INFORMATIVA AL PUBBLICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMATIVA AL PUBBLICO"

Transcript

1 INFORMATIVA AL PUBBLICO SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2014

2 INDICE 1. INTRODUZIONE OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 3 Governo societario, assetti organizzativi e sistemi di controllo interni... 3 Mappa dei rischi: illustrazione della posizione relativa di EuroTLX SIM rispetto ai rischi di primo e di secondo pilastro... 6 Rischio credito... 7 Rischio di cambio... 9 Rischio operativo Rischio di tasso di interesse Rischio di liquidità Rischio paese e di trasferimento Rischio concentrazione Rischio di reputazione Rischio strategico AMBITO DI APPLICAZIONE FONDI PROPRI ADEGUATEZZA PATRIMONIALE POLITICA DI REMUNERAZIONE... 19

3 1. INTRODUZIONE La Società ha iniziato ad operare in qualità di SIM dal 1 gennaio 2010 e da allora affronta il processo interno di determinazione dell adeguatezza patrimoniale (Internal Capital Adequacy Assessment Process ICAAP) finalizzato a valutare la propria adeguatezza patrimoniale, attuale e prospettica, in relazione ai rischi assunti e alle strategie aziendali secondo quanto previsto dalla normativa di riferimento. Dal 1 gennaio 2014 è applicabile la nuova disciplina armonizzata per le banche e le imprese di investimento contenuta nel Regolamento (UE) n. 575/2013 ( CRR ) e nella Direttiva 2013/36/UE ( CRD IV ) del 26 giugno 2013, che traspongono nell Unione europea gli standard definiti dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria (c.d. framework Basilea 3). Il Comitato ha mantenuto l approccio basato su tre Pilastri che era alla base del precedente accordo sul capitale noto come Basilea 2, integrandolo e rafforzandolo per accrescere quantità e qualità della dotazione di capitale degli intermediari, introdurre strumenti di vigilanza anticiclici, norme sulla gestione del rischio di liquidità e sul contenimento della leva finanziaria. Mentre il Regolamento disciplina gli istituti di vigilanza prudenziale del Primo Pilastro e le regole sull informativa al pubblico (Terzo Pilastro), la Direttiva disciplina il processo di controllo prudenziale e le riserve patrimoniali addizionali. In particolare, la diretta efficacia delle disposizioni del CRR ha determinato la disapplicazione della disciplina prudenziale nazionale prevista dal Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM del 24 ottobre 2007 per le parti che siano ora direttamente disciplinate dal Regolamento europeo o che siano con esso incompatibili. Ai sensi della nuova normativa, EuroTLX SIM, in quanto autorizzata alla gestione di un sistema multilaterale di negoziazione, applica le regole previste per le imprese di investimento ad autorizzazione limitata (ex art. 95 CRR). La normativa relativa al Terzo Pilastro prevede obblighi di informativa al pubblico riguardanti l esposizione ai rischi, i sistemi di identificazione, misurazione e gestione di tali rischi, i fondi propri e l adeguatezza patrimoniale. Le informazioni richieste sono pubblicate dagli enti almeno su base annua e le comunicazioni annuali sono pubblicate congiuntamente ai documenti di bilancio.

4 2. OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO GOVERNO SOCIETARIO, ASSETTI ORGANIZZATIVI E SISTEMI DI CONTROLLO INTERNI Il processo di individuazione, valutazione, prevenzione e gestione dei rischi coinvolge, con diversi ruoli, l intera società, dagli organi con funzione di gestione (l Amministratore Delegato) e di controllo (Collegio Sindacale), alle funzioni aziendali di controllo (le funzioni Internal Audit e Compliance & Risk Management), nonché tutti i responsabili delle unità organizzative e dei servizi aziendali. Tale processo si svolge in via continuativa ed EuroTLX ha a tal fine istituito, fin dall inizio della propria operatività, una funzione di risk management con l obiettivo di definire il sistema di metodologie e processi destinati all identificazione, valutazione e misurazione dei rischi rilevanti e di predisporre, in collaborazione con i responsabili delle diverse funzioni aziendali e unità organizzative, le misure di mitigazione di tali rischi e monitorarne l efficacia e l adeguatezza. La nuova normativa europea stabilisce che gli enti dispongano di strategie e processi validi, efficaci e globali per valutare e mantenere su base continuativa gli importi, la composizione e la distribuzione del capitale che essi ritengono adeguati per coprire la natura e il livello dei rischi a cui sono o potrebbero essere esposti. Tali strategie e processi devono essere oggetto di periodiche revisioni interne al fine di assicurare che essi rimangano completi e proporzionati alla natura, all'ampiezza e alla complessità delle attività dell'ente di cui trattasi. Inoltre stabilisce che gli enti siano dotati di solidi dispositivi di governance, ivi compresa una chiara struttura dell'organizzazione con linee di responsabilità ben definite, trasparenti e coerenti, di processi efficaci per l'identificazione, la gestione, la sorveglianza e la segnalazione dei rischi ai quali sono o potrebbero essere esposti, e di adeguati meccanismi di controllo interno, ivi comprese valide procedure amministrative e contabili nonché politiche e prassi di remunerazione che riflettano e promuovano una sana ed efficace gestione del rischio. Il processo ICAAP è imperniato su idonei sistemi aziendali di gestione dei rischi e presuppone adeguati meccanismi di governo societario, una struttura organizzativa con linee di responsabilità ben definite, efficaci sistemi di controllo interno. La responsabilità di tale processo è rimessa agli organi societari, i quali ne definiscono in piena autonomia il disegno e l organizzazione secondo le rispettive competenze e prerogative. Essi curano l attuazione e

5 promuovono l aggiornamento dell ICAAP, al fine di assicurarne la continua rispondenza alle caratteristiche operative e al contesto strategico in cui la SIM opera. Il processo ICAAP è documentato, conosciuto dalle strutture aziendali e sottoposto a revisione interna. EuroTLX SIM S.p.A. si è dotata di una policy per disciplinare il processo interno di valutazione dell adeguatezza patrimoniale (Processo ICAAP) e di informativa al pubblico. Tale policy, che viene approvata dal Consiglio di Amministrazione della Società, descrive il sistema di governo e controllo dei rischi così come articolato nei diversi organi aziendali, unità organizzative e corporate functions coinvolti: U.O. Sales, Strategy & Business Development Elabora su base periodica, con riferimento ai servizi Membership, Execution, Schede Prodotto e Market Data, indicatori relativi all andamento dei ricavi e ha la responsabilità di identificare e definire le opportunità di sviluppo della società e partecipare nella definizione delle strategie di sviluppo delle stesse. U.O. Market Supervision Listing Elabora su base periodica, con riferimento al servizio Admission, indicatori relativi all andamento dei ricavi e ha la responsabilità di identificare e definire le opportunità di sviluppo della società e partecipare nella definizione delle strategie di sviluppo delle stesse. Finance Italy Ha la responsabilità di garantire la corretta contabilizzazione di tutte le attività svolte dalla società e di sviluppare e gestire il sistema di misurazione e controllo dei costi e ricavi aziendali e della redditività di prodotti e servizi offerti. Chief Operating Officer Supporta la funzione Finance nell elaborazione su base periodica degli indicatori relativi all andamento dei costi e dei ricavi.

6 U.O. Compliance & Risk Management Responsabilità del coordinamento delle attività di raccolta dei dati necessari, condivisione interna, autovalutazione da parte dell Amministratore Delegato, stesura e condivisione interna della relazione, sottoposizione della stessa alla funzione di Internal Audit e al Collegio Sindacale per le proprie valutazioni. Internal Audit Ha il compito di mettere a disposizione della Società le proprie valutazioni in merito al processo interno di determinazione dell adeguatezza patrimoniale. Amministratore Delegato Ha il compito di sottoporre all attenzione degli altri Membri del Consiglio di Amministrazione e ai Sindaci la propria valutazione in vista della discussione conclusiva di approvazione del resoconto ICAAP. Consiglio di Amministrazione Esamina la valutazione proposta dall Amministratore Delegato, nonché il parere della funzione Internal Audit e del Collegio Sindacale. Delibera sull adeguatezza del capitale complessivo della Società, comprensiva della determinazione del capitale interno complessivo, della sua riconciliazione con il patrimonio di vigilanza, del capitale interno a copertura dei singoli rischi e di conseguenza del capitale interno complessivo. Collegio Sindacale Presenzia alle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione esprimendo il proprio parere sull adeguatezza e sulla rispondenza del processo di determinazione del capitale interno ai requisiti stabiliti dalla normativa. Su necessità potrebbero essere coinvolte altre unità aziendali per il reperimento di informazioni di natura organizzativa, di esposizione ai rischi e di valutazione dei presidi in essere relativi ai propri ambiti di operatività.

7 Inoltre, il Management Committee, istituito con lo scopo di assicurare il coordinamento strategico e operativo della società e del business mediante il costante monitoraggio dei progetti principali, dei dati finanziari e dei relativi rischi per facilitare l implementazione della nuova visione strategica di business, costituisce la sede in cui le diverse funzioni si confrontano in merito all andamento della società. MAPPA DEI RISCHI: ILLUSTRAZIONE DELLA POSIZIONE RELATIVA DI EUROTLX SIM RISPETTO AI RISCHI DI PRIMO E DI SECONDO PILASTRO Con riferimento ai rischi del cd. primo pilastro, per via delle attività svolte, la Società è esposta: (i) al rischio di credito, derivante dalla perdita dei crediti, generati dalle commissioni che la Società applica nei confronti degli intermediari ed altri clienti fruitori dei servizi erogati e dalle giacenze dei conti correnti bancari relative ai mezzi propri; (ii) al rischio operativo, derivante dalle attività di erogazione dei servizi. Con riguardo al rischio operativo, la Società ha individuato le seguenti componenti di rischio: Rischio tecnologico Rischio di outsourcing Rischio di errore umano Rischio di compliance Altri rischi legali In considerazione dell attività svolta di gestione di un sistema multilaterale di negoziazione la Società non risulta esposta ai rischi di mercato, anche perché la stessa non ha previsto e autorizzato alcuna politica di investimento in strumenti finanziari. Per queste stesse ragioni, la Società non risulta esposta al rischio di controparte. La Società, in misura minore, e sempre con riferimento all attività specificamente prestata, può essere esposta al rischio di tasso di interesse (in ragione di interessi passivi derivanti dal temporaneo ricorso al credito nell ambito della gestione di liquidità) e al rischio di cambio derivante da fatture passive in valuta diversa dall euro. Con riferimento ai rischi diversi da quelli del primo pilastro la Società risulta principalmente esposta:

8 (iii) al rischio strategico, derivante dalla possibilità di un risultato operativo inferiore alle attese (iv) al rischio di concentrazione, principalmente in ragione della componente rilevante delle commissioni che sono corrisposte da banche appartenenti ai Gruppi Soci rispetto al business complessivo della Società; (v) al rischio di reputazione, come rischio attuale e prospettico di flessione degli utili o del capitale derivante da una percezione negativa dell'immagine della società da parte di clienti, controparti, azionisti, investitori o autorità di vigilanza. La Società risulta esposta in modo minimo al rischio paese, rischio di perdite causate da eventi che si verificano in un paese diverso dall Italia e riferito a tutte le esposizioni indipendentemente dalla natura delle controparti, siano esse persone fisiche, imprese, banche o amministrazioni pubbliche, ed in misura ancora minore al rischio di trasferimento, ovvero il rischio che la società, esposta nei confronti di un soggetto che si finanzia in una valuta diversa da quella in cui percepisce le sue principali fonti di reddito, realizzi delle perdite dovute alle difficoltà del debitore di convertire la propria valuta nella valuta in cui è denominata l esposizione. L esposizione al rischio di liquidità rileva in ragione di possibili differenze, anche temporanee, tra i flussi di cassa in entrata e in uscita. La Società non risulta invece esposta al rischio derivante da cartolarizzazioni, non prevedendo alcun tipo di operazione da cui possa derivare tale rischio, al rischio base (in quanto rientrante nel rischio di mercato), né al rischio di una leva finanziaria eccessiva, non essendo EuroTLX indebitata e facendo leva esclusivamente sulla dotazione di mezzi propri. RISCHIO CREDITO Informazione qualitativa Deriva dalla possibile perdita dei crediti, generati dalle commissioni per i principali servizi di Membership, Admission ed Execution (servizi principali) nonché dalle commissioni per i servizi di informativa, maturate nei confronti dei clienti; inoltre rilevano le giacenze di conti correnti bancari relative ai mezzi propri della Società. Viene calcolato in base alla metodologia standardizzata. Viene monitorato dalla corporate function Finance, che verifica i coefficienti patrimoniali e si occupa delle segnalazioni di vigilanza riguardanti la situazione economica, finanziaria e patrimoniale. Per queste attività riferisce all U.O. Compliance & Risk Management e

9 all Amministratore Delegato a cui compete la responsabilità del monitoraggio di predetti rischi. La società monitora costantemente le esposizioni verso i propri clienti anche al fine di identificare e gestire i crediti problematici e di effettuare rettifiche di valore e accantonamenti adeguati. Informazione quantitativa EuroTLX, in quanto impresa di investimento che rientra nell applicazione dell art. 95 CRR, è esclusa dall applicazione delle norme in materia di vigilanza e controllo delle grandi esposizioni. Il requisito patrimoniale per il rischio di credito è calcolato attraverso il metodo standardizzato. Secondo questo metodo, per il calcolo degli importi delle esposizioni ponderati per il rischio, a tutte le esposizioni, a meno che non siano dedotte dai fondi propri, si applicano fattori di ponderazione del rischio che sono funzione della classe in cui l esposizione è classificata e della relativa qualità creditizia. Quest ultima può essere determinata con riferimento alle valutazioni del merito di credito espresse dalle ECAI. EuroTLX ha utilizzato i rating S&P. Categoria Importo al 31 dicembre 2014 Ponderazione Importo Ponderato Banche altri vigilati 5,986, ,612, Enti vigilati (enti) 1,065, ,342, ,678, Imprese imprese (altri clienti) 221, Fatture da emettere e varie (Imprese) altri 591, % 591, Copertura Rischio di credito 7,920, ,490, Dettaglio Clienti: 1,342,993 % sul totale esposizione clienti non ponderata (balance) 43, , , , % 27% 46% 24% Totale esposizione ponderata clienti % di ponderazione applicata 8, , , , % 50% 100% 150% quota parte ENTI , , , quota parte IMPRESE quota parte ENTI (in %) quota parte IMPRESE (in %) 8, , , % 100% 70% 95% 93% 0% 30% 5%

10 Dettaglio Banche: il riferimento è alla liquidità depositata presso istituiti bancari CLIENTE Categoria Importo al 31 Importo Ponderazione dicembre 2014 Ponderato c/c bancario Unicredit altri vigilati 2,131, % 3,197, c/c bancario Intesa altri vigilati 974, % 974, c/c Deutsche Bank altri vigilati 2,879, % 1,439, TOTALE BANCHE 5,986, ,612, RISCHIO DI CAMBIO Informazione qualitativa Il rischio di cambio può rilevare a causa di fatture passive in valuta estera (normalmente USD e GBP), derivanti dai servizi di informativa. Viene monitorato dalla corporate function Finance, che verifica i coefficienti patrimoniali e si occupa delle segnalazioni di vigilanza riguardanti la situazione economica, finanziaria e patrimoniale. Per queste attività riferisce all U.O. Compliance & Risk Management e all Amministratore Delegato a cui compete la responsabilità del monitoraggio di predetti rischi. Informazione quantitativa I requisiti in materia di fondi propri determinati per il rischio di cambio prevedono che nel caso la posizione complessiva netta in cambi dell ente rappresenti meno del 2% del totale dei fondi propri dell ente, questi non debba calcolare il requisito in materia di fondi propri per il rischio di cambio. Nel caso invece la posizione complessiva sia superiore al 2%, il calcolo del requisito in materia di fondi propri viene calcolato moltiplicando la posizione netta in cambi per il coefficiente dell 8%. Si applicano inoltre le seguenti disposizioni: i requisiti in materia di fondi propri di cui al rischio di cambio comprendono quelli derivanti da tutte le attività di un ente, e gli enti moltiplicano i requisiti in materia di fondi propri per 12,5. Per EuroTLX il calcolo della posizione complessiva netta in cambi ha determinato un valore inferiore al 2% del totale dei fondi propri.

11 RISCHIO OPERATIVO Informazione qualitativa Con riferimento al rischio operativo, la società si è dotata di piani di emergenza e di continuità operativa che assicurino la propria capacità di operare su base continuativa e di limitare le perdite in caso di gravi interruzioni dell'operatività. Sono inoltre predisposti politiche e processi intesi a valutare e a gestire l'esposizione al rischio operativo, nel quale sono compresi il rischio di modello, anche al fine di coprire gli eventi di particolare gravità e di scarsa frequenza. Rischio tecnologico Il rischio tecnologico deriva in primis dalla forte componente tecnologica del servizio di negoziazione (così come definito nell ambito del servizio di investimento di gestione di un MTF) e di vigilanza, dei servizi Schede Prodotto Intermediari (SPI) e Market Data (servizi di informativa) e dalla conseguente possibilità di malfunzionamenti in tali aree. Il rischio tecnologico interessa anche altre aree della Società, quali la gestione del sito aziendale e gli adempimenti nei confronti delle autorità di vigilanza. Per la gestione delle principali criticità dei servizi di negoziazione, vigilanza e sito web è stato predisposto il cd. Comitato Crisi che coinvolge sostanzialmente tutte le UO aziendali implicate nell erogazione dei servizi. Owner principale della gestione del rischio tecnologico è il servizio IT Operations. L eventuale interruzione nell erogazione del Servizio Mercato (descritto come servizio di negoziazione e di vigilanza) e del Servizio Sito Web vengono gestiti tramite la procedura del servizio IT Operations Processo gestione anomalie e comunicazione verso l esterno. Nei casi in cui il Piano di Business Continuity lo preveda, tale interruzione viene gestita con modalità di stato di crisi, debitamente formalizzata nella suddetta procedura e nel Piano Business Continuity stesso. Rischio outsourcing E strettamente connesso al rischio tecnologico, dato che le due componenti principali del servizio di investimento prestato dalla Società la piattaforma di negoziazione e la piattaforma di vigilanza - sono erogate in outsourcing. La gestione del rischio di outsourcing avviene tramite: (i) formalizzazione dei rapporti di outsourcing tecnologico di funzionalità essenziali attraverso Work Orders e Modelli di Servizio;

12 (ii) inserimento nei contratti di outsourcing tecnologico di clausole di Service Level Agreement (SLA); (iii) monitoraggio dell adempimento agli SLA da parte degli outsourcers. Per quanto riguarda il controllo del rispetto degli SLA previsti per la gestione del Servizio Mercato, la procedura prevede la rilevazione periodica degli SLA e la comparazione con il livello di servizio definito contrattualmente. La reportistica prodotta viene inviata all Amministratore Delegato, al COO e ai Responsabili delle U.O. Information Technology, Market Supervision e Sales, Strategy & Business Development. Le funzioni aziendali di controllo (Internal Audit e Compliance & Risk Management) hanno accesso a tutte le informazioni per le rispettive finalità di controllo. Rischio errore umano E intrinseco a tutte le attività svolte tramite intervento dei dipendenti e collaboratori della Società e interessa sostanzialmente tutte le UO aziendali implicate nell erogazione dei servizi. Al fine di diminuire l incidenza dell errore umano la Società punta sull automazione dei processi. Ulteriori misure utilizzate sono, ove possibile, double-check e controlli di primo livello. Rischio compliance Il rischio di compliance deriva dal mancato rispetto dei requisiti di legge o regolamentari applicabili alle attività e ai servizi prestati dalla SIM, dall idoneità, adeguatezza e conformità delle procedure interne che devono regolare lo svolgimento di tutte le attività al fine di mitigare tale rischio. Il rischio di compliance interessa tutte le singole U.O. della Società. Owner principale della gestione del Rischio di compliance è l UO Compliance & Risk Management. Altri rischi legali Gli altri rischi legali derivano da possibili reclami e azioni legali subite per responsabilità contrattuale ed extracontrattuale. I rischi legali possono derivare da malfunzionamenti tecnologici, errori e inadempimenti nell erogazione dei servizi. I rischi legali interessano tutte le singole U.O. della Società e, in particolare, quelle maggiormente implicate nelle attività di erogazione del servizio di investimento U.O. Market Supervision e U.O. Information Technology. Owner principale della gestione del Rischio legale è la funzione corporate di gruppo Legal.

13 Informazione quantitativa Per determinare l importo complessivo dell esposizione al rischio EuroTLX, in quanto sottoposta al regime dell art. 95 CRR, deve calcolare l importo più elevato tra: a) la somma degli elementi dell art. 92 CRR (ad eccezione del requisito per il rischio operativo e dopo aver applicato le previsioni del comma 4 dello stesso articolo); b) l importo dei fondi propri basati sulle spese fisse generali ex art. 97 CRR moltiplicato per 12,5. EuroTLX SIM al 31 dicembre 2014 ha calcolato la propria esposizione complessiva al rischio secondo il criterio di cui alla lettera b). ANALISI SPESE FISSE GENERALI FY 2014 Spese amministrative: 11,640,987 a) spese per il personale 3,418,953 b) altre spese amministrative 8,222,034 totale spese fisse generali 11,640,987 25% 2,910, ,378,084 Totale spese fisse generali 36,378,084 RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE Il rischio di tasso di interesse viene monitorato dalla corporate function Finance, che per queste attività riferisce all U.O. Compliance & Risk Management e all Amministratore Delegato a cui compete la responsabilità del monitoraggio di predetti rischi. RISCHIO DI LIQUIDITÀ Viene monitorato dalla corporate function Finance, che verifica i coefficienti patrimoniali e si occupa delle segnalazioni di vigilanza riguardanti la situazione economica, finanziaria e patrimoniale. Per queste attività

14 riferisce all U.O. Compliance & Risk Management e all Amministratore Delegato a cui compete la responsabilità del monitoraggio di predetti rischi. RISCHIO PAESE E DI TRASFERIMENTO Sono monitorati e valutati all interno del processo di risk management della Società che coinvolge la funzione risk specificamente preposta, le altre funzioni aziendali rilevanti (Finance, Legal, Sales) e l Amministratore Delegato. Per la tipologia di attività prestata da EuroTLX la natura di questi rischi fa sì che vengano considerati congiuntamente al rischio strategico e reputazionale. L esposizione è tuttavia ridotta, considerato che l incidenza delle esposizioni verso enti e imprese appartenenti a paesi diversi dall Italia non supera il 18% e considerato che si tratta di somme di modesta entità che difficilmente potrebbero essere interessate da misure restrittive poste in essere da tali paesi, peraltro tutti rientranti nell area UE (con l eccezione degli USA). Infine, con riferimento a possibili manifestazioni del rischio paese dovute a condizioni economiche avverse, si sottolinea come buona parte delle esposizioni sia da considerare di provenienza estera esclusivamente dal punto di vista del paese di appartenenza, ma non invece dal punto di vista dell origine del business sottostante, che resta espressione, almeno per le banche e le imprese di investimento, del contesto nazionale. RISCHIO CONCENTRAZIONE Fonti di generazione di tale rischio sono le commissioni dovute da intermediari appartenenti ai Gruppi Soci, sia per i servizi principali sia per i servizi di informativa. Tale rischio è incrementato dal fatto che gli intermediari appartenenti ai Gruppi Soci sono i clienti più rilevanti in termini di importi dovuti. Inoltre, anche ai fini della valutazione dell esposizione al rischio strategico, si evidenzia come EuroTLX sia esposta ad un rischio di concentrazione dei propri ricavi derivanti principalmente dall attività di gestione di MTF. Viene monitorato dalla corporate function Finance, che verifica i coefficienti patrimoniali e si occupa delle segnalazioni di vigilanza riguardanti la situazione economica, finanziaria e patrimoniale. Per queste attività riferisce all U.O. Compliance & Risk Management e all Amministratore Delegato a cui compete la responsabilità del monitoraggio di predetti rischi.

15 RISCHIO DI REPUTAZIONE E intrinsecamente legato al rischio di compliance, agli altri rischi legali, alle varie tipologie di rischio operativo e al rischio strategico. In aggiunta, la Società tiene altresì in considerazione l immagine di EuroTLX SIM S.p.A. presso le agenzie di stampa, la percezione che EuroTLX SIM S.p.A. ha presso i suoi clienti in essere o potenziali, nonché la percezione degli utenti del servizio di investimento e dei servizi di informativa in generale. La Società si avvale inoltre di una politica che disciplina e limita le relazioni esterne, in particolare con gli organi di stampa. Owner principale della gestione del rischio reputazionale è l Amministratore Delegato. Per assicurare un adeguato monitoraggio del rischio reputazione e di compliance, nonché degli altri rischi legali, la Società si avvale dell apporto della Funzione aziendale di Compliance & Risk Management e dell apporto delle Corporate Function, grazie alle quali può beneficiare delle competenze specialistiche presenti nel Gruppo LSE. All interazione delle UO aziendali con le Corporate Function, si aggiunge il monitoraggio periodico (di regola su base settimanale) sull attività effettuato dal Management Committee. RISCHIO STRATEGICO Il rischio strategico, ovverossia il rischio attuale e prospettico di flessione degli utili o del capitale derivante da cambiamenti di contesto operativo o da decisioni aziendali errate, attuazione inadeguata di decisioni, scarsa reattività a variazioni del contesto operativo, interessa la Società nella sua interezza e a presidio di tale rischio concorrono tutte le forze aziendali. Ai fini della valutazione dell esposizione al rischio strategico, si evidenzia come la SIM sia esposta ad un rischio di concentrazione dei propri ricavi derivanti principalmente dall attività di gestione di MTF. La rischiosità della concentrazione su un attività mono-business è però mitigata da alcuni elementi: Le diverse modalità di adesione alla piattaforma di negoziazione (Market Maker A e B, Specialist, Intermediari) che è offerta ai propri clienti; I diversi comparti di negoziazione di strumenti finanziari (Titoli di Stato italiani ed esteri e sovranazionali, obbligazioni bancarie, corporate, mercati emergenti, finanziarie, altri titoli di debito, certificati, azioni); La fornitura di altri servizi a valore aggiunto (schede titoli e informativa prezzi).

16 Ai fini della valutazione dell esposizione al rischio strategico, si è provveduto ad individuare le cause che possono incidere in maniera rilevante sulla diminuzione delle voci di ricavo. I presidi organizzativi e di controllo, prevedono che l Amministratore Delegato coadiuvato dal Management Committee e dalla corporate function Finance monitori l andamento della Società, presidiando costantemente il contesto esterno. Owner principale della gestione del Rischio Strategico è l Amministratore Delegato. 3. AMBITO DI APPLICAZIONE Ai sensi della presente disciplina EuroTLX SIM è sottoposta a vigilanza individuale in quanto non facente parte di Gruppi di SIM e di Banche. 4. FONDI PROPRI Il nuovo framework normativo prevede che i Fondi Propri (o Patrimonio di vigilanza) siano costituiti dai seguenti livelli di capitale: Capitale di Classe 1 (Tier 1 Capital), a sua volto composto da: o Capitale primario di Classe 1 (Common Equity Tier 1 - CET1) o Capitale aggiuntivo di Classe 1 (Additional Tier 1 - AT1) Capitale di Classe 2 (Tier 2 T2) La forma predominante del Tier 1 è il Common Equity, composto principalmente da strumenti di capitale (es. azioni ordinarie al netto delle azioni proprie), riserve di utili, riserve da valutazione, interessi di minoranza computabili, oltre agli elementi in deduzione. Allo stato attuale, per EuroTLX SIM, nessun altro strumento di capitale oltre alle azioni ordinarie rientra nel computo del Common Equity. Nella categoria dell AT1 vengono in genere ricompresi gli strumenti di capitale diversi dalle azioni ordinarie (che sono computabili nel Common Equity) e che rispettano i requisiti normativi per l inclusione in tale livello dei Fondi propri (ad esempio le azioni di risparmio). Il Capitale di Classe 2 (Tier 2) è composto

17 principalmente dalle passività subordinate computabili. Nel caso di EuroTLX non ci sono elementi ricompresi nell AT1 e nel T2. Di seguito la composizione dei fondi propri al 31 dicembre /31/ /31/2013 A. Capitale primario di classe 1 (Common Equity Tier 1 - CET 1) prima dell'applicazione dei filtri prudenziali 5,308,960 8,674,210 di cui strumenti di CET 1 oggetto di disposizioni transitorie B. Filtri prudenziali del CET1 (+/-) C. CET1 al lordo degli elementi da dedurre e degli effetti del regime transitorio (A+/-B) 5,308,960 8,674,210 D. Elementi da dedurre dal CET1 191, ,889 E. Regime transitorio - Impatto su CET (+/-) F. Totale Capitale primario di classe 1 (Common Equity Tier 1 - CET 1) (C- D+/-E) 5,117,309 8,513,321 G. Capitale aggiuntivo di classe 1 (Additional Tier 1 - AT 1) al lordo degli elementi da dedurre e degli effetti del regime transitorio di cui strumenti di AT 1 oggetto di disposizioni transitorie H. Elementi da dedurre dal AT1 I. Regime transitorio - Impatto su AT (+/-) L. Capitale aggiuntivo di classe 1 (Additional Tier 1 - AT 1) (G-H +/-I) - M. Capitale di classe 2 (Tier 2 - T2) al lordo degli elementi da dedurre e degli effetti del regime transitorio di cui strumenti di T2 oggetto di disposizioni transitorie N. Elementi da dedurre dal T2 O. Regime transitorio - Impatto su T2 (+/-) P. Capitale di classe 2 (Tier 2 - T2) (M - N - +/-O) Q. Totale Fondi Propri (F + L + P) 5,117,309 8,513,321

18 5. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE I rischi del cd. primo pilastro sono calcolati sulla base di quanto disciplinato dalle nuove norme in materia di vigilanza prudenziale stabilite dal regolamento (UE) n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013 (CRR), relativo ai requisiti prudenziali per gli enti creditizi e le imprese di investimento e dalla normativa nazionale contenuta nella Circolare 285 di Banca d Italia. Per tener conto delle peculiarità dei rischi assunti in relazione all operatività svolta, il regolamento CRR prevede specifiche regole prudenziali per diverse categorie di imprese di investimento. In particolare, le SIM autorizzate alla gestione di sistemi multilaterali di negoziazione applicano le regole previste per le imprese di investimento ad autorizzazione limitata (ex art. 95 CRR). Per la misurazione dell esposizione ai rischi del primo pilastro (quantificazione del capitale interno) la Società ha utilizzato le seguenti metodologie: per il calcolo del Rischio di Credito è stata adottata la Metodologia Standardizzata; per il calcolo del Rischio di Cambio viene calcolata la posizione netta in cambi moltiplicata per il coefficiente dell 8% (nel caso la posizione netta complessiva sia superiore al 2% dei fondi propri). Per gli altri rischi individuati e valutati qualitativamente la società non ha previsto l allocazione di specifico capitale interno e procede a implementare misure di attenuazione dei rischi precedentemente descritte. EuroTLX è esclusa dall applicazione delle norme in materia di vigilanza e controllo delle grandi esposizioni. E nemmeno trovano applicazione le previsioni in materia di monitoraggio della liquidità e di leva finanziaria. Inoltre, non è previsto l'obbligo di detenere una riserva di conservazione del capitale, né una riserva di capitale anticiclica. Per determinare l importo complessivo dell esposizione al rischio EuroTLX, in quanto sottoposta al regime dell art. 95 CRR, deve calcolare l importo più elevato tra: a) la somma degli elementi dell art. 92 CRR (ad eccezione del requisito per il rischio operativo e dopo aver applicato le previsioni del comma 4 dello stesso articolo); b) l importo dei fondi propri basati sulle spese fisse generali ex art. 97 CRR moltiplicato per 12,5.

19 Coperture Patrimoniali - ex artt. 92 e 95 CRR 31 dicembre 2014 Capitale Interno Rischio Credito importi delle esposizioni ponderati per il rischio 7,490,702 RISCHI 1 PILASTRO Rischio Cambio requisiti in materia di fondi propri per il rischio di cambio moltiplicato per 12,5 - (inferiore al 2% dei fondi propri) Somma degli elementi di cui all art. 92 CRR con esclusione del rischio operativo (a) 7,490,702 ALTRI RISCHI Rischio Concentrazione - Rischio Paese - Rischio di Trasferimento - Rischio Strategico - Importo dei fondi propri basati sulle spese fisse generali di cui all art. 97 CRR (b) 36,378,084 IMPORTO COMPLESSIVO DELL ESPOSIZIONE AL RISCHIO 36,378,084 L articolo 92 CRR, nel definire i requisiti in materia di fondi propri, stabilisce per gli enti il rispetto di un coefficiente di capitale totale dell 8%. Il coefficiente di capitale totale è rappresentato dai fondi propri dell'ente espressi in percentuale dell'importo complessivo dell'esposizione al rischio. Il raggiungimento dell utile di esercizio del 2014 (pari a 2,112,840.89) genera un patrimonio di vigilanza pari a 5,117,310 e consente il raggiungimento e il superamento dei valori minimi dei coefficienti di solvibilità stabiliti dalla normativa. FY 2014 Requisito richiesto da Banca d'italia Livello Fondi Propri di EuroTLX Capitale minimo Eccedenza di capitale COEFFICIENTE DI CAPITALE PRIMARIO DI CLASSE 1 Capitale Primario di Classe 1/Importo Complessivo dell'esposizione al rischio 4.50% % 1,637,014 3,480,296 COEFFICIENTE DI CAPITALE DI CLASSE 1 Capitale di Classe 1/Importo Complessivo dell'esposizione al rischio 6.00% % 2,182,685 2,934,625 COEFFICIENTE DI CAPITALE TOTALE Capitale Totale/Importo Complessivo dell'esposizione al rischio 8.00% % 2,910,247 2,207,063

20 6. POLITICA DI REMUNERAZIONE Per quanto riguarda le informazioni relative alla politica di remunerazione e alla sua applicazione si rimanda allo specifico documento EuroTLX Report on Remuneration policy in 2014 pubblicato sul sito internet della Società alla sezione CHI SIAMO/Documenti Societari.

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2014 (APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 MAGGIO 2015)

TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2014 (APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 MAGGIO 2015) TERZO PILASTRO DI BASILEA 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2014 (APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 28 MAGGIO 2015) Sommario INTRODUZIONE... 3 1. OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 PREMESSA Copernico Sim S.p.A. con sede in Udine, via Cavour, 20, Capitale Sociale Euro 1.500.000 interamente versato iscritta a Registro Imprese di Udine n. 02104510306

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea 1. Premessa Dal 1 gennaio 2014 è applicabile la nuova disciplina armonizzata per le banche e

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico 1 Informativa al Pubblico Pillar 3 Informazioni al 31 Dicembre 2010 2 MPS Gestione Crediti Banca S.p.A. Sede Sociale in Siena, Piazza Salimbeni 3, www.mpsgestionecreditibanca.it Iscritta al Registro Imprese

Dettagli

Profili generali ed esercizio delle discrezionalità

Profili generali ed esercizio delle discrezionalità Circolare n. 285 Disposizioni di vigilanza per le banche - 14 aggiornamento del 24 novembre 2015. Requisito di Copertura della Liquidità e Indice di Leva Finanziaria 1. Premessa Lo scorso 17 gennaio sono

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 31 marzo 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che ha

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Paragrafo 3 Composizione del patrimonio di vigilanza

Paragrafo 3 Composizione del patrimonio di vigilanza Paragrafo 3 Composizione del patrimonio di vigilanza Informativa qualitativa Il Patrimonio consolidato Il gruppo Mediobanca si è da sempre contraddistinto per una forte solidità patrimoniale con ratios

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM (Circolare Banca d Italia n.285 del 17 dicembre 2013, Titolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a.

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. 15 settembre 2015 1 Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Compiti e regole di funzionamento (ex art. 49 dello Statuto) Premessa Ai

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

2015 Gruppo Dexia CreDiop

2015 Gruppo Dexia CreDiop 015 Informativa al Pubblico Basilea 3 - Pillar 3 Situazione al 30 giugno 2015 Gruppo Dexia Crediop Indice Introduzione... 3 3. Composizione dei Fondi Propri... 4 4. Adeguatezza Patrimoniale... 7 Dichiarazione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO III PILASTRO (Basilea 2) AL 31 DICEMBRE 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO III PILASTRO (Basilea 2) AL 31 DICEMBRE 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO III PILASTRO (Basilea 2) AL 31 DICEMBRE 2014 Aprile 2015 Co.Mo.I. SIM S.p.A. Informativa al pubblico III Pilastro (Basilea 2) 1 INDICE PREMESSA... 3 1. OBIETTIVI E POLITICHE DI

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 31 marzo 2014 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 luglio 2011 1 Indice PREMESSA... 3 1. Politica di valutazione e pricing...

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Banca Finint Informativa al pubblico 31/12/2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31/12/2014

Banca Finint Informativa al pubblico 31/12/2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31/12/2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31/12/2014 1 Sommario INTRODUZIONE... 3 OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO (Art. 435 CRR)... 4 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art.436 CRR)... 13 FONDI PROPRI (Artt. 437 e 492

Dettagli

WORLD DUTY FREE S.P.A.

WORLD DUTY FREE S.P.A. WORLD DUTY FREE S.P.A. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI E CORPORATE GOVERNANCE È istituito presso World Duty Free S.p.A. ( WDF ) un Comitato per il controllo interno, la gestione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 Compliance in Banks 2010 Dott. Giuseppe Aquaro Responsabile Group Audit Unicredit S.p.A. Il coordinamento complessivo del Sistema dei Controlli Interni in Banca Roma, 12 Novembre 2010 Premessa:

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L operational risk management in ottica regolamentare, di vigilanza ed organizzativa Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

BANCA POPOLARE VALCONCA S.c.p.a. INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO

BANCA POPOLARE VALCONCA S.c.p.a. INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BANCA POPOLARE VALCONCA S.c.p.a. INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO Data di riferimento: 31 dicembre 2014 INTRODUZIONE... 3 ELENCO DELLE SEZIONI INFORMATIVE... 6 SEZIONE 1 OBIETTIVI E POLITICHE DI

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 CREDITO COOPERATIVO REGGIANO SOCIETA COOPERATIVA Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 5 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Sulla situazione al 31 dicembre 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Sulla situazione al 31 dicembre 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Sulla situazione al 31 dicembre 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1. A - Obiettivi e politiche di gestione del rischio - Art. 435 (1) CRR... 5 Tavola 1. B - Sistemi di Governance

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP

TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP TAVOLE PER L INFORMATIVA AL PUBBLICO DEL PROCESSO ICAAP Ai sensi del Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM del 24 ottobre 2007, Giotto SIM ha prodotto apposito

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012 Comitato Tecnico Assofondipensione «Disposizioni sulla politica di investimento» 4 giugno 2012 1 Gestione finanziaria nei fondi pensione Normativa e modello operativo ante Deliberazione Covip 16/03/2012;

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

*** Terzo pilastro dell accordo di Basilea II / Basilea III

*** Terzo pilastro dell accordo di Basilea II / Basilea III Informativa al pubblico in materia di adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei sistemi preposti all identificazione, alla misurazione e alla gestione di tali

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO Vigilanza bancaria e finanziaria Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO Il presente documento contiene revisioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della Circolare Banca d Italia n 285 del 17 dicembre 2013, 1 aggiornamento del 6 maggio 2014: Titolo IV, Capitolo 1 Governo

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2012 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO

INFORMATIVA AL PUBBLICO INFORMATIVA AL PUBBLICO SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2016 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 3 Governo societario, assetti organizzativi e sistemi di controllo

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.6.2009 COM(2009) 258 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE Relazione annuale della Commissione sulla situazione e la gestione del Fondo di garanzia

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Tipo: Regolamento Redazione: Ufficio Organizzazione Approvazione: CdA Data rilascio: 27/04/2015 Revisione Data 1 2 3 27/04/2015

Dettagli

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione La Funzione di Compliancein Banca Nino Balistreri Consulente ABI Formazione Sommario L inquadramento normativo della funzione di compliance L ambito normativo di competenza Il processo di operativo 2 Banca

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico Premessa Le Istruzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale Circolare n. 216 del 5 Agosto 1996 e successivi aggiornamenti

Dettagli

INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015

INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015 INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015 Marzo 2016 1. PREMESSA Il Consiglio di Amministrazione è tenuto a rendere

Dettagli

BASILEA III PILASTRO 3. INFORMATIVA AL PUBBLICO Informativa da parte degli Enti ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013

BASILEA III PILASTRO 3. INFORMATIVA AL PUBBLICO Informativa da parte degli Enti ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013 BASILEA III PILASTRO 3 INFORMATIVA AL PUBBLICO Informativa da parte degli Enti ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013 31.12.2014 Indice Obiettivi e politiche di gestione del rischio (Art. 435 CRR)...

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

Informativa al Pubblico III Pilastro al 31/12/2014. Romagna Est Banca di Credito Cooperativo

Informativa al Pubblico III Pilastro al 31/12/2014. Romagna Est Banca di Credito Cooperativo Informativa al Pubblico III Pilastro al 31/12/2014 Romagna Est Banca di Credito Cooperativo Sommario PREMESSA... 3 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO - ART. 435 (1) CRR... 5 TAVOLA

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A.

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE (Parte prima Titolo IV Capitolo I Sezione

Dettagli