Fecondazione artificiale eterologa. Trasformazioni semantiche della genitorialità e ricadute giuridiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fecondazione artificiale eterologa. Trasformazioni semantiche della genitorialità e ricadute giuridiche"

Transcript

1 Firenze, 17 ottobre Convegno promosso dal MpV Toscana Giovani Fecondazione eterologa: problemi e prospettive Fecondazione artificiale eterologa. Trasformazioni semantiche della genitorialità e ricadute giuridiche Claudio Sartea Non è certo la prima volta che brusche sollecitazioni dell attualità politica o giudiziaria ci costringono a prendere posizione su temi delicati e fondamentali, o ci obbligano a prendere atto della loro vivacissima incidenza nella nostra società e nella nostra cultura. Il caso della fecondazione artificiale eterologa, però, ha qualcosa di speciale: non viene messa in discussione una qualche appendice, magari secondaria, delle nostre tante storie, bensì propriamente il primo capitolo, anzi l introduzione generale al libro della nostra narrazione identitaria, individuale e collettiva. Alla generazione, e dunque alla genitorialità, siamo tutti intimamente e inscindibilmente connessi: la genitorialità surrogata, proposta come soluzione, clinica o psicologica, di difficoltà generative, e sempre di più come vera e propria alternativa riproduttiva, è un tema sconcertante, affascinante ed immensamente problematico per l identità di ognuno. Dallo scorso mese di aprile, a seguito dell abrogazione per sentenza costituzionale 1 del divieto di fecondazione artificiale eterologa contenuto nella legge italiana sulla procreazione medicalmente assistita (n. 40 del 2004), anche in Italia è divenuto legale il ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita in cui a venire uniti (in vivo, nel corpo di una donna con inseminazione, o in vitro, in una provetta con successivo trasferimento in utero dell embrione) sono i gameti di soggetti diversi (in tutto o in parte) da quelli che formano la coppia sterile. Da quel momento, al diritto viene affidato l arduo, per non dire ingrato, compito di dare una veste legale alla finzione: ma non già ad una finzione pietosa, come quella adottiva, bensì per la prima volta ad una finzione intenzionale, che non risolve il problema del bambino ma lo progetta e poi lo mette problematicamente al mondo come figlio legale di individui diversi da quelli di cui è figlio secondo la linea germinale. Approfondendo l enorme carico di criticità cliniche, genetiche, psicologiche, morali che derivano da questo sdoppiamento (e vedremo che il primo tentativo istituzionale effettuato in tal 1 Sentenza Costituzionale n. 162/2014, agevolmente reperibile in internet. 1

2 senso dalle Regioni italiane, non è purtroppo molto promettente), si viene energicamente rimandati al cuore vero del problema, che nell ermeneutica giusfilosofica è schiettamente antropologico e veritativo. La fecondazione artificiale eterologa, per chi non se n era ancora accorto o si ostinava a sottovalutare questi profili, impone una trasformazione radicale: del nostro modo di pensare la generazione (maternità, paternità, triangolo genitori-figlio), del nostro modo di disciplinare il diritto di famiglia (basato ora su finzioni legate all immaginazione, ai desideri e ai sentimenti), dello stesso quadro di riferimento concettuale dell adozione, che da istituto introdotto per dare soluzione ai problemi ereditari (diritto romano antico) o a situazioni di abbandono minorile (adozione odierna), è divenuto banco di prova della famiglia giuridica naturale e perno dell idea postmoderna stessa di famiglia 2. In estrema sintesi, e salvi i necessari approfondimenti antropologici, la svolta è stata determinata dal tentativo (più o meno persuasivo ma operativamente efficace) di costruire un diritto fondamentale alla generazione come completamento del progetto familiare: con il problema, che invero il giudice costituzionale non sembra aver fino in fondo affrontato, di uno spostamento di semantica giuridica della generazione da evento di coppia a decisione individuale che, come immediatamente rimarcato dai sostenitori più accesi della fecondazione artificiale eterologa, riguarda la sfera più intima e intangibile della persona umana 3 (evidentemente considerata nella sua individualità). Al di là della forzatura del discorso sotto il profilo biologico, è chiaro che la sua declinazione in termini di diritti soggettivi magari persino fondamentali impone di per sé lo scivolamento verso la prospettiva individualistica (con buona pace dei riferimenti della sentenza alla salute della coppia, che resta un concetto piuttosto oscuro sia sul piano medico che su quello giuridico): al punto che si possono persino interpretare come aperturistiche le espressioni apparentemente opposte che si trovano nella sentenza costituzionale in riferimento alla surrogazione di maternità 4, che definitivamente svincolerebbe, se venisse abrogato per la medesima via 2 Interessante in argomento il rapporto ufficiale Filiation, origines, parentalité. Le droit face aux nouvelles valeurs de responsabilité générationnelle, che il governo francese ha commissionato ad un gruppo di studiosi presieduto dalla sociologa Irène Théry e che da tempo è stato pubblicato e poi diffuso anche attraverso internet (http://www.justice.gouv.fr/include_htm/etat_des_savoirs/eds_thery-rapport-filiation-origines-parentalite-2014.pdf), ricco di spunti in relazione alla metamorfosi in atto e costruito a partire dalla premessa, data per scontata e comunque acriticamente accettata dall evoluzione sociale, che l asse del diritto comune della famiglia non sarà più il matrimonio ma la filiazione, con la conseguenza che si rende necessaria una riforma: completare per la filiazione l equivalente della metamorfosi che si è già realizzata per la coniugalità. Questo passa principalmente attraverso l adozione e la generazione attraverso donatori terzi, con l obiettivo di istituire per tutti un diritto della filiazione comune e pluralista, capace di incarnare in modo leggibile e coerente i valori essenziali su cui oggi si fondano questi legami (mi avvalgo per la traduzione dal francese degli stralci della presentazione del Rapporto pubblicati su Il Foglio, 16 aprile 2014). 3 Così il Manifesto per il futuro della riproduzione assistita prontamente elaborato dalle associazioni Italia in testa, Politeia, Consulta di Bioetica e VOX e pubblicato dopo il convegno del 17 luglio La tecnica in esame (che va rigorosamente circoscritta alla donazione di gameti e tenuta distinta da ulteriori e diverse metodiche, quali la cosiddetta surrogazione di maternità, espressamente vietata [ ] con prescrizione non censurata e che in nessun modo ed in nessun punto è incisa dalla presente pronuncia, conservando quindi perdurante validità ed 2

3 costituzionale anche il divieto contenuto nell art della legge 40/2004, la nuova filiazione legale da qualunque criterio biologico (non solo germinale ma anche gestazionale). Ed in fondo, applicando coerentemente e fino in fondo i problematici principi utilizzati in pronuncia, non si vede perché negare anche questa possibilità alle coppie in difficoltà generativa. * * * Sul piano operativo può essere di qualche utilità riflettere a partire proprio dal documento contenente le direttive per le Regioni e le Province Autonome, da recepirsi con delibera di Giunta regionale o con diverso specifico provvedimento. Il significato di questo documento, e la sua portata, sono descritti nella Premessa : Considerato che il Governo ha ritenuto di non intervenire con un proprio provvedimento normativo in una materia così delicata per le sue implicazioni etiche lasciando tale competenza al Parlamento, le Regioni e Province Autonome hanno condiviso la responsabilità di fornire direttive operative ed indicazioni cliniche omogenee al fine di rendere immediatamente esigibile un diritto costituzionalmente garantito su tutto il territorio nazionale, dimostrando capacità di governance nazionale. È stato pertanto concordato di definire, in attesa che il Parlamento legiferi in materia, un accordo interregionale che verrà recepito dalle singole Regioni e PP.AA., il quale avrà valenza transitoria, ma che permetterà comunque alle coppie che ne faranno richiesta di poter accedere alla fecondazione eterologa. Le direttive operative ed indicazioni cliniche contenute nel presente documento si dovranno applicare alle strutture pubbliche, a quelle accreditate nonché a quelle private non accreditate. Come si vede, ce n è abbastanza per considerare tale documento come un testo di riferimento importante, non solo sul piano applicativo. Ne emergono infatti, nonostante il taglio eminentemente pratico, numerose sollecitazioni di valore simbolico, che evidenzio di seguito senza pretese di completezza né di ordine espositivo al mero scopo di servirmene come di un canovaccio espositivo dei problemi antropologici e giusfilosofici sottostanti: 1. la definizione di donazione è contenuta nel preambolo del documento: si tratta ovviamente di una nozione chiave, giacché fino all abrogazione costituzionale del divieto di fecondazione artificiale eterologa non si poteva a rigor di legge parlare di donazione di gameti se non versando in re illicita. La donazione di cellule riproduttive da utilizzare nell ambito delle tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo è atto volontario, altruista, gratuito, interessato solo al bene della salute riproduttiva di un altra coppia. Non potrà esistere una retribuzione economica per i efficacia), alla luce delle notorie risultanze della scienza medica, non comporta rischi per la salute dei donanti e dei donatari eccedenti la normale alea insita in qualsiasi pratica terapeutica. 3

4 donatori/donatrici, né potrà essere richiesto alla ricevente contributo alcuno per i gameti ricevuti. Non si escludono prosegue il testo forme di incentivazione alla donazione di cellule riproduttive in analogia con quanto previsto per donazione di altre cellule, organi o tessuti. Già in queste parole sono numerosi i punti interessanti. Se il parametro di rettitudine intenzionale della donazione di gameti è la finalità della salute riproduttiva della coppia ricevente, diviene essenziale anche in termini normativi individuare con precisione e rigore siffatto concetto. Il problema è che ciò non è possibile: la salute riproduttiva è, fin da quando fu introdotto nel linguaggio ufficiale dei documenti normativi (durante la Conferenza ONU del Cairo del 1994, su popolazione e sviluppo), un concetto scivoloso per non dire sfuggente, un confuso coacervo di elementi individuali riconducibili volta per volta alla salute sessuale, alla libera autodeterminazione in materia di esercizio della sessualità a prescindere dalle sue normali conseguenze riproduttive (e quindi informazione ed accesso alle tecniche di contraccezione, o di interruzione di gravidanza nei casi di gestazione avviata ma non voluta/programmata), di resistenza sociale alla violenza in materia sessuale, di elementi relativi alla vita di coppia ed alla pianificazione familiare. Con riferimento alle specificità tecniche della fecondazione artificiale eterologa, è chiaro che se salute riproduttiva di un altra coppia è espressione dotata di senso esso non può essere che quello di rendere possibile un agognata esperienza di genitorialità surrogata cui per definizione la coppia non riesce a pervenire per motivi patologici. Il punto fondamentale in materia è allora la sovrapposizione, che si pretende perfetta, tra immagine e desiderio di salute riproduttiva, e sua effettuale realizzazione. Ma la tecnica non ottiene realmente questo risultato: la salute riproduttiva viene donata solo in maniera simbolica, e può persino apparire beffardo parlare di una donazione finalizzata ad essa La metodica di PMA eterologa è eseguibile unicamente quando sia accertata e certificata una patologia che sia causa irreversibile di sterilità o infertilità. L affermazione, tanto netta quanto esplicita, è conseguenza diretta della decisione costituzionale che ha abrogato il divieto di ricorso all eterologa: la Consulta nelle motivazioni pubblicate nello scorso mese di giugno parla ripetutamente delle situazioni di sterilità assoluta ed irreversibile come le uniche che consentono l accesso alla nuova tecnica, che a questa condizione passa dall illiceità penalmente perseguita alla piena liceità (con addirittura il suo inserimento nei Livelli Essenziali di Assistenza ). Il problema è che poche righe dopo questa decisa affermazione, il testo si contraddice clamorosamente, includendo tra le indicazioni cliniche alla fecondazione eterologa, in ambito 5 Di questo, peraltro, il citato Rapporto francese pare non tener conto quando per esempio afferma che la generazione a tre non ha nulla di offensivo, al contrario: il dono, invece di essere dissimulato come accade oggi, dovrebbe essere valorizzato per il suo altruismo e la sua generosità. La generazione con donatore terzo non può essere assimilata né a una procreazione carnale né a un adozione. Per questo proponiamo di stabilire per essa una modalità sui generis di istituzione della filiazione, basata per tutte le coppie su una dichiarazione comune anticipata di filiazione. 4

5 femminile donne che sanno [basta la loro dichiarazione o occorreranno certificazioni mediche apposite?] di essere affette o portatrici di un significativo difetto genetico o che hanno una storia familiare di una condizione per la quale lo stato di portatore non può essere determinato, ed in ambito maschile, parallelamente, uomini che sanno di essere affetti o portatoti di un significativo difetto genetico o che hanno una storia familiare di una condizione per la quale lo stato di portatore non può essere determinato. Bastano queste indicazioni cliniche per far saltare in aria il quadro teorico introdotto acrobaticamente dalla sentenza costituzionale, e far rientrare dalla finestra il fantasma della selezione genetica che, senza troppa convinzione, era stato cacciato dalla porta. Se anche donne o uomini che non hanno problemi riproduttivi, ma minacciano di trasmettere difetti genetici significativi [non vengono meglio indicati, nonostante le loro gravi conseguenze], possono accedere alle tecniche eterologhe, allora il motivo per cui è stato abrogato il loro divieto non è (solo o principalmente) quello di provvedere in qualche modo alla sterilità della coppia, ma anche quello di ammettere una metodica di controllo genetico del frutto del concepimento. In altre parole, l eugenetica. 3. Tra le regole dedicate alla selezione dei donatori, poi, ve ne sono alcune che meritano qui una riflessione aggiuntiva. Si pensi per esempio all indicazione, tra i soggetti candidabili, di quelli che si stanno sottoponendo ad un trattamento di fecondazione assistita a loro volta (la stessa regola, dettata per i donatori di sesso maschile, viene poi riproposta anche per le donatrici): appare chiaro che questi individui non sono mossi da intenti altruistici finalizzati esclusivamente alla salute riproduttiva di un altra coppia, come si è visto sopra, per la semplice ed umanissima ragione che a spingerli a simile dono è l interesse per la propria salute riproduttiva, in una sorta di scambio incrociato che costituirà probabilmente la maggior fonte di procacciamento di cellule germinali per l eterologa (almeno per i non pochi casi di sterilità idiopatica, e comunque non dipendente da inidoneità assoluta del seme). Suscita curiosità anche l ulteriore indicazione relativa alle metodiche di selezione, ove si consiglia ai selettori di affrontare anche l esistenza di potenziali motivi finanziari o emotivi che possono condizionare la donazione : se non la vogliamo considerare ingenua o naïve, questa indicazione risulta paradossale, specie se la si applica all ambito femminile ed alle significative complessità tecniche del prelievo di ovuli dalle donatrici. In che senso sarebbe dirimente, per procedere nella selezione ed ammettere i candidati alla donazione, verificarne (non viene detto con quali metodiche) le intenzioni profonde, escludere l esistenza di motivi finanziari (ma non avevamo già escluso il carattere non gratuito del gesto?), o addirittura di fattori emotivi condizionanti? Quali fattori emotivi, ed in che misura, condizionerebbero la donazione al punto da sconsigliare la medesima o almeno, se già effettuata, l utilizzo di quei gameti? 5

6 4. Un successivo capo Horn delle tecniche eterologhe è costituito dalla scelta delle caratteristiche fenotipiche del donatore, su cui come noto l opinione pubblica si è scatenata all indomani della liberalizzazione delle tecniche. Il ragionamento popolare è, come sempre, molto elementare ma in fondo schietto: se ormai posso avere figli anche non miei attivando metodiche eterologhe, perché vincolarmi alla lotteria delle casualità talora funeste tipiche dell adozione, e non permettermi invece di intervenire nella fase decisionale, quando si tratta di scegliere tra gameti sostanzialmente indifferenti tra di loro, ma potenzialmente molto differenti ai miei occhi? Perché mortificare il comprensibile ed umanissimo desiderio che mio figlio possa in qualche modo assomigliare a me, se con queste tecniche, assai diversamente che nei casi di adozione, l iniziativa è presa ancor prima del concepimento e dunque in un epoca in cui è ancora possibile intervenire con decisioni efficaci sulle caratteristiche fenotipiche e genotipiche del nascituro? Niente da fare, il testo delle Regioni sembra proibirlo senza misericordia: Non è possibile per i pazienti scegliere particolari caratteristiche fenotipiche del donatore, al fine di evitare illegittime selezioni eugenetiche. E pur tuttavia, in considerazione del fatto che la fecondazione eterologa si pone per la coppia come un progetto riproduttivo di genitorialità per mezzo dell ottenimento di una gravidanza (ben diversamente da ciò che accade nell adozione che si configura come un progetto di genitorialità a finalità assistenziali e solidaristiche verso il minore in stato di abbandono), il centro deve ragionevolmente assicurare la compatibilità delle principali caratteristiche fenotipiche del donatore con quelle della coppia ricevente. Come si configuri, dal punto di vista pratico, questa ragionevole assicurazione, non viene ulteriormente chiarito, lasciando così spazio ad interpretazioni anche molto elastiche dei controlli legittimati dal colore della pelle, su cui si sono sbizzarriti i giornali, fino a caratteristiche fenotipiche molto più sofisticate: anche qui insomma si caccia dalla porta un fantasma a cui subito dopo si spalanca la finestra, con un risultato analogo a quello visto sopra in riferimento alla sterilità assoluta come unica causa di legittimo accesso alle tecniche eterologhe. La verità è che ogniqualvolta si introduce un eccezione la regola a cui si eccepisce perde forza e, nei casi più tragici, perde persino vigenza. 5. La questione dell anonimato dei donatori, anche per la sua enorme capacità evocativa, è un altra delle questioni che hanno richiamato con maggior energia l attenzione dei media. Ferma restando la regola di anonimato di cui all articolo 14 del decreto legislativo 6 novembre 2007, n. 191, e successive modificazioni, la donazione deve essere anonima (cioè non deve essere possibile per il donatore risalire alla coppia ricevente e viceversa). I dati clinici del donatore/donatrice potranno essere resi noti al personale sanitario solo in casi straordinari, dietro specifica richiesta e con procedure istituzionalizzate, per eventuali problemi medici della prole, ma in nessun caso alla coppia ricevente. L accessibilità alla informazione sarà gestita informaticamente 6

7 con il controllo di tracciabilità. I donatori/donatrici non hanno diritto di conoscere l identità del soggetto nato per mezzo di queste tecniche e il nato non potrà conoscere l identità del donatore/donatrice. La regola adottata appare nitida quanto atroce: nitida in ordine alle presumibili aspettative del donatore, che nella maggior parte dei casi procederà al dono (ricordiamolo, un dono gratuito e preceduto da numerose seccature cliniche, specialmente per le donatrici), solo a condizione di non assumere nemmeno indirettamente alcuna responsabilità sul prosieguo della storia; atroce perché in sostanza si stabilisce, ancora una volta a tutto vantaggio degli adulti e con netto svantaggio dei minori o dei nascituri, che non sarà possibile al nato conoscere la propria origine biologica e genetica 6 : il che non attiva solamente i (pur notevolissimi) problemi di identificazione clinica e di anamnesi (solo parzialmente aggirabile con la dissociazione tra dati clinici e nominativo dei donatori), ma soprattutto provoca nel nato che ne avesse conoscenza, come forse sarà opportuno o addirittura giusto prevedere almeno al compimento della maggiore età l impossibilità strutturale di risalire alle proprie origini biologiche, accedere cioè alla conoscenza della propria autentica genealogia materiale. 6. Non molto più convincente, e strettamente connessa alle criticità della questione dell anonimato, è poi la soluzione adottata per il consenso informato per donatori/donatrici : È essenziale per il/la donatore/donatrice firmare un consenso informato, che dovrebbe includere un fermo diniego di non avere nessun conosciuto fattore di rischio per malattie sessualmente trasmissibili e malattie genetiche. È necessario che il/la donatore/donatrice riconosca nel consenso informato la sua responsabilità di notificare al programma di donazione eventuali cambiamenti nel suo stato di salute o di fattori di rischio. Il/la donatore/donatrice deve anche specificare se accetta che i suoi gameti vengano utilizzati anche a scopo di ricerca, se non più utilizzabili per ulteriori donazioni. L affermata essenzialità, immediatamente smussata dal ricorso al verbo al condizionale ( dovrebbe avere ), sembra investire la questione della trasmissione di patologie: ma come si pensa di risolvere eventuali tragiche conseguenze in materia? È chiaro che l esistenza conosciuta o no di patologie geneticamente trasmissibili, può influenzare le scelte riproduttive di una coppia non sterile: com è chiaro che, quando la coppia decide di correre il rischio, se ne assumerà tutte le conseguenze (a parte la scappatoia dell aborto o della selezione genetica embrionale). Ma in questi casi, in cui ad introdurre la patologia nella riproduzione della coppia è un soggetto terzo, che 6 Diversa sul punto la soluzione affacciata nel Rapporto francese: Noi distinguiamo l accesso alle origini delle persone nate da procreazione assistita e l accesso alle origini delle persone nate da parto anonimo, adottate o sotto tutela. Le questioni poste non sono le stesse e sono oggetto di differenti capitoli. Ma in entrambi i casi noi proponiamo che sia istituito un vero diritto di accesso alle origini a partire dalla maggiore età, ben precisando che un diritto alla comunicazione dell identità non è un diritto all incontro. 7

8 abbiamo deciso debba rimanere anonimo ed ha firmato (fraudolentemente? Inconsapevolmente?) un consenso informato in cui fallacemente negava di poter trasmettere patologie genetiche (e su quale base? Occorreranno certificazioni apposite?), in che termini si articolerebbe un eventuale attribuzione di responsabilità? Sarebbe allora legittimo risalire geneticamente alla fonte (e come?), per addossargli i costi dell assistenza sanitaria? O addirittura la responsabilità genitoriale, contra legem ma con evidente ristoro economico, magari anche psicologico della sfortunata coppia committente? Su questo aspetto, così irto di difficoltà umane e legali, c è un ulteriore ripresa nel paragrafo dedicato a tracciabilità ed eventi avversi : ove si stabilisce che se il donatore è risultato essere il portatore della malattia ereditaria, tutti i destinatari dei gameti donati devono essere messi al corrente. Pare chiaro che, anche in ordine a queste sfortunate evenienze, la soluzione del testo in esame lascia insoddisfatti, e non chiarisce fonte e misura della eventuale responsabilità del donatore. 7. Un ultimo profilo che ai nostri fini è interessante rimarcare, riguarda il paragrafo dedicato al numero di donazioni : anche questo, punto di immenso valore simbolico, come tutti bene intendono. Le cellule riproduttive di un medesimo donatore afferma il documento non potranno determinare più di dieci nascite. Tale limite può essere derogato esclusivamente nei casi in cui una coppia, che abbia già avuto un figlio tramite procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo, intenda sottoporsi nuovamente a tale pratica utilizzando le cellule riproduttive del medesimo donatore. Il Centro PMA che utilizza i gameti dei donatori/donatrici deve registrare i dati della gravidanza ottenuta (positività beta-hcg, gravidanza clinica in evoluzione), la successiva nascita, eventuali aborti ed eventuali malformazioni del neonato. Qualora la gravidanza non dovesse portare alla nascita di un feto vivo, la procedura non va considerata tra le dieci nascite consentite. Come si vede, la scelta delle Regioni si orienta verso la fissazione di un limite (il che non è del tutto coerente con l affermata analogia di questo tipo di donazioni rispetto a donazioni di tessuti e cellule non germinali: divergenza piuttosto significativa e, forse, persino rivelativa), e questo limite viene fissato in dieci nascite, senza distinguere tra semi di uomini e semi di donne, e senza specificare se la singola nascita possa includere un numero di gameti originariamente donati superiore ad uno (cosa che comunque si lascia supporre, ma implica allora un notevole aumento del numero di gameti donati si pensi al caso degli ovuli). Inoltre, il limite massimo non include i casi in cui non si arrivi al risultato finale, come suol dirsi, di un bambino in braccio : il che, tenuto conto delle percentuali di successo delle tecniche che ancora si attestano sul 25%, implica che per giungere a dieci nascite si possa legittimamente superare ampiamente il numero delle nascite attese 8

9 (pur non essendo nemmeno molto chiaro se il calcolo debba farsi a priori o possa farsi anche a posteriori, e secondo quali criteri e fonti informative). In più, come ammette espressamente il documento in esame, se la coppia committente rimanesse soddisfatta del primo prodotto e desiderasse ripetere l esperienza positiva, anche nel caso che il donatore abbia già raggiunto le dieci nascite con suoi gameti si potrà comunque procedere all utilizzo dei suoi semi. In tutto questo, vengono altresì ampiamente permesse le registrazioni, da parte del Centro di PMA, di tutti i dati di efficienza, compresa la presenza di eventuali malformazioni (perché? per additare il donatore problematico e sconsigliarlo alle coppie interessate all eterologa che si rivolgono al centro? Per avvisare il donatore? E come, se rimase a suo tempo opportunamente anonimo? Per configurare possibili responsabilità civili? Per radiarlo dagli elenchi dei donatori locali, o comunque smettere di utilizzare i suoi gameti, allo scopo di non danneggiare la reputazione del Centro?). * * * Dopo questa rapida perlustrazione dei problemi, almeno alcuni, sollevati dalla fecondazione artificiale eterologa, e l analisi critica delle soluzioni affacciate o anche solo tentate dal documento delle Regioni, penso si possa essere d accordo sul fatto che con la sentenza è cominciata una nuova fase della regolamentazione delle tecniche di fecondazione artificiale: una fase diversa da quella inaugurata dalla legge 40/2004 in misura enormemente superiore, sul piano anche simbolico, rispetto a quanto molti avevano immaginato. Prima ancora di affrontarne le complicazioni operative, pertanto, è opportuno o forse proprio doveroso farsi carico di un adeguata riflessione circa le trasformazioni semantiche che questa nuova fase comporta. Alle persone che pensano 7 (vale a dire, quelle che oltre a farsi sollecitare emozionalmente o travolgere psicologicamente dagli eventi, rivendicano un residuale diritto di elaborarli intellettualmente, di reperirne il senso, le cause, la giustificazione quando esistono), resta il compito più interessante: quello di valutare criticamente queste metamorfosi, comprenderne il portato in termini di bene e di male, di giusto ed ingiusto, ed orientare lo sviluppo delle culture e delle società in cui esse avvengono. La riflessione accademica, l apporto dei filosofi e dei giuristi, continuano pertanto ad essere elementi decisivi di libertà e di liberazione autentica, e quindi di vero progresso. 7 Nonostante l apparente accoglienza generale della sentenza costituzionale, già cominciano a farsi notare segnali di ripensamento critico provenienti da orientamenti anche piuttosto distanti tra di loro: spigolando nella stampa nazionale, mi limito a citare l articolo perplesso di G. Belardelli (Fecondazione eterologa. La tecnoscienza non sostituisca l etica), in Corriere della Sera, 25 settembre 2014, p. 33, e l intervento dal titolo programmatico di M. Politi, L eterologa nasce da una finzione, in Il Fatto Quotidiano, 9 settembre 2014, p

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE CASO S. H. E ALTRI c. AUSTRIA (Ricorso n 57813/00) SENTENZA STRASBURGO 1 aprile 2010 Pendente alla Grande Camera domanda di deferimento

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

La Banca del seme più grande del mondo

La Banca del seme più grande del mondo La Banca del seme più grande del mondo Un sogno che diventa realtà Tutto iniziò con uno strano sogno riguardante seme congelato. Oggi, la Cryos International - Danimarca è la più grande banca del seme

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI

DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI Sommario: 1. Premessa.- 2. Promozione dei diritti del minore: statuto costituzionale e legislazione ordinaria a confronto. Principio di responsabilità per il fatto della

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi. L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.it INDICE: 1) Considerazioni preliminari 1.1) La portata giuridico-formale

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Linee Guida per La Consulenza nell Infertilità

Linee Guida per La Consulenza nell Infertilità ORDINE NAZIONALE DEGLI PSICOLOGI ITALIANI Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi Gruppo di Lavoro sulla Psicologia della Procreazione Assistita Manfredi Asero Angelo Gabriele Aiello Giuseppe Pozzi

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione (Bozza di delibera) Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali 1. Ricognizione della

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli