SPERIMENTALE. Il sistema bancario e finanziario e le funzioni della Banca d Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPERIMENTALE. Il sistema bancario e finanziario e le funzioni della Banca d Italia"

Transcript

1 SPERIMENTALE Il sistema bancario e finanziario e le funzioni della Banca d Italia

2 1. Introduzione Il sistema finanziario svolge un ruolo centrale per il funzionamento dell economia e lo sviluppo della società moderna. E fondamentale che la gente confidi sul fatto che il sistema sia sano e stabile e che gli intermediari operino in modo corretto e trasparente. Per questo motivo, la Costituzione italiana, all'art. 47, sancisce che la Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l'esercizio del credito. Attraverso il sistema finanziario si realizza il trasferimento di risorse da chi ne possiede in misura maggiore (tipicamente le famiglie, perché risparmiano parte dei loro guadagni) a chi invece ne ha bisogno (tipicamente le imprese, perché devono finanziare i propri investimenti che produrranno reddito solo dopo qualche tempo), favorendo in tal modo il sostegno finanziario di chi produce beni e servizi. Tale funzione, detta di intermediazione (da cui deriva la definizione di intermediario finanziario quale operatore del sistema finanziario), prevede da un lato la raccolta di fondi (dai risparmiatori) e dall altro la concessione di prestiti a imprese e famiglie, per le loro esigenze di investimento e di consumo. Il sistema finanziario agevola gli scambi economici e, in particolare, i pagamenti per l acquisto di beni e servizi, perché consente l utilizzo di strumenti alternativi alla moneta contante. Si pensi ad esempio alle carte di credito e di debito e agli assegni, strumenti che costituiscono la moneta bancaria. Tale funzione è detta monetaria, perché il sistema finanziario consente la circolazione della moneta per finalità di pagamento. Nella vita quotidiana ciascuno di noi entra in contatto più volte con il sistema finanziario ed è utente dei servizi offerti dal sistema stesso. Si pensi a quando acquistiamo un bene con l utilizzo delle carte di credito, chiediamo un finanziamento per l acquisto della casa o della macchina, ovvero investiamo i nostri risparmi in strumenti finanziari. Gli elementi che compongono il sistema finanziario sono rappresentati da intermediari, mercati e strumenti finanziari: Gli intermediari sono imprese che si inseriscono in posizione intermedia tra le famiglie e le imprese con il fine di raccogliere risparmio, offrire servizi di pagamento, concedere finanziamenti e effettuare investimenti. I principali intermediari che operano nel sistema finanziario sono le banche. I mercati finanziari rappresentano il luogo di incontro tra la domanda e l offerta di investimenti in strumenti finanziari. Gli strumenti finanziari possono essere raggruppati in tre categorie: i titoli di capitale, come le azioni, i titoli di debito, come le obbligazioni, e i contratti di assicurazione. Questa scheda si focalizza sugli intermediari finanziari, con l obiettivo di approfondire chi sono i principali attori del sistema finanziario e quali funzioni essi svolgono. 2. Chi e quanti sono gli intermediari finanziari in Italia? Alla fine del 2010 erano presenti in Italia 760 banche; di esse, 233 avevano la forma di società per azioni, 37 erano banche popolari, 415 banche "di credito cooperativo" e 75 succursali di banche estere. Oltre che delle banche, il sistema finanziario si componeva anche di altri

3 intermediari e, precisamente, di 111 Società di intermediazione mobiliare (SIM - sono società per azioni autorizzate a svolgere servizi o attività di investimento) 198 tra Società di gestione del risparmio (SGR - sono società per azioni alle quali è riservata la possibilità di prestare congiuntamente il servizio di gestione collettiva e individuale di patrimoni) e Società di investimento a capitale variabile (SICAV - sono organismi di investimento collettivo in valori mobiliari costituiti in forma societaria), 195 società finanziarie iscritte in un apposito elenco previsto dall art. 107 del Testo Unico Bancario (TUB), 3 istituti di moneta elettronica (Imel - Soggetti diversi dalle banche che svolgono in via esclusiva l'attività di emissione di moneta elettronica), la divisione Bancoposta di Poste Italiane spa, la Cassa depositi e prestiti e un Istituto di pagamento. Del sistema finanziario facevano infine parte società finanziarie iscritte in un ulteriore elenco previsto dall art. 106 del TUB (soggetti non operanti nei confronti del pubblico, confidi, cambiavalute e altri tipi di operatori). Fonte: Banca d Italia, Relazione Annuale 2010, Roma, 2011, p Link utili Per maggiori dettagli sulla composizione del sistema finanziario italiano, si può consultare il sito web della Banca d Italia e, in particolare, la sezione : Per sapere se un intermediario è autorizzato a operare in Italia, si può consultare la sezione In una ulteriore sezione del sito web della Banca d Italia è poi riportato l elenco delle persone e delle società che hanno svolto abusivamente l'attività bancaria e finanziaria (la legge

4 italiana punisce penalmente chi esercita l'attività bancaria o finanziaria senza autorizzazione o iscrizione in appositi albi o elenchi.) 3. I presupposti dell attività bancaria Le banche svolgono un ruolo cruciale per il sistema economico e, in particolare, per le imprese. In un'economia senza intermediari finanziari, infatti, un'impresa che avesse bisogno di finanziamenti per un progetto di investimento (ad esempio, l acquisto di un capannone o di un impianto) dovrebbe raccogliere risorse finanziarie presso un grande numero di singoli risparmiatori, il che comporterebbe per l'impresa elevati costi. A loro volta, i risparmiatori che eventualmente volessero investire le proprie risorse finanziarie finanziando direttamente un progetto di investimento di un'impresa, senza ricorrere all'ausilio di un intermediario finanziario, dovrebbero valutare individualmente la probabilità di successo del progetto stesso e la capacità del debitore di restituire il finanziamento (il cosiddetto "merito di credito"), seguire l'impresa nel corso della realizzazione dell'investimento e verificare il regolare andamento dei pagamenti degli interessi e la restituzione del capitale prestato. L intermediazione finanziaria in parole semplici Senza le banche, l unica possibilità di conservare il danaro risparmiato sarebbe quella di custodirlo in un luogo sicuro e segreto, ma si tratterebbe di una forma di conservazione improduttiva. D altra parte, senza le banche, coloro che per realizzare i loro progetti hanno bisogno di fondi che al momento non posseggono si troverebbero costretti a rinunciare ai progetti suddetti. Una coppia di giovani sposi con un buon lavoro, ma al momento squattrinati, non potrebbe comprar casa. E un brillante aspirante industriale dotato di una buona idea imprenditoriale, di voglia di lavorare ma di poco danaro non potrebbe avviare la sua impresa. La banca consente di collegare l offerta di fondi alla domanda di fondi. Da un lato, rende produttivo il risparmio di chi offre fondi pagando un tasso di interesse sui depositi e, dall altro, prestando danaro ai giovani sposi e all aspirante imprenditore, rende possibili i loro progetti. I prestiti effettuati ovviamente non sono gratuiti. La banca infatti si fa remunerare per i prestiti concessi e il profitto che essa consegue è il risultato della differenza tra gli interessi attivi percepiti sui prestiti e gli interessi passivi corrisposti sui depositi. La banca, insomma, non fa beneficenza. E anche vero però che, se essa non esistesse, risparmiatori, giovani sposi e aspiranti imprenditori starebbero peggio. Inoltre, l esistenza di banche rende possibile la realizzazione di progetti di investimento di grandi dimensione che difficilmente potrebbero essere finanziati da un unico risparmiatore. Se per costruire una fabbrica di automobili occorre un miliardo di euro, in assenza di banche un aspirante

5 industriale automobilistico è costretto prima a cercare da sé qualche migliaio di finanziatori e poi convincerli a prestare a lui il denaro necessario a realizzare l avventura industriale. Il rischio concreto è che il nostro aspirante industriale passi a miglior vita prima di riuscire a mettere insieme tutti i fondi necessari al suo progetto. Nel mondo reale, però, fortunatamente le banche esistono. Questo significa che il nostro aspirante industriale automobilistico potrà rivolgersi direttamente alla banca che, a monte, avrà già ricevuto i fondi da parte di migliaia di risparmiatori. Insomma, nel mondo reale la banca rende possibile l apertura di uno stabilimento industriale con migliaia di posti di lavoro che altrimenti non sarebbero stati creati. Ovviamente, quando la banca finanzia l aspirante industriale automobilistico lo fa avendo in mente il suo proprio tornaconto gli interessi che percepirà sul prestito - e non tanto i posti di lavoro che saranno creati. L effetto finale però è che ciò che è conveniente per la banca finisce per esserlo anche per la società nel suo complesso. Una funzione importante collegata alla concessione di prestiti consiste nello screening delle richieste. Non tutte le richieste di prestito vengono soddisfatte ma solo quelle meritevoli. Non tutti gli aspiranti imprenditori vengono finanziati ma solo quelli che presentano delle buone idee e dei piani imprenditoriali coerenti e fondati su previsioni ragionevoli. Non tutti i giovani sposi vengono accontentati nelle loro richieste di mutuo per l acquisto della casa ma solo quelli che presentano richieste coerenti con le loro possibilità di restituzione. Nell effettuare questo screening le banche si avvalgono di professionisti specializzati che operano alle loro dipendenze e nel loro interesse. Se non esistessero le banche, per chi avesse dei fondi da prestare sarebbe un vero incubo e una gran fatica cercare di capire chi tra i vari aspiranti è più meritevole di essere finanziato. La banca, in quanto intermediario finanziario, si sostituisce a ciascun risparmiatore consentendo una riduzione dei costi di raccolta di informazioni, di valutazione e controllo. Inoltre, se il soggetto che chiede il prestito (detto anche "fido") ha un deposito presso la banca, quest'ultima ha il vantaggio di poter acquisire informazioni sul merito di credito dell'impresa attraverso l'esame della movimentazione del conto corrente. La riduzione dei costi di informazione, la maggiore diversificazione dei rischi e la gestione della liquidità accrescono le risorse finanziarie disponibili per il sistema economico. Tuttavia, questa attività si basa su alcuni ingredienti fondamentali, quali il rischio, il rendimento richiesto a fronte del rischio e la fiducia, elementi fra di loro strettamente legati. 4. Rischio, rendimento e fiducia Ci sono molte definizioni di rischio che dipendono dalle applicazioni e dal contesto. Nel caso di un attività finanziaria possiamo intendere per rischio tutto ciò che potenzialmente può impedire il raggiungimento del livello atteso di rendimento e che, in casi estremi, può far perdere anche il capitale investito, in tutto o in parte. La regola aurea è che, in economia e in finanza, non esistono pasti gratis (massima traslata nella nostra lingua dall espressione inglese There is no such thing as a free lunch). Applicata agli investimenti, questa massima esemplifica un concetto fondamentale che dovrebbe sempre orientare le scelte di impiego dei risparmi: la relazione tra rischio e rendimento e cioè il fatto che quanto più è alta (o bassa) la remunerazione attesa di un investimento finanziario tanto più è alta (bassa) la variabilità della remunerazione effettivamente incassata e la possibilità di non ottenerla affatto.

6 Consideriamo il caso delle azioni e delle obbligazioni. Le prime sono titoli di credito rappresentativi di quote di proprietà di una società: il loro rendimento è costituito dalla differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita e dai dividendi che la società delibera di distribuire annualmente. Le obbligazioni sono titoli di debito rappresentativi di un prestito effettuato dall investitore nei confronti dell emittente: la loro remunerazione è rappresentata dagli interessi corrisposti periodicamente sul prestito e dalla differenza tra il prezzo di emissione (o di acquisto se comprate dopo l emissione) e il valore di rimborso (o del prezzo di vendita se cedute prima della scadenza). A parità di altre condizioni, le azioni sono più rischiose delle obbligazioni: non garantiscono infatti flussi predefiniti di dividendi e il loro valore è legato all andamento della società. Le obbligazioni presentano invece una variabilità dei rendimenti effettivi più contenuta, essendo il mancato rimborso legato solo all eventualità di dissesto finanziario dell emittente: se tenute in portafoglio fino alla scadenza, esse saranno rimborsate consentendo all investitore di realizzare il rendimento inizialmente previsto. Nel caso di obbligazioni a tasso fisso, però, il rischio aumenta al crescere della vita residua, data la maggior probabilità di variazione dei tassi di interesse e, quindi, di una maggior oscillazione del loro prezzo. Sia i titoli di credito che quelli di debito sono soggetti a un rischio specifico, legato in particolare alla solidità patrimoniale attuale e futura dell emittente, e a un rischio generico, che dipende invece dagli andamenti economici complessivi e dalle fluttuazioni dei mercati. Mentre non è possibile contrastare questo secondo rischio, si può invece attenuare o eliminare il primo attraverso la diversificazione degli investimenti. Essa consiste nel frazionare il proprio portafoglio in attività con caratteristiche di rischio/rendimento diverse e tali da compensare le perdite su uno strumento con i guadagni su un altro, riducendo così le oscillazioni di valore complessivo del portafoglio. La diversificazione di un portafoglio finanziario, evitando di concentrare troppo le proprie disponibilità su un unico tipo di investimento, consente di ottenere maggiori rendimenti a parità di rischio, oppure un minor rischio a parità di rendimento. Dati i costi connessi alla composizione di portafogli opportunamente bilanciati, i risparmiatori spesso ricorrono a operatori professionali, sottoscrivendo, ad esempio, quote di fondi comuni di investimento. Anche questa modalità di gestione può tuttavia nascondere delle insidie, derivanti, in alcuni casi, da una eccessiva specializzazione in strumenti finanziari emessi da società operanti in specifici settori o in particolari mercati. Le persone destinano i propri risparmi alle banche perché hanno fiducia nel fatto che questi risparmi verranno ben gestiti e restituiti. Nello svolgimento delle proprie attività le banche si espongono a dei rischi, ossia alla probabilità di subire delle perdite, che nei casi più gravi possono comportare il fallimento della banca stessa. E importante che la banca sia in grado di gestire al meglio i rischi e di ridurre le possibilità di subire delle perdite perché la banca svolge le proprie attività utilizzando i risparmi raccolti dalla clientela verso la quale ha l obbligo di restituzione. Il verificarsi di perdite a danno della banca può impedire quindi la restituzione dei risparmi alla clientela. Ma quali sono le principali fonti di rischio per una banca? Innanzitutto, quando la banca concede un credito, a una famiglia per l acquisto di una casa ovvero a una impresa per l attività produttiva, si assume anche il rischio di mancata restituzione del finanziamento nel caso in cui la famiglia o l impresa non abbia più risorse sufficienti a restituire il prestito. Poi, la banca raccoglie risorse in forma di depositi presso il pubblico, tipicamente rimborsabili "a vista", ossia su richiesta del depositante, e li trasforma in attività finanziarie solitamente meno liquide, come i prestiti, che di solito hanno durata superiore all'anno. Poiché non tutti i depositanti prelevano contemporaneamente i loro fondi, la banca è in grado di utilizzare parte della raccolta per finanziare attività anche a più lunga durata, come i prestiti alle imprese e i mutui alle famiglie, e consente ai risparmiatori di effettuare pagamenti o prelevamenti di risorse in qualsiasi momento (questo processo è definito

7 come trasformazione delle scadenze). Se però tutti i depositanti decidono contemporaneamente di prelevare integralmente i loro fondi le banche possono trovarsi in difficoltà. Se questo accade a una singola banca, il resto del sistema può fornire la liquidità necessaria; se sono coinvolte più banche, la crisi potrebbe divenire sistemica. Le corse agli sportelli Con la locuzione inglese bank run (in italiano corsa alla banca o meglio corsa agli sportelli) si definisce un fenomeno tipico delle crisi finanziarie, quando un elevato numero di clienti di una banca preleva contemporaneamente tutti i propri depositi. Quando si innescano le condizioni per un bank run, è difficile porvi rimedio. La scelta dei depositanti è generata dalla paura che la banca possa diventare insolvente e per la banca, che potrebbe anche essere solida ma non così liquida da soddisfare tutti i depositanti, riuscire a fronteggiare richieste massicce di rimborso dei depositi non potendo chiedere ai propri creditori di rimborsare i prestiti concessi è una missione difficilissima. Per fortuna, queste corse agli sportelli si osservano raramente. Il motivo è duplice. In primo luogo, la Banca Centrale (in Europa è la Banca Centrale Europea) interverrebbe prestando banconote alla banca in difficoltà in modo che essa possa fronteggiare le richieste di rimborso. Gli economisti si riferiscono a questa funzione della Banca Centrale definendola prestatore di ultima istanza. In secondo luogo, esiste per legge una assicurazione pubblica sui depositi bancari che garantisce ai depositanti fino a un certo massimale il recupero dei depositi nel caso in cui la banca dovesse essere insolvente. E l esistenza stessa di questi dispositivi di salvaguardia che evita la corsa ai rimborsi anche quando dovesse diffondersi la voce che una banca sta per fallire. In assenza di questi dispositivi, basterebbe anche un sospetto infondato di insolvenza per scatenare una corsa ai rimborsi alla quale la banca non potrebbe far fronte. Insomma, la profezia di insolvenza genera insolvenza; gli economisti parlano a questo proposito di una profezia che si autorealizza. L aspetto negativo legato all esistenza di questi dispositivi di salvaguardia è che le banche potrebbero essere indotte a non curarsi del rischio di essere sommerse da repentine richieste di rimborso, senza cioè mantenere una riserva di denaro per far fronte a questa eventuale necessità. Per evitare questo rischio la legge impone alle banche di mantenere in forma liquida (banconote) una certa percentuale dei depositi (cosiddetta riserva obbligatoria di liquidità). 5. Regole e controlli sull attività bancaria Abbiamo visto finora come le banche svolgano un ruolo cruciale nel collegare il risparmio e il credito. Esse sono imprese che operano sì in autonomia, ma all'interno di un quadro di regole e controlli per un mercato efficiente, stabile e trasparente, che contribuisca alla salute dell'economia. La legge affida il compito di emanare queste regole e di controllare la loro applicazione alla Banca d'italia, che collabora con altre autorità pubbliche, quali il Ministro dell'economia e delle Finanze, il Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (Consob), l Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo (Isvap), l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) e la Commissione di vigilanza sui fondi pensione (Covip). Tutto questo in armonia con le disposizioni comunitarie e in collaborazione con le autorità di vigilanza europee.

8 5.1. La Banca d'italia La Banca d Italia è la banca centrale della Repubblica Italiana ed è parte del Sistema europeo di banche centrali (SEBC) e dell'eurosistema. E l Autorità di Vigilanza sul sistema bancario e finanziario: l art. 1 del Testo Unico Bancario la annovera tra le Autorità creditizie insieme al Comitato interministeriale per il credito e il risparmio (CICR) e al Ministro dell economia e delle Finanze. La Banca d Italia ha la natura giuridica di Istituto di diritto pubblico. Persegue finalità d interesse generale nel settore monetario e finanziario: il mantenimento della stabilità dei prezzi, obiettivo principale dell Eurosistema in conformità del Trattato che istituisce la Comunità europea (Trattato CE); la stabilità e l efficienza del sistema finanziario, in attuazione del principio della tutela del risparmio sancito dalla Costituzione; gli altri compiti a essa affidati dall ordinamento nazionale. L Unità d Italia e la Banca d'italia. All'indomani dell'unità d Italia, il nostro Paese era economicamente arretrato rispetto ai maggiori paesi europei: il prodotto pro capite era meno della metà di quello inglese, poco più della metà di quello francese. Il sistema bancario era composto da piccole ditte individuali, da pochi istituti pubblici e da alcune banche di emissione; scarsa era la circolazione di carta moneta. Nei territori che formarono nel 1861 il Regno d'italia circolavano 236 diverse monete metalliche. Se poi si aggiungono quelle delle province venete e romane, al momento del loro ingresso nel Regno, allora il totale delle monete metalliche sale a 282 (tra cui: baiocco, carantano, carlino, doppia, ducato, fiorino, franceschino, francescone, lira, lirazza, marengo, onza, paolo, papetto, piastra, quattrino, scudo, soldo, svanzica, tallero, testone, fino agli zecchini di Pinocchio). L Italia unita ebbe una moneta unica ma una circolazione cartacea spezzettata, perché quasi tutti gli istituti operanti nei vecchi Stati mantennero la facoltà di emettere biglietti nel nuovo regno. Dopo il 1870 esistevano in Italia sei banche di emissione (erano nove alla vigilia dell Unità). Al Nord la Banca Nazionale nel Regno d'italia (che veniva dalla fusione fra la Banca di Genova, costituita nel 1844, e la Banca di Torino); al Centro la Banca Nazionale Toscana, affiancata nel 1863 dalla Banca Toscana di Credito per le Industrie e il Commercio d'italia; al Sud il Banco di Napoli e il Banco di Sicilia. Quando, dopo l'annessione di Roma nel 1870, la Banca degli Stati pontifici divenne Banca Romana, gli istituti di emissione diventarono sei. Invece di arrivare a una banca unica, si preferì mantenere il pluralismo, per evitare contrasti politici tra i diversi gruppi regionali. Venne però favorita l'espansione della Banca Nazionale nel Regno d'italia, che divenne l'unico istituto a essere presente su tutto il territorio.

9 Foto: prima pagina delle Regie Lettere Patenti colle quali il 16 marzo 1844 Carlo Alberto di Savoia approvò la creazione e lo statuto della Banca di Genova Tutte le banche menzionate emettevano biglietti in lire convertibili in oro, e operavano in concorrenza fra loro. Due di esse erano pubbliche, Banco di Napoli e Banco di Sicilia, le altre private, ma vigilate dallo Stato. Il corso forzoso (cioè la non convertibilità), imposto nel 1866, fece in modo che la circolazione di moneta cartacea superasse quella metallica. Foto: Banconota da 1 lira della Banca Nazionale nel Regno (1869) Nel 1874 fu varata la prima legge organica dello Stato italiano sull emissione cartacea: indicando espressamente i sei istituti autorizzati, essa introdusse un oligopolio legalizzato e regolato. Non si realizzò dunque una banca unica, soprattutto per la forza degli interessi regionali che non volevano privarsi di una banca di emissione locale.

10 Data la scarsa diffusione dei depositi bancari, la fonte principale di risorse per effettuare il credito bancario era costituita proprio dall emissione di biglietti: in pratica, accettando i biglietti di banca, il pubblico faceva credito agli istituti di emissione, e questi potevano far credito ai propri clienti. Soltanto negli anni Settanta cominciarono ad affermarsi banche non di emissione (cioè simili alle banche che tutti conosciamo), come il Credito Mobiliare e la Banca Generale, a respiro nazionale e con contatti internazionali. In questo quadro, gli istituti di emissione svolsero un ruolo importante: principalmente attraverso lo sconto di cambiali essi diedero un contributo essenziale al finanziamento della produzione e dell investimento; combatterono l usura; favorirono la monetizzazione dell economia italiana. L abolizione del corso forzoso, decretata nel 1881 e attuata nel 1883, segnò l inizio di una breve illusione: l euforia provocò un surriscaldamento dell economia al quale non si reagì con le politiche giuste. Intorno al 1887 il corso forzoso era restaurato di fatto. Il boom edilizio innescato da Roma capitale, sostenuto in parte da capitali esteri, coinvolse anche gli istituti di emissione. L espansione eccessiva portò a una bolla speculativa, e poi alla crisi. La crisi bancaria dei primi anni Novanta, accoppiata a una crisi di cambio, assunse anche una dimensione politica e giudiziaria clamorosa nel dicembre del 1892, quando fu rivelata la grave situazione delle banche di emissione e soprattutto i gravi illeciti della Banca Romana, fino a quel momento coperti dal Governo. In una situazione di estrema difficoltà, fra battaglie aspre, il Paese trovò la forza di reagire. Scartata l ipotesi, avanzata da Sidney Sonnino, di rifondare completamente il sistema dell emissione, prevalse la linea del presidente del Consiglio Giovanni Giolitti: la legge del 1893 dettò nuove regole per l emissione e portò alla costituzione della Banca d'italia, che risultò dalla fusione fra tre degli istituti esistenti, la Banca Nazionale e le due banche toscane; essa fu guidata dal Direttore Generale Giacomo Grillo. La Banca Romana venne liquidata, mentre gli istituti meridionali continuarono la loro attività. La seconda guerra mondiale e la stabilità monetaria postbellica La seconda guerra mondiale, con la divisione del Paese, i combattimenti in gran parte della penisola, l occupazione straniera, inferse un duro colpo all economia nazionale. La lira si ridusse a un trentesimo del suo valore prebellico (al termine della prima guerra mondiale il valore della lira si era ridotto a un quinto di quello prebellico). La Banca d Italia, come le altre istituzioni del Paese, visse momenti drammatici. L amministrazione fu spezzata in due; regimi commissariali vennero instaurati al Nord, nella Repubblica Sociale, e al Sud, nel Regno d Italia. Con la nomina di Luigi Einaudi a Governatore (gennaio 1945) si posero le premesse per il ritorno alla normalità, che ebbe inizio alla fine della guerra.

11 Foto: La restituzione dell oro di Fortezza alla Banca d Italia, Roma, via Nazionale, maggio La riconversione postbellica, pur difficile, non comportò problemi di stabilità delle banche, come era invece avvenuto alla fine del precedente conflitto, perché le banche, a causa della precedente riforma, non avevano rilevanti immobilizzi. Assai preoccupante era invece la situazione della lira: alla fine del 1946 l inflazione riprese a galoppare. I punti essenziali del risanamento monetario, realizzato fra il 1945 e il 1948 con disegno coerente, furono quattro. Il primo fu l arresto dell inflazione. Nell estate del 1947 il meccanismo della riserva obbligatoria venne riformato e finalizzato alle esigenze del controllo monetario. Il potere di variare il coefficiente di riserva venne assegnato a un organismo di nuova creazione, il Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio (CICR), presieduto dal ministro del Tesoro. La riforma, indicando chiaramente la volontà dell autorità monetaria di porre fine all inflazione, agì sulle aspettative e troncò l ascesa dei prezzi. Il secondo punto fu la definizione di un limite al finanziamento monetario dello Stato: nel maggio 1948 l indebitamento del Tesoro in conto corrente verso la Banca centrale fu limitato al 15 per cento delle spese previste nel bilancio dello Stato. Il terzo punto fu l inserimento nella comunità finanziaria internazionale: nell ottobre del 1946 l Italia venne ammessa agli istituti nati con gli accordi di Bretton Woods. Iniziò la liberalizzazione del commercio dei cambi e, dopo la svalutazione del novembre 1947, scomparve il doppio mercato dei cambi. Venne creato l Ufficio Italiano dei Cambi per la gestione delle transazioni valutarie. L Italia avrebbe fatto parte in seguito dell Unione Europea dei Pagamenti, creata nel Il quarto punto fu il riordino della vigilanza. Dopo la soppressione dell Ispettorato creato nel 1936, la funzione di vigilanza venne assegnata istituzionalmente alla Banca d Italia; la responsabilità politica sulla materia venne riservata al CICR, alle cui sedute partecipava in qualità di capo dell organo tecnico il Governatore. Il principio della tutela del risparmio veniva fissato nella nuova Costituzione del 1948, con l art. 47. Il consolidamento della lira, al quale contribuì grandemente il Direttore Generale della

12 Banca Donato Menichella, costituì la piattaforma sulla quale si sarebbe fondata la crescita non inflazionistica del periodo successivo. Dall immediato dopoguerra fino ai primi anni Cinquanta, l azione della Banca fu essenziale per attrarre e gestire gli aiuti internazionali (Interim Aid, Piano Marshall, Banca Mondiale) che consentirono di uscire dall emergenza e di avviare la ricostruzione. Nell esercizio delle proprie attribuzioni la Banca opera con autonomia e indipendenza, nel rispetto del principio di trasparenza, secondo le disposizioni della normativa comunitaria e nazionale. Gli organi della Banca d Italia sono: l Assemblea dei partecipanti, il Consiglio superiore, il Direttorio, il Collegio sindacale, il Governatore, il Direttore generale e i tre Vice Direttori generali. La partecipazione al capitale della Banca d'italia è disciplinata dagli artt. 3 e 49 dello Statuto. Il capitale, di ammontare pari a euro, è rappresentato da quote di partecipazione nominative di 0,52 euro ciascuna.. L assemblea generale ordinaria dei partecipanti si riunisce annualmente, non più tardi del 31 maggio, per deliberare sull approvazione del bilancio, sul riparto degli utili e l assegnazione dei frutti delle riserve e, ove occorra, sulla nomina dei sindaci e del Presidente del Collegio sindacale. Il Consiglio Superiore si compone del Governatore e di tredici consiglieri nominati nelle assemblee dei partecipanti presso le Sedi della Banca. Il Consiglio è l'organo cui spetta l'amministrazione generale nonché la vigilanza sull'andamento della gestione e il controllo interno della Banca. Nomina, su proposta del Governatore, il Direttore generale e i Vice Direttori generali e concorre, fornendo un parere, alla procedura di nomina del Governatore. Ha competenze su aspetti gestionali, organizzativi e contabili: adotta le deliberazioni riguardanti l'articolazione territoriale e l'assetto organizzativo generale della Banca, approva il bilancio annuale di previsione degli impegni di spesa e gli accordi stipulati con le organizzazioni sindacali e viene informato dal Governatore sui fatti rilevanti concernenti l'amministrazione della Banca.

13 Foto: Incipit della del Verbale della Tornata n. 1 del Consiglio Superiore della Banca d Italia, tenuta a Roma il 28 dicembre 1893 Il Direttorio è un organo collegiale, costituito dal Governatore, dal Direttore generale e da tre Vice Direttori generali, competente per l assunzione dei provvedimenti aventi rilevanza esterna relativi all esercizio delle funzioni pubbliche attribuite dalla legge alla Banca per il perseguimento delle finalità istituzionali, con esclusione delle decisioni rientranti nelle attribuzioni del SEBC. Le deliberazioni sono assunte a maggioranza dei presenti; in caso di parità prevale il voto del Governatore. Delle riunioni viene redatto apposito verbale (artt. 21, 22, 23 dello Statuto). Il Collegio sindacale svolge funzioni di controllo sull amministrazione della Banca per l osservanza della legge, dello Statuto e del Regolamento generale. Si compone di cinque membri effettivi, tra cui il Presidente, e due supplenti, nominati dall Assemblea dei partecipanti, che rimangono in carica tre anni e sono rieleggibili non più di tre volte. Esercita il controllo contabile, senza alcun pregiudizio per l attività svolta dai revisori esterni, esamina il bilancio d esercizio sul quale presenta la propria relazione all Assemblea dei partecipanti ed esprime il parere sulla distribuzione del dividendo annuale Le funzioni della Banca d Italia: l attività di Vigilanza La Banca d'italia controlla che gli intermediari bancari e finanziari siano gestiti in modo sano e prudente. Sano, cioè che svolgano la loro attività d'impresa nel pieno rispetto delle regole. Prudente, cioè che per fare profitti non mettano a rischio la propria esistenza e il denaro loro affidato. Indirizza inoltre la propria azione di vigilanza per favorire la stabilità complessiva, l'efficienza e la competitività del sistema finanziario. Tutela infine la trasparenza e la correttezza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari per rendere sempre migliori i rapporti con la clientela. Per questo: emana la normativa tecnica e controlla che venga applicata verifica la sana e prudente gestione degli intermediari attraverso l'esame di documentazione e ispezioni presso i loro uffici sanziona i comportamenti scorretti e poco trasparenti nei confronti della clientela. La Banca d'italia, inoltre, promuove iniziative per lo sviluppo della cultura finanziaria a favore dei cittadini per renderli più consapevoli delle loro scelte finanziarie. Alla riduzione dei rischi contribuisce infatti anche un cliente consapevole dei suoi diritti, avveduto e informato sui profili di rischio e di costo dei servizi cui accede. Anche alle banche viene dato un voto. L attività di vigilanza prevede una serie di valutazioni in merito al rispetto delle norme prudenziali e all evoluzione dei principali aggregati economico-patrimoniali-organizzativi; frequenza, ampiezza e profondità dei controlli sono proporzionate alle caratteristiche operative dei soggetti vigilati e a particolari necessità conoscitive. I controlli ispettivi sono condotti secondo piani periodici e in base a specifiche esigenze che emergano nel corso dell analisi. Momento centrale del processo di controllo (cosiddetto Processo di revisione e valutazione prudenziale) è l esame annuale della complessiva situazione del soggetto vigilato, al quale concorrono le verifiche e gli approfondimenti compiuti nel periodo di riferimento nell ambito

14 dell analisi documentale nonché le informazioni eventualmente acquisite in sede ispettiva. Viene privilegiata l ottica consolidata, avendo riguardo al rischio complessivo cui è esposto il gruppo bancario, naturalmente ove esiste. A tutti gli intermediari, sulla base di un modello di analisi imperniato su indicatori sintetici, viene attribuito un punteggio automatico per i diversi profili oggetto di valutazione. Il giudizio è espresso da un numero compreso fra 1 e 6. In linea generale, i punteggi 1 e 2 rappresentano situazioni positive che necessitano solo di ordinari controlli; il punteggio 3 e 4 identificano intermediari con elementi di problematicità tali da giustificare una specifica attenzione ovvero interventi di tipo preventivo; i punteggi 5 e 6 individuano situazioni di anomalia che richiedono incisivi interventi correttivi. La Banca d'italia è inoltre molto attenta al miglioramento dei rapporti tra intermediari e clienti nella convinzione che la stabilità di un intermediario benefici della buona reputazione e della fiducia che in esso ripone la clientela. Promuove quindi la correttezza dei comportamenti degli intermediari, sia vigilando sull applicazione delle norme in materia di trasparenza delle condizioni contrattuali di depositi, prestiti e strumenti di pagamento, sia rispondendo ai reclami ricevuti dagli utenti di servizi bancari e finanziari, e integrandone l esame con le ordinarie attività di vigilanza finalizzate alla tutela della sana e prudente gestione degli intermediari. È stato disciplinato un nuovo sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie relative a operazioni e servizi bancari e finanziari ( Arbitro Bancario Finanziario ): esso è disegnato per permettere alla clientela delle banche e degli intermediari finanziari di ottenere una decisione imparziale in modo semplice, rapido e poco costoso. L Arbitro bancario e finanziario (ABF) L'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) è un sistema di risoluzione delle liti tra i clienti e le banche e gli altri intermediari che riguardano operazioni e servizi bancari e finanziari. È detto "stragiudiziale" perché offre un'alternativa più semplice, rapida ed economica rispetto al ricorso al giudice, che spesso invece comporta procedure complesse e anche molto lunghe. L'ABF è un organismo indipendente e imparziale che decide in pochi mesi chi ha ragione e chi ha torto. Le decisioni non sono vincolanti come quelle del giudice ma se l'intermediario non le rispetta il suo inadempimento è reso pubblico. Tutti i clienti, cioè tutti coloro che hanno in corso o hanno avuto rapporti contrattuali con banche o intermediari finanziari relativi a servizi bancari e finanziari, possono ricorrere all ABF.

15 Per il ricorso all Arbitro non è necessaria l assistenza di un avvocato. Il cliente può tuttavia rivolgersi all'arbitro solo dopo aver tentato di risolvere il problema direttamente con la banca o l'intermediario, presentando a essi un reclamo. Se non rimane soddisfatto neanche delle decisioni dell'arbitro, può comunque rivolgersi al giudice. La Banca d'italia fornisce i mezzi per il funzionamento dell'abf. Per verificare con facilità se il proprio problema può essere risolto dall Arbitro Bancario Finanziario si può consultare il percorso guidato sul sito web dell Arbitro Le funzioni della Banca d Italia diverse dalla Vigilanza Insieme con la Vigilanza sul sistema finanziario e sui singoli intermediari, la Banca d Italia svolge numerose altre funzioni, a livello sia nazionale sia sovranazionale. Nell ambito dell Eurosistema la Banca d Italia concorre alle decisioni di politica monetaria attraverso la partecipazione del Governatore al Consiglio direttivo della Banca Centrale Europea e quella di propri esperti ai Comitati e Gruppi di lavoro dell Eurosistema ai fini della relativa istruttoria tecnica. Svolge tali compiti e funzioni ai sensi del Trattato CE (art. 105) e dello Statuto del SEBC (art. 3). La Banca cura la parte attuativa di tali decisioni sul territorio nazionale attraverso le operazioni con le istituzioni creditizie, le operazioni di mercato aperto e su iniziativa delle controparti, e la gestione della riserva obbligatoria. Può effettuare operazioni in cambi conformemente alle norme fissate dall Eurosistema. Gestisce le riserve valutarie proprie; gestisce, inoltre, una quota-parte di quelle della BCE per conto di quest ultima. È responsabile della produzione delle banconote in euro, in base alla quota definita nell ambito dell Eurosistema, della gestione della circolazione e dell azione di contrasto alla contraffazione. L Istituto promuove il regolare funzionamento del sistema dei pagamenti attraverso la gestione diretta dei principali circuiti ed esercitando poteri di indirizzo, regolamentazione e controllo propri della funzione di sorveglianza. Tale attività, unitamente all azione di supervisione

16 sui mercati, mira più in generale a contribuire alla stabilità del sistema finanziario e a favorire l efficacia della politica monetaria. La Banca espleta servizi per conto dello Stato quale gestore dei compiti di tesoreria statale e provinciale, per gli incassi e pagamenti del settore pubblico, nel comparto del debito pubblico, nell attività di contrasto dell usura. Al fine di rendere più efficace l espletamento dei compiti di politica monetaria e delle altre funzioni istituzionali, la Banca d'italia svolge una intensa attività di analisi e ricerca in campo economico- finanziario e giuridico. Come lavorare in Banca d Italia Istituzione al servizio del Paese e dell Europa, la Banca d Italia offre l opportunità di svolgere un esperienza professionale unica nel suo genere. Nei numerosi settori di attività, negli uffici centrali come nelle filiali, si può acquisire qualificate competenze tecnico-specialistiche, la capacità di lavorare in gruppo e l orientamento ai risultati, apprendere un metodo di lavoro basato sul rigore dell analisi, sul confronto e sull attenzione al servizio offerto. Per iniziare un percorso di carriera in Banca d Italia e diventare, ad esempio, ricercatore economico, analista di bilancio, ispettore di vigilanza è necessario superare uno dei concorsi pubblici indetti regolarmente dall Istituto, di cui si può avere notizia tramite la Gazzetta Ufficiale, i principali quotidiani nazionali, la stampa specializzata nazionale ed estera. Se si posseggono il titolo di studio e gli altri requisiti di volta in volta indicati dal bando, si può partecipare a selezioni orientate all apprezzamento del merito e ispirate ai principi della trasparenza, dell efficienza e della obiettività. Le modalità di assunzione, caratterizzate da selettività e imparzialità, sono il primo dei tanti investimenti che la Banca d Italia fa nel capitale umano, a garanzia della qualità dei servizi resi alla collettività.

17 LE PRIME BANCHE La scheda seguente fa parte di una serie di moduli didattici realizzati con il sostegno della Commissione eruropea nell ambito del progetto Dolceta. stata sviluppata dalla tratta dal sito (Dolceta è un progetto di educazione al consumo online a cui partecipano tutti e 27 gli Stati membri dell'unione ed è finanziato dalla Commissione Europea). Per maggiori dettagli, si può consultare anche il sito dell enciclopedia Treccani, alla sezione: Le banche nascono in Italia, in Toscana per la precisione, agli inizi del Rinascimento. Il come, invece, è questione complessa ma anche interessante. A partire dalla seconda metà del quattrocento, le aree più evolute in Europa sotto il profilo economico e commerciale sono le città capitali dei vari stati della Penisola (Genova, Firenze, Pisa, Venezia), la capitale delle Fiandre Bruges e Rotterdam, il più grande porto dei Paesi Bassi. Tra queste città esistevano intensi scambi commerciali. Le città italiane esportavano tessuti e derrate alimentari che non venivano prodotte nel nord dell Europa. Di contro, le importazioni in Italia consistevano in alimenti, come il pesce sotto sale, che non erano disponibili nel bacino del Mediterraneo. La vita dei commercianti che operavano all interno di questi scambi non era per niente facile. Un viaggio via terra tra Firenze e le Fiandre poteva durare settimane e il rischio di attacchi e ruberie poteva essere pari al rischio di un naufragio nel caso in cui le merci fossero state trasportate per mare. Ma il rischio maggiore non era tanto quello legato al trasporto delle merci quanto quello legato al trasporto dell oro che, all epoca, costituiva l unica forma di moneta che veniva accettata negli scambi tra mercanti di paesi diversi. Si andava nelle Fiandre a vendere tessuti e si ritornava, se tutto andava bene, con il gruzzolo d oro frutto della vendita. Nelle città italiane dell epoca un altra attività economica era piuttosto fiorente, quella degli orafi e dei produttori di gioielli. Una particolarità degli orafi-gioiellieri era quella di poter disporre di robusti forzieri a prova di ladri e, quindi, risultò abbastanza naturale che i mercanti si affidassero agli orafi per custodire l oro che ricavavano e utilizzavano per i loro commerci. I mercanti depositavano l oro presso gli orafi e gli orafi rilasciavano ai mercanti una ricevuta che attestava l avvenuto deposito di una certa quantità d oro. Di solito questa ricevuta si chiamava nota di banco perché veniva siglata sul banco dell orafo. Quando poi ai mercanti serviva l oro per effettuare un pagamento non dovevano far altro che ritornare con la nota di banco dall orafocustode presso cui avevano fatto un deposito e riprendersi una parte o tutto il gruzzolo depositato. Un elemento importante della nostra storia è il seguente, l oro è una merce fungibile. Questo significa che l oro che veniva restituito al mercante non era necessariamente lo stesso che lui aveva depositato. Di fatto, l orafo-custode all atto di presentazione della nota di banco doveva solo restituire la quantità di oro riportata sulla nota e non lo stesso oro che era stato a suo tempo depositato. Un passo importante nella nascita della banca si ebbe quando, a un certo punto, un mercante toscano e uno fiammingo di cui non conosciamo i nomi ma a cui un po tutti dovremmo essere grati si saranno accordati nei termini seguenti.

18 Jan Gossaert, «Ritratto di un banchiere (o di un mercante)», 1530 ca. [National Gallery of Art, Washington] Il mercante toscano avrà proposto al fiammingo di recarsi a Bruges per acquistare delle merci non portando con sé l oro per il pagamento ma semplicemente una nota di banco che attestava l avvenuto deposito presso un orafo-custode. Il pagamento sarebbe avvenuto semplicemente girando la nota di banco al mercante fiammingo cosicché quest ultimo sarebbe diventato automaticamente il titolare del diritto a riscuotere l oro presso l orafo-custode. L operazione commerciale sarebbe così diventata più semplice eliminando i rischi connessi al trasporto dell oro. Perché mai il mercante fiammingo avrebbe dovuto accettare questa proposta? Chi gli assicurava che un giorno avrebbe riscosso il suo oro? In effetti, nessuno poteva fornirgli questa assicurazione. Tuttavia, la fiducia generata da anni di relazioni commerciali tra i due e la reputazione dell orafo-custode di disporre di buoni forzieri nonché di essere un galantuomo rispettoso degli impegni firmati avranno indotto il commerciante fiammingo a ritenere che avrebbe riscosso il suo oro con una elevata probabilità. Quando il mercante fiammingo accetta la proposta del suo collega toscano nasce allora qualcosa che assomiglia molto al moderno assegno bancario. La nota di banco viene accettata per regolare un pagamento; l oro smette di circolare e, in sua vece, circolano pezzi di carta che attestano un deposito di oro presso un orafo-custode. D altra parte, il mercante fiammingo a cui è stata girata la nota di banco non ha affatto necessità di recarsi presso l orafo-custode per riscuotere il suo oro ma può successivamente girarla in futuro quando verrà in Italia a compare tessuti. Ancora una volta, se la nota di banco riporta la firma di un orafo-custode di riconosciuta affidabilità, chiunque in Italia accetterà di vendergli tessuti in cambio della girata. Abbiamo scoperto come sono nati gli assegni ma abbiamo anche scoperto come è nata la banca? Ovvero, possiamo dire che gli orafi-custodi sono diventati banche? La risposta a questa domanda è negativa. Gli orafi-custodi ricevono depositi in oro ma, a questo punto della nostra storia, non svolgono ancora le altre due funzioni che sono tipiche della banca: il prestito di denaro e la creazione di moneta. Infatti, la prima banca nacque quando uno degli orafi-custode si sarà accorto che, una volta depositato, l oro raramente lasciava i propri forzieri in quanto gli scambi commerciali venivano

19 finanziati attraverso le girate delle note di deposito. Insomma, la titolarità dell oro passava da una mano all altra ma fisicamente l oro rimaneva fermo nei forzieri. Questo orafo-custode diventa una proto-banca nel momento in cui avrà avuto l idea di prestare a terzi, contro pagamento di un interesse, una certa quantità di oro che custodiva nei suoi forzieri e che, per definizione, non era di sua proprietà. La ragionevole certezza che non tutti i titolari avrebbero chiesto la restituzione del loro oro contemporaneamente lo autorizzava a concedere una parte di quell oro a prestito.

20 Armando Spadini, Bambini che studiano Collezione d arte della Banca d Italia Spadini è descritto come l'unico artista italiano contemporaneo degno di stare alla pari degli impressionisti francesi, quasi un Renoir italiano, con qualche accento ripreso da Degas. La pittura di Spadini è sempre fluida, preziosa di impasti, colma di una sensualità che con grande evidenza arriva a trasformarsi in rappresentazioni sensibili e intense della realtà. In questo contesto Bambini che studiano è opera di particolare rilievo. I due bambini appoggiati a un tavolo sono intenti a scrivere. La piccola con il capo leggermente inclinato, volge uno sguardo attento a ciò che il compagno scrive sul foglio. Un colore pastoso e delicato costruisce l'immagine proponendo un taglio frontale e quasi fotografico: addolcito tuttavia dall'invenzione affettuosa del soggetto. Una luce calda e morbida accarezza i fanciulli accendendo l'oro dei capelli e riflettendosi sulla pelle rosata dei loro volti intenti. L'impasto tenero e duttile della tavolozza suggerisce emozioni gentili, intonate alla grazia ed eleganza della scena.

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Edizione 05/2011 INDICE Informazioni su CheBanca! e sui servizi di investimento offerti 2 1. Dati che CheBanca! 2 2. Autorizzazione alla prestazione dei servizi di

Dettagli

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1 Profili della disciplina sulle banche Lezione 1 1 Testo Unico Bancario (D. lgs. n. 385 del 1993). Testo Unico Finanziario (D. lgs. n. 58 del 1998) La disciplina bancaria il Testo Unico Bancario: (art.

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale»

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» 9,*,/$1=$&5(',7,=,$(),1$1=,$5,$,VWUX]LRQLGL9LJLODQ]DSHUJOL,QWHUPHGLDUL)LQDQ]LDUL LVFULWWLQHOO (OHQFR6SHFLDOHª &LUFRODUHQGHODJRVWR

Dettagli

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2.2. Brevi cenni sulla nuova trasparenza per banche e 1 intermediari finanziari GLOSSARIO 7 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 2.2

Dettagli

CHE COS E IL DEPOSITO DI STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE

CHE COS E IL DEPOSITO DI STRUMENTI FINANZIARI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE FOGLIO INFORMATIVO Deposito di strumenti finanziari a custodia e amministrazione (riporta anche le condizioni economiche relative ai servizi di negoziazione per conto proprio, ricezione e trasmissione

Dettagli

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI LE BANCHE Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI Cos è una banca? L'attività bancaria è definita come l'esercizio congiunto dell'attività di raccolta di risparmio tra il pubblico

Dettagli

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione Altre condizioni economiche.

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione Altre condizioni economiche. FOGLIO INFORMATIVO Deposito di strumenti finanziari a custodia e amministrazione (riporta anche le condizioni economiche relative ai servizi di negoziazione per conto proprio, ricezione e trasmissione

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

L ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO

L ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO L ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO La creazione dell'arbitro Bancario Finanziario è prevista dall'articolo 128-bis del Testo unico bancario (TUB), introdotto dalla legge sul risparmio (legge n. 262/2005).

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione e coordinamento

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Sommario Z 1. I controlli amministrativi. - 2. La Commissione nazionale per le società

Dettagli

Rendiconto sull attività di gestione dei reclami per l anno 2014

Rendiconto sull attività di gestione dei reclami per l anno 2014 Rendiconto sull attività di gestione dei reclami per l anno 2014 Premessa Il presente documento viene pubblicato in ottemperanza alle disposizioni della Banca d Italia del 29 luglio 2009 (e successive

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE PRIVATE BANKING CONSUMATORI Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni)

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni) D.M. - -2007, n. Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PAGANO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PAGANO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1121 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PAGANO Modifiche all articolo 13 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N.1 GENNAIO 2014 CONTO DI PAGAMENTO

FOGLIO INFORMATIVO N.1 GENNAIO 2014 CONTO DI PAGAMENTO FOGLIO INFORMATIVO N.1 GENNAIO 2014 CONTO DI PAGAMENTO INFORMAZIONI SULL ISTITUTO DI PAGAMENTO Denominazione: CCN Servizi di Pagamento S.p.A. (l Istituto ). Iscrizione in albi/registri: l Istituto è iscritto

Dettagli

Foglio informativo. Acquisto di crediti senza la garanzia da parte del Fornitore cedente della solvenza del debitore ceduto (pro soluto).

Foglio informativo. Acquisto di crediti senza la garanzia da parte del Fornitore cedente della solvenza del debitore ceduto (pro soluto). Foglio informativo. Acquisto di crediti senza la garanzia da parte del Fornitore cedente della solvenza del debitore ceduto (pro soluto). Informazioni sulla società di factoring. Centro Factoring S.p.A.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO DIPENDENTI

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO DIPENDENTI Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO DIPENDENTI Conto corrente riservato a: dipendenti di Banca Finanziaria Internazionale

Dettagli

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012)

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) Dott. Gianluca Cristofori L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) 1 Profili civilistici relativi all emissione di titoli di debito

Dettagli

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura Luca Sartirana indice Gli intermediari finanziari Attività bancaria Funzioni della banca Normativa Il SEBC Autorità creditizie nazionali La vigilanza della Banca d Italia Il sistema TARGET Gli intermediari

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Foglio informativo n. 2204. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO

Foglio informativo n. 2204. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO Foglio informativo n. 2204. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero

Dettagli

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Istruzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale (Circ. Banca d Italia 216 del 5 agosto 1996

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Economia delle aziende di credito.. 2008/2009 Università degli studi Roma Tre - Economia delle aziende di credito,.. 2008/2009 1 Indice degli argomenti

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING

Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione e coordinamento

Dettagli

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003)

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) PRESTITO MICROCREDITO CONVENZIONE ABI - CEI INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BRESCIA,

Dettagli

- TASSO MASSIMO APPLICABILE PER IL COMPUTO INTERESSI:

- TASSO MASSIMO APPLICABILE PER IL COMPUTO INTERESSI: FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI E SERVIZI DI FACTORING (Aggiornamento in vigore dal 01 ottobre 2014) INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING SARDA FACTORING SpA Sede legale e sede amministrativa viale

Dettagli

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea http://europa.eu.int/euro/quest/ Commissione europea È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Servizio di deposito a custodia e amministrazione di titoli e strumenti finanziari

Dettagli

Foglio informativo. Acquisto di crediti con la garanzia da parte del Fornitore cedente della solvenza del debitore ceduto (pro solvendo).

Foglio informativo. Acquisto di crediti con la garanzia da parte del Fornitore cedente della solvenza del debitore ceduto (pro solvendo). Foglio informativo. Acquisto di crediti con la garanzia da parte del Fornitore cedente della solvenza del debitore ceduto (pro solvendo). Informazioni sulla società di factoring. Centro Factoring S.p.A.

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione e coordinamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione e coordinamento

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA. www.mediazionetrapari.wordpress.com

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA. www.mediazionetrapari.wordpress.com MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI CONTRATTI BANCARI E FINANZIARI GRAZIE PER AVER SCARICATO LA MIA GUIDA ALLA GESTIONE DELLE CONTROVERSIE IN MATERIA DI CONTRATTI BANCARI E FINANZIARI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione e

Dettagli

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE ---------------------------------------------- 3 2 L INGRESSO IN ITALIA DI BANCHE COMUNITARIE

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione

Dettagli

CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE

CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Sistema S.p.A. Sede legale e amministrativa Corso Monforte, 20-20122 Milano Telefono +39 02 802801 - Fax +39 02 72093979 Codice

Dettagli

Foglio informativo n. 2203. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO

Foglio informativo n. 2203. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO Foglio informativo n. 2203. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N.

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 Parte I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO Presentazione di Ernesto Ghidinelli Milano,

Dettagli

Foglio informativo (C0209) CONTO CORRENTE ORDINARIO CONSUMATORI (Cat. 02)

Foglio informativo (C0209) CONTO CORRENTE ORDINARIO CONSUMATORI (Cat. 02) Foglio informativo (C0209) CONTO CORRENTE ORDINARIO CONSUMATORI (Cat. 02) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE S.C.P.A. Sede Legale e amministrativa: via Tosco Romagnola

Dettagli

Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI

Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121

Dettagli

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6 TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema foglio informativo Operazioni di factoring pro soluto Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via dell Unione Europea, 3-20097 San Donato Milanese

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 7b - Deposito titoli a custodia e/o amministrazione

FOGLIO INFORMATIVO. 7b - Deposito titoli a custodia e/o amministrazione Pagina 1/6 FOGLIO INFORMATIVO 7b - Deposito titoli a custodia e/o amministrazione INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione e

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 2v Conto corrente di Base Pensionati Gratuito

FOGLIO INFORMATIVO. 2v Conto corrente di Base Pensionati Gratuito Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 2v Conto corrente di Base Pensionati Gratuito Questo conto è destinato a clientela consumatore con operatività estremamente limitata e trattamenti pensionistici fino ad importo

Dettagli

OBIETTIVI E MODELLI TEORICI DI VIGILANZA. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

OBIETTIVI E MODELLI TEORICI DI VIGILANZA. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 OBIETTIVI E MODELLI TEORICI DI VIGILANZA Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Fondamenti del sistema di controlli sul sistema finanziario Ex-ante adverse selection MERCATI FINANZIARI asimmetrie informative Ex-post

Dettagli

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003)

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) BCC FACTORING OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO DATI E QUALIFICA DEL SOGGETTO CHE ENTRA IN RAPPORTO CON IL CLIENTE (Banca incaricata dell

Dettagli

Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'italia

Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'italia Allegato 1 Confronto precedente e nuova disciplina dettata dalla Banca d'talia struzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale (Circ. Banca d talia 216 del 5 agosto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione e

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 Cara Lettrice, caro Lettore, Festeggiamo un evento storico: grazie a più di 110 000 cittadini, la Svizzera potrà decidere in votazione chi ha il diritto

Dettagli

DEPOSITI DI TITOLI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE

DEPOSITI DI TITOLI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI DEPOSITI DI TITOLI A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6 - serfactoring TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema di foglio informativo Operazioni Maturity Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via dell Unione Europea, 3-20097 San Donato

Dettagli

serfactoring CONDIZIONI ECONOMICHE MASSIME APPLICABILI San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6

serfactoring CONDIZIONI ECONOMICHE MASSIME APPLICABILI San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6 TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema foglio informativo Operazioni di factoring pro solvendo Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via dell Unione Europea, 3-20097 San Donato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari FOGLIO INFORMATIVO ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY PRO SOLUTO 12 ottobre 2015. Informazioni sulla Banca

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY PRO SOLUTO 12 ottobre 2015. Informazioni sulla Banca FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY PRO SOLUTO 12 ottobre 2015 Informazioni sulla Banca Banca Farmafactoring S.p.a. Sede legale e direzione generale: Via Domenichino, n 5 20149 Milano Numero

Dettagli

Generalità del soggetto che effettua l offerta fuori sede (nome e cognome indirizzo/sede legale e-mail tel.)

Generalità del soggetto che effettua l offerta fuori sede (nome e cognome indirizzo/sede legale e-mail tel.) Foglio Informativo n. A.7 Aggiornamento del 01.10.2015 FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE BASE PER SOGGETTI AVENTI DIRITTO A TRATTAMENTI PENSIONISTICI FINO A 18.000,00 ANNUI OPERATIVITA LIMITATA PER TIPOLOGIA

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

SOCIETÀ COOPERATIVA - ISCRITTA ALL'ALBO DELLE SOCIETÀ COOPERATIVE N. A166229 SEDE LEGALE: VIA D. ALIGHIERI, 2-31022 PREGANZIOL (TV) TEL.

SOCIETÀ COOPERATIVA - ISCRITTA ALL'ALBO DELLE SOCIETÀ COOPERATIVE N. A166229 SEDE LEGALE: VIA D. ALIGHIERI, 2-31022 PREGANZIOL (TV) TEL. SOCIETÀ COOPERATIVA - ISCRITTA ALL'ALBO DELLE SOCIETÀ COOPERATIVE N. A166229 SEDE LEGALE: VIA D. ALIGHIERI, 2-31022 PREGANZIOL (TV) TEL. 0422/6316 FAX: 0422/633079 PEC: segreteria@pec.centromarcabanca.it

Dettagli

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto.

Variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse, commissioni e spese) ove contrattualmente previsto. Foglio informativo relativo all' APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Sezione I - Informazioni sulla Banca Banca di Credito Cooperativo di Tarsia (CS) soc. coop. Sede legale e amministrativa: Tarsia (CS),

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Foglio Informativo FINANZIAMENTO

Foglio Informativo FINANZIAMENTO Foglio Informativo n. 5900/04 Data ultimo aggiornamento: 01 Ottobre 2012 Dati e qualifica del soggetto incaricato dell offerta incaricato dell offerta Foglio Informativo FINANZIAMENTO alle AZIENDE Timbro

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO - Operazioni di acquisto crediti d'impresa -

FOGLIO INFORMATIVO - Operazioni di acquisto crediti d'impresa - FOGLIO INFORMATIVO - Operazioni di acquisto crediti d'impresa - Il Foglio Informativo contiene informazioni sull'intermediario, sulle condizioni e sulle principali caratteristiche dell'operazione o del

Dettagli

CONTO DEPOSITO WEB CLOSED

CONTO DEPOSITO WEB CLOSED Foglio informativo CW0212/029 Aggiornamento 1 ottobre 2015 CONTO DEPOSITO WEB CLOSED (vincolato a 3, 6, 12 mesi) Offerta valida per nuovi Clienti 1 o per Clienti BCCFORWEB 2 Questo conto corrente è destinato

Dettagli

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.p.A. GRUPPO BANCARIO CASSA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29.7.2009) Documento versione n.5 del

Dettagli

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni

Modifiche all'articolo 1 del testo unico della finanza Definizioni D.L.vo 1 agosto 2003, n.274.attuazione della direttiva 2001/107/CE e 2001/108/CE, che modificano la direttiva 85/611/CEE in materia di coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.1. Premessa 1 GLOSSARIO 6 NORMATIVA 8 1.1 PREMESSA Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere gli obiettivi perseguiti dalle disposizioni

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia 29/7/2009). INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca

Dettagli

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003)

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) MUTUI CHIROGRAFARI PER AZIENDE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BRESCIA, società cooperativa

Dettagli

- Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana

- Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana Parte Prima - Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana L art 6 comma 3 d.lg. 231 stabilisce che i Modelli di organizzazione, gestione e controllo possono essere adottati sulla base di Codici

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione e

Dettagli

Foglio informativo n. 2206. OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY

Foglio informativo n. 2206. OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY Foglio informativo n. 2206. OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero verde:

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO 1.1. Le origini della normativa del Titolo V t.u. bancario sui «Soggetti operanti

Dettagli