Corso di Musica per tutti... quelli che la amano!

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Musica per tutti... quelli che la amano!"

Transcript

1 Corso di Musica per tutti... quelli che la amano! Questo piccolo corso, scritto con umiltà da un umile musicista, ha l' intento di fornire un trampolino di lancio nella teoria e nella pratica del musicista, eliminando i freni e le inibizioni che possono insorgere nel novizio. L' autore non ha l' esperienza e la cultura necessaria ad offrire un saggio mastodontico, ma solo un libello che puo essere un primo passo ( quello ritengo piu difficile ) verso la musica, a chi di solito si sente negato e non guarda nemmeno dallo spiffero della porta. Spero in futuro di poter essere un musicista e un docente migliore, per ora questo è il mio impegno piu sincero. La licenza d' uso è Creative Commons, per i dettagli si richiamino i crediti finali.

2 Musica e Musicista: l' arte e l' artista La Musica è un arte, potremmo definirla come l' espressione concreta dell aspirazione al bello e al buono che in ogni essere umano è insita... e che rende l' uomo piu felice quando viene liberamente espressa. Il musicista è l' individuo che si pone tra l' ideale, e il destinatario, è colui che crea e rinnova la bellezza della Musica

3 Essere musicisti, diventare musicisti La Musica è un istinto primordiale dell essere umano, ogni linguaggio è assimilabile al concetto di musica. Il parlato, il rumore, i suoni della natura. Tutto è musica. Il musicista diventa tale quando desidera, e compie, una sua partecipazione e presa di coscienza all' interno del Sistema Musicale

4 Il primo passo: la ricerca dello strumento d' elezione La Musica è una, e le sue espressioni sono molteplici. Ogni oggetto puo diventare uno strumento musicale, e gli strumenti musicali sono innumerevoli. Come scegliere dunque il proprio strumento musicale? Una buona scelta, sincera e duratura, puo derivare dall ascolto di numerose produzioni musicali, nella quale cercare quel suono, quella ritmica, quel carattere che il nostro strumento puo offrire. Non è utile lasciarsi consigliare da altri, o cadere nei pregiudizi di presunta facilità o difficoltà nell apprendimento. Si seguano solo le proprie passioni, quando si saranno palesate

5 Autodidatta o Studente? Vantaggi, Svantaggi, Pregi, Difetti nei due diversi approcci... si bilanciano perfettamente. Quel che personalmente consiglio, è di affidarci ad entrambe le possibilità di apprendimento, cercando di non lasciarci troppo attrarre dalla dotta ignoranza, tantomeno lasciare che il nostro insegnante crei una copia replicante di se stesso. Cerchiamo in mezzo a queste due correnti, la nostra Identità Artistica. E puntiamo sempre piu in alto, memento audere semper

6 Ritrovarsi con uno strumento... e ora che si fa? Un atteggiamento fondamentale per una positiva carriera da musicista, è quello della comprensione dei propri limiti, e dello stimolo a volerli ogni giorno superare. Non ci si mortifichi constatando la differenza tecnica, stilistica, di esperienza, tra noi bassisti al primo giorno di musica, e Jaco Pastorius. Si colgano pregi e virtù dei maestri, e si formi un pensiero e un sentimento misto di critica e ammirazione che potrà formarci come musicisti migliori

7 Come non citare il mio Maestro: Tu sei bravissimo, suoni da quindici anni e c' hai una tecnica impressionante ma... Un musicista deve sempre sapere quello che fa! Ne consegue che il nostro corso partirà da brevi cenni di...

8 Teoria Musicale di Base La musica è composta dal ritmo, dall armonia e dalla melodia. L' unita di base di una composizione musicale è la Nota

9 Quel che distingue le note E' la loro ALTEZZA: la distanza relativa tra una nota e l' altra si chiama INTERVALLO. L' Altezza assoluta da invece il nome alla nota. La nota da cui tutto il sistema musicale prende fondamento è il LA, denominato A nella notazione Jazz, che risuona a 440 Hz

10 L' ordine in cui le note suonano: La Scala La Scala di riferimento per tutte le strutture musicali, si chiama Scala Maggiore di DO ( C Maj Scale ).

11 Struttura ascendente e discendente della Scala Maggiore di DO ( C Maj DO (C ) RE ( D ) MI ( E ) FA ( F ) SOL ( G ) LA ( A ) SI ( A ) ) SI ( B ) LA ( A ) SOL ( G ) FA ( F ) MI ( E ) RE ( D ) DO ( C )

12 Quantificare le distanze tra una nota e l' altra Tono e Semitono Il Tono e il Semitono sono le due unità di misura che possono quantificare la distanza tra due note che ne rende una piu acuta o piu grave dell' altra. Vediamo ora quali distanze sussistono all interno della Scala Maggiore di DO

13 Toni e Semitoni nella scala maggiore ( anche detta TONALITA ) di DO Tra il DO e il RE c' è un TONO. Tra il RE e il MI c' è un TONO. Tra il MI e il FA c' è un SEMITONO. Tra il FA e il SOL c' è un TONO. Tra il SOL e il LA c' è un TONO. Tra il LA e il SI c' è un TONO. Tra il SI e il DO c' è un SEMITONO Morale: T T S T T T S

14 Generalizzazione sulla Scala Maggiore Lo schema della scala maggiore di DO, vale per qualsiasi scala maggiore composta a partire da qualsiasi nota dell sistema musicale Ora vedremo quali traumi le scale maggiori subiscono, quando non sono scale maggiori di DO.

15 Il Trauma Musicale: Le Alterazioni Corre luogo comune che le note siano 7. No! Le note NATURALI sono 7. Le note totali esistenti nella musica moderna sono 12. Le 7 Naturali, piu quelle che sono il risultato di ALTERAZIONI delle naturali stesse. Le due alterazioni che una nota naturale puo subire, sono il DIESIS ( # ) e il BEMOLLE ( b )

16 Prima di comprendere le alterazioni Dobbiamo chiarire quali intervalli sono presenti all interno della scala CROMATICA, ovvero quella che ordina assieme alle note NATURALI anche quelle ALTERATE

17 La Scala Cromatica: Ascendente e Discendente DO DO # RE RE # MI FA FA # SOL SOL # LA LA # SI DO DO SI SI b LA LA b SOL SOL b FA MI Mi b RE RE b DO

18 Definizione di nota alterata La nota Alterata è una nota la cui altezza è stata spostata in alto o in basso di un SEMITONO il DO # è un DO alzato di un semitono il RE b è un RE abbassato di un semitono E' importante comprendere che anche se al fine pratico le due note DO # e RE b sono identiche, non lo sono dal punto di vista teorico e concettuale. Ed ecco infatti che parliamo di INTERVALLI nella SCALA CROMATICA

19 Gli Intervalli nella Scala Cromatica Il calcolo di un intervallo si compie considerando semplicemente il numero di note implicate. Esempio pratico: Intervallo da DO a FA: DO, RE, MI, FA: 4 note. L' intervallo è una QUARTA

20 Intervalli maggiori, minori e giusti Un intervallo puo però essere Maggiore, Minore, Giusto, Aumentato o Diminuito. Questo dipende dalla QUANTITA di Semitoni che contiene... Vista la perniciosità dell argomento, lascio un semplice schema.

21 Quantità di semitoni in ogni intervallo diminuito minore giusto maggioreeccedente seconda terza quarta quinta sesta settima

22 Un enorme vantaggio: gli intervalli sono costanti Qualsiasi sia la nota rispetto alla quale si distingue un intervallo, una TERZA MAGGIORE sarà SEMPRE una TERZA MAGGIORE. Una QUINTA GIUSTA, sarà sempre una QUINTA GIUSTA DO SOL... QUINTA GIUSTA. RE LA, QUINTA GIUSTA Visto che bello?

23 Parlavamo di Quinte Giuste? Ecco a voi il Ciclo delle Quinte! Ecco un bel circoletto di note che sono tutte distante una QUINTA GIUSTA l' una dall altra. Imparare a memoria! DO SOL RE LA MI SI FA# DO# LA b MI b SI b FA DO

24 E ora uno schema per memorizzare le alterazioni: Ed ecco che il ciclo delle quinte ci corre in aiuto! FA DO SOL RE LA MI SI SIMILARE SOLDO FA Per identificare i # di ciascuna tonalità, utilizzeremo la prima frase. Per i b, utilizzeremo la seconda

25 FA DO SOL RE LA MI SI il DO è la TONALITA ( SCALA ) che non ha alterazioni. A sinistra, c' è una nota che non ha #, ma ha un b. A destra del DO, tutte le note hanno piu o meno #. Ed ecco la magia: FA: Si b DO : 0 SOL: FA # RE: FA # DO # LA : FA # DO # SOL # MI: FA# DO # SOL # RE # SI: FA# DO # SOL # RE # LA # Ora mancano le due tonalità che non avrebbero #, ma glielo mettiamo come nome: FA#: FA#, DO # SOL # RE # LA # MI # DO# : FA# DO # SOL # RE # LA # MI # SI #

26 SIMILARE SOLDO FA L' uguaglianza produce denaro. Scherzi a parte, ecco lo schema per i bemolli DO: nessun bemolle F: SI b SI: SI b MI b MI: SI b MI b LA b LA: SI b MI b LA b RE b RE: SI b MI b LA b RE b SOL b SOL: SI b MI b LA b RE b SOL b DO b DO b: SI b MI b LA b RE b SOL b DO b FA b OL # RE # LA # MI # SI #

27 Non solo Memoria: invito alla PRATICA Prendete il vostro strumento musicale, suonate una scala maggiore a partire da diverse note, e verificate voi stessi di quali note siano alterate e quali naturali! Mi raccomando, la musica è sempre comprensibile, mai mnemonica! ^_^

28 Cosa nasce quando tre note suonano assieme? Un accordo! Un accordo è l' insieme di tre o piu note suonate contemporaneamente, a seconda delle note che vengono suonate, l' accordo assume caratteristiche diverse.

29 Accordi Maggiori e Minori: La Terza nota è decisiva! Un accordo maggiore è composto SEMPRE da una nota FONDAMENTALE ( quella che da il nome all accordo stesso ), da una TERZA MAGGIORE ( nota che dista sempre 2 toni dalla fondamentale ) e da una QUINTA che dista 1 tono e mezzo dalla TERZA MAGGIORE. Gli accordi minori sono composti ugualmente da una FONDAMENTALE, ma la TERZA è sempre MINORE ( dista 1 tono e mezzo dalla fondamentale ) e la QUINTA di conseguenza disterà 2 toni dalla TERZA ).

30 La scala minore naturale La Scala Minore Naturale, secondo tipo di scala che andiamo a studiare, è semplicemente il risultato di una TRASLAZIONE della scala Maggiore: Immaginiamo semplicemente di intonare una Scala Maggiore... partendo dal suo SESTO GRADO invece che dal primo: DO RE MI FA SOL LA SI ( scala maggiore ) diventa... LA SI DO RE MI FA SOL ( scala minore ) Si dice che la Scala Minore di LA è la RELATIVA NATURALE della Scala Maggiore di DO

31 Stare in una tonalità... cambiando nota di partenza: Le Scale Modali Suoniamo una bella scala di DO Maggiore: Do, Re, Mi, Fa, Sol, La, Si. Ora suoniamo le stesse note, partendo però dal RE. Cambieranno RELATIVAMENTE gli intervalli, ma per magia... non le NOTE SUONATE. Ecco, abbiamo creato la scala MODALE DORICA della Scala Maggiore di DO.

32 Come ottenere le 7 scale modali Come spiegato prima, le modali ci permettono di suonare le note di una tonalità, cambiando nota di partenza e quindi la SCALA RELATIVA. Creiamo le Modali per la tonalità piu semplice, quella di DO Maggiore.

33 Schema degli intervalli e dei Gradi Modali I IONICO T, T, ST, T, T, T, ST II DORICO T, ST, T, T, T, ST, T III FRIGIO ST, T, T, T, ST, T, T IV LIDIO T, T, T, ST, T, T, ST V MESOLIDIO T, T, ST, T, T, ST, T VI EOLIO T, ST, T, T, ST, T, T VII LOCRIO ST, T, T, ST, T, T, T

34 Osservazioni sulle Modali 1/2 La IONIA, che parte dalla PRIMA nota della scala ( NON CONFONDIAMO SCALA CON TONALITA! ^^ ), coincide con la Scala Maggiore. Le 2 scale MAGGIORI all interno del sistema modale sono IONICA E LIDIA, i gradi I e IV

35 Osservazioni sulle Modali 2/2 Le scale minori sono la DORICA e la FRIGIA. Casi particolari sono la scala EOLIA, che non è altro che la scala minore naturale ( ricordate che dicevamo che la minore naturale parte appunto dal sesto grado della maggiore ad essa relativa nella stessa tonalità? :) ). L' altra eccezione è la scala LOCRIA, la cui QUINTA è DIMINUITA ( b ).

36 Come riconoscere una tonalità all interno del sistema modale? La Scala Modale che determina la tonalità di un brano, è sempre e comunque la scala sul V grado, detta MESOLIDIA. La scala Mesolidia è anche detta scala di SETTIMA di DOMINANTE ( DOMINANTE è il nome formale per la QUINTA di una scala ).

37 Esempi di armonizzazione modale Ecco un esempio di brano musicale, identifichiamone la tonalità: DO Maj, LA min, RE min, SOL 7, DO Maj In presenza di un V grado ( dominante ) SOL, la tonalità è sicuramente DO Maj.

38 Un secondo esempio di armonizzazione LA min, DO Maj, RE min, LA min Anche se non c' è un accordo di 7 ( dominante ), la presenza del LA min e del DO Maj ci richiama al vecchio discorso... secondo cui LA min e DO Maj sono parenti gelosi e strettissimi :D. Di nuovo tonalità di DO Maj? No, in questo caso si tratta di una tonalità minore, perchè il primo accordo è prioritario. Questo sarà un brano triste, minore, anche se avremo la possibilità di suonare coerentemente un accordo di DO Maj nello scorrere dell improvvisazione

39 Quando armonizzate e improvvisate con le modali... Ricordatevi che ogni scala ha le proprie note alterate! Non suonate sempre in DO Maj ( o LA min ) credendo di improvvisare in un altra tonalità!

40 Bene, ora possedete dei piccoli fondamenti... Conoscete un minimo di melodia, e armonia... cosa manca? Il Ritmo!

41 La nascita del Ritmo: la Pulsazione o Beat Possiamo definire il Ritmo, come il risultato di un continuo rapporto d' amore e odio tra le note e il silenzio. Alla base di tutto questo, esiste un istinto, che è la Pulsazione. Per convenzione, la pulsazione è definita in quarti, ma possono anche esistere ritmi che si fondano su pulsazioni diverse.

42 Il metronomo: la concretizzazione del Beat Il metronomo è uno strumento che emette pulsazioni a distanza esatta e costante, fornendo al musicista un riferimento sicuro sul quale poggiare un ritmo. Il BPM è la misura dei Battiti per Minuto. Se vogliamo, possiamo definire i 60 bpm come una pulsazione al secondo, analoga alla pulsazione degli orologi.

43 L' unità di misura ritmica, e le sue suddivisioni L' unità fondamentale nella cultura musicale è il QUARTO. Il quarto puo essere suddiviso in ottavi, e l' ottavo in sedicesimi. Possono ulteriormente conseguire i trentaduesimi e i sessantaquattresimi.

44 Un esempio chiarificatore per le cellule ritmiche BPM 60: un QUARTO corrisponde ad un battito ogni secondo un OTTAVO corrisponde ad un battito ogni mezzo secondo un SEDICESIMO corrisponde ad un battito ogni quarto di secondo un TRENTADUESIMO corrisponde ad un battito ogni ottavo di secondo un SESSANTAQUATTRESIMO corrisponde ad un battito ogni sedicesimo di secondo

45 Keep the Beat: il metronomo interno e quello esterno E' importante per il musicista, qualsasi ruolo si ricopra all interno di un brano, essere coscienti e allineati e due metronomi. Quello personale, che permette la padronanza della ritmica del nostro strumento, e quello esterno, che ci permette di comprendere e rispettare le ritmiche altrui.

46 Il solfeggio ritmato: quando la mente canticchia Dum Dum Una ottima pratica che permette ai musicisti di Mantenere il proprio Beat, è trasformare la propria mente in un metronomo, e lasciare che essa canticchi le pulsazioni e la ritmica che vogliamo eseguire.

47 Un appunto stilistico: suonare poco, suonare troppo, suonare il giusto Con parole semplici, ricordiamoci che il fine della musica non è quello di esibire la nostra tecnica, ma creare qualcosa di bello. Evitiamo di suonare ritmi e melodie troppo scontate, questo annoierà prima di tutto l' ascoltatore, e poi ci frenerà nel meraviglioso percorso dell' Evoluzione Culturale. Evitiamo altresì di suonare troppo, il pubblico non vuole assistere ad un esibizione di Frullatori Elettrici, ma vuole poter godere sia delle nostre scale e arpeggi veloci, che di un silenzio riposante al momento giusto. Cerchiamo di creare un armonia tra la nostra espressione, e quella dei nostri compagni di musica. Cerchiamo uno spazio dove essere noi stessi, lasciando che anche gli altri siano i musicisti che desiderano essere

48 Ear Training: comprendere la musica viaggiando al suo interno Sembrerà paradossale, ma un grande musicista è colui che non solo è in grado di produrre suoni, ma specialmente di ascoltarli e saperli conoscere e comprendere. Ecco perchè l' Ear Training, l' educazione dell' orecchio è fondamentale

49 Fondamenti di Ear Training Le due abilità che l' orecchio umano possiede, sono l' orecchio Assoluto e l' orecchio Relativo. L' abilità che è importante e sulla quale i musicisti possono fare maggiore affidamento, è l' orecchio Relativo. La capacità di distinguere gli intervalli, le melodie, gli accordi, affidandosi esclusivamente al loro ascolto.

50 Ear Training: Accordare se stessi Si prenda un qualsiasi strumento, e si suoni la nota LA. Ci si impegni nel cantare la stessa nota LA che stiamo ascoltando, sia in contemporanea che in risposta, in modo da avvicinarsi il piu possibile alla frequenza esatta emessa dallo strumento opportunamente accordato

51 Secondo esercizio: cantare le scale Si suoni una scala maggiore sullo strumento prescelto, e la si doppi con la propria voce. Stessa cosa con la scala minore naturale, e con le scale modali

52 Terzo esercizio: cantare gli intervalli Si riproducano i diversi intervalli sullo strumento, e li si doppi con la voce. Si suoni una QUINTA ad esempio DO SOL, e la si canti DO SOL. Si cantino gli stessi intervalli a partire da note diverse, come pratica aggiuntiva

53 Corretto attegiamento nei confronti dell Ear Training Non si consideri l' Ear Training come una noiosa formalità didattica, ma si cerchi di individuare i vantaggi nella capacità di ascolto e di improvvisazione che un orecchio allenato potrà fornire nel corso della propria carriera musicale.

54 In attesa di nuove integrazioni e nuovi manuali... Con questo cordiale saluto, si chiude il libello qui propostovi. Marco Pikkolo Loiodice vi ringrazia per aver seguito questo suo umile corso, e vi augura una prospera esperienza da musicisti

55 1 Corso di Musica per tutti... quelli che la amano! Indice 1 2 Musica e Musicista: l' arte e l' artista 3 Essere musicisti, diventare musicisti 4 Il primo passo: la ricerca dello strumento d' elezione 5 Autodidatta o Studente? 6 Ritrovarsi con uno strumento... e ora che si fa?

56 Indice 2 7 Come non citare il mio Maestro: 8 Teoria Musicale di Base 9 Quel che distingue le note 10 L' ordine in cui le note suonano: La Scala 11 Struttura ascendente e discendente della Scala Maggiore di DO ( C Maj ) 12 Quantificare le distanze tra una nota e l' altra Tono e Semitono 13 Toni e Semitoni nella scala maggiore ( anche detta TONALITA ) di DO

57 Indice 3 14 Generalizzazione sulla Scala Maggiore 15 Il Trauma Musicale: Le Alterazioni 16 Prima di comprendere le alterazioni 17 La Scala Cromatica: Ascendente e Discendente 18 Definizione di nota alterata 19 Gli Intervalli nella Scala Cromatica 20 Intervalli maggiori, minori e giusti 21 Quantità di semitoni in ogni intervallo

58 Indice 4 22 Un enorme vantaggio: gli intervalli sono costanti 23 Parlavamo di Quinte Giuste? Ecco a voi il Ciclo delle Quinte! 24 E ora uno schema per memorizzare le alterazioni: 25 FA DO SOL RE LA MI SI 26 SIMILARE SOLDO FA 27 Non solo Memoria: invito alla PRATICA 28 Cosa nasce quando tre note suonano assieme? Un accordo!

59 Indice 5 29 Accordi Maggiori e Minori: La Terza nota è decisiva! 30 La scala minore naturale 31 Stare in una tonalità... cambiando nota di partenza: Le Scale Modali 32 Come ottenere le 7 scale modali 33 Schema degli intervalli e dei Gradi Modali 34 Osservazioni sulle Modali 1/2 35 Osservazioni sulle Modali 2/2

60 Indice 6 36 Come riconoscere una tonalità all interno del sistema modale? 37 Esempi di armonizzazione modale 38 Un secondo esempio di armonizzazione 39 Quando armonizzate e improvvisate con le modali Bene, ora possedete dei piccoli fondamenti La nascita del Ritmo: la Pulsazione o Beat 42 Il metronomo: la concretizzazione del Beat

61 Indice 7 43 L' unità di misura ritmica, e le sue suddivisioni 44 Un esempio chiarificatore per le cellule ritmiche 45 Keep the Beat: il metronomo interno e quello esterno 46 Il solfeggio ritmato: quando la mente canticchia Dum Dum 47 Un appunto stilistico: suonare poco, suonare troppo, suonare il giusto

62 Indice 8 48 Ear Training: comprendere la musica viaggiando al suo interno 49 Fondamenti di Ear Training 50 Ear Training: Accordare se stessi 51 Secondo esercizio: cantare le scale 52 Terzo esercizio: cantare gli intervalli 53 Corretto attegiamento nei confronti dell Ear Training 54 In attesa di nuove integrazioni e nuovi manuali...

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

CAPITOLO 1: "A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI?"

CAPITOLO 1: A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI? CAPITOLO 1: "A CHE COSA SERVONO I TASTI NERI?" La nostra sala prove era nientemeno che lo scantinato del Liceo Scientifico Galilei, opportunamente equipaggiato grazie al fondo studenti. Avrò avuto sì e

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire

La scala maggiore. In questa fase è come se sapessimo il modo giusto di aprire la bocca per parlare ma non avessimo idea delle parole da dire La scala maggiore Ora che abbiamo dato un pò di cenni teorici e impostato sia la mano destra che la sinistra è venuto il momento di capire cosa suonare con il basso ( impresa ardua direi ), cioè quando

Dettagli

Introduzione V. 261 M.

Introduzione V. 261 M. Introduzione L ampia aneddotica della vita di Wolfgang Amadeus Mozart, ma potremmo dire dell intera storia della musica, ci ricorda come il giovane musicista salisburghese aveva appena quattordici anni

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

PROGRAMMA DI CANTO PRIMO ANNO

PROGRAMMA DI CANTO PRIMO ANNO PROGRAMMA DI CANTO PRIMO ANNO La prima fase del programma prevede un periodo di tempo, soggettivo per ciascun alunno, in cui il lavoro sarà impostato volgendo una particolare attenzione a studi mirati

Dettagli

Quante cose si possono fare con una scala pentatonica?

Quante cose si possono fare con una scala pentatonica? Quante cose si possono fare con una scala pentatonica? Bene, iniziamo! In questo incontro vorrei analizzare la scala pentatonica, come è generata e come poterla utilizzare in modo creativo. Per inciso,

Dettagli

Impariamo a calcolare gli intervalli

Impariamo a calcolare gli intervalli Impariamo a calcolare gli intervalli A cosa servono gli intervalli? 1. Costruire le scale 2. Costruire gli accordi e i loro arpeggi 3. Capire da quale scala proviene una frase 4. Capire quale accordo puoi

Dettagli

I modi della scala maggiore - prima parte

I modi della scala maggiore - prima parte I modi della scala maggiore - prima parte Perché imparare i modi? La risposta è molto semplice, direi quasi banale. E per inciso è applicabile per tutti i musicisti indipendentemente dallo strumento suonato,

Dettagli

Introduzione al sistema modale

Introduzione al sistema modale Introduzione al sistema modale a cura di Massimo Mantovani, Roberto Poltronieri, Lorenzo Pieragnoli La scala maggiore di Do, composta dalle note Do Re Mi Fa Sol La Si Do, è basata sulla struttura Tono

Dettagli

Lettura musicale e sviluppo della musicalità

Lettura musicale e sviluppo della musicalità Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Lettura musicale e sviluppo della musicalità Corso di alfabetizzazione musicale SECONDO LIVELLO Copyright

Dettagli

SOMMARIO. 1 Il sistema temperato... Pag 1 1.1 Semitono cromatico e semitono diatonico 1.2 il tono

SOMMARIO. 1 Il sistema temperato... Pag 1 1.1 Semitono cromatico e semitono diatonico 1.2 il tono SOMMARIO 1 Il sistema temperato... Pag 1 1.1 Semitono cromatico e semitono diatonico 1.2 il tono 2 Scala maggiore e scala minore... Pag 2 2.1 Definizione di scala 2.2 Scala di C maggiore 2.3 La scala di

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori Corso di orientamento musicale diviso in lezioni semplici ed essenziali. L obiettivo è di assolvere alla funzione didattica utilizzando i parametri teorico-musicali essenziali in modo propedeutico ma anche

Dettagli

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Il punto di riferimento della musica tonale è la scala, in quanto essa è la sintesi di tutte le note che appartengono ad una data tonalità. Inoltre,

Dettagli

VUOI IMPARARE A LEGGERE VELOCEMENTE LE NOTE IN CHIAVE DI VIOLINO E IN CHIAVE DI BASSO?

VUOI IMPARARE A LEGGERE VELOCEMENTE LE NOTE IN CHIAVE DI VIOLINO E IN CHIAVE DI BASSO? VUOI IMPARARE A LEGGERE VELOCEMENTE LE NOTE IN CHIAVE DI VIOLINO E IN CHIAVE DI BASSO? Corri a leggere questo Report Gratuito! AUTORE : Cristina Regestro SITO WEB: SOMMARIO 1. PREMESSA 2. CHI SONO 3. IL

Dettagli

TEST D'INGRESSO PER LA VERIFICA DI DEBITI FORMATIVI - sessione autunnale 2014 -

TEST D'INGRESSO PER LA VERIFICA DI DEBITI FORMATIVI - sessione autunnale 2014 - MINISTERO DELL ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA CONSERVATORIO DI MUSICA LUCIO CAMPIANI ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE Via della Conciliazione 33 46100 Mantova Italia tel. +39 0376 324636 fax +39

Dettagli

CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA

CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA 1 Competenze in uscita per la classe prima 2 NU CLE I FON DA NTI O.S.A. -Individuare i ritmi interni del corpo aventi andamento costante (cardiaco, respiratorio) -Riconoscere

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) Ascoltare in modo consapevole eventi sonori e brani musicali. Produrre e rappresentare eventi sonori con la voce, il corpo, strumenti musicali e tecnologici. Individuare

Dettagli

INDICE. Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... Facciamo Pratica...

INDICE. Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... Facciamo Pratica... INDICE Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... pag. 2 pag. 4 pag. 4 Le Note Musicali ovvero il nome dei suoni... pag. 6 pag. 6 Come indicare l Altezza Il pentagramma o rigo

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

Seminario di formazione

Seminario di formazione L Ora di Musica Seminario di formazione Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il seminario è indirizzato a musicisti, studenti, docenti di educazione musicale nella scuola dell infanzia e primaria,

Dettagli

CURRICOLO DI EDUCAZIONE AL SUONO

CURRICOLO DI EDUCAZIONE AL SUONO CURRICOLO DI EDUCAZIONE AL SUONO COMPETENZE Utilizzare la voce, il corpo, oggetti e strumenti per espressioni parlate, recitate e cantate MUSICA CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Eseguire giochi

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3-4 anni INFANZIA 5 anni Discriminare la

Dettagli

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica

Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica Cosa dobbiamo sapere prima di iniziare il corso di musica Le cose fondamentali che dobbiamo conoscere per poter accedere al corso specifico di tastiere elettroniche e di pianoforte li vado ad elencare

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ESPRESSIVO-MUSICALE Lo studente al termine del PRIMO

Dettagli

INDICE. Il Tempo Composto... Cellule ritmiche... Solfeggio ritmico... Solfeggiamo... Solfeggiamo cantando...

INDICE. Il Tempo Composto... Cellule ritmiche... Solfeggio ritmico... Solfeggiamo... Solfeggiamo cantando... INDICE...ancora sulla scrittura musicale - Segni di Espressione La legatura di portamento... La legatura di frase... Lo staccato... Il portato o appoggiato... Lo sforzato o accentato... Facciamo Pratica...

Dettagli

Programmazione annuale Violoncello

Programmazione annuale Violoncello I.C. Boville Ernica Corso ad indirizzo musicale a.s. 2015/2016 Programmazione annuale Violoncello Docente: Gabriele Bassi CLASSE: II A CLASSE: II B CLASSE: II C 1. Analisi della situazione di partenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SASSOFONO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SASSOFONO ISTITUTO COMPRENSIVO S. FARINA - SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SASSOFONO CLASSE SECONDA - COMPETENZE SPECIFICHE DA ACQUISIRE L insegnamento del Sassofono, attraverso una programmata integrazione con

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

PARTE PRIMA: APPROCCIO AI FONDAMENTI BASILARI DELLA MUSICA ED ALLO STRUMENTO

PARTE PRIMA: APPROCCIO AI FONDAMENTI BASILARI DELLA MUSICA ED ALLO STRUMENTO PROGRAMMA DI BASSO PARTE PRIMA: APPROCCIO AI FONDAMENTI BASILARI DELLA MUSICA ED ALLO STRUMENTO Concetti basilari di teoria musicale Note naturali ed alterazioni, conoscenza della scala naturale di do.

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================

Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================ Provenienza(sconosciuta) Lezione di Armonia #1: Nozioni Teoriche di base ================================ Attenzione: Questa prima lezione è indirizzata solo a coloro che non hanno nessuna conoscenza della

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA MUSICALITA NELLA SCUOLA PER L INFANZIA E NELLA SCUOLA PRIMARIA LABORATORIO METODO WILLEMS A.S.

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA MUSICALITA NELLA SCUOLA PER L INFANZIA E NELLA SCUOLA PRIMARIA LABORATORIO METODO WILLEMS A.S. PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA MUSICALITA NELLA SCUOLA PER L INFANZIA E NELLA SCUOLA PRIMARIA LABORATORIO METODO WILLEMS A.S. 2009-2010 Premessa: L Associazione Culturale Musicale Da Capo coordina l attività

Dettagli

FLAUTO DOLCE I I biennio

FLAUTO DOLCE I I biennio FLAUTO DOLCE I I biennio OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ABILITÀ CONOSCENZE (REPERTORIO DI RIFERIMENTO) 1. Acquisire una postura eretta e rilassata ma A. Acquisire una adeguata consapevolezza corporea

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA PER LA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA PER LA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA PER LA SCUOLA PRIMARIA elaborazione del gruppo di lavoro coordinato dall'insegnante GIULIA LORENZI ABATI CRISTINA BOLIS LAURA BRUGALI

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI)

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Progetto di educazione musicale è finalizzato allo sviluppo di quattro competenze specifiche: - Educazione

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

Trascrizione completa della lezione Lezione 002

Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Adam: Salve, il mio nome e Adam Kirin: E io sono Kirin. Adam: e noi siano contenti che vi siete sintonizzati su ChineseLearnOnline.com dove noi speriamo

Dettagli

Scuola Primaria Montanaso, 28 maggio 2014 PRESENTAZIONI: NOI RAGAZZI DI QUINTA DIAMO IL BENVENUTO A TUTTI VOI E VI AUGURIAMO UN BUON ASCOLTO.

Scuola Primaria Montanaso, 28 maggio 2014 PRESENTAZIONI: NOI RAGAZZI DI QUINTA DIAMO IL BENVENUTO A TUTTI VOI E VI AUGURIAMO UN BUON ASCOLTO. Scuola Primaria Montanaso, 28 maggio 2014 PRESENTAZIONI: BUON POMERIGGIO. NOI RAGAZZI DI QUINTA DIAMO IL BENVENUTO A TUTTI VOI E VI AUGURIAMO UN BUON ASCOLTO. QUEST ANNO ABBIAMO RIFLETTUTO SUL TEMA DELLLA

Dettagli

pag. 1 Corsi pre-accademici

pag. 1 Corsi pre-accademici pag. 1 Prova attitudinale di ammissione ai corsi pre-accademici Prova attitudinale collettiva di ascolto basata essenzialmente sul riconoscimento di differenze tra brevi frasi musicali. Prova individuale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011

PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011 Istituto Comprensivo SOLARI Albino (BG) Scuola Secondario di I grado Materia: Pianoforte Docente: Maestro Paolo Rinaldi PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011 OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

L Autore...4 Filadelfo Castro...4. Lezione 1 II-V-I maggiore...6. Lezione 2 II-V-I minore... 20. Lezione 3 Dominanti secondarie e turnaround...

L Autore...4 Filadelfo Castro...4. Lezione 1 II-V-I maggiore...6. Lezione 2 II-V-I minore... 20. Lezione 3 Dominanti secondarie e turnaround... Indice Dedica...2 Credits...2 Indice...3 L Autore...4 Filadelfo Castro...4 Ciao e benvenuto in Jazz Guitar Improvvisation!...5 Che cos è?...5 Obiettivi...5 È divertente!...5 Com è strutturato?...5 CD...5

Dettagli

CORSO PREACCADEMICO TEORIA, RITMICA E PERCEZIONE MUSICALE. Settore disciplinare:

CORSO PREACCADEMICO TEORIA, RITMICA E PERCEZIONE MUSICALE. Settore disciplinare: Disciplina Codice disciplina Tipologia della disciplina Obiettivi di apprendimento Teoria, ritmica e percezione musicale (livello A) 708 Conoscenze: -Conoscenza, classificazione, intonazione delle principali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

Calendario temporale degli adempimenti. 14 gennaio 2011 : incontro di orientamento

Calendario temporale degli adempimenti. 14 gennaio 2011 : incontro di orientamento LICEO MUSICALE C. MONTANARI CONSERVATORIO DI MUSICA E.F. DALL ABACO SIMULAZIONE DELLA PROVA DI AMMISSIONE AL LICEO MUSICALE PER L ANNO SCOLASTICO 2011-12 Calendario temporale degli adempimenti 14 gennaio

Dettagli

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE Docente Responsabile: Prof. Marco Carnevale A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 2 ALBINO BERNARDINI SINISCOLA PROGETTO POTENZIAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone MUSICA -- CLASSE PRIMA UNITA D APPRENDIMENTO N 1 TITOLO OBIETTIVO FORMATIVO

Dettagli

Le Scale e gli Accordi Fondamenti di Armonia Diteggiature per Chitarra

Le Scale e gli Accordi Fondamenti di Armonia Diteggiature per Chitarra Le Scale e gli Accordi Fondamenti di Armonia Diteggiature per Chitarra di Paolo Guiducci Copyright 2006 Paolo Guiducci Tutti i diritti riservati 1 1 Indice 1 INDICE 2 2 PREFAZIONE 5 3 PARTE PRIMA - TEORIA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO GIAMPIERO BARILE IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO Corso di solfeggio per bambini Esercizi ritmici di preparazione Illustrazioni: Giorgia Serafini Sigh!! Non Ä giusto voglio imparare anche io la musica ma

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

L Orma presenta. Progetto Musical. Progetto di attività motoria teatrale musicale. Anno scolastico 2013/14

L Orma presenta. Progetto Musical. Progetto di attività motoria teatrale musicale. Anno scolastico 2013/14 presenta Progetto Musical Progetto di attività motoria teatrale musicale Anno scolastico 2013/14 Nella sintesi tra attività motoria, ritmico - musicale e teatrale, il Percorso Didattico Musical ha l intento

Dettagli

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL DEFINIZIONE DI PNL Programmazione: Neuro: L abilità di scoprire e utilizzare i programmi che facciamo funzionare (la comunicazione con noi e con gli altri) nel nostro sistema neurologico per ottenere obiettivi

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare CANTO CORALE Particolarmente in preparazione di un concerto di Natale Canto corale, ascolto di canzoni e brani di musica per bambini, classica e non, giochi di ascolto, canto con

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA La scelta dello studio triennale di uno strumento comporta, da parte dell alunno e dei genitori, un ulteriore carico di lavoro

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Musica. MUSICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Musica. MUSICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Istituto Comprensivo di Montesarchio A.S. 0-05 Curricolo Verticale di Musica Competenze ed usare le MUSICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Ascoltare e analizzare fenomeni sonori di ambienti e di oggetti.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Dischi educativi ideali per l addestramento efficace grazie al segnale sonoro. Trixie

Dischi educativi ideali per l addestramento efficace grazie al segnale sonoro. Trixie Non importa quante diverse razze canine esistano oggi, ma anche il comportamento del vostro cane deriva all 85% dal suo progenitore: il lupo! Spesso si dimentica questo fatto e tanti padroni tendono ad

Dettagli

IC BOSCO CHIESANUOVA - CURRICOLO UNITARIO SCUOLA PRIMARIA

IC BOSCO CHIESANUOVA - CURRICOLO UNITARIO SCUOLA PRIMARIA IC BOSCO CHIESANUOVA - CURRICOLO UNITARIO SCUOLA PRIMARIA MUSICA Classe Prima COMPETENZE SPECIFICHE ABILITÁ CONOSCENZE E ATTIVITÀ TRAGUARDI DI COMPETENZA L alunno: A. Esplora, discrimina eventi sonori

Dettagli

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO MUSICA classe prima FINALITA OBIETTIVI GENERALI La musica, componente fondamentale

Dettagli

MUSICA MUSIC TOGETHER PRESENTAZIONE

MUSICA MUSIC TOGETHER PRESENTAZIONE MUSICA MUSIC TOGETHER Corso di educazione alla musicalità: canzoni, figure ritmiche e canti (in italiano ed inglese) accompagnati da gioco, ballo, oggetti, movimenti e strumenti per scoprire la musicalità

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale

Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale L ora di Musica Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il corso è indirizzato a musicisti, insegnanti di educazione musicale nella scuola

Dettagli

CORSO DI CHITARRA moderna Marco Felix

CORSO DI CHITARRA moderna Marco Felix CORSO DI CHITARRA moderna Marco Felix 1 Sito internet : www.marcofelix.com email: info@marcofelix.com tel. 3470548692 1 2 Tipologie di chitarre e nomi delle parti che le compongono Distinguiamo le chitarre

Dettagli

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA Possiamo descrivere le strategie di apprendimento di una lingua straniera come traguardi che uno studente si pone per misurare i progressi nell apprendimento

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

CHITARRA. PRIMO CICLO [3 livelli] Obiettivi formativi. Competenze da acquisire

CHITARRA. PRIMO CICLO [3 livelli] Obiettivi formativi. Competenze da acquisire CHITARRA Il presente programma, adottato dall Accademia Musicale Studio Musica, è quello previsto dal Conservatorio B. Marcello di Venezia con il quale l Accademia è convenzionata. Per l'ammissione al

Dettagli

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Ass. culturale Domus de Jana Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org L Associazione culturale Domus de Jana propone: IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Oggetto:

Dettagli

Gent.ma dott. Daniela Buzio Preside dell Istituto Comprensivo Cavour, Corso Cavour 49-27100 Pavia e p.c.

Gent.ma dott. Daniela Buzio Preside dell Istituto Comprensivo Cavour, Corso Cavour 49-27100 Pavia e p.c. Salvatore Alberghina, via Eredi Farina 27, 27100 Pavia cell: 3458528679 email: salvoalberghina86@gmail.com Gent.ma dott. Daniela Buzio Preside dell Istituto Comprensivo Cavour, Corso Cavour 49-27100 Pavia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA PRODUZIONE VOCALE/ STRUMENTALE Utilizzare la voce, il proprio corpo, semplici strumenti o oggetti vari in giochi, situazioni, storie e varie attività per espressioni parlate,

Dettagli

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante Che cosa può rendere felice la società? Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Immaginare diverse modalità di risoluzione dei problemi. - Dare risposte originali.

Dettagli

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale)

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale) TRIENNIO: classe prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno : comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari descrive oralmente e

Dettagli

FARE MUSICA A SCUOLA.. STARE INSIEME ATTRAVERSO LA MUSICA

FARE MUSICA A SCUOLA.. STARE INSIEME ATTRAVERSO LA MUSICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREDAPPIO FARE MUSICA A SCUOLA.. STARE INSIEME ATTRAVERSO LA MUSICA OVVERO IL RUOLO DELL EDUCAZIONE MUSICALE NEL CURRICOLO VERTICALE COME MOMENTI DI FORMAZIONE QUALIFICANTE PER

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

CLASSE I -II. Conoscenza delle posizioni/diteggiature e sviluppo di una funzionale tecnica digitale. Saper eseguire esercizi tecnici (colpi

CLASSE I -II. Conoscenza delle posizioni/diteggiature e sviluppo di una funzionale tecnica digitale. Saper eseguire esercizi tecnici (colpi Tecnica -Il braccio e la mano destra -La produzione del suono -I colpi d arco chiave -La mano sinistra ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI ALESSANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DEL CORSO DI VIOLINO (I II III

Dettagli

Progetto Corso di'improvvisazione Docente Davide Monti

Progetto Corso di'improvvisazione Docente Davide Monti Progetto Corso di'improvvisazione Docente Davide Monti Il progetto didattico sull'arte dell'improvvisazione si prefigge di affrontare questo argomento ponendo sullo stesso piano l'approccio storico, le

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro fonte. Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumentali musicali, imparando

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

e v e n t i - f o r m a z i o n e - m a n a g e m e n t Arte2o - Associazione Culturale Scuola di Musica del Liceo Visconti

e v e n t i - f o r m a z i o n e - m a n a g e m e n t Arte2o - Associazione Culturale Scuola di Musica del Liceo Visconti e v e n t i - f o r m a z i o n e - m a n a g e m e n t Arte2o - Associazione Culturale Scuola di Musica del Liceo Visconti La Scuola di musica del Liceo Visconti, realizzata in collaborazione con l associazione

Dettagli

Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA

Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA IL CERVELLO E LE SUE RAPPRESENTAZIONI Il cervello e le sue rappresentazioni (1/6) Il cervello e le sue rappresentazioni (2/6) Approfondiamo ora come possiamo ulteriormente

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria - Musica - Classe Prima COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Profilo dello studente al termine del Primo ciclo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA DELLA CLASSE PRIMA Percepisce il paesaggio sonoro in cui vive Usa la voce nelle più svariate forme di espressione

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

MUSICA - CLASSE PRIMA

MUSICA - CLASSE PRIMA MUSICA - CLASSE PRIMA Discriminare sonorità e ascoltare brani musicali interpretandoli con diversi linguaggi espressivi. L alunno sa esplorare e discriminare eventi sonori. Gestisce possibilità espressive

Dettagli

Nievo-Matteotti MUSICA

Nievo-Matteotti MUSICA Scuola media statale Nievo-Matteotti PIANO DI LAVORO DI MUSICA Prof.ssa CALORIO Carla Prof.ssa DONNINI Sonia Prof.ssa PIASTRELLONI Gerardina Prof.ssa SESSO Eleonora Prof. MANTOVANI Lidio PROGRAMMAZIONE

Dettagli

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO Guida del partecipante Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309 - Fax 1786054267 - customer.service@olympos.it

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

MANUALE DI ARMONIA PRATICA

MANUALE DI ARMONIA PRATICA RUGGERI MANUALE DI ARMONIA PRATICA per lo studio del basso continuo, dell accompagnamento e della composizione secondo il metodo della Scuola Napoletana settecentesca RICORDI E.R. 986 ai miei allievi del

Dettagli