"Movimenti, volontariato, immigrazione: una interpretazione e una ricerca sul campo"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""Movimenti, volontariato, immigrazione: una interpretazione e una ricerca sul campo""

Transcript

1 Università di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea Specialistica in Analisi dei conflitti, delle ideologie e della politica nel mondo contemporaneo "Movimenti, volontariato, immigrazione: una interpretazione e una ricerca sul campo" Candidato Gualtiero Via Anno Accademico 2006/2007

2 Introduzione In questa tesi si tratterà di movimenti collettivi e del loro significato, di giovani, di volontariato, nonché di immigrazione, integrazione e multiculturalismo. Così posti, non potranno che sembrare troppi argomenti per una tesi sola, e dare un'idea di eterogeneità, se non di confusione. Crediamo però di poter proporre un disegno ed un filo argomentativo che tenga insieme questi vari oggetti di ricerca e riflessione. Argomenteremo qui quello che possiamo chiamare un allargamento di campo nell'interpretazione del fenomeno del volontariato e del suo significato nel particolare contesto dell'italia. Per questa via, si tenterà di pervenire ad un altro nodo di rilievo della riflessione civile nonché storiografica, e cioè il giudizio da dare sui movimenti collettivi (o di contestazione, o come si preferisca chiamarli) e sul loro posto e la loro funzione nella storia della società italiana. Per quanto possa parere ardito il passaggio dal volontariato ai movimenti di contestazione, esso ci sembra come minimo suggerito, se non autorizzato, dalla lettura di un passo di un'opera celebre di uno dei nostri più eminenti storici del Novecento, Federico Chabod. Di tutto questo si argomenterà nel primo capitolo. Unitamente a quanto appena esposto la tesi presenta, in quanto esempio di attività di volontariato, una ricerca su di una esperienza radicata nella città di Bologna e in particolare nel suo contesto universitario: la Scuola di italiano per stranieri del Centro Poggeschi. Del Centro Poggeschi verranno illustrate per sommi capi la storia e le caratteristiche, e quindi verranno illustrate le modalità della ricerca sulla Scuola di italiano, i suoi obiettivi, nonché i risultati, che verranno analizzati e discussi. La Scuola di italiano per stranieri di cui ci occuperemo si rivolge in modo particolare agli immigrati extracomunitari e dell'europa dell'est, ed ha come scopo fondamentale, come vedremo, non tanto quello di insegnare l'italiano (che è concepito più come un mezzo), quanto quello di offrire occasioni di incontro ed integrazione fra gli studenti universitari e la popolazione straniera immigrata. Questo dell'immigrazione è un altro nucleo tematico rilevante della presente ricerca. Dell'immigrazione verranno almeno tratteggiati i contorni, facendo riferimento alla più aggiornata letteratura specifica, nonché discussi alcuni dei nodi problematici ad essa connessi, con particolare attenzione ai temi dell'integrazione e del multiculturalismo.

3 Conclusioni Crediamo si possa dire che la tematica del volontariato nel nostro paese si intreccia in modo assai stretto con quella della partecipazione politica. Vi sono state stagioni di intensa partecipazione politica seguite ad altre di relativa crisi e disillusione, e concomitante espansione dell'impegno volontario in senso solidaristico. Gli uni e gli altri sono fenomeni leggibili sotto più punti di vista. In quanto attività oggettive, prestate entro strutture dagli scopi definiti, è legittimo indagare e collocare separatamente l'attività politica e quella di volontariato in senso solidaristico (sebbene anche da questo punto di vista possano presentarsi punti di contatto significativi, per esempio a proposito di cooperazione internazionale, disagio sociale, immigrazione). Se però ci spostiamo sul versante soggettivo dei singoli che prestano la loro attività, allora mantenere sempre separati i due oggetti di indagine diventa meno giustificabile. La sociologia degli ultimi decenni ha fatto fare dei progressi significativi alla capacità di comprensione delle società moderne (per tutti, Melucci, 1976) quando ha allargato ai movimenti di contestazione, che erano stati tenuti a lungo nel limbo delle manifestazioni puramente irrazionali e/o distruttive, le categorie fino ad allora utilizzate nell'analisi delle organizzazioni sociali più tradizionali e formali. Proseguendo lungo questa strada, nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è indagato sia sui movimenti (Della Porta, 1996), che presentavano mutamenti rilevanti rispetto ai due decenni precedenti, che su manifestazioni più peculiari ed estreme quali ad esempio il terrorismo armato (Della Porta, 1990). Si è trattato di ricerche preziose, che hanno consentito di ampliare le conoscenze sia sulla gamma di motivazioni diverse con cui medesime scelte furono compiute, sia sulla dialettica non scontata fra la domanda rappresentata dai movimenti e le risposte del sistema politico. Una delle chiavi di comprensione adottate dagli studi citati (ma anche di altri, per tutti, Tarrow, 1990), e alla quale noi pure si è fatto ricorso, è quella di struttura delle opportunità politiche. E' una categoria di cui possiamo ampliare la portata, se le togliamo l'aggettivo. Potremo allora parlare di struttura delle opportunità, secondo i casi, dell'impegno, dell'attivismo, della partecipazione, della ricerca di senso, della socializzazione. Tanto la partecipazione ai movimenti collettivi quanto quella ad iniziative del volontariato, rispondono ad una gamma ampia di motivazioni, che si può distribuire lungo un ideale ampio continuum, che vede a un estremo obiettivi molto mirati sul sé, e all'estremo opposto obiettivi tutti proiettati all'esterno.

4 Si impegnano persone che dalla società reclamano qualcosa, ma anche persone che in essa cercano qualcosa o fuggono da qualcosa, persone che hanno qualcosa da dare, persone che altrimenti si sentirebbero sprecate e ancora, persone in cerca di occasioni di incontrare altre persone. La geologia insegna che identici materiali di partenza danno luogo a rocce diverse in tempi e condizioni diverse. Crediamo che qualcosa del genere si possa ipotizzare per la dinamica sociale. Non crediamo siano da considerare mutate in modo straordinario le esigenze di base delle persone che hanno deciso di impegnarsi socialmente, negli ultimi trenta, quaranta o più anni, sono mutate però le condizioni -e non ultima, è mutata la struttura delle opportunità. Prima di formulare qualche considerazione conclusiva su questo, però, dovremo dire qualcosa sulla nostra ricerca sul campo. Alla rassegna, inevitabilmente sintetica, sulle forme così diverse di impegno che si sono succedute nei decenni, abbiamo affiancato lo studio di un caso specifico, il Centro Poggeschi. Cosa possiamo leggere nell'attività di questa esperienza, nel suo interagire nel corso degli anni con centinaia e centinaia di persone che si sono impegnate e si impegnano in esso tuttora? Una delle prime cose che emerge è che il Centro è in grado di fornire risposte ad una gamma assai ampia di esigenze. Si può frequentare il Poggeschi spinti da una motivazione di crescita spirituale, e lo si può frequentare per fare un'esperienza di volontariato: in mezzo stanno molte possibilità diverse, prevalentemente di socializzazione (i pranzi del giovedì), di studio interdisciplinare (i seminari), e di varia altra natura (corsi di ebraico e arabo, microprogetti di cooperazione, scoutismo universitario, eccetera). Oltre a questo, l'offerta di attività del Centro non è rigida: esso è aperto alle proposte nuove che possono provenire dagli studenti. Questa apertura è citata come caratteristica particolarmente positiva da più d'una delle interviste raccolte, e ha consentito di allargare ulteriormente negli ultimi anni il ventaglio delle attività svolte o ospitate: rassegne di musica, corsi di clown, collaborazione con una radio locale (fra l'altro, vicina all'area di movimento e assai politicizzata 1 ). Sembra che un'altra chiave del successo del Centro stia nella sua capacità di restare centrato sulla sua finalità fondamentale, quella cioè di offrire occasioni di attività formative -certo, intese in senso assai ampio- agli studenti. Come abbiamo visto, questo è reso possibile dal fondarsi del Centro su di un progetto condiviso definito nelle sue varie parti: presupposti, scopi, strumenti. Appare notevole poi come abbiamo già sottolineato, che una realtà che nasceva in modo così fortemente segnato da un leader con caratteristiche di trascinatore carismatico abbia saputo superare senza contraccolpi la partenza di quest'ultimo. Cercando di tratteggiare ciò che definisce il Centro, sembra che si possa parlare di una miscela che vede convivere: 1 Si tratta di Radio Città Fujiko, una delle più vecchie radio libere di Bologna, legata storicamente alla vecchia Democrazia Proletaria, e in ani più recenti a Rifondazione Comunista. Per una realtà, quale il Poggeschi, in cui pochi anni prima fu discussa come scelta delicata, paventata come rischiosa da alcuni membri, quella di entrare in rete col Nodo Lilliput, appare una scelta non scontata)

5 primato della pratica (ad esempio, l'integrazione è un valore: se rientra spesso fra i temi dei seminari, è sempre, tutti gli anni, alla base dell'attività più rilevante del Centro, per mezzo della scuola) centralità della funzione formativa, esplicata però senza affidarsi a modelli rigidi, con grande apertura e flessibilità valorizzazione dello studio interdisciplinare attenzione alle dinamiche interne al Centro (mediante il monitoraggio svolto dal Direttivo e momenti dedicati di riflessione interna, anche con l'ausilio di facilitatori e in forma seminariale: vi fa riferimento in particolare l'intervista a S. Carboni, coordinatrice del Poggeschi fino a pochi mesi fa). Sarebbe pedante riprendere uno per uno questi punti per soppesare quanto si tratti di modalità riportabili ad altri contesti, sia di volontariato che di azione collettiva, anche politica. Non ci sono dubbi sul fatto che il primato della pratica sia una chiave per il buon funzionamento dei gruppi, in un grandissimo numero di casi. Nel nostro esempio vediamo un primato della pratica che non presenta il limite -non raro in altri ambiti, anche politici- dell'attivismo fine a se stesso, o della incapacità di unire ad esso forme di riflessione (per esempio, propria delle esperienze di volontariato ripiegate unicamente sulla gestione ordinaria, a cui facevano riferimento diversi autori citati nel capitolo II). Per ogni contesto o gruppo che si misuri in forme di pratica sociale qualsivoglia questi sono tratti importanti, requisiti forse non sufficienti ma sicuramente necessari dell'efficacia e del successo. Con questo, possiamo tornare alle nostre considerazioni conclusive, sul piano più generale. Gli anni Sessanta-Settanta possono essere presi come il picco massimo della popolarità dell'impegno politico. Un tipo di impegno che tendeva, oltre che ad attrarre persone di ambienti sempre più ampi, a condizionare e colonizzare anche comportamenti e linguaggi che estendevano la loro portata all'intera società (arte, pubblicità, tecniche della comunicazione, paradigmi pedagogici 2 ). Alla fase di iperpoliticizzazione (ci si passi la brutta parola) è seguita una crisi che però ha visto un rapido aggiornarsi della struttura delle opportunità, con la comparsa dei single issue movements, una parte dei quali sono stati l'anticamera organizzativa e culturale della fioritura di associazioni ed Ong della stagione del volontariato, esplosa negli anni Novanta e tuttora in 2 La cosa si può leggere -come è stato fatto- anche in senso inverso: pubblicità, comunicazione, arte e altri ambiti cominciarono abbastanza presto a metabolizzare e spesso a banalizzare e neutralizzare contenuti, valori, scopi, repertori d'azione della protesta, che veniva degradata a moda, stereotipo, cliché generazionale.

6 rigoglio (nonostante la recente sensibile flessione della partecipazione giovanile). Di questa sorta di mondo sempre più strutturato, retto da gruppi dirigenti manageriali e dotato di sue riviste, fondazioni, esperti, abbiamo fato cenno per quanto interessava i nostri scopi nel capitolo II. Che si studino la partecipazione politica strettamente intesa o l'impegno nel volontariato, si ha sempre a che fare, inevitabilmente, con una sovrastruttura fatta di attori collettivi (secondo i casi, movimenti strutturati, associazioni, fondazioni, enti locali), linguaggi, nonché rapporti determinati coi decisori politici (che a loro volta esercitano un potere di condizionamento sull'intera sovrastruttura). In tutto questo, le condizioni di base e i mutamenti effettivi in atto nella società possono anche restare lontani e sullo sfondo. Qui più che altrove, trovandosi a contatto con attori collettivi che vantano come ragione sociale alte motivazioni etiche, è necessario che si persegua una separazione fra attore e osservatore, fra progetto in essere e sua valutazione. Un fenomeno sociale non può dirsi scandagliato esaustivamente se se ne ascolta la descrizione soggettiva di uno solo degli attori coinvolti. Sarà necessario raccogliere più voci di più attori, e soprattutto assumersi l'onere, come ricercatori, di una propria indagine con strumenti obiettivi 3. Nei limiti dei tempi e delle fonti di cui abbiamo potuto disporre, questo è ciò che abbiamo cercato di fare, muovendoci sui vari terreni e fenomeni, un po' diversificati, che inevitabilmente sono entrati in gioco nel verificare un'ipotesi come la nostra. Ci sembra molto ragionevole supporre che una parte della facilità con cui la società italiana fornisce attori ai movimenti, attraverso i decenni e le generazioni, non sia da considerare in modo univocamente benevolo e compiaciuto. In determinati, felici casi concreti i movimenti possono essere i portatori delle risposte possibili a problemi altrettanto determinati e concreti, o quantomeno, attori necessari e legittimi della loro risoluzione. In molti altri casi i movimenti faticano a sollevarsi al di sopra della funzione di rappresentare niente altro che uno degli aspetti dei problemi aperti. Se la nostra società fosse meno scollata, se interi comparti lavorativi fossero meno dei meri posti 4 e fossero più votati a perseguire la qualità dei servizi forniti e il soddisfacimento dei clienti e/o del pubblico, si supporre che sarebbe maggiore la quota di popolazione che trova realizzazione 3 Non vogliamo sottrarre a un'obiezione facilmente prevedibile: quella secondo cui l'obiettività sarebbe un obiettivo irrealistico. Se fatta con buonsenso è un'obiezione sensata: solo persone molto ingenue possono pensare che nelle scienze sociali sia possibile perseguire un'obiettività assoluta. Ci pare però che esistano diffusi esempi di assunzione radicale -di relativismo radicale, cioè nichilistico- di questo assunto, col quale dissentiamo in modo categorico. Anche nel mondo delle relazioni umane e sociali esistono fatti accertabili, pratiche verificabili, moventi riconoscibili, una comunità scientifica dotata di tecniche confrontabili. Questo patrimonio comune, se utilizzato e condiviso da ricercatori consapevoli, spinti da una reale volontà di comprensione reciproca e soprattutto dall'idea di partecipare -idealmente- di una medesima impresa, quella della conoscenza, è qualcosa di inestimabile, che può consentire di rendere comprensibile anche manifestazioni che al loro apparire sembrano non esserlo. 4 Nel senso di puri e semplici mezzi e strumenti di percezione di un salario, al di fuori di ogni logica più che opportunistica e strumentale.

7 e possibilità di esprimersi nel proprio lavoro, e calerebbe la ricerca di compensazioni in contesti extralavorativi. Se il sistema politico fosse tale da considerare suo compito fisiologico, fra gli altri, quello della capacità di ascolto delle domande emergenti dal corpo sociale, non avremmo un panorama politico polarizzato fra un sistema di partiti chiuso e castale ed una conflittualità sociale facilmente soggetta alla tentazione della protesta fine a sé stessa e non propositiva. Se, da ultimo, non fosse comune a quasi tutte le forze politiche l'idea della spesa sociale come costo da comprimere, è assai improbabile che avremmo il fiorire di enfasi mediatica, incoraggiamento istituzionale e vera e propria propaganda a favore di un volontariato idealizzato in modo acritico e sospetto. La lista delle tare e miserie nazionali potrebbe continuare, ma non avrebbe senso. Non è prevalentemente di tare e miserie che ci siamo occupati indagando tanto i movimenti che l'impegno volontario. Nelle società e culture determinate che più sono attraversate da conflitti, è normale che la definizione della propria particolare società o cultura sia di per sé problematica: così è, crediamo, per il nostro paese. Crediamo parimenti che qui stia un compito inevaso il quale i nostri più gravi e annosi problemi non potranno trovare soluzione. Alla disponibilità e generosità di grande parte dei nostri concittadini e dei nostri giovani non si offrono progetti di impegno che abbiano l'ambizione di aggredire le nostre tare culturali e nazionali (alcune delle quali sono recenti, come quelle della gestione dei rifiuti o delle politiche dell'immigrazione, ma altre sono secolari, come la tentazione di mistificare retoricamente i fatti che imbarazzano, anziché isolarli e affrontarli metodicamente). La risposta non è e non potrà essere uno scegliere fra i due poli dell'impegno politico o del sostegno al volontariato. Crediamo di aver mostrato come in entrambi i casi possa avvenire che la moneta cattiva scacci quella buona, per così dire. La risposta potrebbe venire da un vero e proprio progetto politico capace di integrare in sé: - modelli e pratiche di partecipazione politica realmente democratici ed orizzontali, - paradigmi pedagogici e comunicativi moderni ed aperti, concepiti nello spirito della reciprocità e della crescita integrale della persona, - un approccio ai problemi aperti e ai conflitti ispirato alle metodologie nonviolente, cioè che parta dal coinvolgimento esplicito e dal protagonismo sollecitato di tutti gli attori dei conflitti, e non dall'esclusivo sostegno (o utilizzo demagogico) di uno o qualcuno di essi, contro altri. Sono proposte di cui ci assumiamo la paternità, e che vanno ben oltre ciò che si può dedurre dalla nostra ricerca, ne siamo consapevoli. Ma le sintesi sono -non possono essere altro- operazioni intellettuali interpretative, non frutti spontanei delle cose (casomai, può accadere che tali possano

8 sembrare, o essere definite, a posteriori, dopo che si sono affermate con successo). Crediamo almeno di aver mostrato come, scendendo dal livello dei dirigenti o degli opinion maker a quello delle persone comuni che fanno volontariato, si trovino pochi o punto esempi di iperboli esaltatorie, e invece numerosi esempi di realistica consapevolezza, vuoi del lato egoistico della faccenda (ad esempio, volontariato come modo di accumulare esperienza da utilizzare poi nel lavoro), vuoi della necessità di un'adeguata formazione per essere realmente utili, vuoi del costante rischio di essere strumentalizzati per poter attuare tagli di personale (Ambrosini, 2004). In troppi casi, nei decenni passati, un cattivo connubio fra il leaderismo di poche persone carismatiche (dotate intellettualmente ma corruttibili intimamente) e l'indole gregaria di tante, ha messo in scacco la genuina generosità dei più. E in troppi casi oggi la miscela di ingenuità, piccolo calcolo o ambizione dei manager del volontariato sociale si sposa con le politiche di risparmio neoliberiste (mai confessate come tali) dei decisori politici. Chi vede lucidamente i rischi delle cattive pratiche e dei polveroni verbali a coprire lo sporco sotto al tappeto (Albanesi, 2007, 2007b, Nervo, 2007) è visibilmente fuori dai giochi. Tutto questo lo registriamo, semplicemente: accanto -o sotto- vi è e resta il corpo sociale, con suoi problemi, le sue storie, la sua vita quotidiana. Tanto più vi saranno ricercatori delle diverse branche -accanto a giornalisti, ci teniamo ad aggiungere- che soprattutto al corpo sociale vorranno e sapranno guardare, e che i cambiamenti che in esso si agitano sapranno interrogare, tanto più vi saranno le condizioni per capire in che società viviamo, chi siamo, e in che direzione e con quali mezzi ha più senso che ci impegniamo. Se questa ricerca -al di là dei tanti limiti, di cui siamo consapevoli, e delle parti discutibili o degli errori che potrà contenere, di cui ci scusiamo- avrà invogliato il lettore a considerare con occhi nuovi e diversi la partecipazione politica e l'impegno volontario, il nostro sforzo non sarà stato vano. Con tutti coloro che di questi mondi fanno parte, in quanto attori, dirigenti, cronisti, semplici partecipanti di base, l'auspicio è quello di un confronto franco e leale.

9 Documenti - 1 Il Patto associativo del Centro Poggeschi Finalità Il Centro Poggeschi si propone come centro di formazione per giovani universitari, nell intento di fornire percorsi di consolidamento dell identità e percorsi di maturazione di tutti gli aspetti che compongono l equilibrio della persona: culturale, sociale, civico e spirituale, oltre che professionale, precipuo dell università stessa. È convinzione che la crescita integrale della persona possa portarla ad una partecipazione serena ed attiva alla vita del territorio in cui vive per il bene comune e lo sviluppo della società. È proposto un cammino di crescita comunitario che non vincola i giovani ad una scelta di fede e rappresenta una opportunità di confronto e collaborazione per maturare consapevolezza delle proprie qualità e capacità, nonché di sostegno per responsabili scelte

10 di vita e di servizio. Riferimenti antropologici L attività formativa del Centro è mirata allo sviluppo di una persona responsabile e consapevole della importanza delle proprie scelte personali; conscia delle opportunità ricevute, curiosa ed animata da spirito positivamente critico ed orientato al servizio; sensibile agli stimoli e ai bisogni della società ed in grado di sviluppare una propria coscienza politica e sociale; dedita allo studio, non per un sapere fine a se stesso, ma mirato ad azioni concrete che sappiano rispondere alle esigenze del territorio in cui vive e da cui proviene; capace di attivare alleanze per condividere progetti ed obiettivi pur nella consapevolezza delle proprie appartenenze e convinzioni culturali, religiose, politiche, professionali; capace infine di cogliere ed esprimere la presenza e l azione dello Spirito in una prospettiva salvifica di miglioramento della società. Formazione Integrata L azione del Centro Poggeschi tende ad una formazione integrata che comprenda, come detto, tutti gli aspetti che compongono l equilibrio della persona. Integrata anche perché si vede necessario che siano rispettate le varie provenienze degli studenti sul piano spirituale, culturale ed ideologico, per evitare una proposta che diventi, già in fase iniziale, esclusiva e selettiva. L obiettivo di formazione integrata comprende poi, da parte degli studenti, il riconoscimento della loro vocazione alla fede, ma anche delle loro qualità di creatività, di autonomia nel valutare le proposte della società, di responsabilità come cittadini e, non ultimo, di impegno sociale nei settori di maggior disagio o di sofferenza. Si ritiene infatti che il confronto con il dolore, con lo svantaggio, con l ingiustizia, sia indispensabile per indirizzare le qualità intellettuali, morali e tecniche del futuro professionista al miglioramento del quadro sociale e non solo all autoaffermazione. In questa ottica, l azione formativa del Centro Poggeschi, pur indirizzata principalmente agli studenti universitari, passa anche attraverso il coinvolgimento di adulti la cui presenza è importante opportunità per il confronto generazionale, umano e professionale. La presenza dei adulti, inoltre, garantisce la continuità delle varie iniziative ed attività presenti nel Centro stesso, che costituiscono luogo irrinunciabile in cui lo studente può sperimentarsi e sperimentare percorsi e progetti di servizio, di impegno civile, sociale e spirituale. Il Centro Poggeschi pertanto favorisce la collaborazione con gruppi o associazioni nei quali i giovani universitari possano inserirsi ed impegnarsi, e valuta dinamicamente, nel corso degli anni e con l evolvere delle situazioni, le collaborazioni più

11 opportune in sintonia con le finalità suddette. Strumenti e Metodi Il Centro Poggeschi ha sperimentato nel corso degli anni vari ambiti ed occasioni formative che ripropone, in modo non esclusivo, mantenendosi aperto a nuove metodologie e formulazioni. Se ne suggeriscono alcune. Le occasioni di vita spirituale di una comunità in ricerca, che si esplicano nell ascolto della Parola di Dio, nei momenti di preghiera, nelle celebrazioni, nelle occasioni di approfondimento e discernimento spirituale attraverso ritiri e esercizi ignaziani, nei percorsi famigliari di educazione alla fede, offrono una gradualità di partecipazione in cui si possa liberamente maturare il senso di appartenenza al disegno di amore dello Spirito e allo sforzo storico della Chiesa. L incontro con altre esperienze religiose, e non, dovrebbe contribuire a far crescere il rispetto, la conoscenza, il desiderio di comunione, l impegno per obiettivi di interesse condivisi, positivamente rivolti alla pace, alla non violenza e alla solidarietà. Le proposte di ricerca scientifica e di elaborazione culturale si basano sulla necessità di un approccio interdisciplinare e di un confronto professionale sul piano operativo. Esse trovano concreta attuazione in seminari che propongono ed approfondiscono temi di attualità, tratteggiando anche concreti percorsi di impegno, e in tirocini di servizio attivo in collaborazione con gruppi di volontariato presenti nel Centro, o che con esso collaborano, e con l università stessa. I momenti di ascolto tra studenti e adulti, a livello individuale o di piccoli gruppi, preparano i giovani prossimi all ingresso nel mondo del lavoro, permettendo il confronto con professionisti su specifici temi connessi alla formazione e all agire in ambito professionale. Le attività di incontro, accoglienza ed ascolto dei più deboli ed oppressi, individuando le varie emergenze sociali quali ad esempio i senza fissa dimora, i detenuti, gli immigrati, esercitano i giovani alla lettura del territorio e del tempo in cui vivono per la ricerca di risposte solidali. Il centro di documentazione sulla mondialità rappresenta luogo di approfondimento sui problemi dei diritti umani, della mondialità, del rapporto tra le nazioni, della pace. La presenza di progetti di aiuto economico e culturale e di viaggi nei paesi più poveri fornisce infine la possibilità di vivere in prima persona le difficoltà di un equilibrato sviluppo mondiale e di contribuire concretamente ad azioni si aiuto e solidarietà.

12 Bibliografia Autori vari 1969 Giovani nuova frontiera, Torino, SEI, Autori vari (Osservatorio del Volontariato) 2007 L'identikit di un volontariato, in Communitas, n.16, 2007, pp Adonis 2006 Oceano nero, Parma, Guanda. Albanesi, V. 2007a Addetti al non profit: utili idioti?, in Lo Straniero, n.81, marzo b Per non essere utili idioti, in Lo Straniero, n.85, luglio Ambrosini, M I giovani per gli altri e per sé, in Rivista del volontariato, n.7/2004, Roma, Fivol Sociologia delle migrazioni, Bologna, Il Mulino.

13 Andretta, M Il «framing» del movimento contro la globalizzazione neoliberista, Rassegna Italiana di Sociologia, a. XLVI, n.2, aprile-giugno 2005, pp Andretta, M. e Mosca, L Il movimento per una globalizzazione dal basso: forze e debolezze di un'identità negoziata, in Della Porta, D., Mosca, L., a cura di, 2003, pp Ascoli, U Al di là di stato e mercato, in Micromega, n.4/87, pp Asor Rosa, A Dopo il 1968: la fortuna della politica, in Storia d'italia Einaudi, Vol.XII, VII, La democrazia, Torino, Einaudi. Attac.it 2001 Agire locale pensare globale, Trieste, Asterios. Balestrini, N. e Moroni, P L'orda d'oro , Milano, Feltrinelli. Bandi, G I Mille: da Genova a Capua, Milano, Garzanti (ed. or. 1886) Benevolo, L La laurea dell'obbligo, Roma-Bari, Laterza. Bernardi M Sessualità educazione et al., Milano, Rizzoli-Milano Libri. Bianciardi, L Da Quarto a Torino: breve storia della spedizione dei Mille, Milano, Feltrinelli (Ia ed. 1960) 2003 La battaglia soda, Milano, Bompiani (Ia ed. 1963) 2007 Ai miei cari compagni. Diario inedito di un neo-garibaldino, Viterbo, Stampa Alternativa

14 / Nuovi equilibri. Bimbi, F Famiglia, generazioni e rapporti di genere, in I due bienni rossi del Novecento e , Roma. Ediesse, pp Bolzoni, A., D'Avanzo, G Rostagno: un delitto tra amici, Milano, Mondadori. Bonacina, R Volontariato: un bene da produrre, in Communitas, Volontari. Rapporto sul volontariato italiano in trasformazione, fascicolo n.16, 6/2007, pp Bordignon, F, Ceccarini, L Gli altri tra noi, in Limes, n. 4/2007, Roma, Gruppo Editoriale L'Espresso, pp Bracalenti, R Porta Portese: da core de Roma a mercatone multietnico, in Limes, n. 4/2007, Roma, Gruppo Editoriale L'Espresso, pp Branchini, A Fuga senza fine, In Il Cerchio di Gesso, anno II, 1978, n.4, pp Brandi, G Annali del Collegio Superiore, Bologna, Bononia University Press. Caltabiano, C., a cura di 2007 Anticorpi della società civile. L'Italia che reagisce al declino del paese, Roma, Carocci. Camon, F La moglie del tiranno. Saggi e conversazioni critiche con Moravia Pratolini Bassani Cassola Pasolini Volponi Ottieri Roversi, Roma, Lerici.

15 Cancogni, M Gli angeli neri. Storia degli anarchici italiani, Firenze, Ponte alle Grazie. Canosa, R Le libertà in Italia: i diritti civili e sociali nell'ultimo decennio, Torino, Einaudi. Carlevaris, C La paura della Chiesa e la sfiducia della sinistra, in Dalmasso, a cura di, 2001, La stagione dei movimenti, fascicolo 59, 6/2001 di Il presente e la Storia, Rivista dell'istituto Storico della Resistenza in Cuneo e Provincia, Cuneo, pp Catellani, P Un'agenda psicologica per una società multiculturale. I. Ridurre l'incertezza per aprirsi alla diversità, in Galli, a cura di, 2006, pp Ceccanti, S., Mancini, S Come reagiscono gli ordinamenti giuridici alle culture altre?, in Galli, a cura di, 2006, pp Chabod, F L'Italia contemporanea ( ), Torino, Einaudi (prima ediz. 1961) L'idea di nazione, Roma-Bari, Laterza (prima ediz. 1961). Cleaver, E Anima in ghiaccio, Milano, Rizzoli. Colombo, A., Sciortino, G Gli immigrati in Italia, Bologna, Il Mulino. Communitas 2007 Volontari. Rapporto sul volontariato italiano in trasformazione, fascicolo n.16, 6/2007, mensile diretto da Aldo Bonomi, Milano. Croce, B.

16 1965 Storia d'europa nel secolo decimonono, Bari, Laterza [Ia ed. 1932]. Crouch, C Intorno ai partiti e ai movimenti: militanti, iscritti, professionisti e il mercato, in Della Porta, D., Greco, M, Szakolczai, A., Identità, riconoscimento, scambio, Roma-Bari, Laterza, 2000, pp Postdemocrazia, Roma-Bari, Laterza. Dal Lago, A Esistono davvero i conflitti tra culture?, in Galli, a cura di, 2006, pp Dalmasso, S., a cura di 2001 La stagione dei movimenti, fascicolo 59, 6/2001 di Il presente e la Storia, Rivista dell'istituto Storico della Resistenza in Cuneo e Provincia, Cuneo. Dalmasso, S L'arcipelago della sinistra: partiti e gruppi, in Dalmasso, a cura di, 2001, La stagione dei movimenti, fascicolo 59, 6/2001 di Il presente e la Storia, Rivista dell'istituto Storico della Resistenza in Cuneo e Provincia, Cuneo, pp Debenedetti, G Il romanzo del Novecento, Milano, Garzanti [Ia ed. 1971]. Del Carria, R Malgrado tutto, Roma, Savelli. Della Porta, D Il terrorismo di sinistra, Bologna, Il Mulino Movimenti collettivi e sistema politico in Italia , Roma-Bari, Laterza I new global, Bologna, Il Mulino Della Porta, D., Diani M I movimenti sociali, Roma, La Nuova Italia Scientifica.

17 Della Porta, D., Mosca, L., a cura di 2003 Globalizzazione e movimenti sociali, Roma, Manifestolibri. Della Porta, D., Reiter, H Polizia e protesta. L'ordine pubblico dalla Liberazione ai «no global», Bologna, Il Mulino. 2003b Movimenti, politica e ordine pubblico: riflessioni a partire dalle manifestazioni contro il G8 a Genova, in Della Porta, D., Mosca, L., a cura di, 2003, pp Del Re, E Migranti = terroristi, una terribile semplificazione, in Limes, n. 4/2007, Roma, Gruppo Editoriale L'Espresso, pp De Luca, E I volontari? Meglio se involontari, in Communitas, n.16, 2007, pp de Nardis, F Cittadini globali. Origini e identità dei nuovi movimenti, Roma, Carocci. De Oto, A Precetti religiosi e mondo del lavoro, Roma, Ediesse. De Rita, G Gemmazione e personalismo: l'altro '68, in Communitas, n.16, pp b La società dei coriandoli, in Lo Straniero, n.89, novembre 2007, Roma, Contrasto Due. Diamanti, I., Porcellato, N Sorpresa: nel Nordest l'integrazione funziona, in Limes, 4/2007, pp Dogliani, P Storia dei giovani, Milano, Bruno Mondadori. Dusi, E.

18 2007 Il fantasma della Consulta, in Limes, n. 4/2007, Roma, Gruppo Editoriale L'Espresso, pp Echaurren, P Compagni, Torino, Bollati Boringhieri. Einaudi, L La porta stretta: le politiche migratorie dal 1861 ad oggi, Limes, n. 4/2007, Roma, pp Elias, N., Scotson, J.L Strategie dell'esclusione, Bologna, Il Mulino. Fabiani, T Scuola, la carica degli alunni stranieri. Entro metà secolo più degli italiani, La Repubblica, 10/01/2008. Favaro, G., Luatti, L. (a cura di) 2004 L'intercultura dall'a alla Z, Milano, Franco Angeli. Ferraris, P Frammenti di prefazione, in Mordenti, 1989, pp.vii-xxv l'eresia libertaria, San Severino Marche, Berta I bienni rossi del Novecento, in Lo Straniero, n.84, 6/2007, Roma. Ferrero, P Il volontariato sia religione civile, in Communitas, Volontari. Rapporto sul volontariato italiano in trasformazione, fascicolo n.16, 6/2007, Milano, pp Fofi, G Strana Gente Un diario tra Sud e Nord, Roma, Donzelli Introduzione, in Marcon, Nonno, 1994, pp.5-9. Forcella, E.

19 1999 La Resistenza in convento, Torino, Einaudi. Forgione, F La mano delle mafie sui nuovi schiavi, in Limes, n. 4/2007, Roma, Gruppo Editoriale L'Espresso, pp Fracassi, C La meravigliosa storia della repubblica dei briganti. Roma 1849, Milano, Mursia. Franzoni, G Il posto della fede, Roma, Coines, Frisanco R Giovani volontari, in Rivista del volontariato, n.7-8/1998, Roma, Fivol. 1998b L'Associazionismo sociale oggi, in Rivista del volontariato, n.9/1998, Roma, Fivol. Galli, C (a cura di), Multiculturalismo. Ideologie e sfide, Bologna, Il Mulino. Galli, G Il bipartitismo imperfetto. Comunisti e democristiani in Italia, Milano, Mondadori (Ia ed. 1966, Bologna, Il Mulino) 1986 Storia del partito armato, Milano, Rizzoli I partiti politici italiani ( ), Milano, Rizzoli Piombo rosso. La storia completa della lotta armata in Italia dal 1970 ad oggi, Milano, Baldini Castoldi Dalai. Gambino, A Inventario italiano. Costumi e mentalità di un Paese materno, Torino, Einaudi. Giachetti, D Capelloni, studenti, estremisti: i giovani degli anni Sessanta e Settanta, in Dalmasso, S., a cura di, 2001, pp

20 2001b Critica e crisi della politica: i giovani dopo il '68, in Dalmasso, S., a cura di, 2001, pp Giddens, A Sociologia. Un'introduzione critica, Bologna, Il Mulino. Ginsborg, P Storia d'italia dal dopoguerra ad oggi, Torino, Einaudi I due bienni rossi: e Comparazione storica e significato politico, in AA. VV., I due bienni rossi del Novecento: e Studi e interpretazioni a confronto, Roma, Ediesse, 2006, pp Habermas, J. E Taylor, C Multiculturalismo. Lotte per il riconoscimento, Milano, Feltrinelli. Harris, M Materialismo culturale. La lotta per una scienza della cultura, Milano, Feltrinelli. Harris, N I nuovi intoccabili. Perché abbiamo bisogno degli immigrati. Milano, Il Saggiatore. Held, D., McGrew, A Globalismo e antiglobalismo, Bologna, Il Mulino Hughes, R La cultura del piagnisteo. La saga del politicamente corretto, Milano, Adelphi. IPRI 1986 I movimenti per la pace, Torino, Edizioni Gruppo Abele. Kingsnorth, P Un no, molti sì. Viaggio nel cuore delle resistenze alla globalizzazione, Milano, Ponte alle Grazie.

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI Il progetto si propone l obiettivo di avvicinare con maggiore consapevolezza il mondo della scuola

Dettagli

Comunicare con una mostra. Pratiche culturali di integrazione

Comunicare con una mostra. Pratiche culturali di integrazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Scienze della Comunicazione pubblica, sociale e politica Comunicare con una mostra Pratiche culturali di integrazione

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE

L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE L Osservatorio Nazionale sul Disagio e la Solidarietà

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India Sito: www.fondazionevarrone.it Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India In collaborazione con 1 SETTE BORSE

Dettagli

PROGETTO FINESTRE FOCUS

PROGETTO FINESTRE FOCUS Obiettivo Fornire, alle classi che hanno già realizzato negli anni precedenti il progetto Finestre, la possibilità di approfondire il tema del diritto d asilo attraverso specifici percorsi. La musica,

Dettagli

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea Percorsi di educazione non formale all Europa: - Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea - Progettazione e realizzazione di uno

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca d intesa con Il Forum delle Associazioni Nazionali dei Genitori VISTO l articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana, al cui primo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

Bando per dieci borse di studio: 6 per un anno di studio negli U.S.A 2 per un anno di studio in Cina e 2 per un anno di studio in India

Bando per dieci borse di studio: 6 per un anno di studio negli U.S.A 2 per un anno di studio in Cina e 2 per un anno di studio in India Sito: www.fondazionevarrone.it Bando per dieci borse di studio: 6 per un anno di studio negli U.S.A 2 per un anno di studio in Cina e 2 per un anno di studio in India In collaborazione con 1 DIECI BORSE

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Cittadinanzattiva Come promuovere l empowerment dei pazienti partendo dalla consapevolezza dei loro diritti

Cittadinanzattiva Come promuovere l empowerment dei pazienti partendo dalla consapevolezza dei loro diritti Cittadinanzattiva Come promuovere l empowerment dei pazienti partendo dalla consapevolezza dei loro diritti Giuseppe Scaramuzza Premessa Questo intervento non ha un taglio dottrinale ma racconta e riporta

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARUSO. Delega al Governo per l istituzione dell Albo dei mediatori interculturali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARUSO. Delega al Governo per l istituzione dell Albo dei mediatori interculturali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 652 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARUSO Delega al Governo per l istituzione dell Albo dei mediatori interculturali Presentata

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo FORMAZIONE GENERALE Il percorso formativo è costituito da una serie di moduli raggruppati all interno di macroaree tematiche: una sorta di percorso logico e di viaggio nel mondo del servizio civile. La

Dettagli

Anna Frank. C.T.P. Adulti

Anna Frank. C.T.P. Adulti Anna Frank Tito Maccio Plauto San Giorgio C.T.P. Adulti Scuola Secondaria di primo grado Via Anna Frank di Cesena Progetto Macramè MEDIATORI CULTURALI aa.ss. 2008/2009-2009/2010 2009/2011 Scuola Secondaria

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Indicazioni Nazionali per il Curricolo Indicazioni Nazionali per il Curricolo Scuola dell infanzia e primo ciclo di istruzione Conferenza Stampa Mercoledì 6 Marzo 2013 MIUR- Sala della Comunicazione Ore 15:00-17:00 #InScuola Le nuove Indicazioni

Dettagli

Orientamento, conoscere per scegliere. Educazione alla cittadinanza europea

Orientamento, conoscere per scegliere. Educazione alla cittadinanza europea Orientamento, conoscere per scegliere Educazione alla cittadinanza europea Progetto per le scuole a.s. 2006/2007 1 Orientamento: conoscere per scegliere Educazione alla cittadinanza europea Premessa Da

Dettagli

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati.

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Rubbettino Università, Soveria Mannelli 2009 Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Diversi sono tuttavia

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Abstract dell elaborato di tesi in Storia e Filosofia dei Diritti Umani di Beatrice Gabrielli: IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Corso di laurea in Culture e Diritti

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

2015-2016 Un anno scolastico in

2015-2016 Un anno scolastico in 2015-2016 Un anno scolastico in U.S.A. e CINA La Fondazione Varrone, in collaborazione con Intercultura, bandisce un concorso per OTTO borse di studio completamente gratuite, di cui SEI per soggiorni di

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Premessa Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Giovanna Baldini e Cristiana Vettori Libera Scuola Pisa Creare comunità consapevoli,

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Articolo 1 Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi e al

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 339 del 21 luglio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 339 del 21 luglio 1987) Programma di Insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola Secondaria Superiore (Decreto del Presidente della Repubblica n. 339 del 21 luglio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento della religione

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante Che cosa può rendere felice la società? Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Immaginare diverse modalità di risoluzione dei problemi. - Dare risposte originali.

Dettagli

Doposcuola popolare nel Quartiere S.Fereolo di Lodi Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale.

Doposcuola popolare nel Quartiere S.Fereolo di Lodi Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale. Master in Social pedagogy and fight against youth violence Doposcuola popolare nel Quartiere Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale di SILVIA BOSI S.Fereolo di Lodi Piano

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Progetto di avviamento all apprendimento della lingua inglese per bambini di 3-6 anni

Progetto di avviamento all apprendimento della lingua inglese per bambini di 3-6 anni Let s play English! Progetto di avviamento all apprendimento della lingua inglese per bambini di 3-6 anni Lisa Tognon Scuola dell Infanzia Sacro Cuore, Carpanedo di Albignasego, PADOVA Lisa Tognon Email:

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Facoltà di Scienze della formazione

Facoltà di Scienze della formazione Percorsi Formativi Facoltà di Scienze della formazione Laurea magistrale Brescia a.a. 2011-2012 www.unicatt.it 1 2 INDICE Scienze della Formazione 4 Laurea magistrale in Progettazione 6 pedagogica e formazione

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: PER UNA SCUOLA DELL INCLUSIONE 2014 AMBITO D INTERVENTO: Assistenza scolastica agli alunni diversamente abili AMBITO TERRITORIALE: I volontari svolgeranno

Dettagli

Relatore: Paula Eleta

Relatore: Paula Eleta A scuola nessuno è straniero Firenze, 30 settembre 2011 Sessione: L integrazione comincia dai più piccoli Una scuola aperta che guarda al futuro Percorsi interculturali e di integrazione presso le Scuole

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole

Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole INTERCULTURA nasce e si sviluppa intorno a un progetto educativo: si propone di contribuire alla crescita di studenti, famiglie e scuole attraverso

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 PROGETTO CONTINUITÀ INCONTRARSI A SCUOLA DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ - AMBIENTI, FATTI,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli