Disturbo Specifico di Lettura LA DISLESSIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disturbo Specifico di Lettura LA DISLESSIA"

Transcript

1 Con il termine LETTURA si possono intendersi, in realtà, almeno due cose: Disturbo Specifico di Lettura LA DISLESSIA LETTURA STRUMENTALE COMPRENSIONE Università degli studi di Padova Capacità di riconoscere e denominare velocemente e correttamente le parole di un testo. Capacità si rappresentarsi il contenuto di quello che sta leggendo Definizione di DISLESSIA Il disturbo comprende una specifica e significativa compromissione nello sviluppo delle capacità di lettura che non è solamente spiegata dall età mentale, da problemi di acutezza visiva o da inadeguata istruzione scolastica. (ICD-10) Incidenza sulla popolazione del 4% circa, secondo il DSM-IV (1996), considerata però nella sua manifestazione più specifica la sua frequenza è dell 1%. Disturbi di comprensione Lo studente con disturbo di comprensione del testo presenta: una prestazione al di sotto della norma in prove specifiche che valutano la comprensione del testo (sotto le 2 deviazioni standard dalla media); una valutazione dell intelligenza al di sopra della fascia del ritardo mentale, di solito consistentemente più elevata rispetto agli esiti nella prova di comprensione (criterio della discrepanza); nessuna situazione di svantaggio socio-culturale o di carenza di istruzione; nessun ritardo mentale o deficit di tipo sensoriale (visivo o uditivo). 1

2 SECNODO UN PFROSSEORE DLEL UNVIESRITA DI CMABRDIGE, NON IMORPTA IN CHE ORIDNE APAPAINO LE LETETRE IN UNA PAOLRA, L UINCA CSOA IMNORPTATE E CHE LA PIMRA E L ULIMTA LETETRA SINAO NEL PTOSO GITUSO. IL RIUSTLATO Può SERBMARE MLOTO CNOFSUO, MA NOONSTATNE TTUTO SI PUO LEGERGE SEZNA MLOTI PRLEOBMNI MODELLO NEUROPSICOLOGICO Modello a due vie (Coltheart, 1978;1981) PAROLA SCRITTA PAROLA SCRITTA Via fonologica Sistema di analisi visiva Via fonologica Sistema di analisi visiva Conversione Grafema -fonema Lessico di entrata visiva Via semantica Conversinone Grafema -fonema Lessico di entrata visiva Via semantica Lettura delle non-parole Sistema semantico Lettura delle non-parole Sistema semantico Lessico di uscita fonologico Lessico di uscita fonologico Buffer fonemico Buffer fonemico PAROLA LETTA PAROLA LETTA 2

3 PAROLA SCRITTA Dislessia Fonologica Via fonologica Sistema di analisi visiva Dovuta ad una lesione della via Fonologica. Buona capacità di lettura di parole; Incapacità di leggere le parole nuove; Incapacità di leggere le NON PAROLE. Conversinone Grafema -fonema Lettura delle non-parole Lessico di entrata visiva Sistema semantico Lessico di uscita fonologico Via semantica Buffer fonemico PAROLA LETTA Dislessia superficiale Dovuta ad una lesione della via Semantico - Lessicale. Buona capacità di lettura di parole regolari e non parole; Incapacità di leggere le parole irregolari: ad esempio ancòra e àncora Incapacità di leggere le parole OMOFONE NON OMOGRAFE, ad esempio l ago e lago. Modello Evolutivo Uta Frith (1985) 3

4 Modello Evolutivo (Frith, 1985) Il bambino riconosce alcune parole per la presenza di alcuni indizi. Il bambino legge utilizzando le regole di conversione grafemafonema. Il bambino impara le regole ortografiche e sintattiche. Unità di lettura è la sillaba. Formazione di un magazzino lessicale. Il bambino inizia la leggere seguendo la via semantico-lessicale Stadio Logografico Stadio Alfabetico Stadio Ortografico Stadio Lessicale Integrando il modello neuropsicologico e quello evolutivo... Un arresto allo stadio logografico o alfabetico Dislessia Fonologica e Superficiale. Un arresto allo stadio ortografico Dislessia Superficiale. (Tressoldi, 1991) Prima un bambino impara a leggere attraverso la via Fonologica e poi attraverso la via Semantico-Lessicale (Cornoldi,1999) Criteri generali per la valutazione della lettura strumentale (dalla Consensus Conference) Rispetto al Disturbi Specifico di decodifica della lettura, oltre ai criteri generali relativi a tutta la categoria dei DSA, i punti generalmente condivisi riguardano: 1) la necessità di somministrare prove standardizzate di lettura a più livelli: lettere, parole, non-parole, brano; 2) la necessità di valutare congiuntamente i due parametri di rapidità/accuratezza nella performance; 3) la necessità di stabilire una distanza significativa dai valori medi attesi per la classe frequentata dal bambino [convenzionalmente fissata a -2ds dalla media per la velocità e al di sotto del 5 percentile per l accuratezza], in uno o nell altro dei due parametri menzionati. La scelta delle prove: caratteristiche psicometriche Validità ecologica: le prove devono essere il più simili possibile all abilità richiesta nella vita quotidiana Validità concorrente: la prestazione deve risultare deficitaria anche in prove analoghe a quelle utilizzate Validità discriminante: le prove devono discriminare la condizione di difficoltà/ritardo da quella di disturbo Dati normativi aggiornati e campione rappresentativo Informazioni sull attendibilità test-retest e sulla stima dell errore di misura 4

5 Prove di Correttezza e Rapidità Le prove Prove di Lettura MT per la Scuola Elementare - 2 di Cesare Cornoldi e Giovanni Colpo 1998 OS Editore Nuove Prove di Lettura MT per la Scuola Media Inferiore di Cesare Cornoldi e Giovanni Colpo 1995 OS Editore I elementare: intermedia e finale II elementare: ingresso intermedia e finale III elementare: ingresso intermedia e finale IV elementare: ingresso e finale V elementare: ingresso e finale I media: ingresso e finale II media: ingresso e finale III media: ingresso e finale Caratteristiche del materiale e modalità di somministrazione Un brano stampato su cartoncino per il soggetto Scheda con brano e griglia per la raccolta dati per l esaminatore Cronometro per la misura del tempo Consegna: Ora ti chiedo di leggere questo brano a voce alta. Userò il cronometro per misurare il tempo di lettura, ma non ti preoccupare di andare troppo veloce: leggi meglio che puoi. Modalità di somministrazione Appena termina le lettura del titolo da parte dell esaminatore, inizia la lettura da parte del soggetto (si fa partire il cronometro). L esaminatore non deve intervenire in alcun modo per segnalare errori o omissioni. L esaminatore annota il tempo di lettura dell intero brano e gli errori. Se un soggetto è in evidente difficoltà nel portare a termine la lettura, ci si può fermare dopo 4 minuti. 5

6 Prova MT IV elementare finale La siglatura degli errori Errori da 1 punto inesatta lettura della sillaba omissione di sillaba, parola o riga aggiunta di sillaba, di parola, e rilettura di una stessa riga pausa per più di 5 secondi Errori da ½ punto spostamento di accento grossa esitazione (ar armadio) autocorrezione per errore grave (non vanno penalizzate le autocorrezioni per gli errori da ½ punto) Gli errori da 1 punto che NON cambiano il significato della frase vengono valutati solo mezzo punto. Indici ricavati dalla prova Punteggio di rapidità si calcola dividendo il numero complessivo di sillabe per il totale dei secondi impiegati per leggere il brano. Punteggio di correttezza Σ errori Calcolo del punteggio di velocità Si divide il numero complessivo di secondi per il numero di sillabe di cui è composto il brano. Ad es. 4 = 240, sillabe brano = :146 = Cioè per leggere una sillaba il bambino impiega in medio 1,64 secondi, ossia 164 centesimi di secondi. [Oppure 146 sill.:240 = 0.61 sill/sec.] Si confronta il punteggio ottenuto con le fasce di prestazioni riportate sul manuale. 6

7 Come leggerli? Le prove MT, in quanto prove standardizzate, offrono la possibilità di confrontare i punteggi ottenuti dal nostro soggetto con un campione normativo di riferimento. I dati normativi, per semplicità interpretativa, sono stati organizzati in fasce di prestazione: CCR PS RA RII Le fasce di prestazione Le fasce di prestazione sono 4: 1. Criterio Completamente Raggiunto (CCR), 2. Prestazione Sufficiente (PS), 3. Richiesta di Attenzione (RA), 4. Richiesto di Intervento Immediato (RII). Approfondimento Secondo livello: utilizzo di prove di approfondimento che definiscano il profilo per consentire una corretta progettazione di intervento. La scelta delle prove deve essere fatta in base alla fase di acquisizione della lettura, tenendo conto della diversa espressività del disturbo nelle diverse fasi evolutive dell abilità di lettura. Prime fasi di acquisizione (bambini di I e II primaria, o bambini più grandi con profili simili a quelli dei bambini alle prime fasi): indagare i prerequisiti della lettura (sia visivi che fonologici) con prove che valutino le abilità di analisi e fusione fonemica, di riconoscimento di singoli grafemi e di ricerca visiva Fasi più avanzate (bambini dalla terza primaria): indagare il livello della lettura di liste di parole isolate (prove di lettura di parole e nonparole e di riconoscimento di parole omofone) 7

8 Prove di lettura di parole e non parole Prova 2 (liste di parole) e Prova 3 (liste di non parole) tratte dalla DDE-2 Batteria per la valutazione della Dislessia e della Disortografia Evolutiva 2 di Sartori, Job, Tressoldi 2007, Giunti O.S., Firenze Prova 2 lettura di parole Prova di lettura di liste di parole di diversa frequenza d uso. Si raccolgono i tempi di lettura e il numero di errori. Le autocorrezioni non sono considerate errori. Per ogni parola, si calcola un solo errore. Prova 3 lettura di non parole Prova di lettura di liste di non parole. Serve a valutare il metodo indiretto di lettura. Si raccolgono i tempi di lettura e il numero di errori. Le autocorrezioni non sono considerate errori. Per ogni parola, si calcola un solo errore. Analisi delle prestazioni Tempo: calcolo del numero di deviazioni standard dalla media (punto z) z = X (media del campione di riferimento) tempo del soggetto DS (deviazione standard del campione di riferimento) Prestazione deficitaria: 2 DS sotto la media se si tiene conto dell errore standard di misura (.30), allora anche da 1.8 DS sotto la media Errori: confronto con le diverse fasce della distribuzione in percentili Prestazione deficitaria: al di sotto del 5 percentile 8

9 La comprensione (dalla Consensus Conference) Nell ambito della letteratura internazionale, inoltre, vari studi stanno evidenziando, accanto al profilo della dislessia intesa come disturbo specifico della decodifica, anche l accezione di disturbi della comprensione del testo scritto indipendenti sia dai disturbi di comprensione da ascolto che dagli stessi disturbi di decodifica. La Consensus Conference accoglie l invito a considerare il disturbo di comprensione come un possibile disturbo specifico di apprendimento ma sottolinea la necessità di studiarne meglio le caratteristiche [ ] La comprensione Le prove MT di comprensione consentono di ottenere una misura della capacità di comprensione del soggetto, confrontabile con i dati normativi Le prove sono costituite da brani diversificati per classe e periodo dell anno scolastico, seguito da domande con risposte a scelta multipla. Le domande sono state costruite per valutare i diversi aspetti implicati nella comprensione del testo scritto. Le prove I elementare: intermedia e finale II elementare: ingresso, approfondimento 1 e 2, intermedia, finale III elementare: ingresso, approfondimento 1 e 2, intermedia, finale IV elementare: ingresso, approfondimento 1 e 2, finale V elementare: ingresso, approfondimento 1 e 2, finale 1 e 2 I media, III media e III media: ingresso: testo narrativo e testo informativo finale: testo narrativo e testo informativo Modalità di somministrazione Consegna: leggere il brano in maniera silente ed in seguito rispondere alle domande indicando una alternativa di risposta. Il testo rimane a disposizione del bambino che può consultarlo quante volte vuole. Attribuzione dei punteggi: 1 punto per ogni risposta esatta. Confronto del punteggio ottenuto con i dati normativi (fasce di prestazione CCR PS RA RII). 9

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011.

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011. Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura Belluno, ottobre dicembre 2011 Michela Cendron Centro Regionale Specializzato per i Disturbi dell Apprendimento ULSS20

Dettagli

Caratteristiche che definiscono il DSA

Caratteristiche che definiscono il DSA "Il disturbo di letto-scrittura: approccio educativo alle linee guida" Anna M. Re Università degli studi di Padova Caratteristiche che definiscono il DSA SPECIFICITA disturbo che interessa uno specifico

Dettagli

La valutazione della lettura. Diagnosi

La valutazione della lettura. Diagnosi La valutazione della lettura I livello II livello Insegnanti Specialisti Diagnosi Prove di Correttezza e Rapidità Prove di Lettura MT per la Scuola Elementare 2 di Cesare Cornoldi e Giovanni Colpo 1998

Dettagli

Seminario Di Aggiornamento Professionale LE PROVE MT NELLA VALUTAZIONE DELLE DIFFICOLTA DI LETTURA

Seminario Di Aggiornamento Professionale LE PROVE MT NELLA VALUTAZIONE DELLE DIFFICOLTA DI LETTURA RELATORE: DOTT.SSA LUCIANA BELVISO BARI- CENTRO DI NEUROPSICOLOGIA E PSICOTERAPIA 17-10-2015 Seminario Di Aggiornamento Professionale LE PROVE MT NELLA VALUTAZIONE DELLE DIFFICOLTA DI LETTURA I test standardizzati

Dettagli

Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione

Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione A. M. Re Università degli studi di Padova Servizio per i Disturbi dell Apprendimento Evoluzione della velocità di lettura in normo-lettori

Dettagli

Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia

Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Associazione Italiana Dislessia Formazione MPI-AID Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia

Dettagli

DUE COMPONENTI COGNITIVA COMUNICATIVA

DUE COMPONENTI COGNITIVA COMUNICATIVA Monte di Procida, settembre 2012 SCRITTURA Operazione cognitiva di decodificazione e di collocazione che utilizza segni grafici arbitrari e convenzionali; le esperienze evocate dalla rappresentazione grafica

Dettagli

I DISTURBI DELL. Definizione e Classificazione Anna M. Re annamaria.re@unipd.it

I DISTURBI DELL. Definizione e Classificazione Anna M. Re annamaria.re@unipd.it I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Definizione e Classificazione Anna M. Re annamaria.re@unipd.it Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento? Linee guida della CONSENSUS CONFERENCE Cos è la Consensus Conference?

Dettagli

Come leggere una diagnosi

Come leggere una diagnosi Come leggere una diagnosi Maristella Scorza Università di Modena e Reggio Emilia maristella.scorza@unimore.it Protocollo Diagnostico La segnalazione La raccolta anamnestica La valutazione clinica L interpretazione

Dettagli

Come si apprende la lettura e la scrittura

Come si apprende la lettura e la scrittura Come si apprende la lettura e la scrittura Dott.ssa Rosa Castiello DSA: conoscere, capire, agire Apprendimento Processo di acquisizione di conoscenza o di una particolare capacità attraverso : lo studio

Dettagli

Approccio clinico-terapeutico ai DSA

Approccio clinico-terapeutico ai DSA Approccio clinico-terapeutico ai DSA Ruolo e Funzione degli operatori sanitari Strumenti di Valutazione Dott.ssa Irene Costanza Psicologa Centro Regionale Specializzato sui Disturbi dell Apprendimento

Dettagli

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011.

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011. Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura Belluno, ottobre dicembre 2011 Michela Cendron Centro Regionale Specializzato per i Disturbi dell Apprendimento ULSS20

Dettagli

Dislessia: informazioni generali

Dislessia: informazioni generali Dislessia: informazioni generali Autore: Sarah Menini da neuropsy.it Introduzione La dislessia è un disordine del linguaggio scritto caratterizzato da una capacità di lettura sostanzialmente al di sotto

Dettagli

Strumenti per la valutazione delle abilità di scrittura

Strumenti per la valutazione delle abilità di scrittura Dipartimento di Psicologia Generale Università degli Studi di Padova Gli strumenti di valutazione per i Disturbi Specifici dell Apprendimento Strumenti per la valutazione delle abilità di scrittura Martina

Dettagli

IL PROBLEMA DISLESSIA. Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com

IL PROBLEMA DISLESSIA. Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com IL PROBLEMA DISLESSIA Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com LA DISLESSIA, QUESTA SCONOSCIUTA LA DISLESSIA, QUESTA SCONOSCIUTA La dislessia è una disabilità invisibile per questo i genitori

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Consultorio CEAF di Vimercate, Comune di Ornago e Università di Parma trubini.chiara@libero.it F 81.0 Disturbo specifico

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Discussione di casi clinici

Discussione di casi clinici Discussione di casi clinici Marcella Ferrari marcella.ferrari@unipv.it Dipartimento di Studi Umanistici, Università di Pavia Laboratorio di Psicologia dell Apprendimento Master in Esperto in Disturbi dell

Dettagli

Tecnologie compensative per alunni con D.S.A.

Tecnologie compensative per alunni con D.S.A. Flavio Fogarolo MPI - USP di Vicenza Tecnologie compensative per alunni con D.S.A. 1 Strumenti compensativi 2 (dalla nota ministeriale sulla dislessia del 5 ottobre 2004) Per ovviare a queste conseguenze,

Dettagli

LETTURA DELLA DIAGNOSI E PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Germana Englaro, 9 settembre 2011

LETTURA DELLA DIAGNOSI E PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Germana Englaro, 9 settembre 2011 LETTURA DELLA DIAGNOSI E PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Germana Englaro, 9 settembre 2011 Edoardo, 8 anni, classe III Diagnosi: Disturbo Misto delle Capacità Scolastiche [F81.3] Disturbo Misto degli Apprendimenti

Dettagli

Indagine e rilevazione sulle abilità di lettura

Indagine e rilevazione sulle abilità di lettura Indagine e rilevazione sulle abilità di lettura Prova individuale di correttezza e rapidità nella lettura La prova di lettura ad alta voce si è dimostrata estremamente utile per riconoscere il livello

Dettagli

ANALISI E RISVOLTI OPERATIVI NEI DSA. Chiara De Candia Psicologa-psicoterapeuta Ass. La Nostra Famiglia (Oderzo)

ANALISI E RISVOLTI OPERATIVI NEI DSA. Chiara De Candia Psicologa-psicoterapeuta Ass. La Nostra Famiglia (Oderzo) ANALISI E RISVOLTI OPERATIVI NEI DSA Chiara De Candia Psicologa-psicoterapeuta Ass. La Nostra Famiglia (Oderzo) Documenti di riferimento: Normativa: DGR n. 1123 del 26 luglio 2011 Interventi a sostegno

Dettagli

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com DSA: Diversi Strumenti per l Apprendimento La Relazione clinica Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com Il PEP dello studente, in linea

Dettagli

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema»

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Francesca Scortichini psicologa Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Riabilitazione

Dettagli

Dalla valutazione al trattamento della dislessia. Lucina Tretti

Dalla valutazione al trattamento della dislessia. Lucina Tretti Dalla valutazione al trattamento della dislessia Lucina Tretti scopo della pratica clinica è la ricerca della causa (l identificazione) di un disturbo e dei mezzi per risolverlo La realizzazione di un

Dettagli

4. Disturbo Specifico di Apprendimento

4. Disturbo Specifico di Apprendimento 4. Disturbo Specifico di Apprendimento Disturbo Specifico di Apprendimento Testi di riferimento: Cornoldi C. (a cura di), Difficoltà e disturbi dell'apprendimento, Ed. Il Mulino, Collana "Strumenti", Bologna,

Dettagli

COMUNICAZIONE UMANA GENERALE StudiAssociati 2013

COMUNICAZIONE UMANA GENERALE StudiAssociati 2013 AREA COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE UMANA GENERALE StudiAssociati 2013 PARLEREMO DI: Cosa significa comunicare? Tutto quello che (probabilmente) non sappiamo della comunicazione umana Principi generali della

Dettagli

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008 Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento 4 ottobre 2008 Il principale criterio necessario per effettuare una diagnosi di DSA è quello della discrepanza tra abilità nel dominio

Dettagli

Monte di Procida 6 settembre 2012

Monte di Procida 6 settembre 2012 Monte di Procida 6 settembre 2012 Abilita inerential processodi lettura Abilita visive che consentono l analisi visiva dei grafemi. Abilia uditive che consentono l analisi uditivoverbale delle caratteristiche

Dettagli

Gli strumenti compensativi per i DSA. L uso del computer per compensare e valorizzare

Gli strumenti compensativi per i DSA. L uso del computer per compensare e valorizzare Gli strumenti compensativi per i DSA. L uso del computer per compensare e valorizzare Padova 4 settembre 2014 Corso di Formazione FIDAE Flavio Fogarolo Il ruolo della compensazione Compensare la dislessia

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

Valutazione della conoscenza numerica e delle abilità di calcolo. Ilaria Rota ilaria.rota@centroetaevolutiva.it

Valutazione della conoscenza numerica e delle abilità di calcolo. Ilaria Rota ilaria.rota@centroetaevolutiva.it Valutazione della conoscenza numerica e delle abilità di calcolo Ilaria Rota ilaria.rota@centroetaevolutiva.it Le componenti della conoscenza numerica LESSICALE Regola il nome del numero 1 uno SEMANTICA

Dettagli

LABDA, Università di Padova, 20 Settembre 2014

LABDA, Università di Padova, 20 Settembre 2014 LABDA, Università di Padova, 20 Settembre 2014 Adolescenti con DSA C. Cornoldi, Università degli studi di Padova Con la collaborazione di M. Candela, V. Fenzi, M.G. Martino e A.M. Re Overview 1 L evoluzione

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

Trattamento dei disturbi specifici dell apprendimento. Dott.ssa Priscilla Mertoli Pedagogista

Trattamento dei disturbi specifici dell apprendimento. Dott.ssa Priscilla Mertoli Pedagogista Trattamento dei disturbi specifici dell apprendimento Dott.ssa Priscilla Mertoli Pedagogista La disortografia Classificazione degli errori Fonologici: non viene rispettato il rapporto fonema/grafema; sono

Dettagli

Relazione di valutazione Neuropsicologica

Relazione di valutazione Neuropsicologica Dott.ssa Federica Ritorto psicologa Dott.ssa Laura Carriero logopedista Relazione di valutazione Neuropsicologica Roma maggio2013 MG MG è una bambina di 8 anni, nata nel 2005 a Roma; sta concludendo il

Dettagli

Raccogliere i segnali: perché è così difficile?

Raccogliere i segnali: perché è così difficile? Raccogliere i segnali: perché è così difficile? Mestre 16 dicembre 2015 Silvia Tabarelli Si vede solo ciò che si conosce Saper osservare non consiste semplicemente nel neutro saper vedere, ma più complessivamente

Dettagli

IL LABORATORIO DELLA LETTURA: un progetto di intervento sul disturbo specifico della lettura all interno di una scuola primaria

IL LABORATORIO DELLA LETTURA: un progetto di intervento sul disturbo specifico della lettura all interno di una scuola primaria IL LABORATORIO DELLA LETTURA: un progetto di intervento sul disturbo specifico della lettura all interno di una scuola primaria Dott.ssa Giovanna Chiatti, Psicologa Master Universitario in Psicopatologia

Dettagli

Pensiero logico, lettura, Autori: Sestili, Moalli, Vianello

Pensiero logico, lettura, Autori: Sestili, Moalli, Vianello Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di 2 2 e 3 3 media Autori: Sestili, Moalli, Vianello Toffolon Sara Introduzione La ricerca si propone di rilevare

Dettagli

Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado

Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Sezione di Parma Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado San Secondo (PR) 23 novembre

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A Da consegnare agli insegnanti per comprendere la diagnosi e utilizzare i dati emersi per la compilazione del PDP. VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A 1 Elenco dei soggetti autorizzati

Dettagli

Cos è la dislessia. Alessandro Sacchella - 1

Cos è la dislessia. Alessandro Sacchella - 1 Cos è la dislessia Secondo il DSM IV la dislessia è un disturbo della lettura che si manifesta in individui in età evolutiva privi di deficit neurologici, cognitivi, sensoriali e relazionali e che hanno

Dettagli

DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA. Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova

DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA. Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova Temi emersi dal laboratorio 2 Nel parlare di disturbi nella lettura

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Psicologa, Psicoterapeuta, PhD in psicologia dell educazione e delle disabilità trubini.chiara@libero.it Con la pubblicazione

Dettagli

PRIMA DELLA DIAGNOSI. Laboratorio. Adriano Grossi, DS Dir Did Fidenza e I.C. Busseto

PRIMA DELLA DIAGNOSI. Laboratorio. Adriano Grossi, DS Dir Did Fidenza e I.C. Busseto PRIMA DELLA DIAGNOSI Laboratorio Adriano Grossi, DS Dir Did Fidenza e I.C. Busseto Le prove criteriali di assessment Le abilità procedurali sono automatizzate o presentano difficoltà? 2 2 QUALI TEST Lettura

Dettagli

MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170)

MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170) MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170) Anno scolastico:.. Cognome e Nome dello studente Data e luogo di nascita:...

Dettagli

1 Giornata DSA Legge 170/2010 Decreto attuativo e linee guida

1 Giornata DSA Legge 170/2010 Decreto attuativo e linee guida 1 Giornata DSA Legge 170/2010 Decreto attuativo e linee guida Servizio TSMREE ASLRM/B II Distretto Dott.ssa Vincenza di Paolo Psicologa Antonella Congiu Logopedista Patrizia Proietto Logopedista Programma

Dettagli

Valutare le competenze di lettura, scrittura e comprensione e calcolo

Valutare le competenze di lettura, scrittura e comprensione e calcolo Cooperativa La Sorgente Istituto Comprensivo di Calcinato Valutare le competenze di lettura, scrittura e comprensione e calcolo Dott.ssa Lara Consigli Calcinato, 6 novembre 2013 Progetto di ricercazione,

Dettagli

Assenza di cause neurologiche o sensoriali; Persistenza del disturbo nel tempo 5.

Assenza di cause neurologiche o sensoriali; Persistenza del disturbo nel tempo 5. I Dsa: disturbi specifici dell apprendimento Lettura, scrittura e calcolo sono funzioni fondamentali per l apprendimento. Un soggetto con capacità intellettive nella norma e privo di deficit (sensoriali,

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Circolo Didattico di Orvieto L. Barzini I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO LETTURA SCRITTURA CALCOLO DISLESSIA 5% della popolazione scolastica DISORTOGRAFIA molti

Dettagli

Convegno AIAS Dislessia, Disortografia, Discalculia e Disgrafia. Incontro e confronto con esperienze che possono aiutare.

Convegno AIAS Dislessia, Disortografia, Discalculia e Disgrafia. Incontro e confronto con esperienze che possono aiutare. Convegno AIAS Dislessia, Disortografia, Discalculia e Disgrafia. Incontro e confronto con esperienze che possono aiutare La disortografia Gallarate (VA) 03.12.2011 Lorenzo Caligaris Struttura Semplice

Dettagli

B.E.S. e D.S.A.: uso degli strumenti compensativi. Potenza 26 marzo 2014 Flavio Fogarolo

B.E.S. e D.S.A.: uso degli strumenti compensativi. Potenza 26 marzo 2014 Flavio Fogarolo B.E.S. e D.S.A.: uso degli strumenti compensativi Potenza 26 marzo 2014 Flavio Fogarolo BES e DSA: uso degli strumenti compensativi 1 DSA e strumenti compensativi Il ruolo della compensazione Compensare

Dettagli

Sonia Fiorentino Marina Fusmini Laives 2 settembre 2014

Sonia Fiorentino Marina Fusmini Laives 2 settembre 2014 INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTO-SCRITTURA Sonia Fiorentino Marina Fusmini Laives 2 settembre 2014 Il bambino che non apprende con facilità è colui che davvero ha bisogno dell insegnante,

Dettagli

DSA e BES: manifestazioni, individuazione e intervento. Dott.ssa Manuela Trasciani, Dott.ssa Alessandra Ciacciarelli Studio Eidon-Opera Don Guanella

DSA e BES: manifestazioni, individuazione e intervento. Dott.ssa Manuela Trasciani, Dott.ssa Alessandra Ciacciarelli Studio Eidon-Opera Don Guanella DSA e BES: manifestazioni, individuazione e intervento Dott.ssa Manuela Trasciani, Dott.ssa Alessandra Ciacciarelli Studio Eidon-Opera Don Guanella Disturbi di Apprendimento I disturbi di apprendimento

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO R e l a t r i c e : D o t t. s s a C r i s t i n a E l e f a n t e (insegnante, pedagogista) email: elefantecristina@yahoo.it DSA definizione La principale caratteristica

Dettagli

DSA? Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente Cassano d Adda www.studioabilmente.com

DSA? Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente Cassano d Adda www.studioabilmente.com DSA? Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente Cassano d Adda www.studioabilmente.com Essere docenti fra Alunni Famiglia Specialisti Sigle DSA BES PDP 170 104 DS PERCENTILI DSA : dubbi come minaccia Non

Dettagli

www.moscianoscuola.it DISPENSA CORSO DISTURBI DELL APPRENDIMENTO : RECUPERO DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTURA, SCRITTURA E MATEMATICA Relatrice

www.moscianoscuola.it DISPENSA CORSO DISTURBI DELL APPRENDIMENTO : RECUPERO DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTURA, SCRITTURA E MATEMATICA Relatrice Commissione Formazione Aggiornamento www.moscianoscuola.it DISPENSA CORSO DISTURBI DELL APPRENDIMENTO : RECUPERO DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTURA, SCRITTURA E MATEMATICA Relatrice Dott.ssa MENAZZA Cristina

Dettagli

La scuola di fronte alla dislessia

La scuola di fronte alla dislessia La scuola di fronte alla dislessia Lamparelli Maria Grazia Psicologa psicoterapeuta mg.lamparelli@libero.it Lettura e processi cognitivi 1) LETTURA ad alta voce: capacità di riconoscere e denominare le

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Direzione Didattica Gioacchino Gesmundo A.A. 2009-2010 Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Secondo incontro- 8/2/2010 Programma: Primo incontro:

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE UST PC SUI DSA ART 4 LEGGE 170/10 E ART 7 DM 5669 DEL 12.7.11. Fondamentali e mosse per individuare casi sospetti

PIANO DI FORMAZIONE UST PC SUI DSA ART 4 LEGGE 170/10 E ART 7 DM 5669 DEL 12.7.11. Fondamentali e mosse per individuare casi sospetti PIANO DI FORMAZIONE UST PC SUI DSA ART 4 LEGGE 170/10 E ART 7 DM 5669 DEL 12.7.11 PRIMA DELLA DIAGNOSI Fondamentali e mosse per individuare casi sospetti Adriano Grossi, DS Dir Did Fidenza e I.C. Busseto

Dettagli

Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof.

Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof. Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof. Cesare Cornoldi I prerequisiti dell apprendimento della lettura e della scrittura

Dettagli

La Dislessia Evolutiva

La Dislessia Evolutiva La Dislessia Evolutiva Dislessia Evolutiva (DE) Disabilità specifica dell apprendimento di origine neurobiologica. Si manifesta quando un bambino non sviluppa, o sviluppa con molta difficoltà, la capacità

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

Claudia Zamperlin PSICOPEDAGOGIA DEL LINGUAGGIO E DELLA COMUNICAZIONE MODULO 2 OL

Claudia Zamperlin PSICOPEDAGOGIA DEL LINGUAGGIO E DELLA COMUNICAZIONE MODULO 2 OL Claudia Zamperlin PSICOPEDAGOGIA DEL LINGUAGGIO E DELLA COMUNICAZIONE MODULO 2 OL LA COMPONENTE STRUMENTALE DELLA LETTURA E DELLA SCRITTURA 1. La lettura decifrativa L abilità di leggere e comprendere

Dettagli

Tecnologie compensative per i D.S.A.

Tecnologie compensative per i D.S.A. 1 Tecnologie compensative per i D.S.A. USP di Vicenza Dispensare Compensare Misure dispensative Strumenti compensativi La compensazione, nei sui vari aspetti, rappresenta un'azione che mira a ridurre gli

Dettagli

08/09/2014. Rispetto alle valutazioni sovrafunzionali (attenzione, memoria, percezione), quali differenze hanno maggior rilevanza?

08/09/2014. Rispetto alle valutazioni sovrafunzionali (attenzione, memoria, percezione), quali differenze hanno maggior rilevanza? L apprendimento della lettoscrittura nei bambini con problematiche di bilinguismo e multiculturalità l intervento logopedico L apprendimento del linguaggio scritto del bambino straniero: strumenti di valutazione

Dettagli

Strategie compensative: tecnologie e strumenti per l'autonomia scolastica degli alunni con DSA. Arezzo - 17 ottobre 2013 Flavio Fogarolo

Strategie compensative: tecnologie e strumenti per l'autonomia scolastica degli alunni con DSA. Arezzo - 17 ottobre 2013 Flavio Fogarolo Strategie compensative: tecnologie e strumenti per l'autonomia scolastica degli alunni con DSA Arezzo - 17 ottobre 2013 Flavio Fogarolo DSA e strumenti compensativi Compensare la dislessia Compensare la

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia. Dott.ssa Patrizia Nagliati

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia. Dott.ssa Patrizia Nagliati I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia. Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. In Neuropsicologia COME SI SVILUPPA UN ABILITA Predisposizione innata

Dettagli

s.c. di NPI Savigliano-Fossano-Saluzzo Log.Allamandri Valeria (mail: valeria.allamandri@aslcn1.it)

s.c. di NPI Savigliano-Fossano-Saluzzo Log.Allamandri Valeria (mail: valeria.allamandri@aslcn1.it) s.c. di NPI Savigliano-Fossano-Saluzzo Log.Allamandri Valeria (mail: valeria.allamandri@aslcn1.it) Criteri Un trattamento riabilitativo dipenda da: Condizioni cliniche Età Motivazione Disponibilità e tempi

Dettagli

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

Dettagli

PROBLEMI APERTI NELLA VALUTAZIONE DI DISLESSIA E DISORTOGRAFIA...

PROBLEMI APERTI NELLA VALUTAZIONE DI DISLESSIA E DISORTOGRAFIA... LEZIONE: CARATTERISTICHE DEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E ESEMPI DI PROCEDURE DI VALUTAZIONE PROF. CESARE CORNOLDI Caratteristiche dei DSA e esempi di procedure di valutazione Indice 1 PROBLEMI

Dettagli

Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato

Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato Maristella Scorza Università di Modena e Reggio Emilia maristella.scorza@unimore.it Protocollo Diagnostico La segnalazione La

Dettagli

Fase alfabetica Il bambino

Fase alfabetica Il bambino FASE LOGOGRAFICA 62 Flavio Fogarolo FASE SILLABICA FASE ALFABETICA Fase alfabetica Il bambino applica delle regole di trasformazione per cui si associa ogni suono al corrispondente grafema ragiona sui

Dettagli

LA LETTURA DELLA DIAGNOSI

LA LETTURA DELLA DIAGNOSI LA LETTURA DELLA DIAGNOSI Riferimenti: 1. LEGGE 170 2. CONSENSUS CONFERENCE Montecatini 2006, presentata a Milano 2007 2. P.A.R.C.C. Bologna 1 febbraio 2011, Raccomandazioni cliniche sui DSA Documento

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

Dott. Bartolomeo Favacchio

Dott. Bartolomeo Favacchio Autori : dott.bartolomeo Favacchio (Psicopedagogista), dott.corrado Severi (Neuropsichiatra Infantile), dott.ssa Eleonora Pisani (Pedagogista), dott.ssa Edith Loretto Perotto (Pedagogista), dott.ssa Patrizia

Dettagli

La griglia di classificazione degli errori ortografici e le prove CEO

La griglia di classificazione degli errori ortografici e le prove CEO LA GRIGLIA DI CLASSIFICAZIONE DEGLI ERRORI ORTOGRAFICI E LE PROVE CEO 29 2 La griglia di classificazione degli errori ortografici e le prove CEO Perché un altra prova che valuta le competenze relative

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.)

I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) Logopedista: Amitrano Luisa Logopedista: Falco Daniela I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) ( dislessia- disgrafia- disortografia-

Dettagli

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce DAL PROTOCOLLO REGIONALE ALL AZIONE SCOLASTICA PROGETTO DI INDIVIDUAZIONE PRECOCE IN RETE CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

Dettagli

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento

La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento La fatica di imparare: i disturbi di apprendimento Ci sono bambini che faticano a studiare, ad apprendere per avere un risultato scolastico soddisfacente. In alcuni casi si tratta di ragazzini che non

Dettagli

Legge n. 170 / 10 ottobre 2010

Legge n. 170 / 10 ottobre 2010 CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI SU DSA E NUOVE NORMATIVE dr. Thomas Rivetti 1 Legge n. 170 / 10 ottobre 2010 Art.1 Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia, disortografia, discalculia Art.

Dettagli

Lo screening nella scuola sec. 1 grado: criteri per la somministrazione e strumenti

Lo screening nella scuola sec. 1 grado: criteri per la somministrazione e strumenti Lo screening nella scuola sec. 1 grado: criteri per la somministrazione e strumenti Piera Grotto scuola sec. I grado M. Marin Le linee guida alla legge 170/2010 I DSA hanno una componente evolutiva che

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA Interpretazione dei DSA: dai documenti di consenso al DSM-5 Dott.ssa Rosalba Carnevale Clinica delle difficoltà e dei

Dettagli

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva Cos è la Neuropsicologia E la disciplina che studia i rapporti tra cervello e funzioni cognitive. Disciplina che studia i rapporti tra il cervello (strutture

Dettagli

N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella

N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella XX CONGRESSO NAZIONALE AIRIPA, I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO PRATO 21-22 OTTOBRE 2011 N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella * Dipartimento di Psicologia Generale, Università

Dettagli

Le difficoltà di apprendimento dei bambini stranieri

Le difficoltà di apprendimento dei bambini stranieri DSA E DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO Le difficoltà di apprendimento dei bambini stranieri La storia di Nadir Marta Murineddu (Università di Padova) CCosaintendiamoquando utilizziamo il termine straniero?

Dettagli

I Disturbi Specifici di scrittura: disortografia e disgrafia. Analisi delle difficoltà e strategie di intervento

I Disturbi Specifici di scrittura: disortografia e disgrafia. Analisi delle difficoltà e strategie di intervento Cesena,30 gennaio 2008 I Disturbi Specifici di scrittura: disortografia e disgrafia. Analisi delle difficoltà e strategie di intervento DISTURBI DI APPRENDIMENTO I disturbi di apprendimento scolastico

Dettagli

Scrittura. Batteria per la valutazione della scrittura e della competenza ortografica nella scuola dell obbligo

Scrittura. Batteria per la valutazione della scrittura e della competenza ortografica nella scuola dell obbligo Scrittura Batteria per la valutazione della scrittura e della competenza ortografica nella scuola dell obbligo Tressoldi - Cornoldi Dettato di un brano! In base alla classe d appartenenza viene dettato

Dettagli

Il disturbo specifico di scrittura: strumenti diagnostici. Paola Angelelli paola.angelelli@unisalento Università del Salento

Il disturbo specifico di scrittura: strumenti diagnostici. Paola Angelelli paola.angelelli@unisalento Università del Salento Il disturbo specifico di scrittura: strumenti diagnostici Paola Angelelli paola.angelelli@unisalento angelelli@unisalento.itit Università del Salento Batteria per la Valutazione della Scrittura e della

Dettagli

Atti VI Convegno Internazionale La Qualità dell integrazione scolastica Palacongressi di Rimini, 16/17/18 novembre 2007. Centro Studi Erickson, Trento

Atti VI Convegno Internazionale La Qualità dell integrazione scolastica Palacongressi di Rimini, 16/17/18 novembre 2007. Centro Studi Erickson, Trento Atti VI Convegno Internazionale La Qualità dell integrazione scolastica Palacongressi di Rimini, 16/17/18 novembre 2007 Centro Studi Erickson, Trento La Qualità dell Integrazione scolastica Rimini, 16

Dettagli

DEFINIZIONE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO. Disturbo vs Difficoltà. Caratteristiche che definiscono i DSA

DEFINIZIONE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO. Disturbo vs Difficoltà. Caratteristiche che definiscono i DSA DEFINIZIONE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Gruppo eterogeneo di disturbi manifestati da significative difficoltà nell'acquisizione e nell'uso di abilità di ascolto, espressione orale, lettura, ragionamento,

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) Scrittura. Logopedista: Amitrano Luisa. Logopedista: Falco Daniela

I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) Scrittura. Logopedista: Amitrano Luisa. Logopedista: Falco Daniela I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) Scrittura Logopedista: Amitrano Luisa Logopedista: Falco Daniela La Scrittura SCRIVERE è un abilità complessa e multicomponenziale che si costruisce

Dettagli

DISLESSIA E DISTURBI DELL APPRENDIMENTO

DISLESSIA E DISTURBI DELL APPRENDIMENTO DISLESSIA E DISTURBI DELL APPRENDIMENTO corso di aggiornamento per insegnanti prima parte Dott.ssa Elena Pandini Logopedista I disturbi specifici dell apprendimento (DSA) costituiscono un gruppo eterogeneo

Dettagli

Sezione di Potenza. SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza

Sezione di Potenza. SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Sezione di Potenza SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Gennaio 2014 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Neuropsichiatria

Dettagli

Correlazione tra i disturbi specifici del linguaggio e DSA

Correlazione tra i disturbi specifici del linguaggio e DSA Correlazione tra i disturbi specifici del linguaggio e DSA Dr. B. Rizzo Troina 13 Settembre 2013 U.O.C di ORL & Foniatria - IRCCS OASI MARIA SS. - ONLUS, TROINA Direttore Dr.V.Neri DISTURBI SPECIFICI DEL

Dettagli

Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente. 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA

Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente. 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente Nazionale AIRIPA 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA Difficoltà a scuola In tutto il mondo, moltissime famiglie

Dettagli

Docente: dott.ssa Francesca Ramaglia A.A. 2013-2014 Corso di Studi: Scienze della Comunicazione

Docente: dott.ssa Francesca Ramaglia A.A. 2013-2014 Corso di Studi: Scienze della Comunicazione Laboratorio di Scrittura Docente: dott.ssa Francesca Ramaglia A.A. 2013-2014 Corso di Studi: Scienze della Comunicazione Tipologia testuale Data la definizione di testo fornita nelle lezioni precedenti,

Dettagli