Convenzione quadro di partenariato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convenzione quadro di partenariato"

Transcript

1 Convenzione quadro di partenariato Tra Il Ministero della Salute, sito in viale Mohammed V, n 335, Rabat, rappresentato dal suo delegato del Ministero della Salute alla provincia di Khouribga, Da una parte L'Associazione Italiana SO.SAN. Solidarietà Sanitaria Lions "SO.SAN. Onlus ", rappresentata dal Presidente dott. Salvatore Trigona con domicilio eletto presso la sede sociale: Via Nino Bixio , Ravenna (RA) Italia denominata in seguito" SO.SAN. Onlus" e l Associazione di Assistenza Sanitaria ed Opere Sociali Italia / Khouribga- Onlus, rappresentata dal suo Presidente Sig. DAKRAOUI Bouazza, con domicilio eletto presso la sede legale: Via G. Leopardi 21 fr, Villa Camera Campli (TE) con filiale in Marocco a Khouribga in Boulevard Palestine, No. 123, Hay Al Amal, Provincia di Khouribga. Dall'altra 1

2 Premessa Visto il Dahir n del 3 Jumada I 1378 (15 novembre 1958) che disciplina il diritto di associazione, secondo le successive modifiche e dal Dahir n del 12 Jumada I 1423 (23 luglio 2002 relativo alla promulgazione della legge 75-00; Considerando le disposizioni della Circolare n 7 del 27 giugno 2003, il Presidente del Consiglio che disciplina la collaborazione tra lo Stato e le associazioni; Considerando le priorità e le linee strategiche del Ministero della Salute; Considerando le esigenze della delegazione del Ministero della Salute in provincia di Khouribga; Visto l'impegno delle parti di cui sopra a lavorare insieme per la salute della provincia di Khouribga; Consapevole della necessità di unire gli sforzi per promuovere attività sanitarie per le popolazioni svantaggiate; Consapevole della necessità di mobilitare attori e partner nazionali e internazionali per promuovere le attività di salute della popolazione di Khouribga in Marocco; Considerando la volontà di entrambe le parti a lavorare insieme per rafforzare le azioni prioritarie intraprese dal Ministero della Salute. Le parti di cui sopra concordano quanto segue: SEZIONE I: OGGETTO DELLA CONVENZIONE Articolo 1: La Delegazione del Ministero della Salute e la "Associazione SO.SAN. Lions Onlus Solidarietà Sanitaria " e la Associazione di Assistenza Sanitaria ed Opere Sociali Italia / Khouribga Onlus esprimono con la presente convenzione quadro il loro comune impegno a mettere in opera le attività derivanti dagli Assi di partenariato riguardanti i seguenti ambiti: - contribuire alla realizzazione di sessioni di sensibilizzazione delle popolazioni su tematiche specifiche afferenti la promozione della salute ; - realizzazione dei programmi di formazione a favore dei diversi partecipanti (infermieri, ostetriche, medici, agenti di sviluppo e operatori sociali); - realizzazione di campagne a favore delle popolazioni indigenti. 2

3 Articolo 2: Il presente accordo stabilisce i termini che disciplinano il partenariato tra le parti di cui sopra così come i rispettivi impegni. Per tutte le attività che verranno svolte in Marocco la SO.SAN, associazione senza scopo di lucro, potrà beneficiare della cooperazione e del coordinamento dell Associazione d Assistenza Sanitaria ed Opere Sociali Italia/Khouribga Onlus. SEZIONE II-A: IMPEGNI DELL 'ASSOCIAZIONE "SO.SAN.ONLUS" Articolo 3: l'associazione SO.SAN.. si impegna a fornire il necessario appoggio al Ministero della Salute allo scopo di migliorare la salute delle popolazioni mirate in base all'articolo 2, in particolare per quanto concerne gli abitanti della provincia di Khouribga. A tal fine, essa si impegna a: - Mobilitare - a proprie spese - il personale sanitario (medici e / o infermieri) in grado di operare con le strutture esistenti a Khouribga per quanto riguarda gli interventi chirurgici e / o le visite ambulatoriali esterne adeguatamente pianificate; - Contribuire alla formazione teorica e pratica del personale sanitario per una migliore assistenza al paziente; - Reperire alloggiamento per brevi soggiorni in Italia - previo accordo con le strutture sanitarie italiane di accoglienza - dei partecipanti marocchini inseriti nel programma di formazione; - Contribuire eventualmente alla conservazione e manutenzione dei macchinari forniti e installati dalla SO.SAN. nel quadro dei suoi interventi al livello delle strutture sanitarie definite nel presente accordo; - Contribuire alla sensibilizzazione della popolazione mediante l'organizzazione di apposite campagne di sensibilizzazione e equipe mediche di specialisti o multidisciplinari, di concerto con il Ministero della Salute; - Contribuire alla esecuzione e l'attuazione delle disposizioni della presente Convenzione; - Non ricevere compensi per i servizi di cui al presente accordo; - Partecipare allo sviluppo di accordi specifici di partenariato che formalizzano futuri progetti in base alle esigenze espresse dal Ministero della Salute. 3

4 -La SO.SAN. deve sottoscrivere una polizza d assicurazione che copra il personale coinvolto particolarmente per le colpe gravi che questo personale potrebbe commettere in occasione della professione medica in Marocco; -Per le attività previste nel quadro di questa convenzione, la SO.SAN. potrà chiedere la collaborazione dei Lions Club del Distretto 416 Marocco. Articolo 4: Un piano d'intervento con il dettaglio delle attività e la tempistica della loro esecuzione sarà stabilito di comune accordo tra le parti contraenti. Questo piano d'azione specificherà anche le azioni e le misure che devono essere attuate da ciascuna delle parti ed i risultati attesi. SEZIONE II-B: OBBLIGHI DELL 'ASSOCIAZIONE DI ASSISTENZA SANITARIA ED OPERE SOCIALI Italia / Khouribga Onlus Articolo 5: l Associazione d Assistenza Sanitaria e degli Affari Sociali Italia/Khouribga Onlus si impegna a: - assicurare il coordinamento tra il Ministero della Salute e So.San. e garantire l'attuazione delle prestazioni previste; - Partecipare, in quanto firmataria, alla mobilitazione di altri attori economici, locali e sociali, per la buona riuscita dei progetti; - Assicurare la presa in carico (interprete, vitto / alloggio, spostamenti all interno del paese, sicurezza) di tutti i partecipanti della SO.SAN. durante la loro missione a Khouribga nel quadro di questo progetto, questo grazie agli aiuti e contributi dei differenti donatori come promesso dai rappresentanti della provincia di Khouribga. - Partecipare alla progettazione e alla realizzazione di piani d'azione nel quadro di questo progetto; - Dare diffusione/ pubblicizzare al progetto per assicurare il successo di questa operazione pilota; - Contribuire allo sviluppo di piani di espansione per diffondere e incoraggiare tale tipo di progetti in tutto il paese. 4

5 SEZIONE II-C: IMPEGNI DEL MINISTERO DELLA SALUTE Articolo 6: La delegazione del Ministero della Salute, sulla base delle risorse disponibili e nel rispetto delle normative in vigore s'impegna a: - Supportare tecnicamente e amministrativamente le due Associazioni per l'attuazione delle attività previste dalla Convenzione, in conformità con le norme in vigore; - Assicurare l ordinamento e la supervisione delle attività oggetto di questo accordo e monitorarne il buon funzionamento; - Mettere a disposizione delle due Associazioni le risorse umane e logistiche disponibili e utili per l'attuazione delle azioni di questo partenariato; - Contribuire attivamente alla realizzazione e all'attuazione delle disposizioni della presente Convenzione; - Partecipare alla elaborazione delle convenzioni specifiche del partenariato formalizzando i progetti futuri; - Organizzare e partecipare ai gruppi di lavoro misti per quanto riguarda l'identificazione, l esecuzione e il monitoraggio degli assi di partenariato. - Monitorare i pazienti oggetto di tutti gli interventi nel quadro del progetto. SEZIONE III: DISPOSIZIONI COMUNI Articolo 7: L'Associazione "SO.SAN.Onlus " e l Associazione di Assistenza Sanitaria ed Opere Sociali Italia/Khouribga Onlus non potranno avviare studi o ricerche di qualsiasi natura presso le popolazioni interessate, senza previa autorizzazione del Ministero della Salute che ne determinerà l inquadramento e la responsabilità ai sensi della normativa vigente. Articolo 8: Per tutta la durata della convenzione, l'associazione "SO.SAN. Onlus" e l'associazione di Assistenza Sanitaria ed Opere sociali Italia / Khouribga Onlus si impegnano a non interferire con la loro attività al normale funzionamento delle infrastrutture sanitarie. Articolo 9: Comitato Misto di Coordinamento - È istituito un comitato misto di monitoraggio, composto di due rappresentanti di ciascuna parte firmataria. 5

6 Questo comitato misto ha il compito di: - Sviluppare piani d'azione annuali relativi alle aree di collaborazione; - Assicurare il monitoraggio e valutazione della cooperazione tra le tre parti firmatarie; - Offrire soluzioni amichevoli alle controversie derivanti dall applicazione delle disposizioni della presente Convenzione; - Stabilire relazioni di valutazione delle attività e comunicarle alle autorità interessate. Articolo 10: il Delegato del Ministero della Salute, i Presidenti dell' Associazione "SO.SAN. Onlus" e della Associazione di Assistenza Sanitaria ed Opere Sociali Italia/Khouribga Onlus, designeranno rispettivamente i membri del comitato misto di controllo. Articolo 11: La presente convenzione sarà completata con accordi tematici e operativi specifici per ogni progetto che le parti svilupperanno congiuntamente. Da questo accordo operativo le parti dovranno: - Definire l'obiettivo generale e gli obiettivi specifici del progetto; - Specificare l apporto di ciascuna delle parti, in termini di risorse materiali ed umane; - Designare un comitato congiunto di sorveglianza; - Elaborare il quadro operativo e le valutazioni delle azioni programmate. Articolo 12: Tutte le variazioni o integrazioni dovranno essere oggetto di un allegato sottoscritte dalle parti e avranno effetto dopo approvazione da parte del Ministro della Salute. Articolo 13: Durata del contratto Il presente accordo ha una durata iniziale di 3 anni e sarà tacitamente rinnovato di anno in anno; esso entra in vigore alla data della firma delle parti. Articolo 14: Composizione delle controversie Qualsiasi controversia che possa insorgere dall'esecuzione del presente accordo o dall'interpretazione delle sue disposizioni dovranno essere risolte in via amichevole e di comune accordo diretto tra le parti. 6

7 Articolo 15: Risoluzione del contratto La risoluzione può essere effettuata previa consultazione tra le tre parti o unilateralmente con preavviso di tre mesi, tuttavia le attività in corso dovranno essere concluse portate a termine congiuntamente. Articolo 16: Applicazione Il Delegato del Ministero della Salute ed i Presidenti dell Associazione "SO.SAN. Onlus" e dell Associazione di Assistenza Sanitaria ed Opere Sociali Italia/Khouribga Onlus sono solidariamente incaricati per l'applicazione delle disposizioni della presente convenzione. Sottoscritto a Khouribga in tre esemplari nelle lingue : francese e italiano, in data 18 aprile

8 Il Delegato Provinciale del Ministero della Salute a Khouribga Il Presidente dell'associazione "SO.SAN. Onlus Il Presidente dell Associazione di Assistenza Sanitaria ed Opere Sociali Italia/Khouribga, Onlus Signor Ministro della Sanità (per approvazione) 8

0.973.266.31. Accordo quadro

0.973.266.31. Accordo quadro Traduzione 1 Accordo quadro tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Romania concernente l attuazione del programma di cooperazione tra la Svizzera e la Romania destinato a ridurre le disparità

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee CONSIGLIO. DECISIONE DEL CONSIGLIO del 3 dicembre 2001 relativa all'anno europeo dei disabili 2003

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee CONSIGLIO. DECISIONE DEL CONSIGLIO del 3 dicembre 2001 relativa all'anno europeo dei disabili 2003 19.12.2001 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 335/15 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) CONSIGLIO DECISIONE DEL CONSIGLIO del 3 dicembre 2001 relativa

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE

REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA E FONDAZIONE ISMU FONDAZIONE PER LE INIZIATIVE E LO STUDIO SULLA

Dettagli

CONVENZIONE TRA. L'Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 6 "Vicenza", con sede in Vicenza,

CONVENZIONE TRA. L'Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 6 Vicenza, con sede in Vicenza, CONVENZIONE TRA L'Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 6 "Vicenza", con sede in Vicenza, Via M. Rodolfi n. 37, rappresentata dal Direttore Generale Ing. Ermanno Angonese E L'Associazione "Curare a Casa",

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. per le attività di cooperazione relative a EXPO Milano 2015. tra. l Autorità Nazionale Anticorruzione italiana (A.N.AC.

PROTOCOLLO D INTESA. per le attività di cooperazione relative a EXPO Milano 2015. tra. l Autorità Nazionale Anticorruzione italiana (A.N.AC. PROTOCOLLO D INTESA per le attività di cooperazione relative a EXPO Milano 2015 tra l Autorità Nazionale Anticorruzione italiana (A.N.AC.) e l Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico

Dettagli

Via Nino Bixio, 99/100-48100 Ravenna Tel: 054433150 -Fax: 054430336 -Cell: 3391833399

Via Nino Bixio, 99/100-48100 Ravenna Tel: 054433150 -Fax: 054430336 -Cell: 3391833399 La SO.SAN Fondata nel 2003, la SO.SAN. Organizzazione Lions Solidarietà Sanitaria è un associazione di volontariato, voluta da alcuni Lions, con l obiettivo di realizzare progetti di solidarietà attiva,

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Accordo di promozione

Accordo di promozione Accordo di promozione Emerlaws, in persona del legale rappresentante p.t., con sede legale e domicilio eletto in Roma alla via Quintino Sella, 41, (di seguito, per brevità, Associazione ). B= *** (di seguito,

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 853 del 08/09/2015

Delibera del Direttore Generale n. 853 del 08/09/2015 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (DINI)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (DINI) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5162 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (DINI) DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali

REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali All. D REGIONE TOSCANA Direzione Generale della Presidenza Settore Attività Internazionali LEGGE REGIONALE 22 MAGGIO 2009 n. 26 PIANO REGIONALE PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE PERIODO 2007/2010

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra

PROTOCOLLO DI INTESA. tra Prefettura di Torino Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA Il Prefetto di Torino nella persona del Dott. Alberto Di Pace tra e il Dirigente dell Ufficio di Ambito Territoriale per la provincia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3491 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Disposizioni in materia di donazione del corpo post mortem a fini di studio e di

Dettagli

KA1 Il finanziamento comunitario per EMJMD. Agenzia ERASMUS +/INDIRE ITALIA erasmus@indire.it

KA1 Il finanziamento comunitario per EMJMD. Agenzia ERASMUS +/INDIRE ITALIA erasmus@indire.it KA1 Il finanziamento comunitario per EMJMD Agenzia ERASMUS +/INDIRE ITALIA erasmus@indire.it Titoli di Master Congiunti Erasmus Mundus I Titoli di Master Congiunti Erasmus Mundus (EMJMD) rientrano tra

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

Ratifica ed esecuzione dell'accordo di reciprocità tra l'italia e l Australia in materia di assistenza sanitaria, firmato a Roma il 9 gennaio 1986.

Ratifica ed esecuzione dell'accordo di reciprocità tra l'italia e l Australia in materia di assistenza sanitaria, firmato a Roma il 9 gennaio 1986. LEGGE 7 giugno 1988, n. 226. Ratifica ed esecuzione dell'accordo di reciprocità tra l'italia e l Australia in materia di assistenza sanitaria, firmato a Roma il 9 gennaio 1986. La Camera dei deputati ed

Dettagli

BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE

BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE ANSPS ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI SOLIDARIETÀ CON IL POPOLO SAHRAWI BAMBINI SAHRAWI AMBASCIATORI di PACE Presentazione del Programma Estate 2012 Alle associazioni e agli Enti locali interessati al Programma

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, di seguito denominato Dipartimento, c.f. n. 80188230587, con sede in Roma, Largo Chigi,

Dettagli

Sommario. LEGGE 3 ottobre 2014, n. 155... 3. Art. 3... 3. Autorizzazione alla ratifica... 3. Ordine di esecuzione... 3

Sommario. LEGGE 3 ottobre 2014, n. 155... 3. Art. 3... 3. Autorizzazione alla ratifica... 3. Ordine di esecuzione... 3 LEGGE 3 ottobre 2014, n. 155 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica del Sud Africa in materia di cooperazione di polizia, fatto a Cape

Dettagli

Emergenza Mali: fornitura di mobili e kit scolastici per il diritto allo studio dei ragazzi rifugiati a Mopti a causa della guerra nel Nord del Mali.

Emergenza Mali: fornitura di mobili e kit scolastici per il diritto allo studio dei ragazzi rifugiati a Mopti a causa della guerra nel Nord del Mali. Emergenza Mali: fornitura di mobili e kit scolastici per il diritto allo studio dei ragazzi rifugiati a Mopti a causa della guerra nel Nord del Mali. 1. Ente capofila ANCI Toscana 2. Altri soggetti: Regione

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA DI LICODIA Provincia di Catania

COMUNE DI SANTA MARIA DI LICODIA Provincia di Catania DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 46 DEL 04-09-2012 OGGETTO: Adesione alla proposta Itinerari e prodotti tipici nell area dell Etna, dei Nebrodi e del Simeto: Promozione & Fruizione del Comitato

Dettagli

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà civili e l immigrazione Direzione Centrale per lo Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Ufficio I - Pianificazione delle Politiche dell Immigrazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA L UFFICIO DI ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI VERCELLI E CASA CIRCONDARIALE DI IVREA E COMUNE DI BUROLO

CONVENZIONE TRA L UFFICIO DI ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI VERCELLI E CASA CIRCONDARIALE DI IVREA E COMUNE DI BUROLO CONVNZION TRA L UFFICIO DI SCUZION PNAL STRNA DI VRCLLI CASA CIRCONDARIAL DI IVRA COMUN DI BUROLO L Ufficio di esecuzione penale esterna (di seguito denominato UP) di Vercelli (Codice Fiscale 94023060026),

Dettagli

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana Dall evidenza all azione Politiche di governance per una scuola sana Un mandato impegnativo Risulta ormai evidente che per conciliare e soddisfare i bisogni di salute nel contesto scolastico, gli orientamenti

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA PREMESSO CHE

CONVENZIONE QUADRO TRA PREMESSO CHE CONVENZIONE QUADRO Comik1tQt~li

Dettagli

RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE

RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE Ci prendiamo cura degli altri. Serviamo. Otteniamo risultati. RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE

Dettagli

C O M U N E DI TORTORETO (Provincia di Teramo) SCHEMA CONTRATTO

C O M U N E DI TORTORETO (Provincia di Teramo) SCHEMA CONTRATTO C O M U N E DI TORTORETO (Provincia di Teramo) SCHEMA CONTRATTO Il presente schema contiene le norme e le condizioni che regolano l incarico relativo alle prestazioni di Coordinamento per la sicurezza

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare

ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO su un'azione nel settore delle malattie rare CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 5 giugno 2009 (OR. en) 10122/09 Fascicolo interistituzionale: 2008/0218 (CNS) LIMITE SAN 142 RECH 167 MI 219 ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI Oggetto: RACCOMANDAZIONE

Dettagli

CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO

CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO E MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO Identità DarVoce è un associazione di volontariato di secondo livello in quanto i suoi soci sono associazioni di volontariato; ha personalità giuridica;

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA

AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA CONVENZIONE PER ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO Rep. n. Verona, L'anno duemilanove il giorno del mese di TRA L'Azienda Ospedaliera Istituti Ospitalieri di

Dettagli

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b...

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b... Pagina 1 di 6 L.R. 19 Marzo 2014, n. 4 Riordino delle disposizioni per contrastare la violenza contro le donne in quanto basata sul genere e per la promozione di una cultura del rispetto dei diritti umani

Dettagli

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE R ELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli iscritti anno 1999 Il 1998 è stato caratterizzato da grandi attese e da rinvii infiniti per la professione infermieristica, accompagnato da eventi importanti per

Dettagli

Universitari nelle Imprese TRA

Universitari nelle Imprese TRA CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE E L ASSOCIAZIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PER LA REALIZZAZIONE DI LABORATORI CONGIUNTI UNIVERSITA - IMPRESA E GRUPPI DI LAVORO MISTI

Dettagli

Nationale in Francia, che intende favorire lo sviluppo di scambi professionali e culturali tra i sistemi educativi

Nationale in Francia, che intende favorire lo sviluppo di scambi professionali e culturali tra i sistemi educativi SCAMBI PROFESSIONALI.. Prrogrramma dii mobilittà docentti i prromosso dall Ministterro dell Educazione Nazionale ((Frranci ia)) Nota introduttiva La - ha accolto l invito del Ministère de l Education Nationale

Dettagli

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa Protocollo d intesa La Regione Puglia, di seguito denominata Regione, con sede in Bari, Lungomare Nazario Sauro n. 33, (C.F. 80017210727), qui rappresentata dal Presidente della Giunta regionale, on.le

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito denominato Miur)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito denominato Miur) PROTOCOLLO D'INTESA tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito denominato Miur) e Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche (di seguito denominato FIABA) VISTA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra ASSESSORATO ALL ECOLOGIA DELLA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA REGIONE PUGLIA

PROTOCOLLO D INTESA. Tra ASSESSORATO ALL ECOLOGIA DELLA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA REGIONE PUGLIA PROTOCOLLO D INTESA Tra ASSESSORATO ALL ECOLOGIA DELLA REGIONE PUGLIA e ASSESSORATO ALLO SVILUPPO ECONOMICO DELLA REGIONE PUGLIA e UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA PUGLIA per L INFORMAZIONE E LA SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DELLE SALE RIUNIONE E DI AREE RISERVATE ALL ACCOGLIENZA DELLA NUOVA SEDE DELL AIFA

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DELLE SALE RIUNIONE E DI AREE RISERVATE ALL ACCOGLIENZA DELLA NUOVA SEDE DELL AIFA Allegato D SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DELLE SALE RIUNIONE E DI AREE RISERVATE ALL ACCOGLIENZA DELLA NUOVA SEDE DELL AIFA CIG 0456191CB5 Agenzia Italiana del Farmaco 1 Agenzia

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

Contratto e-commerce

Contratto e-commerce CONTRATTO E-COMMERCE Per gli acquisti effettuati tramite il sito Internet www.rhiag.com TRA Rhiag S.p.A., con sede legale in Milano in Viale De Gasperi, angolo Via Pizzoni, partita IVA, codice Fiscale,

Dettagli

Contratto-tipo di albergo

Contratto-tipo di albergo Contratto-tipo di albergo Modello A Senza versamento di caparra, ma con la previsione di penale da addebitare su carta di credito del Cliente Facendo seguito ai colloqui intercorsi, le confermiamo la disponibilità

Dettagli

SEDE CENTRALE INTERNAZIONALE

SEDE CENTRALE INTERNAZIONALE Capitolo II SEDE CENTRALE INTERNAZIONALE La sede centrale internazionale è una risorsa importante per tutti i Lions. Tutto il personale della sede centrale internazionale è sempre a vostra disposizione

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N. 181 NONCHÉ PER IL SERVIZIO DI STOCCAGGIO E CUSTODIA DEGLI

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2012

PROGRAMMA VINCI Bando 2012 PROGRAMMA VINCI Bando 2012 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il dodicesimo Bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi Universitari binazionali

Dettagli

DECRETO n. 629 del 11/12/2014

DECRETO n. 629 del 11/12/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest 1. PROMOTORE E FINALITÀ DEL BANDO In connessione con la manifestazione EXPO2015 si intende favorire lo

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 29-04-2013 (punto N 6 ) Delibera N 299 del 29-04-2013 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA Pubblicita /Pubblicazione

Dettagli

Pubblicazione Sicurezza e Turismo: politiche locali concertate

Pubblicazione Sicurezza e Turismo: politiche locali concertate European Forum for Urban Security Pubblicazione Sicurezza e Turismo: politiche locali concertate Introduzione >>>>>>>>>>>>>>>>>>>> L Europa è la prima destinazione turistica al mondo. Il turismo, oltre

Dettagli

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO CHE COS È È un programma di mobilità che permette ai giovani di impegnarsi nel volontariato in un paese diverso da quello di residenza per un periodo non superiore ai 12 mesi.

Dettagli

INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati)

INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati) INCONTRO CAMERA DI COMMERCIO (Relatore Dott. R. Soldati) 1. Presentazione: Normativa vigente (Codice delle Assicurazioni) Authorities (ISVAP/IVASS + Antitrust) Registro Unico Intermediari Legge Bersani

Dettagli

3 Bando 2015 CULTURA

3 Bando 2015 CULTURA 3 Bando 2015 CULTURA Per il finanziamento di progetti di utilità sociale nel settore delle Iniziative Culturali OBIETTIVI DEL BANDO Individuare progetti di utilità sociale nel settore delle iniziative

Dettagli

Manuale CAP 1. SISTEMA QUALITA

Manuale CAP 1. SISTEMA QUALITA CAP 1. SISTEMA QUALITA 1. SCOPO Lo scopo del presente manuale è definire e documentare, a livello generale, le politiche, l'organizzazione, i processi e le risorse relative al Sistema del Rotary Club...

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE - Provincia di Bologna -

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE - Provincia di Bologna - COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE - Provincia di Bologna - CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE ED AUSER VOLONTARIATO DI BOLOGNA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DI CARATTERE SOCIALE,

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

le parti concordano e stipulano quanto segue

le parti concordano e stipulano quanto segue Logo Prefettura Logo Ufficio Scolastico Regionale BOZZA PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Prefetto di.. nella persona del dott.. e il Direttore dell Ufficio Scolastico Regionale di.,. nella persona del dott....,

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 418 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11972 DEL 28/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Prot. n.

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

Pubblicazioni Centro Studi per la Pace www.studiperlapace.it CONVENZIONE QUADRO PER LA PROTEZIONE DELLE MINORANZE NAZIONALI , S

Pubblicazioni Centro Studi per la Pace www.studiperlapace.it CONVENZIONE QUADRO PER LA PROTEZIONE DELLE MINORANZE NAZIONALI , S Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE QUADRO PER LA PROTEZIONE DELLE MINORANZE NAZIONALI CONSIGLIO D EUROPAE UROPA,, STRASBURGOS E, S 1 febbraio 1995; entrata in vigore il 1 febbraio 1998

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI BOLOGNA POLICLINICO S. ORSOLA - MALPIGHI E I DIPARTIMENTI DI PSICOLOGIA E DI

CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI BOLOGNA POLICLINICO S. ORSOLA - MALPIGHI E I DIPARTIMENTI DI PSICOLOGIA E DI CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI BOLOGNA POLICLINICO S. ORSOLA - MALPIGHI E I DIPARTIMENTI DI PSICOLOGIA E DI MEDICINA SPECIALISTICA, DIAGNOSTICA E SPERIMENTALE (DIMES) - UNIVERSITÀ

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Regolamento per la presentazione ed il finanziamento di progetti di solidarieta internazionale e di cooperazione decentrata.

Regolamento per la presentazione ed il finanziamento di progetti di solidarieta internazionale e di cooperazione decentrata. Comune di Ornago Provincia di Milano Via Santuario 6 20060 ORNAGO c.f. 05827280156 p.iva 00806390969 tel. 039-628631 - fax 039-6011094 www.comuneornago.it Regolamento per la presentazione ed il finanziamento

Dettagli

REQUISITI DEI PROCESSI ASSISTENZIALI LIVELLO DI ASSISTENZA: REQUISITI ULTERIORI DI QUALITA SPECIFICI

REQUISITI DEI PROCESSI ASSISTENZIALI LIVELLO DI ASSISTENZA: REQUISITI ULTERIORI DI QUALITA SPECIFICI REQUISITI ULTERIORI DI QUALITA SPECIFICI 1. 2. 3. 4. 5. PROGRAMMI DI GESTIONE PER LA QUALITA SI NO a. Il titolare attiva programmi per la promozione ed il miglioramento della sicurezza dei pazienti b.

Dettagli

L'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia - Dipartimento Educazione e Scienze Umane

L'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia - Dipartimento Educazione e Scienze Umane PROTOCOLLO D'INTESA TRA L'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA - DIPARTIMENTO EDUCAZIONE E SCIENZE UMANE E L'ISTITUZIONE SCUOLE E NIDI D'INFANZIA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA L'Università degli

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 6286 PROGETTO DI LEGGE N. 0204. di iniziativa dei Consiglieri regionali:

REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 6286 PROGETTO DI LEGGE N. 0204. di iniziativa dei Consiglieri regionali: REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 6286 PROGETTO DI LEGGE N. 0204 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Macchi, Violi, Fiasconaro, Casalino, Carcano, Nanni, Corbetta, Buffagni

Dettagli

RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011

RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011 RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011 Le Consigliere provinciali di Parità di Cremona avv. Debora Adelaide Mossoni (consigliera effettiva) e avv. Rosaria Italiano

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Mod. S4 Rev. 4 del 24/07/2014, Pagina 1 di 5 Programma di CORSO

Mod. S4 Rev. 4 del 24/07/2014, Pagina 1 di 5 Programma di CORSO Mod. S4 Rev. 4 del 24/07/2014, Pagina 1 di 5 Corso pilota per l implementazione del curriculum di Educatore di Salute di Comunità nell ambito del Progetto MEET Meeting the health literacy needs of immigrant

Dettagli

Determina Cultura/0000014 del 08/05/2015. Oggetto: EXPO MILANO 2015 E FUORI EXPO NOVARA 2015 - ACCERTAMENTO ENTRATA, IMPEGNO DI SPESA E AFFIDAMENTO

Determina Cultura/0000014 del 08/05/2015. Oggetto: EXPO MILANO 2015 E FUORI EXPO NOVARA 2015 - ACCERTAMENTO ENTRATA, IMPEGNO DI SPESA E AFFIDAMENTO Comune di Novara Determina Cultura/0000014 del 08/05/2015 Area Servizio Cultura Biblioteche e Sport (14.UdO) Proposta Istruttoria SERVIZIO CULTURA E SPORT Unità Iniziative Culturali Proponente Loredana

Dettagli

BANDO DI GARA PER LO SVOLGIMENTO DI CORSI PER LA PREPARAZIONE E IL CONSEGUIMENTO DI CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE IN INGLESE PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA

BANDO DI GARA PER LO SVOLGIMENTO DI CORSI PER LA PREPARAZIONE E IL CONSEGUIMENTO DI CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE IN INGLESE PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA Allegato 1 Capitolato BANDO DI GARA PER LO SVOLGIMENTO DI CORSI PER LA PREPARAZIONE E IL CONSEGUIMENTO DI CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE IN INGLESE PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA CIG: ZDF12B0374 ART. 1 OGGETTO

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 407/2015 ADOTTATA IN DATA 13/03/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 407/2015 ADOTTATA IN DATA 13/03/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 407/2015 ADOTTATA IN DATA 13/03/2015 OGGETTO: Rinnovo della convenzione per internato di tesi e stipula della convenzione per attività didattiche professionalizzanti con l Università Vita

Dettagli

MESSAGGIO MUNICIPALE No. 90

MESSAGGIO MUNICIPALE No. 90 MESSAGGIO MUNICIPALE No. 90 RIGUARDANTE LA SOTTOSCRIZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA E CURA A DOMICILIO Onorevole Signor Presidente, Onorevoli Signori Consiglieri,

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013

DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013 DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013 Oggetto: AGGIORNAMENTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PRESENZA DI FAMILIARI E PERSONE DELEGATE ALL ASSISTENZA NON SANITARIA INTEGRATIVA NELLE

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 25753 Allegato A Linee Guida Regionali sulla gestione e funzionamento della rete dei servizi per la prevenzione ed il contrasto della violenza

Dettagli

strutture sanitarie, degli organismi di volontariato e di tutela dei diritti. A tal fine le Aziende

strutture sanitarie, degli organismi di volontariato e di tutela dei diritti. A tal fine le Aziende CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI MODENA E L ASSOCIAZIONE AMICI DEL FEGATO-ONLUS L'anno 2015 il giorno 01 del mese di gennaio presso la sede dell'azienda USL di Modena via S. Giovanni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO PARTE I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 OGGETTO Articolo 2 DESTINATARI DEGLI INTERVENTI PARTE II ORGANIZZAZIONE

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA SCIENZE DELLA COOPERAZIONE E DELLO SVILUPPO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'Area Didattica "Scienze della Cooperazione e dello Sviluppo"

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III Strategia Globale per la salute

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Disposizioni generali Il Forum Agenda 21 di Biella è promosso dal Comune di Biella nell ambito della valorizzazione

Dettagli

LINEE GUIDA INTERVENTI DI MUTUALITÀ', BENEFICENZA E SPONSORIZZAZIONE

LINEE GUIDA INTERVENTI DI MUTUALITÀ', BENEFICENZA E SPONSORIZZAZIONE LINEE GUIDA INTERVENTI DI MUTUALITÀ', BENEFICENZA E SPONSORIZZAZIONE FINALITA La Banca di Credito Cooperativo di Signa ritiene che gli interventi di mutualità siano parte integrante nella propria vocazione

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE:

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE: 1 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MICROCREDITO PER IL JOB CREATION ANNUALITÀ 2012/2013, TESO A PREVENIRE IL FENOMENO DELL USURA E RIVOLTO PRIORITARIAMENTE AI CITTADINI RESIDENTI NEL COMUNE DI

Dettagli