Tecniche di preparazione degli spermatozoi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche di preparazione degli spermatozoi"

Transcript

1 Il manuale WHO 2010 per l esame del liquido seminale:luci e ombre Bologna 29 gennaio 2011 Tecniche di preparazione degli spermatozoi Nilla Calza U.O.Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Azienda Ospedaliero Universitaria S.Orsola Malpighi di Bologna

2 Nella quinta edizione del manuale WHO la sezione dedicata alla preparazione spermatica è stata espansa rispetto alla precedente e sono state descritti: -tutti i metodi comunemente impiegati per preparare gli spermatozoi da eiaculato -le modalità per maneggiare i campioni di seme infetti da HIV -il trattamento degli spermatozoi ottenuti dal testicolo e dall epididimo -metodologie necessarie per raccogliere gli spermatozoi da pazienti con eiaculazione retrograda Le tecniche di preparazione degli spermatozoi possono essere finalizzate : a test diagnostici di funzionalità al recupero terapeutico per la tecniche di fecondazione assistita

3 Nello sperma umano si distingue: COMPONENTE CELLULARE: precursori della linea germinale, sottopopolazioni di spermatozoi vivi e apoptotici, detriti cellulari, leucociti, cellule epiteliali COMPONENTE LIQUIDA: Plasma seminale costituito da proteine,lipidi, prostaglandine, ormoni, ioni, acido citrico, fruttosio, una grande varietà di enzimi tra cui anche enzimi proteolitici,, zinco, carnitina, bicarbonati, muco

4 Le tecniche di trattamento dello sperma umano per la fecondazione assistita hanno lo scopo di: 1) Isolare il maggior numero di spermatozoi vivi, dotati di buona motilità progressiva e morfologia, minimizzando lo stess ossidativo 2) Indurre in vitro la CAPACITAZIONE. Si tratta della fase finale di maturazione dello spermatozoo che così: acquista la capacità di interagire con il complesso cumulo-ovocita, subisce la reazione acrosomiale e diventa potenzialmente in grado di fecondare gli ovociti. 3) Separare gli spermatozoi dal plasma seminale perché: - dopo l eiaculazione diviene citotossico per un rapido aumento della osmolarità (Aitken et al., 1996) - contiene fattori decapacitanti (Yanagimachi,1994) - contiene fattori la cui prolungata esposizione ha avversi effetti sulla funzionalità spermatica quali la penetrazione del muco cervicale (Kremer,1968), la reazione acrosomiale in vitro e il processo di fecondazione (Roger, 1983; Mortimer 1992 e 1998)

5 . L ideale tecnica di separazione spermatica dovrebbe : -Essere facile, veloce e con costi contenuti; -Isolare il più alto numero di spermatozoi mobili possibili; -Non causare danno o alterazione fisiologica agli spermatozoi separati; -Eliminare spermatozoi non vitali, leucociti e batteri; -Permettere di processare il più grande volume di eiaculato Nessun metodo disponibile soddisfa tutte queste esigenze, quindi la scelta della tecnica di preparazione del seme è dettata dalla qualità del campione (Canale et al.1994)

6 INDICAZIONI GENERALI AL TRATTAMENTO - La raccolta del campione e l operatività devono avvenire in condizioni sterili. - Medium di coltura impiegato deve contenere: soluzione salina addizionata con proteine (albumina altamente purificata ) e un appropriato tampone per mantenere costanti le condizioni di ph in cui gli spermatozoi sono processati Se l incubatore contiene solo aria atmosferica alla temperatura di 37 C il medium è tamponato con Hepes e il tappo del contenitore deve essere ben chiuso Se l incubatore contiene 5% (v/v) di CO2 in aria ad una temperatura di 37 C il medium deve essere tamponato con bicarbonato di sodio e il tappo del tubo mantenuto semiaperto per garantire scambio di gas - Come regola generale le tecniche di preparazione spermatica non possono essere considerate valide per una totale eliminazione degli agenti infettivi quindi è indispensabile trattare sempre il campione come potenzialmente infetto!!

7 L efficienza della tecnica di separazione spermatica (WHO 2010) è espressa come: - numero assoluto di spermatozoi - numero totale di spermatozoi mobili - recupero di spermatozoi mobili con morfologia normale.

8 FLUIDIFICAZIONE DEL CAMPIONE Il campione subito dopo la raccolta viene lasciato fluidificare in vitro per 30 minuti a temperatura ambiente o a 37 C in lenta agitazione. Se non liquefa si procede con un ulteriore incubazione di 30 minuti nelle medesime condizioni Quando la viscosità del campione è persistente si può intervenire: -miscelando il seme con ugual volume di terreno di coltura -forzare il liquido viscoso attraverso un ago dal diametro interno di 0.84mm prima e di 0.69 mm poi, collegato ad una siringa. -trattare con enzimi proteolitici. Il manuale propone di preparare una soluzione 10 IU/ml di Bromelina in tampone fosfato Dulbecco" da diluire 1:2 con il liquido seminale e di incubare per 10 minuti a 37 C. Altri enzimi descritti dalla letteratura sono: -amilasi -chimotripsima, lisozima, ialuronidasi, tripsina, (Figenschau et al., 1998). E importante rimuovere gli enzimi con lavaggi non appena ottenuta la fluidificazione per evitare danneggiamento degli spermatozoi

9 Si distinguono 4 approcci basici per la preparazione degli spermatozoi: - lavaggio e diluizione - migrazione: requisito fondamentale è il movimento autonomo degli spermatozoi (swim-up, migrazione-sedimentazione) - centrifugazione in gradiente di densità: sfrutta l alta densità degli spermatozoi da separare e l azione di filtro esercitata dagli strati di particelle silice colloidale modificata impiegata per la separazione - metodi di aderenza: si basa sull aderenza dei detriti cellulari e dei leucociti da eliminare ad una matrice di filtrazione (fibre di lana di vetro, colonne di Sephadex, membrana, biglie di vetro).

10 DILUIZIONE e LAVAGGIO Consiste nella diluizione del seme con il terreno di coltura e successiva centrifugazione; il manuale WHO ne indica l impiego per trattare campioni normospermici destinati alla inseminazioni intrauterine (IUI). Procedura: -aggiungere all intero campione un uguale volume di medium per la diluizione del plasma seminale -trasferire in tubi da centrifuga (non più di 3 ml per tubo) -centrifugare a g per 5-10 minuti -aspirare ed eliminare il surnatante -risospendere con 1 ml di medium e pipettare gentilmente -centrifugare ancora a g per 3-5 minuti -aspirare ed eliminare il surnatante -risospendere il pellet, pipettando gentilmente in un volume di medium appropriato per il finale utilizzo e determinare motilità e concentrazione

11 SWIM-UP Il manuale WHO ne consiglia l impiego per il trattamento del seme di pazienti normospermici Il campione non deve essere diluito e centrifugato. Si procede direttamente con lo swim-up diretto degli spermatozoi dal seme dopo fluidificazione in vitro Procedura: -Miscelare e suddividere il campione in tubi da centrifuga da 15 ml, ponendo circa 1 ml per tubo. -Stratificare delicatamente 1,2 ml di medium sopra il campione -Inclinare il campione con un angolo di 45 e incubare per 1 ora a 37 C -Rimuovere 1 ml di medium dalla superficie (contiene gli spermatozoi più mobili) -Diluire con 1,5-2 ml di medium -Centrifugare a g per 5 minuti ed eliminare il surnatante -Risospendere il pellet in 0.5 ml di medium per valutare concentrazione,motilità, morfologia

12 Esempio di trattamento del seme con Swim-up Produzione del campione Conta Motilità Morfologia t 60 min a 37 C a 45 gradi 5 min 300 g-500g Conta Motilità Morfologia ICSI FIVET IUI s S = seme t = terreno Aggiunta di terreno Raccolta dal sovranatante

13 SWIM-UP Vantaggi: - Facile da eseguire - Poco costoso Svantaggi: - Produce una resa in percentuale di spermatozoi mobili più bassa rispetto alla centrifugazione in gradiente di densità ( Ng et al.,1992) -Ristretto a campioni con alta conta e motilità; -I numerosi strati di cellule impediscono agli spermatozoi mobili situati più in profondità di raggiungere l interfaccia con il medium di coltura; -Significativo decremento della percentuale di spermatozoi con cromatina normalmente condensata.

14 CENTRIFUGAZIONE IN GRADIENTE DI DENSITA (CGD) Il manuale WHO propone tale tecnica per i casi di oligozoospermia, astenozoospermia o teratozoospermia, poiché si recupera un maggior numero di spermatozoi mobili destinati alla FIVET o alla ICSI Questo metodo consiste nel centrifugare il campione posto al di sopra di un gradiente di densità discontinuo o continuo preparato impiegando silice colloidale legate covalentemente a silano. Gli spermatozoi si separano in base alla loro densità e alla motilità di quella porzione che raggiunge il fondo del tubo. E importante standardizzare la metodica I risultati delle preparazioni spermatiche variano in relazione alle condizioni della separazione: - volume iniziale di seme, - velocità e tempo di centrifugazione, - numero di strati del gradiente

15 Procedura: -Preparare il gradiente di densità sovrapponendo 1 ml di medium con densità al 40% (v/v) ad 1 ml di medium al 80% (v/v). - Aggiungere 1 ml di seme miscelato sopra il gradiente di densità e centrifugare a g per minuti. Preparare più di un tubo se necessario. -Rimuovere la parte superiore del pellet che si è stratificato sul fondo -Risospendere il pellet in 5 ml di medium e centrifugare a 200g per 4-10 minuti -Ripetere la procedura di lavaggio -Risospendere il pellet finale in 1 ml di medium per determinare concentrazione e motilità

16 Esempio di trattamento del seme con gradienti Produzione del campione Conta Motilità Morfologia S min 300g 2 lavaggi Conta Motilità Morfologia ICSI FIVET IUI Gradienti Raccolta dal 80% Mantenere in incubatore

17 CENTRIFUGAZIONE IN GRADIENTE DI DENSITA (CGD) Vantaggi: -Isolamento di una frazione pulita e abbondante di spermatozoi mobili; -Possono essere isolati spermatozoi mobili da eiaculati con bassa densità spermatica; -Buona eliminazione dei leucociti; -Produzione di ROS significativamente ridotta. Svantaggi: -La creazione di una buona interfase tra i differenti strati richiede tempo, -Più costoso dello swim-up;

18 FILTRAZIONE CON FIBRE DI LANA DI VETRO La separazione è principalmente dovuta all adesione dei detriti cellulari e degli spermatozoi immobili alla superficie di fibre di lana di vetro. (Engel et al., 2001) Filtrazione condotta a 37 C Richiede 5-10 minuti per filtrare l di campione 6 mm (Engel et al., 2001): L efficienza di filtrazione è legata alle caratteristiche del filtro come ad esempio: - Natura chimica della lana di vetro (borati, silicati, quarzo) - Struttura superficiale e carica - Spessore delle fibre e diametro dei pori Da queste caratteristiche dipende anche il possibile rischio di danneggiare gli spermatozoi!!

19 Vantaggi: - Semplicità - Alta resa in spermatozoi mobili, analoga a quella ottenuta dalla CGD, anche applicata nei casi di oligo ed astenozoospermia (Rhemrev et al., 1989; Johnson et al., 1996) - Riduzione del danno ossidativo - Eliminazione dei leucociti al 90% (Sanchez et al., 1997) - Selezione di spermatozoi con normale condensazione della cromatina Svantaggi: - Costoso - Filtrato può contenere detriti cellulari residui - Processo abbastanza lento (favorita la resa!) e che richiede suddivisione del campione

20 Tecniche di preparazione di più recente introduzione per selezionare gli spermatozoi ad alta qualità per la fecondazione assistita -Selezione in base alla carica elettrica -Selezione degli spermatozoi con tecniche di binding: Annessina Acido ialuronico

21 METODO ELETTROFORETICO Si tratta di una filtrazione elettroforetica su membrana che rapidamente e efficacemente isola spermatozoi umani con minimo danno al DNA (Ainsworth et al., 2005). Principio: spermatozoi di migliore qualità nell eiaculato possiedono la maggiore carica netta negativa (Kirchoff and Schroter, 2001; Giuliani et al., 2004; Ainsworth et al. 2005) e possono essere separati dalle altre particelle ugualmente cariche come leucociti e gameti immaturi in virtù del loro piccole dimensioni della testa. Dimostrato che gli spermatozoi così isolati sono ugualmente in grado di fecondare ovociti senza il sostegno della ICSI quindi l esposizione al campo elettrico non altera la loro funzionalità. La % di clivaggio degli zigoti e la qualità degli embrioni sono analoghi a quelli dove gli spermatozoi sono ottenuti da CGD (Fleming et al., 2008)

22 Prototipo sviluppato per questa tecnica: CELL-SORTER 10 (CS-10). Catodo (-) Campione Tampone Camera di iniezione del campione Camera di raccolta del campione (Ainsworth et al., 2005) Anodo (+) L unità di separazione del CS-10 consiste in due camere da 400 l separate da un filtro di policarbonato di 5 m di spessore che appoggia su una membrana di poliacrilammide che permette il libero transito degli elettroliti. Spermatozoi separati dal plasma seminale a 25 C per 5 min applicando una corrente costante di 75mA e un voltaggio variabile da 18 a 21 V Buffer elettroforetico: 10mM Hepes; 30mM NaCl; 0.2M saccarosio; ph 7.4; Osmolarità 310mOsm/Kg.

23 MACS (magnetic activated cell sorting) Metodo di separazione che elimina gli spermatozoi apoptotici Principio: Le cellule apoptotiche espongono dei markers specifici. Uno di questi è il fosfolipide fosfatidilserina (PS) che si ridistribuisce dal lato citosolico al lato esterno della membra plasmatica Si impiegano poi biglie magnetiche coniugate con annessina V che ha una forte affinità per la fosfatidilserina esposta dalle cellule apoptotiche con integrità della membrana compromessa. Il complesso biglia-cellula apoptotica è trattenuto grazie all ausilio di un magnete. L impiego di MACS in combinazione con centrifugazione in gradiente di densità (CGD) per preparare spermatozoi umani è risultato essere superiore in termini di motilità, vitalità e resa di spermatozoi non apoptotici rispetto ad altri metodi di preparazione (Said et al., 2005)

24 MACS Biglie magnetiche Spermatozoi apoptotici Spermatozoi non apoptotici (Said TM et al., 2008) -Incubazione delle microbiglie coniugate ad annessina V con gli spermatozoi a RT per 15 minuti - Far scorrere la miscela attraverso una colonna posta su un supporto magnetico. La frazione di spematozoi che espone PS è ritenute nella colonna mentre gli spermatozoi con membrana plasmatica intatta sono eluiti dalla colonna e raccolti come non apoptotici

25 PRESENZA DI RECETTORI PER L ACIDO IALURONICO (HA) L acido ialuronico (HA) è un polisaccaride lineare presente nella matrice extracellulare del cumulo ooforo attorno all ovocita, con un importante ruolo nella fecondazione umana normale. Principio di questo test : spermatozoo maturo ha subito un rimodellamento della membrana plasmatica, responsabile della formazione dei recettori per la zona pellucida dell ovocita e per i recettori dell HA Spermatozoi maturi che esprimono recettori HA sono vitali e privi di inclusioni citoplasmatiche,frammentazione del DNA, markers apoptotici come caspasi 3 (Cayli S. et al., 2003, Huszar et al., 2003) e presentano una normale frequenza di aneuploidie cromosomiche (Jakab et al. 2005).

26 (Petersen et al. 2010) Incubazione di 2 µl di una preparazione di 2x10 6 spermatozoi per 10 minuti a RT Per individuare gli spermatozoi maturi si sfrutta la loro selettiva capacità di legare HA che aderisce sul fondo di una piastra di coltura. Gli spermatozoi vengono poi raccolti con una pipetta da ICSI e trasferiti in una soluzione di polivinlpirrolidone per eseguire la inseminazione intracitoplasmatica.

27 PREPARAZIONE DEI CAMPIONI DI SEME INFETTI DA HIV I recettori virali (CD4, CCR5, CXCR4) sono espressi solo da cellule non spermatiche: il manuale WHO propone una combinazione di centrifugazione in gradiente di densità e di swim-up per prevenire l infezione nelle coppie HIV sierodiscordanti dove solo il partner maschile è HIV positivo (Gilling-Smith et al. 2006; Savasi et al 2007) Per minimizzare il rischio di cross-contaminazione con i campioni HIV-free, i semi infetti devono essere trattati separatamente nel tempo e nello spazio (Gilling-Smith et al. 2005) Indispensabile la validazione virale mediante RT-PCR del seme processato. Non ci sono ancora sufficienti evidenze di eliminazione del rischio di contagio attraverso la preparazione spermatica!!!

28 TRATTAMENTO DEL CAMPIONE PROVENIENTE DA EIACULAZIONE RETROGRADA L eiaculazione retrograda si verifica quando il liquido seminale, durante l eiaculazione, passa nella vescica invece che nell uretra. Si tenta di recuperare lo sperma da un campione di urina post-eiaculatorio. L urina però induce rapidamente effetti deleteri sugli spermatozoi, con una riduzione della motilità legata alla diminuzione di ph e ancor più, alla riduzione della osmolarità (Crich and Jequier, 1978) Per l aggiustamento dei parametri urinari e il recupero di spermatozoi mobili è raccomandato ingerire agenti alcalinizzanti come NaHCO3 (Urry, 1986) o una soluzione di NaCl e di NaHCO3 (Aust et al., 2008). Tuttavia non esiste un metodo ottimale per ottenere il controllo del ph ed dell osmolarità

29 La procedura prevede di chiedere al paziente: - di non svuotare completamente la vescica; - tentare di produrre l eiaculato e raccogliere l eventuale prodotto in un primo contenitore sterile; - urinare nuovamente e raccogliere l urina in un secondo contenitore con terreno di coltura (per alcalinizzare ulteriormente il campione). suddividere il campione e sottoporlo a centrifugazione per 8 minuti a 500g risospendere il pellet in 3-4-ml di medium fresco Sia l eiaculato, se prodotto, che il campione di urina devono essere analizzati Entrambe i campioni vengono processati con centrifugazione in gradiente di densità (CGD) Pazienti con disturbi eiaculatori che devono essere sottoposti ad una elettro-stimolazione rettale della prostata, producono spermatozoi con scarsa motilità e quindi si trattano con la CGD

30 EFFETTI DELLE SPECIE REATTIVE ALL OSSIGENO (ROS) Produzione dei ROS Leucociti del plasma seminale(aikten and West 1999 ) Forze associate con la centrifugazione durante il trattamento del seme (Aitken and Clarkson 1988) Nelle procedure di trattamento anche finalizzato alla crioconservazione, proposto di non eliminare il plasma seminale

31 Trattamento del seme : perdita degli antiossidanti naturali presenti nel plasma seminale (vitamina C ed E, superossido dismutasi (SOD), ac,urico, glutatione) Spermatozoi vulnerabili allo stress ossidativo 1) NO citoplasma = NO meccanismi di riparo del DNA danneggiato 2) Molti acidi grassi polinsaturi = suscettibilità ai ROS Danno Integrità del DNA compromessa (Aitken and Clarkson 1988) Integrità delle membrane plasmatiche compromessa

32 Per limitare i danni ossidativi, proposto trattamento sia in vivo che in vitro con differenti antiossidanti Glutatione ( -L-glutamil-L-cistenilglicina): agente ad effetto riducente dove il ruolo nella difesa antiossidante è legato al gruppo sulfidrilico. Dimostrato il suo ruolo nel ridurre la produzione di ROS e nel proteggere gli spermatozoi dal danno indotto al DNA da H 2 O 2 (Donnelly,2000). N-acetil-L-cisteina (NAC) è un N acetil derivato dell aminoacido cisteina, che promuove la produzione endogena di glutatione. Ha un effetto dose e tempo dipendente sulla riduzione nella produzione dei ROS (Oeda 1997). E stata dimostrata è la sua azione benefica sui parametri seminali e nel migliorare la capacità totale antiossidante del siero dopo somministrazione orale in pazienti infertili (Ciftci H et al. 2009). Ascorbato (vitamina C) e Alfa Tocoferolo (vitamina E): separatamente hanno benefici effetti sulla integrità del DNA alterata dal processo di preparazione dello sperma con gradiente (Hughes 1998). Non visto miglioramento nella motilità spermatica né con ascorbato né con vitamina E ma solo una significativa riduzione nella produzione dei ROS. Rilevato invece danno al DNA indotto dal simultaneo impiego delle due vitamine durante il trattamento del campione(donnelly,1999).

33 TRATTAMENTI DEGLI SPERMATOZOI IN VITRO PER MIGLIORARE LA MOTILITA - Metilxantina caffeina : è un inibitore delle fosfodiesterasi che aumenta i livelli di camp. La motilità di spermatozoi freschi e scongelati aumenta per stimolazione del metabolismo glucidico (Homonnai et al.,1976; Rees et al.,1990). - Pentossifillina: è un metilxantina derivato, inibitore non specifico delle fosfodiesterasi con effetto stimolatorio sulla motilità attribuibile all aumento di camp. camp stimola una chinasi camp dipendente che induce la fosforilazione di proteine della coda degli spermatozoi (Nassar et al.,1999). Effetti benefici sulla motilità di spermatozoi freschi (Yovich et al.,1990;tesarik et al.,1992; Paul et al.,1995) e crioconservati (Stanic et al.,2002). Risultati contrastanti perche riportati anche effetti tossici sugli spermatozoi (Centola et al.,1995) e una possibile embriotossicità sull embrione di topo (Tournaye et al., 1993) - 2-Deossiadenosina (2-DA) - Callicreina - Bicarbonato - Metallo Chelatori -Platelet-Activating Factor (PAF)

Fitelab TS 1 dicembre 2011

Fitelab TS 1 dicembre 2011 Fitelab TS 1 dicembre 2011 Esperienza ventennale nel Laboratorio di Tossicologia e Farmacologia di Patologia Clinica. Dalla nascita del Sevizio in Procreazione Medicalmente Assistita Da tecnico di laboratorio

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE DEL LIQUIDO SEMINALE PER TECNICHE DI FECONDAZIONE ASSISTITA

TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE DEL LIQUIDO SEMINALE PER TECNICHE DI FECONDAZIONE ASSISTITA OSPEDALE SAN CARLO Azienda Ospedaliera Regionale-Potenza DIP. MATERNO INFANTILE Dir.: Dott. Sergio Schettini Lab. Di Biologia della Riproduzione Resp.: Angela Ferri TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE DEL LIQUIDO

Dettagli

DAL PICK UP TRANSFER. Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza

DAL PICK UP TRANSFER. Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza DAL PICK UP ALL EMBRYO TRANSFER Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza Fisiologia del gamete maschile Lo spermatozoo è costituito da tre parti principali: a) La testa: sede del patrimonio genetico;

Dettagli

Inseminazione artificiale

Inseminazione artificiale Inseminazione artificiale In cosa consiste? L inseminazione artificiale è una tecnica di procreazione assistita che consiste nell introduzione di spermatozoi, trattati in precedenza in laboratorio, all

Dettagli

in vitro e condurre diagnosi cliniche ausiliarie dell infertilità e autovalutazione della fertilità e

in vitro e condurre diagnosi cliniche ausiliarie dell infertilità e autovalutazione della fertilità e Kit per individuazione conta Spermatica (metodo colorimetrico) Istruzioni d uso INTRODUZIONE Il presente kit viene usato per individuare qualitativamente la conta spermatica del seme umano in vitro e condurre

Dettagli

Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino

Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino TERAPIA DELLA INFERTILITA MASCHILE E TECNICHE DI PMA: LO STUDIO DELLA FRAMMENTAZIONE DEL DNA SPERMATICO

Dettagli

ALLEGATO A LOTTO 1 - CODICE CIG 4774096CA3. Prezzo indicativo in euro. Fabbisogno biennale. TOTALE in euro DESCRIZIONE PRODOTTO

ALLEGATO A LOTTO 1 - CODICE CIG 4774096CA3. Prezzo indicativo in euro. Fabbisogno biennale. TOTALE in euro DESCRIZIONE PRODOTTO LOTTO 1 - CODICE CIG 4774096CA3 DESCRIZIONE PRODOTTO Prezzo indicativo in euro biennale TOTALE in euro 1a 1b 1c 1d 1e 1f Olio minerale per coltura di ovociti ed embrioni in gocce di terreno. Lavato con

Dettagli

X CICLO DI CONFERENZE

X CICLO DI CONFERENZE X CICLO DI CONFERENZE Professione Biologo Biologo della Fecondazione Assistita Giovedì 27 settembre 2012 Alessandro Miceli Promea S.p.A. - Torino alessandro.miceli@promea.net Dipartimento di Biologia Animale

Dettagli

Maria Gabriella Bafaro. Carta dei Servizi

Maria Gabriella Bafaro. Carta dei Servizi Maria Gabriella Bafaro Carta dei Servizi Due parole sulla Fertilità Come descritto brevemente da Wikipedia, Fertilità è in generale la capacità di riproduzione degli organismi viventi. Se intesa come misura,

Dettagli

Centro di Procreazione Medicalmente Assistita. Diagnostica e Terapia in Laboratorio. Dr. Giovanni Bracchitta

Centro di Procreazione Medicalmente Assistita. Diagnostica e Terapia in Laboratorio. Dr. Giovanni Bracchitta Centro di Procreazione Medicalmente Assistita Diagnostica e Terapia in Laboratorio Dr. Giovanni Bracchitta Ruolo del laboratorio di Fisiopatologia della Riproduzione nella diagnosi e terapia dell infertilit

Dettagli

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET)

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) TECNICHE DI II - III LIVELLO Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) È una tecnica di PMA in cui i gameti (ovocita per la donna e spermatozoo per l uomo) si incontrano all esterno del

Dettagli

Le bovine hanno un potenziale riproduttivo largamente in eccesso di quello normalmente realizzato con i normali accoppiamenti.

Le bovine hanno un potenziale riproduttivo largamente in eccesso di quello normalmente realizzato con i normali accoppiamenti. Le bovine hanno un potenziale riproduttivo largamente in eccesso di quello normalmente realizzato con i normali accoppiamenti. Due particolarità degli ovari: presenza di relativamente alto numero di follicoli

Dettagli

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone Glossario essenziale a cura di Salvino Leone I molti termini tecnici usati dagli addetti ai lavori in materia di procreazione assistita non sono usuali. Ne proponiamo un elenco che pur non essendo completo

Dettagli

La fecondazione. www.fisiokinesiterapia.biz

La fecondazione. www.fisiokinesiterapia.biz La fecondazione www.fisiokinesiterapia.biz Siti utili http://arbl.cvmbs.colostate.edu/hbooks/pathphys/reprod/fert/index.html http://worms.zoology.wisc.edu/frogs/fert/fert_intro.html http://www.centrogenesis.it/attlante_index.htm

Dettagli

Servizio colture primarie. Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane

Servizio colture primarie. Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane Servizio colture primarie Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane Riassunto del procedimento Il metodo di coltura è basato su due fasi distinte: 1) Espansione del numero di cellule:

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

NOVARA 13 FEBBRAIO 2014 STERILITA DI COPPIA E TECNICHE DI PROCREAZIONE ASSISTITA DOTT. CESARE TACCANI 1 DEFINIZIONE STERILITÀ: INCAPACITÀ BIOLOGICA TRANSITORIA O PERMANENTE DI CONCEPIRE PRIMITIVA: COPPIA

Dettagli

PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità

PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità SOLUBILITA DELLE PROTEINE ph FORZA IONICA SOLVENTI POLIMERI ORGANICI TEMPERATURA Effetto del ph Precipitazione

Dettagli

L Inseminazione Intrauterina

L Inseminazione Intrauterina L Inseminazione Intrauterina Informazioni per la coppia UNITÀ OPERATIVA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA FONDAZIONE IRCCS IRCCS CA' GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO PAD. REGINA ELENA VIA M. FANTI,

Dettagli

Dr. Nunzio Minniti Centro A.S.T.E.R. Clinica del Mediterraneo - Ragusa

Dr. Nunzio Minniti Centro A.S.T.E.R. Clinica del Mediterraneo - Ragusa Dr. Nunzio Minniti Centro A.S.T.E.R. Clinica del Mediterraneo - Ragusa ASPETTI NORMATIVI Prevenzione delle infezioni tra partner Sistema gestione qualità Responsabilità e competenza del personale Notifica

Dettagli

La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico

La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico FERTILITA UMANA CAPACITA FISIOLOGICA DI UNA COPPIA, FORMATA DA UN UOMO E DA UNA DONNA, DI CONCEPIRE IN QUESTA FUNZIONE NON SONO COINVOLTI SOLO GLI

Dettagli

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione Filtrazione: definizioni La FILTRAZIONE è un comune metodo di separazione basato sul seguente principio: le particelle più piccole di una determinata dimensione passano attraverso i pori di un filtro,

Dettagli

Fecondazione In Vitro (FIV / ICSI)

Fecondazione In Vitro (FIV / ICSI) Fecondazione In Vitro (FIV / ICSI) In che consiste? La fecondazione in vitro (FIV) è una tecnica di procreazione assistita che consiste nella fecondazione dell ovocita (o gamete femminile) con lo spermatozoo

Dettagli

PROCEDURA di I LIVELLO INSEMINAZIONE INTRAUTERINA ARTIFICIALE OMOLOGA (AIH IU)

PROCEDURA di I LIVELLO INSEMINAZIONE INTRAUTERINA ARTIFICIALE OMOLOGA (AIH IU) PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PROCEDURA di I LIVELLO INSEMINAZIONE INTRAUTERINA ARTIFICIALE OMOLOGA (AIH IU) ISTRUZIONI PER LA COPPIA Iniezione intrauterina del liquido seminale Aggiornamento 15.01.2013

Dettagli

Fecondazione in vitro

Fecondazione in vitro Fecondazione in vitro Informazioni per la coppia UNITÀ OPERATIVA MEDICINA DELLA RIPRODUZIONE FONDAZIONE IRCCS CA' GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO VIA M. FANTI, 6-20122 MILANO TEL. 02 55034311-09 centrosterilita@policlinico.mi.it

Dettagli

LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA

LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Dr. Nunzio Minniti Clinica del Mediterraneo (Ragusa) Centro Genesi (Palermo) Arca Service PMA (Livorno) Le tecniche di PMA Perché? Quali? Per forza? Una

Dettagli

Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18

Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18 Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18 01. IL PROCESSO RIPRODUTTIVO 3 La Riproduzione umana 4 Infertilità di coppia 5 Percorsi terapeutici e opportunità 6 L Inseminazione

Dettagli

Never impure protein PURIFICAZIONE DI PROTEINE

Never impure protein PURIFICAZIONE DI PROTEINE Never waste pure thoughts on an impure protein PURIFICAZIONE DI PROTEINE PURIFICARE Purificare significa ottenere solamente la nostra molecola di interesse. Purificare una proteina per: Determinarne la

Dettagli

I centri di procreazione medicalmente assistita in Italia

I centri di procreazione medicalmente assistita in Italia I centri di procreazione medicalmente assistita in Italia L Italia offre un gran numero di centri di procreazione medicalmente assistita (358 centri in base ai dati aggiornati al 31 gennaio 2014), con

Dettagli

LA FECONDAZIONE Si attua in 4 fasi: 1) Avvicinamento dei gameti 2) Penetrazione delle barriere dell uovo 3) Reazioni dell uovo 4) Unione dei cromosomi

LA FECONDAZIONE Si attua in 4 fasi: 1) Avvicinamento dei gameti 2) Penetrazione delle barriere dell uovo 3) Reazioni dell uovo 4) Unione dei cromosomi LA FECONDAZIONE Si attua in 4 fasi: 1) Avvicinamento dei gameti 2) Penetrazione delle barriere dell uovo 3) Reazioni dell uovo 4) Unione dei cromosomi Vie genitali maschili e ghiandole accessorie FECONDAZIONE

Dettagli

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo INTRODUZIONE Acidi nucleici Gli acidi nucleici sono una famiglia eterogenea di macromolecole distribuite all interno di tutte le cellule

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA La sottoscritta e il sottoscritto acconsentono liberamente di sottoporsi al trattamento di procreazione medico-assistita FIVET (Fertilizzazione

Dettagli

PARAMETRI SEMINALI E TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA

PARAMETRI SEMINALI E TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PARAMETRI SEMINALI E TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA INTRODUZIONE L esame del liquido seminale rappresenta il cardine dell iter diagnostico relativo alla valutazione della fertilità maschile.

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

A-1 ATTIVATORE MINERALE DELL ACQUA

A-1 ATTIVATORE MINERALE DELL ACQUA A-1 ATTIVATORE MINERALE DELL ACQUA Attivatore minerale dell acqua contiene 13 vari componenti, composti di calcio e minerali (magnesio, potassio, sodio, ecc.) che emettono ioni negativi e radiazioni infrarosse.

Dettagli

Il ruolo del LABORATORIO

Il ruolo del LABORATORIO Il ruolo del LABORATORIO di Biologia della Riproduzione Alessandra Fusconi Infertilità: passato, presente, futuro Ascona 23 ottobre 2015 L Andrologo Il Lab e la DIAGNOSI La fertilità maschile tradizionalmente

Dettagli

La riproduzione nei suini

La riproduzione nei suini La riproduzione nei suini Le funzioni della scrofa nella riproduzione sono: i. Produrre le cellule sessuali femminili (uovo) ii. Consentire lo sviluppo dell embrione nell utero iii. Espellere i neonati

Dettagli

La sterilità di coppia

La sterilità di coppia La sterilità di coppia STERILITA Incapacità di procreare dopo almeno un anno di rapporti non protetti PRIMARIA La coppia non ha mai concepito SECONDARIA Si è già verificato nella coppia un concepimento.

Dettagli

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta)

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) E il termine generico che indica una serie di tecniche di separazione di molecole simili in

Dettagli

Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA)

Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) Indice Definizione Epidemiologia Etiopatogenesi Diagnosi Terapia PMA Presentazione, attività e risultati del Centro per la Diagnosi e la Terapia

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

cenni di anatomia del testicolo

cenni di anatomia del testicolo cenni di anatomia del testicolo Il gamete maschile è rappresentato della spermatozoo la produzione e maturazione del gamete maschile avviene nel testicolo Il testicolo fa parte dell apparato riproduttivo

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI DESTINATE ALLE COPPIE CHE CONSULTANO IL CENTRO PER LA PRIMA VOLTA

INFORMAZIONI GENERALI DESTINATE ALLE COPPIE CHE CONSULTANO IL CENTRO PER LA PRIMA VOLTA Direttore Sanitario: Dott.ssa Giuliana Bruno Spec. in Ginecologia e INFORMAZIONI GENERALI DESTINATE ALLE COPPIE CHE CONSULTANO IL CENTRO PER LA PRIMA VOLTA Revisione n. 4 del 17.02.2014 Pagina 1 di 15

Dettagli

La refertazione. QC nel laboratorio andrologico

La refertazione. QC nel laboratorio andrologico La refertazione. QC nel laboratorio andrologico Dott.ssa Cristina Melotti Laboratorio Centralizzato Policlinico S.Orsola Malpighi Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna L esame del liquido seminale

Dettagli

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la LABORATORIO 2: ESTRAZIONE ED ANALISI ELETTROFORETICA DI DNA GENOMICO Come fare? Seguiamo 3 semplici passaggi: Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la carne) Alcol Cooome?? E' così facile??

Dettagli

UOSD PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Azienda Complesso Ospedaliero S an Filippo Neri OSPEDALE DI RILIEVO NAZIONALE E DI ALTA SPECIALIZZAZIONE

UOSD PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Azienda Complesso Ospedaliero S an Filippo Neri OSPEDALE DI RILIEVO NAZIONALE E DI ALTA SPECIALIZZAZIONE REGIONE LAZIO Azienda Complesso Ospedaliero S an Filippo Neri OSPEDALE DI RILIEVO NAZIONALE E DI ALTA SPECIALIZZAZIONE UOSD PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA CHI SIAMO UOSD PROCREAZIONE ASSISTITA L

Dettagli

03/11/15. Metodi vigorosi

03/11/15. Metodi vigorosi Metodi blandi Lisi cellulare con detergenti Metodi vigorosi 1 1. Centrifugazione preparativa Centrifugazione preparativa permette di separare i vari elementi di un omogenato cellulare 2. Ultracentrifugazione

Dettagli

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito Colture Cellulari Introduzione Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

La SELEZIONE DEGLI SPERMATOZOI ai fini della PMA (tecnica IMSI)

La SELEZIONE DEGLI SPERMATOZOI ai fini della PMA (tecnica IMSI) (tecnica IMSI) Policlinico di Modena DIPARTIMENTO INTEGRATO MATERNO INFANTILE Ginecologia ed Ostetricia Direttore Prof. Annibale Volpe UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA D.Ssa Susanna Xella

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA. 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite

RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA. 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite 4 RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite 1 2 Premessa In questo fascicolo sono presentati i risultati della attività di PMA svolta dal 1985 al 2012 in Italia dalla

Dettagli

GUIDA ALLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA)

GUIDA ALLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) GUIDA ALLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) Premessa La procreazione medicalmente assistita è indicata quando il concepimento spontaneo è molto difficile, se non impossibile, e quando altri trattamenti

Dettagli

TRATTAMENTI DI PRIMO LIVELLO

TRATTAMENTI DI PRIMO LIVELLO Il presente documento fornisce le informazioni relative ai costi per le varie prestazioni di PMA. Gli oneri di ogni trattamento di PMA sono suddivisi per tipologia e frazionati nelle varie tappe del percorso

Dettagli

ESAME DEL LIQUIDO SEMINALE

ESAME DEL LIQUIDO SEMINALE ESAME DEL LIQUIDO SEMINALE Massimo Menegazzo Centro di Crioconservazione dei Gameti Maschili. Dipartimento di Istologia, Microbiologia e Biotecnologie Mediche, Università di Padova, Padova, Italia. L esame

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

Tecniche di PMA TECNICHE DI I LIVELLO

Tecniche di PMA TECNICHE DI I LIVELLO Tecniche di PMA La procreazione medicalmente assistita (PMA) si avvale di tecniche di base o I livello, semplici e poco invasive e di tecniche avanzate o di II e III livello, complesse e più invasive.

Dettagli

LOSSARIO HSP. Riproduzione assistita sec. WHO. Dati statistici

LOSSARIO HSP. Riproduzione assistita sec. WHO. Dati statistici HSP LOSSARIO Riproduzione assistita sec. WHO Dati statistici Vayena E, Rowe PJ, Griggin PD Current Practices and Controversies in Assisted Reproduction. Proceedings of the Meeting Medical, Ethical and

Dettagli

Ricevimento degli ovociti

Ricevimento degli ovociti Ricevimento degli ovociti In che cosa consiste? Consiste nel fecondare in laboratorio gli ovociti provenienti da una donatrice con lo sperma del partner della donna ricevente, per trasferire in seguito

Dettagli

PURIFICAZIONE DI DNA

PURIFICAZIONE DI DNA PURIFICAZIONE DI DNA Esistono diverse metodiche per la purificazione di DNA da cellule microbiche, più o meno complesse secondo il grado di purezza e d integrità che si desidera ottenere. In tutti i casi

Dettagli

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E FISIO-PATOLOGIA SOCCORSO MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN COSTITUITO DA: DUE RENI DUE URETERI

Dettagli

VITAMINA C PLASMATICA IN UV Codice Z20010

VITAMINA C PLASMATICA IN UV Codice Z20010 VITAMINA C PLASMATICA IN UV Codice Z20010 INTRODUZIONE L Acido Ascorbico (A.A.) rientra nel gruppo delle vitamine idrosolubili ed è largamente diffuso in natura specialmente nelle arance e nei limoni.

Dettagli

La riproduzione cellulare

La riproduzione cellulare La riproduzione cellulare La riproduzione è una proprietà fondamentale dei viventi, che si manifesta a partire dalle singole cellule. Attraverso la riproduzione viene assicurata la continuità della vita.

Dettagli

periodo più fertile per una donna uomo

periodo più fertile per una donna uomo Quanti anni hai? Le donne italiane fanno figli tardi rispetto alle altre donne europee. Si sposano in media a 28 anni, partoriscono il primo figlio a 30 e hanno meno figli delle altre europee. Le ragioni

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB)

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB) Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB) Diagnosi Preimpianto delle alterazioni cromosomiche mediante array-cgh La sottoscritta (partner femmiile).. Data

Dettagli

Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5

Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5 Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5 Colture cellulari Un organismo è un sistema molto complesso, costituito da organi, che a loro volta sono costituiti da diversi

Dettagli

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB)

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB) Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB) Screening Preimpianto delle alterazioni cromosomiche numeriche mediante array-cgh La sottoscritta (partner femmile).. Data

Dettagli

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %.

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %. Scheda Tecnica 0123 Technical File No.: 46 Prodotto: Categoria di prodotto secondo la classificazione CE: Anti-Xga coombsreactive Policlonale, umano IgG Allegato III Autocertificazione del produttore Struttura

Dettagli

Colture Cellulari: introduzione

Colture Cellulari: introduzione Colture Cellulari: introduzione! Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

LE METODICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IVF Lite

LE METODICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IVF Lite 2 LE METODICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IVF Lite INDICE Le metodiche di Procreazione Medicalmente Assistita p.03 Stimolazione ovarica p.05 Inseminazione artificiale omologa (IAO) p.05

Dettagli

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita.

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. Elettroforesi Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. A qualunque ph diverso dal pi le proteine hanno una carica netta quindi,

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA

COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA PROGETTO ISPESL/CNR: COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA - INTRODUZIONE 2 - MATERIALI E METODI:..

Dettagli

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi La possibilità di osservare direttamente singole molecole dà grandi vantaggi

Dettagli

COLTURA DI CELLULE EUCARIOTICHE

COLTURA DI CELLULE EUCARIOTICHE COLTURA DI CELLULE EUCARIOTICHE Conoscenze teoriche di base e tecniche operative Dott. Adriano Angelucci Laboratorio integrato II -- Aprile 2010 Obiettivi Attraverso l applicazione di specifiche procedure

Dettagli

STRATEGIE PER LA PURIFICAZIONE DI PROTEINE

STRATEGIE PER LA PURIFICAZIONE DI PROTEINE 1 STRATEGIE PER LA PURIFICAZIONE DI PROTEINE Abbiamo visto in precedenza le strategie (basate essenzialmente su tecniche centrifugative) per l isolamento di organelli subcellulari. Spesso, però, l interesse

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO

APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO STUDIO DEL SISTEMA IMMUNITARIO Una delle maggiori applicazioni della citofluorimetria e rappresentata dall analisi (e sorting) delle diverse popolazioni

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA NUMERI E CAUSE La fertilità della specie umana è bassa. Infatti, ad ogni ciclo mestruale, una

Dettagli

L apparato riproduttivo femminile

L apparato riproduttivo femminile L apparato riproduttivo femminile L apparato riproduttivo femminile comprende i genitali esterni (vulva e introito vaginale), i genitali esterni (canale vaginale, collo dell utero, corpo dell utero) e

Dettagli

Ingegneria Genetica e Microbiologia Applicata

Ingegneria Genetica e Microbiologia Applicata Corso di Laurea in Biotecnologie Anno Accademico 2009-2010 Ingegneria Genetica e Microbiologia Applicata Percorso n 3: Clonaggio di segmenti di DNA Settima esercitazione - 13 maggio 2010 F 1 1 1: taglio

Dettagli

Progetto di Ricerca. 1) la capacità dei cheratinociti umani di internalizzare il nanoparticolato

Progetto di Ricerca. 1) la capacità dei cheratinociti umani di internalizzare il nanoparticolato Progetto di Ricerca Studio del potenziale pro-infiammatorio e pro-fibrotico del particolato ambientale (nanoparticelle da gas di scarico di motori diesel) nella Sclerosi Sistemica *Silvana Fiorito, *Felice

Dettagli

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Cavità principali del corpo umano Dee Unglaub Silverthorn, Fisiologia umana 2010 Pearson Italia S.p.A Organizzazione generale dell organismo: un visione

Dettagli

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING SCOPO DELL'ATTIVITÀ Ciascuno studente estrae il proprio DNA da cellule della mucosa boccale. Quindi, mediante PCR, vengono amplificati frammenti corrispondenti

Dettagli

CENNI DI ELETTROCHIMICA

CENNI DI ELETTROCHIMICA CENNI DI ELETTROCHIMICA Gli elettrodi a membrana sono elettrodi che permettono la determinazione rapida e selettiva, per potenziometria diretta, di numerosi cationi ed anioni. Il meccanismo di formazione

Dettagli

SI RINGRAZIANO LE SEGUENTI DITTE PER IL MATERIALE GENTILMENTE FORNITO PER IL CORSO DI PERFEZIONAMENTO

SI RINGRAZIANO LE SEGUENTI DITTE PER IL MATERIALE GENTILMENTE FORNITO PER IL CORSO DI PERFEZIONAMENTO DODICESIMA EDIZIONE SI RINGRAZIANO LE SEGUENTI DITTE PER IL MATERIALE GENTILMENTE FORNITO PER IL CORSO DI PERFEZIONAMENTO Elenco Docenti ALVIGGI C. Dip. Scienze Ostetr.-Ginecol. Urolog. e Medicina della

Dettagli

Regolazione del metabolismo del glucosio

Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione coordinata di glicolisi e gluconeogenesi Glicolisi e gluconeogenesi sono regolate in modo reciproco La regolazione è a livello dei punti di deviazione

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA)

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) Le prestazioni di procreazione medicalmente assistita comportano interventi di diversa complessità tecnica, scientifica e organizzativa, tali da prevedere differenti livelli di requisiti strutturali, tecnologici

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA GENERALE E APPLICATA Anno Accademico 2007/2008. Corso di: Laboratorio di Biologia II Chimica Biologica

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA GENERALE E APPLICATA Anno Accademico 2007/2008. Corso di: Laboratorio di Biologia II Chimica Biologica CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA GENERALE E APPLICATA Anno Accademico 2007/2008 Corso di: Laboratorio di Biologia II Chimica Biologica Dott. Marcello MEROLA Parziale purificazione dell enzima Alcool Deidrogenasi

Dettagli

NUTRIZIONE MICROBICA. Riproduzione ed accrescimento CONDIZIONI AMBIENTALI PER CRESCERE TERRENO COLTURALE DEVONO TROVARE MICRORGANISMI RIPRODURSI

NUTRIZIONE MICROBICA. Riproduzione ed accrescimento CONDIZIONI AMBIENTALI PER CRESCERE TERRENO COLTURALE DEVONO TROVARE MICRORGANISMI RIPRODURSI NUTRIZIONE MICROBICA Riproduzione ed accrescimento PER CRESCERE CONDIZIONI AMBIENTALI MICRORGANISMI DEVONO TROVARE TERRENO COLTURALE RIPRODURSI NUTRILITI METABOLISMO NATURA Colture pure e caratteri colturali

Dettagli

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare.

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Membrana citoplasmatica èsedediscambiodi materia, energia e informazione con l ambiente esterno TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

WITNESS DIROFILARIA. Dirofilaria immitis.

WITNESS DIROFILARIA. Dirofilaria immitis. WITNESS DIROFILARIA WITNESS DIROFILARIA INFORMAZIONI GENERALI La dirofilariosi cardiaca del cane è una malattia a diffusione mondiale ed è causata da un nematode filariforme denominato Dirofilaria immitis.

Dettagli

Viaggio al centro dello spermatozoo

Viaggio al centro dello spermatozoo Viaggio al centro dello spermatozoo C A T A L O G O A N A L I S I Medicina e Biologia della Riproduzione Umana Direttore Sanitario: Prof. Lamberto Coppola ricerca, tecnologia, professionalità, esperienza

Dettagli

CONSENSO FIVET CON SEME DI DONATORE

CONSENSO FIVET CON SEME DI DONATORE CONSENSO ALLA PROCEDURA DI FECONDAZIONE IN VITRO CON SPERMA DI DONATORE (ICSI-D) Redatto secondo la legge 40/2004 del 19 febbraio 2004 e il documento della Conferenza delle Regioni e delle Provincie Autonome

Dettagli

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro con Ovociti Scongelati Id /

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro con Ovociti Scongelati Id / Ai sensi della legge del 19 febbraio 2004, n. 40 e della sentenza 151/2009 della Corte Costituzionale del 31/03/2009 Noi sottoscritti: (Donna) nata a il (Uomo) nato a il Dichiariamo di essere coniugati

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Biotecnologie nella riproduzione animale ART (assisted reproductive technologies)

Biotecnologie nella riproduzione animale ART (assisted reproductive technologies) Biotecnologie nella riproduzione animale ART (assisted reproductive technologies) Inseminazione Artificiale (AI) Trasferimento embrionale (MOET) Crioconservazione gameti e embrioni Sessaggio (gameti e

Dettagli

L infertilità è in crescita? Purtroppo l'infertilità è un fenomeno in crescita (secondo alcuni studiosi i primi segnali si sono registrati già 50 anni fa) determinato da diversi fattori. Alcuni fattori

Dettagli