Y=300+0,5(Y-0,2Y) =1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500."

Transcript

1 Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi Corso di Laurea in Economia aziendale Macroeconomia 2014 Esercizi 1.Suppponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: =++ ; = 300+0,5 ; = ; =0,2; =200 =1000. Qual è il livello di equilibrio della produzione Y? a) Y=2500 b) Y=2600 c) Y=2700 d) Y=2800 Soluzione a) Y=300+0,5(Y-0,2Y) =1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6= Suppponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: =++ ; = 300+0,5 ; = ; =0,2; =200 =1000. Se Qual è il nuovo livello di equilibrio della produzione? a) Y=2500 b) Y=2667 c) Y=2700 d) Y=2800

2 Soluzione b). Rifacendo i calcoli: Y= ,4Y, da cui Y= Suppponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: =++ ; = 300+0,5 ; = ; =0,2; =200 =1000. Se Quale la variazione del livello della produzione? a) 167 b) 150 c) 130 d) 120 Soluzione a) La produzione cambia da 2500 a 2667 ovvero aumenta di 167 euro. 4.Suppponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: =++ ; = 300+0,5 ; = ; =0,2; =200 =1000. Se Qual è il valore del moltiplicatore? a) 1,67 b) 2,06 c) 1,79 d) 2,33 Soluzione a) Poiché ogni euro in più di C genera 1,67 euro in più di Y, il moltiplicatore è pari a 1,67. 5.Suppponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: =++ ; = + ; =. T, I e G sono esogeni. Qual è il moltiplicatore in questa economia? a)

3 b) c) d)! " # Soluzione a). In equilibrio Y=Z. Sostituendo = + $ %++. Risolvendo per Y si ottiene =&1/$1 %($ ++%. Il moltiplicatore è pari a. 6.Suppponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: =++ ; = + ; =. Se le imposte sono proporzionali al reddito e pari a, qual è il moltiplicatore in questa economia? a) * b) c) d), +! +! - + -! Soluzione c) In equilibrio Y=Z. Sostituendo: = + $ %++. Risolvendo per Y si ottiene =& ($ $ - +% ++%.Il moltiplicatore è pari a & (. $ - +%

4 7.Supponete che un economia sia caratterizzata dalle seguenti equazioni: =++; = + ; = ; =0,3, =100; =100; =100+. ;.=0,2; =200. Qual è il livello di reddito di equilibrio di questa economia? a) Y=760 b) Y=740 c) Y=600 d) Y=360 La risposta esatta è la b). In equilibrio si ha Y=Z. Sostituendo: Y=100+0,3(Y-100) ,2Y. Risolvendo si ottiene il reddito di equilibrio Y= Supponete che un economia sia caratterizzata dalle seguenti equazioni: =++; = + ; = ; =0,3, =100; =100; =100+. ;.=0,2; =200. Qual è il moltiplicatore in questa economia? a) b) c) d) / + 0 # Soluzione a) Il moltiplicatore in questo caso è uguale caso standard pro-ciclica. /. Se g>0,esso è maggiore del moltiplicatore nel. Quindi nel caso specifico, le autorità stanno attuando una politica fiscale

5 9.Supponete che un economia sia caratterizzata dalle seguenti equazioni: =++; = + ; = ; =0,3, =100; =100; =100+. ;.=0,2; =200. Qual è il risparmio privato in questa economia? a) 648 b) 248 c) 348 d) 548 La soluzione di questo esercizio è c). Partendo dall espressione di equilibrio I=S+(T-G) e sostituendo i valori, si ottiene 200=S gY, ossia S=200+gY. Di conseguenza, in caso di spesa pubblica pro-ciclica, g=0,2, quindi in equilibrio il risparmio privato sarà S=200+0,2*740= Supponete che un economia sia caratterizzata dalle seguenti equazioni: = + + ; = + ; = ; =0,3, =100; =100; =100+. ;.=0,2; =200. Supponete ora che la spesa pubblica diventi G=G +gy con G =100 e g=-0,2. Qual è il livello di equilibrio del reddito e del risparmio? a) Y=411,11; S=117,78 b) Y=411,11; S=117,88 c) Y=411,11; S=117; 98 d) Y=411,11; S=118 La risposta esatta a).

6 Partendo da Y=Z, ossia sostituendo, Y=100+0,3(Y-100) ,2Y. Si ottiene quindi un nuovo livello di equilibrio del reddito Y=411,11. Per ricalcolare il nuovo livello di equilibrio del risparmio privato, partendo dalla formula I=S+(T-G) e sostituendo i valori, si ha 200=S gY, ossia S=200-gY. Di conseguenza in caso di spesa pubblica anticiclica, g=-0,2, si avrà S=200-0,2*411,11=117, Supponete che un economia sia caratterizzata dalle seguenti equazioni: = + + ; = + ; = ; =0,3, =100; =100; =100+. ;.=0,2; =200. Supponete ora che la spesa pubblica diventi G=G +gy con G =100 e g=-0,2. Che cosa accade al risparmio se aumenta il reddito in questa economia? a) Aumenta b) Si riduce c) Rimane uguale d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere a questa domanda La soluzione di questa equazione è b). Il risparmio si riduce all aumentare del reddito a causa dell effetto di -g. Poiché g ha un effetto anticiclico sull economia. Poiché in questo caso G dipende sia da una componente autonoma G che da una componente endogena g anticiclica si verifica che la crescita di Y si manifesta come riduzione del risparmio. 12.Supponete che una economia sia caratterizzata dalle seguenti equazioni: = + $ %; = +. La spesa pubblica G e gli investimenti I sono esogeni. Qual è il livello di equilibrio del reddito? a) =& - + b) =$ ++ % c) Y=& - + ( ($ ++ %. d) Nessuna delle precedenti è vera

7 La soluzione è a) Poiché = + & $ + %(++ risolvendo si ha =& %. - + ($ Supponete che una economia sia caratterizzata dalle seguenti equazioni: = + $ %; = +. La spesa pubblica G e gli investimenti I sono esogeni. Qual è il moltiplicatore? a) & - + b) &! 0 ( c) &!+ ( d) & + ( ( Soluzione a) Essendo =& - + ($ ++ % il moltiplicatore è & - + (. 14.Supponete che una economia sia caratterizzata dalle seguenti equazioni: = + $ %; = +. La spesa pubblica G e gli investimenti I sono esogeni. Se il moltiplicatore è & - + ( che cosa accade a Y quando aumenta? a) Y si riduce b) Y aumenta c) Y rimane uguale

8 d) Nessuna delle precedenti è vera Soluzione a) Il reddito Y si riduce all aumentare di. 15. Considerate il seguente grafico z F ZZ C E A O 1 Y che cosa rappresenta la distanza OA? a) La spesa autonoma b) Il livello del risparmio c) Il livello della tassazione d) Il livello della spesa pubblica

9 La soluzione corretta è la a). 16. Il livello di OA è uguale alla spesa autonoma. Z F ZZ C E A O 1 Y Se G aumenta che cosa accade alla distanza OA? a) Si riduce b) Aumenta c) Rimane uguale d) non ci sono informazioni sufficienti per rispondere La risposta corretta è la b). G è la spesa pubblica. OA è la spesa autonoma. Se la spesa pubblica aumenta la spesa autonoma aumenta. Se G aumenta la distanza OA aumenta.

10 Poiché OA è la domanda autonoma, la crescita di G fa aumentare la spesa autonoma. 17. Il livello di OA è uguale alla spesa autonoma. Z F ZZ C E A O 1 Y Se I aumenta che cosa accade alla distanza OA? a) Si riduce b) Aumenta c) Rimane uguale d) non ci sono informazioni sufficienti per rispondere La risposta esatta è b).

11 I misura gli investimenti. OA misura la spesa autonoma. Se gli investimenti aumentano la spesa autonoma aumenta. Se I aumenta OA aumenta. 19. Il livello di OA è uguale alla spesa autonoma. Z F ZZ C E A O 1 Y Se aumenta che cosa accade alla distanza OA? a) Si riduce b) Aumenta c) Rimane uguale d) non ci sono informazioni sufficienti per rispondere La risposta è b).

12 è il consumo autonomo. OA è la spesa autonoma. Se il consumo autonomo aumenta la spesa autonoma aumenta. Se aumenta OA aumenta. 20. Considerate il seguente grafico Z F ZZ C E A O 1 Y Che cosa rappresenta la distanza 2? a) La produzione b) L inflazione c) La disoccupazione d) Lo stato stazionario Soluzione: a).

13 L asse delle ascisse misura la produzione Y. Ogni distanza sull asse delle ascisse misura la quantità di produzione. La distanza 2 misura la produzione Y. 21. Sia dato il seguente grafico Z F ZZ C E A O 1 Y Che cosa rappresenta la distanza 3? a) La produzione b) L inflazione c) La disoccupazione d) La domanda Risposta: d)

14 3 misura la domanda. In modo particolare è la quantità di domanda3 in relazione reddito. Tuttavia si tratta di un livello della domanda lontano dal punto di incontro tra la domanda e la produzione. 21. Sia dato il seguente grafico Z Produzione=Y F ZZ C E A O 1 Y Che cosa rappresenta la distanza 4? a) La produzione b) Il reddito c) La disoccupazione d) La domanda

15 Soluzione: a) 4 è la produzione. 22. Sia dato il seguente grafico Z Produzione=Y F ZZ B C E A O 1 Y Che cosa accade nel punto E? a) La domanda è uguale alla produzione b) La domanda supera la produzione c) La domanda è minore della produzione d) Il mercato dei beni è in equilibrio Soluzione: c).

16 La domanda è minore della produzione. L equilibrio di mercato si realizza quando la domanda ZZ coincide con l offerta Y rappresentato dal punto B. Prima del punto B la domanda ZZ è superiore alla produzione Y. Dopo il punto B la produzione Y è maggiore della domanda ZZ. 22. Sia dato il seguente grafico Z Produzione=Y F ZZ B C E A O 1 Y Che cosa rappresenta la distanza 0 1? a) La produzione b) La domanda c) Il sacrifice ratio d) Le aspettative dell inflazione

17 Soluzione a) La distanza 0 1 rappresenta la produzione. 22. Sia dato il seguente grafico Z Produzione=Y F ZZ B C E A O 1 Y Che cosa rappresenta la distanza 1 a) La produzione b) La domanda c) Il sacrifice ratio d) Le aspettative dell inflazione

18 Risposta: b). La distanza 1 è la domanda. 22. Sia dato il seguente grafico Z Produzione=Y F ZZ C E A B O 1 Y Che cosa rappresenta la distanza 6 1 a) La produzione b) La domanda c) Il sacrifice ratio d) Le aspettative dell inflazione

19 Risposta: b). 6 1 è la produzione. 6 1 è la proiezione ortogonale del punto B sulla retta di produzione Y sull asse delle ascisse rappresentativo del reddito Y. In questo modello l equilibrio si realizza quando la domanda e la produzione. L equilibrio è ZZ=Y. Y viene utilizzata sia come reddito che come produzione. 23. Sia dato il seguente grafico Z Produzione=Y F ZZ C E A B O 1 Y Che cosa accade nel punto C? a) La domanda supera la produzione b) La domanda è inferiore alla produzione c) Il mercato non è in equilibrio d) Sono vere la a) e la c) Soluzione d).

20 Nel punto C la domanda supera l offerta. Il mercato non è in equilibrio. 23. Sia dato il seguente grafico Z Produzione=Y F ZZ C D E A B O 1 Y Che cosa accade nel punto D? a) il mercato è in equilibrio b) la domanda è uguale alla produzione c) la produzione è uguale alla domanda d) tutte le precedenti sono vere Soluzione: d)

21 Tutte le precedenti sono vere. 24. Se =0,4 qual è il valore del moltiplicatore? a) 1,7 b) 2,5 c) 0,5 d) 4,3 Soluzione: a) Poiché il moltiplicatore è pari a = = =1,6667 ovvero 1,7.,7,8 25. Se =0,5 qual è il valore del moltiplicatore? a) 1,7 b) 2 c) 0,5 d) 4,3 Soluzione: b) Poiché il moltiplicatore è pari a =,; =2. 0,8 0,9 25. Se =0,6 qual è il valore del moltiplicatore?

22 a) 1,7 b) 2 c) 2,5 d) 4,3 Soluzione: c) Poiché il moltiplicatore è pari a =,8 =2, Se =0,8 qual è il valore del moltiplicatore? a) 1,7 b) 2 c) 5 d) 4,3 Soluzione: c) Poiché il moltiplicatore è pari a =,= =5 27. Se =0,9 qual è il valore del moltiplicatore? a) 1,7 b) 2 c) 5 d) 10 Soluzione: d)

23 Poiché il moltiplicatore è pari a =,? = che cosa accade al moltiplicatore quanto aumenta la propensione marginale al consumo? a) Aumenta b) Si riduce c) Rimane uguale d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere a questa domanda Soluzione: a). Il moltiplicatore aumenta con il crescere della propensione marginale al consumo. 29. Che cosa accade alla domanda ZZ quanto aumenta la propensione marginale al consumo? a) Diventa più ripida b) Diventa più piatta c) Rimane uguale d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere a questa domanda Soluzione: a). Con il crescere della propensione marginale al consumo la domanda ZZ diventa più ripida.

24 è la domanda del paese A. A è la domanda del paese B. Cosa accade e A se nel paese A e B aumenta la spesa pubblica? Z 0 Y si sposta in alto e A si sposta in basso si sposta in basso e A si sposta in basso si sposta in alto e A si sposta in alto si sposta in basso e A si sposta in alto Risposta: c)

25 Entrambe le curve si spostano in alto. La domanda aumenta in entrambi i paesi a causa della crescita della spesa pubblica. è la domanda del paese A. A è la domanda del paese B. Se G aumenta in tutte e due i paesi dello stesso ammontare cosa accade e A? Z 0 Y cresce più di A cresce meno di A cresce come A d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere Soluzione: b).

26 @ cresce meno di A perché A è più ripida 32. Supponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: = ,4 ; =2.000; =800; =200. Il livello di equilibrio del reddito è : a) b) c) d) Soluzione: a) Y=C+I+G=700+0,4(Y-200) , ossia Y=3.420/0,6= Supponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: = ,4 ; =2.000; =800; =200. Qual è il livello del moltiplicatore? : a) 1,6 b) 2,6 c) 3,6 d) 4,6 Soluzione: a) 1,6

27 34. Supponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: = ,4 ; =2.000; =800; =200. Qual è il livello del deficit? : a) -600 b) -700 c) -800 d) 600 Soluzione: a). T-G= = Supponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: = ,4 ; =2.000; =800; =200. Se il governo decide di realizzare politiche fiscali anticicliche e la funzione della spesa pubblica diventa =800 0,1 qual è il livello di equilibrio del reddito? a) 4.999,50 b) 5.000,13 c) 4.789,34 d) 4.885,71 Soluzione: d). Y=C+I+G=700+0,4(Y-200) ,1Y; Y=3.420/0,7=4.885, Supponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: = ,4 ; =2.000; =800; =200. Se il governo decide di realizzare politiche fiscali

28 anticicliche e la funzione della spesa pubblica diventa =800 0,1 come cambia il livello del moltiplicatore? a) Aumenta b) Si riduce c) Rimane uguale d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere Risposta: b). In presenza di una politica anticiclica il moltiplicatore si riduce. 38. Supponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: = ,4 ; =2.000; =800; =200. Se il governo decide di realizzare politiche fiscali anticicliche e la funzione della spesa pubblica diventa =800 0,1 come cambia il livello del reddito? a) Aumenta b) Si riduce c) Rimane uguale d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere Risposta: b). In presenza di una politica anticiclica il reddito si riduce da 5.700,00 a 4885, Supponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: = ,4 ; =2.000; =800; =200. Se il governo decide di realizzare politiche fiscali anticicliche e la funzione della spesa pubblica diventa =800 0, come cambia il deficit di bilancio?

29 a) Migliora b) Peggiora c) Rimane uguale d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere Risposta: a). In presenza di una politica anticiclica il deficit di bilancio migliora passando da -600 a Supponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: = + + ; =700+0,9 ; = ; =1.000; =200; = Qual è il livello di equilibrio della produzione? a) b) c) 0,600 d) Risposta: a) Y=700+0,9(Y-1.000) = ,9Y;Y= Supponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: = + + ; =700+0,9 ; = ; =1.000; =200; = Qual è il livello di consumo se Y è in equilibrio? a) 1.600

30 b) c) d) Risposta: b) C=300+0,9( )= Supponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: = + + ; =700+0,9 ; = ; =1.000; =200; = Qual è il livello di consumo se Y è in equilibrio? a) b) c) d) Risposta: b) C=300+0,9( )= Supponete che un economia sia rappresentata dalle seguenti equazioni: = + + ; =700+0,9 ; = ; =1.000; =200; = Qual è il livello di risparmio di questa economia? a) S=2.200 b) S=1.200 c) S=3.200 d) S=3.400

31 Soluzione: a). Poiché S=-300+0,1c(Y-1.000). Sostituendo i numeri: S= Se si verifica una riduzione della fiducia delle imprese che induce un minor investimento non immobiliare come cambia la spesa autonoma? a) Cresce b) Si riduce c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: a) Se si riduce l investimento I anche la spesa autonoma si riduce. 44. Se si verifica una riduzione della fiducia delle imprese che induce un minor investimento non immobiliare come cambia Y? a) Cresce b) Si riduce c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: a) Se si riduce l investimento I anche Y si riduce. 45. Se si verifica una riduzione della fiducia delle imprese che induce un minor investimento non immobiliare come cambia l inclinazione della curva ZZ? a) Cresce b) Si riduce c) Non cambia

32 d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: c) Se si riduce l investimento I ZZ non cambia. 46. Se si verifica una riduzione della fiducia delle imprese che induce un minor investimento non immobiliare come cambia il moltiplicatore? a) Cresce b) Si riduce c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: c) Se si riduce l investimento I il moltiplicatore non cambia. 47. Se si verifica un aumento nel grado di fiducia dei consumatori che induce un maggior investimento immobiliare come cambia la spesa autonoma? a) Cresce b) Si riduce c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: a) La spesa autonoma cresce.

33 48. Se si verifica un aumento nel grado di fiducia dei consumatori che induce un maggior investimento immobiliare come cambia Y? a) Cresce b) Si riduce c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: a) Se aumenta la fiducia dei consumatori Y aumenta. 49. Se si verifica un aumento nel grado di fiducia dei consumatori che induce un maggior investimento immobiliare come cambia l inclinazione ZZ? a) Cresce b) Si riduce c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: C) Se aumenta la fiducia dei consumatori ZZ aumenta. 50. Se si verifica un aumento nel grado di fiducia dei consumatori che induce un maggior investimento immobiliare come cambia il moltiplicatore? a) Cresce b) Si riduce

34 c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: c) Se aumenta la fiducia dei consumatori il moltiplicatore non cambia. 51.Se il Governo approva un bilancio che prevede la riduzione della spesa pubblica G come cambia la spesa autonoma? a) Cresce b) Si riduce c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: b) Se G si riduce la spesa autonoma si riduce. 52.Se il Governo approva un bilancio che prevede la riduzione della spesa pubblica G come cambia Y? a) Cresce b) Si riduce c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: b)

35 Se G si riduce Y si riduce. 52.Se il Governo approva un bilancio che prevede la riduzione della spesa pubblica G come cambia l inclinazione della ZZ? a) Cresce b) Si riduce c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: c) Se G si riduce l inclinazione della ZZ non cambia. 53.Se il Governo approva un bilancio che prevede la riduzione della spesa pubblica G come cambia il moltiplicatore? a) Cresce b) Si riduce c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: c) Se G si riduce il moltiplicatore non cambia.

36 55.Se si verifica un aumento della propensione marginale al consumo cosa accade alla spesa autonoma? a) Si riduce b) aumenta c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: b) Se si verifica una crescita della propensione marginale al consumo la spesa autonoma aumenta. 56.Se si verifica un aumento della propensione marginale al consumo cosa accade alla Y? a) Si riduce b) aumenta c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: b) Se si verifica una crescita della propensione marginale al consumo Y aumenta.

37 56.Se si verifica un aumento della propensione marginale al consumo cosa accade all inclinazione della curva ZZ? a) Si riduce b) aumenta c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: b) Se si verifica una crescita della propensione marginale al consumo l inclinazione della curva ZZ aumenta. 57.Se si verifica un aumento della propensione marginale al consumo cosa accade al moltiplicatore? a) Si riduce b) aumenta c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: b) Se si verifica una crescita della propensione marginale al consumo il moltiplicatore aumenta. 58.Se si verifica un aumento della propensione marginale al consumo cosa accade alla spesa autonoma?

38 a) Si riduce b) aumenta c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: a) Se si verifica una crescita della propensione marginale al risparmio la spesa autonoma diminuisce. 59.Se si verifica un aumento della propensione marginale al consumo cosa accade a Y? a) Si riduce b) aumenta c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: a) Se si verifica una crescita della propensione marginale al risparmio Y diminuisce. 60.Se si verifica un aumento della propensione marginale al consumo cosa accade all inclinazione della ZZ? a) Si riduce b) aumenta c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere.

39 Soluzione: a) Se si verifica una crescita della propensione marginale al risparmio l inclinazione della ZZ si riduce. 61.Se si verifica un aumento della propensione marginale al consumo cosa accade al moltiplicatore? a) Si riduce b) aumenta c) Non cambia d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere. Soluzione: a) Se si verifica una crescita della propensione marginale al risparmio il moltiplicatore si riduce. 62. Considerate il seguente grafico: i B C i i B M Che cosa accade quando il tasso di interesse è i : a) l offerta di moneta è maggiore della domanda di moneta

40 b) l offerta di moneta è minore della domanda di moneta c) l offerta di moneta è uguale alla domanda di moneta d) il mercato della domanda è uguale Nel caso del tasso di interesse i l offerta di moneta è superiore alla domanda di moneta. 62. Considerate il seguente grafico: i B C i i B M Se il tasso di interesse è i che cosa dovrebbe fare la banca centrale in modo che il mercato della moneta sia in equilibrio? : a) ridurre il tasso di interesse b) aumentare il tasso di interesse c) lasciare invariato il tasso di interesse d) La banca centrale non può fare niente per modificare il tasso di interesse Soluzione: a).la riduzione del tasso di interesse consente di portare il mercato della moneta in equilibrio. 63. Considerate il seguente grafico:

41 i B C i i B M Se diminuisce il tasso di interesse da i che cosa accade alla domanda e all offerta di moneta? a) La domanda di moneta aumenta e l offerta di moneta si riduce b) La domanda di moneta si riduce e l offerta di moneta aumenta c) La domanda di moneta aumenta e l offerta rimane uguale d) La domanda di moneta rimane uguale e l offerta di moneta si riduce Soluzione: c) Al diminuire di i, l offerta non cambia mentre la domanda di moneta aumenta 63. Considerate il seguente grafico: i B C i i B M

42 Se aumenta il tasso di interesse da i verso il tasso di equilibrio che cosa accade alla domanda e all offerta di moneta? a) La domanda di moneta aumenta e l offerta di moneta si riduce b) La domanda di moneta si riduce e l offerta di moneta non cambia c) La domanda di moneta aumenta e l offerta rimane uguale d) La domanda di moneta rimane uguale e l offerta di moneta si riduce Soluzione: b). Se aumenta il tasso di interesse l offerta di moneta non cambia mentre la domanda di moneta si riduce. 64. Considerate il seguente grafico: i B C i E B M M Qual è il livello di moneta che le persone detengono quando il tasso di interesse è uguale a i? a) M b) E c) B d) B C

43 Soluzione: a). Il livello di M è il livello della moneta detenuta dalle persone quando il tasso di interesse è pari a i. 65. Considerate il seguente grafico: i B C i E B M M Poiché B = E$F% che cosa accade alla B se si riduce? a) B aumenta b) B si riduce c) B non si sposta d) B diventa più ripida Soluzione: b) Se si riduce Y B si riduce.

44 65. Considerate il seguente grafico: i B C i E B M M Poiché B = E$F% che cosa accade al tasso di interesse F se si riduce? a) F aumenta b) F si riduce c) F non si sposta d) F diventa più ripida Soluzione: b) Se si riduce Y Fsi riduce.

45 66. Considerate il seguente grafico: i B C i E B M M Poiché B = E$F% che cosa accade a B se F si riduce: a) B aumenta b) B si riduce c) B rimane uguale d) B diventa più ripida Soluzione: a) Se si riduce i B aumenta. 67. Supponete che c=0,2.calcolate il moltiplicatore monetario per ognuno dei seguenti valori del rapporto riserve/depositi $G%: 0,1; 0,2;0,5. a) 3,57;2,78;1,67 b) 3,57;2,89;4,5 c) 3,7; 2,9; 3,2 d) 5;8; 34,2 Soluzione: a)

46 Il moltiplicatore della moneta è1/&+g$1 %(. Sostituendo i valori di c il moltiplicatore è pari, a rispettivamente: 3,57;2,78;1, Come varia il moltiplicatore monetario all aumentare del rapporto riserve/depositi G? a) All aumentare di G il moltiplicatore monetario diminuisce b) All aumentare di G il moltiplicatore monetario aumenta c) All aumentare di G il moltiplicatore monetario rimane uguale d) All aumentare di G il moltiplicatore monetario si annulla Soluzione:a) All aumentare di G il moltiplicatore monetario diminuisce 69. Come varia il moltiplicatore monetario all aumentare del rapporto riserve/depositi G? a) All aumentare di G il moltiplicatore monetario diminuisce b) All aumentare di G il moltiplicatore monetario aumenta c) All aumentare di G il moltiplicatore monetario rimane uguale d) All aumentare di G il moltiplicatore monetario si annulla Soluzione: a) All aumentare di G il moltiplicatore monetario diminuisce 70. Supponete che G =0,1. Calcolate il moltiplicatore della moneta per ognuno dei seguenti valori di c: 0,1;0,2;0,5. a) 5,26; 2,78; 1,82 b) 5,6; 5,8;-3 c) 5,89; 8; 0 d) 57; 1,98; 3,5 Soluzione: a)

47 71. Assumete che la domanda di moneta sia data da B = F. Assumete che c=0,5 e G =0,2. Assumete infine che H=500. Qual è il tasso di interesse dei mercati finanziari? a) 4,56 % b) 5,4 c) 3,2 d) 4,34 Soluzione: a) Il moltiplicatore di questa economia è costituito da = &-$%I( = =1,67. &,;-$,;%,1(,8 Conoscendo il valore del moltiplicatore e della base monetaria, possiamo ricavare il valore dell offerta di moneta: B =1,67K =1,67$500%=835. In equilibriob =B C per cui835= i. Risolvendo per il tasso di interesse di equilibrio: L$.1=M;% =4,56%. =. 72. Assumete che la domanda di moneta sia data da B = F. Assumete che c=0,5 e G =0,2. Assumete infine che H=500. Se la banca centrale vende i titoli per un ammontare di 10 qual è il nuovo tasso di interesse di equilibrio? a) 6,65% b) 7,45 % c) 4,56 % d) 5,46 % Soluzione: a). A seguito di questa operazione restrittiva di mercato aperto, la base monetaria diminuisce di 100,da 500 a 400. L offerta di moneta si riduce di 1,67*100=167,da 835 a 668. Di conseguenza il nuovo tasso di interesse di equilibrio è maggiore e pari a F =.188= = 6.65%. =.

48 73. Supponete che in un economia la domanda di moneta sia B = F. I rapporti circolante/moneta e riserve/depositi sono entrambi pari a 0,2.La base monetaria è H= Qual è la formula del moltiplicatore della moneta? a) = 0 b) =1/&+G$1 %( c) =1/&+G$1 K%( d) = &-I$L%( Soluzione: b) Il moltiplicatore è =1/&+G$1 %(. 74. Supponete che in un economia la domanda di moneta sia B = F. I rapporti circolante/moneta e riserve/depositi sono entrambi pari a 0,2.lA base monetaria è H= Qual è il rendimento di equilibrio ed il prezzo di un titolo che fra un anno promette il pagamento di 100? a) 90 b) 90,91 c) 89,80 d) 86,96 Soluzione:b). Sostituendo i dati,m=2,78. Quindi l offerta di moneta m=5.560.il tasso di interesse è i=0,1.il prezzo di un titolo a scadenza annuale è $P " =90, La Banca centrale valuta troppo elevato il prezzo di un titolo.cosa deve fare la banca centrale e con quale operazione per ridurre il prezzo del titolo?

49 a) Vendere titoli e aumentare il tasso di interesse b) Vendere titoli e ridurre il tasso di interesse c) Vendere titoli e lasciare invariato il tasso di interesse d) Acquistare titoli e aumentare il tasso di interesse Soluzione: a) Per ridurre il prezzo del titolo la banca centrale dovrà far crescere il tasso di interesse attraverso la vendita di titoli. 75.L offerta è B C. Che cosa accade all offerta di moneta se la banca centrale attua un operazione di acquisto di titoli su mercato aperto? i B C B C B C F RR i B F M a) Si sposta dab C ab C b) Si sposta dab C ab C c) Il t asso di interesse diventa i d) Sono vere la a) e la c) Soluzione: d).

50 L operazione di mercato aperto di acquisto di titoli da parte della banca centrale provoca un aumento dell offerta di moneta cha fa spostare la retta dell offerta di moneta da B C ab C portando il tasso di interesse da i a i. 76.Nel punto iniziale l offerta è B C e la domanda B. Che cosa accade se la banca centrale acquista titoli sul mercato? B B i B C B C B C M a) la curva di offerta si sposta da B C a B CR e la curva di domanda B a B R b) la curva di offerta si sposta da B C ab C e la curva di domanda B non si sposta c) la curva di offerta B C non si sposta e la curva di domanda si sposta dab a B R d) la curva di offerta si sposta da B C ab C e la curva di domanda B non si sposta Soluzione:d)

51 L operazione di acquisto dei titoli porta ad una crescita dell offerta di moneta che sposta la curva di offerta verso destra da B C ab C mentre la curva di domanda non si sposta. 77.Considerate il seguente grafico i B C B C B M Che tipo di situazione è descritta? a) trappola di liquidità b) rendimenti di lungo periodo c) tassi a breve maggiori dei tassi a lungo d) domanda di moneta crescente Soluzione:a)

52 Trappola della liquidità. 78. In una trappola di liquidità gli individui: a) sono indifferenti tra detenere moneta e titoli b) preferiscono detenere titoli e non moneta c) preferiscono detenere moneta e non titoli d) il tasso di interesse è negativo Soluzione: a). In una trappola di liquidità il tasso di interesse è zero e gli individui sono indifferenti tra detenere moneta o titoli. 79. Considerate il seguente grafico FS EB Se aumenta la spesa pubblica che cosa accade alla curva IS?

53 a) si sposta a destra b) si sposta a sinistra c) non si sposta d) non ci sono informazioni sufficienti per rispondere Soluzione: a) La curva IS si sposta a destra. 80. Considerate il seguente grafico FS S EB F A 6 A Y A causa di una fase espansiva la curva S si sposta a S e il punto di equilibrio si sposta a T a 6. Che cosa deve fare la banca centrale se vuole fare in modo che il tasso di interesse torni al livello iniziale di

54 a) una politica monetaria restrittiva b) una politica monetaria espansiva c) una crescita dell offerta di moneta d) sono vere la b) e la c) 81. Se la banca centrale per mantenere un tasso di interesse fisso realizza una politica monetaria espansiva che cosa accade al consumo, al risparmio, al reddito? a) Il consumo aumenta, il risparmio aumenta, e il reddito aumenta b) Il consumo si riduce, il risparmio si riduce, e il reddito aumenta c) Il consumo aumenta, il risparmio aumenta, e il reddito si riduce d) Il consumo non cambia, il risparmio aumenta, il reddito si riduce Soluzione: a) Se perseguendo un tasso di interesse fissato la banca centrale realizza una politica monetaria espansiva si verifica una crescita del reddito che si manifesta come crescita del consumo e del risparmio. 82. Considerate la seguente economia descritta da un modello IS-LM F S EB Y

55 Che cosa accade alla curva S se si riduce? a) S si sposta a destra b) S si sposta a sinistra c) S diventa più ripida d) S diventa più piatta Soluzione:a) La riduzione delle tasse sposta la curva IS verso destra. 83. In un modello IS-LM il PIL cresce a seguito di una espansione fiscale a A. Che cosa deve fare la banca centrale per riportare il livello del PIL a) Aumentare il tasso di interesse b) Vendere i titoli dello stato c) Realizzare una politica monetaria restrittiva d) Tutte le precedenti sono vere Soluzione:d) Per riportare il PIL al livello iniziale la banca centrale deve aumentare il tasso di interesse, vendendo i titoli di stato, e quindi riducendo l offerta di moneta e quindi realizzare una politica monetaria restrittiva. 84.Se si verifica un aumento della fiducia dei consumatori che cosa accade alla curva IS e alla curva LM? a) La curva IS si sposta a destra e la curva LM si sposta a sinistra

56 b) La curva IS si sposta a destra lungo la curva LM c) La curva IS si sposta a sinistra e la curva LM si sposta a destra d) La curva IS si sposta a sinistra lungo la curva LM Soluzione:b) La curva IS si sposta a destra lungo la curva LM 85.Se si verifica una intensificazione dell utilizzo delle carte di credito che cosa accade alla curva LM? a) Si sposta verso il basso b) Si sposta verso l alto c) Diventa più ripida d) Diventa più piatta Soluzione: a) La curva LM si sposta verso il basso. 86. Se si verifica un aumento delle imposte che cosa accade alla curva IS? a) La curva IS si sposta a destra b) La curva IS si sposta a sinistra c) La curva IS diventa più ripida d) La curva IS diventa più piatta Soluzione: b)

57 La crescita delle imposte coincide con una politica fiscale restrittiva e la curva IS si sposta a sinistra. 86. Se si verifica un aumento delle imposte T cosa accade al reddito Y e all interesse i? a) Il tasso di interesse i si riduce e il prodotto interno lordo aumenta b) Il tasso di interesse i aumenta e il prodotto interno lordo si riduce c) Il tasso di interesse i e il prodotto interno lordo Y si riducono d) Il tasso di interesse i e il prodotto interno lordo Y aumentano Soluzione: c) La crescita delle imposte T comporta una politica fiscale restrittiva. La curva IS si sposta a sinistra. Poiché T non fa parte della curva LM la curva LM non si sposta. Il prodotto interno lordo Y si riduce e il tasso di interesse i si riduce. 87. Se si verifica un aumento delle imposte T come variano consumo C e investimento I? a) il consumo cresce e l investimento si riduce b) il consumo si riduce e l investimento è ambiguo c) il consumo rimane uguale e l investimento è ambiguo d) il consumo è ambiguo e l investimento cresce Soluzione: b) Se T aumenta Y si riduce. Se Y si riduce il consumo C si riduce. Se Y si riduce anche il tasso di interesse i si riduce. L effetto su I è ambiguo perché se la riduzione del reddito Y fa ridurre l investimento, la riduzione del tasso di interesse i fa aumentare gli investimenti I. L effetto netto dipenderà dal prevalere della variazione relativa di uno dei due effetti. Se la variazione del reddito Y è maggiore della variazione del tasso di interesse i allora l effetto complessivo comporta una riduzione degli investimenti I. Se la variazione del reddito Y è minore della variazione del tasso di interesse i allora l effetto complessivo comporta una crescita degli investimenti I. Un ruolo determinante è giocato dalla pendenza della curva LM. Se la curva LM

58 è piatta allora la variazione del reddito Y tende ad essere dominante sulla variazione del tasso di interesse i comportando un effetto negativo per gli investimenti I. Se la curva LM è rigida allora la variazione del tasso di interesse i tende ad essere dominante sulla variazione del reddito Y comportando un effetto positivo sugli investimenti i. Una curva LM rigida è auspicabile in caso di politiche fiscali restrittive. 88. Se si verifica un aumento dell offerta di moneta che cosa accade alla curva LM? a) La curva LM si sposta in basso b) La curva LM si sposta in alto c) La curva LM diventa più ripida d) La curva LM diventa più piatta Soluzione:a). La curva LM si sposta in basso. 89. Se si verifica un aumento dell offerta di moneta che cosa accade al reddito Y e al consumo C? a) Il reddito Y aumenta e il consumo C si riduce b) Il reddito Y è ambiguo e il consumo C aumenta c) Il reddito Y aumenta e il consumo C aumenta d) Il reddito Y aumenta e il consumo C si riduce Soluzione C) Se l offerta di moneta cresce il reddito Y aumenta e il consumo C aumenta.

59 90. Se si verifica un aumento dell offerta di moneta che cosa accade al tasso di interesse i e agli investimenti I? a) Il tasso di interesse si riduce e gli investimenti sono ambigui b) Il tasso di interesse aumenta e gli investimenti sono ambigui c) Il tasso di interesse e gli investimenti sono ambigui d) Il tasso di interesse si riduce e gli investimenti aumentano Soluzione: d) In caso di politica monetaria espansiva la curva LM si sposta in basso. Il tasso di interesse si riduce e il PIL Y aumenta. La curva IS rimane ferma. La riduzione del tasso di interesse insieme con la crescita del prodotto interno lordo comportano una crescita degli investimenti I. 91.Se i responsabili della politica economica vogliono aumentare il livello degli investimenti, senza però variare il livello del tasso di interesse quale mix di politica monetaria e fiscale devono attuare? a) Un espansione monetaria e una espansione fiscale b) Una restrizione monetaria e una restrizione fiscale c) Una restrizione monetaria e una espansione fiscale d) Una espansione monetaria e una restrizione fiscale Soluzione: a) Per aumentare gli investimenti senza variare il tasso di interesse è necessaria una espansione monetaria che riduce il tasso di interesse e aumenta il PIL e per riportare il tasso di interesse al livello iniziale è necessaria una espansione fiscale.

60 92. Supponete che il tasso di cambio nominale sia = /1$ una settimana fa fosse uguale a U 0,60. Se l euro si è apprezzato del 10% durante l ultima settimana, qual è il tasso di cambio corrente 3 =$/1? a) 1,94 b) 1,84 c) 1,74 d) 1,64 Soluzione:b). E=1/0,60=1,67 una settimana fa. Se la moneta nazionale si apprezza, E aumenta. Se la moneta nazionale si deprezza, E si riduce. Il tasso di cambio è aumentato del 10%: 1,67(1+10%)=1, Supponete che il tasso di cambio nominale sia = /1$ una settimana fa fosse uguale a U 0,60. Se l euro si è apprezzato del 10% durante l ultima settimana, qual è il tasso di cambio corrente 3 =$/1? a) 1,94 b) 1,84 c) 1,74 d) 2,00 Soluzione:d). E=1/0,60=1,67 una settimana fa. Se la moneta nazionale si apprezza, E aumenta. Se la moneta nazionale si deprezza, E si riduce. Il tasso di cambio è aumentato del 20%: 1,67(1+20%)=2,00.

61 94. Supponete che il tasso di cambio nominale sia = /1$ una settimana fa fosse uguale a U 0,60. Se l euro si è deprezzato del 10% durante l ultima settimana, qual è il tasso di cambio corrente 3 =$/1? a) 1,94 b) 1,84 c) 1,50 d) 2,00 Soluzione: c). E=1/0,60=1,67 una settimana fa. Se la moneta nazionale si apprezza, E aumenta. Se la moneta nazionale si deprezza, E si riduce. Il tasso di cambio si è ridotto del 10%: 1,67(1-10%)=1, Supponete che il tasso di cambio nominale sia = /1$ una settimana fa fosse uguale a U 0,60. Se l euro si è deprezzato del 20% durante l ultima settimana, qual è il tasso di cambio corrente 3 =$/1? a) 1,94 b) 1,34 c) 1,50 d) 2,00 Soluzione: b). E=1/0,60=1,67 una settimana fa. Se la moneta nazionale si apprezza, E aumenta. Se la moneta nazionale si deprezza, E si riduce. Il tasso di cambio si è ridotto del 20%: 1,67(1-20%)=1,50.

62 96. Supponete che una bottiglia di vino della California costi 30 dollari. Calcolate il prezzo in euro della bottiglia di vino americano per ognuno dei seguenti tassi di cambio: E=$/1 =2,5;2,0;1,67;1,43: a) 12, 15, 18, 21 b) 11, 19, 8, 21 c) 10, 16, 38, 22 d) 15, 5, 7, 2 Soluzione: a) Poiché $30/E=$30/2,5= 12. Di conseguenza 15; 18; Supponete che una bottiglia di vino della California costi 30 dollari. Come varia il prezzo in euro della bottiglia di vino americano al diminuire di E? a) Aumenta b) Si riduce c) Rimane uguale d) È ambiguo Soluzione: a) Il prezzo aumenta. 98. Come varia il prezzo in moneta nazionale dei beni esteri all aumentare del cambio E? a) Il prezzo aumenta b) Il prezzo si riduce c) Il prezzo rimane uguale d) Nessuna delle precedenti è vera

63 Soluzione: a) Il prezzo dei beni esteri diminuisce, essi diventano meno cari. 99. Come varia il prezzo in moneta nazionale dei beni esteri al diminuire del cambio E? a) Il prezzo aumenta b) Il prezzo si riduce c) Il prezzo rimane uguale d) Nessuna delle precedenti è vera Soluzione: d). Il prezzo dei beni esteri aumenta. I beni esteri diventano più cari Supponete che una bottiglia di vino italiano costi 10 euro e una bottiglia di vino americano costi 30 dollari. Poiché E=$/1 calcolare il prezzo della bottiglia di vino statunitense e di vino italiano quando E=2,5; 2,0; 1,67;1,43. a) 0,83;0,67;0,56;0,48 b) 0,85; 0,70;0,60;0,30 c) 0,75;0,40;0,30;0,20 d) 0,45;0,67;0,89;0,10 Soluzione:a). Usando i valori del tasso di cambio nominale e i prezzi relativi (P/P*) possiamo calcolare il tasso di cambio reale per i quattro valori del tasso nominale; quindi otteniamo:2,5*(10/30)=0,83 e rispettivamente 0,67;0,56;0,48 per gli altri tre casi.

64 101. Supponete che una bottiglia di vino italiano costi 10 euro e una bottiglia di vino americano costi 30 dollari. Come varia il prezzo di un bene estero (una bottiglia di vino californiano) in termini di un bene nazionale ( una bottiglia di vino italiano) all aumentare di E? a) Aumenta b) Si riduce c) Rimane uguale d) È ambiguo Soluzione:b) Aumenta Supponete che una bottiglia di vino italiano costi 10 euro e una bottiglia di vino americano costi 30 dollari. Come varia il prezzo di un bene estero (una bottiglia di vino californiano) in termini di un bene nazionale ( una bottiglia di vino italiano) al ridursi di E? a) Aumenta b) Si riduce c) Rimane uguale d) È ambiguo Soluzione: c) Si riduce.

65 103. Nel 2006 la popolazione di un paese era di abitanti, gli occupati erano ed i disoccupati Qual è il tasso di partecipazione? a) 75% b) 45% c) 55% d) 85% Soluzione: a) La forza lavoro è la somma tra occupati e disoccupati, cioè persone. Il tasso di partecipazione alla forza lavoro è il rapporto tra forza lavoro e popolazione totale, cioè nel nostro caso ( / )=75% Nel 2006 la popolazione di un paese era di abitanti, gli occupati erano ed i disoccupati Qual è il tasso di disoccupazione? a) 16,6 % b) 20,6 % c) 21,6 % d) 22,6 % Soluzione: a). I tasso di disoccupazione è pari al rapporto tra il numero dei disoccupati e la forza lavoro,cioè ( / )=16.6% Nel 2006 la popolazione di un paese era di abitanti, gli occupati erano ed i disoccupati Qual è il tasso di non occupazione? a) 37,5% b) 20,6 %

66 c) 34,6 % d) 22,6 % Soluzione: a). Il tasso di non occupazione è il rapporto tra i non occupati e a popolazione totale, cioè ( / )=37,5% Secondo la teoria dei salari di efficienza spiegate quali effetti ha un aumento del salario sulle dimissioni: a) Le dimissioni si riducono b) Le dimissioni aumentano c) Le dimissioni rimangono uguali d) Le dimissioni sono ambigue Soluzione: a) Un aumento del salario rende l impiego più conveniente e quindi riduce il numero delle dimissioni Secondo la teoria dei salari di efficienza spiegate quali effetti ha un aumento del salario sulla produttività : a) La produttività si riduce b) La produttività aumenta c) La produttività rimane uguale d) La produttività è ambigua

67 Soluzione: b). Un aumento del salario rende più costosa per il lavoratore la perdita del lavoro nel caso in cui venga scoperta la sua negligenza. Il lavoratore tenderà quindi ad essere meno negligente e più produttivo Secondo l equazione dei salari se si riduce P V che cosa accade all equazione dei salari W? a) W si riduce b) W aumenta c) W non cambia d) W è ambiguo Soluzione: a). La riduzione di P V comporta una riduzione dei salari Secondo l equazione dei salari se si riduce P V che cosa accade all equazione dei salari W? a) W si riduce b) W aumenta c) W non cambia d) W è ambiguo

68 Soluzione: a). La crescita di P V si traduce in una crescita di W Secondo l equazione dei salari se si riduce il tasso di disoccupazione che cosa accade all equazione dei salari W? a) W si riduce b) W aumenta c) W non cambia d) W è ambiguo Soluzione: b). La riduzione del tasso di disoccupazione aumenta la forza contrattuale e conseguentemente il salario W Secondo l equazione dei salari se si riduce l indennità di disoccupazione che cosa accade all equazione dei salari W? a) W si riduce b) W aumenta c) W non cambia d) W è ambiguo Soluzione: b). La riduzione dell indennità di disoccupazione rende più preoccupante la condizione del disoccupato. I lavoratori saranno disposti, pur di mantenere l impiego, ad accettare salari minori, per cui W diminuisce Un aumento dell attività di fusione tra imprese che rende i mercati meno competitivi come influenza i prezzi fissati dalle imprese:

69 a) Il markup aumenta b) Il markup si riduce c) Il markup rimane uguale d) Il markup è ambiguo Soluzione:a) Il markup aumenta, dato W con la crescita di P 111. Una legislazione antitrust più severa che aumenta il grado di concorrenza come cambia il markup? a) Il markup aumenta b) Il markup si riduce c) Il markup rimane uguale d) Il markup è ambiguo Soluzione: b) Il markup si riduce. Dato W, P si riduce Una riduzione del salario minimo come agisce sui prezzi fissati dalle imprese? a) I prezzi aumentano b) I prezzi si riducono c) I prezzi non cambiano d) I prezzi sono ambigui Soluzione:b) La riduzione del salario minimo comporta una riduzione dei prezzi fissati Tra il 1950 e il 1973 il prodotto pro capite degli Stati Uniti è cresciuto ad un tasso annuo del 2,2%. Tra il 1973 e il 1992, è cresciuto dell 1,2%. Nel 1992 il prodotto pro capite

70 statunitense era parti a dollari. Ipotizzando che il tasso di crescita dell 1,2% rimanga costante per i prossimi quarant anni quale sarà il prodotto pro capite fra quarant anni. a) $ b) $ c) $ d) Nessuna delle precedenti Soluzione: a) $ $1+0,012% 7 =$ Tra il 1950 e il 1973 il prodotto pro capite degli Stati Uniti è cresciuto ad un tasso annuo del 2,2%. Tra il 1973 e il 1992, è cresciuto dell 1,2%. Nel 1992 il prodotto pro capite statunitense era parti a dollari. Ipotizzando che il tasso di crescita dell 2,2% rimanga costante per i prossimi quarant anni di quanto si sarà incrementato il prodotto procapite? a) Raddoppiato b) Triplicato c) 2,44 d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere Soluzione: c) Poiché $ $1+0,022% 7 =$ $71.=;M $W.?7; =2,44

71 115. La riduzione del tasso di crescita del prodotto pro capite come incide sul miglioramento della qualità della vita? a) La qualità della vita aumenta b) La qualità della vita si riduce c) La qualità della vita rimane uguale d) L effetto sulla qualità della vita è ambiguo Soluzione:b) La qualità della vita si riduce Considerate il seguente grafico Andamento del prodotto interno lordo procapite in quatro paesi ricchi dal 1950 Tasso medio di crescita della Prodotto reale pro capite ( in produzione procapite dollari dal 1996) /1950 Francia 3, ,4 Irlanda 3, ,5 Giappone 4, ,3 Svezia 2, ,2 RegnoUnito 2, ,2 StatiUniti 2, ,2 Media ponderata non 3, ,2 E possibile affermare che a) La crescita è stata elevata b) Vi è stata convergenza nel livello di prodotto procapite c) La media non ponderata tra il 2004 e il 1950 è stata di 4,2

72 d) Tutte le precedenti sono vere Soluzione:d) Tutte le precedenti sono vere Considerate il seguente grafico Andamento del prodotto interno lordo procapite in quatro paesi ricchi dal 1950 Tasso medio di crescita della Prodotto reale pro capite ( in produzione procapite dollari dal 1996) /1950 Francia 3, ,4 Irlanda 3, ,5 Giappone 4, ,3 Svezia 2, ,2 RegnoUnito 2, ,2 StatiUniti 2, ,2 Media ponderata non 3, ,2 Supponete che il prodotto pro capite degli Stati Uniti tra il 1950 e il 2004 sia cresciuto allo stesso tasso di quello giapponese nello stesso arco di tempo (cioè 4,6% piuttosto che 2.6%). Quale sarebbe stato il reddito procapite degli Stati Uniti nel 2004 se tale fenomeno si fosse verificato? a% $ b% $ c% $ d% $ Soluzione:a)

73 Il reddito procapite sarebbe stato $ Considerate il seguente grafico: Prezzo benialimentari dei Consumodi benialimentari Prezzo dei benidurevoli Consumodi benidurevoli StatiUniti 2 dollari dollari Messico 2 pesos pesos A quanto equivale il consumo pro capite statunitense in dollari? a) $ b) $ c) $ d) $ Soluzione: a) 2 dollari* dollari*8.000=$ Considerate la seguente tabella Prezzo benialimentari dei Consumodi benialimentari Prezzo dei benidurevoli Consumodi benidurevoli StatiUniti 2 dollari dollari 8.000

74 Messico 2 pesos pesos Calcolate il consumo procapite in pesos: a) pesos b) pesos c) pesos d) pesos Soluzione: a) 2 pesos* pesos*1.000= pesos 120. Considerate la seguente tabella Prezzo dei Consumodi Prezzo dei Consumodi benialimentari benialimentari benidurevoli benidurevoli StatiUniti 2 dollari dollari Messico 2 pesos pesos Ipotizzate che il tasso di cambio sia 0.10 (0,10 dollari per un peso). Utilizzando i metodo del tasso di cambio, calcolate il consumo pro capite messicano in dollari. a) dollari b) dollari c) 700 dollari d) 7000 dollari Soluzione: a) pesos *0,10=2.400 dollari.

75 121. Considerate la seguente tabella Prezzo dei Consumodi Prezzo dei Consumodi benialimentari benialimentari benidurevoli benidurevoli StatiUniti 2 dollari dollari Messico 2 pesos pesos Dopo aver risposto alla domanda precedente calcolate il consumo pro capite relativo del Messico rispetto a quello degli Stati Uniti. a) 6% b) 7% c) 5% d) Nessuna delle precedenti è vera Soluzione:a) Poiché $ è il consumo pro capite messicano in dollari. Il consumo pro capite statunitense in dollari è $ Il consumo pro capite messicano in dollari è 2.400/ =0,06=6%. Sarebbe come se un messicano può consumare il 6 % di uno statunitense Considerate la seguente tabella Prezzo dei Consumodi Prezzo dei Consumodi benialimentari benialimentari benidurevoli benidurevoli StatiUniti 2 dollari dollari Messico 2 pesos pesos Utilizzando il metodo della parità dei poteri d acquisto, calcolare il consumo pro capite messicano in dollari e scegliere la risposta esatta.

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Lezione 7 (BAG cap. 5)

Lezione 7 (BAG cap. 5) Lezione 7 (BAG cap. 5) I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1. Il mercato dei beni e la curva IS L equilibrio sul mercato

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio?

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio? Sergio Vergalli Corso di Economia Politica A-G Università di Brescia Esercizio 2 L economia del principato di Andorra è descritta dalle seguenti equazioni: Md = 6Y -120 i Ms = 5400 T = 400 G = 400 dove,

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA

MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA 1 LA CURVA IS IN ECONOMIA APERTA In economia chiusa la domanda di beni nazionali coincideva con la domanda nazionale di beni: ( ) Z C + I + In economia aperta, invece,

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA

SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA Questa esercitazione si compone di quattro parti, ciascuna riguardante gli argomenti svolti in aula a lezione. Per ciascun argomento, trovate un esercizio che

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Il modello Mundell-Fleming

Il modello Mundell-Fleming Il modello Mundell-Fleming Il modello di Mundell-Fleming inserisce nel modello IS LM l economia Aperta. Ipotizza che vi sia perfetta mobilità dei capitali Che il paese in esame sia rappresentato da una

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica (Gli esercizi sono suddivisi in base ai capitoli del testo di De Vincenti) CAPITOLO 3. IL MERCATO DEI BENI NEL MODELLO REDDITO-SPESA Esercizio.

Dettagli

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è:

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è: ' Mercato della moneta ' 1) Il prezzo dei titoli: A) non è influenzato dalle operazioni di mercato aperto della banca centrale *B) si riduce quando aumenta i C) sono vere sia A che B D) aumenta quando

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Quesiti a risposta breve

Quesiti a risposta breve Quesiti a risposta breve Le domande proposte in questo elenco sono una raccolta dei quesiti a risposta breve contenuti nella domanda 1 degli esami di Istituzioni di Economia Politica II degli ultimi anni.

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO 1 PRODUZION, TASSO DI INTRSS TASSO DI CAMBIO L QUILIBRIO DL MRCATO DI BNI L equilibrio nel mercato dei beni sarà dato dalla seguente equazione: Y C Y T I Y r G IM Y X Y ( ) (, ) (, ) (, ) ( ) (, ) (, )/

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Assunzione da rimuovere. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Investimenti, I

Assunzione da rimuovere. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Investimenti, I Assunzione da rimuovere I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

Il mercato del lavoro

Il mercato del lavoro Il mercato del lavoro Dati mercato del lavoro: Un confronto (2012) Italia Francia Germania OECD Tasso disoccupazione 10.7 10.3 5.5 8.0 Tasso occupazione (*) 57.6 63.9 72.8 65.1 Femminile 47.8 60 68 57.2

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU)

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU) Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management Anno accademico 2014/2015 Macroeconomia (9 CFU) Notizie pratiche Orari: lunedì 14.00-17.00 (3-4 ore accademiche) venerdì 14.00-17.00 (3-4 ore

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Lezione 8. (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO

Lezione 8. (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO Lezione 8 (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO 2 1 Nel breve periodo la domanda determina la produzione =>

Dettagli

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1 Interazione tra produzione, reddito e domanda Variazione della domanda di beni Variazione della

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Le componenti della domanda aggregata

Le componenti della domanda aggregata Le componenti della domanda aggregata Lezione 3 Lezione 3 Economia Politica - Macroeconomia 1 Le componenti della domanda aggregata Ricordiamole: Consumo (C) Investimento (I) Spesa Pubblica (G) Ricordiamo

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA IL TASSO

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSIT DEGLI STUDI DI SSSRI DIPRTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E ZIENDLI MCROECONOMI - nno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (seconda parte del programma), 11122015 PRTE ) 1) Si

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 27 Il modello IS LM Prof. Gianmaria Martini La funzione di investimento In via preliminare abbiamo ipotizzato che gli

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2.

Macroeconomia, Esercitazione 2. Macroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it) 1.1 Domanda e Offerta aggregate/1 In un sistema economico privo di settore pubblico,

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 14 23 Maggio 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 14 23 Maggio 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 14 23 Maggio 2011 Calendario residuo Oggi finiamo il capitolo 7: Curva AD-AD e sue implicazioni

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21

Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21 Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21 Sezione 2: Macroeconomia Capitolo 10: Problemi 1, 2, 4; Capitolo 11: Problemi 4, 5, 9: Capitolo 12: Problemi

Dettagli

Investimenti lordi = 2.000 Investimenti netti = 800

Investimenti lordi = 2.000 Investimenti netti = 800 Macroeconomia, Esercitazione 1. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 PIL/1 Si consideri un sistema economico che produce solo pane. Questo è costituito da tre imprese: una agricola,

Dettagli

Introduzione alla Macroeconomia (CLEMI: M-Z)

Introduzione alla Macroeconomia (CLEMI: M-Z) 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA` DI ECONOMIA MARCO BIAGI INTRODUZIONE ALLA MACROECONOMIA (CLEMI: M-Z) a.a. 2008/2009, Dott. Ennio Bilancini, 13 Luglio 2009 ore 14.00 NOME COGNOME

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it. Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo

Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it. Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo 0 Obbiettivi Analisi dei fondamenti microeconomici di Funzione

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Mercati finanziari e valore degli investimenti

Mercati finanziari e valore degli investimenti 7 Mercati finanziari e valore degli investimenti Problemi teorici. Nei mercati finanziari vengono vendute e acquistate attività. Attraverso tali mercati i cambiamenti nella politica del governo e le altre

Dettagli

equilibrio esterno (Y E sulla BP) BP orizzontale perfetta mobilità dei capitali

equilibrio esterno (Y E sulla BP) BP orizzontale perfetta mobilità dei capitali MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 11 IL MODELLO DI MUNDELL-FLEMING IN CAMBI FLESSIBILI Cambi flessibili un deprezzamento sposta la BP verso il basso; un apprezzamento sposta la BP verso l alto. Poiché

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati

Dettagli

ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia

ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia ESONERO 2 DI ECONOMIA INTERNAZIONALE Università di Bari - Facoltà di Economia 16/06/2005 Corso unico VERSIONE 11 ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO), matricola e corso

Dettagli

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti)

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti) Esame di Politica economica internazionale Parte 1 A scelta tra a) o b) (risposta esatta vale 10 punti): a) Sulla base della bilancia dei pagamenti incompleta della Ecolandia (in miliardi di dollari):

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta Prof. Gianmaria Martini La domanda aggregata In un economia aperta la domanda

Dettagli