CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION"

Transcript

1 I. INTRODUZIONE Un nuovo tipo di mass customization sta ridefinendo le strategie di business e di marketing. Molte aziende offrono prodotti altamente personalizzati in una vasta gamma di categorie. Queste aziende stanno facendo molto più che aprirsi ai nuovi mercati o consegnare prodotti su misura a prezzi più bassi, stanno trasformando la pratica di marketing da seller-centric a buyercentric. La mass customization indica l uso di processi e strutture organizzative flessibili allo scopo di realizzare prodotti e servizi personalizzati allo stesso prezzo dell alternativa prodotta in modo standardizzato e massificato. La mass customization non basta da sola, occorre anche un marketing customizzato (personalizzato).essa è solo un passo verso la realizzazione di un marketing personalizzato. La customerization indica un approccio che combina la mass customization con il marketing personalizzato. L uso della customerization non implica l utilizzo di processi di fabbricazione (manifacturing). Non implica l utilizzo di informazione primaria sui consumatori in quanto sono questi ultimi a dire all azienda cosa vogliono comprare. La mass customization e la customerization sono facce della stessa moneta: entrambi forniscono dei prodotti e servizi che corrispondono meglio alle esigenze dei consumatori. MASS è IT intensive dal punto di vista della produzione. CUSTOMERIZATION è IT intensive dal punto di vista del marketing. Dipende intrinsecamente da Internet e dalla tecnologie correlate (in particolare il WWW) che sono il veicolo per attuare in maniera economica di questo concetto. La customerization inizia con il consumatore che ha un maggiore controllo nell ambito dell intero processo di scambio. Si ridefinisce la relazione impresa-consumatore. UN AZIENDA DIVENTA PER IL CONSUMATORE UN AGENTE CHE AFFITTA PARTI DEL MANIFACTURING, DELLA LOGISTICA E ALTRE RISORSE IN MODO TALE CHE POSSA TROVARE, SCEGLIERE, PROGETTARE E USARE CIO DI CUI HA BISOGNO. ONE TO ONE MARKETING: E basato sull idea di un impresa che conosce il consumatore. Attraverso l interazione con quel consumatore, l impresa impara come trattarlo. E attivato dall impresa e cerca di fornire un prodotto personalizzato anche quando il consumatore non sa cosa vuole in quella particolare occasione di acquisto. PERSONALITATION: Indica la personalizzazione di certe caratteristiche del prodotto che lo rendono conveniente al consumatore, il quale può avere anche ulteriori benefici. Può essere iniziata dall azienda o dal consumatore stesso. Il principale inconveniente delle strategie di one-to-one marketing e personalitation è che bloccano il vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti che utilizzano strategie più sofisticate di personalizzazione. CUSTOMERIZATION: è completamente sotto il controllo del cliente, che lo aiuta ad identificare, e definire ciò che vogliono. Sfrutta un principio BUY TO ORDER = il prodotto/ servizio corrisponde meglio alle esigenze del consumatore. Differenze tra one-to-one marketing, personalitatio, e customerization : 1

2 Nel caso del BTOB = le aziende offrono non solo prodotti personalizzati ma anche la personalizzazione dei processi interni e delle relazioni con i partners della catena di fornitura per rispondere pienamente alle esigenze espresse dai consumatori. VERSO LA PERSONALIZZAZIONE DINAMICA Data l eterogeneità dei prodotti e dei segmenti di mercato, una strategia ottimale per le imprese sarebbe quella di offrire un portfolio di tutte le strategie: o PERSONALITATION o ONE TO ONE o STANDARDIZZAZIONE : i clienti non hanno bisogno di prodotti personalizzati prodotti standardizzati o MASS personalizzazione di un prodotto o servizio a costi ragionevoli o CUSTOMERIZATION ci sono prodotti, che per soddisfare le esigenze dei clienti, hanno bisogno che siano personalizzati. Ma ci possono essere dei costi significativi. I costi e i benefici della customeritation devono essere valutati attentamente Muoversi verso la customerization significa focalizzarsi sui mutevoli desideri e necessità dei clienti, avere un interesse per la personalizzazione e la capacità e l interesse di impegnarsi in un processo di coproduzione. I primi sforzi di customization sono stati computi in forma di made to order (fatti su ordinazione), che richiedevano tempi lunghi e non erano legati ad un sistema di produzione flessibile. L uso di tecnologie avanzate di database a supporto del marketing, l uso di processi di produzione flessibili (manufacturing) hanno permesso alle imprese di produrre su misura del cliente ad un costo che è simile a quello di un prodotto standardizzato realizzato in un mercato di massa. Il secolare trade-off tra un prodotto fatto su misura che risponde alle necessità del cliente e i tempi/costi necessari a consegnare tale prodotto vengono modificati. Man mano che la flessibità di produzione è continuata a crescere si sono potuti avere dei prodotti personalizzati consegnati in poco tempo a costi ragionevoli. Sempre più, però è diventato evidente che la personalizzazione del marketing è un fattore limitante per la realizzazione degli ulteriori benefici dalla mass-customization. I clienti soddisfatti convivono ancora con i prodotti massificati. La mass customization e la customerization possono offrire benefici rilevanti sia all azienda che li offre che ai clienti. Dalla prospettiva del cliente: 1) abilità di progettare prodotti e servizi che incontrano le loro aspettative; Dalla prospettiva dell azienda: 1) riduzione sostanziale dell inventario; 2) opportunità di incrementare la lealtà del cliente; 3) evitare le pitfalls of commoditization; I costi di comunicazione sono diminuiti, i clienti accettano maggiormente l acquisto in rete: questi sono due elementi che enfatizzano maggiormente i limiti della personalizzazione di massa tradizionale. Una considerazione va fatta sul mercato digitale, il quale può essere continuamente 2

3 riconfigurato dal cliente. Solo i prodotti di interesse vengono visualizzati, e si può conoscere ciò che gli altri clienti pensano di un prodotto oppure si può comunicare in una chat si un sito web. Questi sono soltanto alcuni esempi di come il marketing possa ulteriormente personalizzare nell ambito dell ambiente on line. La customerization è non soltanto nuove opportunità ma torna con sé alcuni problemi che il professionista non può non tenere in considerazione. Bisogna agire per creare un nuovo standard nell interazione e nella costruzione del rapporto con il cliente. Quest ultimo va visto come un partecipante attivo non solo nel processo di commercializzazione ma anche nel processo di produzione. Ad un circuito di marketing DC si sostituisce un circuito di marketing AC. Il processo viene guidato dal cliente, il quale necessità di informazioni, di compiere delle scelte in merito anche al prezzo. Gli ambienti tradizionali di marketing continueranno ad esistere e a svolgere un ruolo importante per l economia, mentre un numero crescente di aziende esperirà la personalizzazione e il nuovo tipo di marketing caratterizzato dalla personalizzazione rappresenterà un crescente e sempre più importante segmento di business. Offre nuove opportunità alle aziende che sono pronte ad approfittarne: alla personalizzazione del prodotto ci sarà una personalizzazione dei messaggi. Alla fine basta semplicemente l immaginazione e le risorse per le imprese, sono tutto ciò che può limitarle nell adozione di una strategia di personalizzazione. II. LE IMPLICAZIONI SUL MARKETING DELLA CUSTOMERIZATION La customerization pone in discussione tutto ciò che è stabile nel marketing. Questa disciplina, nata con i mercati di massa, ha la possibilità di elaborare strategie che offrono vantaggi dalla visione del cliente come un partecipante attivo del processo di scambio e di produzione dei beni e servizi offerti. Relazioni: da un cliente passivo ad un cliente attivo Nel marketing tradizionale il cliente è visto come un soggetto passivo, nel caso della customerization è visto come un soggetto attivo che partecipa alle diverse fasi di sviluppo di un prodotto. E sostanzialmente un co-produttore che ha i mezzi per influenzare le politiche e le strategie di un azienda. Bisogni del consumatore: focalizzazione su bisogni non articolati Se il marketing tradizionale si focalizza su bisogni articolati ed espressi dal cliente, la customerization si focalizza anche su quelli non articolati. Le imprese devono quindi impegnarsi a fornire il nuovo prodotto in un processo di istruzione intendendo quest ultimo come parte del processo di progettazione, che guida il cliente attraverso un processo di progettazione e scoperta. In questo modo, poiché è difficile per il cliente dire esattamente cosa vuole. Ciò diventa più facile nel momento in cui gli si fa vedere il prodotto. E questo è possibile ricorrendo alle nuove tecnologie che danno al consumatore un esperienza del prodotto prima che quest ultimo venga prodotto. Un offerta su misura Il database di marketing offre approcci diversi con i quali l impresa può definire un prodotto e un offerta su misura, per incrementare la lealtà, il volume d affari e la ripetizione dell acquisto. Per 3

4 prima cosa le imprese che si sono impegnate in un marketing one-to-one sono brave a gestire questi processi informativi e comunicativi. Dunque le imprese possono offrire ai cliente un basso numero di opzioni, tra le più rilevanti. Si possono usare anche software innovativi Nuovi prodotti: il mondo reale è il laboratorio. La realizzazione del prodotto personalizzato è il frutto della collaborazione tra azienda e mercato. Ripetendo questo processo un certo numero di volte, si ottengono le conoscenze relative alle preferenze del cliente, eliminando tutto ciò che non è attraente (per quanto riguarda gli attributi) e migliorando ciò che viene chiesto più di frequente. Nella mente del consumatore, l azienda non è più un produttore di prodotti ma un fornitore di servizi che offre l accesso agli impianti di fabbricazione e realizzare il proprio prodotto. Quelle che sono le intuizioni del consumatore in merito al prodotto, possono essere utilizzate per plasmare una linea di prodotti di massa. Per sfruttare pienamente i vantaggi della customerization è necessario che le aziende forniscano al reparto R&S un collegamento con il mercato in modo da far entrare i clienti nel laboratorio. Tutti i prezzi sono negoziabili: Il bazar globale Con il mezzo on-line il pricing è diventato molto più flessibile. La tecnologia rende disponibili dei pricing fluidi come si è mai verificato in passato. Il cosiddetto customer-set pricing indica un modello di pricing in cui i clienti propongono dei prezzi all impresa, i produttori determinano se accettare o meno quel prezzo. Dalla broadcast advertising all Interactive Edutainment La formazione è un elemento chiave per il processo decisionale del cliente. Molte aziende stanno cominciando a comprendere l importanza di fornire informazioni complete e dettagliate in modo da trasformarlo in un acquirente sofisticato. La conoscenza, sostenuta attraverso l ambiente digitale, decreta il successo della maggior parte dei siti di customerization. La sensibilità al prezzo dei consumatori diviene meno importante rispetto al godimento del processo di co-produzione del prodotto e del suo utilizzo. Anche la comunicazione si personalizza, dalla one way ads si passa ad una comunicazione interattiva nella quale il consumatore può interagire con il fornitore scegliendo e ricevendo solo le informazioni per lui rilevanti. Questo tipo di comunicazione personalizzata nei contenuti e nei formati diventerà sempre più importante per i consumatori e per le imprese. La distribuzione off-the shelf 4

5 Sta diventando un fattore critico per le imprese quello di fornire ai propri clienti dei canali diretti. Tutto questo non è semplice perché si creano conflitti di canale e molte altre complicazioni che contano sul loro sistema di distribuzione già esistente. Con la partecipazione di partner si può far arrivare il prodotto direttamente nelle mani del cliente, bypassando il punto vendita. Inoltre, per i prodotti digitali, la distribuzione può avvenire elettronicamente, eliminando la necessità di una infrastruttura distributiva fisica. I costi sono lineari qualunque sia la quantità distribuita. Il successo dell e-tailing comporta l uso di strategie distributive creative. Anche il canale distributivo si sta personalizzando: basti pensare al meccanismo riverse portals che aggrega e coordina la consegna, direttamente a casa del cliente, di diversi fornitori. Branding: Il nome del consumatore come brand Gli sforzi per la personalizzazione del prodotto e dell offerta hanno portato ad una personalizzazione anche del brand name. La personalizzazione del brand non si estende solo alle parole ma anche alle immagini. Vantaggio competitivo: il potere della finezza Se in passato ciò che contava erano le grandi strategie, le enormi campagne di marketing per raggiungere il vantaggio competitivo, oggi con strategie di co-marketing, la presenza di canali diretti per raggiungere il consumatore alla forza bruta si sostituisce la finezza. Le aziende che possiedono questa finezza, vengono visti dai mercati finanziari come portatrici di un vantaggio competitivo che offre valore ai clienti. "Nel nuovo ambiente concorrenziale, le grandi non mangiano i piccoli. Il veloce mangia il lento. " III. INTEGRARE LE STRATEGIE DI MARKETING. La customerization, la mass customization, la personalitation e la standardizzazione possono convivere fianco a fianco. Non rimpiazzare il marketing di massa offre ulteriori opzioni su cui competere e sviluppare una strategia di marketing che tenga conto di tutti questi approcci. La sfida per le imprese è riuscire a gestire la personalizzazione con prodotti e servizi massificati. L uso della tecnologia permette di rendere la customerization semplice e poco costosa : in particolare l uso dei database e del datamining aiutano in questo processo. L impresa, in quest ottica si dovrebbe riorganizzare sulla base di processi di nuova generazione integrati a catene di fornitura globali, a sua volta collegati a sistemi CRM che offrono l opportunità di personalizzare non solo la comunicazione ( ma non solo) ma anche i prodotti e i servizi offerti. Per integrare le strategie di customerization con le altre strategie di marketing è necessario creare un portfolio ideale di mass marketing, direct marketing verso segmenti target, marketing interattivo personalizzato ad ogni fase del business. Di questi tre approccio le imprese possono definirne anche una combinazione. E il caso ad esempio dell impresa Acumin Corporation ( fig.6), la quale si è posta il problema di come fare entrare il consumatore nel processo, come comunicare con lui e consegnare il prodotto personalizzato. 5

6 Le sfide della customerization SCAMBIO DI CONOSCENZA CON IL CONSUMATORE Affinché la customerization funzioni effettivamente è necessario che fra impres a e consumatore vi sia scambio di informazioni e conoscenza. L impresa apre i suoi processi e strutture al consumatore; il cliente condivide i suoi atteggiamenti, preferenze, e pattern di acquisto con l azienda. Il trasferimento di conoscenza permette sia all impresa che al cliente di migliorarsi e ciò è possibile grazie ai nuovi media. Inoltre in un contesto sempre più competitivo le imprese devono mettere in campo strutture che incentivino lo scambio di conoscenze sulla base di linee guida in materia di segretezza. Su questo punto le imprese possono ottenere o fornire informazioni per la customerization senza dover conoscere la vera identità del consumatore. Per quanto riguarda le strutture per lo scambio di conoscenza esse possono essere incentivate nel momento in cui il consumatore sente che fornire le informazioni gli permette dei benefici. L azienda può fornire delle strutture in cui portare la conoscenza al servizio del consumatore. La coinjoint analysis è una tecnica statistica che analizza le preferenze del consumatore, e può essere svolta in tempo reale: alla valutazione statistica delle preferenze corrisponde l offerta di un risultato al cliente. Tutto ciò genera valore per il cliente e l impresa IDENTIFICAZIONE DI DIMENSIONI INTANGIBILI. Qualora non si considerasse un marketing personalizzato, ci sarebbe solo una focalizzazione sul prodotto senza tener presenti le esperienze e le percezioni del consumatore. Va dunque personalizzata l esperienza di acquisto e di vendita attraverso un approccio di marketing personalizzao che è l unico approccio in grado di comprendere la necessità non ben articolate del consumatore. ALTE ASPETTATIVE DEL CLIENTE. Con i prodotti personalizzati aumentano le aspettative dei consumatori. In caso di fallimento, la delusione e l insoddisfazione sarà ben maggiore di quella che si avrebbe se avessero comprato un bene standardizzato. Le aspettative sono alte perché i consumatori si attendono un prodotto che risponde perfettamente a quelle che sono le loro esigenze. Per fare ciò è necessario che ci sia una capacità del marketing e della produzione in grado di creare una relazione one-to-one e consegnare il prodotto in maniera efficiente. LIMITAZIONI NELLE OPZIONI OFFERTE AL CONSUMATORE Si è tentati nella customerization di offrire troppe opzioni al cliente. La chiave è offrire la giusta varietà di opzioni in modo che quest ultimo non sia sopraffatto dalle scelte provocando un blocco psicologico. La quantità di personalizzazione dipende anche dalla natura del prodotto soprattutto se deve assicurare un alta performance qualitativa e certe capacità tecnologiche. 6

7 PRICING Chi compra in rete è portato a pagare un range di prezzo più basso rispetto all acquisto off line. Le imprese non dovrebbero focalizzarsi sul prezzo del prodotto ma massimizzare il valore del corso della vita del cliente e basarsi su modelli di prezzi che siano basati sul valore. IV. IMPLICAZIONI E CONCLUSIONI La customerization rappresenta l elemento fondamento del nuovo paradigma di marketing che richiede l integrazione tra le diverse funzioni aziendali: R&D, finanza, marketing, attività operative ecc reinventando la sua struttura organizzativa. Il management dell impresa dovrebbe considerare questi due elementi: 1) Aumento dei contenuti digitali rispetto a tutto ciò che l impresa fa: in particolare per quanto riguarda l offerta e l esperienza di consumo del cliente. Ciò vale, a maggior ragione, per i prodotti digitali, i quali permettono numerevoli opzioni di personalizzazione, ma anche per i prodotti non digitali. Per esempio, anche un automobile o una tazza di cappuccino. 2) Posizionare l impresa affinché diventa la personalizzatrice dell intera industria di appartenenza. La digitalizzazione permette alle imprese di creare un nuovo processo di scambio per il consumatore mettendo insieme la catena del valore dei fornitori e la domanda di un mercato. In questo modo si potrà ottenere una customerization di successo. Un esempio del genere è dato da edmunds.com che, attraverso la customerization, mette insieme il lato della domanda con il lato della fornitura in modo che il consumatore possa ottenere un prodotto personalizzato. 7

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a:

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: Marketing e web Fac Economia - mktg Internazionale 1 1 Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: 2 2 3 3 Legge di Moore Ogni 18 mesi i transistor inseriti in un chip raddoppiano = La

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

XBRL e gestione dei flussi informativi nelle banche

XBRL e gestione dei flussi informativi nelle banche XBRL e gestione dei flussi informativi nelle banche Alberto Balestreri Dottore Commercialista Università di Bologna Agenda 1. Dati, informazioni e conoscenza 2. Tecnologia, uso delle informazioni e creazione

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Master Universitario di I livello in. Comunicazione e Marketing

Master Universitario di I livello in. Comunicazione e Marketing Master Universitario di I livello in Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti del master in Marketing e Comunicazione gli strumenti manageriali indispensabili

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA Il nostro network di specialisti Il vostro network di soluzioni LA STORIA // IL NETWORK // SERVIZI DI STAMPA // DIRECT MARKETING

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Camp for Company. Business Model Generation La tela

Camp for Company. Business Model Generation La tela Camp for Company Business Model Generation La tela marzo 2013 Mario Farias 1 Business Model Generation Come creare un Business Model 2 Business Model Generation 3 Business Model Generation 4 I segmenti

Dettagli

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO?

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO? PREMESSA PERCHÉ B QUADRO? Se per alcuni aspetti c è una convergenza delle soluzioni di e-commerce B2B e B2C - come ad esempio l esperienza di utilizzo e la fruizione da dispositivi mobile - le finalità

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING

TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING PROGRAMMAZIONE + COMPETENZE TEORICHE TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING StudiAssociati 2013 PARLEREMO DI: Cos è il marketing Definizioni e termini fondamentali La customer satisfaction Oltre a questi argomenti

Dettagli

CI SONO MODI MIGLIORI PER FARSI NOTARE ADV BOSCOLO advertising & promotion service Partiamo da una vostra idea per creare un mondo di soluzioni! La nostra missione è creare, sviluppare e attivare campagne

Dettagli

Introduzione al Web Marketing e Social Networking

Introduzione al Web Marketing e Social Networking Introduzione al Web Marketing e Social Networking Relatore: Andrea Baioni www.andreabaioni.it abaioni@andreabaioni.it DEFINIZIONI E DIFFERENZE Marketing tradizionale un sistema integrato di attività, organizzato

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il Geomarketing I Mktg-L13 Il Geomarketing,

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

Obiettivi Generali COS È

Obiettivi Generali COS È Obiettivi Generali COS È Una tecnologia attraverso la quale è possibile fare simulazioni di scenario per comprendere meglio le scelte di marketing e comunicazione. PERCHÈ La progressiva complessità di

Dettagli

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1 Capitolo 7 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Capitolo 7- slide 1 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Obiettivi

Dettagli

Corso di Marketing DIPARTIMENTO SCIENZE SOCIALI, POLITICHE E COGNITIVE. Gaetano Torrisi SIENA a.a 2014-2015

Corso di Marketing DIPARTIMENTO SCIENZE SOCIALI, POLITICHE E COGNITIVE. Gaetano Torrisi SIENA a.a 2014-2015 Corso di Marketing DIPARTIMENTO SCIENZE SOCIALI, POLITICHE E COGNITIVE Gaetano Torrisi SIENA a.a 2014-2015 LEZIONE 12 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO IL MARKETING CONCEPT L insieme delle attività che mirano

Dettagli

Leggi tutta la storia Scoprila nei tuoi dati

Leggi tutta la storia Scoprila nei tuoi dati Leggi tutta la storia Scoprila nei tuoi dati Qlik Sense Riccardo Paganelli 23 Settembre 2015 Qlik: chi siamo... Fondata a Lund, Svezia nel 1993 con sede a Radnor, PA, Stati Uniti 36.000 clienti e 1.700

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

Marketing. Lezione 16 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi

Marketing. Lezione 16 Marketing relazionale e Internet. Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing Lezione 16 Marketing relazionale e Internet Università degli Studi di Padova A.A. 2009-2010 Dott.ssa Silvia Iacuzzi Marketing nel 21mo secolo La new economy si basa sulla rivoluzione digitale

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

DIGITAL COMMUNICATION RICERCHE DI MERCATO WEB PLATFORM GIFTING & GADGETING

DIGITAL COMMUNICATION RICERCHE DI MERCATO WEB PLATFORM GIFTING & GADGETING DIGITAL COMMUNICATION RICERCHE DI MERCATO WEB PLATFORM GIFTING & GADGETING II IV VI VIII Indolceattesa Marketing Solutions è una struttura specializzata nella realizzazione di servizi di marketing per

Dettagli

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Solution Brief SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Business One è una soluzione semplice ed efficace, che soddisfa le esigenze specifiche delle piccole e medie imprese.

Dettagli

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto SERVIZI E SUPPORTO PROCESSI E INIZIATIVE SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO PRODOTTI SOFTWARE SOLUZIONI VERTICALI Realizzazione di maggiore valore con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA IL NOSTRO NETWORK DI SPECIALISTI IL VOSTRO NETWORK DI SOLUZIONI NATO NEL 1957 COME TIPOGRAFIA TRADIZIONALE GRUPPO SANFAUSTINO È

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA

COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA UNA TECNOLOGIA SOLIDA COME L ACCIAIO GRAZIE A M-SOFT Yvo van Werde non avrebbe mai immaginato che il sistema pioneristico che aveva contribuito a sviluppare 19

Dettagli

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE In un mondo del lavoro altamente competitivo, nel quale l offerta turistica è molto vasta e i clienti possono scegliere tra

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo

IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo LA STRATEGIA DI POSIZIONAMENTO ON-LINE IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo collocare il prodotto/servizio nel sistema di percezioni degli utenti rispetto alle varie alternative di scelta percepite

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

Marketing nel commercio elettronico Parte 1

Marketing nel commercio elettronico Parte 1 Marketing nel commercio elettronico Parte 1 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Marketing Marketing: insieme

Dettagli

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE A cura di: Fausto Chironi, Andrea Panichi Cap. 5, Thompson A., Strickland

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o

U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o C O M P E N D I O Con il supporto di: Siemens PLM Sede centrale globale:

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

INNOVATION MANAGEMENT CREARE VALORE e battere la crisi. Il Metodo CreActivity Branding

INNOVATION MANAGEMENT CREARE VALORE e battere la crisi. Il Metodo CreActivity Branding Il Metodo CreActivity Branding Marketing Innovation Management e La Creazione di valore Qualità Project Management ALCUNE DEFINIZIONI STORICHE DEL "VALORE" Porter: Definizione: Differenza positiva tra

Dettagli

La comunicazione degli eventi

La comunicazione degli eventi La comunicazione degli eventi 1 2 Gli strumenti di comunicazione 3 4 Immagine e branding 5 Il branding è l insieme delle attività strategiche e operative relative alla costruzione della marca. Definizione

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Driver di competitività nel settore Autonoleggio Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Il workshop e la ricerca: gli obiettivi operatori del settore autonoleggio, coinvolgendo

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

RIORGANIZZARSI PER CRESCERE CON IL SOFTWARE GESTIONALE

RIORGANIZZARSI PER CRESCERE CON IL SOFTWARE GESTIONALE RIORGANIZZARSI PER CRESCERE CON IL SOFTWARE GESTIONALE Con Passepartout Mexal le aziende possono migliorare in modo significativo l organizzazione e l operatività. Ingest è a fianco delle aziende con servizi

Dettagli

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a:

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: RELAZIONE E COMUNICAZIONE Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: Microsoft Office System 2007 Windows Vista Microsoft Exchange Server 2007 è ancora più potente ed efficace, grazie

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di competitività dei segmenti I Mktg-L06 SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA CONCORRENZA

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi LA STRATEGIA DI INTERNET FASI DELLA STRATEGIA Analisi MARKETING Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi Posizionamento:

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale progetto realizzato con il contributo Segreteria organizzativa Adeguarsi al cambiamento E-commerce e organizzazione

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

Indice di un Business Plan (2)

Indice di un Business Plan (2) Il Piano di Marketing www.docenti.unina unina.it/mario.raffa Corso di Gestione dello Sviluppo Imprenditoriale Prof. Mario Raffa raffa@unina.it it Indice di un Business Plan (2)! 3. Il piano di marketing

Dettagli

La crescita del mercato di prodotti personalizzati: contesto, driver, criticità Osservatorio Mass Customization Report Giugno 2008

La crescita del mercato di prodotti personalizzati: contesto, driver, criticità Osservatorio Mass Customization Report Giugno 2008 La crescita del mercato di prodotti personalizzati: contesto, driver, criticità Osservatorio Mass Customization Report Giugno 2008 Via Durini, 23 20122 Milano Tel. +39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Web Communication Strategies

Web Communication Strategies Web Communication Strategies The internet is becoming the town square for the global village of tomorrow. Bill Gates 1 ottobre 2013 Camera di Commercio di Torino Barbara Monacelli barbara.monacelli@polito.it

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Cap.12 Raggiungere nuovi clienti attraverso il marketing digitale

Dettagli

Operations Management GIA-L03

Operations Management GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Operations Management Operations Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

Le strategie di marketing

Le strategie di marketing Stampa Le strategie di marketing admin in Professione Consulente Con l analisi di mercato è possibile mettere a punto i prodotti o servizi corrispondenti alle esigenze di ogni segmento di mercato. Essa

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo Fasi nell evoluzione del rapporto con mercato Marketing di massa Sono curate la produzione e la promozione del prodotto a livello di massa, per tutti

Dettagli

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali La crescita attraverso le attività commerciali

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali La crescita attraverso le attività commerciali Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali La crescita attraverso le attività commerciali Antonio Catalani Indice Le tipologie di azienda: il prodotto, il mercato e le risorse la

Dettagli

DESIDERO INNOVARE ED ESPANDERE IL MIO BUSINESS CON LA STAMPA DIGITALE

DESIDERO INNOVARE ED ESPANDERE IL MIO BUSINESS CON LA STAMPA DIGITALE DESIDERO INNOVARE ED ESPANDERE IL MIO BUSINESS CON LA STAMPA DIGITALE PRODUCTION PRINTING PRODUCTION PRINTING 2 UN FUTURO BRILLANTE PER LA STAMPA DIGITALE Nel 2004 Konica Minolta è entrata con successo

Dettagli