Analisi del potenziale di sviluppo turistico dell Est Ticino Novembre Giugno 2010 SINTESI DEI RISULTATI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi del potenziale di sviluppo turistico dell Est Ticino Novembre 2009 - Giugno 2010 SINTESI DEI RISULTATI"

Transcript

1 Analisi del potenziale di sviluppo turistico dell Est Ticino Novembre Giugno 2010 SINTESI DEI RISULTATI

2 Sommario 1. Obiettivi 2. Alcune premesse 3. Analisi del potenziale turistico del territorio 3.1 Il profilo del territorio 3.2 Attori e ruoli del territorio 3.3 Il patrimonio storico-culturale 3.4 Il patrimonio ambientale Il patrimonio enogastronomico 3.6 I servizi ricettivi 3.7 I target di domanda attuale 3.8 Il profilo dei visitatori del territorio 3.9 La comunicazione online 3.10 Analisi di benchmark 4. Linee di sviluppo del territorio 4.1 Vision 4.2 Direttrici strategiche 4.3 Azioni 4.4 Gli ambiti di sviluppo del progetto 2

3 1. Obiettivi

4 OBIETTIVI della ricerca La ricerca è stata commissionata dal Consorzio dei Comuni dei Navigli, nell ambito dell accordo di partenariato con Assolombarda, con i seguenti obiettivi: supportare il Consorzio dei Comuni dei Navigli e Assolombarda nella messa a puntoenella condivisione con i principali stakeholder di una agenda strategica per lo sviluppo turistico del territorio dell Est Ticino fornire la base conoscitiva indispensabile per la formulazione di un Piano Strategico Territoriale definire specifici progetti e ambiti di collaborazione per la realizzazione del Piano su cui attrarre consensi di partner potenziali a livello nazionale e internazionale 4

5 2. Alcune premesse

6 PREMESSA: la matrice produttiva Dal punto di vista produttivo l area ha seguito prima un processo di industrializzazione e successivamente di sviluppo del settore terziario La dimensione media di queste attività è piccola, con alcune medie aziende, che potrebbero essere valorizzate a fini turistici attraverso i Musei d Impresa Il territorio non ha finora espresso una vocazione di tipo turistico, posizionandosi come area di residenza per pendolari con Milano più che come destinazione per escursionisti e turisti Aziende del territorio, per settori di attività Settori di attività % sul totale Servizi 16,52 Attività artigianali di beni specifici 11,72 Attività industriali 9,31 Autorimesse e magazzini 8,26 Negozi (abbigliamento, calzatura, ect.) 7,12 Attività artigianali (falegname, idraulico, ect.) 6,43 Altri settori 40,65 Totale 100 Fonte: database Consorzio Navigli Attività legate (DIRETTAMENTE E NON) al turismo Numero aziende % sul totale Totale aziende del turismo ,13 Totale altre aziende ,87 Totale aziende Fonte: database Consorzio Navigli 6

7 PREMESSA: la percezione attuale NOTORIETA E a conoscenza di questi luoghi? (% si) VISITA Li ha già visitati o intende visitarli? (% si) Duomo 98% Duomo 95% Teatro La Scala 86% Castello Sforzesco 73% Castello Sforzesco 80% Quadrilatero della moda 66% Quadrilatero della moda 75% Teatro La Scala 60% Cenacolo 67% Navigli 59% Navigli 61% Cenacolo 48% Abazia di Sant Ambrogio 57% Abazia di Sant Ambrogio 46% Brera 54% Brera 46% Cimitero Monumentale 39% Cimitero Monumentale 25% II campione (n = 1.285) rispecchia la composizione dei flussi turistici della città E' a conoscenza dei Navigli? Fonte: MTM e Comune di Milano 2007 No 12% 88% 39% Si 62% 38% 61% Italiani Stranieri Da interviste dirette a un campione di turisti a Milano, emerge la presenza di un brand Navigli. La notorietà e l interesse a visitare i Navigli diminuiscono per i turisti internazionali

8 PREMESSA: la percezione attuale 10,0 9,0 Che giudizio dà ai seguenti aspetti di Milano? (valori medi su un punteggio da 1 a 10) business li leisure totalet 8,0 7,0 6,0 10,0 Architettura Ev. Musica Ev. Cult. Enogastr. Ev. Sport Teatri Musei Vita Nott. Shopping 9,0 8,0 7,0 6,0 Verde Pulizia strade Sicurezza Qual/prezzo Info. Tur. Trasp. Loc. Trasp. Qual. Interurb. Ricettività 1032 interviste II campione rispecchia la composizione dei flussi turistici della città Fonte: Osservatorio Turistico della Regione Urbana Milanese, 2009 Le risorse turistiche del territorio dei Navigli si prestano ad arricchire l offerta turistica di Milano es. enogastronomia - e a migliorarne alcune criticità, quali la presenza di aree verdi e il rapporto qualità-prezzo 8

9 PREMESSA: la rilevanza del progetto Il territorio dell Est Ticino rappresenta un ambito prioritario di intervento per: rafforzare l attrattività della destinazione Milano e superare alcuni punti di debolezza della sua immagine percepita (verde, enogastronomia, rapporto qualità/prezzo dei servizi ) realizzare alcuni progetti strategici per EXPO 2015 ( Vie d acqua, Vie di terra) attraverso la valorizzazione delle sue infrastrutture di mobilità lenta e del patrimonio ti i di risorse localili La ricerca ha consentito di tradurre queste evidenze in linee di intervento prioritarie e di dimostrare la presenza di un significativo potenziale di sviluppo turistico autonomo del territorio dell Est Ticino 9

10 3. Analisi del potenziale turistico del territorio

11 3.1 PROFILO DEL TERRITORIO dimensione medio-piccola: 52% dei Comuni meno di abitanti ti (di questi 38% < ) Rete autostradale, stradale e ferroviaria di Milano e del territorio dei 24 comuni densità abitativa piuttosto bassa (dimensione ambientale preservata) aree navigabili sono un importante risorsa per la mobilità lenta accessibilità elevata (Malpensa, 3 tratte autostradali, ampliamento collegamenti e stazioni sa ferroviarie) e) mobilità interna favorita da vie turisticamente appealing : Navigli e rete di piste ciclabili Strade statali e provinciali Autostrade Ferrovia Navigli 11

12 3.2 ATTORI E RUOLI DEL TERRITORIO governance piuttosto frammentata: numerosi attori e parziale sovrapposizione di ruoli progettualità articolate anche dal basso nessuno ha competenze focalizzate unicamente sul turismo, e, fino al 2009, nessuno prevedeva una rappresentanza mista pubblico/privata: la creazione del Sistema Turistico Metropolitano può rappresentare incontro tra queste due sfere con una focalizzazione sul turismo Consorzio Navigli: esempio di cooperazione di successo anche se copre un area geografica a macchia di leopardo che non copre tutta l area dell Est Ticino 12

13 3.3 IL PATRIMONIO STORICO-CULTURALE Metodologia DATABASE Costruzione di un database di dati ricavabili dalle fonti A,B,C,D,E e costituito da 140 record. FONTE A -leguide turistiche più significative per il territorio (Guida rossa TCI Regione Lombardia, Guida verde TCI, Provincia di Milano) FONTE B - la banca dati turistica della Provincia di Milano FONTE C - gli itinerari promossi dal Consorzio Navigli FONTE D - gli itinerari promossi dalla Provincia di Milano FONTE E - le guide cartacee scaricabili dal sito web della Provincia di Milano e relative al territorio di riferimento Fonte integrativa: FONTE F le informazioni turistiche e il sito web del Consorzio Navigli che comprendono un elenco (non esaustivo) di risorse storico-culturali del territorio. Nota: per la rilevazione delle risorse del comune di Casorate Primo, che si trova in provincia di Pavia, è stato analizzato anche il sito turistico della Provincia di Pavia. VALUTAZIONE Livello di eccellenza del patrimonio storico-culturale (presenza in tutte le fonti) Livello di notorietà del patrimonio storico-culturale ( spazio guida dedicato alle singole risorse) 13

14 3.3 IL PATRIMONIO STORICO-CULTURALE consistente dal punto di vista quantitativo (139 attrattori) Concentrazione territoriale del patrimonio storico-culturale scarsamente differenziato (edilizia civile, religiosa e rurale) concentrato nell area centrale del territorio e in quella meridionale attrattori di eccellenza costituisconoil 15% del totale; limitato livello di notorietà: il 13% ha un livello di notorietà alto o molto alto scarsamente valorizzato: gli itinerari della Provincia di Milano comunicano solo il 27% del patrimonio alta concentrazione di risorse storico-culturali media concentrazione di risorse storico-culturali li Fonte: elaborazione propria su softwaregoogle Earth medio-bassa concentrazione di risorse storico-culturali bassa concentrazione di risorse storico-culturali (risorse locali non rilevate nelle fonti) Eccellenze storico-culturali del territorio 14

15 3.4 IL PATRIMONIO AMBIENTALE Metodologia Implementazione di un database popolato con i dati ricavabili dalle fonti sotto indicate Fonti informative ARPA Lombardia, rapporto 2006 (www.arpalombardia.it ) Provincia di Milano, settore agricoltura Guida Rossa Lombardia, Touring Club Italiano (www.provincia.milano.it/agricoltura) Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Provincia di Milano, settore ambiente (www.minambiente.it) (www.provincia.milano.it/ambiente) PisteCiclabili.com, com il sito degli itinerari cicloturistici italiani in modalità wiki (www.pisteciclabili.com) Portale dei Parchi italiani, Provincia di Milano (www.visitamilano.it ) Provincia di Milano, Atlante dei Parchi Locali di Interesse Sovracomunale (PLIS), Milano 2008 Provincia di Milano, Atlante sistema fluviale lombardo, Milano 1990 Provincia di Milano, Dal Naviglio Grande al Ticino, Milano 1984 Provincia di Milano, Database sezione natura (http://milanomese.provincia.it ) Provincia di Milano, Nei Parchi con Leonardo, Milano 2006 Provincia di Milano, settore Pianificazione Territoriale (www.provincia.milano.it) Provincia di Milano, settore turismo Provincia di Milano, settore turismo, itinerari turistici (http://www.visitamilano.it/turismo/itinerari.html) Regione Lombardia, area Parchi (www.parchi.regione.lombardia.it ) Sistema informativo Statistico Enti Locali, Regione Lombardia (www.sisel.regione.lombardia.it) 15

16 3.4 IL PATRIMONIO AMBIENTALE Il patrimonio ambientale è senza dubbio il punto di forza dell area offerta è ampia e differenziata (due parchi regionali e importanti tivie d acqua) 20 punti parco Ticino e 4 punti parco agricolo Sud Milano contribuiscono alla promozione del territorio l offerta è distribuita omogeneamente nel territorio: in tutti i 24 Comuni insiste almeno un elemento di interesse ambientale e in particolare 21 Comuni su 24 appartengono ad un parco regionale solo il 21% dl del patrimonio ti i è inseritoit negli itinerarii promossi dalla Provincia di Milano un punto di interesse è costituito dalle piste ciclabili. Esistono 19 diversi itinerari. Il 68% è rappresentato da piste ciclabili (40%) o ciclopedonali (28%), pertanto altamente fruibili. In 17 Comuni (sui 24 del Consorzio) passa almeno una pista ciclabile Parchi e vie d acqua nel territorio del Consorzio Navigli Fonte: elaborazione propria su software Google Earth 16

17 3.5 IL PATRIMONIO ENOGASTRONOMICO Metodologia Implementazione di un database popolato p con i dati ricavabili dalle 19 fonti informative (dettaglio nel Rapporto integrale) di settore, locali e nazionali Sulla base delle informazioni emerse dall analisi delle fonti sono state definite tre tipologie di strutture enogastronomiche: ristoranti, osterie, trattorie di eccellenza: rilevati dalle fonti A, B, C, D, E. appartengono a questa tipologia i ristoranti, le osterie e le trattorie: - segnalati dalle più affermate guide turistiche (Michelin, Gambero Rosso, Touring Club Italiano); - certificati con il marchio di qualità "Denominazione di Cucina Ambrosiana" (DeCA), assegnato dalla Camera di Commercio di Milano agriturismi con servizio di ristorazione: rilevati dalle fonti F, G, J (Provincia e Guida Parco Agricolo Sud) appartengono a questa tipologia gli agriturismi che prevedono anche il servizio ristorante punti vendita in cascina: rilevati dalle fonti G, H, I (Provincia e Guida Parco Agricolo Sud) appartengono a questa tipologia i punti vendita, generalmente in cascina, che dove è previsto l acquisto diretto di prodotti agroalimentari tipici e del territorio 17

18 3.5 IL PATRIMONIO ENOGASTRONOMICO Concentrazione geografica dell offerta enogastronomica 61% delle strutture enogastronomiche sono punti vendita in cascina, fiore all occhiello del territorio 24% delle strutture sono agriturismi 15% ristoranti, osterie e trattorie di eccellenza l area più attrattiva è quella meridionale, dove si concentra il 48% dell offerta forte grado di integrazione delle attività commerciali di sola vendita prodotti con altre iniziative: il 43% delle strutture organizza anche attività didattico-culturali e attività sportivo-ricreative 13 prodotti tipici, tra i quali se ne identificano 2amarchio certificato (Mortadella Bologna IGP e Gorgonzola DOP), che pur non essendo esclusivi di questo territorio, possono rappresentare un vero valore aggiunto per l attrazione di specifici segmenti turistici 5fattoriedidattichee 7 aziende di agricoltura biologica, importanti testimonianze di una realtà imprenditoriale mediopiccola che sta coniugando innovazione e tradizione per essere e restare competitiva nel lungo periodo Fonte: elaborazione propria su software Google Earth alta concentrazione di risorse enogastronomiche media concentrazione di risorse enogastronomiche medio-bassa concentrazione di risorse enogastronomiche bassa concentrazione di risorse enogastronomiche (risorse locali non rilevate nelle fonti) 18

19 3.6 I SERVIZI RICETTIVI offerta alberghiera di qualità (4 stelle = 54% camere), ma poco sviluppata (13 strutture in tutto il territorio) offerta extralberghiera è in crescita, ma ancora insufficiente per generare un aumento della carrying capacity complessiva dei 24 comuni offerta alberghiera ha registrato un modesto incremento, passando da 9 a 13 hotel, pari, in camere, ad un aumento del 28% per numerosità, le strutture extralberghiere sono quelle che hanno trainato lo sviluppo complessivo dell offerta di servizi ricettivi tra queste, i B&B sono il tipo che ha registrato la maggiore diffusione nel territorio Tipologia Categoria Var Alberghiero 1 stella Esercizi 2 2 0% Camere % 2 stelle Esercizi % Camere % 3 stelle Esercizi % Camere % 4 stelle Esercizi % Camere % Totale esercizi alberghieri % Totale camere in esercizi alberghieri % Extra-alberghiero Alloggi in Esercizi affitto B&B Esercizi Totale esercizi extra-alberghieri Totale esercizi ricettivi % Agriturismi Esercizi Nd 10 - Totale complessivo % 19

20 3.7 I TARGET DI DOMANDA ATTUALE L incidenza dei flussi turistici dei 24 comuni soci del Consorzio è modesta sia rispetto ai flussi di Milano e Provincia (1,2%), sia della sola Provincia (3,7%) I flussi turistici di Milano e Provincia (Presenze in milioni) ,12 0,13 0, , ,13 0,12 3,06 3,00 3,17 3,24 3,41 2,73 3,43 3,33 6,24 7,02 7,34 7,52 7,37 7,04 7,15 7, Comune di Milano Comuni della Provincia Comuni del Consorzio L incidenza dei flussi turistici dei comuni del Consorzio 12% 1,2% 32,2% 66,5% 2006 La permanenza media (dati in giorni) Perm. media comuni Consorzio Perm. Media Milano e Provincia Fonte: Provincia di Milano Var 06/01 1,5 1,5 1,6 1,4 1,4 1,4-7% 2,5 2,3 2,3 2,2 2,2 2,1-16% La permanenza media è breve, inferiore ai valori medi di Milano e Provincia e in diminuzione. Ciò indica un turismo mordi e fuggi che lascia poco valore sul territorio 20

21 3.7 I TARGET DI DOMANDA ATTUALE La stagionalità mensile dei flussi turistici indica una prevalenza di turisti business. I flussi leisure sono spontanei e si compongono prevalentemente di escursionisti concentrazione delle presenze in 3 comuni Cusago (46,7%), Gaggiano (18,1%) e Vittuone (8,6%) 8,6% 1% 4,5% 0,1% 18,1% 1,9% ,0% 6,7% 5,4% Presenze 46,7% ARLUNO BERNATE TICINO BOFFALORA SOPRA TICINO BUSCATE BUSTO GAROLFO CORBETTA CUSAGO GAGGIANO MESERO MORIMONDO OZZERO VITTUONE Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Fonte: Provincia di Milano 21

22 3.8 PROFILO DEI VISITATORI DEL TERRITORIO Stagionalità mensile dei visitatori Evoluzione dei visitatori % % Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Fenomeno fortemente stagionale, vincolato dalla navigazione, e in accentuazione Trend di netta crescita con incrementi annui significativi 2009 Mix visitatori per provenienza Mix visitatori per tipologia 4% 2% 48% 38% 43% 36% 58% 52% 62% 57% Et Extra-regionale Internazionale Nd Regionale Visitatori prettamente locali e spontanei Fonte: Consorzio dei Comuni dei Navigli Gruppi/Associazioni Individuali Mix piuttosto equilibrato di gruppi (57%), e visitatori individuali (43%) 22

23 3.8 PROFILO DEI VISITATORI DEL TERRITORIO I servizi richiesti dai gruppi I tipi di pacchetti venduti ai gruppi 32% 44% 43% 52% 40% 41% 17% 16% 16% % 18% 10% 10% 4% 4% 4% 3% 62% 64% Scuole Istituzioni Gruppi leisure ADV Aziende Associazioni Itinerari Navigazione Navigazione + itinerar Il mix di prodotto ha visto un aumento del peso a favore dei prodotti più completi I canali di prenotazione Gruppi Pax Le associazioni rappresentano il 62% dei gruppi e il 64% dei visitatori, con un numero medio di 46 persone per gruppo Durata della visita % 4% nessuna 34% 26% 40% 17% 13% telefono mista (call center, Cons. Nav., Voucher, nessuna) nd Elevata capacità di gestione dei flussi derivante dalla significativa percentuale di prenotazioni. Ancora poco utilizzato il canale online Fonte: Consorzio dei Comuni dei Navigli 37% 37% 1 giornata 28% 24% 33% 21% 21% 14% 14% 17% ½ giornata Aumento dell incidenza delle escursioni giornaliere che consentono di generare e trattenere maggiore valore sul territorio 23 2 h 1 h 30 minuti

24 3.9 LA COMUNICAZIONE ONLINE Dall analisi politiche di promozione onlinedaparte di un campione di 70 attori del territorio (i 24 comuni, la Provincia di Milano, 7 Associazioni e Parchi, 39 operatori turistici), sono emerse alcune criticità che attualmente caratterizzano la comunicazione online: una limitatissima presenza di strumenti di web 2.0; ad oggi gli attori che ne sfruttano le potenzialità sono una piccola fetta rappresentata esclusivamente da operatori ricettivi una debole capacità di networking online,, con scarsa presenza di link ad attrazioni e a partner della destinazione una scarsa dotazione di informazioni rivolte ai turisti e utili all organizzazione del viaggio per il turista fai da te un limitato utilizzo del booking on-line non è ancora stato sviluppato appieno dagli attori del territorio infine, si rileva un basso grado di internazionalizzazione, infatti pochissimi siti hanno una versione in lingua straniera; questo rappresenta una forte criticità che preclude l apertura al mercato internazionale 24

25 3.10 ANALISI BENCHMARK Prima analisi descrittiva di casi internazionali di sviluppo turistico collegato a canali che possano offrire spunti interessanti per il progetto dei Navigli Lombardi Il campione è formato da 8 casi di vie d acqua e canali artificiali i significativi ifi i per dimensionei della rete, caratteristiche dei territori interessati, risultati ottenuti nella valorizzazione a fini turistici - I Canali della Riviera del Brenta, Italia; - I Canali Olandesi; - Il Canal Du Midi, Francia; - Il Canale Saint-Martin, Parigi, Francia; - Le Vie d acqua storiche del Regno Unito; - I Canali dello Stato di New York; - Il Canale Rideau, Canada; - Il Canale Lachine, Quebec, Canada. 25

26 3.10 ANALISI BENCHMARK L analisi ha evidenziato che: i canali lombardi presentano alcuni vantaggi comparativi in termini di ricchezza delle risorse naturali e culturali e di significati da valorizzare (es narrazioni collegate alle icone e ai valori dell identità di Milano: Leonardo, l innovazione, l imprenditorialità ) esistono quattro aree di approfondimento che possono offrire spunti di progettazione interessanti al territorio dell Est Ticino : il sistema di governance lo sviluppo dei territori analizzati si fonda, innanzitutto, sulla qualità del coordinamento tra gli attori locali sistemi attraverso diverse forme di gestione sovraordinata i canali come importante risorsa per i residenti questa integrazione sinergica tra funzione locale e turistica favorisce una vitalità dei canali e un miglioramento della loro attrattività la costruzione di un sistema di offerta integrato ha favorito la nascita di una serie di servizi ad essi collegati quali strutture ricettive, noleggio di barche, attività ristorative, musei legati alla navigazione, percorsi ciclopedonali apportando al territorio molteplici ricadute positive, sia economiche che sociali il ruolo dei canali artificiali come propulsori di importanti progetti di rigenerazione urbana attraverso un processo di riqualificazione dei canali e delle vie d acqua dacqua diventa possibile la creazione di nuovi spazi pubblici fruibili sia da residenti che da turisti 26

27 4. Linee di sviluppo del territorio

28 4.1 VISION L analisi i del patrimonio i di risorse del territorio i dell Est Ticinoi suggerisce il seguente posizionamento: Est Ticino come destinazione turistica attrattiva e di qualità, destinata al turismo slow, impostata su un mix di prodotto ambientale e enogastronomico e connotata dalla presenza di alcune eccellenze storico/culturali; collegata per temi e icone (es. Leonardo) alla destinazione Milano e complementare ad essa come the green off Milan. Questo tipo di rapporto con Milano consente di superare le debolezze dell attuale posizionamento percepito della città in relazione ai temi di qualità della vita e sostenibilità 28

29 4.2 DIRETTRICI STRATEGICHE Numero Direttrice i strategica t Obiettivo direttrice strategica 1 direttrice strategica 2 direttrice strategica 3 direttrice strategica 4 mobilità slow ricettività extra alberghiera prodotti e eccellenze del territorio comunicazione e marketing migliorare e promuovere la mobilità slow dei visitatori nel territorio attraverso il potenziamento della navigazione e della rete ciclabile potenziare un offerta ricettiva coerente con il posizionamento desiderato, sostenendo l extra-alberghiero, innalzandone il livello qualitativo, articolandola per range di prezzo, dal low cost all upscale. valorizzare vocazioni, eccellenze, identità del territorio in un sistema di offerta integrato, articolato in diverse motivazioni/vocazioni di soggiorno, caratterizzato da servizi di qualità e fondato sulla gestione consapevole dll delle risorse localili sviluppare e comunicare un brand di destinazione e potenziare la promozione direttrice strategica 5 governance e coordinamento affermare forme di coordinamento e indirizzo del sistema locale, definire e rafforzare il ruolo del Consorzio Navigli e favorire forme di collaborazione pubblico privato 29

30 4.3 AZIONI Direttrice strategica 1: MOBILITÀ SLOW Obiettivo: migliorare e promuovere la mobilità slow dei visitatori nel territorio attraverso il potenziamento della navigazione e della rete ciclabile Azioni: sviluppare la navigazione e valorizzare la navigabilità; auspicabile superare alcuni vincoli strutturali (es. flotta di battelli) potenziare la rete ciclabile ed escursionistica, per sviluppare la mobilità lenta introdurre nuovi mezzi di trasporto a basso impatto ambientale (es. auto o bus elettrici) creare sinergie tra i diversi sistemi di trasporto el intermodalità come stile di fruizione turistica(modalità bici+treno, bici+bus, bici+traghetto, e così via); tale azione, oltre a dare una forte spinta turistica all area, permette di generare anche una riduzione dei costi economici della mobilità, una migliore qualità della vita, una riduzione del traffico e dell'impatto inquinante causato dall'uso generalizzato e spesso improprio dei sistemi di trasporto a motore e in particolare dell'autovettura privata sviluppare il confronto e lo scambio di esperienze con altre destinazioni internazionali caratterizzate dalla presenza di waterways, attraverso la partecipazione a progetti europei sul modello Waterways Forward (Interreg IVC) che ha già visto la partecipazione di Navigli Lombardi s.c.a.r.l., oltre alla Provincia di Ferrara in Italia e altri 15 partner europei prevedere un piano di segnaletica turistica orientata alla conoscenza del territorio attraverso i sistemi di mobilità dolce (bici, escursioni a piedi ) sollecitare una riduzione della cartellonistica pubblicitaria 30

31 4.3 AZIONI Direttrice strategica 2: RICETTIVITA EXTRA-ALBERGHIERA Obiettivo: potenziare un offerta ricettiva coerente con il posizionamento desiderato, sostenendo l extra-alberghiero, innalzandone il livello qualitativo, articolandola per range di prezzo, dal low cost all upscale. Azioni: incentivare il recupero del sistema rurale e delle cascine (ex. progetto 100 cascine) e la conversione di altri spazi esistenti (vecchi cortili, immobili di valore storico) Incentivare lo sviluppo di forme di ricettività extra-alberghiere (agriturismo, B&B) sviluppare forme di ricettività innovative (ex. albergo diffuso, nuovi moduli architettonici), coerenti con i nuovi segmenti di mercato e con la personalità delle componenti del territorio la presenza di vaste aree verdi limita lo sviluppo delle strutture ricettive. Pertanto, un eventuale sviluppo deve tener conto del contenuto numero di residenti che abitano la zona (in media abitanti per comune) al fine di evitare squilibri tra capacità di carico e flussi turistici creazione di un servizio di informazione sui finanziamenti e di assistenza per la nascita e il sostegno di nuove attività imprenditoriali nel campo dellaaccoglienza e ospitalitàturistica 31

32 4.3 AZIONI Direttrice strategica 2: RICETTIVITA EXTRA-ALBERGHIERA Azioni (continua): sostenere lo sviluppo della cultura dell ospitalità presso gli operatori, attraverso interventi di formazione su argomenti specifici e tecnici (accoglienza, risorse del territorio, lingue straniere, informatica) sviluppare forme di incentivazione della qualità erogata, attraverso la creazione di un circuito locale di strutture doc e/o un sistema di classificazione locale promuovere le azioni green degli operatori, attraverso un sistema premiante per le aziende più orientate alla sostenibilità e alla tutela e promozione del territorio; per le strutture turistiche appartenente al territorio si può sollecitare la partecipazione p anche a progetti già attivi, come ad esempio la Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010, che mira alla creazione di un circuito di operatori in grado di esprimere un alto livello di integrazione tra la qualità dei servizi offerti e una particolare sensibilità per i valori dell ambiente, del paesaggio e della cultura locale 32

33 4.3 AZIONI Direttrice strategica 3: PRODOTTI E ECCELLENZE DEL TERRITORIO Obiettivo: valorizzare vocazioni, i eccellenze, identità del territorio i in un sistema di offerta integrato, t articolato t in diverse motivazioni/vocazioni di soggiorno, caratterizzato da servizi di qualità e fondato sulla gestione consapevole delle risorse locali Azioni : identificare i segmenti trainanti su cui puntare tra i quali lo studio ha identificato: il turismo d affari daffariee quello fieristico integrabili con il sistema delle risorse locali, con l obiettivo di allungare la permanenza media o contribuire a creare notorietà del territorio per un turismo leisure il turismo enogastronomico: segmento ormai consolidato da alcuni anni ma con ancora fortissime potenzialità di sviluppo gli short break, in particolare autunnali e primaverili, per riposo e relax, in grado di valorizzare le risorse ambientali e le forme ricettive extra-alberghiere alberghiere di alta qualità gli short break indirizzati a Milano, integrabili con il sistema delle risorse del territorio l escursionismo (degustazioni, acquisto di prodotti del territorio e visite nel circuito delle cascine), che oltre a favorire la conoscenza del territorio, favorisce la consapevolezza e lo sviluppo di una immagine turistica del territorio i flussi di turismo culturale urbano uba indirizzato a Milano e non, o, integrabili in percorsi e prodotti natura-cultura a u a le vacanze attive e outdoor, in grado di valorizzare il turismo nelle aree protette, di dare impulso alle attività ricettive e ristorative agricole e integrabili con i prodotti culturali il turismo scolastico, che oltre a garantire un volume consistente di clientela e generare un positivo passa-parola, rappresenta un importante veicolo per il rinnovamento della clientela leisure il turismo degli eventi speciali, che contribuisce a valorizzare l immagine territoriale 33

34 4.3 AZIONI Direttrice strategica 3: PRODOTTI E ECCELLENZE DEL TERRITORIO Azioni (continua): definire le priorità nella gestione delle combinazioni prodotto/mercato: prevedere un piano di sviluppo differenziato sulla base dell attuale grado di fruibilità delle risorse, della loro notorietà o potenziale di crescita. Il territorio dispone infatti di: risorse immediatamente commercializzabili come prodotti, che necessitano solo di un supporto in termini di promozione e comunicazione, mirato a specifici target risorse con potenziale, per le quali è invece auspicabile un azione più articolata t di interventi ti strutturali tt oppure di promozione e inserimento sistemi di offerta integrati risorse da riposizionare, per le quali si rileva un potenziale significativo ma oggi gestito in modo inadeguato o con strategie orientate al mercato locale e al breve periodo risorse da sviluppare completamente, lt t che si trovano ad uno stadio inizialei i del processo di valorizzazione i turistica ti per i quali è necessario decidere se stimolare lo sviluppo o abbandonare, tenendo conto di fattori quali la limitata possibilità di intervenire su alcuni elementi dell offerta, condizioni ambientali negative (urbanizzazione) solo parzialmente modificabili o recuperabili e, in alcuni casi, limitata attrattività turistica che li rende poco interessanti per specifici mercati (es. medio e lungo raggio) e/o poco strategici t i per lo sviluppo dell immagine i del territorio i 34

35 4.3 AZIONI Due esempi: promuovere maggiormente le risorse immediatamente commercializzabili come prodotti, che necessitano solo di un supporto in termini di promozione e comunicazione, mirato a specifici target (es. Canonica di Bernate che viene citata nella banca dati turistica della Provincia di Milano (Fonte B) ed è inserita negli itinerari promossi dal Consorzio Navigli (Fonte C), ma non viene citata dalle guide turistiche a diffusione nazionale (Fonte A), né in quelle scaricabili dal sito web della Provincia di Milano (Fonte E) valorizzare le risorse con potenziale, per le quali è invece auspicabile un azione più articolata di interventi strutturali oppure di promozione e inserimento in circuiti specifici; ad esempio il Ponte sul Naviglio di Boffalora Sopra Ticino è citato da tutte le fonti prese in considerazione, sia da quelle locali che da quelle nazionali ma costituisce l unica risorsa di questo tipo (ponti sul Naviglio) che viene promossa dal punto di vista turistico, mentre il Naviglio Grande è attraversato da ben 46 ponti, alcuni dei quali di potenziale interesse turistico [1] Fonte: Istituto per i Navigli Associazione Amici dei Navigli,

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

La domanda tiene, ma la crisi emerge

La domanda tiene, ma la crisi emerge La domanda tiene, ma la crisi emerge Sintesi del II Rapporto sulla Competitività e attrattività del sistema turistico Gardesano Roberta Apa Luciano Pilotti, Alessandra Tedeschi-Toschi Università di Milano

Dettagli

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1 Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori www.isnart.it 1 Le aree protette in Italia 23 parchi nazionali (oltre 500 comuni) 152 parchi regionali (quasi

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

Il turismo e l immagine della Brianza

Il turismo e l immagine della Brianza Il turismo e l immagine della Brianza Sistema delle imprese, flussi turistici e percezione del territorio A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Luglio 2011 I numeri del

Dettagli

BIKE NETWORK PIANO STRATEGICO PER LO SVILUPPO DELLA RETE CICLOTURISTICA TRASFRONTALIERA DELL AREA INTERREG DELLA REGIONE LOMBARDIA E DELLA SVIZZERA

BIKE NETWORK PIANO STRATEGICO PER LO SVILUPPO DELLA RETE CICLOTURISTICA TRASFRONTALIERA DELL AREA INTERREG DELLA REGIONE LOMBARDIA E DELLA SVIZZERA Corso di formazione per accompagnatori ciclo-turistici Milano, 15 febbraio 2008 BIKE NETWORK PIANO STRATEGICO PER LO SVILUPPO DELLA RETE CICLOTURISTICA TRASFRONTALIERA DELL AREA INTERREG DELLA REGIONE

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali

Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali LE COMBINAZIONI ECONOMICHE Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali Che rappresentano le operazioni economiche

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Il turismo a Milano: le condizioni per lo sviluppo

Il turismo a Milano: le condizioni per lo sviluppo Il turismo a Milano: le condizioni per lo sviluppo 1 INDICE 1. Il turismo a Milano: da sviluppo spontaneo a destination management 2. La rilevanza della DMO per lo sviluppo della destinazione 3. Il ruolo

Dettagli

Assistenza tecnica funzionale alla

Assistenza tecnica funzionale alla definizione, alla identificazione ed alla gestione dei Sistemi Turistici Locali ed altri idonei strumenti di promozione turistico territoriale complementari agli STL, e utili allo sviluppo del settore

Dettagli

BANDIERE ARANCIONI da certificazione a opportunità di sviluppo territoriale - 17 MARZO 2008 -

BANDIERE ARANCIONI da certificazione a opportunità di sviluppo territoriale - 17 MARZO 2008 - BANDIERE ARANCIONI da certificazione a opportunità di sviluppo territoriale - 17 MARZO 2008 - IL TOURING CLUB ITALIANO IL SISTEMA BANDIERE ARANCIONI IL PERCORSO DI VALUTAZIONE LA BANDIERA ARANCIONE IL

Dettagli

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO 1 1. Premessa Il presente capitolato ha lo scopo di supportare gli operatori incaricati dagli enti pubblici territoriali nella elaborazione e stesura di uno studio di fattibilità

Dettagli

La Città della Musica Una risorsa per Milano

La Città della Musica Una risorsa per Milano La Città della Musica Una risorsa per Milano Sandro Lecca Milano - 16 dicembre 2008 Obiettivi della ricerca Una prima rappresentazione di Milano Città della Musica Individuare alcune possibili linee di

Dettagli

Pompei Audience development, community engagement, networking

Pompei Audience development, community engagement, networking Pompei Audience development, community engagement, networking Mara Manente Pompei, 05/03/2013. Dati da cui partire arrivi, presenze, posti letto 2011 Arrivi Presenze Campania 4.849.622 19.554.988 Provincia

Dettagli

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale QUESTIONARIO Allo scopo di fotografare la Destinazione Turistica di Fiesole ed elaborare una analisi Swot che consenta di focalizzare i punti di forza, di debolezza, le opportunità e le minacce Le chiediamo

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

II tavolo di redazione del 23 aprile 2013 Programma Strategico Turismo 2014-2016 Destination Management Organisation

II tavolo di redazione del 23 aprile 2013 Programma Strategico Turismo 2014-2016 Destination Management Organisation II tavolo di redazione del 23 aprile 2013 Programma Strategico Turismo 2014-2016 Destination Management Organisation Cos è una Destination Management Organisation DMO? Il Destination Management è l insieme

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE

Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera Bari, 23 maggio 2008 LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE CLAUDIO CIPOLLINI Direttore Generale Retecamere LA PUGLIA IERI 2 LA

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata

AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata REGIONE BASILICATA AGIRE Gemellaggio Il sistema di governance delle Pari Opportunità Sardegna - Basilicata Cagliari, 7-11 maggio 2007 Gianluca Cadeddu Regione Autonoma della Sardegna Presidenza del Consiglio

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

LA LOMBARDIA PER L ATTRATTIVITÀ. Bando per la realizzazione di iniziative di area vasta

LA LOMBARDIA PER L ATTRATTIVITÀ. Bando per la realizzazione di iniziative di area vasta LA LOMBARDIA PER L ATTRATTIVITÀ Bando per la realizzazione di iniziative di area vasta 17 luglio 2014 LA STRATEGIA PER L ATTRATTIVITÀ Attivazione di iniziative per potenziare l attrattività del territorio

Dettagli

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA La consapevolezza dell importanza del turismo per lo sviluppo economico e la creazione di nuova occupazione richiede l elaborazione di nuove

Dettagli

La filiera dell accoglienza turistica a Milano

La filiera dell accoglienza turistica a Milano Lunedì, 4 ottobre 2010 Francesca d Angella La filiera dell accoglienza turistica a Milano Agenda Il turismo a Milano La competitività turistica di Milano La percezione dell offerta turistica Lo sviluppo

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

I Distretti Rurali Paolo Lassini

I Distretti Rurali Paolo Lassini Progetto FILARE AGRICOLTURA E BIODIVERSITÁ I Distretti Rurali Paolo Lassini Martedì 3 Dicembre 2013 h. 20.30 USMATE VELATE Via Luini Martedì 3 Dicembre 2013 h. 20.30 Aula Magna scuola media B. Luini Il

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana"

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana" e Le Strade dei Tesori e del Gusto MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA PER LE IMPRESE

Dettagli

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Città di Noto STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Azione di promozione e di marketing internazionale del Distretto del Sud Est per l incremento e la destagionalizzazione dei flussi turistici Noto, 27 novembre

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA

CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA L'ANALISI DEI COMPORTAMENTI DI VACANZA NELLA PRATICA AZIENDALE E NEL MARKETING LE DECISIONI OPERATIVE SONO ASSUNTE FACENDO RIFERIMENTO A SEGMENTI DELLA DOMANDA

Dettagli

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015 IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015 Elaborazione su dati provvisori forniti dal Settore Turismo della Provincia di Como A cura di Massimo Gaverini

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Albairate, 27 novembre 2014. Carlo Ferrè

Albairate, 27 novembre 2014. Carlo Ferrè Albairate, 27 novembre 2014 Carlo Ferrè CONSORZIO DEI COMUNI DEI NAVIGLI Albairate, Arluno, Bernate Ticino, Besate, Boffalora sopra Ticino, Bubbiano, Busto Garolfo, Calvignasco, Casorate Primo, Castano

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009 Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 La costruzione del PS Il percorso che ha condotto alla stesura del PS è ampiamente

Dettagli

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto Sodalitas Social Solution www.sodalitas.socialsolution.it Sodalitas Social Solution è l Osservatorio on line sulla Responsabilità e la Sostenibilità delle Aziende,

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

Analisi SWOT - Comune di San Gimignano

Analisi SWOT - Comune di San Gimignano Analisi SWOT - Comune di San Gimignano PUNTI DI FORZA Grande patrimonio storico culturale artistico concentrato in un centro storico intatto e preservato nei secoli, dichiarato Patrimonio dell Umanità

Dettagli

PORTALE WEB DEL TURISMO

PORTALE WEB DEL TURISMO PORTALE WEB DEL TURISMO 1 Novembre 2006 OBIETTIVI L Assessorato al Turismo e Industria Alberghiera della Regione Puglia sta realizzando il portale web di promozione turistica. Il portale è uno strumento

Dettagli

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 0. INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 3. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 4. MISSION pag. 4 5. APPROCCIO pag. 4 6. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Il patrimonio culturale della BAT: monumenti e siti archeologici. Laboratorio di progettazione partecipata con il Project Cycle Management

Il patrimonio culturale della BAT: monumenti e siti archeologici. Laboratorio di progettazione partecipata con il Project Cycle Management Il patrimonio culturale della BAT: monumenti e siti archeologici Laboratorio di progettazione partecipata con il Project Cycle Management Trani, 16-1717 febbraio 2010 Analisi dei problemi Scarsa ricaduta

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Gli studi e le indagini quantitative effettuate

Gli studi e le indagini quantitative effettuate Gli studi e le indagini quantitative effettuate 1. Indagine sui turisti Incoming (attrattività e competitività) attrattività e competitività del Sistema di offerta 2. Indagine sui residenti/turisti Interni

Dettagli

Costruire un offerta di turismo di comunità in Val di Rabbi: percorso partecipativo. Dot. Filippo Lenzerini. San Bernardo Rabbi (TN) 27 Settembre 2011

Costruire un offerta di turismo di comunità in Val di Rabbi: percorso partecipativo. Dot. Filippo Lenzerini. San Bernardo Rabbi (TN) 27 Settembre 2011 Costruire un offerta di turismo di comunità in Val di Rabbi: presentazione del percorso partecipativo Dot. San Bernardo Rabbi (TN) 27 Settembre 2011 1999 Laurea in Scienze Geologiche all Università di

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI PROGETTO DISTRETTI CULTURALI Il progetto Distretti culturali nasce da un idea di Fondazione Cariplo per integrare la valorizzazione del patrimonio culturale con una più generale strategia di sviluppo del

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA Puglia Promozione con sede legale in Piazza Moro 33/A 70121 Bari, C.F. 93402500727 e Consorzio Teatro Pubblico Pugliese (di seguito denominato TPP) con sede legale in via Imbriani,

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Milano città-porto di navigazione interna tra il lago Maggiore ed il mare Adriatico. Il Naviglio Pavese & il turismo: una Mission Impossible?

Milano città-porto di navigazione interna tra il lago Maggiore ed il mare Adriatico. Il Naviglio Pavese & il turismo: una Mission Impossible? Milano città-porto di navigazione interna tra il lago Maggiore ed il mare Adriatico Riuso, restauro e riclassificazione del Naviglio da Pavia al Ticino Il Naviglio Pavese & il turismo: una Mission Impossible?

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità 1 Bologna, 4 maggio 2012 Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità UNCEM Green Communities Cofinanziamento: Produzione: 2 Obiettivi Generali di progetto Promuovere lo sviluppo sostenibile come

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI

COMUNITA MONTANA ALBURNI COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 313 Incentivazione di attività turistiche - RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA - FORNITURA E STAMPA DI MATERIALE PROMOZIONALE

Dettagli

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Gli strumenti del marketing turistico e territoriale L attività di marketing

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015

LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015 I VENTI DELL INNOVAZIONE EXPO 2015: ACQUA Centro Congressi Ville Ponti di Varese, 19 giugno 2014 LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015 Arch. Laura

Dettagli

2. L offerta Formativa

2. L offerta Formativa INDIRIZZO TECNICO INDIRIZZI PROFESSIONALI Istituto di Istruzione Secondaria Superiore 2. L offerta Formativa L offerta formative comprende percorsi quinquennali di istruzione professionale e un percorso

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Regione Umbria Perché un Agenda urbana nella nuova programmazione 2014-2020 delle risorse europee Le città Motori della crescita e di poli di creatività e innovazione

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

VENETO IN BICICLETTA:

VENETO IN BICICLETTA: Monselice, 28 novembre 2011 GAL Patavino GAL Bassa Padovana Su due ruote tra i Colli Euganei e la Bassa Padovana VENETO IN BICICLETTA: Piano di valorizzazione del cicloturismo Rete Escursionistica Veneta

Dettagli

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005 CAR SHARING SERVICE Assessore: Ing. Giovanni Avanti Cosa è il Car Sharing? Il Car Sharing è un servizio di condivisione dell auto nato in Svizzera alla fine degli anni 80 e sviluppatosi in tutta Europa

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

La programmazione Leader: un approccio di genere?

La programmazione Leader: un approccio di genere? La programmazione Leader: un approccio di genere? Annalisa Del Prete INEA Mantova, 7 Settembre 2012 Luogo e data Le donne nel rurale: dimensioni e attività (Dati Istat 2011) 51% del totale popolazione

Dettagli

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze Attività produttive Artigianato e Agricoltura Questo progetto si pone quattro diversi obiettivi: OBIETTIVO 1: Implementare un modello di economia

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure

La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure Salone Sapori da Sfogliare- Genova 21.06.2013 Dott.ssa Susanna Citi_ Gal Provincia della Spezia Art.65 Reg. 1695/2005- Cooperazione

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali Incubatore d impresa Per sostenere le nuove idee imprenditoriali PRESENTAZIONE DELLA BUONA PRATICA L alta mortalità delle imprese nei primi anni di vita è spesso dovuta a una scarsa programmazione prospettica

Dettagli

www.naviglilombardi.it

www.naviglilombardi.it R egione Lombardia, nel corso degli ultimi anni, ha avviato un profondo cambiamento nella propria attività istituzionale, abbandonando progressivamente il ruolo di gestore tecnico amministrativo delle

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres Contenuti del seminario 3 Modello I PFSL: un nuovo modello di intervento per contrastare la crisi a favore dello sviluppo locale Esperienze L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo Focus Area di Crisi

Dettagli

Destinazioni e comunicazione dell'esperienza turistica

Destinazioni e comunicazione dell'esperienza turistica Destinazioni e comunicazione dell'esperienza turistica 1 INDICE Rilevanza del tema Domande di ricerca Metodologia di ricerca Risultati: l indagine sui portali turistici regionali europei (2011) Conclusioni

Dettagli

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO

CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO Andrea Macchiavelli- CeSTIT Università di Bergamo LA PROVINCIA DI BERGAMO IN LOMBARDIA LA MONTAGNA IL LAGO BERGAMO E LA PIANURA La montagna INDICATORI

Dettagli

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Gianfranco Castelli COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Linee di indirizzo 8 febbraio 2013 «Nutrire il pianeta. Energia per la vita» è il tema dell Esposizione Universale - Expo 2015 che sarà inaugurata

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 Sistemi locali di sviluppo 4. Codice

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

Il prodotto turistico

Il prodotto turistico Il prodotto turistico caratteristiche, elementi principali ed esempi pratici Nadia von Jacobi, Università di Pavia, IUSS, Politecnico di Milano Bernhard Bauer, Università di Vienna, Politecnico di Milano

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE

L OSSERVATORIO NAZIONALE L OSSERVATORIO NAZIONALE DELL AGRITURISMO Formulare proposte per la determinazione dei criteri di classificazione delle aziende agrituristiche secondo criteri omogenei per l intero territorio nazionale

Dettagli