Bulgaria [РЕПУБЛИКА БЪЛГАРИЯ]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bulgaria [РЕПУБЛИКА БЪЛГАРИЯ]"

Transcript

1 Bulgaria [РЕПУБЛИКА БЪЛГАРИЯ] RICERCA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON БЪЛГАРСКИЯТ ЦЕНТЪР ЗА НЕСТОПАНСКО ПРАВО (БЦНП) CENTRO BULGARO PER LA LEGISLAZIONE NO PROFIT (BCNL) Ksenija Fonović Sabrina Iacobucci Spes - Centro di Servizio per il Volontariato del Lazio Hermina Emiryan Centro Bulgaro per la Legislazione No Profit (BCNL) 7

2 C A R T A D I D E N T I T À 8 CARTA D IDENTITÀ Popolazione 2008 (stima): abitanti 2001 (censimento): Superficie km 2 Densità 68,9 abitanti per km 2 Forma di governo Repubblica parlamentare La legislazione di base in Bulgaria è la Costituzione, fondata sui principi di separazione dei poteri legislativi, esecutivi e giudiziari. La Bulgaria ha le seguenti istituzioni statali: Assemblea Nazionale, Consiglio dei Ministri, Presidente della Repubblica, Corte Costituzionale. Il potere legislativo rappresenta l'autorità suprema del Paese. È esercitato dal Parlamento (attraverso l Assemblea Nazionale). L'Assemblea Nazionale è eletta con mandato quadriennale. Elezioni europee La Bulgaria ha eletto i propri europarlamentari il 20 maggio Si tratta della prima tornata elettorale europea subito dopo l adesione del Paese all Unione europea, il 1 gennaio dello stesso anno. Il Paese ha attualmente 18 europarlamentari, senza che siano intervenuti cambiamenti rispetto al periodo anteriore alle elezioni. In precedenza, la Bulgaria era rappresentata da europarlamentari nominati dal Parlamento Nazionale. I due partiti di maggioranza, Cittadini per lo Sviluppo Europeo della Bulgaria e Piattaforma dei Socialisti Europei, hanno ottenuto cinque seggi ciascuno, seguiti dal Movimento Diritti e Libertà, con quattro seggi, Ataka con tre seggi, e Movimento Nazionale Simeon II (NDSV) con un seggio. Sistema di previdenza ed assistenza sociale L assistenza sociale in Bulgaria fornisce un sistema di previdenza e assistenza sociale per la disoccupazione, la pensione e l'assicurazione sanitaria. Nel 2008, il 60% dei contributi per la previdenza e l'assistenza sociale era versato dai datori di lavoro, mentre il 40% era coperto dai dipendenti. Nel 2009, la proporzione ha subito una variazione al 55:45, mentre nel 2010 è passata al 50:50. Le questioni concernenti l assistenza e, in generale, lo stato sociale, sono gestite dal Codice di Stato Sociale. Il diritto alle pensioni e alle indennità è garantito dall'istituto Nazionale di Previdenza Sociale. L Istituto è un organizzazione pubblica che, sulla base del Codice per la Previdenza Pubblica Obbligatoria, garantisce il diritto per i cittadini a pensioni e sussidi. L'Istituto garantisce la qualità dei servizi e gestisce i fondi di previdenza e assistenza sociale in modo efficace e trasparente. Il Comitato di Supervisione è il più alto organo di gestione dell Istituto Nazionale di Previdenza Sociale; include i rappresentanti dello Stato e i portavoce delle organizzazioni nazionali dei lavoratori e dei datori di lavoro. L'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale amministra i programmi di previdenza sociale obbligatoria che comprendono pensioni di invalidità, vecchiaia, reversibilità, per malattia e maternità, infortuni sul lavoro e malattie professionali; si occupa infine dei servizi di controllo e informazione per i cittadini. Sistema sanitario nazionale Prima delle riforme strutturali degli anni Novanta, l organizzazione dell'assistenza sanitaria, i processi decisionali e i finanziamenti erano centralizzati. Le riforme hanno portato ad un riassetto e ad una decentralizzazione delle funzioni operative principali, con lo sviluppo e l implementazione di politiche sanitarie nazionali e di Programmi di Sanità Nazionale onnicomprensivi da parte del Ministero della Salute e di 28 centri di assistenza sanitaria decentrati a livello regionale. Con la transizione democratica, il sistema sanitario bulgaro ha adottato un metodo contributivo basato sul reddito che ha dato vita ad un Fondo Nazionale per l'assistenza Sanitaria semi-autonomo (FNAS), in grado di raccogliere redditi e assegnare risorse dove necessario. Le attività operative del Fondo sono state decentralizzate a livello regionale, tramite la delega a 28 fondi regionali per l assicurazione sanitaria. Un altra caratteristica importante del sistema sanitario bulgaro è la privatizzazione. La Legge per le Strutture di Assistenza Sanitaria stabilisce le procedure per la privatizzazione delle strutture mediche statali e municipali. Nel 1991 furono legalizzati gli studi medici privati che, da allora, hanno continuato a svilupparsi; nel 1992, la maggior parte delle strutture di assistenza sanitaria diventò proprietà delle amministrazioni locali. L attuale struttura organizzativa del sistema sanitario bulgaro è definita dall interazione tra soggetti pubblici e privati e da una combinazione di strutture decentralizzate e centralizzate. I principali attori del sistema sanitario nazionale sono il Parlamento, il Ministero della Salute, il FNAS e il Consiglio Superiore per la Sanità. Un

3 I L V O L O N T A R I A T O I N E U R O P A certo numero di ministeri possiede, gestisce e finanzia le proprie strutture di assistenza sanitaria, inclusi il Ministero della Difesa, il Ministero degli Interni e il Ministero dei Trasporti. La pratica privata si è allargata in modo rilevante e oggi include studi dentistici, farmacie, operazioni chirurgiche, laboratori, cliniche e policlinici ambulatoriali. Livello di istruzione Nel 2003 il tasso di alfabetizzazione in Bulgaria era stimato al 98,6%, con all incirca la medesima proporzione per entrambi i sessi. Il sistema educativo bulgaro ha sempre tradizionalmente mantenuto standard elevati; tuttavia, durante l'era post-comunista, il sistema subì diversi danni, soprattutto per quanto riguarda la formazione professionale, a causa di scarsi finanziamenti e del basso morale del personale docente. Anche l adesione continua a metodi obsoleti di insegnamento danneggiò l evoluzione del sistema, in particolare per determinate aree tecniche. L'attuale sistema di istruzione primaria e secondaria, inaugurato nel 1998, comprende 12 classi, con l obbligo della frequenza dai 7 ai 16 anni. Nel 1998, le iscrizioni alle scuole primarie raggiunsero il 93%, mentre quelle per le scuole secondarie toccarono l 81% dei potenziali studenti. La proporzione delle femmine rispetto ai maschi nelle scuole primarie era dello 0,97, mentre per le secondarie si è saliti a 0,98. A causa del basso tasso di natalità, durante l era post-comunista si assistette ad un decremento nelle iscrizioni alle scuole primarie e secondarie, seguito da una diminuzione dei fondi per le strutture logistiche e il personale docente. Al tempo stesso, nel corso degli anni Novanta il numero di scuole private si decuplicò. Sempre nello stesso periodo fu completamente riorganizzato il sistema universitario. Tra il 1995 e il 2002, il numero dei laureati è aumentato da a Nel 2002, erano attivi circa 42 istituti universitari, con studenti iscritti. Nel 2003 circa il 4,9% del bilancio nazionale è stato investito nell istruzione. Percentuale di giovani tra i anni che ha terminato la scuola secondaria. Se si considera il totale della popolazione tra i 15 e i 24 anni, i numeri della fascia di età compresa tra i 15 e i 19 anni si suddividono come segue: 387 (0,06%) hanno completato gli studi universitari; persone (8,43%) hanno completato il ciclo specializzato della scuola secondaria; persone (19,03%) hanno terminato la scuola secondaria di base; persone (63,5%) hanno terminato la scuola primaria, mentre (6,4%) non sono andati oltre la scuola elementare, mentre solo persone (1,1%) non hanno terminato il ciclo elementare. Seguono invece le cifre relative alla fascia di età compresa tra i 20 e i 24 anni: (2,66%) hanno terminato gli studi post-universitari; (3,66%) università; (3,22%) ciclo specializzato della scuola secondaria; (40,02%) scuola secondaria di base; persone (17,26%) scuola primaria; persone (2,8%) scuola elementare; persone (0,007%) non hanno terminato il ciclo elementare. In generale, la popolazione bulgara di età compresa tra i 15 e i 24 anni possiede un alto livello di alfabetizzazione e partecipa in larga misura alle forme e ai livelli del sistema educativo. Tasso di immigrazione 2009: -0,311% Tasso di crescita 2009: -0,79% Nascite 0,951% Morti 1,431% Tasso di occupazione 2007: 58,6% anni (2009) (totale) 68,5% (maschi /femmine ) anni (2009) (totale) 17,7% (maschi /femmine ) Tasso di disoccupazione (settembre 2009) 8,03% 9

4 C E N T R O P A R T N E R Centro Bulgaro per la Legislazione No Profit (BCNL) [CONTATTI] Българският Център За Нестопанско Право (БЦНП) Bulgarian Center For Not-For-Profit Law (BCNL) Centro Bulgaro per la Legislazione No Profit (BCNL) 6 Dobrudja str Sofia - Bulgaria Tel./Fax Il Centro Bulgaro per la Legislazione No Profit (Bulgarian Center For Not-For-Profit Law - BCNL) è stato fondato nel 2001 come soggetto giuridico no profit a scopo di pubblico beneficio (PB) registrato presso il Registro Centrale del Ministero della Giustizia. BCNL è l affiliato locale del Centro Internazionale per la Legislazione No Profit (International Center for Not-for Profit Law - ICNL) e fondatore e affiliato del Centro Europeo per la Legislazione No Profit (European Center for Not-for-Profit Law - ECNL), con sede a Budapest, Ungheria. La missione di BCNL è di fornire assistenza legale e di favorire lo sviluppo della società civile in Bulgaria. Sostiene lo sviluppo di un valido quadro di riferimento giuridico e fiscale per le ONG in Bulgaria e si occupa di fornire loro un adeguata assistenza legale. BCNL incoraggia la trasparenza, la responsabilità e la giusta governance interna per le ONG. 10 Iniziative legislative Una delle attività prioritarie di BCNL è l assistenza alla stesura e alla promozione delle leggi relative alle ONG. BCNL organizza tavole rotonde invitando i protagonisti del settore del volontariato, fornisce informazioni di tipo comparativo alle parti interessate, effettua analisi legislative, fornisce assistenza tecnica per l'elaborazione di specifici provvedimenti giuridici, oltre a offrire formazione e altri tipi di supporto tecnico alle ONG per una migliore visibilità dei loro interessi pubblici e una presentazione efficace di tali interessi nei confronti di istituzioni statali. Le attività del settore svolte da BCNL includono: partecipazione alla preparazione della legge sulle ONG e la stesura degli ultimi emendamenti alla legge sulle ONG approvata dal Parlamento nel settembre 2006; assistenza alla stesura e all'applicazione degli emendamenti alle leggi fiscali relative a questioni come l aumento dal 5 al 10% delle detrazioni fiscali sulle donazioni alle Organizzazioni di Pubblico Beneficio, l esenzione IVA per l importazione di soccorso gratuito, la creazione della possibilità, per i dipendenti, di detrarre le donazioni dalle tasse, l esenzione della tassa di successione per gli enti di pubblico beneficio e altri provvedimenti adottati nel dicembre 2001 e 2002; preparazione degli emendamenti alla Legge sugli Istituti di Assistenza Sanitaria, introdotta in Parlamento nel 2003 per consentire alle ONG di pubblico beneficio di assurgere allo status di istituti di assistenza sanitaria; partecipazione alla stesura degli emendamenti della Legge per l Assistenza Sociale e relative Norme Applicative, che permettono alle municipalità di appaltare servizi sociali alle ONG; partecipazione al gruppo di lavoro inter-agenzia (Ministero delle Finanze, Ministero per gli Affari Sociali e Associazione Nazionale delle Municipalità), che nel 2008 ha stabilito i criteri finanziari che regolano gli standard dei servizi sociali; stesura degli emendamenti alla Legge Finanziaria del 2007, che stabilisce i criteri di selezione delle ONG destinatarie di sovvenzioni governative per il Come parte della procedura, BCNL ha anche offerto la propria consulenza al Ministero delle Finanze e al Ministero della Giustizia nella preparazione delle Linee Guida per i Candidati e di un Modulo di Candidatura, entrambi necessari per partecipare al bando di concorso per l erogazione di

5 I L V O L O N T A R I A T O I N E U R O P A sovvenzioni statali nel 2007; preparazione di una bozza di Legge sul Volontariato, sostenuta dalle principali organizzazioni di volontariato esistenti in Bulgaria. La Legge sarà presentata in Parlamento da un gruppo di deputati. Partenariato ONG-Governo Un'ampia parte degli sforzi di BCNL si concentra nel sostegno alla cooperazione tra il Governo e le ONG in diversi settori: l appalto di servizi sociali alle ONG, approvvigionamento pubblico, l inclusione delle ONG nel settore dell assistenza sanitaria e altri. BCNL attualmente organizza corsi di formazione dedicati alle ONG e alle municipalità, incentrati sugli appalti nel settore sociale, consulta le municipalità sull'organizzazione di concorsi rivolti ai fornitori di servizi sociali, supervisiona la preparazione di una normativa municipale sulla cooperazione tra ONG e municipalità e altro ancora. Corsi di formazione BCNL ha organizzato oltre 50 seminari e corsi di formazione per le ONG su tutto il territorio nazionale, incentrati su questioni come: legislazione ONG, sistema fiscale, legislazione sul lavoro, approvvigionamento pubblico, promozione e fornitura di servizi sociali. BCNL ha inoltre creato corsi di formazione per esperti in materie fiscali provenienti dalla Direzione Generale delle Entrate, formazione per diverse municipalità, funzionari dello Stato e altri. Infine, gli esperti di BCNL sono stati presenti, come relatori, a numerosi altri eventi. Consulenze BCNL ha saputo farsi notare come esperto giuridico chiave nel ramo delle ONG in Bulgaria. I suoi consulenti altamente qualificati forniscono assistenza alla registrazione, alla tassazione delle ONG, all'assunzione di personale e ad altre questioni legali. Sino a questo momento, sono state registrate oltre 130 ONG, mentre altre 150 sono state aiutate nelle procedure di rinnovo della registrazione. Sin dalla sua nascita, BCNL ha prestato la propria assistenza legale a oltre ONG. Servizi informativi Il sito web di BCNL è disponibile in inglese e bulgaro (www.bcnl.org) e pubblica periodicamente tutte le ultime notizie di ambito giuridico le leggi che interessano le ONG, le scadenze in arrivo, ecc. Il sito contiene inoltre una biblioteca on-line, che fornisce un ampia gamma di informazioni alle ONG: legislazione regolarmente aggiornata, casi legali interessanti, analisi, pubblicazioni e ricerche. Il sito web BCNL partecipa alla rete dell European Foundation Centre come parte del Progetto Siti Web sulla Giustizia. Una parte del sito è esclusivamente dedicata alle procedure di erogazione e di appalto di servizi sociali in Bulgaria (www.bcnl.org/social). Contiene link utili, una varietà di testi di argomento giuridico, informazioni sui passati concorsi di appalto indetti dalle municipalità, buone pratiche di erogazione dei servizi sociali, ecc. Pubblicazioni BCNL ha pubblicato molte delle sue analisi e ricerche nel ramo giuridico. Alcune delle pubblicazioni più importanti sono elencate di seguito: l analisi comparativa Legal Arrangements on Healthcare Institutions in Bulgaria, the European Union and the United States (Provvedimenti Giuridici sugli Istituti di Assistenza Sanitaria in Bulgaria, nell Unione Europea e negli Stati Uniti); Economic Activity of NGOs and Business Planning; (L attività Economica delle ONG e la Pianificazione Aziendale; la brochure Hospices in Bulgaria (Gli Hospice in Bulgaria); un analisi comparativa sul contesto giuridico degli hospice intitolata Hospices in Bulgaria and in the European Union (Gli hospice in Bulgaria e nell Unione Europea); il libro di testo dal titolo Not-for-Profit Legal Entities Legal Framework (Il Contesto Giuridico dei Soggetti Giuridici No Profit); Taxation of NGOs in Bulgaria; NGOs and VAT (La Tassazione delle ONG in Bulgaria, le ONG e l IVA); il manuale Legal Framework of Social Services (Il Contesto Giuridico dei Servizi Sociali); la ricerca comparativa Contracting of Social Services between the State and NGOs (L Appalto di Servizi Sociali tra lo Stato e le ONG); l analisi NGOs and Public Procurement (Le ONG e l Approvvigionamento Pubblico); un analisi e una ricerca comparativa dal titolo Social Entrepreneurship and Control on the Social Services in Bulgaria and in the European Union (L Imprenditoria Sociale e il Controllo dei Servizi Sociali in Bulgaria e nell Unione Europea); un manuale con domande e risposte intitolato What is a Social Enterprise (Che cos è un Impresa Sociale); un analisi dal titolo Philanthropy for Cultural Organisations in Bulgaria (La Filantropia per le Organizzazioni Culturali in Bulgaria); un analisi sulle pratiche di governance delle ONG, comprendente anche uno studio sociologico sul settore delle ONG in Bulgaria, intitolata Survey on NGO Governance Practices in Bulgaria (Inchiesta sulle Pratiche di Governance delle ONG in Bulgaria). 11

6 INDICE - Bulgaria GLOSSARIO p Definizioni Volontari, attività di volontariato, organizzazioni di volontariato, centri di supporto per il volontariato 14 2 Volontari sul volontariato (interviste) 14 1 Struttura organizzativa 21 2 Regole e funzionamento 21 3 Il rapporto con le istituzioni pubbliche Introduzione Dal nostro punto di vista (interviste e questionari) CENNI STORICI 16 1 Le origini: prima del Il secolo breve: Lo stato dell arte: Il volontariato oggi (interviste) 17 CONTESTO GIURIDICO 18 1 Panoramica su leggi e normative Norme a sostegno del volontariato 18 2 La partecipazione alla definizione di politiche pubbliche 18 3 Politiche fiscali 19 4 Albi e registri 19 5 Elenco di leggi e normative 20 ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO 21 DATI E RICERCHE 23 1 Principali ricerche e statistiche 23 2 Indicatori economici e statistici Tipologie e gamma delle organizzazioni no profit Risorse umane e economiche Finanziamenti 25 3 Sui volontari e le organizzazioni (interviste) Motivazioni ed ostacoli Bisogni e sfide 27 ORGANISMI DI RAPPRESENTANZA E COORDINAMENTO 28 1 Organismi pubblici 28 2 Il lavoro di rete (interviste) 28

7 ENTI DI SUPPORTO 29 1 Misure di sostegno (questionari) 29 2 Centri di supporto al volontariato 29 CONOSCERE GLI ENTI DI SUPPORTO (questionari) 30 CVS-Bulgaria / Cooperazione per il Servizio Volontario 31 Centro Informativo Europeo 33 Alleanza Nazionale per l Azione Volontaria (NAVA) 37 Associazione Giovanile Maschile Cristiana (YMCA) 41 PROSPETTIVE DI SVILUPPO 43 1 Incentivi pubblici 43 2 Iniziative della società civile 43 3 L infrastruttura per il volontariato (interviste e questionari) 43 4 Obiettivi strategici 44 5 La prospettiva europea (interviste) 45 ELENCO DELLE PERSONE INTERVISTATE 46 BIBLIOGRAFIA 47 RISORSE INTERNET - STATISTICHE 48 RISORSE INTERNET - GIURIDICHE 49 RISORSE INTERNET - DATI SUL VOLONTARIATO 50 13

8 Glossario 1 DEFINIZIONI IL VOLONTARIATO IN EUROPA 1.1 VOLONTARI, ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO, ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, CENTRI DI SUPPORTO PER IL VOLONTARIATO L ordinamento giuridico bulgaro non definisce i volontari, né l attività di volontariato, né le organizzazioni di volontariato o i centri di supporto per il volontariato. Generalmente, il termine volontariato in Bulgaria si utilizza per indicare qualsiasi prestazione gratuita di lavoro e servizio. Il volontario è, pertanto, la persona preposta a fornire tale attività a titolo gratuito. Un fatto importante da evidenziare è che l'attuale legge non regola lo statuto dei volontari, né i loro diritti e responsabilità. La definizione dei termini "volontariato" e "volontari" presenta molti problemi, derivanti dalla differenza della percezione dei cittadini, dei volontari e dei rappresentanti delle organizzazioni del terzo settore. I cittadini bulgari percepiscono i volontari come delle persone che hanno trovato una soluzione ai propri problemi quotidiani, mantengono uno stile di vita relativamente alto e possono permettersi di investire tempo e altre risorse facendo qualcosa per gli altri. Secondo i volontari, i fattori principali che spingono a prendere la decisione di prestare servizio è la coincidenza tra gli interessi personali e le opportunità offerte dal volontariato, i benefici derivati dall esperienza svolta e un generale senso di soddisfazione. Secondo i rappresentanti delle organizzazioni del Terzo settore, il volontariato è un'attività sociale in cui svolgono un ruolo chiave sia gli atteggiamenti umanitari, sia un attivo posizionamento all interno della società. 2 VOLONTARI SUL VOLONTARIATO (INTERVISTE) 14 Gli intervistati che hanno risposto a questa inchiesta concordano all unanimità che esiste molto potenziale per l attività di volontariato, specialmente tra i giovani e i giovani pensionati, così come concordano nell'affermare che il volontariato è utile alla società e, di fatto, mette in evidenza il livello di sviluppo di una determinata società civile. "Lo sviluppo del volontariato di fatto coincide con lo sviluppo della società civile, se il primo non funziona, non può andare avanti nemmeno il secondo." Al momento, in Bulgaria si dibatte molto su se e quando le persone prestino servizio di volontariato. Secondo alcuni intervistati, la società bulgara non è una società dedita al volontariato per diverse ragioni, per lo più economiche

9 I L V O L O N T A R I A T O I N E U R O P A (la Bulgaria, negli ultimi 20 anni, ha attraversato un periodo di transizione in cui la priorità assoluta è stata salvaguardare la vita delle persone) e storiche, connesse alle pratiche del regime comunista: La cultura del volontariato è stata distrutta dal comunismo. Prima di allora, in Bulgaria, si assisteva ad esempi di puro volontariato civico (la costruzione di chiese, il salvataggio degli Ebrei bulgari durante la Seconda Guerra mondiale, ecc.). Durante il periodo comunista le attività di volontariato erano organizzate e forzate in un modo tale da provocare oggi, nella gente, ricordi e riferimenti negativi allorché sentono parlare di volontariato. Dopo il comunismo le persone hanno continuato a sentire la necessità di organizzarsi per svolgere attività di volontariato e questo non è avvenuto." D'altra parte, uno degli intervistati ha fatto notare una tendenza significativa, ossia il fatto dei giovani che si sono trovati esposti ad altre culture e che hanno viaggiato in altri Paesi e che sono successivamente rientrati in Bulgaria alla ricerca di attività comunitarie e opportunità di volontariato: I giovani in Bulgaria vogliono prestare servizio di volontariato nelle comunità di appartenenza. Ciò si basa su esperienze vissute in precedenza: oggi molti giovani viaggiano sempre più spesso (programmi di scambio, lavoro all estero durante le vacanze estive, studi in università straniere...), sono esposti sempre di più a modelli e valori occidentali e hanno così la possibilità di osservare il volontariato e la cultura urbana nei Paesi in questione; per questo motivo, i loro comportamenti sono influenzati. Tornano a casa e cercano delle opportunità per servire il proprio Paese. La globalizzazione influenza i giovani in questo senso e ciò porta con sé diversi aspetti positivi. Un altra idea discussa da alcuni intervistati è la necessità di prestare servizio di volontariato sin da giovanissimi, in un momento in cui la costruzione dello spirito di comunità svolge un ruolo cruciale. "Aiutare i ragazzi a capire che possono rendersi utili e aiutare le persone che hanno bisogno o trovare una causa nella quale essi possano impegnarsi per fare qualcosa per la propria comunità o società. 15

10 Cenni storici 1 LE ORIGINI: PRIMA DEL 1900 IL VOLONTARIATO IN EUROPA Storicamente, il periodo precedente al 1900 (contemporaneo al movimento di Revival Nazionale, anche conosciuto come Rinascimento bulgaro) coincide con il periodo di dominazione ottomana, durato 5 secoli. All'epoca, la Chiesa e i centri comunitari, chiamati chitalishte, costituivano la forza motrice della partecipazione civile e dell attività di volontariato, i cui membri prestavano servizio di assistenza ai poveri e ai bisognosi, sostenevano gli orfani, fornivano istruzione ai bambini, si occupavano di raccolte fondi, ecc. Si trattò anche di un momento storico caratterizzato da sforzi collettivi di auto-gestione, sviluppo socio-economico e integrazione a livello nazionale tra la popolazione bulgara, a fronte delle lotte contro il dominio ottomano e della rinascita della nazione all'indomani dell'indipendenza, proclamata nel 1878, quando le Chiese, le scuole e le Università iniziarono a essere costruite grazie alle donazioni di denaro e terre. 2 IL SECOLO BREVE: La nascita del volontariato in Bulgaria risale al periodo compreso tra la fine del 19 e l inizio del 20 secolo, ossia al periodo conosciuto come Rinascimento bulgaro. Più tardi, con l'inizio del periodo comunista nel 1944, il volontariato fu imposto con la forza alla comunità bulgara; le persone erano obbligate a impiegare il loro tempo per la costruzione dello Stato comunista e le attività di volontariato si associavano al lavoro fisico e alla propaganda politica. L'atteggiamento negativo nei confronti del volontariato e della partecipazione, entrambi retaggio del periodo comunista, erano ancora dominanti persino all'indomani del 1989, ossia quando iniziarono le riforme democratiche. La situazione, per il volontariato, peggiorò ulteriormente a causa dei bruschi cambiamenti politici e delle difficili condizioni socio-economiche in cui versava il Paese. 3 LO STATO DELL ARTE: Negli ultimi anni, la Bulgaria ha attraversato un momento di intensa trasformazione socio-economica e politica. Nonostante la situazione economica impegnativa e priva di garanzie, il volontariato in Bulgaria si è affermato in molti modi, formali e informali. I volontari operano spontaneamente in gruppi, secondo le esigenze e le richieste del pubblico; ultimamente, si vanno affermando sempre più i programmi internazionali. I giovani hanno oggi la possibilità di viaggiare molto di più all estero e si trovano a contatto con altre culture e società; ciò ha causato un aumento diretto delle iniziative di volontariato. Molti vedono simili attività come un modo diretto ed efficace di contribuire allo sviluppo economico e democratico del Paese. Sono nate nuove organizzazioni di volontariato, in particolare su iniziativa di persone che hanno già prestato

11 I L V O L O N T A R I A T O I N E U R O P A servizio altrove, mentre le organizzazioni no profit sono sempre più interessate a coinvolgere volontari. Negli ultimi due anni la Fondazione Bulgara di Soccorso Benefico ha anche introdotto con successo il volontariato d impresa. Tuttavia, non esiste a tutt oggi una disamina delle cifre relative alle organizzazioni di volontariato in Bulgaria, né alla quantità di cittadini bulgari impegnati nella prestazione di servizi di volontariato. Della maggior parte delle organizzazioni che ospitano volontari in Bulgaria, circa il 95% sono no profit e lavorano come enti di pubblico beneficio (ad esempio, ONG, fondazioni, centri giovanili). Solo circa il 5% sono organizzazioni del settore pubblico (ad esempio, centri comunitari, enti municipali, ecc.). Negli ultimi due anni, le attività di volontariato hanno continuato a crescere nei settori della cultura e dell'ambiente. Sono questi settori ad attrarre persone di tutte le età. 4 IL VOLONTARIATO OGGI (INTERVISTE) Esistono almeno due tipi di volontariato: individuale e organizzato collettivamente. Il primo tipo riguarda la scelta personale e la determinazione a prestare soccorso in diversi modi. Il secondo rappresenta le attività di gruppo condotte all'interno di una comunità, che può essere una classe, il posto di lavoro, il proprio quartiere. Ecco come uno degli intervistati ha tentato di spiegare le tipologie di volontariato esistenti attualmente in Bulgaria. Senza dubbio si può affermare che il volontariato in Bulgaria si sta sviluppando lentamente e non è oggetto di sufficienti attenzioni. Non ci sono, al momento, abbastanza capacità e risorse per reclutare e lavorare con i volontari. Oggi il volontariato è un tema di grande interesse, talvolta connesso ad altre questioni altrettanto degne di attenzione, sia per le aziende, come la responsabilità sociale d'azienda, sia per le organizzazioni no profit, come la creazione di gruppi di interesse e di pressione. Se si va oltre questi interessi, le attività sono poche e il livello di sviluppo rimane basso. Poche organizzazioni lavorano con più di 3-8 volontari e, comunemente, le ONG sono incapaci di attrarre e accogliere nuovi membri a ritmo regolare." Come detto in precedenza, durante il periodo comunista il volontariato era organizzato e non effettuato spontaneamente, una modalità che riporta alla memoria delle persone brutti ricordi. Oggi che il comunismo è finito, le persone sentono il bisogno di trovarsi inserite in una struttura organizzata per poter prestare servizio comunitario e di volontariato; ciò non avviene, perchè non esistono le infrastrutture. Inoltre, come già evidenziato, i giovani che hanno la possibilità di viaggiare e di trovarsi a contatto con culture diverse sentono il bisogno di rendersi utili, se esiste un opportunità e una buona causa. I giovani, soprattutto gli studenti universitari, rappresentano la base più facile e più spesso utilizzata del volontariato. La generazione di persone di età compresa tra 40 e 60 anni ha bisogno di cause forti, perché solitamente lavorano a tempo pieno e sono raramente attivi in attività di volontariato, il che li esclude come gruppo target. Al momento, i ruoli predominanti del volontariato rientrano tutti nella sfera dei servizi sociali, ad esempio, il sostegno alle persone bisognose (indigenti e soggetti svantaggiati, orfanotrofi, ecc.), il soccorso in zone colpite da disastri o il lavoro quotidiano svolto all'interno di una comunità, ad esempio, la pulizia di un parco, la tinteggiatura di un asilo o i servizi di giardinaggio. Un aspetto evidente emerso negli ultimi due anni è che più volontari sembrano partecipare a iniziative di tipo ambientale e culturale; il motivo di ciò va ricercato nel fatto che entrambe le aree appaiono più accessibili, visibili e dotate di obiettivi più chiari, dunque, attraggono più persone. Queste organizzazioni sembrano anche essere più attive rispetto ad altre nel comunicare con i giovani, come gli studenti universitari, e più capaci a servirsi del web, oggi più che mai utilizzato dalle giovani generazioni. Uno degli intervistati è riuscito a riassumere in un unica definizione il ruolo del volontariato: Il volontariato dovrebbe permettere di muoversi attraverso la cooperazione di settore, tramite la donazione di competenze da un settore all'altro e lo scambio di conoscenze relative al funzionamento di diversi settori della società che, in definitiva, ne migliora lo sviluppo. Secondo un altro intervistato, il volontario deve essere in grado di identificare una data esigenza all'interno della comunità e impegnarsi a soddisfarla, dato che l'espressione di quella esigenza rappresenta un processo, piuttosto che una singola azione. In generale, i volontari sono percepiti come una forza di sostegno, capace di offrire aiuto in situazioni dove lo Stato, attualmente, non può intervenire. I volontari sono anche visti come potenziali coordinatori di scambi giovanili, responsabili di campagne e ingaggiatori di nuovi volontari. 17

12 Contesto giuridico 1 PANORAMICA SU LEGGI E NORMATIVE IL VOLONTARIATO IN EUROPA La Legge sui Soggetti Giuridici con Scopi No Profit è stata approvata dalla 38 Assemblea Nazionale nel settembre 2000 ed è in vigore dal gennaio Il paragrafo successivo fornisce ulteriori informazioni sulle diverse tipologie di organizzazioni no profit e sui vari tipi di attività consentite, previste dalla legge. Nel corso degli ultimi dieci anni, non sono stati apportati cambiamenti rilevanti dal punto di vista giuridico. Ci sono stati diversi emendamenti. 1.1 NORME A SOSTEGNO DEL VOLONTARIATO Al momento il volontariato non è giuridicamente definito in Bulgaria. Nel 2006 diverse organizzazioni di volontariato, insieme al Centro Bulgaro per la Legislazione No Profit, hanno delineato una Proposta di Legge sul Volontariato. La Proposta di Legge definisce i termini volontario e volontariato ed è in linea con la legislazione europea in materia. Il contesto giuridico sul volontariato comprende lo Stato, i diritti e le responsabilità dei volontari, oltre a disciplinare gli obblighi che le organizzazioni di volontariato giovanile hanno nei confronti dei propri volontari. La Legge non è stata a tutt oggi approvata dal Parlamento. L attuale contesto giuridico del volontariato è lungi dall'essere pienamente sviluppato. Esistono alcune leggi che definiscono parzialmente o regolano le attività di volontariato. Ad esempio, secondo quanto previsto dalla Legge sulla Gestione delle Emergenze (2005), si possono creare organizzazioni di volontariato in caso di crisi, i cui volontari devono avere minimo 18 anni. La legge regola anche lo stato giuridico dei volontari; se, ad esempio, questi hanno un occupazione e al contempo svolgono attività di volontariato, sono considerati in congedo non retribuito. In realtà, contrariamente allo stato giuridico dei volontari garantito dalla Legge sulla Gestione delle Emergenze, questi sono trattati al pari di dipendenti dello Stato e non semplicemente come volontari, perché qualsiasi reddito o contributo ricevuto è soggetto ad imposte. 2 LA PARTECIPAZIONE ALLA DEFINIZIONE DI POLITICHE PUBBLICHE 18 Sono molte le sfide che le organizzazioni no profit e la società civile in generale devono affrontare per poter partecipare in modo efficace ed efficiente al processo di definizione delle politiche pubbliche. Alcune di queste sfide sono state illustrate e discusse nel 2009, nel corso di un assemblea nazionale promossa dal BCNL (Centro Bulgaro per la Legislazione No Profit).

13 I L V O L O N T A R I A T O I N E U R O P A Dal dibattito è emerso che il contesto giuridico della partecipazione civica e delle ONG ai processi decisionali è insufficiente e inefficace. Inoltre, è stato affermato che esiste una mancanza di regole e procedure chiare che disciplinano la partecipazione civica e delle ONG; ciò comporta una partecipazione scarsa e piuttosto selettiva e una rappresentatività carente delle ONG nei processi di stesura delle leggi e di formulazione e implementazione delle politiche di settore. Gli attuali meccanismi non sono messi in pratica dalle autorità; se sì, sono lo stesso realizzati in modo selettivo. Il processo di consultazione è in larga misura dipendente dalla buona volontà dei funzionari pubblici. Non esiste una presenza trasparente né aperta dei rappresentanti della società civile all interno dei diversi organismi consultivi in dialogo con le istituzioni pubbliche; non esistono meccanismi chiari per una selezione/elezione legittima delle ONG all interno di tali organismi. Infine, esiste una certa mancanza di comprensione da parte delle istituzioni circa l importanza della partecipazione delle ONG ai processi decisionali volti a legittimare e a rendere più trasparente il processo governativo e l implementazione di un corretto principio di governance. Non sempre è presente la convinzione che le ONG possano ricoprire il ruolo di partner. Il risultato del dibattito qui riassunto è stato la redazione di un documento strategico preparato da BCNL e incentrato sulla partecipazione delle ONG ai processi decisionali; il documento contiene suggerimenti concreti e migliorativi, oltre a stilare una definizione delle regole e dei principi di consultazione relativi allo sviluppo di politiche pubbliche da adottarsi nei rapporti tra le istituzioni governative e le ONG. Il progetto è ancora in corso d opera; in futuro si prevede che i principi, le regole e i suggerimenti scaturiti dal dibattito siano presentati e discussi di fronte al Consiglio dei Ministri. 3 POLITICHE FISCALI La Legge sui Soggetti Giuridici con Scopi No Profit (2001) regola la registrazione e l attività delle organizzazioni no profit in Bulgaria, seguita da emendamenti sulla Legge sull Imposta sul Reddito d Impresa (2006) e dalla Legge Fiscale per le Persone Fisiche (2007), che introducono esenzioni fiscali per le organizzazioni no profit e per le donazioni ricevute da questa categoria di organizzazioni. Il contesto giuridico delle ONG è stato particolarmente rinnovato grazie all introduzione della nozione di organizzazioni di pubblico beneficio, enti che devono essere registrati presso lo specifico Registro Centrale interno al Ministero della Giustizia. Tutti i contribuenti possono detrarre dal reddito tassabile le donazioni fatte alle organizzazioni di pubblico beneficio registrate (per gli individui fino al 5% e per le aziende fino al 10%); in aggiunta, le donazioni di beni importati a favore dei beneficiari appartenenti a queste organizzazioni sono ora esenti da IVA. Il problema dell attuale legislazione è che non esiste una definizione chiara di cosa costituisca attività economica e non-economica. Per di più, non esiste alcuna definizione chiara per attività economiche regolamentari. Queste questioni sono soggette all'interpretazione delle autorità fiscali locali, che considerano qualsiasi reddito proveniente da attività economiche come tassabile; ne consegue che non esiste in sostanza alcuna esenzione fiscale per le attività economiche. Tuttavia, sia per i fondi pensione e di assistenza sanitaria registrati, sia per le strutture universitarie, statali e municipali registrate, secondo quanto previsto dalla legge esiste una detrazione dell'80% dei profitti derivati da attività economiche direttamente connesse a, o volte a sostegno, delle loro attività principali. In più, se le autorità decidono che una ONG è principalmente impegnata in attività economiche regolamentari o ricava la maggior parte dei propri redditi da tali attività, l organizzazione rischia di perdere il proprio status no profit ed è obbligata a registrarsi una seconda volta con la qualifica di azienda. Quando la legge ha concesso per la prima volta alle ONG di portare avanti attività economiche e di perseguire profitto, chi si opponeva a tale idea ha resistito fermamente, ma il risultato del dibattito è stato completamente imprevedibile. Alla fine, non soltanto è stato concesso alle organizzazioni no profit di perseguire attività economiche, ma è stato anche lasciata cadere la proposta di veto sulla distribuzione dei profitti. Pertanto, la logica delle implicazioni legali in riferimento alle ONG in Bulgaria è piuttosto ambigua. 4 ALBI E REGISTRI Generalmente le associazioni/fondazioni devono essere registrate presso il proprio tribunale distrettuale per poter essere riconosciute come soggetti giuridici e ricevere lo stato di persone giuridiche. Secondo la nor- 19

14 bulgaria mativa prevista dalla Legge sui Soggetti Giuridici con Scopi No Profit, la procedura consiste nella preparazione di una serie di documenti: sostanzialmente, sono richiesti lo statuto e i verbali dell assemblea generale nel caso di un'associazione, mentre nel caso di una fondazione è richiesto un atto costitutivo. Il tribunale rivede i documenti per accertarne la correttezza legale e il rispetto della norma di legge. Le organizzazioni di pubblico beneficio ricevono speciale attenzione: dopo l iscrizione al tribunale, devono essere inserite nel Registro Centrale presso il Ministero della Giustizia. Il Registro Centrale è accessibile pubblicamente tramite il sito web del Ministero della Giustizia. 5 ELENCO DI LEGGI E NORMATIVE Legge sui Soggetti Giuridici con Scopi No Profit, Legge sulla Gestione delle Emergenze, Legge sulla Croce Rossa Bulgara, Codice del Lavoro in Bulgaria, Legge sull Imposta sul Reddito d Impresa, Legge Fiscale per le Persone Fisiche, Legge sull Approvvigionamento Pubblico,

15 Organizzazioni di volontariato 1 STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL VOLONTARIATO IN EUROPA In Bulgaria esistono diversi termini utilizzati per descrivere le organizzazioni che operano nel terzo settore, ad esempio, no profit, non governative, volontarie, di comunità, ecc. La Legge sui Soggetti Giuridici con Scopi No Profit (2001) definisce tali organizzazioni come associazioni e fondazioni che possono auto-definirsi come organizzazioni di pubblico (o privato) beneficio. Come già detto in precedenza, il contesto giuridico attuale sul volontariato è lungi dall essere sufficientemente sviluppato. Nel 2006, un certo numero di organizzazioni no profit, tra cui anche la Croce Rossa Bulgara, l Alleanza Nazionale per l Azione Volontaria (NAVA), la Fondazione Lale e il Centro Bulgaro per la Legislazione No Profit (BCNL), hanno iniziato la stesura di una Legge sul Volontariato. Se tale proposta di legge fosse stata ratificata dal Parlamento, oggi si sarebbe potuto usufruire di una definizione che identificherebbe il volontariato come un attività esterna dai rapporti di lavoro individuali previsti dalla legge, un attività condotta in modo volontario e senza remunerazione all interno di organizzazioni no profit e di organi locali e statali. Una definizione di volontariato giovanile è presente all interno dell articolo 23 della Proposta di Legge sullo Sviluppo Giovanile introdotta nel 2008, nella quale il termine è coniato in modo simile. In più, la definizione stabilisce che i giovani volontari sono solitamente membri di un organizzazione di volontariato e che il volontariato è un attività che allarga le conoscenze, le competenze e l esperienza dei volontari e delle persone alle quali essi prestano aiuto. 2 REGOLE E FUNZIONAMENTO Le organizzazioni no profit di pubblico beneficio definiscono liberamente i mezzi necessari al raggiungimento dei loro obiettivi; possono incaricarsi di attività economiche supplementari, posto che queste siano correlate all area principale di attività per la quale l'organizzazione è registrata presso il Ministero della Giustizia; non distribuiscono profitti ai loro membri, dirigenti, ecc.; prevedono un organo esecutivo e di gestione di livello superiore; utilizzano il proprio patrimonio per raggiungere uno o più dei seguenti obiettivi: sviluppare e rafforzare i valori morali, la società civile, l assistenza sanitaria, l istruzione e la scienza, la cultura, la tecnologia, l educazione fisica; sostenere persone socialmente vulnerabili, persone disabili e persone che necessitano di assistenza; sostenere l'integrazione sociale e la realizzazione personale; sostenere i diritti umani o la protezione dell ambiente. 21

16 bulgaria 3 IL RAPPORTO CON LE ISTITUZIONI PUBBLICHE 3.1 INTRODUZIONE Recenti emendamenti alla Legge sull Approvvigionamento Pubblico (1999) consentono alle organizzazioni no profit di concorrere per appalti governativi a livello locale e centrale; tuttavia, le informazioni sull attuale percentuale di organizzazioni che hanno partecipato con successo a simili appalti pubblici è, in gran parte, non disponibile. Secondo i dati forniti da NAVA, il numero delle organizzazioni in concorso è cresciuto da 120 nel 2001 a 373 alla fine di ottobre Secondo la Fondazione per le Ricerche sul Genere in Bulgaria (BGRF), tuttavia, le ONG hanno talvolta paura di non possedere le capacità necessarie a portare avanti i propri compiti, mettendo così a repentaglio le possibilità di successo nei concorsi per appalti. 3.2 DAL NOSTRO PUNTO DI VISTA (INTERVISTE E QUESTIONARI) In generale, le organizzazioni di volontariato tendono a lavorare con organizzazioni simili a loro, hanno tutte circa la stessa struttura e lo stesso orientamento e si trovano ad affrontare problemi molto simili. Uno degli intervistati ha fatto una proposta interessante: coinvolgere maggiormente le scuole e i centri comunitari (chitalishte) all interno delle attività delle organizzazioni di volontariato. Ciò che emerge dalle risposte date ai questionari, sostanzialmente, mostra che ogni organizzazione possiede il proprio bagaglio individuale di esperienze e la propria prospettiva sul rapporto tra l organizzazione di volontariato in questione e il settore delle istituzioni pubbliche. Forse, analizzando ciascun caso singolarmente, si può convenire sull unicità di molti aspetti del rapporto tra una data organizzazione e le istituzioni, anche se si devono trarre conclusioni alquanto pessimistiche se si guarda alla situazione nella sua globalità. Alcune organizzazioni hanno un rapporto positivo con le autorità locali, specialmente nelle cittadine più piccole, in cui la municipalità locale, ad esempio, ha scelto di assegnare a un organizzazione l uso gratuito di un edificio per un periodo di tempo specifico, in cambio della manutenzione dello stesso edificio. Questo è un esempio di come diverse organizzazioni, sia di volontariato sia di altre organizzazioni no profit, sono state capaci di assicurarsi il proprio spazio di lavoro e la possibilità di condurre ogni giorno le proprie attività. Quando si tratta di politiche, tuttavia, in teoria non esiste molta interazione e le organizzazioni pensano che ciò sia dovuto alla mancanza di interesse e all attenzione verso "altre" priorità. Nonostante permanga una situazione di difficoltà economiche, il volontariato in Bulgaria sta assumendo molte forme, da quelle spontanee a quelle più organizzate, secondo tipologie di lavoro formale o informale. I volontari agiscono in gruppi, nell ambito di programmi internazionali, di propria iniziativa o in seguito alla richiesta da parte di altri. Però, causa la mancanza di un contesto giuridico e di dati, è difficile stimare il reale impatto del volontariato sul Paese." Ecco la risposta sincera e aperta di una delle organizzazioni a una domanda sulla partecipazione del settore del volontariato alla definizione di politiche pubbliche. Le organizzazioni che partecipano a questo studio generalmente concordano che non c è molta partecipazione e che, anche laddove esistesse, questa non è né sufficiente né efficace. Nonostante le lacune giuridiche, forse la migliore partecipazione durante gli ultimi 1-2 anni è quella rappresentata dalle attività di volontariato svolte nei settori dell'ambiente, della cultura e della protezione animali. I giovani sono sempre più attivi in questo campo, perché l impegno di volontariato è percepito come un modo efficace e diretto di contribuire alle trasformazioni democratiche ed economiche del Paese. 22

17 Dati e ricerche 1 PRINCIPALI RICERCHE E STATISTICHE IL VOLONTARIATO IN EUROPA La Bulgaria presenta uno scarso livello di ricerche accademiche sul volontariato; alla luce di ciò, non esiste alcun tentativo sistematico e recente di quantificare il numero e il profilo dei volontari. Il nuovo Governo eletto nell'estate del 2009 ha avviato le revisioni del documento strategico realizzato dalla precedente amministrazione: Strategia per lo Sviluppo Giovanile Il documento si chiama oggi Strategia per lo Sviluppo Giovanile e contiene diversi risultati interessanti. Il documento è incentrato sulle sfide per l iniziativa civica promossa dalle persone fino ai 35 anni. Secondo queste, le organizzazioni giovanili hanno sempre meno la percezione di vivere in un ambiente che favorisce la partecipazione dei cittadini e il coinvolgimento dei giovani. Cinque anni fa, il 7% dei giovani era impegnato in una qualche forma di organizzazione civica, mentre negli ultimi anni questa percentuale arriva a malapena al 2%. Sempre secondo questa fonte, l'interesse più diffuso tra i giovani è rivolto alle organizzazioni sportive, ai club sportivi professionali e ai club di danza. I giovani preferiscono prendere parte alle attività in maniera informale (club su Internet, forum e chat, portali torrent o siti web musicali) e prevale un atteggiamento pessimista, privo di eccessivo interesse nei confronti di una qualche partecipazione attiva. Un simile comportamento tra i giovani rispetto all'impegno civico/comunitario, visto come qualcosa che non ha scopo ed è fondamentalmente una perdita di tempo, rappresenta una seria minaccia per la democrazia. Detto questo, si può osservare che la sfera e la protezione dei diritti personali, insieme alle libertà legate all uso di Internet, rappresentano oggi cause civiche importanti che contribuiscono al coinvolgimento giovanile e all attivazione rapida di strutture organizzative. Nel giro di poche ore, una protesta su Internet è in grado di attirare ampi gruppi di giovani e di comunicare sia con i media, sia con il pubblico per strada. Il Ministro valuta anche le sfide che i giovani devono affrontare in materia di volontariato. Nonostante aumenti l interesse dei giovani nei confronti del volontariato, le opportunità sono ancora limitate. Il valore dell'attività di volontariato non è ancora ampiamente riconosciuto dai giovani. Sono ancora in via di sviluppo i meccanismi di sostegno pubblico al volontariato giovanile in quanto tipologia di educazione informale e di costruzione di esperienza. Il Governo riconosce la necessità di disciplinare giuridicamente i diritti dei giovani volontari. Come già detto in precedenza, non sono stati prodotti dati statistici quantitativi sul volontariato in Bulgaria; le informazioni presentate di seguito provengono da un inchiesta condotta dalla Information and Society Foundation (Fondazione per l Informazione e la Società) 2 tra i volontari e le organizzazioni no profit diffuse in tutto il Paese, durante il periodo febbraio- 1 Ministry of Education, Youth and Science, Draft Strategy for Youth Development Information and Society Foundation, Study on the Voluntary Sector in Bulgaria,

18 bulgaria marzo Lo studio ha scoperto che solo circa il 6% dei cittadini bulgari prende parte a attività di volontariato. In aggiunta, il rapporto illustra le percentuali relative alle organizzazioni che contano su un certo numero di volontari. 23% delle organizzazioni può contare, se necessario, su 10 volontari. 18% utilizza tra 10 e 20 volontari. 19% utilizza tra 21 e 50 volontari. 10% utilizza tra 50 e 100 volontari. Oltre il 30% si serve della collaborazione di oltre 100 volontari. Oltre 200 giovani provenienti da diversi stati della UE hanno prestato servizio di volontariato in Bulgaria attraverso lo SVE nel periodo ; purtroppo, invece, non è disponibile il numero dei cittadini bulgari che hanno prestato servizio in altri Paesi della UE. I dati sulla curva di crescita del numero di volontari in Bulgaria durante gli ultimi decenni sono assolutamente irreperibili; tuttavia, se ci si basa sulla pratica operativa delle organizzazioni di volontariato, si può osservare una certa stabilità. Si può però anche aggiungere che, mentre i volontari SVE provenienti dai Paesi della UE sono sempre più interessati a prestare servizio in Bulgaria, i giovani bulgari dimostrano parecchie difficoltà di motivazione rispetto alle opportunità non retribuite offerte dal volontariato, nonostante questa comporti dei benefici. 2 INDICATORI ECONOMICI E STATISTICI 2.1 TIPOLOGIE E GAMMA DELLE ORGANIZZAZIONI NO PROFIT Secondo uno studio recente condotto dalla Bulgarian Gender Research Foundation (Fondazione per le Ricerche sul Genere in Bulgaria) 3, la maggior parte dei volontari è coinvolta in attività del Terzo settore. Le ONG bulgare si incaricano sempre più di fornire servizi sociali e di svolgere attività di sviluppo a livello comunitario, dato che i governi locali spesso non dispongono di fondi sufficienti a erogare i medesimi tipi di servizi o di attività. I settori più diffusi nei quali sono coinvolti i volontari sono: istruzione, 55%; assistenza all'infanzia in stato di necessità, 47%; beneficenza, 44%; sviluppo del settore civile, 31%; protezione dell ambiente, 29%; diritti umani, 29%; cultura, 25%. Secondo uno studio condotto nel 2003 dall Open Society Institute, il volontariato in campo culturale, di fatto, non sembrava diffuso, con l'eccezione del caso in cui gli studenti sono impiegati come collaboratori durante specifici eventi artistici. Lo studio offriva una stima della percentuale dei volontari impegnati in questo settore: beni culturali e musei, 30%. Specialmente nel caso di scavi archeologici, in cui gli studenti di archeologia lavorano come volontari; performance artistiche, 15%; nell ambito di spettacoli teatrali, gli studenti e i giovani lavorano come volontari dietro le quinte. Gli spettacoli di opera e balletto a volte chiedono ai bambini delle scuole medie di partecipare su base volontaria; settore audiovisivo, incluso quello musicale, 5%. Si tratta di un settore molto orientato al mercato e le persone che vi lavorano insistono per essere pagate al pari di professionisti. In rarissimi casi, i giovani partecipano all aspetto organizzativo di produzioni cinematografiche e video, in qualità di volontari non retribuiti; Secondo quanto descritto dallo studio della Fondazione per l Informazione e la Società nel 2002, anche le ONG che lavorano nell organizzazione sportiva, nel turismo e nelle attività ricreative attraggono un ampio segmento di giovani volontari. Il profilo delle organizzazioni no profit in Bulgaria è il seguente: sindacati, 45%; persone giuridiche con scopi no profit, 29%; fondazioni, 15%; centri comunitari ecc., 11% Bulgarian Gender Research Foundation, Young People and Civil Society in Bulgaria, 2005.

19 I L V O L O N T A R I A T O I N E U R O P A La distribuzione per settore è la seguente: istruzione e ricerca, 50%; servizi sociali, 45%; arte e cultura, 32%; filantropia e lavoro con i volontari, 24%; assistenza sanitaria, 23%; protezione dell ambiente, 22%; giurisprudenza, patrocinio, politica, 22%; cooperazione internazionale, 19%; organizzazioni aziendali e professionali, 11%; religione, 3%. La maggior parte delle organizzazioni di volontariato in Bulgaria, ossia circa il 95%, sono no profit e lavorano nell'ambito del pubblico beneficio (ad esempio, ONG, fondazioni, centri giovanili). Solo circa il 5% è rappresentato da organizzazioni del settore pubblico (ad esempio, centri comunitari, strutture municipali, ecc.). 2.2 RISORSE UMANE E ECONOMICHE Secondo l'alleanza Nazionale per l Azione Volontaria (NAVA), le organizzazioni che forniscono sostegno economico alla società civile bulgara si classificano come segue: ONG che ridistribuiscono fondi esteri (rinnovando le sovvenzioni per le fondazioni), 46%; società che conducono attività di beneficenza, 25%; fondi comunitari, 10%; fondazioni private/familiari, 7%; enti di culto, 6%; fondazioni con proprietà in dotazione, 3%; altro, 3%. Nonostante le ONG in Bulgaria non riscuotano molto successo nell'attrarre sponsorizzazioni, non possono essere ignorati i fondi locali: oltre 65% delle aziende bulgare ha effettuato donazioni negli ultimi due anni, mentre il 23% del totale delle ONG afferma di avere ricevuto donazioni da aziende bulgare durante lo stesso periodo. In più, la Legge sui Soggetti Giuridici con Scopi No Profit permette alle ONG di far pagare le spese dei servizi e prodotti forniti: il 15% del loro reddito si genera in questo modo e si prevedono aumenti per il futuro. In generale, non esistono sovvenzioni per la gestione delle attività di volontariato o per le organizzazioni di volontariato in Bulgaria. Il bilancio statale fornisce sussidi a una piccola quantità di soggetti giuridici no profit, come ad esempio la Croce Rossa Bulgara. Lo Stato si occupa anche di finanziare parzialmente i centri culturali chiamati chitalishte. Un fondo aggiuntivo è stato creato dal Governo a sostegno dei progetti delle organizzazioni no profit di pubblico beneficio, per i progetti nelle aree dell'istruzione e dei servizi sociali, progetti ambientali e progetti che puntano alla tutela del patrimonio culturale nazionale. Nel 2005, lo Stato ha contributo versando a queste organizzazioni una somma totale di milioni di leva (2,2 milioni di euro), inclusi milioni di leva ( euro) alla Croce Rossa Bulgara. Nel 2008, il contributo è salito a milioni di leva (4,4 milioni di euro), di cui 2,5 milioni (1,2 milioni di euro) sono andati alla Croce Rossa Bulgara. La fonte più comune di finanziamento per le organizzazioni di volontariato è rappresentata dalle donazioni esterne. Oltre i tre quarti del sostegno economico per le ONG bulgare e altre attività di sviluppo e beneficenza proviene da donatori stranieri che operano in una vasta gamma di settori: istruzione, sanità e assistenza sanitaria, diritti delle minoranze e diritti umani, protezione dell'infanzia e assistenza sociale ai bambini, uguaglianza di genere, partecipazione dei cittadini ai processi decisionali, ambiente e protezione delle bio-diversità, sviluppo comunitario e sviluppo della filantropia locale. La filantropia privata e aziendale rappresenta almeno il 20% dei contributi economici versati per obiettivi di beneficenza e sviluppo. Le aree di attività includono il patrimonio culturale, l istruzione, l'assistenza sanitaria, i servizi sociali e lo sviluppo dell infanzia. 2.3 FINANZIAMENTI Durante il periodo , il contributo del settore no profit al PIL della Bulgaria è stato circa dello 0,15%. Negli anni successivi, sono state create condizioni macroeconomiche e istituzionali più favorevoli 25

20 bulgaria al funzionamento del settore e, nel 2001, il suo valore aggiunto è cresciuto a 62,8 milioni di leva (32,1 milioni di euro), ossia lo 0,21% del PIL del Paese. Nel 2000 il valore aggiunto dell attività delle organizzazioni no profit in Bulgaria ammontava a 31,8 milioni di leva (16,2 milioni di euro), ossia allo 0,12% del PIL. Tuttavia, se si escludono i centri comunitari e le organizzazioni sportive dal gruppo delle ONG, il valore aggiunto ammonta a 23,1 milioni di leva e la quota del PIL occupata dalle organizzazioni no profit scende a 0,087%. Nonostante il contributo minimo allo sviluppo economico tra la fine del 20 e l'inizio del 21 secolo, durante il periodo di crisi economico-finanziaria degli anni , il settore no profit in Bulgaria ha aumentato le sue risorse finanziarie nette grazie ai trasferimenti ricevuti. Ciò significa che il settore potrebbe rappresentare un fattore indicativo per la crescita economica di lungo termine in Bulgaria, a condizione che il suo sviluppo sia incentivato da politiche economiche adeguate. Secondo quanto previsto dalla Legge sulla Croce Rossa Bulgara (1995), dalla Legge sulla Gestione delle Emergenze (2005) e dalla Proposta di Legge sul Volontariato (2006), i volontari sono rimborsati per le spese affrontate durante il servizio e hanno diritto a un risarcimento in caso di infortunio. Per quanto concerne la copertura sociale, solo la Legge sulla Gestione delle Emergenze prevede che i volontari siano assicurati contro i rischi sociali: se un volontario muore durante la prestazione del servizio, il coniuge, i figli o i genitori hanno diritto a un risarcimento. Tuttavia, non esistono norme fiscali sul rimborso delle spese dei singoli volontari. Le organizzazioni di volontariato scelgono dunque se e come risarcire i contributi dei volontari, includendo solitamente le spese di base, come i trasporti, la diaria, le forniture per uffici, ecc. 3 SUI VOLONTARI E LE ORGANIZZAZIONI (INTERVISTE) I fattori che motivano gli individui a svolgere servizio di volontariato sono molteplici. Secondo uno studio condotto dalla Fondazione per l Informazione e la Società nel , il 56% dichiara di volersi rendere utile e di voler aiutare concretamente i gruppi di persone vulnerabili. La causa rappresenta la motivazione centrale per circa 17% delle persone, seguita dal desiderio di cambiare il proprio ambiente sociale, di fare nuove amicizie e di trovare contatti utili, 16%. Il trasferimento di competenze e la costruzione di esperienza sono anche inclusi tra i fattori che motivano la partecipazione ad attività di volontariato per il 12% degli intervistati. Si nota che negli ultimi anni, dopo l'introduzione di opportunità, per gli studenti universitari, di trascorrere le vacanze estive lavorando attraverso programmi di scambio in Paesi occidentali, sempre più giovani si interessano al volontariato. Questo è il risultato diretto del contatto con culture diverse dalla propria, nelle quali il senso di comunità e la cittadinanza attiva godono di ampiezza e visibilità. In questo senso, la globalizzazione ha rappresentato, anche per la Bulgaria, un fattore positivo. In più, i giovani volontari vedono nel volontariato la possibilità di aumentare le proprie qualifiche e la competenza civile, entrambi percepiti come modi di investire nel proprio futuro e in una realizzazione professionale. Infine, i volontari sono fortemente motivati dall'esperienza personale: ad esempio, fratelli o sorelle maggiori con un'infanzia difficile alle spalle sono potenzialmente spinti ad aiutare bambini che vivono simili esperienze sfortunate. 3.1 MOTIVAZIONI ED OSTACOLI Naturalmente le motivazioni che spingono a servire e a svolgere attività di volontariato sono molto individuali; tuttavia, dalle interviste si possono ricavare alcune tra le ragioni più ricorrenti. Le ragioni generali e comuni per il volontariato, secondo gli intervistati, sono le buone idee e le buone cause, accanto al senso di soddisfazione e di raggiungimento di un fine. In secondo luogo, si può citare il contatto con culture diverse e l apprendimento dalle esperienze che l'attività di volontariato comporta. Questo è infatti un modo di interazione e di assunzione di responsabilità sociale nei confronti di qualcun altro: si tratta, in altre parole, di rendersi responsabili per la comunità, per perseguire un bene più grande o, semplicemente, per restituire agli altri qualcosa di ciò che 26 4 Information and Society Foundation, Study on the Voluntary Sector in Bulgaria, 2002.

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Dimensioni del cambiamento Dimensione personale

Dimensioni del cambiamento Dimensione personale SINTESI Rilevanza ed effetti dell azione nel campo della fede e della giustizia Un tentativo di identificare, valutare e documentare i risultati e gli impatti dell attività dei partner di Sacrificio Quaresimale

Dettagli

LEGGE RECANTE RATIFICA

LEGGE RECANTE RATIFICA DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO ITALIANO E L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ UFFICIO REGIONALE PER L EUROPA CONCERNENTE L UFFICIO EUROPEO OMS PER GLI INVESTIMENTI

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

RELAZIONE GENERALE DI FRONTEX PER IL 2005

RELAZIONE GENERALE DI FRONTEX PER IL 2005 AGENZIA EUROPEA PER LA GESTIONE DELLA COOPERAZIONE OPERATIVA ALLE FRONTIERE ESTERNE DEGLI STATI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA (FRONTEX) F LIBERTAS SECURITAS JUSTITIA RONTEX RELAZIONE GENERALE DI FRONTEX PER

Dettagli

Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche dell'ue a favore dell'occupazione giovanile Il punto di vista della società civile

Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche dell'ue a favore dell'occupazione giovanile Il punto di vista della società civile Comitato economico e sociale europeo Sezione specializzata Occupazione, affari sociali, cittadinanza Osservatorio del mercato del lavoro Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche

Dettagli

Check List per la gestione della salute in azienda

Check List per la gestione della salute in azienda DIPARTIMENTO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Check List per la gestione della salute in azienda Strumento di promozione della salute nei luoghi di lavoro Lamberto Briziarelli,

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo Puntare sul futuro Vivere e lavorare in un altro paese è un opportunità molto interessante per i cittadini europei di tutte le

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Selezione di buone prassi in Turchia, UK, Slovenia e in altri paesi europei I pericoli e le forme di violenza attuali rendono oggi giorno la sicurezza una delle più importanti

Dettagli

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 Archivio Antico 21 Gennaio 2014 Erasmus+ (2014-2020): Azioni di supporto alla collaborazione internazionale (Key Action 2); progetti di sostegno alla riforma

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Servizio Sociale Anno Accademico 2008/09 Corso Organizzare un servizio Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future INTERGRUPPO PARLAMENTARE SUL TERZO SETTORE Roma, 31 luglio 2013 ore 10:00-13:00 Sala delle Colonne Via Poli, 19 Seminario Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future Il contributo di ASC

Dettagli

Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento. Programma Gioventù in Azione

Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento. Programma Gioventù in Azione Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento Programma Gioventù in Azione Maggio 2011 1. Introduzione Il Servizio Volontario Europeo (SVE), facente parte del Programma dell Unione Europea

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI Le statistiche attuali mostrano un numero impressionante di bambini che, in tutto il mondo, vivono in condizioni di vita precarie e,

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FI- NANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI, ASSOCIAZIONI, COMITATI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

Youth Europe Service

Youth Europe Service Socrates Grundtvig Autonomous citizens in United Europe Opuscolo realizzato da: Youth Europe Service nell ambito del programma SOCRATES GRUNDTVIG 2 Azione n. 06-ITA01-S2G01-00306-1 L'Europa è a portata

Dettagli

Il supporto a una Direttiva Europea per il Pluralismo dei Media. La nostra azione comune. Oggetto della proposta

Il supporto a una Direttiva Europea per il Pluralismo dei Media. La nostra azione comune. Oggetto della proposta Iniziativa dei Cittadini Europei proposta dalla coalizione Iniziativa Europea per il Pluralismo dei Media La nostra azione comune Questo testo costituisce una proposta per un Iniziativa dei Cittadini Europei

Dettagli

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto

CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA. Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto CONSULTAZIONE SU UN POSSIBILE STATUTO PER UNA FONDAZIONE EUROPEA Contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto Introduzione La Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto condivide l iniziativa

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INDICE INTRODUZIONE pag. 1 CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE pag. 5 I.1 NASCITA DELLA PREVIDENZA ITALIANA pag. 8 I.2 TERMINOLOGIA RICORRENTE pag. 9 I.3 DAL DOPOGUERRA AI GIORNI NOSTRI pag. 11 I.4 LE

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

nuove sfide per il volontariato

nuove sfide per il volontariato Povertà plurali, povertà invisibili: nuove sfide per il volontariato Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra cittadini e associazioni di volontariato 1. Premessa L Associazione Non Profit Network,

Dettagli

Il questionario è stato preparato

Il questionario è stato preparato PRIMO CONFRONTO DEGLI INDICATORI DEMOGRAFICI, FINANZIARI E DEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROFESSIONE Indagine Fve sulla professione medico veterinaria in Europa Le opinioni di oltre 13.000 veterinari provenienti

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+ ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ Erasmus+ KA1 Obiettivi Generali Migliorare le competenze chiave e le capacità dei giovani, inclusi quelli con minori

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

L'Europa della mobilità per studio e lavoro. Digital Agenda La Guida WIKI

L'Europa della mobilità per studio e lavoro. Digital Agenda La Guida WIKI L'Europa della mobilità per studio e lavoro Digital Agenda La Guida WIKI Firenze, 7 maggio 2011 Francesco Garza (CDE Università degli Studi di Milano) partendo da WikiCDE il Wiki dei CDE italiani http://www.wikicde.it/mediawiki/index.php/pagina_principale

Dettagli

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Costruiamo insieme una nuova cultura! Cittadinanza &Costituzione - Programma nazionale di EducAzione alla pace e ai Diritti Umani La mia scuola per la pace promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI Dichiarazione di tutte le società aderenti al COCIR COCIR si dedica al progresso della scienze medica e al miglioramento delle cure

Dettagli

TURISMO E TURISMO SOCIALE Per cominciare

TURISMO E TURISMO SOCIALE Per cominciare TURISMO E TURISMO SOCIALE Per cominciare Negli ultimi anni il turismo è diventato una pratica largamente diffusa presso strati diversi della popolazione, oltre ad essere un fenomeno economico dai vari

Dettagli

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione (Legge sulla CPC) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 34 quater e 85 numeri 1 e 3 della Costituzione

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

Relazione al Progetto di "Legge sul Volontariato"

Relazione al Progetto di Legge sul Volontariato SEGRETERIA DI STATO SANITA' E SICUREZZA SOCIALE SEGRETERIA DI STATO ISTRUZIONE E CULTURA Relazione al Progetto di "Legge sul Volontariato" Ecc.mi Capitani Reggenti, On.li Consiglieri il progetto di Legge

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

NUMERO VALORE PERCENTUALE

NUMERO VALORE PERCENTUALE Le istituzioni non profit in provincia di Cremona al Censimento del 2011 L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi ed il Censimento delle istituzioni non profit, rilevando

Dettagli

Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo

Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo 1. Rilevanza del progetto Il progetto SLIC enfatizza il ruolo della formazione degli adulti come uno dei fattori fondamentali

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale Corso di Laurea Magistrale LM59 Scienze della comunicazione pubblica e sociale Insegnamento: Cooperazione sanitaria internazionale Conoscenze e abilità da conseguire L evoluzione degli scenari economici

Dettagli

Consulenza previdenziale e patronato. Nuovi strumenti operativi per il Consulente del Lavoro

Consulenza previdenziale e patronato. Nuovi strumenti operativi per il Consulente del Lavoro Consulenza previdenziale e patronato Nuovi strumenti operativi per il Consulente del Lavoro Le funzioni del Patronato e il rapporto con l INPS Come sappiamo il patronato agisce come trait d union tra il

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE.

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE. ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea specialistica in: Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica LA RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli