Lezione 6 Analisi finanziaria: le determinanti della performance degli azionisti. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 6 Analisi finanziaria: le determinanti della performance degli azionisti. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri"

Transcript

1 Lezione 6 Analisi finanziaria: le determinanti della performance degli azionisti Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

2 Introduzione Esiste una differenza tra analisi finanziaria e analisi di bilancio per indici: mentre infatti l analisi finanziaria permette all analista di identificare gli indicatori che contribuiscono alla creazione di valore dell azienda, l analisi per indici consente semplicemente di apprezzare le relazioni tra le differenti voci di bilancio. In tale ottica le domande rilevanti sono: quali sono le determinanti della redditività del capitale netto (ROCE)? In che modo la leva finanziaria influenza ROCE? Quali sono le determinanti della redditività dell azienda (RNOA)? Qual è la misura della redditività anomala dell azienda? Qual è la relazione tra la redditività dell azienda ed il flusso di cassa operativo netto? 2

3 L analisi finanziaria: analisi delle serie storiche e analisi comparativa Nel condurre l analisi finanziaria è importante far riferimento non solo ai singoli indici, ma anche agli indici in relazione ad altri indici comparabili. I parametri di confronto tipicamente impiegati si possono classificare come segue: Il sistema economico nel suo complesso; Il settore o i principali concorrenti nel settore (cosiddetta «analisi comparativa» o cross-sectional); L azienda stessa nel suo passato o presente (cosiddetta «analisi delle serie storiche o time-series). 3

4 Redditività dell azienda (return on net operating assets, RNOA) La principale misura della redditività dell azienda è la redditività delle attività operative nette o return on net operating assets (RNOA) definita come il rapporto tra i flussi provenienti dalla gestione operativa (utile operativo) ed il rispettivo valore di stock impiegato nella gestione operativa ad inizio periodo (attività operative nette). In simboli [1] RNOA = OI NOA (BP) dove: - OI: utile operativo al netto delle imposte (operating income after taxes); - NOA (BP): attività operative nette (net operating assets, NOA), ossia la differenza tra le attività operative e le passività operative all inizio del periodo di riferimento (beginning of the period, BP). 4

5 Redditività dell azienda (return on net operating assets, RNOA) Più comunemente, come già visto per ROCE, gli analisti finanziari definiscono RNOA sulla base del valore medio delle attività operative nette all inizio (BP) e alla fine (EP) del periodo di riferimento; in simboli: [2] RNOA = OI ½ [NOA (BP)+NOA(EP)] + NOA [EP] RNOA è un indicatore della redditività dell azienda in quanto fornisce una misura della capacità del management di utilizzare le attività operative nette dell azienda per generare utili operativi. In tal senso RNOA esprime la redditività per tutti i portatori di capitale (azionisti ed obbligazionisti) ottenuto dalla gestione operativa. 5

6 Redditività dell azienda (return on net operating assets, RNOA) RNOA consente di analizzare la redditività dell azienda in modo efficace per due motivi. In primo luogo, considera l utile (al netto delle imposte) calcolato in maniera omnicomprensiva (ossia in termini di valori contabili non distorti). In secondo luogo, distingue opportunamente tra gestione operativa e gestione finanziaria. Le attività finanziarie che generano interessi sono considerate passività finanziarie negative, e quindi non influenzano in alcun modo la redditività operativa. Al contrario, le passività operative riducono gli investimenti in attività operative (e quindi sono sottratte dal denominatore), il che consente di tenere in considerazione la cosiddetta leva operativa (operating liability leverage, OLL), calcolata come il rapporto tra le passività operative e le attività operative nette (una misura di quanto le attività operative nette sono state ridotte dalle passività operative). 6

7 Redditività dell azienda (return on assets, ROA) Una misura alternativa della redditività dell azienda spesso impiegata, ma caratterizzata da una serie di limiti, è la redditività del capitale investito (return on assets, ROA), calcolato come segue (sia con il metodo dei valori di stock ad inizio periodo che con il metodo dei valori di stock medi di periodo): [3] ROA = NI+IE TA] dove: NI: utile netto (net income) IE: interessi passivi (interest expenses) al netto delle imposte; TA: totale attività (total assets) 7

8 Redditività dell azienda (return on assets, ROA) Sebbene ROA sia un indice molto usato nella pratica dagli analisti, esso si caratterizza per alcuni importanti limiti. Da un lato è basato sull utile netto piuttosto che sul reddito onnicomprensivo, dall altro confonde le poste legate alla gestione operativa con quelle legate alla gestione finanziaria. In particolare: a) gli interessi attivi, facenti parte della gestione finanziaria, sono inclusi nel numeratore del rapporto; b) le attività totali, comprendenti sia le attività operative che le attività finanziarie, costituiscono il denominatore; c) le passività operative invece sono escluse dal denominatore. Ne consegue chiaramente che la differenza tra ROA e RNOA è spiegata dalla leva operativa (operating liability leverage) e dall ammontare delle attività finanziarie sulle attività totali. 8

9 Redditività dell azienda (return on net operating assets, RNOA) UTILE OPERATIVO Analizzando il numeratore di RNOA, ossia l utile operativo, si evince da subito la necessità di operare una netta distinzione tra i casi in cui i valori contabili sono distorti (presenza cioè di dirty-surplus accounting) ed i casi in cui i valori contabili non sono distorti (presenza di clean-surplus accounting). In presenza di dirty-surplus accounting (ossia il caso in cui vi siano componenti di utile considerate come parte del capitale netto anziché come poste di conto economico), l utile operativo si calcola come: [4] OI = CE + NFE Dove: - NFE: oneri finanziari netti (net financial expenses) ottenuti come differenza tra oneri finanziari (financial expenses, FE) e ricavi finanziari (financial revenues, FR). 9

10 Redditività dell azienda (return on net operating assets, RNOA) UTILE OPERATIVO Al contrario, in presenza di clean-surplus accounting (ossia quando il reddito onnicomprensivo è pari all utile netto), l utile operativo è calcolato come segue: [5] OI = OR OE = NI + NFE dove: - OR: ricavi operativi (operating revenues); - OE: costi operativi al netto delle imposte (operating expenses after taxes). 10

11 Benchmark per valutare RNOA costo del capitale per l azienda I payoff devono essere attualizzati ad un tasso che ne rifletta il rischio, ed il rischio per la gestione operativa tende ad essere diverso dal rischio del capitale netto (misurato dal costo del capitale proprio). Il rischio della gestione operativa è definito rischio dell azienda (o rischio operativo) e nasce da fattori che possono influire sulla redditività del business. 11

12 Benchmark per valutare RNOA costo del capitale per l azienda Il tasso di rendimento richiesto (dagli investitori) come compenso per il rischio operativo è il costo del capitale per l azienda (noto anche come tasso di rendimento normale o costo del capitale per la gestione operativa) e denominato r F (cost of capital for the firm). Dato che r F è il rendimento richiesto come compenso per il rischio della gestione operativa, esso può essere utilizzato come benchmark rispetto a cui valutare la redditività della gestione operativa, ossia RNOA. 12

13 Benchmark per valutare RNOA costo del capitale per l azienda Nel lungo periodo, il valore dell azienda dipende da dove RNOA si colloca rispetto al suo valore normale (ossia a r F ), come implicitamente avviene nel calcolo dell utile operativo anomalo. Nel lungo periodo, ed in assenza di barriere alla concorrenza nel settore, RNOA tenderà ad essere spinto verso il livello del costo del capitale per l azienda. Da ciò discende che essendo r F inferiore a r E allora RNOA tenderà ad essere spinto ad un livello inferiore rispetto a ROCE. In altre parole, essendo il costo opportunità del capitale per l azienda inferiore al costo opportunità del capitale proprio, ne consegue una redditività della gestione operativa inferiore alla redditività del capitale netto nel lungo periodo. 13

14 Calcolo del costo del capitale per l azienda Il costo del capitale per l azienda (r F ) è generalmente approssimato dal costo medio ponderato del capitale (weighted average cost of capital, WACC), dove per capitale si intendono tutte le risorse finanziarie dell azienda, ovverosia capitale netto e capitale di debito. Il tasso di rendimento richiesto per investire nella gestione operativa è pertanto calcolato come la media ponderata del costo del capitale proprio e del costo del capitale di debito. 14

15 Calcolo del costo del capitale per l azienda WACC può essere calcolato come [6] WACC = V E 0 V D 0 r F = x r E + x r D x (1-T) V E 0 + V D 0 V E 0 + V D 0 Dove: - V E : valore di mercato del capitale netto (value of equity) - r E : costo del capitale proprio - V D : valore di mercato del capitale di debito (value of debt) - r D : costo del capitale di debito; - T: aliquota marginale d imposta, espressione del beneficio fiscale marginale degli interessi. 15

16 Calcolo del costo del capitale per l azienda Ai fini del calcolo di WACC, è necessario tener conto di quanto segue. I pesi assegnati al costo del capitale di debito e del capitale netto rappresentano le loro rispettive frazioni del capitale totale, misurate in termini di valore di mercato. Il valore di mercato del capitale di debito può essere ragionevolmente approssimato dal valore contabile del capitale di debito, nel caso in cui i tassi di interesse non siano cambiati significativamente dal momento in cui il capitale di debito è stato emesso. In caso contrario, il valore di mercato del capitale di debito può essere stimato mediante l attualizzazione dei futuri flussi di cassa agli attuali tassi di interesse di mercato appropriati per la specifica azienda. Si noti che sia i debiti finanziari a breve termine che quelli a lungo termine devono essere considerati parte del capitale di debito del calcolo di WACC, mentre le passività operative (quali i debiti verso fornitori) non devono essere incluse nel calcolo del capitale di debito. 16

17 Calcolo del costo del capitale per l azienda Il valore di mercato del capitale netto è invece particolarmente complesso da calcolare in ottica prospettica. Esso rappresenta il valore che gli analisti cercano di stimare attraverso l intero processo di valutazione, ma allo stesso tempo tale valore è necessario per generare la valutazione stessa. Per risolvere tale problema, un approccio comunemente utilizzato dagli analisti è quello di inserire nel calcolo di WACC il peso target del capitale di debito rispetto al capitale totale (V D /(V D +V E )) ed il peso target del capitale netto rispetto al capitale totale (V E /(V D + V E )). 17

18 Calcolo del costo del capitale per l azienda Un approccio alternativo per risolvere il problema è utilizzare un approssimazione del valore del capitale netto (basata per esempio sui multipli, quali price-to-earnings). In un processo di valutazione questa approssimazione può essere utilizzata come peso per la ponderazione nel calcolo iniziale di WACC, che a sua volta può essere utilizzato nel processo di attualizzazione per calcolare una stima iniziale del valore intrinseco del capitale netto. La stima così ottenuta del valore del capitale netto può quindi essere utilizzata in luogo dell approssimazione iniziale per calcolare una nuova misura di WACC sulla base della quale un nuovo valore intrinseco del capitale netto può essere stimato. Il processo deve essere ripetuto finché il valore di capitale netto utilizzato nel calcolo di WACC ed il valore intrinseco del capitale netto ottenuto dalla valutazione convergono. 18

19 Calcolo del costo del capitale per l azienda Per quanto riguarda il capitale di debito detenuto privatamente (ad esempio un prestito bancario), per il quale non è osservabile sul mercato un tasso di riferimento, il costo del capitale di debito può essere calcolato come il rapporto tra gli interessi passivi (dal conto economico) ed il capitale di debito (dallo stato patrimoniale). Il costo del capitale di debito deve essere espresso al netto delle imposte, in quanto viene utilizzato come benchmark di RNOA a sua volta calcolato sull utile operativo al netto delle imposte. Il tasso d interesse al netto delle imposte può essere calcolato moltiplicando il tasso d interesse di mercato per il complemento ad uno dell aliquota d imposta marginale (o effettiva). 19

20 Calcolo del costo del capitale per l azienda In un ottica di lungo periodo, ossia quella necessaria in ogni valutazione, il tasso di interesse corrente del capitale di debito esprime una buona approssimazione del costo del capitale di debito atteso in futuro, se si assume che la struttura del capitale degli anni futuri rimarrà invariata rispetto alla struttura degli anni passati. Al contrario, quando l analista prevede un cambiamento nella struttura del capitale, è essenziale stimare il costo atteso del capitale di debito dato il nuovo livello di leva finanziaria. Un metodo per stimare tale costo è quello di identificare innanzitutto il rating atteso per l azienda dato il nuovo livello di debito, e conseguentemente utilizzare un tasso di interesse congruo con il nuovo livello di debito (e rating). 20

21 Utile operativo anomalo (abnormal operating income, AOI) L utile operativo anomalo (abnormal operating income, AOI), detto anche utile operativo residuale (residual operating income, ReOI), può essere definito come l utile operativo in eccesso rispetto all utile operativo necessario per coprire il costo del capitale impiegato per finanziare le attività operative nette. Può quindi essere interpretato come l utile operativo «effettivo» al netto dell utile operativo «normale», che può essere inteso come l onere per l utilizzo delle attività operative nette. L utile operativo normale può essere calcolato come le attività operative nette (all inizio del periodo) moltiplicate per il costo del capitale per l azienda (r F ). Di conseguenza, l utile operativo anomalo misura gli utili anomali provenienti dalle attività operative nette; in simboli: [7] AOI = OI r F x NOA(BP) dove OI indica l utile operativo al netto delle imposte. 21

22 Utile operativo anomalo (abnormal operating income, AOI) Allo stesso modo, è possibile individuare le determinanti dell utile operativo anomalo. Dato che RNOA = OI/NOA(BP), ne consegue che OI = RNOA X NOA(BP). Sostituendo questa espressione nell equazione AOI = OI r F x NOA(BP), si ottiene: [8] AOI= [RNOA x NOA(BP)]-[r F x NOA(BP)] = = (RNOA - r F ) x NOA(BP) = ARNOA x NOA(BP) 22

23 Utile operativo anomalo (abnormal operating income, AOI) Dall equazione: AOI = [RNOA x NOA(BP)] - [r F x NOA(BP)] = (RNOA - r F ) x NOA(BP) = = ARNOA x NOA(BP) si evince che le componenti dell utile operativo anomalo sono: 1. Redditività anomala delle attività operative nette (abnormal return on net operating assets, ARNOA), ossia RNOA anomalo, dato dalla differenza tra redditività delle attività operative (RNOA) e costo del capitale per l azienda (r F ); 2. Attività operative nette ad inizio periodo, ossia NOA(BP). Ciò significa che AOI è determinato dall ammontare di attività operative nette ad inizio periodo e dalla redditività di tali attività rispetto al costo del capitale rilevante. Pertanto, confrontando RNOA ed il relativo benchmark (r F ) si introduce il concetto di AOI. 23

24 Utile operativo anomalo (abnormal operating income, AOI) Con riferimento alla redditività anomala delle attività operative nette, possono verificare tre situazioni: a) AOI = 0 ossia RNOA = r F : in tal caso l azienda mostra un tasso di redditività normale delle sue attività operative nette, quindi né crea né distrugge valore economico; b) AOI > 0 ossia RNOA > r F : se i valori contabili non sono distorti, l azienda crea valore economico (rendite economiche) dalla gestione operativa; c) AOI < 0 ossia RNOA < r F : se i valori contabili non sono distorti, l azienda distrugge valore economico dalla gestione operativa; 24

25 Relazioni tra la redditività dell azienda e la redditività del capitale netto La redditività del capitale netto (ROCE) è influenzata sia dalla gestione operativa sia dalla gestione finanziaria. Il primo livello di scomposizione di ROCE consente di distinguere tra la redditività della gestione operativa e quella della gestione finanziaria, e quindi permette di isolare l effetto della leva finanziaria. Perciò, il primo livello di scomposizione di ROCE rappresenta un modo per identificare la relazione tra la redditività dell azienda e la redditività del capitale netto. 25

26 Relazioni tra la redditività dell azienda e la redditività del capitale netto Formalmente, la scomposizione di ROCE può essere scritta come: [9] ROCE = RNOA + FLEV (RNOA-NBC) = RNOA + (FLEV x SPREAD) Dall equazione emerge chiaramente che ROCE può essere scomposto in tre fattori: 1. RNOA: redditività delle attività operative nette (=OI/NOA), una misura di quanto profittevolmente l azienda impiega le sue attività operative nette; 2. FLEV: leva finanziaria (= NFO/CSE), una misura del grado in cui le attività operative nette sono finanziate da passività finanziarie nette (net financial obligations, NFO), o da capitale netto (common shareholders equity, CSE); 3. SPREAD: spread operativo dato dalla differenza tra redditività delle attività operative nette e tasso di onerosità delle passività finanziarie nette (net borrowing costs, NBC), ossia (RNOA - NBC). Tale spread operativo indica quanto la gestione operativa è in grado di generare in più in termini di redditività rispetto al costo del capitale preso a prestito per finanziare l attività operativa stessa. 26

27 Relazioni tra la redditività dell azienda e la redditività del capitale netto In breve, ROCE è determinato dalla redditività delle attività operative, dalla leva finanziaria e dallo spread operativo. La leva finanziaria determina un movimento di ROCE (verso l alto o verso il basso) per effetto delle passività finanziarie. Ciò significa che la misura in cui le attività operative nette (NOA) sono finanziate tramite il capitale netto (CSE) o le passività finanziarie (NFO) condiziona il livello di ROCE. In particolare, ROCE (redditività del capitale netto) è superiore a RNOA (redditività operativa) se l azienda presenta una leva finanziaria positiva e contestualmente una redditività delle attività operative nette maggiore dell onerosità delle passività finanziarie nette. In tal caso, l azienda genera una maggiore redditività del suo capitale netto se le attività operative sono finanziate tramite passività finanziarie, posto che lo spread operativo sia positivo. 27

28 Le determinanti della redditività dell azienda Nel secondo livello di scomposizione di ROCE, l attenzione è focalizzata sulle determinanti della redditività dell azienda (che a sua volta è identificata essere una determinante delle redditività del capitale netto). La scomposizione della redditività dell azienda, nota come modello di Du Pont, porta ad identificare le seguenti determinanti della redditività delle attività operative nette: [10] RNOA = OI OI Sales = x = PM x ATO NOA Sales NOA Dove: - PM: margine di profitto (profit margin) dato dal rapporto tra utile operativo e ricavi netti da fatturato (= OI/Sales); - ATO: tasso di rotazione delle attività operative nette (operating asset turn-over) dato dal rapporto tra ricavi netti da fatturato su attività operative nette (Sales/NOA). 28

29 Le determinanti della redditività dell azienda La redditività dell azienda è dunque determinata da due fonti. 1. Il margine di profitto, ossia una misura di redditività: RNOA aumenta quanto più i ricavi da fatturato si traducono in utile operativo; 2. Il tasso di rotazione delle attività operative, ossia una misura di efficienza: RNOA è tanto maggiore quanto più elevati sono i ricavi da fatturato generati dalle attività operative nette. 29

30 Le determinanti della redditività dell azienda Si noti che una scomposizione analoga è possibile per l indice ROA, che può essere pensato come il prodotto dei due indici (uno di redditività, l altro di efficienza), in simboli: [11] ROA = NI Sales x Sales Assets = ROS x AT dove: - ROS: ritorno sulle vendite (return on sales); esso indica quanto l azienda è in grado di trattenere come utile netto per ogni unità di ricavi di vendita; - AT: tasso di rotazione delle attività (asset turnover); esso indica l ammontare dei ricavi di vendita che l azienda è in grado di generare per ogni unità di attività. 30

31 Le determinanti della redditività dell azienda Margine di profitto Il margine di profitto misura quanto l azienda è in grado di trattenere in forma di utile operativo (al netto delle imposte) per ogni unità di ricavi di vendita. Formalmente può essere calcolato come: [12] PM = OI (after tax) Sales Nel corso del tempo, il margine di profitto è una misura più variabile del tasso di rotazione delle attività operative. Ciò accade perché il margine di profitto, al pari di ROCE, tende ad essere guidato dalla concorrenza verso livelli «normali» con il trascorrere del tempo. 31

32 Le determinanti della redditività dell azienda Tasso di rotazione delle attività operative Il tasso di rotazione delle attività operative indica la capacità delle attività operative nette di generare ricavi di vendita, o piuttosto l ammontare dei ricavi di vendita che l azienda è in grado di generare per ogni unità di attività operative nette. Formalmente può essere calcolato come: [13] ATO = Sales NOA(BP) Il tasso di rotazione delle attività operative (ATO) tende ad essere piuttosto stabile nel tempo, in parte perché è una funzione della tecnologia del settore, la quale ovviamente tende a non cambiare frequentemente nel tempo. 32

33 Redditività dell azienda e flusso di cassa operativo netto I flussi di cassa della gestione operativa sono rappresentati sia dai flussi di cassa derivanti dall attività operativa (flussi di cassa operativi, C) che dai flussi di cassa dell attività di investimento (flussi di cassa di investimento, I). Confrontando questi flussi di cassa legati alla gestione operativa si ottiene il flusso di cassa operativo netto (free cashflow, FCF), che può essere calcolato come: [14] FCF = Flussi di cassa operativi Flussi di cassa di investimento = C I FCF = Cash flow from operations Cash investment in operations = C I Il FCF rappresenta il flusso di cassa netto generato (o assorbito) dalla gestione operativa, che determina la capacità dell azienda di soddisfare i suoi creditori ed azionisti. Se FCF è positivo, le attività operative stanno generando disponibilità liquide nette; al contrario se FCF è negativo, le attività operative dell azienda assorbono disponibilità liquide nette. 33

34 Redditività dell azienda e flusso di cassa operativo netto FCF può essere espresso come segue: [15] FCF = Utile operativo Variazione delle attività operative nette FCF = Operating income Change in net operating assets = = OI - ΔNOA Ciò significa che la gestione operativa genera utile operativo, ed il FCF è la parte di utile operativo che rimane dopo aver reinvestito parte di esso nelle attività operative nette. Se invece gli investimenti in attività operative sono maggiori dell utile operativo, allora FCF sarà negativo. Ciò implica che si renderà necessaria un immissione di disponibilità liquide. 34

35 Redditività dell azienda e flusso di cassa operativo netto Rielaborando l equazione [15], emerge una chiara relazione tra flusso di cassa operativo netto (FCF) e redditività dell azienda (RNOA). Ricordando infatti che RNOA = OI/ NOA(BP), l equazione [15] può essere riscritta come: [16] FCC NOA(BP) = RNOA - ΔNOA NOA(BP) 35

36 Appendice La redditività del capitale netto (ROCE) può essere scritta come: [A1] Dove: ROCE = - CE: reddito omnicomprensivo (comprehensive earnings); CE ½ (CSE(BP) + CSE(EP)) - CSE: valore contabile del capitale netto (common shareholders equity). Il reddito omnicomprensivo nell equazione A1 è composto dall utile operativo (operating income, OI) e dagli oneri finanziari netti (net financial expenses, NFE). Pertanto l equazione A1 può essere riscritta come: OI-NFE ROCE = [A2] ½ (CSE(BP) + CSE(EP)) 36

37 Appendice Come implicitamente rappresentato nell equazione A1, l utile operativo è generato dalle attività operative nette (net operating assets, NOA) e dalla redditività delle medesime attività operative nette (return on net operating assets, RNOA), ossia OI = RNOA x NOA(BP). Similmente, gli oneri finanziari netti (NFE) sono generati dalle passività finanziarie nette (net financial obligations, NFO) e dal tasso pagato su queste stesse passività finanziarie nette (net borrowing costs, NBC) ossia NFE = NBC x NFO. In tal modo l equazione A2 diventa: NOA ( )- ( ) [A3] ROCE = RNOA CSE NFO NBC CSE 37

38 Appendice L equazione A3 rappresenta la media ponderata della redditività delle attività operative nette e della redditività (negativa) delle attività finanziarie. Tale equazione può essere infine riscritta come segue individuando in tal modo le determinanti di ROCE nella scomposizione di primo livello di ROCE: [A4] ROCE = RNOA + ( NOA CSE RNOA NBC) )= RNOA + (FLEV x SPREAD) 38

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Valutazione degli investimenti in azioni Intuitivamente si crea valore quando un azienda

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E.

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. La riclassificazione economica dello SP: La gestione dell impresa viene idealmente scomposta in aree omogenee di attività Le attività e le passività, i

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

2. DAI PROSPETTI CONTABILI AI PROSPETTI GESTIONALI - FINANZIARI 3. ANALISI DELLA PERFORMANCE FINANZIARIA PASSATA

2. DAI PROSPETTI CONTABILI AI PROSPETTI GESTIONALI - FINANZIARI 3. ANALISI DELLA PERFORMANCE FINANZIARIA PASSATA SOMMARIO 1. I PROSPETTI CONTABILI 1.1. Introduzione... 3 1.2. Prospetto della situazione patrimoniale - finanziaria... 3 1.3. Conto economico... 6 1.4. Rendiconto finanziario... 7 1.5. Prospetto delle

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING RISCHIO E CAPITAL BUDGETING Costo opportunità del capitale Molte aziende, una volta stimato il loro costo opportunità del capitale, lo utilizzano per scontare i flussi di cassa attesi dei nuovi progetti

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI INGEGNERIA GESTIONALE. I quozienti di bilancio

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI INGEGNERIA GESTIONALE. I quozienti di bilancio I quozienti di bilancio I quozienti di bilancio servono a valutare l andamento della redditività e dell economicità dell attività aziendale. I quozienti si possono comparare nel tempo e gli indici utili

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo Datalogic redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli

Dettagli

La Valutazione di una Start-up

La Valutazione di una Start-up La Valutazione di una Start-up I metodi di valutazione più utilizzati sono: Discounted Cash Flow e Multipli di Mercato, cui vanno applicati dei correttivi per riflettere le specificità della start-up All

Dettagli

Analisi di bilancio 2007-2008

Analisi di bilancio 2007-2008 Analisi di bilancio 2007-2008 1 L analisi di bilancio Svilupperemo l analisi di bilancio sulla base di un sistema integrato di indicatori Obiettivo 1) 1) Valutare andamento dell impresa nel nel suo suo

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... 6 1.4. Gli strumenti di analisi...

Dettagli

Indici di bilancio. a. Cosa sono? b. A cosa servono? c. Come si leggono? d. Come sono classificati? e. Quali sono? f. Come sono collegati tra loro?

Indici di bilancio. a. Cosa sono? b. A cosa servono? c. Come si leggono? d. Come sono classificati? e. Quali sono? f. Come sono collegati tra loro? Analisi per indici Indici di bilancio a. Cosa sono? b. A cosa servono? c. Come si leggono? d. Come sono classificati? e. Quali sono? f. Come sono collegati tra loro? 2 a. Cosa sono Relazioni fra grandezze

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria Il costo del capitale è un tasso di attualizzazione Quale tasso di attualizzazione? Il Wacc La stima del costo del

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING AND FINANCE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del

Dettagli

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO CALCOLO DEGLI NELL ANALISI DI BILANCIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PRINCIPALI CASO-GUIDA SULLA TECNICA DI CALCOLO DEGLI Principio di revisione n. 570 La valutazione dello stato di salute della società oggetto

Dettagli

Lezione 10 Il metodo dei multipli.

Lezione 10 Il metodo dei multipli. Lezione 10 Il metodo dei multipli. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri 1 Il metodo dei multipli L obiettivo della valutazione basata sui multipli di mercato (valutazione relativa) è la stima

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

TEMA 5: Introduzione al costo del capitale

TEMA 5: Introduzione al costo del capitale TEMA 5: Introduzione al costo del capitale Rischio e capital budgeting (Brealey, Meyers, Allen, Sandri: cap. 11) Argomenti trattati (segue) Stima del beta Le determinanti del beta Ciclicità dei ricavi

Dettagli

Analisi finanziaria: indici di bilancio

Analisi finanziaria: indici di bilancio Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi finanziaria: indici di bilancio Capitolo 4 degli argomenti 1. I quozienti nelle analisi finanziarie A. Equilibrio finanziario

Dettagli

Le analisi di bilancio

Le analisi di bilancio Le analisi di bilancio Salvatore Loprevite Dott. Salvatore Loprevite 1 Sommario 1) I principi generali di riclassificazione del Conto Economico: le aree della gestione aziendale e le configurazioni parziali

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti 16 18-12-2007 19:11 Pagina 465 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 465 rischio dei manager potrebbe condizionare il rifiuto di un progetto con un van

Dettagli

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri La valutazione La valutazione rappresenta il processo

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di cassa l approccio del valore l approccio

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010-2011 (Professor Eugenio Pavarani) La stima del costo del capitale 1 Indice della lezione Il costo del capitale (=

Dettagli

10 L EFFICIENZA. L efficienza

10 L EFFICIENZA. L efficienza 10 L EFFICIENZA Ragioneria Generale e Applicata 1 L efficienza Quali condizioni aiutano l azienda a raggiungere l equilibrio economico? L Efficienza Un impresa è efficiente quando riesce a massimizzare

Dettagli

Premessa. Esercitazione. Calcolo del reddito nel Conto del reddito. Calcolo del reddito nel Conto del capitale e nel Conto del reddito

Premessa. Esercitazione. Calcolo del reddito nel Conto del reddito. Calcolo del reddito nel Conto del capitale e nel Conto del reddito Sul calcolo del reddito di fine periodo: riflessioni di base 1 INDICE: Premessa Esercitazione Calcolo del reddito nel Conto del capitale Calcolo del reddito nel Conto del reddito Calcolo del reddito nel

Dettagli

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... pag. 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... pag. 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... pag. 6 1.4. Gli strumenti

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Articolo pubblicato sul n 22 / 2004 di Amministrazione e Finanza edito da Ipsoa. ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Premessa

Dettagli

Analisi degli Investimenti Capitolo 10

Analisi degli Investimenti Capitolo 10 Analisi degli Investimenti Capitolo 10 1 Criteri di valutazione degli investimenti 1. Criteri finanziari di valutazione degli investimenti - Valore Attuale Netto (VAN) - Tasso Interno di Rendimento (TIR)

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO Valutazione d Azienda Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO 1 Il modello finanziario Il modello finanziario è stato molto dibattuto in dottrina a partire dalla prima metà degli anni novanta. Impostazioni metodologiche:

Dettagli

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro Direttiva 2003/51/CE D.Lgs. 32/2007 Le società di capitali italiane sono tenute a seguire

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DI UN ALBERGO

CRITERI DI VALUTAZIONE DI UN ALBERGO CRITERI DI VALUTAZIONE DI UN ALBERGO PERCHE UN AZIENDA ALBERGHIERA VA IN CRISI? 1) PER LA DESTINAZIONE 2) PER MOTIVI GESTIONALI 3) PER MOTIVI ECONOMICO- FINANZIARI OVVIAMENTE LA SECONDA E LA TERZA MOTIVAZIONE

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA RATING SYSTEM Le raccomandazioni si conformano al seguente rating system, avendo come riferimenti il prezzo di mercato e il target price: BUY: se il target

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

Obiettivi, Valori e Risultati

Obiettivi, Valori e Risultati Corso di Analisi Strategiche Obiettivi, Valori e Risultati Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. L obiettivo primario dell impresa è la massimizzazione del profitto nel lungo termine. Il valore si

Dettagli

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4 Teoria della Finanza Aziendale La valutazione dei titoli rischiosi : le azioni 4 1-2 Argomenti Rendimenti richiesti Prezzi delle azioni e EPS Cash Flows e valore economico d impresa 1-3 Domande chiave

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

valutazione delle aziende; EVA.

valutazione delle aziende; EVA. Oggi parliamo di: valutazione delle aziende; calcolo del capitale economico; EVA. Quando è necessario stimare il valore di un azienda? GARANZIE SOCIETARIE STRATEGIE DI SVILUPPO VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29 INDICE INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5 1.1 Il ruolo dell impresa nella società 5 1.2 Gli Stakeholders 6 1.3 Breve excursus sulla teoria della creazione e diffusione del valore

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Analisi dei finanziamenti

Analisi dei finanziamenti Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei finanziamenti Capitolo 9 Indice degli argomenti 1. Analisi dei finanziamenti: l approccio dinamico 2. Analisi dei finanziamenti:

Dettagli

investimenti 2. Valutazione del rischio.

investimenti 2. Valutazione del rischio. PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA LETTERE A- D

CORSO DI RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA LETTERE A- D CORSO DI RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA LETTERE A- D PROF. FRANCESCO CAPALBO A.A. 2012/2013 ANALISI DI BILANCIO Le slide sono destinate ad uso esclusivo degli studenti che hanno seguito le lezioni dell

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. XVII Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO SEZIONE PRIMA LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 1. GLI OBIETTIVI DELLE ANALISI PER INDICI 1.1. L

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Il Bilancio delle Banche L impatto degli IAS nelle valutazioni di fine esercizio 2 Le tipicità delle banche Le valutazioni

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valutazione degli investimenti 9 1-2 Argomenti trattati Costo del capitale aziendale e di progetto Misura del beta Costo del capitale e imprese diversificate Costo

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli

LA LETTURA DEL BILANCIO ANALISI E INDICI DI BILANCIO

LA LETTURA DEL BILANCIO ANALISI E INDICI DI BILANCIO LA LETTURA DEL BILANCIO ANALISI E INDICI DI BILANCIO Prof R Bauer Strumenti di analisi e lettura del bilancio: L analisi di bilancio può essere condotta con : A) la riclassificazione degli schemi di bilancio;

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo CDC redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli IAS/IFRS

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

EQUILIBRI DI GESTIONE

EQUILIBRI DI GESTIONE EQUILIBRI DI GESTIONE MAPPA DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI Gestione caratteristica Equilibrio economico Gestione extra-caratteristica costi ricavi oneri proventi di lungo periodo fonti impieghi Equilibrio

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO La politica finanziaria aziendale: definizione I benefici del ricorso al debito Gerarchia delle fonti di finanziamento

Dettagli

La Valutazione del Rischio d Impresa

La Valutazione del Rischio d Impresa La Valutazione del Rischio d Impresa Newsletter Phedro maggio 2006 Prof. Roberto Cappelletto 1 L articolo è stato redatto con la collaborazione del Dott. Gabriele Toniolo 2 Introduzione Il tema della valutazione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Rendiconto Finanziario GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria prof. Stefano Pedrini Rendiconto Finanziario GIA-L03 Analisi dei flussi di cassa Attraverso l analisi dei flussi di cassa (o del cash flow) è possibile

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali. Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012

L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali. Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012 L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012 Agenda 1. Il business delle gestioni speciali 2. L applicazione del Matching Adjustment alle gestioni

Dettagli

Indice di rischio globale

Indice di rischio globale Indice di rischio globale Di Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione Con tale studio abbiamo cercato di creare un indice generale capace di valutare il rischio economico-finanziario

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione Il principale obiettivo dell analisi fondamentale è di determinare il valore

Dettagli

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale - Valore: Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti Esame preliminare

Dettagli

Il settore del trasporto su strada: analisi del rischio.

Il settore del trasporto su strada: analisi del rischio. Newsletter Phedro febbraio 2007 Il settore del trasporto su strada: analisi del rischio. Lo scopo del presente contributo è di analizzare il settore del trasporto su strada sotto due punti di vista: 1.

Dettagli

La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori:

La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori: La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori: i flussi monetario che l iniziativa è in grado di generare il profilo temporale associabile

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

GLI EQUILIBRI AZIENDALI

GLI EQUILIBRI AZIENDALI GLI EQUILIBRI AZIENDALI Il fine ultimo dell azienda è se stessa, ossia la sua capacità di sopravvivere e svilupparsi, operando in condizioni di «equilibrio». Le condizioni di equilibrio aziendale sono

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

Metodo pratico per la definizione della leva finanziaria ottimale di un impresa

Metodo pratico per la definizione della leva finanziaria ottimale di un impresa Metodo pratico per la definizione della leva finanziaria ottimale di un impresa Di: Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La definizione della leva finanziaria ottimale nella valutazione

Dettagli