LA RIPRODUZIONE ASSISTITA: IL CASO DELLA «FIVET» di Giannino Piana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RIPRODUZIONE ASSISTITA: IL CASO DELLA «FIVET» di Giannino Piana"

Transcript

1 LARIPRODUZIONEASSISTITA:ILCASODELLA«FIVET» digianninopiana Lo sviluppo di tecnologie sempre più sofisticate di intervento sui processi riproduttivi suscitagrandiatteseeprofondeinquietudini.lapossibilitàdisuperarestatidiinfertilità,fino aieriinvincibili(echevannoperaltrocrescendoinragionedifattoripatologici,ambientalie soggettivi), apre orizzonti inediti di speranza. D'altra parte, il controllo della generazione alimenta stati di paura e di ansia determinati, oltre che dall'oggettiva delicatezza degli interventi, anche dalla rimessa in questione di valori antropologici e simbolici legati all'atto del«generare». La riflessione morale sugli attuali processi non può prescindere dall'attenzione a questi valori; suo compito è fornire strumenti adeguati per un discernimento che consenta di prendereledistanzedacoinvolgimentipassionaliodapregiudiziideologiciperelaborareun giudiziocorretto. I.Letecnicheadisposizione:motividelricorsoerisultaticonseguiti Èutilepartiredaqualchechiarificazionetecnicacheconsentadidefinire,neilorocontorni reali,iproblemiscaturentidall'usodelletecnicheriproduttive.contrariamenteaquantiusano il termine «fecondazione artificiale» per designare l'insieme dei processi di riproduzione in cui è implicato un intervento esterno, preferiamo parlare di «riproduzione assistita». Il termine«riproduzione»èpiùampiodiquellodi«fecondazione»(ilqualesiriferiscesoltantoa un suo aspetto o momento) e pone meglio l'accento sull'intenzionalità sottesa all'uso delle tecniche; mentre, d'altronde, l'aggettivo «artificiale» (che si oppone a «naturale») ha un'immediatarisonanzanegativainambitoetico. Le tecniche attualmente in uso sono riconducibili a due grandi filoni: «fecondazione in vivo»(ointracorporea),quandol'incontrodeigametielaformazionedellozigotesirealizzano all'interno dell'apparato genitale femminile; «fecondazione in vitro» (o extracorporea), quandolaformazionedell'embrioneavvienealdifuoridell'apparatogenitalefemminile,dove successivamente viene trasferito (embryo transfer) con modalità diverse a seconda della metodicausata(tubaricaouterina).alsistemadifecondazioneintracorporeavannoascritte la AI (inseminazione artificiale), la quale comporta il prelievo del seme umano e la sua collocazionenell'uteroduranteilperiodoovulatorio,inmododarenderepossibilel'incontro tral'ovuloeglispermatozoiquandoperdiverseragioniciònonsiverificainmodonormale,e la GIFT (Gamete Intra Fallopian Transfer), consistente nel prelievo dei gameti, che vengono tenuti separati da bolle d'aria e trasferiti poi nel corpo della donna per dare luogo al concepimento. Al sistema di fecondazione extracorporea appartiene invece la FIVET Fertilisation In Vitro and Embryo Transfer), che implica l'aspirazione dal follicolo ovarico di unoopiùovociti,cheviene(ovengono)coniugato(i)inprovettaconglispermatozoi,dopodi che,afecondazioneavvenuta,l'ovulofecondato(ogliovulifecondati)sonocollocatiinutero. Queste diverse tecniche possono essere praticate in modo omologo quando la fecondazioneèfruttodeigametiprovenientidaiduepartnerdiunacoppia;oppureinmodo eterologo,quandoalmenounodeiduegametiprovienedasoggettoestraneoallacoppia(cioè da un donatore). Non volendo allargare eccessivamente la riflessione su temi ai quali la ricercamoralehadatempooffertoindicazionicircostanziateeconsolidateevolendoinvece considerareconmaggioreattenzioneletecnicheriproduttivepiùrecenti,cherisultanoessere sul piano etico anche le più problematiche, limiteremo il campo di indagine alla sola FIVET. Tale limitazione impone di fornire qualche ulteriore elemento tecnico e di indicare con precisione quali sono le ragioni che spingono a ricorrere alla FIVET e qual è il livello di praticabilitàraggiunto,nonchéiltassodellasuapossibileriuscita. 1

2 Dopo la nascita di Louise Brown la prima bambina concepita in vitro in Inghilterra nel lugliodel1978aoperadir.edwardsedip.steptoe iprogressicompiutiinquestoambito sono stati rapidi e significativi. I diversi passaggi dalla raccolta dell'ovocita alla fertilizzazione in vitro e coltura dell'embrione fino al suo trasferimento nella cavità uterina della donna hanno subìto notevoli perfezionamenti, fornendo efficacia sempre maggiore agli interventiepiùseriegaranzieperlasalutedelnascituro.irischidianomaliedellosviluppo dello zigote non sembrano essere più consistenti di quelli che si hanno nella riproduzione «naturale», pur essendo la sperimentazione troppo breve e numericamente ridotta per consentire un'adeguata comparazione. Analoghe considerazioni è possibile avanzare sul piano psicologico, dove un'attenzione più accurata va riservata alla FIVET eterologa, soprattutto in presenza del fenomeno del cosiddetto «utero in affitto» o della «madre surrogata». L'arco di applicazione di tale metodo si è gradualmente dilatato, passando dalle indicazioni iniziali sterilità di origine tubarica, difficilmente superabile attraverso altre tecniche,qualilachirurgiatubaricainterattiva,iltrapiantotubaricoequelloovarico adaltre situazioni cliniche, quali la sterilità idiopatica, l'endometriosi, la presenza di anticorpi antispermatici nel muco cervicale, fenomeni di sterilità maschile ecc.; e sono parimenti aumentate le percentuali di successo, grazie soprattutto al miglioramento dei sistemi di prelievodell'ovocitaedifacilitazionedell'annidamento.rimangonocomedatiproblematici oltrealdisagiopsicologicodelladonna,nonsempreadeguatamenteinformatasullemodalità diesecuzionedelmetodoesulleconseguenze= lapossibilitàdiformedieterologiasempre piùallargatedaunlato èpossibileinfattilacompresenzaditre«madri»,quella«genetica» chedonal'ovulo,quella«gestazionale cheportaaterminelagravidanzaprestandol'utero,e quella«legale»chehavolutofindall'inizioilfiglio;sepoic'èancheildonodelsememaschile, siaggiungonodue«padri»,quello«genetico»equello«legale»,elaquestionedellaselezione degli embrioni dall'altro, con l'inevitabile scarto di alcuni di essi (i cosiddetti embrioni soprannumerari), che, almeno sul piano biologico, costituiscono l'inizio di una vera vita umana. II.Icriteridelgiudiziomorale L'individuazione di criteri di valutazione etica adeguati esige particolare attenzione ai processisocialieculturalicheconduconoallautilizzazionedellafiveteunapuntualeanalisi delleconseguenzederivantidaglistrumentiesigitiperattuarla.l'intrecciotraiduemomenti èparticolarmenteimportanteperché,aldilàdeilimitipropridellatecnologia,ingiocovièqui soprattuttoilsignificatodaattribuireallafeconditànellavitarelazionale,ilcorrettoesplicarsi della paternità e della maternità, il rapporto tra fecondità e procreatività (riproduttività biologica)e,piùingenerale,tradirittisoggettiviedirittisocialinelquadrodellesceltecheè chiamataafareognipersona. 1.Paradossiattualielegittimitàdelladomanda L'approcciosocioculturalenonpuòprescinderedallarilevazionedialcuniparadossiche rendonoambiguetantolemodalitàsecondocuisiponeladomandadiprocreazioneassistita quantoitentatividirispondervidapartedellaricercaedellasperimentazione. Il primo di questi paradossi è costituito dalla dilatazione del significato della fecondità dilatazione volta a ricomprendere tutte le forme di apertura della coppia agli altri (basti ricordare lo sviluppo di istituti come l'adozione e l'affidamento) e dalla contemporanea tentazione di considerare la procreatività (o riproduttività biologica) come espressione esclusivadifecondità. 2

3 Mentre più che per il passato si concepisce la fecondità come il valore e la procreatività comeuna(nonlasola)modalitàdelsuoesercizio,siaffermainparallelounamentalitàrigida eriduttiva,cheidentificalafeconditàconl'eventobiologico.l'esasperazionedelladomandadi riproduzioneassistitaaffondaspessoquilesueradici.larichiestadiunfiglio«proprio»,che può anche non essere biologicamente tale(come avviene, per esempio, quando si utilizza la FIVET eterologa), nasconde talvolta la persistenza di frustrazioni personali o di un bisogno (spesso inconscio) di rivalsa sociale. È allora legittimo chiedersi se l'uso della tecnica non denuncilapresenzadiunaconcezionetroppo«materiale»dellafeconditàenonfavoriscauna forma di mistificazione; l'ostentazione cioè di una capacità generativa (il più delle volte di fatto insussistente), a scapito di altre possibilità di espressione della fecondità socialmente altrettanto(epersinopiù)produttive. D'altra parte è questo il secondo paradosso la ricerca di dar vita a nuove esistenze attraverso interventi sempre più invasivi si verifica in un contesto nel quale sono presenti esistenzeumanegiàsbocciateimpossibilitatetalvoltaasopravvivereoasvilupparelapropria identitàpersonalenell'ambitodiunafamiglia,cioèmedianteilconfrontoconfigureparentali bendefinite.ildirittodiindividuigiàesistentialperseguimentodiunavitaqualitativamente umana non costituisce un dovere fondamentale da cui tutti siamo interpellati in maniera prioritaria anche ridimensionando altre esigenze? Non è questo, in altre parole, un bisogno sociale di assoluta urgenza e gravità, tale da rendere meno pressanti altri bisogni? E non è alloradoverosochelastessaricercascientifica,lecuirisorsedisponibilisonolimitate,diail primato al tentativo di fornire soluzione a tali questioni piuttosto che impiegare, in termini esasperati,proventieconomiciedenergieumanenellacorsaalmiglioramentodelletecniche di procreazione assistita? Non vi è forse, dietro a tale corsa, il persistere di una logica incentratasuunegoismoindividualistaedetnocentrico?enonpuòessere,indefinitiva,tale comportamento una forma di ennesimo spreco dell'occidente opulento, che mira alla soddisfazionesemprepiùampiadelleproprieesigenzedimenticandoquelle,digranlungapiù basilari,dialtripopoli? Nonsipuòcertonegarelegittimitàaldesideriodellacoppiadiavereunfiglioproprio,ma si deve ricordare che tale desiderio non può trasformarsi in diritto assoluto e senza condizioni. Il principio di giustizia distributiva implica una valutazione dei bisogni e dei desiderinelquadrodiun'analisidellasituazioneglobaledellafamigliaumana.ladomandadi riproduttività deve perciò inscriversi all'interno di una considerazione più vasta del bene comune, rispettando le priorità e commisurando le esigenze personali (o di coppia) alle esigenzedeglialtri,soprattuttoaquelledeipiùpoveri. Il problema si estende anche alle scelte «pubbliche». Basti pensare alla necessità di valutare,nelquadrodellapoliticasanitaria,seequantodestinareaquestitipidiintervento, nonvenendomenoallenecessitàdialtrisettoririguardantilatutelaecuradellasalute. 2.L'articolazionedelgiudiziomorale Inserita nel contesto di questa riflessione, la valutazione dei «costi/benefici» sia economici che umani della FIVET acquista una prospettiva più vera. La condanna di tale praticaèstatainpassatoformulatasullabasediragionidiordine«deontologico».ilgiudizio morale comerisultaconchiarezzadaalcuniinterventidipioxii rinviavaaiparametridel dirittonaturaleche,nelcasodellafivet,eranoconsideratigravementecompromessi,siaper le modalità del processo sia per la sede in cui avviene la fecondazione. Pur riconoscendo a questotipodiargomentazioneilmeritodiaversalvaguardatoalcunivalorifondamentaliper la vita della coppia e della famiglia, quali la connessione tra sessualità e procreazione e la possibilità di delimitare con precisione il concetto di paternità e di maternità a partire dall'essenziale riferimento al dato biologico, si deve riconoscerne il limite. Siamo infatti in 3

4 presenza di un radicale biologismo, incapace di fare emergere le complesse dinamiche relazionalidelprocessoriproduttivoumano. Laricercaeticapiùrecente,incampolaicoecattolico,haabbandonatoquestomodellodi approccio per fare spazio a un modello più duttile, caratterizzato dall'adozione di una prospettiva«teleologica».l'analisideiprocessiinerentilafivetnonèpiùcondottaapartire da una definizione a priori di ciò che è «secondo natura», ma attraverso l'analisi e la valutazionedelrapportotrafineemezzinelcontestodiunprecisoquadrodivalori.èfuori dubbiolapositivitàdelfineperseguitodallafivet.latecnicatendeasoddisfareillegittimo desideriodellacoppiadiavereunfiglioquandociòrisultaimpossibilepervianormale. Il giudizio morale dovrà ovviamente valutare, di volta in volta, le motivazioni soggettive delricorso,dovepossonoannidarsi(magariinconsciamente)elementinegativi;sipensialla difficoltàpsicologicadiaccettarelapropriaimpotenza,allostatodiinferioritàchesiprovanei confronti del partner, al disagio sociale ecc. La consistenza della domanda va pertanto verificata caso per caso. I presupposti necessari sono infatti la stabilità della coppia, la presenza di una vita sessuale regolare e soddisfacente e di una giusta concezione della procreativitàcomedimensionefondamentale,ancorchénonesclusiva,dellafecondità.queste condizioni,chevannorispettatedachiintendesottoporsiatalepratica,nonentranotuttavia direttamente nella definizione della bontà del fine intrinseco all'atto (finis operis), che conserva in ogni caso piena plausibilità. Ma l'eticità del fine non basta; va commisurata all'eticità del mezzo, alla considerazione del peso delle eventuali conseguenze negative da essoderivanti. Gliaspetticheappaionopiùproblematicisonoladispersionediembrioniimpiantatie,più ancora,la«selezionedegliembrioni»,previamenteattuatascegliendotragliovocitiquellida impiantare, o realizzata dopo l'impianto mediante la pratica della «riduzione embrionale», consistente nell'eliminazione selettiva di uno o più embrioni in utero per aumentare la possibilitàdisopravvivenzadeglialtri.mentreilfenomenodella«dispersione»èeticamente meno rilevante non solo in quanto è presente, sia pure in percentuale più ridotta, anche in natura, ma anche perché è possibile un suo ulteriore ridimensionamento mediante accorgimentitecnicipiùefficaci,piùcaricodiincogniteeticheèilprocessodi«selezione»odi «riduzione» degli embrioni, essendo qui in gioco vite umane biologicamente già definite, le quali vengono distrutte o ibernate per un certo numero di anni o infine usate per la sperimentazione. Aquesteriflessioni,ilmagisterocattolicohadirecenteaggiuntoun'altraconsiderazione negativa. Partendo dalla constatazione che la FIVET(e anche l'inseminazione propriamente detta) implica una «dissociazione» tra l'esercizio della sessualità, in quanto espressione di amoredellacoppia,elafeconditàprocreativa,siaffermacheaesserealteratoèilsignificato antropologico dell'atto procreativo. Il figlio verrebbe infatti a essere «fabbricato», costruito cioè mediante l'intervento di terzi e al di fuori del normale esercizio della vita sessuale, anziché essere «generato» come frutto di un processo relazionale, che ha un alto valore simbolico e che conferisce dignità umana alla trasmissione della vita. Questo modo di argomentare, tuttavia, oltre a riportare la valutazione nell'alveo della prospettiva «deontologica», risulta poco convincente, perché fa leva, in modo troppo rigido, sulla continuità biologica tra sessualità e procreazione, dimenticando che la vera continuità deve verificarsisoprattuttoalivelloantropologico,echeperciòladdoveildesideriodiprocreareè molto intenso e la separazione si dà soltanto sul terreno biologico, il ricorso alla tecnica divienestrumentodiveicolazionedellavitaedisviluppodellacomunionetraiconiugi. Più motivate sono invece le riserve circa la fertilizzazione in vitro eterologa, in quanto l'intervento di un «terzo» determina uno squilibrio nel rapporto figlio genitori che si manifesta,inalcunicasi,conunaformadiasimmetriaall'internodellacoppia,chepuòavere 4

5 ripercussionipsicologicheanchegraviconladissociazionetradiversefiguredimadree/odi padre,perciòconricadutenegativeanchesulpianogiuridico. 3.Irischinoncalcolabilieilproblemadellaregolamentazionegiuridica I rischi non calcolabili di tali processi sono senza dubbio consistenti: si pensi soltanto all'impossibilità di valutare a priori o con una sperimentazione quantitativamente ridotta conseguenzediordinebiologicoopsicologico,lacuiverificasidàsoltantoalungascadenza. Preoccupante è poi soprattutto l'insieme degli effetti collaterali. Si pensi in particolare alla questione dell'utilizzazione degli embrioni soprannumerari. Al di là della diversità di posizionicircailmomentodiinsorgenzadellavitapersonale,datocheinognicasol'embrione costituiscel'iniziodiunprocessoapertoaessa,gliinterventinonimmediatamentedestinatia suo beneficio vanno considerati moralmente problematici e la decisione circa la loro praticabilità va assunta considerando, di volta in volta, l'importanza del fine perseguito. La consapevolezza che all'atto del concepimento si innesca un processo irreversibilmente destinato, se non intervengono fattori naturali che lo interrompano, a dare origine alla vita personale,obbligaadagire,qualoranonsianoingiocobenisuperiori,«comese»cisitrovasse inpresenzadell'individuo. La gravità dei problemi segnalati ha determinato la nascita, in questi ultimi anni, di una ricca gamma di interventi legislativi, tendenti non solo a regolamentare, definendone le condizioni,iprocessifinalizzatiallaprocreatività,maanchel'insiemedellequestioniindotte dall'usodelletecnichesullabasedicriteridiconsensodemocraticofondatisualcuni«minimi morali». Grande diversificazione esiste tuttavia negli assetti normativi, anche attorno a punti nodali,conoscillazionitraposizionipiùrigideeposizioniispirateaunamaggioreindulgenza. Così quasi unanime è in Europa il riconoscimento di legittimità della fertilizzazione in vitro eterologa, e tuttavia diverse sono le clausole fissate per la sua concreta praticabilità. La legislazione francese, per esempio, che è tra le più equilibrate, pone come condizioni l'accertamentocheilricorsosiadettatodall'unicoscopodirimediareaunaformadi«sterilità provataepatologica»,l'esclusionedell'utilizzodimadri«inprestito»eildivietoneiconfronti di donne che hanno oltrepassato il limite di età per procreare. Più inclini all'indulgenza (e spesso più imprecise) sono invece le disposizioni riguardanti la tutela dell'embrione: determinante è stata, in proposito, la pubblicazione nel 1985 del cosiddetto Rapporto Warnock,cheperlaprimavoltahafissatoin14giorniillimitemassimoentrocuipermettere lasperimentazionesull'embrioneumano. Lelegislazionideipaesieuropeisisonosviluppatesostanzialmenteentroquestoalveo,sia pure con indicazioni più severe si veda il caso della Germania che consente la sperimentazionesolofinoalla21ao22aoradalconcepimento opiùindeterminate,comenel caso francese dove, pur ribadendo il principio secondo il quale l'essere umano va tutelato «dall'inizio della sua vita», non chiarendo tuttavia quando la vita umana ha effettivamente inizio,silasciaapertalaportaadiverseinterpretazioni. GianninoPiana,Bioetica,Garzanti,Milano2002,pp (sonostatetralasciatelenote) 5

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE CASO S. H. E ALTRI c. AUSTRIA (Ricorso n 57813/00) SENTENZA STRASBURGO 1 aprile 2010 Pendente alla Grande Camera domanda di deferimento

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI INTRODUZIONE Referenze iconografiche: Archivio San Paolo: Carmine 163; Giovannini 124c; Rolandi Fassio 130 Emilio Giannelli: copertina, 3, 9, 31, 32, 79, 113, 159 Alessandro

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Linee Guida per La Consulenza nell Infertilità

Linee Guida per La Consulenza nell Infertilità ORDINE NAZIONALE DEGLI PSICOLOGI ITALIANI Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi Gruppo di Lavoro sulla Psicologia della Procreazione Assistita Manfredi Asero Angelo Gabriele Aiello Giuseppe Pozzi

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

L'EMBRIONE UMANO NELLA FASE DEL PREIMPIANTO

L'EMBRIONE UMANO NELLA FASE DEL PREIMPIANTO Pontificia Accademia per la Vita L'EMBRIONE UMANO NELLA FASE DEL PREIMPIANTO Aspetti scientifici e considerazioni bioetiche 8 giugno 2006 PRESENTAZIONE Nei giorni 27-28 febbraio 2006 la Pontificia Accademia

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI

DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI DIRITTO A CONOSCERE LE ORIGINI Sommario: 1. Premessa.- 2. Promozione dei diritti del minore: statuto costituzionale e legislazione ordinaria a confronto. Principio di responsabilità per il fatto della

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

Bambini ai gay? Margherita Bottino e Daniela Danna. Indice: Introduzione (Daniela Danna) pag. 5

Bambini ai gay? Margherita Bottino e Daniela Danna. Indice: Introduzione (Daniela Danna) pag. 5 Margherita Bottino e Daniela Danna Bambini ai gay? Indice: Introduzione (Daniela Danna) pag. 5 Cap. 1) Madri lesbiche (e qualche padre gay) (Daniela Danna) 8 Maschio e femmina: dalla biologia alla società

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

La protezione dei dati nello standard salari CH (ELM) In breve

La protezione dei dati nello standard salari CH (ELM) In breve La protezione dei dati nello standard salari CH (ELM) In breve Standard salari CH (ELM) Nel trattamento e nella trasmissione di dati salariali conformemente allo standard salari CH (ELM) si presta particolare

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

PERCORSO NASCITA E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ: il progetto Adozione Sociale

PERCORSO NASCITA E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ: il progetto Adozione Sociale Pag. 1 di 5 PERCORSO NASCITA E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ: il progetto Adozione Sociale INDICE: : il progetto Adozione Sociale I gruppi pre-parto La favola della nascita: un viaggio tra fantasia e realtà

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1 Progettazione didattica e individualizzazione Idee e proposte operative di Luca Torti e Gianni Ghisla Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola Media, no. 4, marzo 1989, pag. 26-32 1. Premesse

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

La Banca del seme più grande del mondo

La Banca del seme più grande del mondo La Banca del seme più grande del mondo Un sogno che diventa realtà Tutto iniziò con uno strano sogno riguardante seme congelato. Oggi, la Cryos International - Danimarca è la più grande banca del seme

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli