1. La partnership con i cittadini in sanità: modelli, dimensioni, concetti e norme

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. La partnership con i cittadini in sanità: modelli, dimensioni, concetti e norme"

Transcript

1 1. La partnership con i cittadini in sanità: modelli, dimensioni, concetti e norme di Angela Guarcini 1 Le pagine seguenti contengono una sintetica ricostruzione dell evolversi della normativa sanitaria nel nostro Paese (Altieri, 2002; Fioroni, Del Favero, 2003; Cascioli, 2004). L organizzazione sanitaria del nostro Paese ha subito un processo di riforma molto lungo e complesso iniziato addirittura, seppure in forma assolutamente embrionale, nel 1945, anno a cui risale il primo documento ispiratore della riforma che arriverà oltre trent anni più tardi, precisamente nel L art. 10 della Legge n.833/78 attribuisce ai Comuni funzioni di indirizzo e di definizione dei programmi, mentre l USL, Unità Sanitaria Locale, è il soggetto preposto alla gestione globale dei servizi sanitari. L assemblea ha il compito di eleggere il Comitato di gestione, organo che si occupa di tutti gli atti amministrativi di competenza delle USL che non siano di spettanza della stessa assemblea. Le difficoltà più evidenti che sorgono sono ricollegabili a due ordini di fattori: le decisioni dipendono dal consenso raccolto presso una pluralità di soggetti; la funzione di controllo non è ripartita in modo chiaro. Tutto ciò unito alla smisurata offerta di servizi sanitari a livello territoriale, alla forte e continua crescita della spesa sanitaria e alla mancanza di strumenti che potessero permettere la verifica a livello qualitativo dei servizi erogati ha spinto, nel 1991, il Legislatore alla delega, e conseguente nomina regionale, della gestione dei servizi erogati ad un soggetto unico, ossia gli Amministratori Straordinari. Questo passaggio rappresenta e segna la prima vera e forte separazione tra funzione tecnica/gestionale e funzione politica, con il lento prevalere della prima sulla seconda. 1 Ricercatrice dell Osservatorio sulle Pratiche della Sanità italiana-siquas, ex allieva Master Management e Innovazione nelle Aziende Sanitarie, edizione anno

2 Certo è che il passaggio dai Comitati di gestione agli Amministratori Straordinari è stato il primo vero passo verso l introduzione della gestione manageriale in ambito sanitario. Sinteticamente è possibile affermare che le due key-words del sistema sanitario dei primi anni 90 sono decentramento regionale e decentramento aziendale. Il processo di aziendalizzazione vero e proprio è iniziato prima con la riforma bis del SSN introdotta con il D. Lgs. n.502/92 ed è stato riaffermato e rafforzato poi con il D. Lgs. di riforma ter n.229/99. I punti salienti del D. Lgs. n. 502/92 sono sintetizzabili nell art. 3 che definisce l Azienda Sanitaria Locale come l Azienda dotata di personalità giuridica pubblica; l ASL può adottare un proprio modello organizzativo, può regolamentare la propria attività in funzione della mission istituzionale, può disporre di beni, può adottare un sistema contabile non vincolato a quello statale. L autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica rappresentano le nuove forme di autonomia di cui si trova a godere la neo-nata azienda. Attraverso la 502/92 appare assolutamente netto il prevalere della funzione tecnocratica rispetto a quella politica e ciò appare confermato dal passaggittdall Amministratore Straordinario al Direttore Generale. Il Direttore Generale è coadiuvato dal Direttore Amministrativo e Sanitario oltre che dal Collegio dei Revisori, organo designato per controllare e vigilare sull amministrazione dell azienda e sull osservanza delle leggi. L altra importante novità introdotta dal D. Lgs. n. 502/92 riguarda l aspetto finanziario del sistema sanitario e consiste nel passaggio da un finanziamento a piè di lista ad uno coerente con la programmazione sanitaria (quota capitaria e tariffe per prestazioni). Il D. Lgs. 229/99 rafforza e sviluppa i contenuti del D. Lgs. n. 502/92 aggiungendo in primo luogo l autonomia imprenditoriale, intesa come autonomia dell imprenditore, alle caratterizzazioni dell Azienda; inoltre, al fine di suggellare ulteriormente il legame tra l Azienda Sanitaria e l azienda del mondo privato si trasforma il Collegio dei Revisori in Collegio Sindacale. Con il passaggio dalla riforma bis alla ter i poteri degli enti locali si accrescono permettendo agli stessi di valutare i risultati conseguiti dall azienda, nominare un 18

3 membro del Collegio Sindacale e partecipare in materia di vigilanza e controllo sulla gestione aziendale. L introduzione dell atto aziendale quale documento strategico di cui l Azienda deve obbligatoriamente disporre al fine di disciplinare il funzionamento interno sancisce ulteriormente la grande voglia di privato che permea l organizzazione sanitaria. Le suddette riforme hanno quindi dato un forte impulso al decentramento regionale e aziendale del sistema sanitario pubblico, introducendo la volontà di importare strumenti, metodologie gestionali e professionalità tipiche dell imprenditorialità privata. Tra i vari cambiamenti introdotti dal processo di aziendalizzazione occorre certamente puntare l attenzione su quelli di ordine culturale che hanno indotto il Legislatore nella direzione del recupero dell efficienza e della flessibilità orientate innanzitutto alla qualità. La sanità inizia ad essere definita, quindi, come un sistema di servizi alla persona in cui si diffonde la cultura dell assicurazione della qualità, intesa come processo di miglioramento continuo nell organizzazione dei processi interni alle aziende e delle performance erogate. Il primo riferimento legislativo inerente la partecipazione dei cittadini in ambito sanitario risale ai primi anni 90. Il D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni (D. Lgs. 7 dicembre 1993, n. 517), ha introdotto per la prima volta il concetto di qualità delle prestazioni rese nell ambito sanitario (artt ) e dedica il Titolo IV, art. 14, alla partecipazione e tutela dei diritti dei cittadini. Il provvedimento pone l attenzione verso: il cittadino e le sue reali esigenze; la qualità dei servizi e delle prestazioni sanitarie, sempre nell ottica della tutela del cittadino; la promozione della partecipazione del cittadino; la tutela del cittadino attraverso procedimenti amministrativi di garanzia e/o impugnative in via giurisdizionale. Il D. Lgs. 502/92, attrvoerso una terminologia apparentemente immutata, apporta considerevoli modificazioni nel modo di interpretare la partecipazione dei cittadini rispetto alla L. 833/78. 19

4 Difatti, la 833 nasce in un periodo caratterizzato da una forma di partecipazione democratica di tipo co-gestionale, che avrebbe dovuto prevedere la compartecipazione delle varie componenti sociali (cittadini, enti locali, operatori ) ai processi gestionali e decisionali delle aziende sanitarie. L uso del condizionale è d obbligo considerato ate questo modello non è riuscito a raggiungere gli obiettivi fissati in partenza o meglio alcuni tentativi di sperimentazione sono avvenuti nel centro-nord del nostro Paese, ad esempio in Emilia Romagna ma troppo grande è stato lo scarto tra le dichiarazioni contenute nella normativa e la reale possibilità di attuazione delle stesse. Difatti, la legge del 1978 pur sottolineando l importanza del principio della partecipazione, di fatto delegava agli enti locali la rappresentanza dei cittadini, degli utenti e delle formazioni sociali del territorio. Attraverso il D. Lgs. 502/92 si supera il modello di tipo co-gestionale per approdare ad un modello definito di partecipazione di tipo consultivo, cooptativo, presenzialista e auto-legittimato. L art. 14 del D. Lgs. 502/92 disciplina i diritti dei cittadini; in particolare, il modello è definito consultivo proprio perché non prevede l effettiva partecipazione delle componenti sociali ai processi decisionali limitato perlopiù alla fase della consultazione; al riguardo, secondo il succitato articolo i cittadini dovranno comunque essere sentiti nella fase della programmazione e verifica dei risultati conseguiti. Inoltre, tale modello è detto auto-legittimato poiché non è chiaramente indicato chi legittima i rappresentanti delle associazioni a rappresentare gli utenti. In definitiva, pur persistendo delle remore culturali di tipo paternalistico il D. Lgs. 502/92 sottolinea le dimensioni umanitarie e relazionali della qualità delle cure. La legge delega n. 419 del 30/11/1998 prosegue sulla scia del modello di partecipazione consultiva previsto dalla 502/92, in particolare sottolinea i seguenti aspetti: riafferma la partecipazione dei cittadini e degli operatori nelle fasi della programmazione e della valutazione dei servizi sanitari; potenzia il ruolo dei Comuni nei procedimenti di programmazione e di valutazione dei risultati delle aziende; accresce il ruolo delle Regioni al fine di rafforzare la partecipazione delle formazioni sociali territoriali e dei cittadini. 20

5 Un importante passo avanti per quello che riguarda il coinvolgimento dei cittadini avviene con l istituzione della Carta dei Servizi. La Carta dei servizi è uno strumento di comunicazione che funge sia da guida ai servizi sia come patto con i cittadini sugli impegni che l azienda si assume. Lo schema generale di riferimento della Carta dei Servizi pubblici sanitari è contenuto nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) del , a cui sono seguite le relative Linee Guida; tale strumento nasce per individuare i servizi prestati e la loro metodologia organizzativa, ispirata ai principi di economicità, efficienza ed efficacia, al fine di garantire un livello qualitativo del servizio tale da raggiungere la piena soddisfazione dell utente (Cascioli, 2004). Un interessante strumento di controllo contenuto nella Carta dei Servizi concerne la possibilità di effettuare reclami in merito ad eventuali violazioni e/o inadempienze (ad esempio, liste d attesa, aspetti relazionali e organizzativi) subite dai cittadini. La direttiva summenzionata esplica il ruolo centrale rivestito dal cittadino nei confronti del quale devono essere trasmesse informazioni chiare e tempestive, il personale addetto all accoglienza deve comportarsi in maniera gentile e disponibile e vi deve essere collaborazione tra il personale ospedaliero e le associazioni di volontariato. Vengono elencati di seguito alcuni importanti provvedimenti adottati a partire dai primi anni 90 riguardanti l istituzione di strumenti e strutture tesi a verificare la soddisfazione del cittadino: D.Lgs. 29/93 e s.m.ei: Razionalizzazione dell organizzazione delle amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego art. 12 Ufficio Relazioni con il Pubblico (partecipazione, informazione, ricerca, analisi ); Circolare Funzione Pubblica 17/93: Istituzione dell'ufficio per le Relazioni con il Pubblico e disciplina delle attività di comunicazione di pubblica utilità" L URP valuta sistematicamente il grado di soddisfazione dell utenza e l evoluzione dei bisogni mediante ricerche e sondaggi; Direttiva P.C.M : Principi sull erogazione dei servizi pubblici Carta dei Servizi; 21

6 Direttiva P.C.M : Principi per l istituzione ed il funzionamento degli URP ; Legge 150/2000: Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni", art. 8 L Urp deve attuare, mediante l ascolto dei cittadini e la comunicazione interna, i processi di verifica della qualità dei servizi e di gradimento degli stessi da parte degli utenti ; Direttiva P.C.M : Marketing istituzionale e verifica della soddisfazione del cittadino ; D.P.C.M. 19/05/95: Schema di riferimento per la Carta dei Servizi e per la rilevazione del grado di soddisfazione ; D.P.R : Requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie, da parte delle strutture pubbliche e private ; D.C.R : contiene requisiti generali sulla realizzazione delle indagini di soddisfazione. Attualmente, il contesto sanitario è attraversato da profondi cambiamenti; si trova in effetti a vivere una fase di profonda trasformazione indotta da un insieme di fenomeni di carattere sociale, demografico, economico e tecnologico. Dinamiche Politiche Dinamiche Demografiche Sistemi Sanitari Dinamiche Scientifiche Dinamiche Tecnologiche I trend demografici e sociali del Paese sono alla base di tutte le politiche per la salute e sanitarie insieme a quelli epidemiologici. 22

7 Centrale è il peso della struttura della popolazione per classi di età, che si è gradualmente modificata e ha subito un ribaltamento. Il quadro evolutivo è caratterizzato dalla nascita di nuove esigenze di sostegno al sistema sanitario e alla filiera economica produttiva connessa, che coinvolge da un lato gli operatori (aziende sanitarie e loro holding regionali e le imprese fornitrici di beni e servizi) e dall'altro il pubblico utente del servizio. Lo scenario attuale è contraddistinto da: invecchiamento della popolazione; incidenza rilevante della disabilità; diffusione di innovazioni tecnologiche e farmaceutiche; alta variabilità prescrittiva ed insufficiente diffusione di linee guida diagnostico-terapeutiche; presenza di nuove patologie e società globalizzata; aumento della domanda espressa e dei bisogni di salute. Uno dei messaggi proposti dall Organizzazione Mondiale della Sanità sul tema della salute degli anziani afferma che Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. La nostra società sta vivendo una sorta di rivoluzione demografica : nel 2000, nel mondo c erano circa 600 milioni di persone con più di 60 anni, nel 2025 ce ne saranno 1,2 miliardi e 2 miliardi nel In Europa una persona su 5 ha più di 60 anni; questo rapporto scende a 1 su 20 in Africa ma, come in altre aree in via di sviluppo, il processo di invecchiamento della popolazione è più rapido che nei paesi sviluppati, quindi c è meno tempo per adottare le necessarie misure per far fronte alle conseguenze dell aumento della popolazione anziana, fra cui l aumento della frequenza di patologie croniche tipicamente legate all invecchiamento. Infatti, l invecchiamento della popolazione è tipicamente accompagnato da un aumento del carico delle malattie non trasmissibili, come quelle cardiovascolari, il diabete, la malattia di Alzheimer e altre patologie neurodegenerative, tumori, malattie polmonari croniche-ostruttive e problemi muscoloscheletrici. Come conseguenza, la pressione sul sistema sanitario mondiale aumenta. 23

8 Le malattie croniche impongono alla popolazione anziana un peso elevato in termini di salute ed economico a causa proprio della lunga durata di queste malattie, della diminuzione della qualità della vita e dei costi per le cure. Fig. 1. Popolazione e persone di 65 anni e più per presenza di malattie croniche dichiarate e sesso (per 100 persone dello stesso sesso) Anno Fonte: ISTAT 61,8 53,0 MASCHI FEMMINE 34,9 47,4 45,5 38,9 9,8 16,7 13,2 13,1 22,3 14,7 Persone con nessuna malattia cronica Persone con tre o più malattie croniche Popolazione Persone con almeno una malattia cronica grave Persone con nessuna malattia cronica Persone con tre o più malattie croniche Persone di 65 anni e più Persone con almeno una malattia cronica grave Come risulta ben evidenziato dalla Figura 1, gli ultra sessantacinquenni presentano nella maggioranza dei casi da almeno una a tre o più malattie croniche; in particolare, gli uomini soffrono di almeno una malattia cronica grave rispetto alle donne della stessa fascia d età. Queste ultime invece superano gli uomini poiché manifestano tre o più malattie croniche; entrambi comunque superano di gran lunga il resto della popolazione che si attesta su valori ben più contenuti. Se si osserva la Figura 2, è possibile conoscere anche la tipologia di malattia cronica dichiarata che colpisce le persone di 65 anni e più ed il resto della popolazione. Le varie forme di artrite e artrosi rappresentano le malattie croniche che interessano maggiormente le persone di 65 anni e più e che tra il 1999 e il 2005 sono aumentato oltre il 4%. 24

9 A seguire l ipertensione arteriosa, aumentata anch essa di 4 punti percentuali nel lasso di tempo considerato, e poi altre malattie tradizionalmente legate all invecchiamento ossia l osteoporosi, la cataratta e altre malattie del cuore (che però colpiscono in misura minore le persone dai 65 anni in su). Il diabete ha colpito, tra il e il 2005, un numero crescente di persone anziane mentre la cefalea e altre forme di emicrania incidono in misura decrescente. Se si analizzano le due colonne riguardanti il resto della popolazione emerge che pur attestandosi su valori significativamente inferiori, l artrite, l artrosi e l ipertensione arteriosa quindi le due malattie che colpiscono maggiormente la popolazione anziana, interessano anche l altra fetta della popolazione. Fig. 2. Popolazione e persone di An anni e più per tipo di malattia cronica dichiarata. Confronto Anni e Anno 2005 (per 100 persone con le stesse caratteristiche) Fonte: ISTAT Popolazione Persone di 65 anni e più Diabete 3,7 4,5 12,5 14,5 Cataratta 3,2 2,8 15,4 12,4 Ipertensione arteriosa 11,9 13,6 36,5 40,5 Infarto del miocardio 1,1 1,7 4,0 6,3 Angina pectoris 0,9 0,7 3,4 2,5 Altre malattie del cuore 3,4 3,2 12,5 11,3 Asma bronchiale 3,1 3,5 6,9 6,5 Malattie della tiroide 2,8 3,2 4,6 5,0 Artrosi,artrite 18,4 18,3 52,5 56,4 Osteoporosi 4,7 5,2 17,5 18,8 Ulcera gastrica o duodenale 3,0 2,3 7,3 5,3 Cirrosi epatica 0,2 0,3 0,6 0,7 Tumore 0,9 1,0 2,7 2,7 Cefalea o emicrania ricorrente 9,0 7,7 10,5 8,7 La gestione delle cronicità richiede soluzioni complesse che coinvolgono i diversi livelli assistenziali, necessita di integrazione di molte fonti di informazione, di strumenti di analisi e di supporto alle decisioni, di tracking di eventi e di auditing per lunghi periodi. 25

10 Occorre inoltre tener conto delle trasformazioni nei rapporti famigliari (Moini G., 2001) che hanno prodotto il passaggio: DA A FAMIGLIA ALLARGATA FAMIGLIA MONONUCLEARE così come il cambiamento dei cicli di vita ha segnato la seguente trasformazione: DA A ALTAMENTE PREVEDIBILI ALTAMENTE IMPREVEDIBILI Nello specifico, la struttura della popolazione per classi di età si è gradualmente modificata; si sono ridotte le classi giovani e sono aumentate le classi over 60. E la stessa domanda di salute della popolazione che è mutata, tutta la struttura della mortalità e della morbilità si è profondamente modificata e ciò in conseguenza di vari fattori: innanzitutto, lo sviluppo economico e tecnologico, nonché scientifico, mettono a disposizione della medicina sempre nuove capacità diagnostiche e terapeutiche aumentando così le aspettativundi vita in salute; il cambiamento degli stili di vita determina un uso più qualificato della sanità; la crescita della cultura della salute nei cittadini sviluppa una domanda più selettiva e finalizzata; si determina il paradosso della domanda infinita di salute e dei limiti strutturali di finanziamento dei sistemi sanitari. Nel grafico che segue è ben rappresentato quanto finora affermato; le due linee evidenziano in modo netto la crescita costante negli anni della popolazione over 65 e, di contro, il trend tutto teso al ribasso della fascia under

11 L invecchiamento della popolazione, dal punto di vista demografico, è determinato dalla diminuzione del numero delle nascite e dalla crescita della speranza di vita. Osservando l'andamento congiunto di queste variabili, negli anni compresi tra il 1951 ed il 2024, si delinea nitidamente il processo di progressivo invecchiamento della popolazione. Le quattro rappresentazioni grafiche riportate di seguito permettono di visualizzare come la piramide della popolazione si è modificata e continuerà a modificarsi nel corso degli anni. Appare evidente come la forma della piramide sia mutata e in tempi neppure eccessivamente lunghi; infatti, nel 1951 la struttura è piramidale nel senso che inizia con una base piuttosto larga, rappresenta la fascia numericamente più rappresentativa (0-4 anni), e prosegue verso l alto andandosi a restringere poco a poco. Quarant anni più tardi, nel 1991, la base tendeva ad assottigliarsi favorendo la classe d età medio-alta. 27

12 Nel 2004 la base della piramide risultava rappresentata in misura sempre minore dalla fascia d età 0-24 anni con un considerevole aumento della fascia anni; la struttura della popolazione ha assunto una forma pressoché romboidale, con un consistente (a livello numerico) spostamento dell età media verso l alto. La base della struttura si è notevolmente ridotta, il centro si è allargato così come la zona alta. Quindi, tradotto in modo più chiaro ciò significa che ci sono meno giovani e giovanissimi e per contro, aumenta in modo esponenziale il numero degli anziani. La previsione per il 2024 è di una nuova significativa riduzione delle classi dei giovani e giovanissimi, la predominanza della fascia anni e un costante aumento delle fasce over

13 Fig. 3. La struttura della popolazione tra il 1951 e il

14 Tutti i fattori finora citati hanno contribuito alla crisi del welfare tradizionale tra la fine degli anni 70 e l inizio degli anni 80. A partire dai primi anni 90, la spinta riformistica ha fortemente caratterizzato il sistema sanitario italiano, segnando il passaggio (figura 4) dalle politiche market oriented (primi anni 90) tese al rafforzamento dei meccanismi di mercato - che hanno però lasciato aperti i problemi della crescita della spesa sanitaria, della dilatazione dei tempi di attesa e della persistenza di iniquità nell accesso ai servizi - alle politiche network (or cooperative) oriented (fine anni 90) transitando attraverso l approccio outcome oriented (metà anni 90) (Moini, 2001). Le market oriented health policies lasciano, al passaggio della metà degli anni '90, diversi e importanti problemi aperti: una continua ed apparentemente inarrestabile crescita della spesa sanitaria (sia pubblica che privata); un crescente ricorso a prestazione sanitarie di alta tecnologia che induce un inutile e costosa sovramedicalizzazione della offerta e della domanda di salute; un aumento delle forme di disattenzione agli aspetti della umanizzazione delle cure e della lack of responsiveness of providers (mancanza di risposta dei fornitori); una dilatazione dei tempi di attesa per l'erogazione delle prestazioni sanitarie; la persistenza di evidenti iniquità nella possibilità di accesso alle cure sanitarie rispetto ai livelli di reddito. La metà degli anni '90 rappresenta, a ben vedere, un fondamentale momento in cui si introducono alcune importanti novità che prenderanno definitivamente corpo verso la fine del decennio. Si afferma la centralità della cultura e dei valori sociali dei cittadini, considerati variabili fondamentali della funzione di produzione dei servizi sanitari. Un altro elemento di grande importanza è rappresentato dalla importanza attribuita alla ricerca sanitaria ed alla valutazione degli impatti delle politiche in termini di outcome sanitari. Sono questi gli anni in cui si sviluppano definitivamente la Evidence Based Medicine - EBM (la medicina basata sulle evidenza) e la Evidence Based Health 30

15 Care EBHC (l assistenza sanitaria basata sull evidenza), ovvero quelle pratiche cch cercano di far poggiare non solo le scelte terapeutiche, ma anche la allocazione delle risorse, su criteri di efficacia dimostrati da sperimentazioni cliniche controllate e da meta-analisi (ovvero da rassegne sistematiche condotte ricorrendo alla letteratura scientifica ed valutazioni statistiche dei trials clinici). La metà degli anni '90 rappresenta, in sintesi, un periodo di transizione che, in accordo con una dinamica più generale di quegli anni nei paesi di area OECD, potrebbe essere definito di outcome oriented health policies. Alla fine degli anni '90 l'orientamento agli outcomes o indicatori di impatto, con riferimento agli esiti finali e all impatto a distanza degli interventi e delle strategie sanitarie, si impone in modo più netto. Si arriva, infatti, a riconoscere che l'esigenza del contenimento dei costi era stata interpretata come un obiettivo da perseguire fine a se stesso, dati i rilevanti disavanzi registrati, e non come un obiettivo tendenziale per garantire le compatibilità delle azioni sanitarie e l equità degli accessi. A livello di Istituzioni Sanitarie internazionali il tendenziale equilibrio tra vincoli gestionali economici e vincoli gestionali clinici viene valutato sempre di più in un approccio di outcomes, ovvero, in termini di impatto sulla qualità delle prestazioni e sullo stato di salute della popolazione (OECD, 1999). Nell'ultimo scorcio degli anni '90 gran parte dei diversi paesi dell'oecd procedono ad un ripensamento delle loro politiche, orientandosi verso un approccio integrato alla produzione della salute in una accezione di insieme delle politiche del welfare per il mantenimento dello stato di benessere psicofisico. Questo si è sostanziato nella ricerca degli strumenti operativi attraverso cui raggiungere, simultaneamente, quelli che potrebbero essere definiti gli obiettivi delle quattro "E": efficienza efficacia empowerment equità Mentre la maggiore efficienza fa riferimento alla ottimizzazione dell'uso delle risorse economiche e sanitarie, la crescita dell'efficacia delle prestazioni mira al miglioramento degli health outcomes; l'empowerment riguarda, invece, il potenziamento del ruolo dei pazienti e degli operatori sanitari a cui viene chiesto 31

16 di partecipare in maniera maggiormente attiva alla produzione ed erogazione dei servizi. L'esigenza di una più alta equità fa, infine, riferimento alla volontà di ridurre le persistenti diseguaglianze nelle condizioni di salute della popolazione (con particolare attenzione alle condizioni dei gruppi svantaggiati), a quella li incrementare l'equità rispetto al finanziamento ed alla possibilità di accesso ai servizi e alle prestazioni sanitarie. L'insieme di questi elementi tratteggia un "new paradigm of health care" (OECD, 1999) che spinge verso il primato della prevenzione sul trattamento specialistico; verso un orientamento a strategie di care piuttosto che di cure e, soprattutto, verso l'integrazione intersettoriale delle politiche che, a sua volta, stimola ed impone azioni di coordinamento interistituzionale. Alla fine degli anni '90 sembrano quindi affermarsi quelle che potrebbero essere definite network (or cooperative) oriented health policies che, muovendo da una concezione sociologicamente fondata di salute, fanno della intersettorialità il loro fondamentale principio di funzionamento e della interistituzionalità il loro principale meccanismo operativo. Fig. 4. Le tre politiche sanitarie degli anni 90 Fonte: Moini G., 2001 Il ciclo delle politiche nel corso degli anni 90 P O L I T I C H E Outcome oriented Network (or cooperative) oriented Market oriented Primi anni 90 Metà anni 90 Fine anni 90 32

17 1.1. La programmazione sanitaria e le alleanze con gli attori La programmazione sanitaria si sostanzia in un processo di consenso nel tempo tale da permettere l individuazione dei bisogni delle popolazioni attuali e in prospettiva tale da soddisfarli con una evoluzione continua delle strutture sanitarie e socio sanitarie e della loro capacità di offerta di servizi assistenziali, terapeutici e socio assistenziali qualificati ed efficienti. L opportunità è rendere il sistema più prossimo ai cittadini e ai loro bisogni, coniugando l autonomia nell organizzazione della risposta dei servizi alla responsabilità sulla loro qualità e sostenibilità economica, coinvolgendo tutte le categorie di decisori della filiera sanitaria nelle determinazioni degli obiettivi possibili. Il processo di programmazione sanitaria deve vedere la necessaria partecipazione di diverse categorie di decisori pubblici quali Stato, Regioni, Enti Locali e loro forme associative, nonché sindacati professionali e dei lavoratori, associazioni di volontariato, associazioni medico scientifiche, etc. in base alle loro diverse attribuzioni di ruoli. Tutti i summenzionati decisori pubblici rappresentano alcuni degli attori del sistema sanitario, in particolare: il cittadino e la famiglia costituiscono l obiettivo generale che caratterizza l impostazione della politica regionale della salute e del sistema sociosanitario; gli Enti Locali hanno tra i loro compiti quello di avviare nuove forme di progettazione, organizzazione e gestione tra i servizi sanitari e sociali; gli operatori sanitari devono assicurare il buon funzionamento del servizio, l efficacia degli interventi e la soddisfazione dei cittadini; le rappresentanze sociali giocano un ruolo fondamentale nello sviluppo di una politica per la salute in termini di capacità di lettura dei bisogni/rischi, di identificazione delle priorità e di supporto determinante alle azioni di miglioramento del sistema; il terzo settore (cooperative sociali e volontariato) contribuisce a dar voce ai bisogni dei soggetti svantaggiati e svolge un ruolo importante nella valutazione consensuale della qualità dell assistenza; 33

18 i produttori di beni e servizi sanitari (no profit e profit) sono chiamati a concorrere al progetto di tutela e promozione della salute. In particolare, il tema della partecipazione dei cittadini alle scelte di progetto per la salute rappresenta uno dei prodotti derivanti dal passaggio da un sistema di government, basato su una rigida regolamentazione, su un processo di pianificazione di tipo top-down gestito da esperti e su un approccio direzionale centro-periferia, a quello di governance, centrato sulla partecipazione sociale, sulla negoziazione e sul coordinamento tra le parti coinvolte nel processo. Il termine governance indica: L insieme di regole, processi e comportamenti che influiscono sul modo in cui le competenze sono esercitate. La capacità delle società di dotarsi di sistemi di rappresentazione, d istituzioni, di processi per gestirsi autonomamente. La creazione e il funzionamento d istituzioni (intese non solo come organizzazioni, ma anche come definizione delle regole del gioco) che definiscono attori e loro responsabilità nella cooperazione con la società civile (Glossario Socialinfo, Più in dettaglio, la clinical governance (governo clinico) può essere definita nei seguenti modi: il contesto in cui i servizi sanitari si rendono responsabili del miglioramento continuo della qualità dell assistenza e mantengono elevati livelli di prestazioni creando un ambiente che favorisce l espressione dell eccellenza clinica nel limite delle risorse disponibili (NHS White Paper,1999). Si intende la capacità dei servizi di sviluppare e mantenere una sistematica attenzione alla qualità dell assistenza da essi erogata, con particolare riferimento alla efficacia ed alla appropriatezza clinica delle prestazioni. Rappresenta una delle parole chiave del Piano Sanitario Regionale 3/5/99. Nei contesti aziendali è posta in capo al Direttore Sanitario, ma identifica nei direttori di dipartimento e nelle loro responsabilità clinico-organizzative i protagonisti di politiche aziendali capaci di documentare attraverso iniziative di audit clinico- la qualità delle proprie prestazioni e di garantire la sicurezza dei pazienti e degli operatori attraverso l adozione di strumenti di gestione del rischio clinico. Il Collegio di direzione rappresenta l organismo aziendale deputato al coordinamento delle singole iniziative dipartimentali di governo clinico, alla loro coerenza con gli obiettivi generali dell azienda ed alla valutazione dei loro risultati e delle loro 34

19 implicazioni. (Glossario della qualità e dell accreditamento, Cinotti R. e all., 2005). Con il termine "governo clinico", importato dall anglosassone clinical governance, si intende più comunemente un programma di gestione e miglioramento della qualità e dell efficienza di un attività medica, generalmente operata a livello di Dipartimento di una Azienda ospedaliera. Il programma è primaria responsabilità del Capo Dipartimento che, con l aiuto di personale amministrativo, predispone e sottopone all Amministrazione dell Ente (Ospedale o ASL) un piano d azione triennale che miri, nell ambito di un budget assegnato con ampia facoltà di spesa, a trattare il maggior numero possibile di casi e a garantire l outcome del trattamento. Il programma di clinical governance non può prescindere da una sistematica azione di aggiornamento del personale in tutte le sue forme (lezioni accademiche, dimostrazioni pratiche e stage, formazione continua individuale, convegni nazionali ed internazionali delle specialità), da un sistematico sostegno della cultura della qualità, da incentivi che premino la partecipazione del personale ai programmi di miglioramento della qualità e che premino il conseguimento degli obiettivi prefissati (Girolamo Sirchia ex Ministro della Salute, da Glossario Formez). Acquista sempre maggiore preponderanza la centralità del cittadino nella gestione della cultura della salute e nel governo clinico dei sistemi. Esperienze significative di collaborazione fattiva tra operatori e pazienti hanno creato evidenze significative sulle tante forme possibili di sensibilizzazione e di collaborazione per una migliore gestione del sistema sanitario. Dalle esperienze di gestione in sanità internazionali e nazionali sono derivate la creazione di basi di dati e lo svolgimento di migliori pratiche aziendali che hanno consentito sia in letteratura che per le evidenze di individuare gli strumenti per garantire un ottimale governance, in quanto equilibrio dinamico tra governo clinico e governo economico nelle aziende sanitarie. Le politiche della governance in sanità nella pratica delle Regioni e delle aziende sanitarie (Banchieri, Monitoraggio in sanità, 2005), sono i seguenti: 1. i sistemi di alleanze con i cittadini e la trasparenza nei loro confronti; 2. i sistemi di valutazione esterna della qualità (accreditamento, certificazione ISO ed EFQM); 3. il disease management ed i percorsi assistenziali integrati; 35

20 4. a sicurezza dei cittadini e degli operatori e la prevenzione e la gestione del rischio; 5. l audit clinico ed organizzativo; 6. la formazione di base e permanente allo sviluppo della qualità; 7. gli indicatori di performance clinica ed organizzativa delle organizzazioni sanitarie; 8. l organizzazione della qualità nelle istituzioni sanitarie complesse. Con l intento di voler dettagliare le dimensioni della governance, si vanno ad evidenziare le caratteristiche precipue di ognuna (Banchieri, Confronti: pratiche di benchmark nella sanità pubblica italiana, 2005): 1. - I sistemi di alleanze con i cittadini La centralità del cittadino nella gestione della cultura della salute e nel governo clinico dei sistemi sanitari viene ormai considerato un dato acquisito. Esperienze significative di collaborazione fattiva tra operatori e pazienti hanno creato evidenze significative sulle tante forme possibili di sensibilizzazione e di collaborazione per una migliore gestione del sistema sanitario, in particolare occorre richiamare: il ruolo delle associazioni degli utenti in sanità; la qualità professionale, organizzativa e percepita dai cittadini; il passaggio dalla cura della sicurezza dei pazienti al miglioramento continuo I sistemi di valutazione esterna della qualità (accreditamento, certificazione ISO ed EFQM) In molti Paesi si sono andati affermando sistemi di accreditamento e di certificazione delle strutture sanitarie, sono stati creati principi e standard internazionali di riferimento, sono nate Società Internazionali e Agenzie Nazionali per assicurare una diffusione della cultura della qualità in sanità e per validare l offerta sul mercato sanitario. Anche in Italia più della metà della aziende sanitarie pubbliche partecipa a processi di benchmarking e di certificazione volontaria della qualità con metriche diverse (JCHO, CCHA, ISO, EFQM,etc.) Il disease management ed i percorsi assistenziali integrati Dai processi di ottimizzazione delle gestioni delle strutture sanitarie e dei sistemi sanitari è nato un nuovo approccio alla malattia in una logica di risposta di sistema. Partendo dalle esperienze dei Paesi anglosassoni si è sviluppato 36

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Gli stakeholder SONO I PORTATORI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DELL AZIENDA (che sono quindi

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ 1. Premessa generale sulla comunicazione in Sanità 1.1 I diritti di salute e informazione La salute è un diritto fondamentale della persona

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA Sormani Luisa*, Goggi Ezio *Responsabile Ufficio Formazione, Direzione Sanitaria Aziendale Ente Ospedaliero Valduce di Como (ospedale religioso

Dettagli

La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi.

La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi. La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi. Il concetto di qualità in sanità è stato introdotto in Italia con il D. Lgs. 502 del 30 dicembre 1992, Riordino della

Dettagli

IL MODELLO EFQM IN APSS

IL MODELLO EFQM IN APSS Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari giovedì 13.12.2007 IL MODELLO EFQM IN APSS Carlo Favaretti, direttore generale Ospedale S.Chiara la governance il modello EFQM l approccio APSS IL MODELLO EFQM

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SANITARI

CARTA DEI SERVIZI SANITARI CARTA DEI SERVIZI SANITARI CARTA DEI SERVIZI www.policlinicogemelli.it I Progetti per la Qualità e gli impegni per il futuro CARTA DEI SERVIZI www.policlinicogemelli.it Il Policlinico A. Gemelli è coinvolto

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Settembre 2010 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE La legge-delega 4 marzo

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO ECM in Project Management: prospettiva per un governo integrato dei processi sanitari Azienda Ospedaliera San Filippo Neri IL CONTROLLO DI GESTIONE Relatore: Dott.ssa Silvia Cavalli Gli anni 90 sono

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D.

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. chi siamo Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A no-profit ai sensi della legge 381/91. È un soggetto del welfare community presente da oltre 25

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI CONVEGNO PER UN WELFARE SOSTENIBILE LEA E LIVEAS: MODELLI REGIONALI A CONFRONTO TAVOLA ROTONDA LEA E LIVEAS NELLA PRESA IN CARICO

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Regione Marche Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Argomento: Qualità e sicurezza del sistema 1 Inquadramento realtà regionale: Qualità

Dettagli

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica Alberto Giangrande, Divisione di Nefrologia e Dialisi, Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

La MISSIONE della Formazione

La MISSIONE della Formazione Presentiamo un contributo dell iscritta Enrica Cantinotti, che nella sua veste professionale di Referente per l Ufficio Formazione ASL 5 spezzino ha certamente un punto di vista privilegiato, circa la

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

Le nuove frontiere dell e-government. Il Controllo. Gestione. di nella. Pubblica. Amministrazione

Le nuove frontiere dell e-government. Il Controllo. Gestione. di nella. Pubblica. Amministrazione Le nuove frontiere dell e-government Il Controllo Gestione di nella Pubblica Amministrazione Il controllo di gestione è la procedura diretta a verificare lo stato di attuazione degli obiettivi programmati

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Il sistema di misurazione e valutazione della CCIAA di BRINDISI Adeguamento dei sistemi di misurazione e valutazione ai sensi del dlgs 150/2009

Il sistema di misurazione e valutazione della CCIAA di BRINDISI Adeguamento dei sistemi di misurazione e valutazione ai sensi del dlgs 150/2009 Il sistema di misurazione e valutazione della CCIAA di BRINDISI Adeguamento dei sistemi di misurazione e valutazione ai sensi del dlgs 150/2009 Versione 1.0 1 Indice 1. COS E IL SISTEMA DI MISURAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI E SULL ATTESTAZIONE DEGLI OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRASPARENZA

Dettagli

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Dettagli

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione APAT Ing. Rocco Ielasi Responsabile Servizio Interdip. Certificazioni Ambientali Le motivazioni del cambiamento L esigenza di introdurre

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca..

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca.. 1. Leadership: 1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori per: formulare e sviluppare la missione (quali sono i nostri obiettivi) e la visione (dove

Dettagli

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Nucleo di Valutazione Comune di Siena DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Proposta del Nucleo di Valutazione 1 INDICE 1. I SOGGETTI DELLA VALUTAZIONE...3 2. LA

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Università degli Studi di Bergamo Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Management e leadership delle strutture sanitarie: nuovi scenari

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO

INDICE PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO INDICE AUTORI PRESENTAZIONE INTRODUZIONE XIII XVII XIX PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO Capitolo Primo Scenari e modelli di competizione in Sanità 1.1 Premessa 1.2 Tipologie e caratteristiche

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

MANAGEMENT SANITARIO

MANAGEMENT SANITARIO CORSI DI PERFEZIONAMENTO E-LEARNING MANAGEMENT SANITARIO A.A. 2008-2009 PROGRAMMA Introduzione L Università LUM Jean Monnet e l Istituto Superiore di Sanità organizzano tre Corsi di Perfezionamento in

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE PROVINCIA DI FIRENZE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Parte I - Articolazione generale del sistema di misurazione e valutazione 1. Premessa 2. Piano della performance 3. Principi

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Bilancio Sociale 2014

Bilancio Sociale 2014 Attività di promozione e sviluppo del sistema AIC Bilancio sociale 2014 Associazione Italiana Celiachia 3 16 3 ATTIVITÀ DI PROMOZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA AIC 3.1 COORDINAMENTO ATTIVITÀ ISTITUZIONALI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STUDIO PER ASSOLOMBARDA

STUDIO PER ASSOLOMBARDA STUDIO PER ASSOLOMBARDA SPESA SANITARIA E FARMACEUTICA E POLITICHE SU ACCESSO A FARMACI E DISPOSITIVI MEDICI IN REGIONE LOMBARDIA (EXECUTIVE SUMMARY) 1 Il presente studio ha come oggetto (i) un analisi

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO LEZIONE: LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO PROF.SSA PAOLA ZOCCOLI Indice 1 LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO --------------------------------------------- 3 2 OBIETTIVI

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

CODICE ETICO COOPERATIVA SOCIALE CAF DUE

CODICE ETICO COOPERATIVA SOCIALE CAF DUE CAF due Società Cooperativa Sociale Onlus Via Gadames, 47 20037 Paderno Dugnano (MI) Telefono e fax 0299041415 Partita IVA 00880010962 Codice Fiscale 07950790159 www.cafdue.it E-mail: info@cafdue.it CODICE

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto - Uffici del personale, dell'organizzazione e della formazione Alle

Dettagli

Laboratorio Efficienza Energetica

Laboratorio Efficienza Energetica Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti Presentazione del Progetto 1 Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti La crisi economica e la modifica strutturale

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti

Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti Sistema di Valutazione delle prestazioni dei Direttori regionali del ruolo del Consiglio regionale ANNO 2009 e seguenti 1 Finalità e valori di riferimento Il presente Sistema di Valutazione valido per

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 rilasciato da: Direttore Sanitario & data dell autorizzazione: 01.02.2013 ID: 148/13 Direttore Tecnico-Assistenziale Rev Nr. 00 revisione

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA Per Il settore in cifre presentiamo il rapporto sulle esigenze formative del settore sicurezza, realizzato da Sicurservizi per conto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

CONFERENZA PER L ISTRUZIONE ZONA FIORENTINA NORD-OVEST

CONFERENZA PER L ISTRUZIONE ZONA FIORENTINA NORD-OVEST CONFERENZA PER L ISTRUZIONE ZONA FIORENTINA NORD-OVEST LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA DELLA ZONA FIORENTINA NORD OVEST 1 - LA CONFERENZA DI ZONA La

Dettagli

SYLLABUS. MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN MANAGEMENT DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI Ma.R.S.A. 5 a EDIZIONE

SYLLABUS. MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN MANAGEMENT DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI Ma.R.S.A. 5 a EDIZIONE SYLLABUS MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN MANAGEMENT DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI Ma.R.S.A. 5 a EDIZIONE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 MODULO 1 NORMATIVA DI SETTORE E COMPLIANCE AZIENDALE

Dettagli

L evoluzione dell associazionismo di cittadini e pazienti

L evoluzione dell associazionismo di cittadini e pazienti L evoluzione dell associazionismo di cittadini e pazienti Paola Mosconi Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Istituto Mario Negri Pistoia Percorso «Conoscere per scegliere»

Dettagli

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Il workfare (o welfare to work), termine derivante dalla fusione di work e welfare, é un modello alternativo al classico

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

LINEE GUIDA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE LINEE GUIDA PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato alla deliberazione di G.C. n. 79 del 26/05/2011 Ente certificato: Palazzo Comunale via I Maggio 20090 - Segrate Telefono 02/26.902.1

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGIONE MARCHE CONSIGLIO REGIONALE SERVIZIO STUDI LEGISLATIVI E FATTIBILITÀ OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. ROMA 29 30 marzo 2001

REGIONE MARCHE CONSIGLIO REGIONALE SERVIZIO STUDI LEGISLATIVI E FATTIBILITÀ OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. ROMA 29 30 marzo 2001 REGIONE MARCHE CONSIGLIO REGIONALE SERVIZIO STUDI LEGISLATIVI E FATTIBILITÀ OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE ROMA 29 30 marzo 2001 LEGGE 8 NOVEMBRE 2000 N. 328 LEGGE QUADRO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE UFFICI E SERVIZI

ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE UFFICI E SERVIZI Il Sistema di valutazione delle performance ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE UFFICI E SERVIZI Premessa L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei

Dettagli

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani 4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - Il ruolo delle organizzazioni di persone con disabilità nei

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

Organizzazione dei Servizi Sociali. La riforma sanitaria. Scienze filosofiche e dell educazione Prof. Mauro Serio

Organizzazione dei Servizi Sociali. La riforma sanitaria. Scienze filosofiche e dell educazione Prof. Mauro Serio Organizzazione dei Servizi Sociali La riforma sanitaria Scienze filosofiche e dell educazione Prof. Mauro Serio 1 2 Premessa alla riforma Legge 132/1968 - Riforma ospedaliera. Istituisce gli Enti Ospedalieri.

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari

Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari 2 Convegno Nazionale Ospedale Città e Territorio Verona, 13-15 Settembre 2007 Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari Le strutture Sanitarie territoriali

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LINEE DI INDIRIZZO Partecipazione dei genitori e corresponsabilità educativa Pagina 1 di 8 Premessa La nostra Costituzione assegna alla famiglia e alla scuola la responsabilità di educare e di istruire

Dettagli