Un anno di crisi. Una riflessione di Uwe Wienke

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un anno di crisi. Una riflessione di Uwe Wienke"

Transcript

1 Un anno di crisi Una riflessione di Uwe Wienke La Banca Centrale Europea a Francoforte sul Meno ap ( ) La parola più usata nei media quest anno è stata forse crisi. Si è parlato di crisi economica, di crisi finanziaria, di crisi dei debiti, di crisi dell Euro, di crisi dell Europa e il papa ha ultimamente parlato di crisi etica. Ma allora, se ho ben capito, non si tratta di una sola crisi, ma di molte e diverse tra loro. Visto tuttavia che i politici e i media non sanno spiegare meglio di quale crisi si tratta, semplifico le cose e scrivo CRISI - in lettere maiuscole; ognuno è libero di aggiungere a questa parola l attributo che ritiene più giusto. Se ricordo bene, tutta la CRISI sembra essere nata in Grecia (così come la stessa cultura europea). E si trattava e si tratta ancora di una crisi finanziaria. C era il rischio che lo Stato greco non sarebbe stato più in grado di pagare i suoi debitori. Ma chi sono i debitori di uno Stato e come uno Stato riesca a contrarre dei debiti? Queste cose non vengono quasi mai spiegate in tutta chiarezza alla gente che legge giornali o che guarda la TV. La gente sente solo che questo o quell altro Stato ha dei debiti e che pertanto che c è la CRISI. Ed solo questo che la gente capisce: ognuno ha dei debiti e quando deve ripagarli si sente in crisi. Ma non si tratta di questo. La CRISI di cui si parla oggi riguarda i debiti pubblici. Ma chi sono i creditori che vogliono riavere i soldi che hanno prestato allo Stato? Per saperlo, bisogna conoscere il sistema finanziario statale. Ogni Stato ha delle entrate regolari imposte, tasse, dazi, ecc. da cui paga i dipendenti e acquista beni e servizi. L ammontare di queste entrate dipende in maggior parte dall andamento dell economia. In tempi di buona congiuntura, le entrate sono maggiori, in tempi di recessione le entrate sono ovviamente minori.

2 Se le entrate non sono sufficienti a pagare tutti i progetti (investimenti) statali, lo Stato emette i cosiddetti titoli di Stato o titoli di credito, per esempio i famosi buoni del tesoro. Con la vendita di questi titoli incassa dei soldi e contrae dei debiti. I creditori sono coloro che comprano i titoli di Stato, e, nella maggior parte dei casi si tratta di risparmiatori privati, banche e assicurazioni che comprano questi titoli perché li ritengono sicuri, anzi, più sicuri di altri titoli come per esempio le azioni di una società. La gente pensa che una società privata può sempre fare fallimento, ma uno Stato no, ed è di questa fiducia che lo Stato approfitta quando emette titoli di credito. Con l emissione dei titoli di credito, lo Stato si obbliga a pagare annualmente ai portatori (possessori) di questi titoli un determinato tasso d interesse e di ricomprare i titoli al momento della scadenza al loro valore nominale. Come detto, i titoli hanno una scadenza, per esempio dopo cinque o dieci anni. Se al momento della scadenza, lo Stato non ha i mezzi finanziari per ricomprare i titoli emessi, non fa subito fallimento, ma contrae altri debiti per ripagare i vecchi, tramite, per esempio, l emissione di nuovi titoli di credito, titoli più redditizi per i compratori, perché hanno di norma un tasso d interesse maggiore. Ultimamente, lo Stato italiano ha dovuto promettere un tasso di quasi sette per cento, per vendere nuovi titoli, mentre pochi anni fa il tasso era intorno il tre per cento. Uno Stato, però, non può certo permettersi di fare questo gioco all infinito, perché alla fine i soldi incassati servono solo per pagare i vecchi debiti e non al finanziamento di nuovi progetti. La situazione diventa precaria quando lo Stato, con i soldi ricavati dalla vendita di titoli di credito, deve pagare le spese regolari come gli stipendi dei impiegati, la manutenzione delle infrastrutture, ecc. ecc. che di solito bisogna pagare dalle entrate regolari. In quel momento di insolvenza lo Stato non può più soddisfare i suoi creditori e quindi può veramente fallire. In questo caso anche il creditore ci perde, perché spesso ha investito i suoi risparmi in titoli di Stato ritenuti sicuri e che ora sono diventati carta straccia. Ed proprio quello che stava per accadere l estate scorsa in Grecia se gli altri Stati europei e la Banca Centrale Europea non fossero intervenuti. Il caso della Grecia ha richiamato poi l attenzione anche su altri Stati con un alto debito pubblico, tra cui il Portogallo, l Irlanda, l Italia, la Grecia e la Spagna, paesi che i media hanno poi chiamato con disprezzo PIIGS, che sono poi le iniziali dei paesi coinvolti. Per molti anni questi Stati hanno accumulato un alto debito pubblico. Il debito pubblico di uno Stato è spesso messo in relazione al PIL (Prodotto Interno Lordo) un indicatore che esprime il valore complessivo dei beni e dei servizi prodotti all'interno di uno Stato nel corso di un anno. Il PIL è quindi la misura della capacità economica di un paese. E il debito pubblico è commisurato in rapporto al PIL. Il debito pubblico attuale dell Italia supera il PIL (+116 per cento), ma non solo da ieri; nel 1995 è stato persino superiore rispetto a quello di oggi ma nessuno ha avuto nulla da obiettare, nemmeno i nostri detrattori europei. E pertanto poco comprensibile che molti considerino scandaloso solo oggi l attuale debito pubblico italiano. Tuttavia, bisogna riconoscere che c è una certa differenza tra gli anni novanta e oggi. Allora la congiuntura era buona e quindi le entrate regolari dello Stato avevano la tendenza ad aumentare; inoltre, quando la gente guadagna bene risparmia anche di più e tende ad investire i propri risparmi in titoli di Stato. L errore è solo quello di credere che l economia continui sempre ad andare avanti a gonfie vele benché, in effetti, così non è. Quando l economia rallenta, rallentano di conseguenza anche la crescita del PIL e il tasso di risparmio e perciò si incrementa la tendenza dello Stato a finanziarsi con nuovi crediti.

3 Ma chi definisce quanti debiti uno Stato possa avere? Sembra che non vi siano delle leggi che definiscano un limite superiore. Un record lo ha stabilito in questi giorni il Giappone: il governo giapponese ha presentato il piano finanziario per il 2012 che porta il debito pubblico a quasi il doppio del proprio PIL. L ammortamento dei debiti costituirà, nell anno fiscale 2012/1213, quasi un quarto delle uscite dello Stato. Quando un privato chiede un credito alla sua banca, è quest ultima che ne definisce il limite. Prima di concedere un credito le banche chiedono valide garanzie che possono essere immobili (rivendibili) o anche altri oggetti di valore (anche questi rivendibili senza problemi). Un importante criterio di valutazione è anche la capacità di reddito di chi chiede un credito. Questo reddito deve essere tale da poter ripagare le rate mensili degli interessi e dell ammortamento del credito medesimo. In altre parole, prima di concedere un credito a un privato o a un azienda, le banche esaminano la cosiddetta solvibilità del potenziale debitore. Per la valutazione di questa solvibilità non esistono regole fisse. Ogni creditore è libero nella scelta dei criteri di valutazione. Nel caso delle aziende, la solvibilità non è così facile da valutare come invece nel caso di un privato. Pertanto, per questo lavoro, le banche si avvalgono della perizia di istituti specializzati: le cosiddette agenzie di rating delle quali in questi giorni, nel bene e nel male, si sente così tanto parlare. Queste agenzie non lavorano in base a un solo metodo standardizzato, infatti, per misurare e valutare la solvibilità adoperano diversi metodi che, molte volte, sembrano arbitrari. Queste agenzie sono istituti privati (solitamente società per azioni) che svolgono la loro attività per meri scopi di lucro. Di solito agiscono dietro richiesta di terzi. Nel 1975, la United States Securities and Exchange Commission, la Commissione di sorveglianza delle borse, decise di autorizzare, non si sa in base a quali criteri, solo tre agenzie di rating: Standard & Poor s, Moody s e Fitch Ratings. E sono proprio le stesse di cui oggi si sente spesso nominare quando si parla della solvibilità di interi Stati. Queste agenzie esprimono la solvibilità tramite un codice, per esempio AAA (inglese triple A) indica la migliore solvibilità, C o persino D la solvibilità peggiore. Sembra che crolli mezzo mondo o almeno crollano le borse - quando ai nostri giorni una delle agenzie di rating decide di declassare o (sembra con mirata intenzione psicologica) minaccia di farlo, di un punto la solvibilità di un paese o di una banca, per esempio togliendo una A ad un paese finora valutato AAA. Considerando il fatto che le agenzie di rating sono istituti privati che perseguono quindi unicamente obiettivi economici e che di solito agiscono solo dietro specifica richiesta di un creditore, il giudizio di una agenzia di rating non può mai essere considerato neutrale. C è piuttosto da sospettare che queste agenzie, con la valutazione della solvibilità di un intero paese, perseguano fini politici o agiscano a favore dei loro stessi azionisti. Tanto è vero che, nelle ultime settimane, il declassamento di un paese da parte di un agenzia di rating sembra non aver avuto più molto effetto sui mercati perché gli investitori di capitali hanno forse capito e non si lasciano più innervosire da queste valutazioni. Così diceva l antico filosofo greco Epitteto ( d.c.) Non sono i fatti in sé che turbano gli uomini, ma i giudizi che gli uomini formulano sui fatti. E questo vale ancora oggi, soprattutto in ambito economico. Non contano i fatti, bensì le opinioni sui fatti e, soprattutto, le congetture e le ipotesi a proposito di fatti che non sono ancora diventati realtà. A questo punto mi viene in mente un'altra frase, quella che dice l abate Blanio a Fabrizio del Dongo nel romanzo La certosa di Parma di Stendhal: Ogni previsione è un intervento nell ordine delle cose e minaccia di cambiare il loro percorso, e poi tutta la scienza crolla come un castello di carta.

4 Sembra che per far crollare un titolo in borsa o la moneta di un paese o per declassare uno stato intero, non si ha bisogno di fatti reali, basta solo far circolare ad arte delle voci o individuare un obiettivo mancato. Se il fatturato o l utile di un azienda non raggiunge l obiettivo che l azienda si era prefissato molto tempo prima, si può essere certi che le sue azioni subiranno un crollo, anche se l azienda non ha subito nessuna perdita e non ha sul suo bilancio cifre in rosso. Negli ultimi mesi, dopo il declassamento della solvibilità di alcuni paesi europei, si è cominciato a parlare di una probabile abolizione dell Euro e della possibilità di un ritorno alle monete nazionali. Di questo non ne hanno parlato solo certi politici, ma anche i cosiddetti e immancabili esperti, come ha recentemente fatto il capoeconomista della Deutsche Bank Thomas Mayer. Non avevo mai sentito prima i ragionamenti di persone così imbecilli tanto da disprezzare la proprio moneta, mentre il loro compito sarebbe quello di convincere gli altri della validità della stessa. A questi signori bisognerebbe ricordare che l Euro è la moneta di 17 Stati dell Unione Europea, che insieme contano 330 milioni di abitanti, più dei 300 milioni statunitensi con il loro dollaro. Nei suoi dieci anni di vita, l Euro è diventato in alcuni paesi del mondo una moneta alternativa così come lo è il dollaro statunitense per altri paesi, anzi, in alcuni casi è stato persino soppiantato dall Euro stesso. Questo giudizio negativo verso la moneta europea ha generato non solo la parola Crisi dell Euro, ma ha anche chiamato in campo i cosiddetti salvatori dell Euro meglio noti come Merkel, Sarkozy e compagnia bella che vogliono instaurare a loro piacimento nuove regole contro l eccessivo indebitamento degli Stati dell unione monetaria. Le proposte di salvataggio hanno subito scatenato la decisa opposizione della Gran Bretagna che, mantenendo ancora la sua sterlina, non fa nemmeno parte dei paesi dell Euro. La reazione della Gran Bretagna non ha sorpreso, almeno non coloro che conoscono la storia europea: gli inglesi, per tradizione, non amano particolarmente né i tedeschi, né i francesi e non accettano che queste due nazioni si arroghino il diritto di dettare le regole alle quali gli europei dovranno, volenti o nolenti, sottomettersi. La reazione degli inglesi sarebbe stata forse diversa se la proposta fosse partita da uno Stato più piccolo dell Unione. Queste inopportune chiacchiere sull Euro hanno messo un'altra volta in rilievo la debolezza strutturale dell Unione Europea. E, secondo la mia opinione, la CRISI è in primo luogo una crisi politica dell Unione Europea. L Unione Europea non è uno Stato o una Federazione di Stati come gli USA o la pur piccola Svizzera, quindi, in molti angoli del mondo, la gente non sa bene come classificare questo organismo. Anzi, persino all interno dell Unione stessa valgono regole spesso incomprensibili per gli europei stessi. All Unione Europea appartengono in questo momento 27 Stati, di cui solo 17 fanno parte della zona Euro. Le decisioni dell Unione devono essere prese all unanimità, ogni Stato membro può porre il suo veto. L Unione Europea ha un Parlamento, ma non è un parlamento con due camere (una camera dei rappresentanti e una camera degli Stati) come dovrebbe averlo una vera federazione di stati e questo parlamento è l unico organismo soprannazionale che i cittadini europei possono eleggere. L Unione Europea ha 27 Commissari (perché a ogni Stato ne spetta uno), una sorta di ministri, anche se molti dicasteri sono inutili ed esistono perché ognuno dei 27 paesi abbia un suo commissario. L Unione Europea ha un unica moneta, L Euro, ma conosce 27 diverse politiche finanziarie. Un paese federale costituito da diverse regioni autonome (Stati) come la Germania, forma una comunità solidale, e questo vuol dire che le regioni economicamente più deboli possono contare sulla solidarietà delle regioni più ricche, ossia della federazione. Nell Unione Europea manca questo sistema di solidarietà, perché nessun paese è disposto a cedere un po della sua sovranità finanziaria ed economica all Unione. Ed è per questa ragione, non da

5 poco, che non si riesce a trovare facilmente una soluzione per rimediare all indebitamento pubblico di alcuni paesi dell Unione Europea. Molti temono oggi gravi ripercussioni dell indebitamento di un piccolo paese come la Grecia sulla stabilità dell Euro e dell unità dell Unione Europea. Gli abitanti della Grecia (poco più di 10 milioni) costituiscono il 2,14 per cento dei 500 milioni abitanti dell Unione Europea. Il PIL greco ammonta a 1,25 per cento del PIL dell Unione. E questo paese dovrebbe mettere in crisi l Unione Europea e la sua moneta? Alcuni Stati degli Stati Uniti, tra cui la California, hanno accumulato un debito statale così alto che qualche mese fa i democratici e i repubblicani dovevano mettersi d accordo su un rialzo del limite superiore dell indebitamento della Federazione, e nonostante questo a nessuno è venuto in mente di parlare di un probabile disfacimento degli USA o di un rovinoso crollo del dollaro. Se si dovessero applicare gli stessi criteri che si vuole applicare alle economie europee anche a quella statunitense, gli Stati Uniti avrebbero già dichiarato fallimento. In Europa si discute invece il possibile ritorno alle monete nazionali, di una possibile spaccatura dell Europa e della necessità di salvare l Euro e l Unione Europea. Secondo la cancelliera Merkel l imperativo è risparmiare a tutti i costi, sopratutto i paesi mediterranei, i cosiddetti PIIGS, dovrebbero sacrificarsi e risparmiare fino all osso. Il secondo consiglio è rilanciare l economia. Non mi sembra molto coerente. Come si può risparmiare e contemporaneamente investire senza contrarre nuovi debiti? Risparmiare a tutti i costi porta a una strozzatura dell economia e quindi a un ribasso del PIL e a un vistoso decremento delle entrate dello Stato. Il secondo obiettivo è il rilancio dell economia. Ma qualcuno può spiegarmi come si fa a rilanciare l economia in breve tempo risparmiando in ogni settore, cioè senza investimenti? Vorrei qui ricordare L economista britannico John Maynard Keynes ( ) che predicava l investimento anticiclico da parte dello Stato. Ciò significa che lo Stato deve controbilanciare i minori investimenti privati con maggiori investimenti pubblici per conservare i posti di lavoro e per garantire un guadagno alla popolazione. La regola di Keynes richiede però che, in periodi di congiuntura, lo Stato accumuli sostanziose riserve da utilizzare al primo apparire del rischio di una depressione. Purtroppo, i nostri politici hanno abbandonato questo principio. Più prospera l economia, più si promette, più si spende e più si fanno debiti. Visto che le riserve non ci sono, i paesi indebitati possono solo risparmiare sulla pelle dei normali cittadini che devono adeguarsi agli aumenti dei prezzi, e veder salire il numero dei disoccupati e dei poveri. Una generale recessione è quasi sicura. Per salvare che cosa, l Euro? l Europa? Oppure solo per salvare la propria faccia di esperto? Buon 2012!

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

retemmt www.retemmt.it

retemmt www.retemmt.it MMT Primer di L. Randall Wray Blog 25 retemmt www.retemmt.it La solvibilità della valuta e il caso particolare del Dollaro USA di L. Randall Wray Postato il 20 novembre 2011 Nei blog recenti stiamo esaminando

Dettagli

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali Francesco Daveri Università di Parma, e SDA Bocconi Storia dell Europa dalle origini al suo ruolo attuale Bergamo, 1 marzo 2013 Due sfide epocali per l

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE

LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE 43 ALLEGATO i dossier www.freefoundation.com LO SPREAD IN CALO NON GUARISCE TUTTI I MALI DEI TITOLI DI STATO Editoriale de Il Giornale, 5 marzo 2012 5 marzo 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Passata o quasi

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

INFLAZIONE O DEFLAZIONE, DOVE STIAMO ANDANDO?

INFLAZIONE O DEFLAZIONE, DOVE STIAMO ANDANDO? INFLAZIONE O DEFLAZIONE, DOVE STIAMO ANDANDO? Vito Lops giornalista e social media editor Sole 24 Ore vito.lops@ilsole24ore.com www.twitter.com/vitolops L INFLAZIONE INFLAZIONE VUOL DIRE AUMENTO DEI PREZZI.

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Questo ciclo è esemplificativo di quelli degli altri future su indici azionari che seguo.

Questo ciclo è esemplificativo di quelli degli altri future su indici azionari che seguo. Prima di parlare dei problemi dell Euro, facciamo prima un breve aggiornamento ciclico. Vediamo il Ciclo settimanale per l Eurostoxx future iniziato il 12 luglio intorno alle ore 16:30 (dati a 15 minuti

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! Adriano Biasoli

TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! Adriano Biasoli TORNEREMO MILIONARI! IL RISPARMIO E UN VALORE SOCIALE: USIAMOLO BENE! 1 DOVE METTIAMO I NOSTRI SOLDI? - Conti e depositi bancari e postali - Titoli 2 TITOLI: Azioni Obbligazioni Titoli di Stato Azioni:

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

La locomotiva tedesca arranca. E il problema è soprattutto l immagine (A. Allegri)

La locomotiva tedesca arranca. E il problema è soprattutto l immagine (A. Allegri) Data Pubblicazione 19/10/2015 La locomotiva tedesca arranca. E il problema è soprattutto l immagine (A. Allegri) Sito Web www.borse.it Orgoglio, efficienza, organizzazione, trasparenza: i quattro pilastri

Dettagli

INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO

INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO 50 i dossier www.freefoundation.com INTERVENTO DI GUY VERHOFSTADT, PRESIDENTE DEL GRUPPO ALDE AL PARLAMENTO EUROPEO Radio Radicale, 23 settembre 2012 25 settembre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Domenica

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO?

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? Versione preliminare: 1 Agosto 28 Nicola Zanella E-mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT I seguenti grafici riguardano il rischio di investire

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance dott. Matteo Rossi Prospetto F/I Happy Finance Conto Economico 2008 2009 Reddito Netto 350-500 Ammortamenti 800 800 Accantonamenti 2000 300

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

Il settore moto e il credito al consumo

Il settore moto e il credito al consumo Il settore moto e il credito al consumo Rapporto di ricerca ISPO per Marzo 2010 RIF. 1201V110 Indice 2 Capitolo 1: Lo scenario pag. 3 Capitolo 2: Il Credito al Consumo: atteggiamenti 13 Capitolo 3: Il

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

per Mara a) 16% b) 12% c) 11% d) 15% d 3.200, se aspetti 5mesi ci vogliono 200 in più. Che tasso annuo ha applicato il creditore?

per Mara a) 16% b) 12% c) 11% d) 15% d 3.200, se aspetti 5mesi ci vogliono 200 in più. Che tasso annuo ha applicato il creditore? RA00001 Quanti d interesse producono, in capitalizzazione a) 326,4 b) 412,5 c) 132,8 d) 210 a composta, 4000 impiegati al 4% dopo 2 anni? RA00002 Investendo per 6 anni un capitale di 32000, si sono a)

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorale. Tutti

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario 1. SMALL TALK 2. FRASE D AGGANCIO 3. ANALISI GRAFICA 4. STRUMENTI INEFFICACI 5. NON È PER TUTTI COSÌ 6. LE CONDIZIONI OTTIMALI 7. 1 CONFERMA: 8. PRESENTAZIONE

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO?

LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO? LA DISTRIBUZIONE DI PROBABILITÀ DEI RITORNI AZIONARI FUTURI SARÀ LA MEDESIMA DEL PASSATO? Versione preliminare: 25 Settembre 2008 Nicola Zanella E-Mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT In questa ricerca ho

Dettagli

FINANZIAMENTI E RAPPORTI CON IL SISTEMA CREDITIZIO

FINANZIAMENTI E RAPPORTI CON IL SISTEMA CREDITIZIO FINANZIAMENTI E RAPPORTI CON IL SISTEMA CREDITIZIO C.C.I.A.A. (RE), nov-dic 2012 IFOA - Cosimo Scarafile 1 ASSUNZIONE DI RISCHIO Le pre-condizioni per la banca 1. Progetto di investimento credibile (realisticamente

Dettagli

European Payment Report 2015

European Payment Report 2015 European Payment Report 2015 Il Gruppo Intrum Justitia Leader europeo nel settore dei servizi di Credit Management con uffici in 20 paesi europei Fondato nel 1923 Quotato al mercato NASDAQ OMX Stockholm

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Marco Calì FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Edizione Gennaio 2008 Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun mezzo.

Dettagli

INTRODUZIONE AI CICLI

INTRODUZIONE AI CICLI www.previsioniborsa.net INTRODUZIONE AI CICLI _COSA SONO E A COSA SERVONO I CICLI DI BORSA. Partiamo dalla definizione di ciclo economico visto l argomento che andremo a trattare. Che cos è un ciclo economico?

Dettagli

RAPPORTO NAZIONALE ITALIA. Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013

RAPPORTO NAZIONALE ITALIA. Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013 RAPPORTO NAZIONALE Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013 ITALIA Rappresentanza della Commissione europea in Italia Eurobarometro Standard 80 / Autunno 2013 TNS Opinion

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 5 - Maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde)

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 861 COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 19 gennaio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Italo Degregori. Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni. Edizioni R.E.I.

Italo Degregori. Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni. Edizioni R.E.I. Italo Degregori Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni Edizioni R.E.I. 2 Edizioni R.E.I. 3 Italo Degregori Quaderni di Finanza ( 1 ) Le Obbligazioni ISBN 978-88-97362-46-3 Copyright 2011 - Edizioni

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Economia monetaria Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Cosa sono i soldi? Definizione problematica (x gli economisti!) Moneta-merce: un bene intrinsecamente dotato di valore

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

DAILY 27.02.2015. venerdì 27 febbraio 2015-1 -

DAILY 27.02.2015. venerdì 27 febbraio 2015-1 - DAILY 27.02.2015 venerdì 27 febbraio 2015-1 - Oro, strumento di copertura Ieri abbiamo visto ancora un super Dollaro nonostante i dati sull inflazione particolarmente tranquilli e richieste di sussidio

Dettagli

Vacanze studio, tutto quello che c è da sapere

Vacanze studio, tutto quello che c è da sapere RASSEGNA WEB giornalettismo.com Data Pubblicazione: 07/06/2013 giornalettismo.com http://www.giornalettismo.com/archives/967721/vacanze-studio-tutto-quello-che-ce-da-sapere/comment-page1/#comment-972985

Dettagli

Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese. Prof.ssa A. Malinconico 1

Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese. Prof.ssa A. Malinconico 1 Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese 1 Rendimento, tassi di interesse, commissioni Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Piedimonte Matese 25 febbraio 2016 Prof.ssa

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI I pensionati vivono meglio e più a lungo. Sono sempre più una parte rilevante della popolazione italiana, un segmento demografico fiorente,

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli