Tecniche di preparazione degli spermatozoi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche di preparazione degli spermatozoi"

Transcript

1 Il manuale WHO 2010 per l esame del liquido seminale:luci e ombre Bologna 29 gennaio 2011 Tecniche di preparazione degli spermatozoi Nilla Calza U.O.Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Azienda Ospedaliero Universitaria S.Orsola Malpighi di Bologna

2 Nella quinta edizione del manuale WHO la sezione dedicata alla preparazione spermatica è stata espansa rispetto alla precedente e sono state descritti: -tutti i metodi comunemente impiegati per preparare gli spermatozoi da eiaculato -le modalità per maneggiare i campioni di seme infetti da HIV -il trattamento degli spermatozoi ottenuti dal testicolo e dall epididimo -metodologie necessarie per raccogliere gli spermatozoi da pazienti con eiaculazione retrograda Le tecniche di preparazione degli spermatozoi possono essere finalizzate : a test diagnostici di funzionalità al recupero terapeutico per la tecniche di fecondazione assistita

3 Nello sperma umano si distingue: COMPONENTE CELLULARE: precursori della linea germinale, sottopopolazioni di spermatozoi vivi e apoptotici, detriti cellulari, leucociti, cellule epiteliali COMPONENTE LIQUIDA: Plasma seminale costituito da proteine,lipidi, prostaglandine, ormoni, ioni, acido citrico, fruttosio, una grande varietà di enzimi tra cui anche enzimi proteolitici,, zinco, carnitina, bicarbonati, muco

4 Le tecniche di trattamento dello sperma umano per la fecondazione assistita hanno lo scopo di: 1) Isolare il maggior numero di spermatozoi vivi, dotati di buona motilità progressiva e morfologia, minimizzando lo stess ossidativo 2) Indurre in vitro la CAPACITAZIONE. Si tratta della fase finale di maturazione dello spermatozoo che così: acquista la capacità di interagire con il complesso cumulo-ovocita, subisce la reazione acrosomiale e diventa potenzialmente in grado di fecondare gli ovociti. 3) Separare gli spermatozoi dal plasma seminale perché: - dopo l eiaculazione diviene citotossico per un rapido aumento della osmolarità (Aitken et al., 1996) - contiene fattori decapacitanti (Yanagimachi,1994) - contiene fattori la cui prolungata esposizione ha avversi effetti sulla funzionalità spermatica quali la penetrazione del muco cervicale (Kremer,1968), la reazione acrosomiale in vitro e il processo di fecondazione (Roger, 1983; Mortimer 1992 e 1998)

5 . L ideale tecnica di separazione spermatica dovrebbe : -Essere facile, veloce e con costi contenuti; -Isolare il più alto numero di spermatozoi mobili possibili; -Non causare danno o alterazione fisiologica agli spermatozoi separati; -Eliminare spermatozoi non vitali, leucociti e batteri; -Permettere di processare il più grande volume di eiaculato Nessun metodo disponibile soddisfa tutte queste esigenze, quindi la scelta della tecnica di preparazione del seme è dettata dalla qualità del campione (Canale et al.1994)

6 INDICAZIONI GENERALI AL TRATTAMENTO - La raccolta del campione e l operatività devono avvenire in condizioni sterili. - Medium di coltura impiegato deve contenere: soluzione salina addizionata con proteine (albumina altamente purificata ) e un appropriato tampone per mantenere costanti le condizioni di ph in cui gli spermatozoi sono processati Se l incubatore contiene solo aria atmosferica alla temperatura di 37 C il medium è tamponato con Hepes e il tappo del contenitore deve essere ben chiuso Se l incubatore contiene 5% (v/v) di CO2 in aria ad una temperatura di 37 C il medium deve essere tamponato con bicarbonato di sodio e il tappo del tubo mantenuto semiaperto per garantire scambio di gas - Come regola generale le tecniche di preparazione spermatica non possono essere considerate valide per una totale eliminazione degli agenti infettivi quindi è indispensabile trattare sempre il campione come potenzialmente infetto!!

7 L efficienza della tecnica di separazione spermatica (WHO 2010) è espressa come: - numero assoluto di spermatozoi - numero totale di spermatozoi mobili - recupero di spermatozoi mobili con morfologia normale.

8 FLUIDIFICAZIONE DEL CAMPIONE Il campione subito dopo la raccolta viene lasciato fluidificare in vitro per 30 minuti a temperatura ambiente o a 37 C in lenta agitazione. Se non liquefa si procede con un ulteriore incubazione di 30 minuti nelle medesime condizioni Quando la viscosità del campione è persistente si può intervenire: -miscelando il seme con ugual volume di terreno di coltura -forzare il liquido viscoso attraverso un ago dal diametro interno di 0.84mm prima e di 0.69 mm poi, collegato ad una siringa. -trattare con enzimi proteolitici. Il manuale propone di preparare una soluzione 10 IU/ml di Bromelina in tampone fosfato Dulbecco" da diluire 1:2 con il liquido seminale e di incubare per 10 minuti a 37 C. Altri enzimi descritti dalla letteratura sono: -amilasi -chimotripsima, lisozima, ialuronidasi, tripsina, (Figenschau et al., 1998). E importante rimuovere gli enzimi con lavaggi non appena ottenuta la fluidificazione per evitare danneggiamento degli spermatozoi

9 Si distinguono 4 approcci basici per la preparazione degli spermatozoi: - lavaggio e diluizione - migrazione: requisito fondamentale è il movimento autonomo degli spermatozoi (swim-up, migrazione-sedimentazione) - centrifugazione in gradiente di densità: sfrutta l alta densità degli spermatozoi da separare e l azione di filtro esercitata dagli strati di particelle silice colloidale modificata impiegata per la separazione - metodi di aderenza: si basa sull aderenza dei detriti cellulari e dei leucociti da eliminare ad una matrice di filtrazione (fibre di lana di vetro, colonne di Sephadex, membrana, biglie di vetro).

10 DILUIZIONE e LAVAGGIO Consiste nella diluizione del seme con il terreno di coltura e successiva centrifugazione; il manuale WHO ne indica l impiego per trattare campioni normospermici destinati alla inseminazioni intrauterine (IUI). Procedura: -aggiungere all intero campione un uguale volume di medium per la diluizione del plasma seminale -trasferire in tubi da centrifuga (non più di 3 ml per tubo) -centrifugare a g per 5-10 minuti -aspirare ed eliminare il surnatante -risospendere con 1 ml di medium e pipettare gentilmente -centrifugare ancora a g per 3-5 minuti -aspirare ed eliminare il surnatante -risospendere il pellet, pipettando gentilmente in un volume di medium appropriato per il finale utilizzo e determinare motilità e concentrazione

11 SWIM-UP Il manuale WHO ne consiglia l impiego per il trattamento del seme di pazienti normospermici Il campione non deve essere diluito e centrifugato. Si procede direttamente con lo swim-up diretto degli spermatozoi dal seme dopo fluidificazione in vitro Procedura: -Miscelare e suddividere il campione in tubi da centrifuga da 15 ml, ponendo circa 1 ml per tubo. -Stratificare delicatamente 1,2 ml di medium sopra il campione -Inclinare il campione con un angolo di 45 e incubare per 1 ora a 37 C -Rimuovere 1 ml di medium dalla superficie (contiene gli spermatozoi più mobili) -Diluire con 1,5-2 ml di medium -Centrifugare a g per 5 minuti ed eliminare il surnatante -Risospendere il pellet in 0.5 ml di medium per valutare concentrazione,motilità, morfologia

12 Esempio di trattamento del seme con Swim-up Produzione del campione Conta Motilità Morfologia t 60 min a 37 C a 45 gradi 5 min 300 g-500g Conta Motilità Morfologia ICSI FIVET IUI s S = seme t = terreno Aggiunta di terreno Raccolta dal sovranatante

13 SWIM-UP Vantaggi: - Facile da eseguire - Poco costoso Svantaggi: - Produce una resa in percentuale di spermatozoi mobili più bassa rispetto alla centrifugazione in gradiente di densità ( Ng et al.,1992) -Ristretto a campioni con alta conta e motilità; -I numerosi strati di cellule impediscono agli spermatozoi mobili situati più in profondità di raggiungere l interfaccia con il medium di coltura; -Significativo decremento della percentuale di spermatozoi con cromatina normalmente condensata.

14 CENTRIFUGAZIONE IN GRADIENTE DI DENSITA (CGD) Il manuale WHO propone tale tecnica per i casi di oligozoospermia, astenozoospermia o teratozoospermia, poiché si recupera un maggior numero di spermatozoi mobili destinati alla FIVET o alla ICSI Questo metodo consiste nel centrifugare il campione posto al di sopra di un gradiente di densità discontinuo o continuo preparato impiegando silice colloidale legate covalentemente a silano. Gli spermatozoi si separano in base alla loro densità e alla motilità di quella porzione che raggiunge il fondo del tubo. E importante standardizzare la metodica I risultati delle preparazioni spermatiche variano in relazione alle condizioni della separazione: - volume iniziale di seme, - velocità e tempo di centrifugazione, - numero di strati del gradiente

15 Procedura: -Preparare il gradiente di densità sovrapponendo 1 ml di medium con densità al 40% (v/v) ad 1 ml di medium al 80% (v/v). - Aggiungere 1 ml di seme miscelato sopra il gradiente di densità e centrifugare a g per minuti. Preparare più di un tubo se necessario. -Rimuovere la parte superiore del pellet che si è stratificato sul fondo -Risospendere il pellet in 5 ml di medium e centrifugare a 200g per 4-10 minuti -Ripetere la procedura di lavaggio -Risospendere il pellet finale in 1 ml di medium per determinare concentrazione e motilità

16 Esempio di trattamento del seme con gradienti Produzione del campione Conta Motilità Morfologia S min 300g 2 lavaggi Conta Motilità Morfologia ICSI FIVET IUI Gradienti Raccolta dal 80% Mantenere in incubatore

17 CENTRIFUGAZIONE IN GRADIENTE DI DENSITA (CGD) Vantaggi: -Isolamento di una frazione pulita e abbondante di spermatozoi mobili; -Possono essere isolati spermatozoi mobili da eiaculati con bassa densità spermatica; -Buona eliminazione dei leucociti; -Produzione di ROS significativamente ridotta. Svantaggi: -La creazione di una buona interfase tra i differenti strati richiede tempo, -Più costoso dello swim-up;

18 FILTRAZIONE CON FIBRE DI LANA DI VETRO La separazione è principalmente dovuta all adesione dei detriti cellulari e degli spermatozoi immobili alla superficie di fibre di lana di vetro. (Engel et al., 2001) Filtrazione condotta a 37 C Richiede 5-10 minuti per filtrare l di campione 6 mm (Engel et al., 2001): L efficienza di filtrazione è legata alle caratteristiche del filtro come ad esempio: - Natura chimica della lana di vetro (borati, silicati, quarzo) - Struttura superficiale e carica - Spessore delle fibre e diametro dei pori Da queste caratteristiche dipende anche il possibile rischio di danneggiare gli spermatozoi!!

19 Vantaggi: - Semplicità - Alta resa in spermatozoi mobili, analoga a quella ottenuta dalla CGD, anche applicata nei casi di oligo ed astenozoospermia (Rhemrev et al., 1989; Johnson et al., 1996) - Riduzione del danno ossidativo - Eliminazione dei leucociti al 90% (Sanchez et al., 1997) - Selezione di spermatozoi con normale condensazione della cromatina Svantaggi: - Costoso - Filtrato può contenere detriti cellulari residui - Processo abbastanza lento (favorita la resa!) e che richiede suddivisione del campione

20 Tecniche di preparazione di più recente introduzione per selezionare gli spermatozoi ad alta qualità per la fecondazione assistita -Selezione in base alla carica elettrica -Selezione degli spermatozoi con tecniche di binding: Annessina Acido ialuronico

21 METODO ELETTROFORETICO Si tratta di una filtrazione elettroforetica su membrana che rapidamente e efficacemente isola spermatozoi umani con minimo danno al DNA (Ainsworth et al., 2005). Principio: spermatozoi di migliore qualità nell eiaculato possiedono la maggiore carica netta negativa (Kirchoff and Schroter, 2001; Giuliani et al., 2004; Ainsworth et al. 2005) e possono essere separati dalle altre particelle ugualmente cariche come leucociti e gameti immaturi in virtù del loro piccole dimensioni della testa. Dimostrato che gli spermatozoi così isolati sono ugualmente in grado di fecondare ovociti senza il sostegno della ICSI quindi l esposizione al campo elettrico non altera la loro funzionalità. La % di clivaggio degli zigoti e la qualità degli embrioni sono analoghi a quelli dove gli spermatozoi sono ottenuti da CGD (Fleming et al., 2008)

22 Prototipo sviluppato per questa tecnica: CELL-SORTER 10 (CS-10). Catodo (-) Campione Tampone Camera di iniezione del campione Camera di raccolta del campione (Ainsworth et al., 2005) Anodo (+) L unità di separazione del CS-10 consiste in due camere da 400 l separate da un filtro di policarbonato di 5 m di spessore che appoggia su una membrana di poliacrilammide che permette il libero transito degli elettroliti. Spermatozoi separati dal plasma seminale a 25 C per 5 min applicando una corrente costante di 75mA e un voltaggio variabile da 18 a 21 V Buffer elettroforetico: 10mM Hepes; 30mM NaCl; 0.2M saccarosio; ph 7.4; Osmolarità 310mOsm/Kg.

23 MACS (magnetic activated cell sorting) Metodo di separazione che elimina gli spermatozoi apoptotici Principio: Le cellule apoptotiche espongono dei markers specifici. Uno di questi è il fosfolipide fosfatidilserina (PS) che si ridistribuisce dal lato citosolico al lato esterno della membra plasmatica Si impiegano poi biglie magnetiche coniugate con annessina V che ha una forte affinità per la fosfatidilserina esposta dalle cellule apoptotiche con integrità della membrana compromessa. Il complesso biglia-cellula apoptotica è trattenuto grazie all ausilio di un magnete. L impiego di MACS in combinazione con centrifugazione in gradiente di densità (CGD) per preparare spermatozoi umani è risultato essere superiore in termini di motilità, vitalità e resa di spermatozoi non apoptotici rispetto ad altri metodi di preparazione (Said et al., 2005)

24 MACS Biglie magnetiche Spermatozoi apoptotici Spermatozoi non apoptotici (Said TM et al., 2008) -Incubazione delle microbiglie coniugate ad annessina V con gli spermatozoi a RT per 15 minuti - Far scorrere la miscela attraverso una colonna posta su un supporto magnetico. La frazione di spematozoi che espone PS è ritenute nella colonna mentre gli spermatozoi con membrana plasmatica intatta sono eluiti dalla colonna e raccolti come non apoptotici

25 PRESENZA DI RECETTORI PER L ACIDO IALURONICO (HA) L acido ialuronico (HA) è un polisaccaride lineare presente nella matrice extracellulare del cumulo ooforo attorno all ovocita, con un importante ruolo nella fecondazione umana normale. Principio di questo test : spermatozoo maturo ha subito un rimodellamento della membrana plasmatica, responsabile della formazione dei recettori per la zona pellucida dell ovocita e per i recettori dell HA Spermatozoi maturi che esprimono recettori HA sono vitali e privi di inclusioni citoplasmatiche,frammentazione del DNA, markers apoptotici come caspasi 3 (Cayli S. et al., 2003, Huszar et al., 2003) e presentano una normale frequenza di aneuploidie cromosomiche (Jakab et al. 2005).

26 (Petersen et al. 2010) Incubazione di 2 µl di una preparazione di 2x10 6 spermatozoi per 10 minuti a RT Per individuare gli spermatozoi maturi si sfrutta la loro selettiva capacità di legare HA che aderisce sul fondo di una piastra di coltura. Gli spermatozoi vengono poi raccolti con una pipetta da ICSI e trasferiti in una soluzione di polivinlpirrolidone per eseguire la inseminazione intracitoplasmatica.

27 PREPARAZIONE DEI CAMPIONI DI SEME INFETTI DA HIV I recettori virali (CD4, CCR5, CXCR4) sono espressi solo da cellule non spermatiche: il manuale WHO propone una combinazione di centrifugazione in gradiente di densità e di swim-up per prevenire l infezione nelle coppie HIV sierodiscordanti dove solo il partner maschile è HIV positivo (Gilling-Smith et al. 2006; Savasi et al 2007) Per minimizzare il rischio di cross-contaminazione con i campioni HIV-free, i semi infetti devono essere trattati separatamente nel tempo e nello spazio (Gilling-Smith et al. 2005) Indispensabile la validazione virale mediante RT-PCR del seme processato. Non ci sono ancora sufficienti evidenze di eliminazione del rischio di contagio attraverso la preparazione spermatica!!!

28 TRATTAMENTO DEL CAMPIONE PROVENIENTE DA EIACULAZIONE RETROGRADA L eiaculazione retrograda si verifica quando il liquido seminale, durante l eiaculazione, passa nella vescica invece che nell uretra. Si tenta di recuperare lo sperma da un campione di urina post-eiaculatorio. L urina però induce rapidamente effetti deleteri sugli spermatozoi, con una riduzione della motilità legata alla diminuzione di ph e ancor più, alla riduzione della osmolarità (Crich and Jequier, 1978) Per l aggiustamento dei parametri urinari e il recupero di spermatozoi mobili è raccomandato ingerire agenti alcalinizzanti come NaHCO3 (Urry, 1986) o una soluzione di NaCl e di NaHCO3 (Aust et al., 2008). Tuttavia non esiste un metodo ottimale per ottenere il controllo del ph ed dell osmolarità

29 La procedura prevede di chiedere al paziente: - di non svuotare completamente la vescica; - tentare di produrre l eiaculato e raccogliere l eventuale prodotto in un primo contenitore sterile; - urinare nuovamente e raccogliere l urina in un secondo contenitore con terreno di coltura (per alcalinizzare ulteriormente il campione). suddividere il campione e sottoporlo a centrifugazione per 8 minuti a 500g risospendere il pellet in 3-4-ml di medium fresco Sia l eiaculato, se prodotto, che il campione di urina devono essere analizzati Entrambe i campioni vengono processati con centrifugazione in gradiente di densità (CGD) Pazienti con disturbi eiaculatori che devono essere sottoposti ad una elettro-stimolazione rettale della prostata, producono spermatozoi con scarsa motilità e quindi si trattano con la CGD

30 EFFETTI DELLE SPECIE REATTIVE ALL OSSIGENO (ROS) Produzione dei ROS Leucociti del plasma seminale(aikten and West 1999 ) Forze associate con la centrifugazione durante il trattamento del seme (Aitken and Clarkson 1988) Nelle procedure di trattamento anche finalizzato alla crioconservazione, proposto di non eliminare il plasma seminale

31 Trattamento del seme : perdita degli antiossidanti naturali presenti nel plasma seminale (vitamina C ed E, superossido dismutasi (SOD), ac,urico, glutatione) Spermatozoi vulnerabili allo stress ossidativo 1) NO citoplasma = NO meccanismi di riparo del DNA danneggiato 2) Molti acidi grassi polinsaturi = suscettibilità ai ROS Danno Integrità del DNA compromessa (Aitken and Clarkson 1988) Integrità delle membrane plasmatiche compromessa

32 Per limitare i danni ossidativi, proposto trattamento sia in vivo che in vitro con differenti antiossidanti Glutatione ( -L-glutamil-L-cistenilglicina): agente ad effetto riducente dove il ruolo nella difesa antiossidante è legato al gruppo sulfidrilico. Dimostrato il suo ruolo nel ridurre la produzione di ROS e nel proteggere gli spermatozoi dal danno indotto al DNA da H 2 O 2 (Donnelly,2000). N-acetil-L-cisteina (NAC) è un N acetil derivato dell aminoacido cisteina, che promuove la produzione endogena di glutatione. Ha un effetto dose e tempo dipendente sulla riduzione nella produzione dei ROS (Oeda 1997). E stata dimostrata è la sua azione benefica sui parametri seminali e nel migliorare la capacità totale antiossidante del siero dopo somministrazione orale in pazienti infertili (Ciftci H et al. 2009). Ascorbato (vitamina C) e Alfa Tocoferolo (vitamina E): separatamente hanno benefici effetti sulla integrità del DNA alterata dal processo di preparazione dello sperma con gradiente (Hughes 1998). Non visto miglioramento nella motilità spermatica né con ascorbato né con vitamina E ma solo una significativa riduzione nella produzione dei ROS. Rilevato invece danno al DNA indotto dal simultaneo impiego delle due vitamine durante il trattamento del campione(donnelly,1999).

33 TRATTAMENTI DEGLI SPERMATOZOI IN VITRO PER MIGLIORARE LA MOTILITA - Metilxantina caffeina : è un inibitore delle fosfodiesterasi che aumenta i livelli di camp. La motilità di spermatozoi freschi e scongelati aumenta per stimolazione del metabolismo glucidico (Homonnai et al.,1976; Rees et al.,1990). - Pentossifillina: è un metilxantina derivato, inibitore non specifico delle fosfodiesterasi con effetto stimolatorio sulla motilità attribuibile all aumento di camp. camp stimola una chinasi camp dipendente che induce la fosforilazione di proteine della coda degli spermatozoi (Nassar et al.,1999). Effetti benefici sulla motilità di spermatozoi freschi (Yovich et al.,1990;tesarik et al.,1992; Paul et al.,1995) e crioconservati (Stanic et al.,2002). Risultati contrastanti perche riportati anche effetti tossici sugli spermatozoi (Centola et al.,1995) e una possibile embriotossicità sull embrione di topo (Tournaye et al., 1993) - 2-Deossiadenosina (2-DA) - Callicreina - Bicarbonato - Metallo Chelatori -Platelet-Activating Factor (PAF)

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Gli scambi tra cellula ed ambiente

Gli scambi tra cellula ed ambiente Gli scambi tra cellula ed ambiente Equilibrio osmotico Squilibrio chimico Squilibrio elettrico Equilibrio dinamico Lo scopo dell omeostasi è mantenere l equilibrio dinamico dei compartimenti corporei.

Dettagli

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit 1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit Per la determinazione in vitro della 1,25 (OH) 2 Vitamina D in plasma e siero Gültig ab/valid from 17.03.2008 +8 C IMM-K 2112 +2 C 48 1. APPLICAZIONE Il kit ELISA (Enzyme-Linked-Immuno-Sorbent-Assay)

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

CROMATOGRAFIA SU COLONNA

CROMATOGRAFIA SU COLONNA 1 CROMATOGRAFIA SU COLONNA La cromatografia è una tecnica di migrazione differenziata che permette la separazione dei costituenti di una miscela di sostanze affini. La cromatografia può essere di tipo

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Il Biologo Figura dinamica nel mondo del lavoro. Vademecum di orientamento alla professione

Il Biologo Figura dinamica nel mondo del lavoro. Vademecum di orientamento alla professione Il Biologo Figura dinamica nel mondo del lavoro Vademecum di orientamento alla professione A cura della: Commissione Permanente di studio Rapporti con le Università Ordine Nazionale dei Biologi 1 Consiglio

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli