MASTER PROGETTAZIONE, COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DI INTERVENTI INTEGRATI DI PROMOZIONE ED EDUCAZIONE ALLA SALUTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASTER PROGETTAZIONE, COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DI INTERVENTI INTEGRATI DI PROMOZIONE ED EDUCAZIONE ALLA SALUTE"

Transcript

1 Principi e Metodi 1

2 MASTER PROGETTAZIONE, COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DI INTERVENTI INTEGRATI DI PROMOZIONE ED EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno Accademico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Dipartimento di Specialità Medico Chirurgiche e Sanità Pubblica CENTRO SPERIMENTALE PER L EDUCAZIONE SANITARIA Direttrice del Master Dott.ssa Rivasecchi Paola Coordinatore del Master Dott. Pocetta Giancarlo 2

3 Di seguito verranno descritti alcuni dei concetti chiave che il Master ha approfondito durante i vari moduli. Il nuovo approccio alla Promozione della salute: empowerment, partecipazione e lo sviluppo della comunità. La strategia della Promozione della Salute, della quale l Educazione Sanitaria rappresenta lo strumento operativo centrale, è sempre più al centro delle politiche sanitarie del nostro Paese; ne fa fede tutta la più recente pianificazione sanitaria nazionale e regionale. Essa costituisce il meccanismo centrale e il processo per conseguire gli obiettivi della nuova sanità pubblica. Fermamente collegata ai determinanti di salute sociali e basata su una prospettiva delle scienze sociali, richiede un impegno chiaro per l empowerment, la partecipazione e lo sviluppo della comunità. L inserimento in tale ottica strategica e operativa richiede agli operatori coinvolti nelle azioni per la promozione della salute nuove conoscenze, nuove capacità ma soprattutto un ripensamento del proprio ruolo all interno dei servizi. La salute è uno dei maggiori determinanti dello sviluppo sociale, economico, politico di una comunità. Il concetto di salute come assenza di malattia ha dominato il panorama fino a pochi decenni or sono. L OMS nel 1948 identificava la salute come uno stato di completo benessere, psichico e sociale e non la mera assenza di malattie o infermità. A partire da quella definizione si è affermata un idea di salute sempre più legata a una dimensione processuale; la salute cioè si 3

4 sviluppa in tutto l arco della vita delle persone, dalla culla alla tomba e che esse stesse contribuiscono a costruire, insieme ad altre persone, alle organizzazioni sociali, ai servizi, sia attivando risorse individuali (abilità/capacità personali/life skills), sia risorse che trovano nel proprio contesto di vita e che rappresentano le opportunità di salute a loro disposizione. Partecipazione Oggi, la partecipazione si colloca alla base di un sistema per la promozione della salute centrato sul cittadino. La partecipazione è possibile, non solo se viene sancita dalle leggi, o anche nelle definizioni di promozione della salute e nelle metodologie della educazione sanitaria, ma soprattutto, se la popolazione, i singoli, le forme con cui si organizzano, sono adeguatamente informati, formati e sono, quindi, consapevoli degli obiettivi che si possono e si debbono raggiungere, e dei diritti sottendono al sistema. La partecipazione del cittadino va intesa come attività volontaria di liberi, singoli o in associazioni formali e in movimenti, riconosciuti o meno dalla autorità pubblica, capaci di influenzare efficacemente dall esterno un processo di decisione pubblico. La partecipazione è il metodo elettivo per portare a realizzazione qualsiasi programma di Promozione della salute. Per assicurare una partecipazione politicamente e socialmente utile, è necessario alla popolazione di essere sostenuta dalla formazione di una moderna coscienza sanitaria, da una diffusa informazione che consenta la formulazione da parte di ognuno di un giudizio critico sulle azioni intraprese e da intraprendere. 4

5 Non è una via agevole, richiede convincimento, chiarezza di idee e, soprattutto, aderenza ai bisogni della popolazione, dei cittadini, della Comunità, comunque si vogliano denominare i soggetti del sistema. Il ruolo della Comunità nella difesa della salute Con il prevalere della patologia non infettiva, a eziologia complessa con andamento cronico irreversibile, si fa sempre più evidente la opportunità di centrare il massimo sforzo sulla prevenzione, giacchè la sola terapia non può quasi mai portare al recupero totale dell equilibrio di salute. La prevenzione risulta quindi essere il caposaldo e l obiettivo che il S.S.N. deve perseguire per raggiungere la salute della popolazione. Per fare questo è però fondamentale la partecipazione dei cittadini, questo perché alla difesa della salute del cittadino, concorre non solo il fattore squisitamente tecnico ma anche politico. Vi sono infatti tutta una serie di fattori che oggi sono condizionanti la salute come quelli: ambientali, economici, socioculturali, legislativi e organizzativi ed educativi. Si capisce allora come vi sia un intreccio politico nella difesa della salute essa risentirà delle scelte politiche di una comunità, delle scelte in merito ai modelli di sviluppo, di produzione e di consumi, di organizzazione degli insediamenti ecc Salute per i bronchi è aria pura, abitazioni salubri, lavoro in ambiente non inquinato. Ma aria pura è politica urbanistica, abitazioni sane è politica della casa, ambiente di lavoro non inquinato è scelta di politica economica... 5

6 La lotta per la salute coinvolge sempre più la popolazione nel suo complesso e sempre meno il personale sanitario che ne deve essere soprattutto consulente, e dove l impegno di ogni cittadino, diviene determinante nella lotta contro le più importanti cause di malattia. Il cittadino deve quindi appropriarsi in prima persona delle conquiste della scienza e modificare l ambiente fisico e sociale-di vita e di lavoro, senza delegare la difesa della salute ai soli tecnici. Il concetto di salutogenesi La visione di salute espressa dal modello elaborato dal progetto EUPIHD (Progetto finanziato dall Unione Europea e costituito dai rappresentanti di diverse Università), è quella dell integrazione di salute, tra una dimensione patogenica, negativa, che mette al centro la malattia da rimuovere o i fattori di rischio da prevenire ed una visione positiva, salutogenica, che si concentra sulle capacità individuali e sulle risorse della comunità per individuare cosa produce salute. Il nuovo concetto di salute si basa quindi non tanto se una persona è sana o malata, bensì in che misura essa si allontana o si avvicina ai punti estremi di salute e di malattia. Tale evoluzione naturale può incepparsi e può essere affrontata a partire da due differenti modi di vedere la salute: patogenesi e salutogenesi. La salutogenesi (Antonovsky, 1996) si interessa principalmente di ciò che crea salute ovvero di tutto ciò che permette alle persone anche in situazioni di forte avversità, di compiere scelte di salute utilizzando risorse e implementando capacità. La nuova prospettiva salutogenica ci consente di identificare quindi quei fattori che impediscono agli individui di andare verso il non-benessere e successivamente verso la malattia (Lindstrom, 2006). Più gli individui conoscono e comprendono il mondo in cui 6

7 vivono, più questo è controllabile e ha un significato per essi, più possono utilizzare le risorse che hanno al loro interno e nell ambiente circostante per mantenere la propria salute. L OMS utilizza il termine health asset, per indicare quelle risorse che gli individui e le comunità hanno a loro disposizione, in grado di proteggere contro eventi negativi di salute e/o promuovere condizioni di salute. Questi beni possono essere risorse sociali, finanziarie, fisiche, ambientali o umane (ad esempio istruzione, capacità lavorativa ecc..ecc..). Un health asset può essere definito quindi come ogni fattore (o risorsa) che incrementi la capacità degli individui, dei gruppi, delle comunità e/o delle popolazioni, in quanto fattore protettivo (o promotore) per ridurre gli stress della vita. L approccio salutogenico per costruire una base di evidenza per la sanità pubblica deve includere il bisogno quindi di identificare quei fattori promotori o protettivi della salute che sono più rilevanti per produrre salute e per capire le implicazioni per le azioni. Come punto centrale, la salutogenesi si chiede: Quali sono i fattori esterni che contribuiscono allo sviluppo dell individuo; Quali sono i fattori che rendono il soggetto più resistente; Che cosa produce livelli generali di benessere. 7

8 I due costrutti principali della salutogenesi sono: Le Risorse generali di Resistenza; Il Senso di Coerenza Le risorse sono di diverso tipo: interne (fattori biologici, caratteristiche di personalità) ed esterne (relazioni, beni a disposizione nel proprio contesto). Le Risorse di Resistenza agiscono a livello individuale, comunitario, sociale, organizzativo; con esse le persone possono costruirsi un bagaglio di esperienze in grado di aiutarle a ricostruire la trama della loro esistenza in situazioni di stress, a trovare un significato per dirigersi verso una salute positiva. Il muoversi in direzione della salute è favorito da quello che Antonovsky definisce Senso di Coerenza, cioè in base alla componente cognitiva, motivazionale e operativa di ciascun individuo. La promozione della salute si configura dunque come un input intenzionale nel processo di sviluppo naturale di salute che supporta l utilizzo di risorse e aumenta le opportunità presenti nel contesto, permettendo alle persone di avere un maggiore controllo e migliorare la propria salute ad esempio attraverso la partecipazione al piano terapeutico o supportando l accesso alle cure per le minoranze o altri soggetti deboli. Il considerare la salute come il prodotto di una duplice dimensione, saluto/pato genica, porta come conseguenza pratica il dover riconoscere prima di tutto che è la comunità nel suo insieme il contenitore dei determinanti di salute e, come conseguenza derivata, che il settore sanitario non può essere l unico titolare delle azioni della salute, ma che ci sono altri soggetti nella comunità che devono assumersi responsabilità nei confronti della salute dei cittadini ed occorre che tra questi soggetti si stabiliscano solide alleanze per la salute, il settore 8

9 sanitario deve riorientare la sua missione per poter essere un protagonista di questo processo. I determinanti di salute sono rappresentati dall arco dei fattori individuali, sociali, economici e ambientali che determinano lo stato di salute delle persone e delle comunità, mentre, creare alleanze per la salute consiste nella partnership tra due o più soggetti che ha lo scopo di conseguire uno o più obiettivi di salute condivisi. Il nuovo concetto di salute Alla luce di tutto ciò la Conferenza di Ottawa (1986), ha sancito la definizione di promozione della salute alla quale oggi tutti fanno riferimento: La promozione della salute rappresenta un processo sociopolitico globale: esso investe non soltanto le azioni finalizzate al rafforzamento delle capacità e delle competenze degli individui, ma anche l azione volta a modificare le condizioni sociali, ambientali e economiche in modo tale da mitigare l impatto che esse hanno sulla salute del singolo e della collettività. La salute non viene più intesa quindi come assenza di malattia ma diviene un concetto positivo che valorizza le risorse sociali e individuali, oltre le capacità fisiche dell individuo. Essa scaturisce da una interazione tra queste 3 componenti: il fisico la mentee l ambiente. La promozione della salute è il processo che consente alle persone di acquisire un maggior controllo dei fattori determinanti della salute e, di conseguenza, di migliorare la loro salute. L ultima definizione di promozione della salute sulle pagine dell American Journal of Public Health secondo Michael P. 9

10 O Donnell (2008) è la seguente, più lunga sicuramente, ma più esaustiva. La promozione della salute è l arte e la scienza di aiutare la gente a scoprire le sinergie tra le loro passioni principali e la migliore salute, migliorando le motivazioni che portano ad una salute ottimale, sostenendola nel cambiare i propri stili di vita per avanzare verso uno stato di salute spirituale e intellettuale ottimale. La salute ottimale è un equilibrio dinamico di salute fisica, emozionale, sociale,. Il cambiamento dello stile di vita può essere facilitato attraverso la combinazione dell apprendimento esperienziale, che aumenta la conoscenza, fa crescere la motivazione e crea capacità ed, ancora più importante, attraverso la creazione di opportunità che aprono l accesso ad ambienti che rendono scelte più facili le pratiche positive di salute. La nuova definizione è intesa a sottolineare diversi punti: Il lavoro che noi compiamo è tanto scienza che arte. La scienza deriva dalla ricerca, l arte dall intuito, dall esperienza e dall ascolto; La salute è multidimensionale; Gli ambienti fisici e sociali nei quali viviamo sono probabilmente i predittori più importanti dei nostri comportamenti salutistici; Il maggior contributo che possiamo fornire a livello cognitivo è quello di motivare la gente a lottare per una salute ottimale. E molto importante migliorare le capacità per praticare stili di vita salutari, mentre lo è solo moderatamente il migliorare la conoscenza o la coscienza sui legami tra comportamenti sanitari e guadagni in salute; 10

11 La salute è un mezzo, non un fine, per la maggioranza della gente. Quest ultima deve essere motivata a migliorare la propria salute se scopre come il migliorare la salute la aiuta a concentrarsi sulle proprie passioni; La salute ottimale non è un punto statico, che possiamo raggiungere o meno ma una condizione dinamica che cambia con le circostanze della vita; Possiamo avere maggiore successo se pensiamo al nostro lavoro nella prospettiva della gente per la quale lavoriamo che in quello che facciamo. Ad esempio, creare maggiori opportunità di accesso ad ambienti favorevoli alla salute aiuta maggiormente la gente che non solo creando tali ambienti; La partecipazione è essenziale per sostenere l azione della promozione della salute La Promozione e Educazione alla Salute e la Carta di Ottawa La promozione della salute, pur essendo un concetto teorizzato in varie epoche storiche, è stato codificato nel 1986 dalla Carta di Ottawa per la promozione della salute a distanza di più di vent'anni costituisce un importante quanto attuale documento di riferimento per lo sviluppo di politiche orientate alla salute. La Carta di Ottawa, sottoscritta dagli Stati appartenenti all Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), definisce la promozione della salute come "il processo che consente alle persone di esercitare un maggior controllo sulla propria salute e di migliorarla".. La Carta di Ottawa identifica tre importanti strategie per la promozione della salute: Patrocinare la salute per creare le condizioni essenziali per la salute; Permettere a tutte le persone di raggiungere il loro potenziale di salute; 11

12 Mediare tra differenti interessi nella società per perseguire la salute. L OMS a sua volta individua promozione della salute: diverse aree di azione per avviare e gestire la 1) Mettere la salute al centro delle politiche pubbliche; 2) Creare ambienti che siano di supporto alla salute; 3) Rinforzare l azione comunitaria per la salute; 4) Sviluppare le abilità personali; 5) Riorientare i servizi sanitari. L empowerment individuale e di comunità L OMS identifica l azione nella comunità e l empowerment come prerequisiti per la salute. L empowerment dei cittadini, ha ricevuto attenzione da parte delle istituzioni negli ultimi anni a livello internazionale, contribuendo a creare una nuova cultura che poggia sulla partecipazione, essenziale per conseguire i migliori risultati possibili. Come in tutti i processi, anche per quanto riguarda l empowerment, per assicurare efficacia ed efficienza è necessario controllare e valutare al fine di rendere conto delle scelte delle azioni intraprese. Il concetto di empowerment ha avuto molteplici definizioni in relazione alla sua applicazione: Un processo attraverso cui le persone, le organizzazioni e acquisiscono la capacità di gestire i loro affari; le comunità Un processo di azione sociale attraverso cui gli individui padroneggiano le loro vite per cambiare il loro ambiente sociale e politico per migliorare l equità e la qualità di vita; 12

13 Il processo attraverso cui gli individui e i gruppi aumentano la loro capacità di fare scelte e trasformarle nelle azioni e nei risultati desiderati, costruendo le risorse delle persone e migliorando così l efficienza del contesto in cui vengono usate tali potenzialità; L espansione delle possibilità delle persone povere, fragili, di partecipare, negoziare, controllare e gestire le istituzioni che influenzano le loro vite; L empowerment viene esercitato in diversi domini, dal livello di singola persona ad azione politica e collettiva. In sintesi un paziente empowerment significa esprimersi rispetto alla scelta del proprio medico e dell ospedale a cui rivolgersi, la propria cura deve essere condivisa, abilità nell assumere decisioni anche per quanto concerne l incertezza e il rischio per quanto riguarda l integrità del sé,avere conoscenza, abilità attitudini e consapevolezza necessaria per influenzare il proprio e l altrui comportamento per migliorare la qualità della propria vita. E un paziente che comprende e sceglie, è in controllo dell ambiente in cui interagisce e si rapporta produttivamente con tutti gli altri soggetti, pianifica il proprio futuro, è un self caregiver, protagonista del proprio benessere e della propria vita. L empowerment assicura: L efficacia: a cui concorrono cittadini e operatori. Il cittadino assume comportamenti consapevoli, anche dei rischi, segnala al personale situazioni e comportamenti che possono implicare rischi, in modo da favorire scelte terapeutiche appropriate, ascolta e segue le prescrizioni..ecc L appropriatezza: la conoscenza del fruitore consente agli operatori di effettuare scelte idonee; L efficienza: scelte mirate ed idonee favoriscono l utilizzo parsimonioso delle risorse, evitando ridondanze e sprechi 13

14 L empowerment, implica riassumendo responsabilità verso se stessi e corresponsabilità negli interventi per la propria salute e nell uso delle risorse collettive. Possiamo distinguere: o Empowerment individuale: che consiste nella percezione di autostima, attivismo, ottimismo-controllo sulla propria vita; o Empowerment di comunità: che riguarda la percezione del modo in cui il potere politico sociale si esplica e della possibilità di esercitare un influenza su di esso attraverso una giusta indignazione (L indignarsi per qualcosa è spesso il primo passo verso il cambiamento). Le dimensioni dell empowerment della Comunità: I. Partecipazione: La partecipazione è la base dell empowerment. Organizzati in gruppi, i membri della Comunità possono più facilmente definire e analizzare i problemi della Comunità e agire su di essi. II. Leadership: I processi partecipativi richiedono di essere guidati e la leadership deve essere esplicita e organizzata. Partecipazione e leadership sono strettamente legate e giocano un ruolo fondamentale nel lavoro dei gruppi e delle organizzazioni Comunitarie. 14

15 III. Attivazione della rete: I nodi della rete includono: piccoli gruppi di cittadini, comitati, gruppi religiosi e di giovani, ecc. Rappresentano le modalità che le persone usano per stare insieme rispetto alla socializzazione e alla soluzione dei propri problemi, L esistenza e il funzionamento di queste micro organizzazioni è quindi cruciale per l empowerment della Comunità. E molto importante, per l impatto e la sostenibilità del programma, che si stabiliscano legami solidi tra questi soggetti. IV. Valutazione del problema: L empowerment presume che l identificazione del problema di salute, le possibili soluzioni e le azioni per risolverlo siano attuate dalla Comunità. La valutazione del problema è un processo che serve ad assistere le Comunità nello sviluppo del senso di auto-determinazione delle proprie risorse. Setting Il concetto di setting si è fatto largo ed ha acquisito importanza anche in Sanità Pubblica nel momento in cui si è riconosciuto che esso costituisce lo spazio nel quale i comportamenti si formano e vengono agiti. Il setting non è quindi solo un luogo da descrivere per studiare i comportamenti ma svolge un ruolo attivo come sede dei determinanti di salute: i comportamenti si producono nel e attraverso il setting. Un setting quindi è laddove le persone attivamente usano e modellano l ambiente e così creano o risolvono problemi relativi alla salute. I contesti possono normalmente essere identificati con confini fisici, un gruppo di persone con ruoli definiti, una struttura organizzata. Dal punto di vista della sanità pubblica il termine copre diversi significati. Si applica ad una Comunità larga (es. un Comune), a strutture presenti nella Comunità (es. il Servizio Sanitario), a piccoli gruppi 15

16 strutturati (es. l Associazione), ad entità formali della Comunità (es. una Scuola o un Ospedale), ad ambiti di vita (es. la famiglia, il luogo di lavoro). La salute si costruisce dove la gente vive, lavora, gioca, ama (Carta di Ottawa per la Promozione della Salute OMS Ginevra 1986) La scuola promotrice di salute Educazione e salute hanno interessi comuni. La combinazione di questi interessi consente alle scuole di diventare luoghi migliori in cui apprezzare l apprendimento, l insegnamento e il lavoro. Una scuola che promuove la salute è una scuola che mette in atto un piano educativo strutturato e sistematico a favore della salute, del benessere e dello sviluppo del capitale sociale di tutti gli alunni e del personale docente. Le scuole che promuovono la salute hanno dimostrato di essere in grado di migliorare la salute e il benessere di tutta la comunità scolastica. Le scuole, all interno della comunità d appartenenza, rappresentano uno dei contesti privilegiati per ridurre le disuguaglianze in ambito di salute. La collaborazione con altre aree strategicamente rilevanti, come quelli giovanili, sociali, ambientali e per lo sviluppo sostenibile, è indispensabile. La scuola promotrice di salute: l approccio alla promozione alla salute nella scuola è diventato maggiormente orientato al contesto, più complesso nel suo intervento, più indirizzato alla saluto genesi e più basato sull evidenza. 16

17 Sono sempre più numerose le prospettive di promozione della salute nella scuola oggi emergenti. Una di queste consiste nel collegare più direttamente la promozione e l educazione alla salute e l educazione con l attività centrale della scuola. La salute non è più vista soltanto come un obiettivo o un prodotto delle scuole, ma in maniera più significativa come metodo o processo dell educazione. La scuola promotrice di salute ha come obiettivo quello di portare salute quindi alle scuole a tutti i livelli di organizzazione. Ciò comprende l educazione alla salute degli studenti, ma ha anche obiettivi di salute per gli insegnanti, per la struttura organizzativa e la vita quotidiana della scuola. L obiettivo a lungo termine è in maniera strettamente collegato al miglioramento della qualità educativa delle scuole. In questo modo sono perseguiti sia obiettivi di salute. obiettivi educativi che In un prossimo futuro si parla di scuola buona e sana, dove la scuola si impegna chiaramente nelle dimensioni della qualità di una buona scuola, attuando quegli interventi per la salute che servono specificamente per implementare tali compiti nel campo dell educazione e dell insegnamento che derivano da questo impegno. L obiettivo è un aumento durevole ed efficace della qualità dell insegnamento e dell educazione nelle scuole. Nella scuola buona e sana - viene offerta una quantità ottimale di adeguate tipologie di attività sportive, soddisfacendo la necessità di movimento degli 17

18 studenti, attrezzature per lo sport e la ginnastica abbastanza accessibili, mobili disegnati in maniera ergonomica; - si presta attenzione a illuminazione corretta, ambiente confortevole, protezione da sostanze tossiche, riduzione del rumore, pulizia e igiene; - l amministrazione della scuola assicura la presenza di un sistema di sicurezza ben funzionante (assistenza sanitaria, sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, piani di evacuazione, attrezzature e impianti). Il criterio è promuovere comportamenti positivi: - sviluppare assieme agli studenti regole di comportamento che governano l interazione sociale dei partecipanti della scuola; - vengono offerte a tutti i membri della scuola (moderatori, mediatori, consulenza e assistenza psicologica) modalità di affrontare crisi e conflitti La salute e l ambiente dell individuo E importante ricordare che la forma e l organizzazione della città possono influenzare la salute umana e il benessere. Il Master si è proposto di esporre alcuni spunti di riflessione e analisi sull interazione tra ambiente urbano e salute, avendo riconosciuto l ambiente costruito come elemento fondamentale nel determinare le condizioni di vita dei cittadini. Numerose ricerche in campo scientifico-medico, architettonico, sociale, urbanistico, hanno rimarcato il legame che intercorre tra la città e la salute degli abitanti: la densità della popolazione, la progettazione dei quartieri, 18

19 l accessibilità ai servizi, la presenza di aree verdi, edifici di buona qualità, contatti informali e coesione sociale. Un disegno urbano della città ridefinito su tali elementi, contribuirebbe a formare il capitale sociale della comunità e ad alleviare problemi come segregazione, isolamento e depressione. Promuovere stili di vita salutari, contenere gli impatti e affrontare le ineguaglianze, è un compito importante dunque anche per la pianificazione dell organizzazione di una città. La presenza di politiche relative all ambiente costruito, o la loro assenza, determinano le condizioni in cui viviamo e lavoriamo e queste condizioni hanno conseguenze positive e negative per la salute della popolazione. Ma oggi, la città, purtroppo, è spesso un luogo che non presenta le migliori condizioni in cui vivere. L OMS e il Consiglio d Europa si sono occupati, in anni recenti, di queste tematiche, in Italia però rimangono come problemi secondari e poco indagati, per cui servirebbe lo sviluppo di ricerche sulle politiche attuate a livello internazionale in merito a questi argomenti. Leggi e norme sono certamente rilevanti nell indirizzare i processi ma questi sono definiti dalla formazione di una nuova cultura del vivere e progettare i luoghi dell uomo e quindi da un diverso rapporto tra questo e la natura: un approccio integrato e strategico propositivo capace di valorizzare le molteplici indicazioni esistenti in direttive, strumenti e normative. Ciò richiede un costante dialogo, reale ed operativo, tra le varie discipline che in particolare si occupano del controllo dei processi di trasformazione dello spazio. Tramite un approccio pluridisciplinare si sollecita il dialogo fra ambiti scientifici, culturale e tecnici diversi che tuttavia partecipano, alla formazione dell ambiente costruito e alla tutela, valorizzazione del paesaggio e con essi alla promozione della salute dei cittadini. 19

20 Gli indicatori di salute e i determinanti della salute Gli indicatori di salute sono un insieme di dati di sorveglianza analizzati in modo da fornire una valutazione dello stato di salute della popolazione, per stabilire in modo appropriato priorità e azioni da intraprendere per la salute pubblica. La scelta degli indicatori deve essere basata principalmente sui dati confrontabili esistenti per cui è possibile un monitoraggio regolare, ma dovrebbe anche tenere in considerazione le future necessità di dati e gli sviluppi sul fronte delle diagnosi e dei trattamenti. Gli indicatori devono essere completi, significativi, standardizzati, devono soddisfare i criteri di qualità e devono essere flessibili per supportare l evoluzione delle politiche sanitarie. I determinanti della salute sono i fattori la cui presenza modifica in senso positivo o negativo lo stato di salute di una popolazione Accreditati studi internazionali hanno effettuato una stima quantitativa dell impatto di alcuni fattori sulla longevità delle comunità, utilizzata come indicatore indiretto dello stato di salute : i fattori socio-economici e gli stili di vita, contribuiscono per il 40-50%, lo stato e le condizioni dell ambiente per il 20-30%, l eredità genetica per un altro 20-30% e i servizi sanitari per il 10-15%. Gli indicatori di salute consentono di misurare un bisogno di salute, quantificando il gap (la differenza), esistente tra uno stato reale/attuale ed uno stato ottimale/ideale di salute. Gli indicatori rappresentano uno strumento di primaria importanza nella pianificazione di un progetto di miglioramento 20

21 della qualità della vita, in virtù della loro capacità intrinseca di fornire informazioni preziose che fungano da guida per l osservazione degli effetti dei cambiamenti. L OMS ha individuato diversi indicatori raggruppati in 4 macro-aree: 1. Indicatori di salute (mortalità, cause di morte, basso peso alla nascita); 2. Indicatori dei Servizi Sanitari (esistenza di un programma per la città di educazione alla salute, bambini completamente vaccinati, abitanti per personale sanitario di base, abitanti per infermiere, popolazione coperta da assicurazione sanitaria ecc..ecc..); 3. Indicatori ambientali (inquinamento atmosferico, qualità dell acqua, piste ciclabili, strade pedonali, superficie relativa agli spazi verdi ecc ); 4. Indicatori socio-economici (popolazione che vive in alloggi precari, stima dei senza tetto, tasso di disoccupazione, tasso di aborti, reddito basso, ecc.). L Organizzazione Mondiale della Sanità ha proposto anche un elenco di prerequisiti della salute, ossia di situazioni che devono essere presenti nelle comunità che acquisiscono la consapevolezza e la decisione di perseguire la salute dei suoi componenti. I prerequisiti della salute Il fatto che la salute dipenda da molteplici fattori esterni ha portato a studiare e ad approfondire le conoscenze scientifiche sui determinanti della salute. È comunque generalmente condiviso il fatto che per poter agire sui fattori che determinano la salute è di fondamentale importanza che esistano delle 21

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century)

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Introduzione alla strategia della Salute per tutti nella Regione Europea dell Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere SALUTE 2020 Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere Pubblicato in inglese dall WHO Regional Office for Europe

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

LA SCUOLA CHE FA BENE

LA SCUOLA CHE FA BENE Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca REPV BBLICA ITALI ANA Ufficio Scolastico per la Lombardia LA SCUOLA CHE FA BENE L esperienza della Rete delle Scuole che Promuovono Salute in

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli