoperto o un nuovo ruolo e quelle espresse dalla persona. È possibile ipotizzare dei percorsi di carriera, legati allo sviluppo di competenze o di requisiti, evidenziati dalla valutazione dei ruoli, assunti come livelli minimi (o d ingresso) che segnano il passaggio da un ruolo all altro. Inoltre la struttura di classificazione dei ruoli consente di esplicitare i percorsi di carriera possibili in azienda (verticali e orizzontali). Finalità organizzativa La valutazione dei ruoli costringe a individuare e a dichiarare quali siano le componenti organizzative (attività, responsabilità, risultati, ecc.) e quelle professionali (capacità, competenze, relazioni, ecc.) attese per ciascun ruolo, portando quindi a una maggiore chiarezza organizzativa. Inoltre, l esplicitazione delle caratteristiche di ruolo, che la valutazione comporta, può essere anche il fondamento per individuare gli indicatori di misura in un sistema di valutazione della prestazione (KPI). Non a caso valutare la prestazione significa misurare l azione svolta dalle persone rispetto alle attese legate al ruolo ricoperto; attese che si possono ricondurre a un cosa (risultati, attività e responsabilità) e a un come (comportamenti, conoscenze e competenze necessarie per raggiungere tali risultati). Analizzando le principali finalità indicate dalle aziende in una logica di confronto tra le prassi legate al passato e le tendenze per il futuro, si ha una sostanziale tenuta 47

4 Paola Cannarile Equità interna 71% PRASSI LEGATE AL PASSATO Equità esterna 58% Sviluppo/percorsi di carriera 58% Le principali finalità Chiarezza organizzativa 52% dell equità interna (da 71% a 69%), una diminuzione di interesse per l equità esterna (da 58% a 44%) e ciò può essere spiegato dalle diminuite tensioni sul mercato del lavoro, mentre le finalità legate allo sviluppo professionale e alla chiarezza organizzativa registrano un aumento di importanza (rispettivamente passano da 58% a 66% e da 52% a 72%). Le metodologie di analisi dei ruoli utilizzate Non esiste probabilmente un metodo che permetta di valutare in modo perfetto il contenuto di un ruolo (tutti i sistemi disponibili necessariamente sacrificano qualcosa delle specificità della singola organizzazione e, in qualche modo, rimangono in parte legati alla soggettività dei valutatori); ma ai metodi di valutazione dei ruoli va sicuramente riconosciuto il merito di essere sistematici e di dare ordine in termini di maggiore o minore importanza. Seppur con differenze di approccio, tutti i metodi di valutazione dei ruoli si fondano sui seguenti principi per la comparazione: principio della rarità, per cui un ruolo è tanto più rilevante quanto più esso richiede investimenti formativi, competenze e conoscenze complesse e attitudini particolari (si tratta di ruoli critici per la difficoltà di reperimento sul mercato del lavoro); principio delle attività, per cui un ruolo è tanto più rilevante quanto più la sua complessità è elevata e richiede quindi iniziativa personale, capacità di giudizio, versatilità, abilità di analisi e sintesi; principio dell importanza, per cui un ruolo è tanto più importante quanto più, in funzione del grado di responsabilità per il raggiungimento degli obiettivi, sono rilevanti i risultati dei compiti svolti per l andamento dell organizzazione. Equità interna 69% TENDENZE PER IL FUTURO Equità esterna 44% Sviluppo/percorsi di carriera 66% Chiarezza organizzativa 72% I metodi di valutazione dei ruoli in letteratura sono suddivisi in: approcci quantitativi (che prevedono una metrica mediante la quale è possibile ottenere un risultato che misura numericamente le differenze d importanza relativa tra i ruoli) e approcci non quantitativi (che, per contro, non forniscono indicazioni circa il quantum di differenza tra i vari ruoli); approcci globali (in cui la determinazione del valore di un ruolo è realizzata considerando il ruolo nel suo complesso) e metodi più analitici (che scompongono il ruolo nei singoli elementi che lo caratterizzano; spesso si tratta di analisi legate a tecnicismi e meccanismi di calcolo sofisticati la cui condivisione risulta più difficile effetto black box). Secondo queste due logiche di suddivisione si possono individuare cinque tipologie di metodi per la valutazione dei ruoli come illustrato nello schema seguente. Whole Job Ranking!on %&an(ta(*i Paired Comparison Le metodologie di valutazione dei ruoli Role 0la11i2ca(on %&an(ta(*i Factor Comparison Point Factor Nella tabella a pagina seguente, inoltre, per ciascun metodo sono brevemente indicate le principali caratteristiche. Per quanto riguarda le metodologie di analisi utilizzate il campione mostra che vi è una tendenza a ricorrere a metodi di role classification (da 29% a 50%) rispetto a metodi point factor (da 64% a 32%). Meno utilizzati sono i metodi di job ranking che, per loro natura, possono essere applicati solo a organizzazioni poco complesse (da 7% a 18%). Le aziende, inoltre, preferiscono affidarsi a metodologie riconosciute dal mercato (68%), che garantiscono la possibilità di fare confronti di benchmark esterno, offrono una maggiore affidabilità/solidità del metodo e danno maggior senso di oggettività dello stesso. Alcune aziende preferiscono costruire un proprio sistema di valutazione dei ruoli (32%) e ciò probabilmente per consentire una estrema personalizzazione del metodo che può essere progettato sulla base delle esigenze della specifica azienda, oltre a un possibile minore costo economico laddove vi siano delle risorse da impegnare nello studio, nella progettazione e nell implementazione del sistema. La maggior parte delle aziende (64%) che avevano un siste- 48

5 La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale METODO CRITERIO CLASSIFICATORIO SVANTAGGI VANTAGGI JOB RANKING PAIRED COMPARISON ROLE CLASSIFICATION FACTOR COMPARISON POINT FACTOR METODI NON QUANTIATIVI METODI QUANTITIATIVI Comporta una valutazione complessiva del ruolo e, a4raverso un confronto, ruolo per ruolo, dà come risultato un ordinamento, una graduatoria che colloca i ruoli in ordine di valore dal più alto al più basso. Definisce un rango in graduatoria per ciascun ruolo. Si basa su confron? a coppie di ruoli, sulla base di tali confron? viene assegnato un punteggio. I ruoli sono quindi messi in graduatoria rispe4o a tali punteggi. Consiste nella creazione di una serie di classi descri4e secondo cara4eris?che standard predefinite. I ruoli sono quindi assegna? alla classe che meglio li descrive. EKe4ua una graduatoria per ciascuno dei diversi fa4ori iden?fica?. Per ogni fa4ore è assegnato quindi un valore numerico in funzione della graduatoria e la combinazione di tali valori determina il punteggio totale del ruolo. Scompone il ruolo in fa4ori e a4ribuisce un punteggio a ciascuno di essi, la somma dei punteggi o4enu? per ciascun fa4ore dà il punteggio totale del ruolo. Non fornisce elemen? sulla distanza rela?va dei ruoli. Difficile da gius?ficare. Difficile da u?lizzare ai fini retribu?vi. Difficoltà nell ordinare posizioni di diverse famiglie professionali. Assenza di un principio/criterio guida. Applicazione limitata a piccole organizzazioni. Difficile da gius?ficare. Assenza di un principio/criterio guida. Alcune posizioni con profilo anomalo devono essere forzate per rientrare in una delle classi predefinite. Può dare luogo a contestazioni. Processo potenzialmente lungo dipendente dal numero di ruoli e fa4ori. Necessità di verifica della coerenza di valutazione tra le diverse famiglie professionali. Richiede definizioni chiare dei livelli per fa4ore. Ha tempi di implementazione lunghi. Necessità di un processo lungo per la definizione di fa4ori, indicatori, scale, pesi, ecc. Richiede un supporto specialis?co anche esterno. Semplice e veloce. Di facile comunicazione. Facile da modificare. Poco costoso. Semplice e veloce. Di facile comunicazione. Consente un confronto anche tra ruoli appartenen? a diverse funzioni. D immediata comprensione. Facile da modificare. Anali?cità. Possono essere u?lizzate le competenze come fa4ori. Esplicita ciò per cui l azienda è disposta a pagare. Facilita il confronto per famiglia professionale. Oaran?sce maggiore obiepvità. Oius?ficabile in termini di equità interna. Le metodologie di valutazione dei ruoli ma di valutazione dei ruoli in passato e lo hanno abbandonato avevano fatto ricorso a una metodologia home made. Come è normale attendersi, la percentuale di quanti utilizzano una metodologia riconosciuta sul mercato, rivolgendosi a una società esterna per la progettazione e implementazione del sistema di valutazione, cresce fra le grandi aziende e quelle multinazionali. Quali le metodologie di analisi dei ruoli utilizzate Il perimetro di ruoli oggetto di valutazione La definizione del perimetro di ruoli oggetto di analisi incide significativamente sui tempi di realizzazione dell attività e sul numero di persone coinvolte nel processo. Spesso definire il perimetro di ruoli significa anche far chiarezza sui ruoli aziendali (attuali o desiderati), definendone i confini. La scelta dei ruoli da valutare di- PRASSI LEGATE AL PASSATO Point factor 64% TENDENZE PER IL FUTURO Point factor 32% Role classification; 50% Metodologia Home made 32% Utilizzo di un metodo riconosciuto sul mercato 68% Aziende che scelgono un metodo riconosciuto sul mercato In previsione 88% Utilizza attualmente 61% Utilizzato in passato 36% Role classification; 29% Job Ranking; 18% Job Ranking; 7% 1 Le metodologie di analisi dei ruoli utilizzate Metodologie Home made versus metodi riconosciuti sul mercato 2 49

6 Paola Cannarile In merito agli strumenti di comunicazione utilizzati sono sempre più spesso previste iniziative di comunicazione dedicate (brochure, video, ecc.), possibili grazie all allargamento e alla maggior trasparenza dei risultati. Aumenta l utilizzo di incontri individuali a cascata, dove i manager sono responsabilizzati nel processo, mentre rimane invariato il ricorso a meeting dedicati. La condivisione dei risultati della valutazione dei ruoli Il perimetro di ruoli oggetto di valutazione PRASSI LEGATE AL PASSATO TENDENZE PER IL FUTURO pende dalle finalità e può coinvolgere l intera popolazione aziendale o essere mirata a una specifica area o famiglia professionale. Le prassi delle aziende campione mostrano una tendenza ad allargare il perimetro dei ruoli oggetto di valutazione e la maggior parte delle aziende prevede di applicare il sistema a tutti i ruoli aziendali (da 21% a 59%). Coloro che effettuano la valutazione solo per una parte dei ruoli aziendali tra le aree di maggior interesse quelle del middle management (35%), seguite dai ruoli chiave (29%) e da quelli apicali (29%), mentre solo il 7% utilizza il metodo verticalmente una BU o una funzione aziendale. La condivisione dei risultati della valutazione dei ruoli La scelta di introdurre un sistema di valutazione dei ruoli non può essere vissuta come una scelta esclusiva del vertice aziendale, ma deve essere condivisa dalla funzione HR e dagli attori coinvolti nel processo come sistema di gestione. Come spesso accade nei progetti legati alla gestione delle persone, il successo di un nuovo sistema dipende molto da una corretta comunicazione e condivisione in azienda. Naturalmente, maggiore è il grado di coinvolgimento maggiore sarà la complessità di gestione della comunicazione, ma anche il successo dell iniziativa. Dallo studio emerge che sempre più spesso lo strumento di valutazione dei ruoli passa dall essere un tema della sola funzione HR (da 43% a 13%) a una più ampia condivisione con il management (da 36% a 43% per la prima linea e da 21% a 24% per tutti i manager); presupposto questo che ne facilita il suo utilizzo come vera leva manageriale. Si registrano infine alcune aziende (14%) che condividono ampiamente le logiche di classificazione dei ruoli con tutta la popolazione aziendale interessata, aprendo la strada a una comunicazione trasparente e condivisa. La condivisione dei risultati della valutazione dei ruoli 9 Tutti i manager 21% Anche con la prima linea 36% Solo all'interno della funzione HR 43% In definizione; 6% Tutta la popolazione interessata 14% Tutti i manager 24% Anche con la prima linea 43% Solo all'interno della funzione HR 13% Cosa ci dicono le aziende che hanno, o hanno avuto, un esperienza nella valutazione dei ruoli Infine nella ricerca è stato chiesto alle aziende che hanno utilizzato o stanno utilizzando un sistema di valutazione dei ruoli di esprimere un giudizio sulla loro esperienza. I risultati sono stati elaborati individuando gli elementi di forza, quelli neutri e quelli di criticità. Le metodologie utilizzate sembrano saper cogliere la struttura aziendale, sia per chi ha abbandonato sia per chi ha attualmente in atto il sistema. I costi di gestione in termini di risorse dedicate e la resistenza alla sua implementazione in azienda sono un elemento di criticità per il passato e presumibilmente un male necessario per chi lo sta utilizzando. L impatto organizzativo è un punto di forza per chi ha attualmente un sistema, mentre è un elemento neutro per chi lo ha utilizzato in passato. Infine, la facilità di comprensione del modello e il rapporto costi-benefici che costituivano una criticità per chi ha abbandonato il sistema sono invece, per chi continua ad averlo, dei punti di forza. I suggerimenti che le aziende offrono per rendere più efficace l implementazione in azienda di un sistema di valutazione dei ruoli sono: 50

7 La metamorfosi della Job Evaluation: da strumento della funzione HR a leva manageriale PUNTO DI FORZA NEUTRO CRITICITA GRADO DI CORRISPONDENZA DELLA VALUTAZIONE CON LA STRUTTURA AZIENDALE Di chi lo ha utilizzato in PASSATO Di chi lo sta utilizzando ATTUALMENTE COSTI DI GESTIONE IN TERMINI DI TEMPO/ PERSONE DEDICATE IMPATTO ORGANIZZATIVO IN TERMINI DI RISULTATI OTTENUTI FACILITÀ DI COMPRENSIONE DEL MODELLO RESISTENZA ALLA SUA IMPLEMENTAZIONE IN AZIENDA RAPPORTO COSTI/BENEFICI Il livello di soddisfazione del sistema maggiore sponsorship del top management; la scelta di un sistema semplice, agile e flessibile, accompagnato da uno strumento informatico che aiuti la gestione operativa delle informazioni; un maggiore coinvolgimento e condivisione con la popolazione coinvolta. In conclusione ha ancora senso parlare di Job Evaluation? La Job Evaluation non è un tema nuovo, tuttavia dall analisi emerge che riveste ancora una notevole importanza nei processi di gestione delle persone in azienda. Alcune delle finalità che ne hanno spinto l introduzione continuano a essere valide, quali la necessità di chiarire le attese organizzative dei ruoli e di garantire equità nella gestione retributiva. Tuttavia a esse si affiancano nuove esigenze, quali la necessità di avere uno strumento flessibile e integrato in grado di facilitare la gestione delle persone in azienda. A Job Analysis e Reward Management si affiancano, di conseguenza, finalità di sviluppo professionale, percorsi di carriera e chiarezza organizzativa. Il modello di gestione delle organizzazioni basato sulla ricerca dell efficienza della produzione, sulla gerarchia organizzativa e sulle strutture burocratiche che realizzano il controllo centralizzato sulle attività, è passato alla ricerca di nuovi modelli che rispondano alla necessità di organizzazioni flessibili, capaci quindi di cambiare continuamente e di auto-organizzarsi (alcuni principi che caratterizzano i modelli di trasformazione delle organizzazioni sono: la gestione per processi, e quella per progetti, l acquisizione e il governo della conoscenza e la fluidità di ruoli e conseguentemente delle richieste alle persone). Si assiste inoltre alla trasformazione di metodi tipicamente caratterizzati da tecnicismi HR a metodi condivisi con e per il management, per la gestione e la presa di decisioni in ambito risorse umane. Diventando più complessi finalità, attori e contesto, anche la rapidità di risposta degli strumenti di amministrazione e controllo dei nuovi sistemi di valutazione deve adeguarsi. Poiché le finalità si sono diversificate e ampliate, gli attori sono cambiati, il contesto organizzativo si muove in modo liquido e sempre più globale, allora i sistemi di valutazione dei ruoli hanno ragione di essere solo se sono in grado di cogliere e rispondere a tali nuove esigenze. Bibliografia Indagine OD&M Consulting, Febbraio AA.VV. (2013), Guida operativa alla valutazione dei ruoli, OD&M Consulting, Milano. Broglio, A (1992), Il sistema di valutazione delle prestazioni, in Costa, G., Manuale di gestione del personale, Torino, UTET. Prien, E.P., Goodstein, L.D., Goodstein, J. (2009), A Practical Guide to Job Analysis, Pfeiffer & Company. 51

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Global Professional System La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Il contesto di riferimento Le organizzazioni si trovano a fronteggiare

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management Incentive & Performance Management La soluzione per informatizzare e gestire il processo di Performance Management Il contesto di riferimento La performance, e di conseguenza la sua gestione, sono elementi

Dettagli

S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i

S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i P r o d o t t o d a A l b e r t o P a o l i n i G r o s s e t o P a r c h e g g i s r l V e n g o n o p

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma Smart*Health [Skill Evaluation Management] SkEMa Il software per la valutazione del personale continuità dell assistenza, collaborazione e controllo in una rete sanitaria integrata Analisi dei fabbisogni

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA. Versione A.D. 1.0

SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA. Versione A.D. 1.0 SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA Versione A.D. 1.0 INDICE 1 - INTRODUZIONE 3 2 - PESATURA DELLA POSIZIONE 4 3 - SISTEMA DI PESATURA DEL COMUNE DI VENEZIA 5 4 - ALLEGATO

Dettagli

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo LA METODOLOGIA La metodologia OD&M per valutare le risorse umane La metodologia OD&M per valutare le risorse

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro INDICE Premessa 3 1. La valutazione permanente e la disciplina delle

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Aggiornato il 10 novembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Che cosa deve

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane

Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane Diagnosi e Valorizzazione del Potenziale delle Risorse Umane Premessa Nell ambito della gestione delle Risorse Umane, EBC Consulting si affianca alle Aziende nel mettere a punto strumenti e processi coerenti

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

- Getting better all the time -

- Getting better all the time - Aviva Italy Direzione Risorse Umane Roma, 10 dicembre 2008 PROGETTO ALBA PROGETTO ALBA - Getting better all the time - Scopi e finalità Il progetto Alba condiviso con l Alta Direzione e lanciato il 4 dicembre

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

ABI HR Forum 2014. Le nuove professioni nella banca che cambia - L esperienza di IBM. 2014 IBM Corporation

ABI HR Forum 2014. Le nuove professioni nella banca che cambia - L esperienza di IBM. 2014 IBM Corporation ABI HR Forum 2014 Le nuove professioni nella banca che cambia - L esperienza di IBM Giandomenico Orlando Smarter Workforce Consultant - IBM Italia (Email: g_orlando@it.ibm.com -- Twitter: @giandomenicorla

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Presentazione della metodologia volta a graduare le particolari posizioni organizzative ai fini della corresponsione della retribuzione di posizione

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA

RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA Il 1 laboratorio GOPP del progetto DI.SCOL.A aveva l obiettivo generale di portare i partner di progetto a familiarizzare sulla

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione;

Compiti innovati Porre attenzione allo sviluppo delle componente manageriale della professione; 1.2.3.2.0 - Direttori e dirigenti del dipartimento organizzazione, gestione delle risorse umane e delle relazioni industriali Le professioni classificate in questa unità definiscono, dirigono e coordinano

Dettagli

profilo dna team clienti

profilo dna team clienti CONSULENZA Organizzativa e Direzionale MS Consulting è una società di consulenza organizzativa e direzionale che, dal 1985, fornisce servizi legati alla valutazione dell efficienza aziendale e allo sviluppo

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

HR Primo Business Partner Aziendale

HR Primo Business Partner Aziendale HR Primo Business Partner Aziendale di Luca Battistini Direttore HR Phone & Go Spa; Presidente della web community Fior di Risorse Le persone al centro. H1 Hrms sistema integrato di gestione del personale

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Human Capital. Conoscere Ideamanagement

Human Capital. Conoscere Ideamanagement Human Capital Conoscere Ideamanagement MISSION & VISION Offrire servizi e soluzioni per aumentare il valore e il rendimento del Capitale Umano. Sviluppare metodologie tra loro coerenti per supportare i

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale. Roberto Ferrari 8 luglio 2009

Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale. Roberto Ferrari 8 luglio 2009 Sistemi per lo sviluppo manageriale e professionale Roberto Ferrari 8 luglio 2009 2 Indice Il processo di gestione e sviluppo delle Risorse Umane I soggetti coinvolti Gestione integrata delle Risorse Umane:

Dettagli

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma OBIETTIVI Da qualche anno a questa parte, le soluzioni di trasporto condivise stanno conoscendo

Dettagli

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Valutare i comportamenti organizzativi: perché e finalità del processo 1 Il comportamento organizzativo

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI Per il quinto anno consecutivo OD&M - società di consulenza appartenente a Gi Group, specializzata nella realizzazione di indagini retributive

Dettagli

La formazione in materia di sicurezza sul lavoro

La formazione in materia di sicurezza sul lavoro Maggio 2015, anno IX N. 5 La formazione in materia di sicurezza sul lavoro Fasi e ruoli specifici per pianificare, organizzare e gestire l attività formativa di Alessandro Cafiero 1 La sicurezza fra contesto

Dettagli

La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo

La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo La metodologia di misurazione e valutazione della performance del personale e delle posizioni organizzative Comune di Pinerolo Deliberazione della Giunta Comunale n. 150 del 22/05/2013 1 1.1.1.- Le modalità

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo

ALLEGATO H VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI COMUNE DI CINISI Prov. Palermo SCHEDA di 3 II Fattore di Valutazione: Comportamenti professionali e organizzativi e competenze Anno Settore Servizio Dipendente Categoria Profilo professionale Responsabilità assegnate DECLARATORIA DELLA

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety dott. Matteo Rossi Le istanze sociali e gli indirizzi strategici La gestione delle problematiche di safety incide sulla redditività

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA I 3 elementi chiave: il prodotto, il processo, la cultura RESPONSABILITA SOCIALE ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE

Dettagli

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale Comune Cernusco Lombardone Valorizzazione e Sviluppo del Capitale Umano per il miglioramento di Performance

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CREAZIONE E GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE AZIENDE di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CONOSCENZA ESPLICITA ED IMPLICITA La conoscenza rappresenta quello che in management

Dettagli

Lo sviluppo continuo del Talento: la soluzione Talentia HCM

Lo sviluppo continuo del Talento: la soluzione Talentia HCM Lo sviluppo continuo del Talento: la soluzione Talentia HCM Enzo De Palma Business Development Director Fabio Cardilli European Product Leader May 2013 Il Talento, cultura e opportunità Perché il Talento

Dettagli

EXTERNAL HR MANAGEMENT

EXTERNAL HR MANAGEMENT EXTERNAL HR MANAGEMENT PER LO SVILUPPO CONTINUO DEI KEY PEOPLE AZIENDALI Dotarsi dei servizi di una moderna Direzione di Sviluppo delle Risorse Umane per la cura dei propri Key People abbattendo i costi

Dettagli

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA Definizione Il Coordinatore di servizio/unità operativa/struttura è una figura che appartiene al management intermedio dell impresa cooperativa. Si

Dettagli

Job Analysis, Job Description e Job Posting

Job Analysis, Job Description e Job Posting Job Analysis, Job Description e Job Posting http://www.ebcconsulting.com Job Analysis, Job Description e Job Posting Software H1 Hrms Pag. 1 INDICE Premessa... 3 La job analysis... 4 La Job description...

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

L infermiere al Controllo di Gestione

L infermiere al Controllo di Gestione L infermiere al Controllo di Gestione Una definizione da manuale del Controllo di gestione, lo delinea come l insieme delle attività attraverso le quali i manager guidano il processo di allocazione e di

Dettagli

CSR manager e Direttore del personale: la gestione sostenibile delle risorse umane IV Ricerca Annuale. Si ringraziano

CSR manager e Direttore del personale: la gestione sostenibile delle risorse umane IV Ricerca Annuale. Si ringraziano CSR manager e Direttore del personale: la gestione sostenibile delle risorse umane IV Ricerca Annuale Si ringraziano Obiettivi 1. Nozione di sostenibilità nella gestione delle Risorse Umane (HR) [RQ1]

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE PROFESSIONI

OSSERVATORIO SULLE PROFESSIONI OSSERVATORIO SULLE PROFESSIONI 1 a indagine sulla formazione dei neolaureati ed esigenze d impresa Università IULM 16 aprile 2012 Con il patrocinio di: Si ringrazia: 1 a INDAGINE SULLA FORMAZIONE DEI NEOLAUREATI

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1

SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1 SDA Bocconi School of Management Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1 Agenda Il disegno di ricerca Il campione di analisi Alcuni risultati della ricerca Le riflessioni 2 3 DISEGNO DI RICERCA:

Dettagli

Come gestire il cambiamento organizzativo?

Come gestire il cambiamento organizzativo? DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it Come gestire il cambiamento organizzativo? Una breve guida all introduzione

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) PROCESSO DI VALUTAZIONE delle prestazioni (PERFORMANCE INDIVIDUALE) rese dal personale Il sistema di valutazione permanente intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera

Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera Il sistema di misurazione e valutazione della performance dell ATER di Matera 1. Premessa: le norme, le indicazioni CIVIT, i requisiti necessari Il Sistema di misurazione e valutazione della performance

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

Guida alla Certificazione ISO 9001 per Piccole Medie Imprese

Guida alla Certificazione ISO 9001 per Piccole Medie Imprese Guida alla Certificazione ISO 9001 per Piccole Medie Imprese Tutto quello che c è da sapere per non sbagliare. Guida Pratica per Imprenditori e Manager che devono affrontare il processo di certificazione

Dettagli

ORIENTARE = EDUCARE ALLE SCELTE

ORIENTARE = EDUCARE ALLE SCELTE ORIENTARE = EDUCARE ALLE SCELTE Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé, di progredire per l adeguamento dei suoi studi e della sua professione rispetto alle mutevoli esigenze della vita

Dettagli

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc.

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc. CLUSIT Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica Linea guida per l analisi di rischio Codice doc.to: CS_CERT/SC1/T3 Stato: Draft 1 2 INDICE 1. Introduzione....4 2. Scopo della presente

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale Indagine sul Benessere organizzativo aziendale L'Azienda Sanitaria ASM di Matera ha avviato L'indagine sul "Benessere Organizzativo Aziendale" nell'anno 2015, secondo le indicazione del Decreto legislativo

Dettagli