S E S S I O N E SPECIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S E S S I O N E SPECIALE"

Transcript

1 S E S S I O N E SPECIALE IL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI SU STRADA Giampaolo Castelli Direttore dell Ufficio Motorizzazione Civile della Spezia La Spezia 8 marzo

2 CENNI SU AUTOTRASPORTO COSE C/TERZI In base all art. 2 del D.Lgs 286 del , l autotrasporto di merci per c/terzi è la prestazione di un servizio eseguito in modo professionale e non strumentale ad altra attività consistente nel trasferimento di cose di terzi su strada mediante veicoli dietro pagamento corrispettivo. Dopo oltre 50 anni di contingentamento delle autorizzazioni è stata prevista la soppressione delle autorizzazioni con decorrenza dal La liberalizzazione regolata è da intendersi nel senso che la liberalizzazione vale solo per le imprese titolari di autorizzazioni contingentate o globali al mentre per le nuove erano previste limitazioni all accesso al mercato. Dal un impresa nuova di autotrasporto che lavora con mezzi di mcpc superiore a 1,5 t dopo l iscrizione all Albo con dimostrazione dei 3 requisiti per l accesso alla professione può accedere al mercato con le modalità di limitazioni al mercato Con le novità normative introdotte con il regolamento CE 1071/2009 dal il requisito per i veicoli di mcpc sino a 3,5 t è solo quello dell onorabilità. AUTOTRASPORTO INTERNAZIONALE DI COSE Per trasporto internazionale si intende lo spostamento di un veicolo: - carico fra due Stati - in transito in uno o più Stati membri - vuoto sugli stessi itinerari. Il trasporto internazionale è disciplinato da svariate normative di carattere sanitario, doganale,di circolazione e necessità di due qualità che il trasportatore deve possedere: a) l abilitazione alla professione di trasportatore internazionale b) l autorizzazione al trasporto internazionale La normativa che interessa la materia trattata è complessa e riguarda, oltre le singole legislazioni nazionali, anche il diritto internazionale e comunitario. Infatti le fonti sono: 1) la legislazione comunitaria (la UE ha emanato norme su accesso al mercato dei trasporti comunitari e interno degli Stati membri per i trasportatori non residenti) 2) gli accordi negoziali fra due o più Stati (fonti pattizie) di carattere bilaterale o multilaterale (è il caso delle norme della CEMT che sono cogenti su area geografica più estesa della UE). Le dimensioni e le masse autorizzate nel traffico internazionale sono norme di circolazione e condizione di carico e non norme costruttive I valori imposti fuori dagli Stati della Comunità Europea possono essere diversificati 2

3 La normativa nazionale Nell ordinamento nazionale la legge cardine dell autotrasporto è la legge 298 del che all articolo 44 disciplina l autotrasporto internazionale. Il suddetto articolo prevede la possibilità per le imprese titolari di autorizzazione o licenza per trasporto di cose con sede in Italia di essere ammesse ad effettuare trasporti internazionali alle condizioni e limiti previsti da accordi bilaterali o multilaterali a condizione che siano in possesso degli speciali requisiti a tale scopo prescritti. Le imprese aventi sede all estero sono ammesse ad effettuare sul territorio italiano i trasporti internazionali consentiti dalle norme vigenti nel Paese di origine e a condizione che siano fornite del titolo valido per effettuare trasporto internazionale richiesto dagli accordi bilaterali o multilaterali. La mancanza, l inefficacia o l indebito uso del titolo richiesto, quando il fatto non costituisca più grave reato, sono soggetti a sanzioni stabilite dalle disposizioni in materia. Costituisce comunque violazione ai sensi dell articolo 46 la circolazione di veicoli immatricolati all estero sprovvisti della prescritta autorizzazione al trasporto internazionale. L articolo 46 della legge 298/74 disciplina il trasporto abusivo e stabilisce che chiunque disponga l esecuzione di trasporto di cose con autoveicoli o motoveicoli, senza licenza o senza autorizzazione oppure violando le condizioni o i limiti stabiliti nella licenza o nell autorizzazione, è punito con la sanzione amministrativa: 1) da euro 2065,00 ad euro 12394,00 2) da euro 2582,00 ad euro 15493,00 se il soggetto, nei cinque anni precedenti, ha commesso un altra violazione delle disposizioni dell art.46 o dell art 26, accertata con provvedimento esecutivo Le sanzioni accessorie dell art 46 sono a) fermo amministrativo del veicolo per tre mesi (da disporre in base alle previsioni del CDS) b) confisca del veicolo in caso di reiterazione delle violazioni nei cinque anni precedenti c) L art 26 comma 2 della legge 298/74 punisce con le stesse sanzioni previste dall art 46 chiunque affida l effettuazione di un autotrasporto di cose conto terzi a chi esercita abusivamente l attività. Con le recenti modifiche legislative al CDS è stato riformulato il comma 4 dell articolo 60 della legge 298/74. Infatti è stato abrogata la disposizione che non ammetteva il pagamento in misura ridotta delle violazioni degli artt. 26 e 46 della legge 298/74 ed è stato previsto che per le violazioni dei suddetti due articoli commesse dai veicoli esteri si applicano le disposizioni dell art.207 del CDS. L articolo 207 comma 3 del CDS, modificato con la legge 59/2010, inoltre stabilisce che il veicolo immatricolato all estero sottoposto a fermo amministrativo ai sensi dell art.214 CDS deve necessariamente essere affidato in custodia ad uno dei soggetti individuati dall articolo 214 bis del CDS. 3

4 Normativa nell ambito dell Unione Europea Come è noto uno dei fini della Unione è, in base al trattato istitutivo, quello della libera circolazione delle persone, dei beni,dei servizi e dei capitali. Ciò ha comportato la creazione di una legislazione dei trasporti su strada molto dettagliata. Si possono verificare i seguenti casi di trasporto internazionale comunitario relativamente agli spostamenti di veicoli anche a vuoto: a) con partenza ed arrivo in due Stati membri diversi b) da uno stato membro verso Paese terzo e viceversa c) tra Paesi terzi ma con transito nel territorio di uno o più Stati membri. In generale in regime comunitario sono liberalizzati i seguenti trasporti: 1) veicoli danneggiati o da riparare 2) postali se in servizio pubblico 3) eseguiti con autoveicoli, compreso rimorchio, fino a 3,5 t 4) in conto proprio 5) di apparecchi e attrezzature mediche o articolo per soccorso, medicinali. Da notare che i tragitti in transito sono sempre consentiti in tema di licenza comunitaria. Attestato del conducente Il conducente extracomunitario, in base al Reg CEE n.484/2002, deve essere munito di un documento definito attestato di conducente. Tale attestato: 1) certifica la conformità alle disposizioni vigenti del rapporto di lavoro tra conducente e impresa di trasporto 2) è nominativo (vale a dire è rilasciato per ogni singolo conducente) 3) è rilasciato dall autorità di ciascun Stato membro (per il nostro paese è la Direzione Provinciale del Lavoro) 4) appartiene all impresa che lo ha richiesto che deve essere titolare di licenza comunitaria o assumere a termini di legge, conducenti cittadini di un paese terzo 5) è redatto su modulo ministeriale Mod L 76/5 o 913 La validità è di 5 anni o per la durata del rapporto di lavoro, deve essere tenuto dal conducente a bordo del veicolo ed esibito ad ogni controllo e deve indicare nominativamente l autista. La Direzione provinciale del Lavoro rilascia due copie all impresa richiedente:la prima in bollo (circolare Min Lavoro prot. 396) è quella detenuta dal conducente a bordo del veicolo; la seconda deve essere conservata presso al sede legale od operativa in base all organizzazione aziendale. L attestato di conducente è parte integrante della licenza comunitaria. 4

5 Quando l attestato scade l impresa deve presentare nuova istanza alla DPL territorialmente competente restituendo le due copie (originale e velina) del documento scaduto. La DPL provvede al rilascio di nuovo documento dopo aver acquisito necessaria documentazione e previa esibizione del permesso di soggiorno in originale e in corso di validità. Licenza Comunitaria Il trasporto stradale di merci per c/terzi fra Stati UE si basa su licenza comunitaria. Tale documento è stato introdotto da un nuovo regime autorizzativo previsto dal regolamento CEE n 881/92 del e consente alle imprese titolari l accesso al mercato infracomunitario del trasporto di merci su strada. Il regolamento CEE 881/92 ha dato attuazione a quanto disposto dal regolamento 1841/88 del che, ai fini dell accesso al mercato infracomunitario, aveva fissato al la sostituzione del criterio dei contingentamenti dei trasporti con quello della valutazione dei requisiti di impresa. Successivamente il Regolamento CE del Consiglio n 1791/2006 del ha adeguato anche il suddetto regolamento 881/92 a motivo dell adesione della Bulgaria e della Romania all UE. La licenza comunitaria 1) non è contingentata 2) attesta la qualità di autotrasportatore internazionale di merci 3) è a tempo; vale 5 anni in Italia,salvo eccezioni, con eventuale rinnovo(vedi al riguardo DDGTSI GU n.268 del ) 4) è intestata ad un solo autotrasportatore e non cedibile; l impresa la conserva agli atti dopo aver ottenuto le copie certificate conformi da utilizzare a bordo dei veicoli 5) consente l effettuazione di trasporti infracomunitari di merci 6) non ha limitazioni quantitative in ordine al numero di trasporti eseguibili (sono cioè scomparse le vecchie autorizzazioni comunitarie, le autorizzazioni bilaterali che i paesi si scambiavano). N.B. La validità della licenza comunitaria in alcuni Stati è decennale (termine massimo ai sensi dell art.4 paragrafo 2 del Regolamento CE 1072/2009) La licenza comunitaria è rilasciata o rinnovata a qualsiasi autotrasportatore di merci: a) stabilito in Stato membro UE b) abilitato nello Stato membro all accesso della professione per il trasporto internazionale Nel nostro Stato provvede al rilascio il Ministero Infrastrutture Trasporti Dir Generale per il trasporto stradale e l intermodalità. Al riguardo per l emissione della licenza e per le copie certificate conformi il Ministero ha emanato una dettagliata 5

6 circolare (Circ. 1/2011 del ) al fine di illustrare le modalità operative alla luce delle novità introdotte dal con il Regolamento CE 1072/2009. Con le disposizioni dettate dal regolamento CE 1072 il nuovo modello 138 di licenza comunitaria presenta l elencazione aggiornata di tutti i Paesi membri UE e nelle disposizioni generali sul retro del modello viene specificato che nel caso di trasporto da uno Stato membro verso un Paese terzo e viceversa la licenza è valida per la parte di percorso nel territorio della Comunità. E valida nello Stato membro di carico o scarico dopo la conclusione di un accordo necessari ai sensi del Reg CE 1072/2009 stipulato fra la Comunità e lo Stato terzo in questione. Gli elementi di sicurezza (così come previsto dall allegato I del Reg CE 1072/2009) della nuova licenza comunitaria devono essere almeno due fra i seguenti: 1) la presenza di un ologramma 2) fibre speciali nella carta visibili ai raggi UV 3) almeno una riga in microstampa (stampa visibile soltanto con lente di ingrandimento e non riprodotta con fotocopiatrice) 4) caratteri,simboli o motivi tattili 5) doppia numerazione: numero di serie e di rilascio 6) fondo di sicurezza con rabescature sottili e stampa a iride. E inoltre utile ricordare che, in base alla circolare DGTSI n.1/2012 del Ministero Infrastrutture e Trasporti del , è prevista la possibilità, a seguito di determinazioni prese nell ambito del Comitato Trasporti Stradali tenutosi a Bruxelles il , di continuare ad utilizzare i vecchi modelli della licenza comunitaria al fine di esaurire gli stock in giacenza presso le amministrazioni centrali di alcuni Stati membri apponendo un timbro con una dicitura in lingua inglese che rende nota l abrogazione del Reg CEE 881/1992 e la contestuale vigenza del Reg CE 1072/2009. Si precisa inoltre che operano utilizzando un modello analogo anche gli Stati aderenti all accordo SEE e la Svizzera (accordo del operante dal ). Copie certificate conformi della licenza comunitaria Le copie certificate conformi della licenza comunitaria sono rilasciate in relazione e fino al numero complessivo di veicoli in disponibilità e a diverso titolo utilizzati per il trasporto internazionale e aventi massa massima a carico ammissibile superiore a 3,5 tonnellate Nel caso in cui il parco veicolare si riduca al di sotto delle copie certificate conformi le copie in eccesso devono essere restituite all UMC competente per territorio. Le copie certificate conformi emesse sulla base del Reg CEE 881/1992 rilasciate prima del (vale a dire il vecchio modello di licenza) sono valide sino alla scadenza prevista sul documento stesso. Una copia certificata conforme deve essere presente a bordo dei veicoli che effettuano trasporto internazionale di merci rientrante nel campo di applicazione del Reg CE 1072/2009 ed esibita se richiesta dagli organi di controllo. 6

7 Le copie certificate conformi sono emesse dal con sistema di rilascio informatizzato. L UMC apporrà nel rettangolo in alto a destra un timbro con elementi identificativi dello stesso ufficio e in basso a sinistra al di sotto del riquadro il sigillo dell ente e la firma del responsabile della struttura o di funzionario delegato; gli altri dati risulteranno automaticamente dalla stampa. In particolare ogni copia certificata conforme riporterà come data di inizio di validità quella del rilascio del documento e non quella di inizio di validità della relativa licenza comunitaria (come accadeva con il vecchio modello). La data di scadenza della copia certificata conforme invece coincide con quella della licenza comunitaria in riferimento. La copia è contraddistinta da un numero di rilascio composto da lettera M seguita da numero di licenza comunitaria relativa e dal numero progressivo facente parte di una numerazione nazionale di tutte le copie conformi rilasciate ai sensi della nuova disciplina. E istituito inoltre in base all articolo 16 del Reg CE 1072/2009 un registro elettronico nazionale delle imprese di trasporto su strada autorizzato ad esercitare la professione di trasportatore su strada. Con la Decisione della Commissione del sono fissati i requisiti minimi relativi ai dati da inserire nel REN Cabotaggio I trasportatori non residenti possono effettuare trasporti nazionali di merci su strada e tale attività viene definita cabotaggio stradale. Quindi effettuare attività di cabotaggio significa svolgere trasporti interni in paesi membri UE o SEE diversi da quello in cui il vettore è stabilito. Questa tipologia di trasporto è in fondo l applicazione concreta della possibilità di svolgere libera prestazione di servizi nei mercati interni del trasporto in base all articolo 71 paragrafo 1 lettera b) del Trattato CE in conformità anche ad uno degli aspetti più importanti della politica comune europea in tema di trasporti. Ciò determina l eliminazione di restrizioni in ordine alla nazionalità o allo stabilimento in altro Stato membro del vettore. Dal 1 luglio 1998 in base al Regolamento CEE 3118/93 il cabotaggio può essere svolto senza particolare autorizzazione e sono state eliminate le restrizioni quantitative dirette all esercizio dei trasporti interni da parte di vettori non residenti che vantano requisiti per l esercizio di trasporto internazionale. Il cabotaggio deve rispettare la normativa generale comunitaria e le disposizioni applicate ai vettori nazionali del Paese in cui avviene,in base all articolo 9 del Reg CE 1072/2009, relativamente a: 1) condizioni del contratto di trasporto 2) masse e dimensioni veicoli 3) trasporto di merci pericolose, deperibili, di animali vivi 4) tempi di guida e periodi di riposo 5) IVA sui servizi di trasporto. L articolo 8 del suddetto regolamento comunitario disciplina nel dettaglio i principi generali del cabotaggio. In particolare il paragrafo 2 stabilisce che una volta 7

8 consegnate le merci nel caso di un trasporto internazionale in entrata i trasportatori titolari di licenza comunitaria sono autorizzati a svolgere con lo stesso veicolo ( o se si tratta di veicoli combinati con l autoveicolo dello stesso veicolo) fino a tre trasporti di cabotaggio successivi al trasporto internazionale da un altro Stato membro o da un paese terzo allo Stato membro ospitante. L ultimo scarico del cabotaggio prima di lasciare lo Stato membro ospitante deve aver luogo entro sette giorni dall ultimo scarico nello Stato membro ospitante nel corso del trasporto internazionale in entrata. Entro il termine sempre di sette giorni possono essere svolte operazioni di cabotaggio anche in territorio di Paesi membri diversi da quello di arrivo del trasporto internazionale ma in tal caso con lo stesso veicolo (o se combinato con lo stesso autoveicolo che a svolto il primo viaggio a carico) si può effettuare un solo trasporto di cabotaggio entro tre giorni dalla data di ingresso a vuoto nel territorio dello Stato in questione. Il par. 3 dell articolo 8 prevede che il vettore debba produrre prove attestanti chiaramente il trasporto internazionale in entrata e ogni trasporto di cabotaggio effettuato consecutivamente. N.B. Sono esentati dal cabotaggio i trasporti liberalizzati in ambito europeo. Dal 1 maggio 2009 sono ammessi al cabotaggio tutti i vettori comunitari e dal 1 gennaio 2012 sono ammessi anche i vettori di Romania e Bulgaria. Cabotaggio stradale in violazione della normativa comunitaria Le operazioni di cabotaggio stradale svolte in violazione del Reg CE 1072/2009 sono sanzionate con il pagamento di una somma da euro 5000 a euro e con il fermo amministrativo per un periodo di tre mesi o, in caso di reiterazione, di sei mesi La sanzione si applica ai veicoli immatricolati all estero e quindi può essere contestata direttamente al conducente. Si applicano al riguardo le disposizioni dell articolo 207 CDS e il veicolo sottoposto a fermo amministrativo a titolo di sanzione accessoria, secondo l art 214 CDS, può essere affidato esclusivamente ai soggetti individuati ai sensi dell articolo 214 bis del CDS. E ammesso il pagamento in forma ridotta. Documenti da tenere a bordo 1) Copia conforme della licenza comunitaria 2) Attestato di conducente (se ricorre il caso) 3) Documentazione di prova del trasporto internazionale da cui è scaturito il cabotaggio 4) Non è prevista la redazione di un particolare documento però per ogni singola attività di cabotaggio (articolo 8 par. 3) deve essere esibita documentazione comprovante: a) nome, indirizzo, firma mittente b) nome, indirizzo, firma trasportatore c) nome, indirizzo,firma destinatario e data consegna merci 8

9 d) luogo e data presa consegna merci e luogo previsto per consegna e) descrizione merce e suo imballaggio f) peso lordo o quantità merce g) numero targa veicolo o del complesso veicolare Soggetti della filiera dell autotrasporto Le figure presenti nella filiera del settore autotrasporto sono: a) il mittente cioè colui che chiede il trasporto, che stipula pertanto il contratto di trasporto con il vettore. Il mittente è colui che stipula in nome proprio il contratto ed è tenuto ad una serie di atti di cooperazione nei confronti del vettore per consentire corretta e puntuale esecuzione del contratto.(consegna merce al vettore, consegna dei documenti richiesti per l esecuzione del trasporto, il pagamento del corrispettivo); b) il vettore è il soggetto che si obbliga contrattualmente ad effettuare il trasporto con mezzi propri o altrui (spedizioniere vettore) assumendosi la responsabilità dell organizzazione complessiva del trasporto (dalla presa in carico della merce alla consegna a destinazione), della perdita totale o parziale della merce o dell avaria nel periodo temporale in cui detiene la merce oggetto del trasporto, del ritardo nella consegna con conseguenti obblighi di risarcimento; c) proprietario della merce è l impresa o la persona giuridica pubblica che ha la proprietà delle cose oggetto del contratto. Quando il contratto di trasporto è redatto in forma scritta il proprietario è coinvolto in responsabilità e sanzioni individuate con D.Lgs 286 del per violazioni di regole concernenti la sicurezza sociale e la circolazione stradale da parte del conducente; d) caricatore è l impresa o la persona giuridica che consegna la merce al vettore curando la sistemazione della merce stessa sul veicolo. Anche in questo caso sono previste sanzioni per questa figura in merito a violazioni di regole concernenti la sicurezza sociale e la circolazione stradale da parte del conducente in base alle norme disposte dal citato D. Lgs 286/2005; e) destinatario è il soggetto che riceve la merce al luogo di destinazione (può coincidere con il mittente). Il destinatario deve collaborare con il vettore affinché le prestazioni di trasporto possano essere puntualmente e correttamente eseguite e deve corrispondere il prezzo del trasporto come eventualmente stabilito con il mittente. Egli ha diritto di far accertare a proprie spese prima della riconsegna (nel caso ricorrano i termini) l identità e lo stato delle merci trasportate. 9

10 Le responsabilità nell ambito della sicurezza sociale e della circolazione sopra citate a carico del mittente, del vettore, del caricatore e del proprietario delle merci sono nulle se nel contratto non sono indicate istruzioni incompatibili con le norme di sicurezza stradale Le violazioni che si evidenziano nel merito sono: art. 61 CDS sagoma limite larg. Max 2,55m h max 4m lung. Max 12m autoart. autosnod.16,50m ATP larg max 2,60m art. 62 CDS massa limite 5 t 1asse, 8 t 2 assi, 10 t 3 assi 6 t 1asse, 22t 2 assi, 26 t 3 assi per rimorchio se carico unitario medio non è> di 8 dan/cm mcpc 18 t se veicolo a 2 assi mcpc 25 t se veicolo a tre o più assi mcpc 26 t se a tre assi pneu accopp.e sosp pneu mcpc 32 t se a 4 o più assi autotreno mcpc 24 t se tre assi,40 t quattro,44 t cinque o più autoart. autosnodato mcpc 30 t se a tre assi art.142 CDS limiti velocità autov. trasporto cose mcpc >3,5 t e <12 t km/h 80 fuori centri abitati km/h 100 autostrada autov. trasporto cose mcpc > 12 t km/h 70 fuori centri abitati autotreni autoarticolati km/h 80 autostrada autov. e motov. trasporto merci pericolose se carichi 50 km/h fuori centri abitati 30 km/h in centri abitati art 164 CDS sistemazione del carico sui veicoli art 167 CDS trasporto cose sui veicoli a motore e sui rimorchi art 174 CDS durata guida autoveicoli adibiti trasporto persone e cose n.b. Il caricatore è sempre responsabile per la violazione degli articoli 61,62,164 e 167 del CDS Contratto di trasporto in forma scritta Se il contratto di trasporto è in forma scritta è a bordo del veicolo si verifica il contratto, la relativa documentazione e se emergono responsabilità concorrenti è necessario effettuare contestazione contestuale della violazione anche al committente, al caricatore e al proprietario della merce. 10

11 Se il contratto è in forma scritta ma non si trova a bordo del veicolo può essere esibita una dichiarazione sottoscritta dal committente o dal vettore che ne attesti l esistenza (art 8 D.Lgs. 286/2005). Entro 15 giorni l autorità richiede la presentazione del contratto da produrre entro 30 giorni. In base al comma 3 dell art 8 del sopra citato decreto legislativo 286/2005 entro altri 30 giorni dalla ricezione dei documenti richiesti l autorità competente applica le sanzioni se emergono responsabilità specifiche. In caso di mancata presentazione del contratto si applicano le sanzioni connesse alla responsabilità concorsuale per le infrazioni al CDS oltre a quelle previste per la mancanza della documentazione. Senza contratto di trasporto E necessario che a bordo vi siano istruzioni scritte in merito al trasporto. Dall esame della scheda di trasporto e/o dalla documentazione equipollente o equivalente e delle istruzioni e nel caso emergano responsabilità concorrenti contestazione contestuale della violazione anche agli altri soggetti della filiera e cioè mittente e vettore (caricatore e proprietario). Se la scheda o la documentazione equivalente sono mancanti, incomplete, non veritiere, si applicano immediatamente le sanzioni specifiche previste dall articolo 7 bis comma 4 del D Lgs. 286/2005 In caso di scheda redatta ma non presente a bordo del veicolo si applicano le disposizioni del comma 5 dell articolo 7 bis del citato decreto legislativo. Se la scheda o documento equivalente non viene presentata entro i 15 giorni dall accertamento della violazione si applica il comma 4 dell articolo 7 bis del D. Lgs. 286//2005. Si applica l art. 214 e 180 comma 8 del CDS. Scheda di trasporto Normativa di riferimento D.M. 30 giugno 2009 n.554 La scheda di trasporto è un documento compilato dal mittente che accompagna le cose trasportate per c/terzi in ambito nazionale salvo specifiche eccezioni. Non sono tenuti alla compilazione della scheda i mittenti dei trasporti internazionali, nazionali commissionati da privati, in conto proprio, di merce a collettame con partite di massa inferiore a 5 tonnellate provenienti da diversi mittenti. Per il trasporto di collettame, l esenzione opera a condizione che a bordo del veicolo vi sia la documentazione, anche commerciale che descriva la tipologia e la quantità della merce trasportata. La sua funzione è quella di individuare i soggetti della filiera per eventuali corresponsabilità per violazioni commesse dal conducente In quanto documento di accompagnamento obbligatorio la scheda consente anche la verifica su strada del rispetto delle disposizioni in materia di massimo carico ammissibile. 11

12 L articolo 7 comma 5 del D. Lgs. 286/2005 prevede che sulla scheda di trasporto debbano essere obbligatoriamente riportati i dati relativi al numero di iscrizione all Albo del vettore. Tale dato eventualmente deve essere riportato nella documentazione equivalente. Nel caso di documentazione equipollente deve essere allegata una dichiarazione scritta di presa visione della carta di circolazione o altra documentazione da cui risulti il numero di iscrizione all Albo pena l applicazione delle sanzioni previste dal comma 4 dell articolo 7 bis del D. Lgs. 286/2005. Documentazione equipollente Durante il trasporto la scheda di trasporto può essere sostituita dal contratto in forma scritta (in copia) o da altri documenti equivalenti che devono accompagnare le merci trasportate secondo le norme nazionali od internazionali a condizione che contengano tutte le informazioni richieste dalla scheda di trasporto. I documenti equivalenti devono essere integrati con le informazioni mancanti oppure deve redigersi la scheda di trasporto che contenga tali elementi. In base al Decreto Ministeriale del n. 554 i documenti equivalenti sono: - Documento di trasporto (DPR 472/96) - Documento di accompagnamento dei prodotti soggetti ad accisa - Ogni altro documento di accompagnamento obbligatorio ai sensi della normativa nazionale ed internazionale - CMR (lettera internazionale di vettura) - Documenti doganali - Documentazione di cabotaggio (Reg. CE 1072/2009) Tutti i documenti che obbligatoriamente accompagnano ritenersi equipollenti e non è necessaria la integrazione. le merci sono da Eventuali altri documenti di tipo commerciale non obbligatori possono essere considerati equivalenti purché contengano tutti i dati e le indicazioni della scheda altrimenti dovranno essere integrati prima dell inizio del viaggio e qualora l integrazione non sia possibile si dovrà compilare la scheda di trasporto che potrà contenere anche le sole indicazioni mancanti N.B. Il documento di trasporto (D.T.T.) previsto dal DPR 472/96 pur essendo ricompresso tra la documentazione equipollente qualora non contenga tutti gli elementi della scheda deve essere integrato. 12

13 Apparato sanzionatorio del D. Lgs. 286/2005 Articolo 7 bis comma 4 (mancata compilazione, alterazione, incompleta, non veritiera scheda di trasporto) da 600 a 1800 euro al committente Articolo 7 bis comma 5 (mancata presenza a bordo della scheda) da 40 a 120 euro al vettore fermo del veicolo fino a 15 gg (art.214 CDS) Articolo 7 bis comma 6 : le stesse disposizioni si applicano ai vettori stranieri Pagamento immediato ai sensi dell articolo 207 del CDS Articolo 7 comma 7 bis (violazioni del CDS da cui derivino morti o lesioni gravi o gravissime alla guida di veicoli per cui è richiesta patente C o CE ) Rispetto delle disposizioni del CDS previste da art. 7 D. Lgs 286 Art.83 bis del D.L. 112/2008 convertito con L.133/2008 e succ. Circolare Ministero Interno / Trasporti del 18 maggio 2011 relativa a disposizioni operative per controlli su tutta la filiera ai sensi dell articolo 83 bis del D.L.112/08 convertito con Legge n. 133 del 6 agosto Articolo 7 comma 2 Prevede l applicazione dell articolo 26 comma 2 (esercizio abusivo dell autotrasporto) della legge 298/74 in tema di sanzioni da applicarsi al committente, al caricatore ed al proprietario della merce che affidano il servizio di trasporto a vettore non provvisto del titolo abilitativo o che operi violando condizioni e limiti nello stesso prescritti oppure a vettore straniero che non sia in possesso del titolo idoneo che lo ammetta ad effettuare nel territorio italiano la prestazione di trasporto eseguita. Alla violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della confisca della merce trasportata. Controllo su strada L Unione Europea ha riconosciuto l importanza del controllo su strada e, al riguardo, ha emanato la Direttiva CE 22/2006 del 15 marzo 2006 recepita dal D. Lgs 144 del 4 agosto con il Reg. CEE 2135/98 ha introdotto il tachigrafo digitale e ha inoltre modificato la disciplina sui tempi di guida e i periodi di riposo con il Reg CE 561/2006. Una nuova strategia dei controlli è stata fissata con la Direttiva CE 5/2009 del 23 gennaio 2009 recepita con D. Lgs. 23 dicembre 2010 n. 245 con cui si mira ad individuare la gravità delle infrazioni e a concretizzare l indice di rischio delle imprese. 13

14 Vengono individuate le infrazioni ritenute gravi (superamento del periodo di guida giornaliero di oltre due ore, settimanale oltre le 70 ore, guida ininterrotta per oltre sei ore, riposo giornaliero inferiore alle 8,5 ore o 7,5 ore, mancanza dell apparecchio di controllo, malfunzionamento del tachigrafo, uso non corretto della carta del conducente). Le imprese con fattore di rischio elevato saranno assoggettate a controlli più rigorosi e frequenti. Ogni tre mesi il Ministero Interno comunica l elenco imprese italiane e comunitarie sanzionate e in base a tali segnalazioni l ufficio di coordinamento segnala al Ministero Lavoro elenco delle imprese da controllare. Documento di controllo per le assenze dei conducenti Il documento deve essere tenuto a bordo del veicolo e deve essere conservato dall impresa per un anno. Una stampa del documento deve essere portata dal conducente e esibita agli organi di controllo se richiesta Il Modulo deve essere redatto dall impresa, non è modificabile vale per tutto il territorio dell Unione Europea e deve essere firmato dall impresa e dal conducente. Nel modulo sono da riportare le malattie,ferie, guida di veicolo non soggetto al Reg. CE 561/2006, congedo, recupero. Nei casi particolari di rapporto di lavoro sospeso o interrotto (sciopero, serrata,ecc) non si compila il modulo e si fornisce prova con altra idonea documentazione (questo vale solo per l Italia). Sanzioni Articolo 9 del D. Lgs 144 del 4 agosto 2008 Conducente senza modulo o con modulo alterato o incompleto Sanzione da euro 143 a euro 570 e si applica art. 180 c. 8 CDS Mancata conservazione per un anno del documento da parte dell impresa Sanzione da euro 143 a euro 570 e si applica art. 180 c.8 CDS Resta invariata l applicazione eventuale per le sanzioni relative alle norme disciplinanti i tempi di guida e di riposo previste dagli articoli 174, 178, 179 del CDS. NORMATIVA COMUNITARIA Direttiva 2002/15/CE Direttiva 2003/59/CE Reg. (CEE) n. 3821/85 del Reg. n. 1841/88 del Reg. (CEE) n. 881/92 del Reg. (CEE) n. 2913/92 del Reg. (CEE) n. 3118/93 del Reg. (CE) n. 2135/98 del Reg. (CEE) n. 484/2002 del Direttiva (CE) 22/2006 del Reg. (CE) Consiglio n. 1791/2006 del

15 Direttiva (CE) 22/2006 del Reg. (CE) n. 561/2006 del Direttiva CE 4/2009 del Direttiva CE 5/2009 del Reg. (CE) n. 1071/2009 del Reg. (CE) n. 1072/2009 del NORMATIVA NAZIONALE E CIRCOLARI INERENTI Legge n Legge n. 298 DPR 472 del D. Leg n. 478 Circolare M. Lavoro prot. 396 del D. Leg n. 395 DM n. 161 del D. Leg n. 284 D. Leg n. 286 Circolare M. Trasporti del n. 3/2006/APC Circolare M. Interno del n. 300/A/1/52609/108/13/7 D. Leg n. 234/07 D. Leg n. 144 DL. 112/08 conv. Legge n. 133 D. Leg n. 214 Circolare M. Interno/MIT del n DM DM n. 554 del DM Legge n. 120 D. Leg n. 245 Circ. 1/2010 Min. I.T. del Circ. 1/2011 Min. I.T. del Circ. 1/2012 Min. I.T. del ACCORDI CONVENZIONI AELS (EFTA): associazione europea di libero scambio (acronimo inglese EFTA) fondata il fra i paesi non partecipanti alla CEE (membri attuali Islanda Norvegia, Liechtenstein, Svizzera). Accordo UE/Confederazione Elvetica: firmato a Lussemburgo il ed entrato in vigore il SEE : spazio economico europeo accordo del fra AELS (EFTA) e UE per consentire ai paesi AELS di partecipare al Mercato Comune Europeo (MEC) senza essere membri dell unione, in vigore dal Convenzione TIR Ginevra in vigore dal Convenzione ATA Bruxelles

16 A.E.T.R.: accordo europeo relativo al lavoro degli equipaggi dei veicoli che effettuano trasporti internazionali su strada concluso a Ginevra esecutivo con legge n CMR (Convention de Marchandise par Route): firmato a Ginevra il ratificato in Italia con Legge n CEMT (Conferenza Europea Ministri dei Trasporti): protocollo ratificato in Italia con legge del n Accordo ATP Ginevra del ratificato in Italia con legge del n ADR : accordo europeo relativo a trasporti internazionali di merci pericolose su strada. Ginevra ratificato in Italia con legge del n

La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri dei Trasporti e dell Interno del 17 luglio 2009

La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri dei Trasporti e dell Interno del 17 luglio 2009 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 11 6 AGOSTO 2009 La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri

Dettagli

IL CONTROLLO DI POLIZIA STRADALE NELL AUTOTRASPORTO

IL CONTROLLO DI POLIZIA STRADALE NELL AUTOTRASPORTO IL CONTROLLO DI POLIZIA STRADALE NELL AUTOTRASPORTO TRASPORTO PER CONTO TERZI NAZIONALE Documenti conducente: Documento di identità; Patente di guida; Cqc; Documento rapporto di lavoro; Fogli di registrazione;

Dettagli

PERIODO DI GUIDA. COMPRESO Guida Da A 9 ore 9 ore e 1 min. 9 ore e 54 min. 10 ore e 1 min. 11 ore

PERIODO DI GUIDA. COMPRESO Guida Da A 9 ore 9 ore e 1 min. 9 ore e 54 min. 10 ore e 1 min. 11 ore ART. 174 COMMA 4 SUPERAMENTO Violazione protratta entro il 10 % del limite consentito ART. 174 COMMA 5 SUPERAMENTO Violazione protratta oltre il 10 % ma entro il 20 % del limite consentito ART. 174 COMMA

Dettagli

Scheda di trasporto. La scheda dovrà essere compilata dal committente e conservata a bordo del veicolo, a cura del vettore.

Scheda di trasporto. La scheda dovrà essere compilata dal committente e conservata a bordo del veicolo, a cura del vettore. Scheda di trasporto CNA Fita Trasporto Dal 19 Luglio le imprese di autotrasporto sono tenute alla compilazione della scheda di trasporto. L istituzione del nuovo documento si inserisce all interno del

Dettagli

TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino

TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino TRASPORTI DI CABOTAGGIO REGIME SANZIONATORIO di Franco Medri* e Maurizio Piraino La licenza comunitaria (al pari della analoga licenza SEE) consente anche l effettuazione dei trasporti di cabotaggio. L

Dettagli

STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO

STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO Pesaro, lì 30 luglio 2009 A TUTTI I SIGNORI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE n. 07/2009 1 Proroga di ferragosto; 2 Autotrasporto di merci per Conto Terzi: Obbligo

Dettagli

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto»

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» Trasporti internazionali Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» di Maria Giulia Furlanetto (*) Dal 19 luglio 2009, è divenuta a tutti gli effetti obbligatoria la scheda di trasporto documento

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Padova, 19 luglio 2009 Spettabili CLIENTI LORO SEDI Scheda di trasporto Dal 19 luglio 2009 è obbligatoria la "scheda di trasporto da compilare a cura del committente e conservare a bordo del

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO Premesso che per effettuare qualsiasi autotrasporto

Dettagli

Autoscuola Marche - http://www.autoscuolamarche.com/ REGOLAMENTO (CE) n. 1072/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009

Autoscuola Marche - http://www.autoscuolamarche.com/ REGOLAMENTO (CE) n. 1072/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 REGOLAMENTO (CE) n. 1072/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che fissa norme comuni per l accesso al mercato internazionale del trasporto di merci su strada (rifusione) (Testo

Dettagli

Stati membri della CEMT: Manuale d uso delle autorizzazioni CEMT (2009) capitolo 4, 5.

Stati membri della CEMT: Manuale d uso delle autorizzazioni CEMT (2009) capitolo 4, 5. - TRASPORTO INTERNAZIONALE - RELAZIONI DI TRAFFICO INTERNAZIONALI CHE CONSENTONO LA LOCAZIONE DEI VEICOLI SENZA CONDUCENTE di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** In ambito internazionale la locazione di

Dettagli

Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i.

Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i. Spettabile CLIENTE e FORNITORE Sua Sede Rif.: 001-2011 C&F SICDT Milano, 10-01-2011 Oggetto: Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i. Egregi Signori e Gentili Signore,

Dettagli

BALIN & ASSOCIATI. Autotrasporto: istituita la scheda di trasporto. Padova, 30 luglio 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n.

BALIN & ASSOCIATI. Autotrasporto: istituita la scheda di trasporto. Padova, 30 luglio 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Enrico Cecchinato Consulente del Lavoro Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Massimo Coppola Dott.ssa Diana Pérez Corradini Dott. Alberto

Dettagli

La riforma dell autotrasporto per conto terzi

La riforma dell autotrasporto per conto terzi La riforma dell autotrasporto per conto terzi Milano, 11 luglio 2007, Hotel dei Cavalieri dott. Paolo Stella I decreti attuativi che completano la riforma prevista dal D.Lgs. 286/2005 Con il decreto dirigenziale

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO STRADALE E PER L INTERMODALITA DIVISIONE

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI DR. MATTEO DUROLA DR. BRUNO PARI DR.SSA CHIARA MACCHETTO Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: istituzione della scheda di trasporto. Premesse, riferimenti normativi e

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Luglio 2009

SCHEDA DI TRASPORTO. Luglio 2009 Luglio 2009 SCHEDA DI TRASPORTO Supplemento a Polimerica Reg Tribunale MI 710 del 11/10/2004 Direttore responsabile: Michele Latorre Editore: Cronoart Srl - Milano Tutti i diritti riservati www.trasportoeuropa.it

Dettagli

che fissa norme comuni per l accesso al mercato internazionale del trasporto di merci su strada. (rifusione)

che fissa norme comuni per l accesso al mercato internazionale del trasporto di merci su strada. (rifusione) REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 21 ottobre 2009, n. 1072/2009/CE (G.U.C.E. n. L 300 del 14.11.2009) che fissa norme comuni per l accesso al mercato internazionale del trasporto di merci

Dettagli

* * * del 13 dicembre 2013 del 13 dicembre 2013 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI

* * * del 13 dicembre 2013 del 13 dicembre 2013 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza DIREZIONE CENTRALE PER LA POLIZIA STRADALE, FERROVIARIA, DELLE COMUNICAZIONI E PER I REPARTI SPECIALI DELLA POLIZIA DI STATO Ministero delle

Dettagli

!!"#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#!

!!#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#! !!"#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#! DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO STRADALE E PER L INTERMODALITA

Dettagli

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

* * * Prot. 300/A/4628/11/101/3/3/9 Prot. 12409 del 18 maggio 2011 18 maggio 2011 R.U. USCITA

* * * Prot. 300/A/4628/11/101/3/3/9 Prot. 12409 del 18 maggio 2011 18 maggio 2011 R.U. USCITA Prot. 300/A/4628/11/101/3/3/9 Prot. 12409 del 18 maggio 2011 18 maggio 2011 R.U. USCITA - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA - AI

Dettagli

TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI

TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI L art. 7, comma 4, del D. Lgs n. 286/05 prescrive che, qualora il contratto di trasporto non sia stipulato in

Dettagli

- TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N.

- TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N. - TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N. 286 di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con l entrata in vigore del Decreto Legislativo

Dettagli

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI CIRCOLARE INFORMATIVA Alla Clientela Collaboratori Soggetti interessati Autotrasporto - Liberalizzazione tariffaria Decreto Legislativo 21.11.2005, n. 286, su G.U. n. 6 del 9.1.2006. Sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Francesca Belinghieri 13 maggio 2013 Andamento e modalità del trasporto delle merci in Italia,

Dettagli

STUDIO VENOS SNC PORDENONE LISTA DI CONTROLLO DEI VEICOLI SU STRADA

STUDIO VENOS SNC PORDENONE LISTA DI CONTROLLO DEI VEICOLI SU STRADA LISTA DI CONTROLLO DEI VEICOLI SU STRADA Allegato I al DD 22.2.2006 AUTOTRASPORTO NAZIONALE Contrassegno assicurativo Certificato assicurativo Contratto di noleggio [3] Regolarità agganciamento [4] Cronotachigrafo

Dettagli

PERIODI DI GUIDA E DI RIPOSO DEI CONDUCENTI

PERIODI DI GUIDA E DI RIPOSO DEI CONDUCENTI PERIODI DI GUIDA E DI RIPOSO DEI CONDUCENTI Il Regolamento CE n. 561/2006 relativo ai periodi di guida e di riposo dei conducenti non si applica ai trasporti stradali effettuati a mezzo di: veicoli adibiti

Dettagli

Ministero del Trasporti, circolare 10 agosto 2007, n. prot. 77898/8.3

Ministero del Trasporti, circolare 10 agosto 2007, n. prot. 77898/8.3 Ministero del Trasporti, circolare 10 agosto 2007, n. prot. 77898/8.3 Oggetto: Obbligo del possesso e rilascio della carta di qualificazione del conducente. Con circolare prot. 29092/23.18.03 del 27 marzo

Dettagli

Incontro informativo. Le novità ADR 2011

Incontro informativo. Le novità ADR 2011 ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio, Ambiente, Energia Incontro informativo Le novità ADR 2011 Presentazione Francesca Belinghieri Federchimica Documentazione di viaggio Autotrasporto

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 12 Informativa OGGETTO: Circolazione stradale. C.d.S. - Leggi Complementari D.L.

Dettagli

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO *

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * Ai sensi dell art. 1803 del codice civile, approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262, «il comodato è il

Dettagli

PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario

PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario Il 1 luglio 1996 è entrata in vigore la Direttiva n. 91/439/CEE del 29 luglio 1991, recepita

Dettagli

* * * Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI

* * * Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO

Dettagli

Via Monzambano, 10 00185 ROMA

Via Monzambano, 10 00185 ROMA Prot. n. 3756 All'ANAS SpA Via Monzambano, 10 00185 ROMA All'AISCAT SpA Via Donizetti, 10 00198 ROMA Alle Amministrazioni Regionali e Province Autonome LORO SEDI Alle Amministrazioni Provinciali LORO SEDI

Dettagli

SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO

SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO Che cos'è. Si tratta di un documento che permette di risalire in modo certo ai diversi soggetti della filiera del trasporto, cui sono imputabili le responsabilità

Dettagli

Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato

Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato I ) Accesso alla professione con applicazione delle disposizioni del DL 5/2012, convertito dalla Legge 35/2012

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA CONCERNENTE LA PATENTE DI GUIDA EUROPEA MODALITA' OPERATIVE

LA NUOVA DISCIPLINA CONCERNENTE LA PATENTE DI GUIDA EUROPEA MODALITA' OPERATIVE LA NUOVA DISCIPLINA CONCERNENTE LA PATENTE DI GUIDA EUROPEA MODALITA' OPERATIVE di Diego Porta 04/02/2013 Modifiche al D.Lgs. 18/04/2011, n. 59 (Attuazione delle direttive 2006/126/CE e 2009/113/CE concernenti

Dettagli

Autotrasporto SCHEDA PERIODI DI GUIDA E DI RIPOSO DEI CONDUCENTI

Autotrasporto SCHEDA PERIODI DI GUIDA E DI RIPOSO DEI CONDUCENTI Autotrasporto SCHEDA PERIODI DI GUIDA E DI RIPOSO DEI CONDUCENTI A cura di Franco Medri* Il regolamento CE n. 561 del 15 marzo 2006 (modifica i regolamenti del Consiglio CEE n. 3821/85 e CE n. 2135/98

Dettagli

Revisione delle macchine agricole e delle macchine operatrici, ora è operativa Di Girolamo Simonato

Revisione delle macchine agricole e delle macchine operatrici, ora è operativa Di Girolamo Simonato Revisione delle macchine agricole e delle macchine operatrici, ora è operativa Di Girolamo Simonato Con il d.lgs. 285/92 (Nuovo Codice della Strada) all art. 111 era stata disciplinata la revisione della

Dettagli

L AGGANCIAMENTO MISTO NEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI SU STRADA

L AGGANCIAMENTO MISTO NEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI SU STRADA L AGGANCIAMENTO MISTO NEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI SU STRADA di Maurizio PIRAINO * Quando si effettua un trasporto internazionale di merci su strada per conto di terzi in ambito comunitario, nel

Dettagli

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 OGGETTO: Modifiche al Codice della Strada. Legge 17 agosto 2005, n. 168, di conversione con modificazioni del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115 recante

Dettagli

Come è cambiata la norma

Come è cambiata la norma Come è cambiata la norma Articolo 116 Patente, certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e autoveicoli e certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. 1. Non si possono

Dettagli

CHIEDE. l'iscrizione all albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi di Verona.

CHIEDE. l'iscrizione all albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi di Verona. Timbro dello studio di consulenza automobilistica o dell associazione di categoria Marca da bollo 16,00 Marca da bollo 16,00 Alla Provincia di Verona Settore trasporti traffico mobilità Unità operativa

Dettagli

dei cittadini di un paese terzo dipendenti di un impresa stabilità in uno Stato membro o impiegati presso la stessa.

dei cittadini di un paese terzo dipendenti di un impresa stabilità in uno Stato membro o impiegati presso la stessa. LA CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE Campi di applicazione, esenzioni, obblighi, corsi di formazione, decorrenze e tutto quello che c è da sapere sulla CQC *Di Franco Medri Con la pubblicazione della

Dettagli

Art. 116. Patente, certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e autoveicoli e certificato di idoneità alla guida di ciclomotori 1. Non si possono guidare autoveicoli e motoveicoli

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Premessa. Contenuto della scheda di trasporto

SCHEDA DI TRASPORTO. Premessa. Contenuto della scheda di trasporto SCHEDA DI TRASPORTO Premessa Dal 19/07/2009 è entrato in vigore il D.M. 30/06/2009, pubblicato sulla G.U. n 153 del 04/07/2009, che ha istituito l obbligo della Scheda di trasporto. Sono obbligati alla

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 26 27.01.2015 1 Le novità in tema di autotrasporto Le novità introdotte dallo Sblocca Italia e della Legge di Stabilità 2015 Categoria: Autotrasportatori

Dettagli

2. Vincoli alla compensazione dei crediti IVA e altre novità in materia di IVA

2. Vincoli alla compensazione dei crediti IVA e altre novità in materia di IVA Lissone, 21 luglio 2009 Circolare n 14 / 09 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: LE NOVITA DELLA MANOVRA D ESTATE : La detassazione Tremonti/ter Le restrizioni in materia di crediti e compensazioni IVA

Dettagli

L AUTOTRASPORTO DI MERCI IN ITALIA DA PARTE DI IMPRESE STABILITE ALL ESTERO Il trasporto di merci su strada per conto terzi su territorio italiano

L AUTOTRASPORTO DI MERCI IN ITALIA DA PARTE DI IMPRESE STABILITE ALL ESTERO Il trasporto di merci su strada per conto terzi su territorio italiano L AUTOTRASPORTO DI MERCI IN ITALIA DA PARTE DI IMPRESE STABILITE ALL ESTERO Il trasporto di merci su strada per conto terzi su territorio italiano può essere effettuato anche da imprese di autotrasporti

Dettagli

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE Circolare 21 del 3 novembre 2014 Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza... 2 3 Ambito soggettivo... 3 3.1 Soggetti legittimati

Dettagli

1. LE NOVITÀ SALIENTI DELLA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO TERZI

1. LE NOVITÀ SALIENTI DELLA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO TERZI TRASPORTO MERCI Roma, 14 luglio 2006 Circ. del Ministero dell'interno N. 300/A/1/52609/108/13/7 Il Decreto Legislativo 21.11.05, n. 286, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9.1.06 n. 6, dando attuazione

Dettagli

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

LOCAZIONE SENZA CONDUCENTE DI AUTOCARRI LEGGERI - CHIARIMENTI - di Maurizio PIRAINO *

LOCAZIONE SENZA CONDUCENTE DI AUTOCARRI LEGGERI - CHIARIMENTI - di Maurizio PIRAINO * LOCAZIONE SENZA CONDUCENTE DI AUTOCARRI LEGGERI - CHIARIMENTI - di Maurizio PIRAINO * La questione che si pone è se sia applicabile a carattere residuale la violazione dell art. 82/8 e 10 comma del Nuovo

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO AI CRITERI PER L APPLICAZIONE DELE SANZIONI DISCIPLINARI ALLE IMPRESE DI AUTOTRASPORTO (ART. 21 LEGGE 298/74)

REGOLAMENTO RELATIVO AI CRITERI PER L APPLICAZIONE DELE SANZIONI DISCIPLINARI ALLE IMPRESE DI AUTOTRASPORTO (ART. 21 LEGGE 298/74) Servizio Protezione Civile, Trasporti e Mobilità REGOLAMENTO RELATIVO AI CRITERI PER L APPLICAZIONE DELE SANZIONI DISCIPLINARI ALLE IMPRESE DI AUTOTRASPORTO (ART. 21 LEGGE 298/74) Con il decreto legislativo

Dettagli

CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE (CQC) D.lgs. 286/2005 in recepimento della Direttiva Comunitaria 2003/59/CE

CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE (CQC) D.lgs. 286/2005 in recepimento della Direttiva Comunitaria 2003/59/CE POLIZIA LOCALE MILANO SERVIZIO RADIOMOBIE Commissario Agg. Massimo Cuzzoni FOXPOL LOMBARDIA Associazione di Polizia Locale CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE (CQC) D.lgs. 286/2005 in recepimento della

Dettagli

Disciplina dell orario di lavoro e dei tempi di guida nell autotrasporto

Disciplina dell orario di lavoro e dei tempi di guida nell autotrasporto Disciplina dell orario di lavoro e dei tempi di guida nell autotrasporto CRONOLOGIA DELLE NORME EUROPEE Regolamento n. 543/69/CE (G.U.C.E. n. L 77 del 29 marzo 1969); Accordo Europeo 1 luglio 1970 (AETR);

Dettagli

APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA

APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA NORMATIVA E SANZIONI MAGGIO 2013 A cura dell Ufficio Relazioni Industriali Faccioli Chiara - Padovani Carlo 6 SOMMARIO 1. Ambito di applicazione 2. Il tempo di guida 3.

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Roma, 25 novembre 2011 DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Roma, 25 novembre 2011 DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Roma, 25 novembre 2011 DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO STRADALE E PER

Dettagli

RIMINI 4 e 5 Giugno 2008 AUTOTRASPORTO DI MERCI

RIMINI 4 e 5 Giugno 2008 AUTOTRASPORTO DI MERCI RIMINI 4 e 5 Giugno 2008 AUTOTRASPORTO DI MERCI Una pesante realtà spesso trascurata Consistenza al 2007 autotrasporto merci Parco veicolare 4.179.659 (pari a 4.500 Km di strada) Imprese 111.445 In Italia

Dettagli

2. Interventi in materia di abusivismo nel settore dell'autotrasporto di merci commesso da veicoli stranieri.

2. Interventi in materia di abusivismo nel settore dell'autotrasporto di merci commesso da veicoli stranieri. Ministero dell'interno e Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Circolare n. 300/A/10/108/13/1 e Prot. n. 74491 del 15 settembre 2010) Legge 29 luglio 2010, n.120, recante "Disposizioni in materia

Dettagli

TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO

TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO L art. 174 del CDS disciplina, come ben sappiamo, la durata della guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o cose. Tale articolo, completamente rinnovato dalla

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Settembre 2009

SCHEDA DI TRASPORTO. Settembre 2009 Settembre 2009 SCHEDA DI TRASPORTO Supplemento a Polimerica Reg Tribunale MI 710 del 11/10/2004 Direttore responsabile: Michele Latorre Editore: Cronoart Srl - Milano Tutti i diritti riservati www.trasportoeuropa.it

Dettagli

Istruzioni fornite al vettore dai soggetti facenti parte della filiera

Istruzioni fornite al vettore dai soggetti facenti parte della filiera FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Provinciale 27100 PAVIA Viale Montegrappa 15 Tel (0382) 433111 Fax (0382) 578504 E Mail : m.carvani@cnapavia.it OGGETTO: Scheda di Trasporto DM 30.06.2009

Dettagli

Sarà nostra cura tenervi tempestivamente aggiornati non appena la Decisione sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea.

Sarà nostra cura tenervi tempestivamente aggiornati non appena la Decisione sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea. INDIRIZZI INTERPRETATIVI IN MATERIA DI AUTOTRASPORTO: CIRCOLARI MINISTERO DELL INTERNO E MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE Il Ministero dell Interno congiuntamente al Ministero delle Infrastrutture e dei

Dettagli

GRUPPO B2015 1. L Albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi è A) l elenco dei veicoli adibiti al trasporto di cose per conto di terzi B) l Albo dove vengono iscritti coloro che hanno superato

Dettagli

PROVINCIA DI RIMINI Disciplina dei servizi automobilistici commerciali di trasporto pubblico di persone di competenza provinciale

PROVINCIA DI RIMINI Disciplina dei servizi automobilistici commerciali di trasporto pubblico di persone di competenza provinciale PROVINCIA DI RIMINI Disciplina dei servizi automobilistici commerciali di trasporto pubblico di persone di competenza provinciale approvato con delibera di Consiglio provinciale n.15 del 23.3.2010 Art.1

Dettagli

PRONTUARIO PER MINI CORSO

PRONTUARIO PER MINI CORSO PRONTUARIO PER MINI CORSO TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO CON ALLEGATA RELATIVA TABELLA SIA PER TEMPI CHE PER INFRAZIONI Art. 174 del Codice della Strada modificato dalla Legge 120 del 29/07/2010 in vigore

Dettagli

Patente AM CIGC patentino

Patente AM CIGC patentino Patente AM CIGC patentino MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione generale per la motorizzazione Divisione

Dettagli

06 Ottobre 2007 Isp. Sup. Franco Medri. Graphics by M.G.

06 Ottobre 2007 Isp. Sup. Franco Medri. Graphics by M.G. 06 Ottobre 2007 Isp. Sup. Franco Medri Il regolamento CE n.561/2006 del 15 marzo 2006 modifica i regolamenti del Consiglio CEE n.3821/85 e CE n.2135/98 e abroga il regolamento CEE n.3820/85 del Consiglio

Dettagli

BANDO D ESAMI I N F O R M A

BANDO D ESAMI I N F O R M A BANDO D ESAMI per il conseguimento dell idoneità professionale di autotrasportatore di merci per conto terzi e viaggiatori- ANNO 2016- Il Dirigente del Servizio: TRASPORTI della Provincia di Ascoli Piceno,

Dettagli

D.Lgvo 4.8.2008, n.144 su G.U. n.218 del 17.9.2008.

D.Lgvo 4.8.2008, n.144 su G.U. n.218 del 17.9.2008. ORARIO DI LAVORO DELLE PERSONE CHE EFFETTUANO OPERAZIONI MOBILI DI AUTOTRASPORTO PERIODI DI GUIDA E DI RIPOSO DEI CONDUCENTI ATTUAZIONE DIRETTIVA 2002/15/CE ATTESTAZIONE DI ATTIVITA PER LE ASSENZE DEGLI

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO SERVIZIO NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO SERVIZIO NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Art.1 Il presente regolamento disciplina le funzioni amministrative relative agli autoservizi pubblici non di linea, ed in particolare il servizio di

Dettagli

QUESITI TRASPORTO MERCI

QUESITI TRASPORTO MERCI 1 L ART. 15 DELLA LEGGE 298/74 DISCIPLINA IN MATERIA DI FUSIONI E TRASFORMAZIONI DI IMPRESE. QUALE CASO NON E PREVISTO? 1 - TRASFORMAZIONE DI IMPRESE INDIVIDUALI IN SOCIETA DI CAPITALI. 2 - CONFERIMENTO

Dettagli

TRASPORTO MERCI CONTO TERZI LE PRESCRIZIONI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO

TRASPORTO MERCI CONTO TERZI LE PRESCRIZIONI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO TRASPORTO MERCI CONTO TERZI LE PRESCRIZIONI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO Uno speciale di 12 pagine per i soci ASAPS di Franco MEDRI * e Maurizio PIRAINO ** 1 a circolare interministeriale prot. n. 300/A/8980/09/108/44

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO**

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con il Decreto Ministeriale 15 febbraio 2001, n. 28T, il Ministero dei Trasporti ha recepito la Direttiva

Dettagli

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

Prot. n. 5681 R.U. Roma, 16 marzo 2015

Prot. n. 5681 R.U. Roma, 16 marzo 2015 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione generale per il trasporto stradale e per l'intermodalità Divisione

Dettagli

Corpo di Polizia Locale di Viterbo Di MAZZI Giorgio

Corpo di Polizia Locale di Viterbo Di MAZZI Giorgio 1 Corpo di Polizia Locale di Viterbo Di MAZZI Giorgio Studio sul Trasporto Merci Il trasporto merci su strada è una materia molto complessa, che fa riferimento alla Legge numero 298 del 06.06.1974 ancora

Dettagli

Roma, 16 maggio 2012. prot. n. 13546. Ai Dirigenti Generali Territoriali LORO SEDI. Agli UMC LORO SEDI

Roma, 16 maggio 2012. prot. n. 13546. Ai Dirigenti Generali Territoriali LORO SEDI. Agli UMC LORO SEDI Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione Generale per la Motorizzazione Divisione 5 Via G. Caraci, 36 00157

Dettagli

GRUPPO B2013 L Albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi è

GRUPPO B2013 L Albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi è GRUPPO B2013 1. L Albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi è A) l elenco dei veicoli adibiti al trasporto di cose per conto di terzi B) l Albo dove vengono iscritti coloro che hanno superato

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti

PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti COMMISSIONE PROVINCIALE D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L ATTIVITÀ DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO

Dettagli

0.741.619.665. Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Federazione Russa relativo ai trasporti internazionali su strada

0.741.619.665. Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Federazione Russa relativo ai trasporti internazionali su strada Traduzione 1 0.741.619.665 Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Federazione Russa relativo ai trasporti internazionali su strada Concluso il 20 ottobre 2014 Entrato in vigore mediante

Dettagli

IL CONOTACHIGRAFO DIGITALE REGOLAMENTO CEE 561/2006

IL CONOTACHIGRAFO DIGITALE REGOLAMENTO CEE 561/2006 2009 Segreteria Regione Lombardia IL CONOTACHIGRAFO DIGITALE REGOLAMENTO CEE 561/2006 CARTA TACHIGRAFICA; CAMPO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 561/06; DEFINIZIONI; TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO; CRONOTACHIGRAFO

Dettagli

Iscrizione all Albo Nazionale degli Autotrasportatori di cose per conto di terzi

Iscrizione all Albo Nazionale degli Autotrasportatori di cose per conto di terzi RICHIESTA Mod. 01 Iscrizione all Albo Nazionale degli Autotrasportatori di cose per conto di terzi Marca da bollo di 14,62 Provincia di Monza e della Brianza Settore Infrastrutture, Interventi Strategici,

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 23 dicembre 2010, n. 245 (G.U. n. 15 del 20.1.2011)

DECRETO LEGISLATIVO 23 dicembre 2010, n. 245 (G.U. n. 15 del 20.1.2011) DECRETO LEGISLATIVO 23 dicembre 2010, n. 245 (G.U. n. 15 del 20.1.2011) Attuazione delle direttive 2009/4/CE e 2009/5/CE, che modificano la direttiva 2006/22/CE, sulle norme minime per l applicazione dei

Dettagli

Le nuove sanzioni per la durata della guida e dei riposi degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o cose (aggiornate biennio 2013 2014)

Le nuove sanzioni per la durata della guida e dei riposi degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o cose (aggiornate biennio 2013 2014) Le nuove sanzioni per la durata della guida e dei riposi degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o cose (aggiornate biennio 2013 2014) Tabelle di sintesi con i calcoli delle percentuali e delle

Dettagli

Autotrasportatori: per la scheda di trasporto giungono alcune semplificazioni

Autotrasportatori: per la scheda di trasporto giungono alcune semplificazioni Dicembre 2009 Autotrasportatori: per la scheda di trasporto giungono alcune semplificazioni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla di alcune precisazioni giunte dal Ministero dei Trasporti

Dettagli

Regolamento per il servizio di noleggio da rimessa con conducente di autobus per il trasporto di viaggiatori su strada 1

Regolamento per il servizio di noleggio da rimessa con conducente di autobus per il trasporto di viaggiatori su strada 1 Regolamento per il servizio di noleggio da rimessa con conducente di autobus per il trasporto di viaggiatori su strada 1 1 Approvato con D.C.C. n 49 del 30/12/1999 esecutiva il 23/03/2000 art. 1 Disciplina

Dettagli

TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO E DICHIARAZIONE DELLE COSE TRASPORTATE

TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO E DICHIARAZIONE DELLE COSE TRASPORTATE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/06/2008. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli

ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli nei centri abitati al fine della prevenzione degli inquinamenti

Dettagli

DIRETTIVA 2006/94/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 12 dicembre 2006

DIRETTIVA 2006/94/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 12 dicembre 2006 27.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 374/5 DIRETTIVA 2006/94/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 dicembre 2006 relativa all'emanazione di talune norme comuni in materia di

Dettagli

FAC SIMILE DELLA RICHIESTA DI NULLA OSTA DA PARTE DI AUTOSCUOLE O CENTRI DI ISTRUZIONE AUTOMOBILISTICA

FAC SIMILE DELLA RICHIESTA DI NULLA OSTA DA PARTE DI AUTOSCUOLE O CENTRI DI ISTRUZIONE AUTOMOBILISTICA All. 1 FAC SIMILE DELLA RICHIESTA DI NULLA OSTA DA PARTE DI AUTOSCUOLE O CENTRI DI ISTRUZIONE AUTOMOBILISTICA Marca da bollo Al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE

Dettagli

Sanzioni per violazioni del Codice della Strada Art. 174

Sanzioni per violazioni del Codice della Strada Art. 174 Sanzioni per violazioni del Codice della Strada Art. 174 ART. 174 COMMA 4 Conducente che supera la durata dei periodi di guida prescritti dal Regolamento CE 561/2006 per eccedenze fino al 10% 9 ore (540

Dettagli

L attività lavorativa degli autotrasportatori

L attività lavorativa degli autotrasportatori L attività lavorativa degli autotrasportatori a cura di Franco Medri cronotachigrafo tempi e di riposo PERIODO DI GUIDA GIORNALIERO Si definisce con il termine : «Il complessivo di guida tra il termine

Dettagli

Roma, 10 agosto 2007

Roma, 10 agosto 2007 DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI 8807 Direzione Generale per la Motorizzazione Via G. Caraci, 36-00157 ROMA Prot. 77898/8.3, 10 agosto 2007 Direttori dei SIIT - Trasporti Loro sedi Uffici Motorizzazione

Dettagli

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale Domanda per il rilascio di licenza per l'autotrasporto di cose in conto proprio Alla PROVINCIA DI TRIESTE AREA AMBIENTE E MOBILITÀ U.O. Trasporti e Motorizzazione Via Giuseppe Mazzini, 14 34121 Trieste

Dettagli

Pensando di fare cosa gradita, riportiamo di seguito le disposizioni contenute nel decreto.

Pensando di fare cosa gradita, riportiamo di seguito le disposizioni contenute nel decreto. AUTOTRASPORTO Suggerimento n. 278/62 del 30 maggio 2013 RC/AZA CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE (CQC): NUOVO DECRETO È stato pubblicato il decreto 17 aprile 2013 che ridefinisce la disciplina sulla

Dettagli

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati.

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. I TRASPORTI INTERNAZIONALI Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. Per effettuare trasporti internazionali di merci su strada

Dettagli