2.1. Le regole dell art c.c.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.1. Le regole dell art. 2054 c.c."

Transcript

1 Il danno da circolazione di veicoli nell art c.c.

2

3 Il danno da circolazione di veicoli nell art c.c. 2. Il danno da circolazione di veicoli nell art c.c Le regole dell art c.c. L art c.c. fissa le seguenti regole: - il conducente di un veicolo senza guida di rotaie è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno; - nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli; - il proprietario del veicolo (oppure l usufruttuario o l acquirente con patto di riservato dominio) è responsabile in solido con il conducente, se non prova che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà. In ogni caso le persone suindicate sono responsabili dei danni derivati da vizi di costruzione o da difetto di manutenzione del veicolo. L osservanza delle regole generali di prudenza. A tali disposizioni è sotteso l obbligo fondamentale del conducente, consistente nell osservanza degli obblighi, generici o specifici, della prudenza e della diligenza. L art. 142 del Codice della strada prevede che, ai fini della sicurezza della circolazione e della tutela della vita umana, in centro abitato - qual è pacificamente considerato il luogo dove l incidente si è verificato - la velocità dei veicoli non può superare i 50 km orari. L art. 141 impone al conducente di regolare la velocità del proprio veicolo in modo da evitare ogni pericolo per la sicurezza delle persone e delle cose e di porsi sempre nelle condizioni di mantenerne il controllo; in particolare, detta norma prevede che il conducente deve regolare la velocità in prossimità delle intersezioni stradali. L art. 145, ancora in tema di intersezioni stradali, dispone che il conducente, approssimandosi ad esse, deve usare la massima prudenza al fine di evitare incidenti. Di tale complesso normativo occorre tenere conto nel valutare la condotta di guida, poiché non si può mai prescindere dalla verifica del rispetto, da parte dello stesso, delle regole di prudenza generiche (diligenza, prudenza, perizia) e specifiche (rispetto di leggi, regolamenti, ordini e discipline): ad es., l obbligo di ridurre la velocità all approssimarsi di un incrocio e di impegnare con prudenza e a velocità moderata l area del crocevia sussiste anche a carico di colui che circoli su strada che assegni il diritto di precedenza ovvero che, in presenza di un semaforo, abbia il segnale di via libera, perché il diritto di precedenza non esonera il conducente dall obbligo di porre la massima attenzione ai pericoli che possano sorgere da comportamenti illeciti Limite di velocità 25

4 IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA RC AUTO o imprudenti tenuti da altri utenti della strada i quali non gli accordino la dovuta precedenza (Cass. pen., IV, 24121/2011). Del resto, la giurisprudenza (Cass /1991, 12789/2000, 40301/2007) ha sempre affermato che l obbligo di ridurre la velocità all approssimarsi a un incrocio e di impegnare con prudenza, a una velocità particolarmente moderata, l area di un crocevia, non ammette deroghe e sussiste a carico di ogni conducente, anche di colui che circoli su una strada che assegni il diritto di precedenza o che, in presenza di un impianto semaforico, abbia il segnale di via libera, poiché, come accennato, il diritto di precedenza non solleva il conducente dall obbligo di porre la massima attenzione riguardo ai pericoli che possano sorgere da comportamenti illeciti o imprudenti da parte di altri utenti della strada che, non attenendosi ai segnali, non gli accordino la dovuta precedenza Circolazione di mezzi militari in zone riservate. L art c.c., pur applicandosi alla circolazione di tutti i veicoli senza far distinzione ed essendo norma di favore per le vittime della circolazione, non ha la funzione di garantire anche la circolazione in un contesto di esercitazioni a mezzo di veicoli militari compiute in zone riservate e chiuse al traffico di veicoli civili. La circolazione stradale di cui all art è dunque diversa dalla circolazione per ragioni di difesa e azione militare, che devono restare riservate e coperte da ragioni di sicurezza nazionale, tanto da determinare l incriminazione degli intrusi. Non è dunque corretto ritenere applicabile, per analogia iuris, la norma dell art c.c. essendo radicalmente diverse le ragioni della circolazione di mezzi militari in una area delimitata e preclusa alla circolazione dei privati e per fini di esercitazione (Cass. 3681/2011) Sinistro avvenuto all estero a un cittadino italiano. In tema di risarcimento danni a persone derivanti da sinistro stradale avvenuto in uno Stato membro (Spagna) diverso da quello di residenza abituale del soggetto danneggiato, quest ultimo può scegliere, ai sensi dell art. 14 del Regolamento CE n. 864/2007, c.d. Roma II, che venga applicato il diritto italiano per la disciplina dell obbligazione risarcitoria (Trib. Varese ). Carattere sussidiario La presunzione di pari responsabilità. La presunzione di pari responsabilità sancita dall art. 2054, co. 2, c.c., ha carattere sussidiario e opera non solo quando non sia possibile stabilire il grado di colpa dei due conducenti, ma anche quando non sia possibile stabilire le cause e le modalità del sinistro; ne consegue che l accertamento

5 Il danno da circolazione di veicoli nell art c.c. della colpa, sia pure grave di uno dei conducenti, non esonera l altro dall onere di provare di aver fatto tutto per evitare l evento, al fine di escludere il concorso di colpa a suo carico (Cass. 8409/2011). L accertata esistenza di alcuni elementi concreti di colpa a carico di uno o di entrambi i conducenti dei veicoli scontratisi non impedisce il ricorso al criterio sussidiario della responsabilità presunta di pari grado di cui all art c.c., quando l impossibilità di accertamento delle circostanze di maggior rilievo influenti sulla dinamica del sinistro non consente di stabilire la misura dell incidenza causale riferibile alla condotta, pur sicuramente colposa, di uno o di entrambi i suoi protagonisti nella determinazione dell evento (Cass. 2327/2011). Diversa graduazione dell apporto causale colposo di ciascun conducente. La regola posta dall art. 2054, co. 2, c.c. non impone di considerare uguale l apporto causale colposo di ciascuno dei conducenti dei mezzi coinvolti in uno scontro soltanto perché non sia stato provato che uno dei due abbia fatto tutto il possibile per evitare il sinistro, ma consente, invece, che la colpa presunta di uno dei due possa concorrere con quella accertata dell altro anche con apporto percentuale diverso da quello paritetico (Cass /2011) Tamponamento a catena: la problematica individuazione delle responsabilità. Ai sensi dell art. 2054, co. 2 c.c., nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli e dalle persone che vi si trovano. La presunzione - giustificata dalla necessità di imporre una particolare prudenza nella circolazione veicolare e dalla difficoltà, in molti casi, di accertare in concreto la responsabilità nella causazione di un sinistro - è applicabile in ogni caso di scontro tra veicoli, a prescindere dalle modalità con cui esso sia avvenuto (Cass. 4754/2004). Essa, inoltre, attiene sia al nesso causale che alla colpevolezza dei conducenti dei veicoli scontratisi, rispetto all incidente. In sostanza, una volta che sia provato lo scontro (presupposto espresso per l applicazione della norma), in difetto di alternativa ricostruzione, si presume che esso sia conseguito in misura paritaria alle condotte di guida dei conducenti dei veicoli scontratisi e che dette condotte sia entrambe colpose (Cass. 3415/1988). In particolare, come la Cassazione ha avuto più volte modo di affermare (Cass. 8646/2003, 7020/1999), la norma trova applicazione anche nell ipotesi di tamponamento c.d. a catena di veicoli in movimento, con conseguente presunzione iuris tantum di colpa in egual misura a carico di entrambi i conducenti di ciascuna coppia di veicoli tamponato e Presunzione di concorso di colpa 27

6 IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA RC AUTO tamponante, qualora non sia fornita da essi la prova liberatoria di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno. Operatività della presunzione solo rispetto ai veicoli intermedi Ipotesi del primo e ultimo veicolo 28 La giurisprudenza ha poi precisato che la presunzione trova applicazione solo con riguardo ai veicoli intermedi, con esclusione del primo e dell ultimo veicolo della colonna (Cass. 935/1995). Questa precisazione deve essere intesa nel senso che la presunzione ex art. 2054, co. 2, c.c. non può trovare applicazione nell ipotesi in cui si discuta della responsabilità per i danni patiti dal primo o dall ultimo dei veicoli della colonna. Nel caso di tamponamento a catena l applicabilità ai veicoli intermedi della presunzione di pari responsabilità è all evidenza giustificata dal fatto che i danni da essi patiti conseguono sia all urto con il veicolo che li precede sia a quello con il veicolo che li segue. In particolare, se rispetto ai danni nella parte posteriore si può affermare che essi sono senz altro imputabili a colpa esclusiva del tamponante (poiché il fatto stesso del tamponamento dimostra che questi non aveva rispettato la distanza di sicurezza), rispetto ai danni subiti nella parte anteriore può affermarsi che essi sono imputabili allo stesso danneggiato (per non avere, a sua volta, rispettato la distanza di sicurezza rispetto al veicolo antistante). In sostanza, in caso di veicolo intermedio, il fatto che l urto sia avvenuto sia nella parte anteriore sia in quella posteriore fa ragionevolmente ritenere, fino a prova contraria, che i danni verificatisi sono imputabili alla scorretta condotta di guida di entrambi i conducenti dei veicoli (in quanto entrambi non rispettosi della distanza di sicurezza rispetto a chi li precedeva) e giustifica, quindi, l applicabilità della presunzione ex art. 2054, co. 2, c.c. Nel caso del primo e dell ultimo veicolo, invece, manca lo scontro, rispettivamente, nella parte anteriore e in quella posteriore del mezzo. Pertanto, quanto al primo veicolo, gli unici danni patiti saranno quelli nella parte posteriore, i quali saranno all evidenza imputabili a colpa esclusiva del tamponante, per non avere rispettato la distanza di sicurezza, mentre nessuna violazione di obblighi di rispetto di distanze di sicurezza sarà ipotizzabile in capo al tamponato (difettando, appunto, un veicolo antistante). Quanto, invece, all ultimo veicolo, è ovvio che gli unici danni patiti saranno posizionati nella parte anteriore del mezzo e saranno in questo caso imputabili a responsabilità esclusiva dello stesso danneggiato, in quanto conseguenti al mancato rispetto da parte sua della distanza di sicurezza rispetto al penultimo veicolo ed in alcun modo imputabili a responsabilità di quest ultimo (atteso che il mancato rispetto della distanza di sicurezza anche da parte di questi rileva all evidenza solo rispetto ai danni da lui

7 Il danno da circolazione di veicoli nell art c.c. stesso subiti, mentre è del tutto irrilevante rispetto ai danni patiti dal veicolo che lo ha tamponato, ovvero dall ultimo della fila). Concludendo, può affermarsi che, in caso di tamponamento a catena, la presunzione di corresponsabilità ex art. 2054, co. 2, c.c. opera tra ciascuna coppia di tamponante e tamponato in riferimento ai danni patiti da tutti i veicoli della colonna, ad eccezione del primo (i cui danni, posti solo sulla parte posteriore, saranno a carico del secondo veicolo) e dell ultimo (i cui danni, posti nella parte anteriore, non sono imputabili al penultimo veicolo, bensì alla condotta del conducente dello stesso veicolo danneggiato). Pertanto, avuto specifico riguardo all ipotesi di scontro tra il penultimo e l ultimo veicolo: la presunzione di corresponsabilità opera senz altro laddove si discuta dei danni patiti dal penultimo veicolo (e da coloro che viaggiavano su di esso), con conseguente onere a carico del proprietario di questo che pretenda l intero risarcimento dei danni patiti di fornire la prova che anche l urto del suo mezzo con quello che lo precedeva (ossia con il terzultimo) è imputabile all ultimo veicolo, prova che potrà considerarsi raggiunta essenzialmente nel caso in cui si accerti che il penultimo veicolo, prima di esser tamponato dall ultimo, si era già fermato dietro al terzultimo, atteso che solo in questo caso non opererebbe a suo carico l obbligo di rispetto della distanza di sicurezza rispetto al mezzo antistante, che sussiste solo in ipotesi di veicoli in movimento; in difetto di detta prova l ultimo veicolo (rectius: il conducente, il proprietario e l assicurazione dell ultimo veicolo) sarà tenuto al risarcimento di metà dei danni patiti dal penultimo veicolo e da coloro che lo occupavano; la presunzione di corresponsabilità non opera laddove si discuta dei danni patiti dall ultimo veicolo, da ritenersi senz altro imputabili esclusivamente all imprudente condotta di guida del suo conducente, per non avere rispettato la distanza di sicurezza rispetto al penultimo veicolo, che lo precedeva (Trib. Mantova, sez. dist. Castiglione delle Stiviere, ) Tamponamento di una colonna di veicoli in sosta. Mentre, come sopra evidenziato, nel tamponamento a catena di autoveicoli in movimento trova applicazione l art. 2054, co. 2, c.c. con conseguente presunzione iuris tantum di colpa in eguale misura in entrambi i conducenti di ciascuna coppia di veicoli (tamponante e tamponato), fondata sull inosservanza della distanza di sicurezza rispetto al veicolo antistante, qualora non sia fornita la prova liberatoria di avere fatto tutto il possibile per evitare il danno, nel caso di scontri successivi fra veicoli facenti parte di una colonna in sosta, unico responsabile delle conseguenze delle collisioni Ipotesi di scontro tra penultimo e ultimo veicolo 29

8 IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA RC AUTO è il conducente che le ha determinate tamponando da dietro l ultimo dei veicoli della colonna (Cass /2008) La ripartizione della responsabilità secondo la normativa europea. Di recente della materia si è occupata anche la Corte di giustizia (sent , causa C-484/2009), secondo la quale la disciplina dell assicurazione della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli, attualmente contenuta in un unica direttiva (direttiva 2009/103/ Cee) nella quale sono state trasfuse le disposizioni dettate dalle direttive emanate tra il 1972 e il 2005, non impedisce di emanare una normativa nazionale che, qualora una collisione tra due veicoli abbia causato danni senza che possa attribuirsi alcuna colpa ai conducenti, ripartisca la responsabilità per tali danni in proporzione al contributo causale di ciascuno dei veicoli al loro verificarsi e, in caso di dubbio, ripartisca detto contributo causale in eguale misura. Nelle pronunce intervenute in tale materia i giudici di Lussemburgo hanno riconosciuto la compatibilità con le regole dell Ue della normativa nazionale che consenta alla parte lesa di proporre ricorso contro l impresa di assicurazione dopo la fissazione di un termine ragionevole di pagamento inferiore al termine di tre mesi dalla richiesta di indennizzo (Corte giust , causa C-447/2004). Per contro, sono state censurate le disposizioni nazionali che: - negano la copertura assicurativa per i danni fisici causati alle persone che viaggiano in una parte di un autoveicolo non progettata né costruita con sedili per passeggeri (Corte giust , causa C-356/05); - negano o limitano in misura sproporzionata, in considerazione della corresponsabilità del passeggero nella causazione del danno subìto, il risarcimento a carico dell impresa di assicurazione (Corte giust , causa C-537/2003) La prova liberatoria. Per integrare la prova liberatoria dalla presunzione di colpa stabilita dall art. 2054, co. 3, c.c., non è sufficiente la dimostrazione che la circolazione del veicolo sia avvenuta senza il consenso del proprietario ma è, al contrario, necessario che detta circolazione sia avvenuta contro la sua volontà, la quale deve manifestarsi in un concreto comportamento ostativo specificamente inteso a vietare e impedire la circolazione del veicolo mediante l adozione di cautele tali che la volontà del proprietario non possa risultare superata (Cass /2011 ha confermato la sentenza di merito la quale aveva escluso che potesse integrare gli estremi della prova

9 Il danno da circolazione di veicoli nell art c.c. liberatoria anzidetta il mero fatto di consegnare, al titolare di autofficina, la vettura priva di assicurazione e bollo di circolazione, in quanto auto d epoca e da collezione). Inoltre, nell ipotesi di scontro tra veicoli, laddove sia stato accertato in concreto che uno dei due conducenti ha tenuto una condotta inequivocabilmente idonea a causare il danno (ad es., perdita del controllo del veicolo e invasione dell opposta corsia di marcia), l impossibilità per l altro conducente di fornire la prova liberatoria non implica l automatico addebito a quest ultimo di un concorso di colpa (Cass /2011). La presunzione di responsabilità paritaria e concorrente, sancita dall art c.c. in caso di scontri tra autoveicoli, si applica infatti nel caso in cui le risultanze probatorie non permettano di accertare in quale misura i conducenti abbiamo contribuito alla collisione. La prova liberatoria incombe su entrambi i soggetti coinvolti. Ciò sta a significare, in base all orientamento prevalente della giurisprudenza, che quando è accertata un infrazione da parte di uno dei conducenti, è necessaria la dimostrazione che l altro abbia rispettato le norme sulla circolazione: - Cass /2008: in tema di responsabilità derivante da circolazione stradale, il giudice che abbia in concreto accertato la colpa di uno dei conducenti non può, per ciò solo, ritenere superata la presunzione posta a carico anche dell altro dall art. 2054, co. 2, c.c., ma è tenuto ad accertare in concreto se l altro conducente abbia o meno tenuto una condotta di guida irreprensibile (nella specie, il giudice di merito aveva attribuito la colpa esclusiva nella causazione di un sinistro stradale al conducente di un ciclomotore che, intendendo svoltare alla propria sinistra, aveva segnalato tale intenzione con il braccio, entrando subito dopo in collisione con un motociclo che, provenendo da tergo, aveva iniziato una manovra di sorpasso a sinistra dell altro mezzo; la suprema corte, rilevato come il giudice di merito non avesse in alcun modo accertato se la condotta del conducente del motociclo si fosse uniformata alle prescrizioni dettate in tema di sorpasso dall art. 148 cod. strada, ha cassato la decisione di merito enunciando il riportato principio); - Cass /2007: in tema di responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli, la presunzione di pari responsabilità stabilita dal comma 2 dell art c.c. in caso di scontro di veicoli, ricorre non solo nei casi in cui sia certo l atto che ha causato il sinistro ma sia incerto il grado di colpa attribuibile ai diversi conducenti, ma anche quando non sia possibile accertare il comportamento specifico che ha causato il danno, con la conseguenza che, in tutti i casi in cui sia ignoto l atto generatore del sinistro, causa presunta dell evento devono ritenersi in eguale misura Accertamento della colpa di uno dei conducenti 31

10 IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA RC AUTO i comportamenti di entrambi i conducenti coinvolti nello scontro anche se solo uno di essi abbia riportato danni; detta presunzione può essere superata unicamente dalla duplice prova, posta a carica del danneggiato, che lo scontro è dipeso dal solo comportamento colposo dell altra parte e che il danneggiato ha fatto tutto il possibile per evitare il danno ; - Cass. 3193/2006: in tema di scontro tra veicoli, l accertamento in concreto della colpa di uno dei conducenti non comporta, di per sé, il superamento della presunzione di colpa concorrente dell altro, all uopo occorrendo che quest ultimo fornisca la prova liberatoria, ovvero la dimostrazione di essersi uniformato alle norme sulla circolazione e a quelle della comune prudenza, e di essere stato messo in condizioni di non potere fare alcunché per evitare il sinistro (nella specie, la suprema corte ha ritenuto censurabile la sentenza di merito perché non aveva accertato se l autovettura procedesse a una velocità non superiore a quella massima vigente all epoca del sinistro e se le condizioni ambientali non richiedessero una velocità inferiore). Invasione di corsia 32 Anche l invasione dell altra corsia commessa da uno dei conducenti non dispensa il giudice dal verificare anche il comportamento dell altro conducente al fine di stabilire se, in rapporto alla situazione di fatto accertata, sussista un concorso di colpa nella determinazione dell evento dannoso (Cass /2004). Tesi minoritaria Sembra discostarsi dall orientamento prevalente Cass. 9550/2009, secondo la quale la presunzione di pari responsabilità dei conducenti può essere superata dall accertamento in concreto che la condotta di uno dei conducenti ha avuto efficacia causale assorbente nella produzione dell evento dannoso; l assenza di colpa dell altro conducente può essere provata anche indirettamente tramite l accertamento del collegamento eziologico esclusivo dell evento dannoso con il comportamento dell altro conducente. Anche Cass. 5226/2006, pur non rinnegando il consolidato principio della presunzione di colpa concorrente anche in caso di accertamento positivo della responsabilità di uno dei conducenti, precisa che nell ipotesi in cui sia concretamente impossibile, per l altro conducente, fornire la dimostrazione di aver tenuto un comportamento conforme alle regole stradali e a quelle della comune diligenza, è escluso che gli si debba automaticamente addebitare un apporto causale colposo. Cass /2007 afferma che la presunzione di responsabilità paritaria e concorrente di cui all art c.c. non opera tutte le volte in cui risulti che il conducente abbia voluto lo scontro con dolo, non potendosi configurare un concorso tra una condotta colposa, da un lato, e una dolosa dall altro.

TAMPONAMENTO A CATENA

TAMPONAMENTO A CATENA TAMPONAMENTO A CATENA Un caso abbastanza classico di incidente stradale, che ha avuto una sua regolamentazione sia stragiudiziale (accordo Ania) che un ampia trattazione giudiziale, è quello del tamponamento

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 19 febbraio 2013, n. 4021

Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 19 febbraio 2013, n. 4021 Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 19 febbraio 2013, n. 4021 Distanza di sicurezza Tamponamento A catena Veicoli in movimento Presunzione di colpa a carico dei conducenti

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

BUCHE STRADALI E DANNO AI VEICOLI E/O ALLE PERSONE: CHE FARE?

BUCHE STRADALI E DANNO AI VEICOLI E/O ALLE PERSONE: CHE FARE? Corpo di Polizia Municipale CITTA DI ALESSANDRIA BUCHE STRADALI E DANNO AI VEICOLI E/O ALLE PERSONE: CHE FARE? E sempre molto ricorrente il caso di motociclisti e pedoni che finiscono per cadere rovinosamente

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno 115 Capitolo VI Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno Sommario: 1. La denuncia di sinistro - 2. La procedura di risarcimento ordinario - 3. La procedura di risarcimento a favore dei

Dettagli

MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE. Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069

MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE. Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069 MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069 Circolazione stradale Incertezze del vigile nella descrizione dell automobile nel verbale di infrazione Multa

Dettagli

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 A cura di Sergio Fucci Giurista e bioeticista, magistrato tributario,

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

PERITI & PERIZIE. manuale per la preparazione dell esame scritto CONSAP RUOLO DEI PERITI ASSICURATIVI

PERITI & PERIZIE. manuale per la preparazione dell esame scritto CONSAP RUOLO DEI PERITI ASSICURATIVI Salvatore Infantino - Alessio Stefano Burato PERITI & PERIZIE manuale per la preparazione dell esame scritto CONSAP RUOLO DEI PERITI ASSICURATIVI Tutti i Questionari d'esame dal 2008 al 2013 commentati

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI di Guido Belli Cultore di diritto civile nell Università di Bologna SOMMARIO: 1. Il risarcimento diretto. 2. Ambito di applicazione. 3. Questioni

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza 13 ottobre 2005-5 maggio 2006, n. 10311 Presidente Carbone Relatore Lo Piano Pm Maccarone conforme Ricorrente Cocco Svolgimento del processo Cocco Salvatore convenne

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 8597/2011 tra

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 8597/2011 tra N. R.G. 8597/2011 S.G. TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 8597/2011 tra e COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI FONDIARIA SAI SPA ATTORE CONVENUTO Oggi 21 ottobre

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 11 aprile

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 750 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PANIZ Introduzione dell articolo 283-bis e modifica all articolo 286 del codice delle assicurazioni

Dettagli

Polizia, incidente stradale in servizio

Polizia, incidente stradale in servizio Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it www.coispnewsportale.it CORTE DEI CONTI SEDE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE

Dettagli

RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione

RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione Seppur brevemente, bisognerà delineare i principi vigenti nell'ambito della responsabilità medica soffermandosi sulla distinzione esistente nella

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO Il Giudice di Pace della VIII sezione civile di Palermo, Dott. Vincenzo Vitale ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

SEMINARIO 18 APRILE 2013 PREPARAZIONE ALLA MOOT COURT

SEMINARIO 18 APRILE 2013 PREPARAZIONE ALLA MOOT COURT Università degli Studi di Pavia Diritto, Scienza e Nuove Tecnologie A.A. 2012/2013 SEMINARIO 18 APRILE 2013 PREPARAZIONE ALLA MOOT COURT Dott.ssa Chiara Boscarato chiara.boscarato@unipv.it La stampa e

Dettagli

L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL

L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL QUALI SONO I DIRITTI DEL LAVORATORE VITTIMA DI INFORTUNIO? La prima missione di ANMIL è informare i lavoratori circa i loro diritti. La particolarità

Dettagli

Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica

Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica RAVVISATA LA RESPONSABILITA' DEI DIRIGENTI SCOLASTICI PER UN

Dettagli

Indagini bancarie aperte a tutti.

Indagini bancarie aperte a tutti. Indagini bancarie aperte a tutti. Ok all uso della presunzione in generale sull attività di accertamento che, pertanto, valgono per la rettifica dei redditi di qualsiasi contribuente autonomo pensionato

Dettagli

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale:

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Anche se di proprietà esclusiva risponde il condominio in persona dell amministratore L art. 1126 cod. civ. Lastrici solari

Dettagli

La culpa in educando e la culpa in vigilando

La culpa in educando e la culpa in vigilando La culpa in educando e la culpa in vigilando Art. 30 della Costituzione E dovere e diritto dei genitori (mantenere, istruire ed) educare i figli. Art. 147 del Codice Civile prevede ( )l obbligo di (mantenere,

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi Avv. Enrico Mordiglia Studio Legale Mordiglia Genova - Milano Inquadramento normativo > Codice della nautica da

Dettagli

Varese, 8 Novembre 2012 Avv. Claudio Casiraghi

Varese, 8 Novembre 2012 Avv. Claudio Casiraghi Varese, 8 Novembre 2012 Avv. Claudio Casiraghi Lo stato dell arte in materia di responsabilità medica e le specificità della Day Surgery nel contenzioso da malpractice: -Il nesso di causalità -L elemento

Dettagli

I movimenti franosi da fondi finitimi alle strade appartenenti a pubblico demanio Ipotesi di responsabilità

I movimenti franosi da fondi finitimi alle strade appartenenti a pubblico demanio Ipotesi di responsabilità I movimenti franosi da fondi finitimi alle strade appartenenti a pubblico demanio Ipotesi di responsabilità Dirigente della Avvocatura Provinciale di Vicenza La disciplina civilistica dei rapporti di responsabilità

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

La Collazione Ereditaria.

La Collazione Ereditaria. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com La collazione è l atto con il quale determinati soggetti, che hanno accettato l eredità conferiscono alla massa ereditaria le liberalità ricevute in vita

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. Sentenza 11 febbraio 2010, n. 3108. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. Sentenza 11 febbraio 2010, n. 3108. Svolgimento del processo L'assicurazione deve risarcire il danno per l incendio di un veicolo in sosta Cassazione civile, sez. III, sentenza 11.02.2010 n. 3108 (Giuseppe Mommo) La copertura assicurativa obbligatoria, riguarda

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI T.A.R. Campania Salerno, 28 gennaio 2013, n. 235 Il mutato senso estetico consente oggi di considerare

Dettagli

MASSIME CIVILI OBBLIGAZIONI E CONTRATTI. Corte di Cassazione Sez. III civ. 15 Maggio 2013, n 11774 (Pres.

MASSIME CIVILI OBBLIGAZIONI E CONTRATTI. Corte di Cassazione Sez. III civ. 15 Maggio 2013, n 11774 (Pres. MASSIME CIVILI OBBLIGAZIONI E CONTRATTI Corte di Cassazione Sez. III civ. 15 Maggio 2013, n 11774 (Pres. G.M. Berruti; Rel. G. Carleo) Obbligazioni e contratti Giocata Biglietto vincente Smarrimento del

Dettagli

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

Oggetto: richiesta di risarcimento danni - sinistro del in località - targa della controparte

Oggetto: richiesta di risarcimento danni - sinistro del in località - targa della controparte 43 Fase stragiudiziale Form. 14 14 Richiesta di risarcimento danni del pedone (art. 148, D.Lgs. 209/2005) Ass.ni S.p.A. Via n. (sede legale) Ass.ni S.p.A. Agenzia di Via n. Racc. A.R. Oggetto: richiesta

Dettagli

Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 18 novembre 2014, n. 24472

Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 18 novembre 2014, n. 24472 Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 18 novembre 2014, n. 24472 Pedoni - Circolazione dei pedoni Attraversamento fuori delle strisce pedonali - Condotta anomala del pedone

Dettagli

La responsabilità civile

La responsabilità civile La responsabilità civile Responsabilità contrattuale (art. 1218 cc) Scaturisce da qualsiasi rapporto obbligatorio già precostituito. Il Medico generalista si obbliga ad eseguire una prestazione professionalmente

Dettagli

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO 1. Una paziente si sottopone presso il Policlinico Umberto I di Roma ad un intervento di settorinoplastica per risolvere un problema di disfunzione respiratoria

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA GRAZIE PER AVER SCARICATO LA MIA GUIDA ALLA GESTIONE DELLE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA QUESTA GUIDA,

Dettagli

Cassazione Penale - Sez. III n. 11820 del 13 marzo 2013

Cassazione Penale - Sez. III n. 11820 del 13 marzo 2013 Responsabilità del comproprietario per opere su area in comunione di Avv. Rosa Bertuzzi. inviato il 13 aprile 2013 Cassazione Penale - Sez. III n. 11820 del 13 marzo 2013 Il comproprietario ha il potere

Dettagli

MASSIME CIVILE PROCEDURA CIVILE. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 27 Settembre 2013, n 22240 (Pres.

MASSIME CIVILE PROCEDURA CIVILE. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 27 Settembre 2013, n 22240 (Pres. MASSIME CIVILE PROCEDURA CIVILE Corte di Cassazione Sez. VI civ. 27 Settembre 2013, n 22240 (Pres. Goldoni; Rel. Giusti Procedura civile Lite temeraria Inosservanza del dovere di lealtà e probità - Ricorrenza

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01

Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1) L attivita legale esterna- Outsorcing D impresa Un azienda all avanguardia per migliorare la propria produttività

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. ALFREDO CARBOGNANI ha pronunziato la seguente SENTENZA Nella

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari.

Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari. Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari Bologna 2014 Le novità normative art. 3, primo comma, legge n. 189/2012

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA 28 settembre 2012, n.16520 Persona danneggiata non è solo la vittima diretta dell'incidente, ma anche i prossimi congiunti o gli aventi

Dettagli

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1.1 Attività di consulenza e gestione

Dettagli

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices.

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com I progressi in campo scientifico hanno determinato un miglioramento

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 AMBITO ASSICURARSI COME. CIRCA IL PROBLEMA DELLA COLPA GRAVE NELL'ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO: PROBLEMI DI COPERTURA ASSICURATIVA. Responsabilità del

Dettagli

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA Novità Aprile 2014 Con Rassegna delle più significative sentenze suddivisa in base alle più importanti e attuali questioni giurisprudenziali Patrimoniale Non patrimoniale Biologico Morale Esistenziale

Dettagli

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini Con l allocuzione di responsabilità in medicina si intende la consapevolezza dell impegno assunto o di un comportamento, correlata alle funzioni

Dettagli

1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie;

1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie; 1991 - sentenza Francovich: responsabilità dello Stato per omesso recepimento delle direttive comunitarie; 1993 - sentenza Brasserie du Pecheur: 1) le condizioni fissate per il risarcimento del danno a

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura 2015/2016

I venerdì dell Avvocatura 2015/2016 Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura 2015/2016 La responsabilità civile connessa alla cura dei bambini Dott.ssa Cassano Cicuto Giudice del Tribunale di Milano 20 maggio 2016 Curia Arcivescovile

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 1 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese CHIARA SOMARE Avvocato STUDIO LEGALE I - 20122 MILANO - VIA CURTATONE,

Dettagli

Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 31 marzo 2016. a cura di DIANA SELVAGGI

Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 31 marzo 2016. a cura di DIANA SELVAGGI Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 31 marzo 2016 a cura di DIANA SELVAGGI 1. Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza n. 6023 del 25 marzo 2016: locazione, opzione e prelazione di immobili

Dettagli

I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario. a cura di. Riccardo Bucci. Dottore in Diritto

I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario. a cura di. Riccardo Bucci. Dottore in Diritto I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario a cura di Riccardo Bucci Dottore in Diritto 1 I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario Il tema della responsabilità del

Dettagli

ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA

ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA IL QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO Il Decreto Balduzzi - L. 8 novembre 2012 n.189 Art. 3 1 L'esercente

Dettagli

DANNI DA RESPONSABILITA' (OGGETTIVA?) DI CHI SI SERVE DELL'ANIMALE Riccardo MAZZON

DANNI DA RESPONSABILITA' (OGGETTIVA?) DI CHI SI SERVE DELL'ANIMALE Riccardo MAZZON DANNI DA RESPONSABILITA' (OGGETTIVA?) DI CHI SI SERVE DELL'ANIMALE Riccardo MAZZON P&D.IT La responsabilità oggettiva per il danno causato dall'animale non riguarda solo il proprietario, ma anche chi eventualmente

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

Oggetto: Responsabilità del datore di lavoro per l utilizzo dell autovettura privata del dipendente per esigenze di servizio.

Oggetto: Responsabilità del datore di lavoro per l utilizzo dell autovettura privata del dipendente per esigenze di servizio. Udine, 24 marzo 2016 Oggetto: Responsabilità del datore di lavoro per l utilizzo dell autovettura privata del dipendente per esigenze di servizio. Circolare numero 012/2016 In sintesi Accade frequentemente

Dettagli

Responsabilità dei soggetti coinvolti - impianti di distribuzione gas medicinali

Responsabilità dei soggetti coinvolti - impianti di distribuzione gas medicinali Responsabilità dei soggetti coinvolti - impianti di distribuzione gas medicinali Ancona, 28 giugno 2007 Direzione Affari Legali Premessa Obiettivo delle normativa sui dispositivi medici - M.D. - è perseguire

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it OPINIONI CONTRASTANTI: IL VALORE DELL AZIENDA RISPETTO

Dettagli

Guida per l assicurato AXA sul RISARCIMENTO DIRETTO

Guida per l assicurato AXA sul RISARCIMENTO DIRETTO Guida per l assicurato AXA sul RISARCIMENTO DIRETTO 1 INDICE - Che cosa cambia in pratica con il risarcimento diretto? - Cosa è utile fare al momento del sinistro? - Come fare a denunciare l incidente?

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 4 maggio

Dettagli

IL CONCORSO E LA SOLIDARIETA NEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI

IL CONCORSO E LA SOLIDARIETA NEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI IL CONCORSO E LA SOLIDARIETA NEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI Fra i principi basilari in tema di illeciti amministrativi in materia di lavoro occupano un posto di rilievo quelli relativi al concorso di più

Dettagli

FLAVIO PECCENINI CIRCOLAZIONE DEIVEICOLI. EESPONSABILITÀ E ASSICURAZIONE

FLAVIO PECCENINI CIRCOLAZIONE DEIVEICOLI. EESPONSABILITÀ E ASSICURAZIONE FLAVIO PECCENINI CIRCOLAZIONE DEIVEICOLI. EESPONSABILITÀ E ASSICURAZIONE CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI 2004 INDICE SOMMARIO Introduzione Pag. XIII PARTE PRIMA Capitolo Primo I VEICOLI E LA CIRCOLAZIONE

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

MASSIME CIVILE LOCAZIONE. Corte di Cassazione Sez. III civ. 18 Ottobre 2012, n 17887 (Pres. F.

MASSIME CIVILE LOCAZIONE. Corte di Cassazione Sez. III civ. 18 Ottobre 2012, n 17887 (Pres. F. MASSIME CIVILE LOCAZIONE Corte di Cassazione Sez. III civ. 18 Ottobre 2012, n 17887 (Pres. F. Trifone; Rel. A. Ambrosio) Locazione Equo canone Classamento dell unità immobiliare Secondo consolidata giurisprudenza

Dettagli

Il Dlgs 3 aprile 2006, n. 152

Il Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 Il danno ambientale Il Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 recante "Norme in materia ambientale" stabilisce nella sua "Parte sesta" le regole relative a prevenzione e risarcimento dei danni ambientali. Regole fondamentali

Dettagli

GUIDA ALLA RC PATRIMONIALE DEGLI ENTI PUBBLICI

GUIDA ALLA RC PATRIMONIALE DEGLI ENTI PUBBLICI GUIDA ALLA RC PATRIMONIALE DEGLI ENTI PUBBLICI File : RC PATRIMONIALE ENTI Pag. 1 a 5 PREAMBOLO Negli ultimi anni la responsabilità nella P.A. ha assunto sempre maggiore rilievo, soprattutto a seguito

Dettagli

ORDINANZA N. 336 ANNO 2010 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE

ORDINANZA N. 336 ANNO 2010 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE ORDINANZA N. 336 ANNO 2010 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Ugo DE SIERVO Presidente - Paolo MADDALENA Giudice - Alfio FINOCCHIARO " - Alfonso

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

Società cooperative e studi di settore di Sara Armella

Società cooperative e studi di settore di Sara Armella Società cooperative e studi di settore di Sara Armella Un tema spesso controverso e dibattuto, che ogni anno torna di grande attualità con la presentazione della dichiarazione dei redditi, è quello dell

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO PISA, 13.04.2013 LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO IL PUNTO DI VISTA DEL BROKER ASSICURATIVO 1 Il contratto individuato dalla Corte di Cassazione quale fondamento della struttura

Dettagli

23 aprile 2009 Corte di Cassazione, Sez. Lav., n. 9698

23 aprile 2009 Corte di Cassazione, Sez. Lav., n. 9698 23 aprile 2009 Corte di Cassazione, Sez. Lav., n. 9698 Il comportamento imprudente del lavoratore danneggiato nella dinamica dell infortunio se, da un lato, non esclude la responsabilità del datore di

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE SENTENZA n.3863/2004 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE SENTENZA n.3863/2004 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE SENTENZA n.3863/2004 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Il giorno 11 settembre 1991 dall area di parcheggio adiacente all aeroporto di Malpensa, gestito dalla S.r.l

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

Corte di Cassazione Sentenza n. 12516/2012

Corte di Cassazione Sentenza n. 12516/2012 Violazione dell obbligo di assistenza familiare Non è penalmente rilevante una condotta di omessa assistenza materiale che attenga a una mancata contribuzione economica che tuttavia non si risolva nell

Dettagli

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Nell ambito del sistema di accertamento nei confronti delle persone fisiche, trovano nuova linfa le disposizioni che definiscono

Dettagli

STUDIO LEGALE BOGLIONE IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012

STUDIO LEGALE BOGLIONE IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012 A VV. I TALO PARTENZA IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012 Il lontano passato: responsabilità extracontrattuale Il paziente che si riteneva danneggiato

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli