Un anno di crisi. Una riflessione di Uwe Wienke

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un anno di crisi. Una riflessione di Uwe Wienke"

Transcript

1 Un anno di crisi Una riflessione di Uwe Wienke La Banca Centrale Europea a Francoforte sul Meno ap ( ) La parola più usata nei media quest anno è stata forse crisi. Si è parlato di crisi economica, di crisi finanziaria, di crisi dei debiti, di crisi dell Euro, di crisi dell Europa e il papa ha ultimamente parlato di crisi etica. Ma allora, se ho ben capito, non si tratta di una sola crisi, ma di molte e diverse tra loro. Visto tuttavia che i politici e i media non sanno spiegare meglio di quale crisi si tratta, semplifico le cose e scrivo CRISI - in lettere maiuscole; ognuno è libero di aggiungere a questa parola l attributo che ritiene più giusto. Se ricordo bene, tutta la CRISI sembra essere nata in Grecia (così come la stessa cultura europea). E si trattava e si tratta ancora di una crisi finanziaria. C era il rischio che lo Stato greco non sarebbe stato più in grado di pagare i suoi debitori. Ma chi sono i debitori di uno Stato e come uno Stato riesca a contrarre dei debiti? Queste cose non vengono quasi mai spiegate in tutta chiarezza alla gente che legge giornali o che guarda la TV. La gente sente solo che questo o quell altro Stato ha dei debiti e che pertanto che c è la CRISI. Ed solo questo che la gente capisce: ognuno ha dei debiti e quando deve ripagarli si sente in crisi. Ma non si tratta di questo. La CRISI di cui si parla oggi riguarda i debiti pubblici. Ma chi sono i creditori che vogliono riavere i soldi che hanno prestato allo Stato? Per saperlo, bisogna conoscere il sistema finanziario statale. Ogni Stato ha delle entrate regolari imposte, tasse, dazi, ecc. da cui paga i dipendenti e acquista beni e servizi. L ammontare di queste entrate dipende in maggior parte dall andamento dell economia. In tempi di buona congiuntura, le entrate sono maggiori, in tempi di recessione le entrate sono ovviamente minori.

2 Se le entrate non sono sufficienti a pagare tutti i progetti (investimenti) statali, lo Stato emette i cosiddetti titoli di Stato o titoli di credito, per esempio i famosi buoni del tesoro. Con la vendita di questi titoli incassa dei soldi e contrae dei debiti. I creditori sono coloro che comprano i titoli di Stato, e, nella maggior parte dei casi si tratta di risparmiatori privati, banche e assicurazioni che comprano questi titoli perché li ritengono sicuri, anzi, più sicuri di altri titoli come per esempio le azioni di una società. La gente pensa che una società privata può sempre fare fallimento, ma uno Stato no, ed è di questa fiducia che lo Stato approfitta quando emette titoli di credito. Con l emissione dei titoli di credito, lo Stato si obbliga a pagare annualmente ai portatori (possessori) di questi titoli un determinato tasso d interesse e di ricomprare i titoli al momento della scadenza al loro valore nominale. Come detto, i titoli hanno una scadenza, per esempio dopo cinque o dieci anni. Se al momento della scadenza, lo Stato non ha i mezzi finanziari per ricomprare i titoli emessi, non fa subito fallimento, ma contrae altri debiti per ripagare i vecchi, tramite, per esempio, l emissione di nuovi titoli di credito, titoli più redditizi per i compratori, perché hanno di norma un tasso d interesse maggiore. Ultimamente, lo Stato italiano ha dovuto promettere un tasso di quasi sette per cento, per vendere nuovi titoli, mentre pochi anni fa il tasso era intorno il tre per cento. Uno Stato, però, non può certo permettersi di fare questo gioco all infinito, perché alla fine i soldi incassati servono solo per pagare i vecchi debiti e non al finanziamento di nuovi progetti. La situazione diventa precaria quando lo Stato, con i soldi ricavati dalla vendita di titoli di credito, deve pagare le spese regolari come gli stipendi dei impiegati, la manutenzione delle infrastrutture, ecc. ecc. che di solito bisogna pagare dalle entrate regolari. In quel momento di insolvenza lo Stato non può più soddisfare i suoi creditori e quindi può veramente fallire. In questo caso anche il creditore ci perde, perché spesso ha investito i suoi risparmi in titoli di Stato ritenuti sicuri e che ora sono diventati carta straccia. Ed proprio quello che stava per accadere l estate scorsa in Grecia se gli altri Stati europei e la Banca Centrale Europea non fossero intervenuti. Il caso della Grecia ha richiamato poi l attenzione anche su altri Stati con un alto debito pubblico, tra cui il Portogallo, l Irlanda, l Italia, la Grecia e la Spagna, paesi che i media hanno poi chiamato con disprezzo PIIGS, che sono poi le iniziali dei paesi coinvolti. Per molti anni questi Stati hanno accumulato un alto debito pubblico. Il debito pubblico di uno Stato è spesso messo in relazione al PIL (Prodotto Interno Lordo) un indicatore che esprime il valore complessivo dei beni e dei servizi prodotti all'interno di uno Stato nel corso di un anno. Il PIL è quindi la misura della capacità economica di un paese. E il debito pubblico è commisurato in rapporto al PIL. Il debito pubblico attuale dell Italia supera il PIL (+116 per cento), ma non solo da ieri; nel 1995 è stato persino superiore rispetto a quello di oggi ma nessuno ha avuto nulla da obiettare, nemmeno i nostri detrattori europei. E pertanto poco comprensibile che molti considerino scandaloso solo oggi l attuale debito pubblico italiano. Tuttavia, bisogna riconoscere che c è una certa differenza tra gli anni novanta e oggi. Allora la congiuntura era buona e quindi le entrate regolari dello Stato avevano la tendenza ad aumentare; inoltre, quando la gente guadagna bene risparmia anche di più e tende ad investire i propri risparmi in titoli di Stato. L errore è solo quello di credere che l economia continui sempre ad andare avanti a gonfie vele benché, in effetti, così non è. Quando l economia rallenta, rallentano di conseguenza anche la crescita del PIL e il tasso di risparmio e perciò si incrementa la tendenza dello Stato a finanziarsi con nuovi crediti.

3 Ma chi definisce quanti debiti uno Stato possa avere? Sembra che non vi siano delle leggi che definiscano un limite superiore. Un record lo ha stabilito in questi giorni il Giappone: il governo giapponese ha presentato il piano finanziario per il 2012 che porta il debito pubblico a quasi il doppio del proprio PIL. L ammortamento dei debiti costituirà, nell anno fiscale 2012/1213, quasi un quarto delle uscite dello Stato. Quando un privato chiede un credito alla sua banca, è quest ultima che ne definisce il limite. Prima di concedere un credito le banche chiedono valide garanzie che possono essere immobili (rivendibili) o anche altri oggetti di valore (anche questi rivendibili senza problemi). Un importante criterio di valutazione è anche la capacità di reddito di chi chiede un credito. Questo reddito deve essere tale da poter ripagare le rate mensili degli interessi e dell ammortamento del credito medesimo. In altre parole, prima di concedere un credito a un privato o a un azienda, le banche esaminano la cosiddetta solvibilità del potenziale debitore. Per la valutazione di questa solvibilità non esistono regole fisse. Ogni creditore è libero nella scelta dei criteri di valutazione. Nel caso delle aziende, la solvibilità non è così facile da valutare come invece nel caso di un privato. Pertanto, per questo lavoro, le banche si avvalgono della perizia di istituti specializzati: le cosiddette agenzie di rating delle quali in questi giorni, nel bene e nel male, si sente così tanto parlare. Queste agenzie non lavorano in base a un solo metodo standardizzato, infatti, per misurare e valutare la solvibilità adoperano diversi metodi che, molte volte, sembrano arbitrari. Queste agenzie sono istituti privati (solitamente società per azioni) che svolgono la loro attività per meri scopi di lucro. Di solito agiscono dietro richiesta di terzi. Nel 1975, la United States Securities and Exchange Commission, la Commissione di sorveglianza delle borse, decise di autorizzare, non si sa in base a quali criteri, solo tre agenzie di rating: Standard & Poor s, Moody s e Fitch Ratings. E sono proprio le stesse di cui oggi si sente spesso nominare quando si parla della solvibilità di interi Stati. Queste agenzie esprimono la solvibilità tramite un codice, per esempio AAA (inglese triple A) indica la migliore solvibilità, C o persino D la solvibilità peggiore. Sembra che crolli mezzo mondo o almeno crollano le borse - quando ai nostri giorni una delle agenzie di rating decide di declassare o (sembra con mirata intenzione psicologica) minaccia di farlo, di un punto la solvibilità di un paese o di una banca, per esempio togliendo una A ad un paese finora valutato AAA. Considerando il fatto che le agenzie di rating sono istituti privati che perseguono quindi unicamente obiettivi economici e che di solito agiscono solo dietro specifica richiesta di un creditore, il giudizio di una agenzia di rating non può mai essere considerato neutrale. C è piuttosto da sospettare che queste agenzie, con la valutazione della solvibilità di un intero paese, perseguano fini politici o agiscano a favore dei loro stessi azionisti. Tanto è vero che, nelle ultime settimane, il declassamento di un paese da parte di un agenzia di rating sembra non aver avuto più molto effetto sui mercati perché gli investitori di capitali hanno forse capito e non si lasciano più innervosire da queste valutazioni. Così diceva l antico filosofo greco Epitteto ( d.c.) Non sono i fatti in sé che turbano gli uomini, ma i giudizi che gli uomini formulano sui fatti. E questo vale ancora oggi, soprattutto in ambito economico. Non contano i fatti, bensì le opinioni sui fatti e, soprattutto, le congetture e le ipotesi a proposito di fatti che non sono ancora diventati realtà. A questo punto mi viene in mente un'altra frase, quella che dice l abate Blanio a Fabrizio del Dongo nel romanzo La certosa di Parma di Stendhal: Ogni previsione è un intervento nell ordine delle cose e minaccia di cambiare il loro percorso, e poi tutta la scienza crolla come un castello di carta.

4 Sembra che per far crollare un titolo in borsa o la moneta di un paese o per declassare uno stato intero, non si ha bisogno di fatti reali, basta solo far circolare ad arte delle voci o individuare un obiettivo mancato. Se il fatturato o l utile di un azienda non raggiunge l obiettivo che l azienda si era prefissato molto tempo prima, si può essere certi che le sue azioni subiranno un crollo, anche se l azienda non ha subito nessuna perdita e non ha sul suo bilancio cifre in rosso. Negli ultimi mesi, dopo il declassamento della solvibilità di alcuni paesi europei, si è cominciato a parlare di una probabile abolizione dell Euro e della possibilità di un ritorno alle monete nazionali. Di questo non ne hanno parlato solo certi politici, ma anche i cosiddetti e immancabili esperti, come ha recentemente fatto il capoeconomista della Deutsche Bank Thomas Mayer. Non avevo mai sentito prima i ragionamenti di persone così imbecilli tanto da disprezzare la proprio moneta, mentre il loro compito sarebbe quello di convincere gli altri della validità della stessa. A questi signori bisognerebbe ricordare che l Euro è la moneta di 17 Stati dell Unione Europea, che insieme contano 330 milioni di abitanti, più dei 300 milioni statunitensi con il loro dollaro. Nei suoi dieci anni di vita, l Euro è diventato in alcuni paesi del mondo una moneta alternativa così come lo è il dollaro statunitense per altri paesi, anzi, in alcuni casi è stato persino soppiantato dall Euro stesso. Questo giudizio negativo verso la moneta europea ha generato non solo la parola Crisi dell Euro, ma ha anche chiamato in campo i cosiddetti salvatori dell Euro meglio noti come Merkel, Sarkozy e compagnia bella che vogliono instaurare a loro piacimento nuove regole contro l eccessivo indebitamento degli Stati dell unione monetaria. Le proposte di salvataggio hanno subito scatenato la decisa opposizione della Gran Bretagna che, mantenendo ancora la sua sterlina, non fa nemmeno parte dei paesi dell Euro. La reazione della Gran Bretagna non ha sorpreso, almeno non coloro che conoscono la storia europea: gli inglesi, per tradizione, non amano particolarmente né i tedeschi, né i francesi e non accettano che queste due nazioni si arroghino il diritto di dettare le regole alle quali gli europei dovranno, volenti o nolenti, sottomettersi. La reazione degli inglesi sarebbe stata forse diversa se la proposta fosse partita da uno Stato più piccolo dell Unione. Queste inopportune chiacchiere sull Euro hanno messo un'altra volta in rilievo la debolezza strutturale dell Unione Europea. E, secondo la mia opinione, la CRISI è in primo luogo una crisi politica dell Unione Europea. L Unione Europea non è uno Stato o una Federazione di Stati come gli USA o la pur piccola Svizzera, quindi, in molti angoli del mondo, la gente non sa bene come classificare questo organismo. Anzi, persino all interno dell Unione stessa valgono regole spesso incomprensibili per gli europei stessi. All Unione Europea appartengono in questo momento 27 Stati, di cui solo 17 fanno parte della zona Euro. Le decisioni dell Unione devono essere prese all unanimità, ogni Stato membro può porre il suo veto. L Unione Europea ha un Parlamento, ma non è un parlamento con due camere (una camera dei rappresentanti e una camera degli Stati) come dovrebbe averlo una vera federazione di stati e questo parlamento è l unico organismo soprannazionale che i cittadini europei possono eleggere. L Unione Europea ha 27 Commissari (perché a ogni Stato ne spetta uno), una sorta di ministri, anche se molti dicasteri sono inutili ed esistono perché ognuno dei 27 paesi abbia un suo commissario. L Unione Europea ha un unica moneta, L Euro, ma conosce 27 diverse politiche finanziarie. Un paese federale costituito da diverse regioni autonome (Stati) come la Germania, forma una comunità solidale, e questo vuol dire che le regioni economicamente più deboli possono contare sulla solidarietà delle regioni più ricche, ossia della federazione. Nell Unione Europea manca questo sistema di solidarietà, perché nessun paese è disposto a cedere un po della sua sovranità finanziaria ed economica all Unione. Ed è per questa ragione, non da

5 poco, che non si riesce a trovare facilmente una soluzione per rimediare all indebitamento pubblico di alcuni paesi dell Unione Europea. Molti temono oggi gravi ripercussioni dell indebitamento di un piccolo paese come la Grecia sulla stabilità dell Euro e dell unità dell Unione Europea. Gli abitanti della Grecia (poco più di 10 milioni) costituiscono il 2,14 per cento dei 500 milioni abitanti dell Unione Europea. Il PIL greco ammonta a 1,25 per cento del PIL dell Unione. E questo paese dovrebbe mettere in crisi l Unione Europea e la sua moneta? Alcuni Stati degli Stati Uniti, tra cui la California, hanno accumulato un debito statale così alto che qualche mese fa i democratici e i repubblicani dovevano mettersi d accordo su un rialzo del limite superiore dell indebitamento della Federazione, e nonostante questo a nessuno è venuto in mente di parlare di un probabile disfacimento degli USA o di un rovinoso crollo del dollaro. Se si dovessero applicare gli stessi criteri che si vuole applicare alle economie europee anche a quella statunitense, gli Stati Uniti avrebbero già dichiarato fallimento. In Europa si discute invece il possibile ritorno alle monete nazionali, di una possibile spaccatura dell Europa e della necessità di salvare l Euro e l Unione Europea. Secondo la cancelliera Merkel l imperativo è risparmiare a tutti i costi, sopratutto i paesi mediterranei, i cosiddetti PIIGS, dovrebbero sacrificarsi e risparmiare fino all osso. Il secondo consiglio è rilanciare l economia. Non mi sembra molto coerente. Come si può risparmiare e contemporaneamente investire senza contrarre nuovi debiti? Risparmiare a tutti i costi porta a una strozzatura dell economia e quindi a un ribasso del PIL e a un vistoso decremento delle entrate dello Stato. Il secondo obiettivo è il rilancio dell economia. Ma qualcuno può spiegarmi come si fa a rilanciare l economia in breve tempo risparmiando in ogni settore, cioè senza investimenti? Vorrei qui ricordare L economista britannico John Maynard Keynes ( ) che predicava l investimento anticiclico da parte dello Stato. Ciò significa che lo Stato deve controbilanciare i minori investimenti privati con maggiori investimenti pubblici per conservare i posti di lavoro e per garantire un guadagno alla popolazione. La regola di Keynes richiede però che, in periodi di congiuntura, lo Stato accumuli sostanziose riserve da utilizzare al primo apparire del rischio di una depressione. Purtroppo, i nostri politici hanno abbandonato questo principio. Più prospera l economia, più si promette, più si spende e più si fanno debiti. Visto che le riserve non ci sono, i paesi indebitati possono solo risparmiare sulla pelle dei normali cittadini che devono adeguarsi agli aumenti dei prezzi, e veder salire il numero dei disoccupati e dei poveri. Una generale recessione è quasi sicura. Per salvare che cosa, l Euro? l Europa? Oppure solo per salvare la propria faccia di esperto? Buon 2012!

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro di Loretta Napoleoni Tratto dal: Fatto Quotidiano Fonte e link: http://movimentobaseitalia.altervista.org/debito-pubblico-chilo-ha-fatto-se-lo-pagasse/

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 - Piigs sotto la lente: il Portogallo - Il dividendo dell euro - Sul ponte sventolo la Bandiera Bianca - Il salvataggio - La cura uccide il malato - Un esercito

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 Cara Lettrice, caro Lettore, Festeggiamo un evento storico: grazie a più di 110 000 cittadini, la Svizzera potrà decidere in votazione chi ha il diritto

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorale. Tutti

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali Francesco Daveri Università di Parma, e SDA Bocconi Storia dell Europa dalle origini al suo ruolo attuale Bergamo, 1 marzo 2013 Due sfide epocali per l

Dettagli

retemmt www.retemmt.it

retemmt www.retemmt.it MMT Primer di L. Randall Wray Blog 25 retemmt www.retemmt.it La solvibilità della valuta e il caso particolare del Dollaro USA di L. Randall Wray Postato il 20 novembre 2011 Nei blog recenti stiamo esaminando

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Le Crisi, l Italia, il lavoro

Le Crisi, l Italia, il lavoro Le Crisi, l Italia, il lavoro Carlo Scarpa Università di Brescia (grazie a Tito Boeri ) Carlo Scarpa 2 Due crisi.due film? La vera storia dietro il contagio della malattia Greca Il Debito Colpisce Ancora

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle;

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle; Adotta un metodo Come già detto precedentemente ancor prima di valutare la validità di un investimento si rende necessaria maturare la chiarezza degli intenti che ci prefiggiamo e la modalità da adottare

Dettagli

Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale.

Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale. Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale. -Perché i titoli bancari scendono così tanto? Alle varie spiegazioni che trovate sui vari giornali aggiungo che quando non si sa quanto moneta

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato 150 idee per il libero mercato Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato di Andrea Giuricin Il futuro dello stabilimento di Termini Imerese è al centro del dialogo tra sindacati, Fiat e governo.

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

L urgente riforma del sistema monetario

L urgente riforma del sistema monetario L urgente riforma del sistema monetario di Mark Joób Oggi un numero crescente di persone si rende conto che il denaro è più di uno strumento neutrale per gli scambi economici, il denaro in effetti governa

Dettagli

Spd e Verdi per una cambio di rotta della Germania in Europa

Spd e Verdi per una cambio di rotta della Germania in Europa Spd e Verdi per una cambio di rotta della Germania in Europa Un importante documento in 12 punti tradotto da Nens Il 12 dicembre scorso la SPD e i Verdi tedeschi hanno reso pubblico un documento in 12

Dettagli

Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012

Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012 Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012 Perché il debito sia sostenibile nel lungo periodo occorrerebbe un costo del finanziamento dell ordine

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE Principi e funzionamento

MERCATO IMMOBILIARE Principi e funzionamento Introduzione I beni immobiliare giocano un ruolo importante sia a livello economico sia nella nostra vita privata: L alloggio è un bene importante, perché ha un influenza enorme sulla qualità della vita

Dettagli

Il Mercato del reddito fisso

Il Mercato del reddito fisso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Mercato del reddito fisso Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA Sala Convegni Corso Europa, 11 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

Le Crisi, l Italia, il lavoro

Le Crisi, l Italia, il lavoro Le Crisi, l Italia, il lavoro Liceo Cremona 20 maggio 2013 Peggio che nel 1929 20 September, 2010 3 Due crisi.due film? La vera storia dietro il contagio della malattia Greca Il Debito Colpisce Ancora

Dettagli

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Marco Passarella Fine della corsa Fine di un epoca storica, iniziata in occidente dopo la Seconda

Dettagli

Introduzione alla macroeconomia

Introduzione alla macroeconomia Corso di Economia italiana AA 2013-2014 Prima parte Introduzione alla macroeconomia Prof. Silvia Nenci silvia.nenci@uniroma3.it Cosa cerca di spiegare la macroeconomia Mentre la microeconomia ci mostra

Dettagli

Le Bolle speculative

Le Bolle speculative Le Bolle speculative Vito Lops giornalista del Sole 24 Ore Social media editor Sole 24 Ore www.twitter.com/vitolops Autore del blog «L economia della trasparenza» http://vitolops.blog.ilsole24ore.com COME

Dettagli

INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO

INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO 50 i dossier www.freefoundation.com INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO Radio Radicale, 23 settembre 2012 25 settembre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Domenica

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

Crisi finanziaria dalla A alla Z

Crisi finanziaria dalla A alla Z Crisi finanziaria dalla A alla Z Focus La crisi economica scoppiata nel 2008 in seguito alla caduta di Lehman Brothers, una banca di investimenti americana, ha contagiato tutto il pianeta, risultando nel

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

ERF. European Redemption Fund. 22 Nov 2014 London School of Economics Ing. Luca Boscolo noeuro.org

ERF. European Redemption Fund. 22 Nov 2014 London School of Economics Ing. Luca Boscolo noeuro.org ERF European Redemption Fund 22 Nov 2014 London School of Economics Ing. Luca Boscolo noeuro.org Page 2 of 15 Page 3 of 15 Introduzione Oggi vi presento un paper che ho appena finito di scrivere dal titolo

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

L azionario vince sempre nel lungo periodo?

L azionario vince sempre nel lungo periodo? 1 L azionario vince sempre nel lungo periodo? Redatto il 03/08/2007 Introduzione Spesso accade di ascoltare la celebre ed inflazionata massima secondo la quale l azionario vince sempre nel lungo periodo.

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare?

A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? A tre anni dalla crisi dell euro: un austerità fallimentare? di Antonio Misiani Il 19 ottobre 2009 il primo ministro greco, George Papandreou, annunciò che i conti pubblici ellenici erano drammaticamente

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro)

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) TABELLA 10.1 Titoli di Stato: le caratteristiche principali Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) CTZ (Certificati del Tesoro Zerocoupon) CCT (Certificati di Credito

Dettagli

La California va sempre più a fondo, e si porta dietro altri stati Inter...

La California va sempre più a fondo, e si porta dietro altri stati Inter... 1 di 5 03/07/2009 11.31 Home Sommario Firme Interblog Abbonati Pdf Shop Festival Oroscopo Stati Uniti 2 luglio 2009 La California va sempre più a fondo, e si porta dietro altri stati Come annunciato da

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Diffusione della Crisi Del Debito Europeo

Diffusione della Crisi Del Debito Europeo Diffusione della Crisi Del Debito Europeo 29 Novembre, 2010 Venerdì scorso l'euro è stato sottoposto a forti vendite, poiché i mercati hanno continuato ad essere nervosi a causa del fatto che la crisi

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio

Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio Sintesi 1. INTRODUZIONE In un contesto caratterizzato da una fase di ampliamento, l Unione Europea sta per

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta 17 i dossier www.freefoundation.com DI BOLLA IN BOLLA 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta PREMESSA 2 Sapete qual è stata la madre di tutte le bolle? È successo molto tempo fa, per caso. L hanno

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario 1. SMALL TALK 2. FRASE D AGGANCIO 3. ANALISI GRAFICA 4. STRUMENTI INEFFICACI 5. NON È PER TUTTI COSÌ 6. LE CONDIZIONI OTTIMALI 7. 1 CONFERMA: 8. PRESENTAZIONE

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

2006 2007) 500 - -. L

2006 2007) 500 - -. L COMUNICATO STAMPA I Rapporto sul Mercato Immobiliare 27 Tempi più lunghi per vendere o affittare ma i prezzi tengono. I prezzi crescono meno velocemente che in passato: nelle città di medie dimensioni,

Dettagli

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti Fondazione e compiti 1.3 Altri compiti In qualità di banca della Confederazione, la Banca nazionale svolge inoltre i seguenti compiti: si occupa dei pagamenti per la Confederazione amministra i titoli

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014)

L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz. (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) L imperfezione dei mercati Joseph Stiglitz (Articolo tratto da Il Manifesto del 27 settembre 2014) Non ho bisogno spiegare quanto sia drammatica la situazione economica in Europa, e in Italia in particolare.

Dettagli

retemmt www.retemmt.it

retemmt www.retemmt.it MMT Primer di L. Randall Wray Blog 29 retemmt www. E un Paese che adotta una valuta estera? (seconda parte) di L. Randall Wray Postato il 25 dicembre 2011 In Europa centrale si sta facendo strada un

Dettagli

Crac delle borse: "Qua viene giù tutto!". Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese

Crac delle borse: Qua viene giù tutto!. Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Crac delle borse: "Qua viene giù tutto!". Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Crac delle borse: Qua viene giù tutto!. Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Fonte e Link: byoblu Pubblicato il 24

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Caso 1 La politica monetaria negli USA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Caso 1 La politica monetaria negli USA Prof. Gianmaria Martini La congiuntura degli USA Il Sole-24 Ore utilizza frequentemente

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) QUELLO CHE NON SI DICE SULLE CAUSE DELL ATTUALE GRANDE RECESSIONE Vicenç

Dettagli

E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO

E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO Siamo corsi dietro un elemento che induce valutazioni sbagliate per gli investimenti di lungo termine. Parola di Fitch 25 marzo 2013 a cura del Gruppo

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

La quotazione del petrolio ha superato i 66 dollari al barile, il doppio rispetto al record negativo registrato poco meno di sei mesi fa. Qualche giustificazione si può anche trovare: il dollaro è debole

Dettagli