COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, Provincia di Pistoia - Tel. 0572/ Fax 0572/ REGOLAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO"

Transcript

1 COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, Provincia di Pistoia - Tel. 0572/ Fax 0572/ REGOLAMENTO del Gruppo Comunale di Protezione Civile per il piano operativo di intervento sul territorio. approvato con delibera di Consiglio Comunale n.130 del 5 novembre 1992.

2 COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, Provincia di Pistoia - Tel. 0572/ Fax 0572/ GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE... 3 ART ART.2 REPERIBILITÀ... 3 ART.3 - COMITATO TECNICO OPERATIVO:... 4 ART.4 - GRUPPO OPERATIVO... 4 ART.5 - COORDINATORE DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE. COMPETENZE:... 4 ART ART ART.8 - VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE... 6 ART.9 - ORGANIZZAZIONE:... 6 ART.10 - FUNZIONI AMMINISTRATIVE:... 6

3 GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COSTITUZIONE ORGANICO PIANO OPERATIVO REGOLAMENTAZIONE ***** REGOMALENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE, PER IL PIANO OPERATIVO DI INTERVENTO SUL TERRITORIO Art.1 1.Vista la legge n. 996 dell 8 dicembre 1970, visto il Regolamento n.66 del 06 dicembre 1981, vista la circolare esplicativa n.16 M.I. PC.3, in base all art.14, comma 7. E costituito il Gruppo Comunale volontari di protezione civile, per il territorio comunale Montecatinese avente sede presso il complesso LA QUERCETA, Via del Castello 2, che a norma di legge assume la denominazione: GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE. Art.2 Reperibilità a) Assicura sul territorio comunale, 24 ore su 24, la reperibilità dei volontari preordinati in apposite squadre operative di pronto intervento, nei settori di competenza; b) Per eventuali interventi fuori la propria circoscrizione, prenderà opportuni contatti con le Amministrazioni e gli Enti limitrofi.

4 Art.3 - Comitato tecnico operativo: 1. Organismo decisionale di primo intervento. Sovraintende alle decisioni immediate ed è composto da: a) SINDACO Ufficiale di governo; b) Assessore alla Polizia Municipale; c) Segretario generale; d) Ingegnere comunale; e) Dirigente la Polizia Municipale o suo delegato; f) Dirigente Servizio Sociale o suo delegato; g) Responsabile Igiene Pubblica U.S.L. n.7 o suo delegato; Art.4 - Gruppo operativo 1. Provvede con tutti i mezzi messi a disposizione agli interventi immediati previsti dal Comitato Tecnico Operativo ed è composto da: a) Cooordinatore; b) Associazioni di volontariato; c) Gruppo comunale volontari di protezione civile; d) Volontari. Art.5 - Coordinatore del Gruppo comunale volontari di protezione civile. Competenze: a) La direzione coordinamento degli interventi e l addestramento dei volontari; b) La suddivisione del personale in squadre organiche di intervento, tenendo conto della specializzazione di ognuno, al fine di assicurare la presenza, in ogni squadra, di un volontario specialista di settore; c) La nomina dei capi di squadra per la direzione dei volontari in fase operativa;

5 d) Cura dei rapporti con il Ministero per il coordinamento della protezione civile, Regione, Provincia, Prefettura, Vigili del Fuoco, Corpo Forestale dello Stato, Comunità Montana, Enti Locali e Associazioni del Volontariato, per il piano di previsione, prevenzione ed intervento; e) Effettua le funzioni amministrative dell ufficio operativo comunale di Protezione civile. Art.6 1. Le Associazioni del volontariato, iscritte nei ruoli della Prefettura nel settore di protezione civile, esplicano le loro attività e la loro opera su richiesta del coordinamento. 2. Gli oneri connessi al normale funzionamento ed organizzazione, rimangono a carico delle stesse 3 Il personale di cui trattasi interverrà, secondo quanto stabilito al 1 comma del presente articolo ed in relazione a lle esigenze, al verificarsi di qualsiasi evento, il contrasto del quale, rientri tra i compiti istituzionali di Protezione Civile. Art. 7 Squadre del Gruppo comunale volontari di protezione civile La componente è divisa in sezioni con compiti specifici: a) Sezione Vigilanza: tutte le Associazioni di volontariato del territorio di Montecatini Terme; b) Sezione sanitaria: Volontari appartenenti ad Associazioni per il servizio sanitario ed interventi di protezione civile; c) Sezione soccorso e ricerca dispersi in montagna: volontari appartenenti al Gruppo comunale di protezione civile; d) Sezione antincendio: volontari appartenenti al gruppo comunale di protezione civile e V.A.B. (Vigilanza Antincendi Boschivi) e) Servizi Interventi specifici: volontari appartenenti al gruppo comunale di protezione civile e le altre associazioni di

6 volontariato ognuno per la sua competenza, per eventi causati da eccezionali avversità atmosferiche, straripamenti ed altri tipi di calamità naturali. Art.8 - Volontari di protezione civile 1 I volontari appartenenti al gruppo comunale di protezione civile, rappresentano unitamente alle altre Associazioni di volontariato la base operativa della Protezione civile sul territorio; 2 Essa è costituita da un coordinatore e da un numero di squadra di volontari variabile in relazione alla disponibilità degli appartenenti ai gruppi. Art.9 - Organizzazione: a) l Ufficio operativo dovrà sempre contare sulla presenza di un responsabile; b) scattato l allarme il Cooordinatore o in sua assenza un Responsabile di turno, sceglierà l attrezzatura e il personale per intervenire nella maniera più celere e tecnicamente idonea; c) per ciò che riguarda gli interventi di Istituto al di fuori del territorio sito nel Comune di Montecatini Terme,, il Gruppo comunale volontari di protezione civile, si atterrà alle disposizioni di legge che disciplinano la materia. Art.10 - Funzioni Amministrative: 1. Le funzioni amministrative dell Ufficio Protezione civile saranno espletate dalla Polizia Municipale.

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Articolo 1 - (costituzione) E costituito presso la sede Municipale del Comune di Ariano Irpino

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: INCENDIO

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: INCENDIO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Piano di Protezione Civile Comunale PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Indicazioni Procedurali: INCENDIO Comune di Volpago del Montello Indicazioni

Dettagli

PIANO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE Art. 1 Costituzione e finalità del Gruppo Comunale di Protezione Civile. Pag. 3 Art. 2 Criteri di iscrizione ed ammissione.pag.

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE N. 313 REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione G.C. n. mecc. 2006 00591/028 del 31 gennaio 2006) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Ambito di applicazione Articolo

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE 1 2 INDICE ART.1COSTITUZIONEDELGRUPPOECOMPOSIZIONE...4 ART.2AMMISSIONEEPARTECIPAZIONEDIALTRISOGGETTI...4 ART.3COMPITI,PRINCIPIESANZIONI...5 ART.4COMPITIDELSINDACO...6

Dettagli

Regolamento comunale di Protezione Civile

Regolamento comunale di Protezione Civile Città di Lecce Regolamento comunale di Protezione Civile Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale N 38 del 04.04.03 REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO E

Dettagli

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO C.A.P 90030 Piazza Falcone e Borsellino Altofonte Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo Art.1 (Oggetto) Oggetto

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

COMUNE DI CELICO PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E L ATTIVITA DEL GRUPPO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI CELICO PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E L ATTIVITA DEL GRUPPO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CELICO PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E L ATTIVITA DEL GRUPPO COMUNALE DEI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con delibera consiliare n. 15 del 31/3/2006

Dettagli

Gli Uffici/Enti che possono intervenire nelle ricerche di persone scomparse con le proprie risorse disponibili:

Gli Uffici/Enti che possono intervenire nelle ricerche di persone scomparse con le proprie risorse disponibili: BOZZA DI TESTO C3.7 Ricerca persone scomparse Nelle operazioni di ricerca di persone scomparse nel territorio regionale, in ambito di pianura come pure nel territorio collinare e montano, ed in particolare

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE

Dettagli

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE - Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO - Art. 2 COMPITI DEL SERVIZIO - Art. 3 ORGANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.31 del 14 Maggio 2008 Articolo 1 È costituito, ai sensi della lettera c, punto,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE del Comune di Molteno

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE del Comune di Molteno REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE del Comune di Molteno Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9, del 19 febbraio 2008 Art. 1. Costituzione del Gruppo Comunale

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 23/10/2014 APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MONTEFORTE

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

L'Ente interessato individua le forme più opportune per incentivare l'adesione dei cittadini all'iniziativa.

L'Ente interessato individua le forme più opportune per incentivare l'adesione dei cittadini all'iniziativa. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 30 in data 22.11.2002 Modificato Con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 23.09.2013 ART. 1 E' costituito presso apposita sede comunale destinata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO Approvato con deliberazione consiliare n. 28 del 31.07.2014 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 20 D.Lgs. 334/99)

PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 20 D.Lgs. 334/99) P r e f e t t u r a d i T o r i n o - P r o t e z i o n e C i v i l e R e v. 2 / 0 P i a n o d i E m e r g e n z a E s t e r n o s t a b i l i m e n t o G r u p p o T r o m b i n i L u s e r n a S. G i

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA REGOLAMENTO per la costituzione e il funzionamento del Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile del Comune di Premariacco

Dettagli

MESSAGGIO DI PREALLARME

MESSAGGIO DI PREALLARME logo COMUNE DI. Da utilizzarsi per comunicare che sul territorio comunale si sono manifestati eventi potenzialmente in grado di arrecare danni a persone, cose e ambiente. MESSAGGIO DI PREALLARME DA: COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Piano

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il ruolo del Volontariato nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il relatore Antonello Mazza Provincia di Varese Struttura Protezione Civile Operativo argomenti Collocazione del volontariato

Dettagli

CITTA DI ORBASSANO Provincia di Torino REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

CITTA DI ORBASSANO Provincia di Torino REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE CITTA DI ORBASSANO Provincia di Torino REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE IL SEGRETARIO COMUNALE - Mirabile Emanuele - IL SINDACO - Gambetta Eugenio (firmato in originale)

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

CAPITOLO 4 Attori e competenze

CAPITOLO 4 Attori e competenze CAPITOLO 4 1. Il Comune 2 2. La Comunità Montana 4 3. La Provincia 5 4. La Prefettura 5 5. La Regione 6 6. Il Volontariato 7 6.1 Il Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile 8 6.2

Dettagli

Provincia di Padova Servizio di Protezione Civile. Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova

Provincia di Padova Servizio di Protezione Civile. Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova Il soccorso in acque fluviali: L esperienza della Provincia di Padova 1 PROTEZIONE CIVILE Insieme coordinato delle attività volte a fronteggiare eventi straordinari che non possono essere affrontati da

Dettagli

COMUNE DI VIGONE. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI VIGONE. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VIGONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 40 DEL 27 LUGLIO 2005 1

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

CONVENZIONE PROTEZIONE CIVILE "ANTARES" PREMESSO

CONVENZIONE PROTEZIONE CIVILE ANTARES PREMESSO CONVENZIONE tra il COMUNE DI VOLLA e l' ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE "ANTARES" REP. 151 del 23/12/2014 PREMESSO - che l art.1 Legge 225/92 sancisce il Sistema di protezione civile

Dettagli

PARCO REGIONALE OGLIO NORD

PARCO REGIONALE OGLIO NORD REGOLAMENTO DELLA SQUADRA ANTINCENDIO BOSCHIVO DEL PARCO REGIONALE OGLIO NORD 1. FINALITÀ E AMBITO DI COMPETENZA 1.1 Istituzione e finalità Il Parco Regionale Oglio Nord istituisce la squadra antincendio

Dettagli

FERRAGOSTO: ALLARME CONAPO, MANCANO CIRCA 3.900 VIGILI FUOCO, SICUREZZA A RISCHIO =

FERRAGOSTO: ALLARME CONAPO, MANCANO CIRCA 3.900 VIGILI FUOCO, SICUREZZA A RISCHIO = FERRAGOSTO: ALLARME CONAPO, MANCANO CIRCA 3.900 VIGILI FUOCO, SICUREZZA A RISCHIO = Il sindacato, Alfano non faccia proclami dica la reale situazione dei Vvf Roma, 14 ago. (Adnkronos/Labitalia) Sicurezza

Dettagli

Allegato sub A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 29.06.2005. Il Segretario Comunale Dott. Sandro Zampaglione

Allegato sub A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 29.06.2005. Il Segretario Comunale Dott. Sandro Zampaglione Allegato sub A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 29.06.2005. Il Segretario Comunale Dott. Sandro Zampaglione INDICE TITOLO I: SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Articolo 1 - Istituzione del

Dettagli

ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA

ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA ANTINCENDIO BOSCHIVO CORSO DI FORMAZIONE DI SECONDO LIVELLO IL SISTEMA ANTINCENDIO BOSCHIVO DELLA REGIONE BASILICATA INCENDI BOSCHIVI Legge n.353 del 21.11.2000 Definizione: un fuoco con suscettività ad

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE [ ] Comunità Montana Agenzia di sviluppo TERRE DEL G I A R O L O Regione Piemonte Provincia di Alessandria PIANO DI PROTEZIONE CIVILE INTERCOMUNALE Albera orghetto orbera Cabella Cantalupo Carrega Mongiardino

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO

VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO CON LA COLLABORAZIONE DI RAGGRUPPAMENTO PROVINCIALE MISERICORDIE LIVORNO CONFEDERAZIONE NAZIONALE MISERICORDIE D ITALIA CONFERENZA REGIONALE MISERICORDIE

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER SGOMBERO NEVE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER SGOMBERO NEVE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

Circolare, prot. n. 7619 del 16/06/2004 aggiornamento del 26/07/2014

Circolare, prot. n. 7619 del 16/06/2004 aggiornamento del 26/07/2014 Circolare, prot. n. 7619 del 16/06/2004 aggiornamento del 26/07/2014 CIRCOLARE CONCERNENTE LE POLIZZE ASSICURATIVE PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Premessa PROCEDURE

Dettagli

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI statuto e regolamento Premessa Il presente regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti. La premessa fa parte integrante del regolamento.

Dettagli

Regolamento per la gestione associata delle funzioni di Protezione Civile tra i Comuni dell Unione Coros

Regolamento per la gestione associata delle funzioni di Protezione Civile tra i Comuni dell Unione Coros Unione dei Comuni del Coros Cargeghe, Codrongianos, Florinas, Ittiri, Muros, Olmedo, Ossi, Putifigari Tissi, Uri, Usini Sede legale Via Marconi 14 07045 - Ossi (SS) CF 92108320901 P.Iva: 02308440904 Tel.

Dettagli

Associazione di Protezione Civile Propyrgi - Santa Marinella. Simulazione d intervento in caso di calamità naturale

Associazione di Protezione Civile Propyrgi - Santa Marinella. Simulazione d intervento in caso di calamità naturale Associazione di Protezione Civile Propyrgi - Santa Marinella Simulazione d intervento in caso di calamità naturale 1 Introduzione In questa simulazione i partecipanti assumeranno i ruoli dei principali

Dettagli

SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011)

SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011) SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011) Nel periodo analizzato, la Scuola Provinciale Antincendi ha garantito lo svolgimento di

Dettagli

La Protezione civile incontra i bambini

La Protezione civile incontra i bambini La Protezione civile incontra i bambini A Finale Ligure si è tenuta la Giornata della Protezione Civile. Nel corso della manifestazione le varie associazioni hanno ricreato diversi scenari per spiegare

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO PROVINCIA MILANO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO PROVINCIA MILANO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO PROVINCIA MILANO REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 E costituito presso la sede municipale il gruppo comunale di volontari di protezione

Dettagli

Per la costituzione ed il funzionamento. del Gruppo Comunale dei Volontari. di Protezione Civile del Comune di PREONE

Per la costituzione ed il funzionamento. del Gruppo Comunale dei Volontari. di Protezione Civile del Comune di PREONE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Preone Provincia di Udine REGOLAMENTO Per la costituzione ed il funzionamento del Gruppo Comunale dei Volontari di Protezione Civile del Comune di PREONE

Dettagli

Circolare n. 7619 del 16/06/2004 agg. 27/11/2014

Circolare n. 7619 del 16/06/2004 agg. 27/11/2014 Circolare n. 7619 del 16/06/2004 agg. 27/11/2014 CIRCOLARE CONCERNENTE LE POLIZZE ASSICURATIVE PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Sommario ATTIVITA ASSICURABILI

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV DOMANDA DI ADESIONE ALLE COMPONENTI DI CMP-MI. PRIMA PARTE (anagrafica) Cognome Nome Nato a il Residente a Indirizzo Codice fiscale Numero di telefono

Dettagli

REGOLAMENTO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 66 del 26 luglio 1999 ARTICOLO 1 E costituito il GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile Il Servizio Sanitario Nazionale nelle emergenze non epidemiche ROVIGO 29.09.2011 Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile La Protezione Civile Non è una attività affidata ad una sola

Dettagli

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Forestale dello Stato Comando Regionale dell Emilia-Romagna Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco Direzione Regionale dell Emilia-Romagna Cos

Dettagli

OPERATIVO di SICUREZZA

OPERATIVO di SICUREZZA PIANO OPERATIVO di SICUREZZA coi contenuti minimi dell allegato XV del D.Lgs. 81/08 DITTA INDIRIZZO CANTIERE OPERE DA REALIZZARE 1 1) ANAGRAFE DELL IMPRESA ESECUTRICE Ditta Sede legale _ Città ( ) Tel.

Dettagli

Attuazione della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente:

Attuazione della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente: Dipartimento per le politiche integrate di sicurezza e per la protezione civile Sistema regionale di protezione civile Modello organizzativo di gestione delle emergenze Attuazione della direttiva del Presidente

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il ruolo del Volontariato nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il relatore Antonello Mazza Provincia di Varese Struttura Protezione Civile Operativo argomenti Collocazione del volontariato

Dettagli

Provincia di Messina REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

Provincia di Messina REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LONGI Provincia di Messina AREE AMMINISTRATIVA E TECNICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I PIANO EMERGENZA NEVE COMUNALE INVERNO 2012-2013 PREMESSA Il presente piano costituisce strumento di attivazione degli interventi e di coordinamento delle componenti della Protezione Civile affinché, in

Dettagli

a.tasselli@gruppoesseti.com Università degli Studi di Firenze Liceo scientifico Cavour di Firenze Diploma di maturità scientifica

a.tasselli@gruppoesseti.com Università degli Studi di Firenze Liceo scientifico Cavour di Firenze Diploma di maturità scientifica Informazioni personali Nome Andrea Tasselli Indirizzo domicilio Calenzano (Fi), Via di Prato 25/b cap.50041 Indirizzo residenza Calenzano (FI), Viale di Prato 25/b cap 50041 Codice fiscale /P.iva TSSNDR76S02D612P

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N.76 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con D.C.P. del 22.5.2006 n.28 reg. e modificato con D.C.P. del 24.9.2007 n. 46 reg.. INDICE

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PRIMO CENSIMENTO DENOMINATO "CONOSCERE CHI HA BISOGNO DI AIUTO" NECESSARIO AL COMPLETAMENTO DATI DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE E DELLE PROCEDURE DELLA CENTRALE

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E PROTEZIONE CIVILE IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO

REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E PROTEZIONE CIVILE IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E PROTEZIONE CIVILE IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO REGIONE LIGURIA Gli incendi boschivi rappresentano una delle più importanti cause di distruzione e

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome biffarella giuseppe Data di nascita 26/03/1958 Qualifica I Fascia Amministrazione MINISTERO DELL INTERNO CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Incarico attuale Dirigente Comando

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 13.03.2012 I N D I C E ART. 1 - FINALITA' DEL

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE MOBILITÀ E TRASPORTI UFFICIO PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE MOBILITÀ E TRASPORTI UFFICIO PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE MOBILITÀ E TRASPORTI UFFICIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Civitas Interamna INDICE Art. 1 Oggetto pag. 3 Art. 2 Requisiti

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI IL PIANO DI EMERGENZA Per emergenza si intende ogni evento che porta a conseguenze negative sia in termini di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta ------------------- REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 9 DEL 10.02.2005, ESECUTIVA IL APPROVATO SENZA RILIEVI DAL

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE SERVIZIO VOLONTARIATO

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE SERVIZIO VOLONTARIATO PREDENZA DEL CONGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE SERVIZIO VOLONTARIATO Scheda Informativa dell Organizzazione per l iscrizione nell elenco di cui al D.P.R. di attuazione dell Art.

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * *

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * * 1 CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * * REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA 2 INDICE 1. Premessa 1.1 quadro di riferimento generale pag. 3 1.2 scopi del servizio di piena pag. 3 2.

Dettagli

COMUNE DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso

COMUNE DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso COMUNE DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Prot. ---------------------------------------------------------------- CONVENZIONE PER LA PROMOZIONE E L ATTUAZIONE DI ATTIVITÀ DI PROTEZIONE CIVILE------------------------------------------

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Taranto Comitato operativo per la viabilità Piano di gestione delle criticità nella circolazione stradale in caso di neve ELENCO DI DISTRIBUZIONE UFFICI

Dettagli

2. LA COLONNA MOBILE REGIONALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

2. LA COLONNA MOBILE REGIONALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROGETTO PRELIMINARE PER LA COSTITUZIONE DELLA COLONNA MOBILE REGIONALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE (FORZE DI PRONTO IMPIEGO DEL VOLONTARIATO) PREMESSA Il decreto legislativo n. 112 del 31 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO CORPO POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO CORPO POLIZIA MUNICIPALE Allegato alla delibera C.C. n. 4/1990 e modifiche approvate con delibera C.C. 103/1990 REGOLAMENTO CORPO POLIZIA MUNICIPALE 1 TITOLO I ISTITUZIONE E ORDINAMENTO DEL CORPO ART. 1 Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE UNIONE DEI COMUNI DI Provincia di Pavia PIANO COMUNALE DI EMERGENZA per le attività di previsione, prevenzione ed interventi in materia di Protezione Civile Parte Sesta LE RISORSE E LA LORO GESTIONE PROCEDURE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE DEL COMUNE DI THIENE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE DEL COMUNE DI THIENE C O M U N E D I T H I E N E Provincia di Vicenza SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE DEL COMUNE DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

VISTO l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

VISTO l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; I MOD.67 Pr m. V I S T O l ' a r t i c o l o 8 7 d e l l a C o s t i t u z i o n e ; VISTO l'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; I VISTA la legge 27 dicembre 1941, n. 1570; VISTO

Dettagli

COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE

COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE Prot n.200/s del 27.05.2014 D.Legvo COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N. 102 Del 22.05.2014 OGGETTO Approvazione convenzione affidamento

Dettagli

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1.1 MODELLO D INTERVENTO 2 1.1.1 LIVELLI DI ALLERTA E FASI OPERATIVE 2 1.2 MODELLO DI INTERVENTO PROCEDURE OPERATIVE 3 1.2.1 PROCEDURE OPERATIVE (DA ESEGUIRE QUALUNQUE

Dettagli