Semantic Social Networks

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Semantic Social Networks"

Transcript

1 Semantic Social Networks Andrea De Chiara Nicola De Vivo Gabriele Di Chiara Gaetano Di Lauro Salvatore Esposito Michele Falso Lucio Ferraro Fabio Flora Michele Nasti Fabio Parlato

2 Overview Stato dell arte dei Social Network Applicazioni Social Semantic Network Piattaforme per la creazione e gestione di social network Referenze

3 Overview Stato dell arte dei Social Network Applicazioni Social Semantic Network Piattaforme per la creazione e gestione di social network Referenze

4 L emergere del web sociale Le innovazioni dell architettura e del modello di utilizzo del web hanno portato ad un ruolo completamente diverso del mondo online. Il web 2.0 concepito come una piattaforma per la comunicazione intensa e per interazione sociale. Una recente indagine basata su interviste con adulti, dimostra che internet migliora in modo significativo negli americani la capacità di mantenere la loro integrazione sociale, nonostante i primi timori per gli effetti della diminuzione di contatto della vita reale.

5 L emergere del web sociale (2) La prima ondata di socializzazione sul web: blog, wiki. Applicazioni di successo, permettono l aggiunta di contenuti sul web senza che vi sia una conoscenza del linguaggio HTML. Contemporaneamente vi è la diffusione dei messaggi immediati (ICQ) dovuta non solo all istantanea esigenza di comunicare, ma anche alla capacità di vedere chi è online.

6 L emergere del web sociale (3) 2003, Friendster: il primo social network online. Caratteristiche dei siti dei social network sono paragonabili alle pagine web personali, inoltre però forniscono: Punto d accesso centrale in seguito alla registrazione Condivisione delle informazioni personali Pubblicazione del profilo con informazioni base Possibilità di invito amici a registrarsi e un collegamento con i loro profili. Visualizzazione e navigazione della rete sociale al fine di scoprire amici che si pensava di aver perduto. Potenziali nuove amicizie basate su interessi condivisi.

7 Stato dell arte dei Social network La tendenza dei social network è quella di utilizzare servizi basati sui profili utente e le reti al fine di stimolare lo scambio di diversi contenuti: foto bookmark piani e obiettivi Aggregazione e condivisione notizie Tali sistemi permettono l annotazione collaborativa (folksonomies) per connettere utenti a contenuti pertinenti verso altri utenti che potrebbero essere interessati a simili cose.

8 Stato dell arte dei Social network Applicazioni realizzate con tecnologie quali AJAX, XML, Javascript Utilizzo formati e protocolli come JSON, REST Alcune Applicazioni Web 2.0 aprono i loro dati e servizi alla sperimentazione da parte degli utenti. Applicazioni mashup, siti web basati su combinazioni dei dati e dei servizi forniti da altri sistemi HousingMaps per la ricerca di annunci immobiliari sul territorio americano che utilizza due risorse distinte, Craiglist e GoogleMaps, incrociando i dati dell uno con quelli dell altro

9 Web 2.0 Web SemanticWeb=Web + 3.0? Web 2.0 ha un maggiore effetto sugli utenti che interagiscono con il Web, il Semantic Web apre nuove opportunità tecnologiche per gli sviluppatori web, combinando i dati e servizi provenienti da fonti diverse. Nascono così nuove opportunità che derivano dalla combinazione delle idee di questi due sviluppi.

10 Overview Stato dell arte dei Social Network Applicazioni Social Semantic Network Piattaforme per la creazione e gestione di social network Referenze

11 Overview Applicazioni Social Semantic Network Visualizing semantic network Flink Semantic Wiki AceWiki Semantic MediaWiki

12 Visualizing Semantic Network Cosa è una SNA L Analisi delle reti sociali è una mappatura e misurazione di relazioni tra persone, gruppi, o altri. I nodi della rete sono le persone, mentre i links mostrano le relazioni tra i nodi. Esempi di tali relazioni potrebbero essere tra le persone: parentela: come madre di, moglie di ruolo: come capo di, docente di amico di cognitivo: come sa, consapevole della affettivo: come piace, trust Interazioni come dare consigli, parla, combatte con Relazioni tra le persone e le organizzazioni

13 Visualizing Semantic Network Perche è necessaria una SNA Le relazioni tra le entità sociali, eventi e luoghi non possono essere evidenti al primo colpo d'occhio. L analisi delle reti sociali, aiuta a scoprire quali rapporti ci sono in modo esplicito. Per esempio date le informazioni ricavate da risorse distribuite: Abdullah Al roommateof Reshood Aafia Siddique Aafia ismemberof Siddique Al Queda Aafia Siddique traveledto Pakistan Mounir al-motassad traveledto Pakistan La conoscenza potrebbe essere utilizzata per scoprire ulteriori informazioni, come: Abdullah Al Reshood isrelatedto Al Queda? Al Queda isrelatedto Pakistan? le informazioni scoperte possono essere visualizzate al fine di fornire una comoda e facile navigazione amichevole all'interno del modello

14 Visualizing Semantic Network Vantaggi di una Semantic Network: La modellazione delle reti sociali possono essere aiutate da ontologie. La modellazione delle reti sociali tramite ontologie garantisce la validità delle informazioni codificate. Le ontologie, attraverso la deduzione consente di ottenere nuove informazioni.

15 Visualizing Semantic Network Applicazione Flink Vincitore del Semantic Web Challenge del Flink è stato il primo sistema che sfrutta le tecnologie semantiche per fini di analisi di rete, basate su fonti di conoscenze eterogenee : pagine HTML, pubblicazioni. Estrae conoscenza dalle reti sociali della comunità e consolida quanto appreso utilizzando una comune rappresentazione semantica,vale a dire l'ontologia FOAF.

16 Visualizing Semantic Network Flink: funzionamento Informazioni sul profilo: sull'analisi delle pagine web pubblicazioni . pagina mostra una sintesi del rapporto tra i due ricercatori Le informazioni di interesse dei ricercatori è usata per generare una ontologia leggera della comunità Web Semantico

17 Visualizing Semantic Network Flink: System Design Applicazione data-driven, con architettura a tre livelli:

18 Visualizing Semantic Network Flink: Data Acquisition Le informazioni apprese sono rappresentate secondo l'ontologia stessa. Include FOAF ed sue estensioni legami di rete, e metadati sono rappresentati in RDF usando termini FOAF: foaf:knows per relazioni e foaf:topic_interest per gli interessi. FOAF profiles sono raccolti usando il scutter Elmo Informazioni provenienti da sono scaricate da un server POP3 o IMAP e le intestazione sono catturate in un formato RDF. FOAF utilizzato per rappresentare le informazioni sui mittenti e destinatari: nome e indirizzo Informazioni bibliografiche da Google Scholar

19 Visualizing Semantic Network Flink: Storage and reasoning la mappatura è semplice per le ontologie (SWRC e FOAF), tra per esempio swrc:person e foaf:person. La raccolta aggregata dei dati RDF è memorizzato in un server di Sesàme. Infine, in questa fase precalcoliamo, memoriziamo il tipo di statistiche di rete da visualizzare nell'interfaccia.

20 Visualizing Semantic Network Flink: Presentazione Basata sul paradigma Model-View-Controller: Model: Bean Elmo che rappresentano le persone, le pubblicazioni e le Controller: tutti i bean recuperati dallo Story e trasferiti al layer View utilizzando l utility GraphUtil View: JavaServer Pages (JSP) e la Java Standard Tag Library (JSTL) vengono utilizzate per generare un front-end che nasconde gran parte del codice.

21 Overview Applicazioni Social Semantic Network Visualizing semantic network Flink Semantic Wiki AceWiki Semantic MediaWiki

22 Sito web, o comunque una collezione di documenti ipertestuali, che viene aggiornato dai suoi utilizzatori, i cui contenuti sono sviluppati in collaborazione da tutti coloro che vi hanno accesso. Lo scopo è quello di condividere, scambiare, immagazzinare ed ottimizzare la conoscenza in modo collaborativo. Campi di applicazione Documentazione Progetti collaborativi Educazione e formazione collaborativa Knowledge base d'impresa Wiki comunitarie Wiki personali

23 Il wiki per i metadati I metadati per il wiki

24 I wiki Enorme quantità di contenuti digitali Forte connessione tra i contenuti mediante hiperlinks Problema: esiste una struttura, ma è applicabile soltanto a livello di presentazione e non è interpretabile dalla macchina Ricercare contenuti rilevanti risulta difficile L integrazione e lo scambio tra sistemi diversi risulta complesso

25 Creare metadati per il wiki è difficile Richiede conoscenza del dominio Richiede skill di ingegneria della conoscenza Risulta complicato a causa dell insufficienza di tool Il wiki per i metadati Accesso tecnologico semplificato per la creazione dei metadati Collaborazione tra esperti del dominio ed ingegneri della conoscenza Reti e modelli di conoscenza che evolvono dinamicamente

26 Il semantic wiki tenta di combinare la forza di: Semantic web Processabile dalla macchina Integrazione dei dati Query complesse Wiki Facile da usare e da modificare Fortemente interconnesso collaborativo

27 Lo scopo è quello di acquisire informazioni sui dati e le relazioni tra le pagine in modo che queste possano essere interrogate o esportate come se fossero simili a database. Il modello di conoscenza che si trova alla base del wiki semantico viene tipicamente espresso mediante linguaggi formali interpretabili e processabili dalla macchina. Tale notazione può: essere inclusa dall utente stesso. essere derivata dal nome delle pagine o dal significato dei link.

28 Annotazione di strutture esistenti utilizzando metadati interpretabili dai computer Tipi dei link Tipi delle pagine Presentazione dei contenuti in base al contesto Diversi domini hanno modi diversi di presentare i contenuti e preferenze Ricerca e navigazione divengono intelligenti Query alla struttura, visualizzazione della struttura, informazione derivata Migliorata l interoperabilità tra i sistemi Scambio di contenuti, integrazione di sistemi differenti, agenti etc..

29

30

31 Wiki Ontology Semantic wiki

32 Tra i semantic wiki più famosi abbiamo individuato AceWiki Semantic MediaWiki.

33 Semantic wiki basato su Attempto Controlled English (ACE) Vantaggi portati da utilizzo ACE : 1. Si migliora l usabilità e l apprendimento 2. più espressivo rispetto ai linguaggi formali dei wiki semantici esistenti

34 Per rappresentare la conoscenza utilizza un ricco sottoinsieme di termini della lingua inglese Si differenzia sostanzialmente dal linguaggio naturale per il fatto che i contenuti: possono essere processati dalla macchina. sono strutturati in maniera non ambigua.

35 Descrivere minuziosamente il vocabolario. Descrivere la sintassi. Gestire le ambiguità. Spiegare il processing dei riferimenti anaforici.

36 Fornisce all utente un vocabolario di base al quale è possibile aggiungere termini specifici appartenenti ai vai domini di conoscenza. In un testo ACE sono possibili diversi tipi di frasi principalmente raggruppabili in : Semplici : descrive qualcosa ed è della forma soggetto + verbo + complementi + aggiunte. (Es: A customer inserts 2 cards.) Composte : costruite ricorsivamente partendo da frasi più semplici usando operazione come: Coordinazione (A customer inserts a card and enters a code.) Negazione (A customer does not insert a card.) Subordinazione (A customer who is trusted inserts a card that he owns.) Quantificazione (Every customer inserts a card.)

37 Il linguaggio ACE permette all utente anche di fare delle interrogazioni. Le query possibili sono di tipo : Yes/no : richiedono l esistenza o meno di una determinata circostanza (Does a customer insert a card?) Wh : con l aiuto di queste query si può interrogare un testo sui dettagli di una specifica situazione Who inserts a card? Which customer inserts a card? What does a customer insert? How does a customer insert a card? When does a customer enter a card? Where does a customer enter a card?

38 Per assicurare la consistenza dell ontologia, AceWiki si occupa di verificare le eventuali contraddizioni esistenti mediante il reasoner Pellet; tali contraddizioni verranno evidenziate in rosso ed escluse dall ontologia stessa. Per poter ridurre le ambiguità del linguaggio naturale, ACE sostituisce alcuni costrutti ambigui con altri costrutti alternativi non ambigui. Es: A customer inserts a card that is valid and opens an account. A card is valid. A customer inserts the card. The customer opens an account. Nel caso in cui gli utenti non accettino l interpretazione potranno sempre riformulare l input per ottenerne un altro.

39 Abbiamo sottolineato che il principale obiettivo di AceWiki è mostrare che i wiki semantici possono essere più naturali ed espressivi allo stesso tempo. Per ottenere questo vengono seguiti 3 principi fondamentali : Naturalezza: Uniformità: si intende che tra le semantiche formali ed il linguaggio naturale si abbia una connessione diretta. Un unico linguaggio viene usato a livello di interfaccia utente. Guida dell utente: Un buon editor predittivo assicura che gli statement creati dall utente siano ben formati.

40 1. Campo di testo contentente la sentence immessa dall utente ed accettata dall editor. 2. Campo di testo che viene utilizzato per l immissione delle parole; esso è dotato anche di funzione di autocompletamento. 3. Menù usato per assistere l utente nella costruzione della frase. 4. Menù che viene utilizzato per l immissione di termini non appartenenti al vocabolario di ACE. 5. Menù in cui l utente può inserire riferimenti ad altri termini presenti nella frase.

41 Non tutti i costrutti sono mappati in OWL I costrutti OWL non supportati dal mapping ACE- to-owl sono: Tutti i metadati (import, versioning, annotazioni) URI e namespace (non ci si può riferire a concetti definiti parzialmente in altre ontologie) Alle proprietà non possono essere associati dati che hanno un dominio o un range di dati.

42 AceWiki mostra che: Le ontologie possono essere gestite in modo naturale. I wiki semantici che utilizzano linguaggi naturali controllati, possono essere espressivi. È di facile apprendimento. Assicura la consistenza dell ontologia, che è alla base dei servizi di reasoning integrati.

43 Semantic MediaWiki Semantic MediaWiki è un estensione semantica del popolare software MediaWiki. La condizione principale per sfruttare le tecnologie semantiche è la disponibilità di dati opportunamente strutturati. A tal fine SMW introduce alcuni markup aggiuntivi che consentono agli utenti di aggiungere annotazioni al testo delle pagine del wiki. Questi Tag vengono utilizzati dalle componenti per il parsing e il rendering del SMW.

44 Semantic MediaWiki Architettura: fondata su MediaWiki ed estesa da Semantic MediaWiki SMW fornisce una serie di tipi di dati che possono essere estesi ad altri tipi di dati specifici ad un applicazione Le annotazioni possono essere facilmente esportate in OWL in quanto le proprietà corrispondono alle proprietà OWL, le categorie alle classi di OWL. SMW introduce una proprietà speciale subproperty of che può essere utilizzato per la gerarchie delle proprietà

45 Semantic MediaWiki Grazie ai Tag è possibile: Aggiungere categorie di contesto, inserendo il Tag [[Category:NomeClasse]] Esempio: inserendo il Tag [[Category:Book]] il sistema interpreterà la pagina come individuo di classe Book. Quest associazione verrà rappresentata nella parte inferiore della pagina Mettere il relazione gli articoli utilizzando il Tag [[Proprietà:Risorsa]], creando cosi collegamenti con altre risorse. Esempio [[hasauthor:dante_alighieri]] per indicare l autore del libro

46 Semantic MediaWiki Tag Definire attributi, che particolarizzano la risorsa utilizzando il Tag [[Proprietà:=Valore]] Esempio:[[hasTitle:=Divina Commedia]] possiamo impostare il titolo del libro come Divina Commedia. Questi attributi vengono visualizzati all interno del testo con il loro valore.

47 Semantic MediaWiki Tag Concretamente aggiungiamo semantica attraverso le proprietà

48 Semantic MediaWiki caratteristiche aggiuntive Questi Tag ci permettono : Ricerca di più informazioni in meno tempo e di migliorare la qualità e la consistenza complessiva del wiki. Generazione automatica, dinamica e sempre aggiornata delle liste attraverso le query. Normalmente esse vengono scritte a mano con grado di errore notevole. Evitare l abuso di categorie utilizzando semplicemente le proprietà e le query. Il riuso da parte di applicazioni esterne.

49 I principali siti che utilizzano Semantic MediaWiki OLPC Wiki con un numero utenti pari a 7757 e un numero di pagine attive

50 I principali siti che utilizzano Semantic MediaWiki Recipes Wiki con un numero utenti pari a e un numero di pagine attive

51 Overview Stato dell arte dei Social Network Applicazioni Social Semantic Network Piattaforme per la creazione e gestione di social network Referenze

52 Overview Stato dell arte dei Social Network Applicazioni Social Semantic Network Piattaforme per la creazione e gestione di social network Referenze

53 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

54 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

55 Social network hosting service servizio di web hosting che permette agli utenti di creare proprie social network. Ning KickApps BigTent Social network engine framework che provvede alle funzionalità necessarie alla creazione e alla configurazione di una social network, installabile ed eseguibile su un proprio web server. Elgg PHPIbazi Pligg CMS con l aggiunta di plugin Joomla + Community Builder DrupalSN WordPress + BuddyPress

56 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

57 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

58 Limitazione nell import/export dei profili utente da un applicazione ad un altra Limitazione nell import/export delle relazioni sociali tra gli utenti da un applicazione ad un altra Presenza limitata di dati disponibili in formati machine-readable Le API (Application Programming Interface) sono basate su protocolli e formati personali, molte delle quali risultano essere non standard

59

60 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

61 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

62 Iniziative Open Social Web Social Network Portability OpenSocial DataPortability Tecnologie semantiche da adottare per la portabilità dei dati utente e che favoriscono la interoperabilità delle SN FOAF (componente di portabilità della rete sociale) SIOC (componente di portabilità dei contenuti)

63 FOAF è una ontologia per descrivere le persone e le relazioni che esistono tra di loro Rappresenta la componente di portabilità della rete sociale Può essere integrato con altri vocabolari del SW Alcuni servizi, che permettono l export di profili FOAF Le persone possono anche creare il proprio documento FOAF e un link ad esso dalla loro homepage I documenti FOAF di solito contengono informazioni personali, link ad amici, e ad altre risorse correlate FOAF wiki: contiene una raccolta di strumenti utili per creare, aggregare ed usare FOAF, nonché la lista di siti che fanno l export di dati FOAF

64 Con FOAF possiamo descrivere la rete sociale di una persona ed anche il tipo di relazioni che quella persona ha con altre persone (mediante RELATIONSHIP) Una piattaforma per la creazione e gestione di social network dovrebbe essere capace di interfacciarsi con i dati FOAF mediante strumenti compatibili con RDF

65 Obiettivo principale della ontologia SIOC è quello di affrontare le questioni relative alla interoperabilità nel social web Permette di mettere in relazione e descrivere i data content creati da una persona Rappresenta la componente di portabilità dei contenuti Con SIOC è possibile interconnettere più content item Applicazioni SIOC: creazione di dati SIOC utilizzo di dati SIOC (querying, crawling, browsing)

66

67 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

68 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

69 CMS open source Offre funzionalità comuni a molti CMS 1. Registrazione e amministrazione degli account utente 2. Gestione dei menù di amministrazione 3. Inserimento dei contenuti 4. Feed RSS 5. Layout personalizzabile E possibile personalizzarlo e aggiungere nuovi comportamenti grazie a moduli Drupal stato eletto il CMS Open Source dell anno 2008 e 2009

70 In Drupal i contenuti sono chiamati nodi, organizzati in due famiglie: 1. Tipologia: indica il tipo di contenuto con cui organizzare una informazione (esempio pagina statica, messaggio ecc) Page: è il tipo usato per rappresentare le pagine statiche. Story: è il tipo usato per rappresentare le pagine dinamiche. Book page: è il tipo usato per rappresentare pagine collaborative. Blog post: è il tipo usato per pubblicare articolo personali Discussioni su forum: è il tipo usato per creare le discussioni nei forum 2. Categoria: permette di classificare i contenuti utilizzando i tag definiti dall amministratore o dall utente.

71 Grazie al proposal Drupal RDF Schema proposto dal gruppo Semantic Web Group, sponsorizzato dal DERI (Digital Enterprise Research Institute), Drupal è diventato più semantico. Lo scopo del progetto è quello di rendere compatibile in maniera nativa il core 7 di Drupal alle tecnologie semantiche. - Riutilizzando ontologie standard: FOAF, SIOC, SKOS e DC - Esportando tutti i dati in RDFa - Installando meno moduli per abilitare il semantic web

72 <http://example.com/user/5> sioc:has_function <http://example.com/admin/user/permissions/2>. <http://example.com/admin/user/permissions/2> dc:title "authenticated <http://example.com/admin/user/permissions/2> drupal:has_permission "create book <http://example.com/admin/user/permissions/2> drupal:has_permission "view <http://example.com/admin/user/permissions/2> drupal:has_permission "upload

73 I moduli che hanno permesso, alla versione 6 di Drupal, l utilizzo delle tecnologie semantiche sono: 1. SIOC 2. FOAF 3. RDF API 4. SPARQL 5. Calais Collection (Calais, Marmoset More like this, Topich hubs, Geo) 6. RDF CCK 7. Exhibit 8. RDF External Vocabulary Mapper 9. Relationship 10. Neologism

74 La versione 7 di Drupal, in fase di sviluppo, supporterà nativamente le tecnologie semantiche, inglobando nel core i moduli RDF API e RDF CCK. La nuova versione dovrebbe esporre i dati all utente direttamente in RDFa. Lo scopo del progetto è quello di rendere compatibile in maniera nativa il core 7 di Drupal alle tecnologie semantiche. - Riutilizzando ontologie standard: FOAF, SIOC, SKOS e DC - Esportando tutti i dati in RDFa - Installando meno moduli per abilitare il semantic web

75 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

76 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

77 Tecnologia per il Semantic Web

78 Esempio: Una multinazionale sta valutando l opportunità di acquistare una start-up aziendale specializzata nello sviluppo di tecnologie di Social Network. L azienda obbliga tutti i responsabili del progetto a compilare i moduli con le info relative al progetto. Queste info vengono inviate ad un db centrale in cui sono memorizzate. E molto difficile intraprendere l analisi delle info perché il concetto di Social Network è di alto livello connesso con altri concetti più semplici,come quelli di identità digitali, comunità sociali, ecc Inoltre, vi è un ulteriore ostacolo associato con la dispersione geografica dei vari gruppi di ricerca, ciò implica diverse linee di lavoro e terminologie diverse, dal punto di vista linguistico soprattutto, per descrivere gli stessi concetti.

79 Una prima soluzione:

80 Un miglioramento alla soluzione precedente

81 L obiettivo di questo esempio è che le tecnologie semantiche rappresentano un nuovo paradigma nella gestione delle informazioni, consentendo l uso di concetti, invece dei dati strutturati. Open Calais permette di gestire le informazioni attraverso l uso dei concetti grazie a numerose ontologie a sua disposizione, permettendo quindi la generazione di metadati semantici. I vantaggi di questo approccio: Elaborazione delle informazioni; Comunicazione tra i diversi gruppi di utenti; Gestione della conoscenza; Rappresentazione più chiara di questa conoscenza

82 Input: un testo semanticamente non strutturato Output: un file RDF contenente tutti i metadati relativi al contenuto del testo

83

84 RDF è creato sulla base delle Ontologie a disposizione di Open Calais Ontologie secondo lo standard OWL. Le ontologie utilizzate da Open Calais sono disponibili su: 2AAAAhm0jtOQ

85

86 Genera automaticamente tag Localizza immagini per i bloggers di WordPress Si può integrare in qualunque momento E progettato per migliorare i WordPress blogs agevolando i suoi lettori e più accessibile dai motori di ricerca Usare i tags nel post, oppure per ottenere immagini automaticamente da Flickr Flickr: un sito web dove si possono condividere fotografie personali

87 Generare facilmente metadati semantici per ogni singola pagina Web. Basta dare l'url della pagina. Estrapola le informazioni sensibili da un documento di partenza e le cataloga.

88 Plugin per FireFox, IE Identifica automaticamente le persone, le aziende, i luoghi Permette di effettuare ricerche basandosi sul tipo dell'entità da esso identificato Processa automaticamente pagine da CNN, Google Finance, Wikipedia, New York Times, Wall Street Journal, Yahoo News.

89 Al Jazeera English s blogging The New Republic Slate Magazine News Dots Network I*heart*Mare

90 Tattler: strumento di monitoraggio per il web, Trova e aggrega i contenuti che l utente chiede di monitorare Interceder strumento di monitoraggio di social media, rende facile rintracciare argomenti. utilizza l API DayLife per trovare le ultime notizie e Open Calais per creare i metadati semantici allo scopo di arricchire le notizie e gli altri contenuti web usa Freebase per raccogliere informazioni Ask Jot strumento per l analisi delle pagine web per parole chiave utilizza Open Calais per trovare e identificare le entità in una pagina web

91 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

92 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

93 E una particolare istanza della piattaforma Drupal (versione 6) E una raccolta di moduli, ed è stato adattato per supportare le necessità degli editori del web di oggi Supporta l editoria sociale ed è l ideale per la realizzazione di siti, riviste, giornali e pubblicazioni commerciali Utilizza il servizio di Thomson Reuter OpenCalais per integrare tecnologie sematiche E supportato dalla comunità Drupal

94 A differenza di Drupal, OpenPublish fornisce molti tipi di contenuti di base: - Articoli - Blogs - Contenuti multimediali - Eventi - Risorse - Pacchetti di notizie Propone un ricco insieme di strumenti adatto a supportare le attività di pubblicazione e promozione dell informazione Utilizza servizi di terze parti API key (Calais, Yahoo! Boss, Flickr, Maps di Google)

95 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

96 Introduzione Problematiche Tecnologie da adottare: FOAF e SIOC Drupal OpenCalais OpenPublish Altre piattaforme

97 contiene informazioni su strumenti RDF e OWL usati e a cui si fa riferimento nella home page dei working group del W3C inerenti a RDF e ad OWL

98 Utilizza FOAF e RELATIONSHIP per la gestione dei profili utente Funzionalità: Inserimento/Edit del proprio profilo Aggiunta/Modifica delle relazioni Browsing delle relazioni

99 Referenze [1] John C. Paolillo and Elijah Wright, Social Network Analysis on the Semantic Web:Techniques and Challenges for Visualizing FOAF. [2] Peter Mika, Social Networks and the SemanticWeb, Edizione Springer [3] FOAF Vocabulary Specification, 27 July 2005 [4] Pinar Oezden Wennerberg,Ontology Based Knowledge Discovery in Social Networks: Final Report, Aprile 2005 [5] Tobias Kuhn. How Controlled English Can Improve Semantic Wikis. In Proceedings of the Fourth Workshop on Semantic Wikis, European Semantic Web Conference 2009, CEUR Workshop Proceedings, [6] Tobias Kuhn, Rolf Schwitter. Writing Support for Controlled Natural Languages. In Proceedings of the Australasian Language Technology Association (ALTA) Workshop, [7] Norbert E. Fuchs, Kaarel Kaljurand, Tobias Kuhn. Attempto Controlled English for Knowledge Representation. In Cristina Baroglio, Piero A. Bonatti, Jan Maluszynski, Massimo Marchiori, Axel Polleres, [8] Tobias Kuhn. AceWiki: Collaborative Ontology Management in Controlled Natural Language. In Proceedings of the 3rd Semantic Wiki Workshop, CEUR Workshop Proceedings, [9] Tobias Kuhn. AceWiki: A Natural and Expressive Semantic Wiki. In Proceedings of Semantic Web User Interaction at CHI 2008: Exploring HCI Challenges, CEUR Workshop Proceedings, [10] [11]

100 Social Semantic Desktop

101 Introduzione Internet e la posta elettronica hanno rivoluzionato il modo in cui collaboriamo e comunichiamo Oggi affrontiamo un problema qualitativamente differ ente: il sovraccarico delle informazioni E richiesto un livello di dettaglio maggiore, un suppor to intelligente, a grana fine, per l infor mazione Social Semantic Desktop

102 Introduzione (2 ) L attuale infrastruttura di computazione non suppor ta del tutto gli ingegneri della conoscenza. Ad es: inviare un singolo file ad una mailing list complica il processo cognitivo per filtrare, archiviare ed organizzare questo file Le infrastrutture collaborative centralizzate offrono di sicuro un estensione, ma non permettono di interconnettere tra loro dati diversi e meno ancora di condividerli con altre persone! Social Semantic Desktop

103 Soluzione: Social Semantic Desktop M ostreremo come le diverse spinte tecnologiche si stanno evolvendo per produrre il cosiddetto Social Semantic Desktop Il quale permette alle persone ed alle communities di collaborare e ridurre il tempo speso per filtrare ed archiviare informazioni Social Semantic Desktop

104 Social Semantic Desktop Ogni giorno riceviamo centinaia di , spesso con documenti allegati da progetti differenti e dalle comunità alle quali par tecipiamo Questi sono creati all interno di un contesto nella macchina dell autore, ma è come se non lo avessero. I dati arrivano senza metadati fidati che permetterebbero una catalogazione automatica sulla macchina che li riceve. Le cause sono: la struttura del filesystem metadati persi durante invio diversi schemi di classificazione dei metadati Social Semantic Desktop

105 Semantic Desktop P2 P computing Condividere documenti e metadati con connessioni P2 P dirette. Derivare poi successivamente i metadati in manier a distr ibuita, attr aver so consenso implicito o esplicito I membri della comunità possono poi accedere alle connessioni e alle relazioni con altri pezzi di informazione. Si costruisce così una conoscenza distrubuita intorno ai documenti e le infor mazioni contenute in essi Social Semantic Desktop

106 Semantic Desktop Component architecture Reti Sociali e Community: Aspetti Sociali e della Conoscenza Informazioni del profilo condiviso Relazioni di fiducia Processi di consenso Communities e supporto all interazione Servizi P2P: Gestione delle informazioni distribuite in modo omogeneo Semantic Desktop: Gestione delle informazioni personali Servizi di replicazione contenuti Autenticazione e sicurezza Publish/subscribe Gestione peer-group Routing basato su contenuti Interrogazione metadati distribuiti Convenzioni di naming Ontologie standardizzate per desktop incapsulamento di informazioni Consultare dati e metadati multidimensionali Memorizzazione e interrogazione di metadati Linking di data items Social Semantic Desktop

107 Semantic Desktop fasi di sviluppo Social Semantic Desktop

108 Stato dell arte: NEPOM UK Nepomuk vuole essere una soluzione completa per estendere il personal computer in un ambiente collaborativo e migliorare collaborazione e gestione dei dati online Questo workspace personale sarà: Semantico: dando all informazione un significato pr eciso Sociale: suppor tando l interconnessione e lo scambio con altri desktop e i loro utenti Social Semantic Desktop

109 NEPOM UK Per raggiungere l obiettivo di interconnessione con altri desktop e i loro utenti, gli NEPOM UK si propone di sviluppare: 1. Strumenti per costruire relazioni sociali e lo scambio di conoscenza all interno di comunità sociali 2. Tecniche per la ricerca distribuita e la memor izzazione dell infor mazione L idea di un Social Semantic Desktop raggiungerà il suo pieno potenziale se sarà adottato da una grande e attiva comunità di persone

110 NEPOM UK - Architettura necessari per memorizzare e recuperare i metadati semantici dal desktop locale condivisione e scambio di risorse,messaggistica sulla rete Social Semantic Desktop

111 Local Storage: Memorizza metadati, creator, lastused, etc. Social Semantic Desktop

112 Local Search: Indice, query SPARQL, ranking Social Semantic Desktop

113 Data Wrapper: Estrae metadati da altre sorgenti (che non usano direttamente il local storage) Social Semantic Desktop

114 PIM: astrae il modello delle informazioni personali Viene utilizzato frequentemente Social Semantic Desktop

115 Notification Service: notifica gli altri servizi quando i dati nel Local Storage cambiano Fortemente accoppiato Social Semantic Desktop

116 Helper Services: Information Integration Local Data Alignment Reasoning Service Social Semantic Desktop

Semantic Social Network

Semantic Social Network Sistemi ad Agenti aa. 2009/2010 Semantic Social Network Versione 1.0 10/12/2009 Indice 1. Stato dell arte dei Social Network 2. Applicazioni Semantic Social Network 2.1 Visualizing semantic network 2.1.1

Dettagli

Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL 20/01/2011 1 Business Ontology ToolKit Business Ontology Toolkit (BOTK) è un insieme estensibile di strumenti per realizzare applicazioni basate

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli

Architettura Open Data

Architettura Open Data Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012 Open City Platform Architettura Open Data OCP e Open Data architecture OCP e Open Service OCP intende favorire

Dettagli

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014 https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 https://www.flickr.com/photos/81171474@n06/7437936 Internet vs Web. Quale differenza? https://www.flickr.com/photos/pocphotography/12462536895/sizes/l

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

Commercio elettronico e Web 2.0

Commercio elettronico e Web 2.0 Commercio elettronico e Web 2.0 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Caso di studio: Google Google è uno degli

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso. Ing. Christian Morbidoni, Ph.

Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso. Ing. Christian Morbidoni, Ph. Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso Ing. Christian Morbidoni, Ph.D Semantic Web su Desktop e Intranet RDF(S)/OWL: strumenti di rappresentazione

Dettagli

Sommario. Introduzione... 11. 1. L ambiente di lavoro... 13. 3. Configurazioni generali e la struttura di Joomla... 35 La struttura di Joomla...

Sommario. Introduzione... 11. 1. L ambiente di lavoro... 13. 3. Configurazioni generali e la struttura di Joomla... 35 La struttura di Joomla... Sommario Introduzione... 11 1. L ambiente di lavoro... 13 XAMPP...15 Installare XAMPP e attivarlo...18 Creare un database MySQL con phpmyadmin...21 Configurare XAMPP in modo che il sito possa inviare e-mail...22

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

WEB 2.0 PER CRESCERE. Sfruttare le potenzialità del Web 2.0 per far conoscere la Lunigiana

WEB 2.0 PER CRESCERE. Sfruttare le potenzialità del Web 2.0 per far conoscere la Lunigiana WEB 2.0 PER CRESCERE Sfruttare le potenzialità del Web 2.0 per far conoscere la Lunigiana Web 2.0 L'insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono uno spiccato livello di interazione tra il

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche Blog e wiki Biblioteca 2.0 la biblioteca sta cambiando l impatto del Web 2.0 (Open Acess, Wikis, Google book, blogosfera, Flickr,

Dettagli

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni COS È? principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni un programma gratuito: la versione base offre 300 MB di spazio disco

Dettagli

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1 Presentazione della famiglia 2.2 4/30/2003 Infosquare.com 1 La piattaforma Un ambiente completo e versatile per la costruzione di portali aziendali Una piattaforma integrata di content management per raccogliere,

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Plone all Università di Ferrara - Case Study

Plone all Università di Ferrara - Case Study Plone all Università di Ferrara - Case Study Francesco Margutti, Cesare Stefanelli, Luca Tebaldi Università di Ferrara, Italia {francesco.margutti, cesare.stefanelli, luca.tebaldi}@unife.it 1. L Università

Dettagli

Breve descrizione del prodotto

Breve descrizione del prodotto Breve descrizione del prodotto 1. Il software AquaBrowser Library...2 1.1 Le funzioni di Search Discover Refine...3 1.2 Search: la funzione di ricerca e di presentazione dei risultati...3 1.2.1 La configurazione

Dettagli

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Candidato Izzo Giovanni, Matr. 41/1305 Relatore Prof. Porfirio Tramontana 1 Panoramica su contesto ed obiettivi Il contesto della tesi è legato

Dettagli

Kirey Re.Search 2.0. Piattaforma di ricerca Open Source

Kirey Re.Search 2.0. Piattaforma di ricerca Open Source Kirey Re.Search 2.0 Piattaforma di ricerca Open Source Le esigenze Quando si parla di motori di ricerca si tende a pensare istintivamente solo a quelli utilizzati per effettuare ricerche in Internet, come

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

La piattaforma Moodle dell' ISFOL

La piattaforma Moodle dell' ISFOL La piattaforma Moodle dell' ISFOL Un CMS per la condivisione della conoscenza nei Gruppi di Lavoro e di Ricerca dell'istituto Franco Cesari - ISFOL Gruppi di Lavoro e di Ricerca come Comunità di Pratica

Dettagli

Su Internet, oggi, se il vostro sito Web non è dotato di funzionalità ricche o contenuti. I sistemi CMS e un introduzione a Joomla! In questo capitolo

Su Internet, oggi, se il vostro sito Web non è dotato di funzionalità ricche o contenuti. I sistemi CMS e un introduzione a Joomla! In questo capitolo 1 I sistemi CMS e un introduzione a Joomla! In questo capitolo Su Internet, oggi, se il vostro sito Web non è dotato di funzionalità ricche o contenuti aggiornati, è svantaggiato. L idea di potenziare

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

Mash Up applicativo con l'opensource per l'accesso ai servizi aziendali

Mash Up applicativo con l'opensource per l'accesso ai servizi aziendali Mash Up applicativo con l'opensource per l'accesso ai servizi aziendali Marco Celotti m.celotti@tecnoteca.com Davide Pavan - d.pavan@tecnoteca.com 2 Mashup applicativo Una esigenza aziendale sempre più

Dettagli

Internet e la sua evoluzione L O R E N Z O P A R I S I

Internet e la sua evoluzione L O R E N Z O P A R I S I Internet e la sua evoluzione L O R E N Z O P A R I S I Internet Rete mondiale di computer (rete di reti) È un infrastruttura basata su cavi e nodi Nata nel 1969 con il nome di Arpanet Fornisce molti servizi

Dettagli

Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android

Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso di Sviluppo su Cellulari con Android Programma Base Modulo Uno - Programmazione

Dettagli

Un portale semantico per i Beni Culturali

Un portale semantico per i Beni Culturali Un portale semantico per i Beni Culturali A. Ciapetti, D. Berardi, A. Donnini, M. Lorenzini, M.E. Masci, D. Merlitti, S. Norcia, F. Piro (Etcware) M. De Vizia Guerriero, O. Signore (CNR W3C Italia) EVA

Dettagli

Introduzione a Wordpress. Corso completo alla conoscenza e all uso del CMS Open Source WP (incontro 1/6)

Introduzione a Wordpress. Corso completo alla conoscenza e all uso del CMS Open Source WP (incontro 1/6) Introduzione a Wordpress Corso completo alla conoscenza e all uso del CMS Open Source WP (incontro 1/6) Indice Rilevazione aspettative e competenze in ingresso Patto formativo Presentazione di WP Premesse

Dettagli

3.1 Introduzione al Web Semantico

3.1 Introduzione al Web Semantico Informatica Applicata 3.1 Introduzione al Web Semantico Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE 3.1 Introduzione al Web Semantico*

Dettagli

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito LEZIONE 3 Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito Figura 12 pannello di controllo di Drupal il back-end Come già descritto nella lezione precedente il pannello di amministrazione

Dettagli

Enterprise Social Network. Creare community aziendali

Enterprise Social Network. Creare community aziendali Enterprise Social Network Creare community aziendali COLLABORATION 2.0 CHE COSA È NU+ è la soluzione Yooplus di collaboration finalizzata a creare le condizioni per sviluppare una elevata capacità di team

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO METAMAG 1 IL PRODOTTO Metamag è un prodotto che permette l acquisizione, l importazione, l analisi e la catalogazione di oggetti digitali per materiale documentale (quali immagini oppure file di testo

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

Web mashup e servizi i di connessione alle reti sociali. Le tecnologie del Web 2.0. Prof. Filippo Lanubile

Web mashup e servizi i di connessione alle reti sociali. Le tecnologie del Web 2.0. Prof. Filippo Lanubile Web mashup e servizi i di connessione alle reti sociali Le tecnologie del Web 2.0 Cos è un mashup? Un genere musicale che combina la musica di una canzone con il canto di un altra The Police (Every Breath

Dettagli

Stars Factory: LOD in RDF Data Cube Vocabulary

Stars Factory: LOD in RDF Data Cube Vocabulary Stars Factory: LOD in RDF Data Cube Vocabulary Open Data Ground plug-in Claudia Corcione, Paola De Caro, Stefano De Luca LOD 2014, 20-21/02/2014 2 Evodevo Evodevo è una società che offre servizi, sviluppa

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA Fornitore: Publisys Prodotto: Intranet Provincia di Potenza http://www.provincia.potenza.it/intranet Indice 1. Introduzione... 3 2. I servizi dell Intranet...

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

Harvest Web Data. Martino Pizzol. 28 agosto 2010. Fondazione ahref. Harvest Web Data. Martino Pizzol. Indice. I dati sul web.

Harvest Web Data. Martino Pizzol. 28 agosto 2010. Fondazione ahref. Harvest Web Data. Martino Pizzol. Indice. I dati sul web. Fondazione ahref 28 agosto 2010 1 Idatisulweb 2 3 4 5 Cosa e come Scopo Utilizzare dei dati trovati nella rete Come Bisogna trovarli Controllare le licenze Recuperarli per poterli usare Formato Dati Cos

Dettagli

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi INTRODUZIONE Motivazioni dei sistemi distribuiti Caratteristiche generali Alcuni richiami sui database centralizzati Standardizzazione dei dati (ANSI/SPARC) Funzioni dei DBMS relazionali Problematiche

Dettagli

Cos è anahita. La filosofia di design di anahita. Installare Anahita su Joomla! Presente e futuro di anahita. Ohanah Event Engine

Cos è anahita. La filosofia di design di anahita. Installare Anahita su Joomla! Presente e futuro di anahita. Ohanah Event Engine Anahita 1 2 Cos è anahita La filosofia di design di anahita Installare Anahita su Joomla! Presente e futuro di anahita Ohanah Event Engine Rastin Mehr / Arash Sanieyan / Johan Janssens / Mathias Verraes

Dettagli

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati 2012 Progetto Turismo Pisa Sommario dei risultati 0 Studio realizzato per il Comune di Pisa da KddLab ISTI-CNR Pisa Sommario 1 Progetto Turismo Pisa: Sintesi dei risultati... 1 1.1 L Osservatorio Turistico

Dettagli

aggiunge del testo nella parte finale del tag, in questo caso la stringa da controllare.

aggiunge del testo nella parte finale del tag, in questo caso la stringa da controllare. Capitolo 6 jquery Negli ultimi anni è stata rilasciata una mole incalcolabile di framework JavaScript, più o meno completi, realizzati per supportare nel miglior modo possibile lo sviluppatore web aiutandolo

Dettagli

CMS CMS. Content Management Systems. Marco Loregian. Comunicazione Aziendale. Tecnologie per la. loregian@disco.unimib.it

CMS CMS. Content Management Systems. Marco Loregian. Comunicazione Aziendale. Tecnologie per la. loregian@disco.unimib.it Esercitazioni del corso di Tecnologie per la Comunicazione Aziendale Content Management Systems Marco Loregian loregian@disco.unimib.it www.siti.disco.unimib.it/didattica/tca2008 CMS CMS ITIS Lab http://www.itis.disco.unimib.it

Dettagli

MediaWiki. Giuseppe Frisoni

MediaWiki. Giuseppe Frisoni MediaWiki Giuseppe Frisoni MediaWiki: costruire insieme 1/2 L'enorme successo di Wikipedia, la nota enciclopedia online, è sotto gli occhi di tutti; cosa meno nota, invece, è la piattaforma con cui è progettata.

Dettagli

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 I software per la gestione di bibliografie Chiamati reference managers o

Dettagli

I Wiki e il controllo qualità del software

I Wiki e il controllo qualità del software I Wiki e il controllo qualità del software Uno strumento online di scrittura collaborativa Ercole Colonese, Consulente e socio Aicq Felice Del Mauro, Direttore tecnico istream. Pubblicato su Qualità, N.

Dettagli

David Coen. Consulenza di immagine commerciale. Pagina web: davidcoen.altervista.org. Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO

David Coen. Consulenza di immagine commerciale. Pagina web: davidcoen.altervista.org. Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO David Coen Consulenza di immagine commerciale Pagina web: davidcoen.altervista.org Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO David Coen, consulenza di immagine commerciale 2 David Coen - Consulenza di immagine

Dettagli

Il software Open Source nell elearning e nel lavoro in team

Il software Open Source nell elearning e nel lavoro in team Il software Open Source nell elearning e nel lavoro in team I software di social network: ELGG come testcase Open Source Lab USI Luca Mazzola http://www.linkedin.com/in/mazzolaluca 4 Giugno 2008 Social

Dettagli

Che cos e'? 11/05/2015 Pionero Digital Innovation

Che cos e'? 11/05/2015 Pionero Digital Innovation NUOVI PORTALI DI SMART GOVERNMENT DEL COMUNE DI MILANO: L ECOSISTEMA DEI SERVIZI DIGITALI PER COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE, SERVIZI ONLINE, TURISMO E SERVIZI DI INFOMOBILITA 11 maggio, 2015 E il primo cantiere

Dettagli

Formazione sistema editoriale CMS

Formazione sistema editoriale CMS Ufficio Società dell'informazione Nome del Progetto Acronimo del Progetto Formazione sistema editoriale CMS Documento Data di stesura Maggio 2010 Versione 1.2 Sommario 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione...

Dettagli

SEO: le fondamenta del marketing digitale

SEO: le fondamenta del marketing digitale SEO: le fondamenta del marketing digitale e-book a cura di Andrea Roversi, Note introduttive Alleghiamo in questo e-book alcuni principi guida legati al SEO (Search Engine Optimization). Lo sviluppo accurato

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Digital Earth. Dai globi 3D alle soluzioni integrate per il web

Digital Earth. Dai globi 3D alle soluzioni integrate per il web Digital Earth Dai globi 3D alle soluzioni integrate per il web La fornitura di dati e servizi come Kit di sviluppo applicazioni a base geografica per la realizzazione di soluzioni personalizzate arch.

Dettagli

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE di K A T H A G E D O R N, A R G U S A S S O C I A T E S MARZO 2 0 0 0 traduzione di: BARBARA WIEL MARIN DICEMBRE 2009 1 GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso

Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso SP1 Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso Il documento Sp1 rappresenta il manuale d'uso del prototipo software per lo storage dei contenuti multimediali. L'utente destinatario

Dettagli

Email marketing ed invio newsletter. Invio di messaggi vocali personalizzati

Email marketing ed invio newsletter. Invio di messaggi vocali personalizzati Sistema online professionale per gestire il tuo mailing Email marketing ed invio newsletter SMS marketing Invio massivo di fax Invio di lettere cartacee (prioritaria o raccomandata) Invio di messaggi vocali

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

Cos'è Plone: l'esperienza di Mo-Net, la Rete Civica del Comune di Modena

Cos'è Plone: l'esperienza di Mo-Net, la Rete Civica del Comune di Modena Cos'è Plone: l'esperienza di Mo-Net, la Rete Civica del Comune di Modena La PA e la condivisione del software libero: PloneGov, dall'europa all'italia Claudio Forghieri Comune di Modena Ferrara, 16 settembre

Dettagli

Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano

Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano 1. Scopo del documento. 2. Il Portale ICS: utenti, caratteristiche e obiettivi. 3. Il progetto.

Dettagli

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco Titolo Perché scegliere Alfresco Titolo1 ECM Alfresco 1 «1» Agenda Presentazione ECM Alfresco; Gli Strumenti di Alfresco; Le funzionalità messe a disposizione; Le caratteristiche Tecniche. 2 «2» ECM Alfresco

Dettagli

David Coen. Consulenza di immagine commerciale. Pagina web: davidcoen.altervista.org. Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO

David Coen. Consulenza di immagine commerciale. Pagina web: davidcoen.altervista.org. Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO David Coen Consulenza di immagine commerciale Pagina web: davidcoen.altervista.org Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO David Coen, consulenza di immagine commerciale David Coen, Consulenza di immagine

Dettagli

Online Sessione AIDA

Online Sessione AIDA Online Sessione AIDA Londra 2 dicembre 2003 Roma 31 marzo 2004 Il content management per la ricerca e la didattica Paola Gargiulo gargiulo@caspur.it Sommario di cosa parliamo quando parliamo di content

Dettagli

BLUEOCEAN: UN FRAMEWORK PER LA REALIZZAZIONE DI CMS SEMANTICI. 1. La condivisione dell informazione nel Web 2.0: possibilità e limitazioni

BLUEOCEAN: UN FRAMEWORK PER LA REALIZZAZIONE DI CMS SEMANTICI. 1. La condivisione dell informazione nel Web 2.0: possibilità e limitazioni Archeologia e Calcolatori Supplemento 2, 2009, 245-249 BLUEOCEAN: UN FRAMEWORK PER LA REALIZZAZIONE DI CMS SEMANTICI 1. La condivisione dell informazione nel Web 2.0: possibilità e limitazioni L ultimo

Dettagli

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi Cristina Magliano Il Gruppo di lavoro sui metadati descrittivi ha iniziato l attività partendo dall'analisi del primo standard di metadati

Dettagli

Le funzionalità principali della piattaforma

Le funzionalità principali della piattaforma Istituto di Scienza e Tecnologie dell'informazione A Faedo (ISTI) - Laboratorio di domotica Quimby: Le funzionalità principali della piattaforma Dario Russo (dario.russo@isti.cnr.it) Obiettivi del progetto

Dettagli

Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione

Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione RDA e Linked data: un binomio naturale. Linee guida e tecnologie per gli ILS di nuova generazione Tiziana Possemato @Cult I dati delle biblioteche nel web semantico

Dettagli

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

Content Management Systems

Content Management Systems Content Management Systems Gabriele D Angelo http://www.cs.unibo.it/~gdangelo Università degli Studi di Bologna Dipartimento di Scienze dell Informazione Aprile, 2005 Scaletta della lezione

Dettagli

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Rappresentazione della Conoscenza Lezione 10 Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Sistemi ed applicazioni Sistemi di rappresentazione della conoscenza basati su logiche descrittive.

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM CONTENT MANAGEMENT SYSTEM P-2 PARLARE IN MULTICANALE Creare un portale complesso e ricco di informazioni continuamente aggiornate, disponibile su più canali (web, mobile, iphone, ipad) richiede competenze

Dettagli

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati scaletta per seminario 14-12-05 UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI sul tema Accesso on line ai metadati e ai dati a cura di Francesco Baldi Discoteca di Stato e Museo dell Audiovisivo novembre 2005 Quadro

Dettagli

Gestione della conoscenza

Gestione della conoscenza Gestione della conoscenza Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Automazione del lavoro d ufficio Chiunque può avvalersi di un computer allo scopo di snellire ed ottimizzare il proprio lavoro Voler fare

Dettagli

Come valutare la qualità di siti e servizi on line

Come valutare la qualità di siti e servizi on line Come valutare la qualità di siti e servizi on line Claudio Forghieri Rete Civica del Comune di Modena Illustrazione di Alessia Bellino per E-Gov Erogazione del servizio sui diversi canali Ascolto dell

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

ReMuNa: un esperienza di Information Grid

ReMuNa: un esperienza di Information Grid ReMuNa: un esperienza di Information Grid Mario Mango Furnari Istituto di Cibernetica E. Caianiello Consiglio Nazionale delle Ricerche Pozzuoli 1 Obiettivi del progetto Nel rispetto delle reciproche differenze,

Dettagli

I valori di un prodotto disegnato da chi lo usa Vantaggi che garantiscono l'alta qualità del servizio

I valori di un prodotto disegnato da chi lo usa Vantaggi che garantiscono l'alta qualità del servizio Gestire, condividere e controllare le informazioni nei processi aziendali Dataexpert attraverso un evoluto sistema di Document Management, consente la gestione e la condivisione di flussi informativi aziendali

Dettagli

SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI

SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI Il caso di studio della piattaforma Octapy CMS e i circuiti informativi della cultura delle regioni Campania e Puglia 3 C.Noviello

Dettagli

Search Engine Optimization per Calciomercato.it

Search Engine Optimization per Calciomercato.it www.mamadigital.com Search Engine Optimization per Calciomercato.it Mamadigital srl - Sede legale e operativa: Via Conegliano, 18-00182 Roma C.F. e P. iva 09738901009 Phone: +39 0670614560 Fax: +39 0670391132

Dettagli

Web2.0/AJAX: il PC on line... ma non solo

Web2.0/AJAX: il PC on line... ma non solo Web2.0/AJAX: il PC on line... ma non solo L'evoluzione di Internet, dove il confine tra applicazioni Desktop e Rete si confondono. Rivoluziona la sicurezza e l'utilità della tecnologia Associarsi per avere

Dettagli

SWIM v2 Design Document

SWIM v2 Design Document PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre 2012 1 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback

Dettagli

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved WEB TECHNOLOGY Il web connette LE persone Indice «Il Web non si limita a collegare macchine, ma connette delle persone» Il Www, Client e Web Server pagina 3-4 - 5 CMS e template pagina 6-7-8 Tim Berners-Lee

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Realizzazione di uno strumento web-based per la simulazione remota di reti di sensori senza filo

Realizzazione di uno strumento web-based per la simulazione remota di reti di sensori senza filo tesi di laurea Realizzazione di uno strumento web-based per la simulazione remota di reti di sensori senza filo Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque correlatore Ing. Catello di

Dettagli

Conoscere, condividere, cambiare

Conoscere, condividere, cambiare Conoscere, condividere, cambiare Idee per una intranet 2.0 alla biblioteca di Milano Bicocca Bonaria Biancu e Ilaria Moroni I siti web negli archivi e nelle biblioteche A.I.B. e A.N.A.I. Sezione Friuli

Dettagli

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web.

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web. Corso di Ontologie e Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie Prof. Alfio Ferrara, Prof. Stefano Montanelli Definizioni di Semantic Web Rilievi critici Un esempio Tecnologie e linguaggi

Dettagli

Web Programming Specifiche dei progetti

Web Programming Specifiche dei progetti Web Programming Specifiche dei progetti Paolo Milazzo Anno Accademico 2010/2011 Argomenti trattati nel corso Nel corso di Web Programming sono state descritti i seguenti linguaggi (e tecnologie): HTML

Dettagli

Il CMS Moka. Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna

Il CMS Moka. Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna Il CMS Moka Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna Moka è uno strumento per creare applicazioni GIS utilizzando oggetti (cartografie, temi, legende, database, funzioni) organizzati in un catalogo condiviso.

Dettagli

Riusabilità dei contenuti

Riusabilità dei contenuti Istituto Nazionale Previdenza Sociale Gestione Dipendenti Pubblici Riusabilità dei contenuti E-Learning per la Pubblica Amministrazione - Sommario 1. Problema e soluzione 2. I Learning Object 3. Metadati

Dettagli