Ogni vita è un dono SOMMARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ogni vita è un dono SOMMARIO"

Transcript

1 Poste Italiane SpA - Spedizione in abb.to postale D. L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) Art. 1 comma 1 - DCB Cagliari Ascolta! FM: 95,000-97,500-99, , ,000 Tel Fax www. radiokalaritana.it DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 A N N O X I N.32 S E T T I M A N A L E D I O C E S A N O D I C A G L I A R I 1.00 Ogni vita è un dono MARIA STELLA LEONE Che male c è se questo figlio perde il diritto delle proprie origini e viene generato con uno Purtroppo, anche molti cristiani ci o entrambi i gameti di un estraneo? Si è già deciso che questo bambino non soffrirà, o che cascano. Sul sito di un centro che pratica procreazione medicalmente assistita viene detto in modo suablemi evidenziati negli Stati che da tempo non gli verrà detto nulla. Eppure, uno dei prodente che ogni coppia ha diritto a generare consentono tale tecnica è proprio la necessità un figlio e che, dopo la recente sentenza della Corte Costituzionale che ha bocciato una ottenere le generalità del cosiddetto dona- dei figli, a volte anche per motivi di salute, di norma della Legge 40 del 2004, il centro attuerà le procedure di fecondazione eterologa. vendita di gameti, possibilità di errori nella tore. Oltre a vari pasticci inevitabili: rischio Per fecondazione eterologa s intende una tecnica di procreazione medicalmente assistita donatori in base a standard di bellezza e di selezione sanitaria dei donatori, selezione dei che mira a ottenere embrioni con gameti maschili o femminili forniti da una terza persona, La Chiesa ha una parola di conforto che mol- presunto quoziente intellettivo! per cui nella coppia, se si otterrà un figlio, egli te coppie ignorano: i fidanzati e le coppie di sarà biologicamente figlio solo di uno dei genitori. Donum vitae, pubblicato nel 1987 dalla Con- sposi dovrebbero conoscere il documento Se guardiamo altri siti internet, dove gli utenti possono dialogare, è facile leggere discus- «Ogni essere umano ricorda il testo - va acgregazione per la Dottrina della Fede. sioni di donne che, con gergo da professioniste delle tecniche di procreazione medicalzione di Dio. Tuttavia dal punto di vista morale colto sempre come un dono e una benedimente assistita, parlano con disinvoltura di una procreazione veramente responsabile questi argomenti, sfogano frustrazione e si nei confronti del nascituro deve essere il frutto del matrimonio. La procreazione umana incoraggiano a vicenda a continuare, citando distrattamente e saltuariamente i loro uomini. Non demordono, anche se ognuna di loro in virtù della dignità dei genitori e dei figli: la possiede infatti delle caratteristiche specifiche stila un elenco di embrioni (cioè di figli) già procreazione di una nuova persona, mediante la quale l'uomo e la donna collabora- prodotti e poi morti, o congelati. In fondo, in queste storie di testarda sofferenza, non si è disposti a perdere di vista l obiettivo, il figlio che il frutto e il segno della mutua donazione perno con la potenza del Creatore, dovrà essere si salverà, quello che è la realizzazione del sogno, del presunto diritto (a questo proposito fedeltà». sonale degli sposi, del loro amore e della loro è utile considerare i dati ministeriali reali sulle percentuali di gravidanze ottenute, e con- dimentica con troppa facilità il bene del bam- Nel dibattito sulla fecondazione eterologa si frontarli con il numero di bambini nati). bino. La Donum vitae ci ricorda invece come «il figlio ha diritto ad essere concepito, portato in grembo, messo al mondo ed educato nel matrimonio: è attraverso il riferimento sicuro e riconosciuto ai propri genitori che egli può scoprire la propria identità e maturare la propria formazione umana» (Parte II A.1). Non si tratta di temi che riguardano solo il privato delle coppie di sposi, poiché possiedono una rilevanza sociale. In forza della vocazione si legge sempre nella Donum vitae - e delle responsabilità sociali della persona, il bene dei figli e dei genitori contribuisce al bene della società civile; la vitalità e l'equilibrio della società richiedono che i figli vengano al mondo in seno a una famiglia e che questa sia stabilmente fondata sul matrimonio. La tradizione della Chiesa e la riflessione antropologica riconoscono nel matrimonio e nella sua unità indissolubile il solo luogo degno di una procreazione veramente responsabile» (ibidem). Quando si affronta il discorso sulle coppie che non possono avere dei figli spesso si dimentica il valore dell adozione: «Adottare dei bambini ebbe a dire San Giovanni Paolo II - sentendoli e trattandoli come veri figli, significa riconoscere che il rapporto tra genitori e figli non si misura solo sui parametri genetici. L amore che genera è innanzitutto dono di sé. C è una "generazione" che avviene attraverso l accoglienza, la premura, la dedizione» (Discorso, 5 settembre 2000). Solo il mettere al centro il vero valore della persona umana potrà aiutare a orientare in modo giusto le decisioni a livello giuridico ed etico nel campo della procreazione umana. SOMMARIO ESTERI 2 Il tragico calvario della minoranza cristiana in Iraq GIOVANI 5 L esperienza degli Scout sardi alla Route nazionale Agesci MISSIONE 6 Una delegazione di giovani della Diocesi per un mese in Kenya SOCIETÀ 12 Mons. Toso e Pezzotta parlano dell attualità della dottrina sociale IN MEMORIA 15 Il ricordo di Mons. Giovanni Cadeddu scomparso in agosto

2 2 IL PORTICO IL PORTICO DEGLI EVENTI DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 Iraq. I cristiani sono vittime di violenze sistematiche e feroci da parte dei miliziani sostenitori del califfato islamico. Il calvario dei cristiani in Iraq perciò non hanno differenza tra Oriente e Occidente; già alcuni di loro cominciavano ad annunciare la conversione all Islam in alcune nazioni Occidentali. Il 20 agosto di quest anno in Iraq è avvenuta la decapitazione del giornalista statunitense James Foley, 40 anni, rapito alla fine del 2012 in Siria. Nel frattempo, la posizione degli Stati Uniti e della Gran Bretagna verso l Isis è cambiata, ed entrambe hanno annunciato lo stato di massima allerta nei loro stati avendo paura di subire un attentato nel loro territorio. Il presidente Obama ha ordinato di bombardare le postazioni dei salafiti jihadisti in Iraq, senza mandare soldati sul territorio. Il bombardamento attuato dagli Stati Uniti non è altro che una risposta contro di ciò che i membri dell'isis hanno fatto al giornalista loro connazionale e non certo a difesa dei cristiani e dei loro ultimi territori liberi. Ad agosto, i membri dell Isis e i suoi simpatizzanti in varie nazioni, hanno comin- P. FADI SOTGIU RAHI C.SS.R. Le notizie dei telegiornali, della stampa e di internet a livello internazionale, ultimamente, sono quelle che riguardano le azioni inumane, immorali e non religiose dello Stato Islamico della Grande Siria e dell Iraq (Isis). Da più di tre mesi il massacro, la persecuzione, la deportazione e i rapimenti dei cristiani siriani e iracheni sono le priorità dei sunniti jihadisti estremisti islamici, che stanno dominando alcune zone del Levante, annunciando la nascita di un nuovo califfato islamico. Davanti al torrente di sangue che scorre in Iraq, nel panorama delle città più antiche del cristianesimo ormai svuotate, davanti alle migliaia di profughi che quotidianamente fuggono dalle loro terre, davanti alle foto di bambini e anziani abbandonati, davanti al bombardamento delle chiese e delle moschee più antiche e davanti al numero illimitato di martiri cristiani durante questi ultimi mesi, la maggior parte delle nazioni del mondo è rimasta in silenzio totale guardando ciò che succede in Medio Oriente lasciando soltanto qualche breve commento nei notiziari. La cosa è molto spiacevole. Il nuovo califfato dello stato islamico Abu Bakr al-baghdadi è seguito pubblicamente da più di ventimila musulmani sunniti presenti in Siria ed Iraq, mentre in Libano ancora segretamente. I membri dell'isis aumentano e continuano le loro azioni senza alcuna misericordia, convertendo con la forza tutti all Islam, al grido di Allahu Akbar (Dio è Grande), e considerando i non musulmani Cuffar (miscredenti). Lo scenario di persecuzione dei cristiani, secondo l'isis, non è soltanto il Levante. Essi considerano tutto l Occidente un mondo cristiano; ciato ad apparire pubblicamente in Europa e altrove, manifestando e portando la bandiera nera del nuovo stato autoproclamatosi indipendente. In Olanda (Aia), più di 500 persone hanno manifestato liberamente, senza nessuna reazione dello Stato, che si è limitato a considerare la cosa come libertà di espressione, in appoggio lo stato islamico in Levante. Invece in Germania (Colonia), una settantina di musulmani hanno manifestato con lo stesso scopo, però dopo un conflitto con la polizia sono stati quasi tutti arrestati. Due settimane fa, a Londra, centinaia di musulmani bloccavano il traffico e giravano per le strade della città con la bandiera dell'isis e la foto del Califfo. Queste manifestazioni pubbliche di persone che appoggiano quello stato, e la scoperta di tanti europei in Siria e in Iraq che stanno combattendo lì con i terroristi, sono state l occasione per rendersi conto del pericolo dell'isis per alcuni responsabili civili in Europa. Perciò il primo ministro dell Olanda, ha preso la decisione il 25 agosto di togliere la cittadinanza olandese a tutti quelli che stanno combattendo in Iraq e in Siria e a chi appartiene a questi movimenti terroristi. La stessa decisione è stata presa da parte del presidente dell Argentina. L Isis già sta provando a sviluppare la sua presenza in altre nazioni arabe, provando a entrare in Libano. I soldati libanesi hanno però difeso bene le loro frontiere. In modo particolare hanno superato lo scontro con più di di 6000 terroristi, che hanno provato a entrare dalle montagne siriane per dominare il paese libanese di Erssal nel nord della Bekaa. Quello che sta succedendo in Medio Oriente è peggio di quello che abbiamo visto durante le guerre mondiali. In questo senso Papa Francesco, pensando ai tanti conflitti in atto in varie parti del mondo, ha ragione dicendo che la terza guerra mondiale è già cominciata. La visita di quattro Patriarchi di varie Chiese Cattoliche insieme, ad Arbil nel nord dell Iraq ha confermato l unità della Chiese intorno ai cristiani perseguitati, vedendo in loro Gesù che soffre sul Calvario. La crisi è enorme, le forze sono deboli e le grandi nazioni sono disinteressate ai popoli che soffrono. La stessa Europa sottovaluta spesso il pericolo che proviene dai movimenti islamisti radicali. Il mondo guarda oziosamente. Bisogna assolutamente svegliarsi e andare contro il radicalismo, qualunque esso sia. Non si può solo aspettare un attentato per rendersene conto. Il grido dei cristiani che vivono in oriente è forte: vogliamo vivere con dignità umana! Abbiamo il diritto di rimanere nella nostra terra! Siamo nati in questa terra e moriamo qui! Confessiamo il cristianesimo e l amore a Gesù, e moriamo per Lui!

3 DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 IL PORTICO DEGLI EVENTI IL PORTICO 3 Iraq. I miliziani dell Isis sono autori di terribili violenze contro le minoranze religiose. La religione usata come pretesto per una lunga serie di crimini FEDERICA BANDE CIÒ CHE IN QUESTI mesi è in corso in Medio Oriente è una vera e propria pulizia etnicoreligiosa. I fondamentalisti dello Stato Islamico sono decisi più che mai a non tollerare in alcun modo altre religioni diverse dalla loro, sia che si parli di cristianesimo, yazidismo, turcomanni, shabak o mandee. Ogni ora le agenzie non fanno altro che trasmettere notizie relative a stupri, saccheggi, rapimenti e profanazioni di luoghi sacri. Responsabile di questo orrore è il neonato califfato dello stato islamico e i fondamentalisti jihadisti, che sotto la dittatura del califfo Abu Bakr al Baghdadi stanno portando una vera e propria ondata di violenza e terrore in tutto il territorio medio orientale. Le povere minoranze religiose sono quindi inermi e costrette ad ingoiare e subire questa ondata di folle intolleranza, avendo come uniche alternative il doversi convertire all islam, pagare la jizia (tassa di protezione), o nella peggiore delle ipotesi affrontare una morte cruenta. Questa triste situazione sta sconvolgendo il mondo intero oltre ad aver distrutto un clima di tolleranza che in queste terre durava da secoli, e la vecchia Europa, l America e tutto il resto del pianeta non possono certamente fare da spettatori alla terribile situazione che non accenna a placarsi, ma anzi, minaccia di espandersi. Nell oc- chio del ciclone della furia del califfato ci sono anzitutto le minoranze. Quella degli yazidi è finita nel mirino dei fondamentalisti jihadisti dopo la conquista della città di Sinjar, che ha costretto alla fuga moltissime persone e mosso il presidente degli Stati Uniti d America, Barack Obama, il quale ha prontamente inviato delle truppe speciali con lo scopo di aprire un canale umanitario e prestare soccorso agli assediati. Intanto centinaia di ragazze della medesima minoranza, sarebbero state fatte prigioniere dai miliziani dello stato islamico e rese schiave. Il Santo Padre dinnanzi a questa insostenibile situazione, attraverso il cardinale Francesco Filoni, prefetto per la congregazione per l evangelizzazione dei Mettere subito fine alla tragedia umanitaria Il Messaggio di Papa Francesco a Ban Ki-moon ÈCON IL CUORE carico e angosciato che ho seguito i drammatici eventi di questi ultimi giorni nel nord Iraq, dove i cristiani e le altre minoranze religiose sono stati costretti a fuggire dalle loro case e assistere alla distruzione dei loro luoghi di culto e del patrimonio religioso. Commosso dalla loro situazione, ho chiesto a Sua Eminenza il Cardinale Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione per l'evangelizzazione dei Popoli, che ha servito come Rappresentante dei miei predecessori, Papa San Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI, presso il popolo in Iraq, di manifestare la mia vicinanza spirituale e di esprimere la mia preoccupazione, e quella di tutta la Chiesa cattolica, per la sofferenza intollerabile di coloro che desiderano solo vivere in pace, armonia e libertà nella terra dei loro antenati. Con lo stesso spirito, scrivo a Lei, Signor Segretario Generale, e metto davanti a lei le lacrime, le sofferenze e le grida accorate di disperazione dei Cristiani e di altre minoranze religiose dell amata terra dell'iraq. Nel rinnovare il mio appello urgente alla comunità internazionale ad intervenire per porre fine alla tragedia umanitaria in corso, incoraggio tutti gli organi competenti delle Nazioni Unite, in particolare quelli responsabili per la sicurezza, la pace, il diritto umanitario e l'assistenza ai rifugiati, a continuare i loro sforzi in conformità con il Preambolo e gli Articoli pertinenti della Carta delle Nazioni Unite. Gli attacchi violenti che stanno dilagando lungo il nord dell'iraq non popoli, ha inviato un aiuto economico ai capi Yazidi, incontrati per l occasione presso il tempio Lalish dopo aver fatto visita alla comunità di rifugiati di Amadya, Zakho e Duhok. Tra le diverse minoranze in questione ci sono la minoranza dei mandei, appartenenti all'unica comunità religiosa di origine gnostica tuttora esistente che vive principalmente nell'iraq meridionale e nella provincia iraniana del Khūzestān e che per il califfato non gode di alcun diritto di cittadinanza, la minoranza degli shabak che hanno sofferto in quanto già perseguitati dal regime di Saddam Hussein ed ora messi in fuga dallo Stato Islamico, cosi come i turcomanni ed i cristiani che sono costretti a fuggire dalle loro abitazioni per scampare alle milizie del califfato. Gli uomini di Abu Bakr al Baghdadi dal mese di luglio hanno infatti iniziato a segnare le porte delle abitazioni con delle lettere, in base alla religione e l etnia della minoranza. La violazione dei più basilari diritti umani come il diritto alla vita, vengono continuamente violati senza scrupolo alcuno e senza alcuna distinzione tra donne, bambini ed anziani. Ciò che di più grave accade è il vestire una guerra con il nome della religione, smuovendo dal torpore uomini che nella vita hanno conosciuto solo povertà miseria ed ignoranza, e che nel califfato probabilmente vedono il solo modo per dare senso ad una esistenza altrimenti vuota. Ciò che il califfato e Abu Bakr al Baghdadi sta facendo, è fare leva sull ignoranza e la disperazione delle persone, strumentalizzando la religione ma ancora peggio, togliendo la vita a migliaia di innocenti. La storia ci insegna che sin dai tempi di Cesare, Carlo Magno e Costantino la tolleranza religiosa si presentava come un traguardo necessario da raggiungere, e l orrore che il califfato oggi mostra al mondo, ci riporta indietro di millenni di storia e cultura. Non possiamo quindi che affidarci al giudizio e alle manovre degli organi internazionali, decisi a non essere inermi spettatori di un massacro, ma anzi, essere capaci ad un intervento risanatore come medici alle prese con un oscuro male possono non risvegliare le coscienze di tutti gli uomini e le donne di buona volontà ad azioni concrete di solidarietà, per proteggere quanti sono colpiti o minacciati dalla violenza e per assicurare l'assistenza necessaria e urgente alle tante persone sfollate, come anche il loro ritorno sicuro alle loro città e alle loro case. Le tragiche esperienze del ventesimo secolo, e la più elementare comprensione della dignità umana, costringe la comunità internazionale, in particolare attraverso le norme ed i meccanismi del diritto internazionale, a fare tutto ciò che le è possibile per fermare e prevenire ulteriori violenze sistematiche contro le minoranze etniche e religiose. Fiducioso che il mio appello, che unisco a quelli dei Patriarchi Orientali e degli altri leader religiosi, incontrerà una risposta positiva, colgo l'occasione per rinnovare a Vostra Eccellenza i sensi della mia più alta considerazione. 9 agosto 2014 il fatto VICENDA ALCOA Troppe fughe dalle responsabilità È bastato l annuncio ufficiale della multinazionale americana Alcoa sulla chiusura dello stabilimento di Portovesme, per vedere le caselle di posta elettronica dei media regionali, stampa, radio tv, siti web invase da un quantitativo spropositato di comunicati e dichiarazioni rilasciati dagli esponenti regionali di ogni colore politico. Una strana coincidenza. Al momento della conferma di un fatto oramai assodato, quella della dismissione dell impianto sulcitano, qualcuno ha pensato bene di dire la sua, come per mettere le mani avanti. Alcoa così come altre realtà produttive industriali della Sardegna hanno chiuso, chiudono e purtroppo chiuderanno, perché la politica negli ultimi cinque lustri ha lavorato per incassare subito in termini di voti l impegno pubblico e non invece per programmare a medio lungo termine. Un amico economista mi ha spiegato che il deserto industriale, sotto gli occhi di tutti, è dovuto ad una mancata programmazione che da decenni penalizza l Isola, viste le carenze dal punto di vista infrastrutturale. Mi ha spiegato anche che le banane non si fanno al Polo Nord così come i ghiaccioli non si fanno ai Tropici e quindi le industrie energivore, come Alcoa e altre, vanno impiantate in zone dove i costi dell elettricità sono bassi. O meglio ancora, per lasciare quegli impianti sull Isola, bisognerebbe avere energia a costi inferiori di quelli attuali. Una scelta del genere viene fatta se si ha la consapevolezza che prima del proprio tornaconto politico immediato viene un valore oramai smarrito: il bene comune. Chi ha la responsabilità di guidare una regione o una nazione deve programmare non per incassare subito la fiducia ma per realizzare progetti, che anche a lunga scadenza, vanno a vantaggio dei cittadini. Così non è stato, anche in questi anni di crisi. Dal 2009 la vertenza Alcoa è sulle pagine dei giornali senza che qualcuno sia intervenuto sul porto di Portovesme che è ancora carente nel pescaggio, quindi niente navi di grossa stazza, o sulle rotaie perché le più vicine sono a Carbonia, una ventina di chilometri dagli stabilimenti, mentre l energia elettrica continua ad essere prodotta e fornita alle aziende a costi che le mettono fuori mercato. La soluzione di questi e altri problemi di infrastrutturazione è e resta nelle mani di chi governa la cosa pubblica. La misura della difficoltà con la quale sono stati vissuti questi anni di de-industrializzazione la da il giro di poltrone all assessorato regionale dell Industria: un incarico che difficilmente è rimasto in mano alla stessa persona per più di 18 mesi a consiliatura. Nell intervista fatta a Savino Pezzotta in questo numero de Il Portico si legge di una mancanza della Sardegna tra le preoccupazioni nazionali. Sarebbe interessante chiederne il motivo a chi in questi anni l ha rappresentata. (r.c.)

4 4 IL PORTICO IL PORTICO DEL TEMPIO DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 Il Papa. L esortazione a non conformarsi alla mentalità corrente lontana dal Vangelo. Chiamati a essere sale della terra non dei cristiani annacquati ROBERTO PIREDDA ALL ANGELUS IL Santo Padre ha sottolineato in primo luogo il passaggio del Vangelo domenicale nel quale il Signore rimprovera Pietro perché non accetta la via della passione e della croce, dicendogli che non pensa secondo Dio ma secondo gli uomini (cfr. Mt 16,23). Il rischio sempre attuale del pensare secondo gli uomini viene richiamato da Papa Francesco anche in riferimento alla seconda lettura della liturgia domenicale dove San Paolo esorta i cristiani di Roma a non farsi trascinare dalle idee del momento: «Non conformatevi a questo mondo - non entrare negli schemi di questo mondo - ma lasciatevi trasformare rinnovando il vostro modo di pensare, per poter discernere la volontà di Dio» (Rm 12,2). «Noi cristiani spiega il Papa - viviamo nel mondo, pienamente inseriti nella realtà sociale e culturale del nostro tempo, ed è giusto così; ma questo comporta il rischio che diventiamo "mondani", il rischio che "il sale perda il sapore", come direbbe Gesù (cfr Mt 5,13), cioè che il cristiano si "annacqui", perda la carica di novità che gli viene dal Signore e dallo Spirito Santo. Invece dovrebbe essere il contrario: quando nei cristiani rimane viva la forza del Vangelo, essa può trasformare i criteri di giudizio, i va- L UDIENZA GENERALE lori determinanti, i punti di interesse, le linee di pensiero, le fonti ispiratrici e i modelli di vita (Paolo VI, Esort. ap. Evangelii nuntiandi, 19)». Ogni cristiano deve rimanere vigilante per non cadere nel rischio di una fede evanescente e senza effetto sulla vita di ogni giorno: «È triste trovare cristiani "annacquati", che sembrano il vino allungato, e non si sa se sono cristiani o mondani, come il vino allungato non si sa se è vino o acqua! E triste, questo. E triste trovare cristiani che non sono più il sale della terra, e sappiamo che quando il sale perde il suo sapore, non serve più a niente. Il loro sale ha perso il sapore perché si sono consegnati allo spirito del mondo, cioè sono diventati mondani». Unità e santità della Chiesa I l primo conforto ci viene dal fatto che Gesù ha pregato tanto per l unità dei discepoli. È la preghiera dell Ultima Cena, Gesù ha chiesto tanto: «Padre, che siano una cosa sola». Ha pregato per l unità, e lo ha fatto proprio nell imminenza della Passione, quando stava per offrire tutta la sua vita per noi. È quello che siamo invitati continuamente a rileggere e meditare, in una delle pagine più intense e commoventi del Vangelo di Giovanni, il capitolo diciassette (cfr vv ). Com è bello sapere che il Signore, appena prima di morire, non si è preoccupato di sé stesso, ma ha pensato a noi! E nel suo dialogo accorato col Padre, ha pregato proprio perché possiamo essere una cosa sola con Lui e tra di noi. Ecco: con queste parole, Gesù si è fatto nostro intercessore presso il Padre, perché possiamo entrare anche noi nella piena comunione d amore con Lui; allo stesso tempo, le affida a noi come suo testamento spirituale, perché l unità possa diventare sempre di più Per vincere il pericolo di essere dei cristiani annacquati bisogna attingere la linfa dal Vangelo. In questa prospettiva Papa Francesco ha ricordato i mezzi dell ascolto della Parola, dell Eucaristia e della preghiera personale: «Come si può fare questo in pratica? Anzitutto proprio leggendo e meditando il Vangelo ogni giorno, così che la parola di Gesù sia sempre presente nella nostra vita. Ricordatevi: vi aiuterà portare sempre il Vangelo con voi: un piccolo Vangelo, in tasca, nella borsa, e leggerne durante il giorno un passo. Ma sempre con il Vangelo, perché è portare la Parola di Gesù, e poterla leggere. Inoltre partecipando alla Messa domenicale, dove incontriamo il Signore nella comunità, ascoltiamo la sua Parola e riceviamo l Eucaristia che ci la nota distintiva delle nostre comunità cristiane e la risposta più bella a chiunque ci domandi ragione della speranza che è in noi, (cfr 1 Pt 3,15). 2. «Tutti siano una sola cosa; come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch essi in noi, perché il mondo creda che tu mi hai mandato» (Gv 17,21). La Chiesa ha cercato fin dall inizio di realizzare questo proposito che sta tanto a cuore a Gesù. Gli Atti degli Apostoli ci ricordano che i primi cristiani si distinguevano per il fatto di avere «un cuore solo e un anima sola» (At 4,32); l apostolo Paolo, poi, esortava le sue comunità a non dimenticare che sono «un solo corpo» (1 Cor 12,13). L esperienza, però, ci dice che sono tanti i peccati contro l unità. E non pensiamo solo agli scismi, pensiamo a mancanze molto comuni nelle nostre comunità, a peccati "parrocchiali", a quei peccati nelle parrocchie. A volte, infatti, le nostre parrocchie, chiamate ad essere luoghi di condivisione e di comunione, sono tristemente segnate da invidie, gelosie, antipatie E le chiacchiere sono alla portata di tutti. Quanto si chiacchiera nelle parrocchie! Questo non è buono. Ad esempio quando uno viene eletto presidente di quella associazione, si chiacchiera contro di lui. E se quell altra viene eletta presidente della catechesi, le altre chiacchierano contro di lei. Ma, questa non è la Chiesa. Questo non si deve fare, non dobbiamo farlo! Bisogna chiedere al Signore la grazia di non farlo. Questo è umano, sì, ma non è cristiano! Questo succede quando puntiamo ai primi posti; quando mettiamo al centro noi stessi, con le nostre ambizioni personali e i nostri modi di vedere le cose, e giudichiamo gli altri; quando guardiamo ai difetti dei fratelli, invece che alle loro doti; quando diamo più peso a quello che ci divide, invece che a quello che ci accomuna Una volta, nell altra Diocesi che avevo prima, ho sentito un commento interessante e bello. Si parlava di un anziana che per tutta la vita aveva lavorato in parrocchia, e una persona che la conosceva bene, ha detto: «Questa donna non ha mai sparlato, mai ha chiacchierato, sempre era un sorriso». unisce a Lui e tra noi; e poi sono molto importanti per il rinnovamento spirituale le giornate di ritiro e di esercizi spirituali. Vangelo, Eucaristia e preghiera. Non dimenticare: Vangelo, Eucaristia, preghiera. Grazie a questi doni del Signore possiamo conformarci non al mondo, ma a Cristo, e seguirlo sulla sua via, la via del "perdere la propria vita" per ritrovarla». Al termine dell Angelus il Santo Padre ha ricordato la celebrazione, il 1 di settembre, della Giornata per la Custodia del Creato promossa dalla Conferenza Episcopale Italiana. In settimana, all Udienza Generale, il Papa ha proseguito il ciclo di catechesi dedicato alla Chiesa soffermandosi sul suo essere una e santa : «Ogni volta che rinnoviamo la nostra professione di fede recitando il "Credo", noi affermiamo che la Chiesa è «una» e «santa». È una, perché ha la sua origine in Dio Trinità, mistero di unità e di comunione piena. La Chiesa poi è santa, in quanto è fondata su Gesù Cristo, animata dal suo Santo Spirito, ricolmata del suo amore e della sua salvezza. Allo stesso tempo, però, è santa e composta di peccatori, tutti noi, peccatori, che facciamo esperienza ogni giorno delle nostre fragilità e delle nostre miserie. Allora, questa fede che professiamo ci spinge alla conversione, ad avere il coraggio di vivere quotidianamente l unità e la santità». Una donna così può essere canonizzata domani! Questo è un bell esempio [ ] 3. Di fronte a tutto questo, dobbiamo fare seriamente un esame di coscienza. In una comunità cristiana, la divisione è uno dei peccati più gravi, perché la rende segno non dell opera di Dio, ma dell opera del diavolo, il quale è per definizione colui che separa, che rovina i rapporti, che insinua pregiudizi La divisione in una comunità cristiana, sia essa una scuola, una parrocchia, o un associazione, è un peccato gravissimo, perché è opera del Diavolo. Dio, invece, vuole che cresciamo nella capacità di accoglierci, di perdonarci e di volerci bene, per assomigliare sempre di più a Lui che è comunione e amore. In questo sta la santità della Chiesa: nel riconoscersi ad immagine di Dio, ricolmata della sua misericordia e della sua grazia. pietre SIERRA LEONE Missionari al lavoro nonostante l ebola Nei giorni scorsi è morta la religiosa suor Pascaline Chantal. Sorella Chantal dell Immacolata Concezione, di nazionalità congolese, contagiata del virus ebola si trovava all'ospedale San Giuseppe di Monrovia (capitale della Liberia), dove lavorava come infermiera. Sono sempre di grande preoccupazione lo stato di salute di un'altra religiosa, Sour Paciencia Melgar (dalla Guinea). Secondo una nota, una ONG spagnola che lavora affianco l'ordine Ospedaliero, sta preparando un team di professionisti della salute da inviare al più presto possibile. IRAQ Tutelare il diritto delle minoranze Condanna delle violenze e della massiccia migrazione dei cristiani iracheni; appello alla comunità internazionale per garantire sicurezza a tutte le minoranze religiose in Iraq: è quanto chiedono leader cristiani pakistani riunitisi a Lahore nei giorni scorsi in un incontro interconfessionale dedicato, in modo speciale, alla drammatica situazione d e l l I r a q.. Tutti i leader cristiani di diverse confessioni presenti hanno concordato nel ricordare che i cristiani sono in Iraq fina sono dal primo secolo dopo Cristo e che lì gli apostoli Tommaso e Taddeo hanno predicato la fede in Cristo: dunque essi hanno il diritto di abitare quella terra quanto tutti gli altri, musulmani o di altre religioni. IN INDIA Continue violenze sui cristiani Proseguono gli episodi di violenza, più o meno gravi, perpetrati da estremisti indù a danno dei cristiani. Alcuni estremisti hanno ostacolato e boicottato una donna indiana vedova che vuole seguire Cristo: per questo l hanno percossa, impedendole di attingere l acqua da un pozzo pubblico, solo a causa della sua fede. Gruppi estremisti indù del gruppo etnico yadav hanno più volte minacciato i cristiani della stessa etnia, intimando loro di convertirsi all'induismo e accusando ingiustamente un Pastore cristiano di conversioni forzate. Le comunità cristiane in Uttar Pradesh, infine, continuano a subire abusi e violenze da estremisti indù: nelle scorse settimane i militanti hanno fatto irruzione in una riunione di culto cristiano nei pressi di Agra, insultando e percuotendo i presenti.

5 DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 IL PORTICO DEI GIOVANI IL PORTICO 5 Scout. Dal 1 al 10 agosto si è svolta la Route nazionale dell Agesci. A San Rossore l incontro conclusivo. Papa Francesco all Agesci: Il coraggio è una virtù, un atteggiamento dei giovani Il messaggio di oltre trentamila scout venuti da tutta Italia è sintetizzato nel testo della Carta del Coraggio FRANCESCO PILUDU STRADE DI CORAGGIO! È stato questo il tema della Route nazionale AGE- SCI (l Associazione nazionale delle guide e degli scout cattolici italiani) che si è conclusa il 10 agosto e alla quale hanno partecipato trentamila ragazzi tra i 16 e i 21 anni. Iniziata l 1 agosto ha visto i ragazzi percorrere chilometri di strada in Clan di formazione (gemellaggi di ragazze e ragazzi provenienti da tutta Italia e dall'estero) attraverso 456 percorsi e sentieri, camminando a piedi, zaino in spalla, per poi ritrovarsi a San Rossore, un Parco naturale nel Comune di Pisa. Coraggio, un argomento divenuto caldo nella cultura e nel linguaggio sociale, politico e religioso di questi ultimi mesi, elemento che caratterizza il metodo scout da oltre cento anni. Lo scoutismo, infatti, fonda tutta la sua coraggiosa attività educativa sul protagonismo e l impegno dei giovani nella loro crescita e nella crescita e sviluppo della società. Durante la Route, sia nella parte mobile che nel campo fisso ma anche nei mesi precedenti, si è lavorato alla redazione della Carta del Coraggio, l impegno dei Rover e delle Scolte a servizio del futuro del nostro Paese per lasciarlo migliore di come lo hanno trovato. Il dialogo, alla pari, tra i ragazzi e rappresentanti della società civile e politica, testimoni attuali di scelte e azioni significative ha portato, tramite tavole rotonde e laboratori, all elaborazione di un documento, la Carta del Coraggio, analizzato e sviscerato nei suoi vari e diversi significati: coraggio di amare, di farsi ultimi, di essere chiesa, di liberare il futuro, di essere cittadini, Carta che ha posto l accento su ambiti di impegno quali il territorio, l ambiente, la legalità, la cittadinanza. Ora i ragazzi dell AGESCI dovranno passare dall ascolto dei giorni di San Rossore al dialogo con Istituzioni e Chiesa, che, con la loro presenza, hanno accettato la sfida: momento culminante e ricco di significati la consegna della Carta al Presidente del Consiglio Matteo Renzi e al Presidente della C.E.I. Card. Angelo Bagnasco. Anche la Zona di Cagliari ha dato il suo contributo con la parteci- pazione di centinaia di ragazzi a tutte le fasi della Route, come spiega il Responsabile zonale Raffaele Masili: la Route Nazionale e la creazione della Carta del Coraggio sono stati dei momenti importanti per la nostra Associazione. L AGESCI è riuscita a dar voce a più di ragazzi, lasciando che fossero loro gli unici protagonisti del grande evento. Ora abbiamo una grossa responsabilità: continuare ad accompagnare questi giovani, che sono il nostro presente come ha affermato il Presidente del Consiglio dei Ministri durante la Cerimonia di chiusura, verso la loro affermazione e far si che i loro sogni e i loro progetti si realizzino contribuendo al Bene Comune e all edificazione di Buoni Cittadini e Buoni Cristiani.. Nella celebrazione conclusiva è intervenuto, telefonicamente, anche Papa Francesco che ha esortato i ragazzi a non farsi rubare la speranza: Il coraggio è una virtù, un atteggiamento dei giovani. Il mondo ha bisogno di giovani coraggiosi, non timorosi; di giovani che si muovono sulla strada, che non siano fermi; con i giovani fermi non andiamo avanti. Giovani che abbiano sempre un orizzonte dove andare e non giovani che vanno in pensione: è triste guardare un giovane in pensione. I giovani devono andare avanti su queste strade di coraggio : avanti.. Tante e specifiche richieste a istituzioni e associazioni ma, soprattutto, resta l imperativo e la volontà di impegnarsi diritti al futuro. Ora inizia il cammino il vero cambiamento è vivere con coraggio Le voci di alcuni dei giovani scout sardi che hanno partecipato alla Route nazionale F. P. ECCO, DA CHI ha vissuto in prima persona, rover e scolte della Zona di Cagliari, il racconto della Route nazionale, tenutasi dall'1 al 10 agosto a San Rossore. È giunta l ora, è giunto il momento - di essere protagonisti del nostro tempo - la strada è la stessa anche se siamo lontani - servire è la sfida, il futuro è domani: affrontiamo con coraggio ogni salita - diritti al futuro, sulle strade della nostra vita. : questa è, secondo Stefano, la migliore eredità che la Route nazionale lascia ai ragazzi che vi hanno partecipato, traendo il suo pensiero dalla canzone ufficiale del campo. Nicola ci dice che partendo per la route non sapevo a cosa sarei andato incontro, ma, arrivato là, tutto sembrava andare da solo come una cosa già vissuta, una cosa che era fatta per me. Questo invece il pensiero di Benedetta: è stato proprio durante i laboratori che mi sono resa conto che niente era finito, anzi che tutto doveva ancora iniziare, che la vera azione di cambiamento è quella di essere sempre testimoni di coraggio, anche senza fazzolettone al collo. Vederci lì tutti insieme nella piazza del futuro cantare a voce alta la voglia di realizzare un sogno comune è stato bellissimo, particolarmente emozionante, tutto mi è sembrato possibile se "insieme si fa". Ho lasciato San Rossore davvero con la Speranza nel cuore, spero in me, in tutti noi, e spero che i più coraggiosi riescano a coinvolgere e a travolgere gli altri. Per Francesca è stato semplicemente indimenticabile, il tempo é volato via, passato troppo velocemente ma sicuramente ha cambiato un po tutti. Siamo stati una sola famiglia; tanti luoghi fantastici, incontri, amicizie, diversità, confronto, un esperienza che ha lasciato un bel ricordo a tutti, si unisce al coro Marco. La carta del coraggio è uno strumento che può migliorare il futuro di noi giovani; faccio e farò mia con l'impegno ogni sua parte spiega Maria Teresa; ci siamo sfiniti, abbiamo donato tutti noi stessi, ci siamo messi a servizio delle nostre città, della nostra Italia per pensarla in modo nuovo le fa eco Alessandro. E se per Alessia aver partecipato a questa Route ci ha permesso di portare nelle nostre città il coraggio, per Tonio è stato bellissimo conoscere ogni parte d'italia semplicemente attraverso le persone. Sembra bello chiudere con il pensiero di Caterina che pare riassuma una sensazione ed un emozione collettiva: dire che è stata un esperienza unica credo sia banale e riduttivo, ogni mia aspettativa è stata superata. A fine route ci è voluto coraggio per tornare alla normalità. Mente e cuore infatti ci hanno impiegato più tempo.

6 6 IL PORTICO IL PORTICO DEI GIOVANI DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 Missione. Durante l estate si è svolta l esperienza di servizio in Africa proposta dalla Pastorale vocazionale. Con i piccoli gesti sono stato evangelizzato Fare esperienza di Cristo in terra d Africa Una delegazione di giovani della diocesi guidata da don Davide Curreli e don Carlo Rotondo ha vissuto un tempo di servizio nella missione di Nanyuki FEDERICA BANDE PER VENIRE INCONTROalla comunità cristiana africana di Nanyuki (città sita nella provincia della valle di Rift in Kenya, fondata nel 1907 da coloni inglesi), il nostro arcivescovo, Monsignor Arrigo Miglio, ha portato avanti un progetto che ha coinvolto una piccola delegazione di giovani che lo scorso mese di agosto sono partiti alla volta del continente africano. Nella città di Nanyuki infatti, vive don Franco Crabu, missionario sardo che da 28 anni lavora attivamente nella missione della città keniota, e che a partire dal 28 luglio ha accolto la delegazione sarda composta da membri della squadra della Pastorale Vocazionale diocesana, una rappresentanza del team della Pastorale Giovanile della diocesi, una rappresentante dell oratorio Sant Ambrogio di Monserrato e alcune studentesse del liceo ginnasio Siotto Pintor di Cagliari, accompagnati da don Davie Curreli e don Carlo Rotondo. Sistematisi negli alloggi della missione messi a disposizione da don Crabu, la giovane delegazione ha potuto effettivamente iniziare quella che è stata probabilmente una delle esperienze più significative della loro esistenza da svariati punti di vista religiosi e non. L esperienza keniota ha visto come prima tappa alcuni giorni dedicati alla conoscenza tra i ragazzi italiani e una decina di ragazzi africani, gemellaggio che ha portato alla formazione di un unico grande gruppo dal nome e state giovani utilizzato per rievocare le parole di Papa Francesco e il periodo estivo in corso. Superata la fase iniziale di conoscenza sono quindi cominciate le attività principali della vita di missione. Il programma ha racchiuso al suo interno tre giorni nella città di Naibor dedicati alla restaurazione di una struttura che diventerà una chiesa, dove non è mancato il calore e l accoglienza dei bambini; a seguire, la preparazione del rally dei giovani un raduno dedicato ai giovani della missione strutturato come se fosse una giornata di oratorio scandita tra balli, scenette e tante attività. Nei giorni seguenti il gruppo e state giovani ha visitato il villaggio Nganiniro, un villaggio molto grande ma povero perché isolato dagli altri, nel quale grazie a don Franco è in corso un progetto per la costruzione di una Chiesa, ed infatti proprio sulle fondamenta di questa, la delegazione e don Franco hanno celebrato la Messa; il gruppo si è poi recato presso l ospedale dove hanno prestato servizio accudendo i pazienti, curando la pulizia delle stanze ed aiutando in cucina nella preparazione dei pasti. Nella stessa settimana c è stata anche la visita alla prigione, dove è stata celebrata la santa messa insieme ai detenuti. Nei giorni successivi la delegazione si è poi divisa a causa della partenza di alcuni dei ragazzi, ma il resto del gruppo ha continuato il servizio all ospedale, le visite ai villaggi e alle comunità, i ritiri con i ministranti e la visita ad alcune donne ultracentenarie per portar loro l Eucarestia. Vivere un esperienza così forte ed importante è sicuramente qualcosa di difficile da raccontare, ma le parole di chi ha vissuto direttamente questi giorni riescono a portare chi le ascolta in Africa per qualche istante. Emanuele Dessì, rappresentante della squadra PG ci racconta che : Ti accorgi della fede di questo popolo quando vedi intere famiglie rinunciare ad un giorno di lavoro per ascoltare il vangelo, o quando vedi un bambino convincere una decina di amici a vivere con lui la Santa Messa. Ovunque si vada i sorrisi non mancano, la voglia di conoscere e farsi conoscere ti pervade. Un attimo può cambiare la giornata, un esperienza può prendere senso grazie ad un gesto all apparenza insignificante come un abbraccio. Questa esperienza mi è servita per capire che quando si lavora per un obiettivo comune non importano le differenze di razza, di cultura e di lingua, conta solo la voglia di mettersi in gioco e al servizio del prossimo. Michele Deiana, uno de rappresentanti della Pastorale Vocazionale, ricorda invece che : L esperienza più forte per me è stata l entrare nella prigione.. è stata la prima volta per me e lo stare a contatto con i detenuti non è proprio una cosa da niente. Penso che la libertà dopo la vita sia una delle cose più importanti, quindi lo stare li mi dava proprio un senso di fastidio; il vivere la messa in mezzo ai detenuti è stato forte ma bello e la predica di don Franco è stata molto bella e concreta. Infine anche don Davide Curreli, responsabile della Pastorale Vocazionale diocesana e accompagnatore della delegazione sarda in Africa insieme a don Carlo Rotondo, ricorda le parole dell omelia di don Franco Crabu della santa messa svolta sulle fondamenta della Chiesa in costruzione : Le parole che più mi hanno colpito di quell omelia è che la Chiesa si costruisce a partire dalle pietre piccole. Le prime pietre di ogni costruzione sono piccole ma fondamentali. Anche noi abbiamo investito ed investiamo sui piccoli per investire su una chiesa grande. Èstato bello vedere lo stupore negli altri mentre mi guardavano lavorare in modo semplice come loro, ma in fin dei conti quello ad essere stupito ero io, perché con i piccoli gesti sono loro ad aver evangelizzato me. Le immagini dal Kenya

7 DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 IL PORTICO DEI GIOVANI IL PORTICO 7 Flumini di Quartu. Successo per le iniziative estive del gruppo cresimandi. Tra svago e preghiera, un estate ricca di emozioni, divertimento e amicizia Iniziata con la chiusura dell anno pastorale e la tappa celebrativa della Testimonianza, l estate è proseguita con i campi scuola e l oratorio festivo FABIO FIGUS UN ESTATE all insegna dell amicizia e della condivisione quella vissuta da diciotto ragazzi della parrocchia Santa Maria degli Angeli di Flumini di Quartu, giunti all ultimo anno del cammino di iniziazione cristiana che culminerà con il sacramento della Cresima nel prossimo anno pastorale ormai alle porte. Accompagnati dall equipe di animatori della parrocchia, composto dai rispettivi catechisti e da altri quattro giovani, i ragazzi sono stati impegnati nelle diverse attività iniziate con la tappa celebrativa a chiusura dell anno catechistico lo scorso 7 giugno, solennità di Pentecoste, dove tutti coloro che frequentavano il settimo anno del cammino, circa sessantacinque ragazzi, hanno ricevuto il mandato della Testimonianza. La festa dei cresimandi, ha visto coinvolte anche le famiglie dei ragazzi che con grande generosità hanno messo a disposizione la loro fantasia e le singole capacità per organizzare la fiera del dolce, il cui ricavato è servito in parte alla sovvenzione del campo scuola e in parte devoluto alla Conferenza Vincenziana parrocchiale a favore dei poveri, oltre alla raccolta di beni di prima necessità in cui è stata coinvolta anche il resto della comunità. Tutti i ragazzi sono stati poi invitati ad incontrarsi ogni sabato con i loro animatori per vivere la Celebrazione Eucaristica domenicale, e al termine, riunirsi nel salone parrocchiale dove tra giochi, chiacchiere, scherzi, musica e balli, hanno approfondito la loro amicizia. Momento centrale dell estate, l esperienza del campo scuola Cre- GrEst 2014, il primo dopo quasi quindici anni di assenza, organizzato dai catechisti parrocchiali per i propri ragazzi, vissuto dal 18 al 20 luglio nella Casa Salesiana di Solanas, dove sedici cresimandi hanno ancor più fortificato i loro legami di amicizia, attraverso le attività al mare, i tanti giochi e i momenti di svago, e dove, guidati dagli stessi animatori, hanno riflettuto sul tema proposto dal ufficio diocesano di pastorale giovanile dal titolo Piano Terra - e venne ad abitare in mezzo a noi. Un breve e concentrato cammino sulle quattro tappe dell entrare, custodire, costruire ed uscire, dove i ragazzi hanno avuto la possibilità di prendere coscienza di essere parte attiva nel loro ambiente tutto da vivere e da abitare, riconoscendovi la presenza, oltre che degli altri, anche quella di Dio, che ha voluto farsi uomo per abitarlo insieme agli uomini. Il tutto, aiutati dall analisi di quattro pagine evangeliche: l incontro di Zaccheo con Gesù, la parabola dei talenti, quella della casa sulla roccia e il mandato ai discepoli di evangelizzare e battezzare fino ai confini della Terra. Il campo CreGrEst 2014, è culminato nella celebrazione eucaristica presieduta dal parroco don Gianni Paderi che ha voluto vivere con i ragazzi tutta la mattinata di Domenica 20 luglio. Come ogni campo scuola che si rispetti, ha creato grande entusiasmo nei ragazzi tanto da voler continuare ad incontrarsi per tutto il resto della stagione ogni sabato, oltre alle diverse iniziative proposte dagli animatori quali giornate al mare e pizzate. Già lo sguardo di catechisti e animatori è rivolto al nuovo anno pastorale perché per i cresimandi possa essere un anno tutto particolare, dove oltre agli incontri di catechesi, siano loro stessi protagonisti delle diverse attività parrocchiali. Per gli altri ragazzi della parrocchia, tutti i giorni, l oratorio parrocchiale ha offerto i suoi spazi per tante attività di gioco e svago, dalla piscina alle attività manuali, guidate da diversi animatori. Vi ha preso parte quotidianamente dal lunedì al venerdì una trentina di ragazzi. Tema conduttore il Viaggio, durante il quale i ragazzi hanno girato la Cina, il Brasile, gli Stati Uniti d America ed il Regno Unito. brevi IL 28 SETTEMBRE Incontro diocesano dei nuovi catechisti Un momento di confronto e di formazione per i catechisti che, da pochissimo hanno ricevuto la chiamata per il delicato e prezioso servizio dell annuncio e della catechesi. È l incontro diocesano per nuovi catechisti, previsto il 28 settembre nei locali del Seminario Arcivescovile, che avranno così un occasione per approfondire il profilo del catechista alla luce dei recenti Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia. Un opportunità offerta a chi riceve per la prima volta il mandato, per affacciarsi, dopo il Convegno dei Catechisti, al panorama diocesano e cominciare a condividere, con altri catechisti, fatiche, speranze, iniziative e prospettive comuni. Il programma prevede alle 17 l accoglienza e la preghiera, a seguire l introduzione e la presentazione del tema Il catechista oggi. Profilo del catechista alla luce degli Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia. Al termine il confronto e la condivisione in piccoli gruppi e poi la comunicazione su esperienze, attività e iniziative dell Ufficio Catechistico Diocesano. Concluderà l incontro alle 19 la Preghiera dei Vespri. Per motivi organizzativi è importante fornire l adesione all incontro entro il 25 settembre. Per informazioni tel ; , La bellezza del confronto al Giffoni Film Festival I ragazzi del C.G.S. presenti alla rassegna cinematografica MARIA LETIZIA MURATORE DAL18 AL27Luglio si è svolta la 44esima edizione del Giffoni Film Festival nell omonimo centro in provincia di Salerno. Quest anno, tra le migliaia di giovani, era presente anche il C.G.S. Sardegna, sezione regionale dell'associazione salesiana Cinecircoli Giovanili Socioculturali, che ha avuto il piacere di prendervi parte e ha offerto anche un piccolo contributo agli abitanti del paese del festival. I nove ragazzi del C.G.S., animatori e aiuto-animatori, nell'ambito del progetto "Giffoni For Family" promosso in collaborazione con la locale Parrocchia e con l'anspi, hanno organizzato dei laboratori creativi per i bambini della scuola materna e elementare di Giffoni: ogni mattina si svolgevano tre ore di attività comprendenti il laboratorio di teatro, quello di ballo e il cosiddetto Art Attack. I bambini hanno imparato ad improvvisare e recitare usando la loro fantasia, hanno fatto attività fisica imparando alcuni balli e hanno creato tanti lavoretti artistici. Le giornate di animazione si sono concluse con il Grande Gioco, nel quale i quaranta bambini, divisi in squadre, hanno dovuto superare una serie di tappe sfruttando ciò che avevano imparato nei giorni precedenti; al termine del gioco c è stata la premiazione finale. Mentre durante la mattinata i ragazzi del C.G.S. erano impegnati nell animazione, di pomeriggio e di sera vivevano il festival: incontravano gli ospiti sul Blue Carpet e guardavano film e cortometraggi in concorso e alcune anteprime. Questa è stata certamente un esperienza emozionante, educativa e ricca di condivisione, nella quale i ragazzi non solo si sono divertiti ma hanno anche conosciuto tanti loro coetanei e hanno vissuto un incredibile evento, unico nel suo genere. Il Giffoni non è un semplice festival del cinema: è un occasione imperdibile per tutti i ragazzi che hanno una passione per il grande schermo, per il teatro, per la musica o per qualsiasi altra arte; è un evento nel quale i ragazzi sono i protagonisti: i film sono indirizzati a loro e gli ospiti sono là solo per i giovanissimi. Ogni ragazzo è indispensabile per il festival, tutti possono partecipare attivamente ponendo domande a registi o attori dei film appena visti o esprimendo considerazioni, complimenti e anche qualche critica: sono loro a decidere. Quello di Giffoni è un festival che, nonostante stia riscuotendo sempre maggiore successo, riesce a rimanere un evento in cui tutti si sentono a casa: i partecipanti aumentano di anno in anno e le richieste per entrare nella giuria si moltiplicano, ma il clima è sempre più bello. È un esperienza che arricchisce la formazione dei ragazzi grazie ai film e agli ospiti; i film offrono tanti spunti e mostrano realtà di ogni Paese del mondo, le grandi personalità dello spettacolo appaiono qua come non si sono mai visti: i celebri attori e registri si mostrano ai ragazzi nel loro lato più umano, sono disponibili e danno tantissimi consigli ai giovani che sognano di intraprendere quella carriera e ciò è probabilmente dovuto al fatto che non vengono intervistati da grandi giornalisti ma da adolescenti curiosi e amanti del cinema. I ragazzi escono dal festival di Giffoni con una marcia in più, perché hanno ricevuto tante motivazioni che portano loro a volersi impegnare di più, a dare il massimo per riuscire a realizzare il loro sogno e diventare esattamente le persone che vogliono, ambizione che prima appariva loro un utopia. Giusto per citare una di queste motivazioni, Alan Rickman, attore che interpreta Severus Piton nella saga di Harry Potter, nell incontro coi giurati ha detto che tutto è possibile se si vuole veramente, addirittura lui ha iniziato a studiare per diventare attore abbastanza tardi (a 25 anni) e ha incoraggiato i duemila spettatori presenti nella Sala Truffaut dicendo: Questa sala è piena di possibilità e spero che voi siate gli artefici delle vostre possibilità. La Giffoni Experience dovrebbe essere vissuta da tutti gli uomini del domani e non solo per creare dei futuri grandi attori ma soprattutto per forgiare delle grandi e al tempo stesso umili personalità.

8 8 IL PORTICO IL PORTICO DE I XXIII DOMENICA DEL T. O. (ANNO A) dal Vangelo secondo Matteo n quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano. In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo. In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro». Mt 18, Io sono MICHELE ANTONIO CORONA Il brano del Vangelo proposto in questa domenica è tratto dal capitolo 18 dello scritto di Matteo, noto come la sezione discorsiva sulla vita della comunità. I legami presenti all interno della ekklesia rischiano di lacerarsi nello confronto comune e nella fraternità. Già il Primo Testamento, soprattutto la Genesi, ha narrato storie di fratelli che si uccidono (Caino e Abele), si imbrogliano e si odiano (Esaù e Giacobbe), si vendono (I fratelli di Giuseppe). La pericope si apre col sostantivo fratello, rafforzato dall aggettivo possessivo tuo. Non si tratta di considerare il comportamento di uno sconosciuto, di un qualsiasi adepto, ma di tuo fratello. La specificazione è notevolmente importante per comprendere meglio i passaggi che vengono suggeriti per redimere chi ha compiuto la colpa. È indicativo il fatto che il brano che leggiamo sia posizionato subito dopo la famosa parabola della pecorella smarrita. Quel fratello che ha peccato è simile alla pecorella che si è persa e si trova fuori dall ovile (comunità): il pastore deve attivarsi personalmente per cercarla, trovarla e riportarla indietro con il massimo della cura. A differenza della parabola in cui è il padrone delle pecore a doversi curare della dispersa, nella comunità ogni membro deve curare il fratello, il proprio fratello, che pecca. Il passaggio dal responsabile unico ad una comunità che cammina insieme indica una particolare delicatezza. Il correttore non è solo colui che ha ricevuto il potere esclusivo del comando e della guida della comunità, ma ad imitazione del Maestro ogni discepolo si fa buon pastore del proprio fratello. Il verbo dominante dell intera sezione della correzione fraterna è ascoltare. È l ascolto che determina il ritornare nella comunità, all interno dell assemblea dei discepoli. Il salmo responsoriale proclama: Se ascoltaste oggi la sua voce!, per indicare quanto l ascolto divenga l elemento portante per un dialogo, per un cammino insieme, per una comprensione che vada oltre le parole. Il rapporto tra colui che ammonisce e l ammonito non è formale, ma diviene veramente fraterno, dal momento che si tratta di un rapporto personale, diretto, delicato. Non si vuole suggerire un rapporto intimistico all interno della comunità, ma si favorisce l attenzione alla persona, al singolo, al fratello senza che questi si senta giudicato come nei tribunali pagani, dirà Paolo. Colui che corregge non è scevro dal commettere delle colpe, poiché egli stesso potrebbe essere corretto dal proprio fratello. Tale coscienza di poter essere debole e di potersi trovare nella condizione del non ascolto deve aiutare ad usare il massimo della sensibilità fraterna. Tuttavia se questo passaggio non fosse sufficiente per far rinsavire il fratello, è bene che il dialogo e l attenzione si allarghi cercando altri fratelli della comunità che condividano il peso della correzione e della ricerca fino a ricorrere all intera assemblea. Se il brano lo si legge sotto l ottica del corretto, ci sembra solo una prassi di denuncia pubblica e di scomunica ; se invece si prova a fare attenzione alla cura che devono avere i correttori per il sordo, si nota quanto il brano ci faccia penetrare in una dimensione fraterna ma non esclusivistica, comunitaria e non elitaria, educativa per l intera assemblea. L ordine di legare e sciogliere coinvolge tutta la comunità. Il detto sulla preghiera comune ( due di voi ) si connette al primo passaggio della correzione fraterna: fra te e lui solo. Ciò che sembra impossibile alla prassi comunitaria per redimere un fratello, può essere ottenuto con la preghiera comune, con l affidamento vicendevole al Padre che concederà qualsiasi cosa, soprattutto il dono dell ascolto per reintegrare ciascuno nell assemblea. il portico della fede LA GIOIA DI FARSI COMPAGNI DI STRADA PER L EVANGELIZZAZIONE La Chiesa dovrà iniziare i suoi membri a questa arte dell accompagnamento, perché tutti imparino a togliersi i sandali davanti alla terra sacra dell altro. Dobbiamo dare al nostro cammino il ritmo salutare della prossimità, con uno sguardo rispettoso e pieno di compassione ma che nel medesimo tempo sani, liberi e incoraggi a maturare nella vita cristiana (EV, n.169). In questi paragrafi l esortazione pone in evidenza quanto sia importante nell evangelizzazione che tutti gli operatori pastorali imparino ad ascoltare; si tratta di un ascolto che si pone in essere grazie all esercizio della prudenza, della capacità di comprensione, anche mediante l arte di aspettare al fine di trovare la modalità più rispondente alle esigenze dell altro per seguirne il passo e con sana pedagogia introdurlo sempre più alla conoscenza del Signore. Essendo l evangelizzazione un processo di crescita è necessario che, chi si adopera in questo servizio disponga il proprio animo prima di ogni altra cosa alla propria formazione interiore non trascurando di andare verso gli altri, dunque, uscire dalle proprie certezze e dalle proprie sicurezze per correggere e aiutare a crescere nella conoscenza del vangelo, cioè nella conoscenza di Gesù. Papa Francesco, è solito, a questo proposito fornire i dati scritturistici a cui possiamo ispirarci per avviare un autentico accompagnamento che si realizza con la pazienza per risvegliare la fiducia nei confronti della persona che accompagna, e allo stesso tempo disponga l altro alla crescita. Infatti, la citazione biblica presenta la relazione di Paolo con Timoteo e Tito i quali sono formati per l azione apostolica ascoltando e mettendo in pratica gli insegnamenti dell apostolo che dà loro criteri per la vita personale e per l azione pastorale (173). Pertanto vi è uno scambio vicendevole tra gli stessi discepoli missionari. In questi paragrafi, che appunto, parlano dell accompagnamento papa Francesco, non trascura di affermare che tutta l evangelizzazione si fonda sulla Parola di Dio, che alimenta l azione missionaria dei discepoli. Quando affermiamo che dobbiamo porci in ascolto della Parola non significa semplicemente sentire con l organo uditivo, significa lasciarsi penetrare dalla Parola, lasciarsi trasformare da quell ascolto che, se autentico, è capace di trasformare la vita e di renderci pronti a decisioni libere e responsabili. Infine al n.175 il Pontefice suggerisce che nelle Diocesi e nelle parrocchie si promuova uno studio serio e perseverante della Bibbia così che questa concretamente fecondi la catechesi e un autentica trasmissione della fede. Il Papa non cessa di invitare i cristiani ad avere sempre con sé il vangelo per leggerne almeno una volta al giorno una pagina per conoscere e fare vera esperienza di Gesù. di Maria Grazia Pau

9 LLA FAMIGLIA DOMENICA 7 SETTEMBRE in mezzo a loro... L Instrumentum laboris del prossimo Sinodo/5 Saper trasmettere il Vangelo della famiglia RISCRITTURE LA CORREZIONE FRATERNA Il testo del Vangelo, tratto dal capitolo 18 di Matteo, dedicato alla vita della comunità cristiana, ci dice che l amore fraterno comporta anche un senso di responsabilità reciproca, per cui, se il mio fratello commette una colpa contro di me, io devo usare carità verso di lui e, prima di tutto, parlargli personalmente, facendogli presente che ciò che ha detto o fatto non è buono. Questo modo di agire si chiama correzione fraterna: essa non è una reazione all offesa subita, ma è mossa dall amore per il fratello. Commenta Sant Agostino: Colui che ti ha offeso, offendendoti, ha inferto a se stesso una grave ferita, e tu non ti curi della ferita di un tuo fratello?... Tu devi dimenticare l offesa che hai ricevuto, non la ferita di un tuo fratello (Discorsi 82, 7). E se il fratello non mi ascolta? Gesù nel Vangelo odierno indica una gradualità: prima tornare a parlargli con altre due o tre persone, per aiutarlo meglio a rendersi conto di quello che ha fatto; se, malgrado questo, egli respinge ancora l osservazione, bisogna dirlo alla comunità; e se non ascolta neppure la comunità, occorre fargli percepire il distacco che lui stesso ha provocato, separandosi dalla comunione della Chiesa. Tutto questo indica che c è una corresponsabilità nel cammino della vita cristiana: ciascuno, consapevole dei propri limiti e difetti, è chiamato ad accogliere la correzione fraterna e ad aiutare gli altri con questo particolare servizio. Un altro frutto della carità nella comunità è la preghiera concorde. La preghiera personale è certamente importante, anzi, indispensabile, ma il Signore assicura la sua presenza alla comunità che pur se molto piccola è unita e unanime, perché essa riflette la realtà stessa di Dio Uno e Trino, perfetta comunione d amore. Benedetto XVI - Angelus 4 settembre 2011 Molte risposte hanno messo a tema la necessità di trovare nuovi modi per trasmettere gli insegnamenti della Chiesa su matrimonio e famiglia. Molto dipende dalla maturità della Chiesa particolare, dalla sua tradizione in merito e dalle effettive risorse disponibili sul territorio. Soprattutto, si riconosce la necessità di formare operatori pastorali in grado di mediare il messaggio cristiano in modo culturalmente adeguato. Ad ogni modo, quasi la totalità delle risposte afferma che, a livello nazionale, esiste una Commissione per la Pastorale della Famiglia e il Direttorio della Pastorale Familiare. Generalmente, le Conferenze Episcopali propongono l insegnamento della Chiesa attraverso documenti, simposi ed un animazione capillare; come pure, a livello diocesano, si opera mediante vari organismi e commissioni. Certamente non mancano anche risposte che rivelano una situazione pesante per l organizzazione ecclesiale, in cui mancano risorse economiche ed umane, per poter organizzare in modo continuativo una catechesi sulla famiglia. 18. Molti ricordano come sia decisivo stabilire rapporti con centri accademici adeguati e preparati su tematiche familiari, a livello dottrinale, spirituale e pastorale. In alcune risposte, si raccontano proficui collegamenti a livello internazionale tra centri universitari e diocesi, anche in zone periferiche della Chiesa, per promuovere momenti formativi qualificati su matrimonio e famiglia. Un esempio, più volte citato dalle risposte, è la collaborazione con il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi su matrimonio e famiglia di Roma, con diverse sedi in tutto il mondo. Al riguardo, diverse Conferenze Episcopali richiamano l importanza di sviluppare le intuizioni di San Giovanni Paolo II sulla teologia del corpo, nelle quali si propone un accostamento fecondo alle tematiche della famiglia, con sensibilità esistenziale e antropologica, aperto alle nuove istanze emergenti nel nostro tempo. 19. Infine, è rilievo comune che la catechesi su matrimonio e famiglia non possa essere oggi solo limitata alla preparazione della coppia al matrimonio; occorre una dinamica di accompagnamento di carattere esperienziale che, attraverso testimoni, mostri la bellezza di quanto il Vangelo e i documenti del Magistero della Chiesa sulla famiglia ci trasmettono. Molto prima che si presentino per il matrimonio, i giovani hanno bisogno di essere aiutati a conoscere ciò che la Chiesa insegna e perché lo insegna. Molte risposte mettono in rilievo il ruolo dei genitori nella catechesi specifica sulla famiglia. Essi hanno un ruolo insostituibile da svolgere nella formazione cristiana dei figli in relazione al Vangelo della famiglia. Questo compito chiede una profonda comprensione della loro vocazione alla luce della dottrina della Chiesa. La loro testimonianza è già una catechesi vivente, non solo nella Chiesa, ma anche nella società. Sinodo dei Vescovi Le sfide pastorali della famiglia nel contesto della nuova evangelizzazione Instrumentum laboris nn giugno 2014

10 10 IL PORTICO IL PORTICO DEI LETTORI DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 Cinema. Un viaggio nella carriera del popolare attore americano, premio Oscar, scomparso durante il periodo estivo. Una vita piena di successi e travagli per una grande icona del cinema di oggi Da Mork e Mindy a L attimo fuggente, da Risvegli a Patch Adams, i tanti ruoli di un attore capace di stupire sempre il pubblico VALERIA USALA ROBIN WILLIAMS era e rimarrà per sempre un icona. È interessante il doppio significato della parola perché contiene in sé qualcosa di molto terreno, realistico, e contemporaneamente qualcos altro, di più spirituale, quasi religioso. È stato un icona per tutte le generazioni cresciute tra gli anni 80 e 90, che iniziavano la giornata con la sigla di Mork & Mindy e cantavano Na-no na-no la tua mano intingendo i biscotti nel latte. Ma anche chi non ha avuto la fortuna di seguirlo da così presto, non può non averlo visto in almeno uno dei tantissimi film che hanno fatto la storia del cinema degli ultimi trent anni, e che l hanno portato alla vetta di quella piramide dorata dello star system americano così ambita ma talmente scoscesa da diventare pericolosa. È stato lo speaker americano Adrian Cronauer in Good morning Vietnam che al tempo della guerra portò leggerezza e ottimismo nelle orecchie e nei cuori dei soldati in missione; è stato l insegnante, quello con la I maiuscola ne L attimo fuggente, che invece di indottrinare mostra, e che al posto di dissuadere incoraggia, apre gli occhi, divaga, approfondisce, e infine regala una speranza di fu- L attore Robin Williams turo ai giovani; è stato per due volte un medico, prima Oliver Sacks in Risvegli (1990) poi Hunter Adams in Patch Adams (1998), e il denominatore comune era sempre quello di curare i pazienti, ancora prima delle malattie da cui erano afflitti, come qualunque medico dovrebbe fare; è stato il bambino per eccellenza in Hook, quello che c è in ognuno di noi e che si è dimenticato di essere stato Peter Pan una volta, leader dei bambini sperduti in un isola che, anche se non c è, in realtà si può ritrovare grazie alla fantasia; è stato un padre che si traveste da tata pur di continuare a stare con i propri figli in Mrs. Doubtfire ; è stato Alan Parrish, il bambino che in mezzo ad una vita non proprio felice ha realizzato un sogno che tutti abbiamo avuto, anche se non lo vogliamo ammettere, ovvero scoprire un gioco da tavolo che prende vita e che ha un nome che rimane scolpito nel cuore come Jumanji ; è stato uno scienziato geniale ma con la testa tra le nuvole in Flubber, che accidentalmente crea un essere piccolo, molliccioso e verde più umano degli uomini; è stato lo psicologo-mentore di un Matt Damon agli inizi della carriera nel bellissimo Will Hunting Genio ribelle, guida paziente e testimone di una sofferenza elaborata che diventa forza da trasmettere al prossimo; è tornato a fare l alieno in versione robotico-umanizzata a distanza di quasi vent anni dal suo primo ruolo importante ne L uomo bicentenario, mostrando che la scienza e il progresso non possono non tenere conto dell umano che ci portiamo dietro malgrado le manipolazioni, in tempi ancora quasi non sospetti; è stato Tom Dobbs ne L uomo dell anno, prototipo di un nuovo tipo di politica, divenuta familiare solo da poco, quella che nasce sotto i riflettori dei talk show dove la parola di- venta arma in grado di smuovere masse di telespettatori che senza accorgersene diventano elettori quasi inconsapevoli. Se ne potrebbero citare tantissimi altri, dalle commedie di medio livello come Licenza di matrimonio e Vita da camper ai film per ragazzi come Una notte al museo e Daddy sitter ; dalle parti più impegnate in thriller come One hour photo e Insomnia ai più sentimentali e romantici come August Rush e Al di là dei sogni. Sono tutti titoli, che richiamano storie, che richiamano personaggi, che hanno lo stesso volto, il suo. Robin Williams era tutto questo, ma anche molto di più. Lo schermo non è la vita, e ciò che si pensa di sapere della vita di una persona non può limitarsi a ciò che si sente dire su di essa. Su questo punto credo sia doveroso fare la riflessione più profonda, e altrettanto profondamente lasciare che il giudizio sulle sue scelte di vita e morte rimanga inespresso. Di cose incerte ce ne sono tante e tante ne rimarranno, dato che lo star system funziona così. Il polverone prima o poi si abbasserà perché la fame non si placa e quel calderone che è la rete non aspetta altro che nuove informazioni da condividere. Due cose però, in tutto questo mare di notizie, rimarranno incastonate come verità, proprie di qualsiasi icona: lui era una vera stella del cinema, un genio inafferrabile capace di regalare bellezza al mondo, di quella bellezza facile da sentire sotto la pelle ma difficilissima da trattenere a lungo; e nonostante ciò era un uomo come tutti noi, con sofferenze, gioie, talenti e debolezze preziosissimi ma pesanti da sostenere. Robin Williams è e resterà per sempre un icona, rappresentazione fedele di uno stare al mondo il cui passaggio ha lasciato un segno indelebile.

11 DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 IL PORTICO DI CAGLIARI IL PORTICO 11 Cultura. Una preziosa occasione formativa per un gruppo di giovani musicisti. Il Conservatorio guarda al futuro con l Accademia della Musica Ventidue docenti di fama internazionale hanno guidato l iniziativa rivolta a oltre duecento allievi sardi e stranieri MARIA LUISA SECCHI SI ÈCONCLUSA la quattordicesima edizione dell Accademia internazionale di musica di Cagliari. Sono stati oltre 200 i giovani musicisti sardi e stranieri che si sono dati appuntamento nel capoluogo sardo. Guidati da 22 docenti di fama internazionale hanno seguito un percorso di alta formazione in un contesto culturalmente stimolante. L Accademia internazionale di musica 2014 è stata realizzata con il patrocinio della Regione Autonoma della Sardegna, del Comune e della Provincia di Cagliari e in co-produzione con la Fondazione Teatro Lirico di Cagliari e con il Conservatorio di musica G.P. Da Palestrina. Eventi importanti come questo dovrebbero generare un positivo circolo virtuoso - afferma l assessore regionale alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport, Claudia Firino. E' la strada giusta per trasmettere ai giovani delle speranze e l idea che con l impegno e la perseveranza si arriva a dei risultati. Ad aver creduto nelle potenzialità di Cagliari e della Sardegna come luoghi di feconde sinergie è soprattutto il presidente dell Accademia Gianluca Marcìa. L Accademia é nata con la convinzione che per i giovani allievi, il c o n f r o n t o con maestri di livello internazionale avrebbe costituito una preziosa occasione di stimolo per migliorarsi ed affrontare la difficile strada della carriera concertistica sostiene. Per gli oltre 200 giovani musicisti provenienti dall Europa, dal Giappone, dalla Corea, dalla Cina e da altri Paesi, l Accademia rappresenta una felice occasione per conoscere le risorse della nostra terra e la nostra cultura prosegue. Come è successo già per la città di Perugia, anche Cagliari potrebbe trovare una nuova fortuna puntando anche sul turismo musicale. Sulla stessa linea del Presidente Marcìa anche la direttrice del Conservatorio di musica di Cagliari, Elis a b e t t a Porrà, che identifica la manifestazione quale importante momento di educazione della persona, di collaborazione e confronto culturale con impulsi che partono dalla musica ma si aprono poi a tutto il panorama intellettuale della città di Cagliari e della regione Sardegna. All interno del programma di formazione sono state assegnate 30 borse di studio dal Conservatorio di musica e dall Accademia internazionale a 30 allievi talentuosi del conservatorio cagliaritano, selezionati da un apposita commissione. Il Parco della Musica, polo musicale e sociale della città, ha fatto da cornice alla manifestazione, inserendosi così a pieno titolo tra le tappe importanti del percorso di candidatura di Cagliari capitale europea della cultura Gli appuntamenti che hanno animato l'evento sono stati gli Incontri musicali al T-hotel,una rassegna di concerti attraverso i quali gli studenti hanno dato prova del loro talento; i Concerti del conservatorio ed infine le lezioni delle masterclass. Accanto alle attività didattiche dell Accademia ad arricchire il palinsesto è stato il festival Le notti musicali, realizzato con la collaborazione del Teatro lirico di Cagliari, durante il quale i docenti delle masterclass si sono esibiti in una serie di concerti. L Accademia e il festival si impongono da anni nel circuito Internazionale della musica. Questo successo é dovuto in gran parte alle collaborazioni con il Conservatorio G.Pierluigi da Palestrina e il Teatro Lirico di Cagliari. Il Direttore Artistico Cristian Marcìa e il Presidente Gianluca Marcìa sono riusciti a creare un atmosfera propizia al lavoro e allo scambio artistico. brevi SETTEMBRE Convegno diocesano per i catechisti Si terrà il 24 ed il 25 settembre 2014 il consueto Convegno Diocesano dei Catechisti. Il tema di quest anno L Iniziazione Cristiana oggi: Il catechista con i preadolescenti è in continuità con la riflessione diocesana, proposta nelle lettere pastorali dell Arcivescovo, sull Iniziazione Cristiana e desidera rispondere ad un avvertita e diffusa esigenza di approfondimento sul ruolo del catechista nella delicata e nodale fase di vita dei preadolescenti. Anche a livello nazionale, riflettendo sul tempo della mistagogia, l attenzione è stata dedicata proprio ai preadolescenti: capirne meglio la fase di passaggio esistenziale che coinvolge anche la ricerca nella fede e i relativi cammini di fede. Il Convegno, in sinergia con l Ufficio Diocesano di Pastorale Giovanile che curerà alcuni momenti di riflessione, provocazione e progettazione, si avvale dell esperienza del Prof. Alessandro Ricci, dell Istituto di Psicologia dell Università Pontificia Salesiana, per ciò che concerne la conoscenza delle potenzialità e dei rischi insiti nella preadolescenza, e della Prof.ssa Suor Cettina Cacciato Insilla, della Facoltà di Scienze dell Educazione Auxilium per l aspetto relativo a competenze e attenzioni del catechista con i preadolescenti. Il dibattito con i relatori, le comunicazioni sulle attività dell Ufficio Catechistico e altri contributi sulle buone pratiche della catechesi con i preadolescenti, consegnano al Convegno il compito di ri-lanciare, in modo operativo e deciso, la catechesi parrocchiale in tutte le sue componenti ed espressioni. Per informazioni: , ; Don Marcello Lanero a S. Ambrogio Don Paolo Sanna a S. Pietro Il 3 agosto don Marcello Lanero, per diversi anni economo diocesano, ha fatto il suo ingresso come Parroco di Sant Ambrogio a Monserrato. (foto Elio Piras) Don Paolo Sanna, finora Rettore del Seminario Arcivescovile, dal 31 agosto è il nuovo Parroco di San Pietro ad Assemini. (foto Elio Piras)

12 12 IL PORTICO IL PORTICO DEL SOCIALE DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 cronaca L INTERVENTO DELL ARCIVESCOVO Grazie, dono e lavoro tre parole di mons. Miglio Grazie, dono e lavoro sono le parole presentate da monsignor Miglio ai partecipanti alla Summer School in Dottrina Sociale, l iniziativa formativa svoltasi ad agosto a Solanas. Dico grazie ha esordito l Arcivescovo - per aver pensato a questa iniziativa, quindi alla comunità salesiana, alla Fondazione "Centesimus Annus Pro Pontifice", e ai relatori chiamati per l occasione, primo tra tutti monsignor Mario Toso. La seconda parola è dono. L iniziativa e la vostra presenza sono un dono per la nostra terra, che prolunga di fatto quanto ricevuto dalla visita di Papa Francesco lo scorso anno. Dobbiamo registrare una grande attenzione dei Papi per la Sardegna: da Paolo VI, che ha visitato la città e le periferie, penso al borgo Sant Elia, a Giovanni Paolo II che ha fatto tappa in diverse città, anche se resta memorabile la sua discesa nella miniere del Sulcis. Da Benedetto XVI che a Cagliari ha auspicato una nuova generazione di giovani impegnati in ambito politico, fino a Papa Francesco che, dopo la visita del 22 settembre 2013, non manca ad ogni occasione di incontro di domandare informazioni sulla situazione in Sardegna. La terza parola che l Arcivescovo ha donato ai presenti è stata lavoro. Una parola ha affermato monsignor Miglio che deve stimolare delle riflessioni mirate, che vadano al di là dei dati e della crisi che investe il mondo del lavoro non solo in Sardegna ma in tutto il nostro Paese. Per questo abbiamo sì bisogno di posti di lavoro e di investimenti ma abbiamo anche e soprattutto necessità di cultura del lavoro, che ci aiuti a promuovere occasioni di impiego, sconfiggendo burocrazia e promuovendo forme nuove di impresa e di cooperazione. Nel suo intervento l Arcivescovo ha poi preso in considerazione il decennale dalla pubblicazione del compendio della Dottrina Sociale della Chiesa. Un testo ha concluso il presule che a distanza di dieci anni non ha perso nulla della sua attualità come ci ricorda Papa Francesco al capitolo quarto dell Evangelii Gaudium. Quel documento mostra come il Vangelo abbia intrinseca la vocazione sociale. Da qui nasce forse l interrogativo sul perché la Dottrina sociale della Chiesa non sia diventata ancora patrimonio comune di tutti i cristiani. La Summer School dunque è stata occasione per far crescere questa consapevolezza. (r.c.) Summer School. Si è tenuto a Solanas il corso formativo sulla Dottrina Sociale della Chiesa. Toso: Ènecessario mettersi in rete per andare incontro ai poveri Il presule salesiano, importante studioso di morale sociale, è segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace M ROBERTO COMPARETTI ONSIGNOR MARIO TOSO, è segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, organismo della Santa Sede per la promozione della giustizia e della pace, secondo il Vangelo e la dottrina sociale della Chiesa. In Sardegna ospite della Summer School di Dottrina Sociale ribadisce l importanza di questo complesso di principi, insegnamenti e direttive della Chiesa cattolica. Credo che sia importante riappropriarci della Dottrina Sociale afferma il presule - perché la viviamo già, se pure alle volte parzialmente, specie in questo momento particolare della nostra storia italiana ma anche mondiale, per poter avere una visione politica oltre che economica insieme ad una nuova progettualità ed una nuova azione dal punto di vista sociale. Lei parla di formazione alla luce della Dottrina Sociale? È necessaria una grande formazione, insieme ad una grande mo- Monsignor Mario Toso, Segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace. Pezzotta: Èurgente l impegno dei cattolici Parla l ex Segretario Generale della CISL R. C. bilitazioni di associazioni e movimenti perché di fronte ad una grande crisi che ancora perdura non si può fare molto da soli. Bisogna mettersi in rete in operatività sistematica, per sovvenire ai bisogni dei più poveri che non possono più attendere: ne va di mezzo della loro dignità e della loro vita. Benedetto XVI e Francesco hanno dato chiari riferimenti su questo tema con la Caritas in Veritate e l Evangelii Gaudium? Certo. In particolare la Caritas in Veritate ha dato un quadro importantissimo e ha indicato la via di una possibile riforma: partire da una nuova evangelizzazione del sociale, che deve portare ad una conversione morale, spirituale e prassica. Quel documento ha indicato una progettualità con riferimento all economia che è Savino Pezzotta. particolarmente stimolante. Viene infatti tratteggiata un economia della biodiversità, cioè ha una imprenditorialità polivalente che, grazie ad una commistione positiva fa arrivare forme di aziende dove leggi giuste e logica del dono, portano ad un approccio positivo e sano dell agire economico, incidendo nella realizzazione del bene comune e di un economia inclusiva. Di recente Papa Francesco ha incontrato studiosi di economia partecipativa. Una conferma dell attenzione che la Chiesa ha per questa nuova prassi? Certamente è una conferma di come nella Chiesa c è sempre stato particolare riguardo per queste tematiche, ma anche dell attenzione che essa riserva alla novità rispetto ad una visione dell economia che oggi è imperante. In sostanza viene emarginato il lavoro ed è considerato non più fondamentale per la ricchezza della nazione, anzi è una variabile dipendente dai meccanismi finanziari e monetari. Lei ha parlato della necessità di riappropriarsi della politica. Che significa? Che dobbiamo recuperare sulla lontananza che si è creata tra l élite dei rappresentanti e la gente comune. Alcune riforme proposte, anche importanti come la legge elettorale o quella del Senato, anziché accorciare le distanze le allunghino. Per questo è necessario che ci siano delle riforme e che siano per i cittadini. CREDO CHE SIA più che mai opportuno approfondire i temi della Dottrina Sociale della Chiesa. Per Savino Pezzotta, storico leader della Cisl, e deputato centrista della Repubblica fino al marzo 2013, approfondire temi legati alla politica, all economia e al sociale è buona prassi. È un po di tempo che stiamo lavorando su questo tema afferma - perché è necessario evidenziare i valori e le proposte sottese dalla Dottrina Sociale. I cristiani hanno un patrimonio, ed in particolare i cattolici hanno sedimentato una storia di pensiero e di azione che vale la pena riapprofondire nel tempo che viviamo. A Cagliari Papa Benedetto XVI ha auspicato la nascita di una nuova generazione di giovani impegnati in politica. Una sollecitazione importante. Credo che quella di Papa Ratzinger sia stata un invito importante non solo per i sardi o gli italiani, ma per tutti. Nel nostro Paese quella che è stata la storia del movimento cattolico è finita: non lo dico con disprezzo ma con convinzione perché ha fatto il suo percorso ed è terminato. Oggi c è la necessità di una nuova presenza dei cattolici in politica: quando il Papa di una nuova generazione parla di giovani quindi quelli come me hanno fatto il passato, posso dare una mano ma non sono il futuro. Credo che questa scuola vada nella direzione giusta, ovvero quella di formare giovani sardi e non ai temi della Dottrina Sociale. l intento è quello di costruire una nuova generazione di giovani impegnati nel campo politico e sociale. Una nuova generazione per risollevare le sorti dell Isola? La vostra è una terra martoriata, un vero disastro. C è un problema che credo sia alla base della attuale condizione della Sardegna: non è pensata. Si spieghi meglio. Non è una definizione dispregiativa, assolutamente. Quando io dico Mezzogiorno, non includo la Sardegna, per cui anche per le scelte politiche si agisce senza tenerne conto. Se vogliamo che questa terra riprenda vigore bisogna superare questa dimenticanza. Tocca alla dimensione nazionale fare questo passa perché la vostra Isola è una regione importante, ma anche ai sardi che devono essere più presenti nei luoghi decisionali. Bisogna agire in fretta in particolare nel alimentare le preziose risorse che la Sardegna possiede e può mettere a disposizione.

13 DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 IL PORTICO DELLA DIOCESI IL PORTICO 13 Carità. In agosto si è svolto il Campo internazionale di volontariato giovanile. Affrontare i problemi sociali attraverso l incontro con l altro Varie realtà impegnate nella carità hanno portato avanti le attività con oltre settanta giovani CMARIA CHIARA CUGUSI ONCLUSA, nei giorni scorsi, la seconda edizione del campo di volontariato internazionale promosso dal Gruppo diocesano di educazione alla mondialità (GDEM) della Caritas di Cagliari, dedicato quest anno al tema della fraternità: 17 nazionalità presenti, oltre 70 i partecipanti, tra i 16 e i 30 anni, provenienti, oltre che dalla Diocesi di Cagliari, dalle Caritas di Algeria, Tunisia, Padova, Mondovì, Oristano e da altre diocesi della Sardegna, senza dimenticare i giovani richiedenti asilo e rifugiati accolti dalla Caritas diocesana, in collaborazione con altre realtà. Un iniziativa «che conferma il nostro impegno nel settore giovanile e nell educazione alla mondialità - spiega don Marco Lai, direttore della Caritas diocesana -, grazie anche alle iniziative nelle scuole e all accoglienza degli immigrati correlata all operazione Mare Nostrum. L obiettivo è far crescere la dimensione ecumenica, il dialogo intercul- M. C. C. VOLONTARI PER una settimana presso i servizi della Caritas diocesana e di altre associazioni, in cui si concentrano le fragilità del territorio locale; poi, la sera, momenti di incontro, condivisione e formazione sui temi della mondialità, del dialogo interculturale e interreligioso. I giovani arrivati a Cagliari per partecipare al campo della Caritas diocesana provengono da realtà diverse. Hayet, 26 anni, algerina, si occupa dell impaginazione della rivista Hayat (Vita), all interno di un progetto più ampio portato avanti dalla Caritas Algeria, finalizzato alla promozione femminile: «Ho scelto di partecipare a questo campo - racconta - per far conoscere la mia Caritas e per attivare nuovi legami». Durante il campo ha prestato servizio nel Deposito di Elmas Gili Acquas, Condividere le esperienze e servire i poveri Le voci dei partecipanti al campo internazionale turale e interreligioso, favorire l inclusione e l incontro con i giovani che fanno parte delle nostre accoglienze, superando i pregiudizi». Inoltre, aggiunge il direttore, «È importante aver coinvolto numerose risorse associative interessate a far rete per educare alla mondialità e affrontare i problemi in modo globale». Un esperienza iniziata con l incontro dei giovani partecipanti con l Arcivescovo di Cagliari, Mons. Arrigo Miglio. «Ci sono due modi diversi di conoscere i problemi del mondo - ha detto Mons. Miglio ai giovani - : uno attraverso i numeri, le statistiche, le conferenze; l altro attraverso gli incontri concreti: sono questi ultimi che riescono a cambiarci il cuore, a renderci più attenti alle persone che incontriamo». E ancora, il richiamo fatto dall Arcivescovo al significato del volontariato, e l auspicio che «possiamo crescere nella capacità di scegliere e rafforzare la propria volontà». A dare ospitalità all iniziativa, la Comunità Missionaria di Villaregia di Quartu, impegnata nella costruzione di legami internazionali, grazie alle diverse missioni portate avanti in America Latina e in Africa. «Si tratta di un iniziativa mirante a favorire l educazione alla mondialità - spiega Padre Olivier Nelle, responsabile della Comunità -, a pro- affidato alla Caritas diocesana durante l emergenza alluvione dello scorso novembre, in cui ha smistato indumenti da distribuire in base alle situazioni di necessità. «Anche nella Caritas Algeria facciamo un servizio analogo - spiega -: la specificità della Caritas è dovunque la stessa, quella di essere al servizio dell umanità, al di là delle differenze culturali e religiose». Anche Mariam, 19 anni, origini marocchine, nata in Sardegna, ha prestato servizio nello stesso Deposito: «Era da un po che desideravo fare volontariato: ho conosciuto la realtà Caritas tramite un amica: da ora in poi mi piacerebbe iniziare a collaborare con essa. Questo campo mi ha stupito per la sua ricchezza di diversità culturali e religiose e per l attenzione agli altri. Quando rientri a casa, dopo aver aiutato chi ha bisogno, ti senti meglio, è un esperienza che ti apre la mente». Henriette, originaria della Costa d Avorio, è arrivata a Cagliari da Tunisi, dove studia: «Conoscevo già la realtà Caritas, perché, in passato, ho fatto volontariato nella Caritas di Abidjan». Qui a Cagliari, è stata impegnata nella Casa per anziani Don Orione: «La cosa più bella è vedere gli ospiti sorridere, mi piacerebbe continuare a fare qualcosa di analogo con la Caritas Tunisia». Tra i presenti, anche i ragazzi appartenenti al gruppo del MEG (Movimento Eucaristico giovanile) nato nella Parrocchia Sant Eulalia in seguito al campo estivo 2013, e impegnati nel volontariato anche durante l anno. Francesco, 23 anni, ha prestato servizio nel Centro diurno Don Orione, che accoglie le persone malate di Alzheimer. «Hanno bisogno di essere ascoltate; il contatto diretto permette loro di non pensare alla muovere un impegno concreto in favore di chi vive situazioni di precarietà, far crescere accoglienza reciproca tra culture diverse. E abbiamo avuto la possibilità di collaborare con la Diocesi, con cui ci piacerebbe costruire anche eventuali percorsi successivi». Una settimana trascorsa nell attività di volontariato presso i servizi della Caritas diocesana e di altre realtà associative, tra cui la Comunità Papa Giovanni XXIII, il Centro Don Orione, le Suore Vincenziane, l Opera Buon Pastore, la Cooperativa PocoPoco; e momenti formativi promossi in collaborazione con le altre associazioni e gruppi ecclesiali, tra cui l Ufficio missionario, la Cooperativa Il Sicomoro, l Associazione Beata Suor Giuseppina Nicoli, l Associazione Pro.Me.Sa (Promozione del Mediterraneo e della Sardegna), l Associazione Oscar Romero, Operazione Africa Onlus, la Cooperativa Comunità di Sestu, la Polisportiva Olimpia Onlus, il CSV Sardegna Solidale, il Comitato Abbattiamolafame, l Associazione La Rosa Roja, i Missionari Comboniani, Domenicani e Saveriani. «Ci sono dei giovani in ricerca - spiega Padre Gianni Zampini, responsabile dei Padri Saveriani di Cagliari -, desiderosi di mettere in gioco la propria vita, rendendosi utili agli altri; perciò dobbiamo accompagnarli, insegnare loro che vale la pena donarsi, concepire la propria vita come missione, impegno, per sentirsi persone realizzate». malattia. È stata un esperienza che mi ha segnato profondamente, suscitando in me un attenzione maggiore verso la vita, in ogni suo aspetto». E c è anche chi ha prestato servizio accanto alle famiglie rom: «Abbiamo smistato ferro vecchio - racconta Filippo, 19 anni - : quest esperienza mi ha fatto capire che sono persone come noi; forse una comunità un po chiusa, ma che ha voglia di farsi conoscere. Grazie a loro ho imparato un nuovo mestiere». Anche Betta ha partecipato alla scorsa edizione del campo: «Da allora ho continuato ad aiutare nei magazzini Caritas, per lo smistamento dei viveri - racconta -: stare accanto a chi sta male, mi aiuta a vivere meglio, ad apprezzare quello che ho e ad andare avanti con maggiore serenità, nonostante i problemi». brevi POZZO DI SICHAR Corso di esercizi spirituali L Opera Esercizi Spirituali di Cagliari organizza da venerdì 12 settembre a venerdì 19 un corso di E s e r c i z i spirituali su: "L'uomo creato da Dio è un essere visitato - mai più solo!" tenuto da Marina Stremfelj del Centro Aletti di Roma. Gli esercizi si terranno al Pozzo di Sichar a Capitana in via dei Ginepri sul litorale di Quartu S. Elena. Per informazioni e adesioni contattare il numero IL 21 SETTEMBRE In edicola Avvenire Cagliari Mese Domenica 21 settembre, come ogni terza del mese, è prevista la pubblicazione di quattro pagine sul quotidiano Avvenire. È un esperienza comunicativa che la Diocesi di Cagliari ha intrapreso per dotarsi di uno strumento che, congiuntamente a Il Portico, contribuisce a riflettere più approfonditamente sui temi che stanno maggiormente a cuore e per i quali vale la pena utilizzare un ulteriore canale comunicativo.le modalità di ricezione della pubblicazione sono disponibili sul sito IL 17 E 18 SETTEMBRE Convegno pastorale diocesano Mercoledì 17 e giovedì 18 settembre è previsto, nell Aula magna del Seminario arcivescovile di Cagliari, l annuale convegno pastorale diocesano. E l occasione per presentare il piano pastorale predisposto per il dal vescovo e dai competenti uffici della Curia arcivescovile. L iniziativa si suddivide in due sessioni uguali e parallele previste nell arco della due giorni di lavori. Sarà presente il vescovo Arrigo Miglio e i direttori degli uffici diocesani, che illustreranno ai presenti una relazione che prende piede dagli orientamenti emersi nel convegno diocesano del clero che si è svolto nel mese di giugno. L appuntamento è pensato in modo particolare per i parroci, i sacerdoti, i religiosi e i diaconi. Ma sono invitati a partecipare anche tutti i laici che collaborano nelle parrocchie, nei movimenti e nelle associazioni, o fanno parte dei consigli pastorali.

14 14 IL PORTICO IL PORTICO DELLA DIOCESI DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 brevi MONSERRATO In festa per la Beata Vergine Maria Dieci giorni di festa per solennizzare la Beata Vergine a Monserrato. Fino al 10 settembre tra appuntamenti religiosi e festeggiamenti civili ogni sera la parrocchia di S a n t A m - brogio sarà al centro dell attenzione di monserratini e non,che ogni anno a settembre si r i t r o v a n o per solennizzare la festa più sentita dalla popolosa cittadina dell hinterland cagliaritano. Sarà anche la prima volta per don Marcello Lanero che dallo scorso 3 agosto è alla guida della storica comunità. DA OTTOBRE Corso di Scienze del matrimonio L Ufficio di Pastorale Familiare e l Istituto Superiore di Scienze Religiose hanno organizzato il VII Corso in Scienze del Matrimonio e della Famiglia per coppie e famiglie. Il corso partirà ad ottobre, le iscrizioni si ricevono dal lunedì al mercoledì, dalle 17 alle 19 a partire dal 22 settembre fino all 8 ottobre 2014, presso l Istituto Superiore di Scienze Religiose a Cagliari. La durata del corso è biennale, per tre ore di corso alla settimana e un totale di 200 ore, suddivise in due semestri. Per informazioni contattare i numeri Ambiente. Il primo settembre si è svolta la giornata proposta dalla Conferenza Episcopale. Educare alla custodia del creato per la salute dell intera società Il messaggio CEI: La fedeltà a Dio garantisce la reciproca fraternità e si fa ancora più dolce la bellezza del creato, in luminosa armonia con i viventi E FRANCO CAMBA DUCARE ALLA custodia del creato, per la salute dei nostri paesi e delle nostre città. È questo il tema della Giornata per la custodia del creato, che la Chiesa italiana, come ormai avviene da nove anni, ha celebrato il primo settembre. Un occasione per testimoniare l importanza che la Chiesa attribuisce al dono della creazione e per ricordare ai cristiani e a tutti gli uomini il compito che Dio ha affidato all umanità: custodire e coltivare la terra come un giardino. Il messaggio per la Giornata del creato, a firma congiunta dei Vescovi della Commissione per l ecumenismo e il dialogo interreligioso e della Commissione per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, si apre con una citazione del profeta Osea: Si spergiura, si dice il falso, si uccide, si ruba, si commette adulterio, tutto questo dilaga e si versa sangue su sangue. Per questo è in lutto il paese e chiunque vi abita langue, insieme con gli ani- mali selvatici e con gli uccelli del cielo; persino i pesci del mare periscono (Os 4,2-3). Poi i Vescovi proseguono così: Sembra scritta per i nostri tempi questa tremenda pagina di Osea. Raccoglie tante nostre dolorose analisi e ben descrive lo smarrimento che vivono molti territori inquinati in Italia e nel mondo. Se infatti viene spezzata l armonia creata dall alleanza con Dio, si spezza anche l armonia con la terra che langue, si diventa nemici versando sangue su sangue e il nostro cuore si chiude in paura reciproca, con falsità e violenza. Più avanti il messaggio sottolinea che l alleanza resta la categoria fondamentale della fede, come insegna tutto il cammino della Bibbia: la fedeltà a Dio garantisce la reciproca fraternità e si fa ancora più dolce la bellezza del creato, in luminosa armonia con tutti gli esseri viventi. Indirizzato alle comunità locali, il documento, con un apposito sussidio, fornisce anche la risposta a quesiti come: quali forme dovrà prendere un educazione alla custodia del creato, che sappia tutelare vita e salute negli ambiti di vita? In quali direzioni siamo chiamati ad affinare il nostro impegno? Attraverso le schede di approfondimento si indicano quat- tro prospettive per articolare quanto disegnato dal messaggio per la Giornata del creato. Da un lato viene esplorata la forza della parola biblica alleanza, nel suo rapporto con la pace (shalom), anche alla luce del Magistero recente. Dall altro vengono indicate alcune aree concrete nelle quali occorrono pratiche rinnovate di custodia del creato, quasi ad articolare la dimensione ambientale del bene comune. In questo modo quindi l attenzione si volge alle città, luoghi critici per la costruzione di un vissuto nel segno della salute e della sostenibilità. Particolare rilievo viene dato anche al tema della legalità, presidio essenziale per tutelare l ambiente e la vita delle persone. Nell approssimarsi dell EXPO, infine, il sussidio propone un intervento sulla sicurezza alimentare, nel duplice senso di cibo sicuro in quanto di qualità, ma anche di cibo assicurato all intera famiglia umana, un area problematica in cui si intrecciano i temi della custodia del creato e della giustizia. Il sussidio viene completato dai materiali per l approfondimento bibliografico, così come per la celebrazione liturgica di questo tempo del creato. Una varietà di strumenti - tutti reperibili nel sito internet - da valorizzare nel corso dell anno perché esso sia davvero occasione di una formazione pluridimensionale per comunità credenti, sempre più chiamate ad assumere in prima persona il ruolo di custodi del creato.

15 DOMENICA 27 LUGLIO 2014 IL PORTICO DELL ANIMA IL PORTICO 15 In memoria. Il ricordo di Mons. Giovanni Cadeddu recentemente scomparso. Don Cadeddu, un vero testimone della misericordia del Padre Apostolo del confessionale, appassionato della cultura sarda, un umile e sincero uomo di Dio DON MARCELLO LOI ERA SOLITO invitarci a cena, quando stava bene e il peso degli anni ancora non gli impediva di cucinare, apparecchiare e trascorrere con alcuni sacerdoti delle bellissime serate. Stava molto bene con i preti giovani, i quali nutrivano per lui una grande venerazione. Don Cadeddu è stato un uomo gioviale, amante della compagnia, capace di rallegrare con ricordi e battute tutti quei momenti nei quali ci si incontrava per chiacchierare e stare insieme. È stato viceparroco a Pula dal 52 al 59, dove, lo posso dire, è ricordato con grande affetto e molto amato; viceparroco a Villasor fino al 1960 e parroco a Ortacesus fino al Dal 1971 ha vissuto a Sinnai per motivi di salute. Ha celebrato con fedeltà tutti i giorni la S. Messa delle 8.30 e la Messa dei bambini, la domenica, fino a circa un anno fa. Da chierichetto mi piaceva servire la sua Messa, durante le vacanze estive. Era necessario aiutarlo perché, ogni vol- Monsignor Giovanni Cadeddu. ta, per salire e scendere il gradino della sacristia aveva bisogno di poggiarsi sul braccio. Facevamo a gara per prestare il braccio a don Cadeddu. È stato un Sinnaese doc, amante della cultura sinnaese, amatissimo dai sinnaesi per il suo tratto elegante e paterno. Anche nel sorriso lasciava trasparire la bellezza della misericordia di Dio. Per questo la fila al suo confessionale è stata una costante per tutti gli anni in cui ha esercitato il suo ministero, qui in parrocchia. Non esito a dire che a Sinnai la gente si confessa, perché ha goduto per più di trent anni della presenza di un confessore instancabile. Anche quando si è ritirato nella casa di riposo, ha continuato ad accogliere tutti, soprattutto per le confessioni. Dignitosissimo, sempre ordinato nel vestire, non si faceva mai mancare due cose: un candido fazzoletto profumato con qualche goccia di colonia, che tirava fuori dalla tasca e usava, fermato dal cingolo, solo ed esclusivamente per la celebrazione della Messa; metteva in bocca una mentina prima di recarsi al confessionale perché, mi diceva: noi sacerdoti dobbiamo parlare con tanta gente e dobbiamo presentarci sempre apposto. Era appassionatissimo della cultura sarda e in modo particola- re dell idioma sardo. Ci teneva tantissimo, a sostenere che il sardo non è un dialetto ma una lingua neolatina. Molti autori in lingua sarda facevano riferimento a lui prima di pubblicare le loro opere. Parlava un sardo forbito, elegante, ricercato nella terminologia. Le sue omelie in lingua sarda le ricordiamo tutti con grande affetto. Ho avuto la gioia di poterlo incontrare, per anni, almeno una volta la settimana. Ho sempre trovato in lui un esempio autentico di vita sacerdotale e di amore a Gesù Cristo e alla Chiesa. Aveva una grande devozione per la Madonna e per il Sacratissimo Cuore di Gesù. A lui ho potuto raccontare le mie pene e le mie gioie. A lui ho confessato i miei peccati. Da lui ho ricevuto grande consolazione e sprone per camminare senza stancarmi nella vocazione. Ho ascoltato le sue confessioni, inizialmente con un po di imbarazzo. Ricordo che la prima volta che mi chiese di confessarlo, ero prete da un giorno. Non comprendevo che per me sarebbe stata una grande grazia. Come hanno titolato i giornali. Se n è andato un pezzo di Sinnai. Aggiungo: è tornato in paradiso un prete buono che ha donato se stesso per la Chiesa, a tempo pieno. Ha ascoltato l ultima confessione del suo ultimo penitente, qualche ora prima che tornasse al Padre, per godere in eterno della sua infinita misericordia. La Pasqua della Madonna in Cattedrale Foto Elio Piras Alcuni momenti della Solennità dell Assunta in Cattedrale: la celebrazione della Veglia, la venerazione del simulacro e della Sacra Spina. detto tra noi Doveroso plauso a Maria Bonaria Floris di D. TORE RUGGIU Domenica 24 agosto, a Villanovatuolo, presenti le autorità civili e religiose e un numeroso gruppo di villanovesi, la professoressa M. Bonaria Floris, originaria da parte materna di Villanovatuolo, ha presentato la sua ultima pubblicazione che ha per oggetto uno degli antichi libri dei morti della parrocchia di Villanovatuolo e, precisamente, quello che si riferisce al periodo , quando il paese contava appena 300 abitanti. Gente povera, ha sottolineato l'autrice, ma tosta che non si arrendeva davanti alle malattie, alla miseria causata anche dalle tasse e balzelli che imposti di governanti dell'epoca e ai prevedibili problemi legati all'isolamento. All'inizio il parroco, Don Angelo Cardia, ha rivolto ai presenti un cordiale saluto, seguito dal Sindaco Dott. Pino Loddo che ha evidenziato l'orgoglio di tutto il paese per i suoi paesani che, nei diversi campi, mostrano di avere talento. Ha, quindi, incoraggiato la professoressa a continuare la sua ricerca e il suo lavoro certosino. M. Bonaria, con un brillante intervento, ha presentato con gioia e orgoglio il frutto del suo lavoro, sottolineando come premessa, l'importanza della storia, soprattutto quella delle origini di un paese. Ha poi rivelato che, sorprendentemente, ha trovato nei registri dei defunti una grande quantità e varietà di notizie che i Curati pazientemente annotavano: causa della morte, disposizioni per i funerali, i lasciti per la Chiesa con tanto di citazione del notaio e tantissimi altri particolari che hanno consentito di mettere in luce uno scorcio di storia di un tempo lontano, ma utile anche per capire il presente. I villanovesi non hanno potuto non apprezzare la serietà dello studio archivistico, la fatica di mettere in luce uno spazio di tempo per esprimere tangibilmente il profondo legame che mi unisce ad un luogo e ad una comunità che mi appartengono geneticamente. Ha concluso Mons. Ruggiu, nativo di Villanovatulo che, oltre a ringraziare l'amica M. Bonaria, il sindaco, il parroco e tutti i presenti, ha voluto lasciare un pensiero sull'importanza della memoria storica, citando tre proverbi: la memoria è un diario che uno porta sempre con se; la memoria è il salvadanaio dello spirito; la memoria è il setaccio: il piccolo cade e il grosso resta. Grazie, mia carissima amica M. Bonaria, è stato per tutti noi un momento anche di grande commozione. Aspettiamo la prossima pubblicazione, orgogliosi del nostro paese, guardando al passato e al presente per contribuire a un futuro migliore.

16 16 IL PORTICO IL PORTICO DI PAPA FRANCESCO DOMENICA 7 SETTEMBRE 2014 Il Santo Padre. Il discorso tenuto in Corea con i leader dell apostolato dei laici. Essere lievito del Vangelo dentro la vita di ogni giorno curiosità S E T T I M A N A L E D I O C E S A N O D I C A G L I A R I Registrazione Tribunale Cagliari n. 13 del 13 aprile 2004 Direttore responsabile Roberto Piredda Editore Associazione culturale Il Portico via Mons. Cogoni, 9 Cagliari Oggi, come sempre, la Chiesa ha bisogno di una testimonianza credibile dei laici alla verità salvifica del Vangelo, al suo potere di purificare e trasformare il cuore umano, e alla sua fecondità nell edificare la famiglia umana in unità, giustizia e pace. Sappiamo che vi è un unica missione della Chiesa di Dio, e che ogni cristiano battezzato ha un ruolo vitale in questa missione. I vostri doni di laici, uomini e donne, sono molteplici e vario è il vostro apostolato, e tutto ciò che fate è destinato alla promozione della missione della Chiesa, assicurando che l ordine temporale sia permeato e perfezionato dallo Spirito di Cristo e ordinato alla venuta del suo Regno. In modo particolare, desidero riconoscere l opera delle molte associazioni direttamente coinvolte nell andare incontro ai poveri e ai bisognosi. Come dimostra l esempio dei primi cristiani coreani, la fecondità della fede si esprime in solidarietà concreta nei confronti dei nostri fratelli e sorelle, senza alcun riguardo alla loro cultura e allo stato sociale, perché in Cristo «non c è greco o giudeo» (Gal 3,28). Sono profondamente grato a quanti di voi, con il lavoro e con la testimonianza, portano la consolante presenza del Signore alla gente che vive nelle periferie della nostra società. Questa attività non si esaurisce con l assistenza caritativa, ma deve estendersi anche ad un impegno per la crescita umana. Non solo l assistenza, ma anche INDUSTRIA GRAFICA GRAFICHE GHIANI dal 1981 stampatori in Sardegna lo sviluppo della persona. Assistere i poveri è cosa buona e necessaria, ma non è sufficiente. Vi incoraggio a moltiplicare i vostri sforzi nell ambito della promozione umana, cosicché ogni uomo e ogni donna possa conoscere la gioia che deriva dalla dignità di guadagnare il pane quotidiano, sostenendo così le proprie famiglie. Ecco, questa dignità, in questo momento, è minacciata da questa cultura del denaro, che lascia senza lavoro tante persone Noi possiamo dire: Padre, noi diamo loro da mangiare. Ma non è sufficiente! Colui e colei che sono senza lavoro devono sentire nel loro cuore la dignità di portare il pane a casa, di guadagnarsi il pane! Affido questo impegno a voi. Desidero inoltre riconoscere il prezioso contributo offerto dalle donne cattoliche coreane alla vita e alla missione della Chiesa in questo Paese, come madri di famiglia, catechiste e insegnanti e in altri svariati modi. Allo stesso modo, non (r.a.) posso non sottolineare l importanza della testimonianza data dalle famiglie cristiane. In un epoca di crisi della vita familiare - lo sappiamo tutti - le nostre comunità cristiane sono chiamate a sostenere le coppie sposate e le famiglie nell adempiere la loro missione nella vita della Chiesa e della società. La famiglia rimane l unità basilare della società e la prima scuola nella quale i bambini im- Oggi parliamo di arte e fede La parrocchia di Maracalgonis (Terenzio Puddu) Domenica 7 settembre ore Lunedì 8 settembre ore 8.30 Cantantibus organis Ascolto guidato alle interpretazioni organistiche bachiane di Marie-Claire Alain (a cura di Andrea Sarigu) Domenica 7 settembre ore Oggi parliamo di comunicazione La comunicazione virale Martedì 9 settembre ore Mercoledì 10 settembre ore 8.30 L ora di Nicodemo Bibbia e Liturgia Mercoledì 10 settembre Oggi parliamo con Don Emanuele Mameli Direttore Ufficio Catechistico Mercoledì 10 settembre Giovedì 11 settembre ore parano i valori umani, spirituali e morali che li rendono capaci di essere dei fari di bontà, di integrità e di giustizia nelle nostre comunità. Cari amici, qualunque sia il contributo particolare che date alla missione della Chiesa, vi chiedo di continuare a promuovere nelle vostre comunità una formazione più completa dei fedeli laici, mediante una catechesi permanente e la direzione spirituale. In tutto ciò che fate, vi chiedo di agire in completa armonia di mente e di cuore con i vostri pastori, cercando di porre le vostre intuizioni, i talenti e i carismi al servizio della crescita della Chiesa nell unità e nello spirito missionario. Il vostro contributo è essenziale, poiché il futuro della Chiesa in Corea, come in tutta l Asia, dipenderà in larga parte dallo sviluppo di una visione ecclesiologica fondata su una spiritualità di comunione, di partecipazione e di condivisione dei doni (cfr Ecclesia in Asia, 45). 16 agosto 2014 In onda su Radio Kalaritana Frequenze in FM: 95,000-97,500-99, , ,000 L udienza La catechesi di Papa Francesco Il giovedì ore circa Lampada ai miei passi (15-21 settembre) Commento al Vangelo quotidiano a cura di don Giuseppe Tilocca Dal lunedì al venerdì 5.00 / 6.48 / Sabato 5.00 / 6.48 / (21.00 vangelo domenicale) Domenica 5.00 / 7.30 / Oggi è già domani Nel cuore della notte con lo sguardo verso il nuovo giorno (A cura di don Giulio Madeddu) Al termine sarà possibile ascoltare le cantate Sacre di Bach. Ogni giorno alle circa Nomine nel Clero Monsignor Arrigo Miglio, arcivescovo di Cagliari, comunica le seguenti nomine: Don Elenio Abis riprende gli studi a Roma in vista del servizio presso la Santa Sede; gli succederà, quale parroco di S. Pietro Ap. in Settimo San Pietro, don Giuseppe Orrù, attualmente parroco di Siliqua. Don Simone Scalas è nominato vicario parrocchiale della parrocchia S. Antonio Abate in Decimomannu a partire dal 1 settembre Don Eugenio Cocco è nominato parroco di N.S. di Monserrato in Samassi Segreteria e Ufficio abbonamenti Natalina Abis- Tel. 070/ Segreteria telefonica attiva 24h- su 24h Fotografie Archivio Il Portico, Elio Piras Amministrazione via Mons. Cogoni, 9 Cagliari Tel.-fax 070/ (Lun. - Mar ) Pubblicità: Stampa Grafiche Ghiani - Monastir (CA) Redazione: Francesco Aresu, Federica Bande, Maria Chiara Cugusi, Fabio Figus, Maria Luisa Secchi. Roberto Comparetti Hanno collaborato a questo numero: Tore Ruggiu, Michele Antonio Corona, Valeria Usala, Maria Grazia Pau, Fadi Sotgiu Rahi, Maria Stella Leone, Francesco Piludu, Maria Letizia Muratore, Franco Camba, Marcello Loi. Per l invio di materiale scritto e fotografico e per qualsiasi comunicazione fare riferimento all indirizzo L Editore garantisce la massima riservatezza dei dati forniti dagli abbonati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica o la cancellazione scrivendo a Associazione culturale Il Portico, via mons. Cogoni, Cagliari. Le informazioni custodite nell archivio elettronico verranno utilizzate al solo scopo di inviare agli abbonati la testata (L. 193/03). Abbònati a Il Portico 48 numeri a soli 30 euro 1. conto corrente postale Versamento sul CONTO CORRENTE POSTALE n intestato a: Associazione culturale Il Portico - via Mons. Cogoni, Cagliari. 2. bonifico bancario Versamento sul CONTO CORRENTE BANCARIO n intestato a: Associazione culturale Il Portico via Mons. Cogoni, Cagliari presso Banca Prossima Sede di Milano, IBAN IT 39 U L abbonamento verrà immediatamente attivato Inviando tramite fax la ricevuta di pagamento allo indicando chiaramente nome, cognome, indirizzo, cap, città, provincia, telefono, l abbonamento sarà attivato più velocemente. QUESTO SETTIMANALE È ISCRITTO ALLA FISC FEDERAZIONE ITALIANA SETTIMANALI CATTOLICI

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

<>

<<CORAGGIO, SONO IO>> Quaderno delle settimane 2014-2015 Il progetto Formativo ci presenta le settimane come una modalità in cui missione e formazione si intrecciano e si arricchiscono reciprocamente (PF

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi Carissimi parrocchiani, a distanza di due anni dall elaborazione del Piano

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

L abc dell ACR.e non solo

L abc dell ACR.e non solo AZIONE CATTOLICA ITALIANA PARROCCHIA SANT IPPOLISTO M. L abc dell ACR.e non solo SCUOLA per EDUCATORI ACR Direi che essere educatori significa avere una gioia nel cuore e comunicarla a tutti per rendere

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 Da discepoli a testimoni. La Parabola di Pietro. Il tema vuole mettere in luce quel discernimento che ha visto divenire Pietro da un semplice discepolo ad un testimone

Dettagli

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch Una delle persone più straordinarie che ho conosciuto in questi ultimi anni è sicuramente Claudia Koll. Attrice di successo, affianca attualmente

Dettagli

"Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale

Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale "Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale Uno dei catechismi più invidiati nel mondo redatto da una delle

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010 SAN GIUSTO MARTIRE Omelia +Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo di Trieste 3 novembre 2010 Distinte Autorità civili e militari, fratelli e sorelle, bratije in sestre, 1. La Chiesa di Trieste onora e

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

INCONTRO DI FORMAZIONE NUOVI DIRETTORI DIOCESANI DELLA PASTORALE MISSIONARIA (Centri Missionari Diocesani e Pontificie Opere Missionarie) Roma, 16 18 18 giugno 2009 Dal Vangelo secondo Matteo (28,19-20)

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti Il Vescovo di Crema Alla Comunità Cristiana che è in Casaletto Vaprio, al parroco, don Achille Viviani, ai membri del consiglio pastorale, alle catechiste, ai diversi gruppi impegnati. Sono passate alcune

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

Vangelo senza confini

Vangelo senza confini Diocesi di Bergamo Centro Missionario Diocesano Ottobre Missionario 2009 Rosario Missionario Vangelo senza confini Nel nome del Padre. Con Maria percorriamo le strade del mondo; come Maria portiamo Gesù;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA. TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo

NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA. TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo Che sia urgente 1 evangelizzazione ad ogni uomo che è sulla terra,

Dettagli