Rli. Rli. Mi Pn. Ia Af. Ia Af. ccno. Po Po. Un po di ripasso. Struttura dei mercati bancari: specificità. CCNO= attivo fruttifero-passivo oneroso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rli. Rli. Mi Pn. Ia Af. Ia Af. ccno. Po Po. Un po di ripasso. Struttura dei mercati bancari: specificità. CCNO= attivo fruttifero-passivo oneroso"

Transcript

1 Programmazione corso Corso di FINANZIAMENTI DI AZIENDA secondo modulo anno accademico 2006/2007 Docente: prof. Piatti Lezioni Contenuti Attività bancaria; prestiti bancari, funzione allocativa della banca Processo del credito: fase della pianificazione e della organizzazione; fase della concessione e revisione Criteri e percorsi di analisi finanziaria Misurazione e controllo del rischio di credito Regolamentazione rischio di credito alla luce di B2 I sistemi di rating Impatto del rating sulle decisioni delle banche Riferimenti bibliografici Lucidi + BI cap 9, par, e cap 6.3 BI ca.p. 3.1; lucidi EF cap 8; 9 Lucidi + BI cap 7.2 Lucidi + EF cap 1 Lucidi + BI, cap. 9 par 3.2 EF cap 2 Lucidi 8 Considerazioni conclusive Università degli Studi di Bergamo 1 Università degli Studi di Bergamo 3 bibliografia (a cura di Onado Marco), La banca come impresa, Il Mulino, Bologna, 2004; BI; capp: 6.3; 7.2; cap 9 (tutto tranne par. 9.5); Pavarani E., L equilibrio finanziario, McGraw-Hill, Milano, 2006; EF; CAP. 1; 2; 8; 9 Lucidi lezioni + appunti Consigliato per approfondimenti Caselli S., De Laurentis G., Miti e verità di Basilea 2, Egea, Milano, 2004; CL; cap LEZIONE 1 Attività bancaria; prestiti bancari; mercari bancari; funzione allocativa della banca Bibliografia BI cap 6 par 3; cap 9, par. 1, 2, lucidi Università degli Studi di Bergamo 2 Università degli Studi di Bergamo 4

2 Un po di ripasso Struttura dei mercati bancari: specificità ATTIVITA BANCARIA = MULTIPRODOTTO output? Pacchetto di prodotti/servizi che copre bisogni legati ai fabbisogni di finanziamento, di investimento, di pagamento e di copertura dei rischi Af Attività fruttifere (prestiti, titoli, interbancario ) Aaf Altre attività finanziarie (liquidità ) Anf Attività non finanziarie (att. Fisso) PF Passività onerose Pnf Passività non onerose PN Patrimonio netto Ia ricavi per interessi Ip costi per interessi = Mi margine di interesse Rns ricavi netti da servizi = Mint margine di intermediazione Co costi operativi Rg risultato di gestione Apd accantonamenti, proventi, oneri diversi Rli risultato lordo imposte Im imposte Rn reddito netto CCNO= attivo fruttifero-passivo oneroso Università degli Studi di Bergamo 5 Localizzazione Natura fiduciaria del rapporto Regolamentazione Prodotti non omogenei Assumono rilevanza fattori di non-price competition Differenziazione dei prodotti Capacità di generare prodotti eterogenei Università degli Studi di Bergamo 7 Roe = Rg Pn Mi Pn = = Rn Pn Rg M Ia Af = Struttura della redditività Rn Rli * Rli Rg M int * int Mi ccno * + Pn * Rg Pn Mi * Pn Ia Af Ip Po * Po Pn Università degli Studi di Bergamo 6 Segmentazione clientela = Discriminazione di prezzo = condizioni diverse per prodotti simili (La discriminazione consente di max i profitti, fenomeni di cross subsidization) Fattori di non-price competition Differenziazione dei prodotti Capacità di generare prodotti eterogenei Segmentazione clientela in funzione del grado di elasticità al tasso L elasticità al tasso dipende da: 1. Merito del credito 2. Accessibilità a fonti di finanziamento alternative Resa possibile da: 1. Caratteristiche della domanda di prestiti legata al fab finanz 2. Natura fiduciaria della relazione (rafforza la stabilità della relazione ed aumenta il costo di interruzione della stessa) 3. Localizzazione (la presenza di uno sportello è in grado di differenziare un prodotto rispetto a quello del concorrente non presente) Università degli Studi di Bergamo 8

3 Pratica di discriminazione del prezzo Perché sono importanti i prestiti bancari? La presenza di asimmetrie informative rende difficile valutare correttamente il rischio di credito Il tasso, in tal modo, esprime un rischio medio di classe o segmento.. selezione avversa Razionamento del credito 1. Sono il principale strumento di copertura del fabbisogno finanziario di molte imprese e questo sarà vero anche per il futuro.. 2. Sono lo strumento con il quale iniziare una relazione (relationship banking vs/transaction banking) Se il rischio non è correttamente valutato la PD reale rende irrealistica l ipotesi di esistenza di relazione di proporzionalità tra rischio e tasso. In tal modo, si giustifica un atteggiamento prudenziale della banca che raziona la domanda di credito Il razionamento implica che, dato quel tasso, una quota di domanda di credito non viene soddisfatta. Possono prodursi effetti di razionamento anche all interno dei diversi segmenti, a danno di clienti con rischiosità inferiore alla media di segmento quando la banca non ha informazioni sufficienti Università degli Studi di Bergamo 9 3. Sono l elemento che giustifica l esistenza degli intermediari finanziari bancari che garantiscono un informazione di tipo riservato La qualità e la quantità di informazione dipende: Dalla modalità specifica della relazione e dall intensità del rapporto Da fattori di carattere istituzionale Università degli Studi di Bergamo 11 Verso un comportamento concorrenziale. Implicazioni nell attività di prestito Lato della domanda (imprese) Razionalizzazione struttura finanziaria con riduzione del ricorso ai prestiti bancari da parte delle grandi imprese ha generato una maggior sensibilità delle stesse al prezzo. Per le piccole imprese la localizzazione è ancora elemento rilevante e pertanto prevalgono fattori di non-price competition Lato dell offerta (banche) Nuova legge bancaria: despecalizzazione operativa e di scadenze Libertà di articolazione territoriale Università degli Studi di Bergamo 10 Valutare la capacità di rimborso (valutazione del rischio) Costruzione del portafoglio prestiti (politica di prestito) Fasi della valutazione: Prima della concessione = screening da cui scaturisce un rating (istruttoria di affidamento) Dopo la concessione = monitoring Gestione del rischio Assunzione Trasferimento (securitization, credit derivatives) Logica diversa rispetto alla teoria di portafoglio poiché la banca è price-maker e non è valida la simmetria dei rendimenti Vale invece il principio che il rischio deve trovare remunerazione in un adeguato rendimento Allocazione efficiente Università degli Studi di Bergamo 12

4 La relazione banca-impresa: Importanza della relazione Efficienza allocativa Si è in presenza di efficienza allocativa se è possibile dare una priorità ad investimenti alternativi in funzione del merito atteso 1. Facilita l azione di screening mediante lo sfruttamento di informazioni riservate; 2. Crea la premessa per l innesto di relazioni di lungo periodo; 3. Rendono più agevole l azione di monitoring = funzione di disciplina che la banca svolge nel suo interesse (per prevenire il rischio di insolvenza) e nell interesse generale (guardiano per una più efficiente allocazione delle risorse) Politica monetaria (l uso di strumenti amministrativi inibisce il meccanismo di mercato) Livello dei tassi (sono penalizzati gli investimenti con payback period elevati) È influenzata da: Struttura del mercato del credito (concentrazione e segmentazione) Da un punto di vista aziendale Si manifesta efficienza allocativa quando si è in grado di valutare il merito creditizio. Nella prassi prevalgono elementi quali la richiesta di garanzie, l immagine dell imprenditore che non sempre generano una allocazione efficiente Università degli Studi di Bergamo 13 Università degli Studi di Bergamo 15 Nel rapporto creditizio l informazione è incompleta, imperfetta e la sua elaborazione implica un costo La banca assume un rischio BANCA Processa le informazioni in modo professionale; Ottiene informazioni riservate grazie alla relazione; Svolge una funzione di segnale affidando l impresa; Svolge una funzione di guardiano monitoring (analisi della modalitò di utilizzo dei crediti e verifica dei ritardi nei pagamenti) Svolge una funzione di allocazione efficiente (lato attivo). Selezione avversa Moral hazard Banca specializzata -Specializzazione operativa -Specializzazione per scadenze Banca universale Implica competenze professionali, gestionali e finanziarie Implicazioni sui modelli istituzionali Sintesi attuale Banca plurispecializzata organizzata per divisioni Banca universale Può contare su un migliore sfruttamento della relazione di clientela e, almeno in teoria ciò implica una maggiore efficienza allocativa Alternativa: gruppo polifunzionale Università degli Studi di Bergamo 14 Università degli Studi di Bergamo 16

5 Principali fasi del Processo Il processo di gestione del credito è stato suddiviso nelle seguenti fasi principali: LEZIONE 2 Processo del credito Pianificazione Pianificazione e Organizzazione Organizzazione Concessione Concessione e Revisione Revisione Monitoraggio Monitoraggio Gestione Gestione del del Contenzioso Contenzioso Bibliografia BI cap 9, par. 3.1; 3.3; Università degli Studi di Bergamo 17 Università degli Studi di Bergamo 19 Processo del credito L obiettivo del processo del credito è di soddisfare il fabbisogno finanziario del cliente garantendo: la qualità del servizio, la qualità del portafoglio crediti, il bilanciamento tra le esigenze di sviluppo ed il livello di rischio, il conseguimento di un adeguato livello di efficienza operativa. Università degli Studi di Bergamo Descrizione sintetica delle fasi del Processo PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Conduzione di un attività di pianificazione operativa in coerenza con le politiche di sviluppo e di rischio/rendimento definite per l area crediti, nonché definizione del modello organizzativo da implementare secondo aspetti gestionali, economico/finanziari e qualitativi. CONCESSIONE E REVISIONETale fase si riferisce alla ricezione di una richiesta di un nuovo affidamento o alla revisione di un precedente affidamento, alla valutazione della domanda di credito, alla formulazione della proposta di delibera e all approvazione/rifiuto da parte dell Organo deliberante, nonché alla corretta gestione dei riflessi contabili. MONITORAGGIO Tale fase é relativa alle attività necessarie per una gestione tempestiva dei fenomeni di rischiosità rilevati, attraverso un monitoraggio sistematico, che, anticipando il manifestarsi dei casi problematici, consenta un adeguato reporting ai diversi Organi di controllo e decisionali, nonché una corretta contabilizzazione e valutazione. È ricompresa in tale fase anche la gestione dell operatività corrente. GESTIONE DEL CONTENZIOSO Tale fase si riferisce al passaggio delle posizioni a sofferenza ed alla successiva fase di gestione, inclusa l attivazione, la gestione e il coordinamento dell intervento dei legali esterni, nonché l attività di valutazione e contabilizzazione. Università degli Studi di Bergamo 20

6 Pianificazione ed organizzazione del processo del credito. Politica dei prestiti: dimensione Politica dei prestiti: diversificazione Fattori interni: Obiettivi del soggetto economico (max profitto, relazioni di clientela, stabilizzazione raccolta) Struttura dell attivo (strutture diverse hanno un impatto diverso sulla dinamica dei flussi finanziari) Struttura del passivo (stabilizzazione raccolta (+stabile la raccolta, -riserve liq, + prestiti), grado di capitalizzazione; le scelte di impiego devono essere funzionali al consolidameento della raccolta attraverso la chiusura dei circuiti finanziari, struttura per scadenze) Fattori esterni evoluzione struttura economico-finanziaria delle imprese affidate Struttura del mercato bancario Struttura dell economia (sviluppo domanda di credito condizionato dall evoluzione economica, andamento tassi bancari, evoluzione attesa della liquidità) Rischio di portafoglio In base alla teoria del portafoglio, il rischio di un prestito è il solo rischio marginale, ossia il rischio che si aggiunge al rischio complessivo del portafoglio (che è difficile da valutare) + diversificazione determina La 1) tende ad annullarsi e diventa fondamentale la seconda Il rischio di ciascun prestito deve essere valutato unitamente agli altri crediti erogati. Il rischio marginale = 1) Rischio di insolvenza stand alone (rischio non sistematico) + 2) dal grado di correlazione tra la solvibilità del debitore con quella degli altri (rischio sistematico) Università degli Studi di Bergamo 21 Università degli Studi di Bergamo 23 Politica dei prestiti: composizione DIVERSIFICAZIONE Fattori rilevanti: 1. Diversificazione settoriale/goegrafica (dipende dalla localizzazione, dalla composizione attivo/passivo 2. Frazionamento dei fidi (dipende dagli obiettivi del soggetto economico, dalla struttura attivo/passivo, dalla simmetria dimensionale-----vincoli pubblici = grandi fidi 3. Struttura tecnica che è legata sia alle caratteristiche del FF dell impresa che alle preferenze della banca (rischi, possibilità di recupero coattivo, equilibrio finanziario, possibilità di trarre informazioni) Fidi multipli Vantaggi = collettivizzazione del rischio = limitazione rischio per la singola banca Ma avere + fidi = +affidabilità? Svantaggi= frazionamento informazioni, indebitamento a breve riducendo la capacità di controllo, difficoltà ad assumere decisioni tempestive IL RISCHIO SISTEMATICO E DIFFICILE DA VALUTARE TUTTAVIA VI SONO REGOLE DI COMPORTAMENTO UTILI DIVERSIFICAZIONE PER CLASSI DI IMPORTO DIVERSIFICAZIONE GEOGRAFICA DIVERSIFICAZIONE SETTORIALE DIVERSIFICAZIONE PER FORMA TECNICA ogni banca ha una diversa capacita di diversificazione in relazione a fattori esogeni ed endogeni. Tra questi ultimi assume rilevanza: 1. Il grado di avversione al rischio 2. Il grado di capitalizzazione 3. La struttura dei mezzi amministrati e le caratteristiche della raccolta 4. Struttura organizzativa della banca Università degli Studi di Bergamo 22 Università degli Studi di Bergamo 24

7 Aspetti operativi della concessione di credito Valutazione delle garanzie Le banche possono concedere affidamenti solo su eplicita richiesta da parte dell interessato. Tale domanda deve contenere: importo fido; durata; eventuali garanzie disponibili; situazione contabile aggiornata e ultimo bilancio per le società di capitali oppure l una o l altra per le società di persone e le ditte individuali. Essenziale cogliere i legami tra richiedenti: connessione giuridica ed economica Validazione delle informazioni con fonti interne (anagrafe generale, matrice dei conti aziendale, CR, centrale bilanci) Ed esterne (CERVED, conservatorie immobiliari etc) Occorre stimare: 1. valore di mercato 2. tempo medio e capacità di recupero media della garanzia NB = il finanziatore è interessato al flusso di cassa ottenibile dalla garanzia in caso di sua escussione per default del debitore Occorre verificare, per tipo di garanzia prescelto e con riferimento a tutte le tipologie di messe in mora della clientela: Il nuemro di giorni intercorsi fra la messa in mora del debitore ed il recupero totale o parziale del credito; Il rapporto fra il totale delle risorse nette recuperate ed il totale delle garanzie disponibili Università degli Studi di Bergamo 25 Università degli Studi di Bergamo 27 Valutazione fidi Il criterio rilevante dovrebbe essere la capacità di rimborso Analisi statica Identifica l esistenza di una correlazione diretta tra capacità di rimborso e struttura patrimoniale Prevalgono criteri garantistici Obiettivi: 1. Tutela contro il rischio di perdite (garanzie, PN) 2. Puntualità rimborso (analisi liquidità e CCNC) Analisi dinamica Identifica l esistenza di una attitudine a produrre reddito, autofinanziamento. Le garanzie sono accessorie. Migliora l efficienza allocativa Obiettivi: 1. Tutela contro il rischio di perdite (reddito operativo, cash flow, bilanci proforma) 2. Puntualità rimborso (analisi cah flow, budget cassa preventivi) Università degli Studi di Bergamo 26 Valutazione garanzie Valore effettivo garanzia (Q)= valore mercato * tasso recupero Stima basata su: 1 dati storici (5-10 anni) 2 tipologia garanzia (personale/reale) 3 impegno giuridico (pegno/ipoteca) 4 metodologia di recupero Grado di copertura esposizione= Q/f Con f= valore corrente finanziamento Università degli Studi di Bergamo 28

8 È possibile ipotizzare una scheda garanzia cliente del tipo: tipo di garanzia caratt. Gar val mercato grado cop Centrale dei rischi: cosa esaminare Andamento accordato (attenzione alle riduzioni.) Per garanzie personali: il valore di mercato può essere ottenuto riducendo il valore nominale della garanzia di un mark down in base al rating del garante È inoltre opportuno un coordinamento tra: Classificazione dei crediti (in bonis, in osservazione, incaglio ) E rating (fissazione della revisione differenziata per categorie di rischio: es 6 mesi per rating CCC, 1 anno per rating BB ) Andamento utilizzi (margini disponibili, sconfini, tensione, stagionalità..) Numero banche segnalanti (attenzione alla riduzione della quota della banca rispetto alle altre banche ) Richiesta di prima informazione ( sfociano in un aumento delle banche?????) Università degli Studi di Bergamo 29 Università degli Studi di Bergamo 31 Centrale dei rischi e valutazione andamentale Soggetti tenuti alla segnalazione e tipi di centrali Limiti di censimento Suddivisione dei rischi per categorie di censimento Aspetti operativi: 1. Strumento di verifica della veridicità dei dati di bilancio 2. Strumento indicativo della situazione finanziaria (l analisi dei dati globali della CR di un anno con cadenza mensile permette di rilevare un importante aspetto della finanza aziendale) 3. Strumento di verifica del grado di sostegno creditizio prestato dalla banca all azienda (rapporto preferenziale o marginale?) Strumenti di valutazione del merito creditizio alcune precisazioni rispetto all analisi del primo modulo Bibliografia BI, cap 9 par 3.1 Università degli Studi di Bergamo 30 Università degli Studi di Bergamo 32

9 Valutazione settore Informazioni generiche Servono per inquadrare la politica dei fidi 1. indicatori sulla struttura complessiva del sistema 2. indicatori sulla struttura del mercato creditizio (distribuzione fidi per aree geografiche, livello tassi praticati, distribuzione per forme tecniche, dimensione sofferenze Informazioni analitiche Obiettivo: valutare i fabbisogni finanziari e la capacità di generare fondi Informazioni rilevanti: Tipologia di imprese (dimensione concentrazione) Collocazione geografica Apertura internazionale Relazione tra settore e ciclo di vita La figura è tratta da: Caselli, Gatti, Il corporate Lending, pag 42. Università degli Studi di Bergamo 33 Università degli Studi di Bergamo 35 Strumenti di valutazione Relazione tra settore e ciclo di vita Analisi settoriale Posizionamento competitivo Valutazione andamentale Analisi economico-finanziaria storica e prospettica Fornisce un modello interpretativo del tasso di crescita del fatturato. Consente pertanto di analizzare alcune relazioni critiche per il fabb. Finanziario 1. variazione vendite capitale fisso/circolante In funzione intensità del capitale 1. Analisi del fabbisogno finanziario prospettico 2. Comprensione scelte strategiche 3. Capacità di produrre flussi monetari La completezza e l articolazione della valutazione È collegata alle caratteristiche e specificità dei segmenti 2. variazione vendite struttura costi 3. variazione vendite struttura concorrenziale Università degli Studi di Bergamo 34 Università degli Studi di Bergamo 36

10 Strumenti di valutazione del merito creditizio Analisi critica del CE Riclassificazione dei bilanci Analisi per indici Analisi per flussi Preventivi finanziari Sono questi strumenti che abbiamo analizzato nel primo modulo. Tentiamo ora di inquadrarli in modo meno generico, mettendoci dalla parte della banca ed analizzando le problematiche che possono verificarsi nella valutazione del merito creditizio Per evidenziare I punti di debolezza e di forza Gli elementi della gestione caratteristica L impatto della gestione finanziaria L impatto della gestione straordinaria Non basta un RE>0 occorre verificare la qualità di questo reddito. Se RE>0 ma RO molto basso o <0 e alta gestione straordinaria la qualità di RE è molto bassa Università degli Studi di Bergamo 37 Università degli Studi di Bergamo 39 Discrezionalità del compilatore del bilancio e sua riclassificazione Analisi critica dello SP Valutazione delle rimanenze Fermi gli obblighi informativi in nota integrativa, la scelta fra criteri di valutazione diversi incide sul RE Ammortamenti Utilizzo di aliquote ridotte o piene (occorre almeno fare una verifica grossolana sulle cifre = cespiti ammortizzabili per aliquote relative) Capitalizzazione di costi Più o meno pertinenti (occorre verificarlo) Accantonamenti vari Più o meno adeguati la determinazione del risultato di esercizio può essere soggetta a distorsioni derivanti da politiche di bilancio (con la finalità di influenzare favorevolmente il giudizio della banca) O da ragioni di natura fiscale (al fine di minimizzare il carico fiscale) Lo stato patrimoniale rappresenta l immagine ad una certa data della struttura degli impieghi di un azienda e della modalità in cui li finanzia Attenzione al valore di realizzo dei beni.. (spesso inferiore al valore contabile), per esempio: Immobili = meno deprezzati Macchinari/impianti = i più svalutati ( a maggir ragione se sono specifici) Attività immateriali = valore nullo Magazzino = svalutazione? Crediti = incasso sempre certo? Università degli Studi di Bergamo 38 Università degli Studi di Bergamo 40

11 Circolazione cambiaria Attendibilità del RE Circolazione cambiaria = importo dei crediti smobilizzati (anticipi su fatture, anticipi sbf, sconti ) Si tratta di crediti non ancora scaduti, per i quali la banca ha concesso anticipi (spesso all atto della riscossione dell anticipi vengono stornati anche i crediti Se i crediti non ancora scaduti sono stati anticipati SBF (e pertanto sussiste un regresso) la corretta contabilizzazione richiede che il credito commerciale sia mantenuto in bilancio fino alla scadenza e correlativametne nel passivo sia acceso un debito finanziario verso la banca o altro finanziatore È tutta da verificare Esempi.. Costo venduto/fatturato - Rimanenze finali/fatturato + E No acantonamenti Ammortamenti ridotti Gestione straordinaria positiva RE positivo, ma molto basso.. Si può ipotizzare una sopravvalutazione delle rimanenze. Università degli Studi di Bergamo 41 Università degli Studi di Bergamo 43 Analisi critica dello SP Rinvio all analisi strutturale e per indici Attenzione alle attività immateriali. attivo passivo Att. Immateriali 100. CI 1000 Patrimonio netto 200. CI 1000 Lev=1000/200 =5 Ma il capitale investito tangibile è = 900 E il patrimonio netto tangibile è = 100 Lev rettificato = 900/100= 9 Profilo produttivo Acquisto di fattori produttivi che danno la loro utilità per più anni Profilo finanziario Si ha un uscita di cassa immediata pari al costo del bene. Facendo ricorso ad una fonte esternal esborso può diventare graduale FABBISOGNI DI CAPITALE FISSO Si possono cogliere 3 aspetti Profilo economico Il costo si distribuisce in più anni tramite il processo di ammortamento. Il recupero del capitale investito avviene non direttamente ma indirettamente tramite l ottenimento dei ricavi generati dal bene stesso conseguenze Le caratteristiche degli investimenti generano ricadute sulle forme di copertura le cui caratteristiche dovranno essere: Durata, piano di rientro coerente con i flussi in entrata Università degli Studi di Bergamo 42 Università degli Studi di Bergamo 44

12 Solvibilità: ulteriori considerazioni Nello scegliere le forme di finanziamento l impresa dovrà considerare le caratteristiche dei flussi di cassa delle attività l obiettivo dovrà essere quello di allineare i flussi di cassa in uscita con quelli in entrata. Il valore di un impresa è infatti determinato dal valore attuale dei flussi di cassa generato dai suoi investimenti ed attualizzato al WACC). Un impresa che finanzia i suoi investimenti fissi con debiti a breve è esposta ad oscillazioni del valore delle attività non controbilianciato dai debiti Un impresa che finanzia i suoi investimenti fissi con debiti a medio lungo termine ha più probabilità di oscillazioni comuni sia del valore delle attività che delle passività accordato utilizzato Ampio margine di ulteriore utilizzo Buona capacità finanziaria Ma attenzione a. Volume di affidamenti sproporzionato rispetto al fatturato Livello di indebitamento già raggiunto Università degli Studi di Bergamo 45 Università degli Studi di Bergamo 47 Capacità finanziaria Valutazione della capacità dell azienda di reperire prontamente attraverso i canali normali le risorse finanziarie necessarie alla copertura del fabbisogno finanziario Quindi assume rilevanza non solo l entità del credito utilizzato, ma anche del credito che potrebbe essere ulteriormente utilizzato La capacità finanziaria viene analizzata sia attraverso l analisi per indici Sia attraverso le informazioni tratte dalla Centrale dei rischi Lezione 3 modelli di sviluppo sostenibile Università degli Studi di Bergamo 46 Università degli Studi di Bergamo 48

13 Analisi degli equilibri finanziari: criteri guida Ancora sugli oneri finanziari Bibliografia EF cap 8; 9; OF V = OF MT * MT V Fattore finanziario Costo medio dei debiti finanziari Fattore operativo Se MT/V >1 = punto di non ritorno = situazione dissestata Se MT/V>1 OF/V > OF/MT ossia l incidenza degli oneri finanziari sulle vendite è maggiore del costo medio Università degli Studi di Bergamo 49 Università degli Studi di Bergamo 51 EQUILIBRIO FINANZIARIO DI M/L PERIODO RO ebit coeff copertura OF = = OF OF oppure ebit V * ebit = V D OF OF D più correttamente anni ammort debito MSS = PN AF = FCU oneri finanziari + rimborsi debito in essere D FCgc - OF Lucidi tratti da: Pavarani E., Sviluppo dell impresa e fabbisogno di capitali: un modello sintetico per la pianificazione finanziaria Università degli Studi di Bergamo 50 Università degli Studi di Bergamo 52

14 Lucidi tratti da: Pavarani E., Sviluppo dell impresa e fabbisogno di capitali: un modello sintetico per la pianificazione finanziaria Università degli Studi di Bergamo 53 Lucidi tratti da: Pavarani E., Sviluppo dell impresa e fabbisogno di capitali: un modello sintetico per la pianificazione finanziaria Università degli Studi di Bergamo 55 Modello di sostenibilità finanziaria CI = g = Roe CI CI = g = Roe CI MT MP Rgo Re ( 1 d ) = Roi + ( Roi Rod )* * ( 1 d ) MT MP Rgo Re ( 1 d ) = Roi + ( Roi Rod )* * ( 1 d ) MP + MP Lucidi tratti da: Pavarani E., Sviluppo dell impresa Università e fabbisogno degli Studi capitali: di Bergamo un modello sintetico per la pianificazione finanziaria 54 FFE = FFA AF FFA = Ic * Tsv * V MAF = FFE = Ic * Tsv * V FFE = V AF V AF = MAF * V 0 MAF * V ( Ic * Tsv MAF ) Università degli Studi di Bergamo

15 Limiti del modello Relazione tra FCU (free cash flow) e l analisi strategica L autofinanziamento, ossia le risorse generate all interno, sono disponibili solo al termine del periodo (in realtà potrebbero essere reinvestite anche nel corso del periodo I dividendi sono pagati solo dopo la chiusura Si sovrastima il FFE Il FCU rappresenta le risorse finanziarie disponibili o necessarie all impresa una volta coperti i fabbisogni di CCNO e di Capitale fisso Gli investimenti in CCO seguono quelli in capitale fisso. Se l incremento del CCO non è controbilanciato da un aumento dei debiti di fornitura si verifica l effetto spugna del circolante che assorbe liquidità. ciclo di vita dell impresa e FCU introduzione, sviluppo, maturità, declino Università degli Studi di Bergamo 57 Università degli Studi di Bergamo 59 esempi Relazione tra FCU (free cash flow) e l analisi strategica 1. Siano il flusso di cassa pari a 50; le vendite al tempo 0 pari a 800; l intensità di capitale 1,5. Dato un tasso di crescita delle vendite del 10%, determinare il FFE (FFE=70) 2. Date le informazioni precedenti calcolare il tasso di sviluppo compatibile con un FFE pari a 0. Se l impresa si espande Si espande il fabbisogno finanziario in quanto si verifica un aumento di capitale fisso e CCNO Occorre finanziare tale fabbisogno Un errore nella pianificazione o nel malfinanziamento può portare ad una crescita di oneri finanziari In periodi di crescita, gli alti oneri finanziari sono sostenibili poiché vi è anche un aumento del reddito operativo. In periodi di congiuntura negativa o di rallentamento, gli alti oneri finanziari creano fragilità finanziaria Università degli Studi di Bergamo 58 Università degli Studi di Bergamo 60

16 Ciclo di vita e caratteristiche essenziali del settore introduzione sviluppo maturità saturazione declino tasso di crescita delle vendite intensità di capitale cash flow crescente crescente decrescente + stabile elevata ma in elevata riduzione in riduzione FABBISOGNO FINANZIARIO ADDIZIONALE - (se+ ridotto) basso in crescita elevato decrescente elevata in funzione del rinnovo elevata elevato ma in riduzione calante Lezione 4 Misurazione e controllo del rischio di credito FFE molto elevato elevato ma in riduzione basso o assente basso in crescita Bibliografia : cap 7.2 livello concorrenziale basso in crescita elevato molto elevato molto elevato Università degli Studi di Bergamo 61 Università degli Studi di Bergamo 63 COMPONENTI DEL RISCHIO DI CREDITO Esempi applicativi materiale distribuito RISCHIO DI SUBIRE PERDITE O RITARDI NEI PAGAMENTI PER INSOLVENZA O DIFFICOLTA AD ADEMPIERE DEL CLIENTE RISCHIO DI SUBIRE PERDITE PER EFFETTO DEL DETERIORAMENTO DEL MERITO CREDITIZIO Università degli Studi di Bergamo 62 Università degli Studi di Bergamo 64

17 PROFILI RILEVANTI PER IL RISCHIO DI CREDITO PERDITA ATTESA Perdita media (val. medio distribuzione tassi di perdita) PERDITA ATTESA PERDITA INATTESA Rappresenta la vera fonte del rischio è caricata nelle condizioni di prezzo è rilevata contabilmente Può essere solo stabilizzata ampliando il volume delle operazioni L ammontare complessivo delle perdite attese di un portafoglio è la somma delle perdite attese sulle singole posizioni Università degli Studi di Bergamo 65 Università degli Studi di Bergamo 67 Perdita attesa/inattesa PERDITA INATTESA NON È CONTABILIZZATA tempo 0,5% 0,55% 0,45% 0,5% 0,5% 0,54% 0,49% media = 0,504% σ = 0,03% tempo DEVE TROVARE COPERTURA NEL PATRIMONIO PUÒ ESSERE RIDOTTA CON LA DIVERSIFICAZIONE. L aggregazione delle singole posizioni in un portafoglio può dar luogo a rilevanti benefici di diversificazione. La quantità di capitale necessaria per fronteggiare le perdite inattese può risultare inferiore alla somma dei capitali da detenere a fronte delle perdite inattese per le singole transazoni. 0,1% 0,2% 1,5% 0,3% 0,9% 0,1% 0,5% media = 0,51% σ = 0,48% Università degli Studi di Bergamo 66 Università degli Studi di Bergamo 68

18 PERDITA ATTESA ED INATTESA Approccio default mode E necessario rispondere a 2 quesiti: Frequenza (rischio di credito) PERDITA ATTESA LGD 1. Quanto ci costa, mediamente, nel periodo, il rischio? (perdita attesa) PROB. DI INSOLV (PD). X 1- TASSO DI RECUPERO. X RISCHIO DI ESPOSIZIONE (EAD) 2. Quanto può variare tale costo, rispetto alla media, nel periodo? (perdita inattesa) Perdita attesa Finanziata dal reddito corrente Perdita inattesa Coperta dal capitale CaR DIPENDE DALLO STANDING CREDITIZIO Tasso di Perdita atteso È corretto usare lo stesso modo di valutazione per clienti diversi? Università degli Studi di Bergamo 69 Università degli Studi di Bergamo 71 Approcci medotologici di calcolo Componenti della perdita attesa Approccio default mode Identifica la pa, la pna della singola transazione e del portafoglio sotto l ipotesi che L evento che genera perdite sia la sola insolvenza Approccio mark to market Identifica la pa, la pna della singola transazione e del portafoglio sotto l ipotesi che L evento che genera perdite sia il default e il deterioramente del merito creditizio Università degli Studi di Bergamo 70 Università degli Studi di Bergamo 72

19 LGD: fattori rilevanti Dalla statistica. Caratteristiche tecniche e Finanziarie Caratteristiche dell operazionedl soggetto finanziato Fattori interni alla banca Fattori esterni Garanzie durata Settore produttivo paese Procedure interne di recupero crediti Stadio del ciclo economico Tassi di interesse Università degli Studi di Bergamo 73 µ = pd σ = pd pd ( 1 pd ) 2 2 se lgd e ead non sono V.C. ossia σ lg d = 0 eσ ead = 0 µ = pd * lg d * ead σ = = pd pd 2 2 ( 1 pd )*lg d * ead = pd pd *lg d * ead Esempio Se pd= 4% lgd=50% ead=1000 EL=0.04*0.5*1000=20 UL= (0,04*0,04 2 ) 0,5 *1000*0.5=97,98 Università degli Studi di Bergamo 75 È riferita al singolo prenditore e ad un certo H; Può variare nel tempo; È stimata mediante il tasso di decadimento eventualmente corretto in funzione forwardlooking (neutrale al ciclo); È calcolata per segmento/settore/classe di rating Approccio default mode () pa 1 = pd *lg d * ead In caso di insolvenza, la banca non perde tutto. Assumono, al riguardo, un ruolo particolare le garanzie ottenute, il tempo e le metodologie di recupero. Numerosi sono gli elementi di incertezza nella valutazione della LGD. Utile può essere l informazione storica sui passati tassi di recupero per segmenti/classi di rating Dimensione attesa dell esposizione NB diversa dal fido concesso. (1) evento perdita probabil default lgd*ead pd non default 0 1-pd Università degli Studi di Bergamo 74 Ipotizzando che lgd e ead non siano V.C. pa = µ = P pna = σ = P Dal singolo prestito al portafoglio n i= 1 eadi pdi *lg di * ead n n i= 1 j= 1 pna * pna * ρ i j i, j Se la correlazione è bassa la pna sarà bassa Problema: stima della matrice di correlazione di dimensioni elevate n*n con n*(n-1)/2 coefficienti di correlazione Possibile soluzione: Utilizzare un modello strutturale che leghi le correlazioni ad un insieme di fattori di rischio (mapping) Università degli Studi di Bergamo 76

20 Dalla perdita inattesa al capitale economico Il capitale economico (CE) rappresenta l ammontare di capitale che voglio detenere per fronteggiare le perdite inattese Non è sufficiente conoscere il livello della perdita inattesa Occorre considerare anche il livello di confidenza voluto che definisce la propensione al rischio Per esempio se il rating della banca fosse associato ad un livello di PD= 1% il livello di confidenza potrebbe essere il 99% Dalla perdita inattesa al capitale economico Sfortunatamente, la distribuzione delle perdite su crediti non è approssimabile con una VC normale e quindi non è immediato calcolare il parametro associato al livello di confidenza voluto Prima possibilità = non costruisco la fz di probabilità, stimo le perdite storiche ed il relativo tasso di perdita ed arresto l analisi al percentile desiderato Pa CE VaR Università degli Studi di Bergamo 77 Università degli Studi di Bergamo 79 Inserire grafico normale Capitale economico probabilità EL CE= K*UL VaR Se la VC è una normale è sufficiente moltiplicare la pna per il coefficiente alfa corrispondente al livello di confidenza voluto. Alfa in questo caso è stabile, fisso non dipende dalle caratteristiche del portafoglio Università degli Studi di Bergamo 78 Perdita attesa Perdita inattesa Perdite eccezionali perdite Seconda possibilità: utilizzo la distribuzione teorica Beta e calcolo alfa. Alfa in questo caso non è tuttavia fisso, ma varia con le caratteristiche del portafoglio Università degli Studi di Bergamo 80

Lezione 5 Misurazione e controllo del rischio di credito

Lezione 5 Misurazione e controllo del rischio di credito Corso di FINANZIAMENTI DI AZIENDA secondo modulo anno accademico 2007/2008 lezioni 5-6 Docente: prof. Piatti Università degli Studi di Bergamo 1 Lezione 5 Misurazione e controllo del rischio di credito

Dettagli

secondo modulo anno accademico 2007/2008

secondo modulo anno accademico 2007/2008 Corso di FINANZIAMENTI DI AZIENDA secondo modulo anno accademico 2007/2008 Docente: prof. Piatti Università degli Studi di Bergamo 1 Bibliografia (a cura di Onado Marco), La banca come impresa, Il Mulino,

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Come determinare redditività d impresa e solvibilità

Come determinare redditività d impresa e solvibilità Come determinare redditività d impresa e solvibilità Assolombarda, 13 marzo 2008 Cristina Soppelsa 1 Agenda Riclassificazione Interpretazione dei più significativi indici di redditività e di solvibilità

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Un nuovo rapporto impresa/banca

Un nuovo rapporto impresa/banca Basilea 2: sfide e opportunità Un nuovo rapporto impresa/banca Cremona 19/12/06 Agenda Il rapporto Banca - Impresa Intesa Basilea Uno strumento di dialogo Basilea 2 in pratica Le principali aree di impatto

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il pricing delle

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE Venerdì 23 Aprile 2004 Auditorium di Palazzo Montani-Antaldi BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE MASSIMO BIANCONI DIRETTORE GENERALE DI BANCA DELLE MARCHE 1 Contenuti del documento BASILEA 2 LA

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Basilea 2: banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Antonio Renzi e Katia Mastrodomenico Banca d Italiad, 1 BASILEA 2 TECNICHE DI RIDUZIONE DEL

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

www.onetimeconsulting.it www..it

www.onetimeconsulting.it www..it www.onetimeconsulting.it www..it Comune di Fossalta di Piave Basilea 2 Basilea 2 - Indice 1. Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 2. Perché Basilea? 3. I principi base di Basilea 1 e 2 4. Il

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI Al fine di ottenere un rating sempre più rispondente alla concreta realtà aziendale l impresa può adottare correttivi in grado di modificare la PD. Se la netta specificazione

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea 2 - PMI e Retail Il documento pubblicato nel gennaio 2001 non prevedeva un trattamento delle PMI differenziato rispetto al portafoglio

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

TECNICHE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO RICONOSCIUTE DAL COMITATO DI BASILEA GARANZIE INDIVIDUALI GARANZIE REALI - COLLATERALI FISICI - COLLATERALI FINANZIARI - SCONTO SU CREDITI COMMERCIALI CREDITI DERIVATI

Dettagli

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Il bilancio Valutazioni ed analisi Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Focus sui principi contabili IAS 39 (valutazione di strumenti finanziari: crediti,

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to)

Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to) Istruzioni di vigilanza per gli I.F. iscritti nell elenco speciale (Circ. 216/96-7 e 8 agg.to) Convegno ASSILEA-ASSOFIN-ASSIFACT Le nuove disposizioni di vigilanza della Banca d Italia per le banche e

Dettagli

Basilea II, PMI e società cooperative

Basilea II, PMI e società cooperative Basilea II, PMI e società cooperative Massimiliano Marzo Dipartimento di Scienze Economiche, Facoltà di Economia-Forlì Università di Bologna Johns Hopkins Univ., SAIS-BC Barbara Luppi Dipartimento di Scienze

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Definizioni La banca può essere definita sotto due diversi profili:

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche:

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: una guida metodologica Presentazione del volume Andrea Resti, università di Bergamo andrea@unibg.it Traccia di questa presentazione: Cos è il credit

Dettagli

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO La politica finanziaria aziendale: definizione I benefici del ricorso al debito Gerarchia delle fonti di finanziamento

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

1. Analisi di Bilancio

1. Analisi di Bilancio ANALISI DI BILANCIO 1. Analisi di Bilancio 1.1. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: lo Stato Patrimoniale I dati di Stato Patrimoniale sono stati riclassificati con l obiettivo di sottoporli

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Relatore: Alberto Bianchini Responsabile Marketing Aziende Credito Emiliano SpA I soggetti della CR

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Il sistema dei rischi bancari

Il sistema dei rischi bancari Il sistema dei rischi bancari 1 Il rischio finanziario Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici (specifici) 2 Il rischio finanziario Concetto connaturato

Dettagli

BASILEA 2 IL CONTENUTO DEL NUOVO ACCORDO SULL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE La nuova regolamentazione sull'adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l'obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido

La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Rischio di credito e merito creditizio

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo La gestione del rischio di interesse e di mercato Giuseppe Squeo 1 Il rischio di interesse: modalità esposizione Le modalità di esposizione al rischio di interesse sono: rischio di riprezzamento, quando

Dettagli

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) Mc Graw-Hill 2001, cap. 5 1 GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche I prestiti costituiscono la principale voce dell

Dettagli