UNIVERSITÀ, PIÙ FONDI ALLE MIGLIORI: SARÀ VERA GLORIA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ, PIÙ FONDI ALLE MIGLIORI: SARÀ VERA GLORIA?"

Transcript

1 UNIVERSITÀ, PIÙ FONDI ALLE MIGLIORI: SARÀ VERA GLORIA? PREMESSA Nei giorni scorsi i mezzi di informazione hanno dato ampio spazio alla notizia dell assegnazione da parte del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MiUR) di fondi alle Università statali finalmente ripartiti secondo criteri di qualità. Il Ministro mantiene in questo modo l impegno, assunto con l art. 2 della legge 1/2009, di assegnare almeno il 7% del fondo di finanziamento ordinario (FFO) in base alla qualità dell'offerta formativa, ai risultati dei processi formativi e alla qualità della ricerca scientifica. In realtà, da diversi anni una frazione variabile del FFO viene attribuita alle Università statali secondo criteri di merito nell ambito del processo cosiddetto di riequilibrio, avviato a metà degli anni 90 e teso a ricondurre il finanziamento degli Atenei ad una situazione sostanzialmente aderente alle loro reali condizioni (sia per dimensioni che per volume delle attività). Per approfondimenti: %20(3)%20MC.pdf E pur vero che negli anni scorsi la quota di FFO destinata al riequilibrio è risultata sempre (per scelta del MiUR) alquanto ridotta, variando in anni diversi dallo 0,5 al 4,2% del totale del FFO (nel 2009 è stata di poco più dello 0,8%). Il 7% ripartito quest anno con criteri legati alla valutazione dei risultati dei processi e non meramente alla loro dimensione (e oltre tutto con la promessa di mantenerlo e magari di incrementarlo, per gli anni prossimi) è quindi un dato di notevole interesse, se non proprio di completa novità. L azione ministeriale non è tuttavia immune da critiche, che possono essere formulate su molteplici piani. Prima di analizzare questi piani uno per uno, ricordiamo quanto ad oggi è noto dei criteri in base ai quali sono state valutate le Università statali. Va detto infatti, in premessa, che né i criteri né tanto meno le loro modalità di applicazione sono ad oggi ( ) ancora noti, se non nei termini alquanto generici riportati da una fonte sia pure ufficiale quale l Ufficio stampa del MiUR (http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/ shtml). Il quadro che ne risulta è il seguente: La qualità della ricerca (che sembra abbia pesato per i due terzi sulla valutazione complessiva) è stata stimata: (R1) per il 50% in base alle valutazioni dell agenzia Civr; (R2) per il 20% in base al numero dei ricercatori e dei docenti che hanno partecipato a progetti di ricerca italiani valutati positivamente; (R3) per il 30% in base alla capacità delle Università di intercettare finanziamenti europei per la ricerca. La qualità della didattica (che dovrebbe aver pesato per il terzo residuo) è stata stimata: (D1) per il 20% in base alla percentuale dei laureati che trovano lavoro a 3 anni dal conseguimento della laurea; (D2) per il 20% considerando la capacità delle Università di coprire gli insegnamenti con docenti di ruolo (e non quindi con contratti esterni); (D3) per il 40% in base alla quantità di studenti che si iscrivono al secondo avendo fatto almeno i 2/3 degli esami del primo anno; (D4) per il 20% almeno in apparenza per il semplice fatto che negli Atenei vengano raccolti i questionari per la valutazione da parte degli studenti della qualità della didattica e della loro soddisfazione per i corsi di laurea frequentati.

2 GLI ASPETTI CRITICI In primo luogo, se è vero che il mezzo è il messaggio, è singolare che la Comunità Accademica debba apprendere soltanto dai mezzi di informazione i risultati di una valutazione annunciata oltre tutto ben poco chiaramente sia nei tempi che nei modi (la natura dei criteri, di cui diremo ancora più oltre, non è nota ancor oggi). Si può argomentare che bene ha fatto il Ministro a decidere in autonomia e senza alcuna condivisione in fase istruttoria: diversamente, avrebbe probabilmente rischiato di ricadere nelle solite logiche inconcludenti e spartitorie. Forse è vero, tuttavia questo porta ad almeno due considerazioni: - la solidità e l autorevolezza dell azione di governo del MiUR sono quanto meno in dubbio, se alcuni interventi almeno in apparenza innovativi possono essere realizzati solamente con colpi di mano (bella scoperta, dirà qualcuno ); - non si vede in ogni caso per quale motivo non far precedere alle conferenze stampa e alle varie veline (intese come comunicati ai mezzi d informazione) una comunicazione formale alle Università. Oltre tutto, le Università sono tuttora costrette a definire il loro bilancio di previsione senza conoscere l importo del FFO per l anno successivo: ad esempio, per il 2009 ancora questo non si conosce. L incapacità di programmare, male costitutivo dei nostri Atenei, ha origini complesse, ma non è certo del tutto estranea all impossibilità di prevedere, almeno quest ultima dovuta al MiUR e non addossabile ai singoli Atenei. Un secondo livello di critica riguarda la natura degli indicatori prescelti. Va detto in premessa che un efficace governo del sistema dovrebbe prevedere regole dichiarate a priori, stabili nel tempo e alle quali di conseguenza gli Atenei possano adeguarsi consapevolmente, elaborando proprie strategie di medio-lungo termine, ragionevolmente certi di coglierne i frutti grazie alla stabilità del sistema. Fino ad oggi non è mai stato così, e anzi molti Rettori devono gran parte dell apprezzamento del proprio Ateneo alla loro capacità di cogliere le tendenze oppure meglio ancora di farsi assegnare specifiche risorse più o meno fuori sacco, a prescindere. In questo senso, non è un male che il MiUR proponga ora dei criteri, quali che siano, a condizione che restino tali per un tempo sufficiente ad adeguare le programmazioni locali. Purtroppo, da nessuna parte ancora si è detto che questi saranno i medesimi criteri adottati l anno prossimo. Dall altro lato, non aver conosciuto sino ad oggi alcuno dei criteri adottati implica che nessun Ateneo ha consapevolmente lavorato nelle direzioni che essi delineano: la reale efficacia della loro adozione potrà essere misurata solamente a partire dall anno prossimo (se non per diversi di essi dagli anni successivi, dato che alcune politiche non si improvvisano certo da un anno all altro). Vediamo ora in breve uno ad uno i vari criteri, avendo peraltro ben presente che si tratta di loro generiche formulazioni e che i criteri realmente adottati (come pure le informazioni sulle specifiche modalità di applicazione) non sono ancora disponibili: (R1) Valutazioni dell agenzia Civr Si tratta delle valutazioni sui prodotti della ricerca svolte dal Comitato di Indirizzo per la Valutazione della Ricerca, nominato dall allora Ministro Moratti nell ormai lontano 2003, che valutò i risultati della ricerca universitaria relativi al periodo , concludendo i propri lavori nel Sono integralmente disponibili in rete all URL: A suo tempo lo sforzo fu particolarmente apprezzato da tutta l Università italiana, tuttavia, come sempre nel caso delle prime esperienze, l iniziativa per quanto apprezzabile già allora evidenziò notevoli limiti, tra i quali: - valutazione svolta a livello di Atenei e macroaree, senza alcuna connessione con le strutture dipartimentali responsabili dell organizzazione della ricerca;

3 - regole di selezione dei prodotti spesso poco comprensibili e ancor più spesso poco comprese e comunque male applicate (ad esempio, non sono stati certo infrequenti i casi di prodotti presentati - o meno - più per il peso politico degli autori che per il reale valore intrinseco). Ora, se da un lato è cosa ottima che tutto quel lavoro non sia andato sprecato, dall altro: - è indubbio che questo criterio fotografa un passato che in particolare per alcuni settori di ricerca appare a dir poco remoto, e lo fa oltre tutto in maniera alquanto approssimativa; - è fondamentale che l esercizio valutativo venga immediatamente riavviato, e in tal senso è di buon auspicio che il Ministro abbia dichiarato nei giorni scorsi di aver varato anche il regolamento sulla struttura e il funzionamento dell Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (Anvur). Non è tuttavia verosimile che entro il prossimo anno possa essere completata una nuova valutazione della ricerca universitaria italiana, e in ogni caso una volta di più non sarebbero noti a priori i criteri in base ai quali essa avverrebbe (il che implica che nessun Ateneo come pure nessun singolo ricercatore può ad oggi aver chiare le linee di comportamento che nel prossimo futuro potrebbero divenire premianti ai fini del finanziamento ministeriale). (R2) Ricercatori e docenti che hanno partecipato a progetti di ricerca italiani valutati positivamente Riteniamo che i progetti di ricerca italiani siano progetti PRIN, e che per valutati positivamente si vogliano intendere sia i progetti finanziati che quelli definiti dal sistema di gestione dei progetti come finanziabili ma non finanziati per mancanza di risorse (o formule equivalenti). Se l interpretazione è corretta, si tratta di un criterio da tempo compreso tra quelli utilizzati per la ripartizione della quota di riequilibrio del FFO di cui già si è detto. E senza dubbio un criterio condivisibile, dal momento che il sistema dei PRIN con tutti i suoi limiti e le sue distorsioni talora non del tutto trasparenti è comunque l unico sistema pubblico esistente a livello nazionale che, almeno nominalmente, valuta con meccanismo di peer review le proposte progettuali provenienti da tutti gli ambiti disciplinari dell Università italiana. Questo criterio premia tutti gli Atenei che promuovono (o quanto meno non limitano) la partecipazione dei propri ricercatori ai bandi PRIN. A tal proposito, si è rivelata senza alcun dubbio lungimirante la scelta di Uninsubria operata due anni or sono di cofinanziare sul proprio bilancio le proposte PRIN, rimuovendo così uno dei principali ostacoli connessi alla partecipazione ai bandi, specialmente a carico dei ricercatori più giovani e quindi meno autonomi dal punto di vista delle risorse finanziarie. Il limite maggiore di questo criterio è legato al funzionamento a singhiozzo dei bandi PRIN: già il precedente Ministro, a causa dei ripetuti ritardi e inceppi procedurali, ne fece di fatto saltare uno, e ora siamo sulla buona strada per saltarne di fatto un altro: degli esiti della valutazione dei progetti presentati nell ambito del bando 2008 si sono per il momento perse le tracce, mentre del bando 2009 non si hanno al momento aocra notizie. Un limite ulteriore, altrettanto pesante ma più difficilmene quantificabile, è rappresentato dall efficacia, dall efficienza e dall imparzialità delle valutazioni PRIN, inevitabili anche solo in quanto consustanziali ai sistemi di peer review, e in ogni caso particolarmente sentite in una situazione come quella italiana, in cui manca un soggetto terzo analogoe a quelli esistenti in altre nazioni in grado di valutare con eguale indipendenza dalla Comunità Accademica e dal Ministero. (R3) Capacità delle Università di intercettare finanziamenti europei per la ricerca Questo criterio presenta molteplici problemi interpretativi e applicativi. In primo luogo, cosa si intende per finanziamenti europei? Solo i fondi strettamente connessi ai PQ oppure anche quelli erogati attraverso i governi e le amministrazioni regionali (ad es., nell ambito dei programmi di riqualificazione territoriale, di collaborazione transfrontaliera, ecc.)? Inoltre, un criterio del genere necessita di essere declinato con ragionevolezza, dal momento che i finanziamenti europei sono diversamente disponibili e accessibili per ricercatori che operano in

4 ambiti disciplinari diversi (basti paragonare le scienze biomediche alla maggior parte dei campi della ricerca umanistica). Infine, come è noto, l accesso a questo tipo di finanziamenti è il risultato (comunque non scontato) dell insieme di vari fattori, tra cui: capacità del singolo e/o del gruppo di ricerca, presenza in Dipartimento/Ateneo di adeguate strutture di supporto, orientamento e gestione amministrativi e manageriali, adeguata attività di lobbying a molteplici livelli. Questo criterio è di conseguenza quello per il quale più che per tutti gli altri- una buona performance non si improvvisa da un giorno (e nemmeno da un anno) all altro: sarebbe quindi importante che il Ministro confermasse la volontà del MiUR di mantenere (e migliorare) questo criterio anche per il futuro, quale chiaro atto di indirizzo per gli Atenei. Resta poi la curiosità di conoscere le modalità di applicazione del criterio. A tal proposito, ricordiamo che forse non casualmente uno dei parametri monitorati nell ambito dell indagine CNVSU/Commissione Cultura - Senato della Repubblica promossa nel febbraio 2009 dal Sen. Valditara corrispondeva proprio alle entrate da Unione Europea per docente di ruolo ed era riferito all anno Uninsubria in quella circostanza si collocava (con 2.061,30 Euro/docente) al 40esimo posto di una graduatoria di 68 Università (incluse alcune private), con Trento (8.758,90 Euro/docente) ai primissimi posti e una media (escluse alcune situazioni atipiche quali S. Anna di Pisa e IUSS di Pavia) di 3.320,20 Euro/docente su base nazionale. (D1) Percentuale dei laureati che trovano lavoro a 3 anni dal conseguimento della laurea E uno dei criteri apparentemente meno adeguati e più criticabili, in quanto fondato su una corrispondenza del tutto arbitraria tra la preparazione fornita dall Università e la conseguente possibilità di trovare lavoro. Tralasciando le disquisizioni, peraltro legittime, sul fatto che l Università possa essere una istituzione con finalità professionalizzanti piuttosto che culturali in senso lato, attendiamo maggiori informazioni sulle modalità con le quali questo criterio è stato applicato. Trovare lavoro è con tutta evidenza una espressione estremamente generica (lavoro stabile o precario? Coerente e come, e quanto con la laurea conseguita?) ed è d altra parte altrettanto chiaro come la possibilità di ottenere una occupazione dipenda in misura minore (minima?) dall Università di provenienza e invece ben maggiore (massima? Esclusiva?) dal tessuto economico e sociale nel quale la persona è inserita. E molto facile che questo criterio abbia penalizzato selettivamente le Università del Centro-Sud a favore delle Università del Nord. (D2) Capacità di coprire gli insegnamenti con docenti di ruolo (e non quindi con contratti esterni) Criterio apparentemente apprezzabile, sebbene anche questo sarebbe stato opportuno fosse stato noto in anticipo: nel nostro Ateneo, per esempio, avrebbe rappresentato (e da ora peraltro potrebbe rappresentare) un ulteriore punto di riferimento per razionalizzare l offerta formativa. E inoltre importante capire come viene specificamente definito e applicato: i contratti per i corsi fondamentali sono evidentemente cosa molto diversa dai contratti per corsi integrativi conferiti a figure esterne di comprovata esperienza in determinati settori. Ancora una volta forse non casualmente un altro dei parametri considerati dalla già menzionata indagine svolta quest anno dalla Commissione Cultura del Senato sui dati 2007 è proprio il rapporto percentuale tra spese per docenti a contratto e stipendi per docenti di ruolo. Qui il nostro Ateneo si colloca (con il 5,8%, corrispondente a ,00 Euro oneri compresi) al 23 posto di una graduatoria di 68 Atenei e una media nazionale del 4,8% (in linea con i valori di Atenei eccellenti quali Trento 4,5% - e Politecnico di Milano 4,7%). (D3) Quantità di studenti che si iscrivono al secondo anno avendo fatto almeno i 2/3 degli esami del primo anno

5 Altro criterio estremamente discutibile: nominalmente intende fotografare l efficienza del processo didattico, di fatto incoraggia le promozioni facili. Incomprensibile che gli sia stato oltretutto attribuito il peso maggiore (40%) tra i criteri di qualità della didattica. Premia gli esamifici e va quindi migliorato o semplicemente eliminato! (D4) Questionari per la valutazione Introdotti nel 2004 dall allora Ministro Moratti, ritenevamo che fossero ormai divenuti pratica comune in tutti gli Atenei. Scopriamo invece, se interpretiamo bene il senso del criterio così come definito nel comunicato stampa MiUR, che devono esistere Atenei nei quali ancora non vengono utilizzati. Confessiamo a dire il vero di comprendere almeno in parte quegli Atenei: quelle faccine, sorridenti o imbronciate, presenti sulla scheda per la valutazione del docente sono un insulto all intelligenza dello studente (o almeno speriamo che lo siano ) e alla serietà e alla complessità della didattica universitaria. Non ci si fraintenda: non siamo ideologicamente contrari all introduzione del concetto di customer satisfaction nell Università tanto più pubblica bensì all utilizzo della sua versione più demagogica e populista, e come tale sostanzialmente inutile quando non deleteria (non foss altro per le risorse che induce a sprecare). Riteniamo invece che la soddisfazione dell utente debba manifestarsi prima di tutto a due livelli entrambi squisitamente istituzionali: - attraverso le rappresentanze che gli studenti esprimono in ogni organo collegiale di Ateneo, su su fino agli organi di governo; - attraverso la partecipazione diretta degli stakeholder esterni al governo dell Ateneo, nelle forme già offerte dalla legislazione vigente (il nostro Ateneo prevede la presenza nel Consiglio di Amministrazione di rappresentanti di province, comuni e camere di commercio, oltre che di tutti coloro pubblici e privati che versino all Ateneo contributi di valore superiore a una certa soglia; altri Atenei hanno recentemente varato sistemi più articolati e probabilmente ancor più efficaci: non è questa la sede per una approfondita discussione sull argomento, citiamo tuttavia quanto meno il Comitato dei Sostenitori previsto nel nuovo Statuto dell Università di Camerino <http://web.unicam.it/ateneo/organizzazione/statuto.asp>). Detto questo, il criterio in questa formulazione risulta quanto meno banale. Speriamo che nella sua declinazione completa e dettagliata appaia in altra luce, diversamente ne auspichiamo una profonda revisione, utile a cogliere in maniera più sostanziale l apprezzamento ma soprattutto la partecipazione da parte degli studenti nei confronti della didattica universitaria. Suggeriamo per il futuro al MiUR di identificare parametri più consoni e sostanziali, quali ad esempio la percentuale di posti di rappresentanze studentesche nei vari organi effettivamente ricoperta, oppure ancor meglio la percentuale di studenti che partecipa alle votazioni per l elezione delle rappresentanze studentesche. L ipotesi non dovrebbe suonare troppo sessantottina, tanto più che un potenziamento delle rappresentanze studentesche è previsto in tutte le varie versioni (non ufficiali) del DDL governativo di riforma della governance universitaria. CONSIDERAZIONI FINALI Concludiamo l esame critico del recente provvedimento ministeriale con alcune considerazioni di carattere più generale. Va senza dubbio sottolineata positivamente l introduzione di criteri di merito nella assegnazione di una percentuale significativa del FFO alle Università pubbliche. Il provvedimento arriva tuttavia nel momento più critico per l Università italiana, già sottofinanziata e in procinto di affrontare il drastico taglio dei fondi imposto dalla legge 133/08, che a detta di dei più costringerà molti Atenei a dichiarare bancarotta e (più verosimilmente) imporrà a quasi tutti di ridurre drasticamente gli investimenti in ricerca e in servizi agli studenti (le cosidette spese facoltative termine di gergo amministrativo che la dice lunga su quanto queste siano considerate essenziali dagli Atenei), aumentando al contempo le tasse studentesche (opportunità che recentemente è stata esplicitamente menzionata in sedi ufficiali anche da autorevoli rappresentanti del governo). E appena il caso di ricordare che gran parte delle Università pubbliche italiane già

6 disattende largamente la previsione del DPR 306/97 secondo cui le entrate da contribuzione studentesca per le università statali non possono superare annualmente il 20% del FFO. Insomma, se da un lato non si può che plaudire all introduzione di criteri meritocratici nell assegnazione delle risorse, dall altro non si può nemmeno non notare come essi arrivino proprio nel momento in cui queste risorse sono ridotte al lumicino. Bisogna insomma evitare di fare come quel contadino che si disperava per il proprio asino che, quando sembrava si fosse finalmente abituato a non mangiare, d un colpo gli morì sotto gli occhi. In sintesi: - la volontà ministeriale di utilizzare (meglio ancora se in maniera crescente) criteri meritocratici per l assegnazione delle risorse finanziarie è senza alcun dubbio apprezzabile e da sostenere; - proprio per questo motivo, però, va richiesto con forza che i criteri utilizzati non siano occasionali o peggio fuorvianti, bensì certi, dichiarati in anticipo e mantenuti nel tempo: in altri termini, le regole del gioco devono essere chiare, concordate a priori e poi correttamente applicate e fatte rispettare; - infine, la questione più importante di tutte: la promozione della qualità del sistema universitario e della ricerca (come recita il titolo della legge 1/09) è possibile solo in presenza di sufficienti risorse. Non vorremmo ripetere l abusato refrain secondo cui tra i paesi OCSE l Italia sta faticosamente conquistando l ultimo posto per percentuale di PIL destinato alla ricerca e alla formazione universitaria. Non vorremmo, ma questi sono i fatti. Il generalmente favorevole accoglimento del provvedimento di assegnazione del 7% del FFO secondo criteri di qualità testimonia tuttavia come nell Università pubblica ancora prevalga nei più il desiderio di fare e di fare bene. E a questa maggioranza di fatto silenziosa, estranea o comunque ostile e non strutturale a piaghe quali nepotismo e baronìe, che il Ministro, se può e se sa, deve dare fiducia, e deve darla con gesti concreti, quali: il rifinanziamento del FFO, l incremento (e la regolare erogazione) dei fondi PRIN e più in generale dei fondi di ricerca competitiva. Non ha nessun senso, infatti, applicare criteri meritocratici di sorta fossero anche i migliori in assoluto per la ripartizione del nulla. Marco Cosentino Università degli Studi dell Insubria, Varese-Como Nota bene: le opinioni espresse nel testo sono personali e non rispecchiano in alcun modo le posizioni di istituzioni, enti o associazioni dei quali l autore fa parte.

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private Istruzione. La classifica degli atenei in base alla qualità dell'offerta formativa agli studenti Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private La qualità accademica

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10)

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) Roma, aprile 2011 DENTRO IL LABIRINTO La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) di Emanuela Stefani e Vincenzo Zara DENTRO IL LABIRINTO. LA SOSTENIBILITA'

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233 ed in particolare l articolo 1, comma 8; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Al fine dell iscrizione alle Lauree specialistiche delle professioni sanitarie non è necessario

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Lo sfondo: tra continuità, discontinuità interventi parziali, assenza di un disegno complessivo di

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

FAQ Bando Professori visitatori didattica

FAQ Bando Professori visitatori didattica FAQ Bando Professori visitatori didattica Sommario 1. Qual è l obiettivo principale del bando Professori visitatori didattica? 2. Entro quando è possibile presentare proposta? 3. Chi può presentare domanda?

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato n. 2 (Procedure per l iscrizione, l accesso ai risultati e lo scorrimento della graduatoria) 1. Ciascun candidato deve presentare la richiesta di partecipazione al test selettivo per l accesso

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore

Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore 1 Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore European Association for Quality Assurance in Higher Education La stampa della presente Guida è

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli