VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA GIUNTA DELL ASLI SCUOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA GIUNTA DELL ASLI SCUOLA"

Transcript

1 VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA GIUNTA DELL ASLI SCUOLA Il 23 marzo 2015 alle ore 11.15, su convocazione del coordinatore Paolo D Achille, si riunisce telematicamente, a norma di Regolamento, la Giunta dell ASLI Scuola. Oltre al Coordinatore, che presiede la riunione, sono presenti, nelle loro postazioni informatiche, tutti gli altri componenti della Giunta: Rita Librandi (Presidente dell ASLI), Marco Biffi (Tesoriere dell ASLI), Sergio Lubello (Consigliere dell ASLI), Gabriella Alfieri, Michele Colombo, Nicola De Blasi, Mari D Agostino, Massimo Bellina (Segretario dell ASLI Scuola), che redige il verbale. L odg è il seguente: 1. Comunicazioni 2. Situazione degli iscritti e delle quote 3. Convegno-Seminario di Roma 4. Altre iniziative del Scadenza delle cariche e prospettive di sviluppo 6. Varie ed eventuali. 1. Il Coordinatore dà il benvenuto al tesoriere Marco Biffi e al consigliere Sergio Lubello, che partecipano per la prima volta a una riunione della Giunta. Passa poi alle comunicazioni. Per quanto riguarda la procedura per la qualificazione dell ASLI presso il Ministero, all inizio di gennaio il Ministero ha chiesto ulteriori dati sulle iniziative dell ASLI Scuola per il 2015, dati che sono stati tempestivamente forniti alla Presidente, che li ha rielaborati e trasmessi al Ministero. Il Coordinatore chiede alla Presidente se ha nuove informazioni sullo stato di avanzamento della pratica. Rita Librandi informa di aver telefonato al Ministero il martedì precedente (17 marzo 2015), ma la signora Panattoni ha controllato tutte le domande fin qui esaminate e ha detto che la commissione non è ancora arrivata a quella dell ASLI. La commissione a quanto pare non si riunisce a cadenze regolari e il lavoro va a rilento. Cercherà di telefonare ancora nei prossimi giorni e ovviamente appena avrà notizie informerà la Giunta e i soci. La seconda comunicazione riguarda le Olimpiadi dell Italiano. Mentre negli anni passati vari membri della Giunta dell ASLI Scuola avevano collaborato per conto dell ASLI col Ministero, insieme all Accademia della Crusca, nella elaborazione e nella revisione delle prove, quest anno non c è stato un diretto coinvolgimento della Giunta. A quanto gli risulta, invece, gli organizzatori hanno preso direttamente contatti con singoli colleghi soci ASLI e aderenti all ASLI Scuola. Naturalmente, l associazione di riferimento per il ministero è l ASLI e pertanto chiede alla Presidente, se lo ritiene opportuno, di intervenire al riguardo. Rita Librandi esprime le sue perplessità sul modo in cui quest anno sono state gestite le Olimpiadi e, in particolare, la preparazione delle prove. I due soci contattati le hanno riferito di aver supervisionato solo alcuni esercizi e di non aver mai avuto piena certezza che le osservazioni fatte fossero state accolte. Le prove per la finale di Firenze, tra l altro, pur essendo le più importanti, non sono state supervisionate da nessuno. Tutto è stato gestito da Ugo Cardinale con l aiuto di Marina Beltramo e Maria Teresa Nesci, anche se grazie alle poche e non sistematiche consulenze chieste ufficialmente si dice che l ASLI è stata coinvolta. Naturalmente il Ministero è libero di decidere le procedure che ritiene più opportune, ma preoccupa il fatto che nel Regolamento compaia, tra le altre, la responsabilità scientifica dell ASLI. Poiché anche la Crusca condivide le stesse perplessità e preoccupazioni, si è deciso per il prossimo anno di parlare direttamente con la dott. Palumbo; per quest anno, tuttavia, non c è più molto da fare né si ritiene opportuno creare fratture in corso d opera. La terza comunicazione è relativa al TFA. Le continue alternanze tra ritardi e improvvise accelerazioni ministeriali, con episodi come il discusso coinvolgimento delle università telematiche, hanno impedito la diffusione, tra i soci ASLI, di un protocollo comune tra le varie sedi universitarie circa la presenza, nelle diverse classi di concorso per l insegnamento delle materie letterarie, di un certo numero di ore di lezione frontale e di laboratorio riservate alla didattica dell italiano o ad altre

2 discipline del settore di riferimento. Il Coordinatore ritiene opportuno che, prima dell estate, un membro della Giunta si incarichi di raccogliere come aveva fatto Ilaria Bonomi due anni fa, al termine del primo anno del TFA (poi sospeso per far posto ai PAS) presso i soci ASLI a cui i vari Atenei hanno affidato i corsi informazioni sul TFA dell anno in corso, in modo da poter presentare alle successive assemblee ASLI e ASLI Scuola una relazione contenente il quadro della situazione. Rileva comunque con molta preoccupazione come il problema del reclutamento di docenti di Lettere con specifiche competenze nella linguistica italiana e nella didattica dell italiano si riproponga ogni anno in forme diverse, senza che si pervenga a un percorso chiaro e definito, all interno del quale l ASLI (e l ASLI Scuola) possa elaborare una linea strategica precisa. Alfieri concorda pienamente sull opportunità di individuare criteri uniformi nel programmare e strutturare gli insegnamenti e laboratori di Didattica della lingua italiana nelle varie sedi in cui si attiva il TFA. Sarebbe opportuno coordinare più intensamente i docenti, i titolari dei laboratori e i tutor coordinatori dei tirocini. Lubello concorda con Alfieri a proposito dell opportunità di individuare criteri uniformi nel programmare gli insegnamenti e i laboratori. A suo parere l ottimo lavoro di raccolta dati fatto da Ilaria Bonomi alla fine del primo ciclo del TFA doveva servire non solo a osservare ciò che era stato fatto, ma soprattutto a suggerire aggiustamenti, proposte più incisive e strutturali, a indicare linee programmatiche nazionali che colmassero le lacune e le forti disparità (e necessarie improvvisazioni) che avevano caratterizzato il primo ciclo. Il secondo ciclo di TFA è invece partito, dopo un anno di sospensione per far posto ai PAS) tra incertezze e strettoie ministeriali, ancora una volta senza linee guida nazionali chiare; sede per sede si è fatto ciò che si è potuto, spesso, almeno nei nostri settori, bene, ma molto è ancora improvvisato, non strutturato, sbilanciato, non pensato veramente in funzione di un serio e rigoroso percorso di formazione degli insegnanti. Forse bisognerebbe capire quanto prima che cosa ha in mente la ministra per il prossimo anno e quindi decidere come intervenire I comitati locali dell ASLI-Scuola sarebbero decisivi anche nel monitorare che cosa si fa nei TFA, ma soprattutto nel creare dei laboratori permanenti di contatto e collaborazione scuola-università, in funzione di quel sacrosanto aggiornamento degli insegnanti, sempre proclamato e auspicato, ma di fatto affidato unicamente alla buona volontà di iniziative di singoli, delle associazioni e di alcuni atenei. In merito all organizzazione dei TFA, De Blasi osserva che forse sarebbe opportuno dirigere ai Direttori dei Dipartimenti corrispondenti alle ex Facoltà di Lettere un breve documento che illustri gli auspici dell ASLI e dell ASLI-Scuola sulla formazione dei futuri docenti, in particolare in rapporto alla didattica della lingua italiana. Non è del tutto da escludere infatti che nelle diverse sedi possa capitare che l organizzazione dei TFA e dei PAS, anche per i tempi esecutivi strettissimi, sfugga a un effettiva riflessione collegiale su prospettive, obiettivi e metodi dei percorsi di formazione dei docenti. Librandi comunica di aver fatto una riunione con un gruppo ristretto di presidenti dell area 10 e 11 interessati alla formazione degli insegnanti e di aver preso parte qualche giorno dopo a un assemblea di tutte le associazioni di area 10 al CUN, dove si è discusso anche su questo punto. È in preparazione un documento che presto sarà inviato a tutti i soci. La situazione non è per nulla chiara ma è molto preoccupante. Come si sa, i cicli del TFA così come si sono svolti ora dovrebbero essere conclusi: erano infatti previsti dalla norma transitoria che chiudeva il Regolamento per la formazione degli insegnanti (DM 249/10) e che fissava solo due edizioni di TFA straordinari. A questo punto dovrebbe essere pienamente applicato il Regolamento, ma come già la Buona Scuola lasciava trapelare, il disegno di legge ora in discussione intenderebbe modificarlo prima ancora della sua attuazione, eliminando il sesto anno di TFA e inglobandolo nella laurea magistrale per l insegnamento (laurea abilitante). Capiamo bene le conseguenze che ciò comporterebbe, anche se purtroppo sembra che su questo punto della riduzione del percorso da 6 a 5 anni totali sarà difficile trattare. Altre voci dicono però che il Ministero non riuscirà in breve tempo a modificare la legge e a rivedere le classi di concorso, per cui a questo punto si risolverebbe istituendo ancora uno o due cicli di TFA. Il documento in preparazione chiede ovviamente che le associazioni che rappresentano

3 le discipline possano partecipare al tavolo delle trattative. Prima di programmare linee uniformi è comunque bene attendere e capire quale sarà il percorso per l abilitazione. Il Coordinatore, sulla base degli interventi e soprattutto della situazione presentata dalla Presidente, ritiene che sia opportuno posticipare a dopo l estate la raccolta dei dati sui TFA in corso. Infine, a proposito della Buona Scuola, ricorda che (come del resto è già stato annunciato a tutti i soci) ha provveduto per tempo a inserire nel sito ministeriale a nome dell ASLI Scuola un testo di sintesi delle osservazioni presentate da vari soci all assemblea del settembre Anche la Presidente ha fatto altrettanto a nome dell ASLI. 2. Nel corso dell Assemblea ASLI Scuola del settembre 2014, dell assemblea ASLI del novembre 2014 e del Convegno-Seminario ASLI Scuola del febbraio 2015 molti soci hanno rinnovato l iscrizione versando direttamente le quote ai tesorieri Cella (2014) e Biffi (2015). Si è registrato anche un certo numero di nuovi iscritti. Dal 2013 a oggi, i soci dell ASLI Scuola (tra soci dell ASLI, strutturati e non strutturati, e docenti di italiano nelle scuole primarie e secondarie) sono circa 200, con una notevole crescita soprattutto dei docenti delle scuole, il che, secondo il Coordinatore, è senz altro un buon risultato. Un numero non trascurabile di soci, però, soprattutto tra coloro che non erano presenti agli incontri prima citati, non risulta ancora in regola col versamento della quota Mentre per il 2015 c è ancora modo di raccogliere brevi manu le quote nel corso delle assemblee annuali (nonché, eventualmente, del seminario triregionale), il Coordinatore si chiede se non sia il caso che il Segretario invii una lettera circolare ai soci ritardatari, fornendo loro nuovamente le istruzioni su come versare la quota, o se non sia più opportuno che i soci ritardatari vengano contattati (singolarmente o a gruppi) dal membro della Giunta che li conosce personalmente; altrimenti, si può anche soprassedere fino alla prossima assemblea. Prima di aprire la discussione su questo punto, il Coordinatore cede la parola al Segretario e al Tesoriere perché facciano con più precisione il quadro della situazione. Il segretario Bellina e il tesoriere Biffi, ciascuno per la parte di competenza, descrivono la situazione degli iscritti e dei paganti. Nel database risultano 204 iscritti. Tuttavia, 6 insegnanti, che hanno presentato domanda nel 2013 (Discoli Maria Grazia, Ferraro Anna Maria, Labalestra Rosanna, Pani Francesca, Parisi Armida, Piacentini Ilde), non hanno poi mai versato alcuna quota: si propone pertanto di eliminarli definitivamente dalla lista. Gli iscritti risulterebbero quindi 197. Anche questo numero risulta tuttavia virtuale, se si guarda ai versamenti effettivi. Nel 2013 risultano incassate 120 quote; nel 2014 risultano incassate 137 quote, di cui 66 di nuovi iscritti e 72 di soci già iscritti Ma, se da una parte si rileva la notevole crescita degli iscritti, dall altra parte si constata che 55 soci iscritti nel 2013 non hanno poi pagato (o non hanno avuto l occasione di pagare) il 2014 (per l esattezza: 16 universitari, 35 insegnanti, 4 non strutturati). Si pone quindi la necessità urgente di sollecitare il pagamento della quota 2014, invitando magari contestualmente a versare anche l anno Nel 2015 risultano incassate al 22 marzo 43 quote (più 2 già anticipate nell anno precedente), con 11 nuove iscrizioni. Il Segretario propone di utilizzare tutte le occasioni di incontri e seminari per favorire il versamento delle quote e chiede alla Giunta di elaborare un insieme di indicazioni su cosa significa e cosa comporta, in pratica, essere soci, anche in termini di vantaggi e opportunità. Questa domanda infatti gli viene spesso rivolta da colleghi che vengano a conoscenza dell ASLI Scuola, nelle occasioni di incontro (seminari, convegni) ovvero sul luogo di lavoro: cosa offre l ASLI Scuola ai propri associati?. Resta chiaro che iscriversi significa anzitutto prestare la propria adesione e il proprio sostegno al programma e alle iniziative avviate dall associazione, ma è necessario forse chiarire aspetti più concreti; ad esempio: i soci possono partecipare alle riunioni locali di studio e di preparazione ad eventi, incontri allargati, seminari, ecc., stabilendo personalmente relazioni fra il mondo della scuola e l Università; possono proporre occasioni di formazione, e candidarsi direttamente come relatori nei vari seminari e convegni; i soci saranno iscritti alla mailing-list e riceveranno notizie su ogni attività formativa e scientifica che abbia attinenza con la materia e il

4 programma; possono usufruire dei vari documenti (anche ricerche, e-book, ecc.) elaborati direttamente dall associazione o messi comunque a disposizione (creare sul sito un area riservata ai soci?). Sarà inoltre opportuno precisare il carattere non lucrativo delle cariche e delle attività dell ASLI Scuola, che non comportano retribuzioni che gravino sul bilancio dell associazione. Tutte queste precisazioni potrebbero trovare posto anche sulla pagina Iscrizioni del sito web. Alfieri approva senz altro le proposte e caldeggia l ipotesi che al seminario triregionale si possano reclutare nuovi iscritti e raccoglierne direttamente le quote di iscrizione. A tal proposito chiede chiarimenti su come procedere nelle singole sedi: si possono raccogliere le quote in contanti e poi fare un bonifico alla segreteria ASLI? Librandi condivide la proposta di inviare una lettera di sollecitazione ai soci ritardatari. Colombo ritiene utile che la lettera circolare di sollecitazione sia affiancata da una sollecitazione ufficiosa effettuata da chi sia in rapporto personale con il socio ritardatario (la funzione potrebbe essere svolta sia da un membro della Giunta sia, se del caso, da altri soci). Il Coordinatore si impegna a preparare, insieme al Segretario, una lettera di sollecitazione ai soci ritardatari, contenente anche indicazioni sul significato dell iscrizione. Ritiene però opportuno farlo subito dopo lo svolgimento del seminario triregionale, nel corso del quale è possibile che alcuni soci regolarizzino la loro posizione anche relativamente al Circa le modalità di raccolta delle quote nel corso del seminario, lo scorso anno si è proceduto proprio come indica Alfieri: sono state raccolte in contanti; poi lui stesso ha provveduto a fare un bonifico all ASLI, mentre il Segretario ha inviato al Tesoriere l elenco dei soci che avevano rinnovato l iscrizione. Il tesoriere Biffi raccomanda di concordare le modalità di riscossione volta per volta, limitando le deleghe ai casi strettamente necessari di impossibilità alla partecipazione diretta. 3. Il bilancio sul Convegno-seminario di Roma, a parere del Coordinatore, è senz altro positivo, sia per la buona qualità complessiva dei contributi presentati, sia per la numerosa affluenza di docenti delle scuole secondarie, provenienti non solo dal Lazio, ma anche da varie altre regioni italiane (a memoria cita Toscana, Campania, Lombardia, Sicilia, Trentino-Alto Adige, Sardegna, Umbria), che hanno presenziato a tutte e tre le sezioni in cui l incontro si articolava. Dopo il Convegno molti relatori hanno inviato i pdf dei loro interventi e il Segretario li ha inseriti nel sito dell ASLI, dove sono consultabili a tutti. I fondi stanziati dal Dipartimento di Studi Umanistici sono stati sufficienti a coprire tutte le spese dell evento. Sarebbe ora opportuno approdare alla pubblicazione degli Atti; per questo il coordinatore ha già preso contatto con l editore Cesati (che pubblica anche gli Atti dell ASLI) ed è intenzionato a chiedere nuovamente un contributo per la stampa al suo dipartimento. Poiché però, molto probabilmente, non gli sarà possibile ottenere più di 1.000/1.500 euro, chiede se l ASLI è disponibile a coprire la quota rimanente delle spese per la pubblicazione. In caso positivo, riprenderà i contatti con l editore e poi con i relatori per arrivare alla stampa entro la fine dell anno. Librandi conferma che l ASLI sarà disponibile a contribuire alla pubblicazione degli Atti. Naturalmente raccomanda il contenimento della lunghezza dei contributi. È bene fare un calcolo preliminare per evitare di sforare con i costi, come del resto si è stati costretti a fare anche per il Convegno dell ASLI. Non ricorda la cifra spesa per gli Atti sul Vocabolario della Crusca, ma si potrebbe chiedere a Cesati in modo da riuscire a fare un calcolo più esatto sulle pagine e sulla cifra da programmare. Il Coordinatore si impegna a quantificare la richiesta, una volta acquisita l entità del contributo del suo Dipartimento e dopo aver definito con l editore la consistenza del volume e la spesa per la stampa. 4. Il Coordinatore comunica che il Seminario triregionale, la cui predisposizione è stata notevolmente complessa, si svolgerà a Firenze (Accademia della Crusca), Perugia (Università per Stranieri) e Catania (Università) nei giorni 21, 22 e 23 aprile 2015, secondo le linee programmatiche e con i relatori fissi nelle tre sedi conformi nella documentazione presentata al

5 Ministero all inizio di gennaio. Il Coordinatore ringrazia le colleghe della Giunta Gabriella Alfieri e Mari D Agostino e anche i soci Sandra Covino, Giuseppe Patota e Stefania Stefanelli per il contributo che hanno dato e che daranno alla realizzazione dell iniziativa. Alfieri conferma che il seminario triregionale procederà come previsto. Il Coordinatore ricorda che la terza iniziativa programmata per il 2015, la tavola rotonda Conoscenza dell italiano e apprendimento delle altre lingue, classiche e moderne, si terrà a Napoli il 25 settembre 2015 in occasione dell assemblea annuale, e ringrazia la Presidente Librandi e Nicola De Blasi, che si sono assunti l onere dell organizzazione. Ovviamente, il Coordinatore, il Segretario e gli altri membri della Giunta si impegnano a collaborare pienamente con gli organizzatori per la riuscita dell iniziativa. Librandi conferma la data del 25 settembre a Napoli. Prenderà presto accordi con De Blasi e con gli altri soci dell ASLI Scuola di Napoli per organizzare l incontro della mattina. 5. Il Coordinatore ricorda che il Regolamento dell ASLI Scuola prevede che il mandato del Presidente, del Segretario e dei membri eletti della Giunta duri tre anni e che il Presidente sia rieleggibile per un secondo mandato. Gli attuali membri sono stati eletti nell assemblea di Roma del 2013, la prima assemblea dell ASLI Scuola, ma tutti, tranne il Segretario, erano già stati eletti ad interim, a norma dello stesso Regolamento, dall assemblea dell ASLI di Padova del Secondo il Coordinatore, dunque, sarebbe corretto considerare il 2012 come anno iniziale del mandato del Presidente e dei membri eletti della Giunta attuale e quindi provvedere al rinnovo delle cariche nell assemblea del 2015; per evitare sfasamenti, il Segretario Bellina potrebbe dimettersi in quella occasione. L alternativa sarebbe quella di considerare come anno d inizio il 2013, rinviando il rinnovo delle cariche al A parere del Coordinatore, però, il prolungamento di un anno, anche se probabilmente legittimo dal punto di vista formale, pone una serie di problemi. Rispettando la scadenza biennale seguita dall ASLI, bisognerebbe infatti programmare un secondo Convegnoseminario nazionale nel 2017, troppo a ridosso dell insediamento della nuova Giunta (e va tenuto presente che alla fine del 2017 ci sarà anche il rinnovo del Consiglio direttivo dell ASLI e quindi cambieranno pure i membri di diritto della Giunta dell ASLI Scuola). Insomma, l esigenza del ricambio delle cariche (in nome della quale il Coordinatore si dichiara indisponibile a ricandidarsi per un secondo mandato) e quella della continuità dell attività dell ASLI Scuola vanno attentamente valutate e contemperate: si tratta di una questione importante, che la Giunta deve tempestivamente affrontare e risolvere. Alfieri condivide pienamente la descrizione e la proposta del Presidente e auspica un ricambio immediato dei componenti eletti della Giunta. Lubello esprime qualche perplessità sul ricambio immediato della Giunta, perché sarebbe utile che restasse ancora proprio in questa prima fase di costruzione dell ASLI-Scuola. Librandi si augura che sia il Coordinatore sia gli altri membri eletti della Giunta ripensino alla loro decisione. Se ne discuterà, tuttavia, prima dell estate. Il Coordinatore concorda con la Presidente sull opportunità di una pausa di riflessione. A suo parere, comunque, il ricambio del Coordinatore e dei membri eletti della Giunta a settembre non comporta rischi particolari perché molti sono i soci ASLI che già hanno preso parte attivamente alle attività dell ASLI-Scuola. Inoltre, l attuale Giunta (Segretario a parte) ha lavorato intensamente anche nel 2013 e quindi è legittimo che possa considerare prossimo alla conclusione il proprio mandato. Quanto alle prospettive di sviluppo dell ASLI Scuola, secondo il Coordinatore, una volta concluse le tappe obbligatorie per la qualificazione ministeriale, bisogna varare iniziative locali, che si svolgano un po in tutte le regioni: bisognerebbe dunque individuare per ogni regione due referenti, un docente universitario e un docente delle scuole secondarie (ma anche, eventualmente, primarie) iscritti all ASLI Scuola che si coordinino e organizzino incontri periodici con i docenti di italiano della loro regione. Questo potrebbe far crescere il numero degli iscritti, ma soprattutto produrre attività seminariali, da svolgere tanto nelle sedi universitarie quanto nelle scuole, che, grazie anche

6 alla qualificazione ministeriale ottenuta dall ASLI, darebbe modo all ASLI Scuola di operare più concretamente e capillarmente sull intero territorio nazionale. Alfieri si dichiara d accordo anche su questa ipotesi, che renderebbe gli interventi nelle singole aree più agili e funzionali alle relative situazioni, ma sottolinea la necessità di un coordinamento delle varie iniziative da parte della Giunta. Un costante contatto tra i referenti regionali e la Giunta eviterebbe eccessive frammentazioni tematiche e metodologiche degli interventi e favorirebbe l eventuale interazione tra aree impegnate in progetti formativi consimili o sovrapponibili. Colombo ritiene promettente l ipotesi di favorire iniziative locali e suggerisce che il compito della Giunta debba consistere per un verso nel favorire il contatto tra accademia e scuola all interno di una regione (o, mancando accademici interessati in loco, in regioni contermini), per un altro nel lanciare temi (come quello del curricolo verticale) che possano essere raccolti dai soci. 6. Tra le varie ed eventuali, il Coordinatore pone il problema dello spazio ridotto dei documenti dell ASLI Scuola all interno del sito dell ASLI, di cui si è accorto quando ha cercato invano i pdf dei sillabi per la sua prima lezione al TFA, che non erano più visibili e che sono stati recuperati eliminando altri documenti inseriti posteriormente, ma meno importanti. Cede comunque la parola al Segretario Bellina perché illustri la situazione. Il Segretario informa che è possibile aumentare il numero di documenti visualizzabili in lista: la limitazione è solo dovuta quasi certamente a un parametro della sezione Documenti ASLI Scuola che è possibile configurare (non hanno questo limite, infatti, altre categorie di documenti riservate all ASLI: ad esempio, Eventi e Comunicazioni ). Il maggiore spazio di archiviazione non dovrà in alcun modo comportare, a suo giudizio, aggravi economici per la gestione del sito, perché oggi il costo degli spazi web è praticamente nullo e molti hosting provider non pongono limiti allo spazio utilizzato. D altra parte, dato che il sito è stato già costruito e la sua gestione è opera di nostri soci, quasi nulle sono le spese che la società incaricata sostiene per il suo mantenimento (Euro 10 circa, massimo 15 ogni anno per il mantenimento del nome di dominio). Il problema riscontrato può essere quindi risolto molto facilmente in due modi: 1) chiedere direttamente alla società di aumentare il numero dei documenti visualizzabili nelle sezioni Documenti ASLI Scuola e Eventi e iniziative ASLI Scuola ; 2) chiedere alla società di ricevere, come è nostro diritto e necessità, una coppia di credenziali amministrative per la gestione completa delle impostazioni del sito (le credenziali di accesso ricevute dal Segretario sono infatti di livello utente ). Alfieri propone più in generale che il link dell ASLI Scuola sia visibile nel sito delle istituzioni impegnate nella formazione degli insegnanti, come l Accademia dei Lincei o i vari Dipartimenti in cui noi tutti insegniamo, nonché la Fondazione Verga, il Centro Studi Filologici e Linguistici Siciliani, ecc. Librandi ricorda che a gennaio 2016 bisognerà rinnovare il contratto per il sito e in quell occasione Biffi potrà cercare di ottenere dei cambiamenti. Bellina invita a considerare, in sede di eventuale contrattazione economica, che la versione dell applicativo che rappresenta il contenitore del sito (CMS Drupal) sembra essere notevolmente datata, consentendo una gestione di livello minimo delle funzionalità e della grafica, rispetto all evoluzione oggi raggiunta dagli applicativi CMS. Il tesoriere Biffi si assume l incarico di verificare con Valentina Zenoni, che si occupa del sito ASLI, se le restrizioni rilevate siano gestibili o meno già attualmente. Rimane fermo il fatto che, in sede di trattative per il rinnovo, saranno prese in considerazione richieste di miglioramenti. Non essendovi altro da discutere, la riunione telematica si conclude alle ore 13.30, con l approvazione all unanimità, seduta stante, del presente verbale. IL COORDINATORE Paolo D Achille IL SEGRETARIO VERBALIZZANTE Massimo Bellina

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Programma Operativo Nazionale: Competenze per lo Sviluppo finanziato con il Fondo Sociale Europeo. Avviso Prot. Num. prot. AOODGAI/2373 DEL

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei progetti di ricerca ai sensi dell articolo 20, comma 1, della

Dettagli