Demolire, produrre, costruire

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Demolire, produrre, costruire"

Transcript

1 INCONTRI demolizioni Demolire, produrre, costruire Da poche decine d anni sul mercato, la Vitali Spa sta ottenendo riconoscimenti e registrando aumenti di fatturato vertiginosi in tutti i campi della filiera edile. I segreti di un impresa che sa cosa significa demolire, produrre, costruire in regime di qualità. Il cantiere di Torino per le Olimpiadi invernali 2006 Silvia Fontana Nasce negli anni 80 e in soli quindici anni realizza un ampliamento di settori di intervento tale da coprire quasi completamente la filiera dell edilizia, registrando contemporaneamente aumenti di fatturato vertiginosi. Stiamo parlando della Vitali Spa, impresa di costruzioni bergamasca da due generazioni impegnata nel settore, ma che vive una nuova stagione di crescita e vitalità imprenditoriale. Oggi la Vitali Spa assume ruoli da general contractor in ogni campo delle costruzioni, partecipa a gare d appalto europee. È protagonista di un evoluzione fulminea e nello stesso tempo costante, che non si spiega se non riconoscessimo nelle scelte di questi anni l attenzione sempre puntata al mercato, alle nicchie emergenti e, in prospettiva, più produttive, così come la volontà di realizzare scelte sempre improntate al meglio. Le migliori macchine, i migliori impianti, i migliori prodotti, i migliori uomini, le migliori tecnologie progettuali. Siamo sempre riusciti a trovare il giu- Dott. Massimo Vitali sto compromesso fra gli obiettivi che c eravamo posti e le esigenze dei clienti. Indubbiamente fra i nostri punti di forza c è il parco mezzi, che conta 300 unità, il settore commerciale, estremamente aggressivo, la forza attrattiva del marchio, in cui abbiamo creduto e su cui abbiamo investito. La nostra immagine è sempre stata affidabile, aggiornata, sicura. Ci spiega il Presidente. Doti naturali, quali l intuito e la prontezza d intervento, supportate da quel knowhow che è passato di padre in figlio da titoli di studio specifici, che permettono ai quattro giovani imprenditori di dare il meglio di sé in campi differenti, senza inutili sovrapposizioni. Qualche aggettivo per descrivervi? Siamo motivati, decisi ad investire tutto nella nostra azienda, pronti sempre a ripartire con un forte slancio, con un apertura ai nuovi scenari del mercato. Oggi, dopo solo 20 anni, contiamo 2500 clienti, abbiamo acquisito le attestazioni SOA per partecipare alle gare con importi illimitati nel settore delle infrastrutture o per demolizioni a livello europeo (ad esempio Bonn); siamo conosciuti e stimati dai progettisti. Dalla fine degli anni 80 in avanti l attività è sempre cresciuta con aumenti del fatturato in alcuni anni anche del 100%; complessivamente in un decennio da euro di fatturato del gruppo siamo arrivati a 50 milioni di euro, e pensiamo di crescere ancora. E se nell 89 avevamo un dipendente, oggi contiamo più di 100 dipendenti fissi, a cui si aggiunge la manodopera esterna. 69

2 Vogliamo addentrarci in uno dei campi di Vs. maggiore competenza, quello delle demolizioni? Un settore che esiste da sempre, ma che solo da un decennio viene affrontato con la dovuta consapevolezza e professionalità da operatori specializzati. Se il nostro punto di forza è stato aver saputo penetrare le nicchie di mercato più nuove e vitali, senz altro il settore delle demolizioni ha rappresentato quella più significativa. Oggi più che mai, in un contesto fortemente urbanizzato come quello italiano, la possibilità di costruire dipende anche dalla volontà di demolire e recuperare aree lottizzabili. Sono operazioni che interessano spazi urbani fortemente degradati, a volte interi quartieri o zone industriali, ma soprattutto sono lavori ad alto rischio, che affrontiamo con macchinari all avanguardia avvalendoci di competenze ingegneristiche e dotazioni strutturali di alto livello. Usufruiamo di tecnologie all avanguardia per garantire la massima sicurezza, quali: sistemi implosivi controllati; sistemi insonorizzati senza vibrazioni; impianti di riciclaggio di materiali; robot e macchine idrauliche ad ogni altezza; lancia termica, carotatrici; dischi e fili diamantati; pinze cesoie idrauliche, frantumatori Alcune opere significative Nel campo delle demolizioni, una delle più grandi opere affrontate è storia recente: a Torino, in via Giordano Bruno, a poca distanza dal Lingotto, sono in corso di completamento i lavori che trasformeranno il vecchio mercato ortofrutticolo in un villaggio olimpico dall aspetto avveniristico. Tra le demolizioni eccellenti possiamo menzionare certamente il cantiere di Torino per le Olimpiadi invernali 2006; chiediamo quindi all'ing. Marzio Ceroni, direttore di cantiere, di parlarcene. Ing. Ceroni, quale è stato il ruolo e l apporto della Vitali nel complesso delle grandi opere previste per l Olimpiade 2006? Per quanto riguarda la città di Torino abbiamo acquisito due commesse, la prima per il comune - settore grandi opere - sempre finalizzata all esecuzione di opere per le Olimpiadi 2006, la seconda per l Agenzia Torino Vogliamo approfondire il primo appalto? L appalto acquisito per il comune di Torino consisteva nella demolizione in via Giordano Bruno degli edifici destinati al vecchio mercato ortofrutticolo, vecchi capannoni sia in struttura mista cemento armato laterizio sia in struttura metallica. Stiamo parlando di una superficie di circa m 2, su cui insistevano capannoni distinti in strutture in cemento armato il cui volume, vuoto per pieno, era di circa m 3, e strutture metalliche con volumi pari a circa m 3. Il totale di volume coperto da questi fabbricati ammontava a circa m3, mentre la loro altezza variava dai 10 m ai 20 m. Sempre nell ambito delle opere destinate alle Olimpiadi, una volta demolito l esistente, si sarebbe proceduto con la realizzazione del villaggio olimpico che avrebbe in seguito ospitato gli atleti. I lavori sono iniziati nell ottobre 2002 e si 70

3 Recentemente è stato affrontato un lavoro importante e significativo: la demolizione della vecchia cementeria Italcementi a Calusco d Adda, dove ora si innalza la nuova, imponente e innovativa cementeria, caratterizzata da un grande camino per evitare la dispersione di energia. Altre opere rappresentative: nel 1994/5 la realizzazione di una demolizione importante nel centro di Milano per le Ferrovie dello Stato, area stazione Greco Pirelli. In questa occasione sono stati smantellati i vecchi edifici delle ferrovie per ospitare le nuove stazioni di lavaggio del pendolino. Vitalia Spa si sono conclusi nel maggio Questo era un appalto da euro. Un lavoro di notevole entità, quindi, e realizzato in tempi record... Abbiamo concluso il cantiere in meno di un anno. È prerogativa della Vitali, al momento di acquisire la commessa, impegnarsi a rispettare i tempi nonostante tutte le difficoltà che si possono incontrare. E in questo caso si trattava di tempi ristrettissimi, dovuti alle necessità e alle aspettative dell intera organizzazione olimpica. L appalto in questione era infatti legato ad una fase propedeutica antecedente le Olimpiade stesse: il villaggio olimpico era una delle prime opere da realizzare, dovendo ospitare gli atleti prima dell inizio delle gare. Anche per l appalto commissionato dall Agenzia 2006 ci sentivamo un po nell occhio del ciclone, dal momento che era uno dei primi lavori a dover partire. Quali sono state le problematiche da affrontare? Nel caso di entrambi gli interventi, si trattava di riqualificare un area degradata, i cui edifici erano inseriti in un tessuto urbano che ci obbligava ad utilizzare mezzi di una certa tipologia, con innovazioni tecnologiche che garantissero un impatto ambientale minimo a livello acustico ed emissione di polveri. Vuoi per l entità dei capannoni da demolire, vuoi per le altezze in gioco, bisognava programmare un intervento operando in un certo modo, con attrezzature sofisticate, mezzi di recente acquisto, per esempio escavatori Daewoo da 47 t con braccio da 27 m, su cui è stata montata una serie di accessori tipo la pinza demolitrice idraulica ed il frantumatore di tipo rotante. Sono attrezzature di ultima generazione che permettono di sminuzzare il materiale direttamente durante la demolizione e consentono di creare un minore impatto durante la caduta del materiale a terra, chiaramente con minori ripercussioni dal punto di vista delle vibrazioni e del rumore per i cittadini. Questa macchina è stata poi coadiuvata da altri mezzi, altri escavatori, sempre di una certa portata e peso (circa 30/40 t) che, una volta sminuzzato l edificio a terra, procedevano alla riduzione ulteriore dell inerte frantumato ed alla separazione dei materiali. In funzione dello smaltimento finale, andavano infatti separate le parti ferrose da ciò che rimaneva del puro materiale inerte della demolizione. Come è stato realizzato il riciclaggio? Siamo autorizzati a trattare i materiali provenienti da demolizioni o direttamente in cantie- 71

4 re o in un altro sito, a seconda delle esigenze. Nel primo caso - come è avvenuto nell appalto di Torino - ci serviamo del nostro frantoio mobile, un apparecchiatura che ci permette di ridurre l inerte - che viene in fase di demolizione già ridotto parzialmente dagli strumenti di cui parlavamo prima - in pezzature necessarie ai vari utilizzi. Quanto personale specializzato è stato messo in gioco durante i lavori? Premetto che si è trattato di un tipo di lavoro che necessitava soprattutto di macchine specifiche; in ogni caso il cantiere ha previsto la compresenza di circa una ventina di persone, fra operatori dei mezzi utilizzati, tra assistenti ed altri operatori che coadiuvavano e controllavano l operazione di demolizione. Questo ci ha permesso di ottenere il risultato e di completare l opera prima dei tempi previsti, con la soddisfazione dell amministrazione comunale che vedeva compiuto egregiamente uno dei primi cantieri dell Olimpiade, partito ancor prima di tutta la macchina dell Agenzia. Di lì a poco si è inserito l altro appalto, quello commissionato appunto dall Agenzia Se volessimo scandire la fase dei lavori? Si è trattato di un appalto mirato alla demolizione. Il primo problema era rappresentato dalla presenza di coperture in cemento amianto che andavano rimosse, chiaramente con tutte le autorizzazioni e le procedure del caso. Contemporaneamente alla rimozione della coperture dei capannoni si sono compiuti, in aree distinte, i necessari interventi di bonifica bellica. L area oggetto del cantiere conservava infatti residuati bellici risalenti alla seconda guerra mondiale; Torino fu all epoca il fulcro dell attività commerciale e militare del nord Italia, e la zona oggetto del nostro intervento si trovava a ridosso della ferrovia e del Lingotto, per questo rappresentava un obiettivo privilegiato e quindi fu sottoposta ai bombardamenti. Completata, almeno parzialmente, la bonifica delle coperture, si è proceduto con la vera e propria demolizione delle strutture in cemento armato o in laterizio e, successivamente, con la demolizione e rimozione della pavimentazioni in cemento e delle fondazioni - più o meno profonde - dei singoli edifici. In questo caso si sono utilizzati altri mezzi, quali il martello demolitore, che è stato montato su altri escavatori che avevamo in utilizzo. Queste a grandi linee le fasi dell intervento che ha interessato il primo cantiere. Avete compiuto un ingente opera di demolizione ma anche di movimentazione di materiale, giusto? Abbiamo scavato, movimentato e vagliato circa m 3 di materiale ai fini del completamento della bonifica bellica, naturalmente previa asportazione di superfici in conglomerato bituminoso mediante fresature. Non bisogna dimenticare infatti che tutta l area era stata fino a poco tempo prima utilizzata come mercato ortofrutticolo. Passiamo al secondo appalto, quello commissionato dall Agenzia Torino 2006 Appena concluso il cantiere per il comune di Torino abbiamo iniziato ad eseguire il lavoro per l Agenzia Torino Si trattava di sistemare l area destinata ad ospitare il Palahockey, la costruzione più significativa delle Olimpiadi. Il nostro lavoro di demolizione e sistemazione ha rappresentato uno dei fiori all occhiello di tutta la parte propedeutica alle Olimpiadi. È stato uno dei primi appalti a cui si è dato il via e i tempi erano strettissimi. L area oggetto dell intervento, di circa m 3 di superficie adiacente allo stadio comunale di Torino, era precedentemente destinata all attività di atletica leggera. L opera si componeva di tre fasi di lavoro: siamo partiti con la demolizione di una struttura che ospitava l ex tribuna del campo di atletica - circa m 3 di volumi con altezze in gioco di 25 m - e delle murature di recinzione e cunicoli interrati. In seconda battuta abbiamo eseguito lo scavo di tutta l area - circa m 3 di materiale - per fare posto al futuro edificio del Palahockey; quindi abbiamo realizzato un rilevante muro contro terra di circa 600 m di sviluppo per un altezza di circa 10 m - su cui avrebbe insistito la struttura esterna dell edificio del Palahockey. Il tutto complessivamente per 6-7 mesi di lavoro. L intervento è ammontato a circa 5 milioni di euro. Quali mezzi avete utilizzato? In questo caso abbiamo usufruito della stessa attrezzatura utilizzata per il cantiere del MOI. Macchinari all avanguardia e dispositivi che garantissero il minor impatto 72

5 possibile sul contesto urbano. L intervento infatti era localizzato in un tessuto urbano densamente popolato, la zona compresa fra via Sebastopoli e via Filadelfia, sempre nell ambito dell area Lingotto. Non potevamo operare se non entro i limiti imposti dalle svariate ordinanze del comune. Una riflessione in generale: cosa significa per l organizzazione Vitali lavorare in regime di Qualità nel settore della demolizione? La Qualità investe prima di tutto l organizzazione logistica del cantiere e del processo intero dell opera. Possiamo far entrare le macchine in cantiere solo quando le idee sono chiare sul come/dove/quando intervenire, su quali attività si possono effettuare contemporaneamente, sempre nel rispetto di tutte le misure di sicurezza necessarie, attivando tutti i dispositivi necessari. In secondo luogo è fondamentale l utilizzo di attrezzature di ultima generazione, di dispositivi di sicurezza di varia natura che hanno il vantaggio di unire la potenza della macchina ad una ridotta emissione acustica. Questi mezzi si possono inserire là dove la problematica ambientale ha un peso molto importante, come ci è successo in un altro cantiere, sempre nell area piemontese, nel comune di Caluso, dove la struttura da demolire era una scuola, un volume di circa m 3 vuoto per pieno. Il problema era eseguire la demolizione proprio nel centro storico, in vicinanza di edifici datati, particolarmente sollecitati dalle vibrazioni e dal rumore. In questi casi, avere la possibilità di lavorare con macchine all avanguardia, guidate da personale specializzato, è determinante, consente di creare il minimo disturbo per la popolazione e di conseguenza, favorire l avanzamento dei lavori senza interruzioni dovute a lamentele presso il comune. All impatto delle vibrazioni, delle polveri e del rumore si aggiunge l impatto ambientale del materiale prodotto. Attrezzature quali il frantoio mobile permettono di smaltire sul campo ingenti quantità di inerte, facilitandone il trasporto, e quindi di inserirsi regolarmente nella normativa dello smaltimento dei rifiuti. È consuetudine della Vitali avere un occhio di riguardo per la fase finale. avvale di un parco mezzi importante, di macchine con bracci speciali fino ai 30 metri. Altre demolizioni hanno interessato un infinità di edifici di tutti i tipi: scuole, fornaci, torri di acquedotti, ponti e viadotti per la Società Autostrade. Vitali Spa e il riciclaggio degli inerti Il riciclaggio degli inerti fa parte della strategia del Gruppo quale approccio globale, visione di insieme pur nelle molteplici attività di intervento. Fa parte della sua filosofia aziendale attivare sinergie efficaci fra le varie divisioni e creare un ciclo virtuoso all interno del quale ogni attività sia presupposto e conseguenza dell altra. Dal settore delle demolizioni nasce spontaneamente l attività del riciclaggio: la dotazione di impianti e attrezzature idonee ha permesso di sfruttare la possibilità di recuperare materie prime da utilizzare nella pavimentazione di strade e autostrade o nella costruzione di nuovi edifici. A causa della carenza di materiale inerte naturale, e in assenza di cave di proprietà (ma è intenzione l acquisizione), è fondamentale per l azienda l impiego massiccio di materiali recuperati sui cantieri di demolizione. Da un punto di vista operativo, una volta demoliti gli immobili e ottenute le dovute autorizzazioni da parte degli organi competenti, si procede con l installazione degli impianti mobili di frantumazione e selezione nel cantiere della demolizione e viene avviato il processo di riciclaggio. Le macerie vengono sottoposte ad una 73

6 lavorazione che attraversa varie fasi: una prima selezione, l eliminazione dei rifiuti di altre categorie, la miscelazione di materiale in pezzatura assortita per conferirgli caratteristiche accettabili di resistenza. Nell ultimo passaggio il materiale viene calibrato secondo un determinato fuso granulometrico per ottenere una migliore compattazione. Il riciclaggio degli inerti consente un risparmio economico e un vantaggio per l ambiente: riduce l esigenza di discariche per materiali inerti e l escavazione di materiali naturali destinati a rilevati e sottofondi stradali. Il riciclaggio permette all azienda infine il recupero del ferro contenuto nei calcestruzzi e nei prefabbricati. L impiego dei materiali risultanti avviene in modo immediato, visto il numero dei nostri clienti e dei cantieri aperti contemporaneamente - tra i trenta e i cinquanta -. L impresa di costruzioni Vitali Spa è un impresa di costruzioni operativa a 360. Realizza opere infrastrutturali - strade, autostrade, ponti, ferrovie - come general contractor, intervenendo dalla fase progettuale alla consegna dell opera finita. Unisce l esperienza maturata in 50 anni di tradizione costruttiva alla volontà di ricercare nuove soluzioni tecnologiche di avanguardia. L esempio più rappresentativo di questa sua filosofia può essere dato da un recente cantiere, il complesso industriale La Valletta in fase di ultimazione a Basiano, lungo l A4, ad est di Milano. È in costruzione un centro logistico di m 2, di cui m 2 coperti, suddiviso in tre corpi di fabbrica indipendenti. In questi immobili si distribuirà e assemblerà merce per i 30 negozi del marchio Decathlon nel nord Italia. L iniziativa è di tipo Project financing: l immobile verrà affittato a Decathlon, ma rimarrà di proprietà di Vitali Spa. Per questo è stato progettato e pensato secondo criteri estremamente innovativi, sia dal punto di vista progettuale e tecnico, sia per quanto riguarda la scelta dei materiali. Altro polo logistico industriale è quello denominato Le Brughiere, progettato in prossimità di snodi ferroviari e stradali importanti, per una superficie di m 2. Nel campo delle infrastrutture è significativa la progettazione, affidata allo Studio degli ing.ri Giuliani di Milano, di un ponte strallato in acciaio, con struttura tubolare, per il piccolo paesino di Lenna della valle Brembana. Si tratta di un ponte ad arco superiore, con impalcato sospeso costituito da una struttura tridimensionale con tralicciature in acciaio e soletta in calcestruzzo: una struttura leggera, un opera simbolica e non invasiva, con un arco in campata unica. Il ponte, con la sua strallatura centrale, sarà un opera che dal punto di vista tecnologico rappresenterà il massimo dell innovazione. Un altro progetto interessante riguarda un parcheggio interrato sito nel comune di Milano in attesa di autorizzazioni a procedere. La Vitali Spa è però anche importante produttore di calcestruzzo e conglomerato. L attività di impresa di costruzione necessita di un massiccio volume di materiale e l azienda si è attrezzata per l autosufficienza. La qualità dei materiali permette di ottimizzare gli esiti di applicazione nelle fasi di esecuzione delle opere. Tutti i processi produttivi, gli impianti e i cantieri sono dotati di specifiche procedure e piani di controllo che consentono di controllare il prodotto in ogni fase di lavorazione. La certificazione rappresenta il perché della qualità delle opere. Senz altro il fulcro della divi- 74

7 sione sono gli impianti di calcestruzzo preconfezionato. L azienda ha anche sviluppato un applicazione di bitumi modificati in alternativa ai bitumi tradizionali. Gli impianti computerizzati di ponte San Pietro producono materiali speciali ad elevate prestazioni, il processo di produzione è certificato ai sensi della normativa Vision Il parco macchine conta circa 300 mezzi di nuovissima generazione, fra questi 12 betoniere CIFA, automezzi Mercedes, autocisterne, apparecchi sollevatori, frantumatori, ecc. Valorizzare la crescita ed i successi si può... con una comunicazione elegante e professionale P.L. Industriale Le Brughiere Calusco d Adda Vitali Spa è frutto di una crescita velocissima, per questo adotta mezzi consoni ed efficaci per comunicare ai professionisti la propria realtà aziendale e le specifiche prerogative delle sue molteplici attività. L azienda si serve di supporti mediatici e sponsorizzazioni sportive di tutti i tipi (gare ciclistiche, squadre di calcio). Per quanto riguarda invece la responsabilità sociale, l azienda contribuisce per lo sviluppo di progetti umanitari. In particolare nel 2002 ha contribuito alla costruzione di un orfanotrofio in Ghana a Giraa; quest anno promuove il progetto di un padre colombiano che segue 800 bambini in una comunità.. 75

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Se son rose, fioriranno rosse

Se son rose, fioriranno rosse VISTI IN CANTIERE demolizione Se son rose, fioriranno rosse È iniziata la demolizione di un grande complesso industriale sito in Toscana da parte di Armofer. All opera il Volvo EC700B LC Maurizio Quaranta

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

dall art. 1 lett. a) del D.lgs. n. 301 del 27/12/2002 4 CRESME Il mercato delle demolizioni in Italia. Dimensioni, caratteri e nuove opportunità -218-

dall art. 1 lett. a) del D.lgs. n. 301 del 27/12/2002 4 CRESME Il mercato delle demolizioni in Italia. Dimensioni, caratteri e nuove opportunità -218- La demolizione di opere 1 riguarda lo smontaggio di impianti industriali e la demolizione completa di edifici con attrezzature speciali ovvero con uso di esplosivi, il taglio di strutture in cemento armato

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita'

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Testo vigente LEGGE REGIONALE 20 aprile 2015, n. 17 Riordino e semplificazione della normativa regionale in materia di edilizia ( B.U. 30 aprile 2015, n. 37 ) La pubblicazione del testo non ha carattere

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli