I CLIENTI COME ASSET AZIENDALE: GESTIRLI CON IL CRM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I CLIENTI COME ASSET AZIENDALE: GESTIRLI CON IL CRM"

Transcript

1 I CLIENTI COME ASSET AZIENDALE: GESTIRLI CON IL CRM di Valeria Tonella In collaborazione con

2 Tavola dei contenuti Premessa Cosa è importante sapere sul cliente I ruoli coinvolti Quali informazioni sul cliente L andamento del mercato Il mercato mondiale Il mercato europeo Il mercato italiano Il Contact Center: solo uno degli strumenti di CRM La diffusione degli strumenti di marketing Le soluzioni on demand Avvertenze per l implementazione Alcune rappresentazioni dei dati Per concludere Glossario Tavola delle figure Figura 1 - I ruoli di interazione con il cliente... 7 Figura 2 - Il CRM multicanale... 9 Figura 3 - Mercato CRM mondiale: vendite totali e quote di mercato stimate 2005 (milioni di dollari) Pagina 2 di 29

3 Figura 4 - Gli investimenti in CRM per dimensione d azienda Figura 5 - Mercato CRM europeo: vendite totali e quote di mercato stimate 2005 (milioni di dollari) Figura 6 - I tre ingredienti per il successo Figura 7 - CRM, una visione d insieme Figura 8 - I cruscotti del CRM Figura 9 - La vista delle vendite per mese e per venditore Figura 10 - Il dettaglio per singolo affare Figura 11 - Le analisi per il management: la pipeline di vendita Pagina 3 di 29

4 Premessa Un dato di fatto: l acquisizione di un nuovo cliente costa da sette a dieci volte di più rispetto al costo di mantenere un cliente attuale. Se - e questo è un altro dato di mercato - le aziende perdono circa metà dei propri clienti nell arco di cinque anni, giocare sulla leva della relazione con i clienti esistenti, soprattutto in un contesto competitivo teso come quello attuale, diventa una questione centrale per la sopravvivenza. I clienti, infatti, rappresentano la parte più rilevante del patrimonio intangibile dell impresa (insieme alle skill del personale) senza il quale non ci sono né fatturato, né redditività. Numerose ricerche hanno dimostrato come le aziende che riescono ad ottenere un elevato livello di soddisfazione della propria clientela, e pertanto una maggior fedeltà nel tempo, possono contare su una frequenza di riacquisto più elevata e consolidare i propri volumi di business con costi minori per lo sviluppo della customer base. Il Customer Relationship Management (CRM), vale a dire la gestione della relazione con il cliente, permette all azienda di ottenere questi risultati, attraverso la sistematizzazione e la gestione unitaria di un insieme di processi di marketing, di vendita e di post-vendita, attraverso le capacità e i comportamenti personali diffusi e grazie al supporto delle tecnologie dell informazione. Di CRM si inizia a parlare a metà degli anni 90, per descrivere le tecnologie a supporto di specifici processi (di vendita, di marketing e di assistenza al cliente), che muovono i primi passi nell integrazione dei dati sul cliente provenienti dai diversi reparti dell azienda, rendendoli accessibili a ciascun utente (secondo regole specifiche) attraverso l azienda (e qui sta la vera differenza rispetto alle applicazioni precedenti). Le prime applicazioni incluse sotto il titolo di CRM, infatti, riguardavano processi specifici, che rendevano condivisa l informazione solo all interno del singolo reparto. È il caso della SFA (Sales Force Automation), nata prima del CRM, il cui compito era di fornire una vista completa del cliente funzionale al processo di vendita e all utente venditore. Il tracciamento del cliente era compreso tra il primo contatto (generazione del lead) e la vendita, senza alcuna integrazione con, ad esempio, il post-vendita e l assistenza. La conseguenza sulla relazione con il cliente è evidente: la customer experience risulta interrotta tra il Pagina 4 di 29

5 momento dell acquisto e quello dell utilizzo del prodotto/servizio acquistato, gestita per compartimenti stagni. Lo stesso si può dire dei pacchetti di telemarketing, di help desk, di tracciamento delle campagne di marketing. Ciascuna applicazione ragionava in un mondo a sè stante, senza far tesoro di informazioni - ad esempio - raccolte dalle vendite ma utili per il marketing. Quando la complessità del business aumenta, perché il numero di clienti e la gamma di prodotti a listino raggiungono livelli non gestibili a memoria, diventa fondamentale per una buona gestione della relazione con il cliente il poter disporre di un sistema che integri tutte le informazioni rilevanti sulla relazione stessa, indipendentemente dalla fonte e dall occasione di generazione. Dire a memoria è limitante rispetto all ambito di utilità del CRM. Si tratta di una provocazione 1 : è necessario guardare un po più in là della situazione presente (con il connesso livello di complessità, che potrebbe anche non crescere così in fretta) e chiedersi, ad esempio, che cosa succederebbe se la memoria del venditore passa alla concorrenza? Se i dati rilevanti sul cliente sono stati trasferiti su un supporto condiviso e accessibile a tutta l azienda diventa meno critica la perdita di una persona che seguiva un determinato portafoglio clienti. Chi subentra, infatti, grazie al patrimonio di informazioni presente in azienda, può rapidamente ricostruire la situazione e riallacciare la relazione partendo da un buon punto. Il presente dossier si pone come obiettivo un analisi delle tendenze in atto nel CRM, sia attraverso dati di mercato, sia con una presentazione di alcune maschere caratteristiche, partendo - come sempre - dai concetti base del management. Solo così, infatti, o possibile comprendere le motivazioni profonde che rendono fondamentale una gestione della relazione con il cliente (e di contro i rischi cui si va incontro se non la si fa) e sono volte ad identificare informazioni e processi che dovrebbero essere integrati per ottenere una corretta gestione del principale patrimonio dell azienda al di fuori della propria struttura: il cliente. 1 A prescindere dalle effettive memorie di ciascuno di noi, che sappiamo essere selettive e a volte lacunose: mi ricordo meglio un anomalia, anche poco grave, di cento cose andate a buon fine! Pagina 5 di 29

6 1. Cosa è importante sapere sul cliente L interazione azienda-cliente si manifesta in diverse occasioni (di vendita, di assistenza, per fare i due esempi più ricorrenti) e tra diverse entità, sia all interno dell azienda sia tra le persone del cliente. Per tale ragione è fondamentale - come evidenziato in premessa - l attivazione di un sistema che permetta di raccogliere queste informazioni in un unico contenitore, accessibile a tutti, in modo che siano aggiornate e disponibili in ogni momento a chi deve prendere in mano il passo successivo della relazione. Prima di scendere nel dettaglio delle informazioni che dovranno essere raccolte, aggiornate e sistematizzate all interno di una scheda cliente, è necessario individuare i principali attori che alimentano e utilizzano tale deposito di dati I ruoli coinvolti Il cliente è oggetto di attenzione (e quindi si relaziona) con diverse funzioni dell azienda, sia di contatto, sia di gestione, sia di pianificazione strategica. A livello operativo sono il marketing, le vendite e il post-vendita, con il supporto e il servizio al cliente. A livello gestionale, la situazione contabile riguarda sostanzialmente la fatturazione e la successiva dinamica dei pagamenti, fondamentale per decidere come continuare la relazione, in particolare se ci sono insoluti o ritardi importanti. Qui il flusso è più semplice e prevalentemente unidirezionale: dall amministrazione alle vendite, per la segnalazione di anomali, perciò non approfondiremo questo aspetto. A livello strategico, c è la necessità di una visione globale dei clienti dell azienda, per definire la direzione in cui orientare l azienda per il futuro, e che possiamo identificare come una generica funzione di management, dove rientrano tanto il marketing strategico, quanto la funzione di pianificazione strategica. Realizzare la piena potenzialità di profitti da ciascuna relazione con i clienti dovrebbe essere l obiettivo fondamentale di ogni strategia di marketing. Per massimizzare i risultati con il cliente, è necessario instaurare e mantenere relazioni di lungo periodo con i clienti. Perciò, nel corso del tempo, si è venuto a definire il relationship marketing, vale a dire il marketing relazionale, teso a creare scambi più Pagina 6 di 29

7 soddisfacenti tra venditore e compratore, grazie all instaurarsi di accordi a lungo termine mutuamente benefici. Le chiavi sono la fiducia del cliente e, per questa via, la crescente comprensione dei bisogni del cliente da parte dell impresa. Le tecnologie dell informazione rappresentano il supporto fondamentale per la realizzazione di un relationship marketing: solo attraverso di esse è possibile gestire e analizzare la mole di dati disponibile sul cliente e tradurla in azioni di marketing e vendita efficaci. La ricerca e il mantenimento dei clienti, infatti, avvengono attraverso l utilizzo di informazioni che aumentano il valore dell offerta per il cliente, la sua soddisfazione e - da ultimo - il valore del cliente per l azienda. Figura 1 - I ruoli di interazione con il cliente 4. M a n a g e m e 1. n t Fonte: MATE Un esempio dal mondo del web è Amazon.com, che - nonostante le dimensioni aziendali - è replicabile anche presso aziende di minori dimensioni, grazie alle tecnologie ICT che Pagina 7 di 29

8 ormai hanno costi sempre più contenuti 2. Gli esiti delle campagne sono tracciati dal sistema, i comportamenti e le risposte del singolo cliente sono noti e utilizzabili in azioni one-to-one, il far tesoro delle preferenze dei clienti permette azioni di cross-selling ( chi ha acquistato il libro che stai scegliendo, ha anche acquistato quest altro, ecc.), campagne mirate con diversi tipi di incentivi in funzione dei segmenti dei clienti così identificati con redemption più elevate grazie alla corretta classificazione degli stessi. Ma torniamo agli alimentatori e utilizzatori del sistema, per analizzarne obiettivi e relativa applicazione del CRM. Un sistema di gestione della relazione con il cliente deve essere disegnato in funzione di quattro aspetti chiave nella gestione del contatto con il cliente. Deve pertanto soddisfare le esigenze delle funzioni operative marketing, vendite e post-vendita, senza dimenticare i più ampi obiettivi di gestione, anche a livello strategico. Il cliente, infatti, valuta il fornitore per un complesso di attributi, tra i quali ci sono il prezzo e la qualità, ma non solo: la capacità di risolvere i problemi del cliente, attraverso un servizio di qualità con tempi di risposta rapidi e un supporto adeguato sono elementi importanti per la maggior parte dei clienti. Anche se tutte le funzioni aziendali coinvolte hanno soddisfazione e fedeltà del cliente come obiettivo comune, diversi sono i ruoli che possono giocare. La relazione con il cliente si estende anche al di là della semplice transazione di vendita, pertanto non sono sufficienti applicazioni di contact management o di sales force automation perché tale relazione sia gestita in maniera efficace ed efficiente. I ruoli coinvolti sono molteplici, molto spesso con sedi diverse - i venditori sul campo e il post vendita in azienda, il servizio a volte distribuito sul territorio - anche se il cliente è sempre lo stesso, e per una sua gestione unitaria è necessaria la condivisione dell informazione presente ai diversi livelli. 2 NB: il caso di un azienda operante solo online semplifica la questione dell alimentazione dei dati. Infatti il tracciamento dei comportamenti dei clienti, le risposte alle campagne e gli acquisti effettuati sono automaticamente captati dal sistema. Più complicato quando ci sono più attori fisici: il venditore sul campo, il corrispondente in azienda, il post-vendita, l engineering. Pagina 8 di 29

9 Figura 2 - Il CRM multicanale Fonte: Rappresentazione del CRM secondo Oracle.com Il marketing Tra gli obiettivi del marketing, vogliamo porre l accento su due aspetti: la generazione di nuovi contatti, che avviene attraverso campagne di varia natura, e la costante evoluzione del prodotto/servizio per adeguarsi delle mutevoli esigenze del mercato. Si tratta di due momenti distanti tra di loro nella relazione con il cliente: prima del primo contatto di acquisto e successivamente al perfezionamento dello stesso, per verificare che il prodotto rappresenti sempre la risposta al bisogno del cliente. Nel primo caso è necessario che tutte le informazioni raccolte dal marketing sui lead generati da azioni di varia natura, da quelle raccolte attraverso la compilazione di form oppure le differenti reazioni a campagne ad hoc, siano tracciate e trasferite a chi si prende poi in carico il lead per la sua trasformazione in cliente (le vendite). Nel secondo caso il flusso è nella direzione opposta: tutte le osservazioni relative al cliente raccolte dalle vendite e dal post vendita devono essere incanalate verso il marketing, che potrà usarle in maniera appropriata, tanto per una più accurata segmentazione della clientela e la conseguente definizione di azioni specifiche per i diversi target, quanto per eventuali modificazioni del prodotto/servizio offerto 3. 3 Ad esempio, aver rilevato che gli acquirenti di automobili sono più sensibili agli aspetti di servizio accessori, compresi nell offerta di in un acquisto a rate (ad esempio assicurazione furto incendio, tagliandi), che non al tasso del finanziamento è una informazione importante, raccolta dai venditori delle concessionarie che operano sul territorio e rafforzata attraverso Pagina 9 di 29

10 Le vendite L efficacia dell attività di vendita dipende anche dalle informazioni disponibili sul cliente. Alcune possono essere raccolte contestualmente alla lead generation (e pertanto derivare da attività svolte dal marketing), anche se la costante manutenzione della scheda cliente rappresenta il fattore critico per un successo duraturo nel tempo. Per il venditore, le informazioni chiave riguardano i ruoli all interno dell organizzazione del cliente (chi fa cosa e, soprattutto, chi decide); la relazione passata con l azienda, vale a dire cosa ha comprato, in quali quantità, con che frequenza; una indicazione di cosa potrebbe comprare oltre a quanto già acquista (non solo quantità, ma anche altre merceologie); perché finora il peso dei concorrenti rimane elevato. Chi sono i concorrenti con cui dividiamo il wallet del cliente. E numerose altre informazioni sulla relazione di vendita, che dettaglieremo meglio nel paragrafo seguente; la relazione con il post-vendita: servizio, logistica, assistenza sono in ordine oppure ci sono questioni pendenti? E se sì, è causa dell azienda o del cliente 4? Cosa si è fatto finora per risolvere il problema? indagini ad hoc, che modifica pesantemente la ripartizione delle risorse disponibili (che saranno trasferite dal costo del finanziamento a carico della concessionaria, all offerta di tagliandi o di assicurazioni incluse nel prezzo), migliorando la soddisfazione del cliente e per questa via creando nuove opportunità commerciali e relazioni più proficue. 4 Questo è un fatto molto importante: un venditore sul campo è il primo punto di ingresso per i malcontenti del cliente. Per poterli gestire correttamente ed efficacemente è necessaria la conoscenza del contesto. Ad esempio: la porta del garage del signor X è arrugginita - fatto grave per l immagine di qualità sulla quale l azienda da sempre investe per cui il venditore cercherà di far sostituire i pezzi danneggiati; ma è stata installata fronte oceano, con nebbie saline frequenti e molto corrosive - il venditore lo sa dall assistenza e dal post-vendita, che ha segnalato l indirizzo del cliente presso il quale la porta è stata installata. A questo punto la soluzione è differente: è necessaria maggiore formazione dei venditori del distributore dell azienda, che devono conoscere i limiti e le forze del prodotto e venderle ai clienti idonei. La disponibilità dell informazione permette di evitare simili errori in futuro, errori che demotivano il partner dell azienda e creano insoddisfazione del cliente finale e generano una Pagina 10 di 29

11 D altra parte, le informazioni raccolte dalle vendite sono fondamentali per il marketing e per il post-vendita. Da un punto di vista gestionale ci sono poi molte statistiche rilevanti tanto per il singolo venditore, quanto per la funzione in generale, in particolare il numero di contatti/ telefonate/visite, il tempo dedicato a nuovi clienti o a clienti attuali, una fotografia della cd pipeline di vendita, vale a dire quali sono i clienti per fase del ciclo di vendita, statistiche complesse, che possono essere fatte più agevolmente in presenza di sistemi informatizzati, perchè richiedono tempi di elaborazione che scoraggiano il già poco simpatico esercizio del controllo 5. Il post-vendita L esperienza del cliente continua anche dopo l acquisto del prodotto: manutenzioni programmate e non, richiami dei prodotti, sviluppo di successive applicazioni, livello di adeguatezza del prodotto rispetto alle aspettative del cliente, confronti tra fornitori diversi che possono modificare la percezione di qualità e pertanto la soddisfazione. Tutto questo, ma non solo. I clienti non sono tutti uguali: ci sono quelli più importanti e quelli meno importanti, alcuni che si possono far aspettare e altri più esigenti, dove un ritardo anche minimo dell assistenza mette in gioco l intera relazione. Anche queste sono informazioni raccolte dalle vendite e dal post-vendita stesso, rilevanti anche per il marketing e per la definizione delle strategie. È infatti possibile che una strategia di servire piccoli clienti in nicchie specifiche porti a maggiore stress del post-vendita che si troverà a gestire un maggior numero di chiamate, oppure porti alla situazione contraria: siccome l azienda è l unico partner in grado di fornire lo specifico prodotto secondo certi standard di qualità e di servizio, c è un po più di flessibilità nel gestire eventuali ritardi. E il costo del fornire assistenza justin-time oppure con un po più di flessibilità implica diversi dimensionamenti del postvendita, sui picchi o sull attività media, con conseguenze rilevanti su costi e redditività: cattiva immagine del prodotto (in quanto, se il tecnico che ha fatto la vendita e l installazione non è stato in grado di capire correttamente il prodotto, figuriamoci il cliente!). 5 Il controllo è invece fondamentale per la successiva pianificazione delle attività. Per ogni segmento di clientela l aver tracciato le attività passate permette di identificare con maggior precisione di quanti lead devo disporre per avere x nuovi clienti, di quante visite sono necessarie per concludere la prima vendita, e così via, monitorando tutte le metriche del business relative alle vendite. Pagina 11 di 29

12 si vede pertanto come le informazioni diventino rilevanti anche a livello gestionale generale! 1.2. Quali informazioni sul cliente Le informazioni su ciascun cliente presenti in azienda sono numerose e risiedono in aree e sistemi anche molto diversi, mentre i software di CRM permettono di raggruppare in un unica vista, la scheda cliente, una serie di informazioni, e in particolare: la storia degli acquisti passati, che è tipicamente in contabilità e nel gestionale; le offerte fatte, che sono documenti non sempre classificati e prodotti con sistemi anche molto diversi (configuratori ad hoc, sistema gestionale, fogli elettronici o documenti di testo, per fare gli esempi più comuni), di cui spesso si perde traccia, e non sempre vengono elaborate analisi e statistiche sugli esiti delle stesse, molto utili per la preparazione di successive attività e offerte; la storia della relazione con il cliente, vale a dire una breve relazione per ogni contatto che ogni persona dell azienda ha avuto con il cliente; ruoli e responsabilità delle persone del cliente rispetto all acquisto dei prodotti venduti dall azienda; la presenza di concorrenti sul cliente, la quota dell azienda e del concorrente di riferimento; gli interventi del post-vendita: tempi di attesa e capacità di risoluzione dei problemi, necessità di formazione delle persone del cliente, possibilità fornire maggiore documentazione attraverso il corporate portal, per una prima risoluzione dei problemi, necessità di sviluppare un sistema di knowledge management 6 efficace per attrezzare meglio il call center (primo contatto per il post-vendita) a fornire risposte puntuali e precise già alla prima chiamata. 6 Attraverso sistemi di Knowledge Management è possibile condividere informazioni e soluzioni rispetto a problematiche di post-vendita ricorrenti, in modo che anche i corrispondenti dell ufficio vendite, che hanno contatto continuo con il cliente, ma non sempre le competenze tecniche per risolverne i problemi, possano dare una prima indicazione delle soluzioni fin qui adottate in altri casi simili, e solo successivamente ad un primo tentativo di soluzione impegnare l assistenza. Pagina 12 di 29

13 Poter disporre di tutte queste informazioni, opportunamente manutenute (complete, aggiornate, obiettive), in occasione di ogni successivo contatto con il cliente, consente di cogliere opportunità, di fornire al cliente messaggi univoci e, in estrema sintesi, di vendere di più. Come sempre, quando grandi moli di dati sono in questione, le applicazioni IT forniscono un valido aiuto, ma non devono diventare un alibi, in quanto funzionano solamente in presenza di una cultura della gestione della relazione con i clienti, senza la quale i dati non verranno aggiornati (fatta eccezione per quanto compete all amministrazione, dove vige l obbligatorietà) e lo strumento resterà poco alimentato e pertanto inefficace. Queste considerazioni valgono indipendentemente dalla dimensione dell azienda. È fondamentale avere in mente la customer experience, in modo da gestire tutte le interazioni con i clienti, dal primo contatto al servizio post vendita, secondo un disegno unitario, la cui conseguenza sarà la capacità di servizio al cliente, e alla base di soddisfazione e fedeltà e, da ultimo, del successo dell azienda. 2. L andamento del mercato Analizzare le tendenze del mercato è sempre un utile esercizio, che ogni azienda dovrebbe compiere, per capire come stanno orientando le proprie scelte di investimento i concorrenti e quali sono i trend in atto (anche se a volte si tratta di grandi mode) dei quali è necessario tener conto, in quanto potrebbero modificare gli assetti competitivi del mercato, definendo nuovi fattori chiave per competere, attraverso aumenti di efficacia ed efficienza a livello complessivo o di singolo processo. Per quanto riguarda la gestione della relazione con il cliente, questo rappresenta un punto chiave importante, perché agisce nel rapporto tra l azienda e il suo mercato. E se, come è stato detto in apertura del presente dossier, la capacità di gestire in maniera integrata la customer experience, dal primo contatto al servizio post vendita, fornendo risposte concrete in tempi rapidi al cliente, sta diventando una competenza chiave per il successo, ecco che allora è tanto più strategico essere tra i primi ad internalizzare la nuova cultura e ad adottare gli strumenti idonei, in quanto la capacità di spesa dei clienti Pagina 13 di 29

14 (il potenziale) è limitato, e un vantaggio dei concorrenti diventa automaticamente una perdita per l azienda, evidenziando quanto sia importante non restare per ultimi 7! 2.1. Il mercato mondiale Secondo Gartner, nel 2005 le vendite totali di software hanno raggiunto i 5,7 miliardi di dollari, con una crescita del 13,7% rispetto al In forte ascesa è Salesforce.com, mentre leader di mercato resta SAP. La tabella di seguito riporta i fatturati, le quote di mercato e il trend di crescita per i principali vendor. Le aziende - evidenzia l analista Gartner Sharon Metz - riconoscono l importanza crescente del CRM come fattore chiave per l acquisizione e la retention dei clienti. Figura 3 - Mercato CRM mondiale: vendite totali e quote di mercato stimate 2005 (milioni di dollari) Vendor Fatturato 2004 Fatturato 2005 Quota 2004 Quota 2005 Crescita 2005 su 2004 SAP 1.232, ,70 24,60% 25,90% 19,60% Siebel 908,30 966,10 18,10% 17,00% 6,40% Oracle 416,20 15,30 8,30% 6,40% -11,70% SalesForce.com 158,00 280,70 3,20% 4,90% 77,70% Amdocs 225,90 276,40 4,50% 4,90% 22,30% Altri 2.071, ,60 41% 40,9% 12,60% Totale 5.012, ,00 100% 100% 13,70% Fonte: Gartner Dataquest (Giugno 2006) Per stilare la classifica, Gartner ha cambiato metodo rispetto al tradizionale parametro, le nuove licenze software. Visto il continuo aumento di popolarità del software open source e dei modelli di pagamento a consumo come l hosting e l on demand a canone mensile, la 7 Nelle aziende con le quali sto lavorando, indipendentemente dalla dimensione (multinazionale, azienda familiare) e il settore (produzione, servizi, commerciale) la necessità di una gestione unitaria del cliente è percepita in maniera crescente, mentre risulta evidente l inadeguatezza del sistema gestionale per questi scopi e l eccessiva complicazione di una gestione artigianale. Pagina 14 di 29

15 società di ricerca ha infatti deciso di misurare le quote di mercato in termini di vendite totali di software, comprendendo quindi nuove licenze, ma anche aggiornamenti (update), sottoscrizioni a canone, hosting, supporto tecnico e manutenzione: restano esclusi servizi professionali e hardware. Nel futuro assisteremo ad una ulteriore aggregazione dei vendor, con una previsione molto forte: ogni anno, da oggi fino al 2008, un software vendor su tre sarà coinvolto in operazioni di fusione o di acquisizione. Ma, nonostante questa crescente concentrazione, evidenzia Chris Pang, analista Gartner, il mercato non è affatto in contrazione, tutt altro. Il fermento delle attività di M&A porterà una nuova ondata di innovazione, grazie alla ricerca e sviluppo che resterà sostenuta, almeno fino al Un analisi condotta da Reservoir Partners LP rappresenta il mercato del CRM per dimensione aziendale. Questo consente di esaminare la diversa diffusione degli investimenti, che hanno coinvolto in primo luogo le aziende di grandi dimensioni, ma che sempre più stanno raggiungendo anche quelle di dimensioni minori (che sono più numerose). Figura 4 - Gli investimenti in CRM per dimensione d azienda Fonte: Reservoir Partners LP Pagina 15 di 29

16 La figura evidenzia come nel 2002 gli investimenti realizzati da parte di grandi aziende fossero superiori rispetto ad oggi, quando invece è la quota delle piccole aziende a rappresentare la maggior parte del mercato 8. Un altro dato importante riguarda l offerta on demand, quello che Gartner identifica come SaaS (Software as a Service), che la società di ricerche ritiene possa valere ben un quarto dell'intero mercato software già entro il prossimo A questa tipologia di offerta è dedicato un successivo paragrafo Il mercato europeo A livello europeo il mercato cresce, anche se a tassi inferiori rispetto al mercato globale, registrando nel 2005 un +9,7% rispetto all anno precedente, dato comunque inferiore al 15,1% registrato dal 2003 al Mentre SAP e Oracle (che ha recentemente acquisito Siebel) rappresentano oltre il 50% del mercato del software europeo, la crescente adozione di soluzioni on demand ha portato una crescita di Salesforce.com pari all 86% nel 2005 e di Microsoft - nuovo entrante sul mercato del CRM - pari all 88% (la maggior crescita registrata in Europa) 9. Se il fenomeno delle M&A si ripercuoterà anche sul mercato europeo, essendo i player grandi operatori a livello mondiale, per l Europa il mercato resterà dinamico, con uno spazio significativo per operatori di piccole dimensioni, i cosiddetti best of breed 10. Salesforce.com e Microsoft, inoltre, sono decisi a ritagliarsi un posto di maggior rilievo sul mercato, per competere con SAP e Oracle ad armi pari Si noti che la definizione di piccola azienda, applicata al mercato americano, è molto diversa da quella che abbiamo in mente noi: il limite non sono i 50 addetti, ma si parla di una fascia fino a 100 addetti, mentre la media (in Europa addetti) è la fascia addetti. NB: in termini di fatturato si tratta di volumi modesti, ma il trend così dinamico dimostra un interesse crescente per le soluzioni on demand da un lato e la forza del monopolista dell office automation come fornitore della PMI, dall altro. Letteralmente il migliore della razza, pertanto piccoli operatori, focalizzati e specialisti per la specifica applicazione in ambito CRM. Pagina 16 di 29

17 Figura 5 - Mercato CRM europeo: vendite totali e quote di mercato stimate 2005 (milioni di dollari) Vendor Fatturato 2004 Fatturato 2005 Quota 2004 Quota 2005 Crescita 2005 su 2004 SAP 553,90 628,50 31,40% 32,40% 13,50% Siebel 290,60 312,10 16,50% 16,10% 7,40% Oracle 140,30 121,60 7,90% 6,30% -13,30% SAS Institute 55,90 72,20 3,20% 3,70% 29,20% Amdocs 61,20 65,00 3,50% 3,40% 6,10% Altri 664,80 738,30 38% 38% 11,10% Totale 1.766, ,70 100% 100% 9,70% Fonte: Gartner Dataquest, Luglio 2006 Include licenze e canoni di manutenzione Il dato di crescita complessivo varia molto tra i diversi paesi, da valori leggermente negativi ad un +27%, con una forte correlazione con la crescita del prodotto interno lordo 11. La grande frammentazione del mercato rende poi difficile una valutazione globale delle dinamiche dello stesso, mentre il calo dei prezzi e le variazioni dei tassi di cambio durante i periodi di rilevazione hanno influenzato il livello di crescita dell Europa, misurato attraverso i fatturati. Per quanto riguarda le aree applicative all interno del CRM, la più dinamica riguarda l automazione dei processi di marketing (+18,6%), seguita dalla Sales automation (+12,1%). Le aziende europee sono focalizzate sull acquisizione di nuovi clienti, sulla crescita della share of wallet 12 e sull ottimizzazione dei processi. Il focus su ricavi e sviluppo dei clienti ben si riflette nelle applicazioni complementari per l automazione dei processi di marketing e per le applicazioni di analisi dei dati. Un dato importante riguarda la maturità degli utenti: questi stanno diventando più realistici nelle aspettative e pertanto più maturi nell utilizzo delle applicazioni di CRM. Non Italia e Germania, che nel 2005 hanno avuto crescite del PIL deboli o quasi inesistenti, hanno registrato bassi sviluppi, mentre Gran Bretagna, Svezia, Norvegia e Danimarca hanno avuto dinamiche molto più simili agli Stati Uniti. Letteralmente la quota del portafoglio, vale a dire la percentuale del reddito disponibile che il consumatore destina ad un determinato prodotto, marca o classe di prodotti. Pagina 17 di 29

18 solo il software è oggetto di investimento e di analisi, ma anche i processi da ottimizzare, secondo una nuova consapevolezza, banale ma che ha richiesto tempo per essere condivisa, e cioè che il software da solo non è la bacchetta magica: se non si rivedono i processi e non si modificano i comportamenti 13, i risultati saranno identici al passato. Il venditore sul campo ha la presunzione di ricordare tutto su tutti i clienti, e se anche così fosse, molte informazioni che sono nella sua testa servono al post-vendita che poi gestisce l ordine, all assistenza che interagisce con il cliente! E questo comportamento va modificato. Un fatto particolarmente interessante, che mi ha colpito nel visitare i siti degli operatori dell offerta, è lo slogan più forte che trasmettono al potenziale cliente. In sintesi è questo: il nostro prodotto ha avuto una larga e rapida adozione da parte delle persone dei nostri clienti e minore impatto le caratteristiche specifiche dell applicativo, che si possono scoprire navigando attraverso le demo. Il fattore P (people, persone) è determinante per il successo dell introduzione della nuova applicazione, senza il quale il cambiamento non si mette in moto Il mercato italiano Per ora il CRM ha una modesta diffusione sul mercato nazionale, sebbene la crescita sia consistente, l Italia non è per nulla confrontabile con il più evoluto mercato anglosassone. Le grandi aziende hanno tutte investito in CRM, tanto per il contact center, quanto per la gestione della forza vendita, con soluzioni di mercato oppure sviluppate all interno. Se i primi ad investire in maniera massiccia sono stati telco e servizi finanziari (banche incluse), per i prossimi anni la strategicità della gestione della relazione con il cliente porterà anche aziende di produzione e di servizi diverse da quelle citate a investire nelle tecnologie a supporto della gestione della relazione del cliente. 13 Un esempio concreto, di cui non posso citare il nome della banca: dopo aver installato il nuovo software scheda cliente con i campi per inserire i dati relativi alla relazione con i clienti e creata la regola per cui non si poteva uscire dalla scheda senza passare dalla videata relazione, ci si è resi conto che gli addetti vivevano il passaggio in più come una perdita di tempo, un click in più per ogni cliente. Solo con sistemi di controllo alla compilazione e la motivazione sull utilità dello strumento hanno portato ad un miglioramento nella percentuale di schede compilate. Pagina 18 di 29

19 Il vero punto di svolta è rappresentato dalla PMI, non solo nel settore dei servizi, ma anche nei settori industriali, laddove la struttura interna dell azienda preveda diversi ruoli di contatto con il cliente e di conseguenza la necessità di condivisione delle informazioni sui clienti. Nella PMI Italiana prevale ancora una visione del cliente a una dimensione, ovvero quella del fatturato. Non è ancora stato fatto quel salto di qualità che porta l azienda a focalizzarsi più sulla relazione che sulla vendita 14. L accessibilità della tecnologia da un lato, e la crescente percezione del vantaggio che da tale strumenti deriva dall altro lato, sono i fattori chiave che porteranno ad una sempre più rapida diffusione di soluzioni anche artigianali per la gestione della relazione con il cliente. La mole di dati gestita, poi, favorirà la migrazione da schede cliente complicate da gestire, alimentare e consultare, fatte in casa e che hanno contribuito alla diffusione della cultura del relationship marketing, a soluzioni professionali, necessarie per fare il salto di qualità Il Contact Center: solo uno degli strumenti di CRM In Italia il CRM sembra avere una visione prettamente operativa. A dimostrarlo sono i risultati della ricerca Benchmarking 2005 realizzata da Customer Management Forum 15, dalla quale emerge una confusione tra CRM e il fatto di avere un Contact Center da parte delle imprese. Più di metà delle aziende intervistate, infatti, dichiara di seguire una strategia focalizzata principalmente sul raggiungimento della soddisfazione del cliente e da ciò deriva una penetrazione del 64% delle strutture di Contact Center. Ad un analisi più approfondita, peraltro, emerge una contraddizione. A fronte di elevati investimenti in Contact Center, piattaforme e strutture dedicate, da un punto di vista organizzativo, la gestione della relazione con il cliente è ancora estremamente frammentata tanto all interno delle aziende private quanto all interno degli enti pubblici Dichiarazione del responsabile del Customer Management Forum 2006, Thomas Schael, assolutamente condivisa da chi scrive, che aggiungerebbe che, oltre all attenzione alla relazione, molte volte manca anche l attenzione alla redditività, prediligendo volumi e fatturati. I numeri dell indagine: 264 partecipanti per un totale di 422 Contact Center attivi, pari al 22,21% dei 1900 esistenti in Italia. Il campione include gran parte delle aziende con più di 1000 postazioni/operatore. Pagina 19 di 29

20 La comunicazione con la clientela, e le conseguenti necessità di misurazione, monitoraggio e controllo dei flussi, sono in continua crescita, avendo raggiunto livelli ormai consistenti. La ricerca citata ha coinvolto realtà che generano annualmente un volume di 700 milioni di telefonate e 10 milioni di con la clientela. Per quanto riguarda i flussi telefonici si tratta prevalentemente di chiamate in entrata (inbound) anche se le chiamate verso i clienti sono in sensibile crescita passando dal 5% del 2003 al 17% del La tendenza è ancora più marcata per quanto riguarda le dove quelle generate verso i clienti (outbound) rappresentano il 58% del traffico 16. Nonostante la diffusione del Contact Center, il cliente non è ancora al centro della struttura organizzativa: una funzione di primo livello per customer care è stata rilevata in poco meno di un azienda del campione su cinque. Due aziende su tre, invece, stanno avviando progetti di multicanalità, consapevoli della necessità di integrazione dei processi verso il cliente. Il coordinamento tra i diversi punti di contatto cliente-azienda è fondamentale, anche se solo poco meno della metà del campione utilizza un unico database condiviso La diffusione degli strumenti di marketing Un dato interessante rilevato dalla citata ricerca Benchmarking 2005 riguarda gli strumenti di marketing utilizzati dalle aziende e che sono funzionali ad un effettivo ed efficace processo di gestione della relazione con il cliente. Dalla ricerca emerge che il 57% dei rispondenti nel settore privato adotta modalità di segmentazione della clientela per prodotto-servizio, il 43% lo fa per area geografica e il 38% ragiona per macro segmenti. Modalità di segmentazione innovative, quali ad esempio il ciclo di vita della relazione oppure la customer life value, sono presenti in meno di un azienda su cinque. Una qualche forma di segmentazione è comunque utilizzata da tre aziende su quattro, che raggruppano la clientela per gruppi omogenei. Le ricerche per misurare la soddisfazione dei clienti sono utilizzate dall 85% del campione analizzato (in crescita rispetto al 2003, quando il dato riguardava il 77% del campione) e nel 35% dei casi le aziende affidano la ricerca a società specializzate esterne. 16 Si noti che il dato è falsato da tutti quegli operatori che usano la posta elettronica unidirezionalmente verso il cliente. Pagina 20 di 29

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE.

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. Milano, 31 gennaio 2013. Il Gruppo CBT, sempre attento alle esigenze dei propri clienti

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing I servizi di Business Process Outsourcing rappresentano uno strumento sempre più diffuso per dotarsi di competenze specialistiche a supporto della

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli