TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro."

Transcript

1 TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti con tiranti in ferro applicati sotto i due pioli estremi; nelle scale lunghe più di 4 metri deve essere applicato anche un tirante intermedio. E' vietato l'uso di scale che presentino listelli di legno chiodati sui montanti al posto dei pioli rotti. Esse devono inoltre essere provviste di: a) dispositivi antisdrucciolevoli alle estremità inferiori dei due montanti; b) ganci di trattenuta o appoggi antisdrucciolevoli alle estremità superiori, quando sia necessario per assicurare la stabilità della scala.

2 Fin dal Dlgs 235/2003 in vigore dal 19 luglio 2005 si - ATTRIBUISCE AL DATORE DI LAVORO LA RESPONSABILITA DI SCEGLIERE LE ATTREZZATURE PIU IDONEE A GARANTIRE E MANTENERE CONDIZIONI DI LAVORO SICURE E DI INDIVIDUARE LE MISURE PREVENTIVE UTILI A LIMITARE I POTENZIALI RISCHI PER I LAVORATORI -LE ATTREZZATURE DEVONO ESSERE SCELTE DANDO PRIORITA ALLE MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA RISPETTO ALLE MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE -LE DIMENSIONI DELLE ATTREZZATURE DEVONO ESSERE -CONFACENTI ALLA NATURA DEI LAVORI DA ESEGUIRE - ALLE SOLLECITAZIONI PREVEDIBILI -E AD UNA CIRCOLAZIONE PRIVA DI RISCHI

3 In particolare: Analisi dei rischi e criteri di riduzione del rischio nelle diverse fasi di montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi (tecniche operative) Dispositivi di protezione individuale Modalità e tecniche di ancoraggio del lavoratore Composizione della squadra di lavoro sotto la diretta sorveglianza del preposto Formazione

4

5 TEMPI DI MONTAGGIO (E SMONTAGGIO) Tubi e giunti GE = giunto equivalente/corredato (basato su osservazioni empiriche) 1 giunto + 1,5 m di tubo = 1 GE 1 tavola di legno da 4 m 1 GE 1 tavola metallica da 1,80x GE 1 tavola metallica da 2,50-3,00x0,33 1 GE fino ad altezze di 25 m 1 squadra di 3 persone monta 240 GE/g = 137 mq/g (336 GE/g) tra 25 e 40 m 180 GE/g = 90 mq/g Telai prefabbricati non si usa il GE, ma ci si basa su una valutazione empirica di cantiere larghezza 0,70 m 1 squadra di 3 persone monta 300 mq/g (432 mq/g) larghezza 1,00 m Montanti e traversi prefabbricati 240 mq/g larghezza 0,70-1 m 1 squadra di 3 persone monta 240 mq/g (432 mq/g)

6 SCELTA DEL PONTEGGIO ESAMINIAMO UN PONTEGGIO CON DIMENSIONI: - Sviluppo (base) di 48 m, per ponteggio con passo da 1,80 m - Altezza dell ultimo piano di calpestio di 20 m - Superficie (48,00)x(20,00+1) = 1.008,00 m 2 (passo di 3 metri) - Superficie (48,60)x (20,00+1) = 1020,60 m 2 (passo da 1,80) - impalcato a tutti i piani (n. 10 piani di lavoro)

7 METODO ANALITICO

8 -METODO EMPIRICO -Le quantità dei principali componenti del sistema si possono determinare introducendo il concetto di telaio corredato (T.C.) -Ogni telaio è normalmente corredato dai seguenti elementi: 1,5 diagonali ( 1 diagonale di facciata e ½ diagonale in pianta); 3 correnti (in funzione delle diverse autorizzazioni ministeriali; 1 dei 3 correnti previsti potrebbe anche non esserci); 2 spine di collegamento; 2 tavole (se larghe 0,50 m); 3 tavole (se larghe 0,33 m); 1 fermapiedi. Nel solo caso di tavole strutturali, il telaio sarebbe corredato dai seguenti elementi: 1diagonale (di facciata); 2 correnti; 2 spine di collegamento; 2 tavole (se larghe 0,50 m); 3 tavole (se larghe 0,33 m). 1 fermapiedi.

9 -Quanti telai? -Sapendo che ogni telaio serve una superficie di facciata pari a 3,60 m 2 (altezza del telaio per passo, cioè 2,00 x 1,80), per una superficie di 1.020,00 m 2 necessiteranno -283 telai ( 1020:3,6). NUMERO DEI TELAI x CORREDO TIPO (tra parentesi i dati relativi alla distinta analitica): diagonali ( di facciata e in pianta) = 283 x 1,5 = 425 ( 405) correnti = 283 x 3 = 849 (837) spine di collegamento = 283 x 2 = 566 (532) tavole (semplici e con botola) = 283 x 2 = 566 ( ) fermapiedi = 283 x 1 = 283 (270) L'errore ottenuto con questo sistema empirico consiste in una stima per eccesso di circa il 5%.

10 CALCOLO EMPIRICO CON TAVOLE STRUTTURALI Calcolo empirico dei componenti (tra parentesi i dati relativi al sistema con tavole non strutturali). È naturale che questo tipo di confronto ha un senso per il ponteggio che stiamo studiando, dotato per ipotesi di tavole a tutti i piani. Diverse considerazioni dovranno essere fatte qualora si studi un ponteggio con tavole a un numero limitato di piani: diagonali (di facciata e in pianta) = 283 x 1 = 283 (405) correnti = 283 x 2 = 566 (837) spine di collegamento = 283 x 2 = 566 (532) tavole (semplici e con botola) = 283 x 2 = 566 (530 + l0) fermapiedi = 283 x 1 = 283 (270) Il raffronto tra la soluzione a "tavole strutturali" e quella a "diagonali e correnti" evidenzia che il ponteggio munito di tavole strutturali, ossia di tavole facenti anche le funzioni di controventatura in pianta, risulta avere meno elementi. Al di là di considerazioni economiche circa il costo dell'uno e dell'altro, si può sicuramente da ciò dedurre che i tempi di montaggio/smontaggio siano inferiori quando si è in presenza di un ponteggio con tavole strutturali.

11 PONTEGGIO CON PASSO DA 3,00 M

12

13

14 I PONTEGGI MOBILI

15 TU - Art Ponti su cavalletti 1. I ponti su cavalletti non devono aver altezza superiore a metri 2 e non devono essere montati sugli impalcati dei ponteggi. All. XVIII I piedi dei cavalletti, oltre ad essere irrigiditi mediante tiranti normali e diagonali, devono poggiare sempre su pavimento solido e ben livellato. La distanza massima tra due cavalletti consecutivi può essere di m 3,60, quando si usino tavole con sezione trasversale di cm 30 x 5 e lunghe m 4. Quando si usino tavole di dimensioni trasversali minori, esse devono poggiare su tre cavalletti. 4. La larghezza dell'impalcato non deve essere inferiore a cm 90 e le tavole che lo costituiscono, oltre a risultare bene accostate fra loro ed a non presentare parti a sbalzo superiori a cm 20, devono essere fissate ai cavalletti di appoggio. E' fatto divieto di usare ponti su cavalletti sovrapposti e ponti con i montanti costituiti da scale a pioli.

16 TU - Art Ponti su ruote a torre All. V 1. I ponti su ruote devono avere base ampia in modo da resistere, con largo margine di sicurezza, ai carichi ed alle oscillazioni cui possono essere sottoposti durante gli spostamenti o per colpi di vento e in modo che non possano essere ribaltati. 2. Il piano di scorrimento delle ruote deve risultare livellato; il carico del ponte sul terreno deve essere opportunamente ripartito con tavoloni o altro mezzo equivalente. 3. Le ruote del ponte in opera devono essere saldamente bloccate con cunei dalle due parti o sistemi equivalenti. 4. I ponti su ruote devono essere ancorati alla costruzione almeno ogni due piani; e' ammessa deroga a tale obbligo per i ponti su ruote a torre conformi all'allegato XXIII. (rispondenza norme UNI EN, certificazioni delle prove di rigidezza, h max 12 m all interno e 8 m all esterno) 5. La verticalità dei ponti su ruote deve essere controllata con livello o con pendolino. 6. I ponti, esclusi quelli usati nei lavori per le linee elettriche di contatto, non devono essere spostati quando su di essi si trovano lavoratori o carichi. Sui ponti sviluppabili a forbici o simili gli operai addetti devono far uso di cinture di sicurezza

17 TU ALL. XXIII (estratto) Possono non essere ancorati se: Costruzione secondo UNI EN 1004 Certificazione prove di rigidezza secondo la precedente norma H < a 12 m se utilizzato all interno (assenza di vento) < 8 m se utilizzato all esterno (presenza di vento) Per uso esterno, è comunque preferibile, ove possibile, un fissaggio all edificio o altra struttura

18

19 TU - Art. 110 All. V Luoghi di transito Il transito sotto ponti sospesi, ponti a sbalzo, scale aeree e simili deve essere impedito con barriere o protetto con l'adozione di misure o cautele adeguate. Tavole di spessore almeno 4 cm

20 TU All. V Ponti leggeri: 2 argani di manovra e 2 funi di sospensione Larghezza <= 100 cm Sovraccarico 100 kg/ml 2 persone max Parapetto anche nel lato prospiciente la costruzione Ponti pesanti: 4 argani e 4 funi di sospensione Larghezza <= 150 cm Sul lato prospiciente la costruzione e privo di parapetto, tavola fermapiede di altezza 5 cm Lunghezza utile del ponte delimitata da due telai <= 300 cm Tavole di piano spessore <= 4 cm ben accostate e ben assicurate Distanza tra parete interna del ponte e parete <= 10 cm

21 Installazione INAIL (ex ISPESL) Da verificare ogni 2 anni (argani); ogni anno (il ponte) Presenza di almeno 2 persone a bordo (ad eccezione delle piattaforme progettate per una sola persona) Cinture di sicurezza Ancoraggio in fase di fuori servizio Verifiche trimestrali delle funi dei motori

22 TU- All. V.Ad ogni livello di lavoro, i ponti sospesi. devono essere ancorati a parti stabili della costruzione. La distanza del tavolato dei ponti pesanti dalla parete della costruzione non deve superare cm 10. Ove per esigenze della costruzione tale distanza non possa essere rispettata, i vuoti risultanti devono essere protetti fino alla distanza massima prevista dal comma precedente. I ponti sospesi non devono essere usati in nessun caso come apparecchi di sollevamento e su di essi non devono essere installati apparecchi del genere.

23 PONTI MOTORIZZATI - Collaudo Ministero del Lavoro Oltre 60 metri è obbligatorio l anemometro Per i ponti senza guide è vietato l uso per velocità del vento > 45 km/h Per i ponti con guide è vietato l uso per velocità del vento > 60 km/h Parapetti di protezione m 1,2 (esterno), m 1 (interno) Maglie del piano 25x25 mm Punti di manovra: 2 persone + 1 al posto di emergenza Freni di emergenza Dispositivo paracadute Dispositivi fine corsa

24

25

26

27

28

29

30

31 Nella fase di sollevamento la piattaforma non deve superare l inclinazione del 10% (dispositivi di controllo) Interruttori di fine corsa in salita e in discesa

32

33

34

35

36

37 PONTE AUTOSOLLEVANTE : precauzioni al montaggio - verificare la situazione di partenza - verificare la stabilità al ribaltamento - verificare il corretto montaggio dei pianetti estraibili - impiegare reti di protezione solo se incluse nei piani di montaggio - verificare della portate massima (se diversa da quella di esercizio) durante le fasi di montaggio e smontaggio - verificare il serraggio dei sistemi di collegamento dei vari elementi del montante - segnalare a terra la presenza del ponte - personale qualificato deve verificare la correttezza dei collegamenti elettrici - verificare la sicurezza del blocco dei cancelletti di accesso al piano di calpestio del ponte - verificare la correttezza degli ancoraggi (numero e posizione in relazione alle zone di Italia e in relazione al materiale, verificato secondo il coefficiente di sicurezza previsto: 2,5)

38 PONTE AUTOSOLLEVANTE : uso in sicurezza - verificare che il lavoro da svolgere sia compatibile con le caratteristiche della macchina - verificare la resistenza del piano di appoggio sul terreno della macchina il cui peso può variare da 1000 a 8000 kg, cui va aggiunto il sovraccarico accidentale che è fissato in 150 kg/mq - verificare l'efficienza degli ancoraggi in relazione al materiale dell edificio; in caso di tasselli il coefficiente di sicurezza è fissato a 2,5

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO PONTEGGI NON A NORMA Ponteggio su tettoia 2 Totale assenza di parapetti e impalcati incompleti Ponteggio su tettoia 3 Basi di appoggio instabili Rischio di crollo dell

Dettagli

Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT

Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT Maggio 2014 Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT 1 Art. 136. (Montaggio e smontaggio) 1. Nei lavori in quota il datore di lavoro provvede a redigere a mezzo di persona competente un piano

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi D.Lgs.81/08 - TITOLO IV - SEZIONE V - PONTEGGI FISSI Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi Art. 136 (ex art. 36 quater D.Lgs 626/94) in vigore dal 19/07/2005 "Il datore di lavoro provvede a

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

Allegato V Dlgs 81/2008

Allegato V Dlgs 81/2008 Allegato V Dlgs 81/2008 REQUISITI DI SICUREZZA DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO COSTRUITE IN ASSENZA DI DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE COMUNITARIE DI PRODOTTO, O MESSE

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

Il marchio CE sulla scala non è garanzia di conformità alla norma UNI EN 131

Il marchio CE sulla scala non è garanzia di conformità alla norma UNI EN 131 ESECUZIONE DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA Requisiti minimi di sicurezza e salute per l uso delle attrezzature di lavoro per l esecuzione di lavori temporanei in quota 1. Definizioni Lavoro in quota: attività

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. I PONTEGGI. Servizio Prevenzione e Protezione. Corso di formazione Quaderno N

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. I PONTEGGI. Servizio Prevenzione e Protezione. Corso di formazione Quaderno N S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. Corso di formazione Quaderno N I PONTEGGI Servizio Prevenzione e Protezione I ponteggi sono opere provvisionali che si usano nei lavori di ingegneria civile,di

Dettagli

Ponteggi e opere provvisionali

Ponteggi e opere provvisionali Ponteggi e opere provvisionali Dr. Giorgio GRIFFA Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro S.Pre.S.A.L. della ASL TO 3 03/11/09 1 premesse TITOLO IV - CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

I PONTEGGI I PONTEGGI

I PONTEGGI I PONTEGGI I PONTEGGI DISCIPLINATI DAL DPR 164/56, E DALLE CIRC. n 149 del 22/11/1985 E 21467 del 18/04/1986 PONTE ART. 27 DPR 164/56 SOTTOPONTE Gli impalcati e ponti di servizio devono avere un sottoponte di sicurezza,

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

PIMUS -PONTEGGI. Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014

PIMUS -PONTEGGI. Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014 PIMUS -PONTEGGI Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014 1 CSE -ponteggio? DLgs 81/08 e smi Art.92 comma 1 lettera e segnala al committente o al responsabile dei lavori, previa contestazione scritta [ ], le

Dettagli

PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08

PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08 PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08 SPINA A VERME TIPOLOGIE PIU COMUNI Legno Metallici tubi & giunti Metallici a cavalletti Multidirezionali >> CORRENTE DI PARAPETTO CORRENTE INTERMEDIO TAVOLA FERMAPIEDI

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA LAVORI IN QUOTA Attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile. (art.107

Dettagli

Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco

Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco Regione Lombardia Sanità Linea Guida per l utilizzo di scale portatili nei cantieri temporanei e mobili Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco Riferimenti normativi

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160)

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA N 8 SEZIONI -

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER CORSO DI AGGIORNAMENTO PER COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE Ponteggi e opere provvisionali Dott. Ing. Antonio Nicolosi Libero Professionista Formatore della Sicurezza

Dettagli

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi Dipartimento di Sanità Pubblica Ente Scuola Edile di Piacenza Comitato Paritetico Territoriale SICUREZZA IN EDILIZIA - Il lavoro in quota 3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione

Dettagli

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA uilt build to ponteggi ponteggi ALLUMINIO PLA Ponteggio di facciata in alluminio P.L.A. 186 Azienda Progetti Prodotti PONTEGGIO PER MANUTENZIONE E RESTAURO Il ponteggio prefabbricato di facciata P.L.A.

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA

SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA CONTROLLO SI NO ESITO NON PERTINENTE NOTE sia conforme allo schema tipo

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21

scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21 scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21 Titolo I art. 60 componenti dell impresa familiare; lavoratori autonomi; coltivatori diretti del fondo; soci delle società operanti

Dettagli

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni 1/35 Criteri di Progettazione Il corretto approccio alla progettazione di una copertura sicura èfinalizzato all eliminazione e/o riduzione

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

5. SCALE FISSE E PORTATILI

5. SCALE FISSE E PORTATILI 01. E stata effettuata una specifica valutazione dei rischi associati alle scale fisse portatili 02. Nei luoghi di lavoro sono utilizzate scale fisse a gradini 02.01. Le scale che presentano dislivelli

Dettagli

Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato

Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato Catalogo 2007 Vi diamo alcune informazioni importanti sugli unici riferimenti di legge attualmente in vigore e sulle loro principali differenze, al fine

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

SCALE PORTATILI : CONFORMI ALLE NORME UNI EN 131-1 e 2 (1)

SCALE PORTATILI : CONFORMI ALLE NORME UNI EN 131-1 e 2 (1) SCALE PORTATILI : CONFORMI ALLE NORME UNI EN 131-1 e 2 (1) Dal 24 Marzo 2000 le scale portatili devono essere dotate di certificato fornito dal costruttore e da un foglio o libretto con l indicazione degli

Dettagli

SCHEDA TECNICA TRABATTELLO MILLENIUM E MILLENIUM S

SCHEDA TECNICA TRABATTELLO MILLENIUM E MILLENIUM S TRABATTELLI E SCALE DI QUALITA' BAGNATICA (BG) - via delle Groane, 13 - tel. 035/681104 - fax 035/681034 SCHEDA TECNICA TRABATTELLO MILLENIUM E MILLENIUM S Trabattello professionale MILLENIUM è costituito

Dettagli

Rischi di caduta dall alto. Ponteggi e opere provvisionali

Rischi di caduta dall alto. Ponteggi e opere provvisionali Ordine degli Ingegneri di Trento Corso coordinatori per la sicurezza cantieri Rischi di caduta dall alto. Ponteggi e opere provvisionali dott. Mirko Mazzurana La prevenzione dei lavori in altezza Cos è

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi ALLEGATO XIX Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi parametri,

Dettagli

RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI

RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI a cura dell Ing.Avanzato Salvatore SCHEMA DELL'INSIEME Ogni schema funzionale di ponteggio che è possibile realizzare

Dettagli

Luca Mangiapane ingegnere

Luca Mangiapane ingegnere NOVITA SU PONTEGGI METALLICI FISSI E PIMUS secondo il D.LGS 81/2008 e s.m.i. Loc. Vedole, 39-43052 Colorno (PR) tel. 0521313291 fax 0521521405 e mail mangiapane@ingegneriasicurezza.it LE NOVITA DELL ART.

Dettagli

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro che delle strutture per lo spettacolo come palchi, tribune,

Dettagli

Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi.

Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi. - VENEZIA - Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi. 1. planimetria delle zone destinate allo stoccaggio e al montaggio dei ponteggi. Le opere provvisionali

Dettagli

built build to ponteggi

built build to ponteggi uilt build to ponteggi Ponteggi e Coperture PONTEGGI Ponteggi prefabbricati K-KZ 110 PE 120 SE 132 Ponteggi multidirezionali Tubo e Giunto 144 Multidirezionale MP 150 Piazzole di carico MP 162 Scale di

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: USO DI SCALE A MANO E PORTATILI

GESTIONE IN SICUREZZA: USO DI SCALE A MANO E PORTATILI SIC26 Pag. 1/6 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B2

Università per Stranieri di Siena Livello B2 Unità 9 Lavorare in sicurezza: il ponteggio CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulle regole da seguire per montare ponteggi sicuri e stabili nei cantieri edili e prevenire

Dettagli

FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA. I Lavori in Quota. Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta

FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA. I Lavori in Quota. Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA I Lavori in Quota Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta Rischio cadute dall alto Normative Nazionali e Regionali (su

Dettagli

Trabattelli. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Trabattelli. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Trabattelli Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2015 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

Allegato XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

Allegato XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Allegato XIX Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

ANALISI PREZZI. Spese generali 17,00% Utile d'impresa 10,00% Operaio specializzato ora 26,42 Operaio qualificato ora 24,76 Operaio comune ora 23,50

ANALISI PREZZI. Spese generali 17,00% Utile d'impresa 10,00% Operaio specializzato ora 26,42 Operaio qualificato ora 24,76 Operaio comune ora 23,50 ANALISI PREZZI Spese generali 17,00% Utile d'impresa 10,00% Operaio specializzato ora 26,42 Operaio qualificato ora 24,76 Operaio comune ora 23,50 Miniescavatore compreso operatore ora 57,35 Autocarro

Dettagli

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Parte 2/2 PONTEGGI ED OPERE PROVVISIONALI Criticità, buone prassi ed esempi applicativi alla luce del D.Lgs. 81/08 e ss. mm. Le norme per la prevenzione

Dettagli

TORRE MOBILE DA LAVORO T21

TORRE MOBILE DA LAVORO T21 TORRE MOBILE DA LAVORO T21 ISTRUZIONI PER L USO, Il MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Il presente manuale contiene le informazioni necessarie all utilizzo, il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione del Ponteggio

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta Lucca 1-06 - 2010 Stefano Cesari Amorini Srl - Perugia Lavoro in quota: le variabili per individuare il metodo di accesso

Dettagli

Lavori in quota. Ponteggi

Lavori in quota. Ponteggi Ponteggi Ponteggi (art. 122 D.Lgs. 81/08) Nei lavori in quota devono essere adottate, seguendo lo sviluppo dei lavori stessi, adeguate impalcature o ponteggi o idonee opere provvisionali o comunque precauzioni

Dettagli

SUI PRONTEGGI METALLICI FISSI

SUI PRONTEGGI METALLICI FISSI CAPITOLO 12 NOTE DOMANDE INTRODUTTIVE SUI PRONTEGGI METALLICI FISSI Nel presente capitolo vengono riportate specifiche domande sui ponteggi metallici fissi, seguite dalle relative risposte: i quesiti proposti

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA -

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - Identificazione dell edificio e dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell opera: Edificio sito in: Via O. Bravin 151/B 30023 Comune

Dettagli

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5;

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5; Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli

Dettagli

TORRE MOBILE DA LAVORO T21

TORRE MOBILE DA LAVORO T21 TORRE MOBILE DA LAVORO T21 ISTRUZIONI PER L USO, Il MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Il presente manuale contiene le informazioni necessarie all utilizzo, il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione del Ponteggio

Dettagli

FASCICOLO TECNICO DELL OPERA IN RIFERIMENTO AL PIANO MANUTEZIONE indicazioni sommarie

FASCICOLO TECNICO DELL OPERA IN RIFERIMENTO AL PIANO MANUTEZIONE indicazioni sommarie FASCICOLO TECNICO DELL OPERA IN RIFERIMENTO AL PIANO MANUTEZIONE indicazioni sommarie IDENTIFICAZIONE DELLA COMMITTENZA CITTA METROPOLITANA DI TORINO Via Maria Vittoria n.12 TORINO P.IVA 01907990012 Indirizzo

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO IN SICUREZZA DELLE SCALE PORTATILI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO IN SICUREZZA DELLE SCALE PORTATILI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 9 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO IN SICUREZZA DELLE SCALE PORTATILI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata da Emessa

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E CUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE PiMUS prof. ing. Pietro Capone 1 Piano di montaggio, uso e smontaggio (PiMUS) Già D.lgs. n 235 del 08/07/2003 Il montaggio, lo smontaggio

Dettagli

PROPOSTA DI REDAZIONE DEL PIMUS. PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (ALLEGATO XXII D.Lgs. 9 aprile 2008, n 81)

PROPOSTA DI REDAZIONE DEL PIMUS. PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (ALLEGATO XXII D.Lgs. 9 aprile 2008, n 81) Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo del Comitato Regionale di

Dettagli

Schalung & Gerüst. Ponteggi de facciata

Schalung & Gerüst. Ponteggi de facciata Schalung & Gerüst Ponteggi de facciata Semplice, pratico ed economico Sia che si tratti di nuove costruzioni o ristrutturazioni, in opere di piccole o di grandi dimensione NOR48 è un comodo sistema di

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI VIGILANZA MINIMO ETICO MINIMO ETICO DI SICUREZZA PERICOLO DI INFORTUNI GRAVI PRESUPPOSTI CARENZE, CONFIGURABILI COME VIOLAZIONI ALLE NORME NON SANABILI

Dettagli

QUESITI CON RISPOSTE SU PONTEGGI GRU NOMINE - VARIE

QUESITI CON RISPOSTE SU PONTEGGI GRU NOMINE - VARIE QUESITI CON RISPOSTE SU PONTEGGI GRU NOMINE - VARIE Quale è la distanza massima del ponteggio dal fabbricato? È consentito un distacco delle tavole del piano di calpestio dalla muratura non superiore a

Dettagli

PONTEGGI METALLICI AUTOSOLLEVANTI

PONTEGGI METALLICI AUTOSOLLEVANTI PONTEGGI METALLICI AUTOSOLLEVANTI di Salvatore Esposito e Giuseppe Greco Esperti in materia di Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro U.P.G. Il 5 Dicembre 2002 è scaduto il termine di adeguamento dei

Dettagli

CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO

CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO In relazione alla prossima entrata in vigore del Decreto Legislativo 8 luglio 2003, n. 235: Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa

Dettagli

PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI. Ing. Caterina Lapietra

PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI. Ing. Caterina Lapietra PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI Ing. Caterina Lapietra Il ponteggio metallico nasce nel mondoagliinizideglianni 20,in Inghilterra e negli Stati Uniti d America. Falasuacomparsanelnostropaese nel 1933, con

Dettagli

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Parapetti provvisori Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO Cantieri temporanei o mobili Titolo IV DLgs. 81/2008 1 Capo che sostituisce DPR 164/56, parte del DLgs. 626/94 ad altri provvedimenti minori abrogatiindirettamente indirettamente CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Mercoledì,, 4 marzo 2008 CNA Lucca Sala riunioni CORSO DI FORMAZIONE TEORICO-PRATICO PER ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO ED USO DEI TRABATTELLI

Mercoledì,, 4 marzo 2008 CNA Lucca Sala riunioni CORSO DI FORMAZIONE TEORICO-PRATICO PER ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO ED USO DEI TRABATTELLI Mercoledì,, 4 marzo 2008 CNA Lucca Sala riunioni CORSO DI FORMAZIONE TEORICO-PRATICO PER ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO ED USO DEI TRABATTELLI DPR 626/94 giuridicamente definito NORME D USOD USO e non

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza (PIMUS), autorizzazione ministeriale, disegno esecutivo, progetto Ancoraggi e Verifiche di Sicurezza

Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza (PIMUS), autorizzazione ministeriale, disegno esecutivo, progetto Ancoraggi e Verifiche di Sicurezza Comitato Paritetico Territoriale Prevenzione Infortuni, Igiene di Lavoro della Provincia di Caserta CORSO PER LAVORATORI ADDETTI E PREPOSTI AL MONTAGGIO/SMONTAGGIO/TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI Piano di montaggio,

Dettagli

BRIO Ponteggio Multidirezionale

BRIO Ponteggio Multidirezionale BRIO Ponteggio Multidirezionale // Versatile e multifunzionale // Indice Caratteristiche Vantaggi Soluzioni Componenti base 2 4 6 13 // Caratteristiche Il Ponteggio Multidirezionale BRIO copre diverse

Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello) PERCORSI VERTICALI Scheda: P005 Rev: 06/06/2009 10.48.00 Pagina 1/5 PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

I rischi connessi a macchine e attrezzature da lavoro

I rischi connessi a macchine e attrezzature da lavoro Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà I rischi connessi a macchine e attrezzature da lavoro le macchine di cantiere 1 Il Piano di Sicurezza

Dettagli

Articolo pubblicato sul n.9/2004 della rivista: Autore: Ing. Piergiorgio VENTURELLA Amm.re delegato AM.SA. srl - Torino

Articolo pubblicato sul n.9/2004 della rivista: Autore: Ing. Piergiorgio VENTURELLA Amm.re delegato AM.SA. srl - Torino Articolo pubblicato sul n.9/2004 della rivista: Ringhiere e parapetti alla luce della nuova normativa. L entrata in vigore del D.Lgs. 235/03, fissata per il 19 luglio 2005, prevede l adeguamento dei luoghi

Dettagli

POLISTUDIO. Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1

POLISTUDIO. Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1 Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1 Gru a ponte e gru a bandiera: indice Riferimenti normativi Elementi dell apparecchio Dispositivi di sicurezza Installazione Segnaletica Utilizzo dell apparecchio

Dettagli

Opere provvisionali: riferimenti generali

Opere provvisionali: riferimenti generali Opere provvisionali: riferimenti generali L AZIENDA Azienda fondata nel 1945, divenuta, grazie alla qualità dei prodotti e all innovazione continua, leader nella produzione di opere provvisionali Tutta

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE 1 ottobre 2010-31 dicembre 2010 VISITE DI ASSISTENZA ANTINFORTUNISTICA

RELAZIONE TRIMESTRALE 1 ottobre 2010-31 dicembre 2010 VISITE DI ASSISTENZA ANTINFORTUNISTICA RELAZIONE TRIMESTRALE 1 ottobre 2010-31 dicembre 2010 VISITE DI ASSISTENZA ANTINFORTUNISTICA svolte nei CANTIERI EDILI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA da parte dei TECNICI dell Ente CPT Comitato Paritetico

Dettagli