PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO"

Transcript

1 PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31 marzo

2 Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem Società per Azioni Sede Sociale e Direzione: Via Emilia San Pietro n Reggio Emilia Capitale interamente versato Euro Codice Fiscale Partita IVA Codice ABI 3032 Banca iscritta all'albo delle banche al n.5350 Banca iscritta all'albo dei Gruppi bancari al n.3032 Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi Tel Telefax Telex BACDIR Switf Code BACRIT22 Sito Internet: 2

3 INDICE INTRODUZIONE 3 Fondi Propri 8 Adeguatezza patrimoniale 21 3

4 INTRODUZIONE Dal 1 gennaio 2014 è entrato in vigore il regolamento (UE) n. 575/2013 ( CRR ) con il quale vengono introdotte nell Unione Europea le regole definite dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria con l articolato insieme di documenti unitariamente denominato Basilea 3 in materia di adeguatezza patrimoniale (Primo pilastro) e informativa al pubblico (Terzo pilastro). Il regolamento (UE) n. 575/2013 e la direttiva 2013/36/UE ( CRD IV ) definiscono il nuovo quadro normativo di riferimento nell Unione Europea per banche e imprese di investimento. Dal 1 gennaio 2014 CRR e CRDIV sono integrati da norme tecniche di regolamentazione o di attuazione approvate dalla Commissione Europea su proposta delle Autorità europee di supervisione ( ESA ), che danno attuazione alla normativa primaria. Con l adozione del regolamento di esecuzione (UE) n. 680/2014 sono state stabilite le norme tecniche di attuazione (Implementing Technical Standards) vincolanti in materia di segnalazioni prudenziali armonizzate delle banche e delle imprese di investimento relative a: fondi propri, rischio di credito e controparte, rischi di mercato, rischio operativo, grandi rischi, rilevazione su perdite ipotecarie, posizione patrimoniale complessiva, monitoraggio liquidità e leva finanziaria. Per dare attuazione e agevolare l applicazione della nuova disciplina comunitaria, nonché al fine di realizzare una complessiva revisione e semplificazione della disciplina di vigilanza delle banche, Banca d Italia ha emanato la Circolare 285 con cui sono state recepite le norme della CRD IV. La circolare indica inoltre le modalità con cui sono state esercitate le discrezionalità nazionali attribuite dalla disciplina comunitaria alle autorità nazionali e delinea un quadro normativo completo, organico, razionale e integrato con le disposizioni comunitarie di diretta applicazione, in modo da agevolarne la fruizione da parte degli operatori. La stessa Banca d Italia ha emanato inoltre le Circolari n. 286 e n. 154 che traducono secondo lo schema matriciale, attualmente adottato nelle segnalazioni di vigilanza, i citati ITS. Tra le principali evoluzioni normative regolamentari dell esercizio 2014, si segnala che il 12 gennaio 2014 il Comitato di Basilea ha proposto una definizione comune dell'indice di leva finanziaria (leverage ratio, la cui informativa al pubblico è prevista a partire dal 1 gennaio 2015), formulata per superare le differenze contabili che avevano finora ostacolato il confronto fra gli indici delle banche di paesi diversi. L'indice di leva finanziaria vuole essere una misura semplice, non basata sul rischio, volta a integrare e rafforzare i coefficienti patrimoniali ponderati per il rischio. La calibrazione definitiva sarà effettuata entro il Sempre il 12 gennaio 2014 il Comitato di Basilea ha pubblicato i Requisiti di informativa pubblica relativamente al Liquidity Coverage Ratio (LCR), la Guida per le autorità di vigilanza sugli indicatori di mercato basati su liquidità e l integrazione alla Disciplina dell LCR (relativamente al trattamento delle eventuali linee di liquidità contrattuali irrevocabili ad uso ristretto). Il 31 marzo 2014 è stato proposto l approccio standard per misurare le counterparty credit risk exposures. Il 10 aprile è stato pubblicato il Documento finale relativo ai requisiti di capitale relativamente alle esposizioni verso controparti centrali. Il 16 aprile sono state diffuse le FAQ relative al Liquidity Coverage Ratio. Il 24 giugno è stato pubblicato un documento consultativo relativamente ai requisiti di disclosure relativi al III Pilastro (il 28 gennaio 2015 è stato pubblicato lo standard finale, relativamente ai requisiti di trasparenza relativamente agli RWA). Relativamente a quest ultimo, le modifiche proposte sono volte a migliorare la comparabilità tra le banche assicurando una maggiore coerenza nel modo di divulgare informazioni relativamente alle esposizioni al rischio. In particolare, il Comitato di Basilea sta rivedendo i suoi obblighi di informazione in due fasi. Il presente documento di 4

5 consultazione copre la prima fase e si concentra sulla revisione degli obblighi informativi relativi alle attività di rischio ponderate. Una volta finalizzato, andrà a sostituire il III Pilastro esistente. La seconda fase amplierà la portata, includendo norme che sono attualmente in fase di sviluppo o in fase di revisione, insieme ad obblighi di informativa supplementari per migliorare ulteriormente la comparabilità dei profili di rischio delle banche. Il 7 ottobre 2014 sono state pubblicate le FAQ relative al Leverage Ratio. Il 31 Ottobre è stata definita la regolamentazione relativamente dell'indicatore strutturale di liquidità (Net Stable Funding Ratio, NSFR). L'NSFR costituisce un altro importante elemento di Basilea 3: complementare all'indicatore di breve termine, promuove l'adozione di strutture di finanziamento prudenti da parte delle banche, evitando in particolare che ricorrano eccessivamente alla provvista all'ingrosso a breve termine. Il 9 dicembre 2014 è stato reso noto un documento consultativo relativo agli standard di disclosure dell NSFR. L 11 dicembre 2014 è stata rilasciata la nuova normativa sulle Cartolarizzazioni, che entrerà in vigore nel gennaio Erano state evidenziate infatti diverse carenze nella normativa precedente, tra cui l affidamento meccanico ai rating esterni e la mancanza di sensibilità al rischio. Il Comitato ha affrontato questi problemi. Le revisioni più significative si riferiscono alla gerarchia di approcci (riducendo la dipendenza da rating esterni), ai fattori di rischio utilizzati in ogni approccio e all'ammontare del patrimonio di vigilanza che le banche devono detenere per esposizioni verso cartolarizzazioni. Il 22 dicembre 2014 sono stati pubblicati due documenti di consultazione: uno sui capital floor e una proposta di revisione dell approccio standardizzato per il rischio di credito. Relativamente al primo tema, i floor proposti sostituirebbero quelli transitori ora in vigore basati su Basilea 1. Essi si baseranno sugli approcci standard rivisti per i rischi di credito, di mercato e operativo, che sono attualmente in consultazione. I floor nelle intenzioni del Comitato di Basilea sono tesi a mitigare gli errori di misurazione e di modello derivanti dagli approcci interni, e a migliorare la comparabilità tra le banche dei risultati oltre che ad assicurare che il livello di capitale del sistema bancario non scenda sotto un determinato livello. Relativamente al secondo tema, si vuole rafforzare gli standard di capitale attuali mediante un ridotto ricorso ai rating esterni, una maggiore granularità e sensibilità al rischio, aggiornate calibrazioni di ponderazione del rischio, maggiore comparabilità con l approccio basato sui rating interni (IRB) per quanto riguarda la definizione e il trattamento di esposizioni analoghe e maggiore chiarezza sull'applicazione degli standard. L EBA, che opera per assicurare un livello di regolamentazione e di vigilanza prudenziale efficace e uniforme nel settore bancario europeo (livello EU-28), ha proseguito l attività volta a definire norme tecniche vincolanti e orientamenti con impatto sul settore bancario europeo (principalmente riferiti alla CRD4/CRR, BRRD, DGS, SRM.). Il 7 maggio 2014 Banca d Italia ha pubblicato il 1 Aggiornamento (del 6 maggio 2014) alla Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013, introducendo un nuovo Titolo IV Governo societario, controlli interni, gestione dei rischi. Le nuove norme danno attuazione alla direttiva CRD IV, per le parti relative agli assetti di governo societario delle banche, e tengono conto delle indicazioni date dall EBA e dagli altri organismi internazionali, tra cui il Fondo Monetario Internazionale. Il nuovo quadro regolamentare, composto da principi generali e disposizioni di contenuto specifico, è finalizzato a rafforzare gli assetti di governance delle banche italiane. La qualità del governo societario è un fattore determinante per la stabilità, l efficienza e la competitività del sistema bancario. Le norme confermano principi già presenti nelle precedenti disposizioni, tra cui: la chiara distinzione di compiti e poteri tra gli organi societari, l adeguata dialettica interna, l efficacia dei controlli e una composizione degli organi societari coerente con le dimensioni e la complessità delle aziende bancarie. Il 2 aggiornamento del 21 maggio 2014 (sempre della Circolare n. 285) introduce due nuovi capitoli nel Titolo I (Capitolo 2 "Gruppi bancari" e il Capitolo 4 "Albo delle banche e dei gruppi bancari") per recepire le novità (in parte introdotte dalla CRD IV) concernente la vigilanza supplementare dei conglomerati finanziari, specialmente per quanto riguarda il 5

6 trattamento delle società di partecipazione mista. Il 3 aggiornamento del 27 maggio 2014 (Circolare n. 285) riguarda l emanazione delle nuove disposizioni per allineare il regime di vigilanza del Bancoposta alle modifiche intervenute nell ordinamento bancario. Il 4 aggiornamento del 17 giugno 2014 (Circolare n. 285) introduce due nuovi capitoli. Nel primo si recepisce nell ordinamento italiano la disciplina dell informativa al pubblico Stato per Stato introdotta con l art. 89 della CRD IV. Nel secondo, si specifica gli obblighi di comunicazione alla Banca d Italia dell organo con funzione di controllo e del soggetto incaricato della revisione legale dei conti delle banche. Il 5 aggiornamento del 24 giugno 2014 (Circolare n. 285) disciplina le Obbligazioni bancarie garantite, adeguando la disciplina nazionale alle novità introdotte dal Regolamento CRR per quanto riguarda il trattamento prudenziale dei covered bonds nonché i fondi propri e i requisiti prudenziali delle banche. Il 6 aggiornamento del 4 novembre 2014 (Circolare n. 285) recepisce l attribuzione alla BCE di compiti specifici di vigilanza prudenziale sulle banche italiane. Con il 7 aggiornamento del 20 novembre 2014 (Circolare n. 285) si recepiscono le disposizioni della CRD IV in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione. La CRD IV reca disposizioni in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione nelle banche e nei gruppi bancari. Esse hanno il fine di assicurare incentivi corretti all assunzione dei rischi, la sostenibilità dei compensi rispetto alle condizioni patrimoniali e di liquidità, il presidio dei possibili conflitti di interesse, in una prospettiva di sana e prudente gestione. La direttiva contiene disposizioni di principio e prescrizioni puntuali, aventi natura di armonizzazione minima, le quali necessitavano di essere trasposte per tenere conto delle caratteristiche dell ordinamento e degli assetti delle banche a livello nazionale. Il 19 aggiornamento del 15 luglio 2014 della Circolare n. 115 del 7 agosto 1990 (Fascicolo «Istruzioni per la compilazione delle segnalazioni di vigilanza su base consolidata») rivede l intero impianto delle segnalazioni statistiche di vigilanza consolidate, per tenere conto del Regolamento di esecuzione (UE) n. 680/2014. L 8 settembre 2014 la Banca d Italia ha deciso di ampliare la gamma dei prestiti che le banche possono utilizzare a garanzia delle operazioni di finanziamento con l Eurosistema. Le misure introdotte sono finalizzate a incentivare il credito alle piccole e medie imprese e alle famiglie. Il nuovo collaterale faciliterà anche la partecipazione delle banche alle prossime operazioni di rifinanziamento della BCE (TLTRO). Le misure sono conformi alle regole stabilite dal Consiglio direttivo della BCE per lo schema ordinario dell Eurosistema e per quello temporaneo degli Additional Credit Claims (ACC), che ammette la stanziabilità di crediti con caratteristiche di rischio meno stringenti. A gennaio 2015, Banca d Italia ha rivisto Circolare n. 286 del 17 dicembre 2013 ("Istruzioni per la compilazione delle segnalazioni prudenziali per le banche e le società di intermediazione mobiliare") per recepire le innovazioni contenute nell ITS in materia di Asset Encumbrance (Attività Vincolate) al fine di espletare le attività necessarie al soddisfacimento dei nuovi requisiti informativi. Le nuove informazioni richieste consentiranno alla Vigilanza di valutare il fenomeno delle attività vincolate e secured funding (obbligazioni bancarie garantite emesse, derivati OTC, PCT passivi, depositi collateralizzati). Il contenuto della presente Informativa al Pubblico, pubblicata con frequenza almeno annuale, è disciplinato nella Parte 8 del regolamento CCR. Il regolamento ha demandato all EBA (European Bank Authority) l elaborazione di orientamenti in merito alla valutazione della rilevanza e riservatezza delle informazioni in relazione agli obblighi di informativa, oltre che di orientamenti in merito alla necessità di pubblicare con maggiore frequenza, rispetto a quella annuale, le informazioni contenute nell informativa al pubblico. In data 23 dicembre 2014 l EBA ha emanato le proprie linee guida (EBA/GL/2014/14), confermando gli obblighi di pubblicazione dell informativa con cadenza almeno annuale, salvo valutare attraverso indicatori qualitativi e quantitativi la necessità di fornire l informativa con maggiore frequenza. Le informazioni quantitative sono rappresentate in migliaia di euro e, se non diversamente specificato, si riferiscono al perimetro prudenziale del Gruppo Bancario. 6

7 Per informazioni più complete sul Terzo Pilastro di Basilea si rinvia ai documenti predisposti al 31 dicembre L informativa al Pubblico è pubblicata sul sito internet Fonte dati contabili: Resoconto intermedio sulla gestione al 31 marzo 2015 già attestato dal Dirigente Preposto alla Redazione dei Documenti Contabili Societari. L informativa al Pubblico è pubblicata sul sito internet 7

8 FONDI PROPRI Dal 1 gennaio 2014 è entrato in vigore il regolamento (UE) n. 575/2013 ( CRR ) con il quale vengono introdotte nell Unione Europea le regole definite dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria con l articolato insieme di documenti unitariamente denominato Basilea 3 in materia di adeguatezza patrimoniale (Primo pilastro) e informativa al pubblico (Terzo pilastro). Il regolamento (UE) n. 575/2013 e la direttiva 2013/36/UE ( CRD IV ) definiscono il nuovo quadro normativo di riferimento nell Unione Europea per banche e imprese di investimento. Dal 1 gennaio CRR e CRDIV sono integrati da norme tecniche di regolamentazione o di attuazione approvate dalla Commissione Europea su proposta delle Autorità europee di supervisione ( ESA ), che danno attuazione alla normativa primaria. Con l adozione del regolamento di esecuzione (UE) n. 680/2014 sono state stabilite le norme tecniche di attuazione (Implementing Technical Standards) vincolanti in materia di segnalazioni prudenziali armonizzate delle banche e delle imprese di investimento relative a: fondi propri, rischio di credito e controparte, rischi di mercato, rischio operativo, grandi rischi, rilevazione su perdite ipotecarie, posizione patrimoniale complessiva, monitoraggio liquidità e leva finanziaria. Inoltre, la Banca d Italia ha emanato le Circolari n. 286 e n. 154 che traducono secondo lo schema matriciale, attualmente adottato nelle segnalazioni di vigilanza, i citati ITS. Il Gruppo ritiene prioritario valutare la propria struttura patrimoniale. Le analisi sono svolte periodicamente all interno dei Comitati di Governance di Gruppo. In particolare, all interno del Comitato Rischi di Gruppo, almeno trimestralmente, viene analizzata la struttura del Patrimonio in termini di assorbimento del capitale e margine disponibile a livello consolidato e anche di apporto allo stesso da parte delle singole società. Il Comitato Rischi di Gruppo, nello specifico, supporta il Consiglio di amministrazione della Capogruppo nella definizione delle strategie e delle metodologie per la gestione dei rischi (di mercato, di credito e operativi) del Gruppo. I membri del Comitato sono nominati dal Consiglio d Amministrazione della Capogruppo, scelti tra componenti del Consiglio di amministrazione stesso e del Top Management. La Segreteria del Comitato è a cura del responsabile della funzione di Risk Management. Le analisi presentate in Comitato Rischi di Gruppo vengono successivamente prodotte al Consiglio d Amministrazione della Capogruppo. Periodicamente, il Comitato Rischi di Gruppo esamina l assorbimento del capitale sia sotto il profilo della Vigilanza (rischio di credito e rischio di mercato) sia sotto il profilo gestionale (rischio di credito, operativo, mercato). Sotto il profilo di Vigilanza l assorbimento viene determinato tenendo in considerazione le attuali regole di segnalazione. Sotto il profilo gestionale l assorbimento viene calcolato con l utilizzo di modelli interni per il rischio di credito e di mercato e l utilizzo di un metodo standard gestionale. I rischi vengono esaminati sia complessivamente che dettagliatamente all interno delle società del Gruppo (analisi dei portafogli specifici). Al 31 marzo 2015 i Fondi Propri sono stati determinati in base alle disposizioni contenute nel Regolamento (UE) n.575/2013 (CRR). In base alle disposizioni dettate dagli articoli 11, paragrafi 2 e 3, e 13, paragrafo 2, del già più volte citato Regolamento CRR, le banche controllate da una società di partecipazione finanziaria madre sono tenute a rispettare i requisiti stabiliti dal predetto regolamento sulla base della situazione consolidata della società di 8

9 partecipazione finanziaria medesima. Tali disposizioni hanno pertanto reso necessaria la modifica del perimetro di consolidamento del Gruppo ai fini della vigilanza prudenziale, portando a calcolare i ratio patrimoniali a livello di Credemholding, società controllante al 77% di Credem Spa. Tale livello non comporta nel breve differenze di rilievo rispetto alle analoghe rilevazioni misurate sul perimetro che fa capo a Credito Emiliano Spa; presenta invece una più significativa penalizzazione prospettica (vale a dire in sede di applicazione fully phased delle nuove norme), dovuta al trattamento più restrittivo riservato dalle norme vigenti al computo del cosiddetto patrimonio di terzi. PATRIMONIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO PRUDENZIALE CREDEMHOLDING - RIPARTIZIONE PER TIPOLOGIA DI IMPRESA Gruppo Bancario Imprese di assicurazione Altre imprese Elisioni e aggiustamenti da consolidamento 31/03/ Capitale (53.408) Sovrapprezzi di emissione Riserve (16.336) Strumenti di capitale Azioni proprie (23) (23) 6. Riserve da valutazione Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività materiali Attività immateriali Copertura di investimenti esteri Copertura dei flussi finanziari (27.828) (27.828) - Differenze di cambio Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione - Utili (perdite) attuariali relativi a piani previdenziali a benefici definiti - Quote delle riserve da valutazione relative alle partecipate valutate al patrimonio netto (12.407) (12.407) Leggi speciali di rivalutazione Utile (perdita) (473) Totale (70.217)

10 PATRIMONIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO CREDEM - RIPARTIZIONE PER TIPOLOGIA DI IMPRESA Gruppo Bancario Imprese di assicurazione Altre imprese Elisioni e aggiustamenti da consolidamento 31/03/ Capitale (71.600) Sovrapprezzi di emissione Riserve Strumenti di capitale (Azioni proprie) (2.920) (2.920) 6. Riserve da valutazione Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività materiali Attività immateriali Copertura di investimenti esteri Copertura dei flussi finanziari (27.828) (27.828) - Differenze di cambio Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione - Utili (perdite) attuariali relativi a piani previdenziali a benefici definiti - Quote delle riserve da valutazione relative alle partecipate valutate al patrimonio netto (12.407) (12.407) Leggi speciali di rivalutazione Utile (perdita) (473) Totale (70.217) Nella tavola sopra riportata sono indicate le componenti del patrimonio netto contabile, sommando quelle del Gruppo con quelle di terzi, ripartite per tipologia di imprese oggetto di consolidamento. Più in dettaglio, nella colonna riferita al Gruppo bancario viene indicato l importo che risulta dal consolidamento delle società appartenenti al Gruppo bancario, al lordo degli effetti economici di transazioni effettuate con altre società incluse nel perimetro di consolidamento; le società controllate, diverse da quelle appartenenti al Gruppo bancario e consolidate integralmente sono qui valorizzate con il metodo del patrimonio netto. Nella colonna Imprese di assicurazione sono riportati gli importi che risultano dal consolidamento, al lordo degli effetti economici derivanti da transazioni effettuate con le società appartenenti al Gruppo bancario. Nelle colonne Elisioni ed Aggiustamenti sono invece indicate le rettifiche necessarie per ottenere il dato rappresentato in bilancio. Al 31 marzo 2015 il capitale sociale della banca, invariato rispetto al 31 dicembre 2014, risulta composto di azioni da nominali 1 Euro per un importo di 332,4 milioni di Euro. Sono presenti azioni proprie in portafoglio, per un controvalore di 2,9 milioni di euro, acquistate nell ambito del programma che ha dato esecuzione alla delibera adottata dall Assemblea Ordinaria del 27 aprile 2012; tale programma ha lo scopo di acquistare azioni di Credito Emiliano ad integrale copertura dei piani di remunerazione basati su strumenti finanziari da destinare alla categoria dei dirigenti con responsabilità strategiche e del personale più rilevante del gruppo bancario. Ai sensi delle norme vigenti, gli estremi del programma sono già stati comunicati al mercato. Nella voce Riserve sono inclusi la riserva legale, la riserva straordinaria, il fondo per rischi bancari presente nel bilancio redatto ai sensi del previgente D.Lgs.87/92 e riclassificato secondo i principi IAS e le differenze negative di consolidamento. 10

11 La riserva legale, costituita a norma di legge, deve essere almeno pari ad un quinto del capitale sociale; essa è stata costituita in passato tramite accantonamenti degli utili netti annuali per almeno un decimo degli stessi. Nel caso in cui la riserva dovesse diminuire, occorre reintegrarla tramite l obbligo di destinarvi un ventesimo dell utile. La riserva statutaria o straordinaria è costituita in base allo statuto dalla destinazione della quota di utile residuale a seguito della distribuzione dell utile alle azioni ordinarie. Le riserve da concentrazione ex L.30 luglio 1990 n. 218 sono state costituite in occasione di operazioni di riorganizzazione o concentrazione effettuate ai sensi della citata legge. Le riserve da consolidamento si sono generate a seguito dell eliminazione del valore contabili delle partecipazioni in contropartita alla corrispondente parte del patrimonio di ciascuna. Le altre riserve comprendono la riserva costituita a fronte del piano di stock option ed altre riserve costituite nel passato a fronte di specifiche disposizioni normative. Infine la voce include gli effetti generati dalla transizione ai principi contabili internazionali. In particolare tra le riserve di utili sono confluiti gli effetti derivanti dal cambiamento dei principi contabili che non prevedono nei prossimi esercizi un conferimento al conto economico. RISERVE DA VALUTAZIONE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE DISPONIBILI PER LA VENDITA: COMPOSIZIONE Attività/valori Gruppo bancario Riserva positiva Riserva negativa Imprese di assicurazione Riserva positiva Riserva negativa Altre imprese Riserva positiva Riserva negativa Elisioni e aggiustamenti da consolidamento Riserva positiva Riserva negativa Riserva positiva Totale Riserva negativa 1. Titoli di debito Titoli di capitale Quote di O.I.C.R Finanziamenti Totale 31/03/ Totale 31/12/ I Fondi propri e i coefficienti di vigilanza Ambito di applicazione della normativa I fondi propri (ovvero il patrimonio di vigilanza come veniva definito in precedenza) sono pari alla somma del Capitale di classe 1 e del Capitale di classe 2. Il Capitale di classe 1 è pari, a sua volta, alla somma del Capitale primario di classe 1 e del Capitale aggiuntivo di classe 1. Il capitale primario di classe 1 (o Common Equity Tier 1) è costituito dal capitale sociale e relativi sovrapprezzi, dalle riserve di utili, dalle riserve da valutazione positive e negative considerate nel prospetto della redditività complessiva, dalle altre riserve, dai pregressi strumenti di CET1 oggetto di disposizioni transitorie (grandfathering), dai filtri prudenziali e dalla detrazione. I filtri prudenziali consistono in aggiustamenti regolamentari del valore contabile di elementi del Capitale primario di classe 1, mentre le detrazioni rappresentano elementi negativi del Capitale primario di classe 1. Il Capitale aggiuntivo di classe 1 è costituito da elementi positivi e negativi, strumenti di capitale e relativi sovrapprezzi, pregressi strumenti di AT1 oggetto di disposizioni transitorie e detrazioni. Il Capitale di classe 2 è costituito da elementi positivi e negativi, strumenti capitale e prestiti subordinati e relativi sovrapprezzi, rettifiche di valore generiche, eccedenza sulle perdite attese, pregressi strumenti di T2 oggetto di disposizioni transitorie e detrazioni. E previsto un regime transitorio delle disposizioni di vigilanza sui fondi propri che prevede l introduzione graduale di parte della nuova disciplina sui fondi propri e sui 11

12 requisiti patrimoniali lungo un periodo generalmente di 4 anni e regole di grandfathering pe la computabilità parziale, con gradale esclusione entro il 2021, dei pregressi strumenti di capitale del patrimonio di base e del patrimonio supplementare che non soddisfano tutti i requisiti prescritti dal Regolamento CRR per gli strumenti patrimoniali del CET1, AT1 e T2. Le scelte sul predetto regime transitorio operate dalla Banca d Italia, in quanto di competenza delle autorità di vigilanza nazionali secondo quanto consentito dal Regolamento CRR, sono contenute dalla circolare 285 del 17 dicembre Per il corrente anno devono essere soddisfatti i seguenti requisiti patrimoniali, espressi in percentuale degli attivi ponderati per il rischio (RWA Risk Weighted Assets): - il capitale primario di classe 1 (o Common Equity Tier 1) deve essere almeno pari al 4,5% degli RWA totali; - il capitale di classe 1 (Tier 1) deve essere almeno pari al 5,5% degli RWA totali; - i fondi propri (pari alla somma del Tier 1 e del Tier 2 capital) devono essere almeno pari all 8% degli RWA totali. Inoltre, le banche hanno l obbligo di detenere una riserva di conservazione del capitale pari al 2,5% degli attivi ponderati per il rischio. Pertanto, i coefficienti patrimoniali minimi richiesti ai Gruppi bancari sono pari al 7% di Common Equity Tier 1, inclusa la riserva di conservazione del capitale, all 8,5% di Tier 1 e al 10,5% del totale fondi propri. La Banca d Italia, in data 17 dicembre 2013, ha emanato la circolare 285 (Disposizioni di vigilanza per le banche), in sostituzione della circolare 263 del 27 dicembre 2006 (Nuove disposizioni di vigilanza), e la circolare 286 (Istruzioni per la compilazione delle segnalazioni prudenziali per le banche e le società di intermediazione mobiliare), in sostituzione della circolare 155 del 18 dicembre 1991 (Istruzioni per la compilazione delle segnalazioni sul patrimonio di vigilanza e sui coefficienti prudenziali). Tali disposizioni consentono, tra l altro, alle banche ed ai gruppi bancari di adottare sistemi interni per la determinazione del requisito patrimoniale per il rischio di credito previo ottenimento di apposita autorizzazione da parte di Banca d Italia, subordinata all accertamento della sussistenza in capo al richiedente di specifici requisiti minimi organizzativi e quantitativi. Il Gruppo Credem ha ottenuto l autorizzazione all utilizzo del metodo IRB, per il segmento Corporate, a partire dalla segnalazione al 30 giugno 2008 per Credem e Credemleasing. In base alle disposizioni dettate dagli articoli 11, paragrafi 2 e 3, e 13, paragrafo 2, del Regolamento CRR, le banche controllate da una società di partecipazione finanziaria madre sono tenute a rispettare i requisiti stabiliti dal predetto regolamento sulla base della situazione consolidata della società di partecipazione finanziaria medesima. Tali disposizioni hanno pertanto reso necessaria la modifica del perimetro di consolidamento del Gruppo ai fini della vigilanza prudenziale, portando a calcolare i ratio patrimoniali a livello di Credemholding, società controllante al 76,87% di Credem Spa. Tale livello non comporta nel breve differenze di rilievo rispetto alle analoghe rilevazioni misurate sul perimetro che fa capo a Credito Emiliano Spa; presenta invece una più significativa penalizzazione prospettica (vale a dire in sede di applicazione fully phased delle nuove norme), dovuta al trattamento più restrittivo riservato dalle norme vigenti al computo del cosiddetto patrimonio di terzi. Nel mese di settembre 2014 la Banca Centrale Europea ha pubblicato la lista dei gruppi europei inizialmente rientranti nelle sue competenze di vigilanza. In riferimento ai criteri dimensionali adottati, la Banca d Italia, con lettera del 19 novembre 2014, ha comunicato che il Gruppo Credem è stato incluso nella lista delle less significant institutions. E peraltro prevedibile, considerando la cadenza annuale di aggiornamento della citata lista e l entità dell attivo del gruppo bancario, una futura modifica nella situazione di vigilanza del gruppo. Non ci sono impedimenti ne sostanziali ne giuridici che ostacolano il rapido trasferimento di risorse patrimoniali o di fondi all interno del gruppo. 12

13 SCHEMA RELATIVO ALLE CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI DI CAPITALE - CAPITALE DI CLASSE 2 (TIER 2 T2) - MODELLO SULLE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI DI CAPITALE 1 Emittente CREDITO EMILIANO CREDITO EMILIANO CREDITO EMILIANO CREDITO EMILIANO CREDITO EMILIANO 2 Identificativo unico (ad es., Identificativo CUSIP, ISIN o Bloomberg per i collocamenti privati) IT IT IT IT XS Legislazione applicabile allo strumento Legislazione italiana: clausole di subordinazione Legislazione italiana: clausole di subordinazione Legislazione italiana: clausole di subordinazione Legislazione italiana: clausole di subordinazione Legislazione italiana: clausole di subordinazione Trattamento regolamentare 4 Disposizioni transitorie del CRR Capitale di classe 2 Capitale di classe 2 Capitale di classe 2 Capitale di classe 2 Capitale di classe 2 5 Disposizioni post transitorie del CRR Non ammissibile Non ammissibile Non ammissibile Non ammissibile Capitale di classe Ammissibile a livello di singolo ente/(sub)consolidamento / di singolo ente e di (sub)consolidamento Tipo di strumento (I tipi devono essere specificati per ciascuna giurisdizione) Importo rilevato nel capitale regolamentare (moneta in milioni, alla più recente data di riferimento per la segnalazione) Singolo Ente Singolo Ente Singolo Ente Singolo Ente Singolo Ente Strumento di capitale di classe 2 ex art.62 ed ex art.484 CRR Strumento di capitale di classe 2 ex art.62 ed ex art.484 CRR Strumento di capitale di classe 2 ex art.62 ed ex art.484 CRR Strumento di capitale di classe 2 ex art.62 ed ex art.484 CRR 4,980 11,443 45,016 27, ,00 9 Importo nominale dello strumento 20,000 20,000 60,000 30, ,000 9a Prezzo di emissione ,432 9b Prezzo di rimborso Classificazione contabile Titoli in circolazione - costo ammortizzato Titoli in circolazione - costo ammortizzato Titoli in circolazione - costo ammortizzato Titoli in circolazione - costo ammortizzato 11 Data di emissione originaria 30/06/ /10/ /06/ /12/ /03/ Irredimibile o a scadenza A scadenza A scadenza A scadenza A scadenza A scadenza 13 Data di scadenza originaria 30/06/ /10/ /06/ /12/ /03/ Rimborso anticipato a discrezione dell'emittente soggetto a approvazione preventiva dell'autorità di vigilanza Data del rimborso anticipato facoltativo, date del rimborso anticipato eventuale e Importo del rimborso Date successive di rimborso anticipato, se del caso Sì Sì Sì Sì Sì Previsto un piano di ammortamento che, a partire dal 30/06/2011, rimborsa ogni anno al 20% del nominale fino a scadenza Previsto un piano di ammortamento che, a partire dal 26/10/2011, rimborsa ogni anno al 20% del nominale fino a scadenza Previsto un piano di ammortamento che, a partire dal 30/06/2013, rimborsa ogni anno al 20% del nominale fino a scadenza Previsto un piano di ammortamento che, a partire dal 23/12/2013, rimborsa ogni anno al 20% del nominale fino a scadenza Strumento di capitale di classe 2 ex art.62 Titoli in circolazione - costo ammortizzato Prevista possibilità di rimborso in data 13/03/2020 Pagamento cedole Pagamento cedole Pagamento cedole Pagamento cedole Pagamento cedole 13

14 Cedole/dividendi 17 Dividendi/cedole fissi o variabili Fissi/Variabili Fissi/Variabili Fissi Fissi Fissi/Variabili a 20b Tasso della cedola ed eventuale Indice correlato Presenza di un meccanismo di "dividend stopper Pienamente discrezionale, parzialmente discrezionale o obbligatorio (in termini di tempo) Pienamente discrezionale, parzialmente discrezionale o obbligatorio (in termini di importo) 3,20% per il primo e secondo anno, dal terzo anno Euribor 3 mesi + 50 bp 3,25% per il primo e secondo anno, dal terzo anno Euribor 3 mesi + 50 bp 4,5% 7,05% No No No No No Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio 3,125% fino al 13/03/2020; dal sesto anno IRS 5Y bps 21 Presenza di "step up" o di altro incentivo al rimborso Sì Sì No No No 22 Non cumulativo o cumulativo Non cumulativo Non cumulativo Non cumulativo Non cumulativo Non cumulativo 23 Convertibile o non convertibile Non convertibile Non convertibile Non convertibile Non convertibile Non convertibile 24 Se convertibile, evento(i) che determina(no) la conversione N/A N/A N/A N/A N/A 25 Se convertibile, in tutto o in parte N/A N/A N/A N/A N/A 26 Se convertibile, tasso di conversione N/A N/A N/A N/A N/A Se convertibile, conversione obbligatoria o facoltativa Se convertibile, precisare il tipo di strumento nel quale la conversione è possibile Se convertibile, precisare 'emittente dello strumento nel quale viene convertito Meccanismi di svalutazione (write down) In caso di meccanismo di svalutazione (write down), evento(i) che la determina(no) In caso di svalutazione (write down), svalutazione totale o parziale N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A No No No No No N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A N/A 33 In caso di svalutazione (write down), svalutazione permanente o temporanea N/A N/A N/A N/A N/A 14

15 In caso di svalutazione (write down) temporanea, descrizione del meccanismo di rivalutazione Posizione nella gerarchia di subordinazione in caso di liquidazione (specificare il tipo di strumento di rango immediatamente superiore (senior) Caratteristiche non conformi degli strumenti che beneficiano delle disposizioni transitorie In caso affermativo, specificare le caratteristiche non conformi N/A N/A N/A N/A N/A Senior Senior Senior Senior Senior Sì Sì Sì Sì No Rimborso anticipato Rimborso anticipato Rimborso anticipato Rimborso anticipato N/A 15

16 I prestiti emessi prima del 31/12/2011 sono stati oggetto di disposizioni transitorie (grandfathering) in quanto presentano un piano amortising nei primi cinque anni di vita. Nel corso del 1 trimestre 2015 è avvenuta l emissione, mediante private placement, di obbligazioni subordinate per circa 200 milioni di euro. Tale emissione era finalizzata a sostituire analogo aggregato di prestiti emessi in anni precedenti con un piano amortizing che, sulla base di un recente orientamento della vigilanza, non erano più computabili nel capitale di classe 2. FONDI PROPRI - INFORMAZIONI DI NATURA QUANTITATIVA 31/03/ /12/2014 A. Capitale primario di classe 1 (Common Equity Tier 1 CET1) prima dell applicazione dei filtri prudenziali di cui strumenti di CET1 oggetto di disposizioni transitorie - - B. Filtri prudenziali del CET1 (+/-) C. CET1 al lordo degli elementi da dedurre e degli effetti del regime transitorio (A +/- B) D. Elementi da dedurre dal CET1 ( ) ( ) E. Regime transitorio - Impatto su CET1 (+/-), inclusi gli interessi di minoranza oggetto di disposizioni transitorie F. Totale Capitale primario di classe 1 (Common Equity Tier 1 CET1) (C D +/-E) G. Capitale aggiuntivo di classe 1 (Additional Tier 1 AT1) al lordo degli elementi da dedurre e degli effetti del regime transitorio (59.758) di cui strumenti di AT1 oggetto di disposizioni transitorie - - H. Elementi da dedurre dall AT1 - - I. Regime transitorio - Impatto su AT1 (+/-), inclusi gli strumenti emessi da filiazioni e inclusi nell'at1 per effetto di disposizioni transitorie L. Totale Capitale aggiuntivo di classe 1 (Additional Tier 1 AT1) (G - H +/- I) (13.705) M. Capitale di classe 2 (Tier 2 T2) al lordo degli elementi da dedurre e degli effetti del regime transitorio di cui strumenti di T2 oggetto di disposizioni transitorie N. Elementi da dedurre dal T2 - - O. Regime transitorio - Impatto su T2 (+/-), inclusi gli strumenti emessi da filiazioni e inclusi nel T2 per effetto di disposizioni transitorie (20.972) P. Totale Capitale di classe 2 (Tier 2 T2) (M - N +/- O) Q. Totale fondi propri (F + L + P) A seguito del provvedimento della Banca d Italia del 18 maggio 2010, che ha modificato il trattamento prudenziale dei titoli di debito dei Paesi dell Unione Europea ai fini del calcolo dei fondi propri delle banche e dei gruppi bancari italiani, il Gruppo Credito Emiliano ha deliberato di esercitare l opzione a) del medesimo provvedimento, neutralizzando sia le plus sia le minus relative, rilevate nelle riserve da valutazione successivamente al 31 dicembre La scelta di tale opzione è applicata al calcolo dei fondi propri dal 30 giugno 2010 e: estesa a tutti i titoli della specie detenuti nel predetto portafoglio; applicata in modo omogeneo da tutte le componenti del gruppo bancario; mantenuta costante nel tempo. Ai sensi della circolare 285 del 17 dicembre 2013, nel mese di gennaio 2014, il Gruppo ha confermato la suddetta facoltà, che resterà in vigore fino a quando la Commissione Europea non avrà adottato un regolamento sulla base del regolamento (CE) 16

17 n.16606/2002 che dovrà approvare l International Financial Reporting Standard in sostituzione del principio contabile IAS39. Le riserve nette sui titoli emessi da Amministrazioni centrali di paesi appartenenti all Unione Europea presentavano, alla data del 31 marzo 2015, un saldo positivo di circa 18,5 milioni di euro. MODELLO TRANSITORIO PER LA PUBBLICAZIONE DELLE INFORMAZIONI SUI FONDI PROPRI Capitale primario di classe 1: strumenti e riserve 31/03/ /12/ Strumenti di capitale e le relative riserve sovrapprezzo azioni di cui: capitale sociale di cui: azioni proprie (23) - di cui: sovrapprezzi di emissione Altre componenti di conto economico complessivo accumulate (e altre riserve, 3 includere gli utili e le perdite non realizzati ai sensi della disciplina contabile applicabile) Interessi di minoranza (importo consentito nel capitale primario di classe 1 5 consolidato) Utili di periodo verificati da persone indipendenti al netto di tutti gli oneri o 5a dividendi prevedibili Capitale primario di classe 1 (CET 1): prima delle rettifiche regolamentari Capitale primario di classe 1 (CET1): rettifiche regolamentari 7 Rettifiche di valore supplementari (importo negativo) (1.376) - 8 Attività immateriali (al netto delle relative passività fiscali) (importo negativo) ( ) ( ) Riserve di valore equo relative agli utili e alle perdite generati dalla copertura 11 dei flussi di cassa Importi negativi risultanti dal calcolo degli importi delle perdite attese (62.993) (53.615) Qualsiasi aumento del patrimonio netto risultante da attività cartolarizzate 13 (importo negativo) Gli utili o le perdite su passività valutati al valore equo dovuti all'evoluzione 14 del merito creditizio (15) (2) Strumenti di capitale primario di classe 1 di soggetti del settore finanziario detenuti dall ente direttamente, indirettamente o sinteticamente, quando l ente 19 ha un investimento significativo in tali soggetti (importo superiore alla soglia del 10% e al netto di posizioni corte ammissibili) (importo negativo) (11.597) a 26b Rettifiche regolamentari applicate al capitale primario di classe 1 in relazione agli importi soggetti a trattamento pre-crr (59.757) Rettifiche regolamentari relative agli utili e alle perdite non realizzati ai sensi degli art. 466 e 468 (19.643) (33.420) di cui:...filtro per utili non realizzati 1 (titoli di debito) (19.400) (27.852) di cui:...filtro per utili non realizzati 2 (titoli di capitale) (243) (5.568) Importo da dedurre o da aggiungere al capitale primario di classe 1 in relazione ai filtri e alle deduzioni aggiuntivi previsti per il trattamento pre-crr 17 (18.483) (69.230) di cui: filtro per utili non realizzati su titoli governativi UE (18.483) (69.230) Deduzioni ammissibili dal capitale aggiuntivo di classe 1 che superano il 27 capitale aggiuntivo di classe 1 dell'ente (importo negativo) - (13.705) Totale delle rettifiche regolamentari al capitale primario di classe 1 28 (CET1) ( ) ( ) 29 Capitale primario di classe 1 (CET1) Capitale aggiuntivo di classe 1 (AT1): strumenti Capitale di classe 1 ammissibile incluso nel capitale aggiuntivo di classe 1 34 consolidato (compresi gli interessi di minoranza non inclusi nella riga 5) emesso da filiazioni e detenuto da terzi

18 Capitale primario di classe 1: strumenti e riserve 31/03/ /12/ Capitale aggiuntivo di classe 1 (AT1): prima delle rettifiche regolamentari a Capitale aggiuntivo di classe 1 (AT1): rettifiche regolamentari - - Rettifiche regolamentari applicate al capitale aggiuntivo di classe 1 in relazione agli importi soggetti a trattamento pre-crr e trattamenti transitori, soggetti a eliminazione progressiva ai sensi del regolamento (UE) n. 575/2013 (ossia importi residui CRR) - - Importi residui dedotti dal capitale aggiuntivo di classe 1 in relazione alla deduzione del capitale primario di classe 1 durante il periodo transitorio ai sensi dell'art. 472 del regolamento (UE) n. 575/2013 (18.898) (21.446) Importo da dedurre o da aggiungere al capitale aggiuntivo di classe 1 in 41c relazione ai filtri e alle deduzioni aggiuntivi previsti per il trattamento pre-crr Totale delle rettifiche regolamentari al capitale aggiuntivo di classe 1 43 (AT1) (18.898) (7.741) 44 Capitale aggiuntivo di classe 1 (AT1) Capitale di classe 1 (T1 = CET1 + AT1) Capitale di classe 2 (T2): strumenti e accantonamenti Strumenti di capitale e le relative riserve sovrapprezzo azioni Importo degli elementi ammissibili di cui all articolo 484, paragrafo 5, e le 47 relative riserve sovrapprezzo azioni, soggetti a eliminazione progressiva dal capitale di classe di cui: strumenti emessi da filiazioni soggetti a eliminazione progressiva - - Rettifiche di valore su crediti (eccedenza rispetto alle perdite attese - excess 50 reserve) Capitale di classe 2 (T2) prima delle rettifiche regolamentari c Capitale di classe 2 (T2): rettifiche regolamentari Rettifiche regolamentari applicate al capitale di classe 2 in relazione agli importi soggetti a trattamento pre-crr e trattamenti transitori, soggetti a eliminazione progressiva ai sensi del regolamento (UE) n. 575/2013 (ossia importi residui CRR) (20.972) Importo da dedurre dal o da aggiungere al capitale di classe 2 in relazione ai filtri e alle deduzioni aggiuntivi previsti per il trattamento pre-crr di cui: eventuale filtro per utili non realizzati (titoli di debito) di cui: eventuale filtro per utili non realizzati (titoli di capitale) Totale delle rettifiche regolamentari al capitale di classe 2 (T2) (20.972) Capitale di classe 2 (T2) Capitale totale (TC = T1 + T2) Capitale primario di classe 1 (in % dell'importo dell'esposizione al 61 rischio) 11,01 11,12 62 Capitale di classe 1 (in % dell'importo dell'esposizione al rischio) 11,04 11,12 63 Capitale totale (in % dell'importo dell'esposizione al rischio) 12,78 11,77 Ai sensi del regolamento (UE) n.575/2013 (CRR), art.26, comma 2, la quota dell utile netto del 1 trimestre, al netto della quota destinabile ai dividendi, non è stata inserita nel calcolo dei Fondi Propri in quanto il Resoconto Intermedio sulla Gestione al 31 marzo 2015 non è stato assoggettato a revisione contabile. Il predetto regolamento prevede che per alcune rettifiche regolamentari vengano applicate specifiche franchigie calcolate, con modalità differenti, sul Common Equity (CET1). Per gli investimenti significativi nel capitale di entità bancarie, finanziarie e assicurative, che sono al di fuori del perimetro di consolidamento normativo e per le DTA è prevista una prima soglia del 10% del CET1, calcolato prima del superamento della già citata soglia; è poi prevista un ulteriore soglia calcolata sul 15% del CET1 (dal 2018 tale soglia sarà del 17,65%). 18

19 Gli importi al di sotto delle soglie che non sono stati dedotti vengono ponderati secondo la normativa vigente. Le indicazioni sui coefficienti patrimoniali evidenziano il Common Equity Tier 1 ratio Pashed-in all 11,01% (Fully Phashed 10,23%), il Tier 1 Capital ratio Pashed-in all 11,04% (Fully Phashed 10,58%), e il Total capital ratio Phashed-in al 12,78% (Fully Pashed 12,28%). Tutti gli indicatori non prevedono la contabilizzazione della quota di Utile del Periodo computabile con il quale passerebbero rispettivamente a 11,31%, 11,34% e 13,07%. E inoltre opportuno osservare che l effetto congiunto di ulteriori livelli di patrimonializzazione richiesti, relativi sia a disposizioni di vigilanza afferenti la specifica situazione del gruppo sia ad indicazioni delle autorità europee riferite ai partecipanti al Comprehensive Assessment del 2014, rendono necessario per il gruppo un CET1 capital ratio pari al 8%. 19

20 RICONCILIAZIONE TRA PATRIMONIO CONTABILE E FONDI PROPRI Categorie / Valori 31/03/ /12/2014 Patrimonio netto consolidato Credem Holding Rettifica riserve da valutazione imprese di assicurazione (44.921) (6.888) Utile del periodo non computato (84.041) - Dividendi da distribuire ai soci- quota Gruppo - (28.838) Dividendi da distribuire ai soci- quota Terzi - (11.409) Quota patrimonio di terzi non computabile (64.260) (32.034) A. Capitale primario di classe 1 (Common Equity Tier 1 CET1) prima dell applicazione dei filtri prudenziali di cui strumenti di CET1 oggetto di disposizioni transitorie - - B. Filtri prudenziali del CET1 (+/-) C. CET1 al lordo degli elementi da dedurre e degli effetti del regime transitorio (A +/- B) D. Elementi da dedurre dal CET1 ( ) ( ) E. Regime transitorio - Impatto su CET1 (+/-), inclusi gli interessi di minoranza oggetto di disposizioni transitorie F. Totale Capitale primario di classe 1 (Common Equity Tier 1 CET1) (C D +/-E) G. Capitale aggiuntivo di classe 1 (Additional Tier 1 AT1) al lordo degli elementi da dedurre e degli effetti del regime transitorio (59.758) di cui strumenti di AT1 oggetto di disposizioni transitorie - - H. Elementi da dedurre dall AT1 - - I. Regime transitorio - Impatto su AT1 (+/-), inclusi gli strumenti emessi da filiazioni e inclusi nell'at1 per effetto di disposizioni transitorie L. Totale Capitale aggiuntivo di classe 1 (Additional Tier 1 AT1) (G - H +/- I) (13.705) M. Capitale di classe 2 (Tier 2 T2) al lordo degli elementi da dedurre e degli effetti del regime transitorio di cui strumenti di T2 oggetto di disposizioni transitorie N. Elementi da dedurre dal T2 - - O. Regime transitorio - Impatto su T2 (+/-), inclusi gli strumenti emessi da filiazioni e inclusi nel T2 per effetto di disposizioni transitorie (20.972) P. Totale Capitale di classe 2 (Tier 2 T2) (M - N +/- O) Q. Totale fondi propri (F + L + P)

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 30 settembre 2015 1 Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem 3032 - Società per Azioni Sede Sociale e Direzione: Via Emilia San Pietro

Dettagli

Paragrafo 3 Composizione del patrimonio di vigilanza

Paragrafo 3 Composizione del patrimonio di vigilanza Paragrafo 3 Composizione del patrimonio di vigilanza Informativa qualitativa Il Patrimonio consolidato Il gruppo Mediobanca si è da sempre contraddistinto per una forte solidità patrimoniale con ratios

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 31 marzo 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che ha

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 31 marzo 2014 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31 marzo 2013 1 Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem 3032 - Società per Azioni Sede Sociale e Direzione: Via Emilia San Pietro

Dettagli

PILLAR 3. Informativa da parte degli Enti

PILLAR 3. Informativa da parte degli Enti PILLAR 3 Informativa da parte degli Enti Dati riferiti al 30/6/2015 INTRODUZIONE. 3 1 OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 5 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 7 3 FONDI PROPRI. 10 4 REQUISITI DI

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Banca Nazionale del Lavoro SpA - Iscritta all Albo delle banche e capogruppo del gruppo bancario BNL iscritto all Albo dei gruppi bancari

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico 1 Informativa al Pubblico Pillar 3 Informazioni al 31 Dicembre 2010 2 MPS Gestione Crediti Banca S.p.A. Sede Sociale in Siena, Piazza Salimbeni 3, www.mpsgestionecreditibanca.it Iscritta al Registro Imprese

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31 marzo 2014 1 Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem 3032 - Società per Azioni Sede Sociale e Direzione: Via Emilia San Pietro

Dettagli

Informativa al Pubblico. Pillar III. Dati riferiti al

Informativa al Pubblico. Pillar III. Dati riferiti al Informativa al Pubblico Pillar III Dati riferiti al 31 marzo dicembre 2015 2014 Informativa al pubblico da parte degli Enti Pillar III Dati riferiti al 31 marzo 2015 Indice Introduzione... 3 Fondi Propri...

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3

Terzo Pilastro di Basilea 3 Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 31 marzo 2015 Questo documento contiene previsioni e stime che riflettono le attuali opinioni del management Intesa Sanpaolo in merito ad eventi

Dettagli

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico : l informativa al pubblico Ø Il c.d. terzo pilastro dell accordo di Basilea (Basilea II) ha introdotto obblighi di informativa al pubblico riguardanti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi

Dettagli

BANCA POPOLARE VALCONCA S.c.p.a. INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO

BANCA POPOLARE VALCONCA S.c.p.a. INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BANCA POPOLARE VALCONCA S.c.p.a. INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO Data di riferimento: 31 dicembre 2014 INTRODUZIONE... 3 ELENCO DELLE SEZIONI INFORMATIVE... 6 SEZIONE 1 OBIETTIVI E POLITICHE DI

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 del 23 maggio 2014 1) Poteri dell EIOPA e dell ESMA: pubblicata in Gazzetta Ufficiale dell Unione Europa la Direttiva 2014/51/UE 2) CRR e CRD IV: pubblicate in Gazzetta

Dettagli

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea 1. Premessa Dal 1 gennaio 2014 è applicabile la nuova disciplina armonizzata per le banche e

Dettagli

2015 Pillar 3 Informativa al pubblico

2015 Pillar 3 Informativa al pubblico 2015 Pillar 3 Informativa al pubblico del Gruppo Bipiemme Situazione al 30 giugno 2015 Informativa al pubblico Pillar 3 Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865 Capogruppo del Gruppo Bancario Bipiemme

Dettagli

2015 Gruppo Dexia CreDiop

2015 Gruppo Dexia CreDiop 015 Informativa al Pubblico Basilea 3 - Pillar 3 Situazione al 30 giugno 2015 Gruppo Dexia Crediop Indice Introduzione... 3 3. Composizione dei Fondi Propri... 4 4. Adeguatezza Patrimoniale... 7 Dichiarazione

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3

Terzo Pilastro di Basilea 3 Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 settembre 2015 Questo documento contiene previsioni e stime che riflettono le attuali opinioni del management Intesa Sanpaolo in merito ad eventi

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 30 settembre 2013 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti Ottobre 2011 (aggiornamento del documento pubblicato nel luglio 2011) Il presente documento

Dettagli

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza)

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) 1 Agenda Il patrimonio netto contabile Elementi che compongono il patrimonio netto contabile Principali novità introdotte dagli

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3

Terzo Pilastro di Basilea 3 Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2015 Questo documento contiene previsioni e stime che riflettono le attuali opinioni del management Intesa Sanpaolo in merito ad eventi

Dettagli

Aggiornamento al 30 Giugno 2015

Aggiornamento al 30 Giugno 2015 Aggiornamento al 30 Giugno 2015 Aggiornamento al 30 Giugno 2015 4 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Sede Sociale in Siena, Piazza Salimbeni 3, www.mps.it Iscritta al Registro Imprese di Siena numero

Dettagli

Parte F Informazioni sul patrimonio consolidato

Parte F Informazioni sul patrimonio consolidato Parte F Informazioni sul patrimonio consolidato SEZIONE 1 IL PATRIMONIO CONSOLIDATO A. Informazioni di natura qualitativa Il presidio dell adeguatezza patrimoniale a livello consolidato e di singola partecipata

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria La definizione di capitale contenuta in Basilea 3: domande frequenti Dicembre 2011 (aggiornamento del documento pubblicato nell ottobre 2011) Il presente documento

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI Società Cooperativa - Sede in Modena, Via San Carlo 8/20 Registro delle imprese di Modena e cod. fisc. n. 01153230360 Cap. soc. al 31 dicembre 2010 Euro 761.130.807 Relazione illustrativa del Consiglio

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 marzo 2015. Recepimento della direttiva 2011/61/UE (AIFMD). Modifiche alla disciplina in materia di risparmio gestito. Adempimenti per le SGR che intendono essere iscritte all'albo

Dettagli

SUPPLEMENTO. ED AL PROSPETTO DI BASE (il Prospetto di Base ) RELATIVO AL PROGRAMMA DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO:

SUPPLEMENTO. ED AL PROSPETTO DI BASE (il Prospetto di Base ) RELATIVO AL PROGRAMMA DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO: Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 dicembre

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO Vigilanza bancaria e finanziaria Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO Il presente documento contiene revisioni

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 PREMESSA Copernico Sim S.p.A. con sede in Udine, via Cavour, 20, Capitale Sociale Euro 1.500.000 interamente versato iscritta a Registro Imprese di Udine n. 02104510306

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG SUPPLEMENTO

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG SUPPLEMENTO CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

Profili generali ed esercizio delle discrezionalità

Profili generali ed esercizio delle discrezionalità Circolare n. 285 Disposizioni di vigilanza per le banche - 14 aggiornamento del 24 novembre 2015. Requisito di Copertura della Liquidità e Indice di Leva Finanziaria 1. Premessa Lo scorso 17 gennaio sono

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 3.4.2014 L 100/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 342/2014 DELLA COMMISSIONE del 21 gennaio 2014 che integra la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato UBI BANCA Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato 21 Aprile 2015 Il Contesto Normativo Europeo CONCETTUALE In

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3

Terzo Pilastro di Basilea 3 Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 31 marzo 2014 Questo documento contiene previsioni e stime che riflettono le attuali opinioni del management Intesa Sanpaolo in merito ad eventi

Dettagli

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO CREDEM: RISULTATI PRELIMINARI (1) CONSOLIDATI 2015: UTILE +9,5% A/A, PRESTITI +5,3% A/A, ELEVATA SOLIDITA CON CET1 (2) A 13,52% AMPIAMENTE SOPRA AL REQUISITO MINIMO SREP (7%) COSTANTE REDDITIVITA E GENERAZIONE

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2012 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 30 giugno 2014 1 Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem 3032 - Società per Azioni Sede Sociale e Direzione: Via Emilia San Pietro

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

Banca Finint Informativa al pubblico 31/12/2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31/12/2014

Banca Finint Informativa al pubblico 31/12/2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31/12/2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31/12/2014 1 Sommario INTRODUZIONE... 3 OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO (Art. 435 CRR)... 4 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art.436 CRR)... 13 FONDI PROPRI (Artt. 437 e 492

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

I INFORMATIVA DA PARTE DEGLI ENTI ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013 30 settembre 2014

I INFORMATIVA DA PARTE DEGLI ENTI ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013 30 settembre 2014 INFORMATIVA DA PARTE DEGLI ENTI ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013 30 settembre 20 2 Indice Fondi Propri... 5 Requisiti di capitale... 83 Dichiarazione del Dirigente preposto alla redazione dei

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015 EBA/GL/2015/02 23.07.2015 Orientamenti sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento 1 Indice 1. Orientamenti ABE sull elenco minimo degli indicatori qualitativi

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

Consultazione pubblica

Consultazione pubblica Consultazione pubblica sull approccio da adottare per il riconoscimento dei sistemi di tutela istituzionale a fini prudenziali Guida 1 Introduzione 1. Il documento di consultazione espone l approccio che

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Prot. n. 2016/ 49121. IL DIRETTORE in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

Prot. n. 2016/ 49121. IL DIRETTORE in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2016/ 49121 Imprese bancarie non residenti. Metodi di calcolo del fondo di dotazione di cui all art. 152, comma 2, secondo periodo, del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con D.P.R.

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Trevigiano Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Fanzolo di Vedelago (TV), Via Stazione n.3-5 iscritta all Albo delle

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31 dicembre 2014 1 Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem 3032 - Società per Azioni Sede Sociale e Direzione: Via Emilia San Pietro

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

RISULTATI COMPREHENSIVE ASSESSMENT

RISULTATI COMPREHENSIVE ASSESSMENT PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA RISULTATI COMPREHENSIVE ASSESSMENT Positivo risultato dell AQR considerando le misure di patrimonializzazione già realizzate, pari a complessivi 1.021,2 milioni (aumento

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A.

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE (Parte prima Titolo IV Capitolo I Sezione

Dettagli