Analisi del potenziale di sviluppo turistico dell Est Ticino Novembre Giugno 2010 SINTESI DEI RISULTATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi del potenziale di sviluppo turistico dell Est Ticino Novembre 2009 - Giugno 2010 SINTESI DEI RISULTATI"

Transcript

1 Analisi del potenziale di sviluppo turistico dell Est Ticino Novembre Giugno 2010 SINTESI DEI RISULTATI

2 Sommario 1. Obiettivi 2. Alcune premesse 3. Analisi del potenziale turistico del territorio 3.1 Il profilo del territorio 3.2 Attori e ruoli del territorio 3.3 Il patrimonio storico-culturale 3.4 Il patrimonio ambientale Il patrimonio enogastronomico 3.6 I servizi ricettivi 3.7 I target di domanda attuale 3.8 Il profilo dei visitatori del territorio 3.9 La comunicazione online 3.10 Analisi di benchmark 4. Linee di sviluppo del territorio 4.1 Vision 4.2 Direttrici strategiche 4.3 Azioni 4.4 Gli ambiti di sviluppo del progetto 2

3 1. Obiettivi

4 OBIETTIVI della ricerca La ricerca è stata commissionata dal Consorzio dei Comuni dei Navigli, nell ambito dell accordo di partenariato con Assolombarda, con i seguenti obiettivi: supportare il Consorzio dei Comuni dei Navigli e Assolombarda nella messa a puntoenella condivisione con i principali stakeholder di una agenda strategica per lo sviluppo turistico del territorio dell Est Ticino fornire la base conoscitiva indispensabile per la formulazione di un Piano Strategico Territoriale definire specifici progetti e ambiti di collaborazione per la realizzazione del Piano su cui attrarre consensi di partner potenziali a livello nazionale e internazionale 4

5 2. Alcune premesse

6 PREMESSA: la matrice produttiva Dal punto di vista produttivo l area ha seguito prima un processo di industrializzazione e successivamente di sviluppo del settore terziario La dimensione media di queste attività è piccola, con alcune medie aziende, che potrebbero essere valorizzate a fini turistici attraverso i Musei d Impresa Il territorio non ha finora espresso una vocazione di tipo turistico, posizionandosi come area di residenza per pendolari con Milano più che come destinazione per escursionisti e turisti Aziende del territorio, per settori di attività Settori di attività % sul totale Servizi 16,52 Attività artigianali di beni specifici 11,72 Attività industriali 9,31 Autorimesse e magazzini 8,26 Negozi (abbigliamento, calzatura, ect.) 7,12 Attività artigianali (falegname, idraulico, ect.) 6,43 Altri settori 40,65 Totale 100 Fonte: database Consorzio Navigli Attività legate (DIRETTAMENTE E NON) al turismo Numero aziende % sul totale Totale aziende del turismo ,13 Totale altre aziende ,87 Totale aziende Fonte: database Consorzio Navigli 6

7 PREMESSA: la percezione attuale NOTORIETA E a conoscenza di questi luoghi? (% si) VISITA Li ha già visitati o intende visitarli? (% si) Duomo 98% Duomo 95% Teatro La Scala 86% Castello Sforzesco 73% Castello Sforzesco 80% Quadrilatero della moda 66% Quadrilatero della moda 75% Teatro La Scala 60% Cenacolo 67% Navigli 59% Navigli 61% Cenacolo 48% Abazia di Sant Ambrogio 57% Abazia di Sant Ambrogio 46% Brera 54% Brera 46% Cimitero Monumentale 39% Cimitero Monumentale 25% II campione (n = 1.285) rispecchia la composizione dei flussi turistici della città E' a conoscenza dei Navigli? Fonte: MTM e Comune di Milano 2007 No 12% 88% 39% Si 62% 38% 61% Italiani Stranieri Da interviste dirette a un campione di turisti a Milano, emerge la presenza di un brand Navigli. La notorietà e l interesse a visitare i Navigli diminuiscono per i turisti internazionali

8 PREMESSA: la percezione attuale 10,0 9,0 Che giudizio dà ai seguenti aspetti di Milano? (valori medi su un punteggio da 1 a 10) business li leisure totalet 8,0 7,0 6,0 10,0 Architettura Ev. Musica Ev. Cult. Enogastr. Ev. Sport Teatri Musei Vita Nott. Shopping 9,0 8,0 7,0 6,0 Verde Pulizia strade Sicurezza Qual/prezzo Info. Tur. Trasp. Loc. Trasp. Qual. Interurb. Ricettività 1032 interviste II campione rispecchia la composizione dei flussi turistici della città Fonte: Osservatorio Turistico della Regione Urbana Milanese, 2009 Le risorse turistiche del territorio dei Navigli si prestano ad arricchire l offerta turistica di Milano es. enogastronomia - e a migliorarne alcune criticità, quali la presenza di aree verdi e il rapporto qualità-prezzo 8

9 PREMESSA: la rilevanza del progetto Il territorio dell Est Ticino rappresenta un ambito prioritario di intervento per: rafforzare l attrattività della destinazione Milano e superare alcuni punti di debolezza della sua immagine percepita (verde, enogastronomia, rapporto qualità/prezzo dei servizi ) realizzare alcuni progetti strategici per EXPO 2015 ( Vie d acqua, Vie di terra) attraverso la valorizzazione delle sue infrastrutture di mobilità lenta e del patrimonio ti i di risorse localili La ricerca ha consentito di tradurre queste evidenze in linee di intervento prioritarie e di dimostrare la presenza di un significativo potenziale di sviluppo turistico autonomo del territorio dell Est Ticino 9

10 3. Analisi del potenziale turistico del territorio

11 3.1 PROFILO DEL TERRITORIO dimensione medio-piccola: 52% dei Comuni meno di abitanti ti (di questi 38% < ) Rete autostradale, stradale e ferroviaria di Milano e del territorio dei 24 comuni densità abitativa piuttosto bassa (dimensione ambientale preservata) aree navigabili sono un importante risorsa per la mobilità lenta accessibilità elevata (Malpensa, 3 tratte autostradali, ampliamento collegamenti e stazioni sa ferroviarie) e) mobilità interna favorita da vie turisticamente appealing : Navigli e rete di piste ciclabili Strade statali e provinciali Autostrade Ferrovia Navigli 11

12 3.2 ATTORI E RUOLI DEL TERRITORIO governance piuttosto frammentata: numerosi attori e parziale sovrapposizione di ruoli progettualità articolate anche dal basso nessuno ha competenze focalizzate unicamente sul turismo, e, fino al 2009, nessuno prevedeva una rappresentanza mista pubblico/privata: la creazione del Sistema Turistico Metropolitano può rappresentare incontro tra queste due sfere con una focalizzazione sul turismo Consorzio Navigli: esempio di cooperazione di successo anche se copre un area geografica a macchia di leopardo che non copre tutta l area dell Est Ticino 12

13 3.3 IL PATRIMONIO STORICO-CULTURALE Metodologia DATABASE Costruzione di un database di dati ricavabili dalle fonti A,B,C,D,E e costituito da 140 record. FONTE A -leguide turistiche più significative per il territorio (Guida rossa TCI Regione Lombardia, Guida verde TCI, Provincia di Milano) FONTE B - la banca dati turistica della Provincia di Milano FONTE C - gli itinerari promossi dal Consorzio Navigli FONTE D - gli itinerari promossi dalla Provincia di Milano FONTE E - le guide cartacee scaricabili dal sito web della Provincia di Milano e relative al territorio di riferimento Fonte integrativa: FONTE F le informazioni turistiche e il sito web del Consorzio Navigli che comprendono un elenco (non esaustivo) di risorse storico-culturali del territorio. Nota: per la rilevazione delle risorse del comune di Casorate Primo, che si trova in provincia di Pavia, è stato analizzato anche il sito turistico della Provincia di Pavia. VALUTAZIONE Livello di eccellenza del patrimonio storico-culturale (presenza in tutte le fonti) Livello di notorietà del patrimonio storico-culturale ( spazio guida dedicato alle singole risorse) 13

14 3.3 IL PATRIMONIO STORICO-CULTURALE consistente dal punto di vista quantitativo (139 attrattori) Concentrazione territoriale del patrimonio storico-culturale scarsamente differenziato (edilizia civile, religiosa e rurale) concentrato nell area centrale del territorio e in quella meridionale attrattori di eccellenza costituisconoil 15% del totale; limitato livello di notorietà: il 13% ha un livello di notorietà alto o molto alto scarsamente valorizzato: gli itinerari della Provincia di Milano comunicano solo il 27% del patrimonio alta concentrazione di risorse storico-culturali media concentrazione di risorse storico-culturali li Fonte: elaborazione propria su softwaregoogle Earth medio-bassa concentrazione di risorse storico-culturali bassa concentrazione di risorse storico-culturali (risorse locali non rilevate nelle fonti) Eccellenze storico-culturali del territorio 14

15 3.4 IL PATRIMONIO AMBIENTALE Metodologia Implementazione di un database popolato con i dati ricavabili dalle fonti sotto indicate Fonti informative ARPA Lombardia, rapporto 2006 (www.arpalombardia.it ) Provincia di Milano, settore agricoltura Guida Rossa Lombardia, Touring Club Italiano (www.provincia.milano.it/agricoltura) Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Provincia di Milano, settore ambiente (www.minambiente.it) (www.provincia.milano.it/ambiente) PisteCiclabili.com, com il sito degli itinerari cicloturistici italiani in modalità wiki (www.pisteciclabili.com) Portale dei Parchi italiani, Provincia di Milano (www.visitamilano.it ) Provincia di Milano, Atlante dei Parchi Locali di Interesse Sovracomunale (PLIS), Milano 2008 Provincia di Milano, Atlante sistema fluviale lombardo, Milano 1990 Provincia di Milano, Dal Naviglio Grande al Ticino, Milano 1984 Provincia di Milano, Database sezione natura (http://milanomese.provincia.it ) Provincia di Milano, Nei Parchi con Leonardo, Milano 2006 Provincia di Milano, settore Pianificazione Territoriale (www.provincia.milano.it) Provincia di Milano, settore turismo Provincia di Milano, settore turismo, itinerari turistici (http://www.visitamilano.it/turismo/itinerari.html) Regione Lombardia, area Parchi (www.parchi.regione.lombardia.it ) Sistema informativo Statistico Enti Locali, Regione Lombardia (www.sisel.regione.lombardia.it) 15

16 3.4 IL PATRIMONIO AMBIENTALE Il patrimonio ambientale è senza dubbio il punto di forza dell area offerta è ampia e differenziata (due parchi regionali e importanti tivie d acqua) 20 punti parco Ticino e 4 punti parco agricolo Sud Milano contribuiscono alla promozione del territorio l offerta è distribuita omogeneamente nel territorio: in tutti i 24 Comuni insiste almeno un elemento di interesse ambientale e in particolare 21 Comuni su 24 appartengono ad un parco regionale solo il 21% dl del patrimonio ti i è inseritoit negli itinerarii promossi dalla Provincia di Milano un punto di interesse è costituito dalle piste ciclabili. Esistono 19 diversi itinerari. Il 68% è rappresentato da piste ciclabili (40%) o ciclopedonali (28%), pertanto altamente fruibili. In 17 Comuni (sui 24 del Consorzio) passa almeno una pista ciclabile Parchi e vie d acqua nel territorio del Consorzio Navigli Fonte: elaborazione propria su software Google Earth 16

17 3.5 IL PATRIMONIO ENOGASTRONOMICO Metodologia Implementazione di un database popolato p con i dati ricavabili dalle 19 fonti informative (dettaglio nel Rapporto integrale) di settore, locali e nazionali Sulla base delle informazioni emerse dall analisi delle fonti sono state definite tre tipologie di strutture enogastronomiche: ristoranti, osterie, trattorie di eccellenza: rilevati dalle fonti A, B, C, D, E. appartengono a questa tipologia i ristoranti, le osterie e le trattorie: - segnalati dalle più affermate guide turistiche (Michelin, Gambero Rosso, Touring Club Italiano); - certificati con il marchio di qualità "Denominazione di Cucina Ambrosiana" (DeCA), assegnato dalla Camera di Commercio di Milano agriturismi con servizio di ristorazione: rilevati dalle fonti F, G, J (Provincia e Guida Parco Agricolo Sud) appartengono a questa tipologia gli agriturismi che prevedono anche il servizio ristorante punti vendita in cascina: rilevati dalle fonti G, H, I (Provincia e Guida Parco Agricolo Sud) appartengono a questa tipologia i punti vendita, generalmente in cascina, che dove è previsto l acquisto diretto di prodotti agroalimentari tipici e del territorio 17

18 3.5 IL PATRIMONIO ENOGASTRONOMICO Concentrazione geografica dell offerta enogastronomica 61% delle strutture enogastronomiche sono punti vendita in cascina, fiore all occhiello del territorio 24% delle strutture sono agriturismi 15% ristoranti, osterie e trattorie di eccellenza l area più attrattiva è quella meridionale, dove si concentra il 48% dell offerta forte grado di integrazione delle attività commerciali di sola vendita prodotti con altre iniziative: il 43% delle strutture organizza anche attività didattico-culturali e attività sportivo-ricreative 13 prodotti tipici, tra i quali se ne identificano 2amarchio certificato (Mortadella Bologna IGP e Gorgonzola DOP), che pur non essendo esclusivi di questo territorio, possono rappresentare un vero valore aggiunto per l attrazione di specifici segmenti turistici 5fattoriedidattichee 7 aziende di agricoltura biologica, importanti testimonianze di una realtà imprenditoriale mediopiccola che sta coniugando innovazione e tradizione per essere e restare competitiva nel lungo periodo Fonte: elaborazione propria su software Google Earth alta concentrazione di risorse enogastronomiche media concentrazione di risorse enogastronomiche medio-bassa concentrazione di risorse enogastronomiche bassa concentrazione di risorse enogastronomiche (risorse locali non rilevate nelle fonti) 18

19 3.6 I SERVIZI RICETTIVI offerta alberghiera di qualità (4 stelle = 54% camere), ma poco sviluppata (13 strutture in tutto il territorio) offerta extralberghiera è in crescita, ma ancora insufficiente per generare un aumento della carrying capacity complessiva dei 24 comuni offerta alberghiera ha registrato un modesto incremento, passando da 9 a 13 hotel, pari, in camere, ad un aumento del 28% per numerosità, le strutture extralberghiere sono quelle che hanno trainato lo sviluppo complessivo dell offerta di servizi ricettivi tra queste, i B&B sono il tipo che ha registrato la maggiore diffusione nel territorio Tipologia Categoria Var Alberghiero 1 stella Esercizi 2 2 0% Camere % 2 stelle Esercizi % Camere % 3 stelle Esercizi % Camere % 4 stelle Esercizi % Camere % Totale esercizi alberghieri % Totale camere in esercizi alberghieri % Extra-alberghiero Alloggi in Esercizi affitto B&B Esercizi Totale esercizi extra-alberghieri Totale esercizi ricettivi % Agriturismi Esercizi Nd 10 - Totale complessivo % 19

20 3.7 I TARGET DI DOMANDA ATTUALE L incidenza dei flussi turistici dei 24 comuni soci del Consorzio è modesta sia rispetto ai flussi di Milano e Provincia (1,2%), sia della sola Provincia (3,7%) I flussi turistici di Milano e Provincia (Presenze in milioni) ,12 0,13 0, , ,13 0,12 3,06 3,00 3,17 3,24 3,41 2,73 3,43 3,33 6,24 7,02 7,34 7,52 7,37 7,04 7,15 7, Comune di Milano Comuni della Provincia Comuni del Consorzio L incidenza dei flussi turistici dei comuni del Consorzio 12% 1,2% 32,2% 66,5% 2006 La permanenza media (dati in giorni) Perm. media comuni Consorzio Perm. Media Milano e Provincia Fonte: Provincia di Milano Var 06/01 1,5 1,5 1,6 1,4 1,4 1,4-7% 2,5 2,3 2,3 2,2 2,2 2,1-16% La permanenza media è breve, inferiore ai valori medi di Milano e Provincia e in diminuzione. Ciò indica un turismo mordi e fuggi che lascia poco valore sul territorio 20

21 3.7 I TARGET DI DOMANDA ATTUALE La stagionalità mensile dei flussi turistici indica una prevalenza di turisti business. I flussi leisure sono spontanei e si compongono prevalentemente di escursionisti concentrazione delle presenze in 3 comuni Cusago (46,7%), Gaggiano (18,1%) e Vittuone (8,6%) 8,6% 1% 4,5% 0,1% 18,1% 1,9% ,0% 6,7% 5,4% Presenze 46,7% ARLUNO BERNATE TICINO BOFFALORA SOPRA TICINO BUSCATE BUSTO GAROLFO CORBETTA CUSAGO GAGGIANO MESERO MORIMONDO OZZERO VITTUONE Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Fonte: Provincia di Milano 21

22 3.8 PROFILO DEI VISITATORI DEL TERRITORIO Stagionalità mensile dei visitatori Evoluzione dei visitatori % % Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Fenomeno fortemente stagionale, vincolato dalla navigazione, e in accentuazione Trend di netta crescita con incrementi annui significativi 2009 Mix visitatori per provenienza Mix visitatori per tipologia 4% 2% 48% 38% 43% 36% 58% 52% 62% 57% Et Extra-regionale Internazionale Nd Regionale Visitatori prettamente locali e spontanei Fonte: Consorzio dei Comuni dei Navigli Gruppi/Associazioni Individuali Mix piuttosto equilibrato di gruppi (57%), e visitatori individuali (43%) 22

23 3.8 PROFILO DEI VISITATORI DEL TERRITORIO I servizi richiesti dai gruppi I tipi di pacchetti venduti ai gruppi 32% 44% 43% 52% 40% 41% 17% 16% 16% % 18% 10% 10% 4% 4% 4% 3% 62% 64% Scuole Istituzioni Gruppi leisure ADV Aziende Associazioni Itinerari Navigazione Navigazione + itinerar Il mix di prodotto ha visto un aumento del peso a favore dei prodotti più completi I canali di prenotazione Gruppi Pax Le associazioni rappresentano il 62% dei gruppi e il 64% dei visitatori, con un numero medio di 46 persone per gruppo Durata della visita % 4% nessuna 34% 26% 40% 17% 13% telefono mista (call center, Cons. Nav., Voucher, nessuna) nd Elevata capacità di gestione dei flussi derivante dalla significativa percentuale di prenotazioni. Ancora poco utilizzato il canale online Fonte: Consorzio dei Comuni dei Navigli 37% 37% 1 giornata 28% 24% 33% 21% 21% 14% 14% 17% ½ giornata Aumento dell incidenza delle escursioni giornaliere che consentono di generare e trattenere maggiore valore sul territorio 23 2 h 1 h 30 minuti

24 3.9 LA COMUNICAZIONE ONLINE Dall analisi politiche di promozione onlinedaparte di un campione di 70 attori del territorio (i 24 comuni, la Provincia di Milano, 7 Associazioni e Parchi, 39 operatori turistici), sono emerse alcune criticità che attualmente caratterizzano la comunicazione online: una limitatissima presenza di strumenti di web 2.0; ad oggi gli attori che ne sfruttano le potenzialità sono una piccola fetta rappresentata esclusivamente da operatori ricettivi una debole capacità di networking online,, con scarsa presenza di link ad attrazioni e a partner della destinazione una scarsa dotazione di informazioni rivolte ai turisti e utili all organizzazione del viaggio per il turista fai da te un limitato utilizzo del booking on-line non è ancora stato sviluppato appieno dagli attori del territorio infine, si rileva un basso grado di internazionalizzazione, infatti pochissimi siti hanno una versione in lingua straniera; questo rappresenta una forte criticità che preclude l apertura al mercato internazionale 24

25 3.10 ANALISI BENCHMARK Prima analisi descrittiva di casi internazionali di sviluppo turistico collegato a canali che possano offrire spunti interessanti per il progetto dei Navigli Lombardi Il campione è formato da 8 casi di vie d acqua e canali artificiali i significativi ifi i per dimensionei della rete, caratteristiche dei territori interessati, risultati ottenuti nella valorizzazione a fini turistici - I Canali della Riviera del Brenta, Italia; - I Canali Olandesi; - Il Canal Du Midi, Francia; - Il Canale Saint-Martin, Parigi, Francia; - Le Vie d acqua storiche del Regno Unito; - I Canali dello Stato di New York; - Il Canale Rideau, Canada; - Il Canale Lachine, Quebec, Canada. 25

26 3.10 ANALISI BENCHMARK L analisi ha evidenziato che: i canali lombardi presentano alcuni vantaggi comparativi in termini di ricchezza delle risorse naturali e culturali e di significati da valorizzare (es narrazioni collegate alle icone e ai valori dell identità di Milano: Leonardo, l innovazione, l imprenditorialità ) esistono quattro aree di approfondimento che possono offrire spunti di progettazione interessanti al territorio dell Est Ticino : il sistema di governance lo sviluppo dei territori analizzati si fonda, innanzitutto, sulla qualità del coordinamento tra gli attori locali sistemi attraverso diverse forme di gestione sovraordinata i canali come importante risorsa per i residenti questa integrazione sinergica tra funzione locale e turistica favorisce una vitalità dei canali e un miglioramento della loro attrattività la costruzione di un sistema di offerta integrato ha favorito la nascita di una serie di servizi ad essi collegati quali strutture ricettive, noleggio di barche, attività ristorative, musei legati alla navigazione, percorsi ciclopedonali apportando al territorio molteplici ricadute positive, sia economiche che sociali il ruolo dei canali artificiali come propulsori di importanti progetti di rigenerazione urbana attraverso un processo di riqualificazione dei canali e delle vie d acqua dacqua diventa possibile la creazione di nuovi spazi pubblici fruibili sia da residenti che da turisti 26

27 4. Linee di sviluppo del territorio

28 4.1 VISION L analisi i del patrimonio i di risorse del territorio i dell Est Ticinoi suggerisce il seguente posizionamento: Est Ticino come destinazione turistica attrattiva e di qualità, destinata al turismo slow, impostata su un mix di prodotto ambientale e enogastronomico e connotata dalla presenza di alcune eccellenze storico/culturali; collegata per temi e icone (es. Leonardo) alla destinazione Milano e complementare ad essa come the green off Milan. Questo tipo di rapporto con Milano consente di superare le debolezze dell attuale posizionamento percepito della città in relazione ai temi di qualità della vita e sostenibilità 28

29 4.2 DIRETTRICI STRATEGICHE Numero Direttrice i strategica t Obiettivo direttrice strategica 1 direttrice strategica 2 direttrice strategica 3 direttrice strategica 4 mobilità slow ricettività extra alberghiera prodotti e eccellenze del territorio comunicazione e marketing migliorare e promuovere la mobilità slow dei visitatori nel territorio attraverso il potenziamento della navigazione e della rete ciclabile potenziare un offerta ricettiva coerente con il posizionamento desiderato, sostenendo l extra-alberghiero, innalzandone il livello qualitativo, articolandola per range di prezzo, dal low cost all upscale. valorizzare vocazioni, eccellenze, identità del territorio in un sistema di offerta integrato, articolato in diverse motivazioni/vocazioni di soggiorno, caratterizzato da servizi di qualità e fondato sulla gestione consapevole dll delle risorse localili sviluppare e comunicare un brand di destinazione e potenziare la promozione direttrice strategica 5 governance e coordinamento affermare forme di coordinamento e indirizzo del sistema locale, definire e rafforzare il ruolo del Consorzio Navigli e favorire forme di collaborazione pubblico privato 29

30 4.3 AZIONI Direttrice strategica 1: MOBILITÀ SLOW Obiettivo: migliorare e promuovere la mobilità slow dei visitatori nel territorio attraverso il potenziamento della navigazione e della rete ciclabile Azioni: sviluppare la navigazione e valorizzare la navigabilità; auspicabile superare alcuni vincoli strutturali (es. flotta di battelli) potenziare la rete ciclabile ed escursionistica, per sviluppare la mobilità lenta introdurre nuovi mezzi di trasporto a basso impatto ambientale (es. auto o bus elettrici) creare sinergie tra i diversi sistemi di trasporto el intermodalità come stile di fruizione turistica(modalità bici+treno, bici+bus, bici+traghetto, e così via); tale azione, oltre a dare una forte spinta turistica all area, permette di generare anche una riduzione dei costi economici della mobilità, una migliore qualità della vita, una riduzione del traffico e dell'impatto inquinante causato dall'uso generalizzato e spesso improprio dei sistemi di trasporto a motore e in particolare dell'autovettura privata sviluppare il confronto e lo scambio di esperienze con altre destinazioni internazionali caratterizzate dalla presenza di waterways, attraverso la partecipazione a progetti europei sul modello Waterways Forward (Interreg IVC) che ha già visto la partecipazione di Navigli Lombardi s.c.a.r.l., oltre alla Provincia di Ferrara in Italia e altri 15 partner europei prevedere un piano di segnaletica turistica orientata alla conoscenza del territorio attraverso i sistemi di mobilità dolce (bici, escursioni a piedi ) sollecitare una riduzione della cartellonistica pubblicitaria 30

31 4.3 AZIONI Direttrice strategica 2: RICETTIVITA EXTRA-ALBERGHIERA Obiettivo: potenziare un offerta ricettiva coerente con il posizionamento desiderato, sostenendo l extra-alberghiero, innalzandone il livello qualitativo, articolandola per range di prezzo, dal low cost all upscale. Azioni: incentivare il recupero del sistema rurale e delle cascine (ex. progetto 100 cascine) e la conversione di altri spazi esistenti (vecchi cortili, immobili di valore storico) Incentivare lo sviluppo di forme di ricettività extra-alberghiere (agriturismo, B&B) sviluppare forme di ricettività innovative (ex. albergo diffuso, nuovi moduli architettonici), coerenti con i nuovi segmenti di mercato e con la personalità delle componenti del territorio la presenza di vaste aree verdi limita lo sviluppo delle strutture ricettive. Pertanto, un eventuale sviluppo deve tener conto del contenuto numero di residenti che abitano la zona (in media abitanti per comune) al fine di evitare squilibri tra capacità di carico e flussi turistici creazione di un servizio di informazione sui finanziamenti e di assistenza per la nascita e il sostegno di nuove attività imprenditoriali nel campo dellaaccoglienza e ospitalitàturistica 31

32 4.3 AZIONI Direttrice strategica 2: RICETTIVITA EXTRA-ALBERGHIERA Azioni (continua): sostenere lo sviluppo della cultura dell ospitalità presso gli operatori, attraverso interventi di formazione su argomenti specifici e tecnici (accoglienza, risorse del territorio, lingue straniere, informatica) sviluppare forme di incentivazione della qualità erogata, attraverso la creazione di un circuito locale di strutture doc e/o un sistema di classificazione locale promuovere le azioni green degli operatori, attraverso un sistema premiante per le aziende più orientate alla sostenibilità e alla tutela e promozione del territorio; per le strutture turistiche appartenente al territorio si può sollecitare la partecipazione p anche a progetti già attivi, come ad esempio la Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010, che mira alla creazione di un circuito di operatori in grado di esprimere un alto livello di integrazione tra la qualità dei servizi offerti e una particolare sensibilità per i valori dell ambiente, del paesaggio e della cultura locale 32

33 4.3 AZIONI Direttrice strategica 3: PRODOTTI E ECCELLENZE DEL TERRITORIO Obiettivo: valorizzare vocazioni, i eccellenze, identità del territorio i in un sistema di offerta integrato, t articolato t in diverse motivazioni/vocazioni di soggiorno, caratterizzato da servizi di qualità e fondato sulla gestione consapevole delle risorse locali Azioni : identificare i segmenti trainanti su cui puntare tra i quali lo studio ha identificato: il turismo d affari daffariee quello fieristico integrabili con il sistema delle risorse locali, con l obiettivo di allungare la permanenza media o contribuire a creare notorietà del territorio per un turismo leisure il turismo enogastronomico: segmento ormai consolidato da alcuni anni ma con ancora fortissime potenzialità di sviluppo gli short break, in particolare autunnali e primaverili, per riposo e relax, in grado di valorizzare le risorse ambientali e le forme ricettive extra-alberghiere alberghiere di alta qualità gli short break indirizzati a Milano, integrabili con il sistema delle risorse del territorio l escursionismo (degustazioni, acquisto di prodotti del territorio e visite nel circuito delle cascine), che oltre a favorire la conoscenza del territorio, favorisce la consapevolezza e lo sviluppo di una immagine turistica del territorio i flussi di turismo culturale urbano uba indirizzato a Milano e non, o, integrabili in percorsi e prodotti natura-cultura a u a le vacanze attive e outdoor, in grado di valorizzare il turismo nelle aree protette, di dare impulso alle attività ricettive e ristorative agricole e integrabili con i prodotti culturali il turismo scolastico, che oltre a garantire un volume consistente di clientela e generare un positivo passa-parola, rappresenta un importante veicolo per il rinnovamento della clientela leisure il turismo degli eventi speciali, che contribuisce a valorizzare l immagine territoriale 33

34 4.3 AZIONI Direttrice strategica 3: PRODOTTI E ECCELLENZE DEL TERRITORIO Azioni (continua): definire le priorità nella gestione delle combinazioni prodotto/mercato: prevedere un piano di sviluppo differenziato sulla base dell attuale grado di fruibilità delle risorse, della loro notorietà o potenziale di crescita. Il territorio dispone infatti di: risorse immediatamente commercializzabili come prodotti, che necessitano solo di un supporto in termini di promozione e comunicazione, mirato a specifici target risorse con potenziale, per le quali è invece auspicabile un azione più articolata t di interventi ti strutturali tt oppure di promozione e inserimento sistemi di offerta integrati risorse da riposizionare, per le quali si rileva un potenziale significativo ma oggi gestito in modo inadeguato o con strategie orientate al mercato locale e al breve periodo risorse da sviluppare completamente, lt t che si trovano ad uno stadio inizialei i del processo di valorizzazione i turistica ti per i quali è necessario decidere se stimolare lo sviluppo o abbandonare, tenendo conto di fattori quali la limitata possibilità di intervenire su alcuni elementi dell offerta, condizioni ambientali negative (urbanizzazione) solo parzialmente modificabili o recuperabili e, in alcuni casi, limitata attrattività turistica che li rende poco interessanti per specifici mercati (es. medio e lungo raggio) e/o poco strategici t i per lo sviluppo dell immagine i del territorio i 34

35 4.3 AZIONI Due esempi: promuovere maggiormente le risorse immediatamente commercializzabili come prodotti, che necessitano solo di un supporto in termini di promozione e comunicazione, mirato a specifici target (es. Canonica di Bernate che viene citata nella banca dati turistica della Provincia di Milano (Fonte B) ed è inserita negli itinerari promossi dal Consorzio Navigli (Fonte C), ma non viene citata dalle guide turistiche a diffusione nazionale (Fonte A), né in quelle scaricabili dal sito web della Provincia di Milano (Fonte E) valorizzare le risorse con potenziale, per le quali è invece auspicabile un azione più articolata di interventi strutturali oppure di promozione e inserimento in circuiti specifici; ad esempio il Ponte sul Naviglio di Boffalora Sopra Ticino è citato da tutte le fonti prese in considerazione, sia da quelle locali che da quelle nazionali ma costituisce l unica risorsa di questo tipo (ponti sul Naviglio) che viene promossa dal punto di vista turistico, mentre il Naviglio Grande è attraversato da ben 46 ponti, alcuni dei quali di potenziale interesse turistico [1] Fonte: Istituto per i Navigli Associazione Amici dei Navigli,

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Esame di Stato 2015 Istituto Professionale - Settore servizi Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Articolazione

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita (maggio 2008) Codice Prodotto- OSPS10-R03-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020 Analisi sulla cooperazione italiana al Programma di Cooperazione Transnazionale MED 2007-2013 e raccomandazioni a supporto della delegazione nazionale Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto

Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto (utile ai cittadini, non ai progettisti) Documento di lavoro: versione novembre 2014 La Strategia nazionale per le aree interne interpreta il territorio

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO REPORT FINALE SULLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO Dipartimento Ambiente Settore Turismo Sostenibile e Parchi

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli