La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari: profili penali ed amministrativi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari: profili penali ed amministrativi"

Transcript

1 Flavio Argirò La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari: profili penali ed amministrativi ARACNE

2 Copyright MMV ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: maggio 2005

3 LA TUTELA DELL INFORMAZIONE NEL MERCATO DEI VALORI MOBILIARI: PROFILI PENALI ED AMMINISTRATIVI Sommario: 1. Le regole del mercato Struttura del mercato dei valori mobiliari ed evoluzione legislativa della materia Le attività di disciplina, vigilanza e controllo esercitate dalla Consob Le tecniche sanzionatorie Le altre autorità di vigilanza La fattispecie di abuso di informazioni privilegiate Dalla direttiva comunitaria 592/89 al d.lgs. 58/ Il bene protetto ed i soggetti attivi del reato La nozione di informazione privilegiata Le singole condotte incriminate: utilizzazione della notizia, tipping e tuyautage Osservazioni sull elemento psicologico del reato Regime sanzionatorio e forme di manifestazione Insider trading e poteri della Consob L emanazione del Regolamento 11971/ Comunicazioni e raccomandazioni in materia di informazioni price sensitive Sui rapporti tra obblighi di informazione e divieto di insider trading Aspetti di carattere procedurale Prospettive di diritto comparato Il modello americano e le divergenze interpretative tra SEC e Corte Suprema L ordinamento inglese L esperienza svizzera: in particolare, gli effetti delle pressioni esercitate da Stati esteri La disciplina tedesca Appunti sulla repressione dell insider trading in Giappone Considerazioni conclusive Profili di illegittimità costituzionale dell art. 180 del d.lgs. 58/ La sostanziale disapplicazione della fattispecie I rimedi di natura civile Insider trading e globalizzazione dei mercati finanziari La direttiva 6/03 e le prospettive di riforma: quale politica d impresa? 1. Le regole del mercato Struttura del mercato dei valori mobiliari ed evoluzione legislativa della materia. - L evoluzione economica di quest ultimo secolo appare caratterizzata da un processo di rapida smaterializzazione della ricchezza, riscontrabile non soltanto nella crescente importanza dei beni mobili utilizzabili a fini produttivi e dei beni c.d. immateriali (brevetti, marchi ed altri diritti relativi alla proprietà intellettuale ed industriale), ma anche nella straordinaria diffusione degli strumenti finanziari aventi ad oggetto titoli emessi da società commerciali, contratti di compravendita sugli stessi o contratti c.d. derivati. Questo secondo fenomeno trova giustificazione, del resto, nel fatto che, ricorrendo alla emissione di azioni ed allo loro collocazione tra il pubblico, le imprese riescono a fruire di rapidi meccanismi di investimento e disinvestimento, funzionali al mantenimento della liquidità del patrimonio, ad una costante modernizzazione delle strutture, ad un miglioramento complessivo della loro produttività e competitività sul mercato.

4 2 La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari Sebbene sia noto che la borsa costituisca il luogo naturale per lo scambio dei valori in questione, merita di essere evidenziato come la possibilità, da parte di quest ultima, di svolgere efficacemente il proprio ruolo di canale convogliatore dei flussi finanziari risulti concretamente subordinata alla capacità del c.d. mercato secondario di porsi quale forma ottimale di allocazione del risparmio, conciliando l interesse delle imprese alla disponibilità di contante con quello del singolo investitore alle rendite dei titoli acquistati. I presupposti necessari affinché tutto ciò possa verificarsi vengono generalmente individuati nell affidabilità del prezzo dei valori mobiliari e dunque nella trasparenza dell informazione societaria, nella sussistenza di un ampio corredo di garanzie relativo alla gestione della domanda e dell offerta di titoli ed, infine, nella tutela dei consumatori dalla eventualità di uno sfruttamento indebito di informazioni privilegiate o dalla realizzazione di condotte fraudolente dirette ad alterare il regolare andamento delle quotazioni (aggiotaggio o market manipulation) (1). In Italia, alla progressiva realizzazione delle esigenze appena menzionate si è pervenuti attraverso una serie di interventi legislativi emanati tra il 1974 ed il Si allude, innanzitutto, alla l. 216/74, la quale nell imporre determinati obblighi di informazione a carico di tutte le società quotate, istituiva un apposito Garante, e cioè la Commissione nazionale per le società e la borsa, affidandogli il compito di vigilare sul loro adempimento e, più in generale, sulla regolarità delle contrattazioni di tipo finanziario. La sede della Consob, alla quale si riconosceva «personalità giuridica di diritto pubblico e piena autonomia nei limiti stabiliti dalla legge», veniva (1) Sulle differenti forme di criminalità legate al mercato delle finanze e sulle possibili strategie di repressione v. AA.VV., Comportamenti economici e legislazione penale, Milano, 1979; ROSSI, L informazione societaria, Milano, 1982; GUERRINI, La tutela penale del mercato azionario, Padova, 1984; AA.VV., Consob. L istituzione e la legge penale, Milano, 1987; AA.VV., I reati societari e la tutela del mercato mobiliare, Torino, 1990; AA.VV., Trattato di diritto penale dell impresa, Padova, 1992; AA.VV., Trattato di diritto penale dell economia, Milano, 1992; AA.VV., Mercato finanziario e tutela penale, Milano, 1993; MUCCIARELLI, Speculazione mobiliare e diritto penale, Milano, 1995; PATERNITI, Diritto penale dell economia, Torino, 1995; PALOMBINI/PICA, Diritto penale dell economia e dell impresa, Torino, 1996; ZANNOTTI, La tutela penale del mercato finanziario, Torino, 1997; VOLK, Sistema penale e criminalità economica, Napoli, 1998; ANTOLISEI, Diritto penale parte speciale. Leggi complementari, Milano, 1999; AA.VV., Manuale di diritto penale dell impresa, Bologna, 2000; GIUNTA, Lineamenti di diritto penale dell economia, Torino, 2001.

5 La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari 3 mia nei limiti stabiliti dalla legge», veniva fissata a Roma ed, in via secondaria, a Milano. Si prevedeva, infine, che la medesima Autorità fosse composta da un presidente e da quattro membri «scelti tra persone di specifica e comprovata competenza ed esperienza e di indiscussa moralità ed indipendenza» e che il mandato di questi ultimi, conferito con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e previa deliberazione dello stesso Consiglio, avesse durata quinquennale. Tale normativa sarebbe stata, successivamente, modificata ed integrata ad opera della l. 49/77 (relativa alle negoziazioni di titoli non ammessi alle quotazioni ufficiali), della l. 77/83 (con riferimento alla gestione dei fondi comuni di investimento), della l. 289/86 (riguardante la c.d. Monte titoli), della l. 1/91 (sull attività degli intermediari), del d.lgs. 84/92 (in materia di Sicav) e della l. 149/92 (a proposito delle offerte pubbliche di azioni attributive di diritti di voto). Per quanto attiene direttamente la nostra indagine, merita di essere sottolineato come l opportunità di dare esecuzione alla direttiva comunitaria 592/89 avesse spinto il legislatore, proprio in questo periodo, ad introdurre anche la prima disciplina penalistica dell abuso di informazioni privilegiate (c.d. insider trading), contenuta nell art. 4 della l. 157/91 (2). Una siffatta scelta di criminalizzazione trovava fondamento, del resto, nella evidente impossibilità di prevenire efficacemente il fenomeno ricorrendo allo strumentario sanzionatorio all epoca in vigore. Ci si riferisce, in particolare, all art. 17 della l. 216/74, il quale puniva la mancata comunicazione alla Consob, da (2) Secondo ROSSI, L informazione societaria, cit., 68, il primo caso documentato di insider trading potrebbe essere quello di Gneo Flavio, scriba del membro del collegio dei Pontifices Appio Claudio Cieco, il quale si sarebbe appropriato del libro delle leges actiones e, rendendole di dominio pubblico, avrebbe sfruttato il favore della plebe per divenire prima tribuno, poi senatore e, nel 304 a.c., edile curule. La straordinaria corrispondenza dell episodio narrato da Pomponio (Dig ; 35-37) con il mito del furto del fuoco da parte di Prometeo (v. GRAVES, I miti greci, Milano, 1963, 39) fa sorgere comunque seri dubbi circa la sua effettiva attendibilità storica. E sicuro invece che, tra la fine IV ed i primi decenni del III secolo a.c., abusi di potere e secessioni della plebe avviarono un processo di lenta laicizzazione o desacralizzazione del sapere giuridico (cfr. AA.VV., Lineamenti di storia del diritto romano, Milano, 1989, 297). Alla luce di tali considerazioni, appare più corretto attendere il 1733, allorquando alcuni amministratori della Compagnia Olandese delle Indie furono accusati di aver venduto azioni prima che la notizia della riduzione del dividendo ne dimezzasse il corso (v. in proposito HOPT, Norme etiche e norme giuridiche nel diritto dell economia, in RS, 1977, 1046 ss.).

6 4 La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari parte degli amministratori, dei sindaci e dei direttori generali di società con azioni quotate, delle partecipazioni dirette o indirette nelle stesse società; all art. 15 del d.p.r. 136/75, che sanzionava gli amministratori ed i dipendenti di società di revisione che si fossero serviti, a profitto proprio od altrui, di notizie riservate avute a causa della loro attività o che le avessero comunicate a terzi senza giustificato motivo; all art c.c., che contemplava il medesimo divieto nei confronti degli amministratori, sindaci e liquidatori di una qualsiasi società quotata; oltre che alla disciplina codicistica posta a tutela dei segreti (artt. 621, 622 e 623 c.p.), compreso l art. 326, terzo comma, c.p., ove si prevede, ancora oggi, la punibilità del pubblico ufficiale o dell incaricato di pubblico servizio che «per procurare a sé o ad altri un indebito profitto patrimoniale si avvale di notizie d ufficio che devono rimanere segrete» (3). L avvio del processo di privatizzazione delle imprese statali, la diminuzione del deficit pubblico e l emanazione delle direttive comunitarie 6/93 e 22/93 sull integrazione dei mercati e la liberalizzazione dei servizi di investimento furono tutti fattori i quali contribuirono, nel corso degli anni novanta, a determinare la necessità di una ulteriore rivisitazione della materia. Le direttrici fondamentali della riforma furono sostanzialmente due: quella dell armonizzazione della legislazione in vigore ai nuovi principi dettati dal diritto comunitario e quella di una sua definitiva razionalizzazione. Al primo obiettivo fece riscontro la l. 415/96, mediante la quale la gestione dei mercati finanziari venne definitivamente affidata a società private operanti in regime di libera concorrenza e sotto autorizzazione e vigilanza della Consob, le banche furono ammesse ad accedere direttamente alle negoziazioni su titoli diversi da quelli del debito pubblico e gli operatori comunitari ottennero il riconoscimento ad operare nel nostro paese. La seconda finalità venne perseguita, invece, dalla l. 52/96, con la quale si delegò il Governo ad emanare, entro due anni, un corpo normativo organico, teso a coordinare le disposizioni di recepimento delle direttive sopraindicate (3) Cfr. WEIGMANN, Insider trading, in EG, 1035 ss.; CORSI, Lui, lei, le partecipazioni e la Consob, in GC, 1981, 212 ss.; ROSSI, Le banche, le imprese e il mercato mobiliare, in RS, 1983, 449 ss.; JAEGER, La legge n. 281 e i nuovi poteri della Consob, in GC, 1985, 946 ss.; ROSSI, L informazione societaria al bivio, in RS, 1986, 1083 ss.; CAMPANELLI, L insider trading, in BBTC, 1988, 768 ss.; CAR- RIERO, Il problema dell insider trading, in FI, 1988, 146 ss.; MAZZA, La repressione dell insider trading nel quadro della tutela del mercato azionario, in BBTC, 1988, 673 ss.; PATERNITI, I temi del diritto penale della borsa, in IP, 1988, 673 ss.

7 La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari 5 con la precedente disciplina dei mercati delle finanze, «apportando tutte le integrazioni e le modifiche necessarie». Di qui, dunque, la promulgazione del d.lgs. 58/98 (c.d. Testo Unico in materia di intermediazione finanziaria), la cui conoscenza deve ritenersi assolutamente imprescindibile per chiunque intenda accostarsi ad una qualsiasi delle problematiche connesse alla circolazione di valori mobiliari. Il provvedimento è suddiviso in cinque parti, rispettivamente dedicate alla enunciazione di una serie di definizioni e di disposizioni comuni (artt. 1-5), alla disciplina degli intermediari, dei servizi di investimento, della gestione collettiva del risparmio, ai provvedimenti ingiuntivi ed alle situazioni di crisi (artt. 5-60), alla regolamentazione dei mercati ed alla gestione accentrata di strumenti finanziari (artt ), alle società emittenti ed alle modalità di sollecitazione del pubblico risparmio (artt ) ed alla predisposizione di un imponente catalogo di sanzioni, tra le quali una rilevanza particolare assume proprio la fattispecie di insider trading (artt ) (4). La disciplina cui si è appena fatto riferimento è stata oggetto, infine, di un ultimo intervento di riforma, volto sostanzialmente a conciliare l organizzazione ed il funzionamento dei mercati di borsa con il mutato assetto delle società di capitali e delle società cooperative a seguito dall entrata in vigore del d.lgs. 6/2003. L art. 1, secondo comma, della l. 366/01 autorizzava, infatti, il Governo a realizzare, entro il termine di un anno dall attuazione dello stesso provvedimento, «il necessario coordinamento con le altre disposizioni vigenti, nel rispetto ed in coerenza con la normativa comunitaria». Che, tuttavia, il d.lgs. 37/04 non si sia limitato semplicemente ad un restyling formale del previgente sistema di intermediazione mobiliare risulta piuttosto evidente, se solo si considerano la quantità e la natura intrinseca delle modifiche apportate. A parte l eliminazione dei riferimenti normativi non più attuali e l adeguamento delle definizioni contenute nel d.lgs. (4) Per un analisi dettagliata delle disposizioni contenute nel d.lgs. 58/98 si rinvia alla consultazione di AA.VV., Commentario al Testo unico in materia di intermediazione finanziaria, Padova, 1998; AA.VV., Il Testo unico della intermediazione finanziaria, Milano, 1998; AA.VV. Commentario al Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, Padova, 1998; AA.VV., Il Testo unico dei mercati finanziari, Milano, 1998; AA.VV., La legge Draghi e le società quotate in borsa, Torino, 1999; AA.VV., Intermediari finanziari, mercati e società quotate, Milano, 1999; AA.VV., Diritto degli intermediari e dei mercati finanziari, Torino, 2000; AA.VV., I mercati e gli strumenti finanziari. Disciplina e organizzazione della borsa, Torino, 2004.

8 6 La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari 58/98 alle nuove tipologie di strumenti finanziari ed ai diversi modelli di corporate governement previsti dal Codice civile, le innovazioni più rilevanti possono essere individuate: a) nell introduzione dell obbligo di disciplinare nello statuto delle Sim, Sgr o Sicav i poteri esercitabili da parte degli organi di controllo al fine di informare la Consob e la Banca d Italia di eventuali irregolarità; b) nell assicurazione di una effettiva indipendenza degli esponenti aziendali delle medesime società; c) nell ampliamento degli obblighi di comunicazione relativi agli assetti proprietari degli stessi intermediari; d) nella previsione della sospensione dall esercizio di diritti e dell obbligo di alienazione in caso di violazione di questi ultimi; e) nel potenziamento delle funzioni della Consob in materia di offerte pubbliche obbligatorie; f) nell imposizione di regole di maggiore trasparenza alle società emittenti; g) nell adozione di misure più efficaci per contrastare il fenomeno dell abuso di denominazione o di attività (5) Le attività di disciplina, vigilanza e controllo esercitate dalla Consob. - Non essendo possibile approfondire oltre le caratteristiche generali della normativa contenuta nel d.lgs. 58/98, pare opportuno soffermarsi ad esaminare, in questa sede, la vastissima gamma dei poteri attribuiti alla Consob in materia di intermediazione finanziaria, cominciando col distinguere un attività di c.d. disciplina dall esercizio delle diverse funzioni di vigilanza informativa e di controllo. Così, quanto alla prima, occorre sottolineare come il d.lgs. 58/98 abbia finito per ampliare notevolmente le competenze dell Autorità, attuando una precisa scelta di delegificazione. Precedentemente riservata soltanto ad ambiti circoscritti, il potere regolamentare svolto oggi della Consob si estende, infatti, dall attività degli intermediari (art. 6) e delle società di gestione (art. 61) agli scambi organizzati sui mercati non (5) Sulla c.d. riforma delle società v., particolarmente, GALGANO, Il nuovo diritto societario, in AA.VV., Trattato di diritto commerciale e di diritto pubblico dell economia, Padova, 2003; AA.VV., Il nuovo diritto delle società, Milano, 2003; IANNIELLO, La riforma del diritto societario, Milano, 2003; SANDUL- LI/SANTORO, La riforma delle società. Commentario del d.lgs. 17 gennaio 2003 n. 6, Padova, 2003; AA.VV., La riforma delle società. Profili delle nuova disciplina, Milano, 2003; AA.VV., La riforma del diritto societario, Milano, 2003; MONTA- LENTI, La riforma delle società di capitali: prospettive e problemi, in Le Soc., 2003, 341 ss.; GROSSO, Categorie di azioni, assemblee speciali, strumenti finanziari non azionari: le novità della riforma, in Le Soc., 2003, 1312 ss.; ROSSI/STABILINI, Virtù del mercato e scetticismo delle regole: appunti a margine della riforma del diritto societario, in RS, 2003, 1 ss.

9 La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari 7 regolamentari (art. 78), dalle sollecitazioni all investimento alle offerte pubbliche su prodotti finanziari (artt. 94 ss.), dall amplissimo settore dell informazione societaria (artt. 113 ss.) alle modalità del voto per corrispondenza (art. 127) ed alla sollecitazione e raccolta delle deleghe di voto (art. 144). Più nel dettaglio e con specifico riferimento agli intermediari, si prevede che il garante proceda alla loro autorizzazione ed all iscrizione negli appositi albi (artt. 19 e 28), alla disciplina dei contratti e della relativa esecuzione (artt. 23 e 25), dell attività delle imprese di investimento (art. 27 ss.), delle offerte fuori sede (art. 30), dell attività dei promotori finanziari (art. 31), della promozione e del collocamento a distanza di servizi di investimento e strumenti finanziari (art. 32) ed all emissione di provvedimenti ingiuntivi e cautelari (artt. 51 e 54). Per quanto riguarda specificamente i mercati, al Garante spetta, invece, il potere di autorizzarne l esercizio, stabilire le modalità di registrazione delle operazioni in essi compiute, procedere al riconoscimento dei mercati esteri, provvedere alla disciplina delle insolvenze ed alla loro dichiarazione, iscrivere in albo apposito le società di gestione, adottare i provvedimenti più opportuni in caso di necessità ed urgenza (art. 74), vigilare sui sistemi di compensazione, liquidazione e garanzia (art. 77), sospendere o vietare gli scambi (art. 78), autorizzare la gestione accentrata (artt. 80 ss.). Vastissimo è, infine, l ambito di intervento della Consob sulle società emittenti per quanto attiene alla regolamentazione delle sollecitazioni all investimento (art. 94 ss.), delle offerte pubbliche di acquisto o di scambio (art. 102 ss.) e dell informazione societaria (art. 113 ss.). L attività di vigilanza informativa trova giustificazione in una serie di motivazioni di natura fisiologica, legate cioè alla inevitabile imperfezione del mercato finanziario ed alla evidente incapacità dei risparmiatori di avere accesso a tutte le informazioni rilevanti ai fini delle loro decisioni. Da questo punto di vista, la presenza della Consob contribuisce, infatti, ad ammortizzare la diseguale distribuzione delle conoscenze, il che si ripercuote in termini di maggiore rappresentatività dei prezzi ed efficienza complessiva del sistema. I poteri in questione derivano sia dalla sussistenza di prescrizioni di carattere generale, le quali obbligano le società quotate alla comunicazione di documenti e dello svolgimento di talune operazioni, sia da specifiche ri-

10 8 La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari chieste dell Autorità sull assetto proprietario del singolo ente o sul contenuto di determinate transazioni (6). Le funzioni di controllo si sostanziano, infine, nella facoltà di assumere qualsiasi altra notizia dagli amministratori, dai sindaci, dalle società di revisione e dai dirigenti delle emittenti quotate, della capogruppo o delle controllate di queste ultime, oltre a quello di disporre l esecuzione di eventuali ispezioni (art. 115). Analoghe disposizioni vigono nei confronti delle emittenti non quotate che effettuano sollecitazioni all investimento (art. 97, primo comma) ovvero offerte pubbliche di acquisto o scambio (art. 103, secondo comma), delle emittenti non quotate di strumenti finanziari diffusi tra il pubblico in misura rilevante (art. 116), dei soggetti abilitati alla sollecitazione di deleghe di voto (art. 144, secondo comma) od abilitati ai servizi di investimento (artt. 7 e 10), dei promotori finanziari e dei loro clienti (art. 31, settimo comma), delle società di revisione (art. 162), di gestione dei mercati regolamentari (art. 74) e di quelle per la gestione accentrata (art. 82) Le tecniche sanzionatorie. - Come preannunciato, la parte quinta del d.lgs. 58/98 è interamente dedicata alle sanzioni, sia di natura penale che di carattere amministrativo, alle quali è affidato il compito di garantire l osservanza delle regole del mercato finanziario e la prevenzione di taluni comportamenti considerati pregiudizievoli per la pubblica economia (7). Con particolare riferimento a quelle di nuova introduzione, merita di essere evidenziato che l art. 3 della l. (6) Per un approfondimento degli obblighi di comunicazione delle informazioni capaci di influire sull andamento delle quotazioni di borsa v. MUCCIARELLI, L informazione societaria: destinatari e limiti posti dalla normativa in materia di insider trading, in BBTC, 1999, 745 ss.; oltre che infra 3.1. ss. (7) Sul concetto di economia pubblica e sulla sua compatibilità con la teoria del bene giuridico costituzionalmente orientata v. CONTI, Economia pubblica, industria e commercio (delitti contro la), in NDI, 1960; PEDRAZZI, Economia pubblica, industria e commercio (delitti contro la), in ED, 1965; AA.VV., Trattato di diritto penale dell economia, cit., 783 ss.; FORNASARI, Il concetto di economia pubblica nel diritto penale, Milano, 1994; FIANDACA/MUSCO, Diritto penale. Parte speciale, Bologna, 1997, 611 ss.; AA.VV., Diritto penale. Lineamenti di parte speciale, Bologna, 1998, ; mentre per la considerazione secondo la quale gli artt. 3 e 41 ss. Cost. imporrebbero di ricorrere ad una definizione capace di coniugare in sé aspetti macroeconomici di tutela del mercato e microeconomici di protezione del patrimonio degli investitori v. SEMINARA, La tutela penale del mercato finanziario, in AA.VV., Manuale di diritto penale dell impresa, cit., 520.

11 La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari 9 52/96 disponeva la possibilità di comminare la pena dell ammenda alternativa all arresto per le infrazioni pericolose o lesive di interessi generali assimilabili a quelli tutelati dagli artt. 34 e 35 della l. 689/81, la pena dell arresto congiunta con l ammenda per i fatti che recano danno di particolare gravità ed il pagamento di una somma di danaro non inferiore a lire cinquantamila e non superiore a lire duecento milioni nel caso di interessi diversi da quelli sopraindicati. Nella prospettiva di un riordino normativo, l art. 21 del medesimo testo prevedeva, invece, che il governo avrebbe potuto coordinare le sanzioni previste dalla precedente legislazione speciale con quelle contenute nelle leggi in materia bancaria e creditizia per violazioni omogenee e di pari offensività, con facoltà di convertire le contravvenzioni punite con l ammenda o l arresto fino ad un anno in illeciti amministrativi, fatta eccezione per le condotte volte ad ostacolare l attività delle autorità di vigilanza o consistenti nella produzione di documentazione non veritiera ovvero offensive in maniera rilevante il bene giuridico tutelato. Ciò posto, la maggioranza delle ipotesi di rilevanza penale sono state raggruppate in fattispecie relative agli intermediari (artt ), alle emittenti (artt ) ed alle società di revisione (artt ): si tratta, in particolare, dei reati di abusivismo, gestione infedele, confusione di patrimoni, false informazioni, gestione accentrata, irregolare acquisto di azioni, omessa alienazione di partecipazioni, false comunicazioni ed ostacolo alle funzioni della Consob, utilizzazione e divulgazione di notizie riservate, rapporti patrimoniali illeciti e ricezione di compensi illegali. La peculiarità del contenuto offensivo proprio delle diverse condotte di insider trading ha spinto, invece, il legislatore a collocare il delitto, opportunamente modificato rispetto alla precedente versione di cui all art. 4 della l. 157/91, nell ultimo capo del titolo, assieme a quello di aggiotaggio su strumenti finanziari (artt ). Sebbene alla commissione di entrambi gli illeciti consegua una indubbia alterazione degli equilibri conoscitivi necessari al corretto funzionamento del mercato di borsa, tradizionalmente si insegna che mentre l abuso di informazioni privilegiate si sostanzia nell indebito sfruttamento della conoscenza di fatti reali, il reato di aggiotaggio presuppone, al contrario, un comportamento di tipo fraudolento e cioè la rappresentazione di dati falsi, così come il travisamento o l occultamento di dati veri (8). (8) Tra le due incriminazioni sussiste, infatti, la stessa differenza che intercorre tra la situazione di chi piazza una puntata conoscendo in anticipo il nome del cavallo vin-

12 10 La tutela dell informazione nel mercato dei valori mobiliari Per quanto attiene alla tecnica di formulazione delle incriminazioni in esame, merita di essere segnalato come il frequente ricorso ad elementi normativi implicanti la necessità di un riferimento a fonti regolamentari o, comunque, di carattere subordinato abbia condotto numerosi Autori a contestarne la stessa legittimità costituzionale con riguardo al principio della riserva di legge (art. 25 Cost.). Tale situazione risulterebbe piuttosto evidente nel reato di gestione infedele, ove si rinvia alle norme sui conflitti di interesse, in quello di false informazioni, che rinviene taluni dei suoi presupposti oggettivi e soggettivi nei regolamenti emanati dalla Banca d Italia ed in quello di false comunicazioni, integrato dagli stessi regolamenti della Consob. Come se non bastasse, l art. 18, comma quinto, lett. a) del d.lgs. 58/98 attribuisce, in via generale, al Ministro del Tesoro il compito di individuare nuove categorie di strumenti finanziari, elemento presente nel testo di quasi tutte le fattispecie sopra considerate, «al fine di tener conto dell evoluzione dei mercati finanziari e delle norme di adattamento stabilite dalle autorità comunitarie». In tutti questi casi, sembrerebbe, dunque, che il fenomeno di reciproca integrazione tra fonti primarie e secondarie vada ben al di là di una mera specificazione tecnica, ritenuta sostanzialmente ammissibile, risolvendosi nel conferimento di una vera e propria delega in bianco, capace di investire non soltanto la tipicità, ma anche lo stesso disvalore del singolo illecito (9). Anche le disposizioni che prevedono sanzioni amministrative appaiono prevalentemente strutturate secondo la tecnica del rinvio, concretizzandosi in condotte di semplice inosservanza delle prescrizioni contenute nel d.lgs. 58/98 o nei successivi regolamenti di esecuzione. Alle perplessità derivanti dalla esigenza di soddisfare, anche al di fuori dell ambito strettamente penalistico, elementari istanze di legalità (v., in proposito, l art. 1 della l. 689/81) se ne aggiungono, tuttavia, di ulteriori, a cominciare da quelle derivanti dal sensibile aumento del numero degli illeciti e dalla predisposizione del medesimo trattamento sanzionatorio per tutte le violazioni contemplate dagli artt cente e quella di chi trucca la relativa corsa (cfr. SEMINARA, La tutela penale del mercato finanziario, in AA.VV., Manuale di diritto penale dell impresa, cit., 620 ss.). (9) In particolare, secondo Corte Cost., 14 giugno 1990, n. 282, in RIDPP, 1991, 989, l art. 25 Cost. esigerebbe che «sia la legge e solo la legge dello Stato a stabilire, con sufficiente precisione, gli elementi del fatto», di modo che «il totale rinvio al regolamento o all atto amministrativo subordinato da parte della fattispecie penale, nella persistenza del potere dell amministrazione di modificare l atto stesso, è chiaramente violativo del principio di riserva di legge».

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito Responsabilità degli amministratori in ambito penale tipologie di reati specifici per le società quotate in borsa REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA a cura di Margherita Gardi per il

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI

CIRCOLARE 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI CIRCOLARE n. 6/2010 RISERVATA AI CLIENTI E AI CORRISPONDENTI DELLO STUDIO GHIDINI, GIRINO & ASSOCIATI www.ghidini-associati.it (N.B. La presente circolare è meramente informativa e non costituisce parere)

Dettagli

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato INDICE PARTE SPECIALE - Settima Sezione Pag. 1. Le fattispecie dei reati di abuso di mercato...3 1.1 Art. 184 D.Lgs. 58/1998: Abuso di informazioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

II.11 LA BANCA D ITALIA

II.11 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 24 marzo 2010. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di contenuto generale della Banca d Italia nell esercizio delle funzioni di vigilanza bancaria

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Approvato dal Consiglio degli Stati il 20.12.2011 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 27.04.2012 Legge federale sulle borse

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato PROTOCOLLO DI INTESA TRA l AUTORITA PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI E L AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L Autorità per le garanzie

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

L informativa obbligatoria

L informativa obbligatoria Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB L informativa obbligatoria Anno Accademico 2009-2010 1 INFORMATIVA OBBLIGATORIA Il sistema

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency Osservazioni di Confindustria 27 ottobre 2015 Premessa Lo scorso Lo scorso 12 ottobre il Ministero dell economia e delle finanze (di

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG)

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 febbraio 2007 e successivamente

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro 12 Giugno 2009, ore 08:00 Società quotate La disciplina dell acquisto di azioni proprie secondo Assonime Assonime, nella Circolare del 5 giugno 2009, n. 22 esamina la disciplina dettata dal TUF sull acquisto

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali SOMMARIO Presentazione... Profilo Autori... V VII Parte I Aspetti generali Capitolo 1 Linee di tendenza del mercato del risparmio di Marco Prosperetti 1. Caratteristiche del mercato del risparmio... 3

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012 POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA Novembre 2012 Premessa 1. Il Codice etico aziendale contiene i principi di comportamento per la conduzione dell attività di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Via Brera 21, 20121 Milano Capitale sociale i.v. Euro 306.612.100 Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 07918170015 Soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 10 settembre 2007

Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 10 settembre 2007 Ai sensi dell art. 114, comma 7, del D.Lgs. n. 58/1998 (TUF) nonché degli articoli da 152-sexies a 152-octies della delibera Consob n. 11971/1999 (Regolamento Emittenti) Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A.

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Meccanismi organizzativi e amministrativi posti in essere per prevenire ed evitare conflitti di interesse in rapporto alle raccomandazioni INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio Di Maurizio Arena La gestione di fondi comuni di investimento, oggetto dell attività delle società di gestione

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO

VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO 2 1. Finalita Il presente Codice di Comportamento viene emanato, ai sensi dell art. 114 comma 7 - del Testo Unico Finanziario e degli articoli 152-sexies,

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE 23 Ottobre 2012 SOCIETA PER AZIONI - CAPITALE SOCIALE EURO 60.711.763,84 REGISTRO DELLE IMPRESE DI MANTOVA E CODICE FISCALE N. 00607460201 SOCIETA'

Dettagli

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5 1. Proposta di eliminazione del valore nominale espresso delle azioni ordinarie e di risparmio in circolazione. Conseguenti modifiche dello statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate 1. Quadro normativo L art. 115-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria,

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A. sul quarto punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Modifica dell art. 33 dello Statuto sociale, al

Dettagli

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A.

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. In applicazione del combinato disposto degli articoli 11, 17 e 31 del Regolamento

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO 11 novembre 2011, n. 220 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali, nonché dei

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO CBL Distribuzione S.r.l. nel quadro del programma di adempimenti ex art. 12.2, della delibera AEEG del 18 gennaio 2007, n 11/07 e ss. mm. e ii. Adottato dal Gestore Indipendente

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 e successivamente modificata nella

Dettagli

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI OPERAZIONI EFFETTUATE SU AZIONI DADA E STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE COLLEGATI 1 1. PREMESSE Il presente Codice di Comportamento di DADA S.p.A. è adottato anche ai

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 52 /E

RISOLUZIONE N. 52 /E RISOLUZIONE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 maggio 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica Disciplina IVA delle prestazioni, rese alle imprese assicuratrici, di gestione degli attivi a copertura

Dettagli

DE LONGHI CLIMA S.P.A.

DE LONGHI CLIMA S.P.A. DE LONGHI CLIMA S.P.A. (che a seguito della quotazione delle proprie azione sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.) PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato Codice documento: MOG 231 - PSE COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 26 dicembre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 26 aprile 2012 v.0.4 INDICE I. PREMESSA...

Dettagli

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano Introduzione, di Francesco Capriglione... XIII EMITTENTI 1. DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI di Andrea Zoppini 1. Il voto

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC di Annalisa De Vivo L applicazione della legge 6 novembre 2012,

Dettagli

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 L Antiriciclaggio a cura di Salvatore Ruotolo 1 provvedimenti di Banca Italia 10 marzo 2011 in

Dettagli

Revisione Legale dei conti

Revisione Legale dei conti Revisione Legale dei conti L attuale normativa in tema di revisione legale (e problemi non ancora risolti) D.Lgs. 39/2010 Studio Duodo & Associati 1 Agenda: L attuale normativa in tema di revisione legale

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Divergenza Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 23.08.2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 14.06.2012 Legge federale

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Legge sulle borse, LBVM) Modifica del 28 settembre 2012 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio

Dettagli

NOTA. Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322.

NOTA. Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322. NOTA Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322. Con nostra circolare Serie Tecnica n. 146 del 22 dicembre 1997 è stato

Dettagli

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051 Audizione Confindustria Disegno di legge n. 1051 Delega al Governo su Informazione e Consultazione lavoratori e definizione misure su Democrazia economica XI Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti di Luca Ferrari ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA REVISIONE LEGALE L esercizio della revisione legale é riservato ai soggetti

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 luglio 2006 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 7 agosto 2006 al

Dettagli

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro)

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro) Schema di disegno di legge recante: Delega al Governo per l emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza sul lavoro Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1307

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1307 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1307 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BONFRISCO e CASOLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 DICEMBRE 2008 Delega al Governo per la promozione della partecipazione

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO INDICE SOMMARIO Premessa... XVII Introduzione... XIX Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO 1. Il concetto di mercato... 1 2. Segmenti tradizionali del mercato finanziario e l attenuarsi del significato della

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

Codice di comportamento dei Soggetti rilevanti della Monrif S.p.A. e delle societa' controllate dalla Monrif S.p.A. "Internal Dealing"

Codice di comportamento dei Soggetti rilevanti della Monrif S.p.A. e delle societa' controllate dalla Monrif S.p.A. Internal Dealing Codice di comportamento dei Soggetti rilevanti della Monrif S.p.A. e delle societa' controllate dalla Monrif S.p.A. "Internal Dealing" Premessa A seguito del recepimento della direttiva Market Abuse con

Dettagli

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Sommario Z 1. I controlli amministrativi. - 2. La Commissione nazionale per le società

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 01/08/2008 ai sensi dell art. 18 del Regolamento Congiunto Banca d Italia Consob

Dettagli