Unità di Valutazione delle Tecnologie - Direzione del Policlinico. New technologies

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unità di Valutazione delle Tecnologie - Direzione del Policlinico. New technologies"

Transcript

1 - N e w s l e t t e r m a r z o Anno 5 numero 3 S O M M A R I O New Technologies Un dispositivo che misura lo stress metabolico può aiutare la diagnosi di malattie oculari prima che si manifestino Cerotto transdermico per il controllo dei sintomi del morbo di Parkinson Quality in Health Care Identificare e analizzare i problemi nella gestione del paziente: punto di partenza per migliorare Sicurezza e Qualità nei Policlinici Universitari? Si può fare...i fattori critici di successo Health Care Management Uno strumento interattivo per valutare se la nostra organizzazione è capace di apprendere Analisi di un metodo di segmentazione intelligente dei medici di medicina generale Health Policy & Public Health Lezioni da un trial che ha confuso le idee Valutare i test diagnostici di laboratorio: stato dell arte e opportunità Evidence Based Medicine Come un inadeguata randomizzazione può modificare i risultati dei RCT Consumo di farmaci: età, sesso e le potenzialità di un sistema informatico di monitoraggio Augenblick La macchina che legge il pensiero non è più fantascienza New technologies Un dispositivo che misura lo stress metabolico può aiutare la diagnosi di malattie oculari prima che si manifestino Flavoprotein Autofluorescence Dectection of Early Ocular Dysfunction Arch Ophtalmol.2008;126(2): L articolo presenta una nuova tecnica diagnostica che consente di scoprire e monitorare tempestivamente i disturbi oculari della retina e del nervo ottico prima che compaia la relativa sintomatologia associata. La metodologia proposta si fonda sul fatto che l insorgenza di una patologia oculare è solitamente accompagnata dall incremento dell autoflourescenza della flavoproteina (FA). Quanto affermato è stato dimostrato all interno di uno studio osservazionale di Petty ed Elner, i quali avevano evidenziato che lo stress metabolico all insorgere di alcune patologie oculari, fa si che alcune proteine diventino fluorescenti. L autofluorescenza è considerata un buon predittore di malattie ocula- Pagina 1

2 ri (glaucoma e retinopatia imaging equipaggiato con portanza del dispositivo è diabetica): telecamera ad alta defini- chiaramente insito nella l Autofluorescenza si ma- zione, switching delle im- possibilità di poter effet- nifesta quando le cellule magini e tool software tuare con maggiore tem- della retina cominciano a appositamente progettati, pestività la diagnosi e...la metodologia pro- morire. La morte cellula- in grado di rilevare e ca- nella migliore efficacia dei posta si fonda sul fat- re può essere osservata ratterizzare l insorgere trattamenti conseguenti. to che l insorgenza di al microscopio, ma non vi del disturbo. I ricercatori una patologia oculare sono dei veri e propri sistemi di imaging che consentano di farlo in modo sistematico. E proprio sulla base di queste considerazioni che è stato progettato un dispositivo diagnostico di hanno inoltre dimostrato che, dall analisi dei dati sulla FA, è possibile descrivere con maggiore accuratezza il differente grado della patologia oculare, rispetto ai test di visione tradizionali. L im- è solitamente accompagnata dall incremento dell autoflourescenza della flavoproteina (FA)... Cerotto transdermico per il controllo dei sintomi del morbo di Parkinson Rotigotine Transdermal Patches for Treatment of Parkinson s Disease Canadian Agency for Drugs and Technologies in Health - Issue 112, February 2008 Il morbo di Parkinson è deglutizione), e per mi- I risultati degli studi effet- vuto l approvazione della un disordine neurodege- gliorare l aderenza del pa- tuati, dimostrano che tale Food and Drug Admini- nerativo, dovuto alla per- ziente alle terapie farma- device risulta essere effi- stration (FDA) nel maggio dita della capacità di pro- cologiche. cace nella riduzione dei del durre la dopamina, un neurotrasmettitore che regola la trasmissione dei segnali nel sistema nervoso centrale. Tale malattia affligge circa canadesi, la maggior parte dei quali (circa l 85%) sono over 65 anni al momento della diagnosi. Il cerotto è formato da tre strati, quello più esterno, costituito da una pellicola di protezione, lo strato centrale costituito da una matrice contenente rotigotina, e lo strato più interno capace di facilitare il passaggio della sostanza attraverso la cute. segni e dei sintomi del morbo di Parkinson idiopatico allo stadio iniziale, e nella riduzione del tempo di avanzamento della patologia. I più comuni effetti indesiderati riscontrati nell utilizzo del dispositivo sono state alcune reazioni cuta- Un nuovo device (cerotto) basato sul rilascio transdermico (attraverso la pelle) di rotigotina è stato sviluppato per limitare alcuni sintomi della malattia di Parkinson (ad esempio la difficoltà di La Rotigotina è un agonista della dopamina non ergolinico D3/D2/D1. Si ritiene che i suoi effetti positivi siano dovuti all attivazione di alcuni recettori nell area cerebrale del caudato-putamen. nee locali, nausea, sonnolenza, vertigini, emicrania, vomito e insonnia. Ad oggi il dispositivo non possiede alcuna licenza di utilizzo in Canada, mentre negli USA è già in commercio, avendo già rice- Pagina 2

3 Quality in health care Identificare e analizzare i problemi nella gestione del paziente: punto di partenza per migliorare Characteristics of Patient Care management Problems identified in Emergency Department morbidity and mortality investigations during 15 years Cosby K.S. et al., Annals of Emergency Medicine, 2008, 51(3), La richiesta di una assistenza sanitaria migliore in termini di qualità e, in particolar modo, di sicurezza ha determinato l introduzione nei sistemi sanitari di nuove regolamentazioni in materia di sicurezza, di sistemi di error/incident reporting nelle organizzazioni sanitarie, di modelli di information technology maggiormente conformi ai setting sanitari e requisiti più rigorosi relativamente all educazione continua in medicina. Il miglioramento presuppone la conoscenza dei problemi di gestione dei pazienti e dei fattori che possono aumentarne il rischio. Il presente studio riporta i risultati di una revisione retrospettiva di 636 casi occorsi in un policlinico universitario americano tra il 1989 e il I casi sono stati segnalati dallo staff medico in base a un routinario sistema di sorveglianza di morbidità e mortalità, raccolti in un database ad hoc, e analizzati con lo scopo di identificare le criticità di gestione del paziente, le loro potenziali cause e i fattori di rischio al fine di trovare soluzioni e raggiungere il miglioramento. Le criticità individuate sono state classificate in classi a seconda della fase di lavoro di insorgenza (diagnosi, trattamento, disposizione, public health); per ogni caso, sono stati indicati i fattori di rischio verificatisi (fattori legati al paziente, triage, fattori clinici, teamwork e fattori di sistema). Ogni problema è stato definito come di pianificazione o di esecuzione o entrambi. I dati confermano che la maggior parte dei problemi sono multifattoriali. I fattori principali rilevati includono il ragionamento medico, i fattori legati al paziente ed il teamwork; inaspettatamente i fattori di sistema non appaiono rilevanti, tuttavia ciò è da ascrivere alla composizione esclusivamente medica del panel dei revisori maggiormente focalizzata sui fattori clinici che non su quelli di sistema, fattori inestricabilmente collegati tra loro. Gli sforzi di miglioramento dovrebbero favorire l'accesso alle informazioni mediche e la comunicazione nella continuità delle cure; coordinamento fra i team; miglioramento di processi, formazione e sostegno al decision making. Gli avanzamenti nella progettazione di sistema che tenga in considerazione questi a- spetti, offrono l opportunità per il miglioramento della sicurezza in sanità. Sicurezza e Qualità nei Policlinici Universitari? Si può fare...i fattori critici di successo Organisational Factors Associated with high Performance in Quality and Safety in Academic Medical Centers M. A. Keroak at all., Academic Medicine, Vol. 82, No. 12, December 2007 Le teorie sulla qualità spesso si sono concentrate esclusivamente su i microsistemi, singole Unità Operative o processi. Questo approccio ha portato nel tempo ad ottenere vantaggi, non sistemici, solo in alcune aree. Benefici limitati dalla mancanza di utilizzo di un linguaggio comune, con il risultato finale di avere aree a diverse velocità, unità ad elevate performance a stretto contatto con microsistemi critici, contribuendo all inefficienza generale del sistema. E emersa pertanto l esigenza di elevare le performance di tutti i servizi, a tal proposito gli autori di questo articolo hanno cercato di individuare i fattori critici di successo distintivi dei Policlinici Universitari Americani, valutati sulla base di un sistema di punteggio legato alla qualità e sicurezza delle cure. Lo studio è stato condotto in due fasi. Nella prima, sono state analizzate le SDO di 79 Policlinici Universitari appartenenti al UHC (University HealthSystem Consortium), rete di 97 Policlinici statunitensi, per determinare sulla base di un certo numero di indicatori validati, i best performer in termini di qualità e sicurezza delle cure. Sono state individuate così sei istituzioni (3 con performance elevate e 3 con performance nella media) che, nella seconda fase, sono state sottoposte a verifiche ed interviste attraverso le quali si è cercato di indivi- duare i fattori legati alla performance dell istituzione. I risultati hanno portato ad individuare gli elementi che contribuiscono al raggiungimento dell eccellenza: mission condivisa (l imperativo patient first prevale sulla mission della ricerca e didattica); committment della direzione sui temi della qualità e sicurezza; responsabilità (accountability) decentralizzata sulle iniziative di miglioramento della qualità delle prestazioni e riduzione del rischio; sistema diffuso di monitoraggio delle prestazioni che consenta di definire obiettivi di performance clinica e organizzativa per le singole Unità Operative; collaborazione tra gli operatori a tutti i livelli ed un sistema di co- municazione efficace. Il quadro che emerge è che le istituzioni con elevate performance hanno messo il paziente al primo posto nella propria scala dei valori. I CEO non hanno ritenuto soddisfacenti gli standard di sicurezza e qualità delle prestazioni innescando continue iniziative di miglioramento delle performance e contribuendo alla costruzione di sistemi di monitoraggio delle attività. Inoltre, nei Policlinici eccellenti, i clinici hanno accettato e raccolto la sfida dell accountability, ossia della presa in carico dei temi della qualità, sicurezza ed eccellenza dei servizi dimostrandosi aperti al confronto e alla misurazione. L innovazione dal basso viene sempre incoraggiata e celebrata. Pagina 3

4 Health care management Uno strumento interattivo per valutare se la nostra organizzazione è capace di apprendere Is yours a Learning Organization? Garvin D.A.., Edmondson A.C.., Gino F., Harvard Business Review, 2008 Una learning organization è unn organizzazione in cui gli impiegati eccellono nel creare, acquisire e trasferire conoscenza. L apprendimento assicura l a s o p r a v v i v e n z a d e l l o r g a n i z z a z i o n e, rendendola capace di a d a t t a r s i a l l i m p r e v e d i b i l i t à generata dall accresciuta c o n c o r r e n z a, all innovazione tecnologica e dal cambiamento delle p r e f e r e n z e d e i c o n s u m a t o r i, p i ù velocemente dei propri concorrenti. Ci sono tre blocchi alla base della cultura dell apprendimento: (1) un ambiente di supporto all apprendimento, (2) processi concreti di apprendimento e (3) comportamenti della leadership che sostengano l apprendimento. Ogni blocco è a sua volta definito da una serie di fattori che possono essere valutati separatamente. L o s t r u m e n t o d i valutazione presentato nell articolo, permette di valutare l ampiezza della capacità di apprendimento di una organizzazione e delle sue diverse unità funzionali. Esso si articola i n t r e s e z i o n i, rappresentanti i blocchi fondanti una learning organization. Per le prime due sezioni l attività richiesta è di valutare, tramite un punteggio, quanto ogni dichiarazione descriva esattamente l'unità organizzativa in cui si lavora. Nell ultima sezione è richiesto di valutare, assegnando sempre un punteggio, quanto spesso il manager (o i managers) cui si risponde assuma i comportamenti descritti. L obiettivo dello strumento non è la critica bensì fornire uno spunto di dialogo basato su dati obiettivi. I risultati dell indagine consentono all organizzazione di guardarsi allo specchio, visualizzando i punti di forza e di debolezza della propria cultura e leadership. La sua forza risiede nel permettere il confronto entro e tra le u n i t à f u n z i o n a l i dell organizzazione, con le altre organizzazioni e con benchmarks stabiliti. In effetti, comprendere come la propria azienda impara rispetto alle altre, r i v e l a s i a l a multidimensi o nal ità d e l l ' a p p r e n d i m e n t o organizzativo che le specifiche aree di miglioramento. Analisi di un metodo di segmentazione intelligente dei medici di medicina generale Intelligent physician segmentation and management based on KDD approach Lin, Expert Systems with Applications 34 (2008) Le questioni relative all aumento della spesa sanitaria si collocano tra i primi posti all ordine del giorno dell agenda politica di molti paesi. Gran parte della spesa sanitaria dipende dai medici e dalle loro azioni. Questo studio si pone, in particolare, l obiettivo di investigare i fattori critici legati alla spesa sanitaria, riguardanti la gestione dei comportamenti dei medici di medicina generale dopo l implementazione del Sistema di Assicurazione Sanitaria nazionale a Taiwan. L Ufficio nazionale di Assicurazione Sanitaria ha lanciato un sistema elettronico per processare le richieste di indennizzo a medici di medicina generale e ha implementato un database sulle informazioni di salute per tutti i residenti di Taiwan. Il database delle richieste di indennizzo verso i medici di medici generale, hanno evidenziato comportamenti inadeguati o insoliti, fraudolenti per quanto riguarda i sistemi di fatturazione che tendono ad incrementare la spesa sanitaria globale. Questo database sui profili dei medici, contiene l elenco dei servizi per i pazienti, le caratteristiche di tali servizi e la somma dei pagamenti. Gli autori hanno utilizzato un sistema di Knowledge Discovery nei Database (KDD) per segmentare i profili dei medici di medicina generale mediante tecniche di raggruppamento, basate sulle caratteristiche dei pagamenti per prestazioni sanitarie sostenute dai cittadini, successivamente e hanno sviluppato informazioni su tali pagamenti per supportare i decision makers nella gestione dei comportamenti dei medici di medicina generale. L aver usato dei dati reali ha permesso, attraverso la segmentazione e la clusterizzazione dei profili dei medici, una maggiore facilità nella identificazione e nell analisi delle frodi che si sono verificate, attraverso il riconoscimento e la misurazione delle caratteristiche dei reclami, con ricadute positive sulla gestione efficace della spesa sanitaria globale in termini di un suo contenimento da parte delle istituzioni assicurative sanitarie. Pagina 4

5 Health policy and public health Lezioni da un trial che ha confuso le idee Critical lessons from the ENHANCE trial Greenland P., Lloyd-Jones D., JAMA, February 27, 2008, vol 299, n 8, L articolo prende lo considerato un indice pratica sono stati ripre- pensati e realizzati per spunto da un fatto re- surrogato del rischio si dati parziali, non re- ragioni di marketing, e centemente accaduto cardiovascolare. Poi- lativi al problema clini- dunque non dovrebbero riguardo la comunicazio- ché i risultati dello co dell infarto, misurati trovare risonanza sui ne dei risultati di un trial studio non evidenzia- comunque con un en- media. clinico, appunto l EN- HANCE. Questo studio, realizzato nel 2006, metteva a confronto un piccolo campione di pazienti trattati con un nuovo farmaco combinato ed un analogo gruppo trattato con la tradizionale simvastatina. Lo studio utilizzava come endpoint clinico la riduzione dello spessore della parete delle arterie carotidi, per la precisione dell intima-media, vano differenze statisticamente significative tra i gruppi, il messaggio erroneamente veicolato dai media, che hanno ripreso i dati dello studio, è stato che il nuovo farmaco non migliorava la salute dei pazienti, ignorando completamente gli effetti sulla riduzione del colesterolo e, quindi, della mortalità per infarto e malattie correlate. In dpoint inadeguato, traendo da questo conclusioni errate e fuorvianti. L articolo commenta tutti questi aspetti e ne trae tre principali lezioni. La prima è che non dovrebbero essere condotti studi che non hanno come obiettivo la produzione di informazioni cliniche utili, perché sottraggono tempo e risorse al resto. Probabilmente questi studi vengono La seconda lezione è che i media dovrebbero essere sicuri della bontà dei dati che vengono riportati, perché l errore veicolato da certa stampa è una minaccia per la salute dei cittadini. In terzo luogo le società scientifiche, orientate al paziente, per mantenere la propria credibilità scientifica devono assolutamente evitare i conflitti di interesse. Valutare i test diagnostici di laboratorio: stato dell arte e opportunità Evaluating Laboratory Diagnostic tests BMJ 2008; 336: Gli sviluppi tecnologici più sa alla valutazione di tali gnostica viene impiegata, condivise che specifichino recenti hanno dato vita nuove tecnologie. In par- specificando la prevalenza che tipo di evidenza deb- ad una nuova generazio- ticolare, Melzer e colleghi, in una particolare popola- ba esser richiesta e da ne di test diagnostici di evidenziano come questa zione e il percorso della chi. In particolare, anche laboratorio. Si è ampliata mancanza di attenzione malattia. Inoltre dovrebbe con riguardo all aspetto la possibilità di avere dia- causi dei problemi soprat- essere utilizzata la meto- etico, i test genetici solle- gnosi più precoci ed accu- tutto per quel che riguar- dologia ACCE, ossia con- vano questioni tali da re- rate e ciò ha fatto in mo- da i test genetici e pro- siderare la validità Analiti- putare necessario una do che il carico di degen- pongono alcune strategie ca e Clinica, l utilità Clini- definizione più robusta ze ospedaliere sia dimi- per colmare questo ritar- ca e le implicazioni Eti- delle evidenze richieste nuito in favore di pro- do. In primo luogo biso- che. Purtroppo una delle per valutare il test in me- grammi che accolgano i gna distinguere quale sia ragioni più importanti per rito. Ma è proprio questa pazienti in strutture di il vero obiettivo del test, cui gli strumenti di valu- particolare esigenza che comunità meno comples- se diagnosticare e facilita- tazione dei test diagnosti- può fornire lo stimolo a se. Purtroppo due recenti re l impostazione di una ci siano ad oggi poveri, è produrre una solida meto- lavori scientifici sottoline- terapia o, piuttosto, pre- che la struttura regolato- dologia di valutazione, ano come i clinici e, più in dire un rischio. In secon- ria in questo campo è applicabile anche agli altri generale, i policy makers, do luogo è necessario ancora debole. Non esi- tipi di test. attribuiscano una impor- specificare il contesto nel stono infatti standard in- tanza relativamente scar- quale la tecnologia dia- ternazionali e linee guida Pagina 5

6 Evidence based medicine Come una inadeguata randomizzazione può modificare i risultati dei RCT Empirical evidence of bias in treatment effect estimates in controlled trials with different interventions and outcomes: meta-epidemiology study British Medical Journal 2008, 336: La qualità degli studi clinici randomizzati e controllati (RCT) è legata alle modalità di conduzione e alle modalità di analisi e presentazione dei risultati. Particolare attenzione viene posta nella randomizzazione sia in termini di allocation concealment (AC, ossia occultamento del gruppo di assegnazione del trattamento) che di blinding (i pazienti non conoscono il gruppo a cui sono stato assegnati e quindi ignorano il tipo di trattamento che riceveranno). Al fine di valutare come l AC e il blinding possano influenzare i risultati è stata condotto uno studio su 146 meta-analisi comprendenti 1346 RCT. Inizialmente è stata valutata la qualità del trial da uno o più revisori ciechi rispetto ai risultati del singolo studio. Per ogni RCT si è individuato il tipo di intervento (farmacologico vs non farmacologico) ed il tipo di outcome (oggettivo vs soggettivo, mortalità generale vs altro outcome). Per ognuno dei due aspetti indagati è stata stimata una regressione logistica ed è stato stimato il ratio of odds ratio per valutare quanto l assenza di AC o di blinding modifichi i risultati. Un AC inadeguato gonfia i risultati dell intervento di ben il 17% (ratio of odds ratio 0.83, 95% CI ), mentre un blinding inadeguato esagera i risultati del 7% (ratio of odds ratio 0.93, 95% CI ). L impatto è maggiore nei casi in cui l outcome è soggettivo con un ratio of odds ratio con AC inadeguato di 0.69 (C.I. 95% ) e di 0.75 (C.I. 95% ) qualora si abbia un inadeguato blinding. Il tipo di trattamen- to, invece, non risulta associato in maniera significativa all AC e al blinding. Da qui emerge la necessità di pianificare attentamente la randomizzazione qualora gli outcome dello studio risentano della soggettività del rilevatore. Inoltre, effettuando le revisioni sistematiche della letteratura è importante valutare il rischio di bias in relazione al singolo outcome di ogni studio considerato, anche seguendo le linee guida elaborate dalla Cochrane Collaboration. Consumo di farmaci: età, sesso e le potenzialità di un sistema informatico di monitoraggio Identifying how age and gender influence prescription drug use in a primary health care environment in Catalonia, Spain British Journal of Clinical Pharmacology 2008, 63(3): Monitorare il consumo dei farmaci, coperti dal SSC, per l età (RR 1.23, 95% Lo studio fornisce anche farmaci è un elemento ed età e sesso dei cittadini , p- un dettaglio del consumo essenziale per la defini- sia in termini di numero di value<0.001) e si ha un e costo della tipologia di zione ed attuazione delle prescrizioni sia di costo aumento significativo del farmaci prescritti per politiche sanitarie locali e dei farmaci stessi. rischio all aumentare dell classe di età. I farmaci nazionali. Un monitorag- L analisi sul numero di età a partire dai 45 anni. maggiormente costosi, gio ideale si ha quando è prescrizioni è stata con- Ad esempio a anni dato il consumo, per il presente un sistema in- dotta tramite una regres- le donne hanno un rischio SSC sono quelli relativi al formatico capace di regi- sione di Poisson, mentre di vedersi prescrivere dei sistema cardiovascolare, strare i medicinali erogati per i costi si è ricorsi ad farmaci ben 7.84 volte nervoso centrale e ga- e di identificare i soggetti una regressione multiva- superiore rispetto ai ma- strointestinale. utilizzatori dei farmaci. riata. schi. Ai fini di un utilizzazione Una realtà in cui tale si- Nel 2002, oltre 4 milioni di Il costo annuo stimato per di tali dati nelle politiche stema informatico è esi- pazienti sono ricorsi ad paziente per farmaci è sanitarie bisogna però stente è il Sistema Sani- almeno un farmaco coper ed aumenta in tener conto anche di altri tario Catalano (SSC). Con to dal SSC, di questi il 55- maniera significativa (di fattori quali ad esempio la riferimento ai dati del % erano donne. Il rischio 6.54 volte) dopo i 65 anni. morbilità locale, l attitudi è stato condotto di prescrizione di farmaci Non emerge però una dif- ne nelle prescrizioni dei uno studio con l obiettivo (RR) è maggiore per le ferenza significativa tra i medici, il numero di spe- di indagare il rapporto tra donne anche aggiustando sessi. cialisti per abitanti. Pagina 6

7 Augenblick (dal tedesco momento, batter d occhio ) è uno sguardo veloce alle tecnologie sanitarie del futuro, che seppure ancora in via di sperimentazione, potrebbero tuttavia in futuro stravolgere le pratiche sanitarie tradizionali. Prendendo spunto da studi che anticipano il potenziale impatto di tali nuove tecnologie, Augenblick offre curiosità, informazioni e spunti di riflessione sui nuovi possibili sviluppi della medicina. La macchina che legge il pensiero non è più fantascienza Identifying natural images from human brain activity Nature Vol 452, 20 March 2008; Recensione marzo 2008 Uno delle sfide più affascinanti lanciate dalle neuroscienze negli ultimi anni e da sempre fonte di grande suggestione e interesse, è quella di riuscire a leggere ed interpretare i contenuti dell attività cerebrale o per meglio dire il pensiero. Già in passato alcuni studi effettuati tramite l utilizzo della Risonanza Magnetica Funzionale (fmri) erano riusciti (attraverso la decodifica dell attività della corteccia visiva) a decifrare l orientazione, la posizione e la tipologia di alcuni oggetti osservati da un individuo. Tali risultati si sono ben presto rivelati limitati in termini di prospettive di sviluppo, in quanto basati sull elaborazione di misurazioni pregresse (non in tempo reale) di potenziali evocati da semplici stimoli nervosi o dalla visione di oggetti standard (per esempio facce, case, etc.). Sulla base di questa nuova metodica è stato sviluppato una nuova strumentazione capace di decodificare ed elaborare gli stimoli cerebrali. Il nuovo dispositivo consentirà di registrare (attraverso uno scanner) l'attività del cervello mentre un individuo osserva centinaia di foto a colori e in bianco e nero. Esaminando l'attività cerebrale, senza sapere quale immagine la persona stia guardando, il computer fa quindi la sua predizione di quello che la persona ha guardato. Lo scanner computerizzato usato per il test può scattare solo tre o quattro immagini al secondo. Scanner più sofisticati e complessi potranno, in futuro, leggere con maggiore accuratezza l'attività cerebrale e confrontarla con un più ampio numero di immagini Su un totale di 120 immagini, la predizione è giusta nove volte su dieci. Su 1000 immagini, è giusta otto volte su dieci. Lo studio solleva la possibilità che in futuro possa essere possibile visualizzare scene dai sogni di una persona o da ricordi che sono stati dimenticati. Ma ciò comporta anche l'ipotesi di interrogatori in cui si vada alla ricerca di "crimini del pensiero", soltanto immaginati e mai compiuti, suscitando apprensione per le violazioni della privacy e dei diritti civili. Per superare queste limitazioni, un gruppo di ricercatori americani ha sviluppato un modello quantitativo basato sulle tecniche di decodifica del campo recettivo, capace di caratterizzare la relazione fra gli stimoli visivi e l attività (visualizzata tramite fmri) dell area visiva cerebrale. Pagina 7

8 La nostra redazione: Dott.ssa Mirella Corio, Dott.ssa Rossella Di Bidino, Ing. Alberto Fiore, Dott.ssa Carmen Furno, Ing. Lorenzo Leogrande, Ing. Paolo Oppedisano, Dott. Marco Oradei, Dott. Matteo Ruggeri Grafica: Ing. Paolo Oppedisano Coordinamento: Dott. Marco Marchetti Prof. Americo Cicchetti Comitato Scientifico: Prof. Cesare Catananti,, UCSC Prof. Gualtiero Ricciardi, Istituto di Igiene, UCSC Prof. Renaldo Battista, Université de Montréal, Montréal, CA Prof. Alicia Granados, Universitat de Barcelona, ES UNITA' DI VALUTAZIONE DELLE TECNOLOGIE DIREZIONE DEL POLICLINICO POLICLINICO UNIVERSITARIO "A. GEMELLI" UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE L.go A. Gemelli, Roma, Italia Tel Fax:

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

CONSULENZA SANITARIA COMPETENTE 24 ORE AL GIORNO E 365 GIORNI ALL ANNO

CONSULENZA SANITARIA COMPETENTE 24 ORE AL GIORNO E 365 GIORNI ALL ANNO D E M A N D M A N A G E M E N T 24 ORE AL GIORNO E 365 GIORNI ALL ANNO CONSULENZA SANITARIA COMPETENTE INNOVATIVO ED ATTRAENTE, ORIENTATO AL CLIENTE, COMPETENTE E D ALTO PROFILO QUALITATIVO. Da marzo 2000

Dettagli

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità

Dettagli

Health Technology Assessment

Health Technology Assessment Health Technology Assessment Strumento strategico per la valutazione delle Tecnologie Sanitarie 1 Tecnologia e Sanita Lo sviluppo di spazi e strutture a supporto dei percorsi assistenziali deve tenere

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della programmazione e dell ordinamento del Servizio sanitario nazionale

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Piano degli studi Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura del Laboratorio HTA della SIFO HTA PER LA VALUTAZIONE DEI FARMACI Codice 313-122539 Verona, c/o Centro Culturale Marani 8 maggio 2015 Con il patrocinio di Sihta

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie: Esperienze a confronto Venezia 23 Febbraio 2009 Giovanna Scroccaro Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie:

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

Master Universitario di II Livello in

Master Universitario di II Livello in Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Anno Accademico 2009-2010 Master Universitario di II Livello 1 Presentazione

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno Prof. Paolo Chiari Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Bologna STUDIO CLINICO STUDIO CLINICO: esperimento rigorosamente controllato

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI Organizzatore: J&B S.R.L. Unipersonale Indirizzo: VIA PIEMONTE 12 Città: 87036 RENDE (CS) Telefono: 0984/837852 Fax: 0984/830987 Referente: Dott. DANIELE PERRELLI - WEB - www.jbprof.com info@jbprof.com

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

Il Promotore di studi no-profit

Il Promotore di studi no-profit Il Promotore di studi no-profit La fattibilità e gli obblighi regolatori Alberto De Marchi Quintiles Spa Bergamo, 4 Giugno 2014 Copyright 2013 Quintiles L ambito di ricerca Settore Pubblico Settore Privato

Dettagli

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO in collaborazione con ALTEMS Alta Scuola di Economia e Management Sanitario INTRODUZIONE ALL HTA. COME FARNE UNO STRUMENTO OPERATIVO: DALL

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana. Lorenzo Leogrande Presidente AIIC

L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana. Lorenzo Leogrande Presidente AIIC L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana Lorenzo Leogrande Presidente AIIC 1 L AIIC ASSOCIAZIONE ITALIANA INGEGNERI CLINICI Fondata nel 1993 MISSION: Promuovere l'ingegnere Clinico e l'ingegneria Clinica

Dettagli

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi G Ital Nefrol 2011; 28 (5): 531-536 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA LE META-ANALISI Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi CNR-IBIM, Unità di Ricerca di

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15 Quality and Health&Safety Management Systems Summary RS è una filiale del gruppo multinazionale Electrocomponents plc. (con sede nel Regno Unito) che opera, principalmente, dal centro di distribuzione

Dettagli

Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria

Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria Christopher N. Sciamanna, Scott P. Novak, Bess H. Marcus. International Journal of

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario.

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. Presentazione Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. L Agenas, nell ambito della attività di gestione del rischio clinico, ha da

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino In corso la procedura di attivazione da parte degli organi accademici di competenza, al termine della quale potrà essere pubblicato il bando nel sito di Ateneo nell ambito dell offerta formativa 2014-2015.

Dettagli

VALUTAZIONE CLINICA LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

VALUTAZIONE CLINICA LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA La pubblicazione della Direttiva 2007/47/CE sui Dispositivi Medici recepita con il D.Lgs. 25 gennaio 2010, n. 37 come revisione della (MDD) 93 /42/CEE, istituisce l obbligatorietà

Dettagli

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it STUDI EPIDEMIOLOGICI Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA Studi sulla distribuzione di malattie nella popolazione in esame Tempo, luogo, persone affette da malattie

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Institute of Communication and Health Università della Svizzera Italiana (Lugano) ehealth: definizioni

Dettagli

Una nuova cultura medica per le

Una nuova cultura medica per le Una nuova cultura medica per le sfide della sanità del 21 secolo Prof. Walter Ricciardi Direttore Istituto di Igiene Università ità Cattolica del Sacro Cuore Roma Coordinatore Comitato Scientifico SIMM

Dettagli

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013 Regolamento dell iter aziendale relativo agli studi osservazionali, alle sperimentazioni cliniche, alle iniziative di ricerca assimilabili, istituzione del Clinical Trial Center (C.T.C.) ed individuazione

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Convegno di studio su Privacy e Telemedicina

Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario App mediche: gadget elettronici o dispositivi medici? Criticità

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA GESIRAD MASTER DI I LIVELLO Scienze tecniche applicate alla gestione dei servizi informativi in diagnostica per immagini dott.ssa

Dettagli

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI 1.1 QUESTIONARIO SULLE CONDIZIONI ORGANIZZATIVE DELL AZIENDA DI APPARTENENZA (fattori di cui tener conto nella riorganizzazione

Dettagli

Il malato complesso: possibili modelli di management

Il malato complesso: possibili modelli di management Il malato complesso: possibili modelli di management Walter Ricciardi, Maria Lucia Specchia Istituto di Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore Agenda La gestione del malato complesso Gli

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

La comunicazione. Ministero della Salute

La comunicazione. Ministero della Salute Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 La comunicazione Laura Reali, Michele Gangemi

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE

NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE L UFFICIO RICERCHE CLINICHE E LE SPERIMENTAZIONE CLINICHE NELL IRCCS OSPEDALE SAN RAFFAELE Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche IRCCS Ospedale

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

TAVOLO DI LAVORO SULLA M-HEALTH

TAVOLO DI LAVORO SULLA M-HEALTH Dott.ssa TAVOLO DI LAVORO SULLA M-HEALTH Primi orientamenti mhealth La pratica della medicina supportata da dispositivi mobili (smartphone, palmari, tablet, personal digital assistants (PDAs) e altri dispositivi

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

Genova 28/11/2012. Avv. Tiziana Rumi

Genova 28/11/2012. Avv. Tiziana Rumi Genova 28/11/2012 Avv. Tiziana Rumi 1 Decreto Balduzzi: D.L. 13/09/12 n. 158 (C.5440 del 13.09.12) ART. 3-bis (Unità di risk management, osservatori per il monitoraggio dei contenziosi e istituzione dell'osservatorio

Dettagli

Valutazione randomizzata della revisione italiana dell uso dei farmaci. fornita nella farmacia di comunità utilizzando l asma come modello (RE I-MUR)

Valutazione randomizzata della revisione italiana dell uso dei farmaci. fornita nella farmacia di comunità utilizzando l asma come modello (RE I-MUR) Valutazione randomizzata della revisione italiana dell uso dei farmaci fornita nella farmacia di comunità utilizzando l asma come modello (RE I-MUR) Numero di registrazione dello studio: ISRCTN72438848

Dettagli

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri CLINICAL RISK MANAGEMENT Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager Azienda Sanitaria Firenze Tutti

Dettagli

La Certificazione epmq

La Certificazione epmq La Certificazione epmq Pier Paolo Maggi AICA pierpaolomaggi@aicanet.it Saper gestire progetti articolati, correlati con altre funzioni, saper tenere sotto controllo il loro andamento rispetto a tempi,

Dettagli

Differenze territoriali nella qualità dell assistenza primaria per le malattie croniche in Italia: tassi di ospedalizzazione e indicatori di processo

Differenze territoriali nella qualità dell assistenza primaria per le malattie croniche in Italia: tassi di ospedalizzazione e indicatori di processo Torino 8 novembre 2011 Sessione Parallela Qualità dell Assistenza Differenze territoriali nella qualità dell assistenza primaria per le malattie croniche in Italia: tassi di ospedalizzazione e indicatori

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

10 anni di Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali: uno sguardo al futuro. Luca Pani. DG@aifa.gov.it

10 anni di Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali: uno sguardo al futuro. Luca Pani. DG@aifa.gov.it 10 anni di Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali: uno sguardo al futuro Luca Pani DG@aifa.gov.it I dati nazionali della sperimentazione clinica nel contesto Europeo 3 In questo

Dettagli

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari Gabriella Serio Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP SONO UNO STANDARD IN BASE AL QUALE GLI STUDI CLINICI SONO

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA Vuillermin Giuliana Berti Pierluigi Ippolito Rita Azienda USL Regione Valle d Aosta Analisi del contesto L Azienda USL della

Dettagli

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare NOTIZIARIO DI MEDICINA NUCLEARE ED IMAGING MOLECOLARE 12 dicembre 2011 Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare Cosa sono le Revisioni Sistematiche e le Meta- Analisi?

Dettagli

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE CON INTERESSE SPECIALE IN AREA CARDIOVASCOLARE Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare Percorso Educazionale Formativo

Dettagli

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum La sorveglianza della mortalità materna in Italia: validazione del progetto pilota e prospettive future 5 Marzo 2015 Istituto Superiore di Sanità La Sorveglianza Ostetrica come occasione di integrazione

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR Le reti per il miglioramento della qualità e dell efficienza dell assistenza Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR il sistema sanitario non è un sistema non è un sistema

Dettagli

Check List per la gestione della salute in azienda

Check List per la gestione della salute in azienda DIPARTIMENTO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Check List per la gestione della salute in azienda Strumento di promozione della salute nei luoghi di lavoro Lamberto Briziarelli,

Dettagli

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA La misurazione delle prestazioni (cd. performance) associate ad un qualsiasi processo o azione manageriale si può realizzare attraverso un sistema di indicatori predefiniti

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

Analisi costo-efficacia (CEA)

Analisi costo-efficacia (CEA) Analisi costo-efficacia (CEA) 37 Analisi costo-efficacia (CEA) ASPETTI FONDAMENTALI È una tecnica di analisi completa che permette di confrontare programmi ed interventi sanitari alternativi, che producono

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari 38 giugno 2015 corso di perfezionamento in HTA ISSN 2038-4238 Mensile - Anno VII - Poste Italiane S.p.A. Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 Comma 1 - DCB Roma contiene

Dettagli

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario FLAVIA CARETTA Dipartimento

Dettagli

Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema La Fondazione Neuromed è un organizzazione relativamente giovane, nata nel

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in DIREZIONE AZIENDALE Anno Accademico 2015/16 STATISTICA PER IL BUSINESS o BUSINESS STATISTICS (2015/16, semestre

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

CONVEGNO ANNUALE ARLL

CONVEGNO ANNUALE ARLL CONVEGNO ANNUALE ARLL LA VALUTAZIONE LOGOPEDICA: ASPETTI CLINICI ED IMPLICAZIONI LEGALI EBM in logopedia. Nuovi strumenti a supporto della valutazione logopedica Roma 15 16 gennaio 2010 Maria Valeria Di

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo Istituto di CAlcolo e Reti ad alte prestazioni

Dettagli

Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance

Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance Il Continuous Auditing come garanzia di successo dell IT Governance Essere consapevoli del proprio livello di sicurezza per agire di conseguenza A cura di Alessandro Da Re CRISC, Partner & CEO a.dare@logicalsecurity.it

Dettagli

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE Giuseppe Clerico, Università del Piemonte orientale, Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche Negli ultimi cinquantanni

Dettagli

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2 Gli studi caso controllo Obiettivi Negli ultimi decenni questo modello di indagine è stato applicato soprattutto per lo studio delle malattie cronicodegenerative (le più frequenti cause di morte in tutti

Dettagli