Fabbrica Italia Pomigliano e l indotto campano di primo livello

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fabbrica Italia Pomigliano e l indotto campano di primo livello"

Transcript

1 Fiom-Cgil Campania R A P P O R T O Fabbrica Italia Pomigliano e l indotto campano di primo livello Dalle forniture per i modelli Alfa Romeo a quelle per Fiat Nuova Panda Napoli, dicembre 2011

2 Questo rapporto è stato redatto su incarico della FIOM-CGIL Campania dal dott. Davide Bubbico (Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche, Università degli Studi di Salerno) e dal dott. Francesco Pirone (Dipartimento di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione, Università degli Studi di Salerno) che hanno materialmente svolto l attività di ricerca. Gli autori ringraziano per la disponibilità e il supporto nella fase di raccolta dati i delegati sindacali e le strutture territoriali della Fiom-Cgil e della Filctem-CGIL. L immagine originale per la copertina è tratta da Il rapporto è diffuso sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale Condividi allo stesso modo 2.5 Italia che, tra l altro, permette di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire, recitare, di modificare alle seguenti condizioni: (1) Attribuzione: devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera; (2) Non commerciale: Non puoi usare quest'opera per fini commerciali; (3) Condividi allo stesso modo: Se alteri o trasformi quest'opera, o se la usi per crearne un'altra, puoi distribuire l'opera risultante solo con una licenza identica o equivalente a questa. Per ulteriori dettagli e approfondimenti si rimanda alla pagina web Il rapporto è stato chiuso il 11 dicembre

3 Indice 1. Note metodologiche introduttive e contenuti p La riorganizzazione dello stabilimento Fabbrica Italia Pomigliano per la produzione della Nuova Panda» 6 3. Il mosaico societario del sito industriale Fiat di Pomigliano d Arco» 9 4. L indotto di primo livello di Fabbrica Italia Pomigliano» La riorganizzazione dell indotto automotive in Campania» Brevi note conclusive» 22 3

4 1. Note metodologiche introduttive e contenuti Il rapporto propone un analisi sintetica delle trasformazioni produttive e occupazionali nel sito industriale Fiat di Pomigliano d Arco e nelle imprese localizzate in Campania che operano nel primo livello di fornitura. Il lavoro presenta i primi risultati di un analisi diacronica che compara produzioni e occupazione presenti su scala regionale tra l inizio del 2008, quando nello stabilimento Fiat Giambattista Vico erano in produzione i modelli Alfa Romeo (gamma 147, GT e 159) e inizio dicembre 2011, in preparazione della messa a regime della produzione del modello Fiat Nuova Panda, dopo una drastica riduzione dell attività produttiva negli ultimi tre anni. In altri termini il rapporto si propone di illustrare le trasformazioni che sono avvenute nell indotto automotive regionale, in particolare nel primo livello di fornitura, a seguito del passaggio di produzione dai modelli di marchio Alfa Romeo all attuale Fiat Nuova Panda. Tenuto conto delle significative differenze di prodotto tra i precedenti modelli Alfa Romeo e la Nuova Panda, ovvero del downgrading da autoveicoli medio-grandi (segmenti C-D) dalle caratteristiche sportive, a vetture utilitarie urbane piccole ed economiche (segmento A), l attenzione si è focalizzata sulle componenti fornite, sulla qualità dei prodotti e dei processi produttivi, sugli investimenti intervenuti in relazione alle nuove forniture, e infine all impiego di manodopera. L aspetto occupazionale, che ha una rilevanza centrale in questo rapporto, per la complessità che emergerà dall esposizione stessa dei dati, richiede ulteriori approfondimenti che saranno oggetto di fasi successive della ricerca. Pertanto in alcuni casi i dati presentati vanno interpretati alla luce dei limiti imposti dalle informazioni disponibili. Le analisi che seguono si basano su informazioni rilevate attraverso una prima indagine di campo svolta tra l ultima settimana di novembre e la prima settimana di dicembre 2011, attraverso interviste a delegati sindacali della Fiom-Cgil. Le informazioni ottenute attraverso tali procedure di rilevazione non risultano sempre esaustive del bisogno informativo della ricerca, pertanto i dati presentati vanno intesi come tendenziali. Oltre ai delegati di fabbrica, vista la presenza di aziende che non rientrano nel comparto meccanico (ad esempio per la gommaplastica, le fibre, ecc.), sono state raccolte informazioni anche attraverso i responsabili di categoria e i delegati della Filctem regionale e provinciale della Campania. Analoghi contatti sono avvenuti con i segretari provinciali e con alcuni responsabili territoriali e settoriali della Fiom. È evidente che ulteriori approfondimenti saranno necessari quando la produzione della Nuova Panda entrerà a regime e saranno disponibili informazioni sull effettivo andamento produttivo dello stabilimento. D altra parte, la rilevazione 4

5 è avvenuta in una quadro nel quale non risultano ancora chiaramente definite tutte le commesse, perlomeno con riferimento alle imprese da noi osservate. Nel complesso l universo di indagine della ricerca fa riferimento a 24 unità locali di imprese localizzate in Campania che nel 2008 risultavano essere fornitrici dello stabilimento Fiat di Pomigliano d Arco 1. A queste si aggiungono anche le imprese di servizio che operano intra-moenia nel sito industriale Fiat di Pomigliano. Il rapporto, in particolare, si focalizza sull organizzazione dello stabilimento Giambattista Vico, sul passaggio della forza lavoro alla nuova società Fabbrica Italia Pomigliano e sulle attività di servizio e i relativi occupati che si rilevano nelle imprese terze. Nel rapporto sono, inoltre, riportati i dati sul valore dell importexport di motori e componenti per auto tra la Campania e la Polonia, ottenuti dall analisi delle statistiche sul commercio estero relativamente al periodo 2003 al secondo trimestre 2011, in ragione dell indotto creatosi in Polonia con la produzione del precedente modello Panda e delle probabili forniture che continueranno ad originarsi dalla Polonia in relazione alla produzione del nuovo modello a Pomigliano. Va ricordato a questo proposito che nello stabilimento di Fiat Poland di Tichy, rimarrà tutta la produzione basata sulla piattaforma produttiva small (segmento A), vale a dire la Fiat 500, la nuova Lancia Y, il vecchio modello della Fiat Panda e la produzione per la Ford della nuova Ka. Intorno allo stabilimento polacco è naturalmente strutturata la piattaforma produttiva 2 per i prodotti del segmento A che continuerà a operare anche a supporto delle produzioni di Pomigliano. Anche i motori saranno in parte importati dalla Polonia, e in parte forniti dallo stabilimento di Termoli in Molise. Ciò significa anche che la FMA di Pratola Serra 3, in provincia di Avellino, che in precedenza forniva una quota di motori per i modelli Alfa Romeo (147, GT e 159) prodotti a Pomigliano, adesso con la Nuova Panda non ha ricevuto nessuna nuova commessa. Ciò ha aggravato la condizione di crisi dovuta al sottoutilizzo dello stabilimento, con ricorso massiccio alla cassa integrazione, che ha segnato lo stabilimento dal 2008 ad oggi. 1 Per l analisi dei risultati delle precedenti rilevazioni si vede Bubbico D. (a cura di), Fiat e indotto auto nel Mezzogiorno. Secondo rapporto sull indotto auto della Fiat-Sata di Melfi e degli stabilimenti Fiat di Campania e Molise, Meta Edizioni, Roma, 2003; e Pirone F. Grande impresa e sviluppo territoriale: il caso della Fiat in Campania, in Sociologia del lavoro, vol. 118, 2010, p Per approfondire la struttura delle forniture dello stabilimento Fiat in Polonia si rimanda a Balcet G., Enrietti A., Global and Regional Strategies in the European Car Industry: The Case of Italian Direct Investments in Poland, in Journal of Transnational Management Development, Vol. 3, Issue 3-4, 1998, pp ; Enrietti A., Fiat Auto Poland and its Supplier, in Faust M., Voskamp U., Wittke V. (eds.), European industrial restructuring in a global economy: fragmentation and relocation of value chains, SOFI, Göttinge, 2004, pp ; e Domaoski B., Gwosdz K., Toward a More Embedded Production System? Automotive Supply Networks and Localized Capabilities in Poland, in Growth and Change, Volume 40, Issue 3, 2009, pp Sulla crisi della FMA si veda Morsa G., Pirone F., A motori spenti. Rapporto sulla F.M.A. e l industria dell auto in provincia di Avellino, Fiom-Cgil Avellino, settembre

6 2. La riorganizzazione dello stabilimento Fabbrica Italia Pomigliano per la produzione della Nuova Panda Non abbiamo ancora a disposizione sufficienti informazioni per poter descrive e analizzare con precisione l attuale configurazione della linea di produzione della Nuova Panda. Le informazioni utili a tale analisi rimangono finora riservate al management e soltanto in minima parte accessibili alle stesse organizzazioni sindacali firmatarie del contratto aziendale. Per ora ci sono soltanto indicazioni di massima, perlopiù basate sulla conoscenza diretta dello stato di avanzamento dell istallazione degli impianti, che possono offrire informazioni sulla natura dell investimento Fiat a Pomigliano d Arco, sulle modalità di riorganizzazione dello stabilimento, sugli aspetti tecnologici dell impiantistica e sull organizzazione del lavoro. In base a tali indicazioni proviamo di seguito a delineare alcune prime considerazioni introduttive sull aspetto che sta assumendo l impianto della FIP. L attività per la produzione della Fiat Nuova Panda andrà a concentrarsi nel padiglione prima dedicato alla produzione dell Alfa Romeo 159 (che nel frattempo è stata spostata nell area prima dedicata all Alfa Romeo 147, e che sarà dismessa adesso che è terminata la produzione del modello 159). I reparti che non dovrebbero risentire di significative trasformazioni sono quelli dello stampaggio che tra l altro ha continuato a lavorare per forniture infragruppo e quello della verniciatura nel quale la Fiat ha già realizzato un investimento a metà anni Duemila che dovrebbe continuare a garantire livelli di efficienza e qualità adeguati anche per la lavorazione della nuova autovettura. Il reparto lastratura, invece, sembra essere stato interessato da importanti innovazioni di processo per le quali la Fiat avrebbe dedicato un ampia quota dei 700 milioni di euro programmati per l investimento nello stabilimento campano. In lastratura, infatti già ampiamente robotizzata l attuale processo produttivo prevede un ulteriore spinta verso l automazione di processo, con l inserimento di nuovi robot che dovrebbero portare alla eliminazione completa delle lavorazioni di saldatura a pinza precedentemente effettuate dagli operai di linea. Di conseguenza, l attività lavorativa in questo reparto si dovrebbe concentrare quasi esclusivamente sulle operazioni di caricamento, per le quali però risulta ancora difficile stimare i ritmi di lavoro. Secondo quanto dichiara l azienda nel reparto lastratura dovrebbero essere presenti una dorsale produttiva con linee automatiche e flessibili concepite per alimentazione diretta dei sottogruppi (logistica zero forklifts ); l Open Gate per la formazione del body composto da 14 robot che eseguono 84 punti di saldatura contemporaneamente; e la ferratura 6

7 automatica (hanging line), cioè l'applicazione delle parti mobili (porte, portellone e cofano) alle scocche, attraverso l'utilizzo di 603 robot di nuova generazione 4. L organizzazione dello stabilimento prevede un unità operativa plastica che realizza attività precedentemente affidate alla società Ergom e oggi rientrate nel perimetro aziendale Fiat. Si tratta in particolare dello stampaggio della plancia, lo stampaggio dei paraurti, e della lavorazione e verifica dei serbatoi. Tali attività lavorative, per effetto combinato dell investimento in robot e impianti automatici e l impoverimento del prodotto da realizzare, oggi risultano più automatizzate e impiegano meno lavoro operaio. Innovazioni tecnologiche e organizzative di processo dovrebbero interessare anche il reparto di montaggio, dove si concentra la maggior parte degli addetti di produzione. Le linee di montaggio, anche in applicazione alla nuova metrica Ergo- Uas che prevede la revisione complessiva dell ergonomia delle singole postazioni di lavoro 5, dovrebbero presentarsi con un layout significativamente modificato. In particolare le principali novità riguardano la cosiddetta Trim Line con skillet ad altezza variabile e i ganci girevoli in diverse stazioni della dorsale che dovrebbero rendere, secondo l azienda, più agevole il lavoro degli operai di linea. Tra le attività maggiormente coinvolte dall innovazione tecnologica e organizzativa rientrano, d altra parte, l automazione del rifornimento delle linee, il sequenziamento e l accoppiamento automatico dei materiali alle autovetture da montare che dovrebbero essere affidate ad un sistema robotizzato che comprende diversi dispositivi tecnologici (carrellini robotizzati, piste magnetiche, e simili), in parte già impiegati nello stabilimento Sata di Melfi. In questo modo, è prevedibile, che si arrivi a una limitazione delle operazioni (eliminazione delle operazioni a non valore aggiunto) e dei relativi tempi assegnati agli addetti al montaggio e ad una condizione di maggiore vincolo alla catena. D altra parte il sistema informatico che governa il flusso produttivo dovrebbe portare all automazione della cosiddetta diffusione e all eliminazione dei rami di accumulo anche in conseguenza di una gamma prodotta meno ampia, con l eliminazione delle relative postazioni lavorative. Specifici investimenti in nuove tecnologie di processo riguardano la cosiddetta giostra motore che con l introduzione del cosiddetto Flex Decking dovrebbe consentire l accoppiamento automatico tra il motore e la scocca, attività che in precedenza veniva realizzata dagli operai con il supporto di partner elettromeccanici. Un'altra area automatizzata dovrebbe essere quella del montaggio del parabrezza, affidata ad un impianto robotizzato che impiega parabrezza a cui il fornitore ha già applicato il sigillante (in gergo primerizzato ). Questo sistema sostituisce gli operatori che nella precedente organizzazione 4 Fiat SpA, Comunicato stampa Nuova Fiat Panda, 21 novembre Sul tema si veda a Tuccino F., Il nuovo modello di organizzazione del lavoro in FIAT: il sistema ERGO- UAS. Gli effetti sulla salute e sulle condizioni di lavoro, in Economia & Lavoro, XLV, n. 2, 2011, pp

8 produttiva si occupavano dell applicazione del sigillante, dell aggancio e del montaggio del parabrezza. Si dovrebbe ridurre, infine, l utilizzo della pista per il collaudo delle autovetture che a differenza del passato dovrebbe essere fatto a campione. Secondo l Azienda, attraverso la predisposizione di un Quality Center a tecnologia avanzata si dovrebbe arrivare ad un miglioramento sensibile del sistema di controllo della qualità dei processi di produzione e assemblaggio 6. A ciò si abbina il ricorso ai controlli attraverso impianti di test e prove sul prodotto finito (test al banco a rulli, prova ammortizzatori, test sistemi sigillanti acqua, etc.) che dovrebbe consentire la riduzione delle prove su pista, senza pregiudicare i livelli di controllo della qualità del prodotto. Anche la struttura organizzativa dovrebbe subire una sensibile revisione. Le informazioni finora disponibili indicano che nella nuova struttura saranno cancellate le precedenti UTE che dovrebbero essere sostituite da quattro macrostrutture organizzative con a capo una figura denominata supervisor. All interno di tali macro-strutture si collocano dei gruppi di lavoro (probabilmente denominati domini ), composti da 6/8 operatori sotto il controllo diretto del team leader. Si tratterebbe, quindi, di una struttura piatta (con due o tre livelli gerarchici) con gruppi di lavoro di dimensioni ridotte, maggiormente dipendenti dall influenza del team leader. Le condizioni di funzionamento attuale dello stabilimento 7, non consentono considerazioni sul livello dello sforzo lavorativo, oltre alle considerazioni già sviluppate sull intensificazione lavorativa prevista dal WCM e dall applicazione dell Ergo-Uas. Lo stesso vale per il sistema di governo della forza lavoro che, tenuto conto dell irrigidimento connesso alle clausole contrattuali, sembra accentuare le responsabilità di controllo in capo al livello gerarchico più basso (team leader). 6 L Azienda dichiara che nella sala metrologica una serie di calibri e macchine di misura consentono di verificare la conformità a progetto dei particolari misurando, ad esempio per la scocca, circa 2000 punti per i pezzi già formati e fino a 3000 per i pezzi stampati. Grazie poi alle attrezzature "Meisterbock" e Master di Montabilità è possibile simulare l'assemblaggio per tutte le parti di scocca e di carrozzeria riuscendo ad analizzare perfettamente tutte le zone di accoppiamento. L effettiva efficacia di tali sistemi andarà poi valutata una volta che la produzione sarà a regime. Fiat Spa, Comunicato stampa Nuova Fiat Panda, 21 novembre La linea di montaggio, ad esempio, prevede naturalmente un passo ridotto rispetto a quello dei precedenti modelli Alfa Romeo assemblati a Pomigliano; pur in assenza di informazioni precise sulla cadenza e sui singoli cartellini di lavoro a regime, le prime indicazioni sull affaticamente sul lavoro con un flusso produttivo ridotto 2 vuoti e 1 auto danno indicazioni qualitative che supportano la tesi di una significativa intensificazione dello sforzo lavorativo, da sottoporre a successive verifiche empiriche. 8

9 3. Il mosaico societario del sito industriale Fiat di Pomigliano d Arco L analisi delle informazioni raccolte sulle imprese, le attività e gli addetti presenti nel sito di Pomigliano ci permettono alcune considerazioni preliminari. In primo luogo si osserva un processo di ridimensionamento e razionalizzazione dell attività di outsourcing. Le imprese terze si riducono di numero e si focalizzano tutte su attività di servizio industriale. In secondo luogo, per quanto riguarda l occupazione, si osserva una riduzione significativa della forza lavoro occupata nel sito e una sua sottoutilizzazione, evidenziata dal ricorso ancora diffuso alla cassa integrazione guadagni. Il mosaico societario del sito industriale Fiat di Pomigliano d Arco risulta attualmente dicembre 2011 composto da 16 unità locali di impresa, di cui 4 appartenenti al Gruppo Fiat oltre a Elasis (i cui dipendenti, vedremo in dettaglio in seguito, a partire dal 1 gennaio 2011 sono stati riallocati in 4 società oltre ad un residuo di addetti che rimangono in forze alla Elasis) e infine 7 unità locali di altre imprese che forniscono servizi industriali. Nell insieme delle 16 società che operano nel sito di Pomigliano, escludendo i 306 lavoratori Fiat che sono stati assegnati al sito di logistica di Nola, sono occupati complessivamente addetti di cui il 92% dipendenti del Gruppo Fiat. Confrontando tali dati con quelli rilevati nella primavera del 2008, si osserva una riduzione del numero degli addetti nel sito di (pari a -26,6%). Più nel dettaglio i dati evidenziano che, fatta eccezione gli addetti dell Elasis che sono cresciuti del 9%, la riduzione è stata molto rilevante nelle imprese terze di servizio che operano intra-moenia nel sito industriale Fiat, nelle quali gli addetti si sono più che dimezzati (-57%), perdendo nel complesso 590 lavoratori; nel caso delle imprese appartenenti al gruppo Fiat la riduzione di addetti in valore assoluto è stata di unità (-25,7%), tra questi rientrano ricordiamo 500 dipendenti di Fiat Group Automobiles che sono stati avviati al pensionamento attraverso la mobilità con un accordo sindacale unitario firmato il 7 aprile 2010 (350 unità nel 2010 e 150 unità nel 2011). In tutte le altre realtà aziendali dove si è registrata una riduzione di addetti, si è fatto ricorso allo strumento della mobilità come scivolo per il pensionamento (Tab. 1). I dati sull attuale riduzione degli addetti vanno poi riconsiderati anche alla luce dell ampio ricorso alla cassa integrazione guadagni (CIG) che c è stato nel periodo in tutte le imprese del sito (con alcune eccezione, vedi Sirio) come conseguenza del quasi arresto della produzione dello stabilimento Fiat, fatta eccezione della quota produttiva residua e decrescente del modello Alfa Romeo 159 e dell attività di stampaggio per le forniture infragruppo. 9

10 Tab. 1 Sito industriale Fiat di Pomigliano d Arco:variazioni società e addetti tra il 2008 e il 2011 Variazione addetti Società Stima addetti Sito Industriale Pomigliano N. % Fiat Group * ,7 Elasis ,0 Service Suppliers intra-moenia ,0 TOTALE ,6 Fonte: nostra elaborazione su dati Fiom-Cgil Campania. * Nel calcolo non sono conteggiati i 306 addetti che operano nel sito di Fiat di Nola. Entriamo ora nel dettaglio delle singole situazioni aziendali, a cominciare dalle imprese che rientrano nel Gruppo Fiat. La newco Fabbrica Italia Pomigliano (FIP), costituita nel luglio del 2010, attualmente ha assunto 594 addetti, provenienti dal Fiat Group Automobiles, per la quale è stata dichiarata la cessazione di attività. Risultano ancora fuori dalla FIP addetti, dei quali 306 sono però destinati all attività di logistica nel sito di Nola (e per i quali non è previsto l ingresso in FIP). L Azienda ha dichiarato di voler assumere entro la fine dell anno circa 900 addetti. Resta una perplessità sulle possibilità di reimpiego nella FIP dell intero organico dello stabilimento Giambattista Vico, tenuto anche conto dell accordo sindacale che prevede l assorbimento di circa 500 addetti della Plastic Components and Modules Automotive (ex Ergom) in FIP. Ciò deriva dal rischio di una domanda di mercato inferiore alle aspettative, realisticamente per ragioni macro-economiche che prescindono dalle caratteristiche del prodotto. Il rischio è in altri termini il sottoutilizzo della capacità istallata e all impiego di un numero inferiore di lavoratori rispetto a quelli attualmente in forza alla FGA. Rispetto ai addetti della Fiat nel 2008, oggi tra gli addetti in FGA (3.481 a Pomigliano e 306 a Nola) e quelli già in FIP (594) si arriva a 4.831, pari ad una riduzione di 789 addetti (-15,3%). Per le altre società del gruppo, la Fiat Services, che si occupa di servizi di fatturazione e di contabilità, ha ridotto tra il 2008 e il 2011 di 31 unità il suo organico, passando da 101 a 70 dipendenti, con l ipotesi di un ulteriore ridimensionamento per accentramento a Torino di parte dell attività adesso svolta a Pomigliano. La Comau, invece, mantiene la sua piccola presenza di collegamento per la manutenzione degli impianti robotizzati, con due unità operative (Tab. 2 e 3). Più articolata è la riorganizzazione che ha riguardato la Elasis. Nell ambito della scissione di Fiat Spa da Fiat Industrial, infatti, dal primo gennaio 2011 i dipendenti di Elasis che nel frattempo dal 2008 sono passati da 741 a 808 sono stati trasferiti ai settori da cui erano già coordinate le attività tecniche, di sperimentazione e ricerca, pur continuando a svolgere la propria attività nell attuale sede campana. In particolare: (a) gli addetti a Research & Process Development, 486 lavoratori di cui 449 impiegati e quadri e 37 operai che si 10

11 occupano di ingegnerie di prodotto e di processo per l autoveicolo oggi appartengono a FGA, (b) gli addetti a Powertrain Engineering Center e Testing, 249 addetti di cui 183 impiegati e quadri e 66 operai che si occupano di progettazione, sviluppo e applicazioni di motori e cambi e dei relativi sistemi di controllo, sono stati accorpati a Fiat Powertrain; (c) 50 addetti sono stati accorpati a Fiat Item e si occupano di reti informative e sistemi informatici; (d) infine, 8 addetti sono stati trasferiti a Fiat Pourchasing, occupandosi degli acquisti per il Gruppo. Alla società Elasis attualmente rimane soltanto la gestione dell immobile e dei relativi impianti, cui sono per ora dedicati 15 addetti. Tra tutte le altre imprese che forniscono servizi intra-moenia (service suppliers) si registrano riduzione di personale con eccezione della Sirio che si occupa di sicurezza industriale, vigilanza e antincendio e che ha portato i suoi addetti da 101 nel 2008 agli attuali 175. Negli altri casi, si registra per De Vizia Transfer, 20 addetti con una riduzione di 10 unità rispetto al dato del L azienda non si occupa più della manutenzione dei carrelli, ma offre un servizio di manutenzione avvolgimento pompe e motori elettrici. La Manital (ex Delivery & Mail) ha dimezzato il suo organico con procedure di pensionamento, arrivando a 10 addetti che si occupano di pulizia spogliatoi e servizi postali. La Fenice ha ridotto il suo organico a 57 unità (di cui 13 impiegati); attualmente si occupa della conduzione di impianti energetici per i processi industriali e per il riscaldamento ambientale e del trattamento degli scarichi industriali. La P. Labs, con 31 addetti, si occupa della gestione della rete informatica dello stabilimento e del CED; la riduzione dell organico è dovuta alla scissione dell attività e alla ricollocazione di 15 dipendenti in IBM (Napoli). La Lifi che si occupa della manutenzione e della lavorazione dei contenitori metallici, ha ridotto il suo organico a 24 unità, rispetto i 44 registrati nel 2008, attraverso procedure di mobilità con accompagnamento alla pensione. La Novafero, che si occupa di movimentazione delle autovetture sul piazzale, dal fine linea al punto di presa in carico per il trasporto, ha ridotto i suoi addetti a 56 unità (14 in meno rispetto al 2008). La Pellegrini, infine, che si occupa del servizio mensa ha ridotto anche essa l organico da 101 a 70 dipendenti. 11

12 Tab. 2 Sito industriale Fiat di Pomigliano d Arco: imprese, attività e stima addetti. Dicembre 2011 Impresa Forma Giuridica Sede Legale Addetti Attività Imprese Gruppo Fiat Fiat Group Automobiles (FGA) SpA TO Produzione e assemblaggio auto; cessazione attività Fabbrica Italia Pomigliano (FIP) SpA NA Nuova società per produzione e assemblaggio Nuova Panda Fiat Services SpA TO Servizi di fatturazione e contabilità Comau SpA TO Manutenzione impianti 2 2 Elasis ScpA NA Manutenzione impianti e servizi tecnici Fiat Powertrain (FP) SpA TO Progettazione, sviluppo, applicazioni e controllo motori e cambi FGA SpA TO Ingegneria di prodotto e processo per l'autoveicolo Fiat Pourchasing SpA TO Servizi di acquisto e forniture - 8 Fiat Item SpA TO Sistemi informativi e servizi informatici - 50 TOTALE GRUPPO FIAT Imprese Service Suppliers intra-moenia De Vizia Transfer SpA TO Manutenzione avvolgimenti pompe e motori elettrici Manital (ex Delivery & Mail) ScpA TO Servizi postali e pulizia spogliatoi Fenice SpA TO Conduzione impianti energetici, trattamento scarichi industriali P. Labs (ex Global Value) Srl TO Gestione reti informatiche aziendale e CED Lifi Srl CE Manutenzione e lavorazione contenitori metallici Novafero Srl MI Gestione movimentazione autovetture piazzale Pellegrini SpA MI Gestione servizio mensa Sirio ScpA TO Sicurezza industriale, vigilanza e antincendio TOTALE SERVICE SUPPLIERS Imprese la cui attività è stata internalizzata in FGA DHL Supply Chain SpA MI Movimentazioni materiali Plastic Components and Modules Automotive (ex Ergom) SpA TO Produzione e lavorazione serbatoi e componenti plastiche 55 - Ingest Facility SpA TO Servizi di manutenzione 19 - Magneti Marelli Sistemi Sospensioni SpA MI Lavorazioni e assemblaggio sospensioni e ammortizzatori TOTALE SITO POMIGLIANO FGA Nola TOTALE Fonte: nostra elaborazione su dati Fiom-Cgil Campania. 12

13 Un ultimo gruppo riguarda le imprese che non operano più nel sito di Pomigliano e che hanno ceduto l attività che è stata internalizzata (insourcing) da Fiat. Si tratta di: (a) attività logistica della movimentazione dei materiali che nel 2008 occupava 533 addetti nella DHL Supply Chain; (b) delle lavorazioni plastiche del serbatoio e di altri particolari in plastica realizzate con 55 addetti dalla Plastic Components and Modules Automotive (ex Ergom); (c) delle attività di manutenzione svolte dai 19 addetti della Ingest Facility; e, infine, (d) la lavorazione e assemblaggio delle sospensioni precedentemente realizzato da 258 addetti nella Magneti Marelli Sistemi Sospensioni (Tab. 2). Nel complesso si tratta di 861 addetti che per una larga parte sono stati avviati con la mobilità al pensionamento, mentre la restante quota è stata assorbita dalla Fiat. Tab. 3 Sito industriale Fiat di Pomigliano d Arco: imprese e addetti 2008 e 2011, attuale ricorso a CIG Ricors Imprese Stima addetti o CIG Fiat Auto Fabbrica Italia Pomigliano Fiat Group Automobiles (FGA) DHL Supply Chain Plastic Components and Modules Automotive Attività internalizzate in FGA 55 - Ingest Facility 19 - Magneti Marelli Sistemi Sospensioni Fiat Services Fiat Services Elasis Elasis Fiat Powertrain Ricollocazione societaria degli addetti FGA Fiat Pourchasing - 8 Fiat Item - 50 Comau Comau 2 2 De Vizia Transfer De Vizia Transfer Delivery & Mail Manital Fenice Fenice Global Value P. Labs Lifi Lifi Novafero Novafero Pellegrini Pellegrini Sirio Sirio Totale Sito di Pomigliano Totale Sito di Pomigliano FGA Nola 306 TOTALE Fonte: nostra elaborazione su dati Fiom-Cgil Campania. 13

14 4. L indotto di primo livello di Fabbrica Italia Pomigliano Per comodità di esposizione le 24 aziende dell indotto industriale campano di primo livello della Fiat e quindi dello stabilimento di Pomigliano ma non solo in quanto impegnati anche in altre forniture esistenti al 2008, possono essere suddivise in tre categorie di prodotto: (a) componenti meccaniche (stampaggi e assemblaggi); (b) componenti plastiche; (c) componenti in fibra, tessuto-nontessuto, cablaggi, ecc. Va precisato che in Campania esistono altre imprese fornitrici della Fiat, anche se il loro numero non è particolarmente significativo, che lavorano per lo stabilimento di Pomigliano. Si tratta di imprese che hanno rapporti di fornitura con gli stabilimenti di Cassino, Sata di Melfi e Sevel di Val di Sangro. Inoltre anche le aziende che abbiamo indagato presentano in molti casi produzioni per più stabilimenti Fiat e molto spesso le produzioni per lo stabilimento di Pomigliano in relazione alla Nuova Panda costituiscono solo una piccola parte dei volumi produttivi realizzati. Alcune di queste imprese hanno, inoltre, commesse per clienti esteri quali i francesi del gruppo PSA, Renault o i tedeschi Bmw e Mercedes, cresciute in particolare negli ultimi anni. In 4 aziende al momento della rilevazione non erano presenti commesse riferibili alla Nuova Panda (Almec, Dythec Sinter, Fibro, Yazaki), anche se in passato queste stesse aziende sono state fornitrici dello stabilimento di Pomigliano per i modelli Alfa Romeo (la Yazaki quando era ancora Cablelettra). Allo stesso modo due aziende (Meridbulloni e Magneti Marelli) che nel 2008 non erano fornitrici dello stabilimento di Pomigliano sono tornate ad esserlo oggi con la nuova produzione 8. Non abbiamo al momento dati sull indotto di secondo e terzo livello, ma in conclusione forniremo comunque una stima delle imprese potenzialmente coinvolte e del volume di occupazione complessiva che ne deriva. L insieme di queste considerazioni e i dati che forniremo successivamente ci spingono ad affermare che la stima tra i 9mila e i 13mila posti di lavoro nell indotto annunciati nel novembre scorso in relazione alla messa in produzione della Nuova Panda 9, pur volendo fare riferimento all intero territorio nazionale, ci risultano 8 L ingresso di aziende nelle forniture di uno specifico modello può tendenzialmente variare in virtù di diversi fattori. Non è da escludere che nel corso della produzione ad alcune aziende fornitrici ne subentrino altre o ne escano momentaneamente per poi rientrarvi. 9 Si veda ad esempio l articolo di Alessandro Puato, Fiat Pomigliano riparte e sale sulla nuova Panda, in Il Sole 24 Ore, del 14 novembre 2011, ma più in generale gli articoli pubblicati in seguito all annuncio ufficiale Fiat della ripresa produttiva dello stabilimento di Pomigliano. 14

15 significativamente sovrastimati, soprattutto in relazione alle effettive ricadute occupazionali sul tessuto industriale del comparto automotive campano. Suddividendo gli stabilimenti fornitori di primo livello per tipologia di prodotto, come indicato in precedenza, individuiamo i seguenti tre gruppi di imprese: a. Le aziende del comparto meccanico (assemblaggi, stampaggi lamiere, lavorazioni meccaniche): sono la metà delle aziende (12 unità locali) che compongono l indotto di primo livello localizzato in Campania. Le aziende sono ubicate in tutte le province campane, anche se in numero maggiore in quella di Napoli: Almec, ASM, Lima Sud, Denso in provincia di Avellino; Ficomirrors in provincia di Benevento (anche se questa azienda si occupa anche di stampaggio plastica); Ben Vautier, Dythec Sinter, Magneti Marelli, Meridbulloni, Tiberina Pomigliano in provincia di Napoli; Proma e Tower Automotive in provincia di Caserta. b. Le aziende del comparto plastica e gomma plastica: se si esclude la ex Ergom (Plastic Components and Modules Automotive) che ha chiuso i quattro stabilimenti campani e che riforniva gran parte dei componenti in plastica per Pomigliano (paraurti, plance, altri particolari interni ed esterni), sono solo due le imprese che oggi operano nell indotto Fiat di Pomigliano: la Cooper Standar Automotive (ex Metzeler) di Battipaglia (guarnizioni in gomma e plastica) e la PPG di Caivano (resine e emulsioni per scocca, semilavorato delle vernici). c. Le aziende dei tessuti-non tessuto, bi-materiali: in questo gruppo di imprese troviamo le rimanenti Adler Plastic di Ottaviano, la Lear Coorporation di Caivano (assemblaggio sedili), la Yazaky e la Fibro in provincia di Benevento (anche se al momento non avevano produzioni per la Nuova Panda), la Johnson Controls in provincia di Caserta (semilavorato pannello porta), la Johnson Controls in provincia di Salerno (pannello porta finito), la Rieter Automotive FIMIT in provincia di Caserta (materiali interni per autovetture). 15

16 5. La riorganizzazione dell indotto automotive in Campania La ripresa dell attività produttiva dello stabilimento di Pomigliano con la messa in produzione della Fiat Nuova Panda il prossimo anno oggi la produzione è ancora di poche vetture al giorno esclusivamente per il lancio promozionale avviene dopo una drastica riduzione dell attività produttiva nel corso degli ultimi tre anni, che ha avuto sensibili effetti negativi sulla maggior parte delle aziende dell indotto che producevano solo per lo stabilimento di Pomigliano. Per comprendere le ricadute sull indotto della produzione della Nuova Panda bisogna però preliminarmente tenere conto di tre aspetti: si tratta di un autovettura di più basso segmento di mercato (utilitaria di segmento A) rispetto ai modelli Alfa Romeo precedentemente prodotti che si collocavano sui segmenti di mercato medio-alti (segmento C/D e sportive), quindi complessivamente un prodotto a minor valore aggiunto e più sensibile alle economie di costo; la diversa motorizzazione delle vetture ha determinato l esclusione dello stabilimento FMA di Pratola Serra quale fornitore dei motori a vantaggio degli stabilimenti di motori della Fiat in Polonia (dove verrà prodotto e assemblato il motore multijet) e di Termoli; diverse aziende impegnate nelle commesse per le forniture dirette al modello Nuova Panda non hanno la fornitura esclusiva, ma concorrono con un altra impresa; in questo modo sta progressivamente emergendo la propensione della Fiat ad avere, a differenza del passato, per ogni tipologia di prodotto due fornitori, con un conseguente ridisegno della catena di fornitura ai vari livelli gerarchici. L occupazione nell indotto. Per quanto riguarda le aziende della componentistica che erano incluse tra i fornitori di primo livello nel 2008, quando lo stabilimento di Pomigliano, aveva ancora in produzione tre modelli Alfa Romeo (147, GT e 159), si contavano 24 stabilimenti in Campania per circa addetti. Già nel 2008 una parte di queste imprese non lavoravano esclusivamente per lo stabilimento di Pomigliano, ma erano impegnate nelle forniture per Fiat Cassino (soprattutto gli stabilimenti localizzati in provincia di Caserta per la maggiore prossimità territoriale), per la Sata di Melfi, la Sevel in Val di Sangro e lo stabilimento siciliano Fiat di Termini Imerese, chiuso il mese scorso. A distanza di circa tre anni, a inizio dicembre 2011, in un quadro ancora segnato da incertezza sul piano produttivo e occupazionale, nonostante la conferma per la 16

17 maggior parte delle aziende di commesse riferibili alla produzione della Nuova Panda, l occupazione di questi stabilimenti si è ridotto a circa addetti (una riduzione di 800 addetti, pari a -14,3%) (Tab. 4), di cui solo una parte oggi impiegati effettivamente per via del perdurare di situazioni di ricorso massiccio alla cassa integrazione guadagni o ad altri provvedimenti di sospensione (Cigs, Cig in deroga, prossime apertura di procedure di mobilità o procedure già aperte), stimabile tra il 25% e il 30% dell occupazione, che in valori assoluti equivalgono a valori tra circa addetti, di cui la metà o poco più riconducibili ai dipendenti della ex Ergom. La riduzione dell occupazione intervenuta in questi anni è imputabile a diversi fattori che riportiamo in forma schematica: tutte le imprese hanno ridotto nell arco del periodo il numero di dipendenti attraverso o il blocco del turnover (a seguito dei pensionamenti) o l apertura di procedure di mobilità (per la sostanziale contrazione delle commesse, soprattutto da parte di Fiat); ciò è avvenuto oltre che per la riduzione delle commesse anche per l introduzione di nuovi impianti e macchinari che hanno ridotto il numero di lavoratori necessari per lo stesso tipo di operazioni (processi di innovazione di tipo labour saving ), d altra parte la minore complessità tecnologica del prodotto Nuova Panda ha permesso la standardizzazione di alcuni processi produttivi e la loro automazione; nel complesso se consideriamo gli organici delle 24 aziende fornitrici ancora nel 2008 dello stabilimento di Pomigliano, risultano impiegati stabilmente (o lo saranno) non più di addetti, poco meno del 75% in quanto la restante parte è in cassa integrazione straordinaria (a rotazione o in deroga) o in mobilità; il comparto del cablaggio è stato definitivamente smantellato con la chiusura nel frattempo intervenuta di due aziende, la Cablelettra di Limatola (BN) e Cablauto di Pianodardine (AV) con l espulsione diretta di circa 200 addetti senza contare tutto il sub-indotto che nel 2008 era ancora esistente e piuttosto significativo; questa riduzione è stata solo in parte compensata dall ingresso della Yazaki che ha rilevato 39 addetti della ex Cablelettra con attività esclusive di logistica dei cablaggi oggi totalmente prodotti all estero (in particolare in Tunisia), mentre in precedenza erano localizzati in provincia di Benevento; tra le aziende dell indotto di primo livello solo la Magneti Marelli di Caivano ha registrato un aumento degli addetti, ma solo per via dell assorbimento dei dipendenti di un azienda molisana (la Sotea); rispetto al 2008 inoltre dei dipendenti dei quattro stabilimenti ex Ergom presenti in Campania (Plastic Components and Modules 17

18 Automotive), con la produzione a regime della Nuova Panda dovrebbero essere assorbiti nel personale FIP al massimo in 550, mentre la restante parte dovrebbe essere collocata in quello di Napoli senza chiare indicazioni sul piano industriale 10 ; non tutte le aziende che nel 2008 rifornivano lo stabilimento di Pomigliano sono oggi presenti nella commessa della Nuova Panda (Almec, Fibro, Dythec Sinter, Yazaki), mentre vi sono entrate Magneti Marelli (con il 40% della fornitura dei catalizzatori) e Meridbulloni (per le viti filettate e altre minuterie) che precedentemente non presenti nelle forniture per Pomigliano (Tab. 5); sulla base delle indicazioni raccolte per gli stabilimenti che produrranno per la Nuova Panda e in considerazione della presenza di indotti di secondo livello si può ritenere che il numero di occupati direttamente collegati alla produzione della Nuova Panda non dovrebbe superare i 500 addetti nelle aziende fornitrici di primo livello, mentre volendo estendere l occupazione indiretta al secondo e al terzo livello di fornitura localizzato in Campania questo non supererebbe gli ulteriori 500 addetti, secondo una stima ottimistica e considerando volumi di produzione della Nuova Panda a pieno regime; in tutte le aziende osservate non si rileva la presenza di personale assunto con contratti a tempo determinato o in somministrazione, ma piuttosto ancora un massiccio ricorso alla cassa integrazione; continua la situazione di crisi nello stabilimento FMA di Pratola Serra che coinvolge addetti direttamente dipendenti dalla stabilimento appartenente al gruppo Fiat Powertrain, e altri 288 dipendenti nelle imprese di servizio che operano nel sito avellinese. Lo stabilimento lavora ad un terzo della capacità istallata e le nuove produzioni assegnate che riguardano motori di alta gamma di nicchia non sono in grado di assicurare un più ampio impiego degli addetti. 10 Al momento della rilevazione dei addetti, circa 40 sono stati assorbiti in FIP e circa 10 si sono trasferiti presso altri stabilimenti Plastic Components and Modules Automotive o risultano dimissionari. 18

19 Tab 4. Imprese fornitori di primo livello dello stabilimento FIP di Pomigliano: localizzazione, produzioni per il modello Nuova Panda e addetti (2008 e 2011) Imprese Localizzazione Prov. Attività per modello Fiat Nuova Panda addetti variazioni 2011/2008 ALMEC S.p.a. Nusco AV componenti pressofusi ASM Produzioni S.r.l. Pianodardine AV particolari stampati in lamiera LIMA Sud S.p.a. Pianodardine AV cerniere porte in metallo DENSO Thermal Systems S.p.a. Pianodardine AV componenti termici Ficomirrors Italia S.r.l. Benevento BN comando cambio Ben Vautier S.p.a. Caivano NA cestello batteria e traverse anteriori Dythec Sinter Arzano NA pulegge per motori Magneti Marelli S.p.a. Caivano NA catalizzatori e silenziamento Meridbulloni S.p.a. Castellammare NA viti filettate, poligonari, rondelle imperdibili minuteria Tiberina Pomigliano S.r.l. Pomigliano NA particolari lastrati in lamiera PROMA S.r.l. San Nicola la Strada CE stampaggio lamiera e assemblaggio supporto ant. cruscotto Tower Automotive Sud Pignataro Maggiore CE particolari stampati Ex Ergom (*) Stabilimenti vari componenti in plastica (plance, paraurti, ecc.) Cooper Standard (ex Metzeler) S.p.a Battipaglia SA guarnizioni in plastica e in gomma PPG S.p.a Caivano NA resine ed emulsioni per scocca Adler Plastic S.p.a. Ottaviano NA poliuretano espanso e altri particolari termoformati Yazaki (ex Cablelettra) Limatola BN logistica cablaggi Fibro S.p.a. Airola BN Cappelliere Lear Corporations Caivano NA assemblaggio sedile Rieter Automotive FIMIT S.p.a. Pignataro Maggiore CE particolari insonorizzanti e isolanti termoacustici Johnson Controls Rocca d'evandro CE semilavorato pannelli interni Johnson Controls Cicerale SA pannelli porta Cablauto (CHIUSA) Pianodardine AV assiemaggio cavi TOTALE * Personale riferito agli stabilimenti ex Ergom di Caivano, Napoli, Pomigliano e Marcianise. Fonte: nostra elaborazione su dati Fiom-Cgil Campania. 19

20 Tab. 5 Imprese fornitori di primo livello dello stabilimento FIP di Pomigliano: forniture per Nuova Panda (2011) e per modelli Alfa Romeo (2011) Commesse Specifica delle forniture N. addetti Imprese Nuova Panda (2011) Alfa Romeo (2008) Per Nuova Panda (2011) Per Alfa Romeo (2008) per linea Panda Almec X Copertura scatola cambio (per GETRAG Bari) n.d. ASM Produzioni X X Particolari in lamiera stampati Particolari in lamiera stampati n.d. Lima Sud X X Al 70% cerniere portiere e cofano Cerniere per portiere e cofano n.d. Denso Thermal System X Sistema termico Nd 40 Ficomirrors Italia X X Comando cambio Specchio retrovisore e specchi esterni 27 Ben Vautiere X X Cestello batteria e stampaggio traverse Cestello batteria 50 Dythec Sinter X Pulegge per motori 0 Magneti Marelli X Silenziamento (per il 40% delle forniture) 20 Meridbulloni X Viti filettate e altre minuterie n.d. Tiberina Pomigliano X X Particolari lastrati in lamiera n.d. Proma X X Supporto cruscotto anteriore e altri componenti ossatura sedile Componenti ossatura sedile n.d. Tower Automotive Sud X X Supporti metallici parte motore, componenti di carrozzeria Traverse, puntoni, supporti ammortizzatori 20 Ex ERGOM * X Componenti plastici interni ed esterni Componenti plastici n.d. Metzeler X X Baule, supporto motore Antifruscio, baule, canalini, raschia vetri n.d. PPG X X Resine e emulsioni per scocca Resine e emulsioni per scocca n.d. Adler Plastic X X Poliuretano espanso per imbottitura sedili e altri particolari termoformati Poliuretano espanso per imbottitura sedili e altri particolari termoformati n.d. Yazaky (ex Cablelettra) X Cablaggi Fibro X Cappelliere (Alfa Romeo 159) Lear Corporation X X Sedili Sedili 121 Rieter Automotive X X Tappeti, cofano e altri particolari Padiglioni, frontali, tappeti n.d. Jonhson Controls X X Rivestimenti interni, maniglia (semilavorati) Stampaggio pannello plastica per pannello porta 20 Johnson Controls X X Pannelli porta Pannelli porta 45 * Plastic Components and Modules Automotive. n.d.: dato non disponibile. Fonte: nostra elaborazione su dati Fiom-Cgil Campania. 20

21 Le forniture dalla Polonia. La rilevazione finora compiuta non ci permette di comprendere quale sarà il peso effettivo delle forniture che proverranno dalla Polonia, anche se per ora di certo sappiamo già che una quota significativa dei motori verranno proprio da questo paese. È tuttavia molto probabile immaginare che almeno una parte della componentistica della Nuova Panda risulterà provenire dalla Polonia sia per l esistenza di un indotto legato al vecchio modello e agli altri prodotti sulla piattaforma tecnologica small (segmento A), sia per gli investimenti che molte aziende hanno realizzato in questo paese negli ultimi anni. Tra le nostre aziende di primo livello in un solo caso abbiamo riscontrato una piccola produzione per la Fiat 500 (Johnson Controls di Cicerale), ma va tuttavia osservato come indicano i dati della Tab. 6, che l export di motori e componenti verso la Polonia dalla Campania è aumentato molto a partire dal 2008, ovvero con l inizio dell ultimo periodo di crisi anche se, invece, le importazioni dalla Polonia, viceversa, sono state superiori e molto significative almeno dal 2003 al 2008 con un saldo commerciale negativo (maggiori importazioni) almeno fino al Se si ragiona sul significato di questi pochi dati si può osservare che, da un lato, con la riduzione delle commesse da parte dello stabilimento di Pomigliano, una parte delle aziende fornitrici ubicate in Campania ha cominciato a produrre per Fiat Poland, anche se guardando ai dati relativi al Mezzogiorno le forniture di direzione contraria hanno un peso maggiore; dall altro lato, se si osservano i dati riferiti al primo periodo ( ) le importazioni dirette alla Campania erano piuttosto significative, tanto che la ripresa produttiva dal 2012 potrebbe segnare un nuovo incremento delle importazioni, non solo per il numero dei motori, ma anche per una parte dell altra componentistica (per esempio quella di volume minore e quindi con minori costi di trasporto). Tab. 6 Import-Export tra Polonia e Campania e tra Polonia e Mezzogiorno* nel settore Parti ed accessori per autoveicoli e loro motori (codice Istat CL293). Anni (valori in euro) Campania Mezzogiorno Import Export Saldo Import Export Saldo 2011 II trim * Il dato Mezzogiorno non comprende Sicilia e Sardegna. Fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT. 21

22 6. Brevi Note conclusive L avvio della produzione della Fiat Nuova Panda per ora ha permesso il rientro nella FIP soltanto di piccola quota di addetti. Le informazioni analizzate evidenziano che a fronte di una già significativa riduzione degli addetti nel sito industriale di Pomigliano, in prospettiva ci potrebbe essere il rischio che una quota di lavoratori non venga riassorbita nella nuova Società (aprendo anche spazi di discriminazione selettiva che potrebbero penalizzare la componente più sindacalizzata). Tale rischio è connesso anche alle caratteristiche della nuova organizzazione tecnologica e organizzativa del sistema produttivo istallato che appare in grado di funzionare, anche a pieno regime, con un numero inferiore di addetti rispetto a quelli precedentemente impiegati per la produzione dei tre modelli Alfa Romeo. Per quanto riguarda l indotto le analisi evidenziano che l investimento della FIAT a Pomigliano non ha prodotto una crescita dell indotto locale né in termini di produzioni, né in termini di addetti. Anzi al contrario le prime indicazioni che emergono in riferimento al primo livello di fornitura quello meglio strutturato e dai cui dipendono in larga misura le subforniture locali sottolineano un ridimensionamento dell industria automotive regionale e un assestamento su livelli occupazionali più bassi. D altra parte le riduzioni di addetti registrate, sono una sottostima dell effettiva eccedenza di manodopera, visto il ricorso ancora massiccio alla cassa integrazione e alla mobilità in molte delle imprese interessate dalle forniture per la Nuova Panda. Per quanto riguarda le produzioni, come in parte già previsto 11, si osserva una minore dipendenza dalle forniture per lo stabilimento di Pomigliano e una maggiore grado di diversificazione verso altri impianti del gruppo Fiat e altri produttori europei. In altre parole, l incidenza delle produzioni della Nuova Panda, a differenza di quanto accadeva per le forniture per i modelli Alfa Romeo, hanno una minore incidenza sulle produzioni, ma soprattutto sul numero di addetti impiegati. Per comprendere tali fenomeni è necessario ricordare che il downgrading dello stabilimento di Pomigliano dalla piattaforma C/D per la produzione delle auto mediograndi a quella A per la produzione dei modelli small, significa lo scivolamento verso produzioni a minor valore aggiunto per l intera catena di fornitura. I ricavi per unità di prodotto sono ridottissimi e solo il raggiungimento dell'obiettivo dei volumi produttivi previsti, può garantire le economie di scala e i vantaggi competitivi di costo necessari a rendere profittevoli gli investimenti. In tale direzione si rilevano investimenti labour saving che spingono verso l automazione di processo resa possibile dalla semplificazione del prodotto e da una maggiore possibilità di standardizzazione. Nell ottica delle economie di scala non può essere infine trascurato che la catena di fornitura della componentistica diretta allo stabilimento di Tichy in Polonia dove rimane allocata la piattaforma A su cui si assemblano i modelli FIAT 500, la vecchia Panda, e la nuova Ford Ka fornirà anche una parte della componentistica allo stabilimento di Pomigliano, escludendo la possibilità dell espansione delle forniture locali. 11 Si veda Pirone F., Le difficoltà dell'indotto auto sono rimaste nell'ombra. In Newsletter Nuovi Lavori. Numero speciale: Il caso Pomigliano è un eccezione o sarà la regola per il futuro?, vol. 50,

Limiti e potenzialità per la crescita e la qualificazione dell industria dell auto in Campania

Limiti e potenzialità per la crescita e la qualificazione dell industria dell auto in Campania Università degli Studi di Salerno Campus universitario di Fisciano 3 marzo 2008 Innovazione e Sviluppo dell Industria dell Auto nel Mezzogiorno Sessione 1 L industria L dell auto in Italia Limiti e potenzialità

Dettagli

Fiom Cgil Basilicata

Fiom Cgil Basilicata Osservatorio sull industria metalmeccanica Fiom Cgil Basilicata PRODUTTIVITA e PRODUZIONI FIAT SATA 1 Davide Bubbico (Università di Salerno) Giuseppe Cillis Osservatorio sull industria metalmeccanica (Fiom

Dettagli

Nuvole n. 32, giugno 2008. Fiat e dintorni. di Aldo Enrietti *

Nuvole n. 32, giugno 2008. Fiat e dintorni. di Aldo Enrietti * Fiat e dintorni di Aldo Enrietti * Collocare il Piemonte e Torino nell ambito dell industria autoveicolistica, e quindi del rapporto con Fiat, richiede una preventiva valutazione delle recenti fasi del

Dettagli

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008 Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo Bologna, 15 Maggio 2008 Il mercato dell auto in Italia 5.500.000 5.000.000 4.500.000 4.000.000 3.500.000 3.000.000 2.500.000 2.000.000 1.500.000

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Osservatorio sindacale Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico 17 S.O.S. INDUSTRIA METALMECCANICA In caduta libera i dati dell occupazione 17 Rapporto sulle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

UNA LINEA AL SERVIZIO DELLA LAMIERA

UNA LINEA AL SERVIZIO DELLA LAMIERA AUTOMAZIONE UNA LINEA AL SERVIZIO DELLA LAMIERA 144 Elevata produttività, grande flessibilità e affidabilità: sono le caratteristiche dei sistemi di automazione della linea PrimaServer prodotta da Prima

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Consulenze Industriali Forniture Industriali

Consulenze Industriali Forniture Industriali Consulenze Industriali Forniture Industriali 2 La Società MT Engineering Srl è l unione di esperienze avente lo scopo di offrire dedicate consulenze industriali soprattutto nel settore dell industria meccanica.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALBERTO PIANTA Nazionalità Italiana Data di nascita Milano 21/04/1940 Servizio militare come Ufficiale del

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Il mercato dell auto in Italia

Il mercato dell auto in Italia Il mercato dell auto in Italia 5.. 4.5. 4.. 3.5. 3.. 2.5. 2.. 1.5. 1.. 1996 1997 1998 1999 2 21 22 trasferimenti al netto minivolture immatricolazioni auto nuove Il mercato dell'auto in Italia trasferimenti

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

La storia, tra società e industria

La storia, tra società e industria La storia, tra società e industria Il più grande complesso industriale italiano. Lo stabilimento Fiat di Mirafiori, è stato ed è tuttora parte integrante dell evoluzione economica e sociale italiana. Rappresenta

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI ŀ IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI Il settore degli Apparecchi elettrici rappresenta una voce importante dell interscambio commerciale locale, soprattutto se si pensa che da tempo 1 genera

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 luglio 2008 1 IL SETTORE DELLA ROBOTICA NEL 2007 1.1 L andamento del settore nel 2007 Il 2007 è stato un anno positivo per

Dettagli

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE La liberalizzazione del mercato dell energia elettrica e del gas in Italia

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Roberto Vavassori Presidente ANFIA

Roberto Vavassori Presidente ANFIA Roberto Vavassori Presidente ANFIA Roma, 27 novembre 2015 Rilevanza dell industria della mobilità nel contesto italiano ed europeo Addetti (diretti e indiretti della filiera produttiva) Europa 12 mln Italia

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

BASILICATA. La FIAT-SATA e l indotto nella crisi: analisi, prospettive e proposte

BASILICATA. La FIAT-SATA e l indotto nella crisi: analisi, prospettive e proposte BASILICATA La FIAT-SATA e l indotto nella crisi: analisi, prospettive e proposte Melfi, 24 luglio 2012 La FIAT SATA di Melfi: l occupazione e il ricorso alla cassa integrazione Ad oggi lo stabilimento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Il WCM in Fiat Chrysler Automobile, il ruolo dell innovazione di fabbrica le trasformazioni del lavoro

Il WCM in Fiat Chrysler Automobile, il ruolo dell innovazione di fabbrica le trasformazioni del lavoro Il WCM in Fiat Chrysler Automobile, il ruolo dell innovazione di fabbrica le trasformazioni del lavoro 1 1. Il contesto, crisi e rilancio di Fiat Auto (2004 2008) e ruolo dell innovazione di fabbrica Nel

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

SINTESI per la STAMPA

SINTESI per la STAMPA Basilicata Basilicata e CdLT di Potenza Provinciale di Potenza SINTESI per la STAMPA L indotto industriale e di servizi del Centro Olio ENI di Viggiano e dei pozzi di estrazione petrolifera della Val d

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD40U ATTIVITÀ 25.99.91 FABBRICAZIONE DI MAGNETI METALLICI PERMANENTI ATTIVITÀ 26.11.09 FABBRICAZIONE DI ALTRI COMPONENTI ELETTRONICI ATTIVITÀ 26.30.21 FABBRICAZIONE DI SISTEMI ANTIFURTO

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

CAPITOLO 4 I PROCESSI PRODUTTIVI CONDIZIONATI DALLE CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO

CAPITOLO 4 I PROCESSI PRODUTTIVI CONDIZIONATI DALLE CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO CAPITOLO 4 I PROCESSI PRODUTTIVI CONDIZIONATI DALLE CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO L assemblaggio di un automobile Descrizione generale Il processo produttivo della GMAD (General Motors Assembly Division)

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE I PROCESSI AZIENDALI E PROGETTI UDA 2 ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DEI

Dettagli

Variazione % tendenziale 2,9 1,1. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29

Variazione % tendenziale 2,9 1,1. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29 La produzione industriale in Italia cresce del 2,9% ad ottobre 2015. L industria automotive è tra i comparti che registrano la maggiore crescita da inizio anno: +28,5%. Secondo i dati diffusi da ISTAT,

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo

La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo www.agiplus.it La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo della carpenteria e dell automazione e

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia Note per la Stampa - Perugia 29 giugno 2015 - Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia II trimestre 2015 Presentati dal Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni i risultati

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

P.M.A. S.r.l Progettazione e costruzione macchine speciali, Progettazione e costruzione isole robotiche (assemblaggio, incollaggio ecc)

P.M.A. S.r.l Progettazione e costruzione macchine speciali, Progettazione e costruzione isole robotiche (assemblaggio, incollaggio ecc) Lettera presentazione PMA S.r.l. PRESENTAZIONE PMA SRL NUOVI CLIENTI La PMA Engineering Società Cooperativa nasce nell anno 2002 principalmente come studio di progettazione meccanica e servizio di consulenza

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

BOLOGNA TO BUSINESS BENEFICI DELLA ESTERNALIZZAZIONE SUL CONTO ECONOMICO

BOLOGNA TO BUSINESS BENEFICI DELLA ESTERNALIZZAZIONE SUL CONTO ECONOMICO BOLOGNA TO BUSINESS BENEFICI DELLA ESTERNALIZZAZIONE SUL CONTO ECONOMICO Analisi economica: i prezzi ombra Quello che interessa, nell'analisi costi-benefici, è la redditività dal punto di vista della massimizzazione

Dettagli

Bilancio 2014 Car Server S.p.A.

Bilancio 2014 Car Server S.p.A. Car Server S.p.A. Sede legale 42124 Reggio Emilia, Via G. B. Vico, 10/c Capitale sociale: Euro 11.249.859 P. IVA e numero di Iscrizione Registro Imprese RE N 01610670356 Il presente bilancio è stato approvato

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012)

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) MISURE/45 Aprile 2013 1. Introduzione e sintesi Il numero di licenziamenti registrati in Italia nel corso del 2012,

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 La riduzione delle copie vendute nel quinquennio è stata di 400 milioni, oltre un milione di copie al giorno. Lievemente meno accentuato il calo degli abbonamenti, passati da circa 380mila

Dettagli

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM.

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. La sfida Certificare il corretto montaggio dell impianto elettrico, escludendo la presenza di cortocircuiti

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Motivare alla sicurezza: IL PROGETTO SCS Sviluppo Comportamenti Sicuri

Motivare alla sicurezza: IL PROGETTO SCS Sviluppo Comportamenti Sicuri Motivare alla sicurezza: IL PROGETTO SCS Sviluppo Comportamenti Sicuri Ing. Alberto Cogo - Dott.ssa Alice Lorenzetto 1 Presentazione dell azienda Vertical spa, azienda metalmeccanica fondata nel 1981 a

Dettagli

Lavoro e lavoratori: spunti interpretativi dei risultati della ricerca

Lavoro e lavoratori: spunti interpretativi dei risultati della ricerca Le persone e la fabbrica Ricerca FIM CISL sulle condizioni dei lavoratori negli stabilimenti FIAT Lavoro e lavoratori: spunti interpretativi dei risultati della ricerca Torino, 3 luglio 2014 Luciano Pero,

Dettagli

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014)

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) N. 195 del 10.07.2014 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) Con il DL n. 91 del 24.06.2014 pubblicato

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: E possibile rendere sicure le sostanze pericolose Identificativo della Linea o delle Linee di intervento generale/i : Prevenzione degli eventi

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

02 Febbraio 2015 Anno XXXVII

02 Febbraio 2015 Anno XXXVII DISTRIBUZIONE AFTERMARKET 02 Febbraio 2015 Anno XXXVII www.partsweb.it 4 chiacchiere con: Italo Baruffaldi / Legale: Clausola di riparazione Indagine MMAS: Panoramica 2014 ricambisti Italia / Fiere: Autopromotec

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA - Quadro generale Per una corretta interpretazione dei dati statistici occorre fare riferimento al contesto macroeconomico

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA

IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA Quadro generale I manuali internazionali ed i regolamenti statistici comunitari individuano

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CAGLIARI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CAGLIARI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012 elaborazioni a: Marzo 2012 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA IMPRESA

Dettagli

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Casale SA.. Utilizzata con concessione dell autore. Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Partner Nome dell azienda Casale SA Settore EPC

Dettagli

OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI

OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI Descrizione sintetica della figura L operatore di impianti termo-idraulici interviene, a livello esecutivo, nel processo di realizzazione e manutenzione dell impiantistica

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli