Le condotte. L utilizzazione (insider trading in senso stretto).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le condotte. L utilizzazione (insider trading in senso stretto)."

Transcript

1 L INSIDER TRADING 711 Il vantaggio informativo deve essere comunque acquisito «a motivo» del fatto criminoso preparato o realizzato, e non semplicemente «a seguito» di esso: sicché, anche nel frangente, sembrano esulare dalla sfera di operatività della norma penale, per rientrare in quella della (sola) previsione sanzionatoria amministrativa, le informazioni privilegiate apprese in modo puramente fortuito od occasionale, nel corso di attività criminose non finalizzate a carpirle (ad esempio, ladro d auto che rinviene nel portabagagli del veicolo rubato documenti recanti la notizia price sensitive). 12. Le condotte. L utilizzazione (insider trading in senso stretto). Sul piano oggettivo, come già accennato, il reato di abuso di informazioni privilegiate si sfrangia in una terna di ipotesi criminose, configurate come alternative fra loro a dispetto della diversa caratura offensiva: la prima (insider trading in senso stretto) puntata direttamente sul fenomeno riprovato (l approfittamento della condizione di privilegio informativo nei rapporti negoziali); le altre due tese a colpire, in chiave essenzialmente preventiva ed antielusiva, condotte propiziatorie dell approfittamento stesso (la comunicazione selettiva dell informazione privilegiata e il consiglio d affari impartito in base ad essa). In ordine alla figura cardine del vero e proprio «commercio dell iniziato», l art. 184, comma 1, lett. a), t.u.i.f. conferma la scelta strategica già operata dal previgente art. 180: quella, cioè, di immettere la nota di disvalore tipica nella descrizione della fattispecie subordinando la reazione punitiva allo sfruttamento, giudizialmente dimostrato, dell informazione privilegiata da parte dell insider anziché vietare tout court a quest ultimo di operare sul mercato finanziario finché la notizia non sia resa di pubblico dominio 271, sulla falsariga 271 La scelta appare conforme alle previsioni comunitarie, le quali non mancano, peraltro, di qualche ambiguità. L art. 2, Direttiva n. 89/592/CEE, difatti, nel descrivere la pratica vietata, faceva riferimento ad operazioni effettuate «sfruttando consapevolmente» l informazione privilegiata: ma, al tempo stesso, recava nei «considerando» l affermazione atta ad evocare la presunzione legale di sfruttamento della notizia che ispira il modello dell obbligo di astensione in forza della quale l «operazione effettuata da una persona in possesso di informazioni privilegiate implica lo sfruttamento di un informazione privilegiata». Analoga affermazione non è contenuta nei considerando della Direttiva n. 2003/6/CE, il cui art. 2 descrive, però, la pratica interdetta con una formula meno decisa quanto al profilo dello sfruttamento del vantaggio informativo («Gli Stati membri vietano alle persone di cui al secondo comma che dispongono di informazioni privilegiate di utilizzare tali informazioni acquisendo o cedendo, o cercando di acquisire o cedere, per conto proprio o per conto terzi, direttamente o indirettamente, gli strumenti finanziari cui le informazioni si riferiscono»). Sulla ragione che ha indotto ad omettere il riferimento alla consapevolezza dello sfruttamento, legata al rilievo che gli insiders primari cui

2 712 VALERIO NAPOLEONI della soluzione originariamente accolta dall art. 2, legge n. 157/ Tale alternativa d intervento ampiamente radicata nell esperienza comparatistica 273 riflette la tensione tra le istanze del diritto penale dell offesa e le esigenze di effettività della tutela: richiedendo che la transazione sia concretamente ispirata dalla notizia inside, si mira a circoscrivere la repressione ai soli abusi effettivi del privilegio informativo; accontentandosi, invece, della mera contestualità cronologica tra possesso della notizia ed operazione, si vuole evitare che l apparato punitivo si incagli sulle difficoltà di prova delle spinte motivazionali dell agente 274. Che il primo modulo sia quello più consono, anche sul piano costituzionale, rispetto all adozione di presidi di marca penalistica tanto più se attestati sugli attuali livelli di severità non dovrebbe essere peraltro dubbio 275 : la valenza lesiva della pratica incriminata è già, di per sé, abbastanza la disposizione riprodotta si riferisce per la funzione da essi esercitata, sarebbero senz altro consapevoli del carattere privilegiato delle informazioni in loro possesso, v. peraltro G. FERRA- RINI, La nuova disciplina europea, cit., p In base al combinato disposto dei commi 1 e 5 del citato art. 2, infatti, il soggetto che disponesse di informazioni privilegiate («riservate», secondo la vecchia terminologia) doveva astenersi, sotto minaccia di sanzione penale, dall «acquistare vendere, ovvero compiere altre operazioni», «anche per interposta persona», su valori mobiliari, fin tanto che l informazione non fosse stata resa pubblica: e ciò a prescindere da qualsiasi nesso causale, a livello di spinta psicologica, tra disponibilità della notizia e transazione compiuta. 273 Su tale alternativa, in particolare, S. SEMINARA, Insider trading e diritto penale, cit., p. 227 s., sulla cui scia, G. DE FICCHY, La società, cit., p. 601 s. Per i riferimenti comparatistici, cfr. altresì A. BARTALENA, Insider trading, cit., p. 263 ss.; A. BARTULLI, Problemi di tecnica, cit., p. 500 s.; ID., Insider trading, cit., p. 119; S. GIAVAZZI, Un assoluzione, cit., p. 272 ss.; M.L. ER- METES, Abuso di informazioni privilegiate, cit., p Ispirata sostanzialmente alla logica della disclose or abstain rule, di matrice nordamericana (rivela la notizia o astieniti dall operare), la seconda soluzione può essere letta, peraltro, anche come una esaltazione della componente eticizzante della fattispecie criminosa, avuto riguardo all alone di sospetto che inevitabilmente circonda le operazioni su strumenti finanziari compiute da chi goda di conoscenze privilegiate circa gli stessi: ergo, come un avanzamento in termini di assicurazione che il mercato è pulito della linea di protezione della fiducia degli investitori nel corretto funzionamento del mercato stesso. 275 Cfr., con vari accenti, A. BARTULLI-M. ROMANO, Sulla disciplina penale dell insider trading, cit., p. 665; G. CARRIERO, Informazione, mercato, cit., p. 1660; G. DE FICCHY, La società, cit., p. 602 s.; G. INSOLERA, Riflessioni in tema, cit., p. 455; V. NAPOLEONI, Insider trading: i pallori del sistema repressivo. Una ipotesi di lavoro, in Cass. pen., 2001, p. 2233; G. PAVAN, Abuso di informazioni, cit., p. 612 s.; G. PETRAGNANI GELOSI, La tutela penale del segreto bancario, cit., p. 309; M. SCIACCA, Insider trading, in Dizionario dei reati, cit., p. 379; S. SEMINARA, Insider trading e diritto penale, cit., p. 231 ss.; ID., Riflessioni, cit., p. 556 s.; ID., Il reato di insider trading, cit., p. 332 s.; ID., La tutela penale, cit., p. 630 s.; ID., Commento, cit., p s.; A. VA- LENTI, Insider trading, cit., p. 5. Ritengono, per converso, preferibile il modello basato sull obbligo di astensione, paventando eccessivi rischi di elusione della norma incriminatrice legati all indagine sui motivi della condotta, A. BARTALENA, Insider trading, cit., p. 265 s.; ID., Commento, cit., p s.; ID., voce Insider trading, cit., p. 412 s.; A. BARTULLI, Insider trading, cit., p. 119 s.; ID., Profili penalistici, cit., p. 181; N. LINCIANO-A. MACCHIATI, Insider trading. Una regolazione difficile, cit., p. 113; M. RIGOTTI, L abuso di informazioni privilegiate, cit., p

3 L INSIDER TRADING 713 sfuggevole perché possa giustificarsi un avanzamento della linea di protezione basato su un modello presuntivo 276, il quale sconta istituzionalmente il rischio di includere nell area di prensione punitiva transazioni in fatto non inquinate dalla distribuzione asimmetrica delle conoscenze, e dunque prive di ogni reale contenuto offensivo (si pensi al caso estremo forse scolastico, ma comunque emblematico dell iniziato che compia un operazione di segno opposto a quello dell informazione posseduta: ad esempio, venda, perché pressato da esigenze di liquidità, a fronte di una notizia che suggerisce di acquistare). In concreto, la norma vigente sottopone a pena l insider primario che «acquista, vende o compie altre operazioni, direttamente o indirettamente, per conto proprio o di terzi, su strumenti finanziari utilizzando le informazioni» privilegiate in suo possesso. Viene dunque in rilievo ogni tipo di attività negoziale che abbia ad oggetto strumenti finanziari e così, oltre alla compravendita, il conferimento in società, il riporto, la dazione in garanzia, ecc. 277 anche se posta in essere al di fuori dei mercati regolamentati 278 : conclusione, quest ultima, imposta oltre che dal silenzio della norma sul punto dal fatto che la disciplina degli abusi di mercato si applica anche a strumenti finanziari non ancora ammessi alle negoziazioni in detti mercati 279. E ciò quantunque, nel caso di transazioni dirette, vengano meno talune delle ragioni legate alle difficoltà di attingere ai rimedi comuni, civili e penali che sono alla base dell autonomo intervento sanzionatorio dell insider trading Scilicet, riguardo al fatto che l operazione di borsa compiuta dal possessore dell informazione privilegiata implichi un approfittamento dello squilibrio conoscitivo: nel senso che fosse questa, in effetti, la logica della soluzione accolta dall art. 2, legge n. 157/1991, la quale non mirava certamente a spostare il fuoco del disvalore penale dall utilizzazione delle informazioni alla mera trasgressione dell obbligo di astenersi dall operare sul mercato mobiliare, S. SEMINARA, La tutela penale, cit., p Cfr. R. ZANNOTTI, Il nuovo diritto penale, cit., p. 390; ante legge n. 62/2005, A. DI AMA- TO, Insider trading, cit., p. 681; ID., Diritto penale dell impresa, cit., p. 296; E. MUSCO, Diritto penale societario, cit., p. 318; F. MUCCIARELLI, La tutela penale della revisione contabile, cit., p. 1306; S. SEMINARA, La tutela penale, cit., p. 624; G. VASSALLI, La punizione dell insider trading, cit., p A. DI AMATO, Diritto penale dell impresa, cit., p. 296; G. FERRARINI, La nuova disciplina europea, cit., p. 64. Ante legge n. 62/2005, L. ALIBRANDI, I reati societari, cit., p. 235 nt. 1; A. BARTULLI-M. ROMANO, Sulla disciplina penale dell insider trading, cit., p. 664; A. DI AMATO, Insider trading, cit., p. 681; S. GALLI, Insider trading: un primo commento, cit., p. 939; M. RI- GOTTI, L abuso di informazioni privilegiate, cit., p Supra, par. 7 e infra, par Ravvisavano, in tal ottica ante legge n. 62 del 2005 una irrazionale disparità di trattamento fra le transazioni fuori borsa di titoli quotati (rispetto alle quali il contraente in condizione di svantaggio informativo fruisce della speciale tutela penale offerta dalla norma incriminatrice) e le transazioni fuori borsa di titoli non quotati, ma magari diffusi tra il pubblico in misura rilevante (rispetto alle quali analoga tutela non soccorre), A. BARTALENA, Commento, cit., p. 2023; F. MUCCIARELLI, L insider trading nella nuova disciplina, cit., p. 961.

4 714 VALERIO NAPOLEONI La condotta integrativa del delitto ha carattere esclusivamente attivo, onde resta privo di rilievo penale il c.d. insider non trading, ossia l astensione da o- gni operazione, ancorché suggerita proprio dall informazione inside (si pensi al caso in cui il soggetto qualificato anche sospendendo o revocando un precedente ordine mantenga determinati titoli in portafoglio quando gli altri li vendono, perché in possesso di una notizia che fa presagire un imminente impennata dei corsi) 281. Non si tratta, come potrebbe sembrare, di una lacuna, ma di un limite ontologico alla disciplina penalistica del fenomeno 282 : a prescindere, infatti, della problematicità della prova dell incidenza della notizia su un contegno omissivo, l ipotetica criminalizzazione dell insider non trading si tradurrebbe nell imposizione di un obbligo di contrattare quando la notizia inside sconsiglia di farlo; ma, soprattutto, sottoporrebbe ad inaccettabile tensione il principio di materialità del reato (cogitationis poenam nemo patitur), prefigurando una reazione punitiva ad una risoluzione che può restare meramente interna alla sfera psichica del destinatario del precetto 283. L estensione del divieto alle operazioni realizzate dall insider «indirettamente» clausola antielusiva a rigore neppure necessaria, specie in ambito penalistico, ma suggerita dalla naturale tendenza dell insider a non figurare in proprio come autore delle transazioni vietate evoca precipuamente il fenomeno dell interposizione di persona, cui era esplicito riferimento nelle norme anteriori 284 : restando indifferente tanto il tipo di interposizione (fittizia o reale) che la natura del soggetto interposto (persona fisica o giuridica) G.G. SANDRELLI, Riordino del Tuif, cit., p. 90; ID., I reati di market abuse, cit., p. 71. Ante legge n. 62/2005, A. BARTALENA, Insider trading, cit., p. 220 nt. 3; G. MARINI, Note sulla legge 17 maggio 1991, cit., p. 117; F. MUCCIARELLI, L insider trading nella nuova disciplina, cit., p. 947; G. PAVAN, Abuso di informazioni, cit., p. 610 e nt. 83; M. SCIACCA, Insider trading, in Dizionario dei reati, cit., p Parla di «peculiarità, di fronte alla quale ogni disciplina dell insider trading è costretta a capitolare», K. VOLK, Sistema penale e criminalità, cit., p V. altresì A. BARTALENA, L abuso, cit., p. 12; P. CASELLA, Alcune osservazioni, cit., p. 833; V. SANGIOVANNI, L attuazione della direttiva, cit., p Cfr., in questo senso, S. SEMINARA, Insider trading e diritto penale, cit., p. 136 s.; ID., Gli interessi tutelati, cit., p Nel senso che l ipotesi dell insider non trading non possa «trovare un inquadramento in una normativa penale rispettosa dei principi costituzionali», anche A. MEYER, La repressione penale, cit., p In questo senso, con riferimento all avverbio «indirettamente» che compariva nell art. 2, Direttiva n. 89/592/CEE, G. CARRIERO, Informazione, mercato, cit., p Nel senso, peraltro, che l attuale formula abbia una valenza più ampia della precedente, abbracciando ogni forma di collegamento tra il soggetto inibito e il soggetto che effettua l operazione, F. MUCCIARELLI, L abuso di informazioni privilegiate, cit., p. 1470; ritiene l odierna locuzione più generica anche G.G. SANDRELLI, Riordino del Tuif, cit., p. 90; ID., I reati di market abuse, cit., p A. BARTULLI-M. ROMANO, Sulla disciplina penale dell insider trading, cit., p. 664; G. CAR- RIERO, Informazione, mercato, cit., p Va da sé che una categoria di soggetti particolarmente sospetta, al riguardo, è quella dei congiunti e dei conviventi dell insider, talora direttamente inclusi tra i soggetti attivi del reato nelle normative di altri paesi (con riferimento all art. 2, legge

5 L INSIDER TRADING 715 S intende che, in base ai principi generali, l interposto (o, nel caso di persona giuridica, chi agisce per essa) potrà essere chiamato a rispondere del reato quale concorrente extraneus, ove il suo contributo all iter criminis risulti sorretto da un adeguato coefficiente psicologico. L ulteriore inciso concernente le operazioni compiute «per conto di terzi» 286 vale a porre sotto il cono di prensione punitiva anche le transazioni che l insider realizzi nell interesse di altro soggetto, nella cui sfera patrimoniale i relativi esiti economici sono destinati a ricadere 287 : soggetto rispetto al quale sarà egualmente ipotizzabile, nei congrui casi, un concorso materiale o psicologico nel delitto. La rilevanza penalistica delle operazioni sinora descritte resta condizionata, in ogni caso, al fatto che esse siano realizzate dal soggetto qualificato «utilizzando» le informazioni privilegiate detenute. Tale gerundio equivalente, sul piano semantico, all altro «avvalendosi», che compariva nel previgente art. 180 t.u.i.f. 288 eleva, secondo quanto già segnalato, l approfittamento dell altrui gap conoscitivo a requisito di fattispecie, sia pure avendo di mira la sola decisione di intervento dell insider sul mercato, e non anche i suoi concreti esiti: esso richiede, cioè, un collegamento causale, sul piano psicologicomotivazionale, tra conoscenza privilegiata e compimento dell operazione 289, n. 157/1991, L. ALIBRANDI, I reati societari, cit., p. 242; S. GALLI, Insider trading: un primo commento, cit., p. 938 s.; G. VASSALLI, La punizione dell insider trading, cit., p. 17). 286 Inciso assente nella disciplina anteriore alla legge n. 62/2005, nel cui vigore, per comune convincimento, le operazioni penalmente represse dovevano essere effettuate per conto del solo insider, cioè ricadere nel suo patrimonio: cfr. A. BARTULLI-M. ROMANO, Sulla disciplina penale dell insider trading, cit., p. 664; M.L. ERMETES, Abuso di informazioni privilegiate, cit., p. 986; E. MUSCO, Diritto penale societario, cit., p. 318; S. SEMINARA, La tutela penale, cit., p. 624; ID., Commento, cit., p. 1454; contra, peraltro, traendo argomento dalla Direttiva n. 89/592/CEE, C. PEDRAZZI, Riflessioni sull insider trading, cit., p Cfr. C. FOLADORE, Il caso UNIPOL, cit., p. 773; G. IZZO, Insider secondario, cit., p. 1175; F. MUCCIARELLI, L abuso di informazioni privilegiate, cit., p. 1470; G.G. SANDRELLI, Riordino del Tuif, cit., p. 90; ID., I reati di market abuse, cit., p Cfr. G. MARTIELLO, Commento all art. 9, cit., p. 78 (che parla di mera sfumatura di significato); e, con riferimento alla norma previgente, Trib. Brescia, 25 giugno 2002, Gnutti, in Banca, borsa e tit. cred., 2003, II, p. 708; M.L. ERMETES, Abuso di informazioni privilegiate, cit., p Scorgono, invece, nell odierna locuzione una accentuazione del collegamento psicologico-motivazionale di cui subito appresso nel testo, C. FOLADORE, Il caso UNIPOL, cit., p. 773; G. GIOR- DANENGO, Le fattispecie in tema di abuso, cit., p. 593; G. IZZO, Insider secondario, cit., p. 1175; C. MANDUCHI, Un primo intervento giurisprudenziale, cit., p. 3347; F. MUCCIARELLI, L abuso di informazioni privilegiate, cit., p e nt G. MARTIELLO, Commento all art. 9, cit., p. 78; Y. RUSSO, Abuso di informazioni privilegiate, cit., p. 1598; R. ZANNOTTI, Il nuovo diritto penale, cit., p. 390 s.; con riferimento all art. 180 t.u.i.f., vecchio stile, Trib. Brescia, 25 giugno 2002, Gnutti, in Banca, borsa e tit. cred., 2003, II, p. 708; G.i.p. Trib. Milano, 17 novembre 1999, in Foro ambrosiano, 2000, p. 76; R. COSTI-L. ENRIQUES, Il mercato mobiliare, cit., p. 226; M.L. ERMETES, Abuso di informazioni privilegiate, cit., p. 986; G. FANELLI, Insider trading, cit., p. 14; S. GIAVAZZI, Un assoluzione, cit., p. 270; S. MAGNANENSI, La nuova disciplina, cit., p. 454; F. MUCCIARELLI, Due sentenze, cit., p. 78 s.; ID.,

6 716 VALERIO NAPOLEONI per lo meno con quelle modalità temporali e quantitative 290. La concreta sussistenza del predetto gap conoscitivo tra i partecipanti alla transazione costituisce, dunque, all evidenza, condicio sine qua non affinché la violazione del divieto si configuri. In tale ottica, la Corte di Giustizia CE ha affermato che: Gli azionisti principali ed i membri del consiglio di amministrazione di una società, i quali abbiano concordato di effettuare tra di loro transazioni di borsa su valori mobiliari di detta società al fine di sostenerne artificiosamente il corso, sono bensì in possesso di una informazione privilegiata (rappresentata dalla conoscenza del predetto accordo), ma non sfruttano la stessa allorché pongono in essere le transazioni concordate, giacché entrambi le parti contraenti dispongono della medesima informazione (Corte di Giustizia CE, 10 maggio 2007, causa C-391/2004, in Dir. prat. soc., 2007, n. 13, p. 62, con nota di S. FRAZZANI, Insider trading : dalla Corte CE la nozione di informazione privilegiata). Non occorre, di contro pacificamente che l operazione abbia concretamente permesso all agente di conseguire un profitto, come conseguenza della preventivata modifica delle quotazioni (che potrebbe, per varie ragioni, non essersi verificata) 291, trattandosi di evento rilevante solo sul piano della dosimetria della pena (art. 184, comma 3, t.u.i.f. e, con riguardo alla responsabilità degli enti, art. 25-sexies, comma 2, D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231). Il metodo di verifica della sussistenza o meno del requisito in questione consiste nell hinwegdenken, vale a dire nell «eliminazione mentale» della condizione di possesso dell informazione privilegiata in capo all agente: non vi è «utilizzazione» della conoscenza inside se, anche in difetto di essa, il relativo depositario si sarebbe egualmente indotto a compiere la medesima operazione 292. Al riguardo, è opinione corrente che il requisito stesso non rinvii ad un L insider trading nella nuova disciplina, cit., p. 948 s.; E. MUSCO, Diritto penale societario, cit., p. 317; G. PETRAGNANI GELOSI, La tutela penale del segreto bancario, cit., p. 309 s.; S. SEMINA- RA, Il reato di insider trading, cit., p. 332; ID., La tutela penale, cit., p. 630; ID., Commento, cit., p. 1460; A. VALENTI, Insider trading, cit., p. 5. Contra, e nel senso che bastasse la consapevolezza, da parte dell agente, del possesso di un informazione privilegiata, S. GALLI, Insider trading: l accoglimento da parte della Supreme Court federale statunitense della misappropriation theory. Alcune riflessioni sulla condotta di «trading» vietata, come definita nel cosiddetto «Testo Unico Draghi», in Giur. comm., 1998, II, p G. PAVAN, Abuso di informazioni, cit., p Cfr. A. TISEO, La direttiva 2003/6/CE relativa all abuso, cit., p. 1548; R. COSTI, Il mercato mobiliare, cit., p. 270; con riferimento all art. 180 t.u.i.f., vecchio stile, Trib. Brescia, 25 giugno 2002, Gnutti, cit.; M.L. ERMETES, Abuso di informazioni privilegiate, cit., p. 986; S. GALLI, Insider trading: l accoglimento, cit., p. 732; S. GIAVAZZI, Un assoluzione, cit., p. 277; S. MAGNA- NENSI, La nuova disciplina, cit., p. 455; E. RAGNI, Primi segnali di un inversione di tendenza, cit., p. 743; C. SALERNO, Le sanzioni penali, cit., p. 417; A. VALENTI, Insider trading, cit., p. 5. L operazione potrebbe essersi risolta persino in perdita, senza che la responsabilità penale dell agente venga meno: S. SEMINARA, Insider trading e diritto penale, cit., p F. MUCCIARELLI, L insider trading nella nuova disciplina, cit., p. 949 s.; C. SALERNO, Le sanzioni penali, cit., p. 416; V. SANGIOVANNI, L attuazione della direttiva, cit., p. 588; S. TRA-

7 L INSIDER TRADING 717 intento speculativo 293, né implichi un dolo specifico di profitto 294 : essendo sufficiente che l informazione sia stata tenuta consapevolmente in considerazione al momento dell assunzione della decisione di operare 295 (ergo, dolo generico) 296. Ma, in realtà, di «utilizzazione» sembra consentito parlare solo quando, tramite la superiorità conoscitiva, l agente miri a conseguire un vantaggio economico o ad evitare una perdita: quello che non occorre è che lo «sfruttamento» dell informazione rappresenti il motivo-ultimo (ed unico) dell operazione, la quale integra il reato anche se suggerita da motivazioni concorrenti ed ulteriori (quale, ad esempio, l acquisizione di liquidità per far fronte a spese personali) 297. È del tutto evidente, in tale ottica, come il campo applicativo della fattispecie criminosa resti circoscritto alle operazioni che l informazione privilegiata fa apparire, a priori, economicamente vantaggiose. Tali operazioni sebbene la norma non lo specifichi (come invece l art. 2, Direttiva n. 2003/6/CE) debbono, dunque, necessariamente attenere agli strumenti finanziari cui la notizia inside si riferisce 298 ; e debbono essere, altresì, di segno conforme alla notizia stessa. NIELLO, Abuso di informazioni privilegiate, cit., p L incidenza causale dell informazione privilegiata è ravvisabile anche quando la sua acquisizione abbia determinato il superamento di un precedente stato di incertezza tra l operare o meno: F. MUCCIARELLI, L insider trading nella nuova disciplina, cit., p In questo senso, sul rilievo che detto intento sarebbe sempre presente nelle operazioni di borsa, F. MUCCIARELLI, Due sentenze, cit., p. 79; ID., L insider trading nella nuova disciplina, cit., p. 948; S. SEMINARA, Insider trading e diritto penale, cit., p. 229; ID., Il reato di insider trading, cit., p. 332; A. VALENTI, Insider trading, cit., p. 5. Cfr., altresì, S. GIAVAZZI, Un assoluzione, cit., pp. 270, 273, la quale rileva come l intento speculativo potrebbe essere assente anche per motivazioni personali, quale necessità di reperire denaro per far fronte ad uno stato di bisogno. 294 A. BARTALENA, Commento, cit., p. 2000; ID., voce Insider trading, cit., p. 412; M.L. ER- METES, Abuso di informazioni privilegiate, cit., p Contra, F. FOGLIA MANZILLO, L insider trading nella Legge Draghi, cit., p. 99, secondo cui tale finalità risulterebbe insita nella condotta incriminata, anche se sarebbe stato opportuno enunciarla in modo espresso. 295 R. COSTI-L. ENRIQUES, Il mercato mobiliare, cit., p. 226 s. 296 M.L. ERMETES, Abuso di informazioni privilegiate, cit., p. 986; F. MUCCIARELLI, Due sentenze, cit., p. 80; ID., L insider trading nella nuova disciplina, cit., p. 947; S. SEMINARA, Il reato di insider trading, cit., p F. MUCCIARELLI, Due sentenze, cit., p. 81; ID., L insider trading nella nuova disciplina, cit., p. 952; v. pure, S. GIAVAZZI, Un assoluzione, cit., p Ravvisa, per converso, nell allegazione di tali motivazioni una agevole via di elusione della norma, A. BARTALENA, Commento, cit., p s.; ID., voce Insider trading, cit., p Cfr., con riferimento all originario art. 180 t.u.i.f., G. PAVAN, Abuso di informazioni, cit., p. 612; G. PETRAGNANI GELOSI, La tutela penale del segreto bancario, cit., p. 309; M. RIGOTTI, L abuso di informazioni privilegiate, cit., p La medesima soluzione era stata adottata, peraltro nell ottica di scongiurare un evidente aberrazione applicativa della norma incriminatrice già in relazione al previgente art. 2, legge n. 157/1991, che, come detto, prescindeva dallo sfrut-

8 718 VALERIO NAPOLEONI Non si può negare che, con l inserimento del requisito dello sfruttamento della notizia, l accusa risulti gravata da un onere probatorio di non sempre a- gevole assolvimento 299 : anche se le relative difficoltà non vanno sopravvalutate, giacché il più delle volte la dimostrazione di tale elemento di fattispecie può essere tratta, in base a regole di esperienza, dalle circostanze di fatto, relative, in specie, al comportamento dell agente prima e dopo l apprendimento dell informazione privilegiata e dopo la sua diffusione 300 (ad esempio, acquisto di e- levati quantitativi degli strumenti finanziari di riferimento in un arco di tempo ristretto; assenza di analoghe operazioni dell insider prima dell acquisizione della notizia; rapida rivendita dei titoli dopo la divulgazione di quest ultima) 301. D altra parte, il possesso di una informazione privilegiata legittima una praesumptio hominis che l operazione del suo detentore, avente ad oggetto gli strumenti finanziari cui l informazione stessa attiene, sia stata ispirata dalla situazione di vantaggio conoscitivo, quante volte non emergano motivazioni autosufficienti della decisione non riconducibili a detta situazione 302. La configurabilità del reato dovrà essere esclusa, in specie, quando l operazione venga compiuta in base ad una decisione assunta sicuramente prima del momento di acquisizione dell informazione privilegiata e, dunque, non influenzabile logicamente dalla stessa: tipico il caso dell ordine di acquisto o di tamento: cfr. A. BARTULLI-M. ROMANO, Sulla disciplina penale dell insider trading, cit., p. 664 s.; A. DI AMATO, Insider trading, cit., p. 682; L. FOFFANI, La nuova disciplina penale, cit., p. 920; A. MORANO, Insider trading: riflessioni sulla disciplina, cit., p. 748; E. MUSCO, I reati di insider trading, cit., p. 378; ID., La società per azioni, cit., p. 336; S. SEMINARA, Riflessioni, cit., p Da notare che non concreta il reato neppure il fatto del soggetto, che essendo in possesso di informazioni circa il probabile crollo degli strumenti finanziari riferibili alla società operanti in un determinato settore produttivo, investa il proprio capitale in un settore radicalmente diverso (G. MARINI, Note sulla legge 17 maggio 1991, cit., p. 117): ipotesi, questa, riconducibile al paradigma dell insider non trading, giacché la decisione che avvantaggia l insider (evitandogli una probabile perdita) è quella di non operare sul mercato dei titoli cui l informazione attiene (condotta, dunque, meramente omissiva), e non quella di investire aliunde. 299 Cfr. A. TISEO, La direttiva 2003/6/CE relativa all abuso, cit., p. 1548; R. ZANNOTTI, Il nuovo diritto penale, cit., p. 391; e, con riguardo al previgente art. 180 t.u.i.f., A. BARTALENA, voce Insider trading, cit., p. 412; F. FOGLIA MANZILLO, L insider trading nella Legge Draghi, cit., p. 99; S. GIAVAZZI, Un assoluzione, cit., p. 270; N. LINCIANO-A. MACCHIATI, Insider trading. Una regolazione difficile, cit., p. 113; F. MUCCIARELLI, Due sentenze, cit., p. 80; S. TRA- NIELLO, Abuso di informazioni privilegiate, cit., p Tale aspetto era stato sottolineato anche dal Presidente della C.O.N.S.O.B. nel corso dell iter di emanazione del testo unico dell intermediazione finanziaria: cfr. T. PADOA SCHIOPPA, Audizione alla Commissione Finanze della Camera dei deputati, in Riv. soc., 1998, p S. SEMINARA, La tutela penale, cit., p. 630 ss.; ID., Commento, cit., p V. pure S. GIAVAZZI, Un assoluzione, cit., p Cfr. (con riferimento, peraltro, all art. 2, legge n. 157/1991) Trib. Roma, 15 maggio 1996, Busiello, in Giur. comm., 1997, II, p F. MUCCIARELLI, Due sentenze, cit., p. 80; ID., L insider trading nella nuova disciplina, cit., p. 951 s.

9 L INSIDER TRADING 719 vendita impartito in data anteriore, che l agente non è tenuto a revocare una volta entrato in possesso della notizia 303. Altrettanto deve dirsi nell ipotesi in cui l operazione rappresenti l adempimento di un obbligazione pregressa 304, o addirittura di un obbligo di legge, quali quelli di alienazione delle azioni proprie e della società controllante previsti dagli artt. 2357, comma 4, 2357-bis, comma 2, 2359-ter, comma 1, c.c. e 121, comma 1, t.u.i.f. 305 (nel quale ultimo caso sarebbe comunque configurabile la scriminante dell adempimento di un dovere). Con specifico riguardo ai diritti di opzione, d altro canto, la relativa vendita anche da parte di chi sia in possesso di informazioni privilegiate può bene essere la conseguenza della decisione di non sottoscrivere le azioni di nuova emissione, cui i diritti stessi si riferiscono 306. Una particolare attenzione meritano, poi, quei soggetti quali le società emittenti e gli intermediari che operano con continuità sul mercato e che sono, al tempo stesso, più facilmente in possesso di informazioni privilegiate. Deve escludersi, così, tipicamente, che vi sia «utilizzazione» allorché l intermediario finanziario dopo aver ricevuto informazioni privilegiate su un determinato titolo, ad esempio a seguito di incarico conferito dalla società emittente compia operazioni sul medesimo titolo in esecuzione di ordini impartiti da un diverso cliente, senza alcuna partecipazione al relativo processo decisionale 307. Rispetto ai soggetti in parola, inoltre, un elemento che può militare nel senso dell assenza di sfruttamento è la coerenza dell operazione compiuta con una strategia di intervento sul mercato iniziata già prima dell acquisizione della noti- 303 C. PEDRAZZI, Riflessioni sull insider trading, cit., p nt. 1; R. SCHIAVELLI, L abuso di informazioni privilegiate, cit., p. 836 s. Come è stato osservato, una diversa soluzione trasformerebbe surrettiziamente il divieto espresso dal precetto in contrasto con i principi di legalità e colpevolezza in un obbligo di attivarsi per rimuovere una situazione che, nel momento in cui è stata realizzata, risultava del tutto lecita (S. SEMINARA, Insider trading e diritto penale, cit., p. 247). 304 S. SEMINARA, Riflessioni, cit., p. 556; ID., Insider trading e diritto penale, cit., p L art. 2, par. 3, Direttiva n. 2003/6/CE prevede del resto espressamente che «il presente articolo non si applica alle operazioni effettuate per garantire l esecuzione di un obbligo di acquisizione o di cessione di strumenti finanziari diventato esigibile quando quest obbligo risulta da un accordo concluso prima che la persona interessata fosse in possesso di un informazione privilegiata». 305 S. SEMINARA, Commento, cit., p Non si può infatti pretendere che l insider, per evitare di incorrere nella sanzione penale, sia costretto ad un comportamento attivo che implica un onere economico, anche rilevante, quale appunto quello di sottoscrivere l aumento di capitale: cfr. Trib. Siracusa, 10 aprile 1997, Urzì, in Banca, borsa e tit. cred., 1998, II, p. 319; S. SEMINARA, Il reato di insider trading, cit., p Con riferimento all art. 180 t.u.i.f., vecchio testo, G. PETRAGNANI GELOSI, La tutela penale del segreto bancario, cit., p. 309; e, già nel vigore della legge n. 157/1991, A. DI AMATO, Insider trading, cit., p. 688; F. MUCCIARELLI, Speculazione mobiliare, cit., p. 78; E. MUSCO, I reati di insider trading, cit., p. 378; ID., La società per azioni, cit., p. 337; C. PEDRAZZI, Riflessioni sull insider trading, cit., p s.

10 720 VALERIO NAPOLEONI zia privilegiata e proseguita, senza apprezzabili variazioni, dopo la sua diffusione Segue: La comunicazione (tipping). Risponde, in secondo luogo, del delitto di abuso di informazioni privilegiate l insider che «comunica tali informazioni ad altri, al di fuori del normale e- sercizio del lavoro, della professione, della funzione o dell ufficio» (lett. b) dell art. 184, comma 1, t.u.i.f.). «Comunicazione» (da communis) è l atto con il quale si partecipa ad altri un determinato oggetto di conoscenza (nella specie, l informazione privilegiata) 309, qualunque sia il mezzo di trasmissione impiegato (parola, scritto, messaggio informatico, ecc.) 310. Deve ritenersi rilevante anche la comunicazione effettuata in via indiretta: ad esempio, fornendo la password di un computer o il codice di accesso ad una rete informatica, dai quali il terzo potrà attingere la notizia. Sotto il profilo processuale, la giurisprudenza di legittimità ha ritenuto sufficiente la contestazione, nel capo di imputazione, che la comunicazione è avvenuta prima della diffusione tra il pubblico della notizia, escludendo che sia indispensabile l indicazione del luogo e del tempo della comunicazione stessa (Cass., 10 luglio 2006, Gnutti, in Cass. pen., 2007, p. 1533). La comunicazione può essere fatta a beneficio di una sola o anche di più 308 Cfr. Trib. Milano, 30 ottobre 1999, Calderari Di Palazzolo, in Riv. trim. dir. pen. econ., 2001, p. 235, con riguardo a fattispecie nella quale un amministratore, che era in possesso della notizia (non ancora pubblica) della fusione tra due società, aveva acquistato le azioni di entrambe tramite altra società, nella cornice di una politica di sostegno del valore borsistico delle azioni delle società del gruppo, cui apparteneva anche quella acquirente, attuata sia prima che dopo l operazione di fusione. Su tale fattispecie, con valutazioni parzialmente contrastanti, S. GIAVAZZI, Un assoluzione, cit., pp. 267, 271; S. GALLI, Insider trading: l accoglimento, cit., p. 733, secondo il quale se l insider stesse già compiendo transazioni sugli strumenti finanziari al momento dell apprendimento dell informazione, dovrebbe astenersi dal compiere ulteriori transazioni in aggiunta a quelle in corso. 309 Secondo R. ZANNOTTI, Il nuovo diritto penale, cit., p. 391, la comunicazione, per essere tipica, deve avere ad oggetto l informazione privilegiata nella sua interezza. L affermazione appare condivisibile, alla luce della ratio legis evidenziata appresso nel testo, solo nella misura in cui la comunicazione parziale faccia perdere alla porzione di notizia comunicata i tratti dell informazione privilegiata, utilizzabile dal tippee per il compimento di operazioni sul mercato. 310 M.L. ERMETES, Abuso di informazioni privilegiate, cit., p. 987 s.; F. MUCCIARELLI, Speculazione mobiliare, cit., p. 100 (il quale pone particolarmente l accento sull esigenza del carattere consapevole del trasferimento della notizia); ID., La tutela penale della revisione contabile, cit., p. 1306; E. MUSCO, Diritto penale societario, cit., p. 319; G. PAVAN, Abuso di informazioni, cit., p. 613; A. VALENTI, Insider trading, cit., p. 5.

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato INDICE PARTE SPECIALE - Settima Sezione Pag. 1. Le fattispecie dei reati di abuso di mercato...3 1.1 Art. 184 D.Lgs. 58/1998: Abuso di informazioni

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Approvato dal Consiglio degli Stati il 20.12.2011 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 27.04.2012 Legge federale sulle borse

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Relazione degli Amministratori sul terzo punto all ordine del giorno Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento Emittenti, adottato

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. SULL ARGOMENTO RELATIVO AL PUNTO 3. DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER I GIORNI 23 APRILE 2015 IN PRIMA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58 CAPITALE SOCIALE EURO 224.250.000,00 I.V. SEDE LEGALE IN TREVISO VIA LODOVICO SEITZ N. 47 CODICE FISCALE E NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TREVISO 11570840154 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Relazioni all Assemblea Ordinaria

Relazioni all Assemblea Ordinaria Relazioni all Assemblea Ordinaria Assemblea del 27 aprile 2010-28 aprile 2010 Relazione degli Amministratori sui punti all ordine del giorno Redatta ai sensi del D.M. n. 437/1998 Signori Azionisti, il

Dettagli

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986)

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) (Roberto M. Cagnazzo) CAMERA AVVOCATI TRIBUTARISTI DI TORINO Torino, 10 Ottobre 2012 DISCIPLINA

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

POSITION PAPER. aprile 2010

POSITION PAPER. aprile 2010 Risposta alla consultazione COVIP Schema di regolamento sulle procedure relative all autorizzazione all esercizio dell attività delle forme pensionistiche complementari, alle modifiche degli statuti e

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro 1 CAPITALE E PATRIMONIO 1.1 Il capitale sociale: nozione e caratteri 1.2 Funzione del capitale sociale 1.3 Capitale e patrimonio: classificazioni 1.4 Il nuovo concetto di capitale alla luce delle esperienze

Dettagli

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato Codice documento: MOG 231 - PSE COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

RISOLUZIONE N. 52 /E

RISOLUZIONE N. 52 /E RISOLUZIONE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 maggio 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica Disciplina IVA delle prestazioni, rese alle imprese assicuratrici, di gestione degli attivi a copertura

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito Responsabilità degli amministratori in ambito penale tipologie di reati specifici per le società quotate in borsa REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA a cura di Margherita Gardi per il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

Abolizione della tassa sui contratti di borsa

Abolizione della tassa sui contratti di borsa IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 1 DEL 16 GENNAIO 2008 Abolizione della tassa sui contratti di borsa PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (art. 37) Circolare 28 dicembre 2007,

Dettagli

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza 1 Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza In un momento in cui l economia inizia a riprendersi e il Paese a crescere, sono importanti le parole dell Autorità Garante della

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 26 dicembre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 26 aprile 2012 v.0.4 INDICE I. PREMESSA...

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Regolamento di disciplina dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali per l iscrizione all albo delle persone fisiche consulenti finanziari. IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE Assemblea degli Azionisti 23 aprile 2014 Copyright Datalogic S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

RISOLUZIONE N. 8 /DPF

RISOLUZIONE N. 8 /DPF RISOLUZIONE N. 8 /DPF Roma, 21 marzo 2008 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI UFFICIO FEDERALISMO FISCALE Prot. n. 4991-2008/DPF/UFF OGGETTO: Art. 29 del d. l.

Dettagli

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING

UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING Edizione aprile 2013 1 Premessa L art. 114, comma 7, del D. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUIF ) introdotto nell

Dettagli

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate Sommario La Consob ha concluso l iter di approvazione della nuova disciplina sulle operazioni con parti correlate effettuate, direttamente o tramite società controllate, da società che fanno ricorso al

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO

VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO 2 1. Finalita Il presente Codice di Comportamento viene emanato, ai sensi dell art. 114 comma 7 - del Testo Unico Finanziario e degli articoli 152-sexies,

Dettagli

NOTA. Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322.

NOTA. Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322. NOTA Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322. Con nostra circolare Serie Tecnica n. 146 del 22 dicembre 1997 è stato

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Divergenza Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 23.08.2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 14.06.2012 Legge federale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro

Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro Linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita in denaro INTRODUZIONE Il presente documento detta le linee di indirizzo per la Comunicazione Commerciale dei giochi con vincita

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE... 3

1. PREMESSA... 3 2. MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE... 3 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sul punto 3 all ordine del giorno (Proposta di Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie) ai sensi dell'art. 73 del Regolamento

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 143/E

RISOLUZIONE N. 143/E RISOLUZIONE N. 143/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 giugno 2003 Oggetto: Istanza di interpello - Credito d imposta investimenti aree svantaggiate - Articolo 8 della legge 23 dicembre

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Commissione di redazione del... Relatore / Relatrice:... Approvato dal Consiglio degli Stati il 20.12.2011 Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (, LBVM) Disegno Modifica del L

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013 Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013 Relazione illustrativa degli Amministratori sulla proposta di autorizzazione all acquisto e all alienazione di azioni proprie ai sensi dell

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate 1. FINALITA' DELLA PROCEDURA 1.1 La presente procedura contiene le disposizioni relative sia alla gestione

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers La distribuzione del prodotto assicurativo 105 Subagente, coagenzia e procacciatore d affari Il subagente è un soggetto il quale viene incaricato da un agente, verso corrispettivo, di promuovere la conclusione

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

Risoluzione n. 343/E

Risoluzione n. 343/E Risoluzione n. 343/E Roma, 04 agosto 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Richiesta di consulenza giuridica. Articolo 10, n. 4, D.P.R. n. 633 del 1972. Regime IVA applicabile ai servizi

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 01/08/2008 ai sensi dell art. 18 del Regolamento Congiunto Banca d Italia Consob

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

I Soggetti responsabili.

I Soggetti responsabili. I Soggetti responsabili. Scorrendo l articolato, prima relativo al D.Lgs. n. 626/1994 ed ora al D.Lgs. n. 81/2008, risulta come alla chiara esposizione delle responsabilità di legge (D.Lgs. n. 81/2008

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

Commenti ABI al Position Paper CONSOB in materia di Aumenti di Capitale con rilevante effetto diluitivo

Commenti ABI al Position Paper CONSOB in materia di Aumenti di Capitale con rilevante effetto diluitivo Commenti ABI al Position Paper CONSOB in materia di Aumenti di Capitale con rilevante effetto diluitivo 03/06/2010 POSITION PAPER Premessa La tematica della gestione degli aumenti di capitale con rilevante

Dettagli

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8.

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8. Sede legale in Milano - Via Angelo Rizzoli n. 8 Capitale sociale Euro 475.134.602,10 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale n. 12086540155 ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI

Dettagli