ENRICO PAULUCCI. a cura di Gianfranco Schialvino presentazione di Francesco Poli. Città di Bra ARCHIVIO ENRICO PAULUCCI - TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENRICO PAULUCCI. a cura di Gianfranco Schialvino presentazione di Francesco Poli. Città di Bra ARCHIVIO ENRICO PAULUCCI - TORINO"

Transcript

1

2 Enrico Paulucci

3

4 ENRICO PAULUCCI a cura di Gianfranco Schialvino presentazione di Francesco Poli Città di Bra i n c o l l a b o r a z i o n e c o n FONDAZIONE POLITEAMA TEATRO DEL PIEMONTE ARCHIVIO ENRICO PAULUCCI - TORINO

5 ENRICO PAULUCCI Bra, Palazzo Mathis, 8 settembre - 31 ottobre 2008 La mostra è stata promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Bra e Comune di Bra in collaborazione con Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. Fondazione Politeama Teatro Piemonte Archivio Enrico Paulucci - Torino Mostra e catalogo a cura di Gianfranco Schialvino Per la collaborazione e la cortese disponibilità, si ringraziano M. Laura Riccio - Archivio Enrico Paulucci, Torino e i Signori Adolfo e Angela Camusso, Divo Gaffarelli, Gilberto Magliacani Si ringraziano inoltre i prestatori delle opere che hanno desiderato mantenere l anonimato le Gallerie Giampiero Biasutti e Rocca Tre, Torino Cornici & Cornici, Torino Un ringraziamento particolare a Silvano Gherlone Referenze fotografiche Archivio Fotografico Studio Sant Orsola, Torino Colorservice di Franco Calosso, Torino Grafica e stampa: Comunecazione Snc, Bra 2008 Fondazione Cassa di Risparmio di Bra

6 Sommario Presentazioni 7 Donatella Vigna Camillo Scimone Laura Riccio La pittura come felicità cromatica Francesco Poli Quasi un ritratto Gianfranco Schialvino Tavole delle opere esposte Apparati

7 Palazzo Mathis le pareti orientale e meridionale del salone angolare

8 Per la prima volta, ad un anno dalla sua apertura al pubblico, Palazzo Mathis apre le Sue porte ad un importante mostra pittorica dedicata ad un maestro che con passo lieve ma con impronta pesante ha attraversato tutto il XX Secolo cogliendone con una sensibilissima individualità tutte le vibrazioni che lo hanno contraddistinto. Enrico Paulucci, ligure di nascita ma piemontese di formazione, in questa mostra antologica, apertura di una stagione di commemorazioni che inizieranno l anno prossimo nel decennale della sua scomparsa, ci offre un percorso nella sua opera dai primi anni 20 agli ultimi anni 80, un percorso arioso, leggero ma contemporaneamente denso di significato pittorico. Visitando i saloni di Palazzo Mathis incontriamo Enrico Paulucci in quasi ottanta opere esemplificative del suo percorso artistico. Dagli inizi torinesi e ai formativi anni della scuola dei sei, contraddistinti però dal lirismo e dalla spontaneità di questo maestro che non è mai stato ingabbiato da un solo stile, Paulucci, come scrive il curatore Gianfranco Schialvino, non è un pittore fermo e non è identificabile con un luogo o una situazione, ma un pittore libero, che di volta in volta insegue con la sua tavolozza i colori delicati delle brezze mediterranee e le annate marine, si fa coinvolgere dalla melanconica grazia di figure femminili che aprono mondi di meravigliato stupore o si apre ad esperimenti astratti con colori talora legati alla materialità della penna. Nel presentare questa mostra e questo catalogo, debbo ringraziare particolarmente Maria Laura Riccio e tutti i collezionisti privati che hanno voluto condividere con i braidesi le opere di questo pittore eccentrico e fantasioso, senza schemi né dogi, che con generosità ed estrema libertà ha sempre seguito la sua personale ispirazione. Donatella Vigna Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Bra 7

9 Enrico Paulucci alla Galleria Le Immagini, Anni 90

10 Appuntamento che diventa piacevole consuetudine nella nostra città per segnare il passaggio tra la fine dell estate e la nuova stagione autunnale, nel tardo pomeriggio della giornata che festeggia la Santa patrona, Bra offre, quest anno, un raffinato omaggio all arte con la mostra dedicata alla pittura di Enrico Paulucci, organizzata nella splendida sede di palazzo Mathis. La scelta di proporre questo grande artista nato a Genova ma che visse gran parte della sua felice stagione artistica a Torino, ci permette di poter ammirare le sue migliori opere su un palcoscenico di riguardo che valorizza questo personaggio dalla personalità complessa e versatile, protagonista indiscusso di una straordinaria avventura pittorica. Il grande pubblico che senz altro affluirà per questo evento nella nostra città potrà apprezzare la creatività e l inventiva che questa figura può senza alcun dubbio ispirare: nel corso della sua lunga carriera artistica, Paulucci utilizzò il colore per concretizzare il suo stupore per il mondo, il suo ottimismo che conservò fino in tarda età. Italo Calvino paragonò la pittura di Paulucci a quella di Matisse, riscontrandone proprio questa caratteristica. La carica cromatica, caratteristica dell'opera di Paulucci, i colori squillanti e brillanti che usa, la loro vivacità, si coglie nell intensità dei suoi quadri che ritraggono campi fioriti, nature morte e suggestivi scorci architettonici, per sottolinearne la bellezza ed interpretarne in maniera originale le luci che queste visioni esprimono. Desidero infine esprimere tutta la mia riconoscenza agli sponsor ed ai diversi enti che, insieme all Amministrazione comunale di Bra, hanno permesso la realizzazione di questa prestigiosa occasione di conoscenza, estendendo i ringraziamenti all Archivio Paulucci di Torino ed ai curatori della mostra e di questo catalogo per il lavoro svolto nell allestimento e nella definizione di un evento che pone in adeguato risalto una figura di spicco della pittura contemporanea. Camillo Scimone Sindaco della Città di Bra 9

11 Federico Riccio ed Enrico Paulucci, Rapallo, Anni 80

12 Seduto a quel caffè... ventinove settembre... diceva una vecchia canzone di anni fa. Ventinove settembre... credo, il titolo. Scherzavo sovente con Federico su questo nostro mese : io del sedici, lui del ventisei e il nostro matrimonio il diciannove, giorno di San Gennaro. Ricordavamo la grande festa, il sangue del Santo, i visi della gente arrossati dalla fede e dalla fiduciosa commozione. Ripensavo alla nostra promessa, e a tutta la gioia che riempiva i nostri cuori. Otto settembre; altra data, altro giorno... coincidenze! Sono seduta ad un caffè, senza canzone. Attendo una mostra, una visione di quadri: quasi tutti conosciuti, guardati, amati. Federico non c è, ma discorro ugualmente con lui: gli faccio notare come sempre l importanza della bella pittura, ci confrontiamo sulle pennellate di Enrico, sul colore della Sua Liguria e dei Suoi cieli, delle campagne piemontesi e dei loro verdi, delle figure femminili, così composte, educate, leggiadre ed allo stesso tempo così profonde e intense. Settembre, andiamo. È tempo di migrare... Vorrei anch io migrare in qualche posto dove provare ad avere la certezza che tutto può proseguire, che si può proseguire malgrado tutto... senza balayer le passé.... Mi commuovo, sento che questa prima mostra senza Federico è senz altro la certezza di tutto questo: così e solo così, si allontana la sofferenza, la solitudine: mi viene voglia di dire grazie e: morte non regnerà.... M. Laura Riccio Archivio Paulucci, Torino La mostra è dedicata a Federico Riccio 11

13 Enrico Paulucci nel suo studio, Anni 70

14 Francesco Poli ENRICO PAULUCCI LA PITTURA COME FELICITÀ CROMATICA Enrico Paulucci, protagonista del rinnovamento pittorico antinovecentista in Italia fra le due guerre, ha mantenuto nei decenni successivi, fino alla sua scomparsa in tarda età, la freschezza e la vitalità innate della sua vena pittorica, con interessanti evoluzioni e con un immutato gusto per la raffinata elaborazione di una libera figurazione, sempre nel segno di una originale e inconfondibile poetica del colore. La sua attività si è sviluppata anche nel campo della decorazione, della scenografia e dei costumi per il teatro e per il cinema. Ma è da ricordare soprattutto il suo insegnamento all Accademia Albertina di Torino, di cui è stato insieme a Casorati (e anche dopo la sua morte) il docente e poi il presidente di maggior prestigio per un lungo periodo. Tutti i suoi allievi hanno sottolineato la sua capacità di stimolare la loro creatività specifica, e la sua apertura alle sperimentazioni innovative anche se lontane dal proprio modo di operare. Un attitudine didattica molto diversa da quella di Casorati (che era estremamente rigoroso e tendeva a imporre la sua visione della pittura) e per molti versi complementare all interno dell accademia. Ho citato Casorati non a caso, perché per circa quarant anni, a partire dagli Anni 20, l avventura artistica di Paulucci è stata in stretta relazione con questa figura fondamentale dell arte italiana. Ma il rapporto con Casorati va analizzato con attenzione perché a mio avviso serve a chiarire la specifica identità culturale di Paulucci e il suo autonomo e significativo ruolo nel contesto culturale torinese. Per Paulucci, come per i suoi amici artisti che daranno vita al Gruppo dei Sei, Casorati era giustamente considerato all inizio come una maestro già affermato da cui si poteva imparare molto ma da cui non si doveva essere troppo influenzati per non correre il rischio di restare sotto la sua ombra (come è successo a numerosi altri artisti). E in effetti (come nel caso di Levi, Menzio e Chessa) Paulucci non si può annoverare tra gli allievi di Casorati, ma tra i suoi amici più stretti. Insieme a lui Paulucci ha condiviso molte esperienze di vita, culturali ed espositive, tra cui anche, per esempio, la gestione negli Anni 30 di 13

15 spazi espositivi come lo Studio Casorati-Paulucci (dove nel 1934 fu organizzata tra l altro la prima mostra degli astrattisti italiani), la Galleria della Zecca e il Centro delle Arti. Tutte queste esperienze sottolineano il ruolo di Paulucci, non solo come pittore ma anche come promotore culturale, un ruolo, che insieme a quello di docente, ha contribuito a rafforzare la sua immagine pubblica di testimone e memoria storica della vita culturale della sua città d adozione. Anche per questo motivo Paulucci, che era un uomo che aveva relazioni con tutto il mondo culturale italiano, è stato un personaggio molto amato non solo a Torino e nella sua Liguria, ed è forse il più conosciuto esponente dei Sei. Ma naturalmente quello che conta di più è la qualità della sua pittura che ha sempre avuto (in sintonia con la sua vitale personalità estroversa ) una modulazione stilistica personale meno propensa alla dimensione intimistica e privata (in altri termini quella particolare atmosfera da lessico famigliare ) che si può riscontrare in molti dipinti dei suoi compagni di strada Menzio, Chessa, Levi (in parte) e Boswell (a livello minore). Non a caso, dal 1929 al 1930/31, e cioè nel periodo dei Sei, Paulucci ha esposto praticamente solo paesaggi e nature morte, e pochissime figure. E questo, ovviamente, non per motivi tecnici, ma perché gli aspetti più originali della sua sensibilità, soprattutto in quella fase cruciale, erano meglio espressi attraverso temi legati alla realtà esterna. A questo proposito, riportiamo qui il commento di Mirella Bandini (in I Sei Pittori di Torino , cat. mostra Mole Antonelliana, Torino 1993, p. 31): Aria e luce sono le due indiscusse componenti della pittura di Paulucci, da quei lontani anni ad oggi ( ). Una levità mediterranea, che deriva dalle sue origini genovesi, un gusto per il colore brillante che lo ha subito avvicinato alla pittura di Marquet e Dufy, e al primo Chessa, indirizzato verso le iridescenze dell acqua. È il pittorissimo della compagnia scrisse Emilio Zanzi su La Gazzetta del Popolo del 1930, sottolineando l uso dei colori freschi e brillanti; mentre già Persico nel 1929 ( ) notava come l arte di Paulucci non sia né decorativa né frivola: il pittore conosce bene il valore di una luce o di un tono, e perciò le sue opere sono assai esperte nonostante la grazia lieve. Specialmente negli oli, l impianto della sua pittura è cézanniano; mentre nei guazzi, per la stessa tecnica sciolta e immediata, l impianto è aereo, vibrante e fluido e il colore si identifica con la luce, come nella migliore pittura impressionista. Vale la pena analizzare brevemente questi giudizi. Innanzi tutto l influenza della pittura francese assimilata durante un lungo soggiorno a Parigi. La luminosità e la levità aerea della sua pittura più che all impressionismo vero e proprio sono collegabili a certe esperienze post impres- 14

16 sioniste e ad alcuni aspetti della pittura fauve, quelli cromaticamente meno aggressivi. Giustamente si fa riferimento a Albert Marquet e a Raoul Dufy: alla pacata sensibilità tonale dei paesaggi del primo, e al vivace e sintetico colorismo del secondo (in particolare le sue gouaches). Ma bisogna citare anche le fondamentali suggestioni che provengono da Matisse (soprattutto i dipinti degli Anni 20, con una figurazione più definita) e dai paesaggi e dalle nature morte di André Derain. Guardando anche a questi artisti Paulucci ha sviluppato un linguaggio pittorico libero, non basato su schemi disegnati ma elaborato attraverso la stesura diretta di pennellate sulla tela o sulla carta, che danno vita a raffinati accordi cromatici e a composizioni figurative di fluida e immediata espressività, mai bloccate da contorni lineari troppo definiti. Nulla a che fare con la solida plasticità figurativa dei novecentisti, e neanche con la misurata e controllata concezione compositiva di Casorati. Come aveva giustamente notato l amico Edoardo Persico la pittura di Paulucci è caratterizzata da una grazia lieve che è una qualità specifica e non un segno di frivolezza o di decoratività, che deriva da una particolare visione poetica della realtà. In questa mostra di Bra sono ben documentate tutte le fasi più significative della ricerca dell artista attraverso una quarantina di quadri a olio, altrettante tempere e una decina di disegni. Sono paesaggi (in particolare marine liguri con porti e barche), nature morte, scene di interni e anche figure di particolare importanza come quelle degli Anni 30. Molto ben rappresentato è il periodo dei Sei, e di particolare interesse è anche il gruppo dei dipinti con valenze quasi astratte degli Anni 60. Una pittura quella di Paulucci che è sempre rimasta, nella sostanza, coerente a se stessa e dunque profondamente autentica. E che per questo motivo, pur facendo ormai parte della storia dell arte, è sempre attuale. 15

17 Paulucci in visita da Matisse, con Casorati, Sartoris, Lattes e Carluccio

18 Gianfranco Schialvino QUASI UN RITRATTO Una vita in souplesse, quella di Enrico Paulucci marchese delle Roncole. Una giovinezza serena, condotta tra l invito paterno ad una professione seria, per cui l iscrizione all Università, ed il desiderio del rampollo di seguire invece gli istinti che lo spingevano all avventura artistica: [ ] a Torino son cresciuto e ho fatto gli studi, anche troppi forse, sino alle lauree in economia e giurisprudenza, pure con una divagazione giovanile di calciatore nelle file juventine. Il fatto era che mio padre, Paolo Paulucci delle Roncole, discendente da una antica famiglia emiliana, aiutante di campo di re Umberto I (e peraltro uomo di cultura umanistica e lettore eccezionale di migliaia di volumi di ogni genere) non vedeva di buon occhio le inclinazioni pittoriche del suo ultimogenito. Non mi restava altra via di uscita, dunque, che prolungare gli studi e accumulare lauree, cosa che mi permetteva di dipingere molte ore del giorno e interi mesi dell anno, e di fare le mie prime prove nelle esposizioni locali e soprattutto nell ambiente artistico, assai vivo e stimolante allora, di Torino (Frammento autobiografico, circa 1960, da Enrico Paulucci, cat. Mostra Regione Piemonte, Torino). La prima presenza documentata delle opere del giovane pittore (aveva 22 anni) è il catalogo della Quadriennale di Torino del Pochi anni dopo, in una spigliata e fresca pagina dal titolo Cronache della pittura. Un giovane, l anonimo critico annota per la mostra Vedute di Torino della Società Fontanesi a cui partecipano solo quei pochi che dell arte non fanno un mestiere, ma una professione di fede, ma un ideale di bellezza : La sua pittura aveva nello spirito una festività che non doveva poi mai più perdere. Le sue atmosfere - sicure nei rapporti - rivelavano in certe osannanti chiarità l intima e contenuta passione da cui eran nate. Solo un eccellente spirito osservatore poteva comprendere il paesaggio con tanta fervida finezza. Paulucci intanto ha già partecipato alle esposizioni annuali della Società Promotrice delle Belle Arti cittadina, è invitato alla Mostra futurista all Associazione della Stampa, torna alla Quadriennale, va alle Esposizioni Nazionali di Genova e Milano, e, nell ottobre 1928 approda alla XVI Biennale internazionale d arte di Venezia. 17

19 A Torino, in quegli anni, erano ancora in attività Grosso e Bistolfi, Rubino e Reviglione, Maggi e Bosia. Ne Il Vangelo della Pittura (Torino, 1921) Enrico Thovez scrive: C è un vento di rivoluzione tra i giovani che si volgono oggi alle arti figurative. I giovani affermano che l arte del passato, del passato di ieri, non basta più alla loro visione, e cercano le leggi e le formole di un arte nuova. E cerca di imbastire una ragione di metodo ed estetica per contrapporre la tradizione ad un nuovo che cambia rapido come la moda. Quando in Italia i giovani cercano una nuova formola estetica, la vanno a prendere bella e fatta a Parigi, dove è già vecchia di dieci anni. Proprio come gli abiti, ma con maggior ritardo. I negozianti delle mode artistiche sono obbligati, come quelli delle mode vestiarie, a cercare sempre nuovi figurini Non c è una sola, fra le mode estetiche che ci sono giunte di Francia in questi ultimi decenni: impressionismo, luminismo, divisionismo, sintetismo, che non fosse soppannata dagli interessi di un negoziante. Annota Renzo Guasco, arrivato a Torino da Biella nel 1925: È difficile oggi immaginare che nel 1930 a Torino la pittura degli Impressionisti e dei Postimpressionisti fosse conosciuta da pochissimi, non solamente sugli originali, ma nemmeno sulle riproduzioni. A Parigi erano andati Menzio e Chessa; vi era passato Spazzapan, o almeno così raccontava, prima di stabilirsi a Torino nel 28. Da Parigi va e viene Lionello Venturi, che sotto la Mole ha la cattedra di Storia dell Arte, e che porta con sé Riccardo Gualino (suoi i primi quadri di Modigliani in Italia, sette in tutto e dopo la dispersione della sua collezione tutti tornati Oltralpe), fulcro con Felice Casorati, in città dal 1918 dopo la morte del padre, della nascente intellighenzia subalpina. Anche Paulucci si reca a Parigi, per un soggiorno che fu determinante nelle sue scelte, nel 1928, in occasione della prima mostra degli italiani nella capitale transalpina, al Salon de l Escalier cui partecipa anche Menzio, con cui condivide l ospitalità in un vecchio studio in legno di rue Falguière. Ed il tuffo nella Ville Lumière sente la necessità di farlo anche Carlo Levi. Non è quindi un caso se il gruppetto che espone insieme l anno dopo sotto l egida dei Sei pittori di Torino raccoglie artisti (con Chessa, Levi, Menzio e Paulucci anche Jessie Boswell che arriva da Londra e Nicola Galante, amico di Gobetti, da tempo in rapporti con Soffici, che ne ospita le xilografie su Lacerba, e con Il Selvaggio di Maccari) che si rivolgono alla Francia non per carpire un momento di notorietà accanto alle avanguardie, bensì per confermare delle idee già acquisite e cementarle con la sicurezza che, all insegna di Manet e di Cézanne (l Olimpia di Manet figura sul catalogo della prima mostra, alla galleria Guglielmi di piazza Castello ed un autoritratto di Cézanne su quello della seconda), il problema colore-luce dovesse prevalere su ogni pretestuosa 18

20 Laura e Federico Riccio, Enrico Paulucci, Sandro Alberti, la moglie e la figlia, a Bra polemica usa a scambiare la parte per il tutto ed a considerare verità secondarie e contingenti come base di peregrine estetiche, tanto intransigenti quanto aleatorie e squilibrate. L insegnamento dei francesi per i Sei - annota Guasco - consistette soprattutto nell invito a rompere gli schemi troppo rigidi, a squarciare i fondali e le prospettive casoratiane, a far circolare dell aria. Quest aria nuova verrà poi bloccata a Chessa dalla prematura scomparsa (si era ammalato di tubercolosi), si fisserà in una staticità concettuale a mezzo fra il primitivismo e la metafisica in Galante, sfocerà nella pennellata fortemente intrisa di espressionismo per Levi, si addenserà di intimismo borghese nella Boswell. Rimarrà ancora fresca per Menzio, che si farà più composto nella maturità, ma è in Paulucci che conserverà una fragranza ed una lievità, ecce- 19

21 Menzio, Casorati e Paulucci al Caffè Guarany, Torino, 1949 zionale nei guazzi (di Roma, a Malta e sulla Riviera ligure), in cui senti l odore di una strada afosa, la brezza della spiaggia, il profumo dei balsami delle bagnanti a discorrere sul dehors o a passeggio tra le palme del lungomare, l umidiccio della neve sui marciapiedi, il freddo pungente della nebbia che ti entra nelle ossa quando sali per il Monte dei Cappuccini. La sua tavolozza si fissa in colori ora splendenti ora pastellosi, lievi ed aciduli, rosati e vermigli, viola, aranci ed azzurri, gialli e verdi; i lampi di Matisse ed i lucori di Derain, la stesura piana di Braque e la prospettiva svirgolata di Cézanne, la nitidezza di Dufy, il tocco angelico di de Pisis 20

22 e un pizzico ancora della polvere vellutata di Felice Carena, in una sintesi di spazio e di luce, dove oggetti e colline, vele ed alberi galleggiano su superfici nuvoleggianti, annotate di macchie, ora d aria ora di cielo. Con un dono innato: la leggerezza, l impalpabilità, l ironia, l apparente disordine del volo di una farfalla o di un cardellino, che riassumono in una purezza quasi astratta una summa di sapienza antica, di gioia equilibrata, di ammicchi al dandysmo e lo snob. Come in un canto, anzi un fischiettare, un cinguettare libero ed immediato. Per arrivare infine alla lirica semplicità di un emozione, spontanea e naturale, attraverso una pittura che non ragiona, non complica, non discute, non decide, non illude. Dove il vero diventa verisimile e si cerca soltanto di comunicare delle sensazioni, delle ipotesi, uno stato d animo, un armonia. I mezzi più semplici e veri e sicuri sono gli ultimi che gli uomini trovano (Giacomo Leopardi, Zibaldone ). Non è, Paulucci, pittore fermo. Neppure identificabile con un luogo od una situazione. Sa piuttosto di quel nomadismo intellettuale che per altre latitudini non riesce a fissare in uno spazio definito Chagall e Pasolini, Visconti e Duchamp, Kandinskij e Fellini, Gadda e Busoni. Il suo mondo viaggia con lui, le sue radici traslocano ed attecchiscono rapidamente in ogni nuova occasione: Torino, Roma, Rapallo restano situazioni straordinariamente consimili per una personalità caratterizzata da una forza portentosa, capace di neutralizzare gli influssi esterni piegandoli e temperandoli in funzione di un unico scopo. Se stesso. Nella sua arte, nel suo sogno, nel suo ideale. Indenne anche dai miti che in quegli anni avrebbero potuto coinvolgerlo nell attiva adesione all una o l altra ideologia imperante. Che rifiutò e cui si oppose per indole, osteggiando ogni pretesa di chi cercasse di limitare la libertà piegando la sua dignità di uomo. I frequenti soggiorni a Roma contribuiscono negli Anni 30 a crescere la sua tavolozza di toni cromatici caldi, di compattare le pennellate, di strutturare scenograficamente le composizioni: Dopo Londra lo rivedemmo a Roma alla Quadriennale del Certamente quell esposizione, tratta fuori dall eternità in cui gli inesperti e gli impazienti vorrebbero vedere ogni mostra grande e piccola, fu importante per molti pittori. Alcuni crollarono fragorosamente; altri addirittura trionfarono; altri ancora vennero a trovarsi nelle più strane posizioni. Paulucci fu uno di quelli che, ce ne accorgemmo subito, stava senza vertigini, l occhio limpido e l animo tranquillo (Alberto Moravia, dalla presentazione della personale alla Galleria della Cometa, Roma, 1938). Spesso nei ritratti gli capita di ripassare le linee, di ritentare il colore, di ispessire la pasta, di affocare i toni. Si notano infatti nella stesura, specie dei paesaggi, interferenze cromatiche più intense che arrivano qua e là a turbare con pensose introspezioni la scorribanda delle linee 21

23 Mario Soldati ed Enrico Paulucci matissiane, offuscando la serenità del gioco delle forme e dei colori: Son di quel tempo tutta una serie di figure, paesi e nature morte in cui un impianto vagamente cézanniano mi era suggerito anche dalla scoperta di certe vallette liguri simili a quelle dipinte dal maestro di Aix. E negli anni del dopoguerra un ulteriore momento di coscienza di antitetiche ondate neoespres- 22

24 sioniste ed informali, e la diatriba fra astrattismo e realismo socialista, lo coinvolgono in un momentaneo abbandono dell istintivo dialogo forma-colore per portarlo ad una gamma di toni chiari sorretti da gabbie e da impalcature in cui fissa fiabeschi paesaggi marini e borghi costieri, velature affastellate e carruggi arditi, paranze allineate ed olivi sferzati dal libeccio. È una pittura che si regge sul timbro, sul rapporto cadenzato di linee rette e curve, sul colore e la sua mancanza, su una musica sincopata che lampeggia frammenti di realtà in un caleidoscopio di illusioni ottiche. In una inquietudine che tocca anche la materia del colore, nella ricerca, attraverso la stesura di zone grevi e dense, di un contatto anche fisico con la natura rappresentata. I primi segni di questo mutamento sono avvertibili dopo il 1945, quando l Italia artistica travolse ogni barriera provinciale, volgendosi all Europa, per riscattarsi e per riconoscersi. Anche Paulucci, senza tradire se stesso, iniziò da quella crisi comune un processo di revisione e di approfondimento che le opere odierne rivelano concluso in una nuova e più matura sintesi pittorica. [ ] Paulucci ha rielaborato l impressione immediata dal vero col necessario distacco della memoria: e il metodo delle pezzature a intarsio è stato il mezzo più proprio a frenare la facilità della pennellata e a ordire la trama di una vera composizione, in cui ogni tono è al suo posto, controllato da una seria disciplina formale (Giuseppe Marchiori, dalla presentazione per la sala personale alla XXVII Biennale di Venezia, 1954). Soltanto con la serenità di questo rapporto, che ritrova (mi sembra importante tutto questo anche per chi, in Accademia, guardava a lui come ad un punto fermo ed incrollabile di riferimenti positivi, apprezzandone il sorriso sempre pronto ed il dialogo mai negato anche nel confronto con chi intendeva fortemente distruggere demandando al caso la possibilità fortuita della ricostruzione) in una pittura che nella spontaneità del gesto riprende, attualizzandola, l originale istintiva relazione forma-colore, Paulucci prepara la lunga maturità espressiva. Bene gli riconosce questo merito Luciano Anceschi quando, per la mostra romana alla Galleria del Vantaggio scrive: Un linguaggio nuovo con i suoi oggetti, il suo colore: questa è per la pittura oggi forse una strada necessaria. In ogni modo, se per questa strada si sono incontrati, intanto, alcuni risultati eccellenti, certo, comunque, è il seguente: che - fatto rarissimo in quest ora - la pittura di Enrico Paulucci è, per chi la vede, un impulso di vita. Una proposta di felicità definì Italo Calvino la pittura di Paulucci. Non a caso l armatore Costa gli affidò spesso l incarico di dipingere per i saloni delle sue navi da crociera. La lievità 23

25 non è un invito alla leggerezza, il sentimento della gioia non esprime irresponsabilità. Si può essere felici ed esortare ad esserlo, senza avere la testa tra le nuvole e non sapere in che mondo si vive; si può esortare alla felicità, ch è anche una virtù, senza mettersi in contraddizione con la situazione storica, senza scappare, senza tradire (Giulio Carlo Argan, per la mostra torinese alla Bussola del 1962). Supera anche, in questo periodo, Paulucci, il problema (posto dalla critica, non certo da lui) della mancanza della riconoscibilità dell oggetto nella sperimentazione dei canoni proposti dalle nuove tendenze astrattiste nate col post-espressionismo. Lo sorvola, anzi, restando fondamentalmente fedele alla cultura francese nata coll Impressionismo che pone il valore della pittura non nella raffigurazione più o meno mimetica dell oggetto, bensì nella forza del timbro, del suono, del colore che designano in chi esprime ed in chi vede un emozione, un esigenza di spontaneità e di schiettezza. Di piacere e di sorpresa. Evitando per quanto possibile angosce e nefandezze, falsità ed orrori. Cercando sempre e comunque nel dialogo la relazione, anche con una pittura, la sua, di linguaggio e di comunicazione, dove contano il tono e l armonia, l intensità e la sonorità. Ora l impianto prospettico, già ridotto alla bidimensionalità, tende a scomparire. I colori si affacciano impetuosi ad affollare i primi piani, senza distinzioni di spazio e di tempo. Alla pittura di gesto Paulucci contrappone un estasi pittorica - sottolinea Aldo Bertini nella presentazione della sua sala alla XXXIII Biennale veneziana del 66 - in cui l emozione dello spunto naturalistico cede ad una reazione intima di introspezione. [ ] Il chiaroscuro cede interamente al colore puro; l accesa intensità ne ricorda l origine fauve, da cui Paulucci è partito, alla quale ha impresso un ammorbidimento, onde deriva una freschezza nuova, più umana e gioiosa. La figurazione è insita, anche nell assenza dell individuabilità dell oggetto, attraverso un unità stilistica che lega i due momenti operativi che hanno sempre accompagnato la sua attività: la tecnica ad olio meditata e più lenta dei dipinti realizzati negli studi di Torino e Rapallo, ed i guazzi dipinti en plein air, eseguiti rapidamente, in uno spazio brevissimo di tempo. È la misura vitalmente umana di un emozione, di un incanto, di una riflessione pacata accanto ad una voracità sensuosa; di un introspezione lineare che esclude implicazioni allegoriche e metafisiche per soffermarsi sulla semplicità delle cose da cui far scaturire la scintilla dei motivi ispiratori: il porticciolo con le barche, il casolare rosso, le forre, le rocce, i campi, gli ulivi, le vele gonfie di vento, la luna. Una osservazione acuta, quella del giovane (lo era allora, è il 1979, quando scrive il saggio inti- 24

pissarro l anima dell impressionismo family guide

pissarro l anima dell impressionismo family guide pissarro l anima dell impressionismo family guide +5 CAMILLE PISSARRO Il giovanotto che vediamo rappresentato è Camille Pissarro. Dipinge questo autoritratto poco prima dei 25 anni. Da un isola delle Antille

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Obiettivi Formativi del Corso di Diploma

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Dipartimento di Arti Visive Scuola di Pittura

Dettagli

ELIN DANIELSON GAMBOGI, UNA DONNA NELLA PITTURA

ELIN DANIELSON GAMBOGI, UNA DONNA NELLA PITTURA ELIN DANIELSON GAMBOGI, UNA DONNA NELLA PITTURA in immagini Livorno rende omaggio in occasione della Festa della Toscana che quest anno è significativamente dedicata alle donne alla pittrice finlandese

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina I BAMBINI I GENITORI CONOSCENZA dei COMPAGNI CONOSCENZA degli INSEGNANTI CONOSCENZA del PERSONALE DELLA SCUOLA CONOSCENZA

Dettagli

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL NIZZA MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL MARC CHAGALL Figlio di una modesta famiglia ebraica russa, Marc Chagall nasce a Vitebsk il 7 luglio 1887. Inizia subito a frequentare corsi di pittura

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

davide benati cormo Acquarello su porta L arte incontra il design delle porte di grande mattino

davide benati cormo Acquarello su porta L arte incontra il design delle porte di grande mattino davide benati grande mattino Acquarello su porta L arte incontra il design delle porte di cormo Cormo inaugura il progetto di ricerca Opening Art, volto alla realizzazione di vere e proprie porte d autore,

Dettagli

Omaggio a Luciano Minguzzi. Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna

Omaggio a Luciano Minguzzi. Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Omaggio a Luciano Minguzzi Via delle Donzelle 2, Bologna Dal 26 gennaio al 29 aprile 2012 Inaugurazione mercoledì 25 gennaio 2012, ore 18.30 Comunicato stampa Bologna, 24 Gennaio 2012 - La rinnova, a partire

Dettagli

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA I percorsi proposti dalla Sezione Didattica dell Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi all interno della Pinacoteca di Brera sono condotti grazie all ausilio di materiale didattico, appositamente

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Scuola Primaria Catena Classe 1 a

Scuola Primaria Catena Classe 1 a Istituto Comprensivo Statale B. Sestini Scuola Primaria Catena Classe 1 a Segni e Sogni: Dall immagine all immaginato per vivere il nostro territorio Anno scolastico 2009/2010 Referente: Luciana Falegnami

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedutmo, romanticmo ed impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

N e w s a z i e n d e

N e w s a z i e n d e N e w s a z i e n d e pilla, lo stile ha un volto Intervista a Ivo Sedazzari, il designer che da oltre trent anni collabora con l azienda vicentina nella creazione degli oggetti d arte funeraria. Un sodalizio

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Clara Caselli, Organizzazioni non profit e sviluppo: il caso del Cono Norte di Lima, 2005

Clara Caselli, Organizzazioni non profit e sviluppo: il caso del Cono Norte di Lima, 2005 n. 2-2015 Clara Caselli, Organizzazioni non profit e sviluppo: il caso del Cono Norte di Lima, 2005 Mario Molteni Abstract Mario Molteni presenta l articolo Organizzazioni non profit e sviluppo: il caso

Dettagli

LIVORNO IN CONTEMPORANEA E

LIVORNO IN CONTEMPORANEA E Percorsi didattici LIVORNO IN CONTEMPORANEA E un iniziativa realizzata con la collaborazione del Centro per l Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato nell ambito del progetto regionale: Cantiere Toscana

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

ARTECULTURATERRITORIO VISITE E LABORATORI GRATUITI PER LE SCUOLE. La collezione di opere d arte della Fondazione Livorno ANNO SCOLASTICO 2014/15

ARTECULTURATERRITORIO VISITE E LABORATORI GRATUITI PER LE SCUOLE. La collezione di opere d arte della Fondazione Livorno ANNO SCOLASTICO 2014/15 ARTECULTURATERRITORIO La collezione di opere d arte della Fondazione Livorno VISITE E LABORATORI GRATUITI PER LE SCUOLE ANNO SCOLASTICO 2014/15 L OFFERTA DIDATTICA La Fondazione in collaborazione con la

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI

a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI Aprile Maggio 2008 Emozioni in musica Fondazione Casa di Riposo Villa della Pace Stezzano (Bg) a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI PREMESSA All interno di un programma assodato di attività

Dettagli

in immagini Vittore Grubicy de Dragon, Verso il lago, 1896 olio su tela, cm. 64,5x55,5 LUCE E PITTURA IN ITALIA. 1850-1914

in immagini Vittore Grubicy de Dragon, Verso il lago, 1896 olio su tela, cm. 64,5x55,5 LUCE E PITTURA IN ITALIA. 1850-1914 LUCE E PITTURA IN ITALIA. 1850-1914 in immagini Dal 23 gennaio al 4 maggio 2003 il Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno ospita la grande mostra Luce e pittura in Italia. 1850-1914, curata da Renato

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia Un indagine poetica sull anima della città. Testi, disegni, immagini diventano linfa vitale di uno spettacolo. Perugia è la protagonista. Perugia sei tu. www.urbancreactivity.it

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò

Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò Progetto di esperienze Sulle tracce di Mirò Gli bastava un emozione anche piccola e la sua immaginazione si metteva in moto. Una macchia sul muro. Un filo che usciva dalla tela, un granello di polvere.

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Vorrei che in tutto il mondo. le persone si volessero bene. e che ci fosse solo pace e non guerra. MASSIMO (Classe seconda)

Vorrei che in tutto il mondo. le persone si volessero bene. e che ci fosse solo pace e non guerra. MASSIMO (Classe seconda) COLORIAMOCI DI PACE Stamattina, tanto per cambiare, abbiamo trovato un modo nuovo per imparare. Ci siamo detti: facciamo qualcosa che ci piace! Tutti insieme coloriamoci di PACE. Non abbiamo avuto bisogno

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Prot. n. 3104/P5 Roma, 21 giugno 2007 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di T R E N T O Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in

Dettagli

EART H 2/3/4 OTTOBRE 2015

EART H 2/3/4 OTTOBRE 2015 LANDINGON EART H 2/3/4 OTTOBRE 2015 LANDING ON EARTH IL GIARDINO NASCOSTO - GREEN CITY MILANO - 2/3/4 OTTOBRE 2015 a cura di Alessandra Alliata In occasione di Green City Milano 2015, si propone all interno

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA MAURO MASSARI IDEA Comunicato Stampa Idea personale di pittura di Mauro Massari, Castello San Giorgio Orzinuovi, Brescia 10 gennaio 2016 Il giorno 10 gennaio 2016, si inaugura alle ore 10,30 la mostra

Dettagli

L arte come gioco di forme e colori. a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea

L arte come gioco di forme e colori. a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea L arte come gioco di forme e colori a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea Le forme di Kandiskij Scrive Kandinskij: Oggi il punto può significare qualche volta nella pittura più di una

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Le frasi sono state mescolate

Le frasi sono state mescolate Roma o Venezia? 1 Questo percorso ti aiuterà a capire che cosa sia e come si costruisca un testo argomentativo Nella prossima pagina troverai un testo in cui ad ogni frase corrisponde un diverso colore.

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012 Colori e pensieri per i Colori e pensieri per i bambini emiliani bambini emiliani 04/06/2012 04/06/2012 Ass. Culturale B-Side in Spazio Luce, Milano. Da una idea di: Dott.ssa Anna La Guzza, Psicologa Noi

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

SULLE ALI DELLA MUSICA E DELLA STORIA

SULLE ALI DELLA MUSICA E DELLA STORIA SULLE ALI DELLA MUSICA E DELLA STORIA Nel 2011 siamo andati a Torino, per onorare i primi 150 anni della nostra Italia. Nel 2012 siamo stati a Roma, la nostra Capitale, e lì abbiamo avuto l onore di recarci

Dettagli

Silvia Serafini Tommaso Paloscia

Silvia Serafini Tommaso Paloscia Silvia Serafini Silvia Serafini nasce nel 1966 e vive a Firenze da sempre. La sua vita è tutta dedicata all arte, dagli studi giovanili all'istituto per l'arte ed il Restauro di Palazzo Spinelli e in seguito

Dettagli

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università

Enz o Bi a n c h i è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell Università Terebinto 11 Il Terebinto è una pianta diffusa nella macchia mediterranea. Nella Bibbia è indicata come l albero alla cui ombra venne a sedersi l angelo del Signore (Gdc 6,11); la divina Sapienza è descritta

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno. L ultima farfalla RENZO ZERBATO. L ultima farfalla. Con la collaborazione del prof.

Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno. L ultima farfalla RENZO ZERBATO. L ultima farfalla. Con la collaborazione del prof. Dopo il successo di Ierilaltro Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno Renzo Zerbato Torna con L ultima farfalla RENZO ZERBATO L ultima farfalla Con la collaborazione del prof. Giuseppe Corrà

Dettagli

Proposta laboratorio creativo

Proposta laboratorio creativo Tino Vaglieri Vaglieri, fantasie di mutamento Opere 1958-1963 Studio d Arte del Lauro Via Mosè Bianchi 60, Milano dal 18 Ottobre al 21 Dicembre Proposta laboratorio creativo La mostra Lo Studio d Arte

Dettagli

Dedichiamo questo catalogo a tutti voi. Grazie! Fotografi: Virginia Aloi, Angelo Betzu, Giuseppe Cocco, Clemente Pansa, Miriam Taurino.

Dedichiamo questo catalogo a tutti voi. Grazie! Fotografi: Virginia Aloi, Angelo Betzu, Giuseppe Cocco, Clemente Pansa, Miriam Taurino. Dedichiamo questo catalogo a tutti voi. Grazie! Fotografi: Virginia Aloi, Angelo Betzu, Giuseppe Cocco, Clemente Pansa, Miriam Taurino. Carlangelo Scillamà Chiarandà, Responsabile Organizzativo UGL Creativi.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Progetto grafico e impaginazione: Serena Beoni. Foto: Giuliana Pinzani. Testo di:

Progetto grafico e impaginazione: Serena Beoni. Foto: Giuliana Pinzani. Testo di: Progetto grafico e impaginazione: Serena Beoni Foto: Giuliana Pinzani Testo di: Serena Beoni In copertina: Giuliana Pinzani Raffinatezza - tecnica mista su tavola (gesso - metallo - acrilico) giuliana

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE Rofrano Barbara PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA L insegnamento della religione

Dettagli

La storia che vorrei L Opera e il cibo per Expo Milano 2015

La storia che vorrei L Opera e il cibo per Expo Milano 2015 La storia che vorrei L Opera e il cibo per Expo Milano 2015 SOGGETTO PROPONENTE TITOLO DESCRIZIONE LINGUA MOTIVAZIONE DESTINATARI ENTITÀ DEI PREMI NATURA DEI PREMI PERSONA DI CONTATTO HOC-LAB (http://hoc.elet.polimi.it/hoc/)

Dettagli

LIBERI DI VOLARE. Concorso di pittura a premi

LIBERI DI VOLARE. Concorso di pittura a premi LIBERI DI VOLARE Concorso di pittura a premi Arzignano, 11 Aprile 2014 Premessa della giuria: gli elaborati prodotti dagli alunni partecipanti, hanno evidenziato un notevole impegno; molti lavori si sono

Dettagli

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944)

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) Posizione della Santa Chiesa Queste apparizioni della Madre di Dio non hanno ancora ottenuto il verdetto di autentica

Dettagli

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 Partendo da lontano: appunti di viaggio di Beatrice Vitali Berlino è così: c è sempre qualcuno scalzo c

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli