SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO. Comunicare la pace MOVIMENTO SHALOM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO. Comunicare la pace MOVIMENTO SHALOM"

Transcript

1 SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO Comunicare la pace MOVIMENTO SHALOM Settore ed area di intervento del progetto: Educazione e promozione culturale Educazione alla pace Numero dei volontari da impiegare nel progetto: 4 Sede Città Indirizzo N volontari MOVIMENTO SHALOM SAN MINIATO San Miniato (PI) Via Carducci 4, Numero ore di servizio settimanali dei volontari, ovvero monte ore annuo: 30 Giorni di servizio a settimana dei volontari: 6 Descrizione contesto territoriale Il territorio in cui si inserisce il progetto è quello della Toscana centrale, dove il Movimento Shalom svolge attività in 14 comuni situati all interno delle province di Firenze, Pisa, Pistoia, Prato e Massa Carrara. I comuni raggiunti dalle attività, in base ai dati forniti dalla Regione Toscana aggiornati al 2010, hanno un totale di abitanti così suddivisi: Numero abitanti Abitanti in età scolare (5-18 anni) Abitanti di anni Scuole pubbliche (infanzia, primaria, secondaria di 1 e 2 grado) (FI) Castelfiorentino (FI) Cerreto Guidi (FI) Fucecchio (MS) Carrara (MS) Fivizzano (MS) Pontremoli (PI) Montopoli v/arno (PI) Palaia (Forcoli) (PI) Ponsacco (PI) Pontedera (PI) San Miniato (PI) Santa Croce s/arno (Staffoli) (PO) Prato (PT) Larciano TOTALE L'Italia, e il territorio toscano nello specifico con circa 350 mila residenti stranieri, vive in questo nuovo millennio un fenomeno di crescente migrazione, che porta sul nostro territorio lingue e culture diverse e che porta quindi la popolazione residente, soprattutto quella giovanile, di fronte alla nuova sfida dell integrazione e interazione culturale e sociale. Infatti gli stranieri residenti in Toscana (dati ISTAT 2013) sono (il 9,7% del totale della popolazione residente); in particolare, nelle province interessate dalle attività del Movimento Shalom i dati ISTAT registrano: Firenze residenti stranieri (11% del totale) Pisa (8,5%) Massa (6,2%)

2 Pistoia (8,6%) Prato (14%) La comunità straniera più numerosa è quella proveniente dalla Romania con il 21,2% di tutti gli stranieri presenti sul territorio, seguita dall'albania (18,8%) e dalla Repubblica Popolare Cinese (8,7%). Questa realtà si riflette quindi in primo luogo nella scuola: questi i dati sugli alunni con cittadinanza non italiana presenti nelle scuole MIUR) Pisa Firenze Pistoia Prato Massa TOSCANA Infanzia (15%) (9,5%) (20,1%) (11,6%) (12,6%) (20,5%) Primaria (8,8%) (33,8%) (11,6%) (14,8%) (12,4%) (21,8%) Secondaria I grado (16%) (9,1%) (22,3 %) (13,3%) (13,0%) (23,3%) Secondaria II grado (6,3%) (23,8%) TOTALE (8,0%) (11%) (11,2%) (14%) (9,1%) (11,5%) (13,7%) (19,7%) (8,2%) (12,4%) E quindi chiaro che l arrivo di studenti stranieri rappresenta un dato strutturale in costante aumento, e la scuola diventa il primo luogo culture diverse si trovano a convivere ed integrarsi. Il Progetto Scuola del Movimento Shalom propone pertanto dei percorsi per le scuole primarie e secondarie di conoscenza ed integrazione di culture diverse. Descrizione del contesto settoriale La presenza straniera e immigrata sul territorio in oggetto fa sì che l'incontro con il diverso non è quindi più limitato ad eventi episodici, ma rientra nelle situazioni di vita quotidiana, e possiamo affermare di vivere ormai in un territorio multiculturale. Occorre però fare una precisazione: il termine multiculturale indica una situazione e una condizione, ha carattere descrittivo e definisce una realtà in cui sono presenti individui e gruppi di etnie e culture diverse; la parola interculturale ha carattere dinamico e prende in considerazione le relazioni che vengono a determinarsi tra diversi individui o gruppi. Secondo l Unesco "chi dice interculturale dice necessariamente - se dà tutto il suo senso al prefisso inter-interazione - scambio, apertura, reciprocità, solidarietà obiettiva. Dice anche, dando il pieno senso al termine cultura, riconoscimento dei valori, dei modi di vita, delle rappresentazioni simboliche alle quali si riferiscono gli esseri umani, individui e società, nelle loro relazioni con l'altro e nella loro comprensione del mondo, riconoscimento delle loro diversità, riconoscimento delle interazioni che intervengono di volta in volta tra i molteplici registri di una stessa cultura e fra differenti culture, nello spazio e nel tempo" (Unesco 1980). Le riforme scolastiche che si sono susseguite in questi anni hanno posto una crescente attenzione sul tema dell integrazione, della cittadinanza attiva e sulla necessità di formare cittadini consapevoli, autonomi, in grado di impegnarsi personalmente all interno della propria società, ma molto è ancora da fare in questa direzione. E quindi fondamentale collaborare con le scuole per la progettazione di specifiche iniziative in grado di accompagnare gli studenti in percorsi di riflessione su questi temi. Le scuole e gli organi statali possono purtroppo solo in parte sopperire a tali necessità, a causa talvolta di mancanza di risorse e della necessità per le insegnanti di seguire programmi didattici non sempre aggiornati alle nuove necessità. In relazione proprio al mondo giovanile è importante tenere presente quanto, anche su questi territori, la crisi, economica ma non solo, che sta attraversando la nostra società stia creando una situazione di disagio soprattutto nei giovani, che vivono in un mondo dominato da un senso crescente di insicurezza. Questa condizione li porta a assumere atteggiamenti negativi e comportamenti scorretti, manifestando forme di rifiuto verso una società dalla quale non si sentono compresi e dalla quale vogliono escludersi. Il rischio da un lato è quello appunto dell emarginazione sociale, dall altro quello forse peggiore della nascita di forme di aggregazione a scopo difensivo, con atteggiamenti aggressivi e talvolta violenti nei confronti degli altri. Occorre quindi offrire diverse forme di aggregazione positiva, che incanalino le loro energie verso la collaborazione, il sostegno e la solidarietà. Qualsiasi azione di sensibilizzazione e coscentizzazione, del mondo giovanile in particolare, deve tenere conto dell importanza della comunicazione. In considerazione del target di riferimento, perché sia veramente efficace la comunicazione deve avvenire non solo attraverso i media tradizionali ma anche e soprattutto attraverso i nuovi media tra cui spiccano i social network come Facebook e Twitter. Questi strumenti, che si configurano come luoghi d incontro e di scambio di idee, propongono anche servizi sofisticati, come condivisione di contenuti, messaggistica e pubblicazione di foto e video. Fino a ieri infatti la società si è nutrita di notizie diffusi da centri di informazioni centralizzate, oggi invece il ricevente interagisce in tempo reale con la notizia, può chiedere approfondimenti, smentire, diffondere, criticare o elogiare. La divulgazione delle informazione e la connessa attività di sensibilizzazione nei confronti della società civile, sono

3 due aspetti fondamentali al fine di sensibilizzare l opinione pubblica sulle tematiche verso cui ci si rivolge per poter crescere e potenziare la capacità di intervento. Occorre confrontarsi con i nuovi canali e strumenti di comunicazione social che consentono, se sapientemente utilizzati, visibilità più ampia, maggiore interazione e networking ed un effetto moltiplicatore, reso possibile da velocità, semplicità e immediatezza di questi mezzi, in termini di possibili risultati da raggiungere. Cosciente di queste realtà e di queste problematiche, il Movimento Shalom Onlus opera da 40 anni con una forte presenza sul territorio, consolidata dall alto numero di sostenitori (20490) e di volontari attivi (2327) e dalle diverse attività realizzate sul territorio. L impegno del Movimento Shalom sul territorio è quello di promuovere la sensibilizzazione della cittadinanza, e in particolare dei giovani, ai temi della cittadinanza attiva e della solidarietà internazionale. A tale scopo vengono organizzati annualmente eventi di sensibilizzazione alla solidarietà e alla pace (sintetizzati nella griglia successiva) rivolti a tutta la cittadinanza con l'obiettivo di presentare le realtà dei paesi in via di sviluppo in cui il Movimento opera e di riflettere insieme sulle forme e sui risultati della cooperazione. Inoltre, il Movimento è impegnato nella promozione dei valori del volontariato sociale in particolare tra i giovani affinché gli interventi di sensibilizzazione non restino fini a se stessi, ma diventino proposte concrete e opportunità di cambiamento. Servizio Settore Comuni Organizzazione iniziative sociali (Festa della pace e Festa della Mondialità) Progetto scuola: incontri di sensibilizzazione nelle scuole Campi estivi Incontri di formazione e socializzazione con i giovani Diffusione e sensibilizzazione attraverso diversi media Socioculturale Socio - educativo Ludico - educativo Ludico - educativo Socio - informativo Tot. Abitanti Popolazione coinvolta in percentuale Collegalli e Firenze Rivolte a tutta la popolazione San Miniato, Pontremoli, Castelfiorentino, Montopoli v/arno, Fucecchio, Larciano, Pontedera, Prato, Carrara Collegalli (San Miniato) e Fivizzano (Massa Carrara) San Miniato, Cerreto Guidi, Forcoli, Fucecchio, Ponsacco, Pontedera, Staffoli Su tutto il territorio italiano (% 5-18 anni) 12.5 ( unità) (% 5-18 anni) 12,1 (4453 unità) (% 5-25 anni) 20,2 ( unità) Rivolto a tutta la popolazione In particolare, il Movimento Shalom ha fatto della sensibilizzazione alle tematiche della pace, della solidarietà sociale e della cooperazione internazionale un tema centrale; lo statuto afferma infatti che Scopo dell associazione è lo svolgimento di attività di volontariato, prestata in modo personale, spontaneo e gratuito dai suoi aderenti, per fini esclusivamente umanitari, culturali ed educativi. L opera degli associati è diretta a promuovere la mondialità, la giustizia, l uguaglianza, la pace, nonché la difesa e l attuazione pratica dei diritti umani. Per il raggiungimento delle sue finalità il Movimento Shalom opererà nell ambito di iniziative sociali, culturali, umanitarie, sportive e ricreative. Oltre alle varie iniziative organizzate dai gruppi sparsi sul territorio, la sede del Movimento Shalom organizza annualmente due importanti eventi di sensibilizzazione nei comuni di Collegalli (PI) e Firenze: da quasi 40 anni il Movimento organizza due eventi di sensibilizzazione verso i temi della cooperazione internazionale e della solidarietà: la Festa della Pace si svolge ogni anno il 1 maggio presso la residenza di Collegalli, mentre la festa della Mondialità si svolge ogni anno l 8 dicembre in una sala messa a disposizione dal Comune di Firenze. Queste feste, che hanno l obiettivo di diffondere il messaggio di pace e solidarietà del Movimento presso un pubblico più ampio, prevedono conferenze da parte di docenti e personalità locali, presentazioni di progetti e libri, discussioni sulle tematiche che vengono individuate ogni anno: nel 2013 la Festa della pace ha avuto come oggetto il tema della Festa e pace, mentre la Festa della Mondialità il tema Razzismo, integrazione e cooperazione. Gli operatori impiegati nell organizzazione sono stati circa 45 tra operatori e volontari del Movimento durante la Festa della Pace del 2013 e 13 durante la Festa della Mondialità sempre per il 2013, mentre in termini di pubblico le due manifestazioni hanno contato un totale di circa 700 unità. In relazione all attività educativa nei confronti dei giovani, il Movimento Shalom dal 2002 è attiva con il Progetto Scuola, per sensibilizzare bambini e ragazzi ai valori della fratellanza attraverso tracciati educativi interattivi. L obiettivo primario è coinvolgere gli studenti delle scuole primarie e secondarie in un percorso di crescita attraverso la conoscenza di diverse realtà giovanili, dove il diritto

4 all alimentazione, all istruzione e alla salute è solo un sogno. La testimonianza diretta, la proiezione di filmati, la divulgazione di progetti di cooperazione sono strumenti didattici per promuovere una nuova cultura di cittadinanza globale. L iniziativa prevede incontri di sensibilizzazione nelle scuole nei comuni di Carrara, Pontremoli, Pontedera, Empoli, Fucecchio, Larciano, San Miniato. I giovani sono coinvolti anche al di fuori dal contesto scolastico: il Movimento Shalom si impegna da 40 anni nell offrire ai giovani momenti di aggregazione come campi estivi, corsi di formazione e incontri con i giovani per creare momenti di riflessione e di condivisione. Il successo dei campi è legato al percorso che si sviluppa prima della realizzazione degli stessi, con educatori ed animatori che settimanalmente incontrano i ragazzi non limitandosi a fornire parentesi ludiche ma affiancando le famiglie nel garantire loro una crescita sana. Le attività sportive e ludiche, animazione musicale, escursioni e attività formative che vengono proposte hanno l'obiettivo di educare i ragazzi e i giovani al rispetto, alla tolleranza, alla difesa dei diritti umani, al rispetto dell ambiente, promuovere il protagonismo e la creatività dei partecipanti e favorire la socializzazione, l incontro e la conoscenza. Nel 2013 i campi estivi hanno coinvolto circa 380 giovani (210 nella sede di Collegalli e 170 a Fivizzano). Inoltre il Movimento Shalom organizza nei comuni di San Miniato, Cerreto Guidi, Forcoli, Fucecchio, Ponsacco, Pontedera, Staffoli incontri di formazione settimanali e altre attività con i giovani (escursioni, partite di calcetto, realizzazione di musical e altri spettacoli teatrali, feste ecc.) che hanno coinvolto 40 operatori e raggiunto 500 giovani tra i 18 e i 25 anni. Si tratta di esperienze importanti non solo per le competenze acquisite nella gestione di gruppi e di organizzazione di attività, ma anche di riflessione all interno di un percorso di crescita umana a personale. Destinatari e Beneficiari Destinatari diretti degli interventi di questo progetto saranno in primo luogo i giovani coinvolti nelle iniziative di formazione e sensibilizzazione del Movimento. In particolare: oltre 1400 bambini delle scuole elementari e medie; oltre 800 adulti sul territorio parteciperanno agli eventi di sensibilizzazione e verranno raggiunti dai mezzi di comunicazione oltre 900 giovani potranno beneficiare delle attività di formazione e di socializzazione. Beneficiari indiretti delle azioni previste saranno - le popolazioni in difficoltà nei paesi in via di sviluppo dove si svolgono progetti di cooperazione allo sviluppo e, in generale, la comunità tutta, che potrà acquisire maggiore coscienza critica e sensibilità sulle tematiche proposte e conseguentemente svolgere un ruolo maggiormente attivo. Obiettivi del progetto Il presente progetto si inserisce nell ambito di un più vasto programma di sensibilizzazione e informazione verso le tematiche di integrazione e intercultura attraverso attività e iniziative volte ad accrescere la consapevolezza e la sensibilità della cittadinanza locale rispetto alle tematiche della solidarietà internazionale e della necessità di creare un senso di responsabilità sociale, stimolando la cittadinanza attività attiva. Gli obiettivi generali del progetto sono quindi educare alla conoscenza dei diritti della persona, dei popoli e delle altre culture attraverso i nuovi mezzi di comunicazione, sviluppare la capacità di dialogo e mediazione. Gli obiettivi specifici sono: orientare alla solidarietà, all integrazione e all intercultura alunni degli istituti scolastici della provincia, attraverso incontri di sensibilizzazione e formazione, incrementando del 20% sia il numero di incontri che gli alunni contattati finora aumentare la sensibilità di 800 adulti del territorio, sui temi dell integrazione, dell intercultura e della solidarietà internazionale attraverso interventi di sensibilizzazione della cittadinanza, attraverso la realizzazione di due eventi di sensibilizzazione e la diffusione a mezzo stampa e pubblicazione di contenuti online (250 uscite su stampa e 6000 like sui social network), coinvolgendo 260 nuovi volontari. sensibilizzare i 900 giovani del territorio sui temi della solidarietà, della integrazione culturale e del rispetto del prossimo e dell ambiente attraverso attività sociali e culturali come escursioni, giochi, animazione musicale e sportiva promosse all interno dei campi estivi, corsi di formazione, eventi e incontri settimanali. Attività previste e ruolo ed attività previste per i volontari Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Azione 1: Informare i giovani delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado attraverso incontri e percorsi educativi sulle tematiche di integrazione e intercultura e della cooperazione, della pace, dei diritti umani e della solidarietà

5 Attività 1: Ideazione di n. 10 percorsi per le scuole dei diversi ordini per sensibilizzare gli studenti sul volontariato, la cooperazione e la solidarietà internazionale Attività 2: Gestione n. 70 contatti con le scuole elementari e medie del territorio per gli incontri da realizzare Attività 3: Creazione dei materiali da presentare durante gli incontri, adeguati al tipo di pubblico in base all età e al tipo di scuola (slide, video, presentazioni, laboratori) Attività 4: Organizzazione di circa 35 incontri durante il quale i ragazzi vengono informati attraverso video e/o fotografie della condizione dei loro coetanei in uno dei paesi più poveri del mondo, il Burkina Faso (Africa), mostrando una giornata tipo di un ragazzo burkinabè. Successivamente vengono invitati ad evidenziare le differenze fra il loro vissuto e quello dei ragazzi oltre Oceano e a fare proposte per cambiare lo stato delle cose. Al termine dell incontro vengono assegnati dei compiti da svolgere che costituiranno il tema del II incontro. Attività 5: realizzazione del II incontro presso le medesime classi per la realizzazione dei compiti assegnati durante il primo incontro (realizzazione teatrale di una favola o di una esperienza, recita di poesie, mostra fotografica o di disegni realizzati dai bambini). Azione 2: Promuovere eventi sociali di sensibilizzazione (Giornata della pace a Collegalli, Festa della Mondialità) Attività 1: Individuazione delle tematiche da affrontare durante i 2 eventi annuali del Movimento Shalom e organizzazione degli eventi Attività 2: Avvio e gestione dei contatti con le istituzioni ed i relatori e organizzazione congiunta della campagna di informazione e delle iniziative legate agli eventi Attività 3: redazione di comunicati stampa di presentazione e promozione dell iniziativa da diffondere presso i canali del Movimento (sito, social) e i canali esterni (giornali cartacei e online) Attività 4: Realizzazione di materiale pubblicitario, creazione dell evento sui social, diffusione dell evento sui social e attraverso la mailing, list, preparazione di materiale di supporto all evento Attività 5: supporto e coordinamento durante l evento stesso (supporto ai relatori nella proiezione immagini e/o video, seguire sui social gli eventi attraverso la creazione di hashtag specifici, condivisione immagini dell evento) Attività 6: comunicato stampa e redazione di articoli sugli eventi da diffondere sul portale e sulle testate locali Azione 3: Informare e sensibilizzare attraverso la pubblicazione cartacea e online di contenuti volti a sensibilizzare e coinvolgere la popolazione a proposito dei temi della solidarietà sociale, dell integrazione culturale e della cooperazione internazionale Attività 1: raccolta e sistematizzazione di materiali sulle tematiche di integrazione e intercultura, Cooperazione internazionale, volontariato, Diritti umani, Educazione alla pace dalle strutture Attività 2: Creazione di documenti, articoli, dossier, materiali da pubblicare sul sito web e su una pubblicazione bimestrale creata appositamente per il progetto Attività 3: Promozione delle tematiche di progetto su profili e pagine esistenti sui principali social network Attività 4: gestione dei profili Facebook e Twitter Attività 5: apertura di nuovi canali social (YouTube, e altri) Attività 6: aggiornamento della mailing list con le nuove richieste Attività 7: Redazione di una newsletter quindicinale da diffondere attraverso gli indirizzari già esistenti in Federazione, che tenga informati i destinatari su news, eventi e argomenti inerenti le tematiche del progetto Attività 8: Creazione di materiale promozionale e informativo sulle tematiche di progetto da diffondere sia in formato digitale che cartaceo Attività 9: aggiornamento quotidiano del sito sulle iniziative del Movimento Attività 10: Ufficio stampa sulle tematiche specifiche sia sulla stampa nazionale che attraverso il contatto diretto con le testate locali Attività 11: rassegna stampa sulle tematiche specifiche Azione 4: Informare e formare i giovani attraverso campi estivi e incontri di formazione Attività 1: organizzazione e realizzazione dei campi estivi presso le sedi di Collegalli e Fivizzano per i mesi di luglio e agosto Attività 2: realizzazione di materiale informativo sui temi della solidarietà, del volontariato, della cooperazione e dei diritti umani da distribuire durante gli incontri di formazione

6 Attività 3: Progettazione e gestione di N. 5 percorsi formativi per volontari sulle tematiche della cooperazione e della solidarietà al fine di formare e selezionare gli educatori per campi estivi. Attività 4: organizzazione di N. 10 attività sociali per favorire la cooperazione e il supporto tra i giovani (trekking, musical, feste) Partner: Il progetto si realizza attrevrso i seguenti partenariati. In partenariato con l Associazione Il mondo che vorrei con sede a Ponsacco, che collaborerà nelle seguenti attività di supporto: messa a disposizione di propri volontari per l organizzazione e la realizzazione dei campi estivi partecipazione alla diffusione e alla realizzazione delle attività giovanili invio periodico di news legate alle iniziative dedicate ai giovani del territorio per la pubblicazione su periodico, sito e altri canali di cui dispone il Movimento Shalom. In partenariato con la COMAS Grafica, C.F , verranno realizzate le seguenti attività inerenti il progetto in oggetto: Ideazione ed elaborazione di strumenti comunicativi: locandine, manifesti, depliant, brochure; Impaginazione ed elaborazione grafica materiale e sussidi didattici; Realizzazione grafica pannelli espositivi e mostre fotografiche promozionali. In partenariato con lo Studio Idea Comunicazione, p.iva , verranno realizzate le seguenti attività inerenti i progetto in oggetto: Progettazione e realizzazione di pagine WEB; Consulenza per le strategie di comunicazione tramite social network; Formazione sull utilizzo strumenti e linguaggio web. In partenariato con We Com s.r.l., C.F , verranno realizzate le seguenti attività inerenti i progetti in oggetto: Progettazione e realizzazione di pagine WEB Supporto alla strategia di comunicazione tramite social network Formazione sull utilizzo strumenti e linguaggi web. In partenariato con CICSENE, C.F , saranno realizzate le seguenti attività inerenti i progetti in oggetto: Realizzazione di Campagne di Promozione Realizzazione di Campagne di Sensibilizzazione Realizzazione di Campagne Informative Formazione dei volontari internazionali e degli esperti di Educazione allo sviluppo Interventi di EaS nelle Scuole Percorsi per l integrazione territoriale dei immigrati Educazione interculturale Promozione della cittadinanza attiva Diritto alla salute Percorsi per la sostenibilità ambientale In collaborazione con l Università La Sapienza - Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche Master Migration and Development, C.F , verranno realizzate le seguenti attività: Ideazione, strutturazione ed organizzazione delle idee progettuali; Definizione del modello progettuale a seconda dei diversi contesti culturali e dei diversi beneficiari (minori, donne, migranti, formatori, educatori, insegnanti, operatori di pace); Elaborazione modello di riferimento per l organizzazione delle singole attività; Impostazione dei percorsi formativi a seconda dei diversi contesti culturali e dei diversi beneficiari (minori, donne, migranti, formatori, educatori, insegnanti, operatori di pace); Supporto nella costruzione di elaborati ad hoc a seconda dei diversi contesti culturali e dei diversi beneficiari (minori, donne, migranti, formatori, educatori, insegnanti, operatori di pace). Ruolo ed attività previste per i volontari Le attività dei volontari prevedono: Volontario 1 Collaborazione nella preparazione del materiale informativo e promozionale da distribuire nelle scuole Collaborazione nell identificazione degli istituti scolastici da coinvolgere

7 Collaborazione nella gestione dei rapporti e dei contatti con gli istituti scolastici e con gli allievi interessati ad impegnarsi in attività del Movimento Affiancamento gli educatori nella realizzazione dei percorsi formativi nelle scuole dell infanzia, elementari, medie inferiori e superiori Collaborazione nella gestione organizzativa dei percorsi didattici per gli incontri nelle scuole Supporto nella gestione del sito del Movimento Shalom Affiancamento nell organizzazione delle attività di sensibilizzazione rivolti alla popolazione giovanile Supporto al personale dell organizzazione impegnato negli eventi organizzati (Festa della Pace e Festa della Mondialità) collaborando alla gestione dei rapporti con il pubblico e la distribuzione del materiale informativo Volontario 2 Ricerca di materiale sulla cooperazione internazionale e sulle attività di volontariato Affiancamento degli operatori nella realizzazione degli eventi: organizzazione logistica, presenza all evento Supporto al personale dell organizzazione impegnato negli eventi organizzati (Festa della Pace e Festa della Mondialità) collaborando alla gestione dei rapporti con il pubblico e la distribuzione del materiale informativo Collaborazione nella realizzazione e diffusione dei materiali informativi per gli eventi Collaborazione nella gestione dei contatti con le realtà locali e partecipazione ad incontri organizzativi Collaborazione nella registrazione dei partecipanti alle iniziative e dei nuovi volontari Trasferte con il mezzo del Movimento Shalom per accompagnare i relatori degli eventi, portare il materiale informativo nelle diverse sedi, accompagnare gli educatori a Collegalli e Fivizzano. Supporto nella gestione del sito del Movimento Shalom Volontario 3 Supporto nell analisi delle informazioni raccolte dalle diverse sezioni Supporto nella realizzazione dei contenuti e degli articoli per la stampa e i mezzi di comunicazione web Supporto nella gestione dell account Facebook e Twitter Affiancamento gli educatori nella realizzazione dei percorsi formativi nelle scuole dell infanzia, elementari, medie inferiori e superiori Rassegna stampa quotidiana Aggiornamento della mailing list Collaborazione nella redazione newsletter quindicinale da inviare ai membri del Movimento Supporto agli educatori in tutte le attività socio-educative, di animazione, ludico e sportive previste nei campi estive Volontario 4 Supporto all operatore esterno nella realizzazione dei video per trasmissione concordate Supporto nella concezione e nella realizzazione di un opuscolo informativo sui campi estivi Affiancamento nella distribuzione del materiale informativo presso le realtà locali (scuole, associazioni) Affiancamento nella raccolta dei contatti delle persone interessate alla partecipazione ai campi estivi e alle attività di formazione per i giovani. Supporto nell aggiornamento della pagina Facebook con notizie e novità relative alle opportunità di volontariato e cittadinanza attiva in progetti ed iniziative promosse da enti pubblici o privati della provincia di Pisa Collabora alle attività di formazione dei volontari, nella preparazione dei materiali didattici di supporto e nell organizzazione logistica dei corsi di formazione per i giovani Supporto agli educatori in tutte le attività socio-educative, di animazione, ludico e sportive previste nei campi estivi Affiancamento gli educatori nella realizzazione dei percorsi formativi nelle scuole dell infanzia, elementari, medie inferiori e superiori. Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: Durante il periodo di Servizio civile si potrà richiedere talvolta un impegno nei giorni festivi, mantenendo sempre il numero dei giorni e delle ore di servizio settimanali.

8 CARATTERISTICHE DELLE CONOSCENZE ACQUISIBILI DAI VOLONTARI DURANTE IL SERVIZIO Conseguentemente a quanto esposto e precisato nei precedenti punti, i giovani coinvolti nel presente progetto, avranno l opportunità sia di maturare ed acquisire specifiche competenze e di sviluppare particolari professionalità, a seconda della sede di attuazione del progetto e delle attività realizzate, sia di maturare una capacità di vivere la propria cittadinanza, nazionale ed internazionale, in termini attivi e solidali, con una crescita della consapevolezza dei problemi legati allo sviluppo dei sud del mondo. Di seguito gli ambiti nei quali si prevede una acquisizione di competenze e professionalità: Accrescimento della consapevolezza della possibilità di esercitare in maniera efficace il proprio diritto di cittadinanza attiva da livello locale a quello internazionale; Approfondimento delle conoscenze di politica internazionale e di cooperazione allo sviluppo interpretate alla luce di una cultura politica fondata sulla solidarietà; Sviluppo di sensibilità per una efficace relazione interculturale; Acquisizione di competenze relative alla progettualità; Sviluppo di abilità di intervento sul territorio; Sviluppo e\o rafforzamento delle abilità relative al dialogo sociale; Sviluppo della capacità di analisi e di sintesi e di orientamento all obiettivo; Sviluppo della capacità di problem solving; Sviluppo delle capacità di animazione e\o educazione; Accrescimento della capacità di lavoro in equipe; Comprensione delle dinamiche del lavoro associativo e di rete (centro periferia e viceversa); Rafforzamento delle competenze nel proprio settore tecnico di formazione. Si allega al presente progetto, la certificazione, del rilasciata dalla società La ELIDEA Studio di psicologi associati, P.I , che svolge la sua azione nel campo della Formazione Continua con la quale si riconosce e certifica l acquisizione di competenze derivante dalla realizzazione del presente progetto. Inoltre, si allega al presente progetto, la certificazione, del , rilasciata dalla FONDITALIA, Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione Continua nell Industria e nelle Piccole e Medie Imprese, c.f , società che svolge la sua azione nel campo della Formazione, del Bilancio di Competenze e della Consulenza per Organizzazioni, con la quale si riconosce ed attesta l acquisizione di competenze derivante dalla realizzazione del presente progetto. Verrà anche rilasciata, da parte FOCSIV, una certificazione delle competenze acquisite nella realizzazione delle specifiche attività previste dal presente progetto. FORMAZIONE GENERALE DEI VOLONTARI La formazione generale verrà erogata in proprio con formatori dell Ente e con risorse esterne esperte dei diversi settori della formazione; sarà realizzata all inizio dell anno di servizio in un corso residenziale. La durata della formazione generale sarà nel suo complesso di ore 60 e sarà erogata entro e non oltre il 180 giorno dall avvio del progetto. Contenuti della formazione: Come esplicitato nel modello Formativo consegnato all UNSC in fase di accreditamento e da questi verificato, in coerenza con quanto espresso nella determina del 19 luglio 2013 Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale la formazione generale del presente progetto ha come obiettivi: trasmettere conoscenze che contribuiscano a rafforzare la consapevolezza del proprio ruolo in seno ad un progetto di impiego di servizio civile volontario; trasmettere il senso del valore civico e sociale di un esperienza di servizio civile, approfondendone gli aspetti motivazionali e valoriali; offrire strumenti di riflessione sui nessi esistenti tra impegno civico e sociale a livello nazionale e impegno civico e sociale a livello internazionale; offrire strumenti per connettere l esperienza del servizio civile con la difesa civile non armata e nonviolenta, con la promozione e la difesa dei diritti dell uomo; approfondire alcuni particolari caratteristiche e abilità che deve possedere un operatore delle ONG (es. capacità negoziale, capacità di relazionarsi in contesti interculturali, gestione dell affettività, adattabilità); offrire un esperienza di vita comunitaria e di confronto con altri giovani in Servizio Civile Volontario. Al fine di raggiungere gli obiettivi sopraelencati verranno sviluppati i seguenti contenuti: l identità del gruppo in formazione; il servizio civile volontario: storia, valori e prospettive: dall OdC al SCV evoluzione storica e differenze;

9 il dovere di difesa della Patria, la difesa civile non armata e nonviolenta, la costruzione della pace; conoscenza dell Ente, della sua identità e storia, della rete delle relazioni territoriali attivate; lavorare per progetti; il sistema servizio civile, la sua organizzazione, la relazione tra enti, giovani in servizio civile ed UNSC le motivazioni del volontario in servizio civile; diritti e doveri dei volontari in servizio civile, la normativa vigente e la carta di impegno etico. la gestione dei conflitti interpersonali; la gestione dell affettività e delle relazioni nelle esperienze di cooperazione internazionale; cittadinanza attiva: le forme di cittadinanza cittadini ed Istituzioni, Diritti e Doveri, la Carta Costituzionale; cittadini locali e globali: l appartenenza alla diverse comunità locali, nazionali, europee ed internazionali; la rappresentanza dei volontari in servizio civile; la protezione civile: tutele e prevenzione dell ambiente, della legalità. il territorio, lo sviluppo locale e il volontario in servizio civile; educazione allo sviluppo, sensibilizzazione e lobbying; ruolo e responsabilità della comunicazione; l approccio interculturale; operare con una ONG in Italia e nei Paesi in via di Sviluppo; presentazione dei progetti di servizio civile. FORMAZIONE SPECIFICA La formazione specifica verrà erogata in proprio con formatori dell Ente e con risorse esterne esperte dei diversi settori della formazione; sarà realizzata all inizio dell anno di servizio in un corso residenziale. La formazione specifica relativa ai progetti realizzati in Italia sarà realizzata nella sede del Movimento Shalom (120637). La durata della formazione specifica nel totale sarà di 75 ore e sarà erogata entro e non oltre 90 giorni dall avvio del progetto. Contenuti della formazione: Presentazione progetto Cittadinanza attiva e educazione interculturale Comunicare e sensibilizzare: strumenti e modalità Formazione e informazione sui rischi connessi all impiego di volontari in progetti di servizio civile TOTALE 16 ore 30 ore 25 ore 4 ore 75 ore Modulo 1: Presentazione progetto 16 ore Formatore: Luca Testi - informazioni di tipo logistico; - motivazioni, aspettative, obiettivi individuali e di gruppo; - presentazione nel dettaglio del Movimento Shalom: Principi ispiratori, evoluzione storica e traduzione pratica dei sistemi e metodi nei progetti di cooperazione internazionale e nelle attività in Italia - presentazione nel dettaglio delle attività in cui i volontari saranno impegnati; - presentazione delle dinamiche del settore di intervento; - predisposizione piano di lavoro personale. - Presentazione dell Olp e dei colleghi di ufficio Modulo 2: Cittadinanza attiva e educazione interculturale 20 ore Formatore: Federico Arrighi - Approfondimento sul valore del volontariato e il concetto di cittadinanza attiva - Approcci metodologici e strumenti dell attività EAS nelle scuole - Educazione alla Mondialità: le finalità e i metodi dell animazione interculturale - Ideazione e realizzazione di un percorso educativo nelle scuole sui temi dell integrazione, intercultura e solidarietà sociale - Educazione non formale ed educazione interculturale - Approfondimento sui materiali audiovisivi come strumenti su cui costruire percorsi educativi nelle scuole medie superiori - Organizzazione di campi estivi e delle attività di intrattenimento - Organizzazione degli eventi di sensibilizzazione

10 Modulo 3: Comunicare e sensibilizzare: strumenti e modalità - 20 ore Formatore: Chiara Baldini - Comunicazione: idee, mezzi e strumenti utili - Approfondimento sulla comunicazione sociale e sul linguaggio da utilizzare in funzione dei diversi strumenti e pubblici - Approfondimento sulle nuove tecnologie web e i processi di informazione - Gestione sito web, galleria immagini, social network - Nozioni di base della redazione di newsletter, notiziari e comunicati stampa - Redazione testi e grafica per brochure, locandine e manifesti - Strumenti e metodologie per la progettazione e la realizzazione di una campagna di sensibilizzazione Modulo 4: Formazione e informazione sui rischi connessi all impiego di volontari in progetti di servizio civile 4 ore Formatore: Luca Testi - presentazione degli eventuali rischi connessi alle attività in cui i volontari saranno impegnati; - informazione sulle misure di sicurezza e le attività di protezione e prevenzione attuate nella sede di progetto. Requisiti richiesti ai canditati I seguenti requisiti sono suddivisi tra requisiti generici, ricercati genericamente in tutti i candidati, e i preferibili requisiti specifici, inerenti aspetti tecnici connessi alle singole sedi e alle singole attività che i volontari andranno ad implementare: Generici: - Esperienza nel mondo del volontariato; - Conoscenza della FOCSIV o di uno degli Organismi soci e delle attività da questi promossi; - Competenze informatiche di base e di Internet Specifici: - preferibile capacità basilari di utilizzo dei maggior social network come FaceBook e Twitter - preferibile conoscenza della Suite Adobe e capacità di gestione Audio e Video Capture (per la redazione di immagini e video) - preferibile la conoscenza dell inglese e/o francese (per raccogliere e diffondere all estero informazioni anche in rapporto a tali attività). - preferibile Patente auto (B), per facilitare eventuali trasferimento di cose o persone con mezzi messi a disposizione dall ente in occasione degli eventi. Dove inviare la candidatura: tramite posta raccomandata A/R : la candidatura dovrà pervenire direttamente all indirizzo sotto riportato. (Nota Bene: non farà fede il timbro postale di invio, ma la data di ricezione in sede delle domande) ENTE CITTA INDIRIZZO TELEFONO SITO MOVIMENTO SHALOM San Miniato (PI) Via Carducci n. 4, tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) di cui è titolare l'interessato, allegando la documentazione richiesta in formato pdf, a e avendo cura di specificare nell'oggetto il titolo del progetto e l ente ( Comunicare la pace MOVIMENTO SHALOM). Nota Bene: per inviare la candidatura via PEC è necessario possedere un indirizzo PEC di invio (non funziona da una mail normale), non è possibile utilizzare indirizzi di pec gratuiti con la desinenza "postacertificata.gov.it", utili al solo dialogo con gli Enti pubblici.

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 29 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI CARATTERISTICHE PROGETTO ENTE Ente proponente il progetto: ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE Codice di accreditamento: NZ 01704 Albo e classe di iscrizione: Albo nazionale 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Art. 1 Finalità Il Ministero dell Istruzione, e il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli