CRM 2005 RELAZIONE E VENDITA: LA SOLUZIONE PER CRESCERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRM 2005 RELAZIONE E VENDITA: LA SOLUZIONE PER CRESCERE"

Transcript

1 CRM 2005 RELAZIONE E VENDITA: LA SOLUZIONE PER CRESCERE CRM E DATA-MINING: INDIVIDUARE UN DENOMINATORE COMUNE PER COPRIRE A 360 LA RELAZIONE CON IL CLIENTE FABRIZIO RUSSO RESPONSABILE UFFICIO CRM BANCO POPOLARE DI VERONA E NOVARA ROMA, 14 DICEMBRE 2005

2 Intervento ABI: "Relazione e Vendita: la soluzione per crescere" Roma, 14 dicembre 2005 "CRM E DATA-MINING: INDIVIDUARE UN DENOMINATORE COMUNE PER COPRIRE A 360 LA RELAZIONE CON IL CLIENTE" documento2 Introduzione Nell ultimo decennio il messaggio della gestione della relazione con la clientela si è diffuso a macchia d olio. I benefici promessi dal Customer Relationship Management (CRM) miglioramento della soddisfazione della clientela e della retention, con un positivo impatto sui ricavi dai clienti e sulla profittabilità potenziale sono stati un potente elemento di motivazione e spinta. Nella seconda metà degli anni 90 il tema del CRM ha conquistato la ribalta anche nel nostro Paese, provocando la fioritura di una lunga serie di progetti dai tratti più differenziati. I progetti in larga misura si sono concentrati sugli aspetti operazionali del CRM e di datawarehousing. Multicanalità, piattaforme per ampliare le modalità di contatto con il cliente, potenziamento degli strumenti relativi da un lato e costituzione, miglioramento, arricchimento delle basi dati dall altro hanno dominato il proscenio: con una generalizzazione che presenta un certo grado di approssimazione, il fenomeno si è diffuso con modalità che hanno privilegiato l aspetto quantitativo e tecnico più che quello qualitativo di trasformazione del dato in informazione. Ci si è quindi interrogati maggiormente su come accrescere e differenziare le occasioni di contatto con il cliente o con il prospect, mantenendo un approccio prodotto-centrico, piuttosto che soffermarsi sull opportunità di spendere un atto promozionale, sulla sua tempistica e sui contenuti da dargli in relazione al profilo del cliente target, per assumere quindi un approccio cliente-centrico. Si è andata delineando una tendenza ad utilizzare uno strumento nuovo per riprodurre schemi, se non vecchi, almeno consueti. Dopo una fase iniziale di vivace entusiasmo - sostenuta anche dal boom dell Internet Economy - è in effetti subentrato un approccio più prudente ed una valutazione più attenta dei costi-benefici. Spesso, infatti, realizzare i benefici attesi è risultato particolarmente difficile: diverse imprese, saltate sul treno del CRM, hanno verificato che erano molto distanti dai risultati preventivati e più di un progetto è risultato un pieno fallimento. Ci si è quindi interrogati in modo più approfondito sulla reale portata del fenomeno: Quanto è innovativo il CRM? È realmente un tema così complesso? E, se non lo è, perché così tanta attenzione deve essergli dedicata? Per quanto riguarda la prima domanda, in realtà qualsiasi situazione che prevede una relazione commerciale-professionale attiva la gestione di un processo di CRM. Non importa che il processo sia formalizzato o meno, sia supportato da un sistema di gestione delle informazioni elettronico oppure no: il processo esiste indipendentemente dai supporti e dagli strumenti utilizzati. Anche il salumiere sotto casa gestisce infatti un processo di Customer Relationship Management: il numero relativamente limitato delle relazioni da curare gli permette però di non doversi avvalere di sistemi formali complessi ed evoluti ma di fare affidamento sull esperienza personale e sulla sua memoria. La seconda risposta è in qualche modo consequenziale: il CRM non è necessariamente complesso, lo diventa quando il numero delle relazioni da gestire contemporaneamente è talmente elevato da richiede l impiego di metodologie di data management, analisi quantitativa (CRM analitico) e di contatto con la clientela formalmente strutturate (CRM operazionale). 2

3 La realtà odierna impone infatti un nuovo modello di interazione con il mercato: non è più sufficiente la produzione di massa ma è necessario nel mutato contesto competitivo una personalizzazione di massa. Questo implica radicali mutamenti nell operatività dei soggetti produttori e distributori, che si devono riflettere in radicali mutamenti organizzativi: una considerazione che dà risposta al terzo quesito. Il ruolo dei processi di CRM e la multicanalità Dal punto di vista epistemologico, il CRM è lo sfruttamento complesso organico e sistematico delle conoscenze che si posseggono dei clienti (e di tutti i fenomeni ad essi legati che incidono sull interazione con la Banca) per l organizzazione di iniziative (di vendita e non) volte a migliorare l interazione commerciale leggasi la Relazione Banca/Cliente (F. Rajola CRM: un problema di epistemologia - CETIF). In effetti, il compito ed il ruolo dei processi di CRM, è quello di permettere la gestione contemporanea, in modo efficace e personalizzato - il più simile possibile a quello del salumiere sotto casa - di un numero molto elevato di relazioni commerciali. Per fare questo è necessario estrarre le informazioni - che quello raccoglie con il contatto diretto - dai dati a disposizione, ordinati in serie storica nel Datawarehouse aziendale (che potremmo paragonare alla memoria del nostro salumiere). Da questa definizione emerge la rilevanza della storicizzazione del dato e dell informazione che da esso si estrae. La multicanalità rappresenta solamente una modalità differenziata di raccolta del dato e di distribuzione delle iniziative di contatto. L obiettivo prioritario rimane quello di passare dai dati alle informazioni per accrescere il rigore e la robustezza dei processi decisionali aziendali che riguardano la massa ampia e significativa di relazioni con la clientela. Ma il CRM è anche un approccio culturale, un modo di lavorare e gestire la relazione con la clientela che si fonda sulla cultura del dato. Il problema è di grande rilievo in tutte le aziende e quindi in tutti i settori fortemente orientate al prodotto e che devono riorganizzarsi per divenire customer-centric sviluppando una nuova mentalità delle risorse umane. Il livello di soddisfazione delle imprese che hanno intrapreso progetti di CRM Alcune recenti indagini hanno cercato di fare luce proprio sul livello di soddisfazione delle aziende che hanno intrapreso progetti di CRM. Secondo una prima indagine di Forrester Group, che ha interessato 111 grandi società nordamericane, solo l 8,1% degli intervistati si è dichiarato veramente soddisfatto dei risultati ottenuti, ed il 25% si dichiara pienamente insoddisfatto a causa della scarsa utilizzabilità dell applicazione. Il principale ostacolo incontrato nella realizzazione dei progetti di CRM è generalmente la resistenza al mutamento organizzativo. Da un altra indagine del Gartner Group risulta un dato allarmante: su un campione di 700 società emerge che in circa 4 casi su 10 (nel 42% dei casi) l acquisto delle licenze per i software dedicati al CRM non è corrisposto al loro effettivo utilizzo. Sempre secondo Gartner il 75% dei progetti di gestione informatizzata della relazione con la clientela nel settore CRM ha incontrato un significativo rischio di fallimento a causa di problemi organizzativi e all incapacità di riuscire a misurare il ritorno sugli investimenti. In assenza di questo elemento, infatti, risulta particolarmente difficile trasformare i risultati provenienti dall applicazione del CRM in strumenti che aumentino o migliorino il decision making del top management aziendale. 3

4 Giga Information Group segnala poi che nella sua esperienza: il 75% delle iniziative CRM fallisce per mancanza di una strategia complessiva e di una corretta applicazione nel business, altre cedono per carenza di expertise tecnica o per la scelta del software sbagliato o ancora per cattiva gestione conflitto di interessi dei consulenti; nel 63% dei casi osservati le iniziative di CRM sono state impostate sulla base dei processi interni aziendali e non sulla base dei profili dei clienti; il 40% delle aziende con un processo di CRM in corso di implementazione ha dichiarato che l iniziativa non è integrata con tutti i settori dell azienda. Secondo Gartner il fallimento di così tanti sforzi per l implementazione di processi di CRM ha in molti casi addirittura indotto le imprese a chiedersi se la strategia che fa perno su un processo di CRM sia effettivamente attuabile e se la fedeltà del consumatore sia, alla fine, un obiettivo che vale la pena perseguire. In generale, sulla base dei risultati delle analisi condotte, pare che le problematiche relative all introduzione di un processo di CRM si possano raggruppare sostanzialmente in due macro aggregati: a) chiarezza riguardo agli obiettivi ed ai metodi del processo: sapersi porre le domande corrette e capire quali sono le risposte che è possibile ottenere ; b) difficile gestione dell impatto organizzativo nell implementazione, specie con l area ed il front-office commerciale. Tra i principali ostacoli si trovano: in primis, la resistenza al cambiamento organizzativo, poi le difficoltà di stima dei costi/ intangibilità dei benefici, la complessità gestionale e durata del progetto, la mancanza di skill, la gestione dei fornitori, la difficile comprensione dei bisogni del cliente. La chiave di volta del problema è un corretto approccio alla Knowledge Discovery? Il successo dei progetti di CRM risiede nella capacità di sviluppare una visione aziendale che ponga il cliente al centro della scena, concependo il CRM come un processo articolato, all interno del quale le diverse funzioni aziendali sono chiamate a cooperare ed integrarsi con un profondo impatto sulla struttura organizzativa, sulla cultura manageriale e quindi, in ultima analisi, sulle risorse umane. In realtà i problemi organizzativi e metodologici sono però solo apparentemente distinti e più spesso intimamente connessi, poiché quando la metodologia è carente o poco trasparente per l utente commerciale il cambiamento organizzativo diventa molto più complicato: Ciò che non si comprende non si adotta. Secondo Gartner perché il CRM operativo all interno del quale si può situare la multicanalità produca ROI deve essere basato su un solido CRM analitico: il primo è solo un metodo supportato da strumenti idonei (formalizzati o meno) per trasmettere in modo più efficace ed efficiente l impulso commerciale. È la qualità dell impulso che fa la differenza non il mezzo. Spesso il CRM è inteso come un pacchetto software in grado di risolvere, quasi fosse una panacea, tutti i problemi di gestione della relazione con la clientela, magari intensificando ed ampliando indiscriminatamente il numero di contatti e moltiplicando i mezzi di contatto. In realtà si tratta di un processo complesso che permea tutta l organizzazione, che richiede per essere efficace innanzitutto una buona struttura di Business Intelligence, partendo da un attività di 4

5 Knowledge Discovery (KD) e Data Mining (DM) dotate di un impostazione corretta. Il CRM operazionale viene spesso considerato centrale, mentre il contenuto della cura della relazione nasce invece dal CRM analitico. Cuore del CRM analitico è l attività di KD, al cui interno si colloca l attività di DM, che può essere diretta o indiretta. Nel primo caso l attività è rivolta alla spiegazione del valore di un risultato particolare rispondendo a domande del tipo: Chi abbandonerà l azienda?, Chi ha probabilità di acquistare un prodotto offerto?, insomma in generale presuppone l esistenza di una variabile target per la quale si vuole stimare la probabilità di successo. Nell attività indiretta non esiste invece una variabile target, agli strumenti analitici applicati si chiede solamente di individuare comportamenti omogenei partendo da dati significativi. In termini più semplici all attività di KD indiretta si chiede di riconoscere delle relazioni tra dati, ed a quella diretta di utilizzare queste relazioni una volta identificate. In genere la pressione commerciale spinge a privilegiare l attività di KD diretta. Sulla scorta di questa pressione si rischia di trascurare l attività di KD indiretta: quella che cerca le relazioni significative all interno di una massa relativamente informe di dati, trasformandoli in informazioni ad elevato valore aggiunto. Ma è proprio quest ultimo tipo di analisi che può fornire indicazioni preziose sul canale/i distributivo/i più adeguato/i, identificando la similitudine di profilo tra utilizzatori e non utilizzatori. Si può quindi essere tentati di modellare una probabilità di acquisto su una popolazione indistinta per cercare una probabilità di acquisto che corrisponde al successo di una campagna senza considerare prima il vantaggio che deriva da una segmentazione preliminare della popolazione. Ne risulta la possibilità di ottenere risultati deboli od instabili ed in qualche caso arbitrari: l attività di KD indiretta infatti può e deve guidare preliminarmente, evidenziando le relazioni possibili, quella diretta. In questa chiave interpretativa la realizzazione di una click-stream analysis sulla base dei dati di accesso al sito aziendale, o l analisi del flusso di chiamate di un cliente o di un cluster di clienti al call center o, ancora, di un iniziativa di mailing piuttosto che di un azione di comunicazione sui mezzi nonché di un azione out-bound da parte del call center non possono prescindere da un corretto processo di KD indiretta: senza quest ultimo rischiamo di disporre di risultati fuorvianti. Segmentazione come condizione per un processo di CRM robusto L attività di segmentazione è certamente l aspetto a maggiore valenza strategica della KD. I diversi criteri e le numerose tecniche per la segmentazione della domanda possono essere ricondotti a due classi fondamentali: metodi di segmentazione a priori: in cui le variabili che discriminano i diversi segmenti vengono scelte in modo predefinito, ex-ante, da chi conduce l analisi; metodi di segmentazione a posteriori che implicano invece il raggruppamento dei soggetti dal lato della domanda sulla base di similarità INFERITE (strutture latenti) dall intera base informativa che, pur essendo selezionata a priori, non fornisce direttamente la funzione discriminante dei diversi segmenti. Nel primo caso otterremo segmenti molto omogenei rispetto alle variabili scelte, ma spesso poco indicativi in relazione alla loro risposta a mirate azioni di marketing. Nel secondo caso il peso e l influenza di ciascuna variabile sulla struttura comportamentale sottostante derivano da aggregazioni successive (strutture latenti), ottenute applicando numerose tecniche di analisi multivariata, che permettono di ottenere segmenti molto omogenei al loro interno per sensibilità alle politiche di mercato dell azienda, ma che possono presentare per contro problemi di accessibilità e misurabilità. 5

6 Nonostante questi ultimi problemi, la necessità di costruire un processo di analisi con ipotesi non imposte a priori è un elemento determinante per ottenere risultati oggettivi, non distorti dall analista. Questi, imponendo le relazioni rilevanti con una segmentazione a priori, rischia di definire profili non coerenti con il mercato presidiato. La rilevanza della segmentazione comportamentale si deduce dai risultati di diverse analisi riassumibili in poche cifre riportate a titolo esemplificativo: applicando un modello di scoring (determinazione probabilità d acquisto di un prodotto) alle variabili originarie (prima generazione) il livello complessivo di errore sul campione di test tende a moltiplicarsi per un fattore che va da 8 a 10 circa, rispetto all uso di quelle di 3^ e 4^ generazione (le variabili che identificano i segmenti); nel sottocampione dei possessori l errore tende a moltiplicarsi per un fattore che va da 17 a 20 circa; il coefficiente di correlazione tra possesso del prodotto e score relativo, senza variabili derivate (di 3^ e 4^ generazione che identificano i singoli segmenti), tende a risultare circa un quarto. Ritornando agli esempi precedenti, le analisi succitate da cui scaturiscono poi azioni commerciali rischiano di essere distorte da un approccio metodologico che non tenga conto del ruolo centrale della segmentazione comportamentale. I problemi di scelta inerenti la multicanalità trovano una soluzione robusta se partono e si fondano su una corretta segmentazione (quindi profilazione) della clientela, mentre gli aspetti operazionali/tecnologici paiono caratterizzati da un livello di priorità inferiore. Il ruolo del fattore tecnologico Senza KD il CRM rischia di essere un automa senza testa. Posso contattare più o meno casualmente i miei clienti ma: a) poiché il risultato di un contatto dipende dai suoi contenuti, se il contenuto è sbagliato rischio di danneggiare la relazione mentre penso di ottenere un vantaggio; b) il numero dei contatti potenziali non è inoltre infinito. L azione di contatto deve quindi essere ponderata e misurata. In quest ottica il fattore tecnologico - pertinente all efficienza ed alla frequenza del contatto - non è decisivo se non in quanto può rappresentare un vincolo. È quindi una condizione necessaria, ma non sufficiente: meno vincolante risulta più il processo è efficace. La tecnologia è quindi sicuramente una chiave per i progetti di CRM ma, sempre secondo Gartner, non dovrebbe essere indicata come causa del potenziale non realizzato dei progetti succitati. Molti fornitori di soluzioni - sia i venditori di applicazioni che di servizi esterni (ESP) - hanno certamente enfatizzato i benefici del CRM, e naturalmente quelli dei prodotti da loro offerti, senza sottolineare troppo che un processo di CRM efficace richiede molto di più di una soluzione tecnologica. Naturalmente non ci si può attendere che questi soggetti non agiscano nel loro migliore interesse. Sono quindi le imprese clienti che spesso sbagliano, quando non riconoscono che un processo di CRM presuppone una strategia complessiva di business che richiede una piena comprensione ed una stretta osservanza dei principi che ne sono la base. 6

7 Un CRM efficace richiede che le imprese mettano di più al centro della loro attività il cliente, cambiando radicalmente il modo di fare business - non solo implementando applicazioni collegate al processo di CRM e preoccupandosi prevalentemente dei supporti tecnologici. Data Mining ed attribuzione di uno scoring Coerentemente, l'impostazione dell attività dell'ufficio CRM della BPVN parte innanzitutto dalla convinzione che sia prioritaria l adozione di una metodologia di KD corretta e coerente. Pertanto un utilizzo distorto del data mining viene accuratamente evitato: è meglio non dare una risposta piuttosto che utilizzare lo strumento per fornire risultati poco robusti. L impatto organizzativo è infatti tanto più complesso e difficile da gestire quanto minore è l utilità percepita nel tempo e la leggibilità del DM e del processo di KD. Inoltre è ormai consolidata nell unità la consapevolezza che una corretta KD per mezzo del DM richieda a monte una robusta segmentazione comportamentale: che non parta quindi da criteri scelti a priori dall utente ma utilizzi l analisi multivariata per definire i gruppi omogenei di clienti. Partendo da questo assunto cerchiamo, in un processo di arricchimento progressivo, di fornire alla struttura prima una corretta specificazione delle relazioni possibili tra i diversi fenomeni e quindi una misura dell intensità. La modellazione per l attribuzione di uno scoring - sia esso riferito alla probabilità di acquisto che a quella di una stima del rischio di abbandono - rappresenta un esempio forte dell opportunità d applicare rigorosamente i criteri succitati. Un corretto approccio di KD nell applicazione delle tecniche di DM incide in modo determinante sulla bontà dei risultati. Questi rimangono comunque difficili da valutare dall esterno dell organizzazione perché, anche nel caso di metodologia corretta e risultati buoni, altri aspetti organizzativi possono ancora vanificarne l efficacia. Conclusioni Le opportunità di perseguire una maggiore penetrazione su un canale distributivo piuttosto che su un altro possono essere valutate sulla base di una corretta profilazione della clientela: profili simili/dissimili tra utilizzatori e cluster di non utilizzatori supportano/disincentivano la decisione di una promozione più intensa di un canale. Possono influire sulla profilazione la qualità dei dati raccolti e l inadeguatezza della metodologia di DM utilizzata. Necessità prioritaria è la riduzione del rischio di applicare in modo errato le tecniche di DM, che costituiscono l asse portante del CRM Analitico e quindi di tutto il processo di CRM e rappresentano il denominatore comune per coprire a 360 la relazione con il cliente. Uno strumento e la metodologia che ad esso presiede possono essere infatti utilizzati in tre modi: 1. per ottenere i risultati attesi attraverso il loro utilizzo: la modalità corretta per un efficace sviluppo delle attività di Data Minino; 2. per ottenere risultati attesi definiti in modo indipendente dal loro utilizzo: in questo caso lo strumento rappresenta solo un soprammobile, che alla lunga può risultare costoso e superfluo, se non è integrato con le altre unità dell azienda; 3. per validare risultati attesi non ottenuti con il loro utilizzo: il modo meno adatto per impiegare lo strumento. Questo può succedere quando le iniziative commerciali vengono definite nell obiettivo senza il contributo determinante del data mining e lo strumento viene utilizzato per validare le decisioni prese senza il suo ausilio. Se i risultati saranno insoddisfacenti la colpa non potrà non ricadere anche sullo 7

8 strumento, mentre se saranno soddisfacenti il contributo dello strumento rimarrà casuale ed indeterminato. Le tecniche applicate non sono così rilevanti come il principio informatore dell attività che si ispira ad una corretta applicazione, in sequenza delle attività di KD indirette e dirette. È evidente quindi il concetto implicito di efficacia: senza efficacia il miglioramento della relazione (obiettivo ultimo ed unico) viene meno. Mentre tutti i requisiti (efficienza, tecnologia, etc.) sono accessori. Quando l area commerciale chiede alla funzione che presiede al CRM analitico di fornire una lista di prospect implicitamente ne riconosce necessità e ruolo: è a questo punto compito PRIMARIO dell unità NON FARE VENIRE MENO la fiducia nei metodi di selezione del target e nella loro efficacia. Come diceva lo stratega prussiano Helmuth Von Moltke: prima ponderare, poi agire, parafrasando prima fai funzionare il CRM analitico e poi quello operazionale. 8

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Dott. Gabriele Sabato Abstract Nel corso del processo di evoluzione della nostra società moderna si è riscontrato sempre più l insorgere di

Dettagli

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM Sociologia della Comunicazione A.A. 2008-2009 Logiche ed applicazioni di CRM Fulvio Fortezza Importanza delle relazioni Oggi il successo di un impresa non dipende più solo dalle competenze che si originano

Dettagli

Data Mining e Analisi dei Dati

Data Mining e Analisi dei Dati e Analisi dei Dati Rosaria Lombardo Dipartimento di Economia, Seconda Università di Napoli La scienza che estrae utili informazioni da grandi databases è conosciuta come E una disciplina nuova che interseca

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe Premessa Analisi dei progetti di Customer Il Customer Il data base per il marketing e per le : Come organizzare le informazioni Più di un terzo delle istituzioni non inserisce ancora in un unico data base

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europee

Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europee Il Customer e Il Customer Contenuti marketing e per le per il CRM 2 Il Customer I punti principali: L attività bancaria sta sperimentando una serie di profondi mutamenti a causa dell accentuarsi delle

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÁ DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia Aziendale Esame di Laurea CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE Tutore: Prof. Maria Chiarvesio

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS MARKETING (3 DI 3) ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 Bain & Company RESULTS Dopo la prima e la seconda parte di questo

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

AL CUORE DEL CLIENTE AL CENTRO DEL TUO BUSINESS

AL CUORE DEL CLIENTE AL CENTRO DEL TUO BUSINESS AL CUORE DEL CLIENTE AL CENTRO DEL TUO BUSINESS SAI DAVVERO COSA PENSA OGNI SINGOLO CLIENTE DELLA TUA AZIENDA? STA SFRUTTANDO TUTTE LE OPPORTUNITÀ CHE POTENZIALMENTE LA TUA CUSTOMER BASE TI OFFRE? i vostri

Dettagli

Business Intelligence CRM

Business Intelligence CRM Business Intelligence CRM CRM! Customer relationship management:! L acronimo CRM (customer relationship management) significa letteralmente gestione della relazione con il cliente ;! la strategia e il

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 Customer Relationship Management Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. gli elementi fondamentali e strutturali di una strategia di

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

Primi risultati di sintesi

Primi risultati di sintesi INDAGINE ABI-UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Approcci di CRM e di gestione delle relazioni con la clientela del settore bancario Primi risultati di sintesi (Dicembre 2003) 1 2 BANCHE RISPONDENTI: 84 RAPPRESENTATIVE

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

Un unico grande gruppo al tuo servizio

Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Cerved Group nasce dall unione di otto marchi, ognuno dei quali leader di presidio, che grazie alla loro competenza ed esperienza

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Sebastiano Bagnara Politecnico di Milano & Irso

Sebastiano Bagnara Politecnico di Milano & Irso Sebastiano Bagnara Politecnico di Milano & Irso Le realtà pubbliche e private possono essere confrontate prendendo in considerazione diverse dimensioni e differenti punti di vista. Un confronto su contact

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL

L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL Convegno ABI CRM 2003 Strategie di Valorizzazione delle Relazioni con la Clientela Andrea Di Fabio

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE. Strumento di marketing: conoscere il livello di soddisfazione del cliente e il modo in cui si forma il suo giudizio analisi

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management MISURE DI COMMESSA E MISURE DI SISTEMA COSTRUIRE UN PONTE TRA IL SINGOLO PROGETTO E GLI OBIETTIVI AZIENDALI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management IL RUOLO DEL SISTEMA DI MISURA

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia Master universitario di I livello Management delle politiche sociali. Focalizzazione: Paesi dell area euromediterranea Anno Accademico

Dettagli

Modulo Campaign Activator

Modulo Campaign Activator Modulo Campaign Activator 1 Che cosa è Market Activator Market Activator è una suite composta da quattro diversi moduli che coprono esigenze diverse, ma tipicamente complementari per i settori marketing/commerciale

Dettagli

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER di Riccardo Pio Campana* Come si configurava il dirigente privato nel passato e come lo si configura oggi, l obiettivo di questo lavoro è proprio quello di inquadrare giuridicamente

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Il data warehouse nelle aziende italiane

Il data warehouse nelle aziende italiane Byte Italia n.10 - vembre 1998 di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Il nuovo ruolo dell Information Technology aziendale è quello di fornire al top management informazioni rapide ed efficaci sulle quali

Dettagli

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Gli elementi chiave del db

Dettagli

Come realizzare un progetto CRM eccellente

Come realizzare un progetto CRM eccellente Come realizzare un progetto CRM eccellente Andrea Farinet World Marketing & Sales Forum 2008 Milano, 18 giugno Come valorizzare strategia di marketing e strategia CRM? Di quale CRM hanno realmente bisogno

Dettagli

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Maurizio Perego Responsabile Comunicazione e Marketing Relazionale

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

MICROMARKETING DI SUCCESSO SFRUTTANDO DAVVERO IL CUSTOMER DATABASE

MICROMARKETING DI SUCCESSO SFRUTTANDO DAVVERO IL CUSTOMER DATABASE MICROMARKETING DI SUCCESSO SFRUTTANDO DAVVERO IL CUSTOMER DATABASE Innovative tecniche statistiche che consentono di mirare le azioni di marketing, vendita e comunicazione valorizzando i dati dei database

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Banca Popolare di Vicenza L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Filippo Catturi, Alfredo Pastega Roma, 14 dicembre 2005 Agenda Premessa La valutazione del

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi. Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab

Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi. Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab CARTE 2012 Roma, 15 novembre 2012 La multicanalità Fonte: Elaborazioni ABI su dati sull Osservatorio di Customer

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest La statistica si impone sempre più come una risorsa utile per decidere e valutare le politiche di intervento in campo economico e sociale. Esperienze dell

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006 Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso Carlo Notari, PMP Martedì 24 Ottobre 2006 Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa L innovazione E la trasformazione di una nuova idea e

Dettagli

Dal numero di settembre 2013 di Customer Management Insights (www.cmimagazine.it)

Dal numero di settembre 2013 di Customer Management Insights (www.cmimagazine.it) Dal numero di settembre 2013 di Customer Management Insights (www.cmimagazine.it) Multicanalità nei contact center Attivare diversi canali di contatto permette di concentrare sui call center le attività

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

Qualità, integrazione e innovazione nei call center bancari

Qualità, integrazione e innovazione nei call center bancari L Osservatorio 2010 ABI-ABI Lab sui call center bancari evidenzia una sempre più ampia proattività di questo canale che diviene operativo anche nella comunicazione via web, potendo beneficiare della professionalità

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Stato dell arte e tendenze evolutive dei call center bancari in Italia

Stato dell arte e tendenze evolutive dei call center bancari in Italia L indagine condotta dal Consorzio ABI Lab e dal Centro Studi e Ricerche dell ABI fotografa la situazione dei call center bancari rivelando un ruolo sempre più proattivo di questo canale nelle politiche

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

Banche: nuovi modelli di segmentazione della clientela

Banche: nuovi modelli di segmentazione della clientela Banche: nuovi modelli di segmentazione della clientela di Davide Mondaini Mondaini Partners - Dimensione Consulting All interno degli istituti di credito la macroarea d affari connessa all attività con

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni?

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Milano, 4 Giugno 2002 Obiettivi dell incontro Obiettivi dell incontro Condividere alcune riflessioni

Dettagli

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Nell attuale contesto competitivo, la conoscenza del cliente e dei suoi bisogni di servizi e prodotti bancari a 360 diventa fondamentale

Dettagli

Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto

Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto 1. Definizione e Componenti Definizione del Controllo Interno Che cosa ci si può attendere dal Controllo Interno Che cosa non ci si può attendere dal

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Parte Quinta Le Strategie Cliente

Parte Quinta Le Strategie Cliente Parte Quinta Le Strategie Cliente Con il simbolo ^ le slide che non sono state discusse in aula C è una sola definizione valida dello scopo del business: creare un cliente. Sarà quest ultimo che determinerà

Dettagli

INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO

INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO pag 3 RADAR BANK: IL SUO LINGUAGGIO pag 4 I TEMI ESPLORATI LE FONTI: UN SISTEMA INTEGRATO DI INFORMAZIONI pag 5 DESCRIZIONE STRUTTURA E METODOLOGIA

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa OSSERVATORIO CRM Milano, Circolo della Stampa E la parola di pietra è caduta Sul mio petto ancora vivo. Non è nulla, ecco, ero preparata. In qualche modo la supererò. Ho molto lavoro oggi: occorre uccidere

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

servizi di consulenza: Marketing strategico individuazione delle aree di criticità aziendale; studio di strategie alternative per lo sviluppo;

servizi di consulenza: Marketing strategico individuazione delle aree di criticità aziendale; studio di strategie alternative per lo sviluppo; Le grandi scoperte si fanno nei laboratori scientifici, ma i grandi prodotti sono creati nel servizio marketing William Davidow AREA MARKETING Tutti i cambiamenti che stanno rivoluzionando i mercati e

Dettagli