Claudio Zaccaria. sull instrumentum apparsi nella «Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik» e in altri periodici storico-epigrafici.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Claudio Zaccaria. sull instrumentum apparsi nella «Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik» e in altri periodici storico-epigrafici."

Transcript

1 PICCOLE ISCRIZIONI CRESCONO. LE POTENZIALITÀ DI UNA BANCA DATI EPIGRAFICA INTEGRATA CON LE SCRITTE SU INSTRUMENTUM PER LA STORIA ECONOMICA E SOCIALE DELLA REGIO DECIMA Claudio Zaccaria Non sorprenderà se per rendere omaggio a Ezio Buchi ho scelto di parlare delle scritte su instrumentum, oggetto prevalente dei suoi primi quindici anni di ricerca. I suoi lavori sulle tegole e le anfore con bolli di Verona e del suo agro, sulle lucerne bollate di Aquileia, sulle lucerne e le anfore di Brescia, sulle anfore istriane, sulle fornaci del territorio aquileiese, sulla produzione laterizia dell agro veronese e tridentino hanno aperto piste molto fruttuose per lo studio dell economia e della società della Regio Decima. Lo dimostrano le sue mature sintesi ampiamente fondate sui dati offerti dall epigrafia lapidaria e dall instrumentum inscriptum sull assetto agrario, le risorse e le attività economiche del Veneto e del Trentino in età romana, sulle strutture economiche di Vicetia e di Ateste 1. Grazie alla sua formazione di storico ed epigrafista egli ha, infatti, messo in luce il grande potenziale informativo di materiali archeologici fino ad allora trascurati o studiati prevalentemente a livello iconografico e storico-artistico (come la ceramica e le lucerne decorate) o tipologico (anfore, ceramica, lucerne, vetri), con scarsa attenzione per le informazioni contenute nell apparato epigrafico, utilizzato quasi esclusivamente per ricerche prosopografiche miranti a trasformare un coccio iscritto in quello che è stato felicemente definito pottery with a pedegree 2. Alle stoviglie letterate 3 Buchi è ritornato di recente ripubblicando un graffito su anfora con data consolare 4, forse non a caso nell omaggio dedicato a Franco Sartori, che quarant anni prima lo aveva incoraggiato ad intraprendere lo studio della cultura materiale, affrontando quelli che allora potevano apparire lavori senza gloria 5 ma che la lungimiranza del Maestro individuava come terreno 1 Per non appesantire note e bibliografia rinvio all elenco delle pubblicazioni di Ezio Buchi pubblicato in questo volume. 2 Riprendo l espressione da Pottery 1996, p. 27. Sono quasi tutti di questo tipo i non molti contributi sull instrumentum apparsi nella «Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik» e in altri periodici storico-epigrafici. 3 Per la definizione vedi ROSSETTI TELLA BUCHI Le espressioni virgolettate, lì applicate agli artigiani antichi, sono mutuate da CARANDINI 1975, dove è anche la citazione da Diderot, che ben si attaglia al ricercatore che si occupa dell instrumentum: Esca dal seno delle Accademie qualche uomo che scenda nei laboratori.

2 370 CLAUDIO ZACCARIA fertile da dissodare 6. Un brindisi virtuale col vino di quell anfora d annata 7 mi sembrerebbe appropriato per celebrare la conclusione ufficiale del percorso di studioso di Ezio Buchi e per introdurre il tema del mio contributo, che verte sulla costruzione di strumenti virtuali per la schedatura, l elaborazione elettronica, la presentazione e la condivisione in rete dell epigrafia dell instrumentum 8. Negli ultimi venticinque anni la ricerca su questo tipo di oggetti archeologici è progredita notevolmente nella Regio Decima, tanto che oggi abbiamo a disposizione una documentazione assai consistente per quantità e soprattuto per qualità, anche se molto resta da fare. Ai corpora e alle raccolte dell Ottocento 9 e alle scarsissime opere anteriori agli anni Settanta del Novecento 10 si sono, infatti, aggiunti numerosi contributi su quasi tutte le classi di materiali archeologici iscritti 11 : si tratta soprattuto di bolli e scritte su terracotta (materiali edilizi, in particolare lateres, tegulae, imbrices, antefisse, ma anche pesi da telaio), contenitori da trasporto e stoccaggio (in primo luogo anfore e dolia), lucerne, ceramiche da mensa e da cucina (in evidenza terra sigillata e mortaria, ma anche ceramica comune) e vetri (soffiati e a stampo), ma non mancano ricerche anche su oggetti iscritti in metallo (signacula, vasellame, strigili, lingotti di piombo, etichette, fistulae aquariae, oggetti rituali e magici, fibule, gioielli), in legno (botti), in pelle (calzature, finimenti, pezzi di armatura, tende), in ambra (strenae), in avorio od osso (tesserae nummulariae), in pietra e marmo (pesi, gettoni, tessere lusorie, sigilli d oculista) e in pietre dure (gemme) 12. Lo sviluppo di questo settore di ricerca ha risentito, naturalmente, della sempre più diffusa attenzione per gli oggetti della cultura materiale, la cui riscoperta ha prodotto in Italia una svolta notevole negli studi antichistici. A partire dalla fine degli anni Sessanta e soprattutto dagli avanzati anni Settanta 13, si è, 6 Ne aveva colto l importanza nella stesura di SARTORI AE 1987, 448 = AE 2003, 27 (Vicenza): C(aio) Caeser(i)! / M(arco) Lepido co(n)s(ulibus) [46 a.c.]. 8 Virtuale, da virtus, forza, potenza, è qui usato sia in senso specifico, per indicare la potenzialità dello strumento informatico applicato al campo dell epigrafia, sia nel significato oggi comune di una conoscenza condivisa a distanza tramite strumenti di comunicazione multimediale e ipertestuale, che, attraverso linguaggi concordati e condivisi, permettono di unificare pacchetti di conoscenze dispersi in diversi luoghi: vedi in generale PENGE CIL, V, 2 (1877); SI (1884) [1888]; GREGORUTTI 1886; GREGORUTTI Da segnalare l attenzione per l instrumentum della regione transpadana in FROVA 1952; DEGRASSI 1956; PANCIERA 1957; BRUSIN ; ZEVI Inoltre, a parte i già citati lavori di Ezio Buchi, CALVI Un panorama sulle diverse classi di instrumentum (definite ripetutamente nei testi giuridici antichi: vedi DIG. 33,7, passim) si trova in IILat Austellungskatalog 1991, IILat Kolloquium 1992, IILat Sezione aquileiese 1992; Inscribed Economy 1993; Epigrafia della produzione 1994; Roman Inscriptions of Britain ; Testimonia Epigraphica Norica Per l Italia nordorientale vedi anche ZACCARIA Non è naturalmente possibile elencare qui i numerosi contributi usciti nell ultimo venticinquennio sugli instrumenta inscripta della Regio Decima; per un primo orientamento si vedano la Bibliografia della X Regio e il Notiziario Epigrafico editi in «Aquileia Nostra». Una bibliografia specifica su questo tema sarà disponibile a breve sul sito del Laboratorio di Epigrafia dell Università di Trieste: 13 Basti ricordare l impatto dei saggi di Andrea Carandini (CARANDINI 1975, CARANDINI 1979), della ristampa dei saggi sull instrumentum romano di Heinrich Dressel (DRESSEL 1978), dei tre volumi degli Atti del Seminario di Pisa del 1979 (Società romana 1981) e di quelli successivi dedicati alla tarda antichità (Società romana 1986).

3 PICCOLE ISCRIZIONI CRESCONO 371 infatti, diffusa la consapevolezza del grande potenziale informativo di questi documenti, che costituiscono l unica fonte utilizzabile per diversi aspetti della storia della società e dell'economia antica: produzione e circolazione di manufatti e merci, gestione e organizzazione dei processi produttivi, coinvolgimento dei ceti superiori (a partire dalla domus imperiale fino alle élites municipali) e dei ceti emergenti (schiavi, liberti e militari) nella manifattura e nel commercio, partecipazione pubblica e privata nel rifornimento dell'esercito, possesso e uso di oggetti domestici e ornamenti personali, impiego di oggetti d uso in offerte votive o funerarie, controllo pubblico e privato su pesi e misure, uso sistematico o occasionale di differenti manufatti come supporto di scrittura 14. Accanto ai tanti studi tipologici che hanno portato al riconoscimento di serie omogenee di produzioni e della loro evoluzione nel tempo e quindi alla ridefinizione delle prassi economiche nel mondo romano si è avviato, un po più a rilento, lo studio delle scritte su instrumentum, che normalmente richiederebbe competenze archeologiche, epigrafiche e paleografiche, oltre che una solida conoscenza della storia e dell economia antica 15. Tale studio impone, inoltre, una riflessione preliminare su due questioni essenziali: il significato da attribuire ai bolli e alle scritte sulle diverse classi di instrumentum, presupposto indispensabile per un loro corretto impiego come fonti per la storia sociale ed economica; la definizione dei criteri di schedatura e di edizione, con una continua messa a punto alla luce dell introduzione e dell evoluzione degli strumenti informatici per la catalogazione e la pubblicazione in rete. Sul primo punto importante anche per la costruzione di un archivio (cartaceo o elettronico 16 ) per la registrazione, l elaborazione e l interrogazione dei dati non si è raggiunta ancora sufficiente chiarezza, nonostante numerosi interventi abbiano contribuito a mettere progressivamente a fuoco il problema 17, soprattutto prendendo spunto dai bolli laterizi urbani 18, che presentano un apparato epigrafico più articolato rispetto a quelli degli stessi manufatti prodotti in altre aree geografiche 19 e in genere rispetto ai bolli presenti su altre classi di instrumentum inscriptum 20. Le questioni principali sono: 1) chi bolla e quando, perché e per chi bolla, ossia che cosa possiamo ricavare dalle scritte sui bolli circa i rapporti tra proprietari terrieri, imprenditori, artigiani e commercianti; 2) se si può individuare un modello unico per la bollatura di tutte le classi di instrumentum inscriptum; 3) come vanno interpretati i bolli anepigrafi 21 ; 4) che significato hanno sulle diverse 14 Sintesi su instrumentum e economia in HARRIS 1993; PUCCI 2001; su instrumentum e alfabetizzazione HARRIS Si vedano le osservazioni in PANCIERA La compresenza di entrambi i supporti può essere una soluzione per alleggerire l edizione a stampa e mettere a disposizione degli utenti imponenti quantità di schede dei materiali su cui effettuare le ricerche: per un recente esempio vedi CVA Un esaustiva presentazione della questione in Gezeichnetes Instrumentum 1991; MANACORDA 1993; una sintesi in PUCCI Le tappe più significative della discussione in STEINBY 1993a; STEINBY 1993b; MANACORDA 2000; MANACORDA 2005; AUBERT Una rassegna degli studi in BRUUN Per la differente casistica vedi ZACCARIA 1987; TAGLIETTI, ZACCARIA Per i vetri vedi TABORELLI 1985; STERNINI 1993; TABORELLI, MENNELLA 1999; per le lucerne PAVOLINI 1993; per la terra sigillata PUCCI 1993; KENRICK Sull importanza di questo elemento vedi da ultimo TUOMISTO 2005.

4 372 CLAUDIO ZACCARIA classi di materiali le scritte graffite o dipinte. È evidente che una risposta a questi interrogativi (o almeno ad alcuni di essi) potrebbe consentire di inserire nella scheda epigrafica dell instrumentum voci importanti per la ricerca, come dominus, conductor, officinator, mercator, figlina, mentre oggi non è neppure sempre possibile stabilire con certezza la condizione giuridica delle persone menzionate (ingenuus, libertus, servus), e le loro funzioni nella catena di produzione, distribuzione e uso degli oggetti. Per quanto concerne il secondo punto, possiamo registrare una notevole varietà di sperimentazioni e di soluzioni nella schedatura e nella presentazione degli oggetti iscritti, nelle numerose pubblicazioni cartacee che sono state edite negli ultimi decenni, cui si è affiancata una serie di contributi, teorici e sperimentali, che hanno progressivamente contribuito alla definizione delle voci essenziali per la schedatura informatizzata, in previsione della creazione di archivi condivisi degli oggetti classificabili come instrumentum inscriptum 22. Il dibattito è però ancora aperto e vivace 23. È chiaro che il moltiplicarsi delle sperimentazioni e delle proposte evidenzia una generale difficoltà a pervenire (indipendentemente dal formato di pubblicazione) ad una schedatura efficace e condivisa, a modalità di immissione dei dati e di ricerca non troppo complesse, ad un'uscita a stampa e a video appagante, che dia conto dell'aspetto oggettivo delle scritte e della loro posizione sugli oggetti. Le poche imprese finora realizzate costituiscono di per sè soluzioni valide, ma nello stesso tempo sortiscono esiti molto diversi per intenti e forma di presentazione dei documenti e, paradossalmente (anche se in fondo non sono tra loro incompatibili nella strutturazione di base dei dati), proprio per la loro spiccata individualità, sembrano rimandare ancor più un auspicabile condivisione degli archivi 24. In altri casi il formato elettronico è stato concepito primariamente non con l intento di 22 Vedi MAYET 1984; MORIZIO 1989; HAINZMANN 1991; MORIZIO 1992; MORIZIO 1994; MAGGI 2000; WEDENIG In particolare per i laterizi bollati vedi FILIPPI 1992; CAMPAGNOLI 1993; GOMEZEL 1996, pp ; GOMEZEL 2000; STEINBY, KENRICK Per le anfore CARRE 1992; PANELLA 1994; BERNI MILLET, AGUILERA, SERRA 1998; PANELLA 2004; REMESAL, BERNI, AGUILERA c.s. 23 Il problema dell informatizzazione dell instrumentum è stato oggetto di una serie di incontri: Alte Geschichte und EDV, Workshop (Roma, Istituto Austriaco di Cultura, sett. 1997) [contributi editi in Alte Geschichte und neue Medien 2000]; Secundum Colloquium Internationale: Instrumenta inscripta Latina (Klagenfurt 5-8 Mai 2005) [Atti in corso di stampa]; Epidoc and inscribed instrumentum (American Academy in Rome, October 2006) [programma in 24 Sono principalmente: T.E.NOR. - Testimonia Epigraphica Norica (fig. 2). Römerzeitliche Kleininschriften aus Österreich - Online-Datenbank (Österreichische Akademie der Wissenschaften Kleinasiatische Kommission; Universität Graz - Institut für Alte Geschichte und Altertumskunde: Projektleiter Manfred Hainzmann) [http://www.uni-graz.at/tenor]; Corpus informático del instrumentum domesticum (fig. 3). DATABASE - Corpus CEIPAC (Centro para el Estudio de la Interdependencia Provincial en la Antigüedad Clasica, Universitat de Barcelona: resp.: José Remesal Rodriguez) [http://ceipac.gh.ub.es/proyectos/corpus_es.html]; accoglie anche l instrumentum il U.S. Epigraphy Project (Brown University, Department of Classics: resp. John Bodel) [http://usepigraphy.brown.edu]. Altri progetti sono dedicati a singole classi di materiali o alla presentazione di ricerche specifiche; si segnalano tra gli altri: Anfore brindisine (Università di Bari, Università della Tuscia: resp. Marina Silvestrini, Paola Palazzo) [http://www.dscc.uniba.it/anfore/index.htm]; The amphoras project (University of Maryland, University of Toronto: resp. Carolyn G. Koehler, Philippa M.W. Matheson) [http://www.chass.utoronto.ca/amphoras/project.html].

5 PICCOLE ISCRIZIONI CRESCONO 373 creare la base di un archivio generale della documentazione epigrafica, ma per agevolare la pubblicazione automatica (con relativa indicizzazione) di corpora in forma tradizionale o sulla rete Internet; ciò comporta schedature molto raffinate e complesse (con appesantimento talora eccessivo nella fase di data entry, che presuppone una laboriosa codifica e marcatura degli oggetti) che potrebbero trovare applicazione anche alle scritte su instrumentum, purché nell immissione dei dati si tengano presenti i campi e gli standard che dovrebbero servire da base per una successiva condivisione dei dati 25. Non si è, dunque, ancora giunti ad una definizione concordata dei criteri e degli strumenti da utilizzare per la schedatura e l informatizzazione dei testi e la digitalizzazione delle immagini, all individuazione di segni diacritici o di fonts per la trascrizione esegetica dei testi, specie di quelli greci 26, mentre sono ancora in fase sperimentale soluzioni per la riproduzione delle scritte in facsimile 27. È per questo motivo che parecchie iniziative di schedatura elettronica delle iscrizioni su instrumentum, anche in avanzata fase di realizzazione, rimangono ancora confinate entro la stretta cerchia degli studiosi che le hanno promosse 28. I problemi derivano, evidentemente, dalla natura stessa dei documenti. L instrumentum inscriptum, infatti, presenta differenti categorie di iscrizioni, che spesso coesistono anche in numero elevato sul medesimo oggetto (come è il caso del corredo epigrafico presente sulle anfore) 29, con riferimento a differenti fasi della vita dello stesso (fabbricazione, trasporto, uso primario, uso secondario). Da un lato abbiamo a che fare con scritte ripetitive, come i bolli impressi con punzone o ricavati nella matrice, riprodotte su serie di oggetti quantitativamente considerevoli, con molte varianti per tipo, ricche di abbreviazioni, nessi, segni divisori e simboli; dall altro dobbiamo registrare scritte, funzionali od occasionali, eseguite con tecniche differenti (graffite, incise, dipinte) in momenti diversi. Ne consegue la necessità (specie nel caso di varianti) di evidenziare in appositi campi della scheda epigrafica dell instrumentum gli elementi indicativi (onomastici e lessicali) di ogni 25 Tali sono in particolare i programmi P.E.T.R.A.E. (elaborato da Alain Bresson, Ausonius Université de Bordeaux III: per una rielaborazione del programma per la schedatura delle scritte su instrumentum con l aggiunta di nuovi campi specifici nella scheda e con l ampliamento o la trasformazione delle voci del thesaurus associato al data-base vedi MAGGI 1997; MAGGI 2000) ed EpiDoc [sulle cui caratteristiche vedi la cui possibile applicazione all instrumentum è stata discussa nel Workshop tenutosi a Roma nell ottobre 2006 (vedi nt. 23). 26 Una buona soluzione largamente condivisibile è rappresentata dai fonts Unicode, come il font Cardo utilizzato per la presentazione delle iscrizioni greche e latine nelle basi EDR ed EDB, che contiene tutti i caratteri speciali per la trascrizione dei testi epigrafici. 27 Da segnalare i fonts per riprodurre i nessi dei bolli laterizi costruiti recentemente da Alfredo Furlan e sperimentati nella versione elettronica di GREGORUTTI Così principalmente il Corpus dei bolli sulle anfore romane (Università di Roma "La Sapienza": resp. Clementina Panella) e la Banque de données "timbres sur amphores romaines (Centre Camille Jullian - CNRS, Université de Provence: resp. A. Tchernia, A. Hesnard, M.-B. Carre, V. Blanc-Bijon, V. Gaggadis-Robin); per la Venetia orientale disponiamo di una banca dati con 4400 bolli laterizi del Friuli - Venezia Giulia realizzata con File Maker Pro (Cristina Gomezel: vedi nt. 22) e della schedatura, realizzata con P.E.T.R.A.E. delle circa 600 scritte su oggetti mobili relative ai territori di Aquileia, Concordia, Iulium Carnicum, Forum Iulii, Tergeste (Paola Maggi: vedi nt. 25); è progettata l informatizzazione dei bolli su terra sigillata di Concordia: vedi VERONESE Da ultimo vedi i contributi in Epigrafía anfórica 2004.

6 374 CLAUDIO ZACCARIA tipo, di mettere tra loro in relazione i campi che contengono tutti gli elementi del corredo epigrafico degli oggetti, di correlare la scheda principale con un archivio di immagini (foto, disegni, calchi, facsimili) per consentire da un lato un'indicizzazione interpretativa e dall altro il riconoscimento di ogni singola forma del bollo, al fine di giungere, al momento della ricerca, alla ricostruzione di serie omogenee di tutte le varianti riconducibili a ciascun tipo. Come hanno evidenziato recenti ricerche effettuate nella Regio Decima su differenti classi di instrumentum inscriptum, è, inoltre, evidente l utilità di poter compiere ricerche incrociate su basi documentarie che contengono sia le iscrizioni lapidarie sia le scritte su oggetti mobili 30. Basti ricordare, a titolo esemplificativo, alcuni dei risultati ottenuti. L associazione tra alcuni marchi dei Tampii su strigili bronzei rinvenuti ad Aquileia 31 e la dedica di una Tampia L. f. su due colonne appartenute a un sacello dedicato al Diovis prenestino, ha consentito di confermare la provenienza di questa famiglia di bronzisti, che trasferirono l attivita artigianale dal centro laziale nel centro nordadriatico (fig. 1. 1). La migrazione ad Aquileia già nel II sec. a.c. di un altra gens prenestina è deducibile dalla dedica Onocles Dindi Ti(beri) s(ervus) graffita su una lucerna in terracotta del tipo Esquilino I proveniente da un contesto votivo presso Monastero 32, forse indizio dell introduzione del culto della Fortuna 33 accanto a quello di Hercules, altra divinità centroitalica, presente su un arula opistografa offerta da [Ti.] Dindius Ti. [l.] Mogio, rinvenuta nella zona di Belvedere (fig. 1. 2). Grazie alla schedatura capillare dei laterizi bollati si è potuto riconoscere il forte coinvolgimento nella produzione degli Aratrii e mettere questa attività in relazione con gli interventi evergetici, attestati dall epigrafia lapidaria, di membri di questa gens nell edilizia pubblica aquileiese, in particolare nella basilica forense con i suoi annessi e nel tratto del decumano a sud del foro (fig. 1. 3) 34. Alcuni aspetti del culto di Saturnus, fino a pochi anni fa non conosciuto nella regione, praticato in aree santuariali periferiche, ma anche nel contesto urbano, si sono venuti progressivamente delineando grazie allo studio di un mortarium con impressi quattro bolli Numen / Saturni, rinvenuto presso le risorgive del Timavo 35, di un capitello di imposta, conservato ad Aquileia, che reca l inizio di una dedica Satu[rno] 36 e di un frammento di manico di simpulum bronzeo ritrovato occasionalmente in Carnia sul Col Santina presso Invillino (fig. 1. 4) 37. Sembra evidente che sarebbe molto auspicabile la costituzione di banche dati comprensive delle diverse tipologie di documenti iscritti: ciò consentirebbe di interrogare e di elaborare unitariamente, in tempi brevi e con la massima efficacia dati oggi dispersi, ottenendo risultati attendibili, in quanto fondati sulle evidenze documentarie quantitativamente rilevanti, per quanto riguarda la prosopografia dei produttori e dei commercianti, la distribuzione delle merci e dei principali operatori, 30 Per maggiori dettagli e altri esempi vedi ZACCARIA c.s. 31 GIOVANNINI, MAGGI STRAZZULLA FONTANA 1997, pp (scheda dell arula alle pp ). 34 ZACCARIA MASELLI SCOTTI 1978 (cfr. AE 1978, 363). Per una possibile nuova lettura del bollo come Numen(i) / Saturni(ni) vedi PALLECCHI 2002, p. 36, nt CUSCITO 1989, pp , con foto del capitello fino ad allora inedito e del mortarium con bollo. 37 MAINARDIS 2004.

7 PICCOLE ISCRIZIONI CRESCONO 375 l articolazione dei processi produttivi deducibile dall onomastica e dallo status delle persone implicate e dalla presenza di differenti varianti dei bolli o di simboli anepigrafi accessori. Prendendo a modello quanto si è fatto e si sta facendo anche con il contributo di un nutrito gruppo di epigrafisti dell Italia settentrionale per l informatizzazione e la diffusione in rete Internet dell epigrafia lapidaria, soprattutto dopo la costituzione della federazione di banche epigrafiche, che va sotto il nome di EAGLE 38, sembrerebbe ragionevole battere la stessa strada anche per le scritte su instrumentum. Se ne è fatta la prova, con buoni risultati, aggiungendo alla medesima scheda base utilizzata per le iscrizioni lapidarie i campi ritenuti necessari per la classificazione più raffinata dell instrumentum inscriptum (fig. 4), come quelli concernenti la diversa qualità delle scritte (bolli, graffiti, tituli picti), alla forma e alla posizione dei bolli, alla presenza del cartiglio, al tipo di impressione delle lettere, alla direzione della scrittura, senza dimenticare di creare una scheda con il bollo ideale alla quale far riferimento in ciascuna delle schede dei singoli esemplari dello stesso tipo 39. I vantaggi di una tale soluzione dovrebbero essere evidenti. Da un lato, infatti, si potrebbero risparmiare tempo e denaro, basandosi su un modello già costruito e collaudato e largamente condiviso; dall altro ci si potrebbe dotare di uno strumento di grande potenzialità non solo per migliorare la schedatura degli oggetti iscritti, ma anche per sviluppare su basi quantitativamente e qualitativamente attendibili le ricerche sull economia antica. La tradizione di studi avviata da Ezio Buchi è stata dunque negli ultimi decenni ripresa e rivivificata in tutti i centri della Regio Decima grazie ai moltissimi progetti di schedatura, studio e pubblicazione degli instrumenta inscripta in corso da anni anche in collaborazione con studiosi dei paesi contermini (Austria, Slovenia e Croazia) nelle Università, nelle Soprintendenze e nei Musei Civici della Lombardia, del Veneto, del Trentino e del Friuli-Venezia Giulia. Ciò dovrebbe costituire il presupposto necessario per far partire proprio in questa macroregione un progetto pilota per la costituzione di un archivio informatico condiviso delle scritte su instrumentum domesticum. 38 Al portale EAGLE - Electronic Archive of Greek and Latin Epigraphy [http://www.eagle-eagle.it] aderiscono, al momento, le banche epigrafiche EDB (Epigraphic Database Bari: EDH (Epigraphische Datenbank Heidelberg: EDR (Epigraphic Database Roma: ma sono previste a breve nuove adesioni. Si veda la presentazione del progetto e delle banche federate sui siti di EAGLE, EDR, EDB, EDH. 39 Su questo punto vedi STEINBY, KENRICK 2005.

8 376 CLAUDIO ZACCARIA Fig. 1 Fig. 2

9 PICCOLE ISCRIZIONI CRESCONO Fig. 3 Fig

10 378 CLAUDIO ZACCARIA BIBLIOGRAFIA Alte Geschichte und neue Medien 2000 = Alte Geschichte und neue Medien: zum EDV Einsatz in der Altertumsforschung, Hrsgg. M. HAINZMANN, C. SCHÄFER (Computer und Antike, 5), St. Katharinen, pp AUBERT 2005 = J.J. AUBERT, L'estampillage des briques et des tuiles: une explication juridique fondée sur une approche globale, in Interpretare i bolli laterizi 2005, pp BERNI MILLET, AGUILERA, SERRA 1998 = P. BERNI MILLET, A. AGUILERA, J. SERRA, La Base de datos Testaccio: La difusión a través de Internet de las inscripciones comerciales del Imperio Romano, in Actas del Congreso Internacional sobre Sistemas de Información Histórica (Vitoria-Gasteiz 6, 7 y 8 de noviembre 1997), Alava, pp Brique 2000 = La brique antique et médiévale. Production et commercialisation d un matériau (Actes du Colloque international, Saint-Cloud novembre 1995), Rome. BRUSIN = G. BRUSIN, Aziende imperiali dell'antica Aquileia, in Antidoron Abramić, «Vjesnik za arheologiju i historiju dalmatinsku», 56-59, 1, pp BRUUN 2005 = CHR. BRUUN, La ricerca sui bolli laterizi - presentazione generale delle varie problematiche, in Interpretare i bolli laterizi 2005, pp BUCHI 2003 = E. BUCHI, Un graffito anforario dei consoli Cesare e Lepido, in Miscellanea in onore di Franco Sartori per l'80 compleanno, «Studi Trentini di Scienze Storiche», 82, 1, pp CALVI 1963 = M.C. CALVI, I vetri romani del Museo di Aquileia, Aquileia. CAMPAGNOLI 1993 = P. CAMPAGNOLI, Proposta per la catalogazione e lo studio dei prodotti laterizi dell antichità, dall età preromana al Medioevo, «Quaderni della Bassa Modenese. Storia, tradizione, ambiente», 23, pp CARANDINI 1975 = A. CARANDINI, Archeologia e cultura materiale. Lavori senza gloria nell antichità classica, Bari. CARANDINI 1979 = A. CARANDINI, Archeologia e cultura materiale: dai lavori senza gloria nell'antichità a una politica dei beni culturali, Bari. CARRE 1992 = M.-B. CARRE, La banque de données timbres sur amphores romaines du Centre Camille Jullian (CNRS, Université de Provence), in Les amphores en Gaule. II, Production et circulation, par F. LAUBENHEIMER, Besançon, pp CUSCITO 1989 = G. CUSCITO, Il Lacus Timavi dall anticità al Medioevo. Risonanze

11 PICCOLE ISCRIZIONI CRESCONO 379 poetiche e letterarie sull'antico Timavo, in Il Timavo. Immagini, storia, ecologia di un fiume carsico, Trieste, pp CVA 2000 = Corpus Vasorum Arretinorum. A Catalogue of the Signatures, Shapes and Chronology of Italian Sigillata, edd. A. OXÉ, H. COMFORT, Second edition completely revised and enlarged by PH. KENRICK, Bonn [con CDRom]. DEGRASSI 1956 = A. DEGRASSI, L esportazione di olio istriano nell età romana, «AMSI», 56, pp [= Scritti vari, II, Roma 1962, pp ]. DRESSEL 1978 = H. DRESSEL, Saggi sull instrumentum romano, Perugia. Epigrafía anfórica 2004 = Epigrafía anfórica, a cura di J. REMESAL RODRÍGUEZ, Barcelona. Epigrafia della produzione 1994 = Epigrafia della produzione e della distribuzione, (Actes de la VII e Rencontre franco-italienne sur l épigraphie du monde romain, Rome 5-6 juin 1992), Rome. FILIPPI 1992 = G. FILIPPI, Scheda computerizzata per il materiale laterizio bollato, «Archeologia e calcolatori», 3, pp FONTANA 1997 = F. FONTANA, I culti di Aquileia repubblicana, Roma. FROVA 1952 = A. FROVA, Marche di anfore e altri bolli romani del Milanese, «Epigraphica», 19, pp Gezeichnetes Instrumentum 1991 = D. MANACORDA, S. PANCIERA, C. PANELLA, C. PAVOLINI, G. PUCCI, M. STERNINI, Gezeichnetes Instrumentum und Sozialund Wirtschaftsgeschicht, in IILat Kolloquium 1991, pp GIOVANNINI, MAGGI 1994 = A. GIOVANNINI, P. MAGGI, Marchi di fabbrica su strigili ad Aquileia, in Epigrafia della produzione 1994, pp GOMEZEL 1996 = C. GOMEZEL, I laterizi bollati romani del Friuli-Venezia Giulia. Analisi, problemi e prospettive (L Album, 4), Portogruaro. GOMEZEL 2000 = C. GOMEZEL, Schedatura informatizzata dei laterizi bollati del Friuli-Venezia Giulia, in Alte Geschichte und neue Medien 2000, pp GREGORUTTI 1886 = C. GREGORUTTI, La figulina Pansiana di Aquileia ed i prodotti fittili dell Istria, «AMSI», 2, pp GREGORUTTI 1888 = C. GREGORUTTI, Le marche di fabbrica dei laterizi di Aquileia, «Archeografo Triestino», 14, pp [http://www.archeologia.com/forum/biblioteca-libri-testi-scaricabili/1581- font-font-ttf-legamenti-bolli-laterizi.html]. HAINZMANN 1991 = M. HAINZMANN, Die Instrumenta inscripta latina vom Magdalensberg. Aufnahme, Dokumentation, Analysen. Ein Vorbericht, in IILat Kolloquium 1991, pp

12 380 CLAUDIO ZACCARIA HARRIS 1993 = W.V. HARRIS, Between archaic and modern: some current problems in the history of the Roman economy, in Inscribed Economy 1993, pp HARRIS 1995 = W.V. HARRIS, Instrumentum domesticum and Roman literacy, in Acta colloquii epigraphici Latini (Helsingiae sept. 1991) (Commentationes Humanarum Litterarum, 104), Helsinki, pp HESNARD 2004 = A. HESNARD, Recueil de timbres sur amphores romaines, réflexions autour de la création d un site Internet, in Epigrafía anfórica 2004, pp Inscribed Economy 1993 = The Inscribed Economy. Production and Distribution in the Roman Empire in the Light of Instrumentum Domesticum (Proceedings of the Conference, Rome, American Academy, January 1992), ed. W. V. HARRIS («JRA», suppl. 6), Ann Arbor. IILat Austellungskatalog 1991 = Instrumenta inscripta Latina. Das römische Leben im Spiegel der Kleininschriften, Ausstellungskatalog, a cura di M. HAINZMANN, ZS. VISY, Pécs. IILat Kolloquium 1991 = Instrumenta inscripta latina. Gesellschaftliche und wirtschaftliche Probleme des römischen Reiches im Spiegel der gelegentlichen und reproduzierten Inschriften (Akten des Internationales Kolloquiums, Pécs September 1991), «Specimina Nova Universitatis Quinqueecclesiensis», 7 [1992], Pécs. IILat Sezione aquileiese 1992 = Instrumenta inscripta latina: sezione aquileiese, (Catalogo della Mostra, Aquileia 22 marzo-12 maggio 1992), a cura di S. BLASON SCAREL, F. MASELLI SCOTTI, C. ZACCARIA, Mariano del Friuli (GO). Interpretare i bolli laterizi 2005 = Interpretare i bolli laterizi di Roma e della valle del Tevere: produzione, storia economica e topografica (Atti del convegno, Ecole française de Rome, Institutum Romanum Finlandiae, 31 marzo-1 aprile 2000), ed. C. BRUUN («Acta Instituti Romani Finlandiae», 27), Roma. KENRICK 1993 = P. KENRICK, Italian terra sigillata. A sophisticated Roman industry, «Oxford Journal of Archaeology», 12, pp MAGGI 1997 = P. MAGGI, Corpus delle iscrizioni su instrumentum domesticum del territorio della Venetia orientale. Le iscrizioni graffite, incise e dipinte, «Aquileia Nostra», 68, cc [http://www.units.it/~epilab/notep97/not97/epi/iinstr.html] MAGGI 2000 = P. MAGGI, Le iscrizioni graffite, incise e dipinte su instrumentum domesticum nella Venetia orientale, in Alte Geschichte und neue Medien 2000, pp MAINARDIS 2004 = F. MAINARDIS, Una nuova dedica di Saturno dal territorio di Iulium Carnicum. Spunti per un ripensamento della fase romana di Col

13 PICCOLE ISCRIZIONI CRESCONO 381 Santina di Invillino, in Epigrafia di confine, confine dell'epigrafia, (Atti del Convegno Internazionale di Epigrafia, Bertinoro ottobre 2003), Faenza, pp MANACORDA 1993 = D. MANACORDA, Appunti sulla bollatura in età romana, in Inscribed economy 1993, pp MANACORDA 2000 = D. MANACORDA, I diversi significati dei bolli laterizi. Appunti e riflessioni, in Brique 2000, pp MANACORDA 2005 = D. MANACORDA, Appunti sull'industria edilizia a Roma, in Interpretare i bolli laterizi 2005, pp MASELLI SCOTTI 1978 = F. MASELLI SCOTTI, Un culto di Saturno al Timavo?, «Aquileia Nostra», 49, cc MAYET 1984 = F. MAYET, Épigraphie et céramique. Reflexions sur une nouvelle edition de l'épigraphie hispanique sur instrumentum domesticum, in Epigraphie hispanique. Problèmes de méthode et d'édition (Actes de la table ronde internationale du C.N.R.S., Université de Bordeaux III, les 8, 9, 10 décembre 1981), Paris, pp MORIZIO 1989 = V. MORIZIO, Per la computerizzazione dell'instrumentum: alcune proposte, in Epigraphie et informatique (Actes du Colloque, Lausanne mai 1989), Lausanne. MORIZIO 1991 = V. MORIZIO, Criteri di edizione dell instrumentum inscriptum. Un breve profilo storico, in IILat Kolloquium 1991, pp MORIZIO 1994 = V. MORIZIO, Proposta di uno schema-guida per la schedatura dell Instrumentum inscriptum, in Epigrafia della produzione 1994, pp PALLECCHI 2002 = S. PALLECCHI, I mortaria di produzione centro italica. Corpus dei bolli (Instrumentum, 1), Roma. PANCIERA 1957 = S. PANCIERA, Vita economica di Aquileia in età romana, Aquileia. PANCIERA 1993 = S. PANCIERA, Un gruppo romano per lo studio dell instrumentum domesticum, in Inscribed Economy 1993, pp [ora in Epigrafi, epigrafia, epigrafisti. Scritti vari editi e inediti ( ), Roma 2006, pp ]. PANELLA 1994 = C. PANELLA, Anfore e epigrafia. Per un corpus dei bolli delle anfore romane, in Epigrafia della produzione 1994, pp PANELLA 2004 = C. PANELLA, I bolli sulle anfore italiche: banca-dati e pubblicazione, in Epigrafía anfórica 2004, pp PAVOLINI 1993 = C. PAVOLINI, I bolli sulle lucerne fittili delle officine centroitaliche, in Inscribed economy 1993, pp PENGE = S. PENGE, Reale e virtuale, in I media e la formazione, a cura di R.

14 382 CLAUDIO ZACCARIA Maragliano, S. Penge, O. Martini, Roma 2 [«OnLynx» 2001: Pottery 1996 = Pottery with a Pedigree: Herod Inscription Surfaces at Masada, «Biblical archaeology review», 22, 6, p. 27. PUCCI 1993 = G. PUCCI, I bolli sulla terra sigillata: fra epigrafia e storia economica, in Inscribed economy 1993, pp PUCCI 2001 = G. Pucci, Inscribed instrumentum, in Epigraphic evidence. Ancient history from inscriptions, ed. by J. BODEL, London and New York, pp REMESAL, BERNI, AGUILERA c.s. = J. REMESAL RODRÍGUEZ, P. BERNI MILLET, A. AGUILERA MARTÍN, Amphoreninschriften und ihre elektronische Bearbeitung, in II. Colloquium Internationale Instrumenta inscripta Latina (Klagenfurt Mai 2005), in corso di stampa. [http://ceipac.gh.ub.es] Roman Inscriptions of Britain = The Roman Inscriptions of Britain. Vol. II: Instrumentum Domesticum (personal belongings and the like), Fasc. 1-8 and Indexes, 9 Voll., by R.G. COLLINGWOOD, M. ROXAN, R.P. WRIGHT, S.S. FRERE, R.S.O. TOMLIN, M. W. C. HASSALL, Gloucester-Stroud. ROSSETTI TELLA 2001 = C. ROSSETTI TELLA, Le stoviglie letterate. Fondi bollati di sigillata tardo-italica dal Museo nazionale romano, «Rassegna di archeologia classica e postclassica», 18, B, pp SARTORI 1964 = F. SARTORI, Industria e artigianato nel Veneto romano, in Atti dell Assemblea del 14 giugno 1964 della Deputazione di Storia Patria delle Venezie, Padova, pp Società romana 1986 = Società romana e produzione schiavistica, a cura di A. GIARDINA, A. SCHIAVONE, 3 voll., Bari. Società romana 1981 = Società romana e impero tardoantico, a cura di A. GIARDINA, 3 voll., Bari. STEINBY 1993a = M. STEINBY, Ricerche sull industria doliare nelle aree di Roma e di Pompei: un possibile modello interpretativo?, in I laterizi di età romana nell area nord adriatica, a cura di C. ZACCARIA, Roma, pp STEINBY 1993b = M. STEINBY, L organizzazione produttiva dei laterizi: un modello interpretativo per l instrumentum in genere?, in Inscribed economy 1993, pp STEINBY, KENRICK 2005 = M. STEINBY, PH.M. KENRICK, Programma per un database dei bolli doliari di Roma, in Interpretare i bolli laterizi 2005, Roma, pp STERNINI 1993 = M. STERNINI, I vetri, in Inscribed economy 1993, pp STRAZZULLA 1982 = M.J. STRAZZULLA, Onocles Dindi Tiberi servus. Note su

15 PICCOLE ISCRIZIONI CRESCONO 383 alcune presenze prenestine ad Aquileia in età repubblicana, «ArchClass», 34, pp TABORELLI 1985 = L. TABORELLI, A proposito della genesi del bollo sui contenitori vitrei, «Athenaeum», 63, pp TABORELLI, MENNELLA 1999 = L. TABORELLI, G. MENNELLA, Un contenitore in vetro per il trasporto e la conservazione. L Isings 90, sottotipo Grande. L interpretazione dei bolli. Una vexata quaestio, «AMSI», 99, pp TAGLIETTI, ZACCARIA 1994 = F. TAGLIETTI, C. ZACCARIA, Bolli laterizi, in EAA, Suppl. II, Roma, pp Testimonia Epigraphica Norica = Testimonia Epigraphica Norica (TENOR), Serie A Instrumentum domesticum Austriae Superioris, Herausgeber M. HAINZMANN, Bearbeiter R. WEDENIG, EDV P. SCHUBERT, Graz. TUOMISTO 2005 = P. TUOMISTO, I bolli laterizi anepigrafi nell area di Roma e dintorni, in Interpretare i bolli laterizi 2005, Roma, pp VERONESE 2006 = F. VERONESE, A. VIGONI, M. ANNIBALETTO et al., Terre sigillate a Iulia Concordia. Un progetto per la schedatura analitica dei ritrovamenti attraverso database, in Territorio e produzioni ceramiche. Paesaggi, economia e società in età romana (Atti del Convegno internazionale, Pisa ottobre 2005), a cura di S. MENCHELLI, M. PASQUINUCCI, Pisa, pp WEDENIG 2000 = R. WEDENIG, Testimonia epigraphica norica (Instrumentum domesticum). Eine (Internet-) Datenbank zu den norischen Kleininschriften, in Alte Geschichte und Neue Medien 2000, pp ZACCARIA 1987 = C. ZACCARIA, Il significato del bollo sui laterizi di epoca romana, in Fornaci e fornaciai in Friuli, Udine, pp ZACCARIA 1991 = C. ZACCARIA, La ricerca sull instrumentum inscriptum nell Italia nordorientale: esperienze e problemi, in IILat Kolloquium 1991, pp ZACCARIA 2003 = C. ZACCARIA, Gli affari degli Aratrii. L ascesa di una famiglia di imprenditori edili ad Aquileia tra I sec. a.c. e I sec. d.c., in Itinéraire de Saintes à Dougga. Mélanges offerts à Louis Maurin, a cura di J.-P. BOST, J.-M. RODDAZ, F. TASSAUX (Ausonius-Publications, Mémoires, 9), Bordeaux, pp ZACCARIA c.s. = C. ZACCARIA, Instrumenta inscripta Latina: potenziale informativo e importanza dei corpora elettronici. Alcuni esempi dalla Regio X orientale, in Instrumenta Inscripta Latina (Secundum Internationales Kolloquium, Klagenfurt Mai 2005), in corso di stampa. ZEVI 1967 = F. ZEVI, Anfore istriane a Ostia (Nota sul commercio istriano), «AMSI», 67, pp

SAXA LOQUUNTUR MONUMENTI ISCRITTI ROMANI DAL FRIULI

SAXA LOQUUNTUR MONUMENTI ISCRITTI ROMANI DAL FRIULI SAXA LOQUUNTUR MONUMENTI ISCRITTI ROMANI DAL FRIULI Corso estivo di epigrafia Facendo seguito al primo corso estivo di epigrafia svoltosi nell'agosto del 2014, la Società Friulana di Archeologia, in accordo

Dettagli

-Maturità Classica, liceo scientifico con annessa sezione classica «G. Dal Piaz», Feltre (BL), a.s. 1995/96.

-Maturità Classica, liceo scientifico con annessa sezione classica «G. Dal Piaz», Feltre (BL), a.s. 1995/96. 1 PH. DR. DAVIDE AMBROGIO FAORO NATO IL 26/01/1977 A LAMON (BL) COLLABORATORE DI RICERCA POST DOC DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA, STORIA E TUTELA DEI BEI CULTURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO VIA TOMMASO

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

FORUM Strutture, funzioni e sviluppo degli impianti forensi in Italia (IV sec. a.c.- I sec. d.c.)

FORUM Strutture, funzioni e sviluppo degli impianti forensi in Italia (IV sec. a.c.- I sec. d.c.) FORUM Strutture, funzioni e sviluppo degli impianti forensi in Italia (IV sec. a.c.- I sec. d.c.) G.De Nittis, Il Foro di Pompei II, 1875, olio su tavola. Roma 9 10 dicembre 2013 9 dicembre, ore 9, Sapienza

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley PICENTINI IN LUCE Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley Seminario di studio per insegnanti ed operatori culturali Laboratori didattici per

Dettagli

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO Spunti di riflessione teorici e pratici a cura di Thomas Gilardi e Paolo Molinari Valori didattici, formativi e sociali dell

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE 1 INDICE 1...3 La biblioteca e il catalogo...3 2...4 Tipi di cataloghi...4 3...6 Cenno sulle fonti d informazione...6 4...7 Catalogo e bibliografia...7 5...8

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

EMANUELE PAPI BOLLO SU LAMINA DI PIOMBO DALLA MANSIO MANLIANA (TORRITA. aus: Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik 106 (1995)

EMANUELE PAPI BOLLO SU LAMINA DI PIOMBO DALLA MANSIO MANLIANA (TORRITA. aus: Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik 106 (1995) EMANUELE PAPI BOLLO SU LAMINA DI PIOMBO DALLA MANSIO MANLIANA (TORRITA DI SIENA) aus: Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik 106 (1995) 255 258 Dr. Rudolf Habelt GmbH, Bonn 255 BOLLO SU LAMINA DI

Dettagli

In collaborazione con. www.edilportale.com/pianocasa

In collaborazione con. www.edilportale.com/pianocasa In collaborazione con l iniziativa edilportale tour 2010 PIANO CASA le istituzioni viaggiano in ordine sparso Con questa iniziativa intendiamo fare il punto della situazione operando un monitoraggio dell

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana.

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I NOTIZIARI DEL DUCE. Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I - Sintesi del progetto I notiziari, redatti dall Ufficio I sezione situazione del Comando

Dettagli

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Ordine di scuola Scuola Primaria De Amicis Santa Maria Nuova di Jesi: classe IV B Insegnante Silvia Cherubini Tempi A discrezione

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI EDUCAZIONE ECNICA Centro Territoriale Permanente per l Istruzione e la Formazione

Dettagli

Incontri d Arte CONTENUTI. 2 edizione La Botte

Incontri d Arte CONTENUTI. 2 edizione La Botte Incontri d Arte 2 edizione La Botte 05/08/2015 CONTENUTI La mostra itinerante Incontri d Arte La Botte è il racconto di come, duemila anni fa, la scoperta della botte sia stata cruciale per l espansione

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Informatica applicata alle discipline umanistiche (ovvero: Informatica umanistica)

Informatica applicata alle discipline umanistiche (ovvero: Informatica umanistica) Proposta Informatica applicata alle discipline umanistiche (ovvero: Informatica umanistica) Da molto tempo, in concomitanza con la diffusione e lo sviluppo dei calcolatori elettronici digitali, l interesse

Dettagli

I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale. Roma, 17 settembre 2013

I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale. Roma, 17 settembre 2013 I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale Roma, 17 settembre 2013 Intervento di Claudio Andrea Gemme, Presidente ANIE Confindustria Signore e Signori, buongiorno. Grazie a tutti voi per

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI TECNOLOGIA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI TECNOLOGIA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

EDUCAZIONE AMBIENTALE

EDUCAZIONE AMBIENTALE EDUCAZIONE AMBIENTALE DESTINATARI 1. tutte le classi della scuola dell infanzia 2. tutte le classi della scuola primaria 3. tutte le classi della scuola secondaria di primo grado 1. Scuola dell Infanzia

Dettagli

ICT. La definizione del settore delle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione nel Lazio

ICT. La definizione del settore delle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione nel Lazio UNIONCAMERE LAZIO LUISS GUIDO CARLI OSSERVATORIO SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL LAZIO ICT Information and Communication Technologies La definizione del settore delle Tecnologie dell Informazione e della

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

Percorsi di confine. Trieste / Gorizia / Nova Gorica Redipuglia / Caporetto

Percorsi di confine. Trieste / Gorizia / Nova Gorica Redipuglia / Caporetto Percorsi di confine Trieste / Gorizia / Nova Gorica Redipuglia / Caporetto Laboratori di storia a cielo aperto a.s. 2014-2015 Non semplici gite, ma percorsi alla scoperta dei luoghi della memoria e delle

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare

Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare Progetto di formazione e laboratorio documentale destinato agli insegnanti e alle classi elementari, medie e superiori della Provincia di Como.

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

INSTRVMENTA INSCRIPTA V. Aspetti epigrafici, archeologici, giuridici, prosopografici, collezionistici

INSTRVMENTA INSCRIPTA V. Aspetti epigrafici, archeologici, giuridici, prosopografici, collezionistici INSTRVMENTA INSCRIPTA V Signacula ex aere Aspetti epigrafici, archeologici, giuridici, prosopografici, collezionistici Atti del convegno internazionale Verona, 20-21 settembre 2012 a cura di Alfredo Buonopane

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti

Minori stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti stranieri non accompagnati Secondo Rapporto Anci 2007 Monia Giovannetti Dipartimento Immigrazione 7 aprile 2008 L'arrivo di minori stranieri soli sui nostri territori non è un fenomeno nuovo - risale significativamente

Dettagli

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Il Museo Archeologico dell Alto Mantovano, fondato nel 1967 e allestito a cura del Gruppo Archeologico Cavriana,

Dettagli

Imparare a vendere la nostra professionalità.

Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. 2010 La preparazione del proprio curriculum è un momento intenso e come tale deve essere vissuto. Presentarsi

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Relatore: Diego Bevilacqua Centro di Sviluppo Politico e Sociale 1. Fund raising: una definizione Il fund rainsing

Dettagli

I servizi all utenza esterna tra reference e comunicazione: reference elettronico, corsi di formazione e visite culturali.

I servizi all utenza esterna tra reference e comunicazione: reference elettronico, corsi di formazione e visite culturali. I servizi all utenza esterna tra reference e comunicazione: reference elettronico, corsi di formazione e visite culturali. di Stefano Tabacchi Biblioteca della Camera dei deputati Oggetto di questo intervento

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

8 maggio 2015 Modena Paola Veronesi

8 maggio 2015 Modena Paola Veronesi 8 maggio 2015 Modena Paola Veronesi Obiettivo del RAV è la definizione del Piano di Miglioramento di Istituto I dati INVALSI, relativi ai livelli di apprendimento, vanno correlati con altri indicatori

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita.

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita. PROGETTARE UNA GITA Prima di dare avvio al percorso è opportuno condividere con gli alunni tutto il progetto ed eventualmente modificare alcuni elementi in rapporto alla discussione. Gli alunni devono

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi)

I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi) 1. DEFINIZIONE I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi) Gli IOS sono sistemi che supportano tramite le ICT, e in alcuni casi rendono automatici, i flussi di messaggi, dati,

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ RICONOSCERE E DESCRIVERE FENOMENI FONDAMENTALI DEL MONDO TECNOLOGICO - I bisogni primari dell uomo: gli oggetti,

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC.

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. PAG. 1 OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. L anno duemilaundici, addì due del mese di marzo in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 9,00 Convocata

Dettagli

Comune di Cividale del Friuli. Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale del Friuli

Comune di Cividale del Friuli. Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale del Friuli Comune di Cividale del Friuli Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale del Friuli Istituto d Istruzione Superiore Paolino d Aquileia - di Cividale del Friuli Convegno Cividale Longobarda patrimonio

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV Presentazione di Antonio Zanon (Consorzio Biblioteche Padovane Associate) Biblioteca di Abano Terme Sala Consultazione 5 marzo 2009 Scopo della presentazione

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 1 Sommario Premessa: welfare aziendale e coesione sociale Lo stato dell arte del welfare: risorse ed

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) TITOLO DEL PROGETTO: Storiche biblioteche crescono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETT e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) OBIETTIVI DEL

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA ANNO PASTORALE 2016/2017

PROPOSTA FORMATIVA ANNO PASTORALE 2016/2017 PROPOSTA FORMATIVA ANNO PASTORALE 2016/2017 Per informazioni ed iscrizioni: Coordinamento Gruppi e Centri d'ascolto Caritas Diocesana Veronese Area Progetti e Coordinamenti L.ge Matteotti, 8 37126 Verona

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico. Decreta:

IL DIRETTORE GENERALE per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico. Decreta: Decreto del Ministero per i beni e le attività culturali 27 settembre 2006 Criteri e modalità per la verifica dell interesse culturale dei beni mobili appartenenti allo Stato, alle regioni, agli altri

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

Pianificare il futuro

Pianificare il futuro Pianificare il futuro THINK private. Linea Planning Banca Fideuram Banca Fideuram è uno dei principali protagonisti del private banking in Europa, con oltre 50 miliardi di euro di attività in gestione.

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Processi innovativi (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Costruire i territori digitali Le analisi di Rur e Censis sulle città digitali, partendo dai

Dettagli

INformAZIONE. impara un arte... incontri di formazione e aggiornamento per docenti

INformAZIONE. impara un arte... incontri di formazione e aggiornamento per docenti incontri di formazione e aggiornamento per docenti In occasione della mostra su Dosso Dossi, artista del Rinascimento attivo presso la corte estense di Ferrara e nel Magno Palazzo del cardinale di Trento,

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Archeologia a scuola

Archeologia a scuola Archeologia a scuola Progetto per attività didattiche archeologiche per le scuole primarie e secondarie proposto da: Museo di Archeologia per Roma UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA Piccoli Archeologi Progetto

Dettagli

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola nazionale dell infanzia e del primo ciclo d istruzione, passim.

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola nazionale dell infanzia e del primo ciclo d istruzione, passim. FINALITA La geografia è la scienza che studia l'umanizzazione del nostro pianeta e, quindi, i processi attivati dalle collettività nelle loro relazioni con la natura. Tali processi nel corso del tempo

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro Relatore:

Dettagli

Cosa sono e come utilizzare le reti solidali

Cosa sono e come utilizzare le reti solidali Freebook è un progetto di libro libero. L Edup dona ai suoi lettori dei veri e propri libri, prodotti editoriali completi rispetto all opera da cui sono tratti. Possono essere letti, stampati, citati,

Dettagli

ELEMENTI DI INFORMATICA GIURIDICA

ELEMENTI DI INFORMATICA GIURIDICA Università degli Studi di Napoli «Federico II» Scuola Specializzazione Professioni Legali ELEMENTI DI INFORMATICA GIURIDICA Avv. Delia Boscia 18 marzo 2015 IL RAPPORTO TRA INFORMATICA E DIRITTO HA DATO

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

Le occasioni della rete.

Le occasioni della rete. a cura di Gabriella Guerci di Enzo Minervini È qualche anno che navigando in rete possono essere consultate numerose basi di dati riguardanti raccolte fotografiche. Queste basi dati, che possono presentare

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Novate: raccontare una città

Novate: raccontare una città La conoscenza delle origini e della storia della propria La conoscenza delle origini e della storia della propria comunità e la valorizzazione del patrimonio artistico e comunità e la valorizzazione del

Dettagli