Corso html 5. Di Roberto Abutzu. *********** Quarta parte: Body ed elementi strutturali. ********** Cos'è il Body e gli elementi strutturali?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso html 5. Di Roberto Abutzu. *********** Quarta parte: Body ed elementi strutturali. ********** Cos'è il Body e gli elementi strutturali?"

Transcript

1 Corso html 5. Di Roberto Abutzu. *********** Quarta parte: Body ed elementi strutturali. ********** Cos'è il Body e gli elementi strutturali? Riprendiamo il discorso, introducendo la tag Body e iniziando a creare la struttura della nostra prima pagina web. A questo punto, per non generare equivoci, devo fare una precisazione riguardante la nuova versione del linguaggio html, la versione 5, che semplifica di molto la creazione della struttura della pagina. Con il termine "Struttura", intendo il layout della pagina, cioè l'ossatura grafica e strutturata della pagina, come se fosse lo scheletro di un palazzo o il telaio di una vettura. Quindi, quando stiamo creando la pagina, dobbiamo creare prima la struttura, perciò, è come se, nel crearla, suddividessimo la pagina in tanti pezzi diversi, come se fossero dei veri e propri contenitori, ognuno adibito ad un ruolo ben specifico e che accoglierà i contenuti che decideremo per ognuno di essi. Facciamo una parentesi. Fino alla versione di html4, le pagine venivano composte a settori e ogni settore era identificato da una tag denominata

2 <div>. Il risultato era che le intestazioni, i menu, gli elenchi, i contenuti, il piè di pagina, eccetera, erano tutti all'interno di tag DIV inserite all'interno della pagina stessa. Ovviamente, per poter formattare con i css i contenuti delle tag DIV, bisognava dare ad ogni DIV un identificativo specifico ed univoco per distinguerlo. Questo identificativo si chiama Id e deve essere assolutamente unico per ogni pagina. Faccio un esempio: <div id="menunavigazione"> contenuti che vedremo più avanti </div> Analizziamo questa stringa. La tag è: <div>, una tag di apertura che dopo aver inserito i contenuti, è chiusa con: </div> Però, gli abbiamo assegnato anche un identificativo: Id, mettendo un uguale e tra le virgolette il nome che vogliamo assegnare a questo div. Come avete notato, tale ID è posizionato tra il nome della tag DIV e il segno di maggiore per completare e chiudere la tag. L'identificativo id, possiamo assegnarlo ad ogni elemento, stando molto attenti a quello che scriviamo tra le virgolette. Infatti, non è possibile inserire spazi. Quando il nome è composto da più parole, ma non è una regola, si può scrivere la seconda parola con la lettera maiuscola, oppure separare le due parole con un segno di sottolineato o un trattino, solo per dare modo a chi legge di poter capire meglio quello che legge. E' importante riportarlo nel foglio di stile, css, esattamente come è stato scritto, perché altrimenti non funzionerà. Quindi, riassumendo: 1. L'identificativo Id non è altro che un attributo della tag Div. 2. Il valore dell'attributo è il nome inserito tra le virgolette. 3. L'identificativo, che sarebbe una sorta di etichetta univoca, può essere dato a qualsiasi elemento purché unico per ogni pagina.

3 Tornando alla prima parte della spiegazione, con le versioni precedenti di HTML, trovavamo le pagine piene di tag Div ed i browser non avevano nessuna possibilità di distinguere un div da un'altro, se non si era oculati, inserendo un attributo ID per ognuno di essi. Con l'html 5, questa problematica viene in buona parte risolta, dando delle nuove Tag specifiche ad alcuni settori della pagina stessa. Si precisa che il Tag Div è ancora utilizzato e valido per il W3C. Allora, molto probabilmente vi chiederete come è strutturata attualmente una pagina. Vediamolo subito, considerando solo le tag contenute all'interno della tag Body. Nota bene: si fa presente che nella tag Body abbiamo tutti gli elementi visibili nella pagina che il navigatore vede a schermo. Di seguito, c'è l'elenco delle tag e per ogni tag, è scritta la tag, un segno di uguale e il significato: <header> = L'intestazione del sito, quella visibile all'utente. Può contenere anche più livelli. <nav> = indica il menu di navigazione principale del sito. <aside> = significa Di fianco, e all'interno è possibile aggiungere contenuti aggiuntivi, che restano graficamente su un lato. <hgroup> = questa tag, possiamo utilizzarla per racchiudere più livelli di intestazione, dandogli così una gerarchia indipendente dalle altre intestazioni della pagina. Poi vedremo nei dettagli e sarà più chiaro.

4 <section> = Questa tag, può contenere una porzione di contenuti nella pagina, e viene quasi sempre preceduta da una intestazione. Su questa tag, ci sono un po' di polemiche in rete, in quanto non è chiaro quando può sostituire la tag Div. <div> = Questa era la più usata in passato, e ogni tipologia di contenuto può essere inserito dentro alle tag Div. <footer> = questa tag è il piè di pagina dove di solito vengono inseriti il Copyright e i dati del creatore del sito, o anche i dati aziendali. Per eseguire un esercizio pratico di come vengono usati questi tag, apriamo il nostro file index.html e, all'interno, tra le tag <body> e </body>, inseriremo le tag sopra elencate. Potete anche selezionarle e copiarle direttamente nel vostro file index.html, anche se io consiglio di prendere la buona abitudine di scriverle direttamente, se non altro, per acquisirne mentalmente la struttura e non avere più il bisogno di andare a leggerle. Questo aiuta ad apprendere meglio in futuro il percorso che stiamo facendo. Aperto il file index.html, inserite dopo l'apertura della tag Body, quindi, dopo la tag <Body>, quanto segue: <header> <hgroup> <h1> Sito html 5 </h1> <h2> corso html per non vedenti </h2> <h3> Il sito scritto tutto in codice </h3>

5 </hgroup> <nav> <h1> Menu di navigazione </h1> <p> Qui inseriremo il nostro menu principale </p> </nav> </header> <div id="content"> <!-- inizio contenuti --> <h2> Html 5 presentazione del corso </h2> <p> qui inseriremo i contenuti. </p> </div> <!-- chiuso contenuti --> <footer> <p> piè di pagina </p> <small> Copyright </small>

6 </footer> Scritte o copiate le tag come indicato sopra, abbiamo una struttura minima e potremo iniziare a inserirci ulteriori contenuti. Nota importante! La struttura è di fondamentale importanza per svariati motivi: 1. I siti hanno la stessa struttura in quasi tutte le pagine, cambiando poi solo i contenuti. Quindi, una buona struttura, permette di risparmiare parecchio tempo nello sviluppo del sito. Però, prima di creare una struttura, è fondamentale avere un'idea ben chiara di quanti tipi di pagine si vogliono utilizzare ed avere, quindi, idea anche della struttura delle pagine successive. 2. Utilizzando i fogli di stile a cascata, per la formattazione degli elementi sulla pagina, questa viene applicata una sola volta alla struttura e si ripete automaticamente per tutte le pagine del sito che hanno la stessa struttura. 3. Una struttura programmata in modo corretto consente ai browser di caricare il sito con rapidità, perché non c'è alcun bisogno di personalizzare le informazioni degli elementi previsti dai contenuti delle pagine. L'adattamento delle informazioni sui contenuti è previsto dall'html 5, quindi, vedremo successivamente come far in modo che anche i browser datati possano caricare la nostra pagina esattamente come l'abbiamo creata. 4. Riguardo all'accessibilità per i disabili visivi, avere i settori delle pagine correttamente identificati dalle Tag univoche e specifiche, ci snellisce e ci agevola nella navigazione delle pagine e ci consente di operare, anche su pagine molto grandi, senza mai perdere l'orientamento, cosa che accadeva spesso quando una pagina era stata strutturata con centinaia di div.

7 Prima di passare all'inserimento dei contenuti ed ulteriori Tag, controlliamo con una panoramica del codice, cosa abbiamo inserito nella nostra index.html fino a questo punto. Tralasciando la tag html di apertura e chiusura della pagina ed utilizzando i vari tag aperti e chiusi con al loro interno la spiegazione di cosa conterranno, il nostro file index.html è formato dal seguente codice: <head> Contiene le informazioni non visibili che vedremo in seguito </head> <body> contiene tutti gli elementi della pagina visibili dal navigatore. </body> All'interno della tag body, abbiamo diviso in: <header> contiene le Intestazioni del sito, racchiuse all'interno della tag <hgroup> intestazioni </hgroup> chiusa da </header> <nav> Questa Tag racchiuderà tutti gli elementi del menu principale del nostro sito. </nav> Questa tag, può anche essere tranquillamente contenuta all'interno della tag Header. Chiusa la tag Header con il codice di chiusura </header>, abbiamo aperto una tag Div con la tag <div id="content">, dandogli un identificativo con il nome content. Ripeto che l'identificativo sarebbe il nome proprio della tag Div. Notate di fianco alla tag Div, un commento. Ricordate, specialmente in presenza di tag Div, inserite sempre dei commenti sia all'apertura, sia alla chiusura, perché se riprendete il lavoro, anche se fosse per apportare una qualche modifica, serviranno a ricordare per quale motivo avete previsto quella tag. Intestazione di secondo livello e poi i contenuti della Home Page.

8 Chiusura della tag Div content, con il codice </div>, con un commento. Apertura della Tag Footer con il codice <Footer>. Un paragrafo nel quale ho inserito dei contenuti fittizi del piè di pagina e che poi sostituiremo con quelli veri. Una tag Smal con codice <small> contenuto Smal </small> che Scrive il carattere di dimensioni ridotte e si usa, quasi sempre, per il copyright e per le cose che non si vogliono far risaltare troppo. Chiusura tag Footer con il codice </footer> Ovviamente, come indicato già sopra, tutte queste Tag devono essere contenute tra l'apertura della tag Body, con il codice <body>, e la sua chiusura con il codice </body>. Ho inserito anche dei paragrafi con i codici <p> contenuto paragrafo </p> solo per dare delle indicazioni quando si apre la index.html con il browser. Vi spiego subito cos'è la tag paragrafo, anche se poi la vedremo meglio successivamente. <p> Qui inseriremo del testo. </p> Potete notare che è molto semplice. Ecco spiegato come si compone la tag di apertura del paragrafo: segno minore, lettera p, segno maggiore.

9 Ecco spiegato come si compone la tag di chiusura del paragrafo: segno minore, la barra con shift più 7, lettera p, segno maggiore. Nota importante: anche se l'html 5 non crea differenze tra maiuscole e minuscole, la lettera p di questa tag, ma in genere tutto il testo delle tag, deve sempre essere minuscolo, altrimenti il validatore del W3C ci darà un messaggio di errore per ogni volta che inseriamo una maiuscola. Vi rimando alla prossima parte, Nella quale inizieremo a vedere i seguenti elementi: le Intestazioni, i Link, le liste e creeremo il nostro menu principale per la navigazione del sito. *********** Per ulteriori spiegazioni, scrivere a: Roberto Abutzu

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. *********** Terza parte: Prime nozioni: Tag e prima pagina, continuazione. **********

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. *********** Terza parte: Prime nozioni: Tag e prima pagina, continuazione. ********** Corso html 5. Di Roberto Abutzu. *********** Terza parte: Prime nozioni: Tag e prima pagina, continuazione. ********** Prime nozioni: Tag e prima pagina, continuazione. Nota bene, al fine di avere anche

Dettagli

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Ottava parte: I link, seconda parte. `**********` I link, seconda parte.

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Ottava parte: I link, seconda parte. `**********` I link, seconda parte. Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Ottava parte: I link, seconda parte. `**********` I link, seconda parte. Continuiamo la parte che completerà la trattazione dei link, andando ad operare direttamente

Dettagli

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Sedicesima parte: Evidenziare il testo e le date. `**********`

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Sedicesima parte: Evidenziare il testo e le date. `**********` Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Sedicesima parte: Evidenziare il testo e le date. `**********` Nota importante: Questa lezione e la successiva vanno considerate come un'unica lezione. Affronteremo

Dettagli

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Tredicesima parte: Le immagini. `**********`

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Tredicesima parte: Le immagini. `**********` Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Tredicesima parte: Le immagini. `**********` Dopo l'introduzione al linguaggio Css, riprendiamo l'apprendimento del linguaggio Html 5 introducendo le immagini.

Dettagli

TEMI - Struttura. I file del tema

TEMI - Struttura. I file del tema TEMI - Struttura - Ci sono due possibilità per modificare un tema: - Tramite l editor di amministrazione (AspettoàEditor), che consente di selezionare modificare i file (NOTA: copiare il file prima di

Dettagli

Registrazione. Scelta del nome

Registrazione. Scelta del nome Introduzione Altervista (www.altervista.org) mette a disposizione le più moderne tecnologie web 2.0 per creare un proprio sito web. In questo tutorial vogliamo guidarvi nella registrazione al sito e nella

Dettagli

Moodle per docenti. Indice:

Moodle per docenti. Indice: Abc Moodle per docenti Indice: 1. 2. 3. 4. ACCEDERE ALL INTERNO DELLA PIATTAFORMA MOODLE. pag 1 INSERIRE UN FILE (es. Piano di lavoro e Programmi finali)... pag 4 ORGANIZZARE UN CORSO DISCIPLINARE (inserire

Dettagli

Per accedere clicca su START o AVVIO (in basso a sinistra sul tuo schermo), poi su PROGRAMMI, ACCESSORI e infine su BLOCCO NOTE.

Per accedere clicca su START o AVVIO (in basso a sinistra sul tuo schermo), poi su PROGRAMMI, ACCESSORI e infine su BLOCCO NOTE. Cos'è l'html HTML è una sigla che viene da una frase inglese che vuol dire: " Linguaggio di contrassegno di ipertesti" (Hyper Text Markup Language) L'Html non è un vero e proprio linguaggio di programmazione,

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

TUTORIAL PER UTILIZZO CATALOGO RICAMBI WEB

TUTORIAL PER UTILIZZO CATALOGO RICAMBI WEB TUTORIAL PER UTILIZZO CATALOGO RICAMBI WEB 1. COME ACCEDERE AL CATALOGO... 2 2. DESCRIZIONE BARRA DEL MENU... 3 2.1 LINGUE... 3 2.2 ACCEDI/RESET... 4 2.3 RICERCA RICAMBI... 4 2.3.1 RICERCA PER DESCRIZIONE...

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat www.dimi.uniud.it/burigat File HTML e tag Un file HTML non è nient'altro che un puro file di testo al cui interno sono presenti delle

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Decima parte: il linguaggio Css, introduzione. `**********` Il linguaggio Css, introduzione.

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Decima parte: il linguaggio Css, introduzione. `**********` Il linguaggio Css, introduzione. Corso html 5. Di Roberto Abutzu. `***********` Decima parte: il linguaggio Css, introduzione. `**********` Il linguaggio Css, introduzione. Col passare del tempo e l'evoluzione del linguaggio html, ma

Dettagli

La pagina Web modulo.html utilizza le specifiche di stile descritte nel foglio feedback.css.

La pagina Web modulo.html utilizza le specifiche di stile descritte nel foglio feedback.css. Moduli di feedback Uno degli strumenti per l interattività con gli utenti è la pagina per raccogliere suggerimenti o commenti dai visitatori, formata da moduli sul video da riempire con il nome del mittente,

Dettagli

APPUNTI DI HTML (SECONDA LEZIONE)

APPUNTI DI HTML (SECONDA LEZIONE) APPUNTI DI HTML (SECONDA LEZIONE) 1. TITOLI, PARAGRAFI, BLOCCHI DI TESTO E CONTENITORI. E utile scrivere il testo che vogliamo inserire nella nostra pagina html all interno di appositi tag. La pagina sarà

Dettagli

Nell Header posto nella parte superiore della pagina, possiamo trovare informazioni che identificano l organizzazione

Nell Header posto nella parte superiore della pagina, possiamo trovare informazioni che identificano l organizzazione GUIDA ALL USO Il sito del Consorzio Proximo è stato concepito per due diverse finalità: una grafica accattivante per rispondere alle esigenze di vetrina su internet e invogliare potenziali clienti a richiedere

Dettagli

Creare documenti XML. La natura epistemologica della codifica. Perché comprare XML? La struttura gerarchica ordinata. Riassumendo le componenti

Creare documenti XML. La natura epistemologica della codifica. Perché comprare XML? La struttura gerarchica ordinata. Riassumendo le componenti Lez. 7 Creare documenti XML La codifica deve raggiungere 2 traguardi: Accessibilità tecnica Permanenza a lungo termine 05/03/12 Perché comprare XML La natura epistemologica della codifica HTML Descrive

Dettagli

Tutorial: Adattare le skin del web a Jimdo. Per postare questo tutorial su altri blog/siti/forum inviatemi una e-mail o un pm

Tutorial: Adattare le skin del web a Jimdo. Per postare questo tutorial su altri blog/siti/forum inviatemi una e-mail o un pm Tutorial: Adattare le skin del web a Jimdo Tutorial creato da: marte9020 Tutorial creato per: http://jimding3.jimdo.com Programma utilizzato: Google Chrome (Qualsiasi Browser va bene) Per postare questo

Dettagli

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Chi può riuscire a creare pagine HTML? La realizzazione di pagine web non eccessivamente sofisticate è alla portata di tutti, basta

Dettagli

CREAZIONE E MODIFICA DELLA PAGINA WEB DELLA BIBLIOTECA Andare nel modulo Biblioteche in alto a sinistra. Digitare nel campo Nome Biblioteca la

CREAZIONE E MODIFICA DELLA PAGINA WEB DELLA BIBLIOTECA Andare nel modulo Biblioteche in alto a sinistra. Digitare nel campo Nome Biblioteca la CREAZIONE E MODIFICA DELLA PAGINA WEB DELLA BIBLIOTECA Andare nel modulo Biblioteche in alto a sinistra. Digitare nel campo Nome Biblioteca la denominazione del Comune della Biblioteca (basta anche solo

Dettagli

COME ELIMINARE PARTI DEL TEMPLATE IN PAGINE SINGOLE

COME ELIMINARE PARTI DEL TEMPLATE IN PAGINE SINGOLE COME ELIMINARE PARTI DEL TEMPLATE IN PAGINE SINGOLE Con questa guida impareremo come eliminare delle singole zone del template che utilizziamo all'interno di una pagina specifica. Questo metodo torna utile

Dettagli

Fogli di stile CSS. 1 Istituto Italiano Edizioni Atlas

Fogli di stile CSS. 1 Istituto Italiano Edizioni Atlas Fogli di stile CSS Il foglio CSS (Cascading Style Sheet, foglio di stile a cascata) è un documento in formato testuale che definisce il controllo sulla visualizzazione della pagina HTML e sul suo layout,

Dettagli

3.5.1.1 Aprire, preparare un documento da utilizzare come documento principale per una stampa unione.

3.5.1.1 Aprire, preparare un documento da utilizzare come documento principale per una stampa unione. Elaborazione testi 133 3.5 Stampa unione 3.5.1 Preparazione 3.5.1.1 Aprire, preparare un documento da utilizzare come documento principale per una stampa unione. Abbiamo visto, parlando della gestione

Dettagli

La pagina di Explorer

La pagina di Explorer G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 11 A seconda della configurazione dell accesso alla rete, potrebbe apparire una o più finestre per l autenticazione della connessione remota alla rete. In linea generale

Dettagli

www.filoweb.it STAMPA UNIONE DI WORD

www.filoweb.it STAMPA UNIONE DI WORD STAMPA UNIONE DI WORD Molte volte abbiamo bisogno di stampare più volte lo stesso documento cambiando solo alcuni dati. Potremmo farlo manualmente e perdere un sacco di tempo, oppure possiamo ricorrere

Dettagli

HTML+XML= XHTML. Che cos è l XHTML

HTML+XML= XHTML. Che cos è l XHTML HTML+XML= XHTML Il ritorno al futuro del WEB A cura di Barbara Lotti Che cos è l XHTML Nel gennaio del 2000 il W3C ha rilasciato, anziché una nuova versione, una riformulazione dell HTML come applicazione

Dettagli

UTILIZZO DEL TEMPLATE Parte 1 - struttura

UTILIZZO DEL TEMPLATE Parte 1 - struttura UTILIZZO DEL TEMPLATE Parte 1 - struttura PROGRAMMI UTILIZZATI: gestione del codice HTML - HTML-Kit è un Editor Web non di tipo visuale, che consente la costruzione ex-novo di pagine web o la loro modifica,

Dettagli

Educazione didattica per la E-Navigation

Educazione didattica per la E-Navigation Educazione didattica per la E-Navigation Guida utente per l utilizzo della piattaforma WIKI Rev. 3.0 23 febbraio 2012 Guida EDEN rev. 3.0 P. 1 di 24 23/02/2012 Indice Come registrarsi... 3 Utilizzo della

Dettagli

Manuale di sviluppo Geecom Scritto da Andrea Pastore. versione 2.1 24/11/2014

Manuale di sviluppo Geecom Scritto da Andrea Pastore. versione 2.1 24/11/2014 Manuale di sviluppo Geecom Scritto da Andrea Pastore versione 2.1 24/11/2014 Capitolo 1: creare un template per Geecom La struttura di un template geecom Creare un template personalizzato Sommario Capitolo

Dettagli

I link e l'ipertestualità

I link e l'ipertestualità I link e l'ipertestualità I link sono "il ponte" che consente di passare da un documento all altro. In quanto tali, i link sono formati da due componenti: il contenuto che "nasconde" il collegamento (può

Dettagli

Olga Scotti. Esercizi. Create nella vostra directory HTML un albero di directory come quello della prossima slide (arancio = directory verde = file)

Olga Scotti. Esercizi. Create nella vostra directory HTML un albero di directory come quello della prossima slide (arancio = directory verde = file) Esercizi Create nella vostra directory HTML un albero di directory come quello della prossima slide (arancio = directory verde = file) Esercizi 12biz htdocs img Index.html Canzoni.html Galleria.htm guestbook

Dettagli

Guida all utilizzo del sito web 4 apr. 2013 v. 1.0

Guida all utilizzo del sito web 4 apr. 2013 v. 1.0 www.comune.piario.bg.it created by zeramico.com Guida all utilizzo del sito web 4 apr. 2013 v. 1.0 1 COSA È CAMBIATO Le modifiche più grosse sono state apportate alla struttura del sito web, a ciò che

Dettagli

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO Capittol lo 5 File 5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO In Word è possibile creare documenti completamente nuovi oppure risparmiare tempo utilizzando autocomposizioni o modelli, che consentono di creare

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 7 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 7 - Sistemi Web! per il turismo! - lezione 7 - I siti Web per il turismo! I siti Web per il turismo sono insiemi di pagine Web a cui si accede tramite un particolare indirizzo URL (Uniform Resource Locator,

Dettagli

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA PASSO 1 Per prima cosa pensiamo al formato generale della pagina: i margini richiesti da una tesi sono quasi sempre più ampi di quelli di un testo normale. Apriamo ora

Dettagli

Piazza Vinci, 78-00139 Roma Tel. +39 347.301.78.14 Fax +39 06.878.599.211 info@etabetaweb.it www.etabetaweb.it. manuale utente Versione 1.

Piazza Vinci, 78-00139 Roma Tel. +39 347.301.78.14 Fax +39 06.878.599.211 info@etabetaweb.it www.etabetaweb.it. manuale utente Versione 1. Piazza Vinci, 78-00139 Roma Tel. +39 347.301.78.14 Fax +39 06.878.599.211 info@etabetaweb.it www.etabetaweb.it OPENm@il manuale utente Versione 1.2 INDICE INDICE 2 1. INDIRIZZI PRINCIPALI 3 1. MENU PRINCIPALE

Dettagli

Programma MANUTENZIONE

Programma MANUTENZIONE Programma MANUTENZIONE MANUALE UTENTE @caloisoft Programma MANUTENZIONE 1 IL PROGRAMMA MANUTENZIONE Il programma dispone di una procedura automatica di installazione. INSTALLAZIONE Per installare il programma

Dettagli

HTML SITI WEB. FEQUENZA OBBLIGATORIA 80% ESERCITAZIONI (laboratorio) RICONOSCIMENTO 3 CFU. infolab@uniroma3.it host.uniroma3.it/laboratori/infolab

HTML SITI WEB. FEQUENZA OBBLIGATORIA 80% ESERCITAZIONI (laboratorio) RICONOSCIMENTO 3 CFU. infolab@uniroma3.it host.uniroma3.it/laboratori/infolab HTML SITI WEB FEQUENZA OBBLIGATORIA 80% ESERCITAZIONI (laboratorio) RICONOSCIMENTO 3 CFU infolab@uniroma3.it host.uniroma3.it/laboratori/infolab INTERNET Generalmente Internet è definita la rete delle

Dettagli

www.associazioni.milano.it - Il sito dedicato alle associazioni no-profit di Milano e provincia

www.associazioni.milano.it - Il sito dedicato alle associazioni no-profit di Milano e provincia Utilizzo del Forum NEWS Il forum news è stato pensato per dare ad ogni associazione la possibilità di pubblicare una pagina di novità all intero del proprio sito (scheda o pagina autocomposta). E la sezione

Dettagli

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013 Corso di HTML Modulo L3 1-Concetti generali 1 Prerequisiti Browser Rete Internet Client e server 2 1 Introduzione In questa Unità introduciamo alcuni semplici elementi del linguaggio HTML, con il quale

Dettagli

Manuale di realizzazione dei modelli di documento

Manuale di realizzazione dei modelli di documento MystiqueXML Manuale di realizzazione dei modelli di documento Indice 1 Le tabelle...5 1.1 Tabelle condizionali...5 1.2 Tabelle Multiple - un solo livello...5 1.3 Tabelle Multiple - a più livelli...5 2

Dettagli

Alla scoperta della nuova interfaccia di Office 2010

Alla scoperta della nuova interfaccia di Office 2010 Alla scoperta della nuova interfaccia di Office 2010 Una delle novità più eclatanti della versione 2007 era la nuova interfaccia con la barra multifunzione. Office 2010 mantiene questa filosofia di interfaccia

Dettagli

Moduli (schede compilabili) in Word Esempio: scheda di alimentazione per un degente

Moduli (schede compilabili) in Word Esempio: scheda di alimentazione per un degente Moduli (schede compilabili) in Word Esempio: scheda di alimentazione per un degente Vediamo come utilizzare Word per costruire un modulo compilabile, ovvero una scheda che contenga delle parti fisse di

Dettagli

Layout dell area di lavoro

Layout dell area di lavoro Layout dell area di lavoro In Windows, Dreamweaver fornisce un layout che integra tutti gli elementi in una sola finestra. Nell area di lavoro integrata, tutte le finestre e i pannelli sono integrati in

Dettagli

MANUALE PER L UTILIZZO DELLA FUNZIONE EVENTI Rel.1.2 del 29 gennaio 2004

MANUALE PER L UTILIZZO DELLA FUNZIONE EVENTI Rel.1.2 del 29 gennaio 2004 MANUALE PER L UTILIZZO DELLA FUNZIONE EVENTI Rel.1.2 del 29 gennaio 2004 PRELIMINARE - Avete digitato la password che Vi è stata attribuita e siete entrati nell area riservata all AMMINISTRAZIONE del Vostro

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

qui possiamo scegliere se creare un nuovo Database oppure aprire un Database già esistente. Fatto ciò avremo questa seconda schermata:

qui possiamo scegliere se creare un nuovo Database oppure aprire un Database già esistente. Fatto ciò avremo questa seconda schermata: Creare un Database completo per la gestione del magazzino. Vedremo di seguito una guida pratica su come creare un Database per la gestione del magazzino e la rispettiva spiegazione analitica: Innanzitutto

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul Web

On-line Corsi d Informatica sul Web On-line Corsi d Informatica sul Web Corso base di Excel Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 ELEMENTI DELLO SCHERMO DI LAVORO Aprire Microsoft Excel facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Il linguaggio HTML - Nozioni di base

Il linguaggio HTML - Nozioni di base Corso IFTS Informatica, Modulo 3 Progettazione pagine web statiche (50 ore) Il linguaggio HTML - Nozioni di base Dott. Chiara Braghin braghin@dti.unimi.it What is HTML? HTML (HyperText Markup Language)

Dettagli

L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica.

L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica. L uso del software Excel per la costruzione di un documento ipertestuale con giochi per la verifica. Il lavoro si presenta piuttosto lungo, ma per brevità noi indicheremo come creare la pagina iniziale,

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Principio. di base per una buona riuscita

Principio. di base per una buona riuscita Una delle attività da affrontare nel nostro lavoro è quella di realizzare un layout, ossia una struttura dove posizionare contenuti per creare una pagina web. Ci sono molti tipi di pagine web quindi diverse

Dettagli

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale Siti web e Dreamweaver Dreamweaver è la soluzione ideale per progettare, sviluppare e gestire siti web professionali e applicazioni efficaci e conformi agli standard e offre tutti gli strumenti di progettazione

Dettagli

Centro Iniziative Sociali Municipio III

Centro Iniziative Sociali Municipio III Centro Iniziative Sociali Municipio III C.I.S Municipio III Corso di informatca Roberto Borgheresi C ORSO BASE DI I NFORMATICA Centro Iniziative Sociali Municipio III Coordinatore: Roberto Borgheresi Insegnanti:

Dettagli

Microsoft Access 2000

Microsoft Access 2000 Microsoft Access 2000 Corso introduttivo per l ECDL 2004 Pieralberto Boasso Indice Lezione 1: le basi Lezione 2: le tabelle Lezione 3: creazione di tabelle Lezione 4: le query Lezione 5: le maschere Lezione

Dettagli

Guida Joomla. di: Alessandro Rossi, Flavio Copes

Guida Joomla. di: Alessandro Rossi, Flavio Copes Guida Joomla di: Alessandro Rossi, Flavio Copes Grafica e template 1. 15. La grafica e i template Personalizzare l'aspetto del sito aggiungendo nuovi template e customizzandoli 2. 16. Personalizzare il

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi:

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi: JAVASCRIPT Introduzione Con l HTML siamo in grado di realizzare pagine web statiche. Con il linguaggio Javascript, invece, possiamo interagire modificando il contenuto della pagina. Il linguaggio javascript

Dettagli

Versione 7.0 Taglie e Colori. Negozio Facile

Versione 7.0 Taglie e Colori. Negozio Facile Versione 7.0 Taglie e Colori Negozio Facile Negozio Facile: Gestione taglie e colori Il concetto di base dal quale siamo partiti è che ogni variante taglia/colore sia un articolo a se stante. Partendo

Dettagli

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH IMPOSTAZIONE DI UNA IMMAGINE ALL INTERNO DI UNA PAGINA WEB: In questo capitolo è spiegata la procedura di inserimento e modifica di una immagine

Dettagli

Il programma Power Point

Il programma Power Point Il programma Power Point ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Power Point In questo argomento del nostro corso affrontiamo il programma Power Point.

Dettagli

Sistemi Web per il turismo - lezione 4 -

Sistemi Web per il turismo - lezione 4 - Sistemi Web per il turismo - lezione 4 - I siti Web per il turismo I siti Web per il turismo sono insiemi di pagine Web a cui si accede tramite un particolare indirizzo URL (Uniform Resource Locator, localizzatore

Dettagli

CAPITOLO 6 - LINGUAGGIO HTML INTRODUZIONE

CAPITOLO 6 - LINGUAGGIO HTML INTRODUZIONE INTRODUZIONE Le pagine web sono scritte in HTML, un semplice linguaggio di scrittura. In pratica, un documento HTML non è nient'altro che un file di testo. L'HTML permette di scrivere un documento come

Dettagli

Dott.ssa Maria Vittoria Avolio. Dott.ssa Adriana Pietramala

Dott.ssa Maria Vittoria Avolio. Dott.ssa Adriana Pietramala Corso di Informatica Laurea Triennale - Comunicazione&Dams Dott.ssa Maria Vittoria Avolio avoliomv@unical.it Dott.ssa Adriana Pietramala a.pietramala@unical.it Riferimenti Manuale PHP http://www.php.net/download-docs.php

Dettagli

I 5 - M A F A L D A B A C C A R O a. a. 2 0 1 1 / 2 0 1 2 I I a n n u a l i t à. Compito 2.

I 5 - M A F A L D A B A C C A R O a. a. 2 0 1 1 / 2 0 1 2 I I a n n u a l i t à. Compito 2. I 5 - M A F A L D A B A C C A R O a. a. 2 0 1 1 / 2 0 1 2 I I a n n u a l i t à T 0 4 Compito 2. P R II N C II P II D II G R A F II C A E L AY O U T Si immagini di dover progettare il layout grafico di

Dettagli

tommaso.iacomino@gmail.com INTERNET EXPLORER Guida introduttiva CAPITOLO 1 Fig. 1

tommaso.iacomino@gmail.com INTERNET EXPLORER Guida introduttiva CAPITOLO 1 Fig. 1 INTERNET EXPLORER Guida introduttiva CAPITOLO 1 Fig. 1 IMPORTANTE: forse non visualizzate questa barra, se così fosse usiamo questa procedura: posizioniamo il cursore sulla parte vuota tasto destro del

Dettagli

schema riassuntivo del corso di access

schema riassuntivo del corso di access schema riassuntivo del maggio-settembre 2006 Materiale prodotto da Domenico Saggese unicamente come supporto per i suoi corsi. E lecito trattenerne una copia per uso personale; non è autorizzato alcun

Dettagli

Guida alla composizione di modelli OpenOffice

Guida alla composizione di modelli OpenOffice Tekne Informatica & Comunicazione Guida alla composizione di modelli OpenOffice guida rapida per creare e modificare modelli OpenOffice per XDent 01 aprile 2011 Sommario Premessa... 2 Ottenere ed Installare

Dettagli

PROCEDURA DI PROTOCOLLAZIONE CON IL SOFTWARE IRIDE

PROCEDURA DI PROTOCOLLAZIONE CON IL SOFTWARE IRIDE PROCEDURA DI PROTOCOLLAZIONE CON IL SOFTWARE IRIDE Pagina 1 di 25 Per poter protocollare un documento occorre accedere a IRIDE con il proprio username e password e selezionare la voce Protocollo dalla

Dettagli

Quando lanciamo il programma, ci si presenterà la maschera iniziale dove decideremo cosa vogliamo fare.

Quando lanciamo il programma, ci si presenterà la maschera iniziale dove decideremo cosa vogliamo fare. SOFTWARE CELTX Con questo tutorial cercheremo di capire, e sfruttare, le potenzialità del software CELTX, il software free per la scrittura delle sceneggiature. Intanto diciamo che non è solo un software

Dettagli

Centro Iniziative Sociali Municipio III

Centro Iniziative Sociali Municipio III Centro Iniziative Sociali Municipio III C.I.S Municipio III Corso di informatca Roberto Borgheresi C ORSO BASE DI I NFORMATICA Centro Iniziative Sociali Municipio III Coordinatore: Roberto Borgheresi Insegnanti:

Dettagli

NUOVA PROCEDURA COPIA ED INCOLLA PER L INSERIMENTO DELLE CLASSIFICHE NEL SISTEMA INFORMATICO KSPORT.

NUOVA PROCEDURA COPIA ED INCOLLA PER L INSERIMENTO DELLE CLASSIFICHE NEL SISTEMA INFORMATICO KSPORT. NUOVA PROCEDURA COPIA ED INCOLLA PER L INSERIMENTO DELLE CLASSIFICHE NEL SISTEMA INFORMATICO KSPORT. Con l utilizzo delle procedure di iscrizione on line la società organizzatrice ha a disposizione tutti

Dettagli

Figura 1 Le Icone dei file di Excel con e senza macro.

Figura 1 Le Icone dei file di Excel con e senza macro. 18 Le macro Le macro rappresentano una soluzione interessante per automatizzare e velocizzare l esecuzione di operazioni ripetitive. Le macro, di fatto, sono porzioni di codice VBA (Visual Basic for Applications)

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

Guida all utilizzo del sito web v. 2.0

Guida all utilizzo del sito web v. 2.0 www.comune.pontenossa.bg.it created by zeramico.com Guida all utilizzo del sito web v. 2.0 WebMasterS info@zeramico.com 1 COSA E CAMBIATO Le modifiche più grosse sono state apportate alla struttura del

Dettagli

POSTA ELETTRONICA Per ricevere ed inviare posta occorrono:

POSTA ELETTRONICA Per ricevere ed inviare posta occorrono: Outlook parte 1 POSTA ELETTRONICA La posta elettronica è un innovazione utilissima offerta da Internet. E possibile infatti al costo di una telefonata urbana (cioè del collegamento telefonico al nostro

Dettagli

Questa guida ti spiega come usare l applicazione freetime fin dalla prima volta.!

Questa guida ti spiega come usare l applicazione freetime fin dalla prima volta.! freetime more business Manuale d uso versione 1.0 Requisiti essenziali per procedere all uso di freetime sono: essere in possesso di una licenza valida (anche Trial) aver scaricato l applicazione sul vostro

Dettagli

GESTIONE LISTE R VIRTUALI

GESTIONE LISTE R VIRTUALI GESTIONE LISTE R VIRTUALI La gestione delle liste giocatori virtuali permette di impostare la lista giocatori in modo digitale sul sistema WCM in sostituzione ai supporti cartacei. La compilazione della

Dettagli

Cominciamo dalla barra multifunzione, ossia la struttura a schede che ha sostituito la barra dei menu e la barra delle icone (Figura 1).

Cominciamo dalla barra multifunzione, ossia la struttura a schede che ha sostituito la barra dei menu e la barra delle icone (Figura 1). La barra multifunzione La barra multifunzione e il pulsante Microsoft Office Se avete lavorato per tanti anni con la suite da ufficio Office, questa nuova versione 2007 può disorientarvi davvero molto.

Dettagli

Cos'è Writer? Gestisce file di testo con estensione.odt, ma supporta anche.txt,.rtf,.doc,.docx, ecc.

Cos'è Writer? Gestisce file di testo con estensione.odt, ma supporta anche.txt,.rtf,.doc,.docx, ecc. Cos'è Writer? Writer è un componente del pacchetto di programmi OpenOffice. Si tratta di un editor di testo avanzato, dando la possibilità di dare degli stili al nostro testo. Per cominciare ad usare questa

Dettagli

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI 5.6 STAMPA In alcune circostanze può essere necessario riprodurre su carta i dati di tabelle o il risultato di ricerche; altre volte, invece, occorre esportare il risultato di una ricerca, o i dati memorizzati

Dettagli

Guida all uso di Java Diagrammi ER

Guida all uso di Java Diagrammi ER Guida all uso di Java Diagrammi ER Ver. 1.1 Alessandro Ballini 16/5/2004 Questa guida ha lo scopo di mostrare gli aspetti fondamentali dell utilizzo dell applicazione Java Diagrammi ER. Inizieremo con

Dettagli

Pubblicazione di contenuti vari sul sito web www.setificio.gov.it

Pubblicazione di contenuti vari sul sito web www.setificio.gov.it Pubblicazione di contenuti vari sul sito web www.setificio.gov.it Istruzioni per i docenti-editor, che hanno la possibilità di pubblicare articoli, modificare o cancellare quelli scritti da loro, modificare

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

CREAZIONE DI UN DB RELAZIONALE IN ACCESS

CREAZIONE DI UN DB RELAZIONALE IN ACCESS CONTENUTI: CREAZIONE DI UN DB RELAZIONALE IN ACCESS Definizione della chiave primaria di una tabella Creazione di relazioni fra tabelle Uso del generatore automatico di Query A) Apertura del DB e creazione

Dettagli

Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti)

Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti) GUIDE Sa.Sol. Desk: Rete Telematica tra le Associazioni di Volontariato della Sardegna Guida all'uso del CMS (Content Management System, Sistema di Gestione dei Contenuti) Argomento Descrizione Gestione

Dettagli

Informatica A per Ingegneria Gestionale (2005-2006) Il linguaggio HTML. Elisa Quintarelli-Laura Mandelli. HyperText Markup Language

Informatica A per Ingegneria Gestionale (2005-2006) Il linguaggio HTML. Elisa Quintarelli-Laura Mandelli. HyperText Markup Language Informatica A per Ingegneria Gestionale (2005-2006) Il linguaggio HTML Elisa Quintarelli-Laura Mandelli 1 HyperText Markup Language Linguaggio di descrizione di testi secondo lo schema SGML (Standard Generalized

Dettagli

Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche

Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche Word 2007 nozioni di base Word 2007 barra multifunzione Sulla barra multifunzione sono disponibili i comandi più utilizzati, per consentire all'utente di averli sempre a portata di mano ed evitare ricerche

Dettagli

Form di gestione del contenuto

Form di gestione del contenuto Form di gestione del contenuto Inserimento delle informazioni strutturate che compongono il nodo 40 Form di gestione del contenuto Selezionando il comando Modifica accanto al contenuto desiderato oppure

Dettagli

Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2. A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com

Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2. A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2 A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com Indice 1.0 Primo accesso in piattaforma...3 1.1 Partecipanti, Login come corsista (per vedere

Dettagli

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione Corso di PHP 1 - Introduzione 1 Prerequisiti Conoscenza HTML Principi di programmazione web Saper progettare un algoritmo Saper usare un sistema operativo Conoscere il concetto di espressione 2 1 Introduzione

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

MICROSOFT OFFICE WORD 2010 STAMPA UNIONE

MICROSOFT OFFICE WORD 2010 STAMPA UNIONE MICROSOFT OFFICE WORD 2010 STAMPA UNIONE STAMPA UNIONE CON MICROSOFT OFFICE WORD 2010 La Stampa Unione è un'importante funzione di Word che ci consente di creare delle lettere personalizzate da inviare

Dettagli

Accessibilità Utilizzo di MS-Word-2007 e conversione in formato PDF

Accessibilità Utilizzo di MS-Word-2007 e conversione in formato PDF Dipartimento federale delle finanze DFF Ufficio federale dell informatica e della telecomunicazione UFIT Centro soluzioni Prodotti di Governo elettronico Centro competenze Internet 21 ottobre 2010 Accessibilità

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2

SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2 SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2 1 - Il funzionamento di Web Magazine Web Magazine è un applicativo pensato appositamente per la pubblicazione online di un giornale, una rivista o un periodico. E'

Dettagli

Report WordPress plugin di Konora v 0.8.4

Report WordPress plugin di Konora v 0.8.4 ` Report WordPress plugin di Konora v 0.8.4 Konora ltd 4321 Somewhere Street City, State ZIP phone 555-555-5555 fax 555-555-5555 name@address.com website.com Indice Indice 2 Recuperare il codice del circolo

Dettagli

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito LEZIONE 3 Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito Figura 12 pannello di controllo di Drupal il back-end Come già descritto nella lezione precedente il pannello di amministrazione

Dettagli

Progetto: ARPA Fonte Dati. ARPA Fonte Dati. Regione Toscana. Manuale Amministratore

Progetto: ARPA Fonte Dati. ARPA Fonte Dati. Regione Toscana. Manuale Amministratore ARPA Fonte Dati Regione Toscana 1 Redatto da L. Folchi (TAI) Rivisto da Approvato da Versione 1.1 Data emissione 09/10/13 Stato FINAL 2 Versione Data Descrizione 1,0 06/08/13 Versione Iniziale 1.1 09/10/2013

Dettagli