COSEANO. notiziario di BILANCIO CONSUNTIVO 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSEANO. notiziario di BILANCIO CONSUNTIVO 2006"

Transcript

1 COSEANO Anno III Numero 1 Luglio 2007 Autorizzazione DCB/ACBNE/UD/PDI/333/ /03/2005 Barazzetto Cisterna Coseanetto Coseano Maseris Nogaredo di Corno sommario attività amministrativa Bilancio consuntivo Notizie dall ufficio tributi... 3 Corso di alfabetizzazione informatica... 3 Il comando di polizia municipale informa... 3 Lavori di ristrutturazione della sede municipale... 3 Zona industriale: nuovo insediamento... 4 Asfaltature... 4 Nuova illuminazione per l incrocio a Coseano... 5 Nuova illuminazione nei cimiteri del comune... 5 Manutenzione straordinaria nelle scuole... 5 gruppo di minoranza... 6 scuole La scuola dell infanzia vola alto!!!!... 7 Progetto di continuità tra scuola dell infanzia e scuola primaria... 7 Libri per l estate... 7 Nella scuola primaria U. Masotti di Cisterna... 8 Gemellaggio tra le 2 Cisterne... 9 varie La Barazzetto- Castelmonte I nostri caduti nelle due guerre mondiali Centri vacanze Il fossâl Il giro del Friuli parte da Coseano Biblioteca: tre mesi di attività notizie dall estero...14 Da Nogaredo a Seoul Riceviamo da associazioni Acat: il club funziona così Associazion par maseries Pro loco Cisterna Protezione civile Gruppo di manualità Trasferta a Roma della nuova corale di Coseano BILANCIO CONSUNTIVO 2006 È stato discusso nell ultima seduta del Consiglio Comunale il rendiconto dell esercizio 2006, che si è chiuso con un avanzo di ,04, di cui 4.454,52 vincolati da destinarsi al Fondo Miglioramento Servizi e Produttività. Il documento è stato approvato con l astensione della minoranza. Tale risultato rispecchia il buon andamento della gestione dell Ente, non denotando alti livelli di minore utilizzo delle risorse o realizzazione delle entrate a suo tempo stanziate nel Bilancio di Previsione. L approvazione del rendiconto è comunque l occasione per verificare il livello di realizzazione di progetti e programmi approvati all indomani del risultato elettorale e la coerenza delle azioni intraprese rispetto agli obiettivi prefissati. Infatti, al di là delle risultanze finanziarie e contabili, che pure forniscono una visione d insieme del livello di funzionalità della struttura amministrativa, risulta indispensabile fare il punto sugli aspetti gestionali che non sono rilevabili in termini prettamente contabili. Sotto l aspetto territoriale e urbanistico i programmi varati miravano al conseguimento della definitiva approvazione del nuovo strumento urbanistico entro la fine dell esercizio: con deliberazione consiliare n 33 del 19 settembre scorso si approvava definitivamente la variante generale al PRGC e, dalla data di esecutività del nuovo strumento urbanistico (28/12/2006), sono pertanto divenute concrete le possibilità di sviluppo per la residenzialità e per i settori produttivi ivi contenute. Già a pochi mesi dalla vigenza dello stesso si registrano concreti segnali di ripresa dell edilizia residenziale, mentre per le aree destinate agli insediamenti produttivi l Amministrazione intende procedere speditamente all avvio delle procedure per l approvazione dello strumento attuativo relativo al Firma del nuovo statuto della Comunità Collinare del Friuli. nuovo perimetro della zona industriale di S. Andrea. L insediabilità attuale della zona ha infatti raggiunto, in corso di esercizio, un livello di quasi saturazione, con l assegnazione di alcuni lotti ancora disponibili a due importanti realtà imprenditoriali, che hanno ad oggi già quasi ultimato gli interventi edilizi in loco e sono prossimi ad avviare il ciclo produttivo. Sempre nel settore economico produttivo le scelte dell Amministrazione di adesione al Distretto dell Agro-Alimentare di S. Daniele sono state confermate in corso di esercizio con la partecipazione del nostro Ente all ASDI, che è il nuovo organismo societario in cui convergono e sono rappresentati gli interessi pubblici-privati del territorio dei comuni aderenti. In tale ambito, sono maturati e proseguono importanti iniziative di valorizzazione territoriale, quali la certificazione ambientale dei comuni aderenti, per i quali è in corso il passaggio all EMAS, nonché il Progetto di Agenda 21 Locale, Life-Vento, che si propongono obiettivi di sensibilizzazione su tematiche di miglioramento della qualità della vita e di sviluppo sostenibile difficilmente affrontabili, anche economicamente, a livello di singolo comune. Direttore Responsabile: Adriano Domenico Piccoli Direzione-Redazione: Comune di COSEANO Telefono David Asquini - Pier Antonio Melchior - Enzo Minighini - Romano Pellegrini Registrazione: Tribunale di Udine N. 8/2005 del Stampa: Poligrafiche San Marco Cormons (GO) Il Notiziario di Coseano semestrale di informazione è stampato in 1100 copie ed inviato gratuitamente alle famiglie del Comune di Coseano e agli emigrati. La presentazione di articoli è aperta a tutti (non soggetti partitici). Gli articoli dovranno pervenire alla Redazione che si riserva, in ogni caso, la scelta di pubblicare o meno qualsiasi scritto o inserzione.

2 COSEANO ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA 2 È infatti convincimento dell Amministrazione che le uniche possibilità di sviluppo di un piccolo comune come il nostro siano connesse a logiche di cooperazione e condivisione di valori e scelte in ambiti più ampi e di livello sovraccomunale. Sulla base di tali presupposti, l esercizio appena concluso è stato particolarmente importante in quanto ha visto l approvazione del nuovo Statuto della Comunità Collinare e la sua costituzione in Aster, in attuazione dei principi della riforma regionale sulle autonomie locali, che riconosce solo a tali nuclei associativi, il ruolo di interlocutori privilegiati nell ottenimento di finanziamenti per opere e infrastrutture. In tale ambito associativo sono state altresì rinnovate le convenzioni per la gestione di numerosi servizi - dal servizio Rifiuti (comprendente oltre alla raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, anche la gestione associata delle ecopiazzole) al servizio tributi, a quello per la gestione del personale, al servizio cartografico-sit, ai servizi culturali collinaecultura, mentre si sono gettate le basi per estendere a livello consortile il servizio per il SUAP-Sportello Unico per le Attività Produttive (attualmente svolto in convenzione dal nostro comune insieme a quelli di San Daniele, Rive d Arcano, Ragogna, Dignano e Flaibano). Al di fuori dell ambito collinare, con i contigui comuni della Bassa Friulana, è in atto la convenzione per il progetto Protostoria in Friuli per la valorizzazione delle valenze storico-archeologiche del territorio di riferimento, mentre con i comuni della Valle del Corno ci lega lo specifico Master Plan, oltre al progetto Interreg Italia Austria con valenza di promozione turistica del territorio e di produzioni specifiche in agricoltura; progetti, questi ultimi, che ci vedono entrambi quale ente capofila. Anche nel settore sociale il nostro Ente si muove nell ottica del superamento delle criticità (economiche e organizzative), che investono i comuni di piccole dimensioni, cogliendo ogni opportunità offerta dall associazionismo istituzionale e dalla cooperazione tra Enti, dal Servizio sociale d Ambito al Centro risorsa donna, non tralasciando peraltro alcune delle residue possibilità di dare risposte dirette ai bisogni anche con i propri limitati mezzi. Dal punto di vista delle spese di investimento, nel corso del 2006 sono state finanziati e avviati gli interventi di rifacimento delle coperture delle scuole media e primaria per circa ,00 (finanziati parzialmente con un contributo provinciale), l adeguamento degli impianti sportivi per un totale di ed alcuni interventi di manutenzione straordinaria della pubblica illuminazione per circa ,00 e della viabilità comunale per circa ,00. Inoltre, grazie ai contributi della Protezione Civile regionale, durante il 2006 si sono attivate le procedure per gli interventi di messa in sicurezza del torrente Corno a Barazzetto/Nogaredo e dell area a nord di Coseano, a tutela dell abitato del capoluogo, per la consistente cifra di ,00. NOTIZIE DALL UFFICIO TRIBUTI L intensa attività sviluppata dall Ufficio Ici nell ultimo quinquennio, ha consentito, innanzitutto una più equa ridistribuzione del carico tributario con una diminuzione dell aliquota per l abitazione principale ed un evidente vantaggio per i cittadini residenti. In un ottica poi di servizio al cittadino, grazie anche alla costante interazione con la cartografia catastale informatizzata e georiferita, è stato possibile recepire integralmente il riordino fondiario, notificare tempestivamente al contribuente ogni variazione del PRGC avente incidenza sull imposta, inviare ai contribuenti i bollettini Ici integralmente precompilati. L attività di accertamento sulle posizioni contributive anomale riscontrate, ha portato al recupero di un imposta non versata pari a Euro nell ultimo triennio; tutte le domande di rimborso, inoltre, sono state puntualmente vagliate ed evase. Quest anno, dopo una ricognizione dei fabbricati non accatastati all urbano, sono state inviate circa duecento raccomandate ai proprietari con l invito a procedere all accatastamento. Attualmente circa dieci immobili sono già stati accatastati, settantacinque sono in corso di accatastamento e in sessanta casi sono stati verificati i requisiti della ruralità. Per le restanti posizioni, in caso di inerzia del proprietario, la pratica sarà inoltrata all Agenzia del territorio che provvederà con oneri a carico dell interessato, al classamento delle unità immobiliari segnalate. Il lavoro svolto in questi anni, pone dunque il Comune di Coseano all avanguardia in Regione nel campo della fiscalità locale. A fronte dei lusinghieri risultati raggiunti, risulta possibile, già a partire dall anno in corso, ridurre i costi del servizio, mantenendo inalterato, con un minore onere per l Ente, l eccellente standard operativo raggiunto. CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA Il Progetto Regionale di Alfabetizzazione Informatica di cui alla Legge Regionale n. 8/2006, prevedeva la possibilità di effettuare corsi di informatica di base gratuiti rivolti a determinate categorie di cittadini espressamente previsti dalla legge stessa. Il comune di Coseano ne ha subito approfittato organizzando un corso rivolto alla popolazione femminile in condizione non professionale (casalinghe) e alla popolazione occupata (maschi e femmine) in attività lavorative, nelle quali non è richiesto l uso di strumenti informatici. Il corso, della durata complessiva di 20 ore, ha avuto inizio in data 21 marzo 2007 e termine il 20 aprile e si è tenuto presso l aula di informatica della Scuola Media di Cisterna, con cadenza bisettimanale (mercoledì e venerdì dalle ore alle 22.00). Al corso sono stati ammessi i primi 11 richiedenti, ai quali è stata anche concessa la possibilità di beneficiare di un buono-acquisto regionale per attrezzature informatiche che prevede la copertura fino al 50% della spesa sostenuta (eventualmente elevabile al 75% per utenti in possesso di certificazione ISEE con limite inferiore a ,00). Il corso si è svolto con unanime soddisfazione dei partecipanti i quali, attraverso queste pagine, fanno giungere ai docenti Gonano Glauco e Mattiussi Simone il più sincero grazie per la disponibilità e professionalità dimostrate. Visto il positivo riscontro all iniziativa, l Amministrazione Comunale non mancherà di presentare nuovamente analoghe domande di contributo agli organi regionali per la realizzazione di ulteriori corsi di informatica magari rivolti anche ad altre categorie sociali (es. pensionati). IL COMANDO DI POLIZIA MUNICIPALE INFORMA che l Amministrazione Comunale ha stabilito il quale termine ultimo per la regolarizzazione degli accessi/passi carrabili aperti anteriormente al ai sensi dell art. 22 del Codice della Strada. Si invita pertanto la cittadinanza ad attivarsi al fine di presentare domanda di autorizzazione/regolarizzazione con le seguenti modalità: - Accessi su strada comunale: domanda su modulo prestampato in bollo da 14,62, cui va allegata una seconda marca da bollo da 14,62 da applicare all autorizzazione a cui va allegato, infine, estratto di mappa - Accessi su strada provinciale: prima va richiesto il nulla osta all Ente proprietario della strada (Provincia di Udine) compilando la domanda sul modulo della Provincia ed allegando quanto richiesto (attestato di versamento per spese istruzione pratica, estratto di mappa, due foto dell accesso). Una volta ottenuto il nulla osta, l autorizzazione va richiesta al Comune con le stesse modalità di cui al punto precedente allegando il nulla osta della Provincia - Accessi su strada statale: l autorizzazione va richiesta all A.N.A.S. Al ricevimento della domanda, il Comando di Polizia Municipale procede all istruttoria della pratica che prevede anche un sopralluogo in loco. Terminata l istruttoria viene rilasciata l autorizzazione all utilizzo dell accesso/passo carrabile della durata di anni 29. Il numero dell autorizzazione va riportato sul cartello che si deve affiggere presso l accesso/passo carrabile. Tutta la modulistica è disponibile sul sito internet del Comune e presso gli uffici della Polizia Municipale, cui ci si può rivolgere per qualsiasi ulteriore informazione (tel ).

3 3 ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA SEDE MUNICIPALE In data 11 giugno scorso, la giunta comunale ha approvato il progetto definitivo dei lavori di sistemazione ed eliminazione delle barriere architettoniche della sede municipale euro l importo totale dei lavori di cui finanziati con un mutuo della Cassa depositi e Prestiti e con fondi propri di bilancio. Il mutuo contratto è assistito da un contributo della Provincia che prevede l erogazione di rate annuali costanti di euro per 10 anni. La redazione del progetto, e la successiva direzione dei lavori, è stata affidata all ing. Adriano Runcio dello Studio Runcio Associati di Udine e dopo le ferie del mese di Agosto si procederà all appalto dell opera. Con questo intervento, l Amministrazione Comunale ha voluto rendere accessibili tutti gli uffici municipali; i lavori in progetto, infatti, sono finalizzati ad eliminare le barriere architettoniche nel fabbricato oltre che a migliorare la fruibilità da parte degli utenti e degli impiegati e a ridurre il costo energetico per riscaldamento mediante la sostituzione dei serramenti esterni. I lavori prevedono, tra l altro, una redistribuzione di parte degli spazi interni, in modo da migliorare il servizio al cittadino unitamente all abbattimento delle barriere architettoniche. In tal senso si prevede di spostare l Ufficio Tecnico dall attuale secondo piano, difficilmente raggiungibile da alcuni utenti, al piano rialzato creando un idoneo spazio per l attesa dei cittadini e dotando il piano rialzato di servizio per persone diversamente abili. Inoltre, allo scopo di adeguare l uscita principale alle norme di sicurezza, si prevede di sostituire il manufatto dotandolo di apertura verso l esterno e creare una bussola di ingresso con bacheche poste sui lati. I due piani su cui insistono gli uffici, saranno resi visitabili da persone ipo-non vedenti mediante l installazione di quadrette in gomma lavorate secondo il sistema Loges e di una mappa tattile a caratteri braille. Nello specifico i lavori interesseranno i vari piani come segue: Piano rialzato - formazione di servizio per persone diversamente abili dotato dei consueti accessori; - ristrutturazione del servizio igienico esistente mediante rifacimento di sanitari, rivestimenti e pavimenti; - formazione di bussola di ingresso ed installazione di porta con apertura verso l esterno; - redistribuzione delle partizioni interne per la creazione degli spazi necessari all Ufficio Tecnico (compreso la trasformazione dell autorimessa in ufficio); - installazione di un servoscala per consentire il raggiungimento del primo piano da parte di persone diversamente abili Primo piano - formazione di due servizi igienici, uno dei quali attrezzato per persone diversamente abili; - creazione di un nuovo vano da destinare all ufficio tributi; - redistribuzione degli spazi degli uffici del sindaco e del segretario al fine di creare una piccola sala riunioni; Secondo piano - trasformazione dell ufficio tecnico in sala riunioni In ogni piano si prevede la sostituzione dei serramenti esterni con modello in alluminio a taglio termico, vetrata di sicurezza e termocamera. Per la protezione dall irraggiamento solare, sono previste tendine alla veneziana costituite da doghe in alluminio installate sul fermavetro. Un ulteriore contributo di euro concesso dalla Protezione Civile, consentirà anche la contestuale sistemazione e il rifacimento dei serramenti esterni dell ultimo piano dell edificio destinato, appunto, a sede della Protezione Civile, per un importo totale di euro L importo dei lavori è di euro e il progetto, in fase di stesura, sarà redatto dal responsabile dell Ufficio Tecnico arch. Paolo Sartori.

4 COSEANO ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA 4 ZONA INDUSTRIALE: NUOVO INSEDIAMENTO In questi giorni la struttura comunale è impegnata nell acquisizione dai privati cittadini e successiva rivendita ad un impresa industriale che ne ha fatto richiesta di due lotti della zona industriale per complessivi metri quadrati. Si sta quindi completando (mancano solamente alcuni lotti) l insediamento della originale zona industriale già urbanizzata. L azienda che si insedierà, la BAGIGI s.r.l. con attuale sede a Torreano di Martignacco si attiverà nella produzione di pannelli fonoisolanti per l edilizia, pavimentazioni antitrauma per la zootecnia e antivibranti per l industria, derivati da pneumatici fuori uso. Inizialmente si prevede la costruzione di circa 3500 metri quadrati di coperto di cui circa 300 per uffici, 300 di laboratori e la parte restante di 2900 metri quadrati dedicata alla produzione e stoccaggio dei prodotti finiti. La produzione avverrà a ciclo continuo su tre turni di otto ore per cinque giorni alla settimana impiegando inizialmente circa venti unità lavorative per poi arrivare a circa quaranta. L innovativo processo di produzione (attualmente in fase di brevettazione) essendo principalmente di tipo elettro-meccanico, non prevede sostanze chimiche aggiunte e non comporta emissioni in atmosfera gassose o liquide con scarichi industriali assimilabili a quelli domestici in assoluto rispetto alle vigenti leggi in materia e d altra parte richiede solamente un intensivo utilizzo di energia elettrica. Per l impianto di produzione sono stati selezionati macchinari innovativi, attualmente non utilizzati in Italia, che consentono di ottenere produzioni continue, ed elevata qualità del prodotto finito e ridotti costi del personale. Il processo di produzione prevede l immediato utilizzo dei pneumatici in arrivo riducendo in tal modo la quantità stoccata, pari ad un massimo di 500 tonnellate. I materiali di scarto (acciaio e tessuto/fibre) verranno collocati sul mercato dei rottami ferrosi o inviati a smaltimento. Come al solito nelle intese verbali che l amministrazione ha avuto con i titolari in fase di accordo iniziale è che nelle assunzioni, una via preferenziale sia riservata al personale proveniente dal territorio comunale. Se tutto procederà come auspicato l inizio lavori di costruzione dello stabilimento dovrebbe avvenire già da settembre e l avvio dell attività produttiva è previsto entro l estate del ASFALTATURE Nel mese di Maggio si è dato avvio ai lavori che hanno riguardato la manutenzione straordinaria e il ripristino delle asfaltature di alcuni tratti della viabilità comunale. Come al solito il criterio per la scelta delle strade su cui intervenire è stato quello di dare priorità ai tratti che presentavano maggior degrado o pericolosità al transito dei mezzi o delle persone. Pertanto i lavori hanno interessato Via Cooz di Cisterna, Via San Andrea di Coseano e la viabilità dei due sensi di marcia posta a nord nella zona industriale (tratto su cui il manto finale d usura non era stato mai fatto). I lavori, eseguiti in pochi giorni sono stati eseguiti dalla ditta CAVE ASFALTI di Dell Agnese s.r.l. di Rovereto in Piano, e sono consistiti nella stesura del manto d usura in conglomerato bituminoso dello spessore di tre centimetri compresa pulizia. Il costo complessivo dell opera è stato di euro.

5 5 ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA NUOVA ILLUMINAZIONE PER L INCROCIO A COSEANO L Amministrazione Comunale di Coseano ha da poco appaltato all impresa Co.El. di Gattesco Giacinto per l importo di circa, l illuminazione dell incrocio a Coseano (fra la statale Udine-Spilimbergo e la provinciale n. 62 per S. Daniele) e del tratto di provinciale che dall incrocio conduce al capoluogo. Questo lavoro si spera renderà meno pericoloso un punto della viabilità interessante chi arriva ed esce da Coseano specie nelle ore serali e notturne e, inoltre, illuminerà il viale di accesso al capoluogo dando, di fatto, maggior visibilità all abitato. L opera che verrà realizzata prenderà alimentazione direttamente dall impianto comunale già esistente e consisterà nella realizzazione di un tratto di linee elettriche completamente nuovo con l esecuzione di uno scavo di 800 mt., la realizzazione di 20 nuovi plinti di fondazione, l installazione di 12 nuovi punti luce su sostegno in acciaio e con corpo illuminante e il collegamento con quanto già esistente. Tutte le parti formanti l impianto elettrico di illuminazione (tubazioni, pozzetti e corpi illuminanti) e tutte le lavorazioni ad esso correlate (scavi, ripristini, ecc.) verranno posate ed eseguite esclusivamente su suolo pubblico, quindi senza interessare la proprietà dell ANAS e senza alcuna necessità di esproprio per i privati. I criteri progettuali generali sono ispirati ad ottenere un elevato grado di sicurezza nel rispetto delle normative vigenti ed un risparmio di costi di gestione e mantenimento dell impianto stesso. NUOVA ILLUMINAZIONE NEI CIMITERI DEL COMUNE Sono in via di completamento i lavori di rifacimento dell illuminazione votiva e di installazione di illuminazione dei viali presso tutti i quattro cimiteri del comune. La ditta appaltatrice del servizio ha effettuato il lavoro di messa a norma di tutti gli impianti esistenti con la loro completa sostituzione e ampliamento della fornitura elettrica alle zone non servite. Tutti coloro che lo desiderano quindi potranno richiedere il servizio di illuminazione votiva in tempi molto rapidi rivolgendosi direttamente alla ditta appaltatrice del servizio Lux Fidelis di Galliussi Aniceto sas di Buttrio, inoltre il recapito è sempre reperibile all entrata di ciascun cimitero o telefonando all ufficio tecnico comunale. Nel corso dei lavori sono stati inoltre installati lungo i vialetti, e nelle zone più buie, punti luce che con la loro illuminazione renderanno più dignitosi e più agibili questi mesti luoghi. L intervento, eseguito dall appaltatore, non ha comportato nessun esborso finanziario per l amministrazione in quanto la Ditta si è impegnata alla loro esecuzione a fronte della fornitura del servizio per i prossimi 10 anni. MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELLE SCUOLE Seguendo un ottica di continua valorizzazione delle nostre scuole abbiamo continuato negli interventi di straordinaria manutenzione presso il centro scolastico di Cisterna. Questo si è reso possibile anche grazie al contributo della protezione Civile Regionale di euro concesso in data 18 dicembre 2006, in seguito ai danni subiti dalle avversità atmosferiche del 29 giugno Il Primo intervento, effettuato presso l edificio delle scuole elementari è consistito nella sostituzione dei lucernai sul lato ovest e nel ripasso di tutta la copertura con la sostituzione delle tegole rotte e il fissaggio delle rimanenti con adeguati materiali. Questo ha comportato il completamento dell opera di ripristino, già iniziata l anno precedente, dell intera copertura risolvendo definitivamente i problemi di infiltrazioni d acqua esistenti. Un secondo intervento è stato effettuato presso l edificio scolastico che ospita le scuole Medie, dove si è proceduto al rifacimento completo della copertura dell ala nord con la rimozione totale delle tegole, la posa in opera di una guaina impermeabilizzante e la sostituzione delle converse in rame; in seguito sono state riposate le tegole con fissaggio tramite schiuma. Inoltre sono state impermeabilizzate tutte le parti piane dei cornicioni e la terrazza antistante l ingresso principale. Stesso intervento è stato eseguito sopra la sala insegnanti dove sono state anche sostituite le grondaie ormai vetuste. I lavori sono stati svolti in economia dalla ditta Edil Co di Alessandro Campana Rive D arcano e seguiti diligentemente dal nostro Ufficio Tecnico.

6 COSEANO GRUPPO DI MINORANZA 6 Il Gruppo consiliare di minoranza plaude ai Corsi di Friulano, aperti a tutti, indetti dall Amministrazione Comunale e tenuti dalla Società Filologica Friulana, con l augurio che continuino in orari accessibili ad una più larga partecipazione, specie di giovani. Rinuncia, pertanto, alla propria pagina in favore della pubblicazione di alcune brevi composizioni in friulano, scritte da partecipanti al Corso di quest'anno SIMITIERI A COSEANET di Pier Antonio Melchior Cuant che o jeri piçul in timp di vuere ogni tant dopo Messe o lavi tal simitieri tacât de glesie di Coseanet. O jentravi da râr parcè che i muarts mi fasevin pôre: dutis chês musis di vecjos o di zovins che ti cjalavin cun soference e che ti cjacaravin cun scritis di dolôr. Jo no cognossevi nissun par me a jerin forescj e mi spaventavin. Cumò o voi dispès tal gnûf simitieri di Cosenet a saludâ gno pari e mê mari gno fradi e miei nonos e chei altris parincj. Mi cjali ator e mi inacuarç che o soi come tra i vîfs. Al è un puest plen di musis che o ai cognossût e ûr cjacari e ju saludi come se a fossin vîfs in me companie e chest simitieri grant come un strop di lidric che al darà cjase ancje a mi no mi fâs impression e si pensi a la muart mi pâr che al sarà come gambiâ companie lassant chei di cumò par tornâ cun chei di une volte. L AIAR AL DÎS di Renza Pagani L aiar al sofle, rot il cidin, si smenin lis fueis a businin parfin. Scolte un moment tu sintis che a disin nissun l è par câs tal mont dal creât, il piçul e il grant nol fâs diference, dut l è amôr pal nestri Signôr. psst ei psst. Romeo sì, o soi jo, chel sfuei di cjarte che tu âs sot dal nâs. Sint, finissile di roseâ chel lapis. Al è un toc che tu mi stâs cjalant, al sarès ore che tu tachis a butâ jù alc. Tu tu âs volût frecuentâ il cors di furlan. Viôt che nissun ti a dit che tu sês obleât a scrivi, ma par mostrâ une biele muse, alc tu âs di fâ. Al è di pôc afâr se il to amì ti à dit: Sêstu instupidît! Âstu voie di deventâ come Lisdero di Nearêt di Cuar? Viôt e par fortune o vin passions diferentis l un da l altri. Però, mi racomandi no sta svantâti masse, ancje se tu rivis cif e çaf a butâ jù cuatri riis in crôs, mus tu jeris e mus cu la maiuscule tu deventarâs, ma simpri mus tu restarâs. Ehi, gno frut, fami viodi il voli, no! Sta fer Fati passâ chel pinsîr alì. Tu no tu âs di fruçâmi, no tu âs di fâ un balon di me, par butâmi sù pal fûc. Tu âs cincuante agns, cjapiti la responsabilitât di chel che tu fasis. Sì, tu sês grant e grues, ma lasse a chei altris il judizi di trop om che tu sês deventât. Mi plasarès lâ dentri tai tiei pinsîrs, ma o ai pôre di deventâ sort, parcè che al plui piçul rumôr al sarès dut un rimbombâ. Ah, ce fortunât che o sarès stât, se o fos colât tes mans di une creature di trê agns. Pense, doi schiribiçs, un pâr di colps di fuarpis e intun lamp o varès realizât la reson da LA GNOT di Renza Pagani La gnot cuiete murmuie a la lune cjale la tiere, cul to fîl di lusôr ties une coltre di suns e di amôr. La stele plui biele si met intal mieç e ricame un macet di gjonde e di afiets. L aurore colore di rose ligrie, la coltre, che al dì i regale e va vie. IL TITUL METÛT TAL MIEÇ di Romeo Burello la mê esistence. M Tu stâs pensant ce titul dâ a chest scrit achì. Ti judi jo, ma a lis mês condizions. Par prin tu vâs al cors e tu disis che une conte tu le butis jù un altre volte. Daspò, il titul al à di fâ di spieli al to mût di fevelâ, simpri plen di peteçs, porcariis e soredut blestemis. Daspò il titul, ancjemò dôs riis par vierzi i tiei voi. Il titul: Tu ti sês parât il cûl. Al è miôr che o trai lis conclusions, se no tu mi voltis e tu vâs indenant in chest scrit une vore ignorant. Pense trop çondar che tu sês. Trop timp e trope fadie che tu varessis sparagnât, se tu vessis scrit dome chel che tu âs imparât. MANDI, scritôr di prin pêl. AL NESTRI MESTRI, PAR I VINCJECINC AGNS DI MATRIMONI CU LA CORÂL di Bruno Toffolini Ce biel cjatâsi chi insiemi in ligrie dopo vincjecinc agns di aventuris, tal biel e tal brut timp. La corâl di Cosean e à vude la grande fortune di vê simpri mestri Cornelio a direzile. Lu vin sopuartât cun tante fadie, e lui nus à vuidâts fin a chescj nivei che nol è pôc. Insiemi cun Valerie, la sô siore, ancje jê malade da la stesse malatie dal om, al à vude la pazience di insegnânus dut su la musiche, e no cence fadie. Int vin sintudis e int sintìn di ducj i colôrs. Si inrabiin, o butìn vie la cartele, ma daspò o tornìn come prime, se no altri par rispiet a mestri Cornelio, e parcè no ancje a mestre Valerie!! Dut chest preambul iniziâl nol è altri che une scuse par rivâ al duncje. Tai matrimonis, dopo vincjecinc agns, a fasin i confets di arint. Al nestri mestri no i plasin i confets e al à dincj une vore malandâts. E jo lu sai, parcè che al à simpri chê bocjone spalancade su la mê muse, tant che jo mi inacuarç subit se al è stât di resint dal dentist. Alore, o vin pensât di regalâi une bachete di mestri, ma no di len di arint!! Tal puest dai confets, Toscanini nol à vût chel onôr. Ma, par dîle juste, mestri Cornelio al è par nô plui di Toscanini!! Alore, i disìn gracie al nestri mestri, gracie ancje a la mestre, e tancj augûrs par altris vincjecinc agns e ancje plui, e che si rangjin chei che a restin a sopuartâlu! Tantis e po tantis graciis ancjemò e augûrs cu la bachete di arint. Se tu ti compuartis ben tra vincjecinc agns ti regalìn chê d aur Chei che a restin! Gracie mestri, grazie Cornelio.

7 7 SCUOLE LA SCUOLA DELL INFANZIA VOLA ALTO!!!! Un altro anno è trascorso serenamente alla Scuola dell Infanzia di Cisterna e le novità non sono mancate per divertire, interessare e motivare all apprendimento i giovani alunni. Il tema proposto quest anno, Con il naso all insù, ha permesso di far scoprire ai bambini l elemento ARIA focalizzando la loro attenzione su alcuni aspetti del cielo, sugli animali, sui mezzi di trasporto e non che lo popolano. Così, a seconda dell argomento trattato è stato possibile incontrare a scuola streghe sulle scope (famoso e poco inquinante mezzo di trasporto, da prendere in considerazione per il futuro), razzi, aerei e mongolfiere, aquiloni e simpatiche gazze ladre. Questo argomento ha permesso, inoltre, molteplici contatti con il territorio: dall uscita didattica all Aeroclub di Rivoli, dove i bambini hanno provato l emozione di salire su di un aereo (motore spento ovviamente ), alla gita a Bordano per osservare da vicino (e in alcuni casi da vicinissimo) le farfalle, all incontro con gli Scout di S. Daniele per costruire dei coloratissimi aquiloni da far volare in giardino. Rilevanti sono stati gli incontri con Fitnet una preparatissima mediatrice culturale macedone che ha presentato ai bambini gli usi e costumi del suo paese, gli incontri con l artista Giorgio Pascoli per un lavoro di narrazione e pittura in koinè, gli incontri per le famiglie con il docente Roberto Gilardi straordinario esperto di comunicazione. Accanto a tutto ciò non sono mancate le proposte musicali dell insegnante Valeria, il percorso d Inglese con le maestre Grazia, Sandra e Norina, il progetto di Friulano con le maestre Amalia, Lorenza e Andreina. Un ringraziamento particolare va al signor Roberto Bruno che con generosità e impegno ha dato un nuovo aspetto alla nutrita biblioteca della scuola. Tutto l affetto dei bambini e la stima delle insegnanti va a due storiche maestre della nostra scuola, l insegnante Amalia Melchior e Maria Grazia Mattiussi che, per oltre 25 anni, hanno contribuito, con costante impegno e dedizione, alla crescita della nostra scuola e che a giugno concludono la loro lunga carriera scolastica. A loro l augurio di un futuro sereno, circondate da tanti... nipotini!!!!! PROGETTO DI CONTINUITÀ TRA SCUOLA DELL INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA Nei giorni , e , nell'ambito del Progetto di continuità tra la Scuola dell'infanzia e la Scuola Primaria di Cisterna, si sono svolti, presso i locali di quest'ultima, tre incontri di aggiornamento con il Prof. Roberto Gilardi. Il Progetto di continuità, basato sulla condivisione delle finalità educative tra scuola e famiglia, prevede la partecipazione di genitori ed insegnanti, ed è giunto al quarto anno di vita. Quest'anno, con relatore il Prof. Gilardi, il tema prescelto è stato quello delle regole, del loro significato e di ciò che famiglia e scuola possono fare per educare alla collaborazione, evitando il ricorso costante agli ordini ; si sono approfonditi, inoltre, i temi dell'attenzione, dell'interesse e della voglia di fare dei bambini. Il relatore, già conosciuto dalle insegnanti dell'istituto Comprensivo di Sedegliano, che ha organizzato e sostenuto il Progetto, ha già svolto per tre anni attività di aggiornamento del personale docente, dimostrando straordinarie competenze unite a un approccio semplice e coinvolgente. Durante i tre incontri i temi affrontati hanno destato profondo interesse nei partecipanti, che hanno potuto vedere situazioni e richieste della scuola o della famiglia attraverso gli occhi dei protagonisti dell'azione educativa, in un confronto sempre vivacemente condotto dal relatore. Genitori ed insegnanti hanno confrontato i loro modi di gestire ed affrontare problemi quanto mai attuali come quello del rispetto delle regole da parte delle nuove generazioni, che spesso dimostrano con i loro comportamenti di non avere ben chiaro ciò che la società, in particolare la scuola, chiede loro in questo ambito. I tre incontri, della durata di due ore e mezza ciascuno, sono volati, per la straordinaria capacità del relatore di coinvolgere tutti i presenti e per le modalità del suo approccio, spesso anche giocose: i partecipanti si sono ritrovati a giocare proprio come i loro figli/alunni, per sperimentare di persona tecniche di cooperazione attiva. Ci auguriamo che le ricadute di questo lavoro svolto assieme porti a una sempre maggiore integrazione delle finalità educative espresse da due agenzie così importanti quali la famiglia e la scuola, e siano utili per mantenere viva ed efficace la loro collaborazione, finalizzata alla crescita equilibrata dei nostri bambini. LIBRI PER L ESTATE Consigli sotto l ombrellone Ehi, ragazzi, avete usufruito dell'efficiente sistema bibliotecario della nostra scuola? Se ancora non lo avete fatto o se siete indecisi sui titoli dei libri da scegliere, ecco qui alcuni testi consigliati per non annoiarvi durante l'estate: J. VERNE, IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI Adatto a ragazzi della nostra età, racconta le avventure di due persone che devono compiere l'impresa eroica di fare il giro del globo nel tempo record di ottanta giorni. Ci riusciranno? Non resta che leggerlo. R. DAHL, LA FABBRICA DI CIOCCOLATO Grande classico, da cui è stato tratto anche un film. Il giovane protagonista entra in possesso di uno dei cinque rari biglietti che danno accesso alla visita della prestigiosa fabbrica di cioccolato Wonka. Insieme ad altri fortunati ragazzi, inizia l entusiasmante avventura alla scoperta del luogo in cui nasce la loro cioccolata preferita e con la guida del strampalato proprietario Willie Wonka U. ORLEV, L ISOLA IN VIA DEGLI UCCELLI Romanzo storico, tratta della terribile strage degli ebrei per opera dei tedeschi. La storia si incentra su un bambino ebreo che viene deportato e si ritrova in balia dei nazisti Giulia, Lara, Marika & Martina 2 a A

8 COSEANO SCUOLE 8 NELLA SCUOLA PRIMARIA U.Masotti DI CISTERNA Molte sono state le attività, oltre allo studio e al normale lavoro scolastico, che hanno visto protagonisti i nostri alunni durante il corso dell anno che si va concludendo: tra le tante vogliamo ricordarne alcune particolarmente significative. Nell ambito delle lezioni di approfondimento sulle risorse energetiche e sul risparmio energetico, la classe quarta B della nostra scuola ha partecipato ad un concorso nazionale indetto da ACQUIRENTE UNICO, patrocinato dai Ministeri della Pubblica Istruzione, dell Ambiente e dello Sviluppo economico, in collaborazione con associazioni di consumatori, di cittadini, di commercianti. Grande è stata la nostra sorpresa quando ci è stato comunicato che una nostra alunna era risultata vincitrice, per la categoria delle classi quarte, nell ambito della Regione Friuli Venezia Giulia! Nel mese di marzo sono stati consegnati i premi, alla presenza del Dirigente scolastico e di un rappresentante della Federconsumatori, presso la nostra scuola: macchina fotografica digitale e viaggio di due giorni a Roma per l alunna e i suoi genitori, e un computer per la scuola! Nel corso dell anno non è stato questo l unico evento importante: abbiamo partecipato alle due prove del Rally Matematico Transalpino, attività nella quale gli alunni del nostro Istituto, che lo organizza, e molti ragazzi di scuole di tutta la Regione, esercitano la loro capacità di ragionamento e cooperazione allo scopo di risolvere problemi. Anche qui abbiamo lasciato il segno: le classi terza e quinta sono giunte alla finale: la terza si è classificata prima a pari merito e la quinta, a un passo dal passaggio alla scuola Secondaria di Primo grado, ha vinto il primo premio per la sua categoria. Altre esperienze hanno contraddistinto lo scorrere dei mesi: progetti ed attività che si concludono in questi giorni, come l ambizioso progetto SCIENZATTIVA, che ha coinvolto gli alunni dell intero Istituto, in continuità tra Scuola dell Infanzia (statale e privata), Primaria e Secondaria di Primo grado. Tutti hanno lavorato su temi scientifici assieme ai loro insegnanti; hanno potuto visitare mostre itineranti, come la Mostra GEI, che, grazie alla rete tra scuole di cui il nostro Istituto fa parte, è stata allestita presso la Scuola Primaria di S. Daniele, e una mostra sulle fonti di energia allestita presso la Scuola Secondaria di Sedegliano, producendo poi materiali che saranno visibili nel mese di giugno presso la nostra scuola dal 4 all 8 giugno, e dall 11 al 16 giugno presso la Secondaria di Coseano, Abbiamo partecipato, con le classi quarte e quinte, all evento ciclistico del 12 maggio 2007, quando da Coseano è partita una tappa del Giro del Friuli. Gli alunni, con l entusiasmo che li contraddistingue, avevano rappresentato con i loro disegni il mondo della bicicletta, quelle che sono le loro fantasie e i loro sogni, o le loro attività al riguardo; anche qui sono stati premiati i primi tre disegni di ogni classe con un libretto di risparmio donato dalla Banca di Credito Cooperativo di Coseano, e tutti hanno ricevuto un inaspettata doccia allo spumante sulle magliette appena ricevute!! Il 19 maggio infine, con la collaborazione della Protezione Civile ha avuto luogo presso la nostra scuola un esercitazione di evacuazione con la partecipazione di mezzi, uomini e unità cinofile. È stato emozionante per tutti i bambini poter vedere con i loro occhi come agiscono questi cani, addestrati alla ricerca di persone disperse, abbiamo poi potuto ascoltare dalla voce dei loro conduttori come si svolge la loro vita e quali siano le loro attività. Un veterinario è poi intervenuto per spiegare ai nostri alunni quali siano le cure e le attenzioni dovute ai nostri amici a quattro zampe. Uno degli scopi degli interventi era quello, molto importante dati i casi di cronaca che troviamo spesso sui giornali, di spiegare come ci si deve avvicinare ai cani, conosciuti e sconosciuti; quali comportamenti sono da evitare e quali sono decisamente rischiosi per la nostra incolumità nel caso di incontri con animali aggressivi o che ci sembrano tali. Ci auguriamo tutti che le meritate vacanze portino ai nostri alunni nuova carica ed energia per affrontare nuove esperienze e nuove attività nel corso del prossimo anno; un saluto particolare alla classe quinta che lascia la scuola Primaria per affrontare un altra avventura nella conoscenza e nella formazione alla scuola Secondaria: auguriamo loro un percorso pieno di soddisfazioni!!! NUOVI LIBRI ALLA G. UNGARETTI Arriva un treno carico di libri Inaugurazione della Biblioteca Comunale Il 24 febbraio nei locali della nostra scuola è stata inaugurata la nuova biblioteca comunale. Da tempo noi ragazzi attendevamo con ansia la possibilità di accedere ad un luogo di consultazione dei testi e di lettura per i nostri studi e/o per il tempo libero. Fino ad oggi la biblioteca era ad esclusivo uso degli studenti della scuola media e sentivamo la necessità di riorganizzare e di assortire il materiale per tutti gli ordini di scuole del Comune di Coseano. All inaugurazione erano presenti il sindaco, il preside, la vicesindaco, il signor Olivo Pezzetta, ex insegnante, e la bibliotecaria Manuela Riga. Quest ultima ci ha illustrato le modalità del prestito librario e ci ha parlato, inoltre, del sistema interbibliotecario, cioè della possibilità di ricevere in prestito dei libri da altre biblioteche. In questo modo, si attiva una rete di scambio davvero efficace, in quanto ogni nostra richiesta potrà trovare risposta. I Ficcanasi pertanto invitano i colleghi studenti ad utilizzare il nuovo servizio della biblioteca comunale con il seguente orario: Lunedì e Giovedì, dalle alle IN BIBLIOTECA: Cercavo dei romanzi gialli Più avanti, sulla destra! Dove c è lo scaffale? No, dove c è il colorificio!

9 9 SCUOLE Una Cisterna di storia in comune GEMELLAGGIO TRA LE DUE CISTERNE L emozionante incontro fra gli amici di penna Il 27 marzo noi alunni delle terze di Cisterna e di Sedegliano, siamo partiti per la gita scolastica a Roma, meta che sognavamo da parecchio tempo. Il nostro viaggio aveva come scopo anche il gemellaggio con Cisterna di Latina. Infatti, esisteva da molti mesi una corrispondenza fra la scuola media di Cisterna del Friuli e quella di Cisterna di Latina, grosso centro laziale formatosi dopo le bonifiche fasciste degli anni Trenta, dove risiedono i discendenti di molti immigrati di origine friulana. Il primo giorno abbiamo visitato Villa d Este, con i suoi meravigliosi giochi d acqua. (foto 1) Passeggiando per Villa d Este (foto 1) Alla fine della giornata, siamo arrivati al nostro albergo che non era molto chic, ma neanche malaccio. La seconda tappa della nostra visita d istruzione è stata la città di Roma: i Fori Imperiali, il Colosseo e le piazze più famose, come Piazza Navona e Piazza di Spagna. La mattina seguente è stata dedicata a Città del Vaticano e alla Basilica di San Pietro; nel pomeriggio abbiamo camminato parecchio visitando altre piazze e la bellissima fontana di Trevi. (foto 2) Venerdì 30 marzo abbiamo lasciato l albergo, per raggiungere finalmente i nostri amici del gemellaggio, che ci stavano aspettando con tanta ansia nell aula magna della loro scuola dove siamo stati accolti con cordiale ospitalità. In aula magna durante il gemellaggio (foto 3) Era presente anche il sindaco di Cisterna di Latina insieme ad alcuni membri del Fogolar Furlan e, dopo un lungo discorso del primo cittadino, ci sono state mostrate diapositive con immagini inerenti al loro paese. (foto 3) Ha fatto seguito la visita del paese con sosta alle grotte ed ai monumenti più importanti. Abbiamo pranzato insieme nella mensa della scuola con un menù a base di pasticcio, carne e patate. Nel pomeriggio diluviava, ma, per la testardaggine dei professori, siamo stati costretti ad andare nel fango dell oasi di Ninfa e purtroppo, a causa della pioggia, non abbiamo potuto godere la bellezza del verde paesaggio. Risaliti fradici in corriera, abbiamo fatto LEGGERMENTE incavolare l autista, perché abbiamo allagato il pullman nuovo di zecca. L ultimo giorno, siamo partiti di buon mattino alla volta di Tivoli per raggiungere la nostra ultima meta: Villa Adriana. Era la residenza dell imperatore romano Adriano, costruita probabilmente tra il 118 e il 134 d.c., ricca di giardini ornati da statue e grandi vasche, di cui oggi rimangono solo alcuni resti. Dopo il pranzo, a malincuore, abbiamo lasciato Roma per il viaggio di ritorno. (foto 4) Uno scorcio di Villa Adriana (foto 4) Davanti al Colosseo (foto 2) La gita è stata l occasione per conoscerci meglio, quindi noi ragazzi siamo tornati ancora più uniti; abbiamo inoltre avuto modo di incontrare nuovi amici: i simpatici ragazzi di Cisterna di Latina, che ci hanno insegnato il loro dialetto romanesco. Sara 3 a A & Beatrice 3 a B

10 COSEANO VARIE 10 LA BARAZZETTO-CASTELMONTE di Maria Mattara Si sta avvicinando la quarta edizione dell evento che più caratterizza la comunità di Barazzetto, nota a molti col nome di Barazzetto- Castelmonte. L iniziativa, nata casualmente tre anni fa, era stata promossa da un gruppetto di dodici amici decisi ad accompagnare e sostenere uno di loro che aveva fatto un voto: raggiungere a piedi, partendo dalla piccola frazione del comune di Coseano, il santuario di Castelmonte, meta ogni anno di migliaia di pellegrini. L evento si rivelò un successo, poiché coloro che vi parteciparono ebbero modo di dare prova della grande amicizia che li legava, mentre chi venne a conoscenza dell impresa insistette affinché l iniziativa potesse ripetersi. Da allora, ogni anno, la domenica successiva a ferragosto, un gruppo sempre più numeroso di persone partecipa all evento: l ultima edizione ha contato addirittura quaranta iscritti. I partecipanti non devono possedere requisiti particolari, legati all età, al sesso o alla professione, ma devono sicuramente essere provvisti di un forte spirito di sacrificio, che li sostenga nelle lunghe ore di cammino mentre il sole picchia sulle loro teste, oppure quando la pioggia si abbatte su di loro e le gambe s irrigidiscono a causa dei crampi. La camminata, di carattere non competitivo, ha inizio all una di notte, nello spiazzo antistante la pizzeria di Barazzetto e prosegue lungo la strada sterrata verso il torrente Corno, fino alla località di Savalons. Il percorso continua lungo la strada asfaltata in direzione di Udine. Giunti nel capoluogo friulano i podisti possono spegnere le torce, poiché l aurora comincia a gettare qualche spiraglio di luce sull asfalto, nonché sul morale dei marciatori ai quali, imboccato il viale che conduce a Cividale, lo spuntare dell alba offre uno spettacolo suggestivo, che fa dimenticare loro per qualche istante la fatica del cammino. Attraversata l antica città longobarda il gruppo giunge a Carraria, in cui ha inizio la parte più impegnativa del percorso, poiché la strada si snoda per sette chilometri lungo numerosi tornanti in salita, per poi sboccare nell agognato piazzale di Castelmonte, in cui ha termine il cammino, dopo 43,2 chilometri. Lungo il tragitto sono numerosi i punti di ristoro volanti, provvisti di bevande, dolci e panini, allestiti dai volontari che con furgoni e auto seguono il gruppo, ospitando nei loro mezzi coloro che per infortuni fisici o per eccessivo affaticamento decidono di ritirarsi. Nelle tre edizioni finora svolte, il podista più veloce ha concluso il precorso in 6 ore e 58 minuti, mentre il meno rapido, ma sicuramente il più tenace, ha fermato il cronometro a 9 ore e 45 primi. Sarebbe però poco significativo ridursi a descrivere l evento attraverso uno sterile elenco di misure di tempi e lunghezze. È invece certamente più interessante comprendere quali sono le motivazioni che spingono uomini e donne, più o meno giovani, a prendere parte ad un impresa tanto ardua. Sicuramente tra i partecipanti ci sono persone spinte da sentimenti religiosi, altre invece motivate da spirito competitivo, nonostante alla fine non venga stilata alcuna graduatoria in ordine di merito, altre ancora sono solo desiderose di conoscere i propri limiti, per poi tentare di superarli nelle edizioni successive, migliorando le proprie prestazioni. È curioso inoltre ascoltare i commenti e osservare le reazioni di coloro che invece assistono da spettatori alla partenza del gruppo. Di questi alcuni giudicano insensato e irresponsabile affrontare a piedi decine di chilometri senza avere una preparazione adeguata. Altri, ammirati dal coraggio di chi prende parte all impresa, si affannano a giustificare la propria mancata partecipazione, adducendo problemi fisici o impegni lavorativi, ma promettono a se stessi e agli altri che l anno successivo non mancheranno all appuntamento. Altri ancora rimangono in silenzio e con gl occhi lucidi osservano i podisti allontanarsi, fino a scomparire oltre il dosso del ponte e dentro di loro avvertono un emozione crescente. Forse questo sentimento è solo il frutto della suggestione provocata dalla fioca luce delle torce accese che illuminano la via, mentre il buio avvolge tutto il resto.oppure ha radici più profonde e trova una spiegazione nella consapevolezza che all interno di quel gruppo, che incede silenzioso e composto verso una destinazione così lontana, ci sono tanti individui, diversi per capacità, caratteri e motivazioni, ma che unendosi trovano la forza per conseguire un obiettivo che altrimenti non avrebbero mai raggiunto. I NOSTRI CADUTI NELLE DUE GUERRE MONDIALI di Olivo Pezzetta Anche il nostro Comune ha dato il suo contributo di vite umane nel corso delle due guerre mondiali e , come possiamo vedere, almeno in parte, sui Monumenti eretti in tutti i paesi. Fino a non molto tempo fa, però, nessuno, per quanto si sa, si era preoccupato di fare un indagine sufficientemente approfondita sull argomento. Recentemente, il Ministero della Difesa ha chiesto informazioni sui nomi e sui luoghi della morte e della sepoltura di questi Caduti. La ricerca è stata piuttosto difficoltosa poiché le notizie, trovate nell Archivio Comunale ed in quelli della Parrocchie, sono spesso vaghe e lacunose, ed anche i nomi, scritti sui Monumenti risultano, alle volte, imprecisi e non corrispondenti a quelli segnalati nei registri dell anagrafe. Ad ogni modo, si è potuto accertare, con buona approssimazione, che i cittadini del Comune di Coseano che hanno perso la vita durante le due guerre sono stati, in totale, N. 98, dei quali 57 nel primo e 41 nel secondo conflitto mondiale (10 a Barazzetto, 33 a Cisterna, 35 a Coseano, 6 a Maseris e 14 a Nogaredo). Molti, tra i Caduti della guerra sono segnalati come dispersi (soprattutto nell ex URSS), ed alcuni di questi, a distanza di oltre 60 anni, non risultano ancora ufficialmente deceduti, poiché le famiglie non hanno provveduto a chiedere, al Tribunale di Udine, la sentenza di morte presunta. Inoltre, in seguito alle ricerche di Onor Caduti, ogni tanto arriva al Comune la comunicazione del ritrovamento dei resti o della notizia della loro morte nei vari campi di concentramento. Nel corso delle ricerche, si è venuti a conoscenza di due soldati che si sono visti riconoscere il loro particolare comportamento valoroso con la concessione della medaglia d Argento al Valor Militare: al bersagliere Romano Puppo (classe 1917), di Coseano, con questa motivazione ufficiale Porta ordini di plotone, tentava di attraversare un lungo tratto di terreno battuto da armi automatiche nemiche per portare l ordine di ripiegamento ad una squadra isolata che stava per essere circondata. Benché ferito ad una gamba, conscio dell importanza del proprio compito, cercava di trascinarsi ancora verso la meta, finché, bersagliato da più parti, veniva colpito una seconda volta e a morte. Beljaveskij (fronte russo), 15 agosto 1942 ; all alpino Alviso Mattiussi (classe 1916), nato a Nogaredo e poi residente a Barazzetto, per un fatto d arme avvenuto il 24 gennaio 1943, sempre sul fronte russo (non è stata trovata la motivazione): più fortunato del suo concittadino, è riuscito a salvarsi ed a fare ritorno a casa, dove è mancato nel Comunque, tutti questi nostri concittadini hanno ben meritato dalla Patria ed è giusto che vengano sempre ricordati ed onorati, come avviene ogni anno in occasione del 4 Novembre.

11 11 VARIE CENTRI VACANZE 2007 Giocare, ballare, cantare insomma, scatenarsi in un divertimento sfrenato, in un clima di amicizia e di voglia di stare insieme. Sono questi gli ingredienti dell Estate 2007 che dal 23 giugno è iniziata nel Comune di Coseano con il Centro Estivo Fantasy presso la Scuola Elementare di Cisterna e che si concluderà con il soggiorno Marino a Lignano Sabbiadoro presso Villa Serena dal 04 all 11 agosto Sono 95 i bambini iscritti al Centro estivo che stanno vivendo questa avventura lanciandosi entusiasti in allegri balli di gruppo, canzoni, cimentandosi in attività manuali, come art-attak, pittura creativa e mirando a diventare dei veri campioni durante i tornei sportivi all interno del centro stesso. L attività, che si svolge nei pomeriggi dal lunedì al sabato del mese di luglio, ha inizio alle e termina alle ore Durante l arco di tempo vengono proposti dei laboratori creativi alternati a giochi, balli e attività sportive. Grande successo ha avuto la corsa in bicicletta tra genitori, bambini e animatori svoltasi domenica 01 luglio 2007 e organizzata dagli animatori con grandissima collaborazione di un gruppo di genitori di Nogaredo. La giornata è iniziata con la S. Messa celebrata da don Angelo e solennizzata dal gruppo giovanile di Flaibano. Poi tutti in sella per partire lungo un percorso di circa 10 km all interno del territorio comunale guidati dalla squadra di Protezione Civile locale. Al traguardo tutti i partecipanti hanno avuto modo di gustare un ottima pastasciutta presso il Parco cucinata dal gruppo organizzatore. Significativa anche la notte in tenda, svolta il 14 luglio nella Scuola di Cisterna con la collaborazione del Gruppo ANA di Villaorba che ha fornito le tende dove quasi tutti i bambini si sono fermati a dormire, si fa per modo di dire, perché fin dalle prime luci dell alba i bambini stessi correvano e saltavano nel cortile della scuola. Al termine del Centro estivo, l esperienza dello stare insieme continuerà con il Soggiorno marino a Lignano Sabbiadoro, quest anno intitolato l Isola che non c è. Dopo il successo dello scorso anno, quest anno sono 32 i ragazzi, che invaderanno Villa Serena e che passeranno una settimana di puro divertimento tra tante attività, tuffi in acqua, bagni di sole, e chi più ne ha più ne metta. Le attività estive che, noi animatori dell Associazione Gipieffe di Mereto di Tomba, proponiamo ai ragazzi vogliono essere un occasione che permetta ai ragazzi stessi di stare insieme e di ricevere alcuni valori fondamentali, come il rispetto per gli altri, l importanza della condivisione e del vivere insieme. Siamo molto contenti di stare assieme a loro perché essi si dimostrano ogni giorno entusiasti della vita e profondamente ricettivi. Passiamo delle giornate divertenti che ci permettono di stare a contatto con tanti giovani, che ci regalano sempre grandi soddisfazioni. Tutto questo è possibile, grazie alla grande collaborazione che l Amministrazione Comunale di Coseano, e tante persone, tra cui diversi genitori, ci offrono e che ci incoraggiano a portare avanti. Le nostre attività ci richiedono, tuttavia, una certa preparazione, che generalmente effettuiamo nei mesi precedenti all inizio dell Estate, e un certo impegno che ci sentiamo di intraprendere con molto entusiasmo perché siamo convinti che si trattino di esperienze davvero intense; di avventure che impreziosiscono la vita di ognuno di noi. IL FOSSÂL di V. L. Il fossâl, fossam, fodere in latin, peraule indoeuropeane che al vûl dî sgjavâ. Si trate di une agâr ch a po jessi tant lungje e ancje largje cualchi metro e plui di un metro in sot. Cuasi simpri al fâs di cunfin o di tiermit tai cjamps fra un paron e chel âtri. Cualchi volte tal Friûl di Mieç al è orlât ancje cuntun mûr ingjan o mûr a sec che al vûl dî claps di mûr metûts un parsore di chei âltris. Viodìn ce ch al è intal fossâl, parsore vie, sot e parsore sui lens. Parsore vie a son i cais, lis caiessis ch a son caiuts plui piçui dai cais; lis caiessis a son a riis neris tal blanc o ancje a riis maron opûr zalis a riis maron; a son caiessutis piçulis a vît blancjis o âltris maron o ancjemo tantis altris picininis di âltris formis. I cjatìn i lacais o lecs grîs e ros. I cjatìn furmiutis di almancul trê cualitâts: rossis, neris, piçulis e grandis. Chês grandis a àn ûfs grancj che une volte i oseladôrs, che a son chei che a lavin a cjapâ i uceluts tai rocui, ta lis bressanis e cul visc, a lavin a robâ a lis furmiis par secjâju e dâju di mangjâ d unvier ai ucei di reclam. Podopo si cjatin surisutis di trê cualitâts: cu la code lungje, cu la code curte e chês che a si clamin arvicole; chês cu la code lungje a metin vie la blave pal unvier come i sghirats; dopo a son ancje surisutis plui piçulis che si clamin musans parcè che a àn il musticut unevore lunc. Si cjatin tancj insets: lis lusignutis, moscjis di campagne e tantis cualitâts di moscjinuts. Cialis che a cjantin d estât; moscjons di almancul trê cualitâts: chei ch a supin il sanc ai cjavai e a lis vacjis; chei grancj si clamin cialats o tavans e la lôr punture a è dolorose parcè che a son bogns di becâ ancje la int. Ancje tancj raiuts di tantis cualitâts: chei che a fasin la tele par cjapâ i moscjinuts, chei che a partin i ûfs su la schene intune balute blancje di sede; a nd è raiuts maron, verts e ancje raiuts picinins che a svolin pindulantsi suntun fîl di sede a miârs. Dopo si cjate, simpri tal fossâl, il riç di dôs cualitâts: chel cul musticut come chel dal purcit che si po ancje mangjâlu e chel mustic plui taront. Si cjatin ancje il sborf, la zave, i crotuts, la bilite che a mangje lis surisutis; a son ancje i madracuts: chei verdulins si clamin magnis, chei neris si clamin cjarvons o cravuats e a son ancje lis vuarbitis ch a son madracuts vuarps. A stan tal fossâl tantis paveutis; lis primis ch a vegnin fûr ta la vierte, a son blancjis e zalis e dopo a vegnin chês di tancj colôrs che a si sa che prin di jessi paveutis a jerin ruiutis. Sot tiere, tal fossâl, a sta il farc ch al fâs la sô tanute alì parcè che al sa che se la fâs tal cjamp a po vignî sfracaiade dai contadins cuant che a lavorin i cjamps. Il farc al vâ a passon sot tiere, al cjape vieruts e âltris insets; a i plâs ancje la coçarate o coçate, che a son il so gustâ e cene. Sot tiere a son tancj âltris insets come la furtune che al è un vierut ros cun tantis gjambutis e ancje i necrofars; cuasi simpri tai fossâi a cressin tantis cualitâts di len; cussì parsore i lens i ucei a fasin il nît; il mierli, l usignûl, il scjassecode, il parussul, la cheche, la gjae, il muratul, l ortolan, la çore grise, il luri che al picje il nît suntun cuarnissit. Ancje tancj foncs a cressin tal fossâl: i clauduts, gjalons, la lenghe di manç, i foncs da la fumate, cualchi volte il fenoglat e a son foncs che si podin mangjâ e ancje tancj âltris ch a no si mangjin. I lens dal fossâl tal Friûl di mieç a son di tantis cualitâts: l ol, l agaç, il vuâr, l aiar, il vôl, il polentâr o puçâr, il rôl, il morâr; di chei piçui a son il len pelôs, il piruçut salvadi, il scjafoepredis, la scove, il rocjâr e ca e là ancje la puvigne. Intai fossâi da la basse che a àn aghe si cjatin cais, pessuts, crots, bisatis, gjambars, i fîi, il luç, lis sanguetis e lis copassis. In cualchi paîs a fasin la fieste dai crots ch a son bogns di mangjâ come a Rivis dal Tiliment o la fieste dai cais come a Batae di Feagne. Bisugne tignî cont dai fossâi parcè che a son la cjase di dutis chês besteutis ch i vin fevelât.

12 COSEANO VARIE 12 IL GIRO DEL FRIULI PARTE DA COSEANO Finalmente una tappa del Giro Ciclistico del Friuli Venezia Giulia in partenza proprio da Coseano! Da circa 3 anni l Amministrazione Comunale si stava impegnando, con la collaborazione di Francesco Ottoborgo, per far vivere una giornata dedicata al ciclismo alla popolazione del Comune. Superate le non poche difficoltà sabato 12 maggio, la IV tappa Coseano- Ravascletto di 146 Km del 45 Giro per dilettanti più antico d Italia, ha preso il via dalla Piazza di Coseano. Già dal primo mattino il paese si è riempito di ciclisti ed organizzatori di diversi Paesi con i loro colori e la le loro fantastiche biciclette; presenti alla partenza, infatti, c erano Paesi di ogni parte del mondo, perfino dal Giappone, con 190 ciclisti pronti per contendersi il titolo. Prima della partenza gli alunni delle classi IV e V elementare di Coseano hanno presentato i disegni fatti per il Concorso con tema: La bicicletta sponsorizzato dalla BCC e dalla Colorprint, in presenza di una giuria che ha premiato i disegni più belli (1 premio per Jovana Cokic, 2 per Francesco Pividori e 3 per Marco Pellegrini (5 A); 1 premio per Alice Barozzini, 2 per Lorenzo Morello e 3 per Luca Lanfrit (4 B); 1 premio per Sara Gusparo, 2 per Elisa Piccoli e 3 per Alessandro Boffa (4 A). Alle puntuali i ciclisti sono partiti dalla Piazza per raggiungere il viale di Coseanetto, luogo della partenza km 0, per proseguire per Rodeano Basso e Alto per poi ritornare a passare per la via principale di Coseano, tutti in gruppo, a una velocità sostenuta suscitando grande tifo fra la popolazione che applaudiva ai lati della strada, per poi transitare anche nelle frazioni di Cisterna e Maseris dirigendosi verso Carpacco. L intenzione dell amministrazione comunale era di trattenere il più possibile i ciclisti sul territorio comunale facendoli transitare per tutte le frazioni ma, la concomitanza dei lavori in corso a Barazzetto, ha impedito il raggiungimento di tale obiettivo. È stata una bella giornata di sport molto ben organizzata anche grazie al prezioso aiuto dei Vigili Comunali e della Protezione Civile.

13 13 VARIE BIBLIOTECA: TRE MESI DI ATTIVITÀ Dal 22 febbraio, giorno di apertura ufficiale della biblioteca, sono passati pochi mesi tuttavia il bilancio può essere considerato positivo. I ragazzi delle medie, che già conoscevano la biblioteca quando era ancora scolastica, sono stati i primi a rispondere positivamente alla novità, molti di loro ora sono frequentatori abituali ed in questo hanno coinvolto anche i fratelli più piccoli. Come vi avevo già anticipato nel precedente articolo, per far meglio conoscere la biblioteca a tutti ho tenuto degli incontri con la scuola materna e con alcune classi della scuola elementare dove ho avuto un buon riscontro grazie alla vicinanza e alla pubblicità che è stata fatta. Per quanto riguarda invece L ora del racconto per i bimbi da 0 a 6 anni le difficoltà organizzative mi hanno fatto rimandare il tutto al prossimo autunno in quanto, a fronte della disponibilità di libri rivolti a questa fascia di età, purtroppo scarseggiano ancora i lettori. Per dare un po di numeri a questi 3 mesi di attività, i nuovi iscritti sono stati 103 mentre il numero di prestiti è arrivato a 265: potrebbero sembrare pochi ma per una biblioteca in fase di avvio sono da ritenersi più che soddisfacenti. In questi mesi ho avuto modo di constatare le esigenze dei lettori per cui i nuovi acquisti sono stati indirizzati per soddisfare le richieste dell utenza. Anche il prestito interbibliotecario è stato molto utile soprattutto in questa fase iniziale dove la disponibilità di testi è ancora limitata. Comunque la biblioteca è destinata a crescere senz altro come numero di volumi e di scelte di letture (oltre agli acquisti si sono aggiunte parecchie donazioni) ma spero anche come numero di frequentatori che potranno sempre usufruire non solo del prestito ma anche della mia consulenza per ricerche, bibliografie, ecc. La biblioteca rimarrà aperta per tutta l estate con il seguente orario: lunedì e giovedì dalle ore alle ore Saluti dalla vostra Bibliotecaria Manuela Riga RESIDENTI AL maschi femmine tot. Residenti al Nati Deceduti Immigrati Emigrati Residenti al NEL 2006 SONO NATI: ABDIJU SERMIN Maseris BALZANO DAVIDE Coseano CIFARELLI MATTEO Barazzetto DELL ASINO GIORGIA Maseris DI LANDRO ARES Nogaredo Di Corno FABBRO ELISA Nogaredo Di Corno GIOVANATTO FRANCESCO Cisterna JAKUPOSKI NERMIN Coseano KABA MOUHAMED MOUSTAFA Coseano MELCHIOR ALESSANDRO Coseano MINIGHINI THOMAS Cisterna MIRTO ALBIN Nogaredo Di Corno MOIA RICCARDO Maseris PIU JENNIFER Nogaredo Di Corno STERKAJ ARMANDO Barazzetto TOFFOLO PIERO Barazzetto ZILLI LUCA Barazzetto ZULIANI GIULIANA Cisterna NEL 2006 CI HANNO LASCIATO: anni Angeli Adriano 52 Asquini Vittorina 81 Bidini Ottorino 85 Catasso Antonio 77 Del Negro Alice 94 Floreanini Enore 85 Giovanatto Antonio 83 Giovanatto Leandro 80 Graffi Ancilla 92 Graffi Attilio 89 Lestani Giovanni 65 Lupieri Lucia 74 Mansutti Maria 91 Mattiussi Egle 93 Minighini Beppino 82 Rognini Luciano 70 Sabucco Virginia 82 Tonicello Antonia 85

14 COSEANO NOTIZIE DALL ESTERO 14 DA NOGAREDO A SEOUL Vogliamo dedicare anche uno spazio ad un nostra concittadina che ha lasciato il nostro comune ormai circa 30 anni fa per intraprendere quella che oggi è divenuta una brillante carriera nell arte culinaria internazionale. Anita Bidini, nata a Nogaredo di Corno nel 1957, è partita ancora ragazzina approdando prima in Arabia Saudita, ha poi lavorato in Libia, in Nigeria, Oman (dove era responsabile della cucina italiana nell hotel del Sultano), Emirati Arabi e da due anni vive a Seoul dove è Capo Chef al Millennium Seoul Hilton s Italian Restaurant Il Ponte. Dal giornale The Corea Times che l ha intervistata, apprendiamo che si tratta dell unica Chef donna di tutti i ristoranti della città. Quando sono arrivata qui, dice Anita nella sua intervista, molti coreani pensavano che la cucina italiana fosse solo pizza e spaghetti. Così ho cominciato a far assaggiare qualcosa di diverso prendendo spunto oltre che dalla nostra cucina friulana anche dai piatti tipici delle altre regioni d Italia. Ho cominciato ad organizzare menù a tema e, nelle ultime due settimane di ogni mese, presento diversi piatti italiani. Mi piace molto anche lavorare con i bambini e durante i sabati e le domeniche insegno loro a fare la pizza. Chissà, magari un giorno uno di loro potrebbe diventare un cuoco famoso. Beh, non c è che dire, Anita famosa lo è già diventata e noi non possiamo che essere orgogliosi e grati a lei e a chi, come lei, contribuisce a far conoscere ed apprezzare al mondo i nostri valori e le nostre tradizioni senza staccarsi affettivamente dalla loro terra natale. Nell intervista, infatti, Anita continua mi piace stare a Seoul e ci starò ancora per un po, ma un giorno tornerò nel mio Paese. Il 01 agosto Anita Bidini è stata ricevuta dalla giunta che le ha fatto omaggio di un piccolo ricordo del Suo comune da portarsi a Seoul prima di ricollocarlo a Coseano quando vi farà ritorno. RICEVIAMO DA Luigi Cantarutti Scrivo questa lettera a tutti i miei parenti e alle brave persone in Italia, per esprimere la mia gratitudine e ringraziarli della calorosa accoglienza che hanno riservato a me a mia moglie Sharon, durante la visita al Paese delle origini dei miei genitori: Cisterna. I miei genitori lasciarono il loro paese in giovane età per inseguire un sogno in America; mi hanno cresciuto a Santa Rosa (California) raccontandomi le storie delle loro famiglie, delle tradizioni e dei lavori pesanti che avevano imparato dai loro genitori. Ora che sono in Italia, ho visitato i loro paesi e conosciuto tanti membri delle famiglie, posso capire quanto siano salde le radici in Cisterna del Friuli. Sono molto orgoglioso di discendere da una famiglia friulana, i Cantarutti e Munini, con le loro radici fisse in Friuli. Un ringraziamento speciale a Chiara e Silvano Munini per la loro deliziosa ospitalità durante la nostra permanenza a Cisterna e per tutto il lavoro della preparazione della festa. Un grosso ringraziamento anche a Nella e Paolo Minisini e all intera famiglia, a Sergio e Mery Masotti e a tutte le persone che hanno contribuito alla meravigliosa riuscita della nostra riunione di famiglia. Voglio altresì ringraziare il Comune di Coseano e il vice sindaco, Laura Graffi, per essere intervenuta alla nostra festa nel giorno della Festa della Mamma, e per la bellissima Targa Ricordo al Compaesano d America della quale faremo tesoro per sempre. Remo Florissi È di tutto cuore che ringrazio per l accoglienza riservatami nell incontro dove con rispetto vi chiesi un simbolo del comune con vostra dedica per il defunto Giovanni Masotti, nato a Cisterna nel 1914 (mio zio) emigrato in Canada nella città di Windsor 50 anni fa dove, con laboriosità (costruttore edile) e valori civili fu tra i fondatori del Fogolar Furlan di Windsor, bene operando nella Comunità locale e lasciando testimonianze della sua origine e dell amato Friuli. La cerimonia di riconoscenza avverrà il 17 febbraio nel Fogolar Furlan di Windsor e il simbolo del Comune di Coseano con la vostra riconoscente dedica rimarrà per sempre nel museo civico degli emigranti sito nel Fogolar. Ringrazio di tutto cuore per la sensibilità che avete dimostrando volendo onorare questo vostro concittadino, a nome di sua moglie Luigia Venturini di Rodeano Basso e dei suoi figli Rino, Giannina e David; per il segno riconoscente nei riguardi del loro congiunto, vi fanno dono della loro stima e della sincera gratitudine. Rinnovo il mio grazie e, da quell incontro con pensiero reverente, posso dire di avere incontrato i rappresentanti delle Persone prima che delle opere. Consegna di una targa ricordo a Luigi Cantarutti

15 15 ASSOCIAZIONI ASSOCIAZION PAR MASERIES associazione senza fini di lucro Via S. Biagio 37, Maseris di Coseano (UD) Siamo felici di ritrovare questo spazio, per un appuntamento in cui vi aggiorniamo sulle nostre attività dei primi mesi dell anno Iniziamo con la seconda edizione (dell era moderna) della Sagra di San Biagio. Anche quest anno ci ha lasciato stanchi ma entusiasti, per la straordinaria partecipazione di ospiti che in qualche occasione, ad esempio nella serata di Sdrindule, è andata oltre le nostre previsioni. Abbiamo aggiunto la serata del Giovedì, con esito positivo, e pensiamo quindi di riproporla anche per i prossimi anni. Come Consiglio Direttivo dell Associazion par Maseries abbiamo potuto constatare con grande piacere, quanto tutti i nostri paesani e amici di fuori paese che collaborano all iniziativa, abbiamo saputo investire in quell occasione. Li ringraziamo tutti insieme perché non vogliamo rischiare di dimenticare qualcuno e perché sarebbero troppo numerosi da menzionare singolarmente. Ognuno di loro è stato fondamentale per la buona riuscita della manifestazione. Il nostro lavoro all interno dell associazione, acquista significato solo se riusciamo a fare in modo che la gente del paese e i nostri amici dei paesi vicini, stiano insieme e si divertano in serenità e condivisione. Ci auguriamo che questo spirito così prezioso si consolidi e si allarghi, raggiungendo sempre più amici. Oltre alla già citata Sagra, il nostro gruppo si impegna nell organizzazione di altre occasione di incontro. Già dall inizio anno si comincia con la tombola con premi culinari, aspettando l arrivo della befana, che puntualmente si presenta carica di dolcetti per piccoli e grandi. Poi per carnevale, alcune donne del paese si impegnano nella preparazione di crostoli e frittelle che, in occasione della mascherata, vengono distribuiti alla fine della cena conviviale. Un altra occasione a cui teniamo in modo particolare perché, pur essendo una vecchia tradizione, si era persa negli anni, è la partita celibi-ammogliati che per abitudine si tiene il 25 Aprile. Anche quest anno è stata l occasione per passare una giornata all aperto in allegria e al pranzo che è seguito nell area festeggiamenti di Carpacco, abbiamo avuto veramente il piacere di essere in tanti, fra cui molti ospiti che hanno apprezzato anche la possibilità di fare quattro salti con la musica dal vivo. La nostra associazione anche quest anno ha partecipato alla realizzazione della manifestazione Coseano vie d artista, perché riteniamo impostante aprirsi e collaborare tra gruppi e realtà di paesi vicini, per condividere le esperienze ed essere disponibili ad un reciproco aiuto. Per la prossima stagione estiva ci piacerebbe organizzare delle anguriate serali, all insegna dello stare insieme, invitando le persone con più anni di esperienza a raccontarci le storie di una volta, con tutti gli aneddoti che altrimenti rischiano di andare perduti e magari raccoglierle, perché diventino le memorie storiche del nostro paese. Ancora grazie a tutti e arrivederci al prossimo appuntamento. Il Presidente e il Consiglio Direttivo dell Associazion par Maseries Anche nella nostra comunità di Coseano, da diversi anni è attivo un Club degli Alcolisti in Trattamento che si riunisce il mercoledì dalle ore alle 22.00, presso il Poliambulatorio Comunale di Via San Andrea. Il nostro Club fa parte dell ACAT (Associazione dei Club degli Alcolisti in Trattamento) Fagagnese ACAT: IL CLUB FUNZIONA COSÌ IL Club, come qualsiasi altra Associazione, ha le sue modalità per funzionare meglio. Le cariche sociali. In genere in un Club vi è: - il presidente che rappresenta il Club nelle sedi e nei momenti ufficiali - il vice presidente che sostituisce il presidente in sua assenza - il segretario che tiene la corrispondenza, i verbali, etc. - il cassiere che riscuote le quote sociali e tiene la contabilità - il responsabile della sede che ne cura la gestione. Le cariche servono alla vita associativa e ci responsabilizzano. Per questo motivo è bene che le cariche ruotino e non durino più di 6 12 mesi. Le cariche sono elettive e sono attribuibili a tutti i membri della famiglia. È bene che il Servitore Insegnante non rivesta cariche in quanto ha già un suo ruolo specifico. La partecipazione. Il Club è aperto 52 volte l anno (ogni settimana), in una giornata ed ad un orario definito. È molto importante questo, poiché consente alle famiglie di programmare i propri impegni conoscendo con esattezza date e orari delle serate di Club. Il Club va frequentato continuativamente, la frequenza ogni tanto non serve. Inizio dei lavori della serata. Di norma ogni incontro di Club inizia con la lettura del verbale della seduta precedente. Subito dopo, il conduttore, che ruota a turno tra i membri del Club, da inizio all incontro. Per prima cosa ci si informa delle famiglie che non sono presenti e non hanno avvisato. Senza fermarsi a parlarne nello specifico, ci si accorda per sentirle nei prossimi giorni. Il conduttore passa poi la parola alle varie famiglie e il Club vive La puntualità. Ai membri del Club è chiesto d essere puntuali per un giusto rispetto reciproco. Il verbale. Ogni incontro è verbalizzato a turno da un membro del Club. Il verbale è la memoria storica del Club e serve anche per aggiornare chi era assente all incontro. La moltiplicazione. Quando entra l undicesima famiglia, il Club si moltiplica. Questo avviene perché un numero troppo elevato di famiglie impedisce al Club di lavorare bene. Se ci sono troppe persone, lo spazio perché ognuno possa esprimersi, viene a mancare. La moltiplicazione è un momento di festa: la nascita di un nuovo Club corrisponde ad una nuova porta aperta sulla comunità locale. Il fumo. Durante gli incontri di Club nessuno fuma, anzi ci attiviamo affinché i membri fumatori intraprendano percorsi che li portino a smettere di fumare. La quota associativa. Tutte le famiglie dei Club versano una modesta quota associativa. Serve per eventuali spese di sede, di cancelleria, ecc Una parte viene versta all associazione dei Club. Il Club non si ferma mai. Il Club cambia continuamente con il passare del tempo. Questo perché tutto l approccio è dinamico ed evolve o meglio cresce con noi. da qui l importanza dell aggiornamento. Continua nel prossimo numero: LE SCUOLE ALCOLOGICHE TERRITORIALI ACAT Fagagnese: via Sant Andrea 1 - Coseano, presso il Poliambulatorio Comunale - Tel Vorremmo in questo numero utilizzare lo spazio che l Amministrazione Comunale gentilmente ci mette a disposizione non per elencare le attività e le manifestazioni che nel corso dell anno mettiamo in campo e che magari riprenderemo prossimamente, ma per far conoscere aspetti della nostra vita associativa forse meno noti, ma per questo non meno importanti. Ci preme sottolineare che la Pro Loco Cisterna è un Associazione aperta a tutti, che ha bisogno di molti e delle loro molte idee e capacità, pertanto invitiamo tutti a partecipare: non serve nulla solo l entusiasmo. La Pro Loco Cisterna si costituisce ufficialmente il 30 Ottobre 1966 e da tale data opera ininterrottamente. Alcuni anni dopo e precisamente l 8 Aprile 1973 lo statuto viene sostituito in considerazione delle finalità che l Associazione si prefiggeva nel campo delle attività sociali estendendo la qualifica di Soci a tutte le famiglie della frazione di Cisterna. Probabilmente è l unico caso fra le Pro loco italiane in cui i Soci sono tutte le famiglie di una frazione, le quali possono essere rappresentate in Assemblea da non più di due componenti per ciascuna di esse. Altra particolarità è la gratuità dell adesione all Associazione in quanto non ci sono quote associative, ma è previsto che l organismo viva con i proventi conseguenti a iniziative permanenti od occasionali o con contributi di Enti Pubblici o privati. Sempre nello statuto (approvato all unanimità da quell assemblea presieduta dal Vice presidente Piccoli Alfredo e convocata presso l allora Trattoria alla Pesa e in cui parteciparono 57 soci sui 217 aventi diritto) si ritrovano gli obiettivi che a distanza di tanti anni rappresentano ancora la mission dell attuale Pro Loco. Vediamoli: apoliticità, apartiticità, autonomia, mancanza di scopo di lucro; e poi sintetizzando: riunire coloro che nutrono interessi allo sviluppo turistico, culturale, artistico, sportivo, ricreativo e sociale della località; dare valenza alle bellezze naturali, artistiche e monumentali, promuovere feste, gare, fiere, convegni, spettacoli, viaggi; istituire punti di informazione turistica, nonché qualsiasi attività di interesse generale per la collettività. Dal punto di vista gestionale l Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto da almeno nove membri (attualmente diciotto) eletti dall Assemblea dei Soci ogni due anni. Uno dei compiti più importanti del Consiglio Direttivo è quello di eleggere nel proprio seno il Presidente ed il Vice Presidente. Tra i compiti dell Assemblea, (si riunisce entro fine marzo di ogni anno) l approvazione del conto consuntivo dell anno precedente, della relazione morale, del bilancio preventivo ed esprimere il proprio voto sul programma di attività. Concludiamo evidenziando che da anni aderiamo all UNPLI, Associazione fra le Pro Loco del Friuli Venezia Giulia e al Consorzio fra le Pro Loco della Comunità Collinare del Friuli. Il Presidente e il Consiglio Direttivo

16 COSEANO ASSOCIAZIONI 16 PROTEZIONE CIVILE La Protezione Civile Italiana è l organizzazione nazionale che opera nell ambito della sicurezza e del soccorso pubblico in caso di calamità naturali, eventi metereologici intensi, manifestazioni ed eventi pubblici più o meno importanti, affiancandosi e supportando le autorità e le forze di pubblica sicurezza e soccorso, come le Forze dell ordine, i Vigili del Fuoco, il Corpo Forestale dello Stato e le Capitanerie di porto. Nell ambito dell organizzazione nazionale, la Protezione Civile è presente e radicata sul territorio con una struttura di coordinamento regionale alla quale fanno capo tutti i gruppi comunali presenti sul territorio stesso. I gruppi comunali, proprio perché composti di volontari residenti sul territorio, sono in grado di operare ed intervenire in tempi brevi e con efficacia, conoscendo alla perfezione il territorio e le sue problematiche. In questo contesto opera anche il gruppo comunale di Coseano, che dipende dalla centrale operativa della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia di Palmanova. Il gruppo comunale di Coseano è ora composto da 31 volontari con un capo gruppo, che per legge è il Sindaco, e un coordinatore, che viene nominato dal Sindaco e dalla Giunta con delibera comunale. Il nostro gruppo negli ultimi cinque anni è intervenuto in diverse occasioni, sia sul territorio comunale, sia in regione e in tre casi anche a livello nazionale. Vale la pena ricordare l intervento in Molise per il sisma del 2002, e l intervento a Roma in Città del Vaticano in occasione della scomparsa di Papa Giovanni Paolo Secondo e dell insediamento di Papa Benedetto Sedicesimo nel In ambito comunale, l ultimo intervenuto si è svolto la scorsa estate dopo il maltempo che con forte vento ha abbattuto alberi nel territorio di Coseano e Cisterna, mentre per quanto riguarda le attività associative che si svolgono nel territorio comunale, la Protezione Civile di Coseano ha coadiuvato in collaborazione con il Comune, i Vigili Urbani, gli operai municipali le diverse attività di supporto agli eventi culturali organizzati dal comune stesso e su richiesta dei comuni vicini. Ci piace ricordare che il gruppo è composto esclusivamente da volontari e che i finanziamenti per lo svolgimento delle attività sono Esercitazione Protezione Civile pubblici, stanziati in pratica dalla Protezione Civile Nazionale, dalla Regione e dal Comune, e coprono le spese di mezzi, attrezzature ed interventi, tutti in ogni caso coordinati dalla centrale operativa di Palmanova. Operare in ambito civile e sociale per un volontario è sempre frutto di passione ed altruismo, ma anche fonte di molte soddisfazioni, ed è per questo che ci auguriamo di crescere ancora, sia in qualità, sia come gruppo con l adesione di nuovi volontari. Cogliamo, infatti, l occasione per invitare soprattutto i giovani (anche del gentil sesso) a contattarci, ricordando loro che l unico requisito per appartenere al gruppo comunale di volontari è di aver compiuto il diciottesimo anno di età, e di avere voglia di stare in compagnia con disponibilità ed altruismo per un esperienza nuova che non sarà solo impegno, ma anche soddisfazione e divertimento. Il Gruppo Comunale di Protezione Civile di Coseano. Sala operativa Cell MANUALITÀ GRUPPO DI MANUALITÀ Manualità è un gioco di parole che esprime il vasto mondo delle tecniche manuali utilizzate per creare, decorare e costruire con i materiali più diversi, senza porre limiti alla fantasia. Ma per la nostra comunità è anche un segno, un impegno, una positiva realtà cristiana di volontà ed abilità che fa pure rima con fraternità. Non di solo pane vive l uomo né tanto meno di sola televisione, ben sappiamo che il cibarsi unicamente di assilli, di doveri o di immagini assorbite passivamente fa stare male e soffoca quanto di più vero e di più creativo c è in noi e ci isola gli uni dagli altri. Distribuire il proprio tempo per mantenere sveglia la propria creatività è prima di tutto un atteggiamento interiore, una preghiera, un modo positivo di porsi di fronte alla vita. E cosa c è di più bello del trovarsi insieme per imparare, condividere, sviluppare nuove idee aiutandosi a vicenda? Tutto e di più è il gruppo di manualità, nato il 13 marzo del 2004 a Cisterna, che si propone ogni anno con i suoi mercatini e le mostre dei ricami, promovendo i corsi di ricamo: un arte riscoperta dal gruppo per far vivere e tramandare le preziose abilità delle nostre nonne alle generazioni più giovani. L adesione volontaria alle varie iniziative è aperta a tutti. Il ricavato della vendita dei manufatti viene suddiviso ed impegnato per le spese vive del riscaldamento ed il mantenimento dei locali utilizzati per il catechismo dei ragazzi, dal gruppo di manualità e dal coro parrocchiale, una piccola parte va incontro alle spese dei materiali di cucito e cancelleria, buona parte viene devoluta ad enti a scopo di beneficenza. Giunti a questo traguardo di consolidamento ed affiatamento del gruppo, ed orgogliosi della collaborazione delle amiche e degli amici che ci affiancano anche da casa con i loro preziosi lavori, fiduciosi di poter sempre contare sulla generosità dei nostri compaesani e degli altri gruppi locali che apprezzano il nostro operato, desideriamo proporci, insieme a tutta la comunità che ci sostiene, in un gesto ed un impegno d amore e di fraternità verso i più poveri a sostegno dell associazione pane condiviso. L associazione no profit (apartitica senza scopi di lucro) ha per oggetto esclusivo l aiuto ed il sostegno umano ed economico mediante adozioni a distanza, donazioni, beneficenze e promovendo interventi di volontariato tramite due suore friulane: Suor Anna missionaria ad Haiti e Suor Edi missionaria in Perù. Tutto ciò che abbiamo ed il bene che possiamo fare viene da Dio e vanno condivisi col prossimo. Speranzosi e fiduciosi di continuare le nostre attività con impegno e rinnovata energia auguriamo a tutti: ai singoli ed ai gruppi e associazioni, buon lavoro! Le amiche del gruppo di manualità NB: Per informazioni ed iscrizioni ai corsi di ricamo contattare: Viola Maria tel. 0432/ TRASFERTA A ROMA DELLA NUOVA CORALE DI COSEANO Al fine di coronare nel migliore dei modi il 25 anniversario di fondazione, nei giorni dal 21 al 25 aprile 2007 la NUOVA CORALE DI COSEANO ha effettuato una trasferta a Roma con l obiettivo principale di solennizzare con i propri canti la celebrazione liturgica delle ore 12 di domenica 22 in Vaticano nella Basilica di San Pietro. L emozione è stata grande per tutti quando hanno iniziato con il canto di ingresso proprio accanto all altare chiamato Cattedra di San Pietro. Il repertorio proposto era composto da musiche di Jacopo Tomadini Albino Perosa W.A.Mozart G.F.Haendel. Sono state lette da alcuni coristi le varie letture e la preghiera dei fedeli all offertorio è stata presentata una cesta contenente alcuni dei più tipici prodotti gastronomici friulani. Grande è stato la soddisfazione quando, alla fine della Messa, i fedeli partecipanti (circa un migliaio) hanno dimostrato il loro apprezzamento con un lungo applauso spontaneo. Complimenti e congratulazioni hanno espresso anche sacerdoti e musicisti presenti per la suggestiva prestazione della affiatatissima corale. I 108 partecipanti alla gita hanno avuto l opportunità di effettuare una visita alla tomba di papa Giovanni Paolo II, presso la quale è stato deposto, a ricordo, un piccolo omaggio. La visita alla Città del Vaticano ed a Roma è proseguita fino al 25 aprile, passando da Musei Vaticani e Cappella Sistina, Fori Imperiali e fontane della città; San Giovanni in Laterano e Santa Maria Maggiore. Presso quest ultima Basilica è stato formalizzato l invito di partecipare ad un concerto nel corso del prossimo anno. Degno di nota è stato il casuale incontro, nel cortile interno, dietro la Basilica di San Pietro, con l Arcivescovo Mons. Pietro Brollo ivi convenuto, assieme agli altri vescovi del Triveneto, per l udienza del Papa. Tutti i cinque giorni della gita sono stati caratterizzati da un bel clima estivo che ha permesso di gustare maggiormente gli innumerevoli monumenti ed opere d arte della città. Per quanto riguarda i prossimi impegni della Corale ricordiamo: La NuovaCorale di Coseano nel cortile della Basilica di S.Pietro la partecipazione alla Rassegna di Zona a Bressa e Basaldella 8/10 giugno 2007 organizzata dalla Unione Società Corali Friulane. la partecipazione a concerti celebrativi di musica lirica insieme ad altri cori e con l accompagnamento della Banda di Carlino. I concerti sono previsti verso la fine dell anno.

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole primarie gennaio 2010 Istituto Comprensivo di Sedegliano Presentazione Questo opuscolo contiene alcune informazioni utili

Dettagli

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA 1 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto comprensivo don Rinaldo Beretta" Scuola secondaria di primo grado Salvo D Acquisto 20030 PAINA DI GIUSSANO - VIA A. MANZONI, 50 TEL.

Dettagli

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Scuola dell infanzia paritaria Opera Pia G. Cavallini PROGETTO ANNUALE 2012-2013 L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Premessa Il nostro viaggio inizia da un posto a noi molto caro e vicino: la nostra biblioteca!

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica

CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica Premessa Il progetto della Casa delle Culture a Modena nasce dall esigenza delle Associazioni degli immigrati presenti nel territorio di usufruire di spazi per costituire

Dettagli

LE TEMPISTICHE DEL PROGETTO

LE TEMPISTICHE DEL PROGETTO Il progetto BiciScuola, l iniziativa correlata al Giro d Italia è rivolta in esclusiva alle scuole Primarie di tutta Italia. Il progetto, giunto alla quindicesima edizione, promosso da RCS Sport-La Gazzetta

Dettagli

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO ASSOCIAZIONE PRO LOCO SANLURI ASSOCIAZIONE PRO LOCO VILLANOVAFORRU COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO RESTAURO E RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO VALORIZZAZIONE AMBIENTALE DELL

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO

PROGETTO ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo F. De Andrè San Frediano a Settimo ANNO SCOLASTICO 2015 2016 REFERENTE Prof. Maurizio Anna Maria PROGETTO CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 REFERENTE: Prof.ssa Maurizio DESTINATARI

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

MISURE A FAVORE DEL DIRITTO ALLO STUDIO

MISURE A FAVORE DEL DIRITTO ALLO STUDIO MISURE A FAVORE DEL DIRITTO ALLO STUDIO PIANO SCUOLA A.S. 2012/2013 Premessa In continuità con gli anni precedenti, anche per l anno scolastico 2012/2013, la nostra Amministrazione Comunale, pur con le

Dettagli

Il laboratorio di musica

Il laboratorio di musica Il laboratorio di musica Il laboratorio di musica si inserisce nei laboratori facoltativi pomeridiani e a differenza degli altri laboratori, che hanno una durata quadrimestrale, dura per tutto l anno.

Dettagli

Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano

Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano In data di giovedì 4 giugno dalle ore 20.45 presso Auditorium Moscheni c/o la scuola secondaria F. Nullo si è tenuto il Comitato Genitori n. 4 per l anno

Dettagli

Servizio Politiche Energetiche

Servizio Politiche Energetiche Servizio Politiche Energetiche FUNZIONI DEL SERVIZIO Controlli impianti termici 1. Sensibilizzazione utenti E l attività di diffusione presso i cittadini delle informazioni (tramite avvisi pubblici affissi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Via Nigoline, 16 25030 ADRO (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO

Dettagli

C O M U N E D I V I L L A D A L M E

C O M U N E D I V I L L A D A L M E C O M U N E D I V I L L A D A L M E (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER I RAPPORTI DI COLLABORAZIONE CON SINGOLI VOLONTARI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA SOLIDARISTICHE Pagina 1 di 7 Art. 1 1. Il Comune,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016.

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016. Edizione 2016 Bando per interventi di messa in sicurezza, ristrutturazione e riqualificazione degli edifici scolastici e per la formazione professionale. Il Bando è suddiviso in due misure: Misura 1) Interventi

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Comune di Spilamberto REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 28.05.2012, divenuta esecutiva ai

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi*

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* Il racconto di un percorso sul mondo vegetale, svolto proprio all inizio del cammino scolastico, si snoda con chiarezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ Anno scolastico 2007/2008 L educazione alla legalità ha trovato spazio nella progettazione della scuola secondaria di

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER LE USCITE DIDATTICHE, LE VISITE GUIDATE E I VIAGGI D ISTRUZIONE/ CAMPI SCUOLA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER LE USCITE DIDATTICHE, LE VISITE GUIDATE E I VIAGGI D ISTRUZIONE/ CAMPI SCUOLA REGOLAMENTO D ISTITUTO PER LE USCITE DIDATTICHE, LE VISITE GUIDATE E I VIAGGI D ISTRUZIONE/ CAMPI SCUOLA ( Scuola Infanzia, Primaria, Secondaria I grado) ART.1. FINALITA ART.2. TIPOLOGIA ART.3. PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE

PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE - PREMESSE E OBIETTIVI DEL PROGETTO - Dopo il nucleo familiare, senza dubbio, è la scuola a rappresentare per il bambino il principale punto di

Dettagli

Milano, 12 ottobre 2015. Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm.

Milano, 12 ottobre 2015. Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm. Milano, 12 ottobre 2015 Alla Cortese attenzione: Presidenti di Sezione Ana Referenti Centro Studi Ana per copia conoscenza: Comm. Centro Studi Ana Prot. N. CS 98_2015 Oggetto: concorso per le scuole Il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015 Comune di Venezia Direzione Politiche Educative, della Famiglia e Sportive Settore Politiche Educative Servizi Educativi Territoriali Coordinamento Psicopedagogico Lido 1 PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF)

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) Scuola dell Infanzia paritaria Clemente e Marina Benecchi PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) Via Rabaglia, 32 43058 Coenzo Sorbolo (PR) 348 0388008 scuolabenecchi@gmail.com BREVE STORIA DELLA SCUOLA DELL

Dettagli

COMUNE DI LAVARONE PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LAVARONE PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI LAVARONE PROVINCIA DI TRENTO fraz. Gionghi, 107-38046 LAVARONE TN Ufficio Segreteria C.F- P.IVA 00256270224 - Tel. 0464/783179 - Fax 0464/783665 RENDICONTAZIONE CONCLUSIVA Progetto: Il respiro

Dettagli

Come studiare matematica

Come studiare matematica Come studiare matematica Consigli pratici sul metodo di studio Se l uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra. Galileo Galilei Docente di Matematica e Informatica Istituto

Dettagli

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è?

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è? Comune di Rieti II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità Sala Riunioni Comune di Rieti giovedì 14 settembre 2006 ore 16.00 http://www.comune.rieti.it/portalerieti/agenda21/index.asp

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

3 ISTITUTO COMPRENSIVO S. Lucia SCUOLA INFANZIA,PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

3 ISTITUTO COMPRENSIVO S. Lucia SCUOLA INFANZIA,PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 3 ISTITUTO COMPRENSIVO S. Lucia SCUOLA INFANZIA,PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Viale Teocrito,63 96100 Siracusa tel. fax 0931/60376-0931/461327 E-mail:SRIC828009@PEC.ISTRUZIONE.IT - SRIC828009@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE

I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE Vorremmo provare a spiegare come funziona il bilancio della nostra scuola, quali servizi vengono offerti e come sono finanziati. Per chiarezza e trasparenza.

Dettagli

Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014

Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014 Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014 ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA AL NIDO, CON EVIDENZIATI I TRAGUARDI DI SVILUPPO RELATIVI AD OGNI ATTIVITA REALIZZATA ALL INTERNO DEL NIDO TEMPI ATTIVITA SPAZI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI 09125 Cagliari Viale Colombo, 60 Tel +39/070-300303/301793 Fax +39/070-340742 E-Mail: mail@itnbuccari.

ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI 09125 Cagliari Viale Colombo, 60 Tel +39/070-300303/301793 Fax +39/070-340742 E-Mail: mail@itnbuccari. ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI 09125 Cagliari Viale Colombo, 60 Tel +39/070-300303/301793 Fax +39/070-340742 E-Mail: mail@itnbuccari.it ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI CAGLIARI & LICEO

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO CHI SIAMO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO SI TROVA IN VIA MAGELLANO 42 FA PARTE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA RAIBERTI DIRIGENTE SCOLASTICO: Dott.

Dettagli

La scuola che vorrei...

La scuola che vorrei... Memorandum La scuola che vorrei... Il pericolo corre tra i banchi ogni giorno? 1. Completare l anagrafe dell edilizia scolastica e controlli serrati nelle scuole Il 44% degli edifici scolastici è stato

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI)

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI) COMUNE DI VALERA FRATTA PROVINCIA DI LODI P.zza Vittoria, 6 Tel. 0371.99000 Fax 0371.99348 c.a.p. 26859 E-mail: comunevalerafratta@virgilio.it RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI

Dettagli

INFORMATIVA TASSE SCOLASTICHE ASSICURAZIONE INTEGRATIVA E CONTRIBUTO VOLONTARIO DI ISTITUTO

INFORMATIVA TASSE SCOLASTICHE ASSICURAZIONE INTEGRATIVA E CONTRIBUTO VOLONTARIO DI ISTITUTO 53 Distretto Scolastico Nocera Inferiore LICEO STATALE Don Carlo La Mura CLASSICO, SCIENTIFICO E SCIENZE APPLICATE Via Monte Tàccaro ANGRI Tel. 0815132847 Fax 0815132861 C.F. 80039430659 Indirizzo web:

Dettagli

La sottoscritta Arch. Arianna Macaccari, con studio in Negrar (VR), via

La sottoscritta Arch. Arianna Macaccari, con studio in Negrar (VR), via VARIANTE E UTLIMAZIONE OPERE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE RELATIVO LA ZONA D3/1 IN LOC. SAN VITO La sottoscritta Arch. Arianna Macaccari, con studio in Negrar (VR), via S.G.Calabria 9, tecnico incaricato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas con annesso Istituto Comprensivo Statale Giovanni Verga (D. A. n. 806 del 06-03-2012) R A M A C C A ( C T ) REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE, VISITE

Dettagli

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001.

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente regolamento viene

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 IN DATA 18/06/2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI TITOLO II TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente Allegato A PROGETTO DI FORMAZIONE LAVORO ATTIVITA RELATIVE ALLA GESTIONE EDIFICI ED INFRASTRUTTURE STRADALI COMUNALI Di cui all art. 3, legge n. 863/1984 e successive modificazioni Attività e programmi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali pubblicato il 29 gennaio 2016 budget complessivo: 80.000 euro termine per la presentazione dei progetti: 15 aprile 2016 contenuti:

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016 Via di Pontaldo, 2 PRATO tel. 0574 635112 E mail info@donmilani.prato.it Sito web:www.donmilani.prato.gov.it Dirigente

Dettagli

RELAZIONE MORALE ANNO 2010

RELAZIONE MORALE ANNO 2010 RELAZIONE MORALE ANNO 2010 Nel corso del 2010, il Gruppo Dirigente ha proseguito la propria attività nel solco degli scopi fissati dallo statuto associativo, impegnandosi in primo luogo nella promozione,

Dettagli

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n.

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n. PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005 SAPERI IN CAMPAGNA 1 PREMESSA Le nuove generazioni e la Sardegna: un rapporto che occorrerebbe rinsaldare attraverso

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

Regolamento Viaggi di istruzione

Regolamento Viaggi di istruzione ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE L. LUZZATTI I.P.C. L. LUZZATTI I.T.C. A. GRAMSCI I.P.I.A T. A. EDISON A. VOLTA Regolamento Viaggi di istruzione 1. Premessa generale 2. Finalità delle iniziative 3. Tipologia

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del ACCESSIBILITÀ a SACILE Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del

Dettagli

Il progetto Mo.Re.Co. e la Belluno dei bambini. Mobilità sostenibile e città: il percorso da casa a scuola

Il progetto Mo.Re.Co. e la Belluno dei bambini. Mobilità sostenibile e città: il percorso da casa a scuola Il progetto Mo.Re.Co. e la Belluno dei bambini Mobilità sostenibile e città: il percorso da casa a scuola Mo.Re.CO. e la Belluno dei bambini Nell ambito del progetto Belluno dei Bambini promosso dall Amministrazione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

Scuole aperte: dai giovani per i giovani"

Scuole aperte: dai giovani per i giovani ALL. N 4 Regione Umbria Scuole aperte: dai giovani per i giovani" Scheda progetto 1. Denominazione del progetto SCUOLE APERTE. GIOVANI AL CENTRO 2. Zona sociale/comune Il progetto rientra nella zona sociale

Dettagli

PROGETTI PREVISTI PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTI PREVISTI PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTI PREVISTI L elaborazione del curricolo vuole rispondere alla complessità della realtà in cui i bambini si trovano a vivere. Nell arco dell anno si alternano progetti trasversali a progetti laboratoriali,

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

Il ministro Martina a cascina don Guanella: Voi, modello da imitare

Il ministro Martina a cascina don Guanella: Voi, modello da imitare Il ministro Martina a cascina don Guanella: Voi, modello da imitare di Claudio Bottagisi VALMADRERA Avete fatto passi non soltanto giusti ma addirittura straordinari e siete un modello nazionale e un esempio

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

Anno Scolastico 2012/2013 Scuola Primaria G. Lodi Crevalcore

Anno Scolastico 2012/2013 Scuola Primaria G. Lodi Crevalcore Anno Scolastico 2012/2013 Scuola Primaria G. Lodi Crevalcore Gemellaggio tra la Classe V B della Scuola Primaria G. Lodi e le Classi V A e V E della Scuola Primaria di Bollate Insegnante Carla Poppi La

Dettagli

DIDASCALIE LA NOTIZIA. 2013: inizia una nuova fase

DIDASCALIE LA NOTIZIA. 2013: inizia una nuova fase LA NOTIZIA DIDASCALIE 2013: inizia una nuova fase I lettori di didascalie/informa, e innanzitutto i circa settemila insegnanti della scuola in Trentino, assieme ai presidi e al resto del personale, si

Dettagli

Le Vostre idee per migliorare il nostro paese

Le Vostre idee per migliorare il nostro paese I giovani e Cavour Le Vostre idee per migliorare il nostro paese Questionario Ai giovani dai 21 ai 30 anni rivolto ai giovani dai 21 ai 30 anni Carissimo/a giovane, quante volte, passeggiando per Cavour

Dettagli

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO 1. Requisiti in capo al Responsabile ambientale 1.1 Generale REQUISITI OBBLIGATORI SI NO O1 O2 O3 O4 È stato nominato un responsabile ambientale

Dettagli

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro.

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro. AVVISO per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane misura Intervento straordinario per la competitività Sul BURC del 2 novembre 2015

Dettagli

Ing. ALDO MANDELLI s.r.l.

Ing. ALDO MANDELLI s.r.l. Ing. ALDO MANDELLI s.r.l. AM impermeabilizzazioni dal 1947 esperienza e qualità al Vostro servizio CHI SIAMO Per conoscere l origine della nostra ditta è necessario compiere un viaggio a ritroso nel tempo

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER VISITE E VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER VISITE E VIAGGI DI ISTRUZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Scuola Media Statale Sperimentale GIUSEPPE MAZZINI Via Delle Carine, 2-00184 Roma C.F. 80197770581 COD. RMMM056001 Distretto

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA AMBIENTE SCOLASTICO La scuola dell infanzia di Montebello è situata nell omonimo quartiere della città di Perugia. Dispone di un piccolo giardino che confina con una grande area verde attrezzata ed un

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

UN ANNO E NON SENTIRLO

UN ANNO E NON SENTIRLO UN ANNO E NON SENTIRLO Appena conclusi i festeggiamenti per il ns. primo anno d attività abbiamo pensato a Voi e Vi segnaliamo questa bella opportunità per visitare la meravigliosa città di Venezia, la

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

COMUNE DI SAN FERDINANDO DI PUGLIA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI REGOLAMENTO ALBO DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI SAN FERDINANDO DI PUGLIA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI REGOLAMENTO ALBO DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI SAN FERDINANDO DI PUGLIA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI REGOLAMENTO ALBO DELLE ASSOCIAZIONI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 53 DEL 10/10/2012 Sommario Articolo 1 - ISTITUZIONE

Dettagli

VERBALE DEL CONSIGLIO DI INTERCLASSE DOCENTI GENITORI Scuola primaria via Alfieri

VERBALE DEL CONSIGLIO DI INTERCLASSE DOCENTI GENITORI Scuola primaria via Alfieri Seconda riunione VERBALE DEL CONSIGLIO DI INTERCLASSE DOCENTI GENITORI Scuola primaria via Alfieri Regolarmente convocato ai sensi di legge, il Consiglio di Interclasse Docenti Genitori si è riunito alle

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Liceo Scientifico Sezione A. Maserati Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Cos è il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate La recente riforma della scuola secondaria ha ripreso la

Dettagli

SCHEDA INTERVISTA CATASTO

SCHEDA INTERVISTA CATASTO SCHEDA INTERVISTA CATASTO Comune di ATTENZIONE: rilevare la volontà dell Ente e non l opinione dell intervistato D1. IL COMUNE È ORIENTATO ALL ASSUNZIONE DIRETTA DELLE FUNZIONI CATASTALI? (a) SI, in forma

Dettagli

Strade + belle e sicure. Progetto di educazione ambientale/educazione stradale nelle scuole della provincia di Torino

Strade + belle e sicure. Progetto di educazione ambientale/educazione stradale nelle scuole della provincia di Torino Strade + belle e sicure Progetto di educazione ambientale/educazione stradale nelle scuole della provincia di Torino La città brutta e disgregata è incubatrice di violenza, di conflitti, di sofferenze.

Dettagli

ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO. pg 1

ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO. pg 1 ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO pg 1 TIPOLOGIA DELLA SCUOLA MEDIA Aree disciplinari e diversi percorsi di studio Conoscenza di sé le proprie attitudini il proprio modo di porsi nei confronti dell impegno

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI AD INDIRIZZO MUSICALE CHI SIAMO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ARDIGO BELLANI DI MONZA E FORMATA DA DUE PLESSI : PLESSO ARDIGO : via Magellano, 42 PLESSO

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. CITTA DI OMEGNA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. (approvato con

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI Siamo il gruppo più numeroso della scuola e assieme alle maestre Meri e Silvia siamo diventati

Dettagli

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Una delegazione dell Enpam ha incontrato i medici e gli odontoiatri che hanno subìto danni allo studio professionale e ai macchinari a causa dell alluvione

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012

SCUOLA dell' INFANZIA: FONTECHIARO Sez. B a.s. 2011-2012 SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012 Inss.: Masci Luana - Del Gatto Paola Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 1 Il quadro finanziario dei Comuni si inserisce in un contesto di finanza pubblica particolarmente indebolito dalla crisi economica che ha

Dettagli