Associazione di Comuni TRENTOLA DUCENTA e SAN MARCELLINO Provincia di Caserta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Associazione di Comuni TRENTOLA DUCENTA e SAN MARCELLINO Provincia di Caserta"

Transcript

1 Associazione di Comuni TRENTOLA DUCENTA e SAN MARCELLINO Provincia di Caserta Trentola Ducenta San Marcellino INTERVENTI PER IL CONTROLLO E LA TUTELA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO AL FENOMENO DEI Progettista: Kiqual srl Ing. Gaetano Nacci Responsabile del Procedimento: NOME ELABORATO DATA EMISSIONE SCALA CODICE ELABORATO Relazione tecnico 19 Dicembre 2014 E.REL.1 AGGIORNAMENTO DATA DESCRIZIONE 1 19/12/2014 Emissione definitiva La proprietà intellettuale del presente documento, e di ogni allegato, è della Kiqual s.r.l.. La documentazione è opera dell ingegno e costituisce oggetto di diritto d autore, tutelato dall art del c.c. e dalla Legge 22/04/41 ss.mm. e ii.. Ogni violazione (riproduzione, anche parziale o in forma riassuntiva o per stralcio) sarà perseguita penalmente..

2 INDICE 1 PREMESSA SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA Localizzazione dei siti Localizzazione siti comune Trentola Ducenta Localizzazione siti comune di San Marcellino Quadro di unione dei siti individuati in entrambi i territori comunali Descrizione dell intervento tecnologico Architettura del sistema Sistema di trasmissione Wireless Specifiche tecniche apparati postazione di videosorveglianza Telecamere Telecamera fissa Telecamera DOME Telecamere mobili Telecamere trappola Palmari Apparati di trasmissione wireless Modalità di installazione La centrale di controllo La Sala Apparati La postazione di supervisione e comando Visualizzazione delle Immagini su grandi schermi a parete Caratteristiche della piattaforma software di centrale Interoperabilità con Sistemi di terze parti Pag. 1 di 37

3 Criteri e modalità di accesso ai dati Interoperabilità con il DSS SMA Campania Interoperabilità con le forze dell ordine Interfaccia con la Banca Dati PROMETEO Servizi Manutenzione del sistema Formazione degli operatori del sistema OPERE DI SISTEMAZIONE/RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE TERRITORIALI Sistemazione aree a verde e piantumazione Opere di recinzione NORME TECNICHE E DI LEGGE Pag. 2 di 37

4 1 PREMESSA Il presente elaborato ha per oggetto la progettazione definitiva per l esecuzione di interventi mirati al controllo e la tutela ambientale e al contrasto del fenomeno dei roghi di rifiuti sul territorio delle province di Caserta e in particolare nei territori dei Comuni di Trentola Ducenta e San Marcellino. Gli interventi previsti dal presente progetto definitivo riguardano principalmente la realizzazione di un sistema di videosorveglianza territoriale per ognuno dei due Comuni e opere di sistemazione/riqualificazione delle aree territoriali degradate di conseguenza al fenomeno dei roghi di rifiuti. L intervento gode di finanziamento mediante fondi della Regione Campania all interno dell AVVISO PUBBLICO PER L'ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AI COMUNI DELLE PROVINCE DI NAPOLI E CASERTA PER ATTIVITA' DI CONTROLLO E TUTELA AMBIENTALE ATTE A CONTRASTARE IL FENOMENO DEI (Decreto Dirigenziale n. 6 del 30/09/2013) Pag. 3 di 37

5 2 SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA 2.1 Localizzazione dei siti La localizzazione dei siti da videosorvegliare all interno dei territori comunali è stata effettuata individuando innanzitutto le aree che presentano il maggior rischio connesso: al fenomeno dei roghi di rifiuti all inquinamento causato dallo smaltimento abusivo dei rifiuti urbani e dei rifiuti speciali siano essi pericolosi o no. Figura 1 Limiti territoriali dei comuni di Trentola Ducenta e San Marcellino La scelta dei siti da monitorare è stata quindi effettuata individuando all interno del territorio di competenza le aree a maggior rischio segnalate tra l altro all utg della Provincia di Napoli nel portale Prometeo. Pag. 4 di 37

6 La scelta dei siti, ha inoltre tenuto conto dell ubicazione delle postazioni di videosorveglianza esistenti all interno dei territori comunali Localizzazione siti comune Trentola Ducenta All interno del comune di Trentola Ducenta, seguendo le indicazioni generali descritte nel paragrafo precedente, sono stati individuati i seguenti 19 siti da monitorare attraverso l installazione di postazioni di videosorveglianza. Nella tabella seguente si riporta il posizionamento dei siti individuati : Latitudine Longitudine TLC '44.82"N 14 9'26.99"E TLC '45.18"N 14 10'1.00"E TLC '45.45"N 14 11'14.87"E TLC '46.07"N 14 11'29.82"E TLC '37.37"N 14 11'35.91"E TLC '22.94"N 14 11'8.32"E TLC '7.73"N 14 10'31.21"E TLC '22.19"N 14 10'31.05"E TLC '22.03"N 14 9'44.32"E TLC '13.47"N 14 9'27.89"E TLC '31.56"N 14 9'36.26"E TLC '59.49"N 14 9'28.59"E TLC '21.13"N 14 9'38.99"E TLC '31.61"N 14 9'27.28"E TLC '7.15"N 14 11'3.74"E TLC '7.36"N 14 11'15.09"E Pag. 5 di 37

7 TLC '44.76"N 14 9'6.04"E TLC '31.05"N 14 9'8.51"E TLC '3.61"N 14 10'11.43"E L ubicazione dei siti individuati è riportata nell immagine seguente: Figura 2 Posizionamento previsto dei siti di videosorveglianza da realizzare Un maggior dettaglio cartografico sulle aree a rischio individuate che delle postazioni di videosorveglianza previste è riportato nell elaborato di progetto denominato E_REL_2_Monografie siti di intervento Localizzazione siti comune di San Marcellino All interno del comune di San Marcellino, seguendo le indicazioni generali descritte nel paragrafo precedente, sono stati individuati i seguenti 21 siti da monitorare attraverso l installazione di postazioni di videosorveglianza: Pag. 6 di 37

8 Nella tabella seguente si riporta il posizionamento dei siti individuati : Latitudine Longitudine TLC '51.23"N 14 10'8.18"E TLC '45.31"N 14 10'16.27"E TLC '41.29"N 14 10'16.84"E TLC '44.01"N 14 10'7.93"E TLC '45.38"N 14 10'4.14"E TLC '35.93"N 14 9'54.31"E TLC '40.59"N 14 9'27.99"E TLC '37.00"N 14 9'27.18"E TLC '29.81"N 14 9'26.62"E TLC '29.23"N 14 9'26.92"E TLC '18.91"N 14 9'26.76"E TLC '17.96"N 14 9'26.78"E TLC '7.67"N 14 9'26.79"E TLC '6.95"N 14 9'26.79"E TLC '44.98"N 14 9'26.44"E TLC '45.13"N 14 9'42.72"E TLC '55.72"N 14 9'42.57"E TLC '4.29"N 14 10'51.54"E TLC '6.44"N 14 10'57.34"E TLC '8.07"N 14 10'57.33"E TLC '15.69"N 14 10'57.05"E Pag. 7 di 37

9 Tabella 1 Ubicazone siti San Marcellino L ubicazione dei siti individuati è riportata nell immagine seguente: Figura 3 Posizionamento previsto dei siti di videosorveglianza da realizzare Un maggior dettaglio cartografico sulle aree a rischio individuate che delle postazioni di videosorveglianza previste è riportato nell elaborato di progetto denominato E_REL_2_Monografie siti di intervento Quadro di unione dei siti individuati in entrambi i territori comunali Nell immagine seguente si riporta una visione d insieme della localizzazione dei 40 siti in totale da monitorare in entrambi i comuni. Pag. 8 di 37

10 Figura 4 Quadro di unione delle postazioni di videosorveglianza individuate in entrambi i territori comunali 2.2 Descrizione dell intervento tecnologico Per raggiungere l obiettivo di monitorare, le aree a rischio individuate all interno dei comuni è stato scelto di realizzare un impianto di videosorveglianza all avanguardia. Il sistema prevede, per entrambi i comuni, una centrale di controllo ubicata dove l operatore potrà visualizzare le immagini in tempo reale e le immagini registrate provenienti dalle telecamere fisse ad altissima qualità posizionate sul territorio. In particolare per il monitoraggio delle aree soggette a sversamento abusivo si prevede l utilizzo di telecamere in grado di fornire un altissima risoluzione minima di 5 megapixel, così da poter avere il controllo, anche sulle immagini registrate di quanto successo nell area. Questa scelta consente infatti di tenere costantemente sotto controllo tutta l area, possibilmente senza avere zone d ombra, in modo tale da rilevare sempre la presenza di persone o mezzi e riscontrare un Pag. 9 di 37

11 eventuale illecito. In particolare tali telecamere sono dotate di un illuminatore IR per garantire la visione anche in condizioni di scarsa illuminazione. Ad integrazione delle telecamere dedicate al monitoraggio delle aree sono stati posizionati, in alcuni casi, uno o più punti di ripresa nei punti di accesso alla zona oggetto del controllo al fine di rendere certa l identificazione della persona o del mezzo che grazie alla visione panoramica si è dimostrata colpevole di un illecito. Per il monitoraggio delle vie di accesso si prevede sempre l utilizzo di una telecamera fissa avente le caratteristiche su indicate. Il progetto prevede inoltre: l utilizzo di telecamere trappola ricollocabili e quindi posizionabili in campo ogni qualvolta si verifichi la necessità di monitorare aree diverse che verranno definite di volta in volta sulla base o di nuove criticità che con il tempo potrebbero verificarsi o per monitorare aree non coperte dal sistema di videosorveglianza fissa; l installazione di un sistema di videosorveglianza mobile a bordo dei mezzi della Polizia Municipale; la dotazione di palmari ai corpi di Polizia Municipale dei due Comuni. 2.3 Architettura del sistema Il progetto prevede la realizzazione di due sistemi di videosorveglianza distinti, uno per il comune di Trentola Ducenta e uno per il comune di San Marcellino, di cui si riporta di seguito lo schema a blocchi. Pag. 10 di 37

12 Figura 5 Diagramma a blocchi del sistema di videosorveglianza Entrambi i sistemi, saranno costituiti da postazioni di videosorveglianza fisse e mobili che trasmettono le immagini (utilizzando un sistema di comunicazione wireless basato su tecnologia HiperLAN per quanto riguarda le postazioni fisse e la rete UMTS per quanto riguarda le telecamere mobili), al centro di controllo dove le immagini vengono registrate e visualizzate monitor e PC dedicati. Il centro di controllo sarà ubicato sia per il sistema di videosorveglianza progettato per il comune di Trentola Ducenta sia per il sistema di videosorveglianza progettato per il comune di San Marcellino presso le rispettive sedi del comando di Polizia Municipale. 2.4 Sistema di trasmissione Wireless La trasmissione delle immagini provenienti dalle postazioni periferiche di videosorveglianza fissa verso i rispettivi centri di controllo sarà garantita attraverso la realizzazione di un'infrastruttura di rete del tipo WLAN (Wireless Local Area Network), basata su tecnologia HiperLAN in banda di frequenze "non licenziate" (5,47 5,725 GHz o 17,1 17,3 GHz). La soluzione di rete proposta garantisce elevati livelli di scalabilità, interoperabilità con altre reti di comunicazione e sicurezza delle informazioni trasmesse grazie all'utilizzo di efficaci sistemi di crittografia e autenticazione (in accordo con quanto riportato nel paragrafo 3.3.1, "Utilizzo di reti pubbliche e connessioni wireless", del Provvedimento in Materia di Videosorveglianza del del Garante della Privacy). L'infrastruttura di telecomunicazione a servizio del sistema di videosorveglianza dei due comuni dovrà garantire sia l'efficacia che l'efficienza della trasmissione dei segnali da e verso la centrale operativa di controllo ubicata presso la sede della polizia municipale di entrambi i comuni. La topologia della rete, derivata da una topologia a stella e distribuita sul territorio dei due comuni, prevede un nodo presso ciascuna postazione di ripresa dei sistema di videosorveglianza, in modo tale da garantire una trasmissione bidirezionale tra il centro di controllo presso la sede del Comando di Polizia Municipale e ciascuna delle postazioni di videosorveglianza ubicati sul territorio comunale. Nelle immagini seguenti si riporta per entrambi i sistemi di videosorveglianza l ubicazione delle postazioni di videosorveglianza e del centro di controllo. Pag. 11 di 37

13 Figura 6 Comune di Trentola Ducenta: Ubicazione postazione di videosorveglianza e del centro di controllo Pag. 12 di 37

14 Figura 7 Comune di San Marcellino: Ubicazione postazione di videosorveglianza e del centro di controllo Poiché alcuni nodi non sono in visibilità radioelettrica diretta con il centro di controllo, per la rete di trasmissione si prevede la realizzazione di 2 postazioni ripetitrici, sia per il sistema di videosorveglianza progettato per il comune di Trentola Ducenta che per quello del comune di San Marcellino. Si rimanda all appaltatore il dimensionamento della rete radio wireless che avverrà indicando chiaramente: le tratte radio da realizzare, la tipologia di antenne scelte e le caratteristiche radioelettriche delle medesime in modo tale da garantire, in funzione della potenza trasmessa in antenna dagli apparati scelti, della lunghezza della tratta radio, delle caratteristiche orografiche e degli eventuali ostacoli presenti nella sezione di territorio attraversata dal collegamento via etere, della larghezza di banda occupata dall'insieme dei segnali da trasmettere, nonché di tutti i fattori fisici che possono influire sulla Pag. 13 di 37

15 qualità del segnale trasmesso, una potenza del segnale ricevuto sufficiente a garantire un'elevata qualità di tutti i segnali video e dati trasferiti sulla tratta radio. L'Appaltatore, inoltre, dovrà garantire, per tutto il periodo di manutenzione offerto, la non interferenza degli apparati di comunicazione wireless installati con sistemi esistenti e/o futuri e, nel caso si verifichino problemi di interferenza, provvedere tempestivamente a rimuoverne la causa, qualunque essa sia, in accordo con il gestore dell'altra rete interferente. Tutti gli apparati installati, infine, dovranno avere il certificato di approvazione CE per la compatibilità elettromagnetica. La topologia della rete radio progettata dovrà prevedere indicativamente: collegamenti PTP a 5GHz dalle postazioni di ripresa con antenne direttive da 23 dbi di guadagno, un collegamento PTP a 17 GHz per la tratta di "dorsale", sulla quale passa il maggior numero di segnali, con antenna direttiva collegata a una radio Rx Tx ridondata, un "centro stella" con tre antenne settoriali da 60 di apertura e 17 dbi di guadagno collegate a tre radio Rx Tx ridondate. 2.5 Specifiche tecniche apparati postazione di videosorveglianza Si riportano nel seguente paragrafo le specifiche tecniche indicative dei principali apparati che costituiranno le postazioni di videosorveglianza Telecamere Telecamera fissa Il progetto prevede la realizzazioni di 18 postazioni di videosorveglianza fissa per il comune di Trentola Ducenta e di 21 postazioni di videosorveglianza fissa per il comune di san Marcellino. Di seguito si riportano le principali caratteristiche tecniche minime della telecamera fissa: Telecamera in custodia antivandalo con illuminatore IR con 6 led con portata fino a 15 metri. Risoluzione 5 MegaPixel Colore Day/Night, formati di compressione H264/MPEG4/MJPEG, fino a 30 fps con risoluzione megapixel (2560 x 1920), ottica megapixel motorizzata autoiris 2x (4.5 9 mm) sensibile all'infrarosso. Audio bidirezionale. Alimentazione 12 Vdc/24Vac/PoE. IP67/IK10 Completa di Adattatore da Pag. 14 di 37

16 Palo per istallazione della custodia IP66 predisposto per il passaggio cavi al centro e resistente agli agenti atmosferici e adatto ad istallazioni su pali e tralicci. SPECIFICHE TECNICHE Day/Night meccanico Illuminatore IR 16 LED Codec Video: H264, MPEG4, MJPEG Risoluzione massima: 2560 x 1920 Ottica Megapixel Motorizzata 2x (4.5 9 mm F1.3) (sensibile all'infrarosso) Illuminazione minima: 0 Lux (IR ON) Velocità Otturatore: 1/5 ~ 1/8000 sec Audio bidirezionale Slot per Memoria Slot Micro SD/SDHC per registrazione locale Motion Detection Allarme Tampering Maschera Privacy Alimentazione 12Vdc/24Vac/POE Consumo: 1A max a 12 Vdc CCD 1/3" CMOS progressive scan Temperatura di funzionamento C Umidità 10 90% Dimensioni x x mm Peso 1.35 Kg IP67 IK10 Pag. 15 di 37

17 Telecamera DOME Il progetto prevede la realizzazioni di 1 postazione di videosorveglianza con telecamera brandeggiabile DOME per il comune di Trentola Ducenta. Di seguito si riportano le principali caratteristiche tecniche minime della telecamera Dome: Telecamera da esterno Dome IP brandeggiabile, risoluzione HD. Zoom ottico 18x (4.7 mm ~ 84.6 mm). Panning AutoTrack. Compressione H264, MPEG4, JPEG. Alimentazione 24Vac/POE. SPECIFICHE TECNICHE Day/Night meccanico Codec Video: H264/MPEG4/JPEG Risoluzione massima: 1, Sensore MOS 1,3 MegaPixels da 1/3" a scansione progressiva Ottica zoom motorizzato autoiris 18x ( mm)estendibile a 36x Sensibilità: Colore lx, B/W: lx Alimentazione 12Vdc/POE Consumo: 24Vac 43W (Heater ON), PoE Plus: approx. 24W Dimensioni ø239 mm x mm Temperatura di esercizio 40 C ~ +50 C Telecamere mobili Il progetto prevede l'allestimento di n 2 mezzi della Polizia Municipale per il comune di Trentola Ducenta e di n 2 mezzi della Polizia Municipale per il comune San Marcellino con sistemi di video ripresa a bordo mezzo. I sistemi sono dotati di capacità di registrazione in locale dei filmati su supporto di memorizzazione dedicato: i sistemi vengono utilizzati nei pattugliamenti per le riprese in ambiente esterno. Pag. 16 di 37

18 I contenuti multimediali registrati e memorizzati sui supporti di memorizzazione dei sistemi vengono scaricati e archiviati sugli hard disk delle postazioni client, e resi disponibili sul sistema di gestione centrale della Polizia Locale, per la loro successiva ricerca e visualizzazione. Inoltre i sistemi di video ripresa di bordo, possono trasmettere i filmati in tempo reale, direttamente dal territorio e dal luogo di intervento, al sistema di gestione centrale presso il Comando della Polizia Locale; la trasmissione avviene tramite Sim Dati UMTS. Tali filmati vengono memorizzati presso il sistema di gestione della Centrale di Controllo e possono essere fruiti in tempo reale dalle postazioni di consultazione installate presso il Comando Telecamere trappola Il progetto prevede la fornitura di n. 4 telecamere trappola per il comune di Trentola Ducenta e di 4 telecamere trappola per il comune di san Marcellino in grado di registrare video o foto, notte e giorno sulla memoria interna. Il principio fondamentale di una telecamera trappola è quello essere collocato in una posizione remota e impostato per registrare quando c è movimento. È quindi possibile tornare indietro e rivedere ciò che si è registrato in un secondo momento. In particolare si prevede l utilizzo di fotocamere trappola aventi le seguenti caratteristiche minime: risoluzione di 8Mpixel, illuminatori infrarosso per scattare fotografie nitide anche in assenza completa di illuminazione. registrare video ad alta risoluzione con sonoro. Funzione time lapse per scattare fotogrammi continui in modo da ottenere un filmato unendo i vari fotogrammi scattati. Pag. 17 di 37

19 La fototrappola adotta la tecnologia Triad 3 in 1, qui di seguito riportiamo le caratteristiche di questa tecnologia: Video: da la possibilità di eseguire dei video al rilevamento di movimento tramite sensore PIR, si può impostare il tempo della durata del video dopo che è stato attivato il sensore PIR Foto: Scatto di fotografie al rilevamento di movimento tramite sensore PIR, è possibile impostare il numero di fotogrammi da scattare per ogni rilevamento; è inoltre possibile impostare un tempo di attesa dopo il quale riarmare il sensore PIR. Questa funzione è molto importante, e riduce notevolmente gli scatti inutili o simili. Time Lapse: Questa funzione permette di impostare una fascia oraria nelle 24H nella quale scattare fotografie anche senza rilevare nessun movimento. Si può impostare l'intervallo tra un fotogramma e l'altro e l'intervallo orario di quando attivare la funzione. Questa funzione viene utilizzata per monitorare in modo continuo una determinata area Di seguito sono riportate le principali caratteristiche tecniche: Risoluzione Led Infrarosso Risoluzione Filmati Frame Rate Video Durata Video Info su Foto Numero Scatti Evento Invio di MMS Invio su Motion Uscita Audio/Video Alimentazione Ausiliaria 12V Zoom 8Mpx 5Mpx 38 Led 640 x 480 VGA Audio/Video 30 FPS Real Time 15/20/30/60/90/120/150 Secondi Ora/Data/Fasi Lunari Da 1 a 9 Programmabile No No Sì Sì Digitale 2X/4X Pag. 18 di 37

20 Time Lapse Sì Palmari Il progetto prevede la fornitura di 4 palmari per il comune di Trentola Ducenta e 4 palmari per il comune di San Marcellino aventi le seguenti caratteristiche tecniche: È dotato di radio Walkie talkie UHF e può essere connesso alle frequenze VHF tramite un dispositivo indipendente che andiamo a costruire noi ad Hoc Ha un tasto dedicato SOS che può essere attivato dall operatore. Nel momento dell attivazione il telefono invia oltre alla chiamata di soccorso ai numeri impostati anche un sms ai numeri impostati con le coordinate del luogo in cui si trova l operatore. Il sistema SOS può essere impostato anche in automatico e il telefono è in grado di riconoscere se l operatore è da troppo tempo immobile (tempo minimo impostabile da 3 secondi in su), oppure se cade violentemente a terra. In questo caso l operatore ha un tempo minimo per disattivare il sistema, anche in questo caso programmabile, altrimenti il telefono inizia le chiamate e l invio degli sms. Oltre agli sms e le chiamate il telefono può impostare che un segnale SOS dalla luce posteriore, l attivazione del viva voce per far ascoltare da remoto l ambiente, e l attivazione della luce laser nel caso ci si trovi in ambienti con fumo, nebbia ecc. È OTG (on to go) pertanto tramite cavetto in dotazione al telefono possono essere collegati accessori esterni come hard disk chiavette USB, Mouse, Tastiere, ecc Tra gli accessori che sto testando anche una telecamera endoscopica dove il telefono funge da visore Il telefono viene fornito con una memoria SDHC da 32 Gb Ha un sistema di registrazione delle telefonate. Ogni volta che viene sincronizzato con la rete vengono scaricate. Il telefono è dual SIM È dotato di sistema wi fi walkie talkie pertanto se sono presenti reti a cui connettersi le distanze di collegamento tra apparati diventano pressoché illimitate La tabella di seguito riportata riassume le principali caratteristiche tecniche: Pag. 19 di 37

21 Platform MTK 6577 A 9 dual core 1.0G rugged android mobile,android Language: Multinational Language Network: GSM 850/900/1800/1900MHZ WCDMA 850/ 1900/2100Mhz Screen 4.3Inch 800*480 touch sensitive control Dimensions 154 x 73.5 x 25mm Memory:1G+4G Camera: front 0.3,rear 8.0 Bluetooth: yes 2.1 Mp3/mp4: YES FM: yes Torch: yes JAVA: YES WIFI: yes Interphone : PTT within 5km MHZ Water proof: IP 67 withstand test with 2m under water and 30 min of lasting time dust proof :seal Drop resistant performance: withstand impact of being dropped from 2m height to concrete floor for many times GPS: support E compass: electronic emulation compass Phone Battery Type : 3800 m A h Standby Time: about 780hours Talking Time: 16hours Accessories: One Battery, One Charger, One Earphone. data cable, two screwed Red laser: yes Apparati di trasmissione wireless La tabella che segue sintetizza i requisiti tecnici minimi che dovranno essere garantiti dagli apparati per l'implementazione della rete wireless. Tecnologia Banda di frequenze RF(GHz) Modulazione Potenza Tx Sensibilità Rx Modalità operativa Autenticazione Crittografia Gestione canali Gestione potenza trasmessa Funzioni Porta Ethernet Controllo funzionamento HiperLAN2 (5 o 17 GHz) 5,47 5,725 / 17,1 17,3 (unlicensed) 4/16/64/256 QAM 30 dbm / 20 dbm EIRP 91 dbm (6Mbps) Bridging PtP e MtP WPA2,WPA, WPA PSK WEP 128 bit, AES, TKIP DFS (Dynamic Frequency Selection), Radar Free, Auto Channel ATPC (Automatic Transmit Power Control) Firewall, Router, QoS Fast Ethernet 10/100 Full Duplex Watchdog hw & sw con e mail alert Pag. 20 di 37

22 Antenna Integrata o esterna Range temperatura 30 C / + 60 C Grado di protezione IP Modalità di installazione I siti di videosorveglianza, verranno approntati utilizzando laddove possibile le infrastrutture esistenti (pali pubblica illuminazione, semafori, pali esistenti, edifici etc.) e saranno alimentati utilizzando la rete ENEL. Figura 8 Esempio di installazione telecamera su palo pubblica illuminazione Solo nei siti in cui non è possibile utilizzare le infrastrutture già esistenti per l allestimento del sito verrà utilizzato un palo in ferro zincato di altezza fuori terra pari a 6 m (o comunque di altezza sufficiente per raggiungere il punto di ricezione) ancorato al terreno a mezzo di un plinto in cemento (vedi elaborato di progetto E_REL_3_Calcoli strutturali). La fornitura e posa in opera degli apparati che formano il sistema di videosorveglianza, dovranno essere realizzate secondo le normative in vigore al momento dell inizio dei lavori. Tutti i materiali dovranno essere conformi alle vigenti regolamentazioni nazionali e comunitarie, provenienti da primarie aziende produttrici, e coperti dalle garanzie previste dalla Legge. Tutti i dispositivi dovranno essere installati secondo quanto indicato dal produttore e seguendo la norma dell installazione a regola d arte qualora non ci fossero precise indicazioni, rispettando ogni normativa di riferimento e facendo attenzione alla facilità di accesso, montaggio, smontaggio e manutenzione. Pag. 21 di 37

23 La posa degli elementi di supporto o contenimento apparati seguirà le indicazioni del costruttore e comunque dovrà rispettare la norma della buona installazione. Le telecamere dovranno essere posizionate in modo tale da costantemente sotto controllo tutta l area da monitorare, possibilmente senza avere zone d ombra, in modo tale da rilevare sempre la presenza di persone o mezzi e riscontrare un eventuale illecito. Per la quantificazione del numero dei nuovi pali da fornire si rimanda all elaborato di progetto E_REL_3_Calcoli strutturali La centrale di controllo La Sala Apparati Il progetto prevede la presenza di una sala operativa, in ognuno dei due comuni, totalmente indipendenti ed in grado fornire tutte le funzioni ed i servizi del sistema a livello locale di centrale, il luogo di installazione della Sala Operativa è all interno della sede del comando della Polizia Locale dei due Comuni in un locale appositamente individuato, che l'appaltatore dovrà eventualmente provvedere ad adeguare per renderlo idoneo ad ospitare gli apparati forniti, dovrà essere installato un armadio rack contenente una unità server per la gestione del sistema, una unità di storage e una unità di gestione dei servizi applicativi e web. L'unità di gestione del Sistema dovrà essere idonea a garantire il pieno controllo e la gestione remota di tutti i flussi video e di tutti i dispositivi, periferici e centrali, inseriti nella rete di monitoraggio dei territori Comunali. L'unità di storage deve essere opportunamente dimensionata per garantire una registrazione continua dei flussi video di tutte le telecamere del Sistema, a 25 fps e alla massima risoluzione consentita dai dispositivi di ripresa e dalla tecnologia di compressione utilizzata, per minimo 7 giorni. Attraverso l'unità di storage, l'amministratore di sistema deve poter configurare opportune policy di sicurezza dei dati basate sulla gestione della ridondanza degli archivi delle registrazioni; i moduli di memoria, pertanto, dovranno essere fisicamente ridondati. L'unità di gestione dei servizi applicativi e web dovrà essere idonea per la gestione di un portale intranet e di tutti i servizi ad esso correlati, necessario per consentire agli altri Organismi preposti al controllo del territorio (Guardia di Finanza, Polizia Provinciale, Polizia Municipale, Carabinieri, Questura, SMA Campania) Pag. 22 di 37

24 di collegarsi via VPN al Sistema e di visualizzare sia le immagini che gli allarmi provenienti dalle postazioni periferiche di sorveglianza. L'armadio rack, inoltre, dovrà disporre di una consolle integrata di gestione (monitor e tastiera). Tutte le unità hardware fornite, nonché l'armadio rack nel suo complesso, dovranno avere caratteristiche tali da garantire all'amministrazione un'ampia possibilità di espandere il sistema (sia in termini quantitativi che funzionali) senza che si rendano necessarie ulteriori forniture. L'armadio rack dovrà essere opportunamente cablato e alimentato. Dovrà integrare, inoltre, un sistema di ventilazione e un gruppo di continuità ridondato e opportunamente dimensionato per garantire un'autonomia di alimentazione di almeno 30 minuti al complesso di apparati installati all'interno del rack. Infine, l'armadio dovrà essere dotato di un idoneo sistema di attestazione dei cavi e di apparati di rete per la connessione alla LAN dedicata del Sistema di videosorveglianza. Tutti gli impianti di nuova fornitura dovranno essere certificati dall'appaltatore secondo le normative vigenti La postazione di supervisione e comando Dovranno essere realizzate minimo due postazioni operatore (una per ogni comune) complete di tutte le funzionalità del sistema. Le workstation dovranno essere configurate sotto il profilo HW e SW in base alle funzionalità del software, dovranno essere pienamente utilizzabili e dovranno avere una capacità di elaborazione in grado di rappresentare le immagini, i dati e la cartografia senza ritardi, per quest ultima negli specifici casi di ingrandimento, riduzione e scroll. Ogni Postazione sarà corredata, tra l altro, di due Monitor da 24, per la visualizzazione delle immagini, e di un unità ottica per consentire l estrazione e il salvataggio di filmati. Pag. 23 di 37

25 Da questa Postazione di Supervisione e Comando, l'operatore di Polizia Municipale dovrà poter svolgere le seguenti attività sul Sistema, in tempo reale: impostare e configurare l'area di visualizzazione dei 2 monitor (funzione "matrice video virtuale") scegliendo il numero e la posizione dei flussi video da visualizzare; visualizzare le immagini dal vivo provenienti dalle telecamere di osservazione (almeno 12 flussi video contemporanei live, selezionabili manualmente o preimpostati, distribuiti sui 2 monitor); scegliere l inquadratura delle telecamere (eventualmente con dei preset ); comandare i movimenti PTZ ("pan tilt zoom") delle telecamere Dome mediante apposita consolle dedicata, costituita da tastiera con joystick integrato per il controllo della telemetria (con tempo di reazione del sistema, misurato tra l istante di invio del comando da parte dell operatore e il momento di percezione della variazione nell inquadratura visualizzata, non superiore a 1500 ms); lanciare delle routine di controllo ciclico del campo di ripresa delle telecamere dome (funzione "ronda automatica"); ricevere le segnalazioni automatiche del Sistema, visualizzare e gestire gli eventuali allarmi che, una volta processati, saranno storicizzati; visualizzare una cartografia interattiva a livelli multipli, navigabile, che gli consenta: o di visualizzare e/o selezionare direttamente su mappa, tramite un'operazione di "drag & drop", le telecamere i cui flussi video saranno visualizzati sui 2 monitor, o di visualizzare direttamente su mappa tutti gli eventuali allarmi, con le informazioni ad essi associate (data, ora, tipo, ecc.), e le aree geografiche nelle quali sono stati rilevati; esportare le immagini registrate; visualizzare le informazioni di controllo ("log" degli accessi al sistema, ecc.). Dalla postazione di supervisione e comando, inoltre, l'operatore dovrà poter accedere, in qualsiasi momento, a tutte le immagini registrate e svolgere le seguenti attività: visualizzare le immagini registrate delle telecamere di osservazione (almeno 4 flussi video contemporanei registrati, selezionabili manualmente o preimpostati, distribuiti sui 2 monitor); interfacciare i sistemi di analisi di scena per verificare eventuali allarmi ricevuti. Gli eventuali allarmi, storicizzati e archiviati nella banca dati del Sistema, non dovranno poter essere cancellati se non da personale abilitato, dotato di opportune credenziali di accesso al Sistema (di livello superiore rispetto alle credenziali di accesso associate al profilo "operatore"). La postazione di supervisione e comando, infine, sarà anche utilizzata, se necessario, dall'amministratore di sistema per eseguire le stesse operazioni eseguibili operando direttamente sulla consolle integrata nella piattaforma hardware, ovvero nell'armadio rack, del centro di elaborazione dati. Ad esempio, l'amministratore del Sistema, potrà: Pag. 24 di 37

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Guida tecnica alla tecnologia video di rete.

Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Tecnologie e fattori da valutare per sviluppare con successo applicazioni di sorveglianza E di monitoraggio remoto basate su IP. 2 Guida tecnica di Axis alla

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd.

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. Manuale utente del Client software ivms-4200 Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE.

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA TUA CENTRALE D ALLARME. LA NOSTRA FILOSOFIA Leader nel settore dei sistemi di sicurezza e domotica, dal 1978 offre soluzioni tecnologiche all avanguardia.

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 1.1 Presentazione...2 2.2 Download e installazione...2 2.2 Login...3 2.2.1 Limitazioni all'accesso...4 2.3 Profili di visione...6 2.4 Reti...7 2.5 Diritti...7 3.0 Fruizione

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas. www.pro.sony.

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4 e software di editing Vegas. www.pro.sony. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas Pro* Operazioni versatili per registrazioni Full HD 3D e 2D professionali HXR-NX3D1E è un camcorder professionale

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Francesco Fumelli. iphone. Cos è, come funziona. Simonelli electronic Book

Francesco Fumelli. iphone. Cos è, come funziona. Simonelli electronic Book Francesco Fumelli iphone The Line by Simonelli Editore Cos è, come funziona Simonelli electronic Book Simonelli electronic Book «iphone: Cos è, come funziona» di Francesco Fumelli ISBN 978-88-7647-327-2

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email :

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : info@sicurezzacsc.it sito : www.sicurezzacsc.it 2 NEXTtec progetta

Dettagli

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili.

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili. Made in Italy Sistemi gestione code MS32 Il sistema può utilizzare : - la documentazione eventi, numero di operazioni per servizio e postazione e dei tempi medi di attesa, con il programma MSW - il servizio

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli