UNIVERSITÀ, PIÙ FONDI ALLE MIGLIORI: SARÀ VERA GLORIA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ, PIÙ FONDI ALLE MIGLIORI: SARÀ VERA GLORIA?"

Transcript

1 UNIVERSITÀ, PIÙ FONDI ALLE MIGLIORI: SARÀ VERA GLORIA? PREMESSA Nei giorni scorsi i mezzi di informazione hanno dato ampio spazio alla notizia dell assegnazione da parte del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MiUR) di fondi alle Università statali finalmente ripartiti secondo criteri di qualità. Il Ministro mantiene in questo modo l impegno, assunto con l art. 2 della legge 1/2009, di assegnare almeno il 7% del fondo di finanziamento ordinario (FFO) in base alla qualità dell'offerta formativa, ai risultati dei processi formativi e alla qualità della ricerca scientifica. In realtà, da diversi anni una frazione variabile del FFO viene attribuita alle Università statali secondo criteri di merito nell ambito del processo cosiddetto di riequilibrio, avviato a metà degli anni 90 e teso a ricondurre il finanziamento degli Atenei ad una situazione sostanzialmente aderente alle loro reali condizioni (sia per dimensioni che per volume delle attività). Per approfondimenti: %20(3)%20MC.pdf E pur vero che negli anni scorsi la quota di FFO destinata al riequilibrio è risultata sempre (per scelta del MiUR) alquanto ridotta, variando in anni diversi dallo 0,5 al 4,2% del totale del FFO (nel 2009 è stata di poco più dello 0,8%). Il 7% ripartito quest anno con criteri legati alla valutazione dei risultati dei processi e non meramente alla loro dimensione (e oltre tutto con la promessa di mantenerlo e magari di incrementarlo, per gli anni prossimi) è quindi un dato di notevole interesse, se non proprio di completa novità. L azione ministeriale non è tuttavia immune da critiche, che possono essere formulate su molteplici piani. Prima di analizzare questi piani uno per uno, ricordiamo quanto ad oggi è noto dei criteri in base ai quali sono state valutate le Università statali. Va detto infatti, in premessa, che né i criteri né tanto meno le loro modalità di applicazione sono ad oggi ( ) ancora noti, se non nei termini alquanto generici riportati da una fonte sia pure ufficiale quale l Ufficio stampa del MiUR (http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/ shtml). Il quadro che ne risulta è il seguente: La qualità della ricerca (che sembra abbia pesato per i due terzi sulla valutazione complessiva) è stata stimata: (R1) per il 50% in base alle valutazioni dell agenzia Civr; (R2) per il 20% in base al numero dei ricercatori e dei docenti che hanno partecipato a progetti di ricerca italiani valutati positivamente; (R3) per il 30% in base alla capacità delle Università di intercettare finanziamenti europei per la ricerca. La qualità della didattica (che dovrebbe aver pesato per il terzo residuo) è stata stimata: (D1) per il 20% in base alla percentuale dei laureati che trovano lavoro a 3 anni dal conseguimento della laurea; (D2) per il 20% considerando la capacità delle Università di coprire gli insegnamenti con docenti di ruolo (e non quindi con contratti esterni); (D3) per il 40% in base alla quantità di studenti che si iscrivono al secondo avendo fatto almeno i 2/3 degli esami del primo anno; (D4) per il 20% almeno in apparenza per il semplice fatto che negli Atenei vengano raccolti i questionari per la valutazione da parte degli studenti della qualità della didattica e della loro soddisfazione per i corsi di laurea frequentati.

2 GLI ASPETTI CRITICI In primo luogo, se è vero che il mezzo è il messaggio, è singolare che la Comunità Accademica debba apprendere soltanto dai mezzi di informazione i risultati di una valutazione annunciata oltre tutto ben poco chiaramente sia nei tempi che nei modi (la natura dei criteri, di cui diremo ancora più oltre, non è nota ancor oggi). Si può argomentare che bene ha fatto il Ministro a decidere in autonomia e senza alcuna condivisione in fase istruttoria: diversamente, avrebbe probabilmente rischiato di ricadere nelle solite logiche inconcludenti e spartitorie. Forse è vero, tuttavia questo porta ad almeno due considerazioni: - la solidità e l autorevolezza dell azione di governo del MiUR sono quanto meno in dubbio, se alcuni interventi almeno in apparenza innovativi possono essere realizzati solamente con colpi di mano (bella scoperta, dirà qualcuno ); - non si vede in ogni caso per quale motivo non far precedere alle conferenze stampa e alle varie veline (intese come comunicati ai mezzi d informazione) una comunicazione formale alle Università. Oltre tutto, le Università sono tuttora costrette a definire il loro bilancio di previsione senza conoscere l importo del FFO per l anno successivo: ad esempio, per il 2009 ancora questo non si conosce. L incapacità di programmare, male costitutivo dei nostri Atenei, ha origini complesse, ma non è certo del tutto estranea all impossibilità di prevedere, almeno quest ultima dovuta al MiUR e non addossabile ai singoli Atenei. Un secondo livello di critica riguarda la natura degli indicatori prescelti. Va detto in premessa che un efficace governo del sistema dovrebbe prevedere regole dichiarate a priori, stabili nel tempo e alle quali di conseguenza gli Atenei possano adeguarsi consapevolmente, elaborando proprie strategie di medio-lungo termine, ragionevolmente certi di coglierne i frutti grazie alla stabilità del sistema. Fino ad oggi non è mai stato così, e anzi molti Rettori devono gran parte dell apprezzamento del proprio Ateneo alla loro capacità di cogliere le tendenze oppure meglio ancora di farsi assegnare specifiche risorse più o meno fuori sacco, a prescindere. In questo senso, non è un male che il MiUR proponga ora dei criteri, quali che siano, a condizione che restino tali per un tempo sufficiente ad adeguare le programmazioni locali. Purtroppo, da nessuna parte ancora si è detto che questi saranno i medesimi criteri adottati l anno prossimo. Dall altro lato, non aver conosciuto sino ad oggi alcuno dei criteri adottati implica che nessun Ateneo ha consapevolmente lavorato nelle direzioni che essi delineano: la reale efficacia della loro adozione potrà essere misurata solamente a partire dall anno prossimo (se non per diversi di essi dagli anni successivi, dato che alcune politiche non si improvvisano certo da un anno all altro). Vediamo ora in breve uno ad uno i vari criteri, avendo peraltro ben presente che si tratta di loro generiche formulazioni e che i criteri realmente adottati (come pure le informazioni sulle specifiche modalità di applicazione) non sono ancora disponibili: (R1) Valutazioni dell agenzia Civr Si tratta delle valutazioni sui prodotti della ricerca svolte dal Comitato di Indirizzo per la Valutazione della Ricerca, nominato dall allora Ministro Moratti nell ormai lontano 2003, che valutò i risultati della ricerca universitaria relativi al periodo , concludendo i propri lavori nel Sono integralmente disponibili in rete all URL: A suo tempo lo sforzo fu particolarmente apprezzato da tutta l Università italiana, tuttavia, come sempre nel caso delle prime esperienze, l iniziativa per quanto apprezzabile già allora evidenziò notevoli limiti, tra i quali: - valutazione svolta a livello di Atenei e macroaree, senza alcuna connessione con le strutture dipartimentali responsabili dell organizzazione della ricerca;

3 - regole di selezione dei prodotti spesso poco comprensibili e ancor più spesso poco comprese e comunque male applicate (ad esempio, non sono stati certo infrequenti i casi di prodotti presentati - o meno - più per il peso politico degli autori che per il reale valore intrinseco). Ora, se da un lato è cosa ottima che tutto quel lavoro non sia andato sprecato, dall altro: - è indubbio che questo criterio fotografa un passato che in particolare per alcuni settori di ricerca appare a dir poco remoto, e lo fa oltre tutto in maniera alquanto approssimativa; - è fondamentale che l esercizio valutativo venga immediatamente riavviato, e in tal senso è di buon auspicio che il Ministro abbia dichiarato nei giorni scorsi di aver varato anche il regolamento sulla struttura e il funzionamento dell Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (Anvur). Non è tuttavia verosimile che entro il prossimo anno possa essere completata una nuova valutazione della ricerca universitaria italiana, e in ogni caso una volta di più non sarebbero noti a priori i criteri in base ai quali essa avverrebbe (il che implica che nessun Ateneo come pure nessun singolo ricercatore può ad oggi aver chiare le linee di comportamento che nel prossimo futuro potrebbero divenire premianti ai fini del finanziamento ministeriale). (R2) Ricercatori e docenti che hanno partecipato a progetti di ricerca italiani valutati positivamente Riteniamo che i progetti di ricerca italiani siano progetti PRIN, e che per valutati positivamente si vogliano intendere sia i progetti finanziati che quelli definiti dal sistema di gestione dei progetti come finanziabili ma non finanziati per mancanza di risorse (o formule equivalenti). Se l interpretazione è corretta, si tratta di un criterio da tempo compreso tra quelli utilizzati per la ripartizione della quota di riequilibrio del FFO di cui già si è detto. E senza dubbio un criterio condivisibile, dal momento che il sistema dei PRIN con tutti i suoi limiti e le sue distorsioni talora non del tutto trasparenti è comunque l unico sistema pubblico esistente a livello nazionale che, almeno nominalmente, valuta con meccanismo di peer review le proposte progettuali provenienti da tutti gli ambiti disciplinari dell Università italiana. Questo criterio premia tutti gli Atenei che promuovono (o quanto meno non limitano) la partecipazione dei propri ricercatori ai bandi PRIN. A tal proposito, si è rivelata senza alcun dubbio lungimirante la scelta di Uninsubria operata due anni or sono di cofinanziare sul proprio bilancio le proposte PRIN, rimuovendo così uno dei principali ostacoli connessi alla partecipazione ai bandi, specialmente a carico dei ricercatori più giovani e quindi meno autonomi dal punto di vista delle risorse finanziarie. Il limite maggiore di questo criterio è legato al funzionamento a singhiozzo dei bandi PRIN: già il precedente Ministro, a causa dei ripetuti ritardi e inceppi procedurali, ne fece di fatto saltare uno, e ora siamo sulla buona strada per saltarne di fatto un altro: degli esiti della valutazione dei progetti presentati nell ambito del bando 2008 si sono per il momento perse le tracce, mentre del bando 2009 non si hanno al momento aocra notizie. Un limite ulteriore, altrettanto pesante ma più difficilmene quantificabile, è rappresentato dall efficacia, dall efficienza e dall imparzialità delle valutazioni PRIN, inevitabili anche solo in quanto consustanziali ai sistemi di peer review, e in ogni caso particolarmente sentite in una situazione come quella italiana, in cui manca un soggetto terzo analogoe a quelli esistenti in altre nazioni in grado di valutare con eguale indipendenza dalla Comunità Accademica e dal Ministero. (R3) Capacità delle Università di intercettare finanziamenti europei per la ricerca Questo criterio presenta molteplici problemi interpretativi e applicativi. In primo luogo, cosa si intende per finanziamenti europei? Solo i fondi strettamente connessi ai PQ oppure anche quelli erogati attraverso i governi e le amministrazioni regionali (ad es., nell ambito dei programmi di riqualificazione territoriale, di collaborazione transfrontaliera, ecc.)? Inoltre, un criterio del genere necessita di essere declinato con ragionevolezza, dal momento che i finanziamenti europei sono diversamente disponibili e accessibili per ricercatori che operano in

4 ambiti disciplinari diversi (basti paragonare le scienze biomediche alla maggior parte dei campi della ricerca umanistica). Infine, come è noto, l accesso a questo tipo di finanziamenti è il risultato (comunque non scontato) dell insieme di vari fattori, tra cui: capacità del singolo e/o del gruppo di ricerca, presenza in Dipartimento/Ateneo di adeguate strutture di supporto, orientamento e gestione amministrativi e manageriali, adeguata attività di lobbying a molteplici livelli. Questo criterio è di conseguenza quello per il quale più che per tutti gli altri- una buona performance non si improvvisa da un giorno (e nemmeno da un anno) all altro: sarebbe quindi importante che il Ministro confermasse la volontà del MiUR di mantenere (e migliorare) questo criterio anche per il futuro, quale chiaro atto di indirizzo per gli Atenei. Resta poi la curiosità di conoscere le modalità di applicazione del criterio. A tal proposito, ricordiamo che forse non casualmente uno dei parametri monitorati nell ambito dell indagine CNVSU/Commissione Cultura - Senato della Repubblica promossa nel febbraio 2009 dal Sen. Valditara corrispondeva proprio alle entrate da Unione Europea per docente di ruolo ed era riferito all anno Uninsubria in quella circostanza si collocava (con 2.061,30 Euro/docente) al 40esimo posto di una graduatoria di 68 Università (incluse alcune private), con Trento (8.758,90 Euro/docente) ai primissimi posti e una media (escluse alcune situazioni atipiche quali S. Anna di Pisa e IUSS di Pavia) di 3.320,20 Euro/docente su base nazionale. (D1) Percentuale dei laureati che trovano lavoro a 3 anni dal conseguimento della laurea E uno dei criteri apparentemente meno adeguati e più criticabili, in quanto fondato su una corrispondenza del tutto arbitraria tra la preparazione fornita dall Università e la conseguente possibilità di trovare lavoro. Tralasciando le disquisizioni, peraltro legittime, sul fatto che l Università possa essere una istituzione con finalità professionalizzanti piuttosto che culturali in senso lato, attendiamo maggiori informazioni sulle modalità con le quali questo criterio è stato applicato. Trovare lavoro è con tutta evidenza una espressione estremamente generica (lavoro stabile o precario? Coerente e come, e quanto con la laurea conseguita?) ed è d altra parte altrettanto chiaro come la possibilità di ottenere una occupazione dipenda in misura minore (minima?) dall Università di provenienza e invece ben maggiore (massima? Esclusiva?) dal tessuto economico e sociale nel quale la persona è inserita. E molto facile che questo criterio abbia penalizzato selettivamente le Università del Centro-Sud a favore delle Università del Nord. (D2) Capacità di coprire gli insegnamenti con docenti di ruolo (e non quindi con contratti esterni) Criterio apparentemente apprezzabile, sebbene anche questo sarebbe stato opportuno fosse stato noto in anticipo: nel nostro Ateneo, per esempio, avrebbe rappresentato (e da ora peraltro potrebbe rappresentare) un ulteriore punto di riferimento per razionalizzare l offerta formativa. E inoltre importante capire come viene specificamente definito e applicato: i contratti per i corsi fondamentali sono evidentemente cosa molto diversa dai contratti per corsi integrativi conferiti a figure esterne di comprovata esperienza in determinati settori. Ancora una volta forse non casualmente un altro dei parametri considerati dalla già menzionata indagine svolta quest anno dalla Commissione Cultura del Senato sui dati 2007 è proprio il rapporto percentuale tra spese per docenti a contratto e stipendi per docenti di ruolo. Qui il nostro Ateneo si colloca (con il 5,8%, corrispondente a ,00 Euro oneri compresi) al 23 posto di una graduatoria di 68 Atenei e una media nazionale del 4,8% (in linea con i valori di Atenei eccellenti quali Trento 4,5% - e Politecnico di Milano 4,7%). (D3) Quantità di studenti che si iscrivono al secondo anno avendo fatto almeno i 2/3 degli esami del primo anno

5 Altro criterio estremamente discutibile: nominalmente intende fotografare l efficienza del processo didattico, di fatto incoraggia le promozioni facili. Incomprensibile che gli sia stato oltretutto attribuito il peso maggiore (40%) tra i criteri di qualità della didattica. Premia gli esamifici e va quindi migliorato o semplicemente eliminato! (D4) Questionari per la valutazione Introdotti nel 2004 dall allora Ministro Moratti, ritenevamo che fossero ormai divenuti pratica comune in tutti gli Atenei. Scopriamo invece, se interpretiamo bene il senso del criterio così come definito nel comunicato stampa MiUR, che devono esistere Atenei nei quali ancora non vengono utilizzati. Confessiamo a dire il vero di comprendere almeno in parte quegli Atenei: quelle faccine, sorridenti o imbronciate, presenti sulla scheda per la valutazione del docente sono un insulto all intelligenza dello studente (o almeno speriamo che lo siano ) e alla serietà e alla complessità della didattica universitaria. Non ci si fraintenda: non siamo ideologicamente contrari all introduzione del concetto di customer satisfaction nell Università tanto più pubblica bensì all utilizzo della sua versione più demagogica e populista, e come tale sostanzialmente inutile quando non deleteria (non foss altro per le risorse che induce a sprecare). Riteniamo invece che la soddisfazione dell utente debba manifestarsi prima di tutto a due livelli entrambi squisitamente istituzionali: - attraverso le rappresentanze che gli studenti esprimono in ogni organo collegiale di Ateneo, su su fino agli organi di governo; - attraverso la partecipazione diretta degli stakeholder esterni al governo dell Ateneo, nelle forme già offerte dalla legislazione vigente (il nostro Ateneo prevede la presenza nel Consiglio di Amministrazione di rappresentanti di province, comuni e camere di commercio, oltre che di tutti coloro pubblici e privati che versino all Ateneo contributi di valore superiore a una certa soglia; altri Atenei hanno recentemente varato sistemi più articolati e probabilmente ancor più efficaci: non è questa la sede per una approfondita discussione sull argomento, citiamo tuttavia quanto meno il Comitato dei Sostenitori previsto nel nuovo Statuto dell Università di Camerino <http://web.unicam.it/ateneo/organizzazione/statuto.asp>). Detto questo, il criterio in questa formulazione risulta quanto meno banale. Speriamo che nella sua declinazione completa e dettagliata appaia in altra luce, diversamente ne auspichiamo una profonda revisione, utile a cogliere in maniera più sostanziale l apprezzamento ma soprattutto la partecipazione da parte degli studenti nei confronti della didattica universitaria. Suggeriamo per il futuro al MiUR di identificare parametri più consoni e sostanziali, quali ad esempio la percentuale di posti di rappresentanze studentesche nei vari organi effettivamente ricoperta, oppure ancor meglio la percentuale di studenti che partecipa alle votazioni per l elezione delle rappresentanze studentesche. L ipotesi non dovrebbe suonare troppo sessantottina, tanto più che un potenziamento delle rappresentanze studentesche è previsto in tutte le varie versioni (non ufficiali) del DDL governativo di riforma della governance universitaria. CONSIDERAZIONI FINALI Concludiamo l esame critico del recente provvedimento ministeriale con alcune considerazioni di carattere più generale. Va senza dubbio sottolineata positivamente l introduzione di criteri di merito nella assegnazione di una percentuale significativa del FFO alle Università pubbliche. Il provvedimento arriva tuttavia nel momento più critico per l Università italiana, già sottofinanziata e in procinto di affrontare il drastico taglio dei fondi imposto dalla legge 133/08, che a detta di dei più costringerà molti Atenei a dichiarare bancarotta e (più verosimilmente) imporrà a quasi tutti di ridurre drasticamente gli investimenti in ricerca e in servizi agli studenti (le cosidette spese facoltative termine di gergo amministrativo che la dice lunga su quanto queste siano considerate essenziali dagli Atenei), aumentando al contempo le tasse studentesche (opportunità che recentemente è stata esplicitamente menzionata in sedi ufficiali anche da autorevoli rappresentanti del governo). E appena il caso di ricordare che gran parte delle Università pubbliche italiane già

6 disattende largamente la previsione del DPR 306/97 secondo cui le entrate da contribuzione studentesca per le università statali non possono superare annualmente il 20% del FFO. Insomma, se da un lato non si può che plaudire all introduzione di criteri meritocratici nell assegnazione delle risorse, dall altro non si può nemmeno non notare come essi arrivino proprio nel momento in cui queste risorse sono ridotte al lumicino. Bisogna insomma evitare di fare come quel contadino che si disperava per il proprio asino che, quando sembrava si fosse finalmente abituato a non mangiare, d un colpo gli morì sotto gli occhi. In sintesi: - la volontà ministeriale di utilizzare (meglio ancora se in maniera crescente) criteri meritocratici per l assegnazione delle risorse finanziarie è senza alcun dubbio apprezzabile e da sostenere; - proprio per questo motivo, però, va richiesto con forza che i criteri utilizzati non siano occasionali o peggio fuorvianti, bensì certi, dichiarati in anticipo e mantenuti nel tempo: in altri termini, le regole del gioco devono essere chiare, concordate a priori e poi correttamente applicate e fatte rispettare; - infine, la questione più importante di tutte: la promozione della qualità del sistema universitario e della ricerca (come recita il titolo della legge 1/09) è possibile solo in presenza di sufficienti risorse. Non vorremmo ripetere l abusato refrain secondo cui tra i paesi OCSE l Italia sta faticosamente conquistando l ultimo posto per percentuale di PIL destinato alla ricerca e alla formazione universitaria. Non vorremmo, ma questi sono i fatti. Il generalmente favorevole accoglimento del provvedimento di assegnazione del 7% del FFO secondo criteri di qualità testimonia tuttavia come nell Università pubblica ancora prevalga nei più il desiderio di fare e di fare bene. E a questa maggioranza di fatto silenziosa, estranea o comunque ostile e non strutturale a piaghe quali nepotismo e baronìe, che il Ministro, se può e se sa, deve dare fiducia, e deve darla con gesti concreti, quali: il rifinanziamento del FFO, l incremento (e la regolare erogazione) dei fondi PRIN e più in generale dei fondi di ricerca competitiva. Non ha nessun senso, infatti, applicare criteri meritocratici di sorta fossero anche i migliori in assoluto per la ripartizione del nulla. Marco Cosentino Università degli Studi dell Insubria, Varese-Como Nota bene: le opinioni espresse nel testo sono personali e non rispecchiano in alcun modo le posizioni di istituzioni, enti o associazioni dei quali l autore fa parte.

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2014 Approvato dall Assemblea Generale CRUI Roma, 11 settembre 2014 L Assemblea della CRUI, riunitasi il

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

SETTORE UFFICIO STUDI E DOCUMENTAZIONE

SETTORE UFFICIO STUDI E DOCUMENTAZIONE Settore Ufficio Studi e Documentazione A cura di Antonio Di Martino Francesco Fantaci ANALISI E COMMENTI 0.1 / 2015 «RIPARTIZIONE FFO 2015 Analisi, commenti e considerazioni sulla illegittimità della «pseudo-rottamazione»

Dettagli

5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000

5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000 5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000 La legge collegata alla manovra finanziaria del 1994 (legge 24 dicembre 1993, n.537) ha avviato il processo

Dettagli

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009 Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento Prof. Giuseppe Catalano, Politecnico di Milano Settembre 2009 Agenda 1.La spesa pubblica per il sistema universitario italiano fino

Dettagli

DL 112 (legge 133) Una cronistoria

DL 112 (legge 133) Una cronistoria DL 112 (legge 133) Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro del Tesoro On. Tremonti, il Consiglio dei Ministri approva (all unanimità, Ministro dell Università On. Gelmini compresa!)

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati

Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati Lo stato della ricerca e dell Università: alcuni dati L'Italia spende in ricerca l'1,1% del PIL; siamo lontani dai primi della classe (la Finlandia, che investe in ricerca e innovazione il 3,5% della ricchezza

Dettagli

DL 112 = Scomparsa dell Università Pubblica

DL 112 = Scomparsa dell Università Pubblica Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro del Tesoro On. Tremonti, il Consiglio dei Ministri approva (all unanimità, Ministro dell Università On. Gelmini compresa!) il Decreto Legge

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

Sistema di valutazione delle Università: la necessaria evoluzione

Sistema di valutazione delle Università: la necessaria evoluzione Sistema di valutazione delle Università: la necessaria evoluzione Luigi Biggeri Roma, 5 dicembre 2006 Struttura presentazione 1. Necessità della Valutazione (nel e del Sistema Universitario) 2. Tipologie

Dettagli

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 INTRODUZIONE L Ateneo per gestire al meglio la complessità del momento presente e sfruttare le opportunità del futuro,

Dettagli

Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti

Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 15 OTTOBRE 2013, N.827 LINEE GENERALI DI INDIRIZZO DELLA PROGRAMMAZIONE DELLE UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2013-2015 VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Con l occasione si porgono cordiali saluti.

Con l occasione si porgono cordiali saluti. Roma, 23 maggio 2007 Prot. n. 1517/2007 Al Ministro on. Fabio Mussi Al Sottosegretario on. Luciano Modica Ministero dell Università e Ricerca LORO SEDI OGGETTO: Consultazione telematica. Gentile Ministro,

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca Le nuove Scuole di Dottorato L Università degli Studi di Sassari nell a.a. 2007-2008 giunge al definitivo passaggio dal sistema dei Dottorati

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Fondo di finanziamento ordinario Aspetti generali e strategici

Fondo di finanziamento ordinario Aspetti generali e strategici PARERE SUL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO E SULLA QUOTA DI RIEQUILIBRIO 2001 APPROVATO ALL'UNANIMITA' DALL'ASSEMBLEA DELLA CONFERENZA DEI RETTORI IL 4 APRILE 2001 La Conferenza dei Rettori, presa visione

Dettagli

Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati.

Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati. Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati. Le abilitazioni scientifiche nazionali, e la conseguente gestione degli abilitati, comportano un impatto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

STATI GENERALI. Assemblea di tutte le componenti di ateneo. 21 ottobre 2008

STATI GENERALI. Assemblea di tutte le componenti di ateneo. 21 ottobre 2008 STATI GENERALI Assemblea di tutte le componenti di ateneo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO 21 ottobre 2008 Università Pubblica: non solo tagli Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro

Dettagli

NOTA SU LA BUONA SCUOLA

NOTA SU LA BUONA SCUOLA NOTA SU LA BUONA SCUOLA Roma, 23 ottobre 2014 Il documento presenta aspetti prevalentemente di tipo politico e amministrativo prefigurando una "Buona scuola" come una scuola bene amministrata, e organizzando

Dettagli

Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami"

Università, paradossale guerra ai fuori corso Gli atenei finiranno per regalare gli esami INCHIESTA Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami" Il ministero, nell'erogare i fondi, adesso penalizza i centri con troppi studenti in ritardo con le

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI OBIETTIVI E PROPOSTE dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Nello svolgimento dei compiti istituzionali di garanzia pubblica e di rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO La Commissione VII (Cultura, scienza, istruzione), esaminato lo schema di decreto del Presidente della

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Presidio della Qualità di Ateneo Polo Centrale Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida 13 novembre 2014 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

*** NORMATTIVA -Stampa ***

*** NORMATTIVA -Stampa *** *** NORMATTIVA -Stampa *** Page 1 of 6 DECRETO 21 luglio 1997, n. 245 Regolamento recante norme in materia di accessi all'istruzione universitaria e di connesse attivita' di orientamento. Vigente al: 10-11-2015

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

emanato con D.R. n. 70 del 13/02/2012 e successivamente modificato con D.R. n. 177 del 12/06/2013.

emanato con D.R. n. 70 del 13/02/2012 e successivamente modificato con D.R. n. 177 del 12/06/2013. Regolamento per le procedure di selezione dei Ricercatori e la stipula di contratti a tempo determinato, previsti dall art. 24 comma 3 lett. a) Legge 30 dicembre 2010 n. 240. emanato con D.R. n. 70 del

Dettagli

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative

Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. 1) Modalità organizzative Monitoraggio Indicazioni (DPR 89/2009, art. ) FORMULARIO C - Scuola primaria Hanno partecipato alla rilevazione 5.944 istituzioni scolastiche tra istituti comprensivi e circoli didattici, per la maggior

Dettagli

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE DI RIFORMA DEL DOTTORATO DI RICERCA 1. Il dottorato di ricerca costituisce il terzo livello della formazione universitaria, nel quale si fondono in maniera

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE NEL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO SARÀ UN BOOMERANG PER LA SCUOLA? LA BUONA SCUOLA E L ASSUNZIONE DELLE GAE Il governo Renzi sta lavorando al decreto che implementa

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ

ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ YoUniversity Lab Roma 26 febbraio 15 Alberto Sironi (Alpha Test) ORIENTAMENTO E AMMISSIONE ALL UNIVERSITÀ 1. Accesso all università Dati aggiornati e proposte di miglioramento Il sistema di regolamentazione

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI

7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI 7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI Su invito del Rettore, entra nel luogo della riunione il Sig. Paolo Capuani, Responsabile dell Ufficio Offerta formativa e orientamento in entrata.

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Gli. approfondimenti. di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA

Gli. approfondimenti. di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA Gli approfondimenti di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA di Gianluca Bertagna

Dettagli

Nucleo di Valutazione - Relazione Annuale 1999

Nucleo di Valutazione - Relazione Annuale 1999 1. GESTIONE STRATEGICA 1.1. Il Fondo di Finanziamento Ordinario L'art. 5 della legge 537/93 prevede che nel fondo per il finanziamento ordinario delle università siano comprese:! una quota base, da ripartirsi

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

1. LINEE D INDIRIZZO

1. LINEE D INDIRIZZO Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2015/16 1. LINEE D INDIRIZZO 1.1 Indirizzi generali

Dettagli

Dematerializzazione e registri elettronici La scheda Uil Scuola

Dematerializzazione e registri elettronici La scheda Uil Scuola La scheda Uil Scuola Negli ultimi tempi sono state introdotte diverse disposizioni che, intervenendo per razionalizzare la spesa pubblica hanno promesso effetti dirompenti per l organizzazione delle scuole,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Risultati della didattica sulla ripartizione del Fondo per il Finanziamento Ordinario (FFO) Vincenzo Zara Università del Salento

Risultati della didattica sulla ripartizione del Fondo per il Finanziamento Ordinario (FFO) Vincenzo Zara Università del Salento Risultati della didattica sulla ripartizione del Fondo per il Finanziamento Ordinario (FFO) Vincenzo Zara Università del Salento UNIVERSITY Finanziamento statale alle Università L art. 5 della legge n.

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 2235 Prot. n. 25405 Data 05 agosto 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell'università e della ricerca scientifica

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane

Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane Indagine sulla diffusione del wireless nelle università italiane - A cura di Massimo Carfagna - Finanziato nell ambito della convenzione siglata il 19 luglio 2007 tra il Dipartimento per l Innovazione

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna

I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna Andrea Cammelli A dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna e ad otto dall avvio della riforma universitaria nel nostro paese, è possibile

Dettagli

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Diamogli Credito Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive (POGAS) e l

Dettagli

Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR. A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista

Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR. A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista Premessa CNR e CRUI hanno stipulato nel 2012 un Accordo Quadro per l'attuazione congiunta di programmi di ricerca nazionale

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

Documento unitario La buona scuola

Documento unitario La buona scuola 17 ottobre 2014 Forum nazionale delle Associazioni studentesche Documento unitario La buona scuola PREMESSE Il Forum delle associazioni studentesche maggiormente rappresentative ha analizzato e discusso

Dettagli

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Le proposte degli Amici della Terra Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Un nuovo obiettivo di riduzione dell intensità energetica per coniugare

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009

Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009 Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009 Di seguito vengono indicati i criteri di calcolo adottati nel 2009 dal MIUR per la ripartizione di fondi destinati agli

Dettagli

L attività di Valutazione alla LUISS Guido Carli

L attività di Valutazione alla LUISS Guido Carli L attività di Valutazione alla LUISS Guido Carli Presentazione Alessandro Lubicz Formez 29 novembre 2012 Nucleo di Valutazione Ufficio Studi, Statistiche e Affari generali Attività di Valutazione Struttura

Dettagli

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra promuove il progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra ha fra i

Dettagli

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI ASSEMBLEA PRESIDENTI DEL 7 SETTEMBRE 2010 CONGRESSO NAZIONALE DEGLI ORDINI PROVINCIALI A TORINO GLI INGEGNERI IN ITALIA L evoluzione dell ingegneria negli ultimi decenni,

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA

Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA DOC3/14 Palermo, 7 Luglio 2014 1 1. PREMESSE Prima della definizione

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

La Ripartizione del Fondo Finanziamento Ordinario nell anno 2011

La Ripartizione del Fondo Finanziamento Ordinario nell anno 2011 Università degli Studi di Firenze Area Servizi Economici e Finanziari Ufficio Programmazione, Pianificazione Risorse Finanziarie e Controllo di Gestione a cura di Laura Bartolini La Ripartizione del Fondo

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544 AUDIZIONE DELLA FEDERAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELL AEROSPAZIO, DIFESA E SICUREZZA () E DELL ASSOCIAZIONE PER I SERVIZI, LE APPLICAZIONI E LE TECNOLOGIE ICT PER LO SPAZIO () AUDIZIONE INFORMALE NELL

Dettagli

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Fonte: Decimo rapporto sullo stato del sistema universitario (dicembre 2009) Studenti immatricolati Maturi anno 2007 Immatricolati a.a.

Dettagli

Proposte in ordine alla rielaborazione del vigente D.Lgs. 188/2008

Proposte in ordine alla rielaborazione del vigente D.Lgs. 188/2008 Proposte in ordine alla rielaborazione del vigente D.Lgs. 188/2008 Audizione XIII Commissione Territorio, ambiente e beni ambientali Senato della Repubblica Il Centro di Coordinamento Nazionale Pile e

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Licei musicali: incontro dei Direttori dei Conservatori e dei dirigenti scolastici (Roma, 15 16 luglio 2010) Si è tenuto a Roma nei giorni 15 e 16 c.m. un incontro dei Direttori dei Conservatori e dei

Dettagli

UNIVERSITÀ E RICERCA

UNIVERSITÀ E RICERCA UNIVERSITÀ E RICERCA PILASTRI SU CUI FONDARE LO SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO DEL PAESE L istruzione universitaria arreca non solo benefici individuali Per i giovani che la frequentano: oltre all acquisizione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR 2012-2014 1 1. PREMESSA L art. 2, comma 138, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM)

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) (Approvata nella seduta del 20 DICEMBRE 2013) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Scheda tecnica sul nuovo decreto per l'accreditamento dei corsi e delle sedi universitarie

Scheda tecnica sul nuovo decreto per l'accreditamento dei corsi e delle sedi universitarie Scheda tecnica sul nuovo decreto per l'accreditamento dei corsi e delle sedi universitarie Analisi tecnica dello schema di decreto legislativo recante la valorizzazione dell'efficienza delle università

Dettagli

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca di concerto con Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge

Dettagli

LINEE-GUIDA. per il. Premessa

LINEE-GUIDA. per il. Premessa LINEE-GUIDA per il Regolamento ministeriale sulla struttura e sul funzionamento dell Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) Premessa La legge di istituzione

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA DISEGNO DI LEGGE LEGGE DI CONTABILITA E FINANZA PUBBLICA A.C. N.2555

INDAGINE CONOSCITIVA DISEGNO DI LEGGE LEGGE DI CONTABILITA E FINANZA PUBBLICA A.C. N.2555 INDAGINE CONOSCITIVA DISEGNO DI LEGGE LEGGE DI CONTABILITA E FINANZA PUBBLICA A.C. N.2555 COMMISSIONE BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE CAMERA DEI DEPUTATI 22 SETTEMBRE 2009 Il disegno di legge A.C. n.

Dettagli

Riconoscimento dei periodi di studio all estero e conversione dei voti:

Riconoscimento dei periodi di studio all estero e conversione dei voti: Riconoscimento dei periodi di studio all estero e conversione dei voti: Erasmus+ e ECTS Maria Sticchi Damiani Università di Messina 14 aprile 2014 www.bolognaprocess.it 1 ATENEO 1. Documenti di riferimento

Dettagli