Il calcolo integrale: intro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il calcolo integrale: intro"

Transcript

1

2 Il clcolo integrle: intro Le ppliczioni del clcolo integrle sono svrite: esistono, inftti, molti cmpi, dll fisic ll ingegneri, dll iologi ll economi, in cui si f lrgo uso degli integrli. Per fornire l ide intuitiv del concetto crdine del clcolo differenzile, ossi l derivt, imo introdotto il prolem dell tngente; llo stesso modo, per presentre l ide di integrle trtteremo il prolem del clcolo dell re. Si immgini di dover clcolre l re dell regione S sottostnte l curv y = f(x) d, rppresentt in figur.

3 Come si evince dll precedente figur S rppresent l regione compres tr il grfico dell funzione f e le rette verticli x = e x = : Nel tenttivo di clcolre l re dell regione S, ci domndimo: qul è il significto dell prol re? L domnd è semplice per regioni con i lti rettilinei; d esempio per un rettngolo l re è semplicemente il prodotto dell se per l ltezz. Per un poligono, l re si trov suddividendolo in tringoli, come in figur, e sommndo l re dei tringoli così ottenuti. Invece, non è fftto semplice trovre l re di regioni delimitte d contorni curvilinei.

4 Illustrimo l ide nell esempio seguente: si y = x 2 l prol rppresentt in Figur; supponimo di voler clcolre l re dell regione sottostnte l curv delimitt dlle rette x = 0 e x = 1, utilizzndo dei rettngoli. Si noti suito che essendo S l regione sottostnte il grfico e delimitt dlle rette x = 0 e x = 1, mmetterà re compres tr 0 e 1; tle risultto si potev nche giungere immginndo di rcchiudere S in un qudrto di lto 1; prtire d tle riflessione, cerchimo un stim migliore. Supponimo di dividere S in quttro strisce S1; S2; S3; ed S4 disegnndo le rette verticli x =1/4 ; x =1/2; e x =3/4 come in Figur

5 Possimo pprossimre ogni strisci con un rettngolo vente l stess se dell strisci e ltezz pri l lto destro dell strisci, così come mostrto in Figur. In ltre prole, le ltezze di questi rettngoli sono i vlori dell funzione f(x) = x 2 nell estremo destro dei sotto intervlli [0; 1/4]; [1/4; 1/2]; [1/2; 3/4] e [3/4; 1]:

6 Ogni rettngolo h se ¼ e le ltezze sono (1/4) 2,(1/2) 2,(3/2) 2 e 1 2. Se indichimo con R 4 l somm delle ree di questi rettngoli pprossimti, ottenimo R 4 =0, M dll figur è chiro che l re A di S è minore di R 4 e dunque A<0, Se, invece di usre questo tipo di pprossimzione, ne usssimo un ltr crtterizzt d rettngoli le cui ltezze sono i vlori di f nell estremo sinistro dei sotto intervlli, come mostrto in figur L somm delle ree di questi rettngoli pprossimnti è L 4 =0,21875; inoltre, essendo l re di S mggiore di L 4 ottenimo un stim per difetto ed un per eccesso di A: 0,21875<A<0, Ripetendo quest procedur con un numero mggiore di strisce, si ottiene un stim sempre migliore di A.

7 Il metodo di esustione L'ide di se del concetto di integrle er not d Archimede di Sircus, vissuto tr il 287 ed il 212.C., ed er contenut nel metodo d lui usto per il clcolo dell're del cerchio o del segmento di prol, detto metodo di esustione. L're del cerchio è determint costruendo un successione di poligoni che ssomiglino sempre di più l cerchio. Ad esempio, un successione di poligoni regolri con numero crescente di lti: in figur, un pentgono, un esgono e un ottgono. A second che si scelgno poligoni iscritti o circoscritti nell circonferenz, l're di quest risulterà essere pprossimt inferiormente o superiormente. Entrme le scelte portno comunque l limite ll're del cerchio.

8 Introduzione storic Nel XVII secolo lcuni mtemtici trovrono ltri metodi per clcolre l're sottes l grfico di semplici funzioni, e tr di essi figurno d esempio Fermt (1636) e Nicolus Merctor(1668). Nel dicissettesimo e diciottesimo secolo Newton, Leiniz, Johnn Bernoulli scoprirono indipendentemente il teorem fondmentle del clcolo integrle, che ricondusse tle prolem ll ricerc dell primitiv di un funzione. L definizione di integrle per le funzioni continue in tutto un intervllo, introdott d Pietro Mengoli ed espress con mggiore rigore d Cuchy, venne post su se divers d Riemnn in modo d evitre il concetto di limite, e d comprendere clssi più estese di funzioni. Nel 1875 Gston Droux mostrò che l definizione di Riemnn può essere enuncit in mnier del tutto simile quell di Cuchy, purché si intend il concetto di limite in modo un po' più generle. Per questo motivo si prl di integrle di Cuchy-Riemnn. Il simolo che rppresent l'integrle nell notzione mtemtic fu introdotto d Leiniz ll fine del XVIII secolo. Il simolo si s sul crttere ſ (esse lung), letter che Leiniz utilizzv come inizile dell prol summ, in ltino somm, poiché questi considerv l'integrle come un somm infinit di ddendi infinitesimli.

9 Primitive e integrzione indefinit Definizione: Si dice che un funzione f : X R è dott di primitiv, se esiste un funzione F definit in X, ivi derivile, tle che: F x = f x, x X Proposizione: Se F è un primitiv di f, llor, c R, F + c è nch ess un primitiv di f Dimostrzione. L dimostrzione di tle sserto è immedit se si tiene presente che un funzione costnte in X h derivt null in ogni punto di X. Proposizione: Se f è definit in un intervllo X, llor due primitive di f differiscono per un costnte. Dimostrzione: Se F e G, inftti, sono due primitive di f, l funzione F - G è derivile in X e risult: F G x = f x f x = 0, x X pertnto F - G è costnte in X e l tesi è dimostrt.

10 Definizione. Si I un intervllo di R ed f un funzione definit nell intervllo I di R; l insieme di tutte le primitive dell f in I si chim integrle indefinito dell f e si denot con f x dx Osservzione. L operzione di integrzione indefinit può considerrsi come invers dell operzione di derivzione. Non isogn, tuttvi, dimenticre che l operzione di integrzione indefinit, qundo è possiile, ssoci d un funzione un clsse di funzioni; mentre l operzione di derivzione d ogni funzione ssoci un sol funzione. Definizione. L integrle indefinito è l opertore inverso dell derivt perché ssoci ll funzione integrnd f(x) l insieme di tutte e sole le funzioni primitive di f(x) stess.

11 Proposizione: L integrle indefinito è un opertore linere Inftti gode delle seguenti due proprietà: Proprietà di linerità: un costnte moltiplictiv si può trsportre dentro o fuori del segno di integrle indefinito k f x dx = k f x dx Proprietà di dditività: l integrle di un somm lgeric di due o più funzioni è ugule ll somm lgeric degli integrli delle singole funzioni Cominndo insieme le due proprietà si h: f 1 x + f 2 (x) dx = f 1 x dx + f 2 x dx k 1 f 1 x + k 2 f 2 (x) dx = k 1 f 1 x dx + k 2 f 2 x dx

12 Nozione di integrle per un funzione rele continu Si consideri l prtizione P di un intervllo chiuso [;] in n sottointervlli [x k-1 ;x k ] di ugule mpiezz, e si consideri un funzione continu f(x) definit su [;]. Per ogni intervllo dell prtizione si possono definire due punti: m k = inf f(x) e M k = sup x x k 1,x k x x k 1,x k f(x) che corrispondono ll'ordint minore m k nell'intervllo e ll'ordint mggiore M k dell'intervllo. Si definisce somm integrle inferiore reltiv ll prtizione P il numero: n s P = m k x k x k 1 k=1 Ammettendo che f ssum vlori positivi nell'intervllo, l somm integrle inferiore è l somm dei rettngoli inscritti ll regione del pino. Anlogmente, si definisce somm integrle superiore reltiv ll prtizione P il numero: n S P = M k x k x k 1 k=1

13 L somm integrle superiore è quindi l somm delle ree dei rettngoli circoscritti ll regione. Si pong: m < f x < M, x [, ] si dimostr che per ogni coppi di prtizioni P e Q di [;] si h: m < s P < S Q < M( ) Per ogni possiile prtizione P di [;] si definiscono: δ = s P, = S(P) Dl lemm precedente si può dedurre che gli insiemi δ e Σ sono seprti cioè: s<s L'ssiom di completezz di R fferm che llor esiste lmeno un numero rele ξ pprtenente R tle che: s ξ S Se vi è un unico elemento di seprzione ξ tr δ e Σ llor si dice che f(x) è integrile in [,] secondo Riemnn. L elemento ξ si indic con: ξ = f x dx e si chim integrle definito di f in [;]. I numeri e sono detti estremi di integrzione ed f è dett funzione integrnd. L vriile di integrzione è un vriile mut, e dx è detto differenzile dell vriile di integrzione.

14 Integrle secondo Riemnn DEFINIZIONE: L'integrle secondo Riemnn di f nell'intervllo chiuso e limitto [;] è definito come il limite per n che tende d infinito dell somm integrle: σ n = f(t n k ) k=1 dett somm integrle di Riemnn. Se tle limite esiste, è finito e non dipende dll scelt dei punti t k, si h: n f x dx = lim σ n = f(t n n s ) s=1 L'esistenz di un unico elemento seprtore tr δ e Σ nell definizione è equivlente richiedere che: s(p) = S(P) = f x dx L funzione limitt f è integrile in [;] se e solo se per ogni ε>0 esiste un prtizione P di [;] per cui si h: S P s(p) < ε Se l funzione integrile f(x) è positiv llor l'integrle ssume il significto di re dell regione, mentre se l funzione f cmi segno su [;] llor l'integrle rppresent un somm di ree con segno diverso n

15 Teorem dell medi Il teorem dell medi integrle è un teorem che mette in relzione le nozioni di integrle e di funzione continu per le funzioni di un vriile rele. Un funzione continu f definit su un intervllo h come immgine ncor un intervllo: il teorem dell medi integrle stilisce che l medi integrle di f è un vlore incluso nell'intervllo immgine. Il concetto di medi integrle è un generlizzzione dell'ide di medi ritmetic. L'ide è quell di clcolre il vlore medio ssunto d un funzione su un intervllo [,] clcolndo l medi ritmetic dei vlori che l funzione ssume su un insieme finito (molto grnde) di punti distriuiti uniformemente nell'intervllo, cioè si suddivide l'intervllo in N sottointervlli [x k, x k+1 ] tutti di lunghezz (-)/N e si clcol l medi: f x 0 + f x f(x N ) N quest può essere scritt nche come 1 N i=0 N f(x i) Dll definizione di integrle di Riemnn segue che considerndo quntità N sempre mggiori di punti, quest espressione convergerà l vlore che viene chimto medi integrle di f. 1 f x dx

16 Teorem Se f: [, ] R è continu e integrile llor esiste un punto z pprtenente d [,] tle che o equivlentemente detto 1 f x dx = f x dx = f(z) f(z) Essendo f continu in [,], per il teorem di Weierstrss ess è dott di mssimo M e di minimo m su [,], quindi si vrà m f(x) M Dll proprietà di monotoni dell'integrle risult mdx f x dx Mdx Nei memri destr e sinistr dell disuguglinz stimo integrndo un funzione costnte, quindi imo Anlogmente mdx = m Mdx = M dx = m( ) d x = M( )

17 Si ottiene quindi m( ) ovvero, se >, sup [,] m 1 f x dx M( ) f x dx M Per il teorem dei vlori intermedi, f deve ssumere in [,] tutti i vlori compresi tr f x = M e inf f x = m [,] Quindi in prticolre esisterà un punto z pprtenente d [,] tle che f z = 1 f x dx

18 Teorem fondmentle del clcolo integrle Il teorem fondmentle del clcolo stilisce un'importnte connessione tr i concetti di integrle e derivt per funzioni vlori reli di vriile rele. L prim prte del teorem è dett primo teorem fondmentle del clcolo, e grntisce l'esistenz dell primitiv per funzioni continue. L second prte del teorem è dett secondo teorem fondmentle del clcolo, e consente di clcolre l'integrle definito di un funzione ttrverso un delle sue primitive. Un prim versione del teorem è dovut Jmes Gregory, mentre Isc Brrow ne fornì un versione più generle. Isc Newton, studente di Brrow, e Gottfried Leiniz completrono successivmente lo sviluppo dell teori mtemtic in cui è mientto il teorem

19 Teorem di Torricelli-Brrow o I teorem fondmentle del clcolo integrle Si f(x) un funzione integrnd, continu in un intervllo chiuso e limitto [,], llor l funzione integrle con x F x = f t dt è derivile in [,] e l derivt dell funzione integrle coincide con l funzione integrnd; si h cioè: F x = f(x) Dimostrzione Ricordimo che un funzione è derivile se esiste ed è finito il limite del rpporto incrementle l tendere 0 dell incremento Δx dell vriile indipendente. Determinimo il rpporto incrementle F x + x F(x) x e osservimo che x+ x F x + x = f t dt

20 Si h llor: F x + x x F(x) = x+ x x f t dt f t dt x Per l proprietà dditiv dell integrle: x+ x F x + x F(x) f t dt f t dt = x x x x+ x x f t dt + f t dt f t dt x = x Per il teorem dell medi esiste un x [x,x+ x] tle che x = x+ x x x f t dt x x x x f ( x) f ( t) dt x f ( x) f ( x) x Clcolimo il limite del rpporto incrementle per x che tende zero e si h, per l ipotesi di continuità, lim f ( x) f ( x) x 0 D cui si può concludere che F x = f(x)

21 Formul di Newton-Leinitz o secondo teorem fondmentle del clcolo integrle Si f:, R un funzione che mmette un primitiv F su [,]. Se f è integrile si h: f x dx = G(x) = G G() Tle relzione è dett formul fondmentle del clcolo integrle. Dimostrzione x Per il primo teorem fondmentle, l funzione F x = f t dt, x, è un primitiv di f: precismente l primitiv null in. D ltro cnto, se ψ x = F x + c. M, essendo F = 0, si ottiene ψ = c e quindi ψ x ψ = F x = f t dt. D qui l sserto ponendo x =. x

22 L nozione di integrle in lcuni concetti di fisic Clcolo dell mss di un corpo rettilineo sottile con densità linere vriile Si consideri un corpo rettilineo C tnto sottile rispetto ll lunghezz che esso poss essere schemtizzto in un intervllo [,] e l distriuzione dell mss di C poss essere suppost linere, ossi dipendente solo dll lunghezz. In tle situzione, l distriuzione dell mss di C è not se in ogni trtto di C, schemtizzile in un intervllo I =,, si conosce l mss. Possimo definite un funzione rele μ nell insieme degli intervlli chiusi e limitti inclusi in [,] che soddisfi le seguenti proprietà: 1. Se I e J sono due intervlli venti in comune un estremo, llor μ I + μ J = μ I J (proprietà di finit dditività dell mss) 2. ε > 0, δ > 0 μ I < ε (proprietà di continuità dell mss) Definizione Il corpo C si dice omogeneo se, per ogni trtto I di C è costnte il rpporto tr l mss di I e l lunghezz del trtto I μ(i) Densità linere m(i)

23 Il rpporto μ(i) m(i) Fornisce l mss di un qulunque trtto del corpo C di lunghezz unitri. Se il corpo C è omogeneo, not l densità linere ρ, l mss di un qulunque suo trtto I è il prodotto tr ρ e l lunghezz di I. In prticolre μ C = ρ Se il corpo C non è omogeneo, l vrire del trtto I di C vri il rpporto μ(i) m(i) Fissto I, tle rpporto, che esprime l densità che il trtto I vree se fosse omogeneo e vesse come mss μ(i), si chim densità medi del trtto I. Spesso conviene riferirsi ll densità di un trtto infinitesimo. Per fr ciò st considerre il limite per m(i) che tende 0, ottenendo così l densità linere di C nel punto x. ρ x = lim m(i) 0 μ(i) m(i)

24 Nei csi migliori, l densità linere di C è definit in tutto [,] ed è ivi un funzione continu. Può nche ccdere che ess non si definit in qulche punto x, : per esempio qundo il corpo present un sldtur in x e le prti sinistr e destr di x present un sldtur in x e le prti sinistr e destr di x sono di mterile diverso. Nell mggior prte dei csi concreti, l densità linere di C è un funzione generlmente definit in [,], limitt ed è continu in tutti i punti in cui è definit. Dl punto di vist mtemtico l distriuzione di mss h l espressione: μ I = ρ x dx Proposizione Se un corpo C h come densità linere l funzione ρ(x), generlmente definit in [,] limitt e continu in tutti i punti in cui ess è definit, necessrimente l distriuzione di mss di C è dt dll espressione μ I = ρ x dx

25 L torre Eiffel Perché l ingegnere Gustve Eiffel diede ll su oper più fmos proprio quell form? Nel 2004, due ricerctori sttunitensi Ptrick Weidmn e Iosif Pinelis, hnno trovto un equzione cui è legt l elegnz e l perfezione dell imponente oper rchitettonic. Il monumento h un se qudrt di 125m di lto d cui si innlzno 4 pilstri che confluiscono in un unic colonn, vi vi più sottile e concv l crescere dell ltezz. Eiffel studiò l sgom sezione per sezione, clcolndo per ciscun il peso che l struttur dovev reggere. Trscurndo l effetto del vento, per ogni sezione questo peso coincide con quello dell porzione di edificio sovrstnte l sezione stess.

26 Se ρ è l densità del ferro e A(h) è l re dell sezione qudrt ll quot generic h, llor il volume infinitesimle di uno strto di ltezz dh è A h dh. Essendo g l ccelerzione di grvità, il peso dell prte compres tr x e l ltezz H dell torre è H ρ g A h d x Considerto il peso mssimo che l struttur sottostnte può reggere, vle l equzione H x ρ g A h d = P A x dove P è l pressione mssim che può essere sopportt. Risolvendo l equzione, si ottiene A(x) che è un funzione esponenzile. A(x) indic come vri l sezione orizzontle l vrire dell ltezz e permette di ricvre il profilo dell struttur, che può essere descritto dll funzione di semilto y dell sezione l vrire dell quot, ossi dll funzione y = 1 2 A(x)

27 Eppure l sgom dell torre Eiffel non è esttmente esponenzile nche se il suo profilo ssomigli un curv esponenzile decrescente. Questo perché Eiffel non trscurò l presenz del vento. L pressione che il vento esercit sull torre è un fttore molto importnte per l equilirio del sistem. Inftti ffinché l struttur si in equilirio è necessrio che l pressione del vento si controilncit dll tensione tr gli elementi dell costruzione. Questo si trduce in un equzione integrle non linere le cui soluzioni forniscono precismente l sgom dell struttur, esponenzile trtti con due differenti esponenti. Uno studio pulicto sull rivist Comptes rendus mecnique h spiegto nche perché l se dell torre è così estes: Eiffel non er proprio sicuro dei suoi clcoli e llor preferì esgerre un po llrgndo l se.

28 Il clcolo delle ree L integrle definito f x dx rppresent geometricmente l re dell regione di pino limitt dl grfico dell funzione y=f(x) e dll sse x nell intervllo [,]. Di due grfici si può vedere che il segno dell re è negtivo se l prte di pino si trov l di sotto dell sse x mentre è positivo se l prte di pino è l di sopr dell sse x.

29 Esempio Ad esempio che voglimo clcolre l re dell regione di pino rffigurt, compres tr l sse x e l curv di equzione f x = x 3 4x 2 + 3x doimo considerre l intervllo [0,3]. Questo intervllo deve essere diviso in due intervlli: nell intervllo [0,1] l prte di pino si trov l di sopr dell sse x e quindi h segno positivo, mentre nell intervllo [1,3] l prte di pino è l di sotto dell sse x quindi ssume segno negtivo. Pertnto doimo risolvere due integrli: 0 1 x 3 4x 2 + 3x dx 1 3 (x 3 4x 2 + 3x)dx

30 Are tr due curve Ci ponimo or il prolem di determinre l re dell regione di pino limitt di grfici di due funzioni y=f(x) e y=g(x) nell intervllo [,] Come si vede di grfici l re si ottiene come differenz tr l re del trpezoide individuto d f nell intervllo [,] e l re del trpezoide individuto d g nell intervllo [,]. Pertnto, l re cerct risult essere espress dll formul f x dx g x dx NB. Si noti che l formul vle se f(x)>g(x) ltrimenti l differenz v invertit.

31 Integrli delle funzioni pri e dispri Si f(x) un funzione dispri, ossi tle che f(-x)=-f(x) e si consideri il suo integrle in un intervllo simmetrico rispetto ll origine f x dx E intuitivo e si potree dimostrre che l integrle risult nullo: inftti ricordndo il significto geometrico di integrle definito, l integrle rppresent l somm lgeric delle due ree (ros e lu). Per l simmetri del grfico di f(x), tli ree risultno equivlenti e quindi hnno, in vlore ssoluto, l stess misur. Poiché un si trov l di sopr e un l di sotto dell sse x, le loro misure vrnno segni opposti e l loro somm lgeric srà perciò zero.

32 Si invece, y=f(x) un funzion pri il cui grfico, rppresentto in figur, è simmetrico rispetto ll sse y. In questo cso le due ree equivlenti vnno sommte. Pertnto: f ( x) dx 2 f ( x) dx 0

33 Solidi di rotzione Dt l funzione y = f(x) continu nell intervllo [,] e non negtiv e il trpezoide esteso ll intervllo [,]. Se fccimo ruotre il trpezoide ttorno ll sse x di un giro completo ottenimo un solido di rotzione.

34 Dividimo l intervllo [,] in n prti uguli, ognun di lunghezz h =. In ogni intervllo considerimo il minimo m i e il mssimo M i di f(x) e disegnimo i rettngoli inscritti e circoscritti l trpezoide di ltezze m i e M i. Nell rotzione complet intorno ll sse delle x, ogni rettngolo descrive un cilindro circolre retto di ltezz h e rggio di se m i o M i. L somm dei volumi degli n cilindri con se il cerchio di rggio m i pprossim per difetto il volume del solido di rotzione inizile e l somm dei volumi degli n cilindri con se il cerchio di rggio M i pprossim per eccesso il volume dello stto solido. Ottenimo così due vlori pprossimnti il volume v n e V n. Qundo n i due vlori sono uguli: lim v n = lim V n = π n n f 2 x dx n

35 Solidi di rotzione Ad esempio, il volume del solido ottenuto dll rotzione complet ttorno ll sse x dell regione di pino delimitt dl grfico dell funzione y = e x con x pprtenente ll intervllo [-1,1]. 1 V = π e x 2 dx = π e 2 e

36 Definizione Dto un solido limitto d due pini perpendicolri ll sse x, che intersecno l sse x stesso nei punti di sciss e. Si inoltre S(x) l re dell sezione del solido ottenut con un pino perpendicolre ll sse x pssnte per (x,0); llor il volume V del solido è dto dll formul.: V = π f 2 x dx

37 Clcolo del volume del solido con il metodo delle sezioni Determinimo il volume del solido che h come se il segmento prolico limitto dll prol di equzione x=y 2-4 e dll sse y, le cui sezioni con pini perpendicolri ll sse x sono semicerchi Si determin dpprim l re dell sezione del solido ottenut con un pino perpendicolre ll sse x e pssnte per il punto di coordinte (x,0). Tle sezione è un semicerchio. Indichimo con AB il suo dimetro. Risolvendo rispetto y si ricv: y = ± x + 4 Quindi le coordinte di A e B sono x, ± x + 4. Il rggio del semicerchio è llor r = 1 2 AB = 1 2 x + 4 = x L re del semicerchio è: S = 1 2 πr2 = π 2 x + 4 Il volume del solido è: 0 π V = x + 4 dx = 4π 2 4

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Il problema delle aree. Metodo di esaustione.

Il problema delle aree. Metodo di esaustione. INTEGRALE DEFINITO. DEFINIZIONE E SIGNIFICATO GEOMETRICO. PROPRIETA DELL INTEGRALE DEFINITO. FUNZIONE INTEGRALE. TEOREMA DELLA MEDIA. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. FORMULA DI LEIBNITZ NEWTON.

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: ppunti di nlisi mtemtic: Integrle efinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle efinito lcolo delle ree di fig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo Integrli ll integrle deinito ll integrle indeinito Indice dell lezione Integrle Deinito Rettngoloide Integrle deinito come re del rettngoloide Esempi e propriet Primitiv Teorem ondmentle del clcolo integrle

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y Differenzile Considerimo l vrizione finit, dell vriile indipendente cui corrisponde un vrizione finit dell funzione f, f y Δf 1 Δ 2 L vrizione dell vriile dipendente puo' essere molto piccol, infinitesim

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree Integrle definito Introduzione: il prolem delle ree Il prolem delle ree è uno dei tre grndi prolemi che ci sono stti trmndti dgli ntichi, che lo definivno come il prolem dell qudrtur del cerchio: trovre,

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x)

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x) Are del Trpezoide y o A f() trpezoide h B f() f() L're del trpezoide S puo' essere pprossimt dll're del trpezio AB. Per vere un migliore pprossimzione possimo suddividere il trpezio in trpezi piu' piccoli.

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

1 Integrale delle funzioni a scala

1 Integrale delle funzioni a scala INTEGRALE DELLE FUNZIONI DI UNA VARIABILE Teori di Riemnn 1 Integrle delle funzioni scl (1.1) Definizione Si dice suddivisione di un intervllo chiuso e limitto [, b] un sottoinsieme {,..., n } di [, b]

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale .. 2011/12 Lure triennle in Informtic Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle Avvertenz Questi sono ppunti informli delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti. Prte del mterile

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1.

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1. TEST DI MATEMATICA Funzioni in un, Funzioni in due vriili Integrli Equzioni differenzili ) Il vlore del limite seguente e e e lim è ) Il vlore del limite seguente 5 lim 5 è : ) L derivt prim dell funzione

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

FUNZIONI IPERBOLICHE

FUNZIONI IPERBOLICHE FUNZIONI IPERBOLICHE Umberto Mrconi Diprtimento di Mtemtic Pur e Applict Pdov Premess Si [, [, fissto. Voglimo cpire cos signific: w dw perché l funzione integrnd è illimitt. Se considerimo, per b [, [,

Dettagli

Integrali curvilinei e integrali doppi

Integrali curvilinei e integrali doppi Integrli curvilinei e integrli doppi Integrli curvilinei di prim specie Prim di inizire l trttzione di questo rgomento dimo l definizione di curv. Per curv nello 3 3 spzio R intendimo un sottoinsieme di

Dettagli

Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 PROBLEMA ) L prbol di equzione V ' (0,0). y h sse di simmetri prllelo ll sse delle ordinte e vertice in L prbol di equzione

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in Cpitolo 5 Le omotetie 5. Richimi di teori Definizione Sino fissti un punto C del pino ed un numero rele. Si chim omoteti di centro C e rpporto ( che si indic con il simolo O, ) l corrispondenz dl pino

Dettagli

7. Derivate Definizione 1

7. Derivate Definizione 1 7. Derivte Il concetto di derivt è importntissimo e molto nturle. Per vere un esempio concreto, penste l moto di un mcchin: se f(t) è l funzione che esprime qunt strd vete percorso fino d un certo istnte

Dettagli

Capitolo 5. Integrali. 5.1 Integrali di funzioni a gradinata

Capitolo 5. Integrali. 5.1 Integrali di funzioni a gradinata Cpitolo 5 Integrli 5.1 Integrli di funzioni grdint Un concetto molto semplice m di fondmentle importnz per l trttzione dell integrle di Riemnn è quello di divisione di un intervllo [, b]. In sostnz si

Dettagli

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata Anlisi Mtemtic 2 1 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 1 INTEGRALI DI FUNZIONI DI UNA VARIABILE REALE 1 Il problem del clcolo dell re di un regione pin limitt Se si consider un

Dettagli

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati Lezioni per il corso di Anlisi 2, AA 07-08. Dott.ss Sndr Lucente Argomento: Integrli generlizzti 1 1 Integrli generlizzti su intervlli ilitti Definizione 1.1. Si f : [,[ R un funzione continu. Se esiste

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Il calcolo letterale

Il calcolo letterale Progetto Mtemtic in Rete Il clcolo letterle Finor imo studito gli insiemi numerici (espressioni numeriche). Ν, Ζ, Q, R ed operto con numeri In mtemtic però è molto importnte sper operre con le lettere

Dettagli

Teorema della Divergenza (di Gauss)

Teorema della Divergenza (di Gauss) eorem dell ivergenz (di Guss) i un dominio tridimensionle regolre, l cui frontier è un superficie chius orientt con cmpo normle unitrionˆ uscente d. e F(,,z) F (,,z) i F (,,z) j F (,,z) k è un cmpo vettorile

Dettagli

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Matematica I, Funzione integrale

Matematica I, Funzione integrale Mtemtic I, 24.0.2. Funzione integrle Definizione Sino f : A R, funzione continu su A intervllo, e c in A. L funzione che ssoci d ogni in A l integrle di f sull intervllo [c, ], viene dett funzione integrle

Dettagli

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi.

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. Clcolo letterle. ) Operzioni con i monomi. ) L moltipliczione. ) L divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. ) I polinomi. ) Clcol le seguenti somme di polinomi. ) Applic l proprietà

Dettagli

INTERVALLI NELL INSIEME R

INTERVALLI NELL INSIEME R INTEVALLI NELL INSIEME Lo studio dell topologi (1) (dl greco "nlysis situs" ossi "studio del luogo") dell'insieme è di fondmentle importnz per gli rgomenti e i prolemi di nlisi infinitesimle. Il "luogo"

Dettagli

Ellisse riferita al centro degli assi

Ellisse riferita al centro degli assi Appunti delle lezioni tenute in clsse: ellisse e iperole Ellisse riferit l centro degli ssi Dti due punti F ed F detti fuochi, l ellisse è il luogo geometrico dei punti P del pino per cui è costnte l somm

Dettagli

U.D. N 15 Funzioni e loro rappresentazione grafica

U.D. N 15 Funzioni e loro rappresentazione grafica 54 Unità Didttic N 5 Funzioni e loro rppresentzione grfic U.D. N 5 Funzioni e loro rppresentzione grfic ) Le coordinte crtesine ) L distnz tr due punti 3) Coordinte del punto medio di un segmento 4) Le

Dettagli

Successioni di funzioni

Successioni di funzioni Successioni di funzioni 3.1 Introduzione Considerimo l successione (x n ) n0,icuiterminisono 1, x,x 2,x 3,..., x n,... Si trtt dell progressione geometric di termine inizile 1 e rgione x, che bbimo già

Dettagli

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1 www.mtefili.it PNI 2005 - SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO È dto un trpezio rettngolo, in cui le bisettrici degli ngoli dicenti l lto obliquo si intersecno in un punto del lto perpendicolre lle bsi. Dimostrre

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito Cpitolo 9 Clcolo integrle 9.1 Primitive ed integrle inde nito De nizione 9.1 Assegnt un funzione f : A! R, si de nisce primitiv di f un qulunque funzione F : A! R derivbile, tle che F 0 (x) = f(x), per

Dettagli

Soluzione. Si consideri la figura sottostante che raffigura la geometria del problema: = =

Soluzione. Si consideri la figura sottostante che raffigura la geometria del problema: = = Sessione suppletiv LS_ORD 00 di De Ros Nicol PROBLEMA Del tringolo ABC si nno le seguenti informzioni: ABcm; ACcm; CAB 60. Si trcci l isettrice di CAB e se ne indici con D lintersezione con il lto BC.

Dettagli

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1 APITOLO 3 LE SIMMETRIE 3. Richimi di teori Definizione. Si dto un punto del pino; si chim simmetri centrle di centro (che si indic con il simbolo s ) l corrispondenz dl pino in sé che d ogni punto P del

Dettagli

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento Questionrio Risolvi quttro degli otto quesiti: L Città dello sport è un struttur sportiv progettt dll rchitetto Sntigo Cltrv e mi complett, situt sud di Rom Rispetto l sistem di riferimento indicto in

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

Analisi e Geometria 1

Analisi e Geometria 1 Anlisi e Geometri Esercizi sugli integrli Integrli propri. Clcolre i seguenti integrli immediti: I = I = I 5 = ln e e d I = e + e + 6e + e d I = rtg ln ( + ln ) d I 6 = e e + d d rtg + ( + ) ( + ( + )

Dettagli

Geometria Analitica Domande, Risposte & Esercizi

Geometria Analitica Domande, Risposte & Esercizi Geometri Anlitic Domnde, Risposte & Esercizi. Dre l definizione di iperole come luogo di punti. L iperole è un luogo di punti, è cioè un insieme di punti del pino le cui distnze d due punti fissi F e F

Dettagli

MATEMATICA Classe Prima

MATEMATICA Classe Prima Liceo Clssico di Treiscce Esercizi per le vcnze estive 0 MATEMATICA Clsse Prim Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Per gli llievi promossi

Dettagli

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo Lure triennle in Scienze dell Ntur.. 2009/200 Regole di Clcolo In queste note esminimo lcune conseguenze degli ssiomi reltivi lle operzioni e ll ordinmento nell insieme R dei numeri reli. L obiettivo principle

Dettagli

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1 L INTEGRALE DEFINITO ( ) d ARGOMENTI. Il Trpezoide re del Trpezoide. L itegrle deiito de. Di Riem. Proprietà dell itegrle deiito teorem dell medi. L uzioe itegrle teorem di Torricelli-Brrow e corollrio

Dettagli

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale.

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale. 1 Integrli dipendenti d un prmetro e derivzione sotto il segno di integrle. Considerimo l funzione f(x, t) : A [, b] R definit nel rettngolo A [, b], essendo A un sottoinsieme perto di R e [, b] un intervllo

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Complementi di Matematica e Calcolo Numerico A.A. 20010-2011 Laboratorio 10 - Integrazione numerica

Complementi di Matematica e Calcolo Numerico A.A. 20010-2011 Laboratorio 10 - Integrazione numerica Complementi di Mtemtic e Clcolo Numerico A.A. 20010-2011 Lbortorio 10 - Integrzione numeric Dtunfunzionef vlorireliperclcolre b fornisce l funzione predefinit qud Sintssi: q=qud(f,,b,tol) input: f funzione

Dettagli

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA ANNAMARIA MONTANARI Indice. Integrle di Riemnn.. Proprietà elementri dell integrle di Riemnn 5.2. Teorem fondmentle del clcolo integrle. Primitive 6.3. Integrle generlizzto

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi SUGLI INSIEMI 1.Insiemi e operzioni su di essi Il concetto di insieme è primitivo ed è sinonimo di clsse, totlità. Si A un insieme di elementi qulunque. Per indicre che è un elemento di A scriveremo A.

Dettagli

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S Sessione ordinri 996 Liceo di ordinmento Soluzione di De Ros Nicol ) In un pino, riferito d un sistem di ssi crtesini ortogonli (O), sono ssegnte le prbole di equzione:, dove è un numero rele positivo.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN TUTELA E BENESSERE ANIMALE Corso di : FISICA MEDICA A.A. 015 /016 Docente: Dott. Chiucchi Riccrdo il:rchiucchi@unite.it Medicin Veterinri: CFU 5 (corso

Dettagli

ipotenusa cateto adiacente ad α cateto opposto ad α ipotenusa cateto adiacente ad α ipotenusa cateto adiacente ad α

ipotenusa cateto adiacente ad α cateto opposto ad α ipotenusa cateto adiacente ad α ipotenusa cateto adiacente ad α Trigonometri I In quest prim prte dell trigonometri denimo le funzioni trigonometriche seno, coseno e tngente e le loro funzioni inverse. Vedremo nche come utilizzrle nell risoluzione dei tringoli. Comincimo

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale Pietro Bldi Successioni e serie di funzioni Testi di riferimento: W. Rudin, Principi di Anlisi Mtemtic, McGrw-Hill Libri Itli; N. Fusco, P. Mrcellini, C. Sbordone, Anlisi Mtemtic Due, Liguori Editore;

Dettagli

II-8 Integrale di Riemann

II-8 Integrale di Riemann II-8 INTEGRALE DI RIEMANN DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN II-8 Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle

Dettagli

Integrali curvilinei (integrali di densità) Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1

Integrali curvilinei (integrali di densità) Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Politecnico di Milno orso di Anlisi e Geometri 1 Federico Lstri federico.lstri@polimi.it Integrli curvilinei di prim specie (integrli di densità) 15 Dicembre 215 Indice 1 Integrli di line di prim specie

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

5. Funzioni elementari trascendenti

5. Funzioni elementari trascendenti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 5. Funzioni elementri trscendenti A. A. 2013-2014 1 FUNZIONI ESPONENZIALI Le più semplici funzioni esponenzili sono le funzioni f: R R definite

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELLA PARABOLA a ( ) { } f con, è la parabola di equazione y = ax + bx + c. Vogliamo disegnarla. 2

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELLA PARABOLA a ( ) { } f con, è la parabola di equazione y = ax + bx + c. Vogliamo disegnarla. 2 APPENDICE 1 AL CAPITOLO 3: RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELLA PARABOLA Per 0 l insieme,y / y = + + c, grfico dell funzione f = + + c { } f con, è l prol di equzione y = + + c Voglimo disegnrl non è difficile

Dettagli

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA Nome.Cognome. 8 Dicembre 008 Clsse G VERIFICA di MATEMATICA A) Risolvi le seguenti disequzioni goniometriche sin ) sin + ) 0 6 tn cos + sin ) 0 (punti:0,5) ) tn + tn > 0 sin 5) sin > cos (punti: ) 6) sin

Dettagli

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti Unità 3 Metodi prticolri per il clcolo di reti 1 Cos c è nell unità Metodi prticolri per il clcolo di reti con un solo genertore Prtitore di tensione Prtitore di corrente Metodi di clcolo di reti con più

Dettagli

9 Simulazione di prova d Esame di Stato

9 Simulazione di prova d Esame di Stato 9 Simulzione di prov d Esme di Stto Problem 1 Risolvi uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si rticol il questionrio Si f l funzione rele di equzione y =( )e.. Studire e trccire il grfico di f.

Dettagli

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari :

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari : Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >, per ogni R se, per tutti e soli gli R se

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI Considerimo un funzione f : I R, dove I è un intervllo di R. Si c un punto interno I in cui f è discontinu. Diremo che c è un punto di discontinuità di prim

Dettagli

Il moto rettilineo uniformemente accelerato è un moto che avviene su una retta con accelerazione costante. a = costante

Il moto rettilineo uniformemente accelerato è un moto che avviene su una retta con accelerazione costante. a = costante Prof.. Di Muro Moto rettilineo uniformemente ccelerto ( m.r.u.. ) Il moto rettilineo uniformemente ccelerto è un moto che iene su un rett con ccelerzione costnte. Dll definizione di ccelerzione t t t t

Dettagli

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in Funzione esponenzile Dto un numero rele >0, l funzione si chim funzione esponenzile di bse e f prte dell fmigli delle funzioni elementri. Il suo ndmento (crescenz o decrescenz) è strettmente legto l vlore

Dettagli

Erasmo Modica. : K K K

Erasmo Modica.  : K K K L insieme dei numeri reli L INSIEME DEI NUMERI REALI Ersmo Modic helthinsurnce@tin.it www.glois.it Per introdurre l insieme dei numeri reli si hnno disposizione diversi modi. Generlmente l iennio si preferisce

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

7.5. BARICENTRI 99. Esempio 7.18 (Baricentro di una lamina ellissoidale omogenea). Consideriamo la lamina ellissoidale omogenea in figura.

7.5. BARICENTRI 99. Esempio 7.18 (Baricentro di una lamina ellissoidale omogenea). Consideriamo la lamina ellissoidale omogenea in figura. 7.5. BAICENTI 99 P J Q Gli ssi HJ e PQ (che isecno i lti opposti del rettngolo) sono ssi di simmetri mterile. il ricentro dell lmin coincide con l intersezione dei due ssi: G, G H Esempio 7.18 (Bricentro

Dettagli

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione.

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione. T. ZOLZZI. Appunti del corso di Introduzione ll Anlisi Funzionle Scuol di Dottorto in Scienze e Tecnologie dell Informzione e dell Comuniczione. NOTA. L utore desider ringrzire le studentesse di dottorto,

Dettagli