LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE 2008

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE 2008"

Transcript

1 LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE 2008 Le indicazioni del presente documento, dopo l eventuale approvazione da parte dei competenti organi dell Ente Parco, saranno integrate e verificate con gli elementi deducibili dalla Legge Finanziaria per il 2008 e, quindi, diventeranno la proposta di piano di gestione per il 2008, che sarà sottoposta agli organi dell Ente Parco nel primo Consiglio Direttivo utile del nuovo anno. PREMESSA Gli anni 2006 e 2007 sono stati particolarmente impegnativi per il Parco, che si è visto penalizzato dai numerosi limiti imposti dalle ultime leggi finanziarie, che hanno costretto l Ente ad adeguare i propri bilanci ai vincoli di finanza pubblica riducendo le previsioni di cassa e di competenza di numerosi capitoli, congelando gran parte delle proprie risorse e rinviando, di conseguenza, la realizzazione di numerosi progetti e/o interventi, anche laddove finanziati con risorse comunitarie o di privati. Il disegno di legge finanziaria per l anno 2008, in questi giorni in discussione, prevede l esclusione degli Enti Parco dai limiti ai prelevamenti dai conti aperti presso la Tesoreria dello Stato. Tale disposizione, se confermata, consentirebbe all Ente di aumentare la propria capacità di spesa e di conseguenza di attivare e completare numerosi progetti troppo a lungo rinviati, effettuare importanti pubblicazioni da tempo in attesa, realizzare, in occasione dei quindici anni del Parco, eventi e manifestazioni capaci di garantire una visibilità per l Ente a livello non solo locale ma nazionale. Auspicando l approvazione della norma sopra citata e il riconoscimento di una serie di contributi straordinari da parte del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, sono state redatte le presenti linee guida per la stesura del Piano di Gestione per l anno 2008 che si auspica possa essere un annualità ricca di iniziative. ORGANIZZAZIONE La fine del 2007 si è caratterizzata per due importanti atti di natura organizzativa: l approvazione definitiva e l avvenuta pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del nuovo Statuto dell Ente Parco; HD Noir:Users:imac:Desktop:giunta: Adozione docu#3f93c4.doc pag. 1

2 l approvazione del Regolamento di contabilità dell Ente, armonizzato con il Codice dei contratti pubblici. Il 2008 dovrà caratterizzarsi per la redazione di tre fondamentali strumenti gestionali: il nuovo Piano di Sviluppo Economico e Sociale; il nuovo Piano del Parco; il Regolamento del Parco. Per quel che concerne la gestione delle risorse umane, occorre sottolineare che a fronte di una Pianta Organica che prevede n. 14 dipendenti ad oggi prestano servizio n. 13 dipendenti di cui n. 9 dipendenti a tempo pieno (n. 2 C4, n. 3 C3, n. 1 B3 e n. 3 B2) e n. 4 dipendenti a part-time (n. 1 C1, n. 3 B2). Resta, infatti, ancora aperta la questione del C1 di ragioneria, il cui posto resta vacante pur in presenza del regolare vincitore di concorso, in attesa dell autorizzazione all assunzione da parte delle autorità competenti. A sostegno della struttura, nel 2007 ha lavorato presso la sede dell Ente anche un collaboratore impiegato con contratto di Co.co.co. (esperto informatico, elemento fondamentale in quanto trattasi di attività connotata da forte specificità ed essenziale per il normale e corretto funzionamento dell Ente Parco che nessun dipendente in servizio presso l Ente Parco è in grado di svolgere) e ci si è avvalsi di alcuni professionisti che hanno seguito attività specifiche. Per il miglioramento dell efficienza della struttura e delle capacità dell Ente Parco di perseguire la propria mission istituzionale, nel 2007, si è provveduto: alla organizzazione dei livelli apicali individuando il Vice-direttore nella persona del dr. Stefano Mariech, attivando una funzione di coordinamento; ad investire alcune risorse mirate all aggiornamento ed alla formazione del personale; ad attivare un moderno sistema di protocollo informatico con supporto ottico. CERTIFICAZIONI E RICONOSCIMENTI Nel 2007 si è data maggiore coerenza al progetto Carta Qualità, con l introduzione dei nuovi disciplinari, distinti per tre categorie (Campanula d oro per le attività del biologico e dell ecolabel, Campanula d argento corrispondente al classico circuito di Carta Qualità, Amico del Parco per le attività commerciali esterne ai 15 comuni che utilizzino i prodotti certificati dal Parco) si sono poste le basi per il potenziamento e la maggior specificazione di questo importante progetto. Nel 2007 sono stati attivati i controlli sul sistema, così come richiesto dall Ente di Certificazione in sede di verifiche ispettive, al fine di rendere più stringenti le disposizioni del circuito. In data 27 giugno l Ente ha ottenuto l attestato APO della Comunità del Parco nell ambito del progetto AGEMAS, si tratta della 4^ certificazione dell Ente Parco. In luglio si sono concluse le visite per il rinnovo della certificazione EMAS; si rimane in attesa dell attestato di convalida. La Società Ambienteitalia srl è stata incaricata di gestire per conto dell Ente la nuova organizzazione dei sistemi di gestione di qualità ed ambientale nonché le fasi legate alle visite ispettive per il mantenimento delle certificazioni. 2

3 In data 8 ottobre si sono svolte le visite ispettive di sorveglianza per il mantenimento delle certificazioni ISO 9001 e ISO 14001, conclusesi positivamente. PIANI E REGOLAMENTI Progetti speciali del Piano per il Parco. Fauna, habitat faunistici e controllo zoosanitario Il progetto è concluso e sarà sottoposto all approvazione del Consiglio Direttivo dell Ente nel corso del In attesa dell approvazione del progetto da parte del Consiglio Direttivo sono state realizzate importanti attività di studio, gestione e miglioramento delle popolazioni faunistiche del Parco, previste dallo stesso Progetto Speciale. In particolare nel corso del 2007 sono proseguiti gli ordinari monitoraggi di Ungulati, Tetraonidi e dell ittiofauna nonchè quelli relativi alla gestione e recupero dell ittiofauna, e per lo studio dell avifauna. Nel 2007 si è proceduto ad una ulteriore fase di reintroduzione della marmotta, nonché ad incontri tecnici per valutare l opportunità di un eventuale reintroduzione dello stambecco, soprattutto in relazione alle problematiche di diffusione della rogna sarcoptica. Nel corso del 2008 l Ente Parco, oltre a continuare le attività di censimento, si impegnerà ad individuare, in collaborazione con l UTB-CFS, le modalità di gestione degli animali selvatici del Parco che, rinvenuti feriti, vengono ospitati presso il centro di recupero del Vincheto di Cellarda. Tale problematica è strettamente connessa con le procedure di approvazione del Regolamento del Parco. Riqualificazione delle malghe e gestione dei pascoli e dei prati Il progetto è concluso e sarà sottoposto all approvazione del Consiglio Direttivo dell Ente nel corso del Selvicoltura e piano di riassetto forestale Il progetto è concluso e sarà sottoposto all approvazione del Consiglio Direttivo dell Ente nel corso del È stato formalmente trasmesso già nel 2004 ai Servizi Forestali Regionali per il collaudo; alla data non risulta essere ancora stato approvato nonostante alcuni cortesi solleciti. Tutela, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio edilizio Sono stati consegnati i documenti costituenti il primo stralcio del progetto speciale, che sarà sottoposto all approvazione del Consiglio Direttivo dell Ente nel corso del L Ufficio cartografico, sulla scorta delle indicazioni fornite dai professionisti incaricati, ha predisposto un database, per raccogliere in modo sistematico ed organico i dati sul patrimonio edilizio, che andranno ad arricchire il Sistema Informativo Territoriale del Parco. Nel corso del 2008 si potrà proseguire con l inserimento dei dati già in possesso dell Ente e alla loro georeferenziazione e si potrà organizzare una campagna di rilievo per l aggiornamento dei dati stessi. 3

4 Piano pluriennale economico e sociale Il PPES è stato adottato il 15 novembre 2000 con Delibera del Consiglio Regionale del Veneto n. 61. L aggiornamento del PPES è previsto ogni anno, la validità dello stesso strumento è quadriennale. Nel 2007 sono stati affidati gli incarichi professionali per l aggiornamento dello strumento che potrà essere discusso nel corso del Piano di difesa contro gli incendi boschivi E stata avviata una patnership con i Servizi Forestali Regionali che dovrebbero redigere il piano in collaborazione con gli Uffici dell Ente nel corso del Piano di gestione del SIC/ZPS IT ZPS IT La Regione Veneto ha affidato all Ente Parco la gestione dei SIC e ZPS all interno del Parco, anche per la parte esterna al perimetro dell area naturale protetta. Con delibera n. 31 del 22/12/2006 del Consiglio Direttivo dell Ente si è provveduto alla stipula della relativa convenzione. E in corso di realizzazione la cartografia degli habitat Natura 2000 presenti nei SIC/ZPS, documentazione propedeutica alla stesura dei relativi Piani di gestione. Regolamento del Parco L. 394/91 È stato individuato un gruppo di lavoro per pianificare l attività di redazione del Regolamento del Parco alla luce delle precedenti esperienze e delle specifiche necessità e peculiarità delle Dolomiti Bellunesi. Il Gruppo di lavoro ha elaborato la prima versione del Regolamento che sarà sottoposta al competente Consiglio Direttivo dell Ente. RICERCHE SCIENTIFICHE E MONITORAGGI Biodiversity hotspot. Indagini faunistiche su gruppi poco noti di Vertebrati e Invertebrati di elevato valore zoogeografico, evoluzionistico ed ecologico Nel 2006 è stato presentato alla Fondazione Cariverona un articolato progetto per condurre indagini su gruppi faunistici di grande interesse scientifico ma, attualmente, ancora poco studiati nell area del Parco. Alla fine del 2006 la Fondazione ha risposto positivamente, assegnando un contributo di per un progetto complessivo di (a fronte dei richiesti). In particolare sono previste ricerche sulla fauna ipogea, sugli Ortotteroidei degli habitat prativi e sui micromammiferi Chirotteri. Nel 2007 sono stati affidati gli incarichi per le ricerche sui pipistrelli, gli ortotteri e la fauna ipogea. I risultati, ancora preliminari, sono interessanti, con segnalazione di molte specie nuove per il Veneto. La fine del progetto è prevista per il Deflusso minimo vitale delle acque del Parco Il progetto di ricerca è stato finanziato dalla Fondazione CariVerona per un importo di Nel 2007 i Dipartimenti di Geologia, Biologia ed Ingegneria dell Università di Ferrara hanno studiato i 3 bacini individuati per le indagini: Stien, Caorame e Mis, rilevando parametri biologici ed idrologici. Il progetto di ricerca è in avanzata fase di realizzazione. Con nota del 28 agosto la Fondazione Cariverona ha concesso la proroga per il completamento dello studio al 31 marzo

5 Interventi per la salvaguardia, il monitoraggio ed il ripopolamento della fauna selvatica nel Parco Il progetto è articolato in due parti, una relativa allo studio dell avifauna ed una al ripopolamento della marmotta. Per quanto riguarda l avifauna nel 2007 sono partite, in collaborazione con la LIPU, tutte le azioni di ricerca previste dal progetto: l aggiornamento dell Atlante degli Uccelli nidificanti e gli studi specifici sull ecologia e la distribuzione di gruppi e specie di particolare interesse ecologico quali i rapaci diurni e notturni, i Picidi e il Re di quaglie. A causa delle ridotte disponibilità di cassa del 2006 il progetto è partito solo nel 2007, con un anno di ritardo rispetto al previsto. Per questo motivo è stata richiesta alla Fondazione Cariverona (cofinanziatrice delle attività) una proroga a novembre La Fondazione ha concesso una proroga solo fino a luglio Questo consentirà di ultimare buona parte dei rilievi, ma non consente di pubblicare, come previsto, il nuovo atlante degli Uccelli nidificanti nel Parco utilizzando il contributo della Fondazione. Reintroduzione Marmotta Si è conclusa la fase di reintroduzione con il rilascio di altre 40 marmotte a Erera- Brendol e in Busa delle Vette in aggiunta alle 40 liberate nel corso del Sono proseguite le attività di monitoraggio. Non è stata attivata la realizzazione di un attività sperimentale ( in diretta dalla natura ) per consentire ai cittadini di seguire dal vivo la vita delle marmotte reintrodotte nel Parco. Il motivo è costituito dall impossibilità di reperire finanziamenti per il congelamento della cassa dell Ente, oltre alla necessità di rispettare il limite di spesa per consulenze esterne per l anno Il progetto sta comunque registrando un ottimo successo, con sopravvivenze invernali del 70% e la riproduzione delle colonie neoinsediate che ha visto la nascita di 31 piccole marmotte. Grande attenzione è stata rivolta agli aspetti di divulgazione del progetto, che è stato trattato da servizi all interno del TG2 e su Radio 2. E stato inoltre realizzato un filmato speciale con la collaborazione di Telebelluno. Interventi per la salvaguardia, il monitoraggio ed il ripopolamento dell ittiofauna nel Parco Le azioni previste dal Piano di gestione per l anno 2007 si sono svolte regolarmente. Non si è proceduto con l immissione del temolo, per mancanza di materiale sicuramente autoctono. In collaborazione con l UTB-CFS di Cellarda sono state prodotte le trote marmorate da immettere nei corsi d acqua del Parco. Il progetto, cofinanziato dalla Fondazione Cariverona, si concluderà entro giugno Monitoraggi faunistici Nel 2007 è proseguito, grazie alla collaborazione con il CTA-CFS, il monitoraggio delle specie più significative quali Ungulati e Galliformi. Nel piano dei censimenti è stata inserita anche la Pernice bianca. Nel 2008 si prevede la prosecuzione delle attività di monitoraggio, base indispensabile per una corretta protezione del patrimonio faunistico. 5

6 Progetto Leader + Biodiversità coltivata Le previste bacheche illustrative da installare presso i campi catalogo di Col dei Mich e di Vellai non sono ancora state realizzate. Il motivo è costituito dall impossibilità di reperire finanziamenti per il congelamento della cassa dell Ente, oltre alla necessità di rispettare il limite di spesa per consulenze esterne per l anno Questa azione non inficia la conclusione dei due progetti comunitari. Progetto Boschi vetusti Si propone di proseguire le attività, già avviate nel 2007 dal professor Lasen, nell ambito del progetto pilota sui boschi vetusti presenti all interno dei Parchi Nazionali. Il progetto è coordinato, a livello nazionale, dal professor Blasi dell Università di Roma. Si propone di approfondire le conoscenze sui lembi di boschi vetusti individuati nel corso della prima indagine conoscitiva del Progetto Lepidotterofauna Nel 2007 si è concluso uno studio triennale sui Lepidotteri notturni. Sono state censite oltre 300 specie, molte delle quali nuove per il Veneto. Si propone di proseguire le attività di ricerca indagando le famiglie (per le quali non disponiamo di dati) Hesperoidea, Zyganoidea e Sesioidea. Appare inoltre utile lo studio dei Microlepidotteri, l ordine di farfalle che conta il maggior numero di specie (in Italia oltre 3.000) ma che è il meno studiato a livello nazionale. Questo gruppo è però uno dei più affidabili bioindicatori, grazie alla monofagia o oligofagia stretta dei Microlepidotteri. COMUNICAZIONE, DIVULGAZIONE E PROMOZIONE Convegni, lezioni e incontri Nel 2007, i tre convegni conclusivi del progetto LIFE Agemas si sono svolti in data 14.03, e 28.03; Il convegno relativo al progetto Leader + Infraterritoriale è previsto per la fine di novembre Sito Internet/Portale Nel 2007 è stato effettuato il costante aggiornamento delle news, l implementazione di ulteriori contenuti e la traduzione in diverse altre nuove lingue: raggiungendo il primato di ben 18 lingue, che comprendono anche cinese, russo, albanese, polacco, rumeno, giapponese e arabo! Nel 2007 il sito è stato anche arricchito con cartografie divulgative relative agli aspetti che interessano maggiormente gli utenti della rete ed è stata realizzata una sezione download da cui poter scaricare i dati che l Ente riterrà opportuno mettere a disposizione di tutti gli utenti interessati. Al momento sono disponibili: confini; cartografia del Piano per il Parco; schede di avvistamento avifauna (previa richiesta di password). Nel corso del 2008 si curerà l implementazione del database opere pubbliche, al fine di fornire on-line all utente un archivio completo di tutte le opere realizzate, cantierate e in fase di progetto. 6

7 Newsletter elettronica L attività proseguirà nel 2008, con l invio di una newsletter mensile. Sinora sono state pubblicate complessivamente 13 newsletter. Ad oggi l indirizzario per la spedizione supera i utenti iscritti. Materiali a stampa Nel 2007 non si è potuto procedere con la stampa dei volumi relativi al Progetto speciale fauna, al Progetto speciale malghe e alla Guida turistico-naturalistica del Parco. Si propone che tali pubblicazioni siano effettuate nel corso del 2008 con il logo dei festeggiamenti per i 15 anni del Parco. Nel 2007 è stato pubblicato tutto quanto previsto in termini di relazioni conclusive nei progetti LIFE AgEmas e Leader + Infraterritoriale. Nel 2007 sono state predisposte due nuove collane: una di quaderni e report tecnici e una divulgativa, dedicata al pubblico scolastico, per rendere accessibile la mole di informazioni scientifiche raccolte dal Parco in questi anni. Nel 2007 sono stati pubblicati due numeri del Notiziario Tracce, per assicurare adeguata informazione alla cittadinanza sulle attività e i progetti del Parco, nonché uno speciale in lingua inglese. Anche per il 2008 si prevede la pubblicazione di due numeri del notiziario. Non sono state realizzate le guide per il riconoscimento delle tracce degli animali, delle farfalle, delle piante; il motivo è costituito dall impossibilità di reperire finanziamenti per il congelamento della cassa dell Ente, oltre alla necessità di rispettare il limite di spesa per consulenze esterne per l anno Non si è provveduto all aggiornamento e alla ristampa della carta escursionistica Tabacco del Parco; anche in questo caso il motivo è costituito dall impossibilità di reperire finanziamenti per il congelamento della cassa dell Ente, oltre alla necessità di rispettare il limite di spesa per consulenze esterne per l anno Altre attività di comunicazione Il 2007 si è caratterizzato per il grande interesse che tutti i media locali hanno riservato al Parco, in particolare l emittente TeleBelluno ha seguito molti eventi del Parco con propri servizi e il quotidiano Corriere delle Alpi ha dedicato al Parco una intera pagina con cadenza quindicinale. Proseguiranno nel 2008 le attività ordinarie di comunicazione quali la rassegna stampa quotidiana; la redazione e distribuzione di comunicati stampa; le collaborazioni con redazioni e case editrici interessate a pubblicare articoli e libri sul Parco; il servizio di informazione a favore di enti pubblici, cittadini, turisti; le attività di formazione e aggiornamento professionale condotte da personale del Parco a favore di studenti universitari, tecnici di altre Amministrazioni, membri di Associazioni culturali. Sarà inoltre garantita la partecipazione del Presidente, del Direttore e/o di funzionari del Parco a convegni, tavole rotonde, presentazioni di pubblicazioni e altri eventi pubblici organizzati da terzi nei quali sia richiesto l intervento del Parco. Non è stato realizzato il nuovo filmato divulgativo; il motivo è costituito dall impossibilità di reperire finanziamenti per il congelamento della cassa dell Ente, oltre alla necessità di rispettare il limite di spesa per consulenze esterne per l anno

8 Non è stato realizzato il video sul patrimonio ipogeo; anche in questo caso il motivo è costituito dall impossibilità di reperire finanziamenti per il congelamento della cassa dell Ente, oltre alla necessità di rispettare il limite di spesa per consulenze esterne per l anno Per il 2008 sarebbe opportuno dotarsi di una più moderna ed efficace comunicazione video, prevedendo la realizzazione di un nuovo filmato divulgativo (di tipo fascinativo e non didascalico). Nel corso del 2007 sarà assegnato il riconoscimento alla miglior ricetta per il dolce derl Parco, le cui attività di produzione si svolgeranno nel Mostre Nel 2007 è stata realizzata, con grande successo di pubblico, una mostra sulla Patagonia argentina e cilena allo scopo di dare seguito all accordo di programma con l Università di Magallanes per la salvaguardia della natura australe dell isola di Navarrino in Cile. L iniziativa, come noto, è tesa alla raccolta di fondi per la tutela del Parco Etnobotanico di Omora. E stato approntato il programma della mostra fotografica itinerante Dalle Dolomiti alle Ande dal 28 maggio al 9 dicembre. La mostra nel 2007 è stata ospitata in 8 comuni bellunesi, di cui uno esterno al Parco (Puos d Alpago). Nel 2008 proseguirà il suo cammino nel Parco Nazionale delle 5 Terre ed in Puglia. La mostra fotografica, con la vendita del calendario 2008, connesso alla mostra e pensato per la tutela del Parco di Omora, unitamente ai contributi dei cittadini e delle Pubbliche Amministrazioni, consentirà al Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi di aiutare questo splendido angolo di mondo il cui parco naturale è legato all iniziativa dell emigrazione bellunese. Un primo contributo di 3.000, quale parziale cofinanziamento, ha garantito alla Fondazione Omora l accesso ad un cospicuo finanziamento da parte di istituzioni universitarie degli Stati Uniti. Nel corso del 2007 è proseguita anche la mostra sull aquila reale che è rimasta esposta dal 29 luglio al 31 agosto a Valle Imperina e dal 3 settembre al 15 ottobre va Lozzo di Cadore. Il 2007 si è caratterizzato anche per l apertura dei Forni Fusori di Valle Imperina che ha ospitato la mostra inaugurale dedicata alle attività minerarie in Sicilia, l anno prossimo vi sarà allocata la mostra sui 15 anni del Parco. Centri Visitatori Nel corso del 2007 l Amministrazione comunale di Belluno ha consegnato gli immobili del Centro culturale del Parco Piero Rossi a Belluno, che sarà inaugurato il 12 luglio 2008 per i festeggiamenti dei 15 anni di attività dell Ente Parco. E stato, inoltre, inaugurato il Museo e punto di informazioni del Parco a La Valle Agordina. Sono in corso i lavori per l allestimento dei punti informazioni di Serravella e di Forno di Zoldo, tutti ubicati presso esistenti strutture museali, quindi senza oneri gestionali aggiunti da parte dell Ente Parco. Nel 2008 verranno progettati e realizzati presso l ex CRAL gli allestimenti della Pensione Imperina, struttura di accoglienza in appoggio all ostello. 8

9 Dolomiti Park Road Il 2007 ha visto l arrivo della IX edizione dell anota corsa campestre a Villa Binotto. Il 2008 ha in programma la X edizione con arrivo a Belluno. Festa d estate al Parco Per il 2008, considerato il notevole successo delle due manifestazione organizzate nel 2007,verrà ripetuta l organizzazione delle due Feste del Parco presso la sede dell Ente a Feltre il 21 e 22 giugno e a Valle Imperina il 26 e il 27 luglio. Gli eventi promuoveranno il quindicennale del Parco. Note tra le nuvole I giorni 1 e 2 settembre 2007, la conca di Palughet (foresta di Cajada) è stata teatro di Note tra le nuvole, evento musicale che l Ente Parco ha affidato a Serena Dal Borgo e Marco Scapin (letture a lume di candela di sabato I settembre) e all Orchestra di Belluno Dolomiti Symphonia diretta dal maestro Delio Cassetta (concerto di musica classica del 2 settembre). L iniziativa ha riscosso un notevole successo di pubblico e verrà ripetuta nel 2008 a Cajada, a Pramper e al Rifugio Boz. Calendario Il calendario 2008, realizzato come per gli anni scorsi grazie all utilizzo gratuito di foto in concessione d uso, connesso alla mostra sulla natura della Patagonia è pensato per aiutare la tutela del Parco di Omora in Cile: unitamente ai contributi dei cittadini e delle Pubbliche Amministrazioni, consentirà al Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi di aiutare questo splendido angolo di mondo il cui parco naturale è legato all iniziativa dell emigrazione bellunese. All iniziativa hanno collaborato il portale web parks.it ed il mensile di viaggi Plein Air. Fiere Per il 2007 è stato confermato il calendario inserito nel Piano di gestione con le seguenti partecipazioni: Park Life Roma aprile Terra futura Firenze maggio Mondo natura Rimini 8-16 settembre Qualità italiane Milano novembre Mediterre Napoli novembre A questi eventi si sono aggiunti: Mostra mercato Pisa 8-9 giugno libri Mostra artigianato Feltre 5-8 luglio Parchi in piazza Bibione 21 luglio Merchandising Le nuove T-shirt per adulti e bambini sono state realizzate e poste in vendita; 9

10 Gli adesivi per il lunotto posteriore delle autovetture sono stati realizzati e posti in vendita. Non è stato realizzato il peluche piccolo a forma di marmotta, il motivo è costituito dall impossibilità di reperire finanziamenti per il congelamento della cassa dell Ente, oltre alla necessità di rispettare il limite di spesa per consulenze esterne per l anno 2007; è in fase di ultimazione il lancio di un jeans ecologico prodotto in partnership con Lifegate, azienda con la quale si stanno definendo gli ultimi accordi per la commercializzazione. Carta Qualità Per il 2007 si è dato avvio a migliorare il sistema dei controlli, che attualmente risulta essere, anche alla luce delle verifiche ispettive di parte terza ricevute dall Ente, l aspetto più delicato e perfezionabile dell intero sistema. E stato dato corso al progetto per erogare un contributo finanziario alle aziende agricole che già adottano i metodi dell agricoltura biologica o che intendono avviare la conversione aziendale. Dopo la prima fase hanno fatto richiesta oltre 20 aziende: oggi in Carta Qualità c è tutta la produzione organica dei 15 comuni. Il 2007 si è caratterizzato, inoltre, per uno straordinario successo: l inserimento di due ottimi formaggi di LatteBusche in Carta Qualità. Un caprino biologico con campanula d oro la cui produzione va immediatamente esaurita ed un vaccino con latte di alata qualità dei 15 comuni, con campanula d argento, denominato Dolomiti del Parco di cui ne sono state vendute oltre 100 forme in 3 mesi, al solo bar bianco di Busche, nonostante costi 1 /kg in più dell ottimo Piave! Davvero una grande soddisfazione per tutti coloro che operano a difesa dell agricoltura di montagna, della conservazione della natura e del paesaggio e per la produzione agroalimentare di alta qualità. E qui la semplice ma dirompente risposta a tutti coloro che ci copiano o provano a rallentarci: la grande idea di un parco nazionale alle Dolomiti Bellunesi è nel cuore dei turisti e nel lavoro quotidiano dei Bellunesi che ne han fatto una delle migliori aee protette del Paese. Sviluppo di una rete ricettiva sostenibile nelle aree naturali protette del territorio nazionale Il progetto, finanziato dal programma Leader +, si è concluso nel corso del Alla data è in corso di organizzazione il convegno finale da tenersi al Parco Nazionale delle 5 Terre. Progetto LIFE Ambiente AGEMAS Il progetto si è concluso nel E stata ottenuta la registrazione Emas di area vasta: la quarta certificazione del Parco! Il progetto è concluso ed in attesa di verifica da parte della UE del rapporto finale. Attività escursionistica e campi estivi Il 2007 ha dimostrato la validità della Casa del Parco al Frassen che ha ottenuto un lusinghiero apprezzamento da parte del pubblico. Si è in attesa di chiusura della stagione e consegna dei dati di afflusso. 10

11 Educazione ambientale La Fondazione Cariverona ha finanziato il progetto A scuola nel Parco, per cofinanziare le attività di educazione ambientale negli anni scolastici e La Fondazione ha approvato il progetto, concedendo un contributo di Per la promozione delle attività relative all anno scolastico è stato utilizzato l opuscolo realizzato l anno scorso, aggiornandone le date di riferimento. L opuscolo è stato spedito, con l ausilio della Cooperativa Mazarol, alle oltre scuole presenti in Veneto. Nel 2007 sono stati realizzati 138 corsi, che hanno coinvolto bambini e ragazzi. Non è stato raggiunto l obiettivo, prefissato lo scorso anno, dei 200 corsi, ma si è comunque riscontrato un incremento, rispetto al 2006, del 191%. Nel 2008 si conta di poter raggiungere i 200 corsi, grazie alla maggior conoscenza, da parte delle scuole, dell opportunità offerta dal Parco. Nell Anno Scolastico il personale del Parco ha inoltre collaborato al progetto Comenius National parks, organizzato dall IPSAA di Castelfranco: uno scambio culturale con scuole di Spagna, Grecia e Germania. I ragazzi italiani e stranieri, ospitati all ostello di Valle Imperina, hanno visitato il Parco e incontrato il personale dell Ente. INTERVENTI SUL TERRITORIO Ristrutturazione dell edificio Alla Santina e realizzazione del centro di educazione ambientale Si sono concluse le fasi di appalto ed i lavori sono stati consegnati ed in corso. La conclusione degli stessi è prevista per giugno Nel frattempo dovranno essere individuate le risorse per gli allestimenti del Centro di educazione ambientale del Parco. Realizzazione di un impianto fotovoltaico a Col dei Mich Sovramonte Il progetto definitivo ha ottenuto le autorizzazioni necessarie ed è in corso la redazione del progetto esecutivo. Si ritiene che i lavori possano concludersi entro il Realizzazione di un impianto fotovoltaico presso la sede dell Ente a Villa Binotto Feltre L intervento, programmato per il 2007 non è stato realizzato in quanto soggetto alla preventiva approvazione del P.A.T. del Comune di Feltre che è avvenuta alla fine del La normativa di settore prevede che l Ente predisponga uno specifico Piano di intervento. Nel corso del 2008 verrà pertanto redatto e inoltrato al Comune di Feltre il Piano di intervento che terrà conto anche delle opere di riqualificazione del giardino della sede. Successivamente all ottenimento delle autorizzazioni si potrà procedere alla stesura del progetto esecutivo e all appalto dei lavori. Si prevede di poter iniziare i lavori nel corso del Deposito interrato a servizio dell ex Ospizio di Agre Sedico Il progetto ha ottenuto le autorizzazioni necessarie ed è stato redatto il progetto esecutivo. 11

12 Si sta valutando l opportunità di affidamento dell intervento. L Ente ha ottenuto una proroga dalla Fondazione Cariverona, finanziatore unico dell opera, motivata dall impossibilità di appaltare i lavori a causa delle note vicende legate al blocco dei prelevamenti imposti dalle normative in vigore. Si ritiene di poter concludere i lavori entro la fine di giugno del 2008, data di scadenza della proroga concessa. Valorizzazione del sito archeologico in località Agre Sedico Il progetto è in attesa delle autorizzazioni del Comune di Sedico e della Soprintendenza ai beni ambientali. I lavori devono essere realizzati entro il 30 giugno 2008, nel rispetto della tempistica imposta dalla proroga concessa dalla Fondazione Cariverona, finanziatore unico dell opera. Manutenzione straordinaria dell acquedotto a servizio di Malga Pramper Forno di Zoldo Visto il ragguardevole importo necessario per dar corso all intervento e alle sopraggiunte nuove richieste di adeguamento degli acquedotti di Pattine e di Cajada, si propone di procedere nel corso del 2008 all individuazione delle risorse necessarie su specifici bandi di finanziamento. Valle del Mis Nel corso del 2007 sono state reperite risorse straordinarie per la Valle del Mis. Tali risorse sono state concesse dalla Regione Veneto con deliberazione di Giunta Regionale n del 15/11/2006. Il finanziamento dovrà, essere utilizzato entro il II semestre La Direzione e gli Uffici tutti, in collaborazione con il Comune di Sospirolo, hanno fatto sì che l avvio dei lavori avvenisse entro i primi dieci giorni di settembre. Riqualificazione e valorizzazione di Pian Falcina in Valle del Mis Il progetto dei lavori preparatori è stato approvato; Il progetto esecutivo sarà approvato entro l anno in corso; I lavori saranno eseguiti in amministrazione diretta. Realizzazione del Giardino botanico del Parco in Val Brenton È stata realizzata la progettazione del giardino botanico del Parco presso l area di accesso ai Cadini del Brenton. Il progetto è stato autorizzato tramite una conferenza di servizi indetta dal Comune di Sospirolo. I lavori sono realizzati in amministrazione diretta. Sono proseguiti inoltre i contatti con il Centro Internazionale del Libro Parlato di Feltre per la predisposizione degli strumenti didattici per la fruizione da parte di non vedenti e ipovedenti. Per l orto botanico ci si avvale inoltre della supervisione scientifica del prof. Cesare Lasen e dell esperienza del dott. Nicola Casarotto, direttore del Giardino Botanico San Marco (VI). Sono stati avviati i contatti con il Giardino Botanico di Faverghera (Nevegal) gestito dall UTB-CFS di Belluno per lo scambio di esemplari botanici da attuarsi nella primavera Entrambi gli interventi saranno inaugurati il 12 luglio 2008 per i 15 anni del Parco. 12

13 Manutenzioni ordinarie della rete sentieristica e del territorio Il 2007 si è caratterizzato per una nuova ed efficace risposta alle esigenze di manutenzione lungo la rete sentieristica realizzata e promossa dal Parco (sentieri natura e sentieri tematici) oltre che delle aree e delle strutture di servizio sistemate e fruibili dai visitatori (accessi al Parco, viabilità silvo-pastorale, bivacchi, centri visitatori, ). Ciò è stato possibile grazie alla sottoscrizione di una apposita convenzione con l UTB-CFS di Belluno che ha messo a disposizione due operai forestali mentre l Ente Parco si è impegnato ad acquistare l attrezzatura, i materiali e il mezzo di trasporto idonei all attuazione degli interventi. Il personale dell Ente ha provveduto ad organizzare un piano di interventi che ha garantito le necessarie manutenzioni e quindi la completa fruizione di sentieri e strutture. È stata rinnovata, inoltre, la convenzione con il Gruppo di Protezione Civile Monte Peron che si è dimostrato collaborativo ed efficace nella realizzazione della manutenzione annuale della Via degli Ospizi e di alcuni ambiti limitrofi. È stato attuato il coinvolgimento dell Istituto Professionale di Stato per l Agricoltura e l Ambiente di Vellai di Feltre per la manutenzione del sentiero tematico Covoli in Val di Lamen, tramite stage in convenzione. Decennale C.A.I. PNDB Nel 2007 è stato adeguatamente festeggiato il decennale del protocollo di collaborazione fra il C.A.I. e il Parco, il primo in assoluto nel suo genere in Italia. E stata rafforzata la collaborazione con il C.A.I. anche attraverso l organizzazione congiunta dei seguenti eventi: domenica 8 luglio: 30 Anniversario del rifugio Sommariva al Pramperet - CAI sezione di Oderzo domenica 29 luglio: Incontro CAI-Parco alla Festa d Estate a Valle Imperina - CAI - PNDB giovedì 2 agosto: momento teatrale nell ambito delle Pramperiadi - CAI sezione di Zoldo domenica 5 agosto: adunanza annuale della sezione Agordina al Rifugio Bianchet - CAI sez. di Agordo e di Belluno domenica 26 agosto: Passo Finestra: da luogo di confine a luogo d incontro - CAI sezione di Feltre sabato I settembre: Escursione guidata Val del Grisol Caiada - CAI sezione di Longarone. Malghe e strutture Nel corso del 2007 sono stati ultimati i lavori di recupero strutturale e funzionale delle casere Vescovà (Comune di Sedico) e Tavernazzo (Comune di Sovramonte) che saranno adibiti a punto di appoggio per gli escursionisti e per il servizio di sorveglianza. I lavori sono stati realizzati dal CFS-UTB con contributo PNDB (fondi L. 388/2000). Si provvederà ad inaugurarli nel corso del 2008 nell ambito dei festeggiamenti per i 15 anni del Parco. E stata, inoltre, affidata la nuova gestione del ristorante del Parco a Col dei Mich (Comune di Sovramonte), nonché la nuova gestione di Malga Pramper (Comune di Forno di Zoldo). 13

14 Malga Casere dei Boschi Per la Malga Casere dei Boschi di Pedavena, il 2007 si è caratterizzato per l assegnazione della nuova gestione alla famiglia di Saverio Facchin, uno dei più capaci e stimati malgari del territorio. Davvero un segno di speranza per questa malga che sin qui non aveva avuto grande fortuna. I primi mesi della nuova gestione fanno davvero sperare che si sia, finalmente, trovata la giusta soluzione. I lavori di manutenzione sono stati svolti regolarmente con la collaborazione del Comune di Pedavena. Valle Imperina Alla fine del 2006 è stato predisposto l affidamento in gestione sperimentale di un anno dell Ostello di Valle Imperina all Ente Parco da parte del Comune di Rivamonte Agordino. La gestione sperimentale per il 2007, realizzata in collaborazione con la coop. Un mondo di idee (che ha fatto un ottimo lavoro) è stata molto importante al fine di poter acquisire dati reali di frequentazione del sito quale precondizione per predisporre ipotesi di corretta gestione di tutto il sito ex minerario della Valle Imperina. Alla fine del 2007 la Giunta dell Ente ha licenziato, quale utile base culturale di confronto, un analisi tecnico-economica sul futuro del sito, affidata alla società Ambiente Italia. Il documento è stato, quindi, trasmesso al competente comune di Rivamonte Agordino. Dal confronto tra gli organi dell Ente Parco e di quelli del Comune di Rivamonte Agordino scaturiranno gli eventuali impegni per il 2008 e anni a seguire. Appena le condizioni di bilancio lo consentiranno si procederà all affidamento della progettazione per la riqualificazione delle miniere. REVISIONE CONFINI A seguito dell accordo sulla proposta di riperimetrazione dei confini attuali, il Ministero dell Ambiente ha approvato la delibera dell Ente Parco. La Conferenza Stato-Regioni ha approvato il provvedimento. Il DPR di riperimetrazione è, alla data, alla firma del Presidente della Repubblica. Per il 2008 occorrerà riprendere gli incontri politici e tecnici con le Amministrazioni dei 15 Comuni del Parco e con quelle confinanti in modo da valutare eventuali proposte di allargamento (continue o isolate) per dar corso alla seconda fase del programma definito dal Presidente in sede di programmazione Una iniziativa molto importante in termini di partecipazione democratica e di governance dell area naturale protetta è l aver coinvolto direttamente i cittadini in questa fase di riflessione e proposta sui nuovi confini del Parco. ALTRE PRIORITA Progetto di cooperazione con il Parco Nazionale montenegrino del Durmitor Grazie ad un finanziamento della Regione del Veneto il Parco ha in corso di realizzazione un progetto per il rafforzamento istituzionale del Parco del Durmitor e la promozione di attività socio-economiche. Il progetto, che vede anche il coinvolgimento dell UNESCO e della onlus I.R.A.S.D.I. (Italian Research Association for Sustainable Development Initiatives), prevede una 14

15 fase iniziale di rafforzamento istituzionale del Parco montenegrino, attraverso lo scambio di esperienze con il Parco delle Dolomiti Bellunesi, che ha caratteristiche morfologiche e dimensioni similari. Sono inoltre previste attività per lo sviluppo socioeconomico dell area, attraverso il coinvolgimento di Associazioni locali di donne della municipalità di Zabljiac (che si dedicheranno ad attività di sartoria artigianale), il sostegno ad attività di microcredito, l innovazione attraverso l uso di nuove tecnologie nel settore del turismo e dell agricoltura. E stata realizzata una fase di scambio di esperienze con la visita dei loro operatori al nostro Parco. Gemellaggio con il Parco argentino di Nahuel Haupi a Bariloche In seguito agli accordi intercorsi tra il nostro Parco e quello Argentino nel corso della visita a Bariloche promossa dalla Regione Veneto, assessorato ai flussi migratori, nel 2006, è in corso di perfezionamento il relativo gemellaggio, che si concretizzerà probabilmente nel corso del 2007 in occasione della visita ufficiale del Comune di Belluno al Comune di Bariloche. Realizzazione di un progetto di massima per la manutenzione straordinaria della strada di accesso a Malga Erera, Casa al Frassen e Malga Vette Grandi. Visti i problemi di dissesto idrogeologico, sono state predisposte le progettazioni per la riqualificazione delle frane e delle strade di accesso alla Malga Vette Grandi e rifugio Dal Piaz, alla Casa al Frassen e Malga Erera. Il Ministero dell Ambiente, alla fine del 2007, ha finanziato con il progetto di recupero della frana e di sistemazione della strada per Vette Grandi. I lavori inizieranno nel 2008, dopo la fase di autorizzazioni. Nel corso dell anno si provvederà al reperimento delle risorse finanziarie per l analogo lavoro sulla strada di Erera. Master Governance delle aree naturali protette Il PNDB è partner istituzionale del Master in Governance delle aree naturali protette istituito dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in collaborazione con l Università del Molise. Direttore del Master è il Direttore dell Ente Parco. Nel corso del 2007 gli studenti del Master hanno partecipato ad uno stage di una settimana presso il Parco. Visto il grande apprezzamento ricevuto, l Università del Molise ha proposto che dall edizione 2008 ci sia una vera e propria summer school di due settimane presso il nostro Parco. Questa attività consentirà all Ente di sviluppare ancora di più le iniziative della scuola del Parco che nel 2007 ha avuto tra gli ospiti il Formez della Sardegna, le Lingue del Mondo di Belluno e la Luxottica una delle più note aziende d Italia. Seminario CIPRA Il seminario è stato annullato. Creazione di un progetto di filiera per la promozione dello sviluppo della coltivazione dell orzo. Nel corso del 2007 è stato promosso, in collaborazione, con la Provincia di Belluno e la Comunità Montana Feltrina un progetto di filiera che ha quale obiettivo la diffusione sul territorio dei quindici comuni del Parco della coltivazione dell orzo. 15

16 Il progetto si fonda sul tentativo di raggiungere un primo obiettivo rappresentato dalla necessità di sostituire una coltura ecologicamente banale e che richiede enormi quantità di acqua come quella del mais, attualmente diffusa sul territorio, con l orzo che ha un fabbisogno di concimi e di acqua molto inferiore al mais. L orzo, inoltre, è una coltura tradizionale delle nostre vallate e il suo recupero ha quindi anche un importante significato culturale e paesaggistico. Non va trascurato poi l aspetto legato alla promozione turistica del territorio legando il progetto con le attività promozionali di Carta Qualità. Obiettivo successivo a quello oggetto del presente progetto è anche rappresentato dal tentativo di inserimento in Carta Qualità di una birra prodotta utilizzando orzo bellunese, l acqua delle montagne del Parco e altri ingredienti come il luppolo, possibilmente provenienti da agricoltura biologica. I dati del primo raccolto sono stati un po inficiati dal negativo andamento meteoclimatico del Sono stati messi a coltura 52,71 ha che hanno prodotto kg di orzo maltabile. Piccola mobilità sostenibile Non è stato attivato il servizio di navetta a collegamento delle strutture ricettive di Carta Qualità e le stazioni ferroviarie del territorio. Il motivo è costituito dall impossibilità di reperire finanziamenti per il congelamento della cassa dell Ente, oltre alla necessità di rispettare il limite di spesa per consulenze esterne per l anno Per dar corso alle iniziative legate alla prosecuzione di Agemas verranno valutate le possibili fonti di finanziamento per l attivazione del servizio navetta e la realizzazione di piste ciclabili nel Guide d autore Per il 2007 l Ente Parco ha riproposto, con grande successo, l iniziativa Guide d Autore che prevede il coinvolgimento degli autori di pubblicazioni e progetti per il Parco quali accompagnatori esperti lungo gli itinerari tematici la cui illustrazione è stata affrontata con un grado superiore di approfondimento. Ad ogni escursione ha partecipato anche personale dell Ente in appoggio all accompagnatore. Escursione Data Accompagnator Affluenza e Rigenerarsi nell anima del Parco Carlo Rocco Annullata La Via degli Ospizi Gianni Poloniato 10 La fauna del Monte Talvena Michele Cassol 6 Itinerario botanico sulle Vette Cesare Lasen 19 Chiesette pedemontane Tiziana Conte 13 La biodiversità coltivata Nadia Breda 9 I circhi delle Vette Danilo Giordano 5 I rapaci tra Caiada e Cirvoi Giuseppe 6 Tormen Le miniere di Vallalta Maurizio Olivotto 15 Itinerario geomorfologico dell Ardo Lando Toffolet 10 Covoli in Val di Lamen Anna Angelini Totale partecipanti al 16 settembre 93 16

17 Per il 2008 si prevede di estendere l esperienza all organizzazione della prima Grande Traversata del Parco. OBIETTIVI GESTIONALI PER IL 2008 Gli obiettivi gestionali più rilevanti, esplicitati nella presente relazione, sono riassunti nelle schede allegate. Quanto proposto sarà realizzato in relazione alle effettive disponibilità di Bilancio, sia in termini di competenza e cassa sia in termini di prelevabilità delle somme necessarie dalla Tesoreria unica. CONCLUSIONI Il 2007 non è stato un anno facile. Il blocco dei prelevamenti di cassa, nonostante lo sblocco della cassa dell Ente voluto dal Parlamento, ha reso molto difficile la realizzazione di quanto previsto nel Piano di gestione per il Nonostante tale quadro complesso e la non certezza, alla data, dello stanziamento ordinario dell Ente, sono state realizzate molteplici iniziative, avviati e conclusi molti progetti e reso visibile il Parco sul territorio con una grande capacità di interlocuzione con la gente. L aver ancora migliorato le attività di Carta Qualità, l aver avviato la certificazione biologica di oltre 20 aziende agricole del territorio, l aver ottenuto la registrazione Emas di area vasta, l aver portato a compimento la riperimetrazione dell area protetta, da soli basterebbero ad essere soddisfatti per il lavoro di un anno. La gente del Parco, dal Presidente ai consiglieri, dai revisori ai dipendenti, dai collaboratori agli amici tutti, cittadini e amministratori, ha fatto si che le Dolomiti Bellunesi abbiano continuato ad essere uno dei migliori parchi del Paese. L obiettivo dei 15 anni è vicino e come dice il claim dell evento: , abbiamo 15 anni: il meglio viene adesso! Grazie a tutti del grande lavoro e del sincero contributo alla vita del nostro Parco. Feltre, 30 ottobre 2007 Il Direttore Dr. V.N. Martino 17

PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007

PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007 Parco PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007 PREMESSA Nel corso del 2006 il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi si è attivato svolgendo un intensa azione di comunicazione e sensibilizzazione dell opinione pubblica

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 115 DEL GIORNO 29 APRILE 2009 PUBBLICATA ALL ALBO DELL ENTE PARCO DAL AL L addetto di Segreteria OGGETTO: REVISIONE E COMPLETAMENTO DEL PIANO DI GESTIONE DELLA ZONA DI PROTEZIONE

Dettagli

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Titolo dello studio: Atti del Convegno-Seravella 2.3.2001 sulla biodiversità coltivata Titolo dello studio: Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI

PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, art. 10 PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI pag. 1 PIANO DELLA PERFORMANCE 2010 Premessa: il presente Piano della Performance

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA 34 REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 15/I93197/2003 P.G. NELLA SEDUTA DEL 02/02/2004 Art. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Integrazione di Agenda 21 ed EMAS in un ambito rurale e naturalistico

Dettagli

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione Relazione sull attività svolta nell anno 2003 L attività in sintesi Dal mese di aprile 2002 ad oggi, aprile 2004 si sono svolte sette sedute plenarie del durante le quali sono state esaminate numerose

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

N. 29/2005 del Reg. Delibere

N. 29/2005 del Reg. Delibere N. 29/2005 del Reg. Delibere VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DELL ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Seduta Ordinaria Oggetto: Approvazione della convenzione fra Parco Nazionale Dolomiti

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: promozione del progresso e delle

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA?

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 Richiesta di consulenza da parte delle aziende

Dettagli

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo:

Tutto ciò premesso, che costituisce parte integrante ed essenziale del presente atto, si sancisce il presente accordo: PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO PILOTA DI RICONVERSIONE COLTURALE, CON FINALITÁ ECOLOGICHE E PAESAGGISTICHE, DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE DEI COMUNI DEL PARCO NAZIONALE DOLOMITI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore Premessa Il Museo Palazzo Corte Metto (ex Museo della Flora, Fauna e Mineralogia) farà parte della costituenda rete museale

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 29.01.2015 con Deliberazione di Consiglio Direttivo n.03 Pubblicato

Dettagli

UN VENETO PIU DIGITALE GRAZIE ALLO SVILUPPO RURALE DECOLLANO I PROGETTI INTEGRATI D AREA RURALI

UN VENETO PIU DIGITALE GRAZIE ALLO SVILUPPO RURALE DECOLLANO I PROGETTI INTEGRATI D AREA RURALI Numero 4 - Luglio 2010 Newsletter a cura della Direzione Piani e Programmi del Settore Primario della Regione del Veneto Diari della Terra Le foto finaliste Serre Massimo Zorzi, Italia 2009 Fotografia

Dettagli

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità della Associazione Sistema Musica - 2015/2018

Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità della Associazione Sistema Musica - 2015/2018 Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità della Associazione Sistema Musica - 2015/2018 A cura del Responsabile della Trasparenza, Dott. Mario Bonada Approvato dal Consiglio d Amministrazione

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

ADESIONE ALLA CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

ADESIONE ALLA CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE ADESIONE ALLA CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Verbale Forum 18 settembre 2012 a cura di Michele Merola (Ambiente Italia per Federparchi) Carta Europea per il Turismo Sostenibile

Dettagli

Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo

Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo Promozione Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo Concessione contributi, finanziamenti e patrocini. Contributi e patrocini possono essere concessi per interventi, opere, iniziative e attività

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO PER ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA

CONVENZIONE QUADRO PER ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA CONVENZIONE QUADRO PER ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA Tra l Ente Regionale per i Servizi all Agricoltura ed alle Foreste (ERSAF), con sede legale in via Copernico 38-20125 MIlano, C.F. n. 03609320969,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279. Istituzione della rete dei musei nazionali di scienza e tecnica (REMUNAST)

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279. Istituzione della rete dei musei nazionali di scienza e tecnica (REMUNAST) Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa delle senatrici CARLONI e CHIAROMONTE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Istituzione della rete dei musei nazionali

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE rende noto Bando Provinciale per l erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo ai sensi della L.R. 11/2009, del Piano triennale

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ Allegato alla determinazione n. 91 del 07.08.2009 AVVISO PUBBLICO DI MOBILITÀ 1. PREMESSA L Agenzia regionale denominata Conservatoria delle Coste della Sardegna è stata istituita con l art. 16 della legge

Dettagli

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014.

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014. Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014. Oggetto: Approvazione del protocollo di intenti da sottoscrivere con il sig. Luca Persiani in caso di aggiudicazione del finanziamento

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) COMPARTO MINISTERI - PERSONALE DELLE AREE FUNZIONALI CONTRATTAZIONE

Dettagli

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC.

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. PAG. 1 OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. L anno duemilaundici, addì due del mese di marzo in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 9,00 Convocata

Dettagli

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009 newsletter N 2 - Dicembre 2009 Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno Come ogni anno, nel mese di dicembre, ha luogo a Roma la Cerimonia di Premiazione dei progetti vincitori del Label

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE OBIETTIVO AZIONI REALIZZATE 1. Migliorare le condizioni di accessibilità delle strutture turistiche 1.1

Dettagli

MISURA 2 Promozione del successo scolastico attraverso strumenti didattici innovativi;

MISURA 2 Promozione del successo scolastico attraverso strumenti didattici innovativi; ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO per le scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado della Regione Lazio, per la presentazione di progetti rispondenti alle priorità di cui al punto 6.1 dell Allegato alla

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI

GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Convegno Standard per i musei della Regione Piemonte GLI STANDARD SUGLI ASSETTI FINANZIARI DEI MUSEI. IL CASO FONDAZIONE TORINO MUSEI Adriano Da Re Torino, 3 Dicembre 2007 Agenda La Fondazione Torino Musei

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE DIRETTORE Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE VISTO VISTA CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA RITENUTA l Art. 3, comma 8 del D.M. 509/99 attraverso il quale le Università possono attivare, disciplinandoli

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/10 INVITO A PARTECIPARE ALLA COSTRUZIONE DI UN CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1.

Dettagli

Linee guida sulla Formazione Continua

Linee guida sulla Formazione Continua Linee guida sulla Formazione Continua In applicazione del Regolamento adottato dal Consiglio Nazionale dell Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati, pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (periodo di riferimento: 2013/2015; allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 7/2013) 1. Introduzione: organizzazioni e funzioni

Dettagli

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA pro Bando per il sostegno di progetti a favore dei Centri Sociali per anziani della provincia di Milano (D.G.P. atti n. 283290 13.3\2008\405 /2008 del /12/2008) ART. 1. - OGGETTO La Provincia di Milano

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ; OGGETTO: PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTI PER LO SVILUPPO DEL LITORALE DEL LAZIO, DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE N.1 DEL 5 GENNAIO 2001 - AZIONE I.1.4. RAFFORZAMENTO DEGLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE E CONTROLLO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Pagina: 1 di 5 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.0 SCOPO DELLA SEZIONE Illustrare la struttura del Sistema di Gestione Qualità SGQ dell Istituto. Per gli aspetti di dettaglio, la Procedura di riferimento

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA SECONDA BOZZA Premessa Il presente regolamento stabilisce le regole per la concessione, il mantenimento e il rinnovo del

Dettagli

c. alla realizzazione e gestione di strutture di servizio per la ricerca e il trasferimento dei risultati della ricerca;

c. alla realizzazione e gestione di strutture di servizio per la ricerca e il trasferimento dei risultati della ricerca; (ALLEGATO 1) Estratto dallo Statuto della Fondazione per la Ricerca e l Innovazione Art. 3 Finalità 1. La Fondazione non ha fini di lucro, e ha lo scopo di realizzare, in sintonia con le strategie e la

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI. Carta dei Servizi

SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI. Carta dei Servizi SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI Carta dei Servizi Sommario 1. Introduzione... 3 2. Obiettivi... 4 3. Attività e destinatari... 4 Le competenze specifiche dell Ufficio Toponomastica sono:... 4 Denominazione

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Art. 1 Oggetto dell avviso pubblico

Art. 1 Oggetto dell avviso pubblico Allegato 1 AVVISO PUBBLICO CONCORSO DI IDEE PER LA PRESENTAZIONE DI IDEE INNOVATIVE E BUONE PRATICHE GIÀ SVILUPPATE E OPERANTI IN TOSCANA COERENTI CON IL TEMA DI EXPO MILANO 2015 NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 Sistemi locali di sviluppo 4. Codice

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

Conosci il tuo ambiente

Conosci il tuo ambiente Conosci il tuo ambiente Progetto di sensibilizzazione alla tutela dell'ambiente Attuazione del protocollo d intesa tra il Corpo forestale e di Vigilanza Ambientale e l'ufficio Regionale Scolastico per

Dettagli

Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014. RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche

Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014. RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014 RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche 1 Sezione Parchi Biodiversità Programmazione Silvopastorale..

Dettagli

Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Piazzale Zancanaro 1-32032 FELTRE (BL) C.F. 91005860258 - P.IVA 00846670255

Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Piazzale Zancanaro 1-32032 FELTRE (BL) C.F. 91005860258 - P.IVA 00846670255 Parco Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Piazzale Zancanaro 1-32032 FELTRE (BL) C.F. 91005860258 - P.IVA 00846670255 ATTUAZIONE PIANO DI GESTIONE 2006 PROPOSTA PIANO DI GESTIONE 2007 INDICE PREMESSA

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Regolamento concorso Scuole e Studenti Zero Emissioni Anno scolastico 2015-2016 Acqua: risorsa infinita? Informazioni preliminari Per l anno scolastico 2015-2016 il

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1546 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore MACCANICO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 MAGGIO 2007 Riconoscimento del carattere nazionale al Bioparco di Roma

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 15 giugno 2007 - Deliberazione N. 1006 - Area Generale di Coordinamento N. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - "Istituzione dell'albo delle strutture

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Num. cod. Fiscale 80012000826 REGIONE SICILIANA Partita I.V.A. 02711070827 ASSESSORATO PER LA SANITA' Dipartimento Ispettorato Regionale Sanitario Segreteria Direzione

Dettagli

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO BERGAMO e PROMOISOLA per la RICHIESTA di CONTRIBUTO a FONDAZIONE CARIPLO

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

Problematiche emerse durante le verifiche ispettive: il punto di vista dell Unità di Monitoraggio (U.M.)

Problematiche emerse durante le verifiche ispettive: il punto di vista dell Unità di Monitoraggio (U.M.) Problematiche emerse durante le verifiche ispettive: il punto di vista dell Unità di Monitoraggio (U.M.) Monica Capasso Ministero della salute Torino, GIQAR 2012 Definizione Formale I principi di BPL sono

Dettagli

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92)

anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) anni '90 : l'ue adotta uno schema di certificazione per la qualità ecologica dei prodotti (Regolamento 880/92) (sostituito dal Regolamento 1980/2000) Art. 1.1 Il marchio ha l obiettivo di promuovere prodotti

Dettagli