LE NOSTRE PERSONE e I NOSTRI PRODOTTI rendono IL MONDO un posto migliore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE NOSTRE PERSONE e I NOSTRI PRODOTTI rendono IL MONDO un posto migliore"

Transcript

1 BAXTER 2008 SUSTAINABILITY PRIORITIES REPORT Comprehensive report online: sustainability.baxter.com LE NOSTRE PERSONE e I NOSTRI PRODOTTI rendono IL MONDO un posto migliore

2 Il presente Sustainability Priority Report di Baxter descrive i progressi ottenuti nei confronti di ciascuna delle nove priorità che la Baxter si è posta. Consultare il report completo online per informazioni sulle performance dell intera gamma di attività sostenibili svolte dalla Baxter. Presenti anche ulteriori dettagli su alcune delle priorità descritte in questo report. C O N T E N U T I PROFILO AZIENDALE 2 DAL PREDIDENTE E CEO 3 PRIORITA SOSTENIBILI ED OBIETTIVI 4 IL NOSTRO PERSONALE 6 Un luogo di lavoro sicuro e sano 7 Un luogo di lavoro inclusivo e diversificato 8 Codice Etico ed osservanza delle leggi 9 LE NOSTRE ATTIVITA E I NOSTRI PRODOTTI 10 Catena di Supporto Ambientale 11 Impatto Ambientale 12 Uso delle Risorse Naturali 13 Gestione del Prodotto 15 IL NOSTRO MONDO 16 Accesso all HealthCare 17 Istruzione 19 GUIDA AL REPORT ONLINE COMPLETO 20 TABELLA RIASSUNTIVA DEI DATI 22 VERIFICA DI SICUREZZA La Baxter ha promosso la certificazione ER M e la Verifica dei Servizi (ER M CVS) per effettuare la verifica di sicurezza per il seguente ambiente: salute e sicurezza (EHS)- per il quale vi sono delle sezioni dedicate in questo Sustainability Priorities Report 2008 della Baxter com è riconoscibile dal simbolo: Luogo di Lavoro sicuro e sano Impatto Ambientale Uso delle Risorse Naturali Gestione del prodotto Questa rivista è concepita per confermare l accuratezza delle informazioni mostrate, affidabile e trasparente rappresentazione delle performance. ER M CVS ha anche garantito sicurezza ai contenuti sulla EHS presenti nel report completo online sulla sostenibilità. Consultare il report completo online per maggiori informazioni. Profilo Aziendale Baxter International Inc. sviluppa, produce e commercializza prodotti che salvano e sostengono la vita delle persone affette da emofilia, disfunzioni immunitarie, malattie infettive, malattie renali, traumi e altre condizioni mediche croniche ed acute. In qualità di azienda globale e diversificata nel campo dell assistenza sanitaria, Baxter si serve della sua ampia esperienza nei settori dei dispositivi medicali, dei farmaci e delle biotecnologie per creare prodotti finalizzati al miglioramento dell assistenza ai pazienti in tutto il mondo. Baxter fabbrica prodotti in 26 Paesi e li vende in più di 100, circa il 60% delle sue vendite è realizzato al di fuori degli Stati Uniti. Nel 2008 le vendite complessive di Baxter hanno totalizzato circa 12.3 miliardi di dollari. Alla fine del 2008, Baxter conta circa dipendenti in tutto il mondo. L a Ba x te r o pe r a in 3 s eg m e nti : BioScience Baxter è produttore leader di proteine ricombinanti e proteine a base di plasma per il trattamento dell emofilia e di altre disfunzioni che causano emorragie; fabbrica terapie plasma-derivate per il trattamento di deficit immunitari, deficit di alfa 1-antitrip-sina, ustioni, shock e altre malattie ematiche croniche e acute; produce prodotti per la medicina rigenerativa come quelli per la biochirurgia e le tecnologie utilizzate nelle terapie con cellule staminali adulte e inoltre alcuni vaccini. M e d i cation D elive ry Baxter produce prodotti utilizzati nei fluidi e nei medicinali somministrati ai pazienti. Si tratta ad esempio di soluzioni per la somministrazione endovenosa (IV) e set di somministrazione, medicinali premiscelati e sistemi per la ricostruzione di medicinali, fiale e siringhe già pronte all uso di medicinali iniettabili, prodotti per la nutrizione per via parenterale, pompe da infusione, anestetici da inalazione, prodotti e servizi relativi alla formulazione dei farmaci e tecnologie di confezionamento avanzate. RENal Baxter fornisce prodotti per il trattamento di malattie renali allo stadio terminale o di insufficienza renale irreversibile. È leader nei prodotti per la dialisi peritoneale (PD), e circa 30 anni fa ha introdotto una terapia domiciliare. Tra i prodotti si trovano soluzioni per PD e dispensatori automatizzati (cyclers) per somministrare la terapia nelle ore notturne. La società distribuisce inoltre prodotti per l emodialisi, effettuata generalmente in ospedale o in clinica. ab i l i t y Per saperne di più: sustainability.baxter.com/company_profile

3 BAXTER 2008 SUSTAINABILITY PRIORITIES REPORT Dal Presidente e CEO Baxter svolge un ruolo unico nel campo dell assistenza sanitaria. Ogni prodotto che creiamo viene utilizzato per il trattamento di condizioni di vita critiche. Le nostre terapie vengono infuse, iniettate o inalate sei milioni di volte al giorno, in più di 100 Paesi, per salvare e sostenere la vita dei pazienti affetti da emofilia, disordini immunitari, malattie renali allo stato terminale ed altre condizioni critiche. Le sfide che la nostra società si pone nei confronti della sostenibilità non sono da meno. Povertà, fame, cambiamenti climatici, impoverimento delle risorse, e mancanza di accesso all istruzione e ad un assistenza sanitaria di qualità, costituiscono solo alcune delle minacce per il benessere delle generazioni future. In Baxter ci impegniamo a dedicare uniformemente lo spirito d innovazione per migliorare la salute dell intero pianeta e per sviluppare nuove e migliori terapie per i pazienti. Alla Baxter usiamo il termine sostenibilità per descrivere il nostro approccio a lungo termine per equilibrare le nostre responsabilità sociali, economiche ed ambientali. Questi sforzi sono schierati per supportare lo scopo più alto della società: salvare e sostenere vite. Il Sustainability Report di Baxter giunge al suo decimo anno di pubblicazione. In tutte le nostre iniziative sostenibili, estendendo l accesso all assistenza sanitaria, consolidando la formazione o altre aree sulle quali è possibile trovare un approfondimento in questo report, noi ci battiamo per fare da guida e per segnare il passo affinché gli altri seguano il nostro esempio. L A SOSTE NIBILITA COME PARTE D ELL A N OSTR A CULTU R A Sin da quando sono diventato presidente e direttore generale di Baxter nel 2004, ho supportato fortemente gli sforzi di Baxter legati alla sostenibilità, e sono orgoglioso dei progressi che abbiamo fatto per rendere la sostenibilità parte della nostra cultura. Nel 2006, la creazione interna del Sustainability Steering Committee alla guida dei nostri sforzi globali in materia di sostenibilità, ha costituito un significativo passo avanti. Questo organo ha innanzitutto istituzionalizzato la sostenibilità in Baxter ed ha elevato la responsabilità che l azienda mostra di fronte alla gestione delle tematiche legate alla sostenibilità. Aver stabilito nove priorità di sostenibilità nel 2007 è stato il secondo passo in questo progetto. Queste priorità, che sono il fulcro del nostro report di quest anno, definiscono ciò che noi, in quanto azienda, consideriamo come le più importanti aree di sostenibilità, e ci aiutano a canalizzare le risorse laddove è possibile massimizzare il nostro impatto. Da allora abbiamo incrementato obiettivi a lungo termine per il 2015, per ciascuna delle priorità, per delineare i progressi che ci siamo posti. Gli sviluppi verso questo obiettivo vengono analizzati ogni quadrimestre e presentati alla direzione. Le nostre priorità sulla sostenibilità si legano a più vasti obiettivi sociali. Incrementare l accesso all assistenza sanitaria, promuovere la diversità e l integrazione, rafforzare la formazione e ridurre il nostro impatto ambientale, sono tutte aree dove il successo di Baxter contribuisce ad incrementare i guadagni e i benefici in quanto azienda. Agire con integrità, assicurare salute e sicurezza ai nostri dipendenti, e sviluppare partnership con i fornitori per adottare una catena di fornitura più ecologica, sono aspetti egualmente importanti per edificare la leadership. Agli inizi del 2009, abbiamo aggiunto fra le priorità d amministrazione dei prodotti, un piano di tutela animale per identificare ulteriori opportunità per rimpiazzare, ridurre e raffinare (le tre R) l utilizzo dei test sugli animali. Nonostante le nostre politiche e le nostre pratiche siano state già da lungo tempo ideate per minimizzare i test sugli animali, l aggiunta di questo obiettivo riflette il nostro continuo impegno per creare innovazione in questo settore, forti di una storia di azioni coscienziose. GUARDARE AVANTI, P ROGREDIRE Malgrado questi traguardi, la sostenibilità non è una conquista del passato. Si tratta della creazione di un mondo migliore per il futuro. Dobbiamo continuare a coinvolgere i nostri clienti, fornitori, dipendenti, comunità, settori di business, governi nazionali e locali, se davvero intendiamo rendere il progresso necessario per vincere questa sfida. Ci troviamo nel bel mezzo di una delle più difficili crisi economiche del nostro tempo. Nonostante nessuna azienda, incluso Baxter, resta immune dalle questioni che colpiscono l economia globale, noi manteniamo il nostro impegno nel creare un impatto positivo, in termini di salute e benessere, per le nostre comunità locali e globali. In quanto società, il maggiore problema nell affrontare le sfide in materia di sostenibilità è semplicemente il raggio e la mole degli incarichi. Per vincere queste sfide è necessaria la cooperazione dei governi, dei mercati, dei gruppi d interesse e dei singoli cittadini. Credo che le comunità possano giocare un ruolo di prim ordine nel fare la differenza. Esorto tutti gli stakeholder ad unirsi a noi nel valorizzare le nostre sfide ed a contribuire alla ricerca di soluzioni a lungo termine. Lavorando insieme possiamo creare un mondo migliore per le generazioni future. robert l. parkinson, jr. PRESIDENTE E DIRETTORE ESECUTIVO GIUGNO Per saperne di più: sustainability.baxter.com/sustainability_at_baxter

4 4 Priorità e Obiettivi di Baxter per la Sostenibilità Sebbene impegnata nella vasta gamma di questioni relative alla sostenibilità, Baxter riconosce l importanza della definizione di priorità chiare per concentrare i propri sforzi e definire obiettivi misurabili in termini di performance. Nel 2007, il Sustainability Steering Committee ha definito nove priorità suddivise in tre categorie: Il Nostro Personale, Le Nostre Attività e i Nostri Prodotti, il Nostro Mondo. Queste priorità riflettono questioni chiave legate alla Baxter e ai suoi stakeholder e alle aree dove si posiziona l azienda in maniera esclusiva per ottenere un impatto positivo. Da allora, la Baxter si è posta obiettivi a lungo termine riferiti a ciascuna delle priorità per dimostrare l impegno dell azienda, motivare continui miglioramenti e supportare le prestazioni degli stakeholder. Questa tabella evidenzia gli obiettivi e le priorità di Baxter, oltre ad alcune informazioni simili presenti in questo report ed in quello on-line completo. P R I O R I T À IL NOSTRO PERSONALE BAXTER PROMUOVERA UN AMBIENTE DI LAVORO SICURO E SANO BAXTER PROMUOVERA UN AMBIENTE DI LAVORO VARIO E COMPLETO BAXTER PROMUOVERA CONDOTTA ETICA E CONFORMITA LE NOSTRE ATTIVITA E I NOSTRI PRODOTTI BAXTER UTILIZZERA UNA CATENA DI FORNITURA ECOLOGICA BAXTER IMPORRA LA RIDUZIONE DELLE PROPRIE EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA BAXTER IMPORRA LA RIDUZIONE DELL UTILIZZO DELLE RISORSE NATURALI BAXTER GUIDERÀ L AUMENTO DEL CONTROLLO SULLA CUSTODIA DEI PRODOTTI IL NOSTRO MONDO BAXTER RAFFORZERA L ACCESSO ALL ASSISTENZA SANITARIA MEDIANTE SVILUPPO DI PRODOTTI, FINANZIAMENTI FILANTROPICI STRATEGICI E DONAZIONI In basso: I prodotti Baxter vengono usati in più di 100 Paesi per salvare e sostenere la vita della gente che presenta condizioni di salute critiche. BAXTER RAFFORZERA L IMPEGNO DELLA SOCIETA NELL ISTRUZIONE, IN PARTICOLARE PER MATEMATICA E SCIENZE

5 BAXTER 2008 SUSTAINABILITY PRIORITIES REPORT O B I E T T I V I A R G O M E N T I C O R R E L A T I Attuare migliori programmi interni concepiti per salvaguardare la sicurezza e migliorare la salute dei dipendenti in modo da rendere l azienda all avanguardia con le migliori del settore. Rif. Nota 2 pg. 7. Sviluppare e supportare una cultura inclusiva dove possano convivere ed essere rispettate opinioni diverse, dove le diverse esperienze e i diversi bagagli culturali vengano valorizzati. Continuare a difendere sia internamente, sia all esterno, le pratiche etiche per la vendita e il marketing attraverso: > l attuazione del Programma d Osservanza contro la corruzione all interno dell azienda; > la collaborazione con le associazioni commerciali internazionali, con le organizzazioni non governative per armonizzare e rafforzare gli standard di interazione finanziaria con i fornitori sanitari che consentono una formazione appropriata, oltre a ricerca e dialogo in merito ai prodotti e ai servizi, riuscendo a controllare il flusso degli incentivi. Pg 7 oppure sustainability.baxter.com/ehs Pg 8 oppure sustainability.baxter.com/employees e sustainability.baxter.com/supply_chain Pg 9 oppure sustainability.baxter.com/governance_ethics_and_compliance Ridurre del 20% rispetto al 2007 le emissioni di anidride carbonica della flotta di veicoli di Baxter. Rif. Nota 3 pg 11. Incorporare i principi ecologici nel programma di acquisti di Baxter con i 100 fornitori più importanti (per spesa). Ridurre le emissioni di gas serra del 45% indicizzato sulle entrate rispetto al Aumentare del 20% (del totale) l utilizzo di energia da fonti rinnovabili per gli stabilimenti. Ridurre la generazione totale di rifiuti del 30% indicizzato sulle entrate rispetto al Ridurre l utilizzo di energia del 30% indicizzato sulle entrate rispetto al Eliminare 5 milioni di chilogrammi di materiali per l'imballaggio dei prodotti inviati ai clienti rispetto al Ridurre l utilizzo di acqua del 35% indicizzato sulle entrate rispetto al Per favorire il raggiungimento di tali risultati, entro il 2010 occorre valutare bacini idrici potenzialmente vulnerabili associati agli stabilimenti Baxter e definire obiettivi di conservazione dell acqua per le aree ad alto rischio. Implementare due progetti per proteggere i bacini idrici vulnerabili e/o fornire alle comunità un migliore accesso all acqua pulita. Pg 11 oppure sustainability.baxter.com/supply_chain Pg 12 oppure sustainability.baxter.com/ehs Pg 13 oppure sustainability.baxter.com/ehs e sustainability.baxter.com/product_responsibility 5 Incorporare i seguenti elementi, nel programma di gestione dei prodotti: design sostenibile, ritiro e riciclaggio dei prodotti Baxter. Definire nuove opportunità per rimpiazzare, ridurre e raffinare (le tre R) l utilizzo dei test sugli animali. Pg 15 oppure sustainability.baxter.com/product_responsibility Entro il 2010, valutare i prodotti esistenti in termini di rilevanza rispetto alla base della piramide (economie in via di sviluppo ed emergenti) e identificare opportunità di prodotti ad alto impatto ed economicamente realizzabili. Rif. nota 1 pg 18. Aumentare l investimento in R&S a partire dal 2008 per migliorare l accesso all assistenza sanitaria per la base della piramide. Creare un Consiglio per coordinare le donazioni filantropiche in USA e sviluppare e implementare una strategia per allineare gli sforzi alle priorità assegnate dalla politica pubblica per migliorare la sanità. Entro il 2010 si definirà la percentuale delle donazioni totali di Baxter ai programmi sanitari. Lavorare con partner donatori per implementare, entro il 2010, un piano strategico di donazione di prodotti che preveda: la presenza dei prodotti Baxter primi sulla scena dopo disastri e tragedie; la stabilizzazione della fornitura dei prodotti più necessari; la necessità di prodotti Baxter critici nelle economie meno sviluppate e in via di sviluppo. Pg 17 oppure sustainability.baxter.com/community_support Facilitare l apprendimento della matematica e delle scienze mediante la formazione in biotecnologia per gli insegnanti e gli studenti della Chicago Public School e realizzare partnership con altre organizzazioni formative per fornire opportunità simili in altri luoghi. Pg 19 oppure sustainability.baxter.com/community_support

6 IL NOSTRO PERSONALE A g g i o r n a m e n t o s u i p r o g r e s s i I dipendenti Baxter in tutto il mondo sono la chiave del successo dell azienda. Essi giocano un ruolo cruciale nel motivare, sviluppare ed implementare le strategie e i programmi aziendali di sostenibilità. Per venire incontro alla Baxter ed ai suoi dipendenti nella realizzazione del loro potenziale, l azienda migliora continuamente le sue strutture e i suoi programmi per offrire un luogo di lavoro sicuro, salubre e coinvolgente. L integrità è un caposaldo della cultura Baxter, e l azienda sostiene i suoi dipendenti nel prendere decisioni che dimostrino gli elevati standard etici. Sulla destra: Bernhard Kutscher, VP R6D Europe, è uno dei tanti dipendenti Baxter in tutto il mondo che condivide la sua esperienza in materiale medico, biologico, sterilizzazione ed altre discipline scientifiche per creare prodotti salvavita esclusivi. La ricerca e lo sviluppo sono essenziali per la crescita di Baxter.

7 BAXTER 2008 SUSTAINABILITY PRIORITIES REPORT PRIORITA : Baxter promuoverà un ambiente di lavoro sicuro e sano In quanto azienda concentrata sulla creazione di prodotti e terapie salvavita, Baxter considera l'impatto positivo sulla sicurezza e la salute dei suoi dipendenti e contractor, come la naturale estensione del suo operato. In basso: Negli stabilimenti Baxter di tutto il mondo, incluso questo di Suzhou, Cina, l azienda integra concetti ergonomici nel design e nella creazione di postazioni operative. Tavoli e sedie si modellano in funzione della postura. SICUREZZA D EL D I PENDENTE Nel 2008, la Baxter ha identificato i seguenti processi di verifica degli stabilimenti come i più efficaci strumenti per migliorare la sicurezza e rafforzare la cultura aziendale in tal senso: PANORAMICA SULLE PERFORMANCE SU SALUTE E SICUREZZA 2008 (in relazione al 2007)¹ PERCENTUALE DI CASI CON GIORNI PERSI PERCENTUALE DI GIORNI PERSI PERCENTUALE DI CASI REGISTRABILI INCIDENTI GRAVI DIPENDENTI/CONTRACTOR INCIDENTI MORTALI DIPENDENTI/CONTRACTOR MIGLIORATA DEL 24% MIGLIORATA DEL 22% MIGLIORATA DEL 9% 7/2 NEL 2008 (12/1 NEL 2007) 0/1 NEL 2008 (0/0 NEL 2007) Individuazione del pericolo e definizione del rischio: un indagine del 2008 sugli stabilimenti ha evidenziato come i programmi d individuazione del pericolo e di definizione del rischio riflettano variabili gradi di maturità. La Baxter sta standardizzando i suoi sforzi nel 2009 per migliorarne la consistenza. Rapporto sugli incidenti evitati: un programma sugli incidenti evitati identifica gli incidenti potenzialmente dannosi, che avrebbero potuto causare malattie o infortuni. Per il 2009, Baxter ha stabilito otto capisaldi in base ad un mirato programma sugli incidenti evitati, e sta monitorando i progressi degli stabilimenti dell azienda. Nel 2007, la percentuale di casi con giorni persi posiziona la Baxter al quarto posto fra i competitor.² SALUTE E BENESSERE Una forza lavoro sana e produttiva è vitale per il successo di Baxter. Attraverso Baxter (iniziativa su salute e benessere introdotta nel 2007 e che coinvolge i dipendenti Baxter a livello globale) l azienda sta edificando una cultura che promuova la salute personale e migliori condizioni lavorative. allinea le numerose iniziative aziendali legate alla salute e al benessere sotto l onnicomprensivo programma che mira ad accrescere consapevolezza e a sostenere l impegno e la responsabilità personale. 7 Nel 2008 Baxter ha lanciato il suo programma globale sui siti senza fumo. Alla fine dell anno, il 77% degli stabilimenti aziendali erano ambienti senza fumo. L obiettivo per la fine del 2009 è rendere siti senza fumo l 80% degli stabilimenti nel mondo. Nel 2008 Baxter ha anche presentato il Personal Wellness Profile, una stima on-line del rischio sanitario che permette ai dipendenti di capire meglio come le loro scelte di vita, storie familiari e altri fattori possano impattare sulla salute. I dipendenti si pongono obiettivi sanitari, creano piani d azioni e monitorano i loro progressi. Secondo i piani aziendali, il 25% dei dipendenti globali avrà completato la stima entro il Utilizzando risultati complessivi, la Baxter avrà identificato i programmi per indirizzare il rischio e la necessità. Nel 2008, in aggiunta, il programma Baxter di prevenzione contro l influenza stagionale ha registrato la vaccinazione del 37% dei dipendenti in tutto il mondo, contro il 29% dell anno precedente. Obiettivo 2015 Attuare migliori programmi interni concepiti per salvaguardare la sicurezza e migliorare la salute dei dipendenti in modo da rendere l azienda all avanguardia con le migliori del settore.² ¹ Tutte le percentuali sono basate su dipendenti a tempo pieno (FTE) che lavorano per un anno: 100 FTE che lavorano un anno corrispondono a ore lavoro. Per scopi di montaggio, Baxter applica in tutto il mondo le pratiche di mantenimento dei record dell Occupational Safety and Health Administration statunitense. Casi con giorni persi: incidenti o malattie collega ti al lavoro che causano l assenza di un dipendente per almeno un giorno intero dopo la data dell incidente. Giorni persi: numero di giorni persi a causa di incidenti e malattie collegati al lavoro. Casi registrabili: incidenti e malattie collegate al lavoro che richiedono assistenza sanitaria di primo soccorso, incluso casi con giorni persi. Incidenti gravi e mortalità: vedere Tabella Sommario dati Baxter a pagina 22. ² Su 14 aziende farmaceutiche che hanno riportato i dati globali sulla sicurezza all ORC Worldwide, la Baxter si è classificata quarta nel 2007 per i casi con giorni persi. ORC Worldwide è una ditta internazionale di consulenza per risorse umane. Non ci sono dati disponibili per il 2008, né per giugno Per saperne di più: sustainability.baxter.com/ehs

8 IL NOSTRO PERSONALE A g g i o r n a m e n t o s u i p r o g r e s s i PRIORITA : Baxter promuoverà un ambiente di lavoro sicuro e sano Baxter ritiene che una cultura inclusiva ed una forza lavoro diversificata possano guidare l innovazione, creare solide partnership con i clienti, fornitori e comunità, oltre a contribuire al successo del business. Oltre ad aver edificato un organizzazione globale e diversificata fatta di individui appartenenti a svariati contesti, prospettive ed esperienze, Baxter s impegna ad incoraggiare una cultura inclusiva dove le differenze vengono prese in considerazione e rispettate. L azienda collabora con organizzazioni che abbracciano l integrazione, incluso quelle coinvolte in iniziative filantropiche e di volontariato promosse da Baxter. Lavorare con più fornitori è anche parte integrante della strategia aziendale. GLOBAL INCLUSION COUNCIL Nel 2008, Baxter ha istituito un Consiglio di Inclusione Globale, composto dai dirigenti interni all azienda. Il Consiglio infonde aspettative di leadership, guida e sostegno per implementare la strategia d inclusione di Baxter. Nel 2008 il Consiglio ha prodotto una consapevolezza interna sulla strategia inclusiva, una più forte consapevolezza cross culturale, ed ha definito le buone norme. Il Consiglio ha inoltre individuato nuove opportunità per proiettare la strategia nel 2009 e oltre. In basso: Shannon Zhou è un consulente per il training in Baxter, Asia Pacific Region. 8 In Basso: l Ingegnere Wiko Nkema Bosenge analizza campioni di materiale presso lo stabilimento Baxter Ricerca e Sviluppo di Nivelles, Belgio. FEEDBACK D E I D I PENDENTI Nel 2008, Baxter ha condotto 17 tavole rotonde per i dipendenti coinvolgendone 200 a random selezionandoli in 28 Paesi. I membri della Direzione Generale hanno facilitato tali sessioni, designate per migliorare la comprensione delle diversità locali e globali e le sfide integrazioniste. Nel 2009, Baxter utilizzerà i feedback delle tavole rotonde assieme ai risultati del Culture Survey 2009 per delineare le iniziative in materia di inclusione che si concentreranno su training e formazione. D IVE RSIFI CA ZIONE D E I FO R NITO R I Baxter lavora per sviluppare relazioni di mutuo beneficio con fornitori piccoli e diversi, vista l importanza che questi fornitori hanno per l azienda e per le comunità dove i dipendenti Baxter vivono e lavorano. Nel 2008, l azienda ha investito circa 457 milioni di dollari nel piccolo business in USA e Puerto Rico, il 17% dei fornitori Baxter sono coinvolti in questo business. L azienda ha investito 88 milioni di dollari nelle assunzioni di dipendenti di sesso femminile e 24 milioni di dollari in assunzioni di minoranze. Sviluppare e supportare una cultura inclusiva dove possano convivere ed essere rispettate opinioni diverse, dove le diverse esperienze e i diversi bagagli culturali vengano valorizzati Award Winner Come riconoscimento per il suo impegno in materia di diversità ed inclusione, Baxter ha ricevuto nel 2009 il prestigioso Premio Catalyst per il suo programma Building Talent Edge attuato nelle aziende della Asia Pacific Region. Baxter ha avviato il programma nel 2005 per raggiungere un bilanciamento 50/50 fra i sessi occupati in posizioni dirigenziali, attraverso mirate strategie di recruitment e forti piani di comunicazione. Baxter ha incrementato la percentuale di donne impiegate in incarichi dirigenziali nell area Asia Pacific Region, dal 31% nel 2004 al 50% nel 2008, raggiungendo gli obiettivi due anni prima delle previsioni. È possibile trovare ulteriori dettagli nello studio online. Obiettivo 2015 Per saperne di più: sustainability.baxter.com/employees e sustainability.baxter.com/supply_chain

9 BAXTER 2008 SUSTAINABILITY PRIORITIES REPORT PRIORITA : Baxter promuoverà condotta etica e conformità La corruzione pone un importante sfida all economia globale. Essa costituisce un impedimento per lo sviluppo sostenibile, accresce le disuguaglianze, minaccia le istituzioni pubbliche ed infanga la crescita economica. La corruzione rappresenta un rischio legale ed una minaccia sia per i costi di business, sia per la reputazione delle aziende ed implica relazioni commerciali insostenibili. I rischi di corruzione differiscono in base ai settori. Nel settore healthcare è essenziale mantenere interazioni etiche con i fornitori sanitari, ciò serve ad assicurare che le decisioni di vendita siano efficaci e di qualità e non vengano intaccate da fattori negativi. Le aziende, incluso Baxter, hanno un ruolo centrale nella promozione dell etica mantenendo gli alti standard e pretendendo che i propri partner commerciali facciano altrettanto. Baxter s impegna ad operare con la maggior integrità ed etica, perseguendo gli standard legislativi. OBIETTIVI 2015 Nel 2008, Baxter ha lanciato il suo nuovo Codice di Condotta. Disponibile in 20 lingue, si edifica sul precedente codice identificando comportamenti attesi e spiegando quanto la conformità a ciascuno standard sia importante per il successo degli affari di Baxter. Nel 2009, l azienda formerà attraverso il Codice di Condotta tutti i suoi dipendenti globali. Nel 2008, Baxter ha aggiornato la sua Policy Globale Contro la Corruzione, la quale governa le relazioni fra dipendenti, contractor, agenti e terze parti, e i membri del Governo. L azienda ha inoltre revisionato le sue policy internazionali che sono alla base delle interazioni con il personale sanitario, con le istituzioni mediche e con le organizzazioni dei pazienti. Baxter attua una copertura della stima del rischio per tutte le sue attività, e verifica e monitora le prestazioni in questo settore attraverso l accertamento delle conformità. Agli inizi del 2009, Baxter avvia un programma di formazione contro la corruzione, basato sulla stima del rischio, che offre training e gruppi di comunicazione finalizzati a mantenere awareness aziendale. Gli impegni presi nelle attività per combattere la corruzione possono essere ostacolati o potenziati a seconda delle vicende, Baxter s impegna per questo a rafforzare e migliorare i codici di condotta per le diverse attività, promuovendo comportamenti etici all interno del settore healthcare. Ad esempio, Baxter è significativamente coinvolta nella AdvaMed e nella Eucomed, che sono organizzazioni euroamericane autrici di codici di condotta alla base delle interazioni con i fornitori sanitari. Continuare a difendere sia internamente, sia all esterno, le pratiche etiche per la vendita e il marketing attraverso: > l attuazione del Programma d Osservanza contro la corruzione all interno dell azienda; > la collaborazione con le associazioni commerciali internazionali, con le organizzazioni non governative per armonizzare e rafforzare gli standard di interazione finanziaria con i fornitori sanitari che consentono una formazione appropriata, oltre che ricerca e dialogo in merito ai prodotti e ai servizi, facendo desistere da incentivi impropri. In basso: Ozden Bayir (sinistra), rappresentante di vendita per la nutrizione parenterale Baxter in Turchia, discute sulle caratteristiche delle sacche a tre camere Baxter con il cliente Oktay Demirkiran dell Azienda Ospedaliera dell Università di Istanbul. Mantenere elevati standard nelle interazioni con i clienti è uno degli argomenti trattati nel nuovo Codice di Condotta Baxter. Nel 2009, l azienda individuerà le associazioni di categoria nell America Latina e nell area Asia Pacific, affinchè vi sia collaborazione per sviluppare e potenziare i codici di condotta che regolano la produzione di dispositivi medici e prodotti farmaceutici. Nel 2009, Baxter valuterà quanto le iniziative contro la corruzione possano completare l approccio dell azienda, stiamo parlando dell UN Global Compact, del Forum delle Associazioni Economiche Mondiali contro la Corruzione, e dell Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo. 9 Per saperne di più: sustainability.baxter.com/governance_ethics_and_compliance

10 LE NOSTRE ATTIVITA E I NOSTRI PRODOTTI A g g i o r n a m e n t o s u i p r o g r e s s i La salvaguardia dell ambiente è una delle sfide chiave da affrontare nel mondo di oggi. Baxter è cosciente del fatto che le sue attività commerciali impattano sull ambiente, ed ha fatto della tutela ambientale una priorità per più di tre decadi, applicando gli stessi elevati standard a tutti gli stabilimenti nel mondo. Comprendere e ridurre l impatto aziendale legato ai materiali e ai servizi acquistati dai fornitori e ai suoi prodotti venduti è fondamentale per l impegno di Baxter in materia di sostenibilità. Ciascun impatto offre un opportunità per migliorare, e l azienda ha programmi che mirano a potenziare le sue performance attraverso l intera gamma delle sue attività. A destra: la catena di fornitura Baxter si estende dai produttori di materiali grezzi ai consumatori finali dei prodotti Baxter. Negli stabilimenti manifatturieri e nei magazzini aziendali si praticano inventari, ordini, fatturazioni e sistemi di distribuzione elettronici per accrescere l efficienza della catena di fornitura e migliorare le prestazioni ambientali. Antonio Cosentino, nello stabilimento Baxter di Nivelles, Belgio, utilizza un data terminal per gestire l inventario.

11 BAXTER 2008 SUSTAINABILITY PRIORITIES REPORT PRIORITA : Baxter utilizzerà una catena di fornitura ecologica Baxter lavora con migliaia di fornitori in più di 100 Paesi per rendere sicuri materiali grezzi, componenti, servizi, beni e capacità di trasporto richieste per le attività dell azienda in tutto il mondo. Come parte della comunità di questo mercato globale, Baxter s impegna a lavorare con i suoi fornitori per migliorare la sua performance ambientale, ad acquistare prodotti con bassi impatti ambientali e a minimizzare le emissioni legate al trasporto. In basso: Nel 2009 la Baxter ha acquisito due nuovi veicoli in California, sono ibridi Elettrici/Diesel. I veicoli sono impiegati nella Renal fleet, trasportano soluzioni per la dialisi renale a casa dei pazienti. Per comprendere meglio la performance ambientale dei fornitori Baxter, nel 2008 l azienda ha condotto un sondaggio sulla sostenibilità delle attività dei fornitori sui 100 fornitori principali in USA. Nell insieme questi fornitori rappresentano il 50% della spesa totale Baxter per i fornitori (2,2 miliardi di dollari). Confrontare gli highlights nel report online completo. A P P ROV VIGIONAMENTO ECOLOGICO Per migliorare l impatto ambientale dei suoi acquisti, Baxter ha cominciato ad inserire la sostenibilità nelle sue relazioni formali con i fornitori. Nel 2008 negli Stati Uniti e nel Canada, Baxter ha modificato la sua richiesta per il documento di proposta per inserire le informazioni sull impegno sostenibile dei fornitori, iniziative e prestazioni, ed anche per aggiungere un linguaggio sostenibile all interno dei suoi accordi con i fornitori. L azienda prevede per il 2009 l uso di tale linguaggio all interno di documenti simili. Baxter includerà inoltre criteri di sostenibilità nelle carte a punti per i fornitori per forniture dirette.¹ Agli inizi del 2009, Baxter ha avviato la Policy Ambientale Preferenziale d Acquisto. Questa fornisce beni che sono prevalentemente merce d ufficio, e contribuisce anche alla certificazione LEED ² per gli edifici esistenti. Lo scopo primario della policy è quello di estendere tale opportunità dal quartier generale di Deerfield, Illinois, Stati Uniti, a tutti gli stabilimenti dell Illinois settentrionale. Un punto che merita attenzione è la flotta automobilistica aziendale. Nel ciclo leasing , Baxter ha selezionato automobili con un efficienza di carburante dichiarata più elevata rispetto ad una prima flotta in seguito rimpiazzata. Tuttavia, l efficienza misurata del carburante è effettivamente diminuita. Baxter sta cercando di capire come poter migliorare questa performance negli anni a venire per raggiungere i suoi obiettivi nel Baxer si pone obiettivi anche per le flotte al di fuori dei confini statunitensi. TR AS P O RTO D E I P RODOT TI Baxter lavora per ridurre le emissioni legate al trasporto dei suoi prodotti ai clienti di tutto il mondo. Negli Stati Uniti, Baxter chiede a tutti i suoi fornitori di trasporto di superficie di partecipare al programma Environmental Protection Agency SmartWay SM. Spostando le modalità di trasporto da quelle ad alto consumo energetico a quelle a basso consumo (come, ad esempio, da trasporto su strada a trasporto su rotaie) le emissioni si riducono. Baxter ha aumentato l uso del trasporto intermodale (combinando rotaie e strada anziché solo su strada) negli Stati Uniti ogni anno dal 2005, riducendo le emissioni di gas serra a 530 tonnellate metriche di diossido di carbonio (CO2e) equivalente nel In Europa, il cambiamento da trasporto su strada ad altre modalità ha ridotto le emissioni di gas serra di più di 1,580 di tonnellate metriche nel Baxter prevede di riferire in futuro sulle emissioni globali legate al trasporto. Baxter ha compiuto sin dal 2004 molti miglioramenti nella sua flotta di camion Renal, per esempio ha installato computer di bordo che consentono di ridurre i tempi morti dal 10 a 2%, e limitano la velocità a 62 mph. Nel corso del 2009 Baxter migliorerà i computer di bordo per razionalizzare ancora di più il percorso di consegne e introdurrà due camion con motore ibrido Diesel/Elettrico, con questi prossimi miglioramenti si ridurranno le emissioni inquinanti del 18-20% rispetto all anno precedente. Sin dal luglio 2008, Baxter ha compensato le emissioni di GHG prodotte da tutte le consegne dei prodotti dal centro di distribuzione dell azienda a Northampton, GB, (più di tonnellate metriche di CO2e) finanziando la CarbonNeutral Company in un progetto di energia eolica nell India del sud. 11 OBIETTIVI 2015 Ridurre del 20% rispetto al 2007 le emissioni di anidride carbonica della flotta di veicoli di Baxter.³ Incorporare i principi ecologici nel programma di acquisti di Baxter con i 100 fornitori più importanti (per spesa). ¹ Fornitori Diretti, sono quelli che offrono le materie prime ed i componenti utilizzati per i prodotti Baxter ² Il Leadership in Energy and Environmental Design (LEED) è un sistema volontario di valutazioni che certifica la sostenibilità delle costruzioni. Per maggiori informazioni visitare il sito ³ Anno aggiornato da quello precedente grazie alla disponibilità di dati Per saperne di più: sustainability.baxter.com/supply_chain

12 LE NOSTRE ATTIVITA E I NOSTRI PRODOTTI A g g i o r n a m e n t o s u i p r o g r e s s i 12 PRIORITA : Baxter imporrà la riduzione delle proprie emissioni di anidride carbonica I cambiamenti climatici terrestri, provocati dall aumento delle emissioni di gas serra nell atmosfera sin dalla rivoluzione industriale, risulta la questione ambientale più pressante di questa generazione. Reagire con successo a questa sfida richiede la partecipazione di tutte le componenti della società individui, mercati, città, stati e nazioni per intraprendere azioni rapide e significative. Essere consapevoli del cambiamento climatico terrestre e ridurre le emissioni di gas serra è un aspetto fondamentale dell impegno di Baxter in materia di sostenibilità. Le aree principali di discussione per l azienda includono la gestione dell energia, l uso di energie rinnovabili e l andamento delle emissioni. Confronta gli ulteriori aspetti dell approccio di Baxter nel rapporto completo on-line. GESTIONE D ELL ENERGIA Il programma di Baxter sulla gestione dell energia globale si concentra sulla minimizzazione dell uso e dei costi energetici, e ciò favorisce la riduzione delle emissioni di gas serra legate all uso dell energia. Confronta pg 13 per ulteriori dettagli ed esempi di conservazione dell energia. Un esempio di progetto di gestione dell energia che ridurrà l intensità dei gas è l installazione di un sistema di cogenerazione a 3 megawatt approvato nel 2009 per lo stabilimento Baxter di Castelbar, Irlanda. Questo progetto genererà elettricità e vapore da gas naturale, un carburante a gas più leggero rispetto ad un carburante pesante ad olio. Il carburante pesante ad olio viene usato tutt oggi in quanto risulta ancora l unica forma di carburante disponibile negli stabilimenti. E NERGIA RINNOVABILE Baxter ha incrementato l uso di energie rinnovabili del 16% sul totale dell energia utilizzata nel 2008 negli stabilimenti, contro il 15% nel Nel 2008 l azienda ha installato sistemi ad energia solare in Cina, Portogallo e Spagna e progetta di individuare ulteriori siti nel Nel 2008, l azienda ha anche acquistato permessi per la produzione di energia rinnovabile per 29,500 megawatt ore certificati negli Stati Uniti ( il 25 maggior acquirente statunitense da gennaio 2009). ¹ Baxter ha acquisito gas neutri bilanciando le emissioni di gas serra combinate con il consumo di carburante in loco e con l uso di elettricità in tre siti globali, incluso il plesso aziendale Baxter di Deerfield, Illinois, Stati Uniti. In alcuni casi, Baxter ha anche acquistato permessi di energia rinnovabile per bilanciare le emissioni di gas serra combinate con prodotti manifatturieri e di consegna ai clienti. Confronta pg 15 per maggiori dettagli. ANDAMENTO D ELLE E M ISSIONI Il sistema cap-trade per le emissioni gassose si sta facendo strada in diverse regioni e Paesi in tutto il mondo. Questo sistema commerciale può giocare un ruolo importante nell agevolazione della riduzione di certe emissioni di gas serra. Baxter partecipa al Chicago Climate Exchange e all European Union Emissions Trading Scheme. Baxter sta monitorando lo sviluppo degli altri sistemi di misurazione dell andamento dei gas in tutto il mondo, incluso Cina ed India. Baxter ha dimostrato la sua leadership presentando il proprio piano di modifica dell utilizzo di anidride carbonica per la riduzione dei gas e per la salvaguardia del clima sin dal 2002, e continuando nel 2008 con il Carbon Disclosure Leadership Index, per il rilevamento dei cambiamenti climatici. Paul Dickinson, CEO Carbon Disclosure Project In basso: Un immagine del CCX, il primo centro mondiale, l unico nel nord America, per la registrazione dei gas serra. Il centro monitora l attività del mercato del carbone e mira alla riduzione dello stesso, la sede dell organizzazione si trova a Chicago, Illinois, USA. Baxter è stato membro fondatore del CCX nel ¹ Come da accordi presi con la US Environmental Protection Agency. Consultare OBIETTIVI 2015 Ridurre le emissioni di gas serra del 45% indicizzato sulle entrate rispetto al Aumentare del 20% (del totale) l utilizzo di energia da fonti rinnovabili per gli stabilimenti. >>Le emissioni di GHG di Baxter nel 2008 derivanti dai funzionamenti delle operazioni ammontano a tonnellate metriche di anidride carbonica (CO 2 e), essenzialmente invariati dai livelli del 2005 ma il rapporto di produzione è aumentato del 21%.<< Per saperne di più: sustainability.baxter.com/ehs

13 BAXTER 2008 SUSTAINABILITY PRIORITIES REPORT P R I O R ITA : Baxter imporrà la riduzione dell utilizzo delle risorse naturali PROGRESSI IN BASE AGLI OBIETTIVI AMBIENTALI PER IL 2015 Baxter dipende da materiali, energia, acqua e altre risorse naturali che consentono di fabbricare prodotti e gestire il mercato. Tali risorse sono limitate, e l azienda detiene una lunga storia che dimostra il suo impegno nell uso ponderato delle stesse. Gli obiettivi del 2015 in materia di risorse naturali fanno parte degli obiettivi ambientali di terza generazione e riflettono impegni che sono fondamentali per le attività dell azienda, dei clienti e degli stakeholder. RIFIUTI Per Baxter, la principale risorsa non pericolosa è la plastica generata dai rifiuti manifatturieri, e la sua principale risorsa di rifiuti regolari sono gli scarti biologici e plasma derivati. Nel 2008, l impegno alla riduzione dei rifiuti si è concentrato principalmente sui più estesi siti di produzione. Per esempio, il plant di Guayama, Puerto Rico, ha ridotto la produzione di rifiuti di più di 2,000 di tonnellate metriche (66%) comparate al 2007, migliorando l efficienza delle attività di pulitura e l accuratezza dei dati sulla generazione di rifiuti. Per maggiori informazioni sulle performance nel 2007 del plant di Guayama, Puerto Rico, consultare la sezione sui rifiuti nel report completo on-line. RIFIUTI TOTALI 2008 Progressi -11 % 2015 Obiettivi -30 % 100% Progressi ed obiettivi indicizzati sulle revenue, paragonati al 2005 Storicamente, le sfide di Baxter in materia di riduzione dei rifiuti, sono state attribuite allo smaltimento dei prodotti scaduti che vengono rinviati dai clienti e all aumentata generazione di determinati rifiuti attribuita ad alcuni stabilimenti. Nel 2009, Baxter sta sviluppando un nuovo sistema di gestione informativa per la sua organizzazione Ambiente, Salute e Sicurezza. Il sistema consentirà un monitoraggio più consistente e pianificato sulla generazione di rifiuti per permettere una migliore gestione in risposta agli andamenti sfavorevoli. I M BALL AGGIO Baxter ha utilizzato in tutto il mondo nel 2008 per i suoi prodotti più di 47,000 tonnellate metriche di imballaggi, e s impegna a utilizzare questi materiali nella maniera più efficiente. Nel 2008, l azienda ha ridotto la dimensione degli imballaggi per la maggior parte dei prodotti Renal negli Stati Uniti, diminuendo del 30% lo spazio d immagazzinamento richiesto dai clienti nelle loro abitazioni. Grazie a tale iniziativa, Baxter ha ridotto la produzione degli imballaggi di 360 tonnellate metriche nella seconda metà del 2008 e si pone di abbassarla di 800 tonnellate metriche nel Baxter sta definendo nel 2009 un sistema di monitoraggio aziendale per migliorare il rapporto sulle iniziative legate all imballaggio. E NERGIA I prodotti degli stabilimenti di produzione Baxter necessitano elettricità per il funzionamento delle attrezzature e carburanti per generare vapore per la sterilizzazione e la purificazione dell acqua. Baxter effettua normalmente la stima sull energia impiegata in tutti i siti manifatturieri per identificare opportunità di risparmio energetico, pratiche di implementazione per la conservazione dell energia attraverso il suo programma Lean Energy. L azienda organizza anche una conferenza energetica biennale per preparare i suoi manager operanti nel settore energetico e supportare il personale condividendo attività di successo. (continua a pagina 14) CONSUMO DI ACQUA 2008 Progressi -26% 2015 Obiettivi -35% CONSUMO DI ENERGIA 2008 Progressi -18 % 2015 Obiettivi -30 % 2005 BASELINE 2008 PROGRESSI 2015 OBIETTIVI 13 OBIETTIVI 2015 Ridurre la generazione totale di rifiuti del 30% indicizzato sulle entrate rispetto al Ridurre l utilizzo di energia del 30% indicizzato sulle entrate rispetto al Eliminare 5 milioni di chilogrammi di materiali per l imballaggio dai prodotti inviati ai clienti rispetto al Ridurre l utilizzo di acqua del 35% indicizzato sulle entrate rispetto al Per favorire il raggiungimento di tali risultati, entro il 2010 occorre valutare bacini idrici potenzialmente vulnerabili associati agli stabilimenti Baxter e definire obiettivi di conservazione dell acqua per le aree ad alto rischio. Implementare due progetti per proteggere i bacini idrici vulnerabili e/o fornire alle comunità un migliore accesso all acqua pulita. Sopra: La plastica rappresenta il più significativo flusso di rifiuti prodotti dalla Baxter. L operatrice Karen Ogle sta azionando una trinciatrice per la plastica all impianto Baxter di Marion, Carolina del Nord, Usa. Nello stabilimento la plastica di scarto viene unita a plastica vergine e trasformata in tubazioni e rivestimenti. Per saperne di più: sustainability.baxter.com/ehs e sustainability.baxter.com/product_responsibility

14 LE NOSTRE ATTIVITA' E I NOSTRI PRODOTTI A g g i o r n a m e n t o s u i p r o g r e s s i 14 (continua da pagina 13) Fra gli stabilimenti Baxter riconosciuti per la conservazione dell energia nel 2008 vi era Sao Paulo, Brasile, che ha diminuito l utilizzo di energia del 4.4% per ogni unità di produzione attraverso progetti come sistemi di evaporazione dell acqua piovana che rinfrescano gli edifici e riducono i costi di scarico delle acque. Acqua La Baxter utilizza l acqua in massima parte (80%) per i processi di raffreddamento, sterilizzazione e per serbatoi di vapore. Circa il 15% viene utilizzata nei prodotti aziendali ed il 5% è per uso potabile. I continui successi di Baxter nella conservazione dell acqua derivano principalmente dai progetti di riutilizzo e dalle best practice condivise a livello globale. Per esempio, lo stabilimento Baxter di Grosotto in Italia, ha ridotto sensibilmente l utilizzo dell acqua fino a 116 milioni di litri (14% in meno rispetto all anno precedente) grazie a un riutilizzo dell acqua sterilizzata e all'ottimizzazione dei processi di raffreddamento. In un altro progetto quattro stabilimenti europei stanno conducendo piani di razionalizzazione dell acqua e stanno creando mappe per i processi energetici onde ridurre significativamente, quando saranno completati, il fabbisogno di acqua ed energia per la produzione delle intravenose Baxter. S partiacque La Baxter sta utilizzando gli strumenti offerti dal Consiglio Mondiale dello Sviluppo Sostenibile, dall Istituto Mondiale per le Risorse e da altre importanti organizzazioni per fissare le priorità nelle comunità che si occupano di progetti di tutela delle risorse idriche. L azienda, inoltre, sta valutando possibili partnership con le organizzazioni per proteggere l acqua nelle zone più a rischio. ¹ E uno strumento visuale per rendere possibile la riduzione degli usi e degli sprechi. Sopra: L acqua è essenziale per molti prodotti salvavita Baxter. Pamela Ward e Kathleen Horney, stanno aggiungendo l acqua purificata nel serbatoio di soluzione a Marion, North Carolina, che è uno dei maggiori stabilimenti di produzione di soluzioni IV. Negli stabilimenti Baxter si punta a ridurre il consumo di acqua. Per saperne di più: sustainability.baxter.com/ehs e sustainability.baxter.com/product_responsibility

15 BAXTER 2008 SUSTAINABILITY PRIORITIES REPORT PRIORITA : Baxter guiderà l aumento del controllo sulla custodia dei prodotti Baxter vende più di 100 milioni di confezioni di prodotti ogni anno. La realizzazione, il trasporto, l uso e l eliminazione finale possono influire sia sull ambiente che sull uso dell energia. Baxter controlla questi impatti attraverso il suo programma di vigilanza sui prodotti. La fase di progetto offre un opportunità unica per influire sulle performance ambientali di salute e sicurezza dei prodotti, per questo la Baxter include un Product Sustainbility Review (PSR) sin dalle prime fasi di sviluppo. Il PSR è concentrato sulle apparecchiature mediche, che vanno dai contenitori di soluzioni intravenose (IV) alle apparecchiature per la dialisi. Un controllo iniziale sin dalla fase progettuale stabilisce alti livelli sia ambientali che di salute ed evidenzia le opportunità e gli eventuali rischi per la sicurezza. Un controllo totale, poi, identifica, le opportunità di miglioramento durante tutto l arco di vita del prodotto. Baxter usa questi risultati per confermare la fattibilità del prodotto, stabilendo i requisiti e minimizzando l impatto potenziale del prodotto sulla salute umana e sull ambiente. PSR offre anche un canale per integrare le considerazioni sulla conformità, sia per i regolamenti dei prodotti vigenti che per quelli futuri. Nel 2008 Baxter ha implementato il controllo PSR per l analisi delle componenti chimiche tossiche. Questo aiuterà l azienda ad avvicinarsi alle richieste dei consumatori e a prepararsi a potenziali restrizioni chimiche derivanti dal protocollo europeo REACH. Sin dal 2005, Baxter ha usato PSR per misurare tutti i nuovi dispositivi medici allo stato progettuale e attualmente molti dispositivi sono sottoposti a questo controllo. Esempi d i p rodot ti Baxter offre un numero di medicazioni IV, soluzioni di nutrizione parenterale, farmaci iniettabili, biofarmaci, apparecchi per l amministrazione e altri prodotti in confezioni che non contengono PVC o DEHP. Per una lista completa consultare la sezione materiali d uso nel report on-line. Nel 2008 nel Regno Unito, un contenitore privo di PVC per la soluzione IV è stato il primo prodotto dell azienda a ricevere il marchio CarbonNeutral. Baxter ha acquistato 4,310 tonnellate metriche di diossido di carbonio equivalente (CO2e) per bilanciare le emissioni dalla sorgente e dovute alla consegna di materiali grezzi, ai prodotti manifatturieri, a consegna ed uso, ed infine all imballaggio. Utilizzando la verifica di capacità su un terzo del totale, Baxter sta conducendo un analisi del ciclo di vita del prodotto per quantificare il miglioramento dell imballaggio e della consegna dei prodotti, e la riduzione di anidride carbonica utilizzata per tale processo, oltre ad altri cicli di vita legati ad altre attività ad impatto ambientale. In basso: Cecilia Santana di New York utilizza la dialisi peritoneale Baxter per pulire il suo sangue dalle tossine, dai fluidi nocivi e dai liquidi in eccesso, di solito rimossi da un rene in salute. Baxter presta attenzione anche alla fine della vita dei prodotti. Baxter attua un riciclo responsabile per i suoi prodotti elettronici, qualora il rinnovo e il riutilizzo non costituiscano un opzione. Integrare design per il disimballaggio con lo sviluppo dei prodotti renderà il processo più efficiente. I programmi Baxter per la custodia dei prodotti riguardano anche questioni che generalmente emergono dalla fase di ricerca e design del ciclo di vita del prodotto, incluso questioni legate alla bioetica, agli esperimenti clinici e alla salute degli animali. Baxter s impegna a minimizzare i test animali necessari allo sviluppo e alla produzione di prodotti sanitari, nonostante le regolamentazioni sulla salute li richiedano correntemente. Agli inizi del 2009, Baxter ha aggiunto un ulteriore obiettivo in merito alla custodia dei prodotti, identificando nuove opportunità di rimpiazzare, ridurre e rifinire ( 3R ) l uso dei test animali. Baxter è desiderosa di mostrare le sue innovazioni di successo raggiunte in quest area nel corso degli anni. 15 OBIETTIVI 2015 Incorporare i seguenti elementi nel programma di gestione dei prodotti: design sostenibile, ritiro e riciclaggio dei prodotti Baxter. Definire nuove opportunità per rimpiazzare, ridurre e raffinare (le tre R) l utilizzo dei test sugli animali. ¹ Ad esempio la Restrizione dell Unione Europea di sostanze pericolose (RoHS), il regolamento REACH (Registrazione, valutazione autorizzazione e restrizione di sostanze chimiche), la Direttiva sul Dispendio Energetico dei Prodotti (EuP) e la Direttiva sulle Attrezzature Elettriche (WEEE) Per saperne di più: sustainability.baxter.com/product_responsibility

16 IL NOSTRO MONDO A g g i o r n a m e n t o s u i p r o g r e s s i Le aziende, in particolar modo quelle multinazionali come Baxter, hanno l opportunità e la responsabilità di guardare oltre le proprie attività giornaliere, devono valutare le più importanti sfide che investono il mondo e considerare come gestire le proprie risorse uniche e le proprie possibilità per realizzare cambiamenti significativi e durevoli. Ciò non solo dimostra la leadership, ma può contribuire all'innovazione e allo sviluppo, risolvendo le problematiche sociali ed ecologiche, che colpiscono tutto il pianeta. Definendo i punti di forza e identificando le necessità fondamentali umane, Baxter s impegna ad aumentare l accesso globale alla sanità e ad incrementare la scolarizzazione. A destra: La Baxter International Foundation aiuta l Associaçao Obra do Berço a provvedere alle cure di bambini indigenti, a San Paolo, in Brasile. La Fondazione garantisce sostegni e programmi che aumentano l accesso alle cure nelle comunità in cui i dipendenti Baxter vivono e lavorano.

17 BAXTER 2008 SUSTAINABILITY PRIORITIES REPORT PRIORITA : Baxter rinforzerà l accesso al servizio medico attraverso lo sviluppo e la donazione di prodotti, e attraverso attività filantropiche. Più di un miliardo di persone in tutto il mondo patisce la mancanza di un accesso adeguato ai servizi sanitari. L'accessibilità e la disponibilità all'assistenza sanitaria è una sfida che impegna il contesto macroeconomico di tutto il mondo, quindi sia le economie in via di sviluppo sia quelle dei Paesi avanzati. Aiutare ad affrontare questa sfida globale è un tema chiave nell'impegno di Baxter per la sostenibilità. L'approccio a 360 gradi della società comprende lo sviluppo del prodotto, donazioni filantropiche mirate e la distribuzione di prodotti destinati a chi ha più bisogno. Mentre l'accesso all'assistenza sanitaria è una sfida a livello mondiale, le imprese hanno l'opportunità di fornire soluzioni di assistenza sanitaria in particolare per chi si trova alla "base della piramide" (BdP). Sebbene Baxter abbia lavorato nelle economie emergenti per numerosi anni, lo sviluppo di prodotti adatti a coloro che si trovano ad essere BdP è sfida crescente per il processo di sostenibilità aziendale. Baxter è un finanziatore chiave non solo per i nostri soccorsi in caso di emergenze, ma sopratutto per il contributo all'espansione della nostra capacità di fornire assistenza medica per permettere alle persone di vivere più a lungo con una migliore qualità della vita. Le generose donazioni di prodotti da parte di Baxter svolgono un ruolo importante per aiutarci a realizzare la nostra mission e per migliorare l'accesso ai farmaci in tutto il mondo. curt welling, Presidente e Ad della Americares Nel 2008, Baxter ha iniziato ad analizzare il proprio portafoglio per identificare prodotti già esistenti, nonché lo sviluppo di nuovi prodotti, per andare incontro alle esigenze di queste popolazioni. Attualmente i prodotti particolarmente adatti alle nuove economie e, potenzialmente, ai BdP devono avere le seguenti caratteristiche: lunga durata, poco o nessun bisogno di refrigerazione, bassa dipendenza dalle infrastrutture sanitarie (come ospedali, cliniche e personale medico qualificato), tecnologie non complesse e costi bassi. Nel 2009, Baxter svilupperà un elenco di prodotti per queste necessità, rendendo anche i propri prodotti più accessibili. 17 Baxter valuta in questo settore anche maggiori investimenti in ricerca e sviluppo (R & D), i livelli degli investimenti in questo settore nel 2008, consentono all'azienda di aumentare i fondi, in futuro, destinati a quest'ambito. Lavorare a stretto contatto con organizzazioni che si concentrano sulle principali malattie legate alla emofilia e ai disordini immunologici è un altro modo con cui Baxter promuove l'accesso alle cure sanitarie. Nel 2008, la società ha istituito, infine, un consiglio per la raccolta e il controllo dei contributi filantropici della Baxter US. (continua a pagina 18) OBIETTIVI 2015 Entro il 2010, valutare i prodotti esistenti in termini di rilevanza rispetto alla base della piramide (economie in via di sviluppo ed emergenti) e identificare opportunità di prodotti ad alto impatto ed economicamente realizzabili. Rif. nota 1 pg 18. Aumentare l investimento in R&S a partire dal 2008 per migliorare l accesso all assistenza sanitaria per la base della piramide. Creare un Consiglio per coordinare le donazioni filantropiche in USA e sviluppare e implementare una strategia per allineare gli sforzi alle priorità assegnate dalla politica pubblica per migliorare la sanità. Entro il 2010 si definirà la percentuale delle donazioni totali di Baxter ai programmi sanitari. Lavorare con partner donatori per implementare, entro il 2010, un piano strategico di donazione di prodotti che preveda: la presenza dei prodotti Baxter primi sulla scena dopo disastri e tragedie; la stabilizzazione della fornitura dei prodotti più necessari; la necessità di prodotti Baxter critici nelle economie meno sviluppate e in via di sviluppo. Sopra: Baxter e Baxter International Foundation hanno aiutato a migliorare l accesso medico in India e in altri Paesi emergenti. Per saperne di più: sustainability.baxter.com/community_support

18 IL NOSTRO MONDO A g g i o r n a m e n t o s u i p r o g r e s s i 18 (continua da pagina 17) Il processo decisionale è decentrato, così i dirigenti e gli impiegati locali possono meglio valutare l'opportunità di un contributo nella loro comunità. Il Consiglio valuta il modo più efficace di utilizzare tali dati per guidare gli sforzi della Baxter volti a migliorare l'assistenza sanitaria, in modo da coordinare in tal senso tutti i business aziendali. Anche le donazioni di prodotti svolgono un ruolo importante per rendere i farmaci Baxter a disposizione delle persone in stato di bisogno. Il lavoro di Baxter con i partner nazionali - soprattutto AmeriCares e Direct Relief International -contribuisce ad estendere la conoscenza dei loro bisogni, capendo le loro esigenze e fornendo rapidamente i farmaci necessari in casi di urgenze. Nel 2008, Baxter ha donato e consegnato 10,9 milioni di dollari di prodotti medici a persone in 58 Paesi. Baxter con le donazioni fornisce anche un sostegno mirato in tempi di crisi. Per esempio, la società ha assistito le persone colpite dal terremoto in Cina e dal ciclone in Myanmar, nel 2008, con la donazione di circa 2,4 milioni di dollari in prodotti Baxter alle organizzazioni che operavano nel territorio colpito. Baxter facilita anche l'accesso ai suoi prodotti attraverso il sostegno di organizzazioni non-profit, come la Federazione Mondiale di Hemophilia. Baxter, inoltre, è un membro fondatore e primo finanziatore della GAP (Global Alliance for Progress), che lavora per migliorare la diagnosi e i trattamenti per l'emofilia nei Paesi in via di sviluppo. Baxter ha donato più di unità di fattore ricombinante VIII al programma GAP nel Infine, Baxter contribuisce attraverso i suoi prodotti e programmi di assistenza del paziente a fornire continuità di accesso ai prodotti anche quando i pazienti hanno difficoltà a ricevere le cure necessarie. Tali contributi hanno raggiunto i 2,54 milioni di dollari nel PANORAMICA DEL SUPPORTO GLOBALE BAXTER ALLE COMUNITA' NEL 2008 DONAZIONI DI PRODOTTI CONTRIBUTI CONTANTI1 PRODOTTI E CONTRIBUTI CONTANTI Include i contributi di Baxter e della Baxter International Foundation. ¹ L'espressione "base della Piramide" fa riferimento ai circa 4 miliardi di persone che vivono con meno di 4 dollari al giorno pro capite, prevalentemente nei Paesi in via di sviluppo. Diverse aziende hanno sviluppato e commercializzato prodotti e servizi per persone al "top della Piramide". Negli ultimi anni, più aziende hanno esteso l'offerta di prodotti e servizi al "centro della Piramide", termine spesso riferito alle strategie delle economie emergenti. Sopra: la Fundaçao Julita, beneficiario della Baxter International Foundation, fornisce servizi sanitari ai bambini che versano in condizioni disagiate appartenenti alla comunità Jardim Sào Luis di Sào Paulo, Brasile. Per saperne di più: sustainability.baxter.com/community_support

19 BAXTER 2008 SUSTAINABILITY PRIORITIES REPORT PRIORITÀ: Baxter rafforzerà l impegno della società nell educazione, in particolar modo scientifica e matematica Secondo la Nation's Report Card TM1 solo il 29% degli studenti americani del quarto grado, il 29% di quelli dell'ottavo e il 18% del dodicesimo possiedono livelli soddisfacenti nella conoscenza delle scienze. Inoltre, solo il 39% di studenti del quarto grado e il 32% dell'ottavo hanno buoni livelli di conoscenze matematiche. 1 Come società basata sulla scienza e sulla tecnologia, la Baxter ha la responsabilità di contribuire a garantire che gli attuali studenti e le future generazioni abbiano tutte le opportunità di apprendere e di essere stimolati dalla matematica e dalle scienze. Nel 2008, la società ha avviato il suo primo impegno formale ad aumentare l'apprendimento della scienza, della tecnologia, dell'ingegneria e della matematica (STEM) con un programma destinato a studenti e insegnanti nella zona di Chicago, dove ha sede la Baxter. Gli insegnanti delle scuole pubbliche di Chicago sono interessati ad instaurare sempre più contatti con chi lavora in ambito scientifico. Il programma Baxter ha il potenziale di soddisfare queste esigenze, coinvolgendo nel progetto dipendenti volontari che prestano il loro tempo agli educatori di Chicago. Cassie Freeman, Associato, Centro di ricerca e valutazione, per la matematica e le scienze elementari. University of Chicago Sopra: Jeanne Mason, Baxter Corporate Vice President delle Risorse Umane, insegna in una scuola della periferia di Chicago, Illinois, Stati Uniti, in una Junior Achievement Class, come parte del supporto globale di Baxter ai Programmi di Formazione. Baxter ha lanciato, nell'ottobre 2008, Ampliare la Mente con la scienza del mondo reale. Un programma di cinque anni per la Chicago Public Schools (CPS) che fornirà finanziamenti e volontari Baxter che formeranno gli insegnanti ed incoraggeranno gli studenti ad esplorare le biotecnologie. Durante questo tempo, la dovrebbe raggiungere fino al 90% degli insegnanti di biologia (circa 450) e più di 65% degli studenti liceali (circa 75,000). L'iniziativa ha introdotto i propri moduli di insegnamento nell'autunno 2008, ed i primi 91 insegnanti sono stati formati in biotecnologie durante tutto l'anno accademico 2008/2009. con gli scienziati della loro professione. Baxter valuterà il successo di questi programmi per i prossimi anni e deciderà come condividere al meglio le proprie esperienze con le persone interessate. Inoltre, attraverso la Junior Achivement, la più importante ed antica organizzazione per il finanziamento contro l'alfabetizzazione, la Baxter attraverso i propri volontari insegna agli studenti dai 6 ai 18 anni le basi dell imprenditoria per prepararli ad inserirsi nell economia globale. Baxter è anche un socio fondatore della FIRST (For Inspiration and Recognition of Science and Technology), che con varie attività aiuta gli studenti a costruire e progettare robot. 19 Come parte della Baxter ha collaborato con l'accademia per la scienza e la matematica Lindblom di Chicago rispondendo alle esigenze della comunità di Englewood costituendo un centro d'eccellenza per la Biotecnologia. Il Centro si propone di formare il corpo docente scientifico di Chicago su come integrare la biotecnologia nelle loro classi, e insegnerà agli studenti del Lindblom i fondamenti della biotecnologia. Baxter sosterrà inoltre l'illinois Institute of Technology nello sviluppo del sistema per programmi educativi, che consente sviluppo professionale nel settore della biotecnologia agli insegnanti che lavorano nelle scuole di Chicago. Inoltre, attraverso la Baxter si unisce a Noble Street Network con l'"istituto del Progreso Latino" assumendo un ruolo attivo nella apertura di due nuove scuole pubbliche di Chicago nell'ambito del programma Chicago's Renaissance 2010, progettato per la creazione di 100 nuove scuole pubbliche di eccellenza in comunità svantaggiate entro il Inoltre la Baxter ha tradizionalmente sostenuto l educazione scolastica attraverso programmi come il Baxter International Foundation e il Dollars for Doers e attraverso l impegno volontario di strutture ed impiegati. Nel 2008 gli impiegati Baxter hanno dedicato ore di lavoro ad un gran numero di organizzazioni benefiche, gran parte di queste operano, in tutto il mondo, nell ambito dell educazione. I dipendenti volontari Baxter condividono le loro passioni per la scienza con gli studenti di Chicago sia con lezioni in aula che con visite agli stabilimenti produttivi Baxter. Nel 2008 più di 60 studenti hanno visitato gli stabilimenti Baxter per parlare OBIEttIVO 2015 Facilitare l apprendimento della matematica e delle scienze mediante la formazione in biotecnologia per gli insegnanti e gli studenti della Chicago Public Schools e realizzare partnership con altre organizzazioni formative per fornire opportunità simili in altri luoghi. ¹ Il Nation s Report Card è pubblicato dal National Assessment of Educational Progress (NAEP). La valutazione sulle scienze NAEP 2005 è stata condotta dal gennaio al marzo La prossima valutazione sarà effettuata da gennaio a marzo 2009 e i risultati saranno resi noti nella primavera del ² Il test Naep 2007 è stato somministrato da gennaio a marzo Il prossimo sarà somministrato da gennaio a marzo 2009 ed i risultati per le classi quarta ed ottava saranno disponibili dall autunno 2009 Per saperne di più: sustainability.baxter.com/community_support

20 GUIDA ALLA COMPRENSIONE DEL Baxter 2008 Sustainability Report Online LA SOSTENIBILITA IN BAXTER PROFILO AZIENDALE GESTIONE, ETICA E CONFORMITA DIPENDENTI AMBIENTE, SALUTE E SICUREZZA 20 Lettera del Presidente e del CDA L approccio Baxter Priorità e Traguardi Impegno degli Stakeholder Affiliazione e Membership Innovazione Premi e Riconoscimenti Traguardi nella sostenibilità Gestione Corporate Etica e Conformità Standard Strutture e programmi Guida e Conformità P R I O R I TA Baxter promuoverà una condotta etica e un indirizzo legale Case Study: Privacy dei dati e sicurezza Gestione dei talenti Remunerazione e Benefit Confronto con la cultura aziendale Inserimento in un contesto globale P R I O R I TA Baxter promuoverà un contesto lavorativo diversificato e stimolante Case Study: La Baxter è stata premiata con il Catalyst Award Lavoro/Vita EHS Program Policy e Vision Indirizzo dei programmi Traguardi EHS Gestione dei sistemi EHS Verifica EHS Case Studies: Verifica EHS e miglioramento dei programmi Baxter condivide con la Fondazione il proprio statuto ambientale finanziario Conformità Ambiente Salute e Sicurezza Performance ambientali del 2008 Performance a prima vista Emissioni nell aria Biodiversità Eco-efficienza Energia Emissione di gas serra e cambiamento climatico P R I O R I TA Baxter guiderà la riduzione della presenza di carbonio Rifiuti Acqua e spreco d acqua P r i o r i tà Baxter ridurrà l uso di risorse naturali Dichiarazione finanziaria e ambientale 2008 Salute e sicurezza Performance nel 2008 Programmi ed iniziative P r i o r i tà Baxter promuoverà un posto di lavoro sicuro e salutare Per saperne di più: sustainability.baxter.com

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli