La macchina fantastica: il libro dentro un computer Percorsi di esplorazione tecnologica nella scuola dell infanzia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La macchina fantastica: il libro dentro un computer Percorsi di esplorazione tecnologica nella scuola dell infanzia"

Transcript

1 1 Difficile raccontare un esperienza vissuta in modo così coinvolgente lavorando fianco a fianco con un piccolo gruppo di bambini di cinque anni. Difficile essere credibili in una relazione tecnica che va a delineare non un vero e proprio percorso sistematico, ma focalizza sull avvio di una fase propedeutica ed esplorativa delle potenzialità espressive della grafica digitale (per di più a due sole dimensioni, come TuxPaint ci propone) e la scoperta che con una macchina fantastica è possibile scrivere e disegnare un libro che sta tutto dentro ad un computer Ci proverò,anche perché mi sembra importante dare voce in epoca di tecnologie 2.0 agli entusiasmi di chineofita della didattica digitale- si ponga con atteggiamento consapevole la questione di come per i bambini più piccoli non siano solo necessari percorsi di avvicinamento alla strumentazione (cos è- come si usa- come ci si può giocare) ma anche una esplorazione ancora più fisica, perché per i bambini interagire con i colori e le parole digitalizzate del software è soprattutto una modalità interessante e utile per integrare l esperienza concreta della manipolazione (cartonaggio, pittura,plastilina..) e preparazione di materiali base in cartaceo per la rappresentazione di storie con cui continuare a giocare. 1

2 2 Ed è proprio con alcune storie raccolte nei laboratori curricolari di narrazione attivati in continuità educativa con la scuola primaria che si è deciso di lavorare alla costruzione collettiva di un libro digitale che ne raccogliesse immagini e parole Breve descrizione di contenuti, tempi, luoghi,fasi,modalità, strumenti e protagonisti Partiamo dai protagonisti e dai luoghi in cui hanno agito. Il progetto si è svolto nella sede della scuola dell infanzia di via Cassoni,coinvolgendo nel progetto 6 bambini di cinque anni (gruppo stabile per 6 sessioni) e 4 alunni della scuola primaria (per due sessioni di intergruppo) Tre gli insegnanti coinvolti : due per la scuola dell infanzia e uno della scuola primaria Tre gli spazi attrezzati : -laboratorio delle storie (spazio accogliente e attrezzato con tavoli per disegnare, angolo morbido, teatrino..ecc) -auletta multimediale (2 postazioni computer fisse + un portatile) -classe /sezione Le attività hanno concretizzato, sviluppato, reso visibile e trasformato elementi delle storie emerse nei laboratori di narrazione creativa Le storie di Topoblù, condivise dai bambini della sezione e dagli alunni della scuola primaria coinvolti Strumenti utilizzati durante le attività : -mani, forbici,pennelli, pennarelli,pastelli a cera -tavoletta grafica; macchina fotografica digitale; scanner;computer e mouse L intervento diretto con i bambini ha avuto durata di 12 ore ed ha impegnato il gruppo per due ore settimanali (1 ora per le narrazioni e il circle-time/ 1 ora circa per la sessione a computer). Fasi declinate nel percorso esplorativo alla scoperta del computer con modalità di intervento a piccolo gruppo/intergruppo/circle-time/peer tutoring I bambini alla scoperta della macchina (uso intuitivo dell interfaccia e training mirato) Giochi per capire i comandi Attività grafiche Costruzione di un libro digitale (solo immagini e scritte) da integrare in futuro con file audio 2

3 3 Due le sezioni di infanzia da cui provenivano i ragazzi (3 per classe), due le classi di primaria rappresentate dagli alunni coinvolti in una delle sessioni di lavoro come tutor (2 per classe) per un totale di 10 bambini seguiti da un team di tre docenti (due per la scuola dell infanzia e uno per la scuola primaria), due i volontari (uno studente universitario ed un genitore che ci hanno aiutati a completare il lavoro in orario extrascolastico. Difficoltà organizzative, logistiche e tecniche incontrate Inizialmente in fase di rilancio della progettazione agli inizi di settembre si era pensato di coinvolgere l intero gruppo dei 5 anni nell esperienza. Non è stato possibile per questioni organizzative e logistiche sostenere un progetto più corale. Il ridotto numero dei docenti ha imposto una drastica riduzione del numero degli alunni coinvolti. Inoltre l allestimento dello spazio laboratorio multimediale è risultato difficoltoso. L impianto elettrico a norma a cui collegare tutti gli hardware è stato collocato nella stanza dove si trovano fotocopiatrice e cordless una stanza di 3 metri per 2!!! Si è deciso di utilizzare le due postazioni fisse- collocate su tavoli bassi- che lasciano comunque ai bambini la possibilità di muoversi e lavorare almeno a coppie durante le fasi di esplorazione del computer e dei programmi Durante le attività di redazione per la costruzione del libro digitale, portatile e scanner sono stati collocati in un ambiente fisicamente più adeguato e dotato di tavoli e sedie comode + spazio per il circletime : l attiguo laboratorio di narrazione Coinvolgere i bambini, cercare di renderli attivi e interagire con i programmi individuati ha richiesto un adeguamento dei tempi e una riduzione di obiettivi tecnologici: abbiamo preferito non forzare l esplorazione dei programmi introducendo come inizialmente previsto anche file audio e registrazioni, che ci siamo comunque divertiti a prendere e riascoltare grazie ad Audacity. Verranno tempi migliori e migliori condizioni logistiche magari in futuro anche una vera postazione LIM da collocare in salone. Abilità e competenze acquisite da alunni ed insegnanti e modalità di relazione osservate In questa breve esperienza di esplorazione abbiamo tutti insegnanti e bambini- acquisito alcune competenze tecnologiche,poche ma essenziali. In alcuni casi, i bambini molto più degli insegnanti. Certo abbiamo imparato a lavorare in squadra perche le difficoltà si possono superare solo con un vero lavoro di equipe: abbiamo lavorato orientandoci alle linee operative della progettazione partecipata e del cooperative learning. 3

4 4 I bambini si sono scontrati all inizio con la necessità di concordare alcune regole fondamentali di convivenza per l uso del computer, la condivisione di materiali e le scelte da operare : il circle time all inizio e alla fine delle attività è diventato una consuetudine assembleare molto gradita e richiesta. Valutazione delle tecnologie e del materiale utilizzato La fase esplorativa avviata e conclusa nell arco di sei incontri ha comunque consentito ad alunni e bambini di imparare ad interagire adeguatamente con strumentazione e softwares predisposti: computer con sistema operativo open office computer con sistema operativo windows, scanner Software per disegnare e per colorare (TuxPaint, in prevalenza) Software /programma utilizzato per la costruzione del libro digitale : ILMIOLIBROBIG Strumentazione e programmi si sono rivelati efficaci per il breve percorso di previsto. Valutazione dell esperienza in termini di arricchimento professionale In questo percorso i docenti hanno imparato a porsi come è facilitatori di processo delle fasi assembleari e di lavoro cooperativo, coordinatori nel finalizzare al lavoro l esplorazione degli ambienti multimediali, esperti nel semplificare e rendere accessibile ai bambini gli strumenti e i softwares utili allo sviluppo del prodotto, in collaborazione costante con due volontari (un genitore e uno studente) Valutazione dell esperienza da parte dei ragazzi All inizio i bambini non avevano proprio capito che sarebbe stato cosi divertente..pensavano d sedersi a computer e semplicemente giocare qualcuno ci ha intrattenuti durante i primi circle time con le sue competenze di xbox. Quando abbiamo cominciato a disegnare e colorare con il computer hanno cominciato a creare bellissimi disegni sia con i pennarelli che con il programma :Quando hanno scoperto lo scanner hanno voluto scannerizzare non solo segni e disegni ma anche le foglie cadute dagli alberi.. Quando hanno capito che avremmo messo tutto in un libro dentro il computer si sono divertiti ancora di più Indicazioni circa una eventuale prosecuzione dell esperienza e una sua eventuale trasferibilità Credo che questa esplorazione sia necessariamente da leggersi come una fase propedeutica da percorrere in ogni caso con serietà ed impegno da parte di chi si avvicini per la prima volta ad una didattica assistita da nuove tecnologie nella scuola dell infanzia, anche ipotizzando un modulo breve di intervento 4 Non può rimanere fine a se stessa, ma essere sviluppata, ripensando tecniche ed approcci con uno sguardo progettuale molto più strutturato e sistematico. Potrebbe essere un interessante modalità

5 5 di approccio al lavoro di gruppo nelle classi già dotate di strumentazione/postazioni più evolute e di docenti con competenze molto più sofisticate di quelle che abbiamo messo in gioco. 5

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo.

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. PAOLA LIPAROTO Classe F3 - Anno scolastico 2008 2009 MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. Relazione finale Titolo del progetto: Piccoli Narratori Contenuti:

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA 1 INS. BORTOLATO GIUSEPPINA CLASSE E7 RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA Il progetto LA STORIA OLTRE LA STORIA è stato realizzato per far comprendere al bambino, che quando, ci sono modifiche

Dettagli

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni Russi Grazia Classe F1 a.s. 2008/09 Tutor: Silvia Rossi Titolo: Ambiente e territorio Relazione finale Contenuti Il progetto ha lo scopo di sviluppare nei ragazzi il senso di appartenenza nei confronti

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

Relazione finale progetto Click, che racconto!

Relazione finale progetto Click, che racconto! Relazione finale progetto Click, che racconto! Corsista: - Tutor Mauro Cocchi 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 2. Numero di classi coinvolte, di insegnanti,

Dettagli

Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009

Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009 Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti

Dettagli

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Diploma On Line secondo anno 2006/07 Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Corsista: Orazio Rapisarda classe C1 Il progetto scaturisce dall opportunità di lavorare con un gruppo di alunni che avevano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 I nostri spazi 5 sezioni 2 bagni con servizi igienici

Dettagli

Convivenza civile e cittadinanza attiva e consapevole

Convivenza civile e cittadinanza attiva e consapevole Istituto Comprensivo Statale C. Carminati di Lonate Pozzolo Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Classi: 2 C- Scuola Primaria Volta 1 A- Scuola Secondaria Carminati a.s. 2009-2010 Unità di Apprendimento

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE

ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE ISTITUTO COMPRENSIVO V.O.CENCELLI SABAUDIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE Ferraro Adele Anno Scolastico 2013 2014 ATTIVITA di Continuità educativo - didattica Accoglienza PROGETTO Conoscere per

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Progetto Accoglienza 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! P R E M E S S A I primi giorni di scuola segnano

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA Scrittura giocata: dal gesto al segno mi muovo con l alfabeto

TITOLO: LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA Scrittura giocata: dal gesto al segno mi muovo con l alfabeto TITOLO: LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA Scrittura giocata: dal gesto al segno mi muovo con l alfabeto DESTINATARI: Il progetto è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO L ISTITUZIONE SCOLASTICA E IL NUOVO SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE L Istituzione Scolastica ha proceduto alla definizione del proprio Curricolo operando l essenzializzazione

Dettagli

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI P R O G E T T O D I C I R C O L O NOI A SCUOLA DI RACCONTERIA PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI PREMESSA Com è possibile riuscire a far sì che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio Al termine del progetto Comenius che ha portato a Gioia studenti e docenti provenienti dalla Turchia, si torna tutti alla solita routine, ma con tanti bei ricordi e nuovi amici. Di seguito un breve resoconto

Dettagli

RELAZIONI FINALE sul PROGETTO: MINI-LEZIONI per

RELAZIONI FINALE sul PROGETTO: MINI-LEZIONI per RELAZIONI FINALE sul PROGETTO: MINI-LEZIONI per piccoli matematici! Mini-lezioni per piccoli matematici! costituisce l evoluzione di un esperienza progettuale conclusasi a giugno 2008, attraverso un percorso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

La Movida. Richiesta partecipazione al progetto Travel game, la cultura della lettura

La Movida. Richiesta partecipazione al progetto Travel game, la cultura della lettura Alla C.A. del dirigente scolastico Richiesta partecipazione al progetto Travel game, la cultura della lettura Da realizzarsi nel corso dell anno scolastico 2013-2014 Foto di gruppo Salone internazionale

Dettagli

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Scuola dell infanzia paritaria Opera Pia G. Cavallini PROGETTO ANNUALE 2012-2013 L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Premessa Il nostro viaggio inizia da un posto a noi molto caro e vicino: la nostra biblioteca!

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

RELAZIONE FINALE. Corsista: Francesca Lepore Classe F1 2008/2009

RELAZIONE FINALE. Corsista: Francesca Lepore Classe F1 2008/2009 RELAZIONE FINALE Corsista: Francesca Lepore Classe F1 Diploma on Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie 2008/2009 Titolo: Progetto Crea Natura Premessa e motivazione L importanza

Dettagli

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto English Podcast è stato finalizzato alla registrazione di file audio o video di lezioni in

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME

Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME Istituto Comprensivo Paolo Borsellino di Montecompatri PROGETTO ACCOGLIENZA FELICI DI STARE INSIEME Il progetto accoglienza è condotto all'interno di tutto l'istituto con le stesse finalità, diversificandosi,

Dettagli

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria Cre@tivi Digit@li S.M.S. Don Milani - Genova Liguria S.M.S. Don Milani - Scuola sperimentale Progetto Nazionale Scuola Laboratorio don Milani, ex art.11 (iniziative finalizzate all innovazione), D.P.R.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

Progetti attivati a livello d Istituto

Progetti attivati a livello d Istituto I PROGETTI e LE ATTIVITA Progetti attivati a livello d Istituto Progetto per l integrazione della formazione religiosa L insegnamento della religione si avvale di un itinerario formativo, didattico e spirituale,

Dettagli

Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi!

Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi! Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi! Proposta didattica per le scuole secondarie di primo grado Ideazione e realizzazione di storie interattive basate su elementi grafici, fotografici e video realizzati

Dettagli

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE.

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. PROGETTI SPECIFICI Scuola dell infanzia di Cuasso al Monte I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. Attività psicomotoria

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Scheda descrittiva del Laboratorio Didattico

Scheda descrittiva del Laboratorio Didattico Scheda descrittiva del Laboratorio Didattico Tipologia: Recupero e consolidamento delle capacità linguistiche Recupero e consolidamento delle capacità logiche Recupero e consolidamento delle capacità matematiche

Dettagli

PROGETTO PER L EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA E ALLA COSTITUZIONE

PROGETTO PER L EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA E ALLA COSTITUZIONE PROGETTO PER L EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA E ALLA COSTITUZIONE Titolo: IO, CITTADINO Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ribadito,in occasione del 60 anniversario della Costituzione,l

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

5 Campus a San Marino 2 Campus per Adolescenti 54 corsi per allievi con DSA 4 Forma Campus 32 corsi per genitori, insegnanti, tecnici

5 Campus a San Marino 2 Campus per Adolescenti 54 corsi per allievi con DSA 4 Forma Campus 32 corsi per genitori, insegnanti, tecnici Luca Grandi Il ruolo dell'informatica nella didattica nei DSA: Strumenti compensativi Progetto Informatica per l autonomia (2001/2008) 5 Campus a San Marino 2 Campus per Adolescenti 54 corsi per allievi

Dettagli

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE SCHEDA RELAZIONE ATTIVITÁ SVOLTE DALLE COMMISSIONI GRUPPI DI LAVORO (art. 37 CCNI 31/8/99) DOCENTE: BECCARI SARA Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE Finalità

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole primarie gennaio 2010 Istituto Comprensivo di Sedegliano Presentazione Questo opuscolo contiene alcune informazioni utili

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE BANDO GARANZIA GIOVANI

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE BANDO GARANZIA GIOVANI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE BANDO GARANZIA GIOVANI LICEO Antonio Rosmini - TRENTO Liceo delle scienze umane Liceo linguistico Liceo socio-psico-pedagogico Liceo delle scienze sociali

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI

INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI DESCRIZIONE DEL PROGETTO La presenza nel territorio di centri per il recupero scolastico

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA PER ADULTI

CORSO DI INFORMATICA PER ADULTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI ROVELLASCA CORSO DI INFORMATICA PER ADULTI Docente: Ing. ALDO RUSSO 18 novembre 2015 LA PAROLA ALL ESPERTO Il posto dello strumento informatico nella cultura è tale che l educazione

Dettagli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli Lezione con la LIM. unisalento Perché piace agli insegnanti - rinnova la lezione frontale consente salvataggio di attività didattiche e il recupero rapido - facilita la spiegazione di processi, la descrizione

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita.

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita. PROGETTARE UNA GITA Prima di dare avvio al percorso è opportuno condividere con gli alunni tutto il progetto ed eventualmente modificare alcuni elementi in rapporto alla discussione. Gli alunni devono

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Negli ultimi anni la presenza nel nostro Istituto di alunni in situazione di handicap è aumentata sensibilmente e tale presenza ha imposto la necessità di ricercare

Dettagli

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A CL@SSI 2.0 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O N. 9 B O L O G N A S c u o l a s e c o n d a r i a d i I g r a d o I l G u e r c i n o a. s. 2009-2 0 1 0 I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A F e b b

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016 Via di Pontaldo, 2 PRATO tel. 0574 635112 E mail info@donmilani.prato.it Sito web:www.donmilani.prato.gov.it Dirigente

Dettagli

LABORIAMO INSIEME 2013-14

LABORIAMO INSIEME 2013-14 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI Progetto di laboratori per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva LABORIAMO INSIEME 203-4 Presentazione Il progetto si propone di realizzare

Dettagli

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE SULLA QUALITÁ DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA Questo questionario è rivolto a tutte le insegnanti della scuola e vuole essere un occasione di riflessione sulle variabili di

Dettagli

Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE

Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE Scuola dell Infanzia MOSTRA DEI LAVORI Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE TEATRALE Scuola Secondaria di 1 grado LABORATORI DI ITALIANO E MUSICA

Dettagli

PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO

PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO PROGETTO: Tecnodidattic@ Laboratorio mobile digitale, spazio alternativo per apprendimento e postazione informatica IDEE-GUIDA DEL PROGETTO Il progetto nasce dall esigenza di creare spazi alternativi per

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI IL RUOLO DELLA SCUOLA Dr.sa Laura Pedrinelli Carrara Dalla percezione del disagio a scuola al modello di intervento Dott.sa Laura Pedrinelli Carrara

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

I servizi cloud per la didattica

I servizi cloud per la didattica I servizi cloud per la didattica Un servizio offerto da DidaCloud srls Fare startup significa fare cose nuove che cambiano la vita propria e altrui Riccardo Luna, primo direttore dell edizione italiana

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

PROGETTO INTEGRAZIONE Integrare... Con una fiaba si può 63013 GROTTAMMARE ( AP )

PROGETTO INTEGRAZIONE Integrare... Con una fiaba si può 63013 GROTTAMMARE ( AP ) PROGETTO INTEGRAZIONE Integrare... Con una fiaba si può SCUOLA/RETE DI SCUOLE: DIREZIONE DIDATTICA STATALE Viale Giuseppe Garibaldi n. 39 Se rete (scuola capofila)... REFERENTE: Capretti Rosanna email

Dettagli

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIGNANO INCISA Azioni per l autovalutazione formativa MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA Definizione condivisa del concetto di standard Si tratta della individuazione di comportamenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI 1 ORIZZONTE DI RIFERIMENTO EUROPEO: COMPETENZA DIGITALE PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE:

Dettagli

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA AMBIENTE SCOLASTICO La scuola dell infanzia di Montebello è situata nell omonimo quartiere della città di Perugia. Dispone di un piccolo giardino che confina con una grande area verde attrezzata ed un

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

GRUPPO ARDESIATEC PROGETTO "SLIDING DOORS"

GRUPPO ARDESIATEC PROGETTO SLIDING DOORS GRUPPO ARDESIATEC PROGETTO "SLIDING DOORS" Libro game: dalla carta al computer anno scolastico 2014/2015 Scuola Primaria Margherita Hack classi 2 A - 2 B - 2 C - 2 D TEMPI DEL PROGETTO: da Novembre 2014

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

Associazione Musicale Europa InCanto

Associazione Musicale Europa InCanto SCUOLA INCANTO E possibile imparare a cantare e amare l opera lirica a scuola grazie al progetto didattico Scuola InCanto articolato durante un intero anno scolastico. Docenti e studenti potranno scoprire

Dettagli

La rapa gigante. EsPerienze. saperi / pr atica pensante / itinerari / info

La rapa gigante. EsPerienze. saperi / pr atica pensante / itinerari / info saperi / pr atica pensante / itinerari / info La rapa gigante di Maria Teresa Malvicini Insegnante Scuola dell Infanzia di Corte Palasio (LO) Direzione Didattica IV Circolo Lodi. Dirigente Scolastica:

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12 PROBLEMI DI MISURA Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN Classe Quinta 22/02/12 Panoramica progetto Descrizione generale di argomento e contenuto Obiettivi formativi (conoscenze/abilità/

Dettagli

UN GIARDINO A MISURA DI BAMBINO. Progetto di riqualificazione dell area cortiliva della scuola elementare G. Verdi del 3 Circolo Didattico di Carpi

UN GIARDINO A MISURA DI BAMBINO. Progetto di riqualificazione dell area cortiliva della scuola elementare G. Verdi del 3 Circolo Didattico di Carpi UN GIARDINO A MISURA DI BAMBINO Progetto di riqualificazione dell area cortiliva della scuola elementare G. Verdi del 3 Circolo Didattico di Carpi Anno scolastico 2005/2006 PRESENTAZIONE La scuola elementare

Dettagli

SCHEDA PROGETTO. a.s.15/16

SCHEDA PROGETTO. a.s.15/16 SCHEDA PROGETTO a.s.15/16 Denominazione Istituto: I.C.S. Capaccio Paestum Titolo del progetto: Favole e magia: percorso di fantasia, lettura, biblioteca Tipologia delle attività: potenziamento recupero

Dettagli

Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione. Elementi di caratterizzazione del progetto della rete

Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione. Elementi di caratterizzazione del progetto della rete Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione Elementi di caratterizzazione del progetto della rete Oggetto problema Osservazioni rispetto all autoanalisi Oggetto definito e area di riferimento Coerenza

Dettagli

Attività extracurriculari

Attività extracurriculari 8 Attività extracurriculari Ipsar Petronio Pof.2010 2011 Attività extracurriculari pag 1 di 6 Attività di orientamento L attività di orientamento, finalizzata a garantire scelte consapevoli per acquisire

Dettagli

L organizzazione è un tema assolutamente centrale nella progettazione e nella conduzione di esperienze di multimedialità.

L organizzazione è un tema assolutamente centrale nella progettazione e nella conduzione di esperienze di multimedialità. 4. Organizzazione L organizzazione è un tema assolutamente centrale nella progettazione e nella conduzione di esperienze di multimedialità. Di solito l organizzazione si riferisce soprattutto agli aspetti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PETER PAN VERIFICA FINALE - AREA DIDATTICA/ORGANIZZATIVA

SCUOLA DELL INFANZIA PETER PAN VERIFICA FINALE - AREA DIDATTICA/ORGANIZZATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO - PIETRASANTA 1 Codice fiscale: 82008190462 Via Garibaldi 72 _55045 Pietrasanta (LUCCA) Telefono: 0584/793975 telefax: 0584/735612

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

ASILO NIDO LANCETTI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA

ASILO NIDO LANCETTI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA ASILO NIDO LANCETTI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA ANNO 2015-2016 INDICE Presentazione del nido Obiettivi del nido Gli spazi Gli atelier Gli spazi esterni Il rapporto con le famiglie La formazione delle insegnanti

Dettagli

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE Caro collega, grazie per la tua disponibilità. Compilando questo questionario, che richiederà solo 5 10 minuti, ci aiuterai a calibrare meglio la scelta

Dettagli

LA FABBRICA DELLE PAROLE

LA FABBRICA DELLE PAROLE 74 Circolo didattico, Roma Plesso scolastico Via del Calice Classi seconda A e seconda B LA FABBRICA DELLE PAROLE Laboratori multiespressivi di creatività scolastica 1 PROGETTO La Fabbrica delle parole:

Dettagli

L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica

L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica Mavi Ferramosca Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti Partigiani s.n., 70126 Bari E-mail: mavi.ferramosca@alice.it Un uso

Dettagli

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità Premessa Il Contesto culturale. Da molti anni l Istituto Martini, pone al centro della sua azione formativa, l attenzione allo studente e alle famiglie coniugando metodologie di apprendimento moderne a

Dettagli

Programmazione Laboratorio Informatica

Programmazione Laboratorio Informatica Istituto Comprensivo Maria Montessori Scuola Primaria Fratelli Pagliero San Maurizio Canavese Scuola Primaria di Ceretta Anno scolastico 2015/2016 Insegnante Benzo Margherita Programmazione Laboratorio

Dettagli

Scuola dell infanzia di Vas. Via Madonna del Piave,3 32030 Vas 0439-787314 www.icquero

Scuola dell infanzia di Vas. Via Madonna del Piave,3 32030 Vas 0439-787314 www.icquero Scuola dell infanzia di Vas Via Madonna del Piave,3 32030 Vas 0439-787314 www.icquero FINALITA DELLA SCUOLA: SVILUPPO dell IDENTITA :star bene e sentirsi sicuri. SVILUPPO dell AUTONOMIA:acquistare la capacità

Dettagli

PROGETTO APRICO Azione 1

PROGETTO APRICO Azione 1 PROGETTO APRICO Azione 1 ATTUATA DAL COORDINAMENTO SEZIONI LOMBARDE Carla Gennuso Resp organizzativa AID SVOLGIMENTO AZIONE 1 ANNO 2007 LOMBARDIA FASE 1 SPAROLE quando le lettere fanno gli scherzetti FASE

Dettagli

PIANO DI LAVORO DELLE ATTIVITA EDUCATIVE

PIANO DI LAVORO DELLE ATTIVITA EDUCATIVE UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo II CIRCOLO DIDATTICO PROF. V. CAPUTI Via XXV Aprile, n. 4-76011 Bisceglie (BT) tel./fax 080/3955056 Cod. Scuola BAEE06900X Uff. serv. 654 C.F. 83004410722 e-mail istituzionale:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015 Comune di Venezia Direzione Politiche Educative, della Famiglia e Sportive Settore Politiche Educative Servizi Educativi Territoriali Coordinamento Psicopedagogico Lido 1 PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO

Dettagli

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI PROGRAMMA DI ATTIVITÀ PER LE SCUOLE 2010/2011 Bì, il centro per i bambini e i giovani che ospita al suo interno la Biblioteca Civica per i ragazzi, un importante spazio museale

Dettagli

Modulo di progettazione 1 anno

Modulo di progettazione 1 anno Pagina 1 di 11 IL GIRINO CICERONE Progetto multidisciplinare Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti. Numero di classi coinvolte, di insegnanti e di ragazzi che

Dettagli