notiziario la primavera!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "notiziario la primavera!"

Transcript

1 seniores TELECOM ALATE IGURIA notiziario Periodico gratuito a diffusione interna - Poste Italiane S.p.A. - Sped. Abb. Post. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 2, DCB Genova Anno 16 - n Finalmente la primavera!

2 FACILITAZIONI TELEFONICHE Mentre andiamo in stampa sono in corso di definizione interessanti accordi tra Telecom Italia e Presidenza Nazionale Alatel in merito al varo di una prima tranche di offerte promozionali in favore dei Soci Alatel pensionati. Questo primo pacchetto di facilitazioni dovrebbe interessare i seguenti attuali servizi: a) Internet Il pacchetto di offerta Tutto senza limiti per chiamare verso linee fisse (gratis a qualsiasi ora e senza limiti) e navigare a sette Mega, parimenti senza limiti, ad un costo fisso unico di 32,00 euro/mese (comprensivo del canone della Linea Base), anziche di 42,50 euro/mese (con un risparmio quindi di 10,50 euro). b) Internet Offerta ad Alta velocita a 20 Mega a solo 14,95 euro/mese (anziche 24,95 euro/mese), oltre il canone della Linea base pari a 16,08 euro/mese. c) Cellulari Relativamente ai telefonini cellulari - a causa di cambiamenti tariffari intervenuti sulla offerta TIM premia - l Azienda sta valutando una nuova facilitazione da offrire agli ex-dipendenti pensionati della quale ci riserviamo di dare specifica informazione in seguito. Non appena gli accordi saranno formalmente definiti, le nostre strutture operative territoriali provvederanno a comunicare tempestivamente ai Soci la dettagliata procedura da seguire per la concreta fruizione delle facilitazioni in argomento.

3 C Come prefigurato nell Editoriale del precedente numero del Notiziario, nei giorni 17 e 18 febbraio u.s. si è riunito a Roma il Consiglio Direttivo Nazionale Alatel in occasione del quale sono state ratificate le nomine dei Presidenti (Nazionale e Regionali) designati da Telecom per il triennio 2010 / 2012: l ing. Tucci è stato riconfermato nella carica di Presidente Nazionale (così come il sottoscritto in quella di Presidente Regionale). editoriale Nel corso della riunione sono state evidenziate alcune tematiche che ritengo piuttosto significative e quindi meritevoli di essere portate alla attenzione dei nostri Soci: in primo luogo l essere riusciti, tutti insieme, a conservare - pur nella difficile situazione generale e nonostante le ricorrenti variazioni degli assetti societari - la nostra identità associativa; la rinnovata attenzione dell Azienda - a partire dall Amministratore Delegato, dott. Bernabè, nostro Presidente Onorario - nei confronti dell Associazione (in proposito basta pensare al ripristino, con nuove modalità, delle premiazioni di anzianità, che - in due anni hanno prodotto l acquisizione di quasi 900 nuovi Soci a livello nazionale); la conferma, anche per il prossimo triennio, degli obiettivi gestionali di sempre ed in particolare: la fidelizzazione e l incremento dei Soci; il miglioramento della struttura organizzativa sul territorio, anche attraverso l ampliamento dei collaboratori così da assicurare nuova linfa e nuove idee alle attività associative; il convinto rafforzamento delle sinergie (non solo operative) con l Anla e con altri Gruppi affini, sinergie sempre più indispensabili per salvaguardare gli ideali e la stessa sopravvivenza di Organizzazioni come la nostra. * * * A ulteriore conferma del sopra citato positivo atteggiamento di Telecom verso Alatel, sono lieto di comunicare che - superate le molteplici difficoltà, soprattutto di ordine fiscale, che ostacolavano la realizzazione della iniziativa - è in via di definizione con l Azienda la dettagliata procedura per la attesa estensione ai Soci pensionati delle facilitazioni sin qui riservate ai dipendenti in servizio. La procedura in questione verrà testata da Alatel Lazio e se la sperimentazione avrà esito positivo si potrà dare il via alla operazione (su scala nazionale) presumibilmente entro il primo semestre dell anno in corso. In altra pagina del Notiziario troverete indicazioni più precise; da parte mia anticipo soltanto che, inizialmente, le facilitazioni riguarderanno la telefonia fissa ed in particolare il servizio Alice. * * * Concludo ricordando agli affezionati lettori che la nostra Associazione - nata nell ormai lontano 1965 con il nome di Alas compirà 45 anni di vita nel 2010; un traguardo davvero ragguardevole, che ci colloca in una posizione di chiaro prestigio nell ambito del variegato mondo dell Associazionismo anche perché conseguito attraverso un costante e rigoroso rispetto degli equilibri economico/finanziari. Ovviamente la gestione dell Alatel - che, non va dimenticato, costituisce una libera emanazione della nostra Azienda - non poteva non risentire delle note vicissitudini Societarie (particolarmente intense negli ultimi dodici anni); tuttavia l Associazione è riuscita a proseguire positivamente la missione per cui fu originariamente creata e a sviluppare attività e servizi in favore dei Soci, anche grazie al proficuo raccordo con Anla (fondamentale specialmente per le nostre Sezioni provinciali esterne ). E proprio sulla base della esperienza maturata in qualità di Presidente regionale della casa madre Vi posso assicurare che questa nostra continuità non è impresa da poco! Infatti diversi altri Gruppi Aziendali di Seniores sono stati purtroppo costretti a ridimensionare o, addirittura, a cessare la loro attività a causa di fallimenti, fusioni, cambi di proprietà delle rispettive Aziende di riferimento. Sono consapevole che queste ultime considerazioni sono, di per sé, tutt altro che ottimistiche. Ma sono altrettanto sicuro che da una serena presa di coscienza di quel che accade intorno a noi sapremo trarre una nuova spinta ad intensificare il nostro comune impegno a favore della Associazione in cui crediamo ed alla quale restiamo convintamene iscritti. Arrivederci al prossimo numero! Giampaolo Spallarossa 1

4 TELECOM seniores ALATEL ASSOCIAZIONE NAZIONALE GRUPPO TELECOM ITALIA - CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA Direzione Editoriale Sede: via Albaro, 97 canc. Corrispondenza: Casella Postale Genova Telefono: Fax: N. verde: 800/ Direttore Editoriale Giampaolo Spallarossa Direttore Responsabile Carlo Vercelli Capo Redattore Angelo De Ferrari Redazione Lodovico Carbone Giacomo Chiappori Angelo Derqui Fotografo Redazione Gian Carlo Pernati Impaginazione Marco Manarini - Carlo Vercelli Giovanni Schiavina Hanno collaborato a questo numero Angelo De Ferrari Jacqueline Masi Lanteri Angelo Derqui Laurent Pallanca Carla Colombo Luciano Migliorini Carlo Vercelli Luciano Stoppa Franco Cuccu Maddalena Rosi Giacomo Chiappori Pierina Cairola Giampaolo Spallarossa Rosanna Cordaz Giovanni Schiavina Fotografie e Disegni De Ferrari, Vercelli, Cuccu, Archivio Telecom Italia, Maddalena, Palazzo Ducale, Ferlaino, Pernati, Archivio Ghirotti, La voce del medico. 1ª copertina Isola di Vancouver, Butchart gardens 2ª copertina Offerta Telecom Italia 3ª copertina Rassegna culturale 4ª copertina Caravaggio e la fuga Autorizzazione del Tribunale di Genova n. 7 del 26 Febbraio 1996 Sped. Abbon Postale Pubbl. 70% Chiuso in tipografia il 31 marzo 2010 Stampa: Essegraph S.r.l. - Genova sommario sommario anno 16 n. 1 - marzo EDITORIALE 2 SOMMARIO 3 CULTURA 3 Rubrica in chiave di dialetto 4 Girovagando tra storia e fantasia 8 L allenatore 14 I Balestrieri genovesi 15 Mitico West 20 Lorsica e Zoagli 21 Acqua 22 Gioventù bruciata 25 L angolo della poesia 6 VITA ASSOCIATIVA 6 Seniority Day 2009 Rimborso Irpef incentivi all esodo 10 Convegno Regionale Alatel 12 Congresso ANLA 13 Inaugurato l Hospice di Albaro 26 Le nostre pensioni 28 Consiglio Regionale Alatel Liguria 17 MONDO TELECOM 17 La nuova rivista della Telecom Italia Prestito Obbligazionario Telecom Italia 24 RICORDI 24 Il mio ricordo di guerra 27 Ricordo di Mario Catalani Le nostre dell AlateLiguria: e il nostro sito web:

5 di Angelo De Ferrari Borlo Rubrica in Bernoccolo, ma più giustamente le conseguenze di una percossa, specie in testa. E applicata anche per qualche ammaccatura di un contenitore metallico. Derivati: Bõrlattõn - Ammaccatura Bõrlattòu - Contuso c ultura 3 Bezinscio Bûscagge Bughezzo Cadrai Nel significato di gonfiore anomalo in persona malsana. Proverbio: o l è bezinscio comme ûn berodo. Quelle schegge di legno che servono per accendere il fuoco. Proverbio: E bûscagge s assomeggian a-o çeppo. Maretta. Quella piccola increspatura del more che non è grosso, mafa onde spesse e schiumose. Significa anche dare noia, molestia come fanno le onde frequenti della maretta contro un piccolo scafo. Antico vocabolo forse di origine turca. Stava ad indicare quelli che, un tempo, battevano íl porto di Genova a bordo di una barchetta che aveva a prua un fornelletto acceso, dove tenere al caldo i peri cotti o il calderone di menestrõn a- a zeneise. RINNOVO ISCRIZIONE 2010 ISCRIZIONE 2010 RINNOVO ISCRIZIONE 2010 RINNOVO RINNOVO ISCRIZIONE 2010 A gennaio ha preso l avvio l operazione rinnovo della tessera di iscrizione Alatel. La quota associativa corrisponde a 25 Euro. Il versamento potrà avvenire, come in passato, tramite il conto corrente postale che Vi perverrà tramite i fiduciari di Sezione. Si ammettono versamenti cumulativi specificando chiaramente nella causale i nominativi dei soci partecipanti. Resta immutata la prassi per i Seniores Alatel in servizio. Per eventuale smarrimento o mancato recapito del conto corrente, indirizzare: ALATEL LIGURIA Casella Postale GENOVA Conto corrente n In alternativa è possibile servirsi del c/c bancario n.16617/80 presso la Banca Carige Agenzia n. 7 di via della Libertà 76A r. Genova, Codice IBAN IT41U , o nella sede di Via Albaro 97 cancello nei seguenti giorni: Martedì - Giovedì 9-12 / Mercoledì - Venerdì 14,30-17.

6 c ultura Girovagando tra storia e fantasia Ci passiamo spesso nei vicoli della nostra città, così arrampicata a scaglioni su antiche colline ora scomparse sotto le mille case abbarbicate. di Angelo De Ferrari 4 Genova, percorsa a piedi che suggerisce sempre una spinta naturale verso l alto o verso il basso, come le crêuse che tagliano il pendio e sono fatalmente attratte dal mare che, là in fondo, occhieggia da sempre e da sempre è nostro richiamo e orientamento. Vicoli conosciuti i nostri, noti e percorsi da tanto, sono insieme immobili e in continuo divenire, scopri che là cambia un insegna, una saracinesca è abbassata sul fine attività, il cartello dei lavori in corso è l avviso brusco per dove c era una volta l antica coltelleria, Romanengo che chiude si porta via un pezzo di dolce storia genovese. Vicoli che sembrano non dire nulla di nuovo a percorrerli in fretta, presi da altri impegni, pensieri diversi, mete, scadenze. E invece, se abbiamo tempo e voglia, i nostri vicoli sono una raccolta infinita di racconti, fatti, misfatti, tragedie, amori, avventure. L abitudine può non farci scoprire che, in genere, i nostri carõggi sono sempre in curva. Sinuosi, sghimbesci, mai dritti, dettano leggi anarchiche ai muri che li seguono e che odiano, si può dire, la linea retta. Sono in curva per una ragione pratica, narra la storia, per non essere presi d infilata durante le continue lotte tra fazioni diverse, specie nel Medio Evo, negli scontri tra le famiglie degli Adorno e dei Fregoso, ed offrire vie di fuga ai contendenti. Solo uno era dritto, ed era Vico dritto Ponticello, detto anche Caroggio drito, ma è come eccezione che si è conquistato il diritto alla citazione. Altro particolare curioso dei nostri vicoli, le case del popolo che davano su di essi non potevano avere più di due finestre verso strada, mentre solo le case dei nobili potevano averne un numero maggiore. Questione di censo, di appartenenza? Non se ne sa molto. Inoltre, sugli antichi portali marmorei dei vecchi palazzi nobiliari si può notare la quasi totale assenza degli stemmi gentilizi che dovevano contraddistinguere quelle dimore dei nobili. Questi emblemi (continuano a narrare le storie) furono quasi tutti scalpellati via intorno al 1790, quando a Genova si insediò la Repubblica Democratica Ligure, imposta dalla Francia, e che sotto Napoleone prese il nome di Departement de Gênes. Alla caduta di Napoleone (1814) i genovesi si affrettarono ad abbattere la statua del Corso che sorgeva allora in piazza Acquaverde, dove ora c è il monumento a Cristoforo Colombo e degli stemmi gentilizi non se ne parlò più. Un nome che ha sempre coinvolto tutti i genovesi per il

7 suo significato lapidario è quello di Piazza dell Amor Perfetto e del vicolo omonimo. Ci sono state diverse interpretazioni su questa impegnativa dicitura, qualcuna abbastanza scollacciata, altre più serie. Prevale l opinione che detta piazza (e vicolo) prendano il loro nome da una vicenda storico-romantica, in occasione del transito del re di Francia Luigi XII a Genova. Siamo circa nel 1500, il re attraverso Porta dei Vacca sale in via del Campo e scende a sostare presso gli Spinola che hanno casa in piazza Senarega. Nasce qui il breve romanzo d amore tra la giovanissima Tomasina Spinola ed il re, lei perdutamente innamorata, lui impegnato con i nobili durante la breve sosta. E un amore travolgente, totale, anche se breve. Dicono le cronache che bardi e trovatori di allora si fossero dati a comporre una ballata al riguardo, dal titolo: Intendio, che nel linguaggio poetico di allora forse voleva significare un Amore platonico. Poi il re parte, la bella marchesina rimane e si consuma di questo grande amore fino a morirne. Allora, capitava Verità, leggenda, aneddotica? Sono cose del 1500 e le testimonianze narrano questo. Certo che adesso, in quei luoghi, altro che Amor perfetto Ma lasciamo perdere. Però, questi piccoli ciaeti di un età scomparsa danno un tocco umano alla storia con l esse maiuscola e la rendono più vicina. Abbiamo accennato sopra a via del Campo, allora era la via principale di accesso alla città da ponente. Il primo palazzo che s incontra sulla destra salendo dalla Porta era quello del casato Cybo, dove lì nacque e visse il cardinale Cybo, diventato poi papa Innocenzo VIII. Proprio di fronte al palazzo c è quel monumento unico in Italia detto della Colonna Infame. Questa colonna venne eretta verso la fine del 1600 al posto della casa di G.C. Vacchero, che aveva complottato col Duca di Savoia Carlo Emanuele I per portare Genova e la Repubblica sotto le insegne sabaude. Forse, oggi, alla luce del dopo, potremmo considerare il Vacchero come uno dei primi martiri per l unità d Italia, ma allora il governo della Repubblica non fu di questo parere; gli distrusse la casa, gli tagliò la testa, mandò in esilio i figli ed eresse, ad eterno dispregio per il tradimento questa Colonna Infame. Tosti però, quei genovesi di allora. Restando sempre in zona, percorriamo via Pre in direzione di Porta dei Vacca. A sinistra troviamo vico Monachette, poi vico Tacconi, vico Marinelle e vico Macellari. In fondo a questo vicolo, prima della rampetta per via Balbi, c è piazza Tenedo. Tenedo è il nome di un isoletta posta in posizione strategica all imbocco dello Stretto dei Dardanelli, che insieme a Lemmo (posseduta dagli Embriaci), Me0telino (posseduta dai Gattiluso) e Scio (dei Giustiniani) garantiva i commerci che queste casate genovesi avevano in quelle terre lontane. Arrampichiamovi ora su per salita Emanuele Cavallo. Questa crêusa, un poco romantica e sconnessa, sale da spianata Castelletto prima come salita San Gerolamo fino a via Domenico Chiodo e alle mura di S.Erasmo al Righi. La figura di Emanuele Cavallo non è molto nota (come la salita) nella storiografia genovese anche perché il popolino la chiamò sempre salita Emanuele a cavallo, forse alludendo alla statua equestre di Vittorio Emanuele in piazza Corvetto. Ma salita Emanuele Cavallo è rimasta nella memoria popolare come la Salita della Agonia, perché per questa ripida, tortuosa crêusa salivano i condannati a morte per raggiungere gli spalti delle mura. Risulta anche che, per il ritorno, venisse usata salita Accinelli, meno scoscesa e più agevole per i Confratelli della Misericordia incaricati della sepoltura. E venuta sera, la Lanterna comincia ad occhieggiare da lontano. Lungo salita Emanuele Cavallo si sono già accese le rade lampade. Scendiamo per la mattonata disastrata, prima che faccia notte fonda. 5

8 v ita associativa 6 SENIORITY DAY 2009 TORINO Il giorno 11 dicembre u.s. si è svolta a Torino la cerimonia di premiazione dei lavoratori della Liguria e del Piemonte/Valle D Aosta con 25 e 30 anni di anzianità aziendale. Erano presenti, per l Azienda, il dott. Enrico Tosco Responsabile Risorse Umane e Organizzazione Top Clients e l ing. Antonio Luca Conterio Responsabile Area Territoriale Enterprise Nord Ovest (Torino). L Alatel era rappresentata dal nostro Presidente dott. Giampaolo Spallarossa. Il desk dell Associazione è stato presidiato dal Segretario Regionale Guido Terlizzi e dalla signora Tiziana Ricco. Nel corso della cerimonia è stato dato ampio riconoscimento alla nostra Associazione, da parte dei rappresentanti del Vertice Aziendale, per l alto valore sociale che la ispira e per la positiva azione di stimolo alla conservazione del senso di appartenenza che ha sempre contraddistinto dipendenti ed ex dipendenti della nostra Azienda. di Carlo Vercelli ELENCO PREMIATI SENIORITY DAY ANNI DI SERVIZIO ANCHISI MARCO ARMATO PAOLO BALESTRACCI NATALE BELTRAMO LUCIANO BERLANZOLI ROBERTO BERTUCCIO ADRIANO BIANCO NICOLA BISSO SAURA BIUNDO MARCO BONDIONI CARLA CAMBIASO UGO CAREGNATO SANDRO CARLA STEFANIA CAVIGLIA MARCO CELLA ANTONIETTA COMAZZI EMANUELE COZZANI MAURIZIO CUMAN STEFANO CUSANO MARIO DE ROSA EDOARDO DE VECCHIS ARSENIO FERRERO DOMENICO FORTUNATO MAURIZIO FRANCO MICHELE GADALETA DANIELE GARAU WALTER GATTI RICCARDO GENNARELLI PIERANGELO GNARINI PAOLO ALBERTO LAVEZZARI AGOSTINO LEQUAGLIE GIOVANNI LOTITO ALBERTO LUZZI ANGELO MALASPINA ROCCO MARTUCCI SABINA MICHELI MONICA MONTOBBIO GIORGIO MURATORE MARIA TERESA NARDI FABIO OBERTI GERARDO ODASSO MAURO OLIVIERI MAURO PACE MARIO PANESI ARMANDO PAPADIA SILVIA

9 PAPINI FULVIO PASTORINO MAURO PERRI STEFANO PESCETTO GIANNI PIZZI SERGIO POZZO ROBERTO PUGLISI MASSIMO RACO GIUSEPPE RAMAZZOTTO MICHELE RAPALLI VALTER SCOTTO GRAZIA SIMONELLI FABRIZIO SOLDINI LUIGI SONAGLIA ENRICO TERRILE GABRIELE ZANIN RENATA 30 ANNI DI SERVIZIO ALLARIO GIORGIO BARBATANO ALESSANDRO BECCIO MIRKO LUIGI BELFI RENATO BON GIACOMO BRIOZZO CESARE CALDERARO VINCENZO CHEMEL CARLO FONTANELLI EUGENIO FRAZZETTO ROBERTO GALEOTTI CARLO GALLUZZO CLAUDIO GIANNINI MIRKO GOTTA GIUSEPPE LANDI STEFANO LOMBARDO ILVO MILESI FULVIO ODDONE LUCIANO PAGANINI FAUSTO RABOSTO UBALDO TARIGO MARIA TERESA TRIPODI RENATO 35 ANNI DI SERVIZIO BARUZZO DEALDO BISOGNO GUIDO BRINDESI ROBERTO CALCAGNO GEROLAMO CAMBRIA MARIA CAMPORA GIORGIO CAVIRANI DINO CHIESA DANILO FAMELI PIERO LAZZARINETTI PAOLO LAZZARO GIANLUIGI LEONARDI MARCO MARCHESINO GIUSEPPE MONFRINOTTI ANTONIO SANDRINI VIRGINIO SCARPATI DONATO STERNINI ENNIO VALENZO FIORENZO 7 RIMBORSO DELL IRPEF PAGATA SUGLI INCENTIVI ALL ESODO di Ottavio Maestrelli Con riferimento alle informazioni precedenti sull argomento, riteniamo opportuno riassumere di seguito gli aspetti più rilevanti della questione: - hanno diritto al rimborso i lavoratori maschi che, con età inferiore ai 55 anni, hanno usufruito degli esodi incentivati dal al ; - quanto sopra deriva dall ordinanza Commissione Europea pubblicata sulla Gazzetta dell Unione Europea il 12 aprile Si è tenuti correttamente a pensare che da questa data parta la decorrenza dei termini di 48 mesi entro i quali deve essere presentata la richiesta di rimborso; - la richiesta deve essere presentata all Agenzia delle Entrate competente territorialmente; - l Agenzia delle Entrate risponde sempre negativamente ma attenzione entro 60 giorni dalla risposta deve essere presentato ricorso pena decadenza; - per l istruzione della pratica, se il rimborso richiesto supera i circa euro, è necessaria l assistenza di un professionista, se l importo è inferiore si può provvedere da soli; - l ipotesi di svolgere un azione collettiva che comprendesse i Soci interessati della Liguria tramite l ALATEL LA- ZIO non si è rivelata praticabile perché devono essere interessati Enti (ed eventualmente procuratori legali) competenti territorialmente (a Roma, ad esempio, le pratiche sono seguite da un commercialista, figlio di un Socio); - in ALATEL LIGURIA stiamo sviluppando la seguente ipotesi: - informare tutti i Soci che possono essere interessati alla questione; - coordinare la raccolta dei nominativi degli interessati e, grazie alla collaborazione del socio Casali, che si è dichiarato disponibile in tal senso, offrire la possibilità di svolgere l azione con un unico professionista già individuato così da ridurre notevolmente le spese ed avere un indirizzo comune. La fase preliminare del percorso sopra ipotizzato si concluderà intorno alla metà del prossimo mese di aprile. Nel frattempo suggeriamo ai Soci, che già non l avessero fatto, di inoltrare la richiesta alla competente Sede dell Agenzia delle Entrate utilizzando l apposito modulo (che, volendo possiamo inviare in Word via mail o può essere ritirato presso i nostri uffici). Ricordiamo che l Agenzia delle Entrate deve dare riscontro entro i tre mesi successivi Ciò premesso, invitiamo i Soci, che ovviamente condividano quanto proposto in questa nota, di mettersi in contatto con l Associazione via mail o telefonando all (martedì e giovedì mattina ore 9 11,30). ALATEL LIGURIA resta a disposizione per ulteriori chiarimenti e per le informazioni che si renderanno necessarie sugli sviluppi dell iniziativa.

10 compito di armonizzare questo manipolo di fortunati e viziati miliardari. La parola d ordine per il giornalista è riempire il giornale per poter dare in pasto alla tifoseria tutte quelle bischerate che quasi sempre nulla hanno a che fare con il calcio giocato ma che mantengono in vita ben quattro quotidiani sportivi nazionali; e pensare che in Inghilterra, culla del foot-ball, a fronte di quattro quotidiani finanziari, non esiste un quotidiano sportivo! L interesse è quindi concentrato più sugli allenatori che sui calciatori. In effetti, sbirciando le rubriche sportive, notiamo come si parli poco di cosa stia facendo l Inter-squadra e come si parli molto del Mourinho-pensiero e delle qualità della sua filosofia. La massa dei tifosi è attratta più dal pettegolezzo e dalle vicende dell indotto sportivo che dalle problematiche della squadra. Il giornale, chiaramente, asseconda questa sete di contorno per poter vendere più copie e garantirsi un grande bacino d utenza utile per aggiudicarsi sostanziosi budget pubblicitari. Come avrete sicuramente capito io vedo nell allenatore soltanto il due di briscola e sostengo che i risultati che la squadra consegue siano di quasi esclusivo merito della classe, della bravura e della condizione dei calciatori; sono propenso a valorizzare maggiormente l opera del preparatore atletico rispetto a quella dell allenatore: mettete in campo dei brac uriosità L allenatore In tutte le squadre di calcio l allenatore è l ultima ruota del carro di Angelo Derqui 8 Questo mio aforisma non sarà condiviso da nessuno in quanto la cultura calcistica imperante riconosce all allenatore, oltre alle capacità professionali, grande carisma, qualità istrioniche e i poteri divini del trascinatore della squadra e della tifoseria. L allenatore è sopravvalutato. Tutti credono possa trasferire alla squadra qualità, forza morale, tecnica e scaltrezza tattica. E considerato un prestigioso condottiero con virtù eccelse di strategia calcistica, una volpe alla Rommel padrone del rettangolo verde. Il cronista sportivo esalta questa figura e ne amplia le dimensioni lavorando sullo sterminato materiale che l allenatore gli offre: dal gossip calcistico al rapporto col Presidente, dagli incontri con i media alle frequentazioni dei salotti buoni della città. Se poi l allenatore ha un ego smisurato e un autocelebrazione infinita, qualità tipiche del signor Mourinho, nasce allora un mito sul quale i giornalisti possono costruire una fulgida carriera. Il risultato è che l immagine dell allenatore viene esaltata, dilatata e caricata di molti mestieri: per i calciatori, oltre ad un tecnico, deve essere uno psicologo, un padre, un amico, un duro, un tenero e, infine, deve essere il mago dello spogliatoio con il

11 vi calciatori e vedrete che il gioco verrà fuori anche senza schemi e senza tattiche! Se per la conquista di uno scudetto fosse necessario un potenziale pari a 100, l incidenza dell allenatore, per me, non supererebbe il 5%. L Inter, essendo uno squadrone, ha infatti vinto scudetti indipendentemente dagli allenatori: ha vinto con Mancini, continua a vincere con Mourinho e vincerebbe anche se fosse guidata dai bistrattati Leonardo e Ferrara, considerati degli immaturi senza esperienza e con scarse capacità; al massimo riconosco che l Inter guidata da Mourinho possa vincere uno scudetto con dieci punti di vantaggio mentre in mano a Leonardo o a Ferrara lo potrebbe vincere con soli quattro o cinque punti di distacco. L inesperienza di Leonardo e di Ferrara è pari a quella di Guardiola che però riesce a conquistare tutto con il Barcellona naturalmente grazie alla classe eccelsa dei suoi calciatori. Sono certo che qualunque imbranato allenasse il Barcellona otterrebbe risultati strepitosi. Ovviamente, per la parcondicio, è sottinteso che se l Inter dovesse naufragare, le responsabilità di Mourinho sarebbero limitate a quel citato 5%. Ricordate il leggendario Herrera che con l Inter conquistò l inimmaginabile? Con la sua proverbiale e smisurata presunzione ebbe a dire che gli stessi risultati li avrebbe ottenuti con almeno altre tre squadre della serie A: ci provò con la Roma e conquistò una squallida posizione di classifica. Sono certo che a far grande l allenatore siano solamente i grandi calciatori. Una qualità che riconosco all allenatore è la sua importante funzione di paracadute e di parafulmine aziendale. La squadra va male? Si cambia l allenatore! Il grottesco della vicenda è che un allenatore appena defenestrato venga subito prenotato da un altra squadra creando un controsenso macroscopico non accettabile nel mondo della razionalità ove mai verrebbe data fiducia a un elemento che provenisse da un esperienza fallimentare. Nel calcio, invece, questo accade anche perché la Dirigenza sa che l allenatore vale davvero solamente quel 5% e che, quindi, lo si può tranquillamente sostituire senza provocare traumi alla squadra realizzando, nel contempo, un atto politico di grande efficacia utile per stemperare le frustrazioni e le delusioni dei tifosi delle curve. L allenatore è quindi una figura rappresentativa profumatamente pagata, consapevole di dover essere disponibile a ricevere una pedata nel deretano se la situazione lo richiedesse e con un destino, a volte, segnato anche dalla fortuna. Senza dubbio molte volte la fortuna è elemento determinante specialmente nel calcio che è lo sport a squadre più crudele che ci sia: puoi dominare l incontro, tirare venti volte in porta, surclassare l avversario ma perdere la partita subendo all ultimo minuto un goal su rigore magari inesistente! Quindi anche per gli allenatori la sorte, a volte, è fondamentale; la loro disfatta può essere legata a un rigore non concesso, a una palla sul palo, a un maledetto autogol o a un clamoroso rimpallo. Nell empireo degli allenatori dell Europa calcistica attuale soltanto l inossidabile Mister Fergusson può permettersi di allenare stabilmente il Manchester indipendentemente dai risultati che può ottenere; tutti gli altri se perdono punti per due o tre partite di seguito vengono inesorabilmente silurati e magari sostituiti da chi è stato appena trombato da un altro Presidente. Purtroppo oggi anche per gli allenatori non c è più il posto fisso, c è la precarietà e il co-co-co. Naturalmente gli allenatori conoscono questi spietati meccanismi, sanno che se la squadra non carburerà dovranno fare le valigie ma, sicuramente, sanno anche che non saranno turbati da stress o da depressioni perché comunque confortati dal loro lauto stipendio che continuerà a correre lo stesso, anche se esonerati, sino alla scadenza del contratto che è sempre, come minimo, di due o tre anni. Evidentemente gli allenatori godono di un generosissimo welfare che garantisce la cassa integrazione al 100% per diversi anni. Mi viene da dubitare delle capacità intellettive di quei Presidenti che offrono agli allenatori compensi esagerati per periodi troppo lunghi; io l ingaggio lo limiterei a un tempo determinato (non superiore a una stagione calcistica) e farei anche firmare all allenatore una lettera di dimissioni senza data che, in caso di manifesta mediocrità, utilizzerei per cacciarlo interrompendogli cosi anche gli alimenti. Il mio non è feroce cinismo ma semplice realismo: francamente ritengo non sia morale continuare a pagare un bocciato e permettergli di andare, con il suo yacht, a pesca per un paio d anni alla faccia della squadra e dei tifosi. Concludo ribadendo il concetto che l allenatore è l ultima ruota del carro anche se è una ruota preziosissima: un normale stipendiato per guadagnare ciò che percepisce Mourinho IN UN SOLO ANNO dovrebbe lavorare per oltre 700 ANNI! 9

12 v ita associativa CONVEGNO ALATEL LIGURIA 2009 Lurisia, novembre 2009 di Franco Cuccu 10 Come ogni anno, a Novembre, si è svolto il Convegno Alatel Liguria. Chi come me fa parte della squadra di volontari che prestano la loro opera in favore della nostra Associazione si sente emotivamente molto coinvolto nella preparazione ed organizzazione dell evento. La procedura è ormai largamente consolidata, ma non per questo meno impegnativa. Di solito si avvia con una riunione del Consiglio regionale, che affida ad un gruppo ristretto di esperti l incarico di individuare la Sede del Convegno (possibilmente baricentrica e comunque ad una distanza non superiore a 150/200 Km dalle diverse località di partenza) e di scegliere il Ristorante ed il relativo menù (prestando particolare attenzione al rapporto qualità/prezzo). Individuate le possibili soluzioni, il comitato proponente le sottopone al Consiglio regionale per la definizione formale di tempi, modalità e costi di realizzazione della manifestazione. Anche quest anno, malgrado l età media di noi tutti, l influenza stagionale e acciacchi vari, la partecipazione è stata numerosa (non distante dal 40% dei Soci in regola con il versamento della quota associativa). Finalmente all ora e nel punto stabilito (la mitica P.za della Vittoria, luogo ormai deputato alle nostre partenze) una moltitudine di colleghe e colleghi vocianti, fra saluti ed abbracci si ritrova in attesa dei pullman che, al loro arrivo, sono presi d assalto. Arrivati al Palasport di Lurisia, località scelta per il Convegno 2009, il nostro gruppo si unisce festoso agli altri colleghi giunti dalle sezioni di Imperia/Sanremo, Savona/Albenga, La Spezia e fra pacche sulle spalle e amarcord prendono posto all interno del locale in attesa dell inizio della tradizionale Assemblea. Come sempre il Presidente, con accanto i Consiglieri e Fiduciari, riassume sinteticamente le attività svolte nel corso dell anno, il numero dei partecipanti alle stesse, la consistenza dei soci e soprattutto ricorda i valori che sono alla base dell Associazione,

13 te), il tutto rallegrato dalla musica molto gradita dai soliti affezionati del ballo. Giunta ormai l ora del rientro, ognuno prende posto sul proprio pullman e con il ricordo della bella giornata trascorsa, ci salutiamo con l augurio di un arrivederci al invitando tutti con il passaparola a farsene interpreti ed a svolgere azioni di proselitismo. Segue ampio dibattito con le richieste ed i suggerimenti di alcuni soci. Al termine il consueto fuggi-fuggi verso i posti a tavola, per celebrare degnamente il momento (forse) più atteso della giornata. Anche questa volta il menù è stato ricco, abbondante ed apprezzato come le tante bottiglie di vino sui tavoli (svuota- 11 ALTRE FOTO DEL CONVEGNO SARANNO PUBBLICATE NEL PROSSIMO NUMERO

14 v ita associativa 37 CONGRESSO ANLA Incontro con i Soci e loro familiari in Sicilia Cefalù dal 21 al 27 ottobre 2009 di Luciano Migliorini 12 La Sicilia, fin dall antichità fu sede di molteplici invasioni che, come conseguenza positiva, le lasciarono una fiorentissima civiltà. E separata dalla punta meridionale della Penisola dal breve Stretto di Messina ed è la maggiore e più popolosa isola italiana e del Mediterraneo. E qui che L ANLA ha organizzato, in concomitanza con il 37 Congresso Nazionale, una gita con l intento di far trascorrere ai propri Soci e loro familiari, in questa bellissima terra circondata da cielo e mare, un soggiorno da ricordare. La partenza da Genova dei 92 partecipanti (52 Alatel e 40 Anla) è avvenuta con una modernissima nave della flotta GNV (Grandi Navi Veloci) nella serata di mercoledì 21 ottobre con arrivo a Palermo il pomeriggio del giorno successivo. Appena effettuato lo sbarco, tutto il gruppo è stato trasferito nei due alberghi prenotati di Cefalù. Fra il venerdì 23 ed il sabato 24 ottobre 09 si è svolta, sempre a Cefalù, l Assemblea dei Delegati e successivamente la Riunione del Consiglio Direttivo Nazionale. Nel pomeriggio del sabato è avvenuto l incontro con tutti i partecipanti per ricordare il 60 Anniversario dell Anla con l intervento di importanti personalità provinciali e regionali. Al termine della manifestazione, esibizione della Premiata Compagnia dei Pupari, cena di gala nel Salone delle Feste dell Hotel di Cefalù e spettacolo di un Gruppo Folkloristico che ha coinvolto attivamente ed allegramente tutti i partecipanti. Per le persone libere da impegni istituzionali, già dal venerdì e nei giorni successivi, sono state organizzate diverse escursioni che qui di seguito si possono così sintetizzare: - Monreale: con la sua splendida Cattedrale il cui interno è decorato con mosaici su fondo oro d una bellezza spettacolare; - Palermo: visita del centro cittadino, la grandiosa e pittoresca Cattedrale, la Martorana e San Cataldo, gioielli d arte, il Palazzo dei Normanni; - Cefalù: cittadina ospitante, famosa per la sua imponente Cattedrale ricca di mosaici, nonché rinomata stazione balneare e turistica; - Bagheria: cittadina in bella posizione tra agrumeti e vigneti, con visita della famosa Villa del Principe Palagonia; - Segesta: centro archeologico tra i più famosi della Sicilia; - Erice: caratteristica cittadina ubicata in magnifica posizione panoramica e famoso centro di soggiorno e turismo tra i più importanti dell isola. La partenza in nave da Palermo per il rientro si è effettuata nella serata di lunedì 26 ottobre e l arrivo a Genova è avvenuto il pomeriggio del giorno successivo con grande soddisfazione dei partecipanti per aver preso parte ad una piacevole esperienza isolana.

15 di Carlo Vercelli Inaugurato l Hospice di Albaro Il 25 novembre u.s., alla presenza delle autorità cittadine, è stato inaugurato l Hospice Gigi Ghirotti di Albaro. E questa la seconda struttura dopo quella nell ex Ospedale Pastorino di Bolzaneto. La struttura è operativa dai primi giorni di gennaio 2010 con diciotto posti letto, di cui cinque destinati a persone ammalate di SLA. L Hospice è un termine inglese che oggi ha un preciso ed unico significato: luogo di accoglienza e ricovero per malati verso il termine della vita, soprattutto malati oncologici. L origine risale al Medio Evo quando case di ospitalità furono costruite ai margini delle strade, lungo i percorsi dei grandi pellegrinaggi religiosi. Il pellegrino vi trovava accoglienza, ristoro e riposo, per poi riprendere il suo viaggio. Per similitudine l Hospice dei nostri giorni è il luogo di accoglienza di chi sta affrontando l ultimo e più impegnativo viaggio della vita di questo mondo per altri ignoti destini. Un luogo dove trovare la massima attenzione non solo alle cure del corpo, ma anche a quelle dello spirito. Nella medicina dei nostri giorni l Ospedale ha assunto sempre più la funzione di cura della malattia, acquisendo ed applicando tecnologie sempre più complesse per giungere alla guarigione. Parallelamente al suo interno si sono sempre ristrette le cure palliative o di conforto, proprie per chi non ha più possibilità di guarire. E indubbio che le cure di conforto abbiano le loro migliori possibilità se svolte all interno dell ambiente familiare. L Associazione è nata proprio per questo scopo: assistere a casa i malati di tumore nelle fasi avanzate della malattia. Nella Provincia di Genova, da diversi anni ormai, questa assistenza è prestata a poco più di 1000 malati ogni anno. Vi sono però situazioni che impongono il ricovero, temporaneo o definitivo. Sono situazioni cliniche inerenti a particolari emergenze della malattia; sovente sono motivi familiari, di ordine psicologico o sociale, per l insostenibilità del peso assistenziale a casa. In queste situazioni il ricovero ospedaliero spezza la continuità assistenziale impostata sui cardini delle cure palliative e provoca un trauma, generalmente insanabile, per il malato ed i suoi familiari. L Hospice costituisce quindi un importante integrazione alla rete dell assistenza domiciliare condotta dall Associazione Gigi Ghirotti nella nostra città. A nome di tutti i malati che vi troveranno ospitalità e conforto ringrazio la Fondazione Carige, artefice prima dell iniziativa e tutti i donatori anonimi e non che, mattone su mattone, hanno contribuito alla costruzione dell Hospice. La Regione Liguria e la ASL 3 Genovese che sono stati determinanti per il completamento dell opera. v ita associativa 13 Per chi desiderasse aiutare l Associazione rivolgersi a: Associazione GIGI GHIROTTI Sede: C.so Europa, 48/ GENOVA Telefono:

16 c ultura I BALESTRIERI GENOVESI I balestrieri genovesi, corpo scelto di combattenti inseriti nelle schiere armate del Medio Evo, rivestirono sempre il ruolo di protagonisti e furono spesso determinanti nelle continue guerre e dispute che insanguinarono il Mondo Occidentale di quei tempi, nelle Crociate in Terra Santa e ovunque nelle battaglie navali e campali. di Giacomo Chiappori 14 Loro arma la balestra, originaria della Cina dove era già nota nel IV secolo a.c., venne scoperta verso la metà del 900 dai mercanti genovesi nei loro viaggi in Medio Oriente, paese nel quale era pervenuta attraverso un percorso comune ad altre numerose invenzioni giunte fino al nostro mondo. Questa temibile arma era costituita da un robusto arco che poteva essere di legno, di corno e più tardi d acciaio, fissato ad un fusto nel quale correva longitudinalmente una feritoia dove alloggiava la freccia, La corda, di canapa intrecciata o di tendini di animale, era tesa mediante delle leve o dei martinetti e liberata da un grilletto, detto manetta, che lanciava il dardo, composto spesso interamente di metallo. I genovesi erano specializzati nel costruire balestre che modificarono con l inserimento della staffa per renderla più leggera e maneggevole, grande cura era impiegata per migliorare la precisione e il puntamento ed aumentare la gittata. La fabbricazione era assoggettata ad attento controllo da parte del Governo che affidava il lavoro ad artigiani scelti costituiti nella corporazione dei balistari. Le munizioni erano formate da frecce di metallo, quelle a testa conica, dette verrettoni e i più robusti quadrelli a sezione quadra e la punta piramidale. Forgiate da fabbri altamente specializzati, la loro produzione era contingentata e sottoposta a un vero e proprio monopolio di stato, e nel commercio delle armi divennero merce preziosa oggetto di trattative segrete e di contrabbando. Nelle battaglie si osservava grande cura per ricuperarle dal corpo dei nemici colpiti, fossero essi feriti o uccisi. La balestra continuamente perfezionata e potenziata divenne per quei tempi un arma terribile con una gittata che raggiungeva i metri e che a 200 era capace di trafiggere la corazza del cavaliere e del cavallo creando dei vuoti nelle compagini e di rompere le cariche di cavalleria. A partire dal secolo XII il suo impiego ebbe notevole diffusione in Europa e preoccupò il Vaticano che nel secondo Concilio Lateranense del 1139 ne decretò il divieto dell impiego tranne che nelle guerre contro gli infedeli. Il Governo di Genova intuì precocemente l importanza di quest arma ponendo sotto la sua tutela la fabbricazione e vincolando il balestriere con un giuramento di fedeltà e la presentazione di un garante che attraverso un ipoteca ne attestava la correttezza. Il primo corpo di questi combattenti detti balistarius venne istituito intorno al 1190 e furono addestrati in un apposito campo di tiro sulla punta del Mandraccio, inquadrati in squadre di 25, dette bandiere, erano pagati e tenuti a disposizione dal Comune, che in caso di guerra riconosceva un cospicuo soprassoldo. Divennero infallibili e richiestissimi come mercenari nei conflitti tra le città in Italia e ovunque in Europa, usati come merce di scambio in numerosi accordi tra Genova e altri Comuni e Principati. Sono documentati dei contratti in cui il Governo di Genova in cambio della fornitura di contingenti di balestrieri ottenne la concessione di feudi o di altri privilegi.

17 Una delle prime guerre in cui è noto l impiego dei balestrieri genovesi fu durante la prima Crociata in Terra Santa nel Guglielmo Embriaco approdò a Giaffa mentre era in corso l assedio di Gerusalemme, causa l attacco subito da parte della flotta mussulmana fu costretto ad abbandonare le sue galee distruggendole, ma ricuperò una grande quantità di legname e degli attrezzi che trasferì nel campo cristiano degli assedianti. Tramite la capacità dei suoi carpentieri fece costruire delle macchine da lancio e delle torri mobili per assalire le mura. Tra queste una torre di 82 piedi (circa 20 m.), con in alto delle piattaforme protette da dei parapetti dietro i quali si appostarono i balestrieri che, con il loro preciso tiro, crearono un micidiale fuoco di sbarramento protratto nel tempo necessario per la decimazione dei difensori e consentire il lancio dei ponti aerei attraverso i quali si scagliarono i crociati all assalto finale. Il riconoscimento della valorosa impresa è attestato da una scritta scolpita nell architrave del Santo Sepolcro: PREPOTENS GENUENSIUM PRAESI- DIUM Nell annosa guerra tra Federico II di Svevia e il Papato, Genova rivestì un ruolo importante e quando fu eletto Papa il genovese Sinibaldo Fieschi col nome di Innocenzo IV ( ), si schierò decisamente dalla parte del Papato. Nel 1245 Enzo, figlio di Federico II, fu incaricato di dirigere la guerra in Italia contro i Comuni ostili e attaccò Milano alla cui difesa vennero chiamati 500 balestrieri genovesi, e tanto erano temuti che l Imperatore diramò l ordine che se fossero fatti prigionieri sarebbero stati puniti con la mutilazione dell occhio destro e della mano sinistra per renderli incapaci al tiro. Le forze coalizzate ebbero il sopravvento e catturarono prigioniero lo stesso Enzo, liberato in seguito, al patto che tutto l esercito fosse ritirato. Nel 1247 la Città di Parma, caposaldo imperiale, si ribellò e Federico, calato dalla Germania si dispose a riconquistarla. Tra i Comuni che sostenevano Parma vi era anche Genova, presente tra l altro con 600 balestrieri, che contribuirono a difendere la città nel lungo assedio. Nel febbraio del 48 allo stremo, tentarono una sortita con i balestrieri schierati in prima fila che ebbe un clamoroso successo e causò la distruzione del campo Imperiale. Sconfitto ancora a Fossalta, presso Modena, nel 49 l Imperatore abbandonò ogni speranza di supremazia e ritiratosi nel Sud d Italia morì l anno successivo. La vittoria procurò un grande prestigio al Comune di Genova e consentì al Governo di sfoggiare orgogliosamente il sigillo del Grifone immortalato nel verso: Grifus ut has angit sic hostes Janua frangit. Nelle battaglie terrestri i balestrieri, mercenari ricercatissimi lautamente ricompensati, erano assistiti da serventi e portatori fino al numero di quattro per ognuno e nelle grandi campagne avevano al loro seguito dei medici, delle ragazze di piacere e dei preti, che viaggiavano su carri in apposite carovane. Venivano impiegati anche come scorta sulle navi nel numero di 25, una bandiera, nel qual caso le paghe erano inferiori, ma potevano sempre contare nei guadagni derivanti dalla spartizione del bottino. Negli scontri navali si appostavano in grande numero sulle prime galee dello schieramento con il compito di colpire a distanza le navi avversarie mirando principalmente ai vogatori di una fiancata nell intento di rallentarne l avanzamento e rendere più favorevole l abbordaggio. Nella battaglia della Meloria del 1284, che segnò la vittoria dei genovesi sui pisani, i balestrieri contribuirono validamente al successo ferendo anche il comandante pisano Alberto Morosini, poi fatto prigioniero. Altra grande battaglia navale vinta dai genovesi fu quella combattuta presso l Isola di Curzola nel 1298 contro i veneziani, nella quale tra l altro fu fatto prigioniero Marco Polo, e che vide con certezza la partecipazione dei balestrieri come è testimoniato in una composizione dell Anonimo Genovese. Poeta 15 I balestrieri genovesi alla presa di Gerusalemme, particolare di un affresco del 1624, che il pittore Lorenzo Tavarone realizzò per la famiglia Adorno nel palazzo di via Garibaldi.

18 16 in volgare del Duecento, appassionato cantore del suo popolo del quale descrive le usanze e ne esalta il temperamento pratico e orgoglioso, in una sua poesia (n.xlix), dal titolo, De victoria facta per Januenses contra Venetos in quelo Venicianorum propre isolam Scurzole, anno MCCLXXXXVIII... Al verso 125 recita:.che bela vista era lantor de segnoi, comiti e nozhè, soversagenti con vogè tuti ordenai a so lavor, cum barestrei tuti acesmai cum bon quareli passaor chi pertusan e mendor: de l arte som tropo afinai... I balestrieri genovesi, richiestissimi mercenari, in Italia furono al servizio di Comuni e Principati, ma non mancarono ingenti ingaggi a volte per migliaia di unità da parte di Stati Europei, in Francia, Spagna e Paesi Bassi; nell arte militare ebbero un predominio lunghissimo che terminò con l avvento delle armi da fuoco, anche se per numerosi anni furono ancora presenti negli eserciti. La decadenza fu segnata e iniziò da una sfortunata vicenda incorsa nella Guerra dei Cent anni tra la Francia e l Inghilterra. La battaglia di Crecy, combattuta il 6 agosto del 1346, annoverava nell esercito francese la presenza di una folta compagine di balestrieri genovesi di numero incerto: per alcuni 5.000, per altri e più fino a Trasferiti con una lunga marcia protrattasi per oltre due mesi, esausti senza che fosse concesso riposo, dal comandante francese Filippo di Vallois smanioso di concludere la partita, vennero schierati in prima fila ai piedi di una collina tenuta dagli inglesi, privi di copertura e con il compito di avanzare. L errore tattico per un azione così esposta fu contestato dai genovesi al comando francese, ma sospettati di vigliac- Miniatura tratta dalla prima pagina degli Annali di Caffaro (Genova, Archivio di Stato). cheria e punti nell orgoglio, decisero di attaccare ugualmente. L azione fu disastrosa, bersagliati da un grande numero di arcieri inglesi appostati sulle alture, decimati e disorientati, furono dispersi dalla cavalleria senza che i francesi intervenissero in loro difesa. Tuttavia il sacrificio dei genovesi non valse a salvare le loro truppe che furono travolte e l intera armata subì una pesante sconfitta determinante per le sorti della guerra. Glossario dei termini in volgare duecentesco citati: > segnoi - signori > comiti - coloro che sono preposti ai lavori della ciurma e al governo delle vele > nozhè - nocchiero > soversagenti - sorveglianti, marinai di coperta > vogè - vogatori > acesmai - pronti > quareli - quadrello, freccia > passaor - che trapassano da parte a parte > mendor - in brevissimo tempo, in un attimo

19 di Carlo Vercelli Nel 1931 fu pubblicato l ultimo numero. Dopo un lungo silenzio le pubblicazioni ripresero nel 1950 con la nuova rivista Selezionando, la più longeva della SIP, edita fino al A partire dagli anni ottanta, la SIP e successivamente la Telecom Italia hanno dato vita a numerose riviste specializzate; quelle più recenti si distinguono per il loro carattere non più spiccatamente limitato alla vita aziendale. Oggi l intento è realizzare una rivista che non racconti solo i fatti, ma sia capace di narrare la vita dell Impresa, che non tratti l attualità e non promuova i progetti, ma inviti alla lettura, alla riflessione e all approfondimento. Il nome che è stato scelto SIN- CRONIZZANDO appartiene alla memoria del- La nuova rivista della Telecom Italia SINCRONIZZANDO è stata la prima rivista italiana aziendale destinata esclusivamente alla diffusione interna. Era il mensile della SIP (Società Idroelettrica Piemonte). E stata stampata dal 1922 al l azienda e ne richiama il patrimonio di esperienze umane e professionali. SINCRONIZZANDO nasce per narrare il percorso che la Telecom Italia ha intrapreso, con le sue sfide e i suoi progressi, e per mettere al centro gli attori di questa appassionante storia collettiva: le donne e gli uomini di Telecom Italia. Il primo numero è uscito a gennaio 2010 e sostituisce il numero aziendale NOI. Magazine, che veniva inviato anche ai pensionati iscritti all Alatel. Oggi purtroppo la rivista cambia formato e non è più possibile la spedizione unitamente alla rivista dell Anla Esperienza. Tuttavia l Azienda invierà un certo numero di copie presso le segreterie Regionali dell Alatel e potranno essere visionate a richiesta. m ondo Telecom 17 PRESTITO OBBLIGAZIONARIO TELECOM ITALIA di Carlo Vercelli RENDIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI - CEDOLA 17 (I SEMESTRE SCADENZA 1 LUGLIO 2010) Anche il Prestito Obbligazionario della Telecom Italia ha dovuto subire l andamento dei tassi che sono crollati nel giro di pochi mesi. Il prestito, come è noto, è agganciato al tasso Euribor mesi e pertanto su questa base ( ) (pari a 1,007% lordo annuo) è stato determinato il tasso relativo alla cedola 17 del prestito obbligazionario , che sarà messa in pagamento il 1 luglio 2010, con competenza Il prestito obbligazionario gode della tassazione, sugli interessi, al 12,50%. Il rendimento annuo lordo per il periodo di godimento è del 1,00%. Il tasso della cedola semestrale è pari al 0,496% lordo, base del calcolo degli interessi. Tale tasso verrà incrementato del Bonus, pari allo 0,45% lordo, per le obbligazioni costituenti l incremento di possesso medio dell obbligazionista, rilevato nel primo semestre 2010, raffrontato con il possesso medio del secondo semestre Pertanto, per le obbligazioni che hanno diritto al Bonus, il rendimento della cedola 17 sarà pari ad un tasso semestrale lordo del 0,946%, corrispondente ad un tasso annuo lordo del 1,91%.

20 c ultura MITICO WEST Impressioni ed emozioni di un viaggio straordinario Un paese ed un viaggio che ti lasciano solo la voglia di tornare, nella consapevolezza di avere solo cominciato a sfogliare un immenso catalogo di meraviglie. Un mito che non è leggenda o favola, ma incredibile realtà. Una promessa mantenuta che ha superato le aspettative. de La Redazione 18 Prima di poter scrivere qualcosa su di un viaggio fatto di chilometri, emozioni e luoghi talmente iconici da fare parte dell immaginario comune, tanto che ciascuno di noi ne parla come fossero vecchie conoscenze, senza fare solo un elenco di posti ed uno spreco di aggettivi, é stato indispensabile lasciar passare qualche tempo. Un mese per organizzare e rivedere le fotografie, un mese affinché le impressioni e le emozioni si depositassero e decantassero lasciando nella memoria l essenza di un viaggio indimenticabile. L itinerario innanzitutto, un classico - ma ben studiato - giro del south west (California, Nevada, Arizona e Utah): Los Angeles - Mohave Desert - Barstow - Calico - Laughlin - Grand Canyon - Painted Desert - Kayenta - Monument Valley - Lake Powell - Bryce Canyon - Zion Park - Las Vegas - Death Valley - Mammoth Lakes - Yosemite Park - San Francisco. E qui si esaurisce l elenco, che già in se stesso da un idea della incredibile varietà e dell esperienza sensoriale che questo incredibile paese offre all attonito visitatore europeo. Un popolo in movimento. Qui tutto ciò che é opera dell uomo, salvo forse il Golden Gate ed il Teatro Cinese, ha una curiosa caratteristica di impermanenza, ma non le strade. Strade che portano ovunque e vanno ovunque, strade grandissime, piccole, antiche come la route 66 o moderne come la 110, ma tutte gratuite, scorrevoli se pur gremite, panoramicissime. Per contrasto le città, certo non Los Angeles (che per un verso potrebbe in realtà rientrare in questa descrizione smisurata città acefala) o San Francisco, nascono e muoiono nel nulla, seguendo il capriccio o la logica - di un popolo che sfrutta le risorse di un luogo e poi lo abbandona, come gli antichi nomadi. Città nel deserto, città fantasma, case di legno, case su ruote, improbabili prefabbricati con attorno un giardino curato. Tutto parla di un popolo per il quale il movimento è vita, per cui cambiare città, stato, è un modo irrinunciabile di esistenza. Gli spazi. La grande varietà dei paesaggi e amplificata dalla scarsa antropizzazione, dall estensione dei parchi naturali, dall incredibile sensazione di libertà che si comincia a percepire appena ci si allontana dai grandi centri abitati. E una sensazione di libertà selvaggia, esaltante, che si scontra e si amplifica nell incredibile potenza che qui la natura dispiega. Una natura che è impensabile poter possedere o dominare, ma solo ammirare con entusiasmo e deferenza. Difficile descrivere, se non con reverenza quasi mistica, l esperienza del Grand Canyon, nessuna fotografia, nessun filmato, nessuna parola possono dare la misura di ciò che si prova a trovarsi al cospetto, e sul ciglio, di una delle manifestazioni più incredibili della forza, della bellezza e della intelligenza scenografica della natura. Della Monument Valley e del deserto dipinto, dove ci si commuove come bambini, e dove ogni pietra echeggia delle voci degli antichi Navajo. Di Bryce Canyon dove la meraviglia é anche ripagata nella fatica di

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Newsletter N. 6/2014

Newsletter N. 6/2014 Consiglio Regionale Lazio Newsletter N. 6/2014 Cari amici, siamo giunti alla fine del primo semestre, arrivano le vacanze e con esse la stagione ideale per rilassarci: al mare, in montagna, in campagna

Dettagli

california e parchi dell ovest dall 8 al 19 settembre 2010 alla conquista dell west

california e parchi dell ovest dall 8 al 19 settembre 2010 alla conquista dell west california e parchi dell ovest dall 8 al 19 settembre 2010 Come in un film: scenari unici, natura selvaggia, incontri fuori dal tempo. Dai brividi del Grand Canyon allo scintillio di luci di Las Vegas

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

LATERINA PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI. Guida turistica per bambini

LATERINA PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI. Guida turistica per bambini PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI LATERINA Guida turistica per bambini A cura della Scuola dell infanzia di Laterina, in collaborazione con il Comune di Laterina e l associazione culturale La Rocca

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

VIA GARIBALDI INGRESSO

VIA GARIBALDI INGRESSO VIA GARIBALDI INGRESSO IL PERCORSO DI VISITA Il museo storico della Società Reale Mutua di Assicurazioni è frutto di una selezione del materiale documentale più rappresentativo custodito nell archivio

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

U.S.A in CAMPER I grandi parchi dell Ovest 23 giorni Dall 11 giugno al 3 luglio 2016

U.S.A in CAMPER I grandi parchi dell Ovest 23 giorni Dall 11 giugno al 3 luglio 2016 U.S.A in CAMPER I grandi parchi dell Ovest 23 giorni Dall 11 giugno al 3 luglio 2016 PROGRAMMA DI VIAGGIO GIORNO 1 11 giugno - Italia - Los Angeles Partenza da Milano o Roma. Arrivo a Los Angeles previsto

Dettagli

Itinerario 1 GIORNO 2 GIORNO 3 GIORNO. ITALIA Los Angeles. Los Angeles Death Valley 460 km. Death Valley Las Vegas 290 km

Itinerario 1 GIORNO 2 GIORNO 3 GIORNO. ITALIA Los Angeles. Los Angeles Death Valley 460 km. Death Valley Las Vegas 290 km EXPRESS WEST Un itinerario breve ma di grande impatto che vi guidera tra le meraviglie naturalistiche dei principali National Parks, la magica follia di Las Vegas, capitale del gioco per concludere la

Dettagli

U.S.A in CAMPER I grandi parchi dell Ovest 24 giorni Dall 7 Agosto al 30 Agosto 2016

U.S.A in CAMPER I grandi parchi dell Ovest 24 giorni Dall 7 Agosto al 30 Agosto 2016 U.S.A in CAMPER I grandi parchi dell Ovest 24 giorni Dall 7 Agosto al 30 Agosto 2016 PROGRAMMA DI VIAGGIO GIORNO 1 7 agosto - Italia - Los Angeles Partenza da Milano o Roma. Arrivo a Los Angeles previsto

Dettagli

Roma: Anno Giubilare Itinerario della Misericordia

Roma: Anno Giubilare Itinerario della Misericordia Roma: Anno Giubilare Itinerario della Misericordia Abbiamo sempre bisogno di contemplare il mistero della misericordia. È fonte di gioia, di serenità e di pace. È condizione della nostra salvezza. Misericordia:

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse.

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Proseguendo la mia tesi sulla disamina della Difesa Elastica attuata con il controllo visivo attivo ho ritenuto

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione di questa attività deve essere considerata anche l

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

AGENZIA UFFICIALE PRENOTAZIONI

AGENZIA UFFICIALE PRENOTAZIONI AGENZIA UFFICIALE PRENOTAZIONI / OFFICIAL RESERVATIONS AGENCY: APAHOTELS SRL : Mrs Antonella Altomani Mrs Paolini Daniela Tel.: +39_(0)721_67959 Fax +39_(0)721_65135 - E-mail: info@apahotel.it web-site:

Dettagli

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati.

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati. Anno II Numero 4 Giugno 2007 Domenica 29 aprile 2007, durante la celebrazione eucaristica che concludeva i lavori dell incontro dei responsabili e coordinatori regionali del Movimento, è stato vissuto

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Mantova e dintorni. Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015

Mantova e dintorni. Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015 Mantova e dintorni Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015 Lunedi' 1 giugno - Firenze - Dozza - Maranello Partiamo da Firenze in tarda mattinata.

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

MENSILE di FOTOGRAFIA & IMMAGINE DEL GRUPPO FOTOGRAFICO SAN PAOLO - RHO - ANNO 3 - N 9 - NOVEMBRE 2012

MENSILE di FOTOGRAFIA & IMMAGINE DEL GRUPPO FOTOGRAFICO SAN PAOLO - RHO - ANNO 3 - N 9 - NOVEMBRE 2012 MENSILE di FOTOGRAFIA & IMMAGINE DEL GRUPPO FOTOGRAFICO SAN PAOLO - RHO - ANNO 3 - N 9 - NOVEMBRE 2012 Editoriale Questo numero del Grandangolo, come già capitato ad inizio anno, ha carattere di monografia

Dettagli

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com CalenDiario 2011: L Italia compie 150 anni CalenDiario Nel 2011 l Italia compie 150

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA BASKET: UNA SCUOLA DI VITA Un incontro speciale con il mondo della pallacanestro Lunedì 7 aprile 2014, le classi terze hanno incontrato il giocatore Jacopo Balanzoni della squadra della pallacanestro Cimberio

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Umberto Montefiori ASSALTO AL MONARCA

Umberto Montefiori ASSALTO AL MONARCA Assalto al Monarca Umberto Montefiori ASSALTO AL MONARCA se non riuscimmo non fu per mancanza di valore più dell ardire poté la sorte PATRIA e ONORE Alessandro Piòla Caselli www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila Le mura di Avila Santa Teresa d Avila (1515-1582) era al Carmelo di Toledo quando il re del Portogallo,

Dettagli

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione INSERTO DA STACCARE E CONSERVARE Patriarcato di Venezia, UFFICIO COMUNICAZIONI SOCIALI Dall esperienza di quest anno della Scuola di Comunicazione ecco una guida pratica per parrocchie, movimenti, gruppi,

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

SULLE ORME DEI PIONIERI DEL WEST CALIFORNIA, NEVADA, ARIZONA E UTAH!!!

SULLE ORME DEI PIONIERI DEL WEST CALIFORNIA, NEVADA, ARIZONA E UTAH!!! SULLE ORME DEI PIONIERI DEL WEST CALIFORNIA, NEVADA, ARIZONA E UTAH!!! 10 giorni / 9 notti CODICE PACCHETTO: USA-10909 1 Giorno: ITALIA - S. FRANCISCO Arrivo all aeroporto e incontro con il bus e l'assistente

Dettagli

Speciale Romagna CAPODANNO

Speciale Romagna CAPODANNO Speciale Romagna CAPODANNO I nostri pacchetti in Romagna sono l ideale per coloro che viaggiano in autonomia e desiderano una breve vacanza per Capodanno a prezzi convenienti. Le escursioni che proponiamo

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 3 uscita di giugno 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via Casentinese,73/f

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL GRUPPO PICCOLI TARTUCHINI

REGOLAMENTO INTERNO DEL GRUPPO PICCOLI TARTUCHINI ART. 1 - Il Gruppo Piccoli Tartuchini riunisce ed organizza tutti bambini Protettori della Tartuca di età inferiore ai 12 anni. ART. 2 - Il Gruppo svolge la propria attività principalmente nei locali e

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

14 giorni / 13 notti. IMPORTANTE: CAMBIO ATTUALE EURO/DOLLARO Cambio applicato: 1 EUR = USD 1,05 ( 13/03/2015)

14 giorni / 13 notti. IMPORTANTE: CAMBIO ATTUALE EURO/DOLLARO Cambio applicato: 1 EUR = USD 1,05 ( 13/03/2015) IMPORTANTE: CAMBIO ATTUALE EURO/DOLLARO CANYON E METROPOLI DELL OVEST, tour di gruppo Los Angeles, San Diego, Phoenix/Scottsdale, Grand Canyon, Bryce Canyon, Las Vegas, Mammoth Lakes, San Francisco, Monterey

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA "DALLAS BUYERS CLUB"

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA DALLAS BUYERS CLUB CA' NOSTRA NEWS Numero 11, maggio 2016 Giornalisti: Giorgio, Bruno, Bruno, Elia, Mimmo, Roberto, Luigi, Evaristo, Julie, Leonardo e Andrea Redattrice: Federica NOTIZIE DA CA' NOSTRA " " Una penna e un

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI 23 Marzo 2014. RELAZIONE Rendiconto consuntivo 2013 Rendiconto preventivo 2014

ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI 23 Marzo 2014. RELAZIONE Rendiconto consuntivo 2013 Rendiconto preventivo 2014 ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI 23 Marzo 2014 RELAZIONE Rendiconto consuntivo 2013 Rendiconto preventivo 2014 Carissimi soci e amici, il quadro generale della nostra Associazione denota una sostanziale tenuta

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

PROVA UNICA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA E IN ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA. Anno Accademico 2013/2014

PROVA UNICA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA E IN ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA. Anno Accademico 2013/2014 PROVA UNICA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA E IN ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA Anno Accademico 2013/2014 La risposta esatta è la A. La risposta esatta è la C. TRATTO

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Cari saluti a tutti. Carlo Salsa

Cari saluti a tutti. Carlo Salsa Ormai nel lontano 2004, l allora parroco di Trissino Don Giuseppe Nicolin mi chiese di entrare nel CDA del nuovo Ente, Fondazione Casa della Gioventù. Successivamente, i componenti dello stesso organo

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante.

Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante. Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante. Itinerario Libero non Guidato Segui il nostro consiglio, prendi per mano tua moglie o la tua fidanzata e portala

Dettagli

SICILIA. culla d arte e buona cucina. Dal 2 al 5 ottobre 2014 (4gg)

SICILIA. culla d arte e buona cucina. Dal 2 al 5 ottobre 2014 (4gg) SICILIA Palermo, Cefalù, Erice e Segesta culla d arte e buona cucina Dal 2 al 5 ottobre 2014 (4gg) 02 ottobre Giovedì 03 ottobre Venerdì VENEZIA / PALERMO In tempo utile ritrovo dei Signori Partecipanti

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

in campo PRIMA DEL PALALIVORNO.

in campo PRIMA DEL PALALIVORNO. PRIMA DEL PALALIVORNO. in campo La vittoria della MAR - Livorno sulla Lazio, in La Nazione Sera, 21 maggio 1956 Nella storia della pallacanestro livornese spicca un capitolo esemplare: l entusiasmante

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli